La Riforma dell Università

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Riforma dell Università"

Transcript

1 La Riforma dell Università Legge n. 240 del Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza del sistema universitario In vigore dal

2 PRINCIPI (art. 1) Comma 2: Richiama titolo V parte II Cost. che NON parla di Università ma di ISTRUZIONE (ruolo Regioni??); Università virtuose possono sperimentare in deroga (anche policentriche); Serve D.M. per criteri; O.d.g. G

3 RETTORE RAPPRESENTANTE LEGALE dell università; MODALITA DI ELEZIONE (disciplinata dallo Statuto): Tra i professori ordinari in servizio presso le università italiane; (l eventuale eletto di altra sede ha concomitante trasferimento nell organico dei professori della nuova sede); Unico mandato di 6 anni, non rinnovabile. (art. 2 c.1 - b,c) FUNZIONI di: Indirizzo, iniziativa e coordinamento delle attività didattico-scientifiche; Responsabilità del perseguimento delle finalità dell Università; Proposta del: documento di programmazione triennale, bilancio di previsione e conto consuntivo, Direttore generale; Iniziativa sui procedimenti disciplinari. 3

4 SENATO ACCADEMICO (art. 2 c.1 - e) Formula proposte e pareri obbligatori in materia di didattica, ricerca e servizi agli studenti, documento di programmazione triennale, attivazione, modifica o soppressione di corsi, sedi, dipartimenti, strutture di raccordo e parere obbligatorio su bilancio di previsione e conto consuntivo; Approva: regolamento di Ateneo e, previo parere favorevole del CdA: regolamenti delle strutture e in materia di didattica e di ricerca; codice etico. Funzioni di coordinamento con dipartimenti e strutture di raccordo; Propone al corpo elettorale con maggioranza di almeno 2/3 una mozione di sfiducia al rettore (non prima di due anni dall inizio del suo mandato); Costituzione su base elettiva; non più di 35 componenti (compresi rettore e studenti) di cui almeno 2/3 di docenti di ruolo, 1/3 dei quali direttori di dipartimento (in rappresentanza aree scientifico-disciplinari); Durata in carica per un massimo di 4 anni e rinnovabilità del mandato per una sola volta. 4

5 FUNZIONI di: CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (art. 2 c.1 lett. i-m) indirizzo strategico, approvazione della programmazione finanziaria e del personale, vigilanza sulla sostenibilità finanziaria delle attività; COMPETENTE a DELIBERARE - previo parere del senato accademico - su: attivazione o soppressione di corsi e sedi; adozione del regolamento di amministrazione e contabilità, bilancio di previsione, conto consuntivo e documento di programmazione triennale; incarico di direttore generale; Competenza DISCIPLINARE sui professori e ricercatori; Approva la PROPOSTA DI CHIAMATA del dipartimento di professori e ricercatori a tempo determinato; 5

6 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE: n massimo di 11 componenti, inclusi il Rettore ed una rappresentanza elettiva degli studenti; Designazione o scelta (statuto) di candidature: tra personalità italiane o straniere con comprovata competenza in campo gestionale ovvero dotate di un esperienza professionale di alto livello (qualificazione scientifica e culturale); mimino 3 consiglieri (o n. 2 se CdA composto da meno di 11 membri) non appartenenti ai ruoli dell ateneo (dai tre anni precedenti alla designazione e per tutta la durata dell incarico) Previsione che il PRESIDENTE del CdA sia il rettore o uno dei predetti consiglieri esterni ai ruoli dell ateneo; Possibilità di RINNOVO non contestuale dei diversi componenti; Previsione nella nomina del rispetto, da parte di ciascuna componente, delle PARI OPPORTUNITA tra uomini e donne nell accesso a uffici pubblici; DURATA in carica per un massimo di 4 anni; durata quadriennale del mandato (eccetto per i rappresentanti degli studenti) e rinnovabilità per 1 sola volta. 6

7 REVISORI E NUCLEO DI VALUTAZIONE (art. 2 c.1 lett. p,q ) COLLEGIO DEI REVISORI : 5 1 tra Magistrati / avvocati dello Stato MEF, MIUR (dirigenti/funzionari) NUCLEO DI VALUTAZIONE: prevalenza esterni; studente (c.2 lett.h ); verifica attività ricerca dei Dipartimenti; verifica contratti didattica; valutazione strutture e personale L. 150/2009; incompatibilità con Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione (esclusi i Direttori di Dipartimento in SA); CdA scuole di specialità (??) (c.1 lett. s) 7

8 DIPARTIMENTI (art. 2 c.2 - b, g) FUNZIONI finalizzate alla ricerca scientifica, alle ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE, nonché attività rivolte all esterno ad esse correlate o accessorie; NUMERO di professori e ricercatori a tempo determinato non inferiore a 35; Istituzione di una COMMISSIONE PARITETICA docenti-studenti competente a: svolgere attività di monitoraggio dell offerta formativa e della qualità della didattica e dell attività di servizio agli studenti; individuare indicatori per la valutazione dei risultati; formulare pareri sull attivazione e la soppressione di corsi di studio. 8

9 STRUTTURE DI RACCORDO TRA DIPARTIMENTI (art. 2 c.2 - c) FUNZIONI di coordinamento e razionalizzazione di attività didattiche, proposta di attivazione o soppressione corsi di studio, gestione servizi comuni; in presenza di funzioni assistenziali: anche compiti di garanzia delle inscindibilità delle stesse con didattica e ricerca; ORGANO DELIBERANTE composto da: direttori dei dipartimenti in esse raggruppati, rappresentanza elettiva degli studenti, docenti scelti (non più del 10% dei componenti dei consigli dei dipartimenti stessi) tra i componenti delle giunte, ovvero tra i coordinatori di corsi di studio o di dottorato ovvero tra i responsabili delle attività assistenziali di competenza della struttura; PRESIDENTE: professore ordinario eletto o nominato (norma statutaria) con durata triennale della carica e rinnovabilità per una sola volta; Partecipazione all organo senza compensi, emolumenti, indennità o rimborsi spese; Presenza rappresentanza studenti. 9 Istituzione di una COMMISSIONE PARITETICA docenti-studenti (come nel dip)

10 CODICE ETICO (art. 2 c.4) Entro 180 gg.; Violazioni al Senato Accademico; Obbligo previsione sanzioni (art. 2 comma 2 lett. m) COMMISSIONE STATUTO (art. 2 c.5) 15 MEMBRI: Rettore + 2 studenti + 6 nominati dal CdA + 6 nominati da SA; Non componenti di SA e CdA; Elettorato passivo (art. 2 c. 11) solo se si può completare il mandato 10

11 FEDERAZIONI E FUSIONI (art. 3) anche per singoli settori, anche per ITS (commi 1 e 2); mobilità volontaria; mobilità d ufficio con incentivi (comma 5); mobilità anche per chiusura Corsi/Facoltà/Sedi (comma 6) 11

12 FONDO PER IL MERITO (art. 4) (per gli studenti) Comma 3: non c è limite temporale per D.M. attuativo; restituzione parziale salvo laurea in tempo e con massimo dei voti; Comma 3 lett. o): 10% borse a residenti in Regione (costituzionalità?); Comma 10: Oneri deducibili per privati che versano. 12

13 DELEGA PER QUALITA ED EFFICIENZA (art. 5) OBIETTIVI (comma 1): a) Valorizzazione qualità ed efficienza, sistema premiale, accreditamento; b) Revisione sistema contabilità, commissariamento per dissesto; c) Valutazione ex-post del reclutamento (ANVUR); d) DSU: introduzione LEP (Livelli Essenziali Prestazioni). 13

14 DELEGA PER QUALITA ED EFFICIENZA (art. 5) PRINCIPI E CRITERI DIRETTIVI: per obiettivo a) (comma 3): Accreditamento sedi e corsi; Valutazione periodica ANVUR; Assicurazione qualità europea; Incentivi su FFO (criteri ex-ante); Revisione stipendio ricercatori NC/ TI (11 M /2011 art. 29 c.22) 14

15 DELEGA PER QUALITA ED EFFICIENZA (art. 5) PRINCIPI E CRITERI DIRETTIVI: per obiettivo b) (comma 4): Bilancio unico e contabilità economico patrimoniale ed analitica; Tesoreria unica NON per i Dipartimenti; Piano triennale per riequilibrio personale; Max per indebitamento e AF personale; Costi standard formazione; Dissesto e commissariamento. 15

16 DELEGA PER QUALITA ED EFFICIENZA (art. 5) PRINCIPI E CRITERI DIRETTIVI: per obiettivo c) (comma 5): Quota 10 % su FFO per valutazione politiche reclutamento: Produzione scientifica; % Ricercatori a tempo determinato esterni % Professori reclutati esterni % Professori responsabili progetti internazionali % Professori stranieri 16

17 DELEGA PER QUALITA ED EFFICIENZA (art. 5) PRINCIPI E CRITERI DIRETTIVI: per obiettivo d) (comma 6): Definizione LEP; Definizione tipologie residenze studenti comma 8: Tutti i Decreti Ministeriali dell art. 5, non potendosi determinare gli effetti finanziari, saranno emanati SOLO DOPO i provvedimenti di copertura. 17

18 STATO GIURIDICO PROFESSORI E RICERCATORI DI RUOLO (art.6) QUANTIFICAZIONE per rendicontazione di progetti di ricerca: REGOLAMENTI DI ATENEO per definire h per professori e ricercatori a tempo pieno 750 h per professori e ricercatori a tempo definito criteri e modalità per attività di ricerca, didattica, orientamento e tutorato; Criteri per retribuzione aggiuntiva dei ricercatori per affidamenti; Modalità per autocertificazione e verifica svolgimento attività didattica e ricerca e differenziazione dei compiti in relazione alle aree scientifico-disciplinari valutazione dell Univ. su criteri ANVUR (per ricerca); COMPITI DIDATTICI e di servizio agli studenti: almeno 350 h. (t.p) 250 h. (t.def.) fino a max 350 h. (t.p) 200 h. (t.def.) PROF. 120 h??? RIC. + titolo di prof. aggregato (per tutto l anno 18 di riferimento)

19 STATO GIURIDICO PROFESSORI E RICERCATORI DI RUOLO INCOMPATIBILITA per il prof. e ric. con esercizio commercio e Industria (eccetto spin off e start up univ.) TEMPO PIENO: Incompatibile con esercizio di attività libero-prof.le; Svolgimento libero, anche con retribuzione, di attività di: Valutazione e referaggio, lezioni e seminari occasionali, collaborazioni scientifiche e consulenza; Comunicazione e divulgazione scientifica e culturale, attività pubblicistiche ed editoriali. Previa autorizzazione del Rettore: Funzioni didattiche e di ricerca; Compiti istituzionali e gestionali non subordinati c/o enti pubblici e privati senza scopo di lucro a condizione di No conflitto di interessi con l Univ. No detrimento dell attività didattica scientifica e gestionale affidate dall Univ. 19

20 STATO GIURIDICO PROFESSORI E RICERCATORI DI RUOLO Il TEMPO DEFINITO è incompatibile con le cariche accademiche; lo Statuto ne disciplina le incompatibilità. OPZIONE REGIME DI IMPEGNO obbligo al mantenimento per almeno 1 anno accademico Obbligo di RELAZIONE triennale anche al fine degli scatti triennali (c. 14) Se la valutazione è negativa: Esclusione dalle commissioni di abilitazione, selezione e progressione di carriera e dagli organi di valutazione dei programmi di ricerca L attività didattica e di ricerca per prof. e ric. a tempo pieno presso altro Ateneo è regolata da Convenzione per obiettivi di comune interesse (impegno, oneri stipendiali, valutazione) Fino a 5 anni impegno totalmente presso il 2 Ateneo. Con DM: criteri per le convenzioni (120 gg) 20

21 STATO GIURIDICO PROFESSORI E RICERCATORI DI RUOLO FACOLTA DI MEDICINA Schema tipo delle CONVENZIONI fra Università e Regioni per i rapporti in materia di attività sanitarie svolte dalle strutture cliniche e di ricerca traslazionale nei corsi di laurea di area sanitaria per conto del Servizio Sanitario Nazionale; Emanato dal Ministro di concerto con il Ministero della Salute e la Conferenza Stato-Regioni (entro 120 gg. dalla data di entrata in vigore della legge). 21

22 MOBILITA PROFESSORI E RICERCATORI (art. 7) COLLOCAMENTO IN ASPETTATIVA presso enti pubblici o privati (c.1); Incentivi per presa servizio fuori Regione anche con scambio contestuale (senza bandi!) REVISIONE STIPENDI (art. 8) A. Concorsi vecchie regole: Progressione ogni 3 anni; B. Concorsi nuove regole: Abolito straordinario e conferma; Abolite ricostruzioni di carriera; Rivalutato stipendio iniziale; Possibilità opzione nuovo regime. 22

23 FONDO PREMIALITA (art. 9) Per Professori e Ricercatori (anche con fondi pubblici); Anche Personale Tecnico-Amministrativo (solo con fondi esterni). DISCIPLINA (art. 10) Collegio di Disciplina: Composto solo da Professori e Ricercatori a Tempo Indeterminato tutti a tempo pieno; Rettore propone Collegio esprime parere vincolante CdA sanziona o archivia in 30 gg. 23

24 FONDI PEREQUATIVI (art. 11) dal 2011; Per Università con sottofinanziamento > 5%; Quota almeno 1,5% FFO (circa 100 M ). FONDO PREMIALE PER LA QUALITA (art. 13) Il fondo cresce dello 0,5 fino al 2% all anno. RICONOSCIMENTO CREDITI FORMATIVI (art. 14) Non più max 60 CFU ma max 12 CFU; Escluse forme collettive. 24

25 SETTORI E SSD (art. 15) Entro 60 gg. DM per definizione dei settori; I settori sono raggruppati in macrosettori; Ogni settore può avere SSD utili SOLO per concorsi ed ordinamenti; In prima applicazione SSD con minimo 50 professori ordinari; a regime: mimino 30 professori ordinari. 25

26 ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE (art. 16) REQUISITO NECESSARIO per l accesso alla 1 e 2 fascia dei professori, di durata quadriennale. GIUDIZIO su titoli e pubblicazioni scientifiche (entro 90 gg regolamento del Ministro di concerto con il Ministro dell Economia e con il Ministro per la PA). IN CASO DI MANCATO CONSEGUIMENTO dell ABILITAZIONE: divieto di partecipare alle procedure indette nel biennio successivo per la stessa abilitazione o per l abilitazione alla funzione superiore. INDIZIONE ANNUALE per settore concorsuale e conclusione entro 5 mesi. COMMISSIONE NAZIONALE di durata biennale, unica per la 1 e la 2 fascia, per ciascun settore concorsuale, composta da 4 ordinari sorteggiati all interno di una lista di docenti che hanno richiesto di esservi inclusi (previa valutazione attività scientifica dell ultimo quinquennio) e da un commissario sorteggiato all interno di una lista curata dall ANVUR, di studiosi e di esperti di pari livello in servizio presso università di paesi aderenti all OCSE. DIVIETO: che più professori dello stesso Ateneo facciano parte di 1 commissione. di partecipare a più commissioni contemporaneamente o ad altre commissioni per tre anni dalla conclusione del mandato. 26

27 CHIAMATA DEI PROFESSORI (art. 18) PROCEDURA DI CHIAMATA DIRETTA indetta dall Ateneo, nell ambito delle disponibilità di bilancio o di convenzioni quindicennali e sulla base della programmazione triennale e del piano di riequilibrio dei rapporti di consistenza del personale (art. 5 comma 4 d) Pubblicità sul sito Ateneo MIUR - UE. Sostenibilità nel tempo degli ONERI STIPENDIALI assicurata dalla programmazione. Vincolo delle risorse corrispondenti a 1/5 dei posti della programmazione per il reclutamento dei professori, alla chiamata di soggetti che negli ultimi 3 anni non hanno avuto rapporti con l Ateneo (comma 4). Possono partecipare: 1. studiosi che abbiano acquisito l abilitazione per lo stesso settore concorsuale e per le stesse funzioni o per funzioni superiori; 2. studiosi in possesso dell idoneità ai sensi della legge 210/98 (art. 29 c. 8); 3. professori di 1 e 2 fascia già in servizio alla data di entrata in vigore della legge (risp. per le chiamate di 1 e 2 fascia) (sostituisce il trasferimento?); 4. studiosi stabilmente impegnati all estero in attività di ricerca o di insegnamento a livello universitario in posizioni di livello pari a quelle oggetto del bando, sulla base di tabelle di corrispondenza definite dal ministro. 27

28 CHIAMATA DEI PROFESSORI (art. 18) VALUTAZIONE degli studiosi sulle pubblicazioni scientifiche, curriculum e attività didattica (chi valuta?); ESCLUSI parenti e affini fino al 4 grado compreso di: professori appartenenti al dipartimento che effettua la chiamata, Rettore, Direttore Generale, componente del Consiglio di Amministrazione (anche in relazione al conferimento di assegni di ricerca, di contratti di ricercatore a tempo determinato e di altri contratti erogati dall Ateneo). PROPOSTA DI CHIAMATA formulata dal Dipartimento ed approvata dal Consiglio di Amministrazione. 28

29 DOTTORATO DI RICERCA (art.19) Dott. Ric. o Ph. D. ISTITUZIONE dei corsi previo accreditamento da parte del Miur (D.M. su proposta ANVUR); Soppressione del vincolo di riservare borse di studio almeno alla metà dei dottorandi (efficacia dopo D.M.) Possibilità di frequenza congiunta di scuola di specializzazione e dottorato (durata minima 2 anni) Il pubblico dipendente può ottenere congedo per studio compatibilmente con le esigenze dell amministrazione ; Esclusi dal congedo straordinario (anche senza assegni) i pubblici dipendenti già dottori di ricerca (o iscritti per almeno 1 anno). 29

30 VALUTAZIONE PROGETTI di RICERCA (art. 20) Principio valutazione tra pari; Almeno 1/3 studiosi all estero; Fondi Ministero della Salute e FIRST; Maggioranza membri < 40 anni per fondi destinati a < di 40 anni. COMITATO NAZIONALE GARANTI RICERCA (art. 21) Subentra a garanti FIRB e PRIN; 7 studiosi (almeno 2 donne / uomini) nominati da Ministro; Durata: 3 anni; In prima applicazione 2 membri durano solo 2 anni 30

31 ASSEGNI DI RICERCA (art. 22) Possono essere conferiti da Università e da Enti pubblici/istituzioni di ricerca, con IMPORTO MINIMO fissato con Decreto Ministeriale; Pubblicità dei BANDI su Siti di Ateneo, Ministero, UE con specifiche informazioni; REQUISITI: studiosi con curriculum scientifico-professionale idoneo; dottorato o titolo estero equivalente o specializzazione medica corredato di adeguata produzione scientifica (possibilità; diversamente costituiscono titoli preferenziali). DURATA da 1 a 3 anni, rinnovabili, non cumulabili con borse di studio; durata complessiva (compresi i rinnovi) comunque non superiore ai 4 anni; durata complessiva degli assegni e dei contratti da ricercatore a tempo determinato non superiore a 12 anni (esclusa maternità e malattia); REGOLAMENTO di Ateneo per disciplinare diverse modalità: unico bando per aree scientifiche di interesse dell Università su progetti dei candidati (unica Commissione) e graduatoria; bandi su specifici programmi di ricerca dotati di propri finanziamenti; possibilità di riserva a studiosi con dottorato all estero o a stranieri con dottorato in Italia. 31

32 CONTRATTI DI INSEGNAMENTO (art. 23) A. (comma 1) Contratti con esperti di alta qualificazione e curriculum scientificoprofessionale (lavoratori dipendenti, autonomi con reddito non < lordi, pensionati). Se il contratto è gratuito: solo con dipendenti e autonomi. A Titolo gratuito, oneroso o con convenzioni (con enti pubblici e istituzioni di ricerca di cui all art. 8 del DPCM 593/93); Durata annuale, rinnovabili per un periodo massimo di cinque anni; Contratti gratuiti, eccetto quelli stipulati nell ambito di convenzioni con enti pubblici, non > 5% dell organico di professori e ricercatori di ruolo (c.1) 32

33 C. (comma 3) CONTRATTI DI INSEGNAMENTO (art. 23) B. (comma 2) Contratti per specifiche esigenze didattiche, anche integrative, solo a titolo oneroso, con adeguati requisiti scientifici e professionali (c.2) Titolo preferenziale: dottorato di ricerca, specializzazione medica, abilitazione scientifica. Procedure di valutazione comparativa dei candidati disciplinate con Regolamento di Ateneo; Trattamento economico determinato con Decreto del Ministro di concerto con il M.E.F entro 3 mesi. Al fine di favorire l internazionalizzazione: contratti con docenti, studiosi o professionisti stranieri di chiara fama, su proposta del Rettore al Consiglio di Amministrazione, previo parere del Senato Accademico (compenso stabilito dal C.di A. sulla base di un adeguato confronto con incarichi simili attribuiti da altre università europee ) (c.3). 33

34 RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (art. 24) CONTRATTI DI LAVORO SUBORDINATO per attività di ricerca, di didattica, di didattica integrativa e di servizio agli studenti. ATTRIBUITI in relazione alla programmazione triennale e al piano di riequilibrio dei rapporti di consistenza del personale, previa selezione pubblica: - valutazione preliminare dei candidati (D.M.) (da parte di chi?); - discussione pubblica con la commissione dei titoli e della produzione scientifica; - attribuzione di un punteggio ai titoli e a ciascuna delle pubblicazioni dei candidati ammessi alla discussione (si formula una graduatoria?). proposta di chiamata formulata dal Dipartimento e approvata dal Consiglio di Amministrazione (si ricorre alla graduatoria?) DUE TIPOLOGIE di contratto: a) triennale prorogabile per due anni e per una sola volta, b) triennale non rinnovabile : nel 3 anno del contratto l Ateneo valuta il ricercatore che abbia conseguito l abilitazione scientifica, per la chiamata a professore associato (standard qualitativi definiti con D.M.) (comma 5) 34

35 Eliminazione + 2. PENSIONAMENTO (art. 25) FONDO PER FEDERALISMO FISCALE (art. 28) Corsi per PA su federalismo fiscale; Max 2 Università (1 al SUD); 2 M /anno dal

36 NORME TRANSITORIE E FINALI (art. 29) c. 1: da entrata in vigore PO/PA/Ric TD/Assegnisti SOLO con nuove regole; c. 2: Assunzioni in servizio PO/PA/Ric.TI ancora con vecchie regole; Per Ric. T.Det. Serve DM criteri di valutazione (art. 24 c. 2 lett. c); c. 4: Presa in servizio degli idonei ad associato ed ordinario chiamati dalle Facoltà; c. 9: Piano assunzioni associati con nuove regole dei ricercatori con abilitazione (1500/anno per 3 anni); c. 11: Abrogazioni: Lett. b) borse biennali post doc. Lett. c) abolizione comma professore aggregato della L. 230 (??) 36

37 NORME TRANSITORIE E FINALI c. 13: Fino a 2015 anche con solo LM si può partecipare a RTD; c. 15: Deroga a 50% per missioni effettuate su fondi privati o UE (C. Mef n. 40: salva FONDI PUBBLICI con vincolo di destinazione) (PRIN / FIRB?); c. 18: Assunzioni al 50% turn over ma cambio %; minimo 50% ricercatori; massimo 20% ordinari. c. 19: Scatti per merito (art. 6 c. 14 e art. 18) (art. 29) 37

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile;

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile; LEGGE Norme in materia di organizzazione delle universita`, di personale accademico e reclutamento, nonche delega al Governo per incentivare la qualita` e l efficienza del sistema universitario ORGANI

Dettagli

La Riforma Gelmini dell Università: L. 240/2010

La Riforma Gelmini dell Università: L. 240/2010 La Riforma Gelmini dell Università: L. 240/2010 Eugenio Gaudio Conferenza delle Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Roma La Sapienza 1 1 Art. 1 Principi ispiratori Sede primaria di ricerca e

Dettagli

Legge Gelmini del 30 dicembre 2010, n sintesi

Legge Gelmini del 30 dicembre 2010, n sintesi Legge Gelmini del 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle universita', di personale accademico e reclutamento, nonche' delega al Governo per incentivare la qualita' e l'efficienza

Dettagli

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori.

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori. Dipartimento di Scienze Regolamento per il conferimento di incarichi d insegnamento e di didattica integrativa ai sensi della legge 30 dicembre 2010 n. 240 per i Corsi di Studio approvato dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 INDICE Art. 1 Finalità del regolamento...2 Art. 2 Programmazione e copertura finanziaria...2

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Natura del rapporto di lavoro Art. 3 Tipologia

Dettagli

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria)

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con decreto rettorale 30 luglio 2014 n.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA BOCCONI emanato con decreto rettorale n del 14 ottobre 2004

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA BOCCONI emanato con decreto rettorale n del 14 ottobre 2004 REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA BOCCONI emanato con decreto rettorale n. 7966 del 14 ottobre 2004 1/ Art. 1 Istituzione della Scuola di Dottorato 1.1 È istituita la Scuola di Dottorato

Dettagli

DIVISIONE RISORSE IL RETTORE

DIVISIONE RISORSE IL RETTORE DIVISIONE RISORSE Settore Risorse Umane Reclutamento e Concorsi Via Duomo, 6-13100 Vercelli Tel 0161/261535 Fax 0161/210718 E-mail: concorsi@unipmn.it; Decreto Rettorale Repertorio n. 460-20414 Prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 (EMANATO CON D.R. N. 638/2012 DEL 5 DICEMBRE 2012 ED INTEGRATO CON D.R. N.202/2013

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCARICHI ESTERNI ALL ATENEO PER I PROFESSORI E I RICERCATORI Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 26 Luglio 2016 Emanato con D.R. n. 725

Dettagli

Art. 1 2 Oggetto. Art. 2 Professori di ruolo a tempo pieno ed a tempo definito

Art. 1 2 Oggetto. Art. 2 Professori di ruolo a tempo pieno ed a tempo definito Regolamento di Ateneo per l'attribuzione, l'autocertificazione e la verifica dei compiti didattici e di servizio agli studenti dei professori e ricercatori ai sensi dell art. 6 della Legge 240/2010, nonché

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB)

REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB) REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB) (emanato con Decreto Rettorale n.17/2016 del 20 gennaio 2016) in vigore dal 21 gennaio 2016 INDICE Articolo 1 - Principi

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI I E II FASCIA AI SENSI DEGLI ARTT.18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 Il presente Regolamento, emanato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A 0 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A REGOLAMENTO IN MATERIA DI RECLUTAMENTO A TEMPO DETERMINATO DI PERSONALE

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio D.R. n 287 VISTO lo Statuto del Politecnico di Bari emanato con

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale. Via Università 4, Modena IL RETTORE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale. Via Università 4, Modena IL RETTORE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale Via Università 4, Modena AFFISSO ALL ALBO DI ATENEO IL 03/06/2014 Decreto Rep nr. 109/2014 Prot. Nr. 10236

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ART. 18 DELLA LEGGE 240/2010

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ART. 18 DELLA LEGGE 240/2010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ART. 18 Titolo I Ambito applicativo e modalità di attivazione della copertura di posti di ruolo

Dettagli

QUADRO NORMATIVO CONFERIMENTO CONTRATTI DI INSEGNAMENTO Fonti Normative e Regolamentari: La normativa di riferimento è la seguente: - Art. 23 della Legge 240/2010 (All. 1) - DM 313 del 21 Luglio 2011(All.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.1, COMMA 12, LEGGE n.

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.1, COMMA 12, LEGGE n. 30 sette REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.1, COMMA 12, LEGGE n. 230/2005 Emanato con Decreto 30 settembre 2015, n. 803 Entrato

Dettagli

I L P R E S I D E. il Regolamento per le attribuzioni delle attività didattiche;

I L P R E S I D E. il Regolamento per le attribuzioni delle attività didattiche; I L P R E S I D E VISTA la L. n. 240/2010; VISTO il Regolamento per le attribuzioni delle attività didattiche; VISTA la delibera del Consiglio di Facoltà del 19.11.2012 sull attribuzione degli incarichi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODPFSR.REGISTRO DECRETI.0004535.16-12-2014 DECRETO DIRETTORIALE RECANTE L ANNULLAMENTO DEI LAVORI DELLA TORNATA 2013 DELLA COMMISSIONE PER IL SETTORE CONCORSUALE 12/A1 DIRITTO PRIVATO E IL RINNOVO

Dettagli

c. per Commissione la Commissione incaricata di effettuare la valutazione delle candidature;

c. per Commissione la Commissione incaricata di effettuare la valutazione delle candidature; Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento dei ricercatori a tempo determinato dell' Università Carlo Cattaneo - LIUC, ai sensi della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, art. 24 Articolo

Dettagli

La revisione del trattamento economico dei professori e ricercatori universitari Le norme transitorie che incidono sul trattamento stipendiale

La revisione del trattamento economico dei professori e ricercatori universitari Le norme transitorie che incidono sul trattamento stipendiale PUNTO DELLA SITUAZIONE SU: La revisione del trattamento economico dei professori e ricercatori universitari Le norme transitorie che incidono sul trattamento stipendiale a cura di Alessandro PERFETTO Gruppo

Dettagli

Tabella compensi a.a (

Tabella compensi a.a ( Tabella compensi a.a 2016-2017 ( 1. Incarichi di insegnamento conferiti con contratto di diritto privato (a.a. 2016-2017) Visto l'art. 23, comma 2, della legge 30 dicembre 2010, n. 240, secondo cui "Fermo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240 REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240 ART. 1 FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento, emanato in attuazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI UNIVERSITARI, A NORMA DELL ARTICOLO 8, COMMI 1 E 3 DELLA

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA Ultima modifica: D.R. n. 2009 del 22 luglio 2014 Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010. Art. 1 Oggetto. Art.

Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010. Art. 1 Oggetto. Art. Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità di attribuzione dell incentivo una

Dettagli

1. DEFINIZIONE DEI COMPITI DIDATTICI DEI DOCENTI

1. DEFINIZIONE DEI COMPITI DIDATTICI DEI DOCENTI LINEE GUIDA RELATIVE AL REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE, AUTOCERTIFICAZIONE E VERIFICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI SERVIZIO AGLI STUDENTI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI (approvate dal Senato

Dettagli

Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento e promozione dei Professori dell Università Commerciale Luigi Bocconi, ai sensi

Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento e promozione dei Professori dell Università Commerciale Luigi Bocconi, ai sensi Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento e promozione dei Professori dell Università Commerciale Luigi Bocconi, ai sensi della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, artt. 18 e 24

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODPFSR.REGISTRO DECRETI.0000198.26-01-2015 DECRETO DIRETTORIALE RECANTE L ACCETTAZIONE DELLE DIMISSIONI DALL INCARICO DI COMPONENTE DELLA COMMISSIONE PER L ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE NEL

Dettagli

ESITO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 7 SETTEMBRE 2016

ESITO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 7 SETTEMBRE 2016 ESITO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 7 SETTEMBRE 2016 1. Comunicazioni. 2. Approvazione verbale seduta del 22.07.2016. ORDINE DEL GIORNO 3. Chiamate dirette incentivabili ai sensi del DM n. 552/2016:

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 190/16 del ) Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e seconda fascia

(Emanato con D.R. n. 190/16 del ) Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e seconda fascia Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e seconda fascia Art. 1 Oggetto e definizioni 1. Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto del codice etico e dei principi enunciati

Dettagli

L Internazionalizzazione fra obiettivi, indicatori e finanziamenti

L Internazionalizzazione fra obiettivi, indicatori e finanziamenti L Internazionalizzazione fra obiettivi, indicatori e finanziamenti Piano Performance, Programmazione Triennale, FFO Antonella Cammisa Direttore ARI Corso di formazione Internazionalizzazione dei percorsi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Decreto n.1197 del 1 giugno 2006 Prot. n. 20038 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Verona emanato con D.R. n. 6435 del 7.10.1994, modificato con D.R. n. 11448 del 23.06.2000, con

Dettagli

2. Il reclutamento dei professori di I e II fascia avviene secondo quattro distinte procedure:

2. Il reclutamento dei professori di I e II fascia avviene secondo quattro distinte procedure: Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University per il reclutamento di professori di prima e seconda fascia ai sensi dell art. 18 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240 Titolo I Disposizioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA AI SENSI DELL'ART. 18, COMMA 1, E DELL'ART. 24, COMMI 5 E 6, DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 TITOLO I. NORME GENERALI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER L ASSEGNAZIONE DI INCENTIVI ECONOMICI UNA TANTUM PER L ANNO 2011 A PROFESSORI DI SECONDA FASCIA SECONDO CRITERI DI MERITO ACCADEMICO E SCIENTIFICO IN ATTUAZIONE DELL ART. 29

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER Articolo 1 1. In attuazione di quanto previsto dall art. 3, comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, nonché dall art. 7 del Regolamento

Dettagli

Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010. Art.

Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010. Art. Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010 Art. 1 (finalità) 1. L Università di Catania, nell ambito delle risorse disponibili

Dettagli

U.S.R. Decreto n. 2120

U.S.R. Decreto n. 2120 U.S.R. Decreto n. 2120 IL DECANO VISTO lo Statuto dell'ateneo; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo ed in particolare l'art. 19; VISTO VISTE il Regolamento dei Corsi di Perfezionamento emanato con

Dettagli

Regolamento per l assunzione di ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art.24 della L. 240/2010

Regolamento per l assunzione di ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art.24 della L. 240/2010 Regolamento per l assunzione di ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art.24 della L. 240/2010 D.R. 8444 del 29 giugno 2011 Emanazione regolamento Art. 1 Finalità 1. Per favorire la realizzazione

Dettagli

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n Il Rettore Decreto n. 1682 Anno 2015 Prot. n. 176605 VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione organizzativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE , N.

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE , N. Decreto n. 210.16 Prot. n. 7933 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168 con particolare riferimento all art. 6 Autonomia delle università ; - Vista

Dettagli

A V V I S O. Costituisce titolo preferenziale il possesso del titolo di dottore di ricerca.

A V V I S O. Costituisce titolo preferenziale il possesso del titolo di dottore di ricerca. A V V I S O Si rende noto che questo Dipartimento, per l'anno accademico 2015/2016, dovrà provvedere al conferimento degli incarichi d attività didattica integrativa, indicati nell allegato A che costituisce

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODPUN.REGISTRO DECRETI.0000257.13-02-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO DIRETTORIALE RECANTE LA NOMINA DELLA COMMISSIONE PER L ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 14243 del 26.1.2015 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

Il Rettore Decreto n. 432 Anno 2015 Prot. n

Il Rettore Decreto n. 432 Anno 2015 Prot. n Pubblicato sull'albo Ufficiale (n. 2486) dal 17 aprile 2015 al 2 maggio 2015 Il Rettore Decreto n. 432 Anno 2015 Prot. n. 50789 VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

Articolo 1 Finalità. Articolo 2 Definizioni

Articolo 1 Finalità. Articolo 2 Definizioni REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE, AUTOCERTIFICAZIONE E VERIFICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI SERVIZIO AGLI STUDENTI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI SENATO ACCADEMICO 19 ottobre 2016 CONSIGLIO

Dettagli

Decreto Rettorale Repertorio n Prot. n del Tit. VII Cl. 1. PUBBLICATO IL: 27 settembre 2016

Decreto Rettorale Repertorio n Prot. n del Tit. VII Cl. 1. PUBBLICATO IL: 27 settembre 2016 DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261535-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.it Decreto Rettorale Repertorio n. 663-2016 Prot. n. 15015 del 27.09.2016 Tit.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODPFSR.REGISTRO DECRETI.0000277.03-02-2015 DECRETO DIRETTORIALE RECANTE L INTEGRAZIONE DELLA COMMISSIONE, DI CUI AL DECRETO N. 168 DEL 2015, PER L ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE NEL SETTORE

Dettagli

REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO (Emanato con D.R. n. 415 del 18 giugno 2010, pubblicato nel B.U. n. 87) (in vigore dal 1 ottobre 2010) Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Direttoriale n. 826 del 28 dicembre 2012 NOMINA DELLA COMMISSIONE PER L ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE NEL SETTORE CONCORSUALE 11/E4 PSICOLOGIA CLINICA E DINAMICA (art. 8, comma 1, DD n. 181

Dettagli

REQUISITI e COMPETENZE delle DOCENZE PROFESSIONALIZZANTI

REQUISITI e COMPETENZE delle DOCENZE PROFESSIONALIZZANTI STABILITÀ E INTEGRAZIONE DEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE NEL SISTEMA UNIVERSITARIO REQUISITI e COMPETENZE delle DOCENZE PROFESSIONALIZZANTI Prof. Adriano Ferrari Bologna, 24 settembre 2016

Dettagli

Allegato 2 Funzioni, attività, macroprocessi e processi delle strutture del Consiglio regionale del Piemonte.

Allegato 2 Funzioni, attività, macroprocessi e processi delle strutture del Consiglio regionale del Piemonte. Allegato 2 Funzioni, attività, macroprocessi e processi delle strutture del Consiglio regionale del Piemonte. Anni 2016-2018 AREA SPECIFICA AREA OBBLIGATORIA AREA GENERALE FUNZIONI, ATTIVITA, MACROPROCESSI

Dettagli

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17.

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17. IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato; VISTE le linee di indirizzo

Dettagli

Schema di regolamento recante criteri generali per disciplina del dottorato di ricerca

Schema di regolamento recante criteri generali per disciplina del dottorato di ricerca Schema di regolamento recante criteri generali per disciplina del dottorato di ricerca VISTI gli articoli 33 e 117, sesto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 1, comma 8, del decreto-legge 18 maggio

Dettagli

Regolamento per l assunzione di Ricercatori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ai sensi della legge n.

Regolamento per l assunzione di Ricercatori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ai sensi della legge n. Regolamento per l assunzione di Ricercatori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ai sensi della legge 30.12.2010 n. 240 (emanato con D.R. 1693 del 07.10.2011 modificato con D.R. 1817

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE Regolamento Disposizioni regolamentari per la disciplina delle Aziende Ospedaliero Universitarie della Regione Puglia ai sensi del D.L.gs

Dettagli

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008)

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Sommario Art. 1 Oggetto... 3 Art. 2 - Tipologia degli insegnamenti... 3 Art. 3 - Requisiti...

Dettagli

- 1 - FACOLTA DI FARMACIA Università degli Studi di Bari A.Moro SECONDO AVVISO DI VACANZA DI INSEGNAMENTI PER L ANNO ACCADEMICO 2012/2013

- 1 - FACOLTA DI FARMACIA Università degli Studi di Bari A.Moro SECONDO AVVISO DI VACANZA DI INSEGNAMENTI PER L ANNO ACCADEMICO 2012/2013 - 1 - Prot. N P/225 del 12/9/2012 FACOLTA DI FARMACIA Università degli Studi di Bari A.Moro SECONDO AVVISO DI VACANZA DI INSEGNAMENTI PER L ANNO ACCADEMICO 2012/2013 Il Preside della Facoltà di Farmacia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODPUN.REGISTRO DECRETI.0000129.23-01-2013 DECRETO DIRETTORIALE RECANTE LA NOMINA DELLA COMMISSIONE PER L ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE NEL SETTORE CONCORSUALE 05/E1-BIOCHIMICA GENERALE E BIOCHIMICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE AFFERENZE E DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE. Art. 1. Principi Generali. 1.1 Il presente Regolamento, nel rispetto delle norme di cui all art. 6, comma 9, della

Dettagli

Il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33 sesto comma, 76 e 87 quinto comma della Costituzione;

Il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33 sesto comma, 76 e 87 quinto comma della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità analitica e del bilancio unico nelle università in attuazione dell articolo 5, comma 1, lettera

Dettagli

SCUOLA BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI STATUTO

SCUOLA BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI STATUTO Giurisprudenza SCUOLA BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI STATUTO Art. 1 L Università di Bari istituisce presso la Facoltà di Giurisprudenza, ai sensi degli articoli 4, comma 1, legge

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DELLE FIGURE DI PROFESSORE/RICERCATORE CON DOPPIA APPARTENENZA, DI RESEARCH FELLOW E DI "VISITING PROFESSOR"

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DELLE FIGURE DI PROFESSORE/RICERCATORE CON DOPPIA APPARTENENZA, DI RESEARCH FELLOW E DI VISITING PROFESSOR REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DELLE FIGURE DI PROFESSORE/RICERCATORE CON DOPPIA APPARTENENZA, DI RESEARCH FELLOW E DI "VISITING PROFESSOR" INDICE Art. 1 Finalità del regolamento... 2 Capo I:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI TUTORATO RELATIVI AI CORSI DI FORMAZIONE DELL ISTITUTO A. C.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI TUTORATO RELATIVI AI CORSI DI FORMAZIONE DELL ISTITUTO A. C. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI TUTORATO RELATIVI AI CORSI DI FORMAZIONE DELL ISTITUTO A. C. JEMOLO 1 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 417 Prot. n. 7519 Data 02 febbraio 2016 Titolo I Classe 3 UOR SAGNI P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

Allegato 1 Allegato al Regolamento di Ateneo relativo ai procedimenti amministrativi, emanato con Decreto del Presidente del Cda n. 37 del 07/05/2015 e pubblicato sul sito in data 07/05/2015. Procedimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM. Art. 1 Oggetto del Regolamento Allegato REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM Art. 1 Oggetto del Regolamento 1) Il presente regolamento definisce, nel rispetto del Codice Etico dell Ateneo, i requisiti, le

Dettagli

Obiettivi per l Internazionalizzazione Piano Performance, Programmazione Triennale

Obiettivi per l Internazionalizzazione Piano Performance, Programmazione Triennale Incontro con i responsabili accademici erasmus, Roma 15 maggio 2014 Obiettivi per l Internazionalizzazione Piano Performance, Programmazione Triennale Piano performance Sapienza 2014/2016 Supportare la

Dettagli

Tabella 1. Soggetti e responsabilità del Dipartimento e del CdS. critti nella seguente tabella: Consiglio di Dipartimento (CDIP)

Tabella 1. Soggetti e responsabilità del Dipartimento e del CdS. critti nella seguente tabella: Consiglio di Dipartimento (CDIP) La politica per l assicurazione della qualità della didattica comprende azioni di progettazione, messa in opera, osservazione (monitoraggio) e controllo condotte sotto la supervisione di un responsabile.

Dettagli

Dott. (C.F. ), nato a.. il., residente e domiciliato a. ( ) c.a.p. - Via.., n. nel seguito per brevità denominata Ricercatore

Dott. (C.F. ), nato a.. il., residente e domiciliato a. ( ) c.a.p. - Via.., n. nel seguito per brevità denominata Ricercatore CONTRATTO INDIVIDUALE DI LAVORO SUBORDINATO DI DIRITTO PRIVATO A TEMPO DETERMINATO RICERCATORE TIPOLOGIA B - CHIAMATA DIRETTA In Roma, il giorno TRA l UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA La Sapienza (C.F.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Art. 1.

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Art. 1. REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Art. 1. Istituzione E' istituito, ai sensi dell'art. 20 del vigente Statuto

Dettagli

Regolamento per l attribuzione delle risorse di cui all articolo 29, c. 19 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240

Regolamento per l attribuzione delle risorse di cui all articolo 29, c. 19 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240 Regolamento per l attribuzione delle risorse di cui all articolo 29, c. 19 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240 Articolo 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina le modalità di attribuzione dell incentivo

Dettagli

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 L Università degli Studi di Padova, nell ambito della propria politica istituzionale finalizzata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI I E II FASCIA E PER LA MOBILITÀ DI PROFESSORI E RICERCATORI UNIVERSITARI Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Direttore Generale - Direzione Generale per le Risorse Umane

Direttore Generale - Direzione Generale per le Risorse Umane INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 14/08/1948 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COCCIMIGLIO ANTONIO I Fascia MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA

Dettagli

c) contratto di diritto privato, a seguito di incarico diretto, ai sensi dell art. 23 comma 3 della legge

c) contratto di diritto privato, a seguito di incarico diretto, ai sensi dell art. 23 comma 3 della legge NORME STRALCIO PER IL CONFERIMENTO MEDIANTE CONTRATTI DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI ATTIVITÀ DIDATTICHE INTEGRATIVE E PER IL CONFERIMENTO DI ATTIVITÀ SEMINARIALI Emanate con D.R. n. 208 del 31 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 CONSIGLIO DEGLI STUDENTI SENATO ACCADEMICO 16.10.2012;19.03.2013;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Art. 1- Oggetto della disciplina ed ambito di applicazione

Dettagli

UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO

UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO Allegato al verbale del Senato Accademico n. 31 del 07/04/2014 UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CHIAMATE DI DOCENTI IDONEI AI SENSI DELL ART. 18, DELLE CHIAMATE DI RICERCATORI

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA

Università degli Studi della Basilicata DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO N. 1 CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA DI TUTORATO per il Corso di Laurea in Economia Aziendale. P.d.D. n. 11 del 03/02/2014 IL DIRETTORE

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE VICEPRESIDENZA DI FORLI

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE VICEPRESIDENZA DI FORLI SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE VICEPRESIDENZA DI FORLI IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti

Dettagli

Abilitazione Scientifica Nazionale

Abilitazione Scientifica Nazionale Abilitazione Scientifica Nazionale Contributo alla definizione dei criteri obiettivi di valutazione della qualità accademica Base di Dati GII, SottoSettori e Criteri Pierluigi Claps Bologna, 21/10/2011

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI I E DI II FASCIA (ai sensi dell art. 18 della legge 30 dicembre 2010, n. 240) Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento, emanato in attuazione

Dettagli

Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e 24 della legge 240/2010) Titolo I.

Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e 24 della legge 240/2010) Titolo I. Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e 24 della legge 240/2010) Titolo I. Norme generali Art. 1 Finalità e ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Centro di ricerche sulla gestione dell'assistenza sanitaria e sociale

Centro di ricerche sulla gestione dell'assistenza sanitaria e sociale Centro permanente di ricerca Permanent research centre acronimo denominazione CERGAS Centro di ricerche sulla gestione dell'assistenza sanitaria e sociale Centre for Research on Health and Social Care

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DI BORSE PER ATTIVITA DI RICERCA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DI BORSE PER ATTIVITA DI RICERCA REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DI BORSE PER ATTIVITA DI RICERCA ARTICOLO 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina il conferimento, da parte delle strutture di ricerca dell Ateneo aventi autonomia

Dettagli

AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE DOCENTE E COLLABORAZIONI ESTERNE SETTORE STATO GIURIDICO ED ECONOMICO PERSONALE DOCENTE

AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE DOCENTE E COLLABORAZIONI ESTERNE SETTORE STATO GIURIDICO ED ECONOMICO PERSONALE DOCENTE D.R. n. 327/2016 Prot. n. 0007209 del 04/02/2016 classif. I/3 AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE DOCENTE E COLLABORAZIONI ESTERNE SETTORE STATO GIURIDICO ED ECONOMICO PERSONALE DOCENTE Il Rettore VISTI

Dettagli

Università degli Studi di Milano - Bicocca. Conto Consuntivo Esercizio Finanziario 2010

Università degli Studi di Milano - Bicocca. Conto Consuntivo Esercizio Finanziario 2010 Università degli Studi di Milano - Bicocca Conto Esercizio Finanziario 1 Entrate Titolo Var. % I ENTRATE CONTRIBUTIVE 36.026.558,42 38.054.768,25 5,63% II III - IV V VI VIII - IX ENTRATE DERIVANTI DA TRASFERIMENTI

Dettagli

Regolamento di Ateneo per la disciplina dei professori a contratto

Regolamento di Ateneo per la disciplina dei professori a contratto Emanato con D.R. n. 2787-2011 del 12.12.2011 prot. n. 45468 Modificato con D.R. n. 2931-2011 del 23.12.2011 prot. n. 47480 Modificato con D.R. n. 1054-2012 del 05.06.2012 prot. n. 19555 Regolamento di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE E METODI DELL INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE E METODI DELL INGEGNERIA Struttura didattica: INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA AVVISO VISTA la legge 240/2010 e in particolare l art. 23; VISTO il Regolamento di Ateneo per il conferimento degli incarichi di docenza nei corsi

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE INTEGRATIVE DEI RICERCATORI

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE INTEGRATIVE DEI RICERCATORI Mod. 1/149 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di... REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE INTEGRATIVE DEI RICERCATORI D.P.R. 11 luglio 1980 n. 382, art. 32 D.P.R. 10 marzo 1982 n. 162, art.

Dettagli

Ripensare l assetto della docenza universitaria"

Ripensare l assetto della docenza universitaria 1 Ripensare l assetto della docenza universitaria ottobre 2014 Adunanza dell 8 ottobre 2014 2 2 IL PRESIDENTE (Prof. Andrea Lenzi) Ripensare l assetto della docenza universitaria Visto l art. 1 del D.P.R.

Dettagli

FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

FACOLTA DI GIURISPRUDENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI Articolo 1 L Università di Lecce istituisce presso la Facoltà di Giurisprudenza, ai sensi degli

Dettagli

Statuto del Centro Servizi Informatici

Statuto del Centro Servizi Informatici (Emanato con D.R. n. 3687 del 30/04/1999 Modificato con D.R. n. 11064 del 29/10/2001 e con D.R. n. 1571 del 06/02/2007 e con D.R. n. 3446 del 21/03/2007) STATUTO CENTRO SERVIZI INFORMATICI Art. 1 È costituito,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 29 luglio 2010 (v. stampato Senato n. 1905) (GELMINI) (TREMONTI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 29 luglio 2010 (v. stampato Senato n. 1905) (GELMINI) (TREMONTI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3687 DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 29 luglio 2010 (v. stampato Senato n. 1905) PRESENTATO DAL MINISTRO DELL ISTRUZIONE,

Dettagli

Sezione servizi al Personale Docente. Articolo 1 - Ambito di applicazione

Sezione servizi al Personale Docente. Articolo 1 - Ambito di applicazione Regolamento per la disciplina delle procedure selettive per il reclutamento di ricercatori a tempo determinato ai sensi dell articolo 24 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 CONSIGLIO DEGLI STUDENTI SENATO

Dettagli