Il ddl di riforma dell Università: azioni, scenari, prospettive

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ddl di riforma dell Università: azioni, scenari, prospettive"

Transcript

1 Il ddl di riforma dell Università: azioni, scenari, prospettive Antonello Masia Capo Dipartimento per l Università, l Alta formazione artistica e musicale e per la Ricerca Seminario: Il futuro dell Università. Il Disegno di legge tra innovazione e tradizione Università degli studi di Udine mercoledì 10 marzo 2010

2 Le principali criticità di sistema percentuale di laureati e dottori di ricerca sulla popolazione attiva (12 contro 26); percentuale delle risorse pubbliche per l istruzione superiore sul PIL (0,8 contro 1,3); percentuale della spesa per la formazione universitaria rispetto alla spesa pubblica totale per servizi (1,6 contro 2,9 dell Ue/19); 2

3 Le principali criticità di sistema entità della spesa annua per studente per la formazione universitaria (6.900 contro euro); rapporto tra studenti e docenti (21,4 contro 15,8); il quadro di invecchiamento del corpo docente, entro i prossimi 10 anni, determinerà un uscita dal sistema del 47% del predetto personale; 3

4 Le principali criticità di sistema lo scarso livello di internazionalizzazione (solo il 2,1% contro il 6,5% di studenti stranieri nelle nostre Università; per il dottorato di ricerca si passa dal 4,3% in Italia, contro il 14,5% nell Ue/19); la proliferazione delle sedi decentrate (oltre 250), dei corsi di studio (oltre 5.500) dei curricula (circa 8.800) 4

5 La situazione della ricerca italiana I dati Ocse palesano alcune criticità: Quota di Pil investita in ricerca (1,1) inferiore alla media europea (1,9) Numero di dottori di ricerca per ogni abitanti (16) inferiore a Europa (50) e Usa (48) Basso numero di ricercatori: , di cui nelle Università In Spagna i ricercatori sono , ma in Francia , Inghilterra , Germania , Usa

6 Le principali criticità di sistema L internazionalizzazione Nel 2006/07 erano circa gli studenti stranieri in Italia. Si conferma il trend positivo degli ultimi 6 anni In merito alla mobilità esterna, solo il 2,2% degli studenti italiani si reca in Università estere al di sotto della media europea (25) che si attesta nel 7,6% 6

7 Le linee di indirizzo del Ministro Gelmini ASSI PORTANTI Offerta formativa Sostegno al diritto allo studio Merito e valutazione 7

8 Le linee di indirizzo del Ministro Gelmini ASSI PORTANTI Governance degli atenei Reclutamento e status giuridico Riforma del dottorato di ricerca Responsabilità finanziaria 8

9 La riforma della didattica MIGLIORARE LA QUALITA Razionalizzare e ridurre gli insegnamenti e i corsi di studio rafforzare la laurea magistrale ridurre la dispersione degli studenti incentivare i corsi di laurea e in particolare di laurea magistrale con insegnamenti in lingua straniera modificare le procedure di accesso ai corsi a numero programmato per renderle più affidabili ed omogenee agli standard internazionali 9

10 La riforma della didattica Razionalizzare l offerta formativa sperimentare nuovi modelli di percorsi di studio a ciclo unico in presenza di specifiche esigenze di carattere scientifico e didattico avviare le procedure di accreditamento dei corsi e delle sedi sulla base della qualità e della sostenibilità analizzare e valutare le sedi decentrate degli atenei, oggi troppo numerose e non sempre provviste dei necessari requisiti strutturali e qualitativi e verificare la loro sostenibilità finanziaria proseguire e rafforzare le azioni intraprese per incentivare l educazione tecnico-scientifica 10

11 Il sostegno al diritto allo studio Rivedere le norme sul diritto allo studio più risorse per la costruzione di residenze universitarie, rafforzare la disponibilità dei prestiti d onore incrementare i corsi universitari in orario serale favorire la formazione continua lungo tutto l arco della vita 11

12 Il merito e la valutazione Il ruolo di Anvur, Civr, Cnvsu accelerare l entrata in funzione dell Agenzia della valutazione garantire a Civr e Cnvsu le risorse necessarie per proseguire le attività (a breve il Civr avvierà il nuovo esercizio ) predisporre, sulla base dell esperienza già acquisita dal Civr, un modello di valutazione delle strutture di ricerca, che consenta un allocazione delle risorse su base qualitativa attribuire ai risultati della valutazione della ricerca un peso significativo nell attribuzione delle risorse 12

13 La governance degli atenei Sviluppare la cultura della accountability rafforzare autonomia, democrazia e bilanciamento dei poteri, valutazione dei risultati ed efficacia gestionale le Università dovranno adottare entro sei mesi un codice etico che individui anche casi di incompatibilità e conflitti d interesse distinguere in modo netto tra le funzioni del senato accademico e del Consiglio di amministrazione favorire i processi di aggregazione e riorganizzazione federale degli atenei su base regionale o macroregionale 13

14 La governance degli atenei Migliorare l efficienza degli atenei limitare a non più di due mandati e comunque un massimo di 6 e 8 anni, rispettivamente, la carica di presidi e rettori; rafforzare la leadership istituzionale attraverso specifiche attività di formazione dei docenti interessati ad incarichi direttivi potenziare la funzione gestionale delle Università eliminare la duplicazione di organi spesso pletorici e snellire i processi decisionali 14

15 Reclutamento e status giuridico Elevare gli standard della docenza riflettere sull assetto complessivo della carriera accademica, con particolare riferimento alla fase di ingresso e di carriera elaborare parametri condivisi di qualificazione scientifica per l accesso ai diversi ruoli della docenza incentivare la mobilità degli studiosi tra l Italia e l estero e tra le varie Università italiane reclutare i giovani ricercatori in base ai principi della Carta europea dei ricercatori e secondo parametri meritocratici 15

16 Reclutamento e status giuridico Le azioni in cantiere ripensare il ruolo dei ricercatori universitari, il cui stato giuridico non è allineato alla funzione effettivamente svolta riformare i meccanismi di selezione dei professori associati e ordinari nel rispetto di parametri di riferimento condivisi rivedere il meccanismo degli automatismi stipendiali ridefinire e ridurre in tempi rapidi i settori scientifico-disciplinari, oggi troppo numerosi e frammentati 16

17 La riforma del dottorato di ricerca Verso un dottorato più europeo razionalizzare e riorganizzare i dottorati di ricerca sviluppare progetti di ricerca di altissima qualità, selezionati secondo i più avanzati standard internazionali ripensare la struttura del dottorato, che dovrebbe essere vincolata al raggiungimento di verificabili risultati scientifici 17

18 La riforma del dottorato di ricerca Verso un dottorato più europeo incentivare la dimensione internazionale aumentare la quota di insegnamento strutturato predisporre nuove modalità di ammissione allineate con la prassi internazionale 18

19 La responsabilità finanziaria Ridurre la spesa per il personale incentivare l adozione della contabilità economico-patrimoniale aggiornare l attuale modello di finanziamento per assegnare un peso maggiore alla qualità della didattica e della ricerca non consentire assunzioni agli atenei che hanno superato il limite di legge nel rapporto tra assegni fissi e Ffo rivedere il rapporto tra le facoltà mediche, gli atenei e il sistema sanitario, al fine di raggiungere un equilibrio tra funzioni e costi 19

20 Focus sulle criticità degli atenei Le anomalie della didattica Le criticità del corpo docente La mobilità internazionale degli studenti L occupabilità dei laureati 20

21 Le anomalie della didattica Dal Rapporto Cnvsu 2009 emerge che: il numero di corsi di studio è progressivamente aumentato, passando da del 2001/02 a del 2007/08 dal 2003/04 al 2007/08 le lauree specialistiche passano da circa (comprese quelle a ciclo unico) ad oltre Il rapporto numerico tra i corsi magistrali e i corsi triennali è pari a 0,76 (0,39 nel 2003/04, 0,67 nel 2004/05 e 0,74 nel 2005/06) ciò significa che, per ogni 100 corsi triennali attivati, nel 2006/07 ne sono stati attivati 76 del biennio specialistico 21

22 Le anomalie della didattica La frammentazione degli insegnamenti Dai 116mila insegnamenti del 2001/02 si passa ai 180mila del 2006/07, con una leggera flessione nel 2007/08 (171mila) Nel periodo considerato la percentuale di insegnamenti con un massimo di 4 cfu si è stabilizzata al 40% (36,5% nel 2007/08) La frammentazione massima si registra nelle facoltà di Medicina: al 67% degli insegnamenti vengono attribuiti non più di 4 Cfu La frammentazione è minima nelle facoltà di Giurisprudenza: gli insegnamenti fino a 4 crediti sono di poco superiori al 10% 22

23 Le criticità del corpo docente I numeri delle Università statali Dal 1998 i docenti di ruolo sono aumentati di unità (+23,5%): aumentano i professori ordinari del 45% e i ricercatori del 39%. Pressoché costante il numero dei professori associati (+2%) Nel 2007/08 si verifica un aumento complessivo di docenti (+25,5%): professori ordinari (+42,9%) e ricercatori (+38,8%). I professori associati si riducono di 82 unità (-0,5%) 23

24 Le criticità del corpo docente e delle Università non statali I dati relativi ai docenti di ruolo mostrano incrementi percentuali maggiori rispetto agli atenei statali (+71,6%) I valori assoluti sono meno rilevanti: 412 professori ordinari (+102%), 421 professori associati (+98,4%) e 377 ricercatori (+43,8%) Ciò dipende anche dall incremento di tali università (da 9 a 22) e dalla necessità di soddisfare i requisiti minimi richiesti 24

25 La mobilità degli studenti Crescono gli studenti in ingresso e in uscita Nel 2007/08 aumentano gli studenti in uscita (compresi i dottorandi): si passa dal +11% del 2006/07 al +7,3% del 2007/08 Gli studenti in entrata crescono rispetto al 2006/07 del 5,3%. Più del doppio i dottorandi in entrata rispetto al 2006/07 Il valore del rapporto entrata/uscita si attesta intorno al 20,3% (uno su cinque). Nel 2006/07 lo stesso rapporto era pari a 13,6 25

26 La mobilità degli studenti I flussi geografici La mobilità riguarda soprattutto nell area europea, verso cui è diretto l 86% dei flussi in uscita e da cui proviene l 83% degli studenti in entrata I paesi da cui maggiormente provengono gli studenti in entrata si confermano la Spagna, la Francia e la Germania Per quanto riguarda i flussi in entrata, da fuori Europa, gli Stati Uniti sono il principale paese di provenienza (40%), seguiti dal Messico (12,6%) e dal Brasile (10%) 26

27 L occupabilità dei laureati Il nuovo Rapporto AlmaLaurea evidenzia che: Lievita la disoccupazione rispetto al 2008: sia fra i laureati triennali, (dal 16,5% al 22%), sia fra i laureati magistrali (dal 14% al 21%) La disoccupazione aumenta anche fra i laureati magistrali a ciclo unico, il cui tasso di occupabilità scende dal 9 al 15 per cento Tale tendenza si registra indipendentemente dal percorso di studio (anche fra gli ingegneri, notoriamente più richiesti dal mercato del lavoro) 27

28 La replica del Ministro Gelmini Al termine della audizioni in Commissione VII del Senato il Ministro ha sottolineato la disponibilità del Governo a recepire proposte di miglioramento e anche, ove opportuno, di cambiamento Ha puntualizzato che si farebbe davvero un cattivo servizio al Paese e soprattutto ai giovani se accettassimo di stravolgere o indebolire l impianto riformatore del ddl Su alcuni punti, in particolare, il Ministro si è dichiarata non disposta a barattare il futuro dei giovani con le esigenze dell accademia 28

29 La replica del Ministro Gelmini I punti fermi della riforma una forte responsabilizzazione degli atenei dal punto di vista gestionale, scientifico e didattico una governance snella ed efficace un sistema di reclutamento in linea con la migliore prassi internazionale 29

30 La replica del Ministro Gelmini I punti fermi della riforma una tenure-track che finalmente consenta ai giovani studiosi di accedere in modo trasparente alla docenza la valutazione del merito e della qualità come principi guida in tutti gli aspetti della vita universitaria il ringiovanimento del corpo docente 30

31 Il ddl di riforma dell Università: azioni, scenari, prospettive Antonello Masia Capo Dipartimento per l Università, l Alta formazione artistica e musicale e per la Ricerca Seminario: Il futuro dell Università. Il Disegno di legge tra innovazione e tradizione Università degli studi di Udine mercoledì 10 marzo 2010

Il ddl di riforma dell Università: azioni, scenari, prospettive

Il ddl di riforma dell Università: azioni, scenari, prospettive Il ddl di riforma dell Università: azioni, scenari, prospettive Antonello Masia Capo Dipartimento per l Università, l Alta formazione artistica e musicale e per la Ricerca Seminario L Università che cambia

Dettagli

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile;

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile; LEGGE Norme in materia di organizzazione delle universita`, di personale accademico e reclutamento, nonche delega al Governo per incentivare la qualita` e l efficienza del sistema universitario ORGANI

Dettagli

L Internazionalizzazione fra obiettivi, indicatori e finanziamenti

L Internazionalizzazione fra obiettivi, indicatori e finanziamenti L Internazionalizzazione fra obiettivi, indicatori e finanziamenti Piano Performance, Programmazione Triennale, FFO Antonella Cammisa Direttore ARI Corso di formazione Internazionalizzazione dei percorsi

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione dell Università per Stranieri di Perugia. le strutture amministrative

Il sistema di misurazione e valutazione dell Università per Stranieri di Perugia. le strutture amministrative Il sistema di misurazione e valutazione dell Università per Stranieri di Perugia Le attività di misurazione e valutazione riguardano l Ateneo la cui missione consiste nel promuovere la lingua e la cultura

Dettagli

Università in declino

Università in declino Università in declino Un indagine sugli atenei italiani da Nord a Sud Carlo Trigilia La ricerca della Fondazione RES 2 Università in declino. Un indagine sugli atenei italiani da Nord a Sud Introduzione

Dettagli

UN ANALISI DELLA STUDENT SATISFACTION PER LA FACOLTÀ DI ECONOMIA DI FOGGIA. Barbara Cafarelli

UN ANALISI DELLA STUDENT SATISFACTION PER LA FACOLTÀ DI ECONOMIA DI FOGGIA. Barbara Cafarelli Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche Università degli Studi di Foggia UN ANALISI DELLA STUDENT SATISFACTION PER LA FACOLTÀ DI ECONOMIA DI FOGGIA Barbara Cafarelli Quaderno n. 24/2009

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 16. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2001 e il 2009 la quota dei laureati di cittadinanza estera è più che raddoppiata, passando dall 1,2 al per cento. Quasi il 70 per cento dei laureati esteri

Dettagli

Andrea Lombardinilo Centro di eccellenza Altiero Spinelli (CeAS) Università degli studi Roma Tre

Andrea Lombardinilo Centro di eccellenza Altiero Spinelli (CeAS) Università degli studi Roma Tre Lo spazio europeo dell istruzione superiore: innovazione, inclusione, mobilità Andrea Lombardinilo Centro di eccellenza Altiero Spinelli (CeAS) Università degli studi Roma Tre Eu Goes to schools. Teaching

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 14 febbraio 2014, n.104 INDICATORI E PARAMETRI PER IL MONITORAGGIO E LA VALUTAZIONE DEI PROGRAMMI DELLE UNIVERSITA 2013 2015 VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA IMMAGINI DI ATENEO Quaderno di documentazione Presentazione Come negli anni precedenti, l Ateneo ripropone un volume di immagini che fornisce per i principali fatti del

Dettagli

Offerta formativa Università di Padova

Offerta formativa Università di Padova 8 Offerta formativa Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 2015/16 per Scuola di Ateneo Agraria e Medicina Veterinaria 8 1 8 Economia e Scienze Politiche 5 9 Giurisprudenza 1 1 12 1 17 Medicina

Dettagli

La legge 133/2008 e l'università italiana

La legge 133/2008 e l'università italiana La legge 133/2008 e l'università italiana Lavinia Egidi Università del Piemonte Orientale 22 ottobre 2008 Questa presentazione è a disposizione di chi voglia utilizzarla. Chi ritiene di apportare modifiche,

Dettagli

Obiettivi per l Internazionalizzazione Piano Performance, Programmazione Triennale

Obiettivi per l Internazionalizzazione Piano Performance, Programmazione Triennale Incontro con i responsabili accademici erasmus, Roma 15 maggio 2014 Obiettivi per l Internazionalizzazione Piano Performance, Programmazione Triennale Piano performance Sapienza 2014/2016 Supportare la

Dettagli

Alcuni dati e considerazioni sulla capacità di attrazione del Politecnico di Torino e sui risultati dell attività didattica

Alcuni dati e considerazioni sulla capacità di attrazione del Politecnico di Torino e sui risultati dell attività didattica POLITECNICO IN NUMERI Alcuni dati e considerazioni sulla capacità di attrazione del Politecnico di Torino e sui risultati dell attività didattica Il Politecnico di Torino e la sua capacità di attrazione

Dettagli

I corsi di studio internazionali

I corsi di studio internazionali SEMINARIO NAZIONALE Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore: il ruolo delle rappresentanze studentesche Roma, 18-19 Aprile 2016 I corsi di studio internazionali Lorenzo Amico e Carla Salvaterra Indice

Dettagli

Gli Indicatori ANVUR nella nuova AVA

Gli Indicatori ANVUR nella nuova AVA Gli Indicatori ANVUR nella nuova AVA Giuseppe Carci (ANVUR) Workshop «La revisione del sistema AVA: la proposta ANVUR» Perugia 8 aprile 2016 L ANVUR presenta oggi: i risultati del lavoro svolto per la

Dettagli

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE PROT. SP/ 1542/VII/4 del 16/06/2011 FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE IL PRESIDE VISTO il D.M. 8/7/2008 attuativo della Legge 230/05; VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240. Norme in materia di

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire il proprio percorso di studio dopo la laurea sono il per cento tra i postriforma di primo livello (la grande maggioranza dei quali opta per

Dettagli

Tabella compensi a.a (

Tabella compensi a.a ( Tabella compensi a.a 2016-2017 ( 1. Incarichi di insegnamento conferiti con contratto di diritto privato (a.a. 2016-2017) Visto l'art. 23, comma 2, della legge 30 dicembre 2010, n. 240, secondo cui "Fermo

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2015 1 SOMMARIO Obiettivi

Dettagli

ASSEMBLEA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA. L Università di Padova e la Legge 6 agosto 2008 n. 133

ASSEMBLEA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA. L Università di Padova e la Legge 6 agosto 2008 n. 133 ASSEMBLEA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA L Università di Padova e la Legge 6 agosto 2008 n. 133 Padova, 23 ottobre 2008 La Legge 6 agosto 2008 n. 133 Iter parlamentare - Il 25 giugno 2008, su proposta del

Dettagli

Istruzione. Istituto Nazionale di Statistica

Istruzione. Istituto Nazionale di Statistica Istruzione 20 Istituto Nazionale di Statistica scuole, Classi e alunni per tipo Di scuola Anno scolastico 2014/2015 * per le scuole dell infanzia si fa riferimento alle sezioni ** l indicatore è calcolato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA BOCCONI emanato con decreto rettorale n del 14 ottobre 2004

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA BOCCONI emanato con decreto rettorale n del 14 ottobre 2004 REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA BOCCONI emanato con decreto rettorale n. 7966 del 14 ottobre 2004 1/ Art. 1 Istituzione della Scuola di Dottorato 1.1 È istituita la Scuola di Dottorato

Dettagli

La Riforma Gelmini dell Università: L. 240/2010

La Riforma Gelmini dell Università: L. 240/2010 La Riforma Gelmini dell Università: L. 240/2010 Eugenio Gaudio Conferenza delle Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Roma La Sapienza 1 1 Art. 1 Principi ispiratori Sede primaria di ricerca e

Dettagli

LA RIFORMA DELL UNIVERSITA. L On. Mariastella Gelmini ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ce l'ha fatta.

LA RIFORMA DELL UNIVERSITA. L On. Mariastella Gelmini ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ce l'ha fatta. LA RIFORMA DELL UNIVERSITA L On. Mariastella Gelmini ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ce l'ha fatta. Il DDL era stato approvato dal Senato il 29 luglio 2010, ed in forma modificata,

Dettagli

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori.

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori. Dipartimento di Scienze Regolamento per il conferimento di incarichi d insegnamento e di didattica integrativa ai sensi della legge 30 dicembre 2010 n. 240 per i Corsi di Studio approvato dal Consiglio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ASSEMBLEA GENERALE DI ATENEO. 22 giugno 2010

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ASSEMBLEA GENERALE DI ATENEO. 22 giugno 2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ASSEMBLEA GENERALE DI ATENEO 22 giugno 2010 Università di Udine in cifre Descrizione 2008 2009 IL PERSONALE 1.365 1.316 Personale docente e ricercatore 745 735 I Fascia

Dettagli

Linee Guida per l intitolazione di cattedre permanenti o a termine

Linee Guida per l intitolazione di cattedre permanenti o a termine Linee Guida per l intitolazione di cattedre permanenti o a termine 1. Premessa L Università Ca Foscari Venezia persegue l eccellenza accademica della proprio corpo docente ed intende sta sviluppare un

Dettagli

Test sulle competenze effettive di carattere generalista dei laureandi italiani

Test sulle competenze effettive di carattere generalista dei laureandi italiani Test sulle competenze effettive di carattere generalista dei laureandi italiani ANVUR intende inserire in AVA (Autovalutazione, Valutazione periodica e Accreditamento), tra gli indicatori e i criteri per

Dettagli

Laurea Triennale in Economia e Commercio A.A

Laurea Triennale in Economia e Commercio A.A Laurea Triennale in Economia e Commercio A.A. 2015-16 1. Obiettivi del corso Il corso di laurea in Economia e Commercio offre una solida preparazione di base di carattere multidisciplinare, appropriata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.A. 2014/15. Requisiti di Ateneo e Linee generali di indirizzo

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.A. 2014/15. Requisiti di Ateneo e Linee generali di indirizzo PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.A. 2014/15 Requisiti di Ateneo e Linee generali di indirizzo In vista della definizione della programmazione didattica per l a.a. 2014/15 e della conseguente progettazione dei

Dettagli

Laurea Triennale in Economia e Commercio

Laurea Triennale in Economia e Commercio Laurea Triennale in Economia e Commercio 1. Obiettivi del corso Il corso di laurea in Economia e Commercio offre una solida preparazione di base di carattere multidisciplinare, appropriata sia per l ingresso

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 5868. Regolamento per l attivazione dei Master universitari di primo e secondo livello e dei corsi di perfezionamento IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N. 5868. Regolamento per l attivazione dei Master universitari di primo e secondo livello e dei corsi di perfezionamento IL RETTORE DECRETO RETTORALE N. 5868 Regolamento per l attivazione dei Master universitari di primo e secondo livello e dei corsi di perfezionamento IL RETTORE Visto visto visto vista lo Statuto dell Università Cattolica

Dettagli

Politiche della Qualità

Politiche della Qualità 3 2 3 3 Politiche della Qualità 2016 2018 Il Documento sulle Politiche della Qualità di Ateneo, qui ricondotto nell ambito del Documento di programmazione integrata di Ateneo, fornisce un indirizzo generale

Dettagli

Dott.ssa Vanda Lanzafame funzionario Ufficio II Direzione Generale per l Università

Dott.ssa Vanda Lanzafame funzionario Ufficio II Direzione Generale per l Università Dott.ssa Vanda Lanzafame funzionario Ufficio II Direzione Generale per l Università Meeting d Autunno-Conferenza permanente delle classi di laurea delle Professioni Sanitarie Portonovo di Ancona 16-17

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero La diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo, è aumentata, seppure lievemente, negli ultimi anni, soprattutto nell ambito

Dettagli

Un Dottorato di Ricerca su misura per le Aziende

Un Dottorato di Ricerca su misura per le Aziende Un Dottorato di Ricerca su misura per le Aziende Cos è il Dottorato di ricerca? E un corso post-laurea magistrale (terzo livello di formazione) di durata triennale a cui si accede per concorso, finalizzato

Dettagli

Internazionalizzazione nell Università italiana. Guardare il passato per capire il futuro

Internazionalizzazione nell Università italiana. Guardare il passato per capire il futuro Internazionalizzazione nell Università italiana Guardare il passato per capire il futuro 1973 Fenomeni sociali (1) Italia multietnica Stranieri in Italia Anno totale minorenni 1970 143.838 1980 298.749

Dettagli

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 L Università degli Studi di Padova, nell ambito della propria politica istituzionale finalizzata

Dettagli

Le votazioni. 1 Per il calcolo delle medie il voto di 110 e lode è stato posto uguale a 113. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 101

Le votazioni. 1 Per il calcolo delle medie il voto di 110 e lode è stato posto uguale a 113. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 101 7. Le votazioni I principali fattori che incidono sulla probabilità di ottenere buoni voti alla laurea sono il background scolastico (percorso liceale e buoni voti di diploma), essersi iscritti spinti

Dettagli

1. DEFINIZIONE DEI COMPITI DIDATTICI DEI DOCENTI

1. DEFINIZIONE DEI COMPITI DIDATTICI DEI DOCENTI LINEE GUIDA RELATIVE AL REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE, AUTOCERTIFICAZIONE E VERIFICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI SERVIZIO AGLI STUDENTI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI (approvate dal Senato

Dettagli

Indicatori della didattica e monitoraggio dei corsi Giuseppe Carci (ANVUR)

Indicatori della didattica e monitoraggio dei corsi Giuseppe Carci (ANVUR) Indicatori della didattica e monitoraggio dei corsi Giuseppe Carci (ANVUR) Workshop «La didattica universitaria in Italia. Una prima ricognizione» Roma 18 marzo 2016 L ANVUR presenta oggi i risultati del

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio - inteso

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio D.R. n 287 VISTO lo Statuto del Politecnico di Bari emanato con

Dettagli

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008)

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Sommario Art. 1 Oggetto... 3 Art. 2 - Tipologia degli insegnamenti... 3 Art. 3 - Requisiti...

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 417 Prot. n. 7519 Data 02 febbraio 2016 Titolo I Classe 3 UOR SAGNI P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

Ripensare l assetto della docenza universitaria"

Ripensare l assetto della docenza universitaria 1 Ripensare l assetto della docenza universitaria ottobre 2014 Adunanza dell 8 ottobre 2014 2 2 IL PRESIDENTE (Prof. Andrea Lenzi) Ripensare l assetto della docenza universitaria Visto l art. 1 del D.P.R.

Dettagli

I tirocini formativi

I tirocini formativi 4. I tirocini formativi Ponendosi come elemento di raccordo fra l università e il mondo del lavoro, i tirocini rivestono, nell ambito della didattica non frontale, un ruolo assolutamente centrale. Nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER Articolo 1 1. In attuazione di quanto previsto dall art. 3, comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, nonché dall art. 7 del Regolamento

Dettagli

Allegato B. A Punteggio per il titolo di accesso alla procedura concorsuale

Allegato B. A Punteggio per il titolo di accesso alla procedura concorsuale Allegato B Tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili nei concorsi a titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente nella scuola secondaria di I e II grado, nonché del personale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA Didattica, Orientamento e Terza Missione Fabio La Franca, Francesca Tartarone, Mario De Vincenzi, Massimiliano Pontecorvo Sintesi dell Offerta Formativa - L35 Laurea

Dettagli

Legge Gelmini del 30 dicembre 2010, n sintesi

Legge Gelmini del 30 dicembre 2010, n sintesi Legge Gelmini del 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle universita', di personale accademico e reclutamento, nonche' delega al Governo per incentivare la qualita' e l'efficienza

Dettagli

Il Rettore Decreto n. 432 Anno 2015 Prot. n

Il Rettore Decreto n. 432 Anno 2015 Prot. n Pubblicato sull'albo Ufficiale (n. 2486) dal 17 aprile 2015 al 2 maggio 2015 Il Rettore Decreto n. 432 Anno 2015 Prot. n. 50789 VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

QUADRO NORMATIVO CONFERIMENTO CONTRATTI DI INSEGNAMENTO Fonti Normative e Regolamentari: La normativa di riferimento è la seguente: - Art. 23 della Legge 240/2010 (All. 1) - DM 313 del 21 Luglio 2011(All.

Dettagli

REQUISITI e COMPETENZE delle DOCENZE PROFESSIONALIZZANTI

REQUISITI e COMPETENZE delle DOCENZE PROFESSIONALIZZANTI STABILITÀ E INTEGRAZIONE DEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE NEL SISTEMA UNIVERSITARIO REQUISITI e COMPETENZE delle DOCENZE PROFESSIONALIZZANTI Prof. Adriano Ferrari Bologna, 24 settembre 2016

Dettagli

Alcune cose da sapere sull università e il suo futuro. L educazione universitaria e la ricerca, Ingegneria a Reggio Emilia e la protesta

Alcune cose da sapere sull università e il suo futuro. L educazione universitaria e la ricerca, Ingegneria a Reggio Emilia e la protesta Alcune cose da sapere sull università e il suo futuro L educazione universitaria e la ricerca, Ingegneria a Reggio Emilia e la protesta 1 Indice L istruzione universitaria in Italia e all Estero L impatto

Dettagli

X INDAGINE ALMALAUREA PROFILO DEI LAUREATI 2007

X INDAGINE ALMALAUREA PROFILO DEI LAUREATI 2007 Nel cantiere delle riforme universitarie X INDAGINE ALMALAUREA PROFILO DEI LAUREATI 2007 Andrea Cammelli Università di Bologna - Direttore AlmaLaurea MODENA, 29 MAGGIO 2008 PROFILO DEI LAUREATI 2007 Caratteristiche

Dettagli

Offerta formativa Università di Padova

Offerta formativa Università di Padova 8 Offerta formativa Numero dei corsi attivati ti nell Anno Accademico 2013/14 per Scuola di Ateneo Agraria e Medicina Veterinaria 8 1 6 Economia e Scienze Politiche 6 9 Giurisprudenza 1 1 Ingegneria 12

Dettagli

PIANO NAZIONALE DELLA RICERCA

PIANO NAZIONALE DELLA RICERCA PIANO NAZIONALE DELLA RICERCA 2015-2020 Genoveffa Tortora Comitato Nazionale dei Garanti della Ricerca, MIUR Dipartimento di Informatica Università di Salerno Investiamo in ricerca ancora molto meno dei

Dettagli

Il ruolo dei CPIA per l apprendimento permanente. Firenze 24 novembre 2015

Il ruolo dei CPIA per l apprendimento permanente. Firenze 24 novembre 2015 Il ruolo dei CPIA per l apprendimento permanente Firenze 24 novembre 2015 Principali norme di riferimento Legge 92/12 (art. 4, commi 51-68); Accordo in CU del 10/7/14 (1.2,1.3,1.4 e 2.2) DI 12 marzo 2015

Dettagli

Scuola di Politica per Democratici Europei

Scuola di Politica per Democratici Europei Scuola di Politica per Democratici Europei 1 Ciclo 2 parte TEMA: ISTRUZIONE/EDUCAZIONE Marco Laganà europa@marcolagana.eu - 1- AGENDA 1) Come elaborare una proposta politica? 2) Analisi della proposta

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE INTEGRATIVE DEI RICERCATORI

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE INTEGRATIVE DEI RICERCATORI Mod. 1/149 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di... REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE INTEGRATIVE DEI RICERCATORI D.P.R. 11 luglio 1980 n. 382, art. 32 D.P.R. 10 marzo 1982 n. 162, art.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Tabella A Tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili nei concorsi a titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente ed educativo nella scuola dell infanzia, primaria, secondaria

Dettagli

Conoscere la Bocconi

Conoscere la Bocconi Conoscere la Bocconi Strutture per la didattica e la ricerca 5 Scuole Scuola Universitaria Bocconi (Bocconi Undergraduate School) Scuola Superiore Universitaria Bocconi (Bocconi Graduate School) Scuola

Dettagli

U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i G e n o v a

U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i G e n o v a Prot. n 224 del 17 luglio 2013 Avviso procedura per conferimento di attività di docenza nell ambito dei Corsi di lingua italiana per studenti vincitori di borse Erasmus (Incoming) per l anno accademico

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 3. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni Negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei laureati che non hanno mai svolto un attività di lavoro durante gli studi. I lavoratori-studenti

Dettagli

Istituzione e accreditamento di un percorso congiunto: le novità del D.M. n. 47/2013 e del D.M. n. 1059/2013

Istituzione e accreditamento di un percorso congiunto: le novità del D.M. n. 47/2013 e del D.M. n. 1059/2013 Percorsi di Internazionalizzazione 2013-2014Perc Università degli Studi di Padova Servizio Relazioni Internazionali Archivio Antico - 13 Marzo 2012 Istituzione e accreditamento di un percorso congiunto:

Dettagli

Oggetto: Revisione dei requisiti di accreditamento per i corsi di studio e le sedi (D.M. del 30 gennaio 2013, n. 47). IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Oggetto: Revisione dei requisiti di accreditamento per i corsi di studio e le sedi (D.M. del 30 gennaio 2013, n. 47). IL CONSIGLIO DIRETTIVO Delibera n. 132 del 03/12/2013 Oggetto: Revisione dei requisiti di accreditamento per i corsi di studio e le sedi (D.M. del 30 gennaio 2013, n. 47). IL CONSIGLIO DIRETTIVO VISTO il Decreto Legge del 3

Dettagli

Offerta formativa Università di Padova Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 2009/10

Offerta formativa Università di Padova Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 2009/10 8 Offerta formativa Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 2009/0 6 4 3 2 2 7 Lettere e Filosofia 8 9 Medicina e Chirurgia 6 5 4 Medicina Veterinaria 5 7 Scienze della Formazione 5 4 Scienze MM.

Dettagli

Offerta formativa Università di Padova Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 2008/09

Offerta formativa Università di Padova Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 2008/09 8 Offerta formativa Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 2008/09 6 4 3 2 2 7 9 0 7 3 4 Medicina Veterinaria 5 6 Scienze della Formazione 5 3 Scienze MM. FF. NN. 3 3 5 6 4 3 0 7 Interateneo 3

Dettagli

I processi e il funzionamento delle scuole. A cura dell Area 3 - Valutazione delle scuole

I processi e il funzionamento delle scuole. A cura dell Area 3 - Valutazione delle scuole I processi e il funzionamento delle scuole A cura dell Area 3 - Valutazione delle scuole Il Questionario scuola INVALSI Finalità 2 Analizzare il funzionamento delle singole scuole restituendo indicatori

Dettagli

CFISCUOLA.IT 0532 783561

CFISCUOLA.IT 0532 783561 Tabella A Tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili nei concorsi a titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente ed educativo nella scuola dell infanzia, primaria, secondaria

Dettagli

- 1 - FACOLTA DI FARMACIA Università degli Studi di Bari A.Moro SECONDO AVVISO DI VACANZA DI INSEGNAMENTI PER L ANNO ACCADEMICO 2012/2013

- 1 - FACOLTA DI FARMACIA Università degli Studi di Bari A.Moro SECONDO AVVISO DI VACANZA DI INSEGNAMENTI PER L ANNO ACCADEMICO 2012/2013 - 1 - Prot. N P/225 del 12/9/2012 FACOLTA DI FARMACIA Università degli Studi di Bari A.Moro SECONDO AVVISO DI VACANZA DI INSEGNAMENTI PER L ANNO ACCADEMICO 2012/2013 Il Preside della Facoltà di Farmacia

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE ACCORDO. tra. L /Gli Ordine/i Provinciale/i dei Consulenti del Lavoro di. il Dipartimento di. dell Università di..

SCHEMA DI CONVENZIONE ACCORDO. tra. L /Gli Ordine/i Provinciale/i dei Consulenti del Lavoro di. il Dipartimento di. dell Università di.. SCHEMA DI CONVENZIONE ACCORDO tra L /Gli Ordine/i Provinciale/i dei Consulenti del Lavoro di e il Dipartimento di. dell Università di.. visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12, recante Norme per l ordinamento

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il 5% tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e il % dei laureati di

Dettagli

Dottorato di Ricerca e Valutazione. Giuseppe Di Battista - Università Roma Tre

Dottorato di Ricerca e Valutazione. Giuseppe Di Battista - Università Roma Tre Dottorato di Ricerca e Valutazione Giuseppe Di Battista - Università Roma Tre L impegno di Rm3 per sostenere i dottorati nel bilancio di previsione 2014 lo stanziamento per le borse di dottorato è di 6.941.000

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 5. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni I lavoratori-studenti sono più numerosi nell area delle scienze umane e sociali e tra i laureati triennali e sono invece meno frequenti nel Mezzogiorno.

Dettagli

XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale dei laureati UNIVERSITA E LAVORO, UN PAESE A DUE VELOCITA

XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale dei laureati UNIVERSITA E LAVORO, UN PAESE A DUE VELOCITA XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale dei laureati UNIVERSITA E LAVORO, UN PAESE A DUE VELOCITA Napoli, - Il XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTI

CONVENZIONE TRA VISTI CONVENZIONE TRA L E IL DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE DELLA POLIZIA DI STATO MODALITA DI ISCRIZIONE DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA DI STATO AL

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in GIURISPRUDENZA Classe 22/S

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in GIURISPRUDENZA Classe 22/S Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in GIURISPRUDENZA Classe 22/S Art.1 Definizioni Nel seguito, quando non ulteriormente specificato, si intende: - per Università o Ateneo, l Università

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 (EMANATO CON D.R. N. 638/2012 DEL 5 DICEMBRE 2012 ED INTEGRATO CON D.R. N.202/2013

Dettagli

Offerta formativa Università di Padova

Offerta formativa Università di Padova 8 Offerta formativa Numero dei corsi attivati nell Anno Accademico 202/3 5 4 3 2 2 6 8 9 7 5 5 Medicina Veterinaria 5 6 Scienze della Formazione 4 4 2 3 5 6 3 Interfacoltà 7 8 Interateneo 9 cdl triennale

Dettagli

Tabella 1. Soggetti e responsabilità del Dipartimento e del CdS. critti nella seguente tabella: Consiglio di Dipartimento (CDIP)

Tabella 1. Soggetti e responsabilità del Dipartimento e del CdS. critti nella seguente tabella: Consiglio di Dipartimento (CDIP) La politica per l assicurazione della qualità della didattica comprende azioni di progettazione, messa in opera, osservazione (monitoraggio) e controllo condotte sotto la supervisione di un responsabile.

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive modificazioni; VISTO il decreto-legge 9 maggio 2003 n. 105, convertito dalla legge 11 luglio 2003 n. 170, nel seguito denominata legge,

Dettagli

Agenda visita CEV marzo 2015 Incontri con le componenti di Ateneo

Agenda visita CEV marzo 2015 Incontri con le componenti di Ateneo Università per Stranieri di Siena Agenda visita CEV 24 27 marzo 2015 Incontri con le componenti di Ateneo Il sistema AVA: normativa di riferimento Documento finale dell ANVUR 28 01 13 Autovalutazione,

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento per la disciplina degli obblighi didattici dei professori e dei ricercatori dell Università di Messina, ai sensi dell art. 6 della legge n. 240/2010 (Ultime

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LINGUE, CULTURE E COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LINGUE, CULTURE E COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LINGUE, CULTURE E COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE Coordinatori : prof.ssa Angela Lupone (Facoltà di Scienze politiche) prof. Carlo Pagetti (Facoltà di Lettere) Obiettivi formativi

Dettagli

La regolarità negli studi

La regolarità negli studi 6. La regolarità negli studi Dall anno di introduzione della riforma universitaria al 2015 l età alla laurea è passata da 28 a 26,2 anni. Il calo è dovuto all effetto congiunto di tre componenti: l aumento

Dettagli

La revisione del trattamento economico dei professori e ricercatori universitari Le norme transitorie che incidono sul trattamento stipendiale

La revisione del trattamento economico dei professori e ricercatori universitari Le norme transitorie che incidono sul trattamento stipendiale PUNTO DELLA SITUAZIONE SU: La revisione del trattamento economico dei professori e ricercatori universitari Le norme transitorie che incidono sul trattamento stipendiale a cura di Alessandro PERFETTO Gruppo

Dettagli

Art. 1 2 Oggetto. Art. 2 Professori di ruolo a tempo pieno ed a tempo definito

Art. 1 2 Oggetto. Art. 2 Professori di ruolo a tempo pieno ed a tempo definito Regolamento di Ateneo per l'attribuzione, l'autocertificazione e la verifica dei compiti didattici e di servizio agli studenti dei professori e ricercatori ai sensi dell art. 6 della Legge 240/2010, nonché

Dettagli

Sesta Indagine Eurostudent

Sesta Indagine Eurostudent Sesta Indagine Eurostudent Popolazione: iscritti 2008-2009 a corsi di I e II ciclo (L, LM, LMCU) Campione: 4.499 studenti (università statali e non statali) Periodo di rilevazione: maggio-giugno 2010 Modalità

Dettagli

Il Bollino GRIN: coordinamento nazionale per le lauree di informatica

Il Bollino GRIN: coordinamento nazionale per le lauree di informatica Il Bollino GRIN: coordinamento nazionale per le lauree di informatica Prof. Enrico Nardelli Presidente GRIN (Associazione Italiana Docenti Universitari di Informatica) http://www.di.unipi.it/grin Verona,

Dettagli

Università degli studi di Palermo

Università degli studi di Palermo SENATO ACCADEMICO Seduta del 26 gennaio 2010 OMISSIS N. 2 Proposta di modifica del Regolamento Didattico di Ateneo artt. 16 e 23 RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n Il Rettore Decreto n. 1682 Anno 2015 Prot. n. 176605 VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione organizzativa

Dettagli

Presentazione delle indagini del Nucleo di Valutazione sulle attività didattiche a.a Milano-Bicocca, aprile 2010

Presentazione delle indagini del Nucleo di Valutazione sulle attività didattiche a.a Milano-Bicocca, aprile 2010 Presentazione delle indagini del sulle attività didattiche a.a. 2008-2009 Milano-Bicocca, aprile 2010 Introduzione PROGRAMMA I PARTE Copertura e caratteristiche dei rispondenti Master/Corsi di perfezionamento

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 14. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2002 e il 2014 la quota dei laureati di cittadinanza estera è notevolmente aumentata, passando dall 1,4 al 3,4%. Il 55% dei laureati esteri 2014 proviene da

Dettagli

U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i G e n o v a

U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i G e n o v a Rep. n 2063 del 09 giugno 2017 Avviso procedura per conferimento di attività di docenza nell ambito dei Corsi di lingua straniera per studenti vincitori di borse Erasmus+ per l anno accademico 2017/2018

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E COMMERCIO Percorso di studio Anno Accademico

LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E COMMERCIO Percorso di studio Anno Accademico LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E COMMERCIO Percorso di studio Anno Accademico 2016-17 Il corso di laurea ha una durata di due anni, ciascuno diviso in due semestri. Lo studente può creare un proprio percorso

Dettagli

qualifica cognome e nome Presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P

qualifica cognome e nome Presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Oggetto: Budget Dipartimenti per attività didattiche (affidamenti e contratti corsi di studio) a.a. 2015/2016 N. o.d.g.: 05.2 C.d.A. 27.2.2015 Verbale n. 2/2015 UOR: Area per la Didattica, l orientamento

Dettagli

Quali risorse per l Università? Il caso italiano a confronto con le esperienze europee

Quali risorse per l Università? Il caso italiano a confronto con le esperienze europee Quali risorse per l Università? Il caso italiano a confronto con le esperienze europee presentazione del volume L Università italiana e l Europa. Analisi dei sistemi di istruzione superiore: Italia, Francia,

Dettagli