I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali"

Transcript

1 I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali La scoliosi idiopatica scaricato da 1

2 Deviazioni del rachide nel piano frontale non strutturate: paramorfismi, atteggiamenti scoliotici strutturate: dismorfismi, scoliosi Atteggiamenti Scoliotici Deviazione laterale della colonna vertebrale nel piano frontale scaricato da 2

3 Atteggiamenti Scoliotici Cause vertebrali Atteggiamenti Scoliotici Cause extravertebrali scaricato da 3

4 Scoliosi strutturata Deriva dal greco skolios, significa storto, contorto ed è una complessa deformità tridimensionale nei piani frontale, sagittale ed orizzontale che comporta alterazioni dei dischi e delle vertebre Classificazione Scoliosi congenite Scoliosi acquisite da causa nota da causa sconosciuta (idiopatiche) scaricato da 4

5 Scoliosi congenite Difetti di formazione del rachide Difetti di segmentazione del rachide Malformazioni multiple e complesse Scoliosi congenite Difetti complessi scaricato da 5

6 Scoliosi acquisite Scoliosi secondarie SMA Miopatie (DMD) MMC PCI Neurofibromatosi Osteocondrodistrofie M. di Friedreich S. di Marfan S. di Ehlers-Danlos Distrofia muscolare di Duchenne scaricato da 6

7 Scoliosi idiopatica Deviazione laterale Rotazione Torsione Etiologia fattori Genetici Endocrini ereditarietà: 25 % in parente del I e III ; gemelli omozigoti 73 % - eterozigoti 36 % ghiandola pineale secrezione melatonina diminuita alterazione meccanismi crescita Neurologici lesioni centro equilibro nel tronco cerebrale scoliosi; ponte e regioni posteriore cervello probabile sede patologia scoliotica Muscolari proteoglicani collagene nucleo polposo e alterazioni muscolari sono effetto e non causa Biomeccanici non evidenza scientifica per l etiologia, ma importanti nell evoluzione scaricato da 7

8 Classificazione in rapporto alla sede sec. PONSETI e FRIEDMAN ++ CERVICO DORSALE: D1 - D7 ++ DORSALE: D5, D6, D7- D11, D12 + DORSO-LOMBARE: D7, D8 - L1, L2, L3 - LOMBARE: D11, D12 - L3, L4 ++ COMBINATA: DORSALE E LOMBARE 1 % 25 % 20 % 24 % 30 % Classificazione in rapporto all età di comparsa Lattante 1 anno di vita Infantili Giovanili { da 1 a 3 anni I II III 4 a. 7 a. 8 a. 10 a. 11 a. pubertà VALORE ANGOLARE I G 1 G 2 G 3 A Adolescenza dopo la pubertà scaricato da 8

9 Evoluzione sec. Duval - Beaupére Valore angolare.... P P età P1 pubertà; P2 maturità vertebrale Esame clinico Va a valutare innanzitutto se sono presenti: - asimmetria delle spalle o delle scapole - asimmetria dei fianchi (triangoli della taglia) - Strapiombo laterale del tronco scaricato da 9

10 Esame clinico Asse occipitale scaricato da 10

11 Cifosi Scoliosi scaricato da 11

12 Il gibbo Esame radiografico scaricato da 12

13 Misurazione sec. Cobb Test di Risser scaricato da 13

14 Elementi per la prognosi Imprevedibilità evolutiva Harrington ETÀ DI COMPARSA ANGOLAZIONE INIZIALE sede della curva stadio di maturazione (test di Risser) strapiombo (asse occipitale) TRATTAMENTO solo in presenza di una dimostrata evolutività < 25 Sorveglianza % tratt. Sorveglianza Sorveglianza > 45 Trattamento con corsetti Trattamento Ortopedico o Chirurgico precoce Poussèe puberale Trattamento con corsetti Trattamento chirurgico Maturità ossea Sorveglianza Se evoluzione: chirurgia Sorveglianza Se evoluzione: chirurgia scaricato da 14

15 Trattamento con corsetti Funzioni dei corsetti Sorreggono il rachide nei compiti antigravitari Riducono o annullano i carichi asimmetrici sulle vertebre Azione attiva e passiva insieme che si sviluppa o con effetto trazione longitudinale, tra occipite e bacino o più efficacemente con forze agenti secondo il sistema a tre punti di cui uno agisce al centro della curva e due, a direzione opposta, all estremità craniale e caudale della curva (oltre che paravertebrale possono essere differenti zone del tronco, comprese le arcate costali anteriori, il bacino, le spalle, la regione addominale) scaricato da 15

16 Funzioni dei corsetti Azione attiva e passiva effetto trazione longitudinale tra occipite e bacino Funzioni dei corsetti Azione attiva e passiva sistema a tre punti di cui uno agisce al centro della curva e due, a direzione opposta, all estremità craniale e caudale della curva (oltre che paravertebrale possono essere differenti zone del tronco, comprese le arcate costali anteriori, il bacino, le spalle, la regione addominale) scaricato da 16

17 Limiti dei corsetti Le spinte del corsetto non riescono a far migrare nella sua sede originaria il nucleo polposo Il corsetto può al massimo garantire l arresto della progressione e non la guarigione della deformità Significato nullo nella scoliosi non evolutiva Fondamentale nelle scoliosi evolutive Fisiochinesiterapia INDICAZIONI utile in tutte le fasi del trattamento LIMITI non corregge la curva non previene l evoluzione della curva scaricato da 17

18 Fisiochinesiterapia IMPORTANZA Stimola il miglioramento della respirazione Stimola il potenziamento muscolare andando a costruire un corsetto neuro-muscolare per offrire un maggiore controllo e una migliore stabilità della colonna Elimina le iniziali rachide e delle anche rigidità articolari del Elimina le retrazioni muscolari (mobilizzazione attiva e stretching) Migliora il controllo della postura creando degli automatismi riflessi di correzione Il corsetto di Milwaukee Blount (1946) scaricato da 18

19 - Presa di bacino costruita su calco in gesso - Tre aste metalliche regolabili in altezza collegate ad un collare sempre metallico con appoggio occipitale e mentoniera anteriore - Pelotte di compressione munite di tiranti con i quali si stabilisce l intensità della spinta con cui si vuole agire secondo il principio delle spinte a tre punti Indicazioni - Scoliosi con curva toracica alta - Scoliosi con curva toracica in età tra 2 e i anni scaricato da 19

20 Svantaggi - Possibile aggravamento del doro piatto che va contrastato con la FKT in corsetto - Espone al rischio di iperlordosi lombare, alle deformità mandibolari, alle abrasioni cutanee sulle creste iliache, alla stasi e alla cellulite degli arti inferiori - Rifiuto psicologico dei soggetti Programma fisioterapico - Esercizi respiratori cifotizzanti per contrastare il dorso piatto - Esercizi di tonificazione isometrica (senza né accorciamento né allungamento) di tutta la muscolatura del tronco - Esercizi attivi degli arti inferiori per contrastare la stasi linfatica e la cellulite scaricato da 20

21 Trattamento Lionese (Abbott 1911, Cotrel 1964) 2 o 3 corsetti gessati secondo la tecnica EDF (elongazione, derotazione e flessione) di giorni ognuno corsetto Lionese in plexidur (materiale plastico trasparente) fino a maturità vertebrale - Due aste montanti in alluminio - Canestro pelvico - 1 o più valve di spinta postero-laterali - Pelotte ascellari che hanno funzione di leggera trazione scaricato da 21

22 Indicazioni Scoliosi evolutive tra i in soggetti adolescenti e quindi con adeguato sviluppo della gabbia toracica e che non abbiano curve strutturali toraciche alte Svantaggi - Induzione di deformità toracica in dorso cavo - Deficit spirometrico specie se non si pratica la rieducazione respiratoria con costanza scaricato da 22

23 Programma fisioterapico - Esercizi respiratori cifotizzanti - Esercizi di tonificazione isometrica del tronco - Esercizi isotonici degli arti inferiori per contrastare la stasi linfatica e la cellulite Il corsetto a tre punti Michel - Allégre (1969) scaricato da 23

24 Due aste di alluminio Tre pelotte sagomate su modello stilizzato gessato Indicazioni Ridurre scoliosi prettamente lombari in soggetti adolescenti che abbiano una chiusura dell angolo ileo-lombare lombare e che non abbiano curve toraciche alte scaricato da 24

25 Vantaggi - Lascia libero il bacino - Effettua una correzione che coinvolge in modo attivo il bacino - Non modifica in modo negativo né la cifosi toracica né la lordosi lombare - E ben tollerato Programma fisioterapico - Esercizi posturali - Esercizi di tonificazione isometrica del tronco - Esercizi isotonici degli arti inferiori per contrastare la stasi linfatica e la cellulite scaricato da 25

26 Il Corsetto Boston Hall - Miller (1971) - Modulo prefabbricato in polipropilene di 4mm con 15 di flessione lombare posteriore e 30 di concavità sull addome - Superiormente alle creste iliache a livello di L2-L3 sono inseriti dei cuscinetti di plastazote semirigido per la presa sulle ale iliache - Nella parte posteriore vi è una pad di spinta sull apice della curva ed anteriormente una pelotta derotante nella parte controlaterale alla spinta posteriore scaricato da 26

27 Indicazioni Scoliosi lombari primitive con valore inferiore a 30 e talvolta può trovare applicazione nelle toraco-lombari con apice non superiore a T9 Vantaggi - Effettua una correzione che coinvolge in modo attivo il bacino - Non modifica in modo negativo né la cifosi toracica né la lordosi lombare - E ben tollerato scaricato da 27

28 Programma fisioterapico - Esercizi posturali - Esercizi di tonificazione isometrica del tronco - Esercizi isotonici degli arti inferiori per contrastare la stasi linfatica e la cellulite Il corsetto Cheneau 1994 scaricato da 28

29 Unica valva in polietilene, costruita su calco positivo in gesso o con tecniche informatiche (CAD\CAM), in cui devono essere comprese tutte le sue caratteristiche (spinte, appoggi, camere di espansione) che sono difficilmente modificabili in seguito scaricato da 29

30 Vantaggi - Proposta più avanzata del trattamento conservativo - Ottima tollerabilità - Buon modellamento del gibbo - Corregge le deformità senza favorire il dorso piatto Programma fisioterapico - Esercizi respiratori cifotizzanti - Esercizi di mobilizzazione in corsetto - Esercizi di tonificazione isometrica del tronco - Esercizi isotonici degli arti inferiori per contrastare la stasi linfatica e la cellulite scaricato da 30

31 Ruolo della cinesiterapia nel trattamento della scoliosi idiopatica con corsetto migliora la postura tonifica i muscoli La cinesiterapia fa raggiungere alle articolazioni il massimo della escursione articolare migliora tutte le funzioni di base dell'organismo, attraverso un miglior utilizzo dell'ossigeno, favorendo una efficace respirazione scaricato da 31

32 posturale La cinesiterapia di mobilizzazione respiratoria di tonificazione Il controllo posturale Tre fasi 1. presa di coscienza del difetto tramite l'analisi della propria persona (profilo e postura), da effettuare con l'ausilio dello specchio quadrettato stimoli tattili nelle zone da correggere onde dosare la contrazione correttiva 2. apprendimento della sua correzione con esercizi per la simmetria dei triangoli della taglia, l equilibrio delle spalle e l allineamento sagittale 3. trasferimento della correzione nella vita quotidiana scaricato da 32

33 Cinesiterapia di mobilizzazione Riduce le rigidità articolari degli arti e del rachide Sarà sia passiva che attiva Importanza della mobilizzazione delle articolazioni costo-trasversarie per il modellamento del gibbo (in particolare a carico della curva primaria). Ginnastica respiratoria fa apprendere, nella pratica, la respirazione corretta. In tal modo si contrasta lo sviluppo del dorso piatto o cavo va data grande importanza al potenziamento della fase di massima inspirazione, al prolungamento della pausa inspiratoria ed alla fase espiratoria massima scaricato da 33

34 Cinesiterapia di tonificazione Deve riguardare tutti i muscoli del tronco e degli arti in particolare quelli inferiori Si adotteranno esercizi in allungamento completo ed contrazione incompleta I corsetti ortopedici nel dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) scaricato da 34

35 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Soggetto normale Somma frecce mm Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Accentuazione delle curve Frequenza 0,4 8% 53% 47% scaricato da 35

36 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Scheuermann Cifosi dolorosa - ± riducibile - Insorgenza durante la pubertà - Topografia elettiva D 7 - D 10 - Irregolarità dei piatti vertebrali - Cuneizzazione dei corpi vertebrali Dorso curvo giovanile etiopatogenesi Scheuermann 1920 Necrosi avascolare listello marginale Arresto crescita parte anteriore corpo Cuneizzazione corpo scaricato da 36

37 Dorso curvo giovanile anatomia patologica Anormalità piatto vertebrale e cartilagine di accrescimento su base genetica Legge di Wolff Fattori meccanici - cuneizzazione vertebre - dentellatura piatti vertebrali - ernie di Schmorl (cifosi di Scheuermann) Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Esame clinico Esame obiettivo generale Esame obiettivo colonna scaricato da 37

38 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Esame obiettivo generale Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Esame obiettivo colonna scaricato da 38

39 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Esame radiografico globale scaricato da 39

40 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Esami radiografici speciali Correggibilità della curva Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Trattamento antigravitario sec. Stagnara Riduzione : corsetto gessato antigravitario scaricato da 40

41 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) 1 tempo correzione lordosi lombare Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) 2 tempo correzione cifosi dorsale con scudo anteriore scaricato da 41

42 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Corsetto ortopedico antigravitario Corsetto ortopedico antigravitario Presa di bacino a unica valva aperta anteriormente collegata ad una presa toracica (apice della curva) mediante due aste montanti laterali ad atteggiamento variabile. Anteriormente mollone sternale collegato alla parte posteriore con cerniere scaricato da 42

43 Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Corsetto Milwaukee Dorso curvo giovanile (Morbo di Scheuerman) Corsetto Boston per cifosi Mollone anteriore con presa sternale Spinta posteriore su apice curva scaricato da 43

44 La chinesiterapia In preparazione all indossamento del corsetto o del gesso, si devono eseguire esercizi intensi di: - mobilizzazione delle zone rigide del rachide - stiramento dei muscoli retratti delle cinture e della gabbia toracica. Questo periodo va dalla prescrizione del tutore fino all indossamento dello stesso, e talvolta continua anche durante l uso dell ortesi. La prima fase del trattamento con il gesso o il corsetto prevede esercizi di scostamento dai punti di maggiore pressione, in particolare dai pressori dorsali e dagli appoggi claveari. Bisognerà insegnare al soggetto a retrarre il mento e ad autoallungarsi sgusciando dai pressori e fuoriuscendo dal corsetto stesso. La chinesiterapia Una volta appresa questa azione di ipercorrezione all interno del corsetto, si inizierà un programma di -esercizi di mobilizzazione e di rafforzamento da eseguire con il corsetto, identici a quelli già presentati nella fase senza corsetto. E opportuno far eseguire anche qualche esercizio senza corsetto per evitare di perdere il controllo della colonna al di fuori del tutore. In questa fase è fondamentale associare una corretta educazione respiratoria, al fine di migliorare il più possibile la capacità vitale e mantenere una buona elasticità costale. Quando l indossamento diventerà a tempo parziale si inseriranno esercizi da eseguire senza corsetto in rapporto al numero delle ore di indossamento e alla capacità del soggetto di mantenere nel tempo una postura corretta. Verranno quindi fatti eseguire esercizi di rafforzamento ed esercizi per apprendere a gestire la colonna indipendentemente dal tutore, fino ad arrivare ad un piano di lavoro in trattamento libero, dopo la rimozione completa del corsetto, seguendo le indicazioni già in precedenza enunciate. scaricato da 44

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI E CIFOSI La colonna vertebrale presenta fisiologicamente una serie di curve sul piano sagittale (laterale), mentre normalmente non presenta curve sul piano

Dettagli

TRATTAMENTO ORTOPEDICO LIONESE

TRATTAMENTO ORTOPEDICO LIONESE TRATTAMENTO ORTOPEDICO LIONESE II gesso - Il corsetto Il trattamento ortopedico richiede un periodo di riduzione con gessi tipo Abbott (modificato da Y. Cotrel: E.D.F. = elongazione, derotazione, flessione).

Dettagli

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale Le Scoliosi Rachide normale Piano frontale (coronale) Piano sagittale Piano assiale Rachide normale Piano frontale (coronale) Assenza di deviazioni laterali rispetto alla linea mediana Rachide normale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

Fondazione Don Gnocchi I.R.C.C.S. Firenze. U.O. Scoliosi e Patologie Vertebrali Responsabile Dr. A.Corigliano

Fondazione Don Gnocchi I.R.C.C.S. Firenze. U.O. Scoliosi e Patologie Vertebrali Responsabile Dr. A.Corigliano Fondazione Don Gnocchi I.R.C.C.S. Firenze U.O. Scoliosi e Patologie Vertebrali Responsabile Dr. A.Corigliano DORSO CURVO A. Corigliano LIMITE TRA NORMALITA E PATOLOGIA ENTITA DELLA CURVA Difficoltà

Dettagli

Busto in fibra di carbonio

Busto in fibra di carbonio Busto in fibra di carbonio Nuove frontiere correttive con busti in fibra di carbonio e applicazioni di nuovi strumenti per il controllo delle rotazioni vertebrali Dr Ottorino Catani Chirurgo ortopedico

Dettagli

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate La Scoliosi del Bambino e dell Adulto Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate 1 2 SCOLIOSI 3 SCOLIOSI Skolios: dal greco curvatura Descritta da Ippocrate

Dettagli

Scoliosi giovanile. di Lisa Zamboni

Scoliosi giovanile. di Lisa Zamboni Scoliosi giovanile di Lisa Zamboni CURVE DEL RACHIDE Lordosi cervicale Cifosi dorsale Lordosi lombare Curva sacrale REQUISITI MECCANICI RIGIDITA' ELASTICITA' FUNZIONI DEL RACHIDE SOSTEGNO PROTEZIONE MOBILITA'

Dettagli

Rilevazione dei vizi posturali più comuni nei ragazzi in età scolare

Rilevazione dei vizi posturali più comuni nei ragazzi in età scolare Rilevazione dei vizi posturali più comuni nei ragazzi in età scolare Andrea Bergna DO MROI 6 Maggio 2013 Obiettivo Screening muscolo-scheletrico per valutare i paramorfismi vertebrali e degli arti inferiori.

Dettagli

Corso nazionale di aggiornamento S.I.M.F.E.R. Ortesi, Protesi ed Ausili Manfredonia 15-17 novembre 2010

Corso nazionale di aggiornamento S.I.M.F.E.R. Ortesi, Protesi ed Ausili Manfredonia 15-17 novembre 2010 Manfredonia 15-17 novembre 2010 III SESSIONE LE ORTESI SPINALI PARTE PRATICA Definizione del dr. Boccardi di ORTESI: Presidio ortopedico che viene applicato direttamente al corpo del paziente in presenza

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI EDUCAZIONE FISICA. Tesina di diploma ORTESI NEL TRATTAMENTO DELLE SCOLIOSI

ISTITUTO SUPERIORE DI EDUCAZIONE FISICA. Tesina di diploma ORTESI NEL TRATTAMENTO DELLE SCOLIOSI ISTITUTO SUPERIORE DI EDUCAZIONE FISICA Tesina di diploma ORTESI NEL TRATTAMENTO DELLE SCOLIOSI Relatore: prof.sarto Diego studente: Boscolo Enrico Nata Anno scolastico 2000/2001 SCOLIOSI IDIOPATICA Definizione

Dettagli

Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze

Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze Dr Paolo Fraschini IRCCS Medea Officine Ortopediche Rizzoli Metodologia di base presa di

Dettagli

Giuseppe TOMBOLINI Carmine SIMEONE Tombolini Officine Ortopediche Taranto

Giuseppe TOMBOLINI Carmine SIMEONE Tombolini Officine Ortopediche Taranto Valutazione e Prescrizione Ortesi, Protesi ed Ausili Corso Nazionale di Aggiornamento SIMFER 2010 Manfredonia FOGGIA -15/17 novembre 2010 1 Giuseppe TOMBOLINI Carmine SIMEONE Tombolini Officine Ortopediche

Dettagli

Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi

Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi Atteggiamento scoliotico Specifiche alterazioni anatomopatologiche, delle quali la rotazione delle vertebre e

Dettagli

Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG

Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG Valentino Petruzzi Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG Scelta e prescrizione ortesica nel soggetto scoliotico SCOLIOSI alterazione dell assetto del rachide che si presenta incurvato

Dettagli

PAR A A R M A OR O F R I F SMI

PAR A A R M A OR O F R I F SMI PARAMORFISMI LA COLONNA VERTEBRALE IL RACHIDE È COMPOSTO DA NUMEROSI SEGMENTI SOVRAPPOSTI L UNO ALL ALTRO, LE VERTEBRE. È MOLTO FLESSIBILE È COSTITUISCE UN SOSTEGNO STABILE, MOBILE ED ELASTICO PER TESTA,

Dettagli

TECNOLAB TECNO. Catalogo Produzione. Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche

TECNOLAB TECNO. Catalogo Produzione. Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche TECNO Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche Catalogo Produzione TecnoLab laboratorio tecnico di ortesi su misura; si occupa di fornire un supporto alle officine ortopediche nella fornitura di semi

Dettagli

Istituto Scientifico Italiano Colonna vertebrale Fabio Zaina, Stefano Negrini Il ruolo delle ortesi spinali nel progetto riabilitativo La Scoliosi: il terremoto della colonna vertebrale Scoliosi Deformità

Dettagli

GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE. Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti

GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE. Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE Dott Bisulli-Dott.ssa Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti Nella valutazione delle sindromi dolorose degli atleti

Dettagli

Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi

Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLA SCOLIOSI IDIOPATICA Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi La scoliosi idiopatica dell adolescente (SIA) colpisce dal 1 al 3% dei soggetti

Dettagli

POSTUROLOGIA. Laboratorio di Fitness & Wellness. Dott. Romilda Palma MsC Human Performance and Sports Sciences romildapalma@hotmail.

POSTUROLOGIA. Laboratorio di Fitness & Wellness. Dott. Romilda Palma MsC Human Performance and Sports Sciences romildapalma@hotmail. Università degli Studi di Enna - Kore Laboratorio di Fitness & Wellness POSTUROLOGIA Dott. Romilda Palma MsC Human Performance and Sports Sciences romildapalma@hotmail.it Do#. Romilda Palma 1 SCOLIOSI

Dettagli

La Mobilizzazione del rachide scoliotico nell età evolutiva come fondamento per una più efficace chinesiterapia e un miglior uso del corsetto.

La Mobilizzazione del rachide scoliotico nell età evolutiva come fondamento per una più efficace chinesiterapia e un miglior uso del corsetto. Andrea QUAGLIOZZI Dottore in Ingegneria Meccanica Indirizzo Bio-Medica Francesco TROPEA Dottore in Ingegneria Meccanica Indirizzo Bio-Medica Michele TORRUSIO Dottore in Scienze Motorie-Chinesiologo-Membro

Dettagli

Dr Pasquale CINNELLA. SC Chirurgia Vertebrale Ospedale CTO-Maria Adelaide Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Torino

Dr Pasquale CINNELLA. SC Chirurgia Vertebrale Ospedale CTO-Maria Adelaide Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Torino Dr Pasquale CINNELLA SC Chirurgia Vertebrale Ospedale CTO-Maria Adelaide Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Torino SCOLIOSI - -Deformità strutturale (dismorfismo) della colonna vertebrale

Dettagli

SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare. Marco Maria Mariani. Guido Barneschi. Pediatra di base Arezzo. Dir. Prof. M.

SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare. Marco Maria Mariani. Guido Barneschi. Pediatra di base Arezzo. Dir. Prof. M. SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare Guido Barneschi I Clinica Ortopedica Università di Firenze Dir. Prof. M.Innocenti Marco Maria Mariani Pediatra di base Arezzo Piano frontale LORDOSI CIFOSI

Dettagli

Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n. 332 ORTESI SPINALI NORME TECNICHE

Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n. 332 ORTESI SPINALI NORME TECNICHE ORTESI SPINALI FAMIGLIE NOMENCLATORE - RIO 18 - Corsetti, busti, reggispalle, collari, minerve o gorgere CLASSI DEL NUOVO NOMENCLATORE A NORMA 06 03 Ortesi spinali Un'ortesi spinale è un insieme di componenti

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

Indice. BACK SCHOOL - Neck School - Bone School - Programmi di lavoro specifici per le patologie del rachide ISBN 88-7051-266-5

Indice. BACK SCHOOL - Neck School - Bone School - Programmi di lavoro specifici per le patologie del rachide ISBN 88-7051-266-5 Indice 1. Spondilolistesi Fattori che impediscono lo scivolamento... 1 Cause della spondilolistesi... 1 Spondilolistesi e sport... 2 Valutazione della spondilolistesi... 3 Evoluzione e trattamento della

Dettagli

Che cos'è la postura

Che cos'è la postura Che cos'è la postura Si può definire la Postura come il modo di stare in equilibrio del corpo umano.. Essa esprime una funzione relativa alle capacità del corpo d acquisire e mantenere tutte le posizioni,

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

CENTRO EUROPEO COLONNA VERTEBRALE - ITALIA Via Nastrucci 16/A 29100 Piacenza

CENTRO EUROPEO COLONNA VERTEBRALE - ITALIA Via Nastrucci 16/A 29100 Piacenza La scoliosi idiopatica Matteo Pennisi Viene definita come scoliosi una deviazione della colonna sul piano frontale maggiore di 10º Cobb associata a rotazione vertebrale (indice di strutturazione) in una

Dettagli

Figura 2. Corsetto Lionese. Figura 3. Il corsetto di Sibilla nella sua ultima evoluzione.

Figura 2. Corsetto Lionese. Figura 3. Il corsetto di Sibilla nella sua ultima evoluzione. Prescrizione e collaudo del corsetto secondo il concetto SpoRT (Symmetric Patientoriented Rigid Three-dimensional active): Sforzesco e Chêneau- Sibilla Negrini S, Marchini G, Merola G, Negrini Al, Parzini

Dettagli

La valutazione del paziente scoliotico: indice

La valutazione del paziente scoliotico: indice La valutazione del paziente scoliotico: indice Introduzione Capitolo 1: La valutazione clinica Paolo Giudici, Stefano Negrini, Paolo Sibilla Anamnesi Anamnesi familiare Anamnesi fisiologica Anamnesi patologica

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON PREVENZIONE E CURA DELLE ALTERAZIONI MUSCOLO-SCHELETRICHE NELL'ETA' EVOLUTIVA

IN COLLABORAZIONE CON PREVENZIONE E CURA DELLE ALTERAZIONI MUSCOLO-SCHELETRICHE NELL'ETA' EVOLUTIVA IN COLLABORAZIONE CON GUIDARE LA CRESCITA PREVENZIONE E CURA DELLE ALTERAZIONI MUSCOLO-SCHELETRICHE NELL'ETA' EVOLUTIVA Mercoledì 1 Febbraio 2012, ore 17.30 Aula Magna Istituto Stefanini - TREVISO GUIDARE

Dettagli

La scoliosi è una curva anomale del rachide su un sistema di coordinate tridimensionali e un fattore temporale. La scoliosi è una deformazione della colonna che può essere considerata benigna per le alterazioni

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

Indice Generalità sulla scoliosi Componenti biomeccaniche, neurofisiologiche e psicologiche nella rieducazione Basi funzionali della rieducazione

Indice Generalità sulla scoliosi Componenti biomeccaniche, neurofisiologiche e psicologiche nella rieducazione Basi funzionali della rieducazione Indice 1 Generalità sulla scoliosi... 1 1.1 Definizioni... 1.1 Scoliosi idiopatica maggiore... 1.2 Scoliosi idiopatica minore... 1.3 Atteggiamento scoliotico... 1 Fattori statici non posturali... 3 Fattori

Dettagli

EDUCAZIONE POSTURALE

EDUCAZIONE POSTURALE EDUCAZIONE POSTURALE Le statistiche dicono che 8 persone su 10 hanno sofferto o soffrono di mal di schiena; questo fenomeno è in aumento anche tra i giovani e le cause principali, sulle quali si può intervenire,

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

IL TRATTAMENTO ORTESICO NELLA MALATTIA OSTEOPOROTICA VERTEBRALE

IL TRATTAMENTO ORTESICO NELLA MALATTIA OSTEOPOROTICA VERTEBRALE IL TRATTAMENTO ORTESICO NELLA MALATTIA OSTEOPOROTICA VERTEBRALE Claudio Testi Corsetteria Ortopedica Dinamica TLM Gerenzano (VA) ORTESI VERTEBRALI Le ortesi sono dispositivi finalizzati al recupero di

Dettagli

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO SCOLIOSI? STOP AL BUSTO! DOLORE ALLA SPALLA? STOP ALL' INTERVENTO! DOLORE ALLA SCHIENA, ALLE SPALLE, TUNNEL CARPALE, ARTRITE ARTROSI DELLE PICCOLE E GRANDI ARTICOLAZIONI, LOMBALGIA, CERVICALGIA, DORSALGIA,

Dettagli

NOSTRA ESPERIENZA SUL TRATTAMENTO INCRUENTO DELLE SCOLIOSI: DIAGNOSI PRECOCE E SCREENING SCOLASTICO. di C. LA MAESTRA

NOSTRA ESPERIENZA SUL TRATTAMENTO INCRUENTO DELLE SCOLIOSI: DIAGNOSI PRECOCE E SCREENING SCOLASTICO. di C. LA MAESTRA Istituto Ortopedico del Mezzogiorno d'italia "F. Scalabrino" di Messina Direttore: Dott. Vincenzo Tedesco NOSTRA ESPERIENZA SUL TRATTAMENTO INCRUENTO DELLE SCOLIOSI: DIAGNOSI PRECOCE E SCREENING SCOLASTICO

Dettagli

PREMESSA ALL'EDIZIONE ITALIANA

PREMESSA ALL'EDIZIONE ITALIANA PREMESSA ALL'EDIZIONE ITALIANA Per molti anni, coloro che in Italia operano nel settore della riabilitazione medica hanno avuto notizia delle proposte e delle idee dei loro colleghi stranieri attraverso

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

DIZIONARIO DELLE PRINCIPALI PATOLOGIE DELLA SCHIENA

DIZIONARIO DELLE PRINCIPALI PATOLOGIE DELLA SCHIENA DIZIONARIO DELLE PRINCIPALI PATOLOGIE DELLA SCHIENA Nel primo articolo vi presento un sintetico e semplice dizionario delle parole chiave e delle patologie riguardanti la colonna. Un utile vademecum nel

Dettagli

CINESITERAPIA : TECNICHE

CINESITERAPIA : TECNICHE CINESITERAPIA : TECNICHE TRATTAMENTO CON SOLA RIEDUCAZIONE Atteggiamento scoliotico L'atteggiamento scoliotico è una cattiva posizione permanente; si instaura a poco a poco in un soggetto generalmente

Dettagli

LA SCOGLIOSI CENNI STORICI ED INTRODUZIONE

LA SCOGLIOSI CENNI STORICI ED INTRODUZIONE CENNI STORICI ED INTRODUZIONE LA SCOGLIOSI La scoliosi è una deformità riconosciuta e studiata fin dall'antichità. Una trattazione delle alterazioni strutturali tipiche della scoliosi viene prodotta già

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi

Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi LA SCOLIOSI: INFORMAZIONI PER I GENITORI Di cosa si tratta? Per scoliosi si intende la curvatura della colonna verso destra o verso sinistra. Di solito si manifesta nell'adolescenza, più spesso nelle femmine

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

Il corsetto Cheneau. Guida all uso

Il corsetto Cheneau. Guida all uso Il corsetto Cheneau Guida all uso Indice Istruzioni d uso iniziale per il corsetto tipo Cheneau La scoliosi Come notiamo la scoliosi? Il corsetto Cheneau Come indossare il corsetto? Quanta correzione Fino

Dettagli

PARAMORFISMI. (Lesur) Deviazioni in cui la colonna si presenta più o meno rigida (Zanoli) Semplici alterazioni funzionali, senza lesione strutturali.

PARAMORFISMI. (Lesur) Deviazioni in cui la colonna si presenta più o meno rigida (Zanoli) Semplici alterazioni funzionali, senza lesione strutturali. PARAMORFISMI Esistono molte definizioni dei paramorfismi tutte abbastanza valide: (Sorrentino) Complesso di abiti morfologici paranormali compresi tra i confini della normalità e della patologia; (Pivetta)

Dettagli

ESAME CLINICO DELLE SCOLIOSI

ESAME CLINICO DELLE SCOLIOSI ESAME CLINICO DELLE SCOLIOSI Questo esame permette di evidenziare la scoliosi e si effettua esaminando il paziente svestito e a piedi nudi in diverse posizioni. Esame del paziente in piedi Gli arti inferiori

Dettagli

Corso integrato di: Metodologia e tecniche della riabilitazione motoria speciale

Corso integrato di: Metodologia e tecniche della riabilitazione motoria speciale Corso integrato di: Metodologia e tecniche della riabilitazione motoria speciale INSEGNAMENTO Malattie dell apparato locomotore Docente: Antonio Ammendolia PROGRAMMA Collari cervicali Tutori e ortesi per

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

IPERCIFOSI DORSALE Giuseppe De Domenico (Laureato in Scienze Motorie e Sportive - Personal Trainer)

IPERCIFOSI DORSALE Giuseppe De Domenico (Laureato in Scienze Motorie e Sportive - Personal Trainer) IPERCIFOSI DORSALE Giuseppe De Domenico (Laureato in Scienze Motorie e Sportive - Personal Trainer) LA COLONNA VERTEBRALE La colonna vertebrale o rachide è una formazione osteo-artro-muscolare formata

Dettagli

I TRAUMI ALLA SCHIENA

I TRAUMI ALLA SCHIENA I TRAUMI ALLA SCHIENA La colonna vertebrale ( rachide ) è composta da 34-35 ossa corte, le vertebre. Si distinguono in 7 cervicali, 12 toraciche, 5 lombari, 5 sacrali (+3/4 coccigee) Funzioni Protezione

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

Alcuni esercizi per ridurre la curva di lordosi lombare e reidratare i dischi

Alcuni esercizi per ridurre la curva di lordosi lombare e reidratare i dischi Alcuni esercizi per ridurre la curva di lordosi lombare e reidratare i dischi ( A cura di Nascimben Andrea. Chinesiologo Master in Posturologia) Se la causa dei dolori vertebrali potrebbe essere generata

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

LA CHINESITERAPIA NEL TRATTAMENTO DI LOMBALGIE, LOMBOSCIATALGIE E LOMBOCRURALGIE CHE HANNO ORIGINE DA PROTRUSIONI DISCALI O ERNIAZIONI DISCALI

LA CHINESITERAPIA NEL TRATTAMENTO DI LOMBALGIE, LOMBOSCIATALGIE E LOMBOCRURALGIE CHE HANNO ORIGINE DA PROTRUSIONI DISCALI O ERNIAZIONI DISCALI LA CHINESITERAPIA NEL TRATTAMENTO DI LOMBALGIE, LOMBOSCIATALGIE E LOMBOCRURALGIE CHE HANNO ORIGINE DA PROTRUSIONI DISCALI O ERNIAZIONI DISCALI (articolo redatto da Damiano Francesconi*) 1. Cosa si intende

Dettagli

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE!

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE! MAL DI SCHIENA.. MAL NO DI GRAZIE! SCHIENA... NO GRAZIE! COME PREVENIRE E CURARE IL MAL DI SCHIENA E I DOLORI CERVICALI COME PREVENIRE E CURARE I DOLORI CERVICALI E IL MAL DI SCHIENA A.S.D. EFESO MION

Dettagli

Tabella 5: Manovre utili per l inquadramento clinico-funzionale del rachide e per un orientamento verso sospette patologie di specifico interesse

Tabella 5: Manovre utili per l inquadramento clinico-funzionale del rachide e per un orientamento verso sospette patologie di specifico interesse Tabella 5: Manovre utili per l inquadramento clinico-funzionale del rachide e per un orientamento verso sospette patologie di specifico interesse MODALITA DI ESECUZIONE PATOLOGIA SOSPETTABILE RITMO LOMBO-

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Colonna vertebrale. Colonna cervicale Colonna dorsale e lombare

Colonna vertebrale. Colonna cervicale Colonna dorsale e lombare Colonna vertebrale Colonna cervicale Colonna dorsale e lombare Colonna cervicale Collare anatomico bianco Art. No. 103-105 Sindrome cervicale Ipermobilità Problemi di carattere reumatico Eccessivo affaticamento

Dettagli

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE T.O. Francesco Mattogno ITOP Officine Ortopediche OBIETTIVI In FASE ACUTA: - Immobilizzare in modo efficace il tratto cervicale per

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA Gli Osteopati,i Fisioterapisti ed i Posturologi sono molto attenti riguardo la postura dei loro pazienti, consigliando loro come correggerla e come eseguire esercizi correttivi,

Dettagli

IL DOLORE LOMBARE DOTT. MARIO LONGO DIRETTORE U.O. ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OSPEDALE DI PAVULLO N.F. AZIENDA U.S.L. MODENA

IL DOLORE LOMBARE DOTT. MARIO LONGO DIRETTORE U.O. ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OSPEDALE DI PAVULLO N.F. AZIENDA U.S.L. MODENA IL DOLORE LOMBARE DOTT. MARIO LONGO DIRETTORE U.O. ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OSPEDALE DI PAVULLO N.F. AZIENDA U.S.L. MODENA CENNI STORICI Il dolore vertebrale ha sempre accompagnato l uomo sin dai tempi

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso C O M U N I C A T O S T A M P A Red! Edizioni presenta LA NECK SCHOOL UN PROGRAMMA COMPLETO PER PREVENIRE E CURARE LA CERVICALGIA di Benedetto Toso Collana: STD 041 Formato: 17x24 cm Pagine: 142 Prezzo:

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

Premessa. quando le alterazioni dello scheletro si sono ormai cronicizzate e e non possono essere modificate con la cinesiterapia.

Premessa. quando le alterazioni dello scheletro si sono ormai cronicizzate e e non possono essere modificate con la cinesiterapia. Premessa L Età evolutiva è caratterizzata da un continuo sviluppo corporeo, sia dal punto di vista osseo e della mobilità articolare, sia relativamente all ampliarsi ampliarsi dei tendini e dei muscoli.

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL MAL DI SCHIENA CENNI DI ERGONOMIA E DI RIABILITAZIONE POSTURALE

LA PREVENZIONE DEL MAL DI SCHIENA CENNI DI ERGONOMIA E DI RIABILITAZIONE POSTURALE LA PREVENZIONE DEL MAL DI SCHIENA CENNI DI ERGONOMIA E DI RIABILITAZIONE POSTURALE Dott. Innorta Giacomo Fisioterapista, Dottore Magistrale in Scienze Riabilitative 22/04/2013 Dott. Innorta Giacomo 1 Scopo

Dettagli

LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA

LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA UU.OO. Ortopedia e Traumatologia Direttore Prof.Biagio Moretti Azienda Ospedaliera Policlinico LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA Dott.ssa Angela

Dettagli

SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE

SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE DEFINIZIONE: LA SCOLIOSI (DISMORFISMO) E UNA DEVIAZIONE DELLA COLONNA NEI TRE PIANI DELLO SPAZIO. 1 sul piano frontale si manifesta con una deflessione

Dettagli

MAL DI SCHIENA l attività sportiva previene il mal di schiena?

MAL DI SCHIENA l attività sportiva previene il mal di schiena? MAL DI SCHIENA l attività sportiva previene il mal di schiena? Stretching Beneficio attività sportive: Rinforzo muscolare 1. RINFORZO MUSCOLARE (STABILITA ) 2. ALLUNGAMENTO E STRETCHING (FORZA E DISTRIBUZIONE

Dettagli

CENTRO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO

CENTRO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa, determinato da stress, traumi fisici ed emotivi, posture professionali scorrette ripetute e mantenute nel tempo, respirazione scorretta,

Dettagli

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA BENESSERE IN GRAVIDANZA La gravidanza è l evento più bello che una donna possa affrontare. Il lavoro corporeo in gravidanza rappresenta una sorta di viaggio, di esplorazione e riscoperta di sé. È occasione

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

1. INTRODUZIONE. Il rachide. Modello matematico del rachide. Influenza dell'assetto del bacino sulla deformazione nel piano sagittale

1. INTRODUZIONE. Il rachide. Modello matematico del rachide. Influenza dell'assetto del bacino sulla deformazione nel piano sagittale 1. INTRODUZIONE Il rachide Lo studio della colonna vertebrale risulta molto complesso, a causa della sua struttura e delle funzioni statiche e cinematiche che svolge. Il rachide è l'elemento che collega

Dettagli

spinometria formetric

spinometria formetric spinometria formetric veloce affidabile senza impiego di raggi X unica nel suo genere ANALISI POSTURALE E VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE Un ampio spettro applicativo Indicazioni cliniche La precisione

Dettagli

Le immagini mostrano delle radiografie della colonna vertebrale di persone con una scoliosi.

Le immagini mostrano delle radiografie della colonna vertebrale di persone con una scoliosi. L A S C O L I O S I Il trattamento della scoliosi è stato, da sempre, la massima sfida per l Educazione Fisica. Tutti i cinesiologi, nostri colleghi, che si sono occupati di Ginnastica Correttiva hanno

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

Il dolore vertebrale. Il dolore vertebrale. Il dolore vertebrale. Dolore da cause vertebrali: SPONDILOLISTESI E SPONDILOLISI. Dr.

Il dolore vertebrale. Il dolore vertebrale. Il dolore vertebrale. Dolore da cause vertebrali: SPONDILOLISTESI E SPONDILOLISI. Dr. U.O di Radiologia Ospedale Vittorio Emanuele Primario: Dott.C.Privitera Dr. Cristina Carboni Dolore da cause vertebrali: SPONDILOLISTESI E SPONDILOLISI Dal punto di vista clinico possono essere assenti

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli

MAL DI SCHIENA : TANTI MOTIVI PER UNA RIEDIZIONE

MAL DI SCHIENA : TANTI MOTIVI PER UNA RIEDIZIONE MAL DI SCHIENA : TANTI MOTIVI PER UNA RIEDIZIONE Il libro Mal di schiena - Prevenzione e terapia delle algie vertebrali è stato pubblicato per la prima volta nel 1991, aggiornato e ampliato nel 1994. Dal

Dettagli

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie Prima parte: la cervicale Per impostare un programma di lavoro che abbia la massima efficacia su una rachialgia dobbiamo

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

La Scoliosi. Aspetti clinici e trattamento

La Scoliosi. Aspetti clinici e trattamento La Scoliosi. Aspetti clinici e trattamento Dr.ssa Tiziana Greggi Responsabile della Struttura Semplice Dipartimentale Chirurgia delle deformità del rachide, Istituto Ortopedico Rizzoli Dicembre 2009 Indice

Dettagli

LA SCOLIOSI. Cenni storici. L'atteggiamento scoliotico

LA SCOLIOSI. Cenni storici. L'atteggiamento scoliotico LA SCOLIOSI La parola "scoliosi" deriva dal greco skolios (storto, contorto) e indica una deviazione laterale e una deformazione permanente della colonna vertebrale, fissata, non modificabile volontariamente,

Dettagli

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda PILATES E LOMBALGIA Bologna 19 Novembre 2011 Rosalisa Lapomarda PILATES: IL METODO PILATES RICHIEDE UN TOTALE IMPEGNO DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO INSIEME:ARMONIA. E UNA FORMA DI BENESSERE CHE

Dettagli

Patologie colonna. Cifosi. Esistono cifosi: Altri sintomi sono: La cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide.

Patologie colonna. Cifosi. Esistono cifosi: Altri sintomi sono: La cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide. Patologie colonna Cifosi La cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide. Esistono cifosi: posturali congenite (dalla nascita) idiopatiche (cuasa sconosciuta) acquisite

Dettagli

Parte I : principi generali e classificazione.

Parte I : principi generali e classificazione. Dott. Victor Rosso Resp. Centro Scoliosi Clinica Ortopedica e Traumatologica Università degli Studi di Torino Dir. Prof. P.Rossi Paramorfismi e dismorfismi vertebrali 1 parte: principi generali e classificazione

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

Cos'è la postura. Si può definire Postura il modo di stare in equilibrio del corpo umano in tutte le posizioni..

Cos'è la postura. Si può definire Postura il modo di stare in equilibrio del corpo umano in tutte le posizioni.. Cos'è la postura Si può definire Postura il modo di stare in equilibrio del corpo umano in tutte le posizioni.. L uomo, nella sua evoluzione, è passato dalla POSTURA di quadrupede a quella di Homo Erectus.

Dettagli

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE Docente: Giacomo Colzani 07 Aprile 2010 OBIETTIVI DELLA GIORNATA Identificare i criteri principali

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO La Sindrome dell EGRESSO TORACICO Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO Introduzione La Sindrome dell Egresso Toracico è una patologia che deriva dalla compressione di strutture nervose

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli