OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF"

Transcript

1 INFORMATIVA N NOVEMBRE 2013 ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF D.Lgs. n. 231/2007 In risposta ad alcuni quesiti circa l applicazione degli obblighi in materia di antiriciclaggio e di trasferimento del denaro contante, nonché delle relative modalità operative con riferimento a specifiche tipologie di operazioni riscontrabili nel settore contabile - tributario, sono stati recentemente forniti alla stampa specializzata (Italia Oggi) una serie di chiarimenti da parte del MEF, GdF e UIF. In particolare i chiarimenti riguardano: l identificazione del titolare effettivo nell ambito dell adeguata verifica della clientela; gli obblighi / esoneri di registrazione nell archivio unico delle informazioni raccolte; i principi da applicare nella rilevazione delle infrazioni in materia di limitazioni al trasferimento del denaro contante (prelevamento utili società di persone, finanziamento soci società di persone, pagamento stipendi a rate, ecc.).

2 IF n pagina 2 di 9 OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO Come noto, gli obblighi applicabili ai soggetti destinatari nella normativa antiriciclaggio contenuta nel D.Lgs. n. 231/2007, come modificato dal D.Lgs. n. 151/2009, possono essere così sintetizzati: 1. adeguata verifica della clientela. In sintesi con riferimento ai professionisti ex art. 12, D.Lgs. n. 231/2007 (dottori commercialisti, altri soggetti che svolgono attività in materia di contabilità e tributi, CAF, ecc.), l obbligo di adeguata verifica della clientela si estrinseca nell identificazione del cliente e del titolare effettivo, con un approccio dinamico basato su un controllo costante del rapporto; 2. tenuta dell archivio unico (informatico / cartaceo); 3. segnalazione delle operazioni sospette, da inoltrare in via telematica, all Unità di Informazione Finanziaria (UIF). Recentemente il MEF, GdF e UIF hanno fornito alla stampa specializzata (Italia Oggi) una serie di interessanti chiarimenti, di seguito riportati. I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF ATTIVITÀ DI ASSISTENZA PREDISPOSIZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE IMMOBILIARE CONTRATTI DI LOCAZIONE IMMOBILIARE E LIMITE DI APPLICAZIONE DELLA CONTINUAZIONE IN CASO DI IRREGOLARITÀ RIPETUTE OBBLIGHI RAFFORZATI DI ADEGUATA VERIFICA Con riferimento ai contratti di locazione è stato chiesto se l obbligo di registrazione della prestazione si realizza solo nel caso di redazione del contratto da parte del professionista o anche nell ipotesi di mera consulenza su specifiche clausole dello stesso. Il MEF ha chiarito che l assistenza fornita dal professionista al cliente proprietario dell immobile nella predisposizione e successiva stipulazione di un contratto di locazione immobiliare configura un attività di gestione di denaro, strumenti finanziari o altri beni ex art. 12, comma 1, lett. c), n. 2, D.Lgs. n. 231/2007. Conseguentemente, il professionista è tenuto ad osservare gli obblighi antiriciclaggio contenuti nel D.Lgs. n. 231/2007. Ai fini dell obbligo o meno della registrazione nell archivio dei contratti di locazione è stato chiesto se il limite di debba essere riferito all intera durata del contratto, in base alla tipologia contrattuale (4, 6 o 9 anni), all importo annuale o della singola rata. Il MEF ha evidenziato che il limite di a partire dal quale è necessario provvedere alla registrazione del contratto di locazione va riferito al canone mensile, ovvero periodico nel caso in cui sia concordata una diversa periodicità, così come risultante dal contratto di locazione. L art. 55, comma 4, D.Lgs. n. 231/2007 prevede in caso di omessa, tardiva o incompleta registrazione nell archivio l applicazione di una multa da a In caso di continuazione delle irregolarità, per le fattispecie penali, l art. 81, C.p. prevede la possibilità di applicare la violazione più grave aumentata fino al triplo. Sul punto il MEF ha precisato che tale beneficio non è automatico in quanto spetta al Giudice ravvisare o meno l esistenza del vincolo di continuazione. Qualora un cliente dichiari che il titolare effettivo sia una persona politicamente esposta (PEP), le misure rafforzate di adeguata verifica vanno adottate sia nei confronti di quest ultimo, che nei confronti del cliente stesso, poiché trattasi comunque di operazioni ad alto rischio.

3 IF n pagina 3 di 9 DOCUMENTI UTILIZZABILI PER L IDENTIFICAZIONE DEL CLIENTE COLLEGIO SINDACALE INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE In merito all identificazione del cliente è stata chiesta: 1. l indicazione dei documenti di riconoscimento validi per tale attività; 2. la sussistenza o meno dell obbligo di fotocopiare e conservare il documento utilizzato per l identificazione. Con riguardo al primo punto l art. 19, comma 1, lett. a), D.Lgs. n. 231/2007 prevede che l identificazione e la verifica dell identità del cliente e del titolare effettivo sia svolta sulla base di un documento d identità non scaduto rinviando all art. 3 dell allegato tecnico per l individuazione dei documenti validi (carta d identità, patente di guida, patente nautica, passaporto, porto d armi, tessere di riconoscimento, munite di fotografia, rilasciate da un Amministrazione dello Stato). Con riferimento al secondo punto l art. 36, comma 1, lett. a), D.Lgs. n. 231/2007 prevede che ai fini dell adeguata verifica della clientela è necessario conservare la copia o i riferimenti dei documenti richiesti. Sul punto il MEF sottolinea che nel caso in cui non sia possibile acquisire la (foto)copia del documento, la disposizione consente di acquisire gli estremi dello stesso ottemperando così all obbligo di conservazione. Ciò vale anche per tutti gli altri documenti comunque acquisiti per adempiere all obbligo in esame. È stato chiesto se nell ipotesi di un collegio sindacale incaricato della revisione legale, gli adempimenti relativi all adeguata verifica della clientela, alla registrazione dei dati nonché alla comunicazione delle violazioni al trasferimento in contante, gravano sul collegio sindacale, inteso quale organo, o su ciascuno dei relativi componenti. Ai sensi dell art. 12, comma 3-bis, D.Lgs. n. 231/2007, fermo restando l applicazione dei compiti di vigilanza e di comunicazione ex art. 52, D.Lgs. n. 231/2007, i componenti degli organi di controllo sono esonerati dai seguenti obblighi: adeguata verifica della clientela; registrazione nell archivio unico delle informazioni; segnalazione delle operazioni sospette. Con riferimento agli organi di controllo di soggetti destinatari della normativa antiriciclaggio, il MEF precisa che l applicazione dei compiti di vigilanza e di comunicazione ex art. 52, D.Lgs. n. 231/2007 riguarda ciascun componente (effettivo) dell organo di controllo, e non il collegio sindacale. Ciò trova conferma anche nell art. 55, comma 5, D.Lgs. n. 231/2007, in base al quale in caso di violazione di tale obbligo è prevista una sanzione di tipo penale (e quindi personale ). Il MEF evidenzia che tale disposto è confermato e ne risulta addirittura rafforzato per i sindaci di soggetti non destinatari della normativa antiriciclaggio, per i quali non opera la deroga contenuta nel citato comma 3-bis, tenuti singolarmente ad applicare gli obblighi di legge. Quanto sopra trova applicazione anche per le comunicazioni delle violazioni alle limitazioni all uso del contante ex art. 51, D.Lgs. n. 231/2007. Di conseguenza la comunicazione grava su ciascun componente (effettivo) del collegio sindacale (non è possibile un adempimento collegiale a mezzo del presidente). Anche in caso di verbalizzazione del dissenso di un componente, non è possibile escludere automaticamente la responsabilità dello stesso, da valutare caso per caso.

4 IF n pagina 4 di 9 TENUTA REGISTRO UNICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE DEI RELATIVI DATI PASSAGGIO DALL ARCHIVIO CARTACEO A QUELLO INFORMATICO O VICEVERSA ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO EX PRATICANTI DELLO STUDIO REGISTRAZIONE DEI DATI RELATIVI AL TITOLARE EFFETTIVO È stato chiesto se la possibilità di comunicare entro 3 giorni i dati registrati nel registro unico sia riferibile solo al caso di tenuta dell archivio in forma cartacea o anche al caso dell archivio informatico. Come previsto dall art. 37, D.Lgs. n. 231/2007, i destinatari della disciplina antiriciclaggio per rispettare gli obblighi di registrazione e conservazione delle informazioni acquisite devono tenere un archivio unico informatico (AUI) o, in alternativa, un Registro della clientela cartaceo. In quest ultimo caso, l art. 38, comma 4, D.Lgs. n. 231/2007 prevede che le informazioni registrate devono essere rese disponibili entro 3 giorni dalla richiesta. Il MEF conferma che tale termine è applicabile soltanto in caso di tenuta del registro cartaceo. Diversamente, l adozione dell archivio informatico garantisce l immediatezza delle informazioni. In caso di passaggio dall archivio cartaceo ad un archivio informatico o viceversa, oltre a conservare per un periodo di 10 anni l archivio già adottato (a decorrere dalla data dell ultima registrazione), il MEF precisa, con riferimento alle operazioni in corso (ad esempio, tenuta della contabilità, consulenza periodica in materia di bilancio), che è necessario inserire nel nuovo archivio tutti i dati necessari all adempimento dell obbligo di adeguata verifica, compresi i dati identificativi del cliente, nonché quelli relativi all operazione e alla prestazione professionale. In tal modo sarà possibile gestire eventuali aggiornamenti e/o modifiche. Per le operazioni che hanno già avuto esecuzione (ad esempio, gestione di un trasferimento di azienda) non sussiste il predetto obbligo di trascrizione. È stato chiarito che in caso di delega da parte di un professionista (tutor) all ex praticante, che rimane a lavorare per qualche mese/anno nello studio professionale (munito di partita IVA e remunerato dallo studio stesso), di alcune funzioni prevalentemente ricognitive (ad esempio, ricerca bibliografica su aspetti della questione, predisposizione di un parere su una fattispecie astratta prospettata) e la mera esecuzione di incarichi (ad esempio, tenuta di qualche contabilità), è il tutor stesso che deve porre in essere gli adempimenti antiriciclaggio, in quanto è lui che gestisce il rapporto con il cliente. È stata chiesta conferma della risposta data in occasione dell incontro tenuto il in base al quale in assenza delle disposizioni applicative dell art. 38, comma 7, D.Lgs. n. 231/2007 è sufficiente che il titolare effettivo sia individuato e identificato con conservazione dei dati nel fascicolo del cliente senza obbligo di registrazione nell archivio unico. Il MEF, confermando il chiarimento fornito il (Informativa SEAC , n. 126), sottolinea che in merito alle modalità di registrazione, trovano ancora applicazione le disposizioni contenute nel DM n. 141/2006. Di conseguenza, per le informazioni raccolte relativamente all identificazione del titolare effettivo, non sussiste ancora l obbligo di registrazione nell archivio unico. Tali informazioni vanno conservate nel fascicolo del cliente. Nel caso in cui il software utilizzato per la gestione dell archivio unico sia già aggiornato alle nuove disposizioni, è possibile comunque provvedere alla registrazione di tali informazioni.

5 IF n pagina 5 di 9 INDIVIDUAZIONE DEI TITOLARI EFFETTIVI DI UNA SOCIETÀ CON PIÙ SOCI CHE DETENGONO UNA PERCENTUALE SUPERIORE AL 25% INDIVIDUAZIONE DEL TITOLARE EFFETTIVO CONSULENZA A FAVORE DI PROVINCE, REGIONI O ALTRI ENTI PUBBLICI I RECENTI CHIARIMENTI DELLA GDF È stato chiesto di chiarire le modalità di individuazione del titolare effettivo di una società nel caso in cui più soci detengano una percentuale superiore al 25%. In particolare è stata proposta la seguente situazione: socio A: 51%; socio B: 30%; socio C: 19%. Il MEF evidenzia che, in caso di persona giuridica, il titolare effettivo è colui che che possiede direttamente o indirettamente una percentuale superiore al 25% del capitale sociale ex art. 2, dell allegato tecnico al D.Lgs. n. 231/2007. Conseguentemente nel caso di specie i titolari effettivi sono il socio A e B. Infatti, in base al citato art. 2, per titolare effettivo, nel caso di società, si intende la persona fisica o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedano o controllino un entità giuridica, attraverso il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale sufficiente delle partecipazioni al capitale sociale o dei diritti di voto in seno a tale entità giuridica, ; tale criterio si ritiene soddisfatto ove la percentuale corrisponda al 25 per cento più uno di partecipazione al capitale sociale. Nel caso in cui il controllo non sia attribuibile ad una persona fisica, il MEF sottolinea che è necessario risalire nella catena partecipativa nella società / socio al fine di individuare la persona fisica che esercita il controllo. È stato chiesto se nel caso in cui il titolare effettivo di una società sia facilmente identificabile lo stesso possa essere direttamente individuato dal professionista. Sul punto il MEF ha precisato che il titolare effettivo non può essere individuato autonomamente dal professionista, in quanto, l art. 21, D.Lgs. n. 231/2007 prevede in capo al cliente l obbligo di fornire tutte le informazioni necessarie per l individuazione del titolare effettivo. Ai sensi dell art. 25, comma 3, D.Lgs. n. 231/2007 non è prevista l identificazione e la verifica se il cliente è un Ufficio della pubblica amministrazione ovvero una istituzione o un organismo che svolge funzioni pubbliche conformemente al trattato sull Unione europea, ai trattati sulle Comunità europee o al diritto comunitario derivato. ATTIVITÀ DI CONTROLLO PER IL 2014 La GdF sottolinea che sarà mantenuto alto il livello di attenzione in materia di antiriciclaggio al fine di diversificare la platea degli operatori da sottoporre a interventi ispettivi, garantendo contestualmente un adeguata presenza ispettiva nei confronti di tutti i soggetti vigilati ex art. 53, commi 1, 2 e 3, D.Lgs. n. 231/2007. La GdF evidenzia il particolare interesse investigativo che possono rivestire i professionisti in quanto molti fenomeni illeciti potrebbero essere più compiutamente «esplorati» con la «collaborazione attiva» di tali categorie (ad esempio, infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto economico realizzate tramite operazioni immobiliari e societarie, episodi di riciclaggio internazionale effettuato con proventi derivanti dall evasione fiscale, fondi neri creati utilizzando fatture false, ecc.).

6 IF n pagina 6 di 9 CRITERI DI SELEZIONE DEI SOGGETTI DA CONTROLLARE NUMERO PROFESSIONISTI ISPEZIONATI PROFESSIONISTI IN REGOLA E IRREGOLARITÀ PIÙ FREQUENTI APPLICAZIONE DELLA CONTINUAZIONE IN CASO DI IRREGOLARITÀ RIPETUTE È stato evidenziato che le fonti che attivano l attività di controllo sono basate su diversi indici di anomalia e di pericolosità, tra cui: elementi conoscitivi in possesso del reparto, in base ai precedenti fiscali, penali e di polizia o di pregresse attività di polizia economica e finanziaria; richieste, attivazioni e segnalazioni provenienti da altri reparti del Corpo, Enti / organismi istituzionali; lavori a progetto dei reparti speciali che prendono spunto dalle esperienze di servizio dei reparti territoriali; irregolarità specifiche (anche segnalate dai singoli Ordini professionali). Nel periodo dal 2010 al mese di agosto 2013 sono stati effettuati complessivamente n. 283 ispezioni / controlli antiriciclaggio ex art. 53, D.Lgs. n. 231/2007, nei confronti dei professionisti. Per il 2012 sono stati effettuati n. 103 interventi in base ai quali sono stati accertati: n. 71 violazioni penali, di cui: - n. 40 violazione degli obblighi di registrazione dati; - n. 28 violazione agli obblighi di identificazione dei clienti; - n. 1 violazione per ipotesi di riciclaggio; - n. 1 trasferimento fraudolento di valori; - n. 1 falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico; n. 64 violazioni amministrative, tra le quali, in particolare: - n. 14 ipotesi di omesse segnalazioni di operazioni sospette; - n. 24 omessa istituzione registro della clientela; - n. 10 omessa comunicazione violazioni trasferimento denaro contante. Come sopra accennato l art. 55, comma 4, D.Lgs. n. 231/2007 prevede in caso di omessa, tardiva o incompleta registrazione nell archivio l applicazione di una multa da a In caso di continuazione delle irregolarità, per le fattispecie penali, l art. 81, C.p. prevede la possibilità di applicare la violazione più grave aumentata fino al triplo. Anche la GdF ha precisato che tale beneficio non è automatico in quanto spetta al Giudice ravvisare o meno l esistenza del vincolo di continuazione. I RECENTI CHIARIMENTI DELL UIF COLLEGIO SINDACALE INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE È stato chiesto di chiarire se in presenza di un collegio sindacale con funzione di revisione legale, l obbligo di segnalare l operazione sospetta grava sul collegio tramite il presidente o su ciascuno dei componenti. Innanzitutto l UIF evidenzia che il collegio sindacale, considerato quale organo, è esonerato dall obbligo di segnalazione delle operazioni sospette ex art. 41, D.Lgs. n. 231/2007, però, ai sensi dell art. 52, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 231/2007, il collegio sindacale di soggetti destinatari della normativa antiriciclaggio devono comunicare, senza ritardo, al titolare dell attività o al legale rappresentante o a un suo delegato, le infrazioni alle disposizioni di cui al citato art. 41 di cui hanno notizia. Diversamente, qualora il collegio sindacale sia incaricato della revisione legale i singoli componenti del collegio sono obbligati alla segnalazione all UIF delle operazioni sospette, poiché essendo revisori legali sono destinatari degli obblighi antiriciclaggio ex art. 13, D.Lgs. n. 231/2007.

7 IF n pagina 7 di 9 SEGNALAZIONE TELEMATICA VALIDITÀ DELLE INFORMAZIONI TRASMESSE DALL ORGANO NON INCARICATO DEL CONTROLLO CONTABILE INDICATORI DI ANOMALIA PER SINDACI/REVISORI O REVISORI UNICI DI SOCIETÀ NON QUOTATE INDICATORI DI ANOMALIA PER SOGGETTI ESERCENTI ATTIVTÀ DI MEDIAZIONE TERMINE DI PRESCRIZIONE DELL OBBLIGO DI SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE È stato evidenziato che, nell ambito della procedura telematica, l eventuale segnalazione all UIF di un operazione sospetta è inviata dal singolo revisore legale dei conti. Ai sensi dell art. 12, comma 3-bis, D.Lgs. n. 231/2007, gli organi di controllo della società non incaricati del controllo contabile, sono esonerati dagli obblighi di segnalazione delle operazioni sospette. È stato chiesto se in tal caso, eventuali segnalazioni sono rigettate dall UIF oppure costituiscono oggetto di analisi. L UIF ha precisato che le eventuali comunicazioni inviate dal collegio sindacale, ancorché non incaricato della revisione legale, sono tenute in considerazione nell ambito della propria attività. L art. 13, D.Lgs. n. 231/2007, così come modificato dal D.Lgs. n. 39/2010, distingue tra: a) revisori legali e società di revisione con incarichi di revisione su Enti di interesse pubblico; b) revisori legali e società di revisione senza incarichi sui medesimi. L UIF evidenzia che nei confronti dei primi vanno applicati gli indicatori di anomalia emanati dalla Banca d Italia con il Provvedimento , mentre nei confronti dei secondi vanno applicati gli indicatori individuati dal Ministero della Giustizia con il DM Ai sensi dell art. 10, D.Lgs. n. 231/2007, sono obbligati a segnalare le operazioni sospette anche i soggetti che svolgono attività di mediazione ex art. 60, Legge n. 69/2009. L UIF, dopo aver precisato che a causa della recente definizione del quadro normativo in materia di mediazione per tale categoria non sono stati ancora emanati appositi indicatori di anomalia utilizzabili per individuare le operazioni sospette, ha evidenziato che i mediatori possono trarre utili spunti : dal Decreto del Ministero dell Interno (aggiornato al ), emanato al fine di agevolare l'individuazione delle operazioni sospette per talune categorie di operatori non finanziari; dal Decreto del Ministero della Giustizia , emanato per i professionisti e i revisori legali. Dopo aver evidenziato che ai sensi dell art. 41, D.Lgs. n. 231/2007: le segnalazioni devono essere effettuate senza ritardo, ove possibile prima di eseguire l operazione, appena il soggetto tenuto alla segnalazione viene a conoscenza degli elementi di sospetto (comma 4); i soggetti tenuti all obbligo di segnalazione si astengono dal compiere l operazione finché non hanno effettuato la segnalazione, tranne che detta astensione non sia possibile tenuto conto della normale operatività, o possa ostacolare le indagini (comma 5); l UIF ha precisato che la previsione di un termine di prescrizione sarebbe fuorviante attesa la natura stessa di tale obbligo. Dal punto di vista sanzionatorio, in base alla Legge n. 689/81, il diritto alla riscossione della sanzione per omessa segnalazione di un operazione sospetta si prescrive in 5 anni dal giorno della violazione. La prescrizione è suscettibile di interruzione in base alle disposizioni contenute nel Codice civile.

8 IF n pagina 8 di 9 SEGNALAZIONI RELATIVE A CESSIONI DI QUOTE Come previsto dall art. 36, DL n. 112/2008, oltre ai notai anche altri intermediari abilitati (dottori commercialisti, ragionieri e periti commerciali) possono depositare presso il Registro delle Imprese il documento informatico rappresentativo del trasferimento di quote di srl. È stato evidenziato che, in tale ambito, tutti i soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio, che maturano un sospetto relativo al trasferimento di quote di srl, sono obbligati alla segnalazione all UIF. LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DEL DENARO CONTANTE Come noto, a seguito della riduzione del limite per i trasferimenti di denaro contante, a decorrere dal , non è possibile effettuare pagamenti tra soggetti diversi in un unica soluzione in contante di importo pari o superiore a I trasferimenti eccedenti tale limite vanno eseguiti tramite intermediari abilitati (banche, Poste, ecc.). La limitazione, così come previsto dall art. 49, D.Lgs. n. 231/2007, riguarda complessivamente il valore oggetto di trasferimento e si applica anche alle c.d. operazioni frazionate, ossia a quei pagamenti inferiori al limite che appaiono artificiosamente frazionati. Il frazionamento in più importi inferiori al limite è ammesso qualora sia previsto dalla prassi commerciale o da accordi contrattuali. I citati soggetti interessati al rispetto degli obblighi antiriciclaggio devono comunicare, entro 30 giorni, alla competente Ragioneria territoriale dello Stato le infrazioni circa l uso del contante delle quali hanno avuto cognizione. Relativamente al divieto in esame e ai relativi obblighi in capo ai destinatari della disciplina antiriciclaggio, il MEF ha fornito i seguenti chiarimenti. PRELEVAMENTI UTILI SOCIETÀ DI PERSONE PAGAMENTI DIVIDENDI SOCIETÀ DI CAPITALI FINANZIAMENTI SOCI SOCIETÀ DI PERSONE Sono stati chiesti chiarimenti circa la correttezza dei seguenti 3 comportamenti: 1. soci di società di persone che prelevano in contanti acconti di utili in rate mensili di importo inferiore ad (ad esempio, 12 rate da 800 per complessivi ); 2. corresponsione da parte di una società di capitali di dividendi in contanti in più rate (ad esempio, società con 4 soci che ha conseguito un utile pari ad che eroga a ciascun socio, a partire da maggio, l importo di suddiviso in 3 rate mensili di 900 cadauna); 3. soci di società di persone che erogano ogni 10/15 giorni finanziamenti in contanti alla società (ad esempio, ciascuno dei 2 soci eroga alla società, ogni 2 mesi, 6 finanziamenti in contanti di 800 cadauno per un importo complessivo pari ad 9.600). Il MEF, fornendo una risposta unitaria alle predette fattispecie, precisa che il divieto di effettuare operazioni frazionate è finalizzato a monitorare e circoscrivere quei fenomeni di aggiramento della normativa che limita la circolazione del denaro contante. Pertanto, l intento elusivo va escluso e quindi il frazionamento in più importi inferiori al limite è ammesso nel caso in cui lo stesso sia previsto dalla prassi commerciale (ad esempio, contratto di somministrazione) o da accordi contrattuali (scritti) stipulati prima dell effettuazione dei pagamenti. L Amministrazione pur in presenza di uno specifico accordo tra le parti, si riserva comunque la valutazione discrezionale, in base alla concreta sussistenza di un frazionamento artificioso.

9 IF n pagina 9 di 9 PAGAMENTO STIPENDI A RATE OPERAZIONI FRAZIONATE COLLEGIO SINDACALE NON INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE E COMUNICAZIONE VIOLAZIONI TRASFERIMENTO DENARO CONTANTE È stato chiesto se il datore di lavoro può pagare in contanti uno stipendio pari ad in 3 rate a distanza di 10 giorni l una dall altra. Al fine di prevenire fattispecie di illecito il MEF ha precisato che tale comportamento non è ammissibile, ancorché le rate siano inferiori al limite fissato dalla legge, fatta salva l ipotesi in cui dall accordo scritto dalle parti, se conforme alla contrattazione collettiva, nazionale e integrativa di categoria, risulti che il pagamento dello stipendio in più rate rappresenti una modalità tipica di adempimento. Con riguardo alle operazioni frazionate, l art. 1, comma 2, lett. m), D.Lgs. n. 231/2007 prevede un arco temporale certo (7 giorni) entro il quale un operazione può ritenersi unica. È stato chiesto se la predetta disposizione trovi applicazione anche per le operazioni in contanti (per il pagamento di una fattura in 5 rate è necessario, al fine di non configurare un indebito frazionamento, che fra una rata e l altra decorrano almeno 7 giorni?). Il MEF ha precisato che, come l accordo espresso tra le parti non è automaticamente idoneo ad escludere l artificiosità del frazionamento, anche l effettuazione delle transazioni finanziarie in un periodo pari o inferiore a 7 giorni non implica l artificiosità del frazionamento. Ciò che rileva è l emersione di un intento elusivo, rinvenibile dal complesso della documentazione e delle informazioni rilevanti nel caso specifico. Spetta ai soggetti destinatari della disciplina antiriciclaggio l onere di individuare eventuali elementi idonei a ricondurre una pluralità di operazioni ad unità. Va infatti verificato (caso per caso) l oggetto della prestazione al fine di accertare se i pagamenti plurimi rappresentano frazioni di unità, ancorché effettuati in un periodo superiore a 7 giorni, ovvero se rappresentano una pluralità di prestazioni. È stato evidenziato che i componenti del collegio sindacale, ancorché non incaricato del controllo legale dei conti, sono tenuti ad adempiere agli obblighi di vigilanza e di comunicazione ex art. 51, D.Lgs. n. 231/2007. Ciò in quanto ai sensi dell art. 12, comma 3-bis, D.Lgs. n. 231/2007 l esonero riguarda esclusivamente gli adempimenti di cui al Titolo II, capi I, II e III, ossia gli obblighi di adeguata verifica della clientela, di registrazione e di segnalazione delle operazioni sospette. Anche nel caso prospettato l obbligo della comunicazione alla competente Ragioneria territoriale dello Stato è imposto al singolo componente del collegio sindacale.

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76 ANTIRICICLAGGIO: NUOVI OBBLIGHI PER GLI STUDI PROFESSIONALI, RESPONSABILITA, SEGNALAZIONI, OPERAZIONI OLTRE SOGLIA, ISPEZIONI E CONTROLLI ALLA LUCE DELLA RECENTE CIRCOLARE G.d.F.. n. 83607/2012 Dott.ssa

Dettagli

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 324 26.11.2013 Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale Gli adempimenti previsti per gli organi di controllo Categoria: Antiriciclaggio

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Commissione Antiriciclaggio

Commissione Antiriciclaggio ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CASERTA ENTE PUBBLICO NON ECONOMICO CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE Commissione Antiriciclaggio Presidente Componenti

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Come cambia l antiriciclaggio

Come cambia l antiriciclaggio Come cambia l antiriciclaggio Chi sono i titolari effettivi? Chi è l esecutore e cosa deve essere inserito nell AUI Iside Srl Milano 20 settembre 2013 Avv. Sabrina Galmarini - Partner Il titolare effettivo

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 285 16 DICEMBRE 2011 ANTIRICICLAGGIO LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 12, commi 1 e 11, DL n. 201/2011 Artt.

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

Studi professionali: gli adempimenti antiriciclaggio I profili di incompatibilità nella professione. 26 novembre 2015. Antiriciclaggio.

Studi professionali: gli adempimenti antiriciclaggio I profili di incompatibilità nella professione. 26 novembre 2015. Antiriciclaggio. Casi e quesiti 1 Caso 1 La normativa antiriciclaggio è volta a prevenire e contrastare l utilizzo del sistema finanziario, di alcuni settori dell economia e dei professionisti a scopo di riciclaggio e

Dettagli

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 L Antiriciclaggio a cura di Salvatore Ruotolo 1 provvedimenti di Banca Italia 10 marzo 2011 in

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 44 25.11.2013 Adempimenti in materia di antiriciclaggio Adeguata verifica, registrazione e conservazione, formazione

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO (DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007 N. 231)

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO (DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007 N. 231) Filiale nr. Contratto nr. Richiedente e /Ragione Sociale Provincia di residenza o della sede legale Coobbligato (da non compilare in caso di persone fisiche) e del Legale Rappresentante/Esecutore* QUESTIONARIO

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE

ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI MODULISTICA ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE D. Lgs. 21.11.2007, n. 231 - D.M. 12.08.2008 - Chiarim. Mef 12.06.2008 al CNDCEC - Linee guida CNDCEC 8.09.2008 Sussiste in

Dettagli

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di L OBBLIGO DI ASTENSIONE Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di adeguata verifica della clientela, da svolgere alternativamente in modalità ordinaria, semplificata o rafforzata

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Vicenza. I Professionisti e l Antiriciclaggio norme, adempimenti e casi pratici

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Vicenza. I Professionisti e l Antiriciclaggio norme, adempimenti e casi pratici Commissione di Studio per l Antiriciclaggio Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Vicenza I Professionisti e l Antiriciclaggio norme, adempimenti e casi pratici 04-05.11.2011 Relatore:

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio

Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio A cura del dott. Alfonso Gargano 1 ANTIRICICLAGGIO LEGGE 197 DEL 5 LUGLIO 1991 DECRETO LEGISLATIVO 56 DEL 20 FEBBRAIO 2004 NORMATIVA DECRETO MINISTRERIALE 141 DEL

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio a cura di Antonio Gigliotti FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 15 Maggio 2012 Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio: le indagini della Guardia di Finanza Antiriciclaggio Varie Il

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Prot. 116098 Roma, 17 dicembre 2008 OGGETTO: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

LO STOP ALL USO DEL CONTANTE

LO STOP ALL USO DEL CONTANTE 2012 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt.

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 4 PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-2 25 Provvedimento Banca d Italia 21/12/2007 27 Circolare Ministero

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Quadro Antiriciclaggio Perché scegliere Quadro Gestione Antiriciclaggio? Quadro Antiriciclaggio aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Deroga al limite all utilizzo del denaro contante per gli acquisti effettuati da turisti stranieri. Disponibile la comunicazione di adesione alla disciplina Deroga al

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO NUOVI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO: INNALZAMENTO DELLA SOGLIA PER L USO DEL CONTANTE CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI RMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 ART. 12 D.L.

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

ALCUNI PROFILI DI CRITICITÀ

ALCUNI PROFILI DI CRITICITÀ CIRCOLARE N. 36/IR DEL 3 DICEMBRE 2013 RECENTI CHIARIMENTI SUGLI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO DEI PROFESSIONISTI: ALCUNI PROFILI DI CRITICITÀ SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Obblighi antiriciclaggio del collegio

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. Il 4 Novembre 2009 è entrato in vigore il decreto legislativo 151/2009

ANTIRICICLAGGIO. Il 4 Novembre 2009 è entrato in vigore il decreto legislativo 151/2009 ANTIRICICLAGGIO Il 4 Novembre 2009 è entrato in vigore il decreto legislativo 151/2009 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 256 del 3 novembre 2009 come Disposizioni integrative e correttive del decreto

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 9 del 28 GIUGNO 2006

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 9 del 28 GIUGNO 2006 STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 9 del 28 GIUGNO 2006 ANTIRICICLAGGIO - GLI INTERMEDIARI IMMOBILIARI Quanto descritto con circolare n. 8 relativamente ai professionisti, vale anche per gli agenti immobiliari,

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Legnano, 13/01/2016 Alle imprese assistite OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Uno degli interventi sicuramente più inaspettati della manovra per il 2016 riguarda l innalzamento della soglia

Dettagli

Obblighi di adeguata verifica della

Obblighi di adeguata verifica della Obblighi di adeguata verifica della clientela per la normativa antiriciclaggio Di Antonio Minervini L identificazione del cliente e del titolare effettivo LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 231/2007

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI di Laura Macci QUALI PROFESSIONISTI? Ai sensi dell art. 12 del D.Lgs. 231/2007 per professionisti si intendono: a) i soggetti iscritti nell albo

Dettagli

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni STUDIO BROELTDDDDDDDDDDDDDDD STUDIO BORLETTO Dott. Alfio Via Santa Maria 23 10060 SCALENGHE (TO) Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni 1 PREMESSA L

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo)

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Altalex.it In tema di segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio o di finanziamento

Dettagli

Il monitoraggio fiscale

Il monitoraggio fiscale Forum Banche e P.A. 2015 Il monitoraggio fiscale Roma, 23 novembre 2015 1 L art. 9 della legge 6 agosto 2013, n. 97 («legge europea 2013») ha profondamente modificato il sistema del cd. monitoraggio fiscale

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti

Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti Vantaggi dell utilizzo di un software standardizzato Fabio Roncarati Problematiche connesse alla normativa e

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO...2 AVVERTENZE...2 Introduzione normativa...2 Contenuti del rilascio...3 ADEGUAMENTO ARCHIVI (00006z)...3 ANTIRICICLAGGIO D.M. 141...3 Tabella Natura

Dettagli

Casi & Questioni La risposta ai quesiti più frequenti

Casi & Questioni La risposta ai quesiti più frequenti Casi & Questioni La risposta ai quesiti più frequenti N. 147 17.10.2014 F24: le nuove regole di invio dal 01.10.2014 Casi dubbi e possibili soluzioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: Modello F24 F24

Dettagli

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @ RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO (da compilare, sottoscrivere e inviare in originale a mezzo posta al CAF in Via Ontani 48, 36100 Vicenza, o a mezzo telefax al n. 0444-349 501 o via mail a vistoiva@cafinterregionale.it)

Dettagli

L utilizzo del denaro contante 6.12.2011 tra soggetti diversi pari o superiore a 1.000 eseguiti tramite intermediari abilitati complessivamente

L utilizzo del denaro contante 6.12.2011 tra soggetti diversi pari o superiore a 1.000 eseguiti tramite intermediari abilitati complessivamente Padova 16 dicembre 2011 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Circolare n. 22/2011 Ai Clienti dello Studio LORO SEDI Dott. Dario Fabris

Dettagli

Fortarezza Antonio - Revisione del 10/11/2010

Fortarezza Antonio - Revisione del 10/11/2010 * * PILLOLA 10: GLI INDICATORI DI ANOMALIA DI SOSPETTO DI RICICLAGGIO * * L art. 41, al comma 2, stabilisce che periodicamente devono essere emanati, su proposta della UIF, appositi indicatori di anomalia,

Dettagli

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012 A.FO.PROF.. Associazione Formazione Professionisti degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino, Ascoli Piceno e Fermo Corso di aggiornamento professionale Verso

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 6/2014 Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici INTRODUZIONE Per arginare il fenomeno dell antiriciclaggio è stato emesso il decreto legislativo del

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE

VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE COSA SI INTENDE PER AUTOCERTIFICAZIONE Con questo termine si intende un insieme di istituti i quali consentono al cittadino di sostituire la certificazione della pubblica

Dettagli

Le istruzioni operative fornite dalla GDF

Le istruzioni operative fornite dalla GDF Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale I controlli antiriciclaggio della GDF Le istruzioni operative fornite dalla GDF Categoria: Antiriciclaggio Sottocategoria: Varie Stanno continuando

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I)

SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I) SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I) DICHIARAZIONE DELL INTERMEDIARIO DI ASSICURAZIONE Io sottoscritto/a dichiaro che, in conformità

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano Antiriciclaggio A cura del dott. Alfonso Gargano 1 ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Normativa e modifiche apportate nel tempo L art. 12 del D.L. del 4 dicembre 2011 n. 201

Dettagli

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI Riepilogo delle sanzioni penali e amministrative nella nuova normativa

Dettagli

MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO D. LGS. 21.11.2007, N. 231 e succ. modificazioni) Obblighi di adeguata verifica della clientela.

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO 2 1. Finalita Il presente Codice di Comportamento viene emanato, ai sensi dell art. 114 comma 7 - del Testo Unico Finanziario e degli articoli 152-sexies,

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI CIRCOLARE N. 08 DEL 05/03/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI

Dettagli

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: Attività di vigilanza e controllo Sanzioni penali e amministrative (D.Lgs. 231/2007 come modificato (evidenziazione gialla) dal D.Lgs. 151/2009) Dispensa di aggiornamento professionale

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

La normativa antiriciclaggio e i professionisti

La normativa antiriciclaggio e i professionisti La normativa antiriciclaggio e i professionisti - Biella, 31 ottobre 2012 Luca Piovano dottore commercialista in Torino 2 Le fonti (nazionali) D.Lgs. 231/2007e s.m.i. Decreto del Ministero della Giustizia

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8 M.1 L'ANTIRICICLAGGIO Evoluzione normativa a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 ODV e ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO Gruppo di lavoro «il modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001» ODCEC Torino Torino, 14 aprile 2014 SOMMARIO 1.

Dettagli

D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa

D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa IL TESTO UNICO SULLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa AUTOCERTIFICAZIONI

Dettagli