Taglio cesareo: i dati epidemiologici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Taglio cesareo: i dati epidemiologici"

Transcript

1 Consiglio Sanitario Regionale 23 gennaio 2013 Taglio cesareo: i dati epidemiologici Monica Da Frè, Eleonora Fanti, Monia Puglia Fabio Voller, Francesco Cipriani Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana

2 Contesto demografico

3 Tasso di natalità (numero di nati per abitanti) - Toscana e Italia Anni ,6 9, ,1 9,1 8,5 7, ,1 8, Nati per abitant 2011 Fonte: elaborazioni ARS su dati ISTAT Toscana Italia

4 1,8 1,68 1,6 1,4 1,2 1,42 1,32 1,18 1,39 1,0 0,8 0,99 0,6 0,4 0,2 0,0 1,39 1, Tasso di fecondità totale (TFT) - Toscana e Italia - Anni Toscana Italia Fonte: elaborazioni ARS su dati ISTAT

5 Età media della madre al parto - Toscana e Italia - Anni ,0 31,6 31,0 30,4 31,3 30,0 29,0 29,7 28,0 27,5 27,0 27,3 26,0 25, Toscana Italia Fonte: elaborazioni ARS su dati ISTAT

6 Popolazione straniera residente al 31 dicembre Italia e Toscana Anni ,0 10,0 9,7 8,0 7,5 % 6,0 4,0 2,0 0,0 1,4 1, Fonte: elaborazioni ARS su dati ISTAT Toscana Italia

7 I parti in Toscana

8 Parti e nati vivi in Toscana Anni Parti Nati vivi Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

9 Percentuale di parti di donne "straniere PFPM" sul totale dei parti 30,0 25,0 23,7 24,3 24,9 20,0 15,0 10,0 9,7 11,4 12,8 13,2 15,0 16,4 18,0 20,2 21,6 5,0 0, Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

10 La nazionalità delle madri Anno 2011 Cina 19,1 Albania Romania 15,7 17,6 61,7% Marocco 9,3 Polonia 2,4 Perù Filippine 2,0 1,9 Senegal Nigeria 1,8 1,7 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

11 Età media al parto in Toscana 35 31,3 31,5 31,8 32,0 32,3 32,5 32,7 32,8 33,0 33,2 33, ,9 26,9 27,0 27,3 27,4 27,6 27,8 27,7 27,8 28,1 28, italiane straniere PFPM Fonte: Elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

12 Età al parto in Toscana 40,0 35,0 30,0 25,0 24,2 24,9 26,8 27,7 29,1 30,1 31,4 32,0 32,9 34,8 35,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 6,0 6,2 6,4 7,3 7,4 3,5 3,8 4,2 4,6 5,1 5, e + 40 e + Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

13 Parti plurimi ,0 4,0 3, ,3 1,3 1,4 1,3 1,1 1,3 1,3 1,3 1,5 1,6 1,7 2,0 1, valore assoluto % 0,0 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

14 Parti da Procreazione Medicalmente Assistita , ,0 3, ,1 1,0 1,7 1,4 1,8 1,8 1,8 2,0 2,4 2,1 2,4 2,0 1, valori assoluti % 0,0 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

15 Fattori associati con la gemellarità: : Età la proporzione parti gemellari aumenta all aumentare dell età della donna e questo si rileva anche se si considerano solo le gravidanze con concepimento naturale (cioè avvenute senza ricorrere alla PMA) 2,7 0,8 0,8 1,1 1,0 1,7 2,0 1,4 1,4 1,1 < e + totale naturale spiegabile con il fisiologico aumento dei livelli delle gonadotropine con l età Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

16 Presentazione del neonato nelle gravidanze singole Vertice 95,7 95,9 95,7 95,5 95,6 95,6 95,2 95,4 95,7 96,2 96,5 Podice 3,9 3,7 3,8 4,0 3,8 3,9 4,0 3,9 3,7 3,2 3,1 Spalla 0,08 0,14 0,17 0,20 0,23 0,20 0,23 0,21 0,18 0,21 0,10 Faccia 0,10 0,08 0,15 0,13 0,15 0,07 0,17 0,12 0,13 0,11 0,11 Fronte 0,06 0,05 0,05 0,06 0,04 0,05 0,04 0,06 0,03 0,06 0,03 Bregma 0,15 0,14 0,14 0,19 0,17 0,19 0,36 0,27 0,27 0,20 0,24 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

17 Il parto cesareo

18 Il parto cesareo in Europa Fonte: European Perinatal Health Report, dicembre 2008

19 Il parto cesareo in Italia

20 Il parto cesareo in Toscana 35,0 30,0 26,1 27,5 26,6 27,5 26,8 27,0 28,0 27,5 27,4 27,1 26,0 25,0 20,0 21,4 22,9 20,6 22,2 21,3 21,1 22,7 21,5 21,1 21,1 19,6 15,0 10,0 5,0 0, TC TC depurato TC depurato: proporzione calcolata sulle gravidanze singole, a termine, da madre primipara e presentazione fetale vertice Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

21 Il parto cesareo per età e cittadinanza Anni < e + Italiana Straniera Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

22 Classe Robson I Robson II Robson III Robson IV Robson V Robson VI Robson VII Robson VIII Robson IX Robson X Descrizione nullipare, parto a termine, travaglio spontaneo, feto singolo, presentazione cefalica nullipare, parto a termine, travaglio indotto o tc prima del travaglio, feto singolo, presentazione cefalica pluripare, parto a termine, travaglio spontaneo, feto singolo, presentazione cefalica, no parto TC pregresso pluripare, parto a termine, travaglio indotto o tc prima del travaglio, feto singolo, presentazione cefalica, no parto TC pregresso pregresso TC, parto a termine, feto singolo, presentazione cefalica nullipare, feto singolo, presentazione podalica pluripare, feto singolo, presentazione podalica gravidanze multiple feto singolo, presentazione anomala - non cefalica e non podalica feto singolo, presentazione cefalica, pretermine

23 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 Distribuzione dei parti e dei parti cesarei 31,9 10,0 per Classe di Robson Anno 2011 Parto a termine, travaglio spontaneo, feto singolo, presentazione cefalica 14,9 24,0 27,5 2,3 29,0 7,7 8,8 7,3 7,1 I II III IV V VI VII VIII IX X Distribuzione % dei parti Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto Parto a termine, travaglio indotto o TC prima del travaglio, feto singolo, presentazione cefalica Pregresso TC, parto a termine, feto singolo, presentazione cefalica Gravidanze plurime 2,0 1,1 4,0 1,8 6,0 Distribuzione % parti cesarei Feto singolo, presentazione podalica 0,1 0,5 4,9 9,2 Feto singolo, pres. anomala Feto singolo, pres. Cefalica, pretermine

24 Diagnosi principale alla dimissione Analisi SDO: DRG Anno 2011 Anomalie degli organi e dei tessuti molli della pelvi Pregresso parto cesareo complicante la gravidanza, il parto e il puerperio, parto con o senza menzione della condizione antepartum Posizione e presentazione anomale del feto Presentazione podalica senza menzione di rivolgimento, parto con o senza menzione della condizione antepartum Altre indicazioni per l assistenza o l intervento relative al travaglio e al parto, non classificate altrove Anomalie del battito o della frequenza cardiaca del feto,parto con o senza menzione della condizione antepartum Mancata induzione medica o non specificata, parto con o senza menzione della condizione antepartum Altri problemi fetali e placentari che interferiscono con il trattamento della madre Sofferenza fetale, parto con o senza menzione della condizione antepartum Travaglio ostacolato Arresto profondo in posizione trasversa e posizione occipitoposteriore persistente durante il travaglio e il parto, parto con o senza menzione delle condizioni antepartum N % 30,2 28,9 13,7 10,8 10,5 6,1 3,6 7,0 4,1 6,3 2,5 658 Altri problemi collegati alla cavità amniotica e alle membrane 366 4, Rottura prematura delle membrane, parto con o senza menzione della condizione antepartum 236 2,9 651 Gravidanza multipla 320 4, Gravidanza gemellare, parto con o senza menzione della condizione antepartum 310 3,9

25 % dei parti cesarei per Classe di Robson Anno ,3 94,7 92,6 84,5 85, ,5 47, , ,9 2,1 I II III IV V VI VII VIII IX X Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

26 % taglio cesareo per punto nascita Anno Robson I: nullipare, parto a termine, travaglio spontaneo, feto singolo, presentazione cefalica % cesareo % cesareo Numero di parti Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto Numero di parti Robson III: pluripare, parto a termine, travaglio spontaneo, feto singolo, presentazione cefalica, no pregresso TC

27 % taglio cesareo per punto nascita Anno Robson II: nullipare, parto a termine, travaglio indotto o TC prima del travaglio, feto singolo, presentazione cefalica % cesareo Numero di parti 90 % cesareo Robson IV: pluripare, parto a termine, travaglio indotto o TC prima del travaglio, feto singolo, presentazione cefalica, no pregresso TC Numero di parti Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

28 % taglio cesareo per punto nascita Anno 2011 Robson V: pregresso TC, parto a termine, feto singolo, presentazione cefalica % cesareo Numero parti Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

29 % taglio cesareo nelle gravidanze gemellari ,7 77,4 76,3 87,4 86,7 86,8 86,7 86,8 83,5 80,4 82,1 79,0 79,0 82,0 80,6 79,2 78,0 78,1 89,8 90,3 91,4 85,1 84,4 84,4 82,9 81,7 81, Totale PMA no PMA Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto

30 Conclusioni È presente una variabilità tra punti nascita nell incidenza di taglio cesareo Limiti: le classi di Robson non considerano condizioni cliniche come diabete, ipertensione, distacco di placenta, oligoidramnios, polidramnios, IUGR, condizioni fetali non rassicuranti.

31 Esiti neonatali

32 Analisi sui ricoveri neonatali Obiettivo: valutare la differenza in alcuni esiti neonatali tra i bambini nati con parto cesareo e quelli nati con parto vaginale per classe di Robson. Popolazione: nati vivi degli anni del Certificato di assistenza al parto (CAP) e sono stati linkati con la SDO considerando i ricoveri avvenuti tra 0 e 28 giorni. La procedura di record linkage ha avuto esito positivo per bambini su (93,7%). In totale sono stati rilevati ricoveri relativi ai bambini. Le analisi saranno quindi effettuate su bambini per un totale di ricoveri. Gli esiti considerati sono: mortalità neonatale proporzione di neonati con più di un ricovero in epica neonatale proporzione di neonati ricoverati in terapia intensiva neonatale durata media delle degenze proporzione di ricoveri con DRG diverso da 391 (neonato normale) proporzione di ricoveri con ICD9-CM appartenente al gruppo 15 (alcune condizioni morbose di origine neonatale)

33 Numero e proporzione di bambini deceduti durante il ricovero nei primi 28 gg di vita Robson Numero deceduti Vaginale Cesareo Decessi per nati vivi Vaginale Cesareo 0,4 0,7 0,6 0,9 0,6 0,0 0,7 2,1 0,8 0,7 153,8 2,1 56,6 5,8 21,0 11,7 0,0 11,0 18,9 18,4 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto e Schede di Dimissione Ospedaliera

34 Numero e proporzione di bambini con più di un ricovero nei primi 28 gg di vita per classe di Robson e modalità del parto Robson Numero Vaginale Cesareo Proporzione Vaginale Cesareo 3,3 3,1 3,8 3,7 3,6 5,1 3,9 4,8 3,9 3,7 3,8 5,4 9,4 6,3 5,1 9,1 4,3 5,0 9,6 12,9 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto e Schede di Dimissione Ospedaliera

35 Numero e proporzione di bambini ricoverati in Terapia Intensiva Neonatale per classe di Robson e modalità del parto Numero Proporzione Robson Vaginale Cesareo Vaginale Cesareo ,0 2, ,8 2, ,9 2, ,1 4, ,9 1, ,8 7, ,3 9, ,8 22, ,0 10, ,4 39,3 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto e Schede di Dimissione Ospedaliera

36 Durata delle degenze dei ricoveri ordinari per classe di Robson e modalità del parto Vaginale Cesareo Robson N mean sd N mean sd ,3 2, ,4 4, ,6 3, ,7 4, ,1 3, ,5 4, ,3 3, ,8 5, ,2 2, ,1 3, ,1 23, ,9 12, ,0 16, ,3 12, ,7 14, ,5 18, ,3 1, ,2 16, ,0 16, ,6 20,9 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto e Schede di Dimissione Ospedaliera

37 Numero e proporzione di bambini ricoverati con DRG diverso da 391 (neonato normale) per classe di Robson e modalità del parto Robson Vaginale Numero Cesareo Proporzione Vaginale Cesareo ,7 21, ,5 24, ,4 27, ,4 25, ,5 19, ,3 31, ,0 34, ,9 76, ,2 36, ,0 90,4 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto e Schede di Dimissione Ospedaliera

38 Numero e proporzione di bambini ricoverati con diagnosi principale alla dimissione appartenente al gruppo 15 (alcune condizioni morbose di origine neonatale) per classe di Robson e modalità del parto Numero Proporzione Robson Vaginale Cesareo Vaginale Cesareo ,8 2, ,9 3, ,9 2, ,4 4, ,4 2, ,1 6, ,2 7, ,0 17, ,2 6, ,0 26,8 Fonte: elaborazioni ARS su Certificato di Assistenza al Parto e Schede di Dimissione Ospedaliera

39 Conclusioni Gli oucomes peggiori che si sono registrati per i nati da parto cesareo nelle prime cinque classi di Robson sono sicuramente legati a condizioni perinatali che hanno portato al parto cesareo. Il TC risulta un marker di gravità delle condizioni del neonato e non la causa degli outcome avversi.

40 Grazie per l attenzione!

I nati. Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti Osservatorio di Epidemiologia

I nati. Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti Osservatorio di Epidemiologia I nati Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti Osservatorio di Epidemiologia monica.dafre@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della Toscana Convegno La salute dei bambini e dei ragazzi in Toscana

Dettagli

DAL CONCEPIMENTO AL PARTO: I DATI EPIDEMIOLOGICI

DAL CONCEPIMENTO AL PARTO: I DATI EPIDEMIOLOGICI DAL CONCEPIMENTO AL PARTO: I DATI EPIDEMIOLOGICI Eleonora Fanti, Monia Puglia, Valeria Dubini ARS Toscana, Azienda USL Toscana Centro Gravidanza e nascita in Toscana: dati di salute materno-infantile -

Dettagli

12 a Conferenza Nazionale GIMBE Per una sanità al centro dell agenda politica

12 a Conferenza Nazionale GIMBE Per una sanità al centro dell agenda politica 12 a Conferenza Nazionale GIMBE Per una sanità al centro dell agenda politica Bologna, 3 marzo 2017 Ridurre il tasso di tagli cesarei: efficacia di una strategia multifattoriale Denise Rinaldo ASST Bergamo

Dettagli

il trend degli ultimi 10 anni

il trend degli ultimi 10 anni Gli aspetti epidemiologici della gravidanza e del parto in Toscana: il trend degli ultimi 10 anni Pisa, 8 aprile 2011 Fabio Voller, Veronica Casotto, Monia Puglia, Monica Da Frè Settore Epidemiologia dei

Dettagli

Le gravidanze gemellari rappresentano l'1-2% di tutte le gravidanze. Per due terzi sono dizigotiche e per un terzo monozigotiche.

Le gravidanze gemellari rappresentano l'1-2% di tutte le gravidanze. Per due terzi sono dizigotiche e per un terzo monozigotiche. Le gravidanze gemellari rappresentano l'1-2% di tutte le gravidanze. Per due terzi sono dizigotiche e per un terzo monozigotiche. Tutti i gemelli dizigoti ed un terzo dei monozigoti sono bicoriali. Perciò,

Dettagli

- Valutare la qualità delle cure: come, quando, perché - Strumenti informativi e analisi dei dati: il CeDAP

- Valutare la qualità delle cure: come, quando, perché - Strumenti informativi e analisi dei dati: il CeDAP Il percorso nascita nell ASL di Lecco tra territorio e ospedale 13 dicembre 2014 Indicatori di salute e percorso nascita - Valutare la qualità delle cure: come, quando, perché - Strumenti informativi e

Dettagli

Il neonato late preterm

Il neonato late preterm Bologna 8 novembre 2010 Il neonato late preterm Dante Baronciani, Enrica Perrone 1 WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health near term or late preterm

Dettagli

Tab. 1 - Nati per genere del parto e anno. Anni Valori assoluti e percentuali.

Tab. 1 - Nati per genere del parto e anno. Anni Valori assoluti e percentuali. Tab. - Nati per genere del e anno. Anni 2005-2008. Valori assoluti e percentuali. genere del 2005 2006 2007 2008 plurimo 69 2,23 87 2,56 836 2,55 883 2,66 semplice 30.322 97,77 3.057 97,44 3.947 97,45

Dettagli

7.1.2 IL CASO DEL CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

7.1.2 IL CASO DEL CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO 7.1.2 IL CASO DEL CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 16 luglio 2001, n.349 Regolamento recante: "Modificazioni al certificato di assistenza al parto, per la rilevazione dei

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell evento Parto

Valutazione epidemiologica dell evento Parto Valutazione epidemiologica dell evento Parto Maurizio Saporito 11 Corso di epidemiologia perinatale Nascere in Campania: riflessioni in termini di appropiatezza Napoli, 11 dicembre 212 argomenti Caratteristiche

Dettagli

La popolazione immigrata

La popolazione immigrata La popolazione immigrata PFPM: paesi a forte pressione migratoria (America Centrale, America del Sud, Africa, Europa Orientale, Asia ad eccezione di Giappone e Israele) PSA: paesi a sviluppo avanzato (America

Dettagli

Rapporto sulla Natalità

Rapporto sulla Natalità REGIONE CAMPANIA Azienda Sanitaria Locale NAPOLI 3 Rapporto sulla Natalità nella Azienda Sanitaria Locale Napoli 3 Anno 2005 A cura di: M.G. PELLICCIA* - F. PELUSO** - ANTONIETTA DI FRONZO*** *Referente

Dettagli

L OFFERTA DELL INDUZIONE DI TRAVAGLIO

L OFFERTA DELL INDUZIONE DI TRAVAGLIO L OFFERTA DELL INDUZIONE DI TRAVAGLIO Dott.ssa Marinella Lenzi U.O. Ostetricia e Ginecologia Maternità AUSL Bologna Direttore Dott.G.Scagliarini Induzione le evidenze Induzione le evidenze Cochrane ( 15/04/2013

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Flori Degrassi Direzione Salute e Integrazione Socio Sanitaria Sala Liri, Regione Lazio, 21 novembre 2014

Flori Degrassi Direzione Salute e Integrazione Socio Sanitaria Sala Liri, Regione Lazio, 21 novembre 2014 Le politiche per ridurre le nascite premature in Lazio Flori Degrassi Direzione Salute e Integrazione Socio Sanitaria Sala Liri, Regione Lazio, 21 novembre 2014 Epidemiologia delle nascite pretermine (I)

Dettagli

La Gravidanza a basso, medio e alto rischio: a chi la gestione? Rosa Ariviello Direttivo A.G.E.O. Clinica RUESCH - Napoli

La Gravidanza a basso, medio e alto rischio: a chi la gestione? Rosa Ariviello Direttivo A.G.E.O. Clinica RUESCH - Napoli La Gravidanza a basso, medio e alto rischio: a chi la gestione? Rosa Ariviello Direttivo A.G.E.O. Clinica RUESCH - Napoli DEFINIZIONE Sono definite a rischio quelle gravidanze nelle quali esistono condizioni

Dettagli

L assistenza in gravidanza nella popolazione straniera della Toscana

L assistenza in gravidanza nella popolazione straniera della Toscana L assistenza in gravidanza nella popolazione straniera della Toscana Eleonora Fanti Osservatorio di Epidemiologia eleonora.fanti@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della Toscana XXXVII Congresso

Dettagli

La salute degli immigrati: un linguaggio comune per parlarne La salute materno-infantile

La salute degli immigrati: un linguaggio comune per parlarne La salute materno-infantile La salute degli immigrati: un linguaggio comune per parlarne La salute materno-infantile Silvia Candela, Unità Epidemiologia Azienda USL Reggio Emilia Silvia Casagrande, Laziosanità Agenzia di Sanità Pubblica

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO IL PERCORSO NASCITA IN PROVINCIA DI BOLZANO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO IL PERCORSO NASCITA IN PROVINCIA DI BOLZANO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO IL PERCORSO NASCITA IN PROVINCIA DI BOLZANO Novembre 2006 IL PERCORSO NASCITA IN PROVINCIA DI BOLZANO Novembre, 2006 Copie disponibili presso: Osservatorio Epidemiologico Provinciale

Dettagli

PERCORSI ED ESITI DELLA GRAVIDANZA

PERCORSI ED ESITI DELLA GRAVIDANZA REGIONE PIEMONTE - A.S.L. NO PERCORSI ED ESITI DELLA GRAVIDANZA Informazioni dai Certificati di Assistenza al Parto (CeDAP) A cura di Maria Chiara Antoniotti ASL NO Servizio Sovrazonale di Epidemiologia

Dettagli

Le gravidanze a termine e il neonato

Le gravidanze a termine e il neonato Le gravidanze a termine e il neonato Dai dati alle politiche: la salute della immigrati in Emilia-Romagna e a Reggio Emilia 25 ottobre 2011 Nicola Caranci Agenzia sanitaria e sociale regionale Premessa

Dettagli

CONTROLLO BENESSERE FETALE E MODALITA DI PARTO NELLE GRAVIDANZE PMA

CONTROLLO BENESSERE FETALE E MODALITA DI PARTO NELLE GRAVIDANZE PMA 11-12 Aprile 2014 CONTROLLO BENESSERE FETALE E MODALITA DI PARTO NELLE GRAVIDANZE PMA Dott.ssa Elisa Maroni POPOLAZIONE OSTETRICA & PMA Maggiore età materna Maggiore età materna alla prima gravidanza Frequente

Dettagli

Immigrazione, gravidanza e parto

Immigrazione, gravidanza e parto 9 febbraio 2013 Immigrazione, gravidanza e parto Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti, Fabio Voller Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di epidemiologia Agenzia Regionale

Dettagli

Il rapporto nascita: nati nel 2010

Il rapporto nascita: nati nel 2010 Bologna 25 novembre 2011 Il rapporto nascita: nati nel 2010 Enrica Perrone, Dante Baronciani 1 WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health qualche buona

Dettagli

Il rapporto nascita in Emilia Romagna

Il rapporto nascita in Emilia Romagna AOGOI Congresso Regionale Rimini 23-25 marzo 2011 Il rapporto nascita in Emilia Romagna Dante Baronciani, Enrica Perrone 1 WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive

Dettagli

LE MODIFICHE PREVISTE PER IL 2007

LE MODIFICHE PREVISTE PER IL 2007 CedAP e Sistema informativo perinatale Maggio 2006 LE NOVITA DEL FLUSSO INFORMATIVO CEDAP: LE MODIFICHE PREVISTE PER IL 2007 Camilla Lupi Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali Criticità

Dettagli

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann Percorso nascita in CLINICA MANGIAGALLI - Milano Schede di Dimissione Ospedaliera e del Certificato di Assistenza al Parto 2009 e 2010 DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO

Dettagli

Parti e nascite in Sardegna

Parti e nascite in Sardegna Assessorato Sanità - Sistema informativo e Osservatorio epidemiologico Parti e nascite in Sardegna Informazioni di carattere generale Parti e nascite in Sardegna Informazioni di carattere generale Le informazioni

Dettagli

NASCERE IN TOSCANA - ANNI

NASCERE IN TOSCANA - ANNI Sede Legale Villa Fabbricotti Via Vittorio Emanuele II, 64 50134 Firenze Osservatori Viale G. Milton, 7 50129 Firenze Epidemiologia osservatorio.epidemiologia@arsanita.toscana.it Qualità osservatorio.qualita@arsanita.toscana.it

Dettagli

INDICATORI DELLA SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA RELATIVA AI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP): ANNI

INDICATORI DELLA SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA RELATIVA AI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP): ANNI INDICATORI DELLA SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA RELATIVA AI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP): ANNI 2007-2012 A cura di: Dr.ssa M. L. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U.O.C. Osservatorio

Dettagli

APPROPRIATEZZA DEL TAGLIO CESAREO L Audit Clinico. G C DI RENZO, Perugia

APPROPRIATEZZA DEL TAGLIO CESAREO L Audit Clinico. G C DI RENZO, Perugia APPROPRIATEZZA DEL TAGLIO CESAREO L Audit Clinico G C DI RENZO, Perugia Scopo della Presentazione Illustrare l importanza della raccolta ed analisi critica dei dati per l individuazione di strategie volte

Dettagli

Potenzialità e criticità dei dati della statistica ufficiale. Alessandra Burgio, ISTAT

Potenzialità e criticità dei dati della statistica ufficiale. Alessandra Burgio, ISTAT Potenzialità e criticità dei dati della statistica ufficiale Alessandra Burgio, ISTAT burgio@istat.it Reggio Emilia, 25 ottobre 2011 Background L OBIETTIVO Costruire misure di occorrenza (tassi o rapporti)

Dettagli

Schede indicatori socio-sanitari territoriali Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna

Schede indicatori socio-sanitari territoriali Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna Schede indicatori socio-sanitari Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna Valutazione dell efficacia sanitaria delle attività Percentuale di ricoveri con degenza superiore

Dettagli

LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE

LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE A cura di Veronica Casotto Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di Epidemiologia ARS Toscana e Franca Rusconi Estratto dalla Relazione sanitaria

Dettagli

Certificato di assistenza al parto (CEDAP) dell evento nascita. ASL MI 1 Analisi dell evento nascita

Certificato di assistenza al parto (CEDAP) dell evento nascita. ASL MI 1 Analisi dell evento nascita Certificato di assistenza al parto (CEDAP) Analisi dell evento nascita RAPPORTO 2012 1 COLOPHON / AUTHORSHIP Il documento è stato redatto da Laura Andreoni e Antonio Russo ASL della Provincia di Milano

Dettagli

Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia

Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia Servizio di Epidemiologia Direzione Centrale di Salute, Integrazione Socio Sanitaria e Politiche Sociali Aspetti Demografici del Friuli Venezia Giulia Silvia

Dettagli

I PARTI CESAREI IN ITALIA

I PARTI CESAREI IN ITALIA I PARTI CESAREI IN ITALIA Andamenti e variabilità regionale Angela Spinelli Reparto di Indagini Campionarie di Popolazione ANDAMENTO DEI PARTI CON TAGLIO CESAREO IN ITALIA, 98-2 35 3 25 2 5 5 8 8 82 83

Dettagli

La nascita in Emilia-Romagna nel 2009 Bologna, I tagli cesarei. Vittorio Basevi, Paolo Accorsi

La nascita in Emilia-Romagna nel 2009 Bologna, I tagli cesarei. Vittorio Basevi, Paolo Accorsi La nascita in Emilia-Romagna nel 2009 Bologna, 08.11.10 I tagli cesarei Vittorio Basevi, Paolo Accorsi 1 Contenuto della presentazione 1. Il ricorso al taglio cesareo nel contesto internazionale e italiano

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 1946 DEL 30.1.2001 OGGETTO: LINEE GUIDA PER LA CODIFICA DELLE INFORMAZIONI CLINICHE RILEVATE ATTRAVERSO LA SCHEDA DI DIMISSIONE OSPEDALIERA IN OSTETRICIA. MODIFICA

Dettagli

La valutazione del percorso nascita come strumento di governance

La valutazione del percorso nascita come strumento di governance La valutazione del percorso nascita come strumento di governance Manila Bonciani, Barbara Lupi Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Valutazione e governance La raccolta sistematica

Dettagli

Strutture familiari, comportamento riproduttivo e natalità in Emilia Romagna. 14 marzo 2011

Strutture familiari, comportamento riproduttivo e natalità in Emilia Romagna. 14 marzo 2011 Strutture familiari, comportamento riproduttivo e natalità in Emilia Romagna. 14 marzo 2011 Il comportamento riproduttivo: dati per contemporanei In questa prima parte del seminario si propongono informazioni

Dettagli

CONVEGNO GRAVIDANZA, PARTO E ALLATTAMENTO: I DATI DEL TERRITORIO

CONVEGNO GRAVIDANZA, PARTO E ALLATTAMENTO: I DATI DEL TERRITORIO CONVEGNO GRAVIDANZA, PARTO E ALLATTAMENTO: I DATI DEL TERRITORIO Direzione generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della statistica Ufficio di Statistica dott.ssa Cristina

Dettagli

ASL MONZA e BRIANZA. Elaborazioni dati Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO)

ASL MONZA e BRIANZA. Elaborazioni dati Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO) ASL e BRIANZA ANALISI dei PARTI e delle INTERRUZIONI DI GRAVIDANZA ASLMB - 2012 Elaborazioni dati Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO) INDICE Parti di donne residenti intra ASLMB...2 INTERRUZIONI DI

Dettagli

Analisi dell evento nascita - Anno 2010

Analisi dell evento nascita - Anno 2010 Certificato di assistenza al parto (CeDAP) Analisi dell evento nascita - Anno 2010 Dipartimento della programmazione e dell'ordinamento del Servizio sanitario nazionale Direzione Generale del Sistema Informativo

Dettagli

VBAC: outcome ostetrico ed esiti perinatali in pazienti con due pregressi tagli cesarei

VBAC: outcome ostetrico ed esiti perinatali in pazienti con due pregressi tagli cesarei UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SALUTE DELLA DONNA E DEL BAMBINO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN GINECOLOGIA E OSTETRICIA DIRETTORE PROF. GIOVANNI BATTISTA NARDELLI VBAC: outcome ostetrico

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 2 DEL 14 GENNAIO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 2 DEL 14 GENNAIO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 14 dicembre 2007 - Deliberazione N. 2161 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Atto di indirizzo della Legge Regionale n. 2 del

Dettagli

I parti pretermine in Sicilia: la fonte informativa dei CeDAP

I parti pretermine in Sicilia: la fonte informativa dei CeDAP I parti pretermine in Sicilia: la fonte informativa dei CeDAP Dott.ssa Gabriella Dardanoni Dipartimento Osservatorio Epidemiologico Assessorato Regionale Sanità I parti pretermine (

Dettagli

Il percorso nascita in Valle d Aosta

Il percorso nascita in Valle d Aosta S a n t é h o s p i t a l i è r e e t m o b i l i t é s a n i t a i r e S a n i t à o s p e d a l i e r a e m o b i l i t à s a n i t a r i a Il percorso nascita in Valle d Aosta 2010-2012 luglio 2013

Dettagli

#" "! $% &" "!!!"# '&!!()**+

# ! $% & !!!# '&!!()**+ !!"# #" "! $% &" "!!!"# '&!!()**+ 1 Tasso ricovero Ordinario x 1000 ab 550 500 450 400 350 300 250 200 150 100 50-489 467 131 125 433 113 419 379 379 385 101 94 89 86 80 79 69 60 57 54 52 17 15 13 11 11

Dettagli

Il percorso nascita in Valle d Aosta

Il percorso nascita in Valle d Aosta D i r e c t i o n d u b i e n - ê t r e D i r e z i o n e s a l u t e S e r v i c e d e l a s a n t é h o s p i t a l i è r e S e r v i z i o s a n i t à o s p e d a l i e r a Il percorso nascita in Valle

Dettagli

NOME E CARATTERISTICHE DEL CAMPO AMPIEZZA PROGR.

NOME E CARATTERISTICHE DEL CAMPO AMPIEZZA PROGR. CEDAP - Tracciato record e modalità di registrazione e di codifica per l anno 2003 (Circ. 43 e successive modificazioni) Le informazioni devono rispettare l'ordine e i numeri progressivi indicati nel tracciato.

Dettagli

Valutazione del nato morto e compilazione della relativa sezione del Certificato di assistenza al parto

Valutazione del nato morto e compilazione della relativa sezione del Certificato di assistenza al parto Valutazione del nato morto e compilazione della relativa sezione del Certificato di assistenza al parto Il CedAP e la classificazione delle malattie ICD9CM aggiornamento 2002 Cristiano Visser Bologna,

Dettagli

Analisi dell evento nascita - Anno 2009

Analisi dell evento nascita - Anno 2009 Certificato di assistenza al parto (CeDAP) Analisi dell evento nascita - Anno 2009 Dipartimento della Qualità Direzione Generale del Sistema Informativo Ufficio 1 di Direzione Statistica La presente pubblicazione

Dettagli

Modena, 31 marzo Daniela Spettoli per il Gruppo di lavoro Emilia-Romagna sulla mortalità materna

Modena, 31 marzo Daniela Spettoli per il Gruppo di lavoro Emilia-Romagna sulla mortalità materna Modena, 31 marzo 2012 Daniela Spettoli per il Gruppo di lavoro Emilia-Romagna sulla mortalità materna 1 MORTE MATERNA morte di una donna durante la gravidanza o entro 42 giorni dal termine della gravidanza

Dettagli

GRAVIDANZA E PARTO IN TOSCANA. serie In cifre - N. 10

GRAVIDANZA E PARTO IN TOSCANA. serie In cifre - N. 10 GRAVIDANZA E PARTO IN TOSCANA serie In cifre - N. 10 marzo 2016 Agenzia regionale di sanità della Toscana Villa La Quiete alle Montalve via Pietro Dazzi, 1 50141 Firenze www.ars.toscana.it Gravidanza e

Dettagli

METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT

METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT SOMMARIO Indicatori... 2 Residenti, indici demografici... 2 Ricoveri Ordinari... 2 Cronicità... 3 Tumori maligni... 3 Mortalità... 3 Tempi e distanze

Dettagli

PROBLEMI DI VALIDITÀ DELLE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLE SDO CON PROCEDURA DI PARTO CESAREO CONTROLLO CARTELLE CLINICHE

PROBLEMI DI VALIDITÀ DELLE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLE SDO CON PROCEDURA DI PARTO CESAREO CONTROLLO CARTELLE CLINICHE CONFERENZA STAMPA PROBLEMI DI VALIDITÀ DELLE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLE SDO CON PROCEDURA DI PARTO CESAREO CONTROLLO CARTELLE CLINICHE 18 GENNAIO 2013 TROPPE DIAGNOSI DI POSIZIONE ANOMALA DEL FETO Il

Dettagli

Dott. M. Marconi 20/02/2013

Dott. M. Marconi 20/02/2013 Dott. M. Marconi 20/02/2013 I fattori di rischio sono condizioni sfavorevoli della persona o del suo ambiente prossimale o distale, che caratterizzano le sue esperienza a partire dalle prime fasi della

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SALA PARTO 2013

RELAZIONE ATTIVITÀ SALA PARTO 2013 Azienda ospedaliero-universitaria Policlinico-Vittorio Emanuele Catania RELAZIONE ATTIVITÀ SALA PARTO 2013 RELAZIONE ATTIVITÀ SALA PARTO 2013 Responsabile: dott. Vincenzo Parrinello a cura di : V. Parrinello,

Dettagli

Taglio cesareo e parto gemellare

Taglio cesareo e parto gemellare Taglio cesareo e parto gemellare V. Dubini * M. Puglia, M. Da Frè, E. Fanti * Direttore f.f. SC Ginecologia e Ostetricia Nuovo ospedale San Giovanni di Dio ARS Toscana, Osservatorio di Epidemiologia, Settore

Dettagli

Le gravidanze interrotte

Le gravidanze interrotte Le gravidanze interrotte Laura Bonvicini, Azienda USL di Reggio Emilia Obiettivi Valutare il ricorso all Interruzione Volontaria di Gravidanza (IVG) e la frequenza di Aborti Spontanei (AS) nelle donne:

Dettagli

Diabete gestazionale Modalità e timing del parto. Prof. Roberto Marci

Diabete gestazionale Modalità e timing del parto. Prof. Roberto Marci Diabete gestazionale Modalità e timing del parto Prof. Roberto Marci Gestational diabetes and impaired glucose tolerance (IGT) in pregnancy affects between 2-3% of all pregnancies and both have been associated

Dettagli

TC pregresso. Anna Locatelli

TC pregresso. Anna Locatelli TC pregresso Anna Locatelli Parti vaginali dopo precedente parto cesareo per Regione Cedap 2010 Piemonte 15,4 Valle d'aosta 27,4 Lombardia 15,7 Prov. Auton. Bolzano 38,9 Prov. Auton. Trento 19,8 Veneto

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER IL RIORDINO DEI PUNTI NASCITA ASL MILANO. 31 marzo 2014

PIANO OPERATIVO PER IL RIORDINO DEI PUNTI NASCITA ASL MILANO. 31 marzo 2014 PIANO OPERATIVO PER IL RIORDINO DEI PUNTI NASCITA ASL MILANO 31 marzo 2014 All interno del territorio ASL Milano sono presenti 12 punti nascita, di cui otto sono strutture pubbliche, tre private accreditate

Dettagli

Il parto analizzato mediante la scheda di dimissione ospedaliera DRG del parto Regime di ricovero e durata media della degenza...

Il parto analizzato mediante la scheda di dimissione ospedaliera DRG del parto Regime di ricovero e durata media della degenza... Premessa... 5 La natalità... 6 La madre... 7 Luogo di nascita della madre... 7 Età... 7 Stato civile... 9 La madre non residente... 9 Caratteristiche dei genitori... 10 Età del padre... 10 Cittadinanza

Dettagli

L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2012

L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2012 L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2012 A cura di: Dr.ssa M. L. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi,

Dettagli

CONGRESSO REGIONALE Marzo 2013 Rimini Centro Congressi SGR

CONGRESSO REGIONALE Marzo 2013 Rimini Centro Congressi SGR CONGRESSO REGIONALE 21 23 Marzo 2013 Rimini Centro Congressi SGR Work in progress La responsabilità professionale: novità legislative, contrattuali, Linee Guida e procedure operative LA LIBERTÀ DI MOVIMENTO

Dettagli

METRORRAGIE NEL III TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

METRORRAGIE NEL III TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Università degli Studi di Ferrara Prof. Pantaleo Greco METRORRAGIE NEL III TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Placenta previa Distacco intempestivo di placenta Placenta previa La placenta si definisce previa quando

Dettagli

Analisi dell evento nascita - Anno 2013

Analisi dell evento nascita - Anno 2013 SaluteMinistero della Salute Certificato di assistenza al parto (CeDAP) Analisi dell evento nascita - Anno 2013 Direzione Generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della Statistica

Dettagli

L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2013

L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2013 L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2013 A cura di: Dr.ssa M. L. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi,

Dettagli

Utilizzo dei Sistemi informativi sanitari per la sorveglianza della donna in gravidanza e del bambino da 0-2 anni

Utilizzo dei Sistemi informativi sanitari per la sorveglianza della donna in gravidanza e del bambino da 0-2 anni Utilizzo dei Sistemi informativi sanitari per la sorveglianza della donna in gravidanza e del bambino da 0-2 anni Maria Teresa Greco Osservatorio Epidemiologico della ATS Città Metropolitana di Milano

Dettagli

La mortalità materna nei Paesi occidentali: un problema del passato?

La mortalità materna nei Paesi occidentali: un problema del passato? La sorveglianza della mortalità materna Corso di formazione per i referenti della Regione Lombardia La mortalità materna nei Paesi occidentali: un problema del passato? Gruppo di lavoro ISS-Regioni Morte

Dettagli

Il percorso di assistenza al parto: dalla modalità di accesso all assistenza alla nascita. Ost. Elsa Sgarbi Ost. Anna Pilati

Il percorso di assistenza al parto: dalla modalità di accesso all assistenza alla nascita. Ost. Elsa Sgarbi Ost. Anna Pilati Il percorso di assistenza al parto: dalla modalità di accesso all assistenza alla nascita Ost. Elsa Sgarbi Ost. Anna Pilati Presa in carico della gravidanza a termine Il nostro modello organizzativo 1

Dettagli

Rapporto sulla Natalità

Rapporto sulla Natalità REGIONE CAMPANIA Azienda Sanitaria Locale SALERNO 3 Rapporto sulla Natalità nella Azienda Sanitaria Locale Salerno 3 Anno 2005 A cura di: GIUSEPPE DELLA GRECA, ANNA MARIA TRANI, GIUSEPPINA MONTORO PREMESSA

Dettagli

PROFILO DEMOGRAFICO AMBITO 1.2 TRIESTE... 3

PROFILO DEMOGRAFICO AMBITO 1.2 TRIESTE... 3 PROFILO DEMOGRAFICO AMBITO 1.2 TRIESTE... 3 Indice Graf. 1 Mappa popolazione residente nella provincia di Trieste al 1 gennaio 2011... 3 Tab. 1 - Popolazione residente nei comuni, nell ambito distrettuale

Dettagli

I determinanti della salute in gravidanza nell area vicentina

I determinanti della salute in gravidanza nell area vicentina I determinanti della salute in gravidanza nell area vicentina Dott.ssa M Pacchin Unità di Valutazione Epidemiologica, Azienda ULSS 6 Vicenza Introduzione È documentata la correlazione tra le disuguaglianze

Dettagli

LE NASCITE NEL LAZIO. Anno 2015 SALUTE LAZIO DIREZIONE REGIONALE SALUTE E POLITICHE SOCIALI AREA PROGRAMMAZIONE RETE OSPEDALIERA E RISK MANAGEMENT

LE NASCITE NEL LAZIO. Anno 2015 SALUTE LAZIO DIREZIONE REGIONALE SALUTE E POLITICHE SOCIALI AREA PROGRAMMAZIONE RETE OSPEDALIERA E RISK MANAGEMENT SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE DIREZIONE REGIONALE SALUTE E POLITICHE SOCIALI AREA PROGRAMMAZIONE RETE OSPEDALIERA E RISK MANAGEMENT LE NASCITE NEL LAZIO Anno 2015 Dicembre 2016 Le nascite nel

Dettagli

Anna Signorile. S. C. Ostetricia Ginecologia AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO

Anna Signorile. S. C. Ostetricia Ginecologia AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO Anna Signorile S. C. Ostetricia Ginecologia AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO ECCESSIVO ACCRESCIMENTO FETALE PARTO PREMATURO SPONTANEO DISTOCIA DI SPALLE IPERTENSIONE PREECLAMPSIA IPOGLICEMIA NEONATALE

Dettagli

Comune di San Gregorio nelle Alpi. Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni

Comune di San Gregorio nelle Alpi. Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni Bilancio demografico e popolazione residente al 3 dicembre. Anni 24-25 SAN GREGORIO NELLE ALPI 24 25 Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Popolazione al gennaio 778 834.62 78 822.62 Nati 6 4 4 4

Dettagli

I risultati della sorveglianza della mortalità materna ISS - regioni

I risultati della sorveglianza della mortalità materna ISS - regioni Sorveglianza della mortalità e grave morbosità materna in Italia 27 Maggio 2016 Istituto Superiore di Sanità I risultati della sorveglianza della mortalità materna ISS - regioni Serena Donati, Alice Maraschini,

Dettagli

Corso di Laurea in Ostetricia

Corso di Laurea in Ostetricia DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE Corso di Laurea in Ostetricia C.I. Fisiopatologia del parto e neonatologia Scienze Ostetrico ginecologiche SORVEGLIANZA DEL TRAVAGLIO A BASSO RISCHIO L attuale legislazione

Dettagli

I ricoveri nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale del Lazio. Anno 2006 Analisi dei dati inseriti nel programma UTIN on-line

I ricoveri nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale del Lazio. Anno 2006 Analisi dei dati inseriti nel programma UTIN on-line I ricoveri nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale del Lazio. Anno 26 Analisi dei dati inseriti nel programma UTIN on-line DIA 1 Il Sistema informativo UTIN on-line I risultati presentati si riferiscono

Dettagli

4. GRUPPI VULNERABILI

4. GRUPPI VULNERABILI 4. GRUPPI VULNERABILI La popolazione femminile in età fertile sta invecchiando, e nel 24 l età media è salita a 33,6 anni. Il tasso di abortività volontaria (5,1 per 1.) è inferiore a quello nazionale,

Dettagli

Patologia del Parto NeoLife 02 settembre 2011 - Ragusa. Giovanni Bracchitta

Patologia del Parto NeoLife 02 settembre 2011 - Ragusa. Giovanni Bracchitta Patologia del Parto NeoLife 02 settembre 2011 - Ragusa Giovanni Bracchitta Nomenclatura Distocie: alterazione della normale meccanica e dinamica del parto. Distocie meccaniche: riferite al canale e al

Dettagli

Laura Cacciani, Nera Agabiti, Anna Maria Bargagli, Marina Davoli

Laura Cacciani, Nera Agabiti, Anna Maria Bargagli, Marina Davoli Uso dei dati amministrativi per lo studio della qualità dell assistenza agli immigrati con malattie croniche: un esempio sulle riammissioni ospedaliere per asma nel Lazio Laura Cacciani, Nera Agabiti,

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO (CedAP)

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO (CedAP) Laboratorio per la Salute Materno Infantile CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO (CedAP) Regione Lombardia Analisi dell evento nascita anno 2014 www.regione.lombardia.it La Redazione del Rapporto è stata

Dettagli

Gravidanze e parti nell ASL di Monza e Brianza nel 2009

Gravidanze e parti nell ASL di Monza e Brianza nel 2009 Gravidanze e parti nell ASL di Monza e Brianza nel 2009 Esame dei dati del flusso informativo "Certificato di assistenza al parto (CeDAP) Donne residenti in ASLMB - Parti avvenuti in Regione Lombardia

Dettagli

Analisi dell evento nascita - Anno 2011

Analisi dell evento nascita - Anno 2011 Certificato di assistenza al parto (CeDAP) Analisi dell evento nascita - Anno 2011 Direzione Generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della Statistica Ufficio di Statistica

Dettagli

La prevenzione degli infortuni stradali Report annuale 2011 sulle fonti di dati disponibili

La prevenzione degli infortuni stradali Report annuale 2011 sulle fonti di dati disponibili [2011] La prevenzione degli infortuni stradali Report annuale 2011 sulle fonti di dati disponibili Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria DG Sanità La prevenzione degli infortuni

Dettagli

Allattamento al seno e prevenzione della SIDS: il monitoraggio degli interventi regionali di implementazione

Allattamento al seno e prevenzione della SIDS: il monitoraggio degli interventi regionali di implementazione Allattamento al seno e prevenzione della SIDS: il monitoraggio degli interventi regionali di implementazione Pisa, 8 Aprile 2011 Franca Rusconi, Monia Puglia Unità di Epidemiologia, AOU Meyer Osservatorio

Dettagli

EVENTO NASCITA NELL ASL DI BRESCIA PERIODO

EVENTO NASCITA NELL ASL DI BRESCIA PERIODO EVENTO NASCITA NELL ASL DI BRESCIA PERIODO 2003-2014 Certificato di assistenza al parto (CeDAP) Luglio 2015 Osservatorio Epidemiologico 1 Redazione curata da Magoni Michele. Hanno partecipato con commenti

Dettagli

L allattamento al seno alla nascita I dati Cedap della provincia di Trento Trend 2000-2010

L allattamento al seno alla nascita I dati Cedap della provincia di Trento Trend 2000-2010 L allattamento al seno alla nascita I dati Cedap della provincia di Trento Trend 2000-2010 2010 Silvano Piffer Riccardo Pertile Martina De Nisi Mariangela Pedron Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

Dettagli

Dal test di gravidanza positivo all'affidamento al punto nascita:... l'ostetrica sul territorio

Dal test di gravidanza positivo all'affidamento al punto nascita:... l'ostetrica sul territorio Dal test di gravidanza positivo all'affidamento al punto nascita:... l'ostetrica sul territorio Giovanna Faggiano L'OSTETRICIA E LE EVIDENZE 2014: PRESENTE E FUTURO PER SCELTE EFFICACI... con uno sguardo

Dettagli

Le indagini precedenti e i dati del Certificato di assistenza al parto

Le indagini precedenti e i dati del Certificato di assistenza al parto Allattamento al seno e prevenzione della SIDS: il monitoraggio degli interventi regionali di implementazione Firenze 8 maggio 2012 Le indagini precedenti e i dati del Certificato di assistenza al parto

Dettagli

TABELLE L IMMIGRAZIONE IN LOMBARDIA

TABELLE L IMMIGRAZIONE IN LOMBARDIA TABELLE L IMMIGRAZIONE IN LOMBARDIA Presentazione Undicesimo Rapporto dell Osservatorio Regionale per l integrazione e la multietnicità (ORIM) giovedì 15 marzo 2012 1. GLI IMMIGRATI IN LOMBARDIA 2011 Tab.

Dettagli

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. L analisi regionale. Le sindromi coronariche acute

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. L analisi regionale. Le sindromi coronariche acute Ostuni, 26/08/05 SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto L analisi regionale Le sindromi coronariche acute Stefano Brocco Indicatori SISAV proposti per le sindromi coronariche

Dettagli

Gravidanza oltre il termine. Dott.ssa S.Iarlori

Gravidanza oltre il termine. Dott.ssa S.Iarlori Gravidanza oltre il termine Dott.ssa S.Iarlori definizione Si definisce gravidanza protratta una gravidanza di età gestazionale oltre la 42 settimana ( 294 giorni dall'ultima mestruazione ) o 14 giorni

Dettagli

PROFILO DI RISCHIO PO.AFMI.02 RISCHIO IN GRAVIDANZA E IN TRAVAGLIO DI PARTO. Peruzzi, Carignani, Tedeschi e Leonetti

PROFILO DI RISCHIO PO.AFMI.02 RISCHIO IN GRAVIDANZA E IN TRAVAGLIO DI PARTO. Peruzzi, Carignani, Tedeschi e Leonetti Pag.: 1 di 8 PO.AFMI.02 PROFILO DI RISCHIO IN GRAVIDANZA E IN TRAVAGLIO DI PARTO REFERENTI DEL DOCUMENTO Peruzzi, Carignani, Tedeschi e Leonetti Indice delle revisioni Codice Documento Revisione N Data

Dettagli

Annuario demografico 2016

Annuario demografico 2016 Comune di Gabicce Mare Annuario demografico 2016 NOTA: I dati relativi all anno 2016 sono provvisori in quanto non ancora validati dall ISTAT.. Comune di Gabicce Mare Annuario demografico 2016 Indice delle

Dettagli