Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale"

Transcript

1 Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Sandro Zucchi S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 1 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 2 Enunciati atomici dell italiano Rappresentazione in LP degli enunciati atomici Così come alcune formule di LP sono atomiche, cioè non sono composte da altre formule, l italiano ha degli enunciati che non sono composti da altri enunciati, e che, per questa ragione, possiamo chiamare enunciati atomici. In questo senso, (1) è un enunciato atomico dell italiano: (1) L erba è verde. Invece, (2) non è un enunciato atomico dell italiano, è un enunciato complesso, in quanto è composto dagli enunciati l erba è verde e il fumo è giallo : Come si rappresentano in LP gli enunciati atomici dell italiano? Con lettere proposizionali di LP. La scelta della lettera proposizionale da usare per un dato enunciato atomico è arbitraria. Tuttavia, dovremo aver cura di rispettare queste convenzioni: usare la stessa lettera proposizionale per rappresentare occorrenze diverse dello stesso enunciato atomico; usare lettere proposizionali diverse per rappresentare enunciati atomici diversi. (2) L erba è verde e il fumo è giallo. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 3 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 4

2 Una conseguenza Una conseguenza della nostra scelta di rappresentare gli enunciati atomici dell italiano attraverso lettere proposizionali arbitrarie di LP è che la rappresentazione in LP degli enunciati atomici dell italiano non avrà nulla da dirci sulle condizioni di verità di questi enunciati. In altre parole, la rappresentazione in LP non ci darà alcuna informazione su come le condizioni di verità di (1) differiscono dalle condizioni di verità di (3) o di (4): (1) L erba è verde. (3) Il fumo è giallo. (4) Ogni rosa ha la sua spina. Per gli enunciati complessi dell italiano, invece, non sarà così: la scelta di una certa rappresentazione in LP per enunciati complessi dell italiano di una certa forma equivarrà, come vedremo, ad attribuire certe condizioni di verità a enunciati di quella forma. La chiave di rappresentazione Abbiamo detto che rappresenteremo gli enunciati atomici dell italiano con lettere proposizionali arbitrarie di LP. Per chiarezza, ogni volta che rappresentiamo un enunciato dell italiano con una formula di LP è opportuno specificare a quali enunciati atomici dell italiano le lettere proposizionali usate nella formula corrispondono. Chiameremo questa informazione la chiave di rappresentazione. Per esempio, se nella rappresentazione usiamo le lettere p e q per gli enunciati atomici l erba è verde e il fumo è giallo, allora dobbiamo specificare la chiave seguente: p: l erba è verde q: il fumo è giallo S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 5 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 6 Rappresentazione in LP delle congiunzioni Un esempio Considerate ora di nuovo l enunciato (2): (2) L erba è verde e il fumo è giallo. Se è vero che l erba è verde ed è vero che il fumo è giallo, allora, evidentemente, (2) è vero. D altra, se è falso che l erba è verde o è falso che il fumo è giallo, allora (2) è evidentemente falso. Questo suggerisce che un enunciato della forma A e B (una congiunzione di due enunciati) sia vero in italiano se A e B (i congiunti) sono entrambi veri in italiano, altrimenti A e B è falso in italiano. In LP, esiste un connettivo la cui tavola di verità richiede che entrambe le formule che connette siano vere in LP, e cioè. Rappresenteremo dunque gli enunciati dell italiano della forma A e B (le congiunzioni di due enunciati) con formule di LP della forma A B. Enunciato italiano: L erba è verde e il fumo è giallo p : l erba è verde q : il fumo è giallo S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 7 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 8

3 Una riflessione Prima di procedere nella nostra discussione, riflettiamo un momento sul ragionamento che abbiamo fatto quando abbiamo deciso di rappresentare gli enunciati dell italiano della forma A e B con formule di LP della forma A B. Abbiamo detto che è plausibile adottare questa rappresentazione in quanto esiste una corrispondenza tra le condizioni di verità degli enunciati dell italiano della forma A e B e le formule di LP della forma A B : un enunciato della forma A e B è vero in italiano esattamente nel caso in cui entrambi gli enunciati connessi da e sono veri in italiano e una formula della forma A B è vera in LP esattamente nel caso in cui entrambe le formule connesse da sono vere in LP. In questo senso, possiamo dire che, rappresentando gli enunciati dell italiano della forma A e B con formule di LP della forma A B, abbiamo preservato le condizioni di verità degli enunciati italiani della forma A e B. Un criterio di correttezza per le rappresentazioni Nel ragionamento precedente, abbiamo dunque implicitamente fatto uso del criterio seguente per determinare la correttezza della rappresentazione in LP di un enunciato complesso dell italiano: una rappresentazione corretta in un linguaggio formale di un enunciato complesso dell italiano di una certa forma deve preservare le condizioni di verità degli enunciati italiani di quella forma. Possiamo formulare lo stesso requisito dicendo: i connettivi dell italiano devono essere rappresentati da connettivi del linguaggio formale che danno lo stesso contributo alle condizioni di verità delle formule complesse in cui occorrono. Sarà questo criterio a guidarci anche nel rappresentare enunciati italiani di altre forme. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 9 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 10 Discussione di una scelta La decisione di rappresentare e con richiede alcune precisazioni. Infatti, in alcuni casi e viene usato per connettere espressioni diverse da enunciati. Inoltre, ad un primo esame, potrebbe sembrare che esistano alcuni usi di e per connettere enunciati che non sono tradotti correttamente da. È necessario affrontare queste questioni prima di procedere. Congiunzione di espressioni diverse da enunciati Nel linguaggio LP, il connettivo collega tra loro delle formule, cioè si combina con due formule A e B per dar luogo a una nuova formula della forma (A B). In italiano, la congiunzione e può collegare tra loro degli enunciati per formare un enunciato complesso. Ma può anche collegare espressioni diverse da enunciati. Per esempio, mentre in (2) e collega degli enunciati, in (5) collega delle espressioni nominali ( Leo, Lia ), in (6) collega delle espressioni verbali ( fuma, beve ), in (7) collega delle espressioni aggettivali ( generoso, gentile ), e in (8) collega delle espressioni preposizionali ( a Milano, a Napoli ): (2) L erba è verde e fumo è giallo. (5) Leo e Lia corrono. (6) Leo fuma e beve. (7) Leo è generoso e gentile. (8) Leo va spesso a Milano e a Napoli. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 11 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 12

4 Riducibilità alla congiunzione di enunciati Corridori In (5) abbiamo una congiunzione di espressioni nominali. Ma (5) è equivalente alla congiunzione di enunciati in (9): È importante rendersi conto che, mentre alcune occorrenze di e che non connettono enunciati sono riducibili a congiunzioni di enunciati, altre non lo sono. Per questo motivo, nel far uso di per rappresentare e, dobbiamo esercitare una certa cautela. Vediamo alcuni esempi. (5) Leo e Lia corrono. (9) Leo corre e Lia corre. Dal momento che (5) è equivalente a (9), possiamo rappresentare (5) per mezzo di nel modo seguente: Enunciato italiano: Leo e Lia corrono p : Leo corre q : Lia corre S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 13 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 14 Gaudenti In (6) abbiamo una congiunzione di espressioni verbali. Analogamente al caso precedente, (6) è equivalente alla congiunzione di enunciati in (10): (6) Leo fuma e beve. (10) Leo fuma e Leo beve. Dal momento che (6) è equivalente a (10), possiamo rappresentare (6) per mezzo di nel modo seguente: Enunciato italiano : Leo fuma e beve Rappresentazione in LP : (p q) p : Leo fuma q : Leo beve Coppie Si consideri ora l enunciato seguente: (11) Mario e Maria sono una coppia. In questo caso, la congiunzione in (11) non è equivalente alla congiunzione di enunciati in (12): (12) Mario è una coppia e Maria è una coppia. Infatti, mentre (11) può essere vero in alcune circostanze, (12) è invece sicuramente falso, dal momento che nessun individuo singolo può essere una coppia. Per questa ragione, non è corretto rappresentare (11) per mezzo di nel modo seguente: Enunciato italiano: Mario e Maria sono una coppia p : Mario è una coppia q : Maria è una coppia S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 15 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 16

5 Altri gaudenti Morale Un problema analogo è posto dall enunciato (13). Questo enunciato non è equivalente alla congiunzione di enunciati in (14): (13) Alcuni uomini fumano e bevono. (14) Alcuni uomini fumano e alcuni uomini bevono. Infatti, l enunciato (14) è vero nel caso in cui alcuni uomini fumano e alcuni uomini bevono, ma nessun uomo fuma e beve. Invece, (13) è falso in questo caso. Per questa ragione, non è corretto rappresentare (13) così: Enunciato italiano: Alcuni uomini fumano e bevono p : Alcuni uomini fumano q : Alcuni uomini bevono La morale che dobbiamo trarre da queste osservazioni è dunque la seguente: quando, in un enunciato, e congiunge espressioni diverse da enunciati, non è sempre possibile usare per rappresentare l enunciato. Dobbiamo prima accertarci che l enunciato che contiene e sia equivalente alla congiunzione di due enunciati. Se lo è, allora possiamo rappresentare per mezzo di la congiunzione di due enunciati a cui è equivalente. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 17 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 18 Una questione residua Ok, ora sappiamo che (5) è rappresentabile in LP per mezzo del connettivo, mentre (11) e (13) no. (5) Leo e Lia corrono. (11) Mario e Maria sono una coppia. (13) Alcuni uomini fumano e bevono. Ma allora come dobbiamo rappresentare (11) e (13) in LP? Per rappresentare questi enunciati useremo semplicemente delle formule atomiche di LP. Congiunzione e ordine temporale Concentriamo ora la nostra attenzione sugli usi della congiunzione e per collegare enunciati. Nella discussione precedente, abbiamo assunto che, quando e collega enunciati, il suo significato è identico a quello di. Ma è corretta questa assunzione? Si consideri l enunciato seguente: Pare naturale affermare che (15) è vero esattamente nelle circostanze in cui (16) è vero: Se questa affermazione è corretta, tuttavia, c è un problema per la nostra assunzione che e in (15) è rappresentato correttamente da. Vediamo qual è. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 19 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 20

6 Il problema Se è corretto affermare che (15) è vero esattamente nelle circostanze in cui (16) è vero, la nostra decisione di rappresentare la congiunzione tra enunciati e con è sicuramente sbagliata: Infatti, se rappresentiamo e in (15) con, le condizioni di verità della rappresentazione di (15) in LP non dicono nulla sull ordine temporale in cui i congiunti sono veri: la formula (p q) è vera se p è vera e q è vera, non importa in quale ordine. Enunciato italiano: Camilla si è tolta le scarpe ed è saltata nel letto p : Camilla si è tolta le scarpe q : Camilla è saltata nel letto Mantenere la decisione A causa del problema di Camilla, dobbiamo dunque rivedere la nostra decisione di rappresentare il connettivo e (quando congiunge enunciati) con il connettivo? In realtà, contrariamente a quanto parrebbe in base al ragionamento precedente, è plausibile sostenere che il caso di Camilla non ci costringe affatto a tornare su questa decisione. Questo per almeno due ragioni. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 21 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 22 Prima ragione Seconda ragione In primo luogo, non è affatto chiaro che l ordine temporale suggerito da (15) dipenda dal contributo di e alle condizioni di verità di (15): Si noti infatti che esattamente lo stesso ordine temporale è suggerito dal discorso (17), in cui il connettivo e non appare: (17) Camilla si è tolta le scarpe. È saltata nel letto. In secondo luogo, contrariamente a quanto può sembrare a prima vista, non è affatto vero che (15) e (16) sono veri esattamente nelle stesse circostanze: Al contrario di (16), l enunciato (15) può essere vero anche nel caso in cui Camilla si è tolta le scarpe soltanto dopo essere saltata nel letto. Vediamo un esempio che ci mostra come questo sia possibile. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 23 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 24

7 Un esempio a sostegno Confrontate il discorso in (18) con il discorso in (19): (18) Ieri sera, Camilla ha fatto due cose quando è salita in camera: si è tolta le scarpe prima di saltare nel letto. Come al solito, però, si è tolta le scarpe solo dopo essere saltata nel letto. (19) Ieri sera, Camilla ha fatto due cose quando è salita in camera: si è tolta le scarpe ed è saltata nel letto. Come al solito, però, si è tolta le scarpe solo dopo essere saltata nel letto. Mentre (18) è chiaramente contraddittorio, è possibile affermare (19) senza contraddirsi. Questo significa che l enunciato (15), a differenza dell enunciato (16), può essere vero anche nel caso in cui Camilla si è tolta le scarpe soltanto dopo essere saltata nel letto: Conclusione Se (15) può essere vero anche nel caso in cui Camilla si è tolta le scarpe dopo essere saltata nel letto, dobbiamo concludere che le condizioni di verità associate alle congiunzioni dell italiano, così come le condizioni di verità associate a formule di LP in cui il connettivo principale è, non richiedono affatto che il primo congiunto sia vero prima del secondo congiunto. Possiamo dunque mantenere ferma la decisione di rappresentare e (quando collega enunciati) per mezzo di. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 25 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 26 Una questione aperta È chiaro che la discussione precedente, mentre ci consente di sostenere che rappresenta correttamente le occorrenze di e che collegano enunciati, lascia però aperta una questione. Abbiamo sostenuto che le condizioni di verità di (15) non richiedono che (16) sia vero: Resta il fatto che, se asseriamo (15), molto spesso la nostra asserzione suggerisce che l ordine degli eventi sia effettivamente quello descritto da (16). Come mai accade questo? Ordine temporale e ordine degli enunciati La ragione per cui, asserendo (15) suggeriamo che sia vero (16), potrebbe essere questa: ascoltando un discorso, è ragionevole assumere, in assenza di indicazioni contrarie, che il parlante esponga ordinatamente gli eventi che ci racconta. Per questa ragione, in assenza di indicazioni contrarie, assumiamo che l ordine in cui vengono asseriti gli enunciati nel discorso rifletta l ordine temporale degli eventi che essi descrivono. Questo spiegherebbe perché tendiamo a interpretare sia (15) che (17) come l affermazione che Camilla è saltata nel letto dopo essersi tolta le scarpe, benché questo non sia richiesto dalle condizioni di verità di (15) e (17): (17) Camilla si è tolta le scarpe. È saltata nel letto. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 27 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 28

8 Condizioni verità e teoria della comunicazione È importante rendersi conto che il fenomeno evidenziato da (15) è parte di un fenomeno più generale: Il fatto che, asserendo un certo enunciato, possiamo suggerire qualcosa che non è richiesto dalle condizioni di verità di quell enunciato è una situazione che si verifica continuamente quando comunichiamo attraverso il linguaggio. Diciamo il treno parte tra pochi minuti! per suggerire Sei in ritardo!. Eppure le condizioni di verità di il treno parte tra pochi minuti! sono evidentemente diverse dalle condizioni di verità di Sei in ritardo!. Spiegare come sia possibile emettere un enunciato con certe condizioni di verità e suggerire qualcos altro è compito di una teoria della comunicazione. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 29

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Luca Motto Ros 14 marzo 2005 Nota importante. Queste pagine contengono appunti personali dell esercitatore e sono messe a disposizione nel caso possano risultare

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE 1 Mimmo Arezzo OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE CONVERSAZIONE CON ALCUNI STUDENTI DI FISICA 19 DICEMBRE 2006 2 1 Preliminari Definizione 1.0.1 Un ordinamento parziale (o una relazione d ordine parziale)

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA Con calcolo combinatorio si indica quel settore della matematica che studia i possibili modi di raggruppare ed ordinare oggetti presi da un insieme assegnato, con l obiettivo

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1 Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione ) Funzioni d onda di un sistema composto Sistema costituito da due particelle (eventualmente identiche) H φ q H φ H ψ φ φ stato

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Che cosa abbiamo fatto fin ora. Perché? Agente basato su conoscenza. Introduzione alla rappresentazione della conoscenza

Che cosa abbiamo fatto fin ora. Perché? Agente basato su conoscenza. Introduzione alla rappresentazione della conoscenza Che cosa abbiamo fatto fin ora Introduzione alla rappresentazione della conoscenza ovvero Come costruire agenti basati su conoscenza e dotati di capacità di ragionamento Maria Simi, 2014/2015 Abbiamo trattato:

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

E possibile costruire una mentalità matematica?

E possibile costruire una mentalità matematica? E possibile costruire una mentalità matematica? Prof. F. A. Costabile 1. Introduzione La matematica è più di una tecnica. Apprendere la matematica significa conquistare l attitudine ad un comportamento

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE. Bompiani

Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE. Bompiani Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE Bompiani INDICE PREMESSA 1 1. A proposito di una citazione 1 2. Gli strumenti del mestiere 3 3. Una visione d insieme 5 4. Storie di libri 7 PARTE PRIMA: LE COSE

Dettagli

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI INTRODUZIONE Come sapete, il 29 aprile, ci recheremo in visita alle saline di Cervia. La nostra classe svolgerà un percorso

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Logica del primo ordine Sistema formale sviluppato in ambito matematico formalizzazione delle leggi del pensiero strette relazioni con studi filosofici In ambito Intelligenza Artificiale logica come linguaggio

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Linguaggi del I ordine - semantica Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Un dominio Un interpretazione Un assegnamento 1 Linguaggi del I ordine - semantica (ctnd.1) Un modello

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Lezione 10. La Statistica Inferenziale

Lezione 10. La Statistica Inferenziale Lezione 10 La Statistica Inferenziale Filosofia della scienza Secondo Aristotele, vi sono due vie attraverso le quali riusciamo a formare le nostre conoscenze: (1) la deduzione (2) l induzione. Lezione

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Ragionamento Automatico Model checking. Lezione 12 Ragionamento Automatico Carlucci Aiello, 2004/05Lezione 12 0. Sommario. Formulazione del problema

Ragionamento Automatico Model checking. Lezione 12 Ragionamento Automatico Carlucci Aiello, 2004/05Lezione 12 0. Sommario. Formulazione del problema Sommario Ragionamento Automatico Model checking Capitolo 3 paragrafo 6 del libro di M. Huth e M. Ryan: Logic in Computer Science: Modelling and reasoning about systems (Second Edition) Cambridge University

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli