Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale"

Transcript

1 Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Sandro Zucchi S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 1 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 2 Enunciati atomici dell italiano Rappresentazione in LP degli enunciati atomici Così come alcune formule di LP sono atomiche, cioè non sono composte da altre formule, l italiano ha degli enunciati che non sono composti da altri enunciati, e che, per questa ragione, possiamo chiamare enunciati atomici. In questo senso, (1) è un enunciato atomico dell italiano: (1) L erba è verde. Invece, (2) non è un enunciato atomico dell italiano, è un enunciato complesso, in quanto è composto dagli enunciati l erba è verde e il fumo è giallo : Come si rappresentano in LP gli enunciati atomici dell italiano? Con lettere proposizionali di LP. La scelta della lettera proposizionale da usare per un dato enunciato atomico è arbitraria. Tuttavia, dovremo aver cura di rispettare queste convenzioni: usare la stessa lettera proposizionale per rappresentare occorrenze diverse dello stesso enunciato atomico; usare lettere proposizionali diverse per rappresentare enunciati atomici diversi. (2) L erba è verde e il fumo è giallo. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 3 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 4

2 Una conseguenza Una conseguenza della nostra scelta di rappresentare gli enunciati atomici dell italiano attraverso lettere proposizionali arbitrarie di LP è che la rappresentazione in LP degli enunciati atomici dell italiano non avrà nulla da dirci sulle condizioni di verità di questi enunciati. In altre parole, la rappresentazione in LP non ci darà alcuna informazione su come le condizioni di verità di (1) differiscono dalle condizioni di verità di (3) o di (4): (1) L erba è verde. (3) Il fumo è giallo. (4) Ogni rosa ha la sua spina. Per gli enunciati complessi dell italiano, invece, non sarà così: la scelta di una certa rappresentazione in LP per enunciati complessi dell italiano di una certa forma equivarrà, come vedremo, ad attribuire certe condizioni di verità a enunciati di quella forma. La chiave di rappresentazione Abbiamo detto che rappresenteremo gli enunciati atomici dell italiano con lettere proposizionali arbitrarie di LP. Per chiarezza, ogni volta che rappresentiamo un enunciato dell italiano con una formula di LP è opportuno specificare a quali enunciati atomici dell italiano le lettere proposizionali usate nella formula corrispondono. Chiameremo questa informazione la chiave di rappresentazione. Per esempio, se nella rappresentazione usiamo le lettere p e q per gli enunciati atomici l erba è verde e il fumo è giallo, allora dobbiamo specificare la chiave seguente: p: l erba è verde q: il fumo è giallo S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 5 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 6 Rappresentazione in LP delle congiunzioni Un esempio Considerate ora di nuovo l enunciato (2): (2) L erba è verde e il fumo è giallo. Se è vero che l erba è verde ed è vero che il fumo è giallo, allora, evidentemente, (2) è vero. D altra, se è falso che l erba è verde o è falso che il fumo è giallo, allora (2) è evidentemente falso. Questo suggerisce che un enunciato della forma A e B (una congiunzione di due enunciati) sia vero in italiano se A e B (i congiunti) sono entrambi veri in italiano, altrimenti A e B è falso in italiano. In LP, esiste un connettivo la cui tavola di verità richiede che entrambe le formule che connette siano vere in LP, e cioè. Rappresenteremo dunque gli enunciati dell italiano della forma A e B (le congiunzioni di due enunciati) con formule di LP della forma A B. Enunciato italiano: L erba è verde e il fumo è giallo p : l erba è verde q : il fumo è giallo S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 7 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 8

3 Una riflessione Prima di procedere nella nostra discussione, riflettiamo un momento sul ragionamento che abbiamo fatto quando abbiamo deciso di rappresentare gli enunciati dell italiano della forma A e B con formule di LP della forma A B. Abbiamo detto che è plausibile adottare questa rappresentazione in quanto esiste una corrispondenza tra le condizioni di verità degli enunciati dell italiano della forma A e B e le formule di LP della forma A B : un enunciato della forma A e B è vero in italiano esattamente nel caso in cui entrambi gli enunciati connessi da e sono veri in italiano e una formula della forma A B è vera in LP esattamente nel caso in cui entrambe le formule connesse da sono vere in LP. In questo senso, possiamo dire che, rappresentando gli enunciati dell italiano della forma A e B con formule di LP della forma A B, abbiamo preservato le condizioni di verità degli enunciati italiani della forma A e B. Un criterio di correttezza per le rappresentazioni Nel ragionamento precedente, abbiamo dunque implicitamente fatto uso del criterio seguente per determinare la correttezza della rappresentazione in LP di un enunciato complesso dell italiano: una rappresentazione corretta in un linguaggio formale di un enunciato complesso dell italiano di una certa forma deve preservare le condizioni di verità degli enunciati italiani di quella forma. Possiamo formulare lo stesso requisito dicendo: i connettivi dell italiano devono essere rappresentati da connettivi del linguaggio formale che danno lo stesso contributo alle condizioni di verità delle formule complesse in cui occorrono. Sarà questo criterio a guidarci anche nel rappresentare enunciati italiani di altre forme. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 9 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 10 Discussione di una scelta La decisione di rappresentare e con richiede alcune precisazioni. Infatti, in alcuni casi e viene usato per connettere espressioni diverse da enunciati. Inoltre, ad un primo esame, potrebbe sembrare che esistano alcuni usi di e per connettere enunciati che non sono tradotti correttamente da. È necessario affrontare queste questioni prima di procedere. Congiunzione di espressioni diverse da enunciati Nel linguaggio LP, il connettivo collega tra loro delle formule, cioè si combina con due formule A e B per dar luogo a una nuova formula della forma (A B). In italiano, la congiunzione e può collegare tra loro degli enunciati per formare un enunciato complesso. Ma può anche collegare espressioni diverse da enunciati. Per esempio, mentre in (2) e collega degli enunciati, in (5) collega delle espressioni nominali ( Leo, Lia ), in (6) collega delle espressioni verbali ( fuma, beve ), in (7) collega delle espressioni aggettivali ( generoso, gentile ), e in (8) collega delle espressioni preposizionali ( a Milano, a Napoli ): (2) L erba è verde e fumo è giallo. (5) Leo e Lia corrono. (6) Leo fuma e beve. (7) Leo è generoso e gentile. (8) Leo va spesso a Milano e a Napoli. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 11 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 12

4 Riducibilità alla congiunzione di enunciati Corridori In (5) abbiamo una congiunzione di espressioni nominali. Ma (5) è equivalente alla congiunzione di enunciati in (9): È importante rendersi conto che, mentre alcune occorrenze di e che non connettono enunciati sono riducibili a congiunzioni di enunciati, altre non lo sono. Per questo motivo, nel far uso di per rappresentare e, dobbiamo esercitare una certa cautela. Vediamo alcuni esempi. (5) Leo e Lia corrono. (9) Leo corre e Lia corre. Dal momento che (5) è equivalente a (9), possiamo rappresentare (5) per mezzo di nel modo seguente: Enunciato italiano: Leo e Lia corrono p : Leo corre q : Lia corre S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 13 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 14 Gaudenti In (6) abbiamo una congiunzione di espressioni verbali. Analogamente al caso precedente, (6) è equivalente alla congiunzione di enunciati in (10): (6) Leo fuma e beve. (10) Leo fuma e Leo beve. Dal momento che (6) è equivalente a (10), possiamo rappresentare (6) per mezzo di nel modo seguente: Enunciato italiano : Leo fuma e beve Rappresentazione in LP : (p q) p : Leo fuma q : Leo beve Coppie Si consideri ora l enunciato seguente: (11) Mario e Maria sono una coppia. In questo caso, la congiunzione in (11) non è equivalente alla congiunzione di enunciati in (12): (12) Mario è una coppia e Maria è una coppia. Infatti, mentre (11) può essere vero in alcune circostanze, (12) è invece sicuramente falso, dal momento che nessun individuo singolo può essere una coppia. Per questa ragione, non è corretto rappresentare (11) per mezzo di nel modo seguente: Enunciato italiano: Mario e Maria sono una coppia p : Mario è una coppia q : Maria è una coppia S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 15 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 16

5 Altri gaudenti Morale Un problema analogo è posto dall enunciato (13). Questo enunciato non è equivalente alla congiunzione di enunciati in (14): (13) Alcuni uomini fumano e bevono. (14) Alcuni uomini fumano e alcuni uomini bevono. Infatti, l enunciato (14) è vero nel caso in cui alcuni uomini fumano e alcuni uomini bevono, ma nessun uomo fuma e beve. Invece, (13) è falso in questo caso. Per questa ragione, non è corretto rappresentare (13) così: Enunciato italiano: Alcuni uomini fumano e bevono p : Alcuni uomini fumano q : Alcuni uomini bevono La morale che dobbiamo trarre da queste osservazioni è dunque la seguente: quando, in un enunciato, e congiunge espressioni diverse da enunciati, non è sempre possibile usare per rappresentare l enunciato. Dobbiamo prima accertarci che l enunciato che contiene e sia equivalente alla congiunzione di due enunciati. Se lo è, allora possiamo rappresentare per mezzo di la congiunzione di due enunciati a cui è equivalente. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 17 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 18 Una questione residua Ok, ora sappiamo che (5) è rappresentabile in LP per mezzo del connettivo, mentre (11) e (13) no. (5) Leo e Lia corrono. (11) Mario e Maria sono una coppia. (13) Alcuni uomini fumano e bevono. Ma allora come dobbiamo rappresentare (11) e (13) in LP? Per rappresentare questi enunciati useremo semplicemente delle formule atomiche di LP. Congiunzione e ordine temporale Concentriamo ora la nostra attenzione sugli usi della congiunzione e per collegare enunciati. Nella discussione precedente, abbiamo assunto che, quando e collega enunciati, il suo significato è identico a quello di. Ma è corretta questa assunzione? Si consideri l enunciato seguente: Pare naturale affermare che (15) è vero esattamente nelle circostanze in cui (16) è vero: Se questa affermazione è corretta, tuttavia, c è un problema per la nostra assunzione che e in (15) è rappresentato correttamente da. Vediamo qual è. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 19 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 20

6 Il problema Se è corretto affermare che (15) è vero esattamente nelle circostanze in cui (16) è vero, la nostra decisione di rappresentare la congiunzione tra enunciati e con è sicuramente sbagliata: Infatti, se rappresentiamo e in (15) con, le condizioni di verità della rappresentazione di (15) in LP non dicono nulla sull ordine temporale in cui i congiunti sono veri: la formula (p q) è vera se p è vera e q è vera, non importa in quale ordine. Enunciato italiano: Camilla si è tolta le scarpe ed è saltata nel letto p : Camilla si è tolta le scarpe q : Camilla è saltata nel letto Mantenere la decisione A causa del problema di Camilla, dobbiamo dunque rivedere la nostra decisione di rappresentare il connettivo e (quando congiunge enunciati) con il connettivo? In realtà, contrariamente a quanto parrebbe in base al ragionamento precedente, è plausibile sostenere che il caso di Camilla non ci costringe affatto a tornare su questa decisione. Questo per almeno due ragioni. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 21 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 22 Prima ragione Seconda ragione In primo luogo, non è affatto chiaro che l ordine temporale suggerito da (15) dipenda dal contributo di e alle condizioni di verità di (15): Si noti infatti che esattamente lo stesso ordine temporale è suggerito dal discorso (17), in cui il connettivo e non appare: (17) Camilla si è tolta le scarpe. È saltata nel letto. In secondo luogo, contrariamente a quanto può sembrare a prima vista, non è affatto vero che (15) e (16) sono veri esattamente nelle stesse circostanze: Al contrario di (16), l enunciato (15) può essere vero anche nel caso in cui Camilla si è tolta le scarpe soltanto dopo essere saltata nel letto. Vediamo un esempio che ci mostra come questo sia possibile. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 23 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 24

7 Un esempio a sostegno Confrontate il discorso in (18) con il discorso in (19): (18) Ieri sera, Camilla ha fatto due cose quando è salita in camera: si è tolta le scarpe prima di saltare nel letto. Come al solito, però, si è tolta le scarpe solo dopo essere saltata nel letto. (19) Ieri sera, Camilla ha fatto due cose quando è salita in camera: si è tolta le scarpe ed è saltata nel letto. Come al solito, però, si è tolta le scarpe solo dopo essere saltata nel letto. Mentre (18) è chiaramente contraddittorio, è possibile affermare (19) senza contraddirsi. Questo significa che l enunciato (15), a differenza dell enunciato (16), può essere vero anche nel caso in cui Camilla si è tolta le scarpe soltanto dopo essere saltata nel letto: Conclusione Se (15) può essere vero anche nel caso in cui Camilla si è tolta le scarpe dopo essere saltata nel letto, dobbiamo concludere che le condizioni di verità associate alle congiunzioni dell italiano, così come le condizioni di verità associate a formule di LP in cui il connettivo principale è, non richiedono affatto che il primo congiunto sia vero prima del secondo congiunto. Possiamo dunque mantenere ferma la decisione di rappresentare e (quando collega enunciati) per mezzo di. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 25 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 26 Una questione aperta È chiaro che la discussione precedente, mentre ci consente di sostenere che rappresenta correttamente le occorrenze di e che collegano enunciati, lascia però aperta una questione. Abbiamo sostenuto che le condizioni di verità di (15) non richiedono che (16) sia vero: Resta il fatto che, se asseriamo (15), molto spesso la nostra asserzione suggerisce che l ordine degli eventi sia effettivamente quello descritto da (16). Come mai accade questo? Ordine temporale e ordine degli enunciati La ragione per cui, asserendo (15) suggeriamo che sia vero (16), potrebbe essere questa: ascoltando un discorso, è ragionevole assumere, in assenza di indicazioni contrarie, che il parlante esponga ordinatamente gli eventi che ci racconta. Per questa ragione, in assenza di indicazioni contrarie, assumiamo che l ordine in cui vengono asseriti gli enunciati nel discorso rifletta l ordine temporale degli eventi che essi descrivono. Questo spiegherebbe perché tendiamo a interpretare sia (15) che (17) come l affermazione che Camilla è saltata nel letto dopo essersi tolta le scarpe, benché questo non sia richiesto dalle condizioni di verità di (15) e (17): (17) Camilla si è tolta le scarpe. È saltata nel letto. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 27 S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 28

8 Condizioni verità e teoria della comunicazione È importante rendersi conto che il fenomeno evidenziato da (15) è parte di un fenomeno più generale: Il fatto che, asserendo un certo enunciato, possiamo suggerire qualcosa che non è richiesto dalle condizioni di verità di quell enunciato è una situazione che si verifica continuamente quando comunichiamo attraverso il linguaggio. Diciamo il treno parte tra pochi minuti! per suggerire Sei in ritardo!. Eppure le condizioni di verità di il treno parte tra pochi minuti! sono evidentemente diverse dalle condizioni di verità di Sei in ritardo!. Spiegare come sia possibile emettere un enunciato con certe condizioni di verità e suggerire qualcos altro è compito di una teoria della comunicazione. S. Zucchi: Filosofia del linguaggio 2014 Dall italiano a LP 29

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

2. Semantica proposizionale classica

2. Semantica proposizionale classica 20 1. LINGUAGGIO E SEMANTICA 2. Semantica proposizionale classica Ritorniamo un passo indietro all insieme dei connettivi proposizionali che abbiamo utilizzato nella definizione degli enunciati di L. L

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi J.L. Austin J.L. Austin, Come fare cose con le parole cap. VII, VIII, IX, XI J.L. Austin e la teoria degli atti linguistici Le lezioni di Austin intitolate How to do things with words sono state tenute

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche Anno 1 Definizione di Logica e operazioni logiche 1 Introduzione In questa lezione ci occuperemo di descrivere la definizione di logica matematica e di operazioni logiche. Che cos è la logica matematica?

Dettagli

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti Introduzione LOGICA DEI PREDICATI Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Prof. Ing. Fabio Roli La logica dei predicati, o logica del primo ordine (LPO) considera schemi proposizionali composti

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi 0.1. Skolemizzazione. Ogni enunciato F (o insieme di enunciati Γ) è equisoddisfacibile ad un enunciato universale (o insieme di enunciati universali) in un linguaggio estensione del linguaggio di F (di

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Predicati e Quantificatori

Predicati e Quantificatori Predicati e Quantificatori Limitazioni della logica proposizionale! Logica proposizionale: il mondo è descritto attraverso proposizioni elementari e loro combinazioni logiche! I singoli oggetti cui si

Dettagli

Esercizio per casa. Filosofia della scienza Gianluigi Bellin. October 29, 2013. 1. Si formalizzino i seguenti enunciati nel calcolo dei predicati.

Esercizio per casa. Filosofia della scienza Gianluigi Bellin. October 29, 2013. 1. Si formalizzino i seguenti enunciati nel calcolo dei predicati. Esercizio per casa. Filosofia della scienza Gianluigi Bellin October 29, 2013 1. Si formalizzino i seguenti enunciati nel calcolo dei predicati. 1.1 Condizione necessaria e sufficiente perché un corpo

Dettagli

La competenza semantica La semantica frasale

La competenza semantica La semantica frasale La competenza semantica La semantica frasale (1) Gianni è arrivato ieri mattina! (2) Gianni è arrivato ieri (implicazione) Linguistica generale, Parte a.a. 2007-2008 (1 ') Nessuno studente è arrivato ieri

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2009/2010 Appunti di Calcolabilità e Complessità Lezione 9: Introduzione alle logiche

Dettagli

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro Il riferimento dei nomi di finzione Nomi di finzione Sandro Zucchi 2013-14 Ora che ci siamo chiariti le idee sul funzionamento dei nomi propri, siamo pronti per tornare alle domande che ci eravamo posti

Dettagli

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra:

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra: CAPITOLO 6 Il paradosso di Einstein Podolski Rosen Nel 1935 usciva un articolo degli autori sopra indicati, dal titolo Si può ritenere completa la descrizione quantistica della realtà fisica? L articolo

Dettagli

Logica e Filosofia della Scienza M-Z

Logica e Filosofia della Scienza M-Z Logica e Filosofia della Scienza M-Z A.A. 2012-2013 Edoardo Datteri edoardo.datteri@unimib.it INFORMAZIONI GENERALI SUL CORSO Date Inizio: 6 marzo 2013 Fine: giovedì 30 maggio 2013 Orario e aule: Mercoledì

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1.

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. Esercitazione Proposizioni April 16, 2015 Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. 1. Consideriamo le proposizioni: - p : Gli orsi grizzly sono stati

Dettagli

La teoria della finzione di Walton

La teoria della finzione di Walton Mimesis e far finta La teoria della finzione di Walton In questa lezione, discuteremo l analisi della distinzione tra opere di finzione e opere che non sono di finzione proposta da K. Walton in Mimesis

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 2 Logica delle proposizioni

Dettagli

LOGICA PER LA PROGRAMMAZIONE. Franco Turini turini@di.unipi.it

LOGICA PER LA PROGRAMMAZIONE. Franco Turini turini@di.unipi.it LOGICA PER LA PROGRAMMAZIONE Franco Turini turini@di.unipi.it IPSE DIXIT Si consideri la frase: in un dato campione di pazienti, chi ha fatto uso di droghe pesanti ha utilizzato anche droghe leggere. Quali

Dettagli

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO Per definizione implicito è ciò che viene comunicato, senza venir asserito esplicitamente. La maggior parte della nostra comunicazione si basa su processi e contenuti

Dettagli

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) autoreferente qualcosa che parla di se stesso o che si riferisce a se stesso un'autoreferenza

Dettagli

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire La scala maggiore Ora che abbiamo dato un pò di cenni teorici e impostato sia la mano destra che la sinistra è venuto il momento di capire cosa suonare con il basso ( impresa ardua direi ), cioè quando

Dettagli

Verità nella finzione

Verità nella finzione L argomento della lezione Verità nella finzione La teoria di G. Currie In questa lezione, esamineremo la soluzione al problema di Dickens proposta da G. Currie in The nature of Fiction. Sandro Zucchi 2013-14

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL RAGIONAMENTO

CONSIDERAZIONI SUL RAGIONAMENTO CONSIDERAZIONI SUL RAGIONAMENTO Luca Cilibrasi Matteo Pascucci Mariana Colucci Mirian Frances Garcia Lavoro per il corso di psicologia cognitiva di Scienze della Comunicazione Siena 2009 - con i docenti

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Università di Salerno Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente: Ing. Giovanni Secondulfo Anno Accademico 2010-2011 ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Fondamenti di Informatica Algebra

Dettagli

Implicazione logica. p q p q falsa falsa vera falsa vera vera vera falsa falsa vera vera vera

Implicazione logica. p q p q falsa falsa vera falsa vera vera vera falsa falsa vera vera vera Implicazione logica L implicazione logica è un connettivo logico attraverso il quale, a partire da due proposizioni p e q, si forma una nuova proposizione,chiamata p implica q e si scrive p q, la quale

Dettagli

Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi

Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi 1. Introduzione All interno di un elaboratore esistono diversi livelli di descrizione delle informazioni. Il livello più basso è rappresentato

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 Finalità: Sistematizzare concetti e definizioni. Verificare l apprendimento. Metodo: Lettura delle OSSERVAZIONI e risoluzione della scheda di verifica delle conoscenze

Dettagli

Un test per la selezione?

Un test per la selezione? Un test per la selezione? Oggettivo Rapido Efficiente Efficace Ad un buon punteggio alla prova di ammissione consegue: Votazione più alta agli esami e alla tesi Numero di esami per anno maggiore Tempo

Dettagli

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Università di Bergamo Anno accademico 2006 2007 Ingegneria Informatica Foglio Algebra e Logica Matematica Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Esercizio.. Costruire le tavole di verità per

Dettagli

Metodologie di programmazione in Fortran 90

Metodologie di programmazione in Fortran 90 Metodologie di programmazione in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2007/2008 Fortran 90: Metodologie di programmazione DIS - Dipartimento di

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Mathematical logic 1 st assessment Propositional Logic 23 October 2014

Mathematical logic 1 st assessment Propositional Logic 23 October 2014 Name ID. 1 Mathematical logic 1 st assessment Propositional Logic 23 October 2014 Instructions Rispondete in Italiano utilizzando una penna ad inchiostro (no matite) a meno che le domande non vi diano

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1

Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1 Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1 Possiamo ora trattare unitariamente alcuni dei principali risultati negativi della logica: il teorema di Church sull'indecidibilità della logica, il teorema

Dettagli

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi LOGICA E LINGUAGGIO Caserta, 2 febbraio 2 Dott. Michele Bovenzi Una breve introduzione La logica nasce nell antichità come disciplina che studia i principi e le regole del ragionamento, ne valuta la correttezza

Dettagli

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Guardate queste immagini Università degli Studi di Milano Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Sandro Zucchi 2012-13 S. Zucchi: Cognizione, linguaggio e diritti degli animali 12-13

Dettagli

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 10 Correttezza A. Miola Novembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Correttezza 1 Contenuti Introduzione alla correttezza

Dettagli

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi Atti linguistici Per i filosofi del linguaggio ideale: la funzione principale del linguaggio è quella di descrivere stati di cose (descrivere come sarebbe il mondo se l enunciato proferito fosse vero)

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA 2 Livello UD 30.2 Anno primo Alfabetizzazione italiana II 1 Competenze usare forme linguistiche di base per gestire dialoghi semplici e interagire in situazioni interpersonali

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO OBIETTIVO GENERALE COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE 1. Prestare attenzione a chi parla 2. Saper comprendere messaggi orali 3. Capire il significato globale delle

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Elisa Paganini. LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5.

Elisa Paganini. LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5. Elisa Paganini LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5.2015 INDICALI E DIMOSTRATIVI: LA TEORIA DI KAPLAN 1. David Kaplan Demonstratives

Dettagli

PERCORSO DI PIANIFICAZIONE DI UN RACCONTO

PERCORSO DI PIANIFICAZIONE DI UN RACCONTO PROF.SSA PEZZIN CORSO METACOGNIZIONE NELLA SCUOLA? UNA POSSIBILE NECESSITA CTRH MONZA CENTRO 2013 Attività di laboratorio di lingua Percorso IL DONO DELLA PECORA Il percorso è rivolto ad un gruppo di 14

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007 Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 5 maggio 2 a. Assumendo che il colore dei capelli negli esseri umani sia determinato da una coppia di alleli, diciamo (B, S), presi a caso con probabilità

Dettagli

Progetto e analisi di algoritmi

Progetto e analisi di algoritmi Progetto e analisi di algoritmi Roberto Cordone DTI - Università degli Studi di Milano Polo Didattico e di Ricerca di Crema Tel. 0373 / 898089 E-mail: cordone@dti.unimi.it Ricevimento: su appuntamento

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Non sono necessarie Supponiamo che io dica Oggi piove Senza sapere che giorno è oggi (questo non mi impedisce di riferirmi al 11.1.

Non sono necessarie Supponiamo che io dica Oggi piove Senza sapere che giorno è oggi (questo non mi impedisce di riferirmi al 11.1. Indicali 1. Il metodo delle coordinate multiple il significato di un enunciato (indicale o non indicale) è una funzione da coordinate multiple a valori di verità 2. La distinzione fra carattere e contenuto

Dettagli

Esercitazione 2 di verifica

Esercitazione 2 di verifica Architettura degli Elaboratori, 27-8 Esercitazione 2 di verifica Soluzione: mercoledì 24 ottobre Una unità di elaborazione U è così definita: Domanda 1 i) possiede al suo interno due componenti logici

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

T E M I DESCRIZIONI DEFINITE

T E M I DESCRIZIONI DEFINITE APhEx 8, 2013 (ed. Vera Tripodi) Ricevuto il: 05/03/2013 Accettato il: 31/05/2013 Redattore: Vera Tripodi N 8 GIUGNO 2013 T E M I DESCRIZIONI DEFINITE di Massimiliano Vignolo ABSTRACT - Questo tema è una

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione di lingua inglese a.s. 2015/2016 L insegnamento della lingua inglese avrà come obiettivo principale l acquisizione delle funzioni comunicative

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti.

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. MATEMATICA NUCLEO TEMATICO: I NUMERI Classe prima Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. Inglese (concetto di grande e piccolo; Costruire

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica?

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica? Introduzione Per gran parte dei concorsi pubblici, dall'accesso al'università alla selezione per posti lavorativi i quiz di logica solo parte importante dei quesiti selettivi. Non richiedono una preparazione

Dettagli

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10 12. Contenuto di Informazione Algoritmico (AIC) - 17/05/12 Vogliamo adesso introdurre una nozione di contenuto di informazione di una stringa infinita, prodotta da una sorgente di informazione, che non

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

Convertitori numerici in Excel

Convertitori numerici in Excel ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA Convertitori numerici in Excel Prof. G. Ciaschetti Come attività di laboratorio, vogliamo realizzare dei convertitori numerici con Microsoft Excel

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918)

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege 1892 (A) Aristotele è il maestro di Alessandro Magno (B) Aristotele

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

Intelligenza o abilità?

Intelligenza o abilità? a Intelligenza o abilità? L apprendimento è stato spesso collegato con l intelligenza, e l intelligenza è stata misurata dagli psicologi con vari tipi di test. Ma come funziona un «tipico» test di intelligenza?

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA a. Ascoltare e parlare 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 2. Prestare attenzione a situazioni comunicative

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

ELEMENTI DI LOGICA PROBABILISTICA 29

ELEMENTI DI LOGICA PROBABILISTICA 29 ELEMENTI DI LOGICA PROBABILISTICA 29 3.1. Lo schema delle scommesse di de Finetti. La nostra analisi della logica probabilistica si è fino a qui basata su due assunzioni. La prima è che la logica dei gradi

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Reti sequenziali e strutturazione firmware

Reti sequenziali e strutturazione firmware Architettura degli Elaboratori, a.a. 25-6 Reti sequenziali e strutturazione firmware Alla parte di corso sulle reti sequenziali è apportata una sensibile semplificazione rispetto a quanto contenuto nel

Dettagli

SCUOLE PRIMARIE CLASSI TERZE

SCUOLE PRIMARIE CLASSI TERZE UNITÀ DI APPRENDIMENTO I o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI TERZE UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione MI GUARDO INTORNO Compito-prodotto Cartelloni, testi scritti Competenze mirate Comuni/cittadinanza

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

Apprendimenti minimi. Classe Prima

Apprendimenti minimi. Classe Prima Apprendimenti minimi Classe Prima Ascoltare semplici consegne e comandi ed adeguarvi il proprio comportamento Comprendere e riferire, attraverso domande-guida, i contenuti essenziali relativi a semplici

Dettagli