L acqua, dall immobilità all eterno cambiamento.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L acqua, dall immobilità all eterno cambiamento."

Transcript

1 L acqua, dall immobilità all eterno cambiamento. 1

2 Indice -Premessa. -Il mio percorso artistico attraverso l acqua. -L acqua come impressione. L esempio di Monet. -Contestualizzazione storica: da Monet a Gauguin. -L acqua come Gauguin. simbolo. L esempio di -L'arte giapponese. Approfondimento. -Contestualizzazione filosofica. Lo slancio vitale di Bergson. -L'acqua come movimento L esempio di Balla. -Fonti. 2 vorticoso.

3 L acqua, dall immobilità all eterno cambiamento. - Premessa «L acqua che tocchi de fiumi è l ultima di quelle che andò e la prima di quella che viene. Così il tempo presente». (Leonardo da Vinci) Ha svolto un ruolo fondamentale nella nascita delle antiche civiltà e, ancora oggi, é considerata l' "oro blu", proprio per la sua importanza cruciale nella vita di tutti i giorni. L'acqua é uno degli elementi più affascinanti presenti in natura. Senza acqua non c'é vita e non é un caso che, fin dai tempi più remoti, sia stato attribuito ad essa un alto valore simbolico, filosofico e religioso. Anche nella storia dell'arte l'acqua é stata, in innumerevoli occasioni, la protagonista principale di grandi capolavori, grazie appunto alle potenzialità simboliche, ma anche e soprattutto estetiche, che la contraddistinguono. Basti pensare ai riflessi e ai giochi di luce suggeriti nelle opere di Claude Monet, oppure ai movimenti veloci e vorticosi del flusso dell'acqua che affascinarono Giacomo Balla o, ancora, alle linee sinuose della corrente e alle trasparenze immortalate da Paul Gauguin. Sul ruolo giocato dall'acqua nella storia dell'arte e nella letteratura intendo, dunque, concentrare il mio lavoro: con questa tesina, infatti, ripercorrerò attraverso immagini e parole la suggestione che l'acqua ha esercitato su alcuni grandi artisti a partire dalla fine dell'

4 - Il mio percorso artistico attraverso l acqua «Cioè vedete lì, dove l acqua arriva sale sulla spiaggia poi ferma ecco, proprio quel punto, dove si ferma dura proprio solo un attimo, guardate, ecco, ad esempio, lì Vedete che dura solo un attimo, poi sparisce, ma se uno riuscisse a fermare quell attimo quando l acqua si ferma, proprio quel punto, quella curva è quello che io studio. Dove l acqua si ferma. ( )lì finisce il mare immenso, l oceano mare» (Alessandro Baricco) Il fascino che l acqua esercita sulla mia personalità non nasce semplicemente in questa occasione, per l esame di maturità. È qualcosa di ben più profondo, capace di stimolare la mia creatività a trecentosessanta gradi. A testimonianza di ciò qui di seguito ho pensato opportuno inserire, riprodotti, alcuni miei lavori realizzati durante il quarto anno di scuole superiori. Si tratta di uno studio di progettazione: il tema dato dall insegnante era quello del "movimento" e io ho deciso di utilizzare l onda come simbolo di cambiamento, molteplicità, trasformazione e continuità. 4

5 -Tavole Particolare disegno definitivo onda con particolare matite acquerellabili Particolare e vari moduli simmetria bilaterale Simmetria traslatoria particolare simmetria 5 simmetria radiale simmetria traslatoria e ripetizione ritmica

6 - L'acqua come impressione. L esempio di Monet «L'acqua, essendo un oggetto in continuo movimento, é un vero problema...un uomo può dedicare l'intera vita a un'opera simile». (Claude Monet) Nel 1872 Claude Monet (Parigi Giverny 1926) realizzò l'opera olio su tela intitolata Impressione: sole nascente, oggi esposta al Musèe Marmottan di Parigi ma allora stroncata dal noto critico Louis Leroy scrivendo che «una carta da parati al suo stato iniziale é più rifinita di questa marina». Da allora la critica, con intenzioni ironiche, iniziò a chiamare quelli che prima Emile Zola soprannominava come "naturalisti" col nome di "impressionisti". Termine che, nel nonostante la riluttanza di Degas poiché lo riteneva senza senso - fu per la prima volta fatto proprio dagli stessi artisti, in una collettiva intitolata Exposition des impressionistes. A questa collettiva parteciparono, tra gli altri, Monet, Cézanne, Degas, Pissarro, Renoir e Sisley...Tutti accomunati dall'obiettivo di catturare l'effetto complessivo - l'impressione, appunto - di una situazione naturale al di là della restituzione analitica dei dettagli. Cèzanne (Aix en Provence, ) in particolare portò in mostra l'ormai celebre opera Bagnanti mentre l'inglese Sisley (Parigi, Moret sur Loing, 1899) espose il dipinto Inondazione a Marly, dove l'artista metteva a punto le ricerche en plein air sui riflessi dell'acqua già avviate da Renoir e Monet. La mia attenzione si concentra su Monet, uno degli impressionisti più celebri, che con le sue opere mise in atto una vera e propria ricerca estetica sull'acqua. Monet é uno degli artisti impressionisti che applicò con maggior forza il principio del en plein air, impegnandosi sin dagli anni 60 con i suoi esercizi di effetti di luce e di colore, attraverso i quali intendeva educare l'occhio a una visione "ingenua", ossia priva di convenzioni rappresentative, basata esclusivamente sulla fedele registrazione delle proprie osservazioni. Ciò che più conta, del resto, per gli impressionisti é l'impressione (il termine deriva dal latino in, sopra e prèmere, schiacciare e rende, dunque, il concetto di un atto o di una sensazione che viene a imprimersi nella nostra coscienza) che un certo stimolo esterno provoca nell'artista che, partendo dalle sue personali sensazioni, dà il via a una sintesi tendente a eliminare il superfluo per arrivare a cogliere la sostanza delle cose, l'impressione pura. Da qui l'abolizione quasi totale di disegno e linee di contorno, della prospettiva geometrica, la tendenza a non utilizzare più forti contrasti di colore 6

7 chiaroscurali opponendo piuttosto l'idea di diluire il colore locale in accostamenti di colori puri, nella convinzione che ogni colore non esiste di per sé ma in rapporto agli altri colori che ha vicino. Infine, un'attenzione fortissima nei confronti della luce che cambia continuamente determinando in noi una percezione diversa dei colori... É per questo del resto che gli impressionisti cercano di realizzare le loro opere con maggiore immediatezzapossibile: per dare allo spettatore l'impressione di un attimo fuggente. Claude Monet, Ninfee 1906, 90x93, Olio su tela, Chicago Diletta Lodola, Studio Monet: Ninfee 2011/12, 40x40, Acrilico su tela,la Spezia 7

8 Uno dei cicli più famosi di Monet ha come tema centrale le ninfee del giardino della casa di Giverny che l'artista dipinse dalla fine dell' '800 fino alla morte, avvenuta nel Lo stagno di Giverny - circondato da un giardino progettato dallo stesso Monet secondo un'impostazione tipicamente giapponese - diventa il fulcro attorno a cui ruota tutta l'ultima produzione dell'artista, con risultati, specie nelle tele più grandi realizzate dopo il 1917, che anticipano l'astrattismo. tema Qui il dell'acqua é predominante, del resto degli visto é come proprio impressionisti, che uno dei presupposti di questi artisti é rendere la transitorietà di tutte le cose. E, sappiamo bene, che l'acqua non si acquieta mai, nel suo interminabile scorrere e mutare, nel suo continuo cambiare di sfumature di colore. Non é davvero un caso che Monet, nel suo soggiorno a Venezia del 1908, sia rimasto folgorato dalla città lagunare, a cui dedicò il bel dipinto Palazzo Ducale a Venezia, oggi custodito al Brooklyn Museum of art di New York. Scrive, egli stesso, in riferimento al palazzo veneziano: «l'artista che lo concepì fu il primo degli impressionisti. Lo lasciò galleggiare sull'acqua, sorge dall'acqua e risplende nell'aria di Venezia come il pittore impressionista lascia risplendere le sue pennellate sulla tela per comunicare la sensazione dell'atmosfera. Quando ho dipinto questo quadro é l'atmosfera di Venezia che ho voluto dipingere. Venezia é l'impressionismo in pietra». Nel suo piccolo Monet cercò di rendere tutto questo nel suo giardino della casa di Giverny, con un laghetto di ninfee realizzato facendosi addirittura deviare un piccolo torrente di nome Epte. L'acqua, calma e rasserenante, é la grande protagonista anche se viene suggerita soprattutto attraverso il riflesso capovolto del cielo e delle fronde. Scrive Monet: «ho dipinto tante di queste ninfee, cambiando sempre punto d'osservazione, modificandole a seconda delle stagioni dell'anno e adattandole ai diversi effetti di luce che il mutar delle stagioni crea e naturalmente, l'effetto cambia costantemente, non soltanto da una stagione all'altra, ma anche da un minuto all'altro, 8

9 poiché i fiori acquatici sono ben lungi da essere l'intero spettacolo, in realtà sono solo il suo accompagnamento. L'elemento base é lo specchio d'acqua il cui aspetto muta ogni istante per come brandelli di cielo vi si riflettono conferendogli vita e movimento. Cogliere l'attimo fuggente, o almeno la sensazione che lascia é già sufficientemente difficile quando il gioco di luce e colore si concentra su un punto fisso, ma l'acqua, essendo un soggetto così mobile e in continuo mutamento è un vero problema... un uomo può dedicare l'intera vita a un'opera simile». 9

10 - Contestualizzazione storica. Da Monet a Gauguin, la fuga dal mondo. «Ma ciò che dice una donna all amante appassionato, scrivilo nel vento e nell acqua rapida». (Catullo) Il secondo Ottocento é segnato dal processo di industrializzazione che, già a partire dal 1700, iniziò a investire la società europea, ovviamente con intensità e soluzioni diverse a seconda delle particolari situazioni locali. Ne conseguì la nascita di nuove città e la trasformazione in centri urbani di borghi e paesi situati in zone strategiche da un punto di vista commerciale e produttivo. Sugli intellettuali influirà molto - in chiave sia positiva che negativa - il rinnovato ruolo delle grandi città, della condizione dei lavoratori, del paesaggio urbano, l'esperienza della folla. Così, se per alcuni la città diviene un polo d'attrazione, fonte di nuovi stimoli, di opportunità lavorative... al contrario, per altri, la civiltà urbana si tramuta in un luogo da fuggire, alla ricerca utopica di armonia e serenità. Si spiega così il giardino giapponesizzante di Giverny di Monet, ma anche il viaggio di Gauguin in Bretagna e in Polinesia, alla ricerca di modelli estetici ed esistenziali estranei alla cultura occidentale moderna. Aha oe feii? (Come sei gelosa?), 1892, Paul Gauguin 10

11 - L'acqua come simbolo. L esempio di Gauguin «Nulla è più duro d'una pietra e nulla più molle dell'acqua. Eppure la molle acqua scava la dura pietra». (Ovidio) Per indicare gli artisti che variamente ripresero gli impressionisti si suole parlare di "post impressionisti", termine introdotto nel 1910 dall'artista e critico d'arte inglese Roger Fry (Londra, ). Alcuni di questi artisti (come Cézanne, Seurat, Gauguin) avevano già partecipato a mostre impressioniste ma proseguirono la loro produzione più matura in forme alternative all'arte di Monet. I post impressionisti rimproveravano agli impressionisti di interessarsi esclusivamente di quello che potevano vedere con i loro occhi. I post impressionisti, infatti, volevano spostare l'interesse dall'ottico al concettuale. Caratteristiche accomunanti i post impressionisti erano, per esempio, il rifiuto della semplice impressione visiva e la tendenza a cercare la solidità dell'immagine, la sicurezza del contorno, la certezza e la libertà del colore... Tra i più acuti interpreti del post impressionismo troviamo Gauguin (Parigi Hiva Oa 1903) particolarmente interessante per il tema qui proposto proprio perché in molte sue opere incluse l acqua come elemento pittorico. L onda 1888 Paul Gauguin 49x58 Olio su tela Collezione privata New York L onda 2011/12 Diletta Lodola (studio su Gauguin) 35x45 Acrilico su tela La Spezia 11

12 Importante da analizzare al fine della mia ricerca é il dipinto L'onda che Gauguin realizzò nel I motivi lineari attraverso cui l'artista realizza i gorghi dell'acqua, il punto di vista notevolmente rialzato risentono dell'influenza della pittura giapponese, a quei tempi di gran moda per via delle numerose stampe a colori che circolavano in tutta Europa. In particolar modo il dipinto guarda alla lezione del grande Utagawa Hiroshige basti confrontare il dipinto di Gauguin con l'opera Mare, luna e fiori: viaggio da Naruto ad Awa realizzata nel 1857 dall'artista giapponese. In maniera simile alla stampa giapponese Gauguin realizza l'incresparsi delle onde e i piccoli gorghi come se si trattasse di giochi lineari. La schiuma che va a lambire gli scogli resta chiusa entro una sottile linea scura che la contorna. Dando vita ai movimenti ondeggianti dell'acqua. Tuttavia nel quadro Gauguin non utilizza colori naturali: sembra anzi puntare sull'innaturalità della composizione creando grandi zone piatte e giustapponendo colori contrastanti tra loro: la spiaggia, per esempio, é rossa mentre l'acqua é gialla e verde. Così l'artista riproduce la realtà non come la vedeva ( secondo il modello intrapreso da Monet) ma bensì come la sentiva. Cioè: sintetica, bidimensionale, soggettiva, innaturale L'acqua rappresentata da Gauguin é ben lontana dal senso di serenità e calma suggerita nei dipinti di Monet: diviene invece "simbolo" della potenza irrefrenabile degli elementi naturali. 12

13 - L'arte giapponese. Approfondimento «Anche sulle acque del fiume Sumida / la neve cadendo non riesce a sciogliersi / oppure potrebbero essere gabbiani?». (dalla poesia che compare in alto a sinistra di "Inverno", dalla serie "Famose vedute di Edo nelle quattro stagioni", , di Hiroshige) Uno degli aspetti ricorrenti della ricerca artistica contemporanea é la necessità di superare le forme tradizionali appartenenti alla cultura europea e attingere dal serbatoio di civiltà lontane nello spazio e nel tempo. Un fatto decisivo per l'arte occidentale, in questo senso, è stata l'apertura dei porti giapponesi al commercio europeo, avvenuta intorno a metà '800. La cultura giapponese, infatti, inizia a diffondersi prepotentemente in Europa attraverso le Esposizioni Universali del 1862 a Londra e poi a Vienna nel 1873, fino a quelle parigine del 1876, 1878, 1889 e L'arte giapponese, inoltre, si diffonde anche attraverso alcune riviste che risentono del giapponesismo sia per i criteri d'impaginazione sia per le illustrazioni che avevano come protagoniste immagini o argomenti esotici: ne sono un esempio The hobby house, The Studio, Pan e molte altre ancora... Gli aspetti che gli artisti occidentali più ammiravano del giapponesismo riguardavano il segno, la composizione, il colore, la tecnica utilizzata (in particolare l'immediatezza del disegno a china attraverso l'uso del pennello), l'aspetto esotico e decorativo e l'eleganza delle composizioni, sempre raffinatissime. Una profonda attenzione era rivolta all'essenzialità delle forme: gli artisti occidentali, infatti, guardano agli esempi giapponesi con uno spirito quasi liberatorio, amando molto ( specie gli impressionisti, che cercano di rendere la visione in movimento) la composizione asimmetrica delle opere, in cui le figure si possono muovere liberamente nello spazio: qualcosa di molto lontano dalle pose accademiche tipiche della cultura occidentale, che bloccava l'oggetto nella propria determinazione spaziale. Insomma, il fascino del giapponesismo veniva inteso non solo come gusto esotico nei confronti di una cultura lontana ma anche come vera e propria lezione di pittura. 13

14 Non è dunque un caso che tra gli artisti rappresentativi più nella collezione di Monet figuri Hokusai Katsushika con Sotto l onda al largo di Kanagawa e Hiroshige Utagawa, o che Van Gogh invidi ai giapponesi il segno rapido con cui tracciavano le forme e la chiarezza esecutiva dichiarando addirittura, a proposito di un suo famoso autoritratto, di assomigliare a un monaco giapponese. Numerosi poi sono i riferimenti stilistici all'arte giapponese in Paul Gauguin e può essere utile ricordare che, nel 1893, Pissarro si spinse a dire: «Hiroshige é un meraviglioso impressionista». E proprio Hiroshige é uno degli artisti giapponesi che più mi interessano al fine della mia tesina. Mary McNeil Fenellosa moglie del più noto Ernesto Fenellosa, uno dei primi specialisti occidentali in arte giapponese - in una monografia del 1901 definì infatti Hiroshige come «artista della foschia, della neve e della pioggia». Per capire un'affermazione del genere basta osservare opere come Kanbara. Neve di sera o Shoro. Scroscio improvviso: spesso, infatti, nelle opere dell'artista, questi elementi appaiano fisicamente all'interno dei paesaggi ritratti, di cui Hiroshige riesce a trasmettere con abilità l'atmosfera all'osservatore. Inoltre Hiroshige, in più di un'occasione, dipinse mari e fiumi giapponesi: basti pensare alla bella serie Tra le cinquantatré stazioni di posta del Tokaido, composta da cinquantacinque 14

15 fogli che rappresentavano, oltre alle cinquantatré stazioni, anche una stampa raffigurante Nihonbashi, il "ponte del Giappone" a Edo e da un'altra dedicata al ponte sul fiume Kamo, a Kyoto, andando così a delineare un percorso tra le due capitali (Edo, che rappresenta il Nuovo Giappone e Kyoto, che simboleggia la tradizione) attraverso il Tokaido, che letteralmente significa «la strada del mare orientale». Interessante anche l'opera Il mare a Satta nella provincia di Sugura, dalla serie Trentasei vedute del monte Fuji: evidente qui è il richiamo all'omonima serie di Hokusai, di oltre vent'anni precedente. Di grande ispirazione, in questo caso, é stata la Grande Onda di Hokusai. 15

16 - Contestualizzazione filosofica. Lo slancio vitale di Bergson. La definizione di un nuovo concetto di tempo portato avanti da Henri Bergson (Parigi, Auteuil 1941) porta inevitabilmente ad una rinnovata visione dell esistenza. Henri Bergson, approfondendo l indagine sul concetto del tempo, giunge ad una visione originale e suggestiva che interpreta l uomo, la natura e il mondo interno in chiave spiritualistica, togliendo ogni residuo meccanicistico. Egli si affida all intuizione per cogliere la vita nell immediatezza del suo fluire, il tempo della coscienza è il flusso continuo senza distinzione di passato, presente, futuro è lo svolgersi di un rotolo, perché non c è essere vivente che non si senta arrivare, a poco a poco, al termine della parte che deve recitare è anche un arrotolarsi continuo, come quello del filo di un gomitolo, perché il nostro passato ci insegue si ingrossa nel presente; coscienza significa memoria. Per Bergson la vita è totipotenza cioè possibilità di divenire. Ognuno di noi è un frammento di vita : potevamo essere diversi, ma siamo così non per necessità ma per libertà dell energia vitale. «La vita è una corrente di coscienza (slancio vitale) stream of consciousness». «La vita si presenta come una corrente che va da una cellula germinale all altra con l intermediazione di un organismo sviluppato». «La vita, sin dalla sua origine, è la continuazione di un solo e medesimo slancio che si è diviso in linee di evoluzione divergenti». «Quando parlo di un centro donde i mondi zampillerebbero come raggi di un immensa girandola non postulo tale centro come una cosa, ma come una continua sorgente. 16

17 Dio,così definito, non ha nulla di completamente realizzato; è vita incessante, azione, libertà». «La vita ci appare complessivamente come un onda immane propagantesi da un centro, onda che quasi ovunque sulla sua superficie d espansione si arresta mutandosi in oscillazione locale senza progresso: in un solo punto l ostacolo è stato abbattuto, la spinta è passata liberamente, ed è da questa libertà che viene contraddistinta la specie umana». «La vita intera sin dalla spinta iniziale che la introdusse nel mondo, sembrerà alla filosofia intuitiva un onda che sale e si oppone al movimento discendente della materia. Sulla maggior parte della sua superficie di espansione a diverse altezze, la corrente è dalla materia mutata in un vorticare su se stessa; in un solo punto ha libero sfogo, e trascina con sé l ostacolo, che appesantirà il suo andare, ma non perverrà ad arrestarlo. In questo punto si trova l umanità, questo è il nostro privilegio. Del resto quest onda che sale è la coscienza». «Il movimento di una corrente è distinto dal mezzo attraversato, benché debba necessariamente assumerne le sinuosità». Da «L evoluzione creatrice». 17

18 - L'acqua come movimento vorticoso. L esempio di Balla. «Sabbia a perdita d'occhio, tra le ultime colline e il mare - il mare - nell'aria fredda di un pomeriggio quasi passato, e benedetto dal vento che sempre soffia da nord. La spiaggia. E il mare». (Alessandro Baricco) É il 1909 quando Filippo Tommaso Marinetti pubblica su Le Figarò il Manifesto del futurismo, firmato nel 1910 da Boccioni, Carrà, Russolo, Severini e Balla. Il Manifesto si contrapponeva al cosiddetto "passatismo", ovvero la cultura tradizionale, per promuovere un rinnovamento totale, tanto nell'arte quanto nella vita politica. Un cambiamento che i futuristi reputavano inevitabile alla luce della nuova realtà della civiltà industriale - caratterizzata dal predominio della macchina - e dai miti della velocità e del progresso. Tra tutti i futuristi, prendiamo in esame Giacomo Balla, autore di un'opera dedicata all'acqua: Libecciata del Balla, che risente della tecnica fotografica di Anton Giulio Bragaglia e dei suoi studi per riprodurre il movimento in fotografia (ovvero, la fotodinamica) rappresenta il movimento con un approccio analitico, contemplando nel tempo lo spostamento spaziale dell'oggetto. Si tratta di una serie di dipinti elegantissimi che propongono il tema dell irruzione cinetica di un evento esterno nella natura, realizzati all interno di una struttura vagamente liberty, talvolta quasi monocromi o comunque realizzati in diverse tonalità di svariati colori. Siamo nel 1919 e Balla si trova a Viareggio per due settimane, dal 15 sino alla fine di settembre, con la moglie e le figlie, ospite di un amica di famiglia di nome Elisa. Nelle cartoline inviate a Livorno, all attenzione di Virgilio Marchi (Livorno, Roma 1960), uno dei più importanti scenografi e architetti italiani legati al secondo futurismo, e a Roma, dove viveva la madre, l artista descrive le sensazioni suggerite dalla vista del mare: disegna schizzi colorati di vele al vento e dà vita a un nuovo ciclo: Le linee forza di mare che segue quello della Linea di velocità. Scrive Virgilio Marchi: «passava delle ore fermo sul molo prendendo appunti sui suoi taccuini, su quei piccoli foglietti di carta segnava la cresta di un onda, il disegno del ricamo della spuma bianca del mare, la linea esatta di una vela, la forma di una nube all orizzonte, e quei piccolissimi segni erano la chiave con la quale lui solo sapeva aprire la visione di nuove opere ispirate al mare». 18

19 Particolarissime e interessanti inoltre, in queste opere, sono le cornici che racchiudono l opera, di cui diventano un ideale estensione: per Balla, infatti, le cornici erano il modo per far sì che la pittura uscisse dalla tela. Le cornici regalano al dipinto una grande qualità decorativa, con le loro forme concave e convesse, ondulate in modo da richiamare il soggetto dell opera e rendere, attraverso poche linee essenziali, il dinamismo. Della serie delle Linee forza di mare di particolare interesse sono le Linee forza di mare libecciata, significative specialmente per i colori intensi che tendono al verde scuro marino, sintomo di una tempesta. In primo piano si nota al centro l apice dell onda di color bianco ma con delle velature di grigio mare e nella maggior parte si evidenziano delle linee sinuose più sottili e più marcate di color grigio azzurrognolo. In primo piano si hanno delle onde definite e molto articolate di un color verde scuro. La caratteristica principale di questo dipinto è data dalle linee morbide e dal loro continuo ingarbugliamento,ò riuscendo a catturare il flusso mutabile, in un continuo correre incessante del moto ondoso, rievocando così il diktat dei futuristi per cui «tutto si muove, tutto corre, tutto volge al rapido». Sullo sfondo si hanno sette imbarcazioni a vela ognuna delle quali distinta per forma, per posizione, per i colori e per le differenti sfumature di grigio. Anche il cielo si differenzia in singole forme, partendo dal color bianco più chiaro fino ad arrivare progressivamente a colori più scuri. L elemento vitale unico è l acqua che racchiude la simbologia degli elementi visti come potenze misteriose, con un ammirazione unita a timore primitivo che ci riporta al tema del sublime di Caspar David Friedrich (es: Il monaco in riva al mare.) Linee forza di mare (Libecciata) 1919 Giacomo Balla 70X100cm,85x115cm Linee forza di mare (Libecciata) 2012 Diletta Lodola, Studio su G. Balla 40x50 cm 19

20 (con cornice sagomata e dipinta da Balla) Olio su tela Collezione privata (con cornice sagomata e dipinta da Lodola) Acrilico su tela La Spezia particolare cornice sagomata e dipinta da Balla 20

21 - Fonti - Alessandro Baricco, Oceano Mare, Rizzoli Libri s.p.a. (edizione speciale per La Repubblica), Milano, Giorgio Cricco e Francesco Paolo Di Teodoro, Itinerario nell'arte Volume 3 Versione Maior, Zanichelli, Bologna. - Giovanni Lista, Paolo Baldacci, Livia Velani, Balla. la modernità futurista, catalogo realizzato in occasione della mostra realizzata a Palazzo Reale nel periodo 15 febbraio - 2 giugno 2008, Skira Editore, Milano, Domenico Massaro, La comunicazione filosofica, Volume 3 Tomo A, Paravia, Torino, Francesco Morena, Hiroshige, Artedossier, numero 254, Giunti editore, Firenze - Henri Bergson, L'evoluzione creatrice, BUR Biblioteca Universale Rizzoli (Classici del (Pensiero), Milano, Virgilio Marchi, Giacomo Balla in La stirpe, Roma 1928, pp

22 I miei ringraziamenti vanno ai miei insegnanti: -Sonia Patrucco, Storia dell arte. Ci siamo conosciute quest anno ma ha subito accettato questo mio progetto sull acqua nato già dai primi mesi della quarta liceo e quindi ha corretto le varie fasi della mia tesina fino alla stesura finale. -Sandra Baccalini, Filosofia. Sempre disponibile con la sua dolcezza è riuscita a farmi amare la filosofia e in particolare per questo lavoro mi ha aiutato ad affrontare le tematiche di Bergson che tanto si rispecchiano il continuo fluire dell acqua, cioè del soggetto da me trattato. -Maura Jasoni, Discipline pittoriche. In questi anni ha alimentato la mia passione per la pittura aiutandomi a prendere piano piano sempre più quella fiducia in me stessa che spesso mi manca. -Alice Barontini. Un ringraziamento particolare va ad Alice Barontini, per me una meravigliosa sorella maggiore, una proiezione di quello che vorrei essere da grande. Il suo grande amore per l arte contagia chi le è vicino ed io ho veramente avuto tanto da lei anche nello svolgere questa tesina. Spero di averla sempre accanto nella mia vita e in quell immenso mondo di arte che vorrei diventasse anche il mio. Diletta Lodola 22

Il Museo ideale di Arte Moderna. Impressionismo

Il Museo ideale di Arte Moderna. Impressionismo Il Museo ideale di Arte Moderna Impressionismo ARTE E IMMAGINE Spiegare l'uso del colore nella pittura impressionista Classe III Conoscere Collegamenti artisti impressionisti interdisciplinari: Storia

Dettagli

pissarro l anima dell impressionismo family guide

pissarro l anima dell impressionismo family guide pissarro l anima dell impressionismo family guide +5 CAMILLE PISSARRO Il giovanotto che vediamo rappresentato è Camille Pissarro. Dipinge questo autoritratto poco prima dei 25 anni. Da un isola delle Antille

Dettagli

Acqua e Arte (qualche riflessione)

Acqua e Arte (qualche riflessione) Acqua e Arte (qualche riflessione) L'acqua è l'elemento naturale intorno al quale ruota la vita di ogni essere vivente, ed è inoltre uno degli elementi interpretativi più forti nella letteratura, nell'architettura,

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

Il Museo ideale di Arte Moderna. Impressionismo

Il Museo ideale di Arte Moderna. Impressionismo Il Museo ideale di Arte Moderna Impressionismo ARTE E IMMAGINE Spiegare l'uso del colore nella pittura impressionista Classe III Conoscere artisti impressionisti Collegamenti interdisciplinari: Descrivere

Dettagli

Mazzoni Cinzia. Senza meta acrilico su legno 100 X 150 anno 2015

Mazzoni Cinzia. Senza meta acrilico su legno 100 X 150 anno 2015 Mazzoni Cinzia Senza meta acrilico su legno 100 X 150 anno 2015 Nata e residente a Livorno, Cinzia Mazzoni inizia il suo percorso artistico come illustratrice. La sua passione nasce in realtà da quando

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Prima Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo al MAO

Prima Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo al MAO Prima Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo al MAO Attori del Progetto Elisa Rosa e staff del portale Kids Art Tourism (promotori dell iniziativa) Achtoons, Creativity for Communications and Entertainment

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari:

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari: Indirizzo: TURISMO Classe: QUARTA AT BT Disciplina: ARTE E TERRITORIO prof. ssa DANIELA GERONI Competenze disciplinari: COMPETENZE 1. Individuare i rapporti intercorrenti tra uomo, ambiente, economia nazionale

Dettagli

Scuola di Pittura e Disegno

Scuola di Pittura e Disegno CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA Viale Appio Claudio 289 (Metro A Giulio Agricola) Tel: 06.71546212 3462179491 www.erbasacra.com; erbasacra@erbasacra.com Scuola di Pittura e Disegno Docente: Arch. Carlo Floris

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA OGNI CITTA HA UN ANIMA 05-06 DICEMBRE 2015 a cura di Loredana Zelinotti Photographer INFORMAZIONI ESSENZIALI: Obiettivo del Workshop: mettere se stessi alla prova con sfide differenti

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Ottocento - Arte impressionista

Ottocento - Arte impressionista Giorgione (o Tiziano), Concerto campestre, 1511 circa. Olio su tela, 110x138 cm. Parigi, Museo del Louvre. L opera fa riferimento ad un quadro di Giorgione (o forse di Tiziano), un Concerto campestre,

Dettagli

VINCENT VAN GOGH. Il seminatore, 1888, Zurigo, Collezione E.G.Bührle

VINCENT VAN GOGH. Il seminatore, 1888, Zurigo, Collezione E.G.Bührle VINCENT VAN GOGH 1) IL MAESTRO E IL LAVORO Van Gogh nutriva per Millet una sconfinata ammirazione, arrivando a eleggerlo suo padre ideale, per gli insegnamenti di profonda moralità che traspaiono dalle

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita 1 2 Una esperienza coinvolgente e vissuta sul terre della creatività Una giornata r provocazioni, non esperti, in una decina di La realizzazion propria opera

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

DIVENTIAMO PITTORI. Settore. Tema HOME. Classi PREMESSA. Autori OBIETTIVI MATERIALE SVOLGIMENTO OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI BIBLIOGRAFIA

DIVENTIAMO PITTORI. Settore. Tema HOME. Classi PREMESSA. Autori OBIETTIVI MATERIALE SVOLGIMENTO OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI BIBLIOGRAFIA Settore HOME Attività creative Attività graficopittoriche Tema Visita alla mostra del pittore Franco Valsangiacomo e realizzazione di un quadro Classi Quarta elementare Autori Maris Regazzoni Sinopoli

Dettagli

Proposta laboratorio creativo

Proposta laboratorio creativo Tino Vaglieri Vaglieri, fantasie di mutamento Opere 1958-1963 Studio d Arte del Lauro Via Mosè Bianchi 60, Milano dal 18 Ottobre al 21 Dicembre Proposta laboratorio creativo La mostra Lo Studio d Arte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

A SCUOLA DI GUGGENHEIM

A SCUOLA DI GUGGENHEIM A SCUOLA DI GUGGENHEIM «ARTE e LETTERATURA» dal segno alla grafia Scuola dell infanzia statale «G. Rodari» di Ceggia VE gruppo bambini di 4 anni a.s. 2012-2013 Insegnanti: Gabriella Barbuio, Roberta Regini,

Dettagli

La Pittura Impressionista L'impressionismo è un movimento pittorico nato in Francia nella seconda metà dell Ottocento

La Pittura Impressionista L'impressionismo è un movimento pittorico nato in Francia nella seconda metà dell Ottocento La Pittura Impressionista L'impressionismo è un movimento pittorico nato in Francia nella seconda metà dell Ottocento Prof. Diana De Maio IC Bozzaotra Massa Lubrense La Pittura Impressionista Gli impressionisti

Dettagli

CLAUDE MONET, SCOGLI ALLA BELLE-ILE (1886)

CLAUDE MONET, SCOGLI ALLA BELLE-ILE (1886) CLAUDE MONET, SCOGLI ALLA BELLE-ILE (1886) I bambini osservano e descrivono l opera: Il pittore ha disegnato gli scogli ma anche il mare con il pennello a pitturare. Ci sono le rocce assomigliano alle

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Scuola di cucina con Kandinsky a Bagnolo San Vito.sarà vero?

Scuola di cucina con Kandinsky a Bagnolo San Vito.sarà vero? Scuola di cucina con Kandinsky a Bagnolo San Vito.sarà vero? TANTO PER GRADIRE LE OPERE DI KANDINSKY Abbiniamo l arte all alimentazione KANDINSKY l esplorazione della forma : il cerchio Proposta di Laboratorio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

ENERGIA E MOVIMENTO PROGETTO GUGGENHEIM

ENERGIA E MOVIMENTO PROGETTO GUGGENHEIM ENERGIA E MOVIMENTO PROGETTO GUGGENHEIM Scuola Primaria "Monte Grappa" Istituto Comprensivo "Francesco d'assisi" via Don A. Belluzzo Tezze sul Brenta, Vicenza Classi partecipanti: 3 A- 3 B plesso di Tezze

Dettagli

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le In queste pagine ci sono alcuni miei lavori di correzione e revisione bozze. Non si tratta di una raccolta di refusi, perché sistemare gli errori di battitura e la grammatica non è altro che il lavoro

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Antonella Grasso matricola 42910 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO La composizione materica ad alto rilievo è una rielaborazione in chiave geometrica di un esplosione

Dettagli

PREFAZIONE Bona Borromeo

PREFAZIONE Bona Borromeo 8 PREFAZIONE Bona Borromeo Mi sento molto lusingata di presentare questo piacevolissimo libro sulla fotografia dei giardini, anche se non sono mai stata un abile fotografa nè una brava floricoltrice. Il

Dettagli

GRAFFITI D AUTORE ALLA SCUOLA TORELLI

GRAFFITI D AUTORE ALLA SCUOLA TORELLI GRAFFITI D AUTORE ALLA SCUOLA TORELLI Quando la nostra insegnante di Arte e Immagine Sabina Pelanconi, d intesa con la Dirigente, ci ha proposto realizzare due graffiti tematici, lungo le pareti delle

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903)

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903) Scuola Secondaria di I grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine Prof. Fortunato Rao La pittura deve suggerire più che descrivere, come invero fa la musica. (Paul Gauguin) SIMBOLISMO Paul Gauguin

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Titolo: "Siamo liberi di vivere e di amare" Commento: Siamo liberi...di vivere...e di amare. Rif n 1 elenco volantini

Titolo: Siamo liberi di vivere e di amare Commento: Siamo liberi...di vivere...e di amare. Rif n 1 elenco volantini Titolo: "Siamo liberi di vivere e di amare" Commento: Siamo liberi...di vivere...e di amare Rif n 1 elenco volantini Titolo: "Il bello della diversità" Commento: Due bimbi di etnia diversa che sono abbracciati

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile storia di un pensiero che da lineare ritornò ad essere radiale le mappe mentali:rappresentazione grafica del pensiero. seconda puntata di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA San Giuseppe

SCUOLA DELL INFANZIA San Giuseppe SCUOLA DELL INFANZIA San Giuseppe via Roma n 226-30038 Spinea (VE) - tel. 041990117 fax 041990283 Scuola Paritaria L. 10marzo2000 Prot. 488/5307 - Aderente alla F.I.S.M. di VENEZIA e-mail scuola@sangiuseppespinea.org

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Circolo del Roccolo Arenzano (GE) fotograficamente.arenzano@gmail.com

Circolo del Roccolo Arenzano (GE) fotograficamente.arenzano@gmail.com Circolo del Roccolo Arenzano (GE) fotograficamente.arenzano@gmail.com Jose Conti : Fotografo per istinto, per divertimento e per passione. Non so dire cosa preferisco fotografare, amo i giochi di luce

Dettagli

Nus... à Paris. Joëlle Kem Lika

Nus... à Paris. Joëlle Kem Lika Nus... à Paris Joëlle Kem Lika Sommario Nudi... a Parigi 3 Tecnica 6 Opere 7 2 Nudi... a Parigi La mia linea guida è: ritrarre la donna dinamica, potente, e allo stesso tempo dolce... soprattutto piena

Dettagli

Elementi di composizione

Elementi di composizione Elementi di composizione Un aspetto molto importante nella fotografia e in generale nella comunicazione visiva è la composizione: infatti in una comunicazione che sfrutta le immagini, la disposizione degli

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed. Impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedutmo, Romanticmo ed. Impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed Impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30 ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 12 dicembre '11 N di pagine (compreso

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE Progetto di Marilisa Brocca con la collaborazione delle allieve-artiste del gruppo Ronzinella Mogliano

Dettagli

Marialaura Matthey: anche l'occhio vuole la sua parte

Marialaura Matthey: anche l'occhio vuole la sua parte VENERDÌ 24 GENNAIO 2014 Marialaura Matthey: anche l'occhio vuole la sua parte Il noto proverbio "anche l'occhio vuole la sua parte" potrebbe essere il motto dell'artista Marialaura Matthey, sia perchè

Dettagli

Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni. Foto: Giuliana Pinzani. Testo di:

Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni. Foto: Giuliana Pinzani. Testo di: Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni Foto: Giuliana Pinzani Testo di: Serena Beoni In copertina: Giuliana Pinzani Raffinatezza - tecnica mista su tavola (gesso - metallo - acrilico) giuliana

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: IL PAESAGGIO: FORME, COLORI, SUONI E SUGGESTIONI

TITOLO DEL PROGETTO: IL PAESAGGIO: FORME, COLORI, SUONI E SUGGESTIONI TITOLO DEL PROGETTO: IL PAESAGGIO: FORME, COLORI, SUONI E SUGGESTIONI SCUOLA PRIMARIA VITTORINO DA FELTRE DI LERINO ISTITUTO COMPRENSIVO TORRI GIOVANNI XXII NUMERO CLASSI COINVOLTE : 5 ( 1^, 2^, 3^, 4^

Dettagli

Silvia Serafini Tommaso Paloscia

Silvia Serafini Tommaso Paloscia Silvia Serafini Silvia Serafini nasce nel 1966 e vive a Firenze da sempre. La sua vita è tutta dedicata all arte, dagli studi giovanili all'istituto per l'arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli e in seguito

Dettagli

Ricordi trasposti in poesia

Ricordi trasposti in poesia Alessandra Proietti De Nicola Ricordi trasposti in poesia lungo il viale del tramonto Alessandra Proietti De Nicola "Ricordi trasposti in poesia lungo il viale del tramonto" Proprietà letteraria riservata

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

MILANO - ROMA - TORINO - PORTO CERVO - LONDRA - TOKYO - HONG KONG

MILANO - ROMA - TORINO - PORTO CERVO - LONDRA - TOKYO - HONG KONG MILANO - ROMA - TORINO - PORTO CERVO - LONDRA - TOKYO - HONG KONG Milano, 8 febbraio 1979. L inizio di un sogno. Era l otto febbraio del millenovecentosettantanove e in corso Garibaldi apriva il primo

Dettagli

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International Cannaregio 3384/b Campo dei Mori 30121 Venezia www.spazioartedeimori.com info@spazioartedeimori.com

Dettagli

Luigi Morgari (Torino 1857-1935)

Luigi Morgari (Torino 1857-1935) 90 Luigi Morgari (Torino 1857-1935) Via Crucis, secondo decennio del XX sec. 14 cromolitografie, cm 80 x 54 (ciascuna) CAGLI, Chiesa di San Geronzio (già in Cattedrale) 10 Dopo una buona ed operosa esistenza

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività Alla fine delle attività si è pensato di far produrre un questionario agli utenti che avevano partecipato al programma, per due motivi: 1. Ricavare

Dettagli

I cipressini di giorno, Arturo Checchi

I cipressini di giorno, Arturo Checchi I cipressini di giorno, Arturo Checchi I cipressini, Checchi L opera I cipressini di giorno è stata realizzata con olio su tela da Arturo Checchi nel 1912, in seguito al soggiorno in Baviera. Pertanto

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli