PROGETTO DI MASSIMA PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO E ORIENTAMENTO AL LAVORO (SAOL) PER I CITTADINI DI CARUGO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI MASSIMA PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO E ORIENTAMENTO AL LAVORO (SAOL) PER I CITTADINI DI CARUGO"

Transcript

1 PROGETTO DI MASSIMA PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO E ORIENTAMENTO AL LAVORO (SAOL) PER I CITTADINI DI CARUGO PREMESSA L Azienda territoriale per i servizi alla persona del distretto di Mariano Comense (TECUM), che opera in qualità di ente strumentale dei comuni soci per la gestione associata dei servizi sociali, sin dalla sua nascita interviene nell ambito delle politiche per l inserimento lavorativo delle persone disabili e/o svantaggiate; inoltre, dal 2010, è accreditata da Regione Lombardia per l erogazione dei servizi al lavoro. Ciò premesso si ritiene che l ipotesi di nuovo affidamento del Servizio Accompagnamento e Orientamento al Lavoro (SAOL) ex Sportello lavoro, dedicato all'informazione, orientamento, accompagnamento lavorativo dei cittadini possa inserirsi nella filiera aziendale e completare le attività per le politiche attive del lavoro producendo economie di specializzazione ed una maggiore efficacia di tutti gli interventi. Il SAOL nell organigramma aziendale di TECUM si collocherebbe così nell Ambito Orientamento e Politiche del Lavoro, in sinergia organizzativa e strumentale con: 1. il Servizio Inserimenti lavorativi (SIL), quale servizio specialistico di mediazione lavorativa dedicato a persone svantaggiate ai sensi della Legge 381/91 e/o con invalidità civile > 45% per disabilità fisica, intellettiva o sensoriale, residenti nel Distretto di Mariano Comense; 2. i Servizi per il Lavoro : ovvero la filiera dei servizi previsti all art. 13 della legge regionale 22/2006, tra i quali la prenotazione e la gestione delle Doti lavoro Regionali e di quelle a valere sul fondo provinciale. Essi sono rivolti a tutti i residenti in Regione Lombardia e sono erogati da TECUM in qualità di operatore accreditato;

2 3. lo Sportello assistenti familiari che sarà attivo fino a marzo 2013 con finanziamento della Provincia di Como mediante fondi regionali. La mission del SAOL sarà di facilitare l incontro tra domanda e offerta di lavoro, garantendo ai cittadini un facile accesso ad un sistema di servizi integrato per l occupabilità e, al contempo, di promuovere a livello locale azioni mirate a rafforzare il network operativo tra imprese, forze sociali, servizi per il lavoro e servizi socioassistenziali. Il SAOL si potrà articolare nelle seguenti unità di intervento: 1. sportello 2. servizio Accompagnamento al Lavoro Fasce Deboli ; 3. azioni di sistema a supporto del network operativo e della rete territoriale. 1. è rivolto a tutti i cittadini residenti nel Comune di Carugo in cerca di prima occupazione o che si trovano a vivere momenti di transizione tra disoccupazione-lavoro, lavoro-lavoro, lavoro formazione, formazione lavoro. Offre servizi gratuiti che agevolano la ricerca autonoma e attiva del lavoro da parte dell utenza e fornisce una consulenza orientativa individuale ai meccanismi del mercato del lavoro e di ricerca di un occupazione. COSA OFFRE ALLE PERSONE accoglienza e informazione sui servizi erogati, consultazione e diffusione di materiale, gestione appuntamenti; informazione orientativa, finalizzata a fornire informazioni sul mercato del lavoro, sul sistema dell offerta formativa e sulla rete dei servizi per il lavoro del territorio; accompagnamento alla ricerca di un occupazione, attraverso incontri individuali o di gruppo finalizzati a sviluppare tecniche e strumenti di ricerca attiva del lavoro: stesura del CV e della lettera di presentazione, modalità di contatto con l azienda, uso dei motori di ricerca lavoro e dei siti aziendali, definizione e monitoraggio di un piano d azione per la ricerca di opportunità lavorative; auto-consultazione, attraverso uno spazio dedicato alla consultazione cartacea e on-line delle offerte di lavoro provenienti dai Centri per l Impiego e dalle Agenzie

3 private, di informazioni aggiornate sui corsi di formazione, di un elenco dei siti di riferimento relativi a formazione e lavoro. Inoltre, laddove dovesse emergere un bisogno specifico, in rete con l'equipe dei Servizi per il Lavoro di TECUM, garantirà alla persona il supporto per accedere ad una serie di servizi integrativi, sia di base che specialistici, erogati dall Azienda, quali: l'accertamento della documentazione amministrativa relativa allo stato di disoccupazione; il rilascio della DDL(dichiarazione di disponibilità al lavoro); l'inserimento e/o l'aggiornamento nel Sistema Informativo Sintesi della scheda professionale, con particolare attenzione alla rilevazione delle disponibilità al lavoro dichiarate dall utente; la stesura del PIP-Piano di Intervento Personalizzato, nel quale si individuano i percorsi formativi e/o i servizi al lavoro, di riqualificazione professionale, in funzione delle esigenze specifiche e degli obiettivi prefissati per ogni utente; il monitoraggio delle attività e la valutazione della loro conformità al PIP; la prenotazione e la gestione delle Doti Lavoro regionali e provinciali; la disponibilità di un tutor che accompagnerà la persona in tutte le fasi previste nel percorso individuato all interno del PIP. Altresì importante sarà il raccordo con i servizi sociali comunali per la segnalazione di situazioni intercettate dall operatore di e non ancora note agli stessi. Da un punto di vista operativo la connessione tra e servizi sociali si sostanzierà in passaggi di informazioni tra gli operatori dei due servizi, riunioni e report periodici. collaborerà con l equipe dei Servizi per il Lavoro di TECUM anche per le attività di pre-selezione e matching da realizzare nell ambito della filiera dei servizi previsti all art. 13 della legge regionale 22/2006. Tale collaborazione si configura sostanzialmente nell individuazione e segnalazione all equipe di riferimento di profili professionali intercettati dall operatore di durante le attività di accoglienza e di orientamento e candidabili a ricoprire posizioni lavorative in seno a quelle aziende che faranno esplicita richiesta a TECUM.

4 Presso la sede accreditata di TECUM potranno realizzarsi attività di: incontro domanda/offerta di lavoro, promozione dei lavoratori ed invio delle candidature; verifica dell incrocio domanda/offerta; accesso a una banca dati di curricula selezionati; incontro domanda domanda/offerta di tirocini formativi e di orientamento per consentire all azienda di incontrare, conoscere e formare una nuova risorsa; assistenza nella fase di attivazione del tirocinio, con particolare riferimento alla normativa di riferimento; consulenza sulle tipologie contrattuali e il relativo quadro di incentivi economici e normativi; una costante informazione sulle caratteristiche della forza-lavoro disponibile a livello locale; informazioni sulla rete dei servizi al lavoro del territorio. Il servizio di pre-selezione e di matching sarà accessibile a tutte le aziende che ne faranno richiesta, gratuitamente, tramite compilazione di apposita modulistica e presso la sede accreditata di TECUM. 2. Accompagnamento al Lavoro Fasce Deboli Questa attività è rivolta a persone residenti nel Comune di Carugo che versano in situazioni di particolare fragilità e difficoltà nel formulare e realizzare un progetto professionale personale senza un'assistenza mirata. Nello specifico, sono destinatari del servizio: persone che appartengono ad un'area di povertà sociale, deprivazione socioculturale, a rischio di emarginazione; persone che hanno superato i 50 anni di età, prive di un posto di lavoro o in procinto di perderlo; adulti disoccupati che vivono soli con una o più persone a carico;

5 qualsiasi giovane che abbia meno di 25 anni o che abbia completato la formazione a tempo pieno da non più di due anni e che non abbia ancora ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente; membri di una minoranza nazionale all'interno di uno Stato membro che hanno necessità di consolidare le proprie esperienze in termini di conoscenze linguistiche, di formazione professionale o di lavoro, per migliorare le prospettive di accesso ad un'occupazione stabile; persone svantaggiate ai sensi della 381/91 che nonostante la situazione in cui versano siano in grado di attivare risorse interne ed esterne ai fini di una ricerca lavorativa senza il supporto degli interventi specialistici previsti dal SIL dell Azienda; persone che desiderano intraprendere o riprendere un'attività lavorativa e che non abbiano lavorato, né seguito corsi di formazione, per almeno due anni, in particolare che abbiano lasciato il lavoro per la difficoltà di conciliare vita lavorativa e vita familiare; disoccupati di lungo periodo. Il percorso di accompagnamento all'utenza Fasce Deboli è connotato da una presa in carico fortemente strutturata attraverso un approccio di integrazione e di collegamento con le politiche e le azioni di accoglienza e di inserimento sociale. L'operatore che svolge la funzione di accompagnamento rappresenta il punto di riferimento rispetto alla continuità del percorso, il mediatore/ facilitatore delle relazioni con i diversi contesti sociali e lavorativi con cui il disoccupato si dovrà rapportare nel suo iter di ricerca. Il processo di presa in carico personalizzata dell'utente si snoda in diversi step, la cui articolazione non prevede necessariamente una sequenzialità lineare ma si renderà flessibile in funzione della specificità dei bisogni espressi dall'utente. Inoltre, non necessariamente gli utenti usufruiranno di tutte le fasi. Nello specifico: fase di accoglienza ed informazione, attraverso un colloquio volto a presentare il servizio ad analizzare i bisogni della persona; fase di analisi della condizione di occupabilità, attraverso colloqui finalizzati ad approfondire contenuti in merito a situazione sociale, interessi, motivazioni,

6 disponibilità, rappresentazioni, esigenze di inserimento professionale/lavorativo e aspirazioni personali - indicatori della condizione di occupabilità; fase di potenziamento delle capacità di autopromozione, attraverso colloqui finalizzati ad acquisire abilità metodologiche e strumenti operativi di ricerca attiva del lavoro, per prepararsi ad un colloquio di selezione e/o per promuovere un autocandidatura; fase di selezione/valutazione delle opportunità lavorative, attraverso un supporto nella ricerca delle proposte disponibili, un eventuale sostegno per l invio on-line del cv; fase di potenziamento delle competenze (competenze trasversali per un rinforzo delle risorse personali e/o competenze tecnico-professionali per esigenze di qualificazione /riqualificazione); per la realizzazione di questa attività è previsto anche un collegamento con le strutture di formazione professionale; monitoraggio in itinere rispetto all esito della ricerca e follow-up in azienda. Inoltre, in un ottica di valorizzazione delle specifiche competenze e funzioni, il servizio Accompagnamento al Lavoro Fasce Deboli garantirà una costante collaborazione con l equipe del SIL per la segnalazione di quelle situazioni particolarmente complesse che necessitano di una presa in carico specialistica, del supporto di metodologie e strumenti di mediazione lavorativa (tirocini con borsa lavoro, integrazione salariale), dell eventuale accesso all intera filiera dei servizi al lavoro così come previsto dalla legge regionale 22/2006. La collaborazione tra gli operatori dei servizi costituisce, di fatto, un supporto concreto, in termini di osservazione e di valutazione, provvedendo a suggerire eventuali interventi integrativi e modifiche progettuali ritenute opportune per migliorare la riuscita e la qualità dell inserimento lavorativo. MODALITA DI GESTIONE ED ACCESSO Per lo svolgimento degli interventi diretti con i beneficiari il SAOL dedicherà n. 4 ore ogni due settimane, così suddivise: n. 2 ore di Sportello di cui 1 ora di apertura al pubblico ed accoglienza e 1 ore di informazione orientativa specialistica su appuntamento, da svolgersi presso la sede messa a disposizione dal Comune di Carugo;

7 n. 2 ore per l attività di accompagnamento al lavoro Fasce Deboli su appuntamento, presso la sede messa a disposizione dal Comune di Carugo; attività di back office nella misura necessaria a garantire l efficacia e la qualità degli interventi diretti all utenza, da svolgersi presso la sede di TECUM. L accesso a è libero nell ora di apertura per brevi informazioni; l approfondimento, l informazione orientativa ed il supporto alla ricerca attiva si svolgerà su appuntamento. Nelle ore di apertura sarà altresì possibile usufruire dello spazio di autoconsultazione. L accesso alle attività per le Fasce Deboli è sempre su appuntamento, subordinato alla valutazione ed alla segnalazione, tramite apposita modulistica, da parte del servizio sociale comunale. Al fine di favorire il lavoro di rete e la sinergia umana e strumentale con l equipe dell Ambito Orientamento e Politiche del Lavoro aziendale, si ritiene utile svolgere l attività di back-office presso la sede di TECUM. 3. Azioni di sistema a supporto della rete territoriale Il SAOL, ad integrazione delle azioni di sistema già svolte da TECUM a supporto della rete territoriale dei servizi al lavoro, garantirà la partecipazione ai Tavoli Provinciali di ambito per le politiche del lavoro, farà rete con gli altri servizi per l orientamento al lavoro e la formazione, promuoverà le potenzialità del servizio al tessuto imprenditoriale locale e alle associazioni di categoria. Inoltre, a fronte di finanziamenti su fondi comunali, provinciali, regionali, o altri, è prevista l attivazione di specifiche iniziative a supporto della rete territoriale, quali ad esempio: serate a tema rivolte a giovani sulle potenzialità di sbocco nel mercato del lavoro,le offerte formative, i contratti, gli strumenti di ricerca attiva del lavoro; visite guidate per favorire la conoscenza delle realtà aziendali del territori, dei percorsi lavorativi e di carriera; workshop con gli altri servizi al lavoro e alla formazione; incontri con associazioni di categoria per far conoscere la cultura professionale delle aziende ai giovani in fase di orientamento e alle loro famiglie.

8 RISORSE UMANE PER LA REALIZZAZIONE DI TUTTI GLI INTERVENTI n. 1 dipendente TECUM col profilo professionale di operatore della mediazione lavorativa; n. 1 coordinatore individuato nell organico TECUM nella figura professionale e nel relativo monte ore del Responsabile dell Ambito Orientamento e Politiche del Lavoro. RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI sede presso il Comune di Carugo (comprensiva degli arredi, delle attrezzature e delle utenze attualmente messe a disposizione gratuitamente dello Sportello lavoro); un pc connesso ad internet con possibilità di stampa (fornito dal Comune); linea telefonica fissa (utenze a carico del Comune); abbonamenti a quotidiani e gazzette (Tecum); una bacheca dedicata all auto-consultazione (messa a disposizione dal Comune). COSTO DEL SERVIZIO Il costo annuo per l avvio e la gestione delle attività del presente progetto è pari ad 3.460,00 oltre iva 21%. In caso di affidamento si procederà all integrazione del progetto con informazioni di dettaglio riguardanti l accesso al servizio è dovrà essere stipulato uno specifico contratto di servizio.

I SERVIZI EROGATI. 1. Accoglienza, informazione e auto consultazione:

I SERVIZI EROGATI. 1. Accoglienza, informazione e auto consultazione: I SERVIZI EROGATI 1. Accoglienza, informazione e auto consultazione: Consente all utente l accesso alla rete dei servizi erogati, informandolo circa le opportunità disponibili secondo le sue esigenze e

Dettagli

ALL. A QUADRO REGIONALE DEGLI STANDARD MINIMI DEI SERVIZI AL LAVORO

ALL. A QUADRO REGIONALE DEGLI STANDARD MINIMI DEI SERVIZI AL LAVORO ALL. A QUADRO REGIONALE DEGLI STANDARD MINIMI DEI SERVIZI AL LAVORO Servizi Contenuto Output AREA SERVIZIO: ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO Accoglienza e accesso ai servizi Colloquio specialistico - Gestione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO Operatore accreditato per i Servizi al Lavoro della Regione Piemonte con n. La carta dei Servizi intende descrivere le attività destinate ai cittadini e al mondo delle imprese

Dettagli

Sull'esempio del fondatore San Giovanni Calabria i fondamentali principi ispiratori su cui si fonda il progetto sono:

Sull'esempio del fondatore San Giovanni Calabria i fondamentali principi ispiratori su cui si fonda il progetto sono: CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE MEDIALABOR SRL è un servizio per il lavoro che ai sensi della DGR n.2238 del 20/12/2011 della Regione Veneto fa parte della rete dei servizi pubblici e privati che si occupano

Dettagli

MODELLO DI SERVIZIO PLACEMENT SCOLASTICO

MODELLO DI SERVIZIO PLACEMENT SCOLASTICO MODELLO DI SERVIZIO PLACEMENT SCOLASTICO PROGRAMMA FIxO S&U ITALIA LAVORO ITALIA LAVORO SPA Ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Aree strategiche di intervento: Welfare to

Dettagli

Servizi alle Persone. Servizio. Finalità del servizio. Modalità di erogazione. Destinatari. Qualità del servizio. Accoglienza e Informazione

Servizi alle Persone. Servizio. Finalità del servizio. Modalità di erogazione. Destinatari. Qualità del servizio. Accoglienza e Informazione Servizi alle Persone Destinatari Accoglienza e Informazione Identificare preventivamente i bisogni dell utente per guidarlo verso il adeguato; Favorire l accesso degli utenti ai servizi erogati dai Centri

Dettagli

Attività Servizi al Lavoro

Attività Servizi al Lavoro CARTA DEI SERVIZI Attività Servizi al Lavoro SOMMARIO Obiettivi Finalità Principi fondamentali Servizi disponibili Strutture dedicate Comunicazione Diritti e doveri dell'utente Monitoraggio e controllo

Dettagli

I SERVIZI OFFERTI AI CITTADINI

I SERVIZI OFFERTI AI CITTADINI PROGETTI DI CONTINUITA SCUOLA-LAVORO - Studenti in obbligo formativo con disabilità accertata dalla Commissione medica integrata ai sensi della Legge n. 104/1992 o con certificazione scolastica rilasciata

Dettagli

La Garanzia Giovani in Italia. Scopri come funziona e cosa può fare per te

La Garanzia Giovani in Italia. Scopri come funziona e cosa può fare per te La Garanzia Giovani in Italia Scopri come funziona e cosa può fare per te E DOPO GLI STUDI? SE NON CONTINUI A STUDIARE SE NON LAVORI SE NON SEI IN FORMAZIONE PER TE C È GARANZIA GIOVANI www.garanziagiovani.gov.it

Dettagli

Servizi alla persona: destinatari e finalità del progetto

Servizi alla persona: destinatari e finalità del progetto Carta dei servizi Presentazione Con la Carta dei Servizi il Formont presenta i servizi per il lavoro rivolti sia ai cittadini che alle imprese, ne indica la tipologia e le modalità di accesso nonché le

Dettagli

Santo Romano Direttore dell Area Capitale Umano e Cultura

Santo Romano Direttore dell Area Capitale Umano e Cultura Ciclo di incontri sulle politiche del lavoro Scambio di buone pratiche regionali Modelli di integrazione tra pubblico e privato nell erogazione dei servizi per il lavoro Martedì 8 novembre 2016 Santo Romano

Dettagli

Output / Risultato. Output: Scheda anagrafica. Output: Scheda individuale degli ambiti di sviluppo Curriculum vitae in formato europeo Europass

Output / Risultato. Output: Scheda anagrafica. Output: Scheda individuale degli ambiti di sviluppo Curriculum vitae in formato europeo Europass Quadro regionale degli standard minimi dei servizi al lavoro Servizi Contenuto AREA SERVIZIO: ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO Accoglienza e accesso ai servizi Colloquio specialistico Bilancio di competenze

Dettagli

AGENZIA LAVORO. per il. Carta dei Servizi. Accreditato Regione Lombardia Servizi al lavoro (LR 22/06) Servizi alla Formazione (LR.

AGENZIA LAVORO. per il. Carta dei Servizi. Accreditato Regione Lombardia Servizi al lavoro (LR 22/06) Servizi alla Formazione (LR. AGENZIA per il LAVORO Accreditato Regione Lombardia Servizi al lavoro (LR 22/06) Servizi alla Formazione (LR.19/07) Carta dei Servizi Aggiornata al 01/02/2015 Chi siamo L Agenzia per il Lavoro nasce nel

Dettagli

La proposta di Italia Lavoro per Garanzia Giovani: Il Programma FIxO YEI

La proposta di Italia Lavoro per Garanzia Giovani: Il Programma FIxO YEI La proposta di Italia Lavoro per Garanzia Giovani: Il Programma FIxO YEI Obiettivi dell intervento L intervento proposto intende coinvolgere le Scuole secondarie superiori di secondo grado e le Università

Dettagli

Invalidita civile disabilita lavoro

Invalidita civile disabilita lavoro Associazione Crescere Gli Incontri del Sabato 28 marzo 2009 A cura dell Assistente Sociale Dr.ssa Fabrizia Capitani Invalidita civile disabilita lavoro Associazione Crescere Gli Incontri del Sabato 28

Dettagli

I SERVIZI EROGATI DAI CENTRI PER L IMPIEGO. 17 marzo 2017 Paola Garbari

I SERVIZI EROGATI DAI CENTRI PER L IMPIEGO. 17 marzo 2017 Paola Garbari I SERVIZI EROGATI DAI CENTRI PER L IMPIEGO 17 marzo 2017 Paola Garbari PUNTI DELL INTERVENTO I CENTRI PER L IMPIEGO PUNTI DI RIFERIMENTO PER LAVORATORI E AZIENDE I SERVIZI MIRATI DI INCONTRO DOMANDA E

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA CENTRO PER L IMPIEGO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI BIELLA CENTRO PER L IMPIEGO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI BIELLA CENTRO PER L IMPIEGO AVVISO PUBBLICO 1. VISTE la D.G.R. n. 54-8999 del 16/06/2008 con cui è stato approvato l Atto di Indirizzo regionale sugli interventi per l occupazione rivolti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ 11.2.3. PROGETTO MIMOSA SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi

Dettagli

Provincia di Genova DIREZIONE POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO Servizio Promozione Occupazione

Provincia di Genova DIREZIONE POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO Servizio Promozione Occupazione Provincia di Genova DIREZIONE POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO Servizio Promozione Occupazione Riconoscimento di credenziali al fine di autorizzare operatori ad operare nei servizi per il lavoro presso

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI GORIZIA E I COMUNI DEL TERRITORIO PROVINCIALE PER LO SVILUPPO DI AZIONI SINERGICHE DI

PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI GORIZIA E I COMUNI DEL TERRITORIO PROVINCIALE PER LO SVILUPPO DI AZIONI SINERGICHE DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI GORIZIA E I COMUNI DEL TERRITORIO PROVINCIALE PER LO SVILUPPO DI AZIONI SINERGICHE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO PREMESSA Il presente protocollo d intesa si prefigge

Dettagli

Servizi al lavoro. per l autoimprenditorialità

Servizi al lavoro. per l autoimprenditorialità al lavoro per l autoimprenditorialità Accreditamento presso la Regione Lombardia ai servizi al lavoro di PromoImpresa Borsa merci Accreditamento nazionale all intermediazione di Camera di Commercio 1Mantova

Dettagli

PROGRAMMA DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA E LINGUISTICA PER I GIOVANI DISOCCUPATI DEL SUD

PROGRAMMA DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA E LINGUISTICA PER I GIOVANI DISOCCUPATI DEL SUD D.G. IMPIEGO ITALIA LAVORO PROGRAMMA DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA E LINGUISTICA PER I GIOVANI DISOCCUPATI DEL SUD Azione Iniziativa promossa dal Ministero del Lavoro e P.S. D.G. Impiego, e realizzata,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO Operatore accreditato per i Servizi al Lavoro della Regione Piemonte con n. 0020/F1 del 27/09/2012 La carta dei Servizi intende descrivere le attività destinate ai cittadini

Dettagli

Monica Moisello Marisa Massolo

Monica Moisello Marisa Massolo RELATORI Monica Moisello Marisa Massolo Responsabile Servizio di Mediazione al Lavoro per Disabili, Provincia di Genova, ISFORCOOP, Genova Responsabile Servizio di Orientamento per Disabili, Provincia

Dettagli

I SERVIZI PER L'IMPIEGO E IL NUOVO RUOLO DEI CENTRI PER L'IMPIEGO. Paola Garbari

I SERVIZI PER L'IMPIEGO E IL NUOVO RUOLO DEI CENTRI PER L'IMPIEGO. Paola Garbari I SERVIZI PER L'IMPIEGO E IL NUOVO RUOLO DEI CENTRI PER L'IMPIEGO Paola Garbari 1 RIORDINO DEI SERVIZI PER L IMPIEGO IL DECRETO LEGISLATIVO 150 DEL 14 SETTEMBRE 2015 RIORDINA LA NORMATIVA IN MATERIA DI

Dettagli

GARANZIA ADULTI Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro

GARANZIA ADULTI Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro GARANZIA ADULTI 2016 Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro MOTIVAZIONI Alcuni indicatori. Dal 2008 al 2013, la disoccupazione dei lavoratori over 50 è raddoppiata, passando dal 3,1% al 6,2%. Per

Dettagli

LE CITTÀ DEL LAVORO!! RETE DI SERVIZI! AL LAVORO DEI LAGHI

LE CITTÀ DEL LAVORO!! RETE DI SERVIZI! AL LAVORO DEI LAGHI LE CITTÀ DEL LAVORO!! RETE DI SERVIZI! AL LAVORO DEI LAGHI!1 Le riforme del mercato del lavoro che i governi europei hanno attuato negli anni vanno verso: Il decentramento e poi la devoluzione delle competenze

Dettagli

CPI SERVIZI ALLE PERSONE CONSULENZA SERVIZI AMMINISTRATIVI CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI ILFONDOSOCIALEEUROPEOINVESTESULTUOFUTURO

CPI SERVIZI ALLE PERSONE CONSULENZA SERVIZI AMMINISTRATIVI CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI ILFONDOSOCIALEEUROPEOINVESTESULTUOFUTURO ALLE PERSONE CPI CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI CONSULENZA AMMINISTRATIVI Unione Europea Fondo Sociale Europeo Fondo Sociale Europeo Regione Umbria Provincia di Terni ILFONDOSOCIALEEUROPEOINVESTESULTUOFUTURO

Dettagli

AVVISO Dote Lavoro Tirocini Giovani. BURL 28 novembre 2012

AVVISO Dote Lavoro Tirocini Giovani. BURL 28 novembre 2012 AVVISO Dote Lavoro Tirocini Giovani BURL 28 novembre 2012 Il presente Avviso intende favorire i giovani e le aziende attraverso interventi atti a : - sostenere i giovani nell attivazione e realizzazione

Dettagli

Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I.

Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I. Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I. Vincitore del PREMIO INNOVAZIONE 2007 Qualità e semplificazione A CURA DI : Rita Giannetti e Gabriella Zoff Centri Regionali di Orientamento

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Funzione Politiche Attive del Lavoro PROTOCOLLO D INTESA

PROVINCIA DI PORDENONE Funzione Politiche Attive del Lavoro PROTOCOLLO D INTESA PROVINCIA DI PORDENONE Funzione Politiche Attive del Lavoro PROTOCOLLO D INTESA - tra la Provincia di Pordenone, in persona del Presidente Vicario dott Alessandro Ciriani e - il Consorzio per la Zona di

Dettagli

Programma di Interventi per l Accordo Territoriale di Genere CONCILIARE PER CRESCERE INSIEME

Programma di Interventi per l Accordo Territoriale di Genere CONCILIARE PER CRESCERE INSIEME PIANO DI LAVORO TERRITORIALE PER LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLA PROVINCIA DI NAPOLI POR CAMPANIA FSE 2007-2013 Programma di Interventi per l Accordo Territoriale di Genere CONCILIARE

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II PARTE INTERVENTI IV) PROGETTI PER L OCCUPAZIONE 68 A) INTERVENTI A FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ 68 8. AUTOIMPIEGO 69 9. SOSTEGNO ALLO

Dettagli

PROGETTO ITINERARI ANNO

PROGETTO ITINERARI ANNO PROGETTO ITINERARI ANNO 2004-2005 Azione 1 Attività di accoglienza, orientamento e accompagnamento verso le politiche attive del lavoro Utenza: giovani e adulti senza limiti di età. Numero massimo di utenti:

Dettagli

GIUSTE INSIEME A NOI!

GIUSTE INSIEME A NOI! VUOI METTERTI IN PROPRIO? HAI UN IMPRESA? FAI LE SCELTE GIUSTE INSIEME A NOI! SERVIZI GRATUITI PER AVVIO, GESTIONE, INNOVAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E DEL LAVORO AUTONOMO IN BRIANZA FORMAPER SEGRETERIA

Dettagli

Percorsi e strumenti. Servizio Centrale SPRAR

Percorsi e strumenti. Servizio Centrale SPRAR Percorsi e strumenti per l accoglienza l integrata Servizio Centrale SPRAR Obiettivo dell accoglienza SPRAR Consentire a richiedenti e titolari di protezione internazionale di avviare un percorso personale

Dettagli

Piano di inserimento e formazione per i dipendenti neoassunti. Per facilitare l'ingresso del personale nella struttura camerale

Piano di inserimento e formazione per i dipendenti neoassunti. Per facilitare l'ingresso del personale nella struttura camerale Piano di inserimento e formazione per i dipendenti neoassunti Per facilitare l'ingresso del personale nella struttura camerale PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA La conoscenza di un nuovo ambiente lavorativo

Dettagli

Modena 21 e 22 maggio Dati di sintesi sul collocamento mirato. Aggiornamento al 31/12/2007 Asse inclusione sociale

Modena 21 e 22 maggio Dati di sintesi sul collocamento mirato. Aggiornamento al 31/12/2007 Asse inclusione sociale Modena 21 e 22 maggio 2008 Dati di sintesi sul collocamento mirato Aggiornamento al 31/12/2007 Asse inclusione sociale DATI DI SINTESI SUL COLLOCAMENTO MIRATO AGGIORNAMENTO AL 31/12/2007 Nelle tavole che

Dettagli

Protocollo di intesa

Protocollo di intesa FONDO SOCIALE EUROPEO OB. 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007-2013 BANDO REGIONALE RELATIVO ALLA CHIAMATA DI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI SERVIZI INTEGRATI NELL

Dettagli

Rapporto trimestrale. Monitoraggio Politiche Attive del Lavoro regionali. MOLISE Marzo Progetto PON, Pianificazione Operativa Territoriale (POT)

Rapporto trimestrale. Monitoraggio Politiche Attive del Lavoro regionali. MOLISE Marzo Progetto PON, Pianificazione Operativa Territoriale (POT) Rapporto trimestrale Monitoraggio Politiche Attive del Lavoro regionali MOLISE Marzo 2014 Progetto PON, Pianificazione Operativa Territoriale (POT) Linea «Dati, informazioni e report a supporto degli attori

Dettagli

CONVENZIONE PROVINCIA DELLA SPEZIA. ATC La Spezia S.p.A.

CONVENZIONE PROVINCIA DELLA SPEZIA. ATC La Spezia S.p.A. CONVENZIONE TRA PROVINCIA DELLA SPEZIA E ATC La Spezia S.p.A. PREMESSO CHE: - l Unione Europea ha più volte indicato nello sviluppo del sistema dei Servizi per l Impiego un elemento decisivo per la crescita

Dettagli

Rapporto trimestrale. Monitoraggio Politiche Attive del Lavoro regionali. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Giugno 2014

Rapporto trimestrale. Monitoraggio Politiche Attive del Lavoro regionali. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Giugno 2014 Rapporto trimestrale Monitoraggio Politiche Attive del Lavoro regionali PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Giugno 2014 Progetto PON, Pianificazione Operativa Territoriale (POT) Linea «Dati, informazioni e report

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POSATORA - PIANO ARCHI Scuola Infanzia Primaria Secondaria 1 grado Via Urbino, ANCONA

ISTITUTO COMPRENSIVO POSATORA - PIANO ARCHI Scuola Infanzia Primaria Secondaria 1 grado Via Urbino, ANCONA ISTITUTO COMPRENSIVO POSATORA - PIANO ARCHI R. 10 CARTA DELLA QUALITÀ LIVELLO STRATEGICO Politica della qualità L Istituto Comprensivo Posatora Piano-Archi offre una serie di servizi che vanno dalla scuola

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE - POR FSE

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE - POR FSE Questo documento offre una sintesi del POR 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE - POR FSE 2014-2020 Il Programma Operativo

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione Anno Scolastico 2015/2016 INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PROMOZIONE DI BUONE PRASSI

PAI Piano Annuale per l Inclusione Anno Scolastico 2015/2016 INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PROMOZIONE DI BUONE PRASSI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO C.F. 95118930163 - Cod. Mecc. bgic84500a Via A. Piatti 5-24030 Mozzo (BG) 035/4376290-035/4371123 e-mail: bgic84500a@istruzione.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CANDIDATURA DI LAVORATORI/LAVORATRICI DISOCCUPATI

AVVISO PUBBLICO PER LA CANDIDATURA DI LAVORATORI/LAVORATRICI DISOCCUPATI 1 PROVINCIA DI VERCELLI Settore Formazione - Lavoro e Politiche Sociali - Cultura - Turismo - Energia - V.I.A. - Istruzione Servizio Formazione Professionale Servizio Lavoro Interventi di riqualificazione

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà. Master Universitario di primo livello in GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà. Master Universitario di primo livello in GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Master Universitario di primo livello in GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Anno Accademico 2002/2003 Ancona, 23 aprile 2004 ANALISI DEL PROCESSO

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. Per l istituzione del Registro Provinciale degli Assistenti Familiari ( D.G.R.n 287 del 31/03/2006)

PROTOCOLLO D'INTESA. Per l istituzione del Registro Provinciale degli Assistenti Familiari ( D.G.R.n 287 del 31/03/2006) PROTOCOLLO D'INTESA Per l istituzione del Registro Provinciale degli Assistenti Familiari ( D.G.R.n 287 del 31/03/2006) L anno., il giorno del mese di, presso la Sede della Provincia della Spezia, sita

Dettagli

Riflessioni sulle attività svolte: commento dei dati

Riflessioni sulle attività svolte: commento dei dati Confcooperative Nuoro Ogliastra, 30 maggio 2017 corsi I tirocini post-lauream: un opportunità di inserimento nel mondo del lavoro. Riflessioni sulle attività svolte: commento dei dati Maria Grazia Spano

Dettagli

Provincia di Biella I SERVIZI SUL TERRITORIO PENSATI PER LE NUOVE IMPRESE. Biella 11 novembre 2013. Amministrazione Provinciale di Biella

Provincia di Biella I SERVIZI SUL TERRITORIO PENSATI PER LE NUOVE IMPRESE. Biella 11 novembre 2013. Amministrazione Provinciale di Biella Provincia di I SERVIZI SUL TERRITORIO PENSATI PER LE NUOVE IMPRESE 11 novembre 2013 1 AZIONI PROMOSSE DALLA PROVINCIA Servizi di supporto alla creazione d impresa (FSE Piano operativo regionale 2007/2013

Dettagli

> Mappa dei soggetti e dei servizi per informazioni su normative,

> Mappa dei soggetti e dei servizi per informazioni su normative, PERSONE DIVERSAMENTE ABILI > Mappa dei soggetti e dei servizi per informazioni su normative, integrazione sociale, educazione, orientamento e formazione > I servizi della Regione Friuli Venezia Giulia

Dettagli

Patto di servizio. Allegato 4. Programma FIxO - Linea 7 Azioni di accompagnamento, sviluppo e rafforzamento del sistema duale nell ambito IeFP.

Patto di servizio. Allegato 4. Programma FIxO - Linea 7 Azioni di accompagnamento, sviluppo e rafforzamento del sistema duale nell ambito IeFP. Allegato 4 Patto di servizio tra Il CFP (denominazione) e Cognome e nome.... Luogo e Data Età. Codice Fiscale.. Titolo di studio Timbro e firma Rappresentante Legale del CFP o dell Ente E mail... Telefono.

Dettagli

Distretto Sociosanitario 1 Ventimigliese PROTOCOLLO D'INTESA

Distretto Sociosanitario 1 Ventimigliese PROTOCOLLO D'INTESA Provincia di Imperia Distretto Sociosanitario 1 Ventimigliese Distretto Sociosanitario 2 Sanremese Distretto Sociosanitario 3 Imperiese PROTOCOLLO D'INTESA Per l istituzione del Registro Pubblico Provinciale

Dettagli

Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili annualità 2014-2016 Anno 2014

Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili annualità 2014-2016 Anno 2014 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili annualità 2014-2016 Anno 2014 DISPOSITIVO PROVINCIALE DOTI MANTENIMENTO AZIENDA Riferimenti Normativi L.R. 68/99 Norme

Dettagli

Il Bilancio di Competenze: requisiti organizzativi, metodologici e professionali. Anna Grimaldi

Il Bilancio di Competenze: requisiti organizzativi, metodologici e professionali. Anna Grimaldi Il Bilancio di Competenze: requisiti organizzativi, metodologici e professionali Anna Grimaldi Sezione 1 Il Bilancio di Competenze: requisiti organizzativi, metodologici e professionali Funzioni, obiettivi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI CATANIA

PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI CATANIA PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE n 3 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER

Dettagli

Progetto per l inserimento lavorativo nel settore del commercio di giovani tirocinanti: una proficua relazione pubblico - privato

Progetto per l inserimento lavorativo nel settore del commercio di giovani tirocinanti: una proficua relazione pubblico - privato Agenzia per la Formazione l Orientamento e il Lavoro Est Milano Progetto per l inserimento lavorativo nel settore del commercio di giovani tirocinanti: una proficua relazione pubblico - privato Mario Palermo

Dettagli

Le procedure amministrative dei Servizi per l'impiego e gli strumenti e i progetti per una ricerca attiva del lavoro

Le procedure amministrative dei Servizi per l'impiego e gli strumenti e i progetti per una ricerca attiva del lavoro Le procedure amministrative dei Servizi per l'impiego e gli strumenti e i progetti per una ricerca attiva del lavoro (accompagnamento al lavoro, percorsi personalizzati e Garanzia Giovani) Aula Magna Grafici

Dettagli

Il progetto Creazione e Start-Up di Nuove Imprese : le attività e i risultati Bologna, 18 luglio Creazione e Start-up di NUOVE IMPRESE

Il progetto Creazione e Start-Up di Nuove Imprese : le attività e i risultati Bologna, 18 luglio Creazione e Start-up di NUOVE IMPRESE Il progetto Creazione e Start-Up di Nuove Imprese : le attività e i risultati Bologna, 18 luglio 2016 Le attività delle Camere di commercio per la nuova imprenditorialità Le Camere di commercio hanno sviluppato

Dettagli

Missione 15: POLITICHE PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Missione 15: POLITICHE PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Missione 15: POLITICHE PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Programma 02: Formazione professionale Finalità e motivazioni: Attivazione e valorizzazione competenze acquisite dai giovani sul territorio.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Campania CreO una Rete per le Pari Opportunità Obiettivi Informare ed orientare le donne nella ricerca del lavoro Rafforzare

Dettagli

PROGETTO INPS COMUNI in collaborazione con ANCI FVG

PROGETTO INPS COMUNI in collaborazione con ANCI FVG Direzione regionale Friuli Venezia Giulia PROGETTO INPS COMUNI in collaborazione con ANCI FVG Attività svolta - Ulteriori proposte FINALITA DEL PROGETTO Integrare i flussi informativi ed operativi tra

Dettagli

LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI ED OCCUPATI

LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI ED OCCUPATI LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI ED OCCUPATI 10.03.2017 Direttore dott. Mauro Ghirotti 1 LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E OCCUPATI Intervento 3 FORMAZIONE PER DISOCCUPATI, LAVORATORI A RISCHIO DISOCCUPAZIONE

Dettagli

b) Tutoring e Marketing verso le aziende

b) Tutoring e Marketing verso le aziende All. A AZIONE 1 : STANDARD DI RIFERIMENTO a) Orientamento b) Tutoring e Marketing verso le aziende Asse di finanziamento:asse I Adattabilità - P.O. Ob. Competitività Regionale e Occupazione F.S.E. 1 a)orientamento:

Dettagli

ACCORDO PROCEDIMENTALE

ACCORDO PROCEDIMENTALE Assistenza Tecnica delle Politiche del Lavoro a supporto delle funzioni delle Province in materia di servizi per il lavoro e delle politiche attive del lavoro. ACCORDO PROCEDIMENTALE TRA L Agenzia Regionale

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE

PROPOSTA PROGETTUALE ALLEGATO 3 AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DELL INIZIATIVA «LOMBARDIA PLUS 2016-2018» A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DELLE POLITICHE INTEGRATE DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ANNO 2017 (POR FSE 2014/2020 Asse

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL) E Unione italiana delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura ( UNIONCAMERE) (di seguito le Parti)

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEI TIROCINI IN LOMBARDIA

LE NUOVE REGOLE DEI TIROCINI IN LOMBARDIA Nota informativa novembre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro LE NUOVE REGOLE DEI TIROCINI IN LOMBARDIA La Regione Lombardia ha deliberato i Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini

Dettagli

Settore Volontariato, Filantropia Beneficienza

Settore Volontariato, Filantropia Beneficienza Documento Programmatico Previsionale 2014 Settore Volontariato, Filantropia Beneficienza DISAGIO SOCIALE LINEA B) L A L I N E A D I I N T E R V E N T O La Fondazione riconosce nell area della povertà e

Dettagli

Piano Integrato di Politiche per l Occupazione e per il Lavoro PIPOL

Piano Integrato di Politiche per l Occupazione e per il Lavoro PIPOL Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca Servizio programmazione e gestione interventi formativi Posizione organizzativa Programmazione Piano Integrato

Dettagli

incontra il tuo lavoro

incontra il tuo lavoro I S E R V I Z I D E I C E N T R I P E R L I M P I E G O & lavoro I S E R V I Z I d e i c e n t r i p e r l i m p i e g o incontra il tuo lavoro I Centri per l Impiego della Provincia di Genova per capire

Dettagli

AREA: IMMIGRATI STRANIERI, POVERTA ED ESCLUSIONE SOCIALE PROGETTO PAA 2009 Indicare il Progetto e gli obiettivi Aspetti critici, positivi ecc.

AREA: IMMIGRATI STRANIERI, POVERTA ED ESCLUSIONE SOCIALE PROGETTO PAA 2009 Indicare il Progetto e gli obiettivi Aspetti critici, positivi ecc. Pov 1 - CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE Servizi Sociali Associati del Comune di Faenza, Servizio Adulti e Disabili Pag. 246 Pov 2 - PUNTO INFORMATIVO SPECIALISTICO PER CITTADINI STRANIERI

Dettagli

AGENZIA SOCIALE PER IL LAVORO, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E I SERVIZI

AGENZIA SOCIALE PER IL LAVORO, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E I SERVIZI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UNO SPORTELLO INTEGRATO DI SERVIZI A SUPPORTO DELL OCCUPAZIONE DA AFFIDARE ALL AGENZIA SOCIALE PER IL LAVORO, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ED I SERVIZI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Collocamento disabili: dall obbligo di legge all opportunità

Collocamento disabili: dall obbligo di legge all opportunità Collocamento disabili: dall obbligo di legge all opportunità SIMONE SCERRI L. 68/99 intende favorire l inserimento di persone con disabilità nel mercato competitivo del lavoro Imponendo assunzioni 15-35

Dettagli

Il sistema di accreditamento dei gestori di servizi alla persona Requisiti - Standard Delib.C.C.90/ (art.4 Regolamento per l accreditamento di

Il sistema di accreditamento dei gestori di servizi alla persona Requisiti - Standard Delib.C.C.90/ (art.4 Regolamento per l accreditamento di Il sistema di accreditamento dei gestori di servizi alla persona Requisiti - Delib.C.C.90/28.4.05 (art.4 Regolamento per l accreditamento di organismi che intendono operare nei servizi alla persona) Premessa

Dettagli

3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ

3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 1.NUMERO AZIONE 17 2. TITOLO AZIONE Assistenza domiciliare a disabili 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell azione di riferimento,

Dettagli

è uno strumento per mettere a sistema il PUA distrettuale territoriale?

è uno strumento per mettere a sistema il PUA distrettuale territoriale? IL MANDATO DEL DISTRETTO E GLI STRUMENTI PROGRAMMATORI E GESTIONALI LA CENTRALE OPERATIVA TERRITORIALE è uno strumento per mettere a sistema il PUA distrettuale territoriale? il 2 agosto 2013 l Azienda

Dettagli

Provincia di Oristano Assessorato al Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Sociali Ufficio R.T.L.

Provincia di Oristano Assessorato al Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Sociali Ufficio R.T.L. ì Provincia di Oristano Assessorato al Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Sociali Ufficio R.T.L. Protocollo di intesa per l implementazione della Rete territoriale per il lavoro R.T.L. Premesso

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. VERSIONE 1 del

CARTA DEI SERVIZI. VERSIONE 1 del CARTA DEI SERVIZI VERSIONE 1 del 10.02.17 1 Indice Recruit srl pag. 3 La Carta dei Servizi pag. 3 I servizi per il lavoro rivolti alle persone: Finalità pag. 4 1. Informazione e Prima Accoglienza pag.

Dettagli

Le politiche regionali per l adattamento domestico delle persone anziane e con disabilità

Le politiche regionali per l adattamento domestico delle persone anziane e con disabilità Le politiche regionali per l adattamento domestico delle persone anziane e con disabilità Barbara Schiavon Servizio Governo dell'integrazione socio sanitaria e delle politiche per la non autosufficienza

Dettagli

SCHEDA 1-A. Accoglienza, presa in carico, orientamento

SCHEDA 1-A. Accoglienza, presa in carico, orientamento SCHEDA 1-A Accoglienza, presa in carico, orientamento ACCOGLIENZA E INFORMAZIONI SUL PROGRAMMA Obiettivo/finalità Facilitare e sostenere l'utente nell'acquisizione di informazioni, anche in auto consultazione,

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA - SPORTELLO COMUNALE PER IL LAVORO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NEL COMUNE DI BOLOGNA: STORIA E ATTIVITA'

COMUNE DI BOLOGNA - SPORTELLO COMUNALE PER IL LAVORO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NEL COMUNE DI BOLOGNA: STORIA E ATTIVITA' POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NEL COMUNE DI BOLOGNA: STORIA E ATTIVITA' aggiornamento 31/12/2013 POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Obiettivi: favorire il massimo impiego possibile ridurre i periodi di disoccupazione

Dettagli

Dall accertamento sanitario all inserimento lavorativo

Dall accertamento sanitario all inserimento lavorativo PROVINCIA DI GORIZIA Servizio Collocamento Mirato Dall accertamento sanitario all inserimento lavorativo Dott. Simone ZORZI Gorizia, 3 novembre 2009 Il collocamento mirato...la promozione dell'inserimento

Dettagli

PROGETTO CAPITALE UMANO ORIENTAMENTO PERMANENTE TAVOLO DEL CAPITALE UMANO

PROGETTO CAPITALE UMANO ORIENTAMENTO PERMANENTE TAVOLO DEL CAPITALE UMANO PROGETTO CAPITALE UMANO ORIENTAMENTO PERMANENTE TAVOLO DEL CAPITALE UMANO Sondrio, giovedì 8 ottobre 2015 PIANO D'AZIONE TERRITORIALE VALTELLINA in attuazione del Sistema Regionale dell'orientamento permanente

Dettagli

PREMESSA MODALITA DI REALIZZAZIONE

PREMESSA MODALITA DI REALIZZAZIONE Protocollo d intesa tra l Amministrazione provinciale di Biella ed i Consorzi Socio Assistenziali IRIS e CISSABO per l implementazione del progetto denominato L'assistenza familiare, legalità e qualità

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT FEBBRAIO 2012 LIVELLO EUROPEO

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT FEBBRAIO 2012 LIVELLO EUROPEO NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT FEBBRAIO LIVELLO EUROPEO BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Tutti i soggetti giuridici stabiliti negli Stati membri

Dettagli

Avviso 5/2010 Formulario per la presentazione del progetto

Avviso 5/2010 Formulario per la presentazione del progetto Avviso 5/2010 1/16 Avviso 5/2010 Formulario per la presentazione del progetto Dati generali del progetto SOGGETTI COINVOLTI SOGGETTO PROPONENTE: Referente operativo del progetto: Tel fisso: Tel cellulare:

Dettagli

Scambio Interregionale tra operatori dei servizi affidi Regione Piemonte/Regione Veneto

Scambio Interregionale tra operatori dei servizi affidi Regione Piemonte/Regione Veneto Scambio Interregionale tra operatori dei servizi affidi Regione Piemonte/Regione Veneto REPORT DI SINTESI REPORT DI SINTESI sui contenuti emersi nello scambio Aspetti di contenuto del processo di affidamento:

Dettagli

PIANO DI ZONA Annualità 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA

PIANO DI ZONA Annualità 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PIANO DI ZONA 2012-2014 Annualità 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA 1. Titolo del progetto Assistenza domiciliare indiretta. 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Sì 4. Se il progetto dà

Dettagli

MODELLO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

MODELLO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI UNIONE EUROPEA DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI CIVILI PER L IMMIGRAZIONE E L ASILO Fondo Europeo per i Rifugiati 2008-2013 Programma Annuale 2012 MODELLO

Dettagli

UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TE. Incontro conclusivo progetto 02 dicembre 2015 Sala Santa Marta Comune di Ivrea

UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TE. Incontro conclusivo progetto 02 dicembre 2015 Sala Santa Marta Comune di Ivrea UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TE Incontro conclusivo progetto 02 dicembre 2015 Sala Santa Marta Comune di Ivrea Daniela Gaudi DA DOVE NASCE IL PROGETTO Young Up nasce a seguito degli impegni assunti da alcuni

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO SPORTELLO UNICO LAVORO

DOCUMENTO OPERATIVO SPORTELLO UNICO LAVORO DOCUMENTO OPERATIVO SPORTELLO UNICO LAVORO PREMESSO CHE UPEL e CONFAPI VARESE hanno ritenuto di progettare uno strumento che potesse in maniera efficace ed efficiente favorire l incontro tra la domanda

Dettagli

Oggetto: Attivazione del Sistema informativo Lavoro, formazione, Orientamento LA GIUNTA REGIONALE

Oggetto: Attivazione del Sistema informativo Lavoro, formazione, Orientamento LA GIUNTA REGIONALE Oggetto: Attivazione del Sistema informativo Lavoro, formazione, Orientamento LA GIUNTA REGIONALE Su Proposta dell Assessore al Lavoro e alla Formazione VISTA VISTA la legge statutaria 11 novembre 2004,

Dettagli

Uno strumento unitario e fortemente orientato al risultato occupazionale.

Uno strumento unitario e fortemente orientato al risultato occupazionale. Regione Lombardia, per rispondere alla difficile situazione sul fronte dell occupazione, ha creato un nuovo modello per le politiche attive per il lavoro: Dote Unica Lavoro. Uno strumento unitario e fortemente

Dettagli

Provincia di Sondrio Servizio Formazione Professionale e Lavoro UFFICIO LAVORO DISABILI

Provincia di Sondrio Servizio Formazione Professionale e Lavoro UFFICIO LAVORO DISABILI Provincia di Sondrio Servizio Formazione Professionale e Lavoro UFFICIO LAVORO DISABILI Piano provinciale per l'inserimento lavorativo delle persone con disabilità 204/206 Fondo regionale per l occupazione

Dettagli

Le pari opportunità negli interventi di politica attiva del lavoro L esperienza del Circondario Empolese Valdelsa

Le pari opportunità negli interventi di politica attiva del lavoro L esperienza del Circondario Empolese Valdelsa Centro per l Impiego Le pari opportunità negli interventi di politica attiva del lavoro L esperienza del Circondario Empolese Valdelsa Siena 20 gennaio 2011 Valdelsa 1 Il Circondario Empolese Valdelsa

Dettagli

e la formazione delle nuove figure professionali

e la formazione delle nuove figure professionali SEMINARIO NAZIONALE EPALE Migranti e rifugiati: nuovi bisogni formativi degli educatori Catania, 20 novembre 2015 I cambiamenti nei CPIA e la formazione delle nuove figure professionali Giovanna Del Gobbo,

Dettagli

Carta dei Servizi. Politiche Attive e Servizi al Lavoro. (Data ultimo aggiornamento 08/11/2013 Rev. N. 4/2013)

Carta dei Servizi. Politiche Attive e Servizi al Lavoro. (Data ultimo aggiornamento 08/11/2013 Rev. N. 4/2013) Carta dei Servizi Politiche Attive e Servizi al Lavoro (Data ultimo aggiornamento 08/11/2013 Rev. N. 4/2013) 1 Indice Premessa Obiettivi del servizio Soggetti destinatari.. Strumenti e metodologia di lavoro..

Dettagli

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015)

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) AVVISO PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE DI ACCESSO ALLA GARANZIA, ORIENTAMENTO

Dettagli

PROGETTO D INTERESSE REGIONALE FORMAZIONE E SVILUPPO DELL OCCUPAZIONE Seconda fase

PROGETTO D INTERESSE REGIONALE FORMAZIONE E SVILUPPO DELL OCCUPAZIONE Seconda fase PROGETTO D INTERESSE REGIONALE FORMAZIONE E SVILUPPO DELL OCCUPAZIONE Seconda fase Regione Liguria Premessa Il presente Progetto si pone in continuità all iniziativa d interesse regionale FORMAZIONE E

Dettagli