REGOLE GENERALI IN MATERIA DI DIRITTO ANNUALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLE GENERALI IN MATERIA DI DIRITTO ANNUALE"

Transcript

1 REGOLE GENERALI IN MATERIA DI DIRITTO ANNUALE Il diritto annuale è stato istituito con Decreto Legge 786 del 1981, convertito con Legge n. 52 del 1982 recepito dall art. 18 della Legge 580 del 1993, modificato dall art. 17 della Legge 488/99 e attualmente regolamentato dal Decreto del Ministero dell Industria n. 359 del PRESUPPOSTO DEL DIRITTO Sono tenuti al pagamento del diritto annuale i soggetti iscritti o annotati al Registro delle Imprese al 1 gennaio di ogni anno o che si sono iscritti in corso d anno, anche se per un solo giorno. Il diritto non è frazionabile ed è dovuto in misura intera anche per periodi di iscrizione inferiori ad un anno (art. 3 D.M. 359 del 11/5/01). CAMERA DI COMMERCIO COMPETENTE Il diritto va corrisposto alla C.C.I.A.A. in cui risulta ubicata la sede legale o principale al 1 gennaio o alla data di costituzione, qualora l iscrizione sia avvenuta in corso d anno. Nel caso di presenza di unità locali, il diritto deve essere versato per ogni unità locale presente sul territorio a favore della singola C.C.I.A.A. della provincia in cui l unità è ubicata. Parimenti, le imprese con sede legale all estero dovranno pagare un diritto per ogni unità locale alla Camera di Commercio ove ha sede l unità locale. Nel caso di trasferimento della sede legale o principale dell impresa in altra provincia, il diritto è dovuto alla Camera di Commercio ove era ubicata la sede principale o legale al 1^ gennaio o alla data diversa se l impresa è stata costituita successivamente al 1^ gennaio; nell anno di trasferimento non è quindi dovuto alcun importo alla Camera di Commercio nella cui provincia l impresa si sia trasferita. CASI DI ESENZIONE Non è dovuto il diritto annuale nelle ipotesi ed alle condizioni sotto indicate: Imprese dichiarate fallite o in liquidazione coatta amministrativa A partire dall anno successivo a quello di adozione del provvedimento, salvo il caso in cui sia stato autorizzato l esercizio provvisorio d impresa. In tale circostanza il pagamento avviene fino alla data di cessazione dell esercizio provvisorio. Imprese cessate Occorre fare una distinzione a seconda della natura giuridica del soggetto: 1)Imprese individuali A partire dall anno solare successivo alla cessazione, a condizione che la domanda di cancellazione dal Registro Imprese sia presentata entro il 30 gennaio successivo.

2 2)Società ed altri soggetti collettivi A partire dall anno successivo a quello di approvazione del bilancio finale di liquidazione a condizione che la domanda di cancellazione venga presentata al competente ufficio del Registro delle Imprese entro il 30 gennaio successivo alla data di approvazione del bilancio finale. 3)Società cooperative Nel caso di cui all art del codice civile, a partire dall anno solare successivo a quello della data del provvedimento di scioglimento. I soggetti iscritti solo al Repertorio economico ed amministrativo (REA) Contrariamente a quanto disposto sino all anno 2000 compreso, dal 2001 sono assoggettate all obbligo del pagamento del diritto anche le società iscritte che risultano poste in liquidazione. MODALITA DI DETERMINAZIONE DEL DIRITTO Gli importi dovuti vengono determinati annualmente con Decreto Interministeriale del MAP e del Ministero dell Economia e delle Finanze, secondo i seguenti criteri. 1) SOGGETTI GIA ISCRITTI AL 01/01 a) Soggetti iscritti o annotati nelle sezioni speciali del Registro delle Imprese. Il diritto è dovuto in misura fissa così come determinato annualmente con decreto del Ministero delle Attività Produttive di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze. b) Soggetti iscritti o annotati nella sezione ordinaria del Registro delle Imprese. Il diritto è dovuto in misura correlata alla base imponibile individuata dal fatturato realizzato nell esercizio precedente, così come si desume dal Modello UNICO -IRAP di seguito definito: 1) per gli enti creditizi e finanziari tenuti alla redazione del conto economico a norma dell articolo 6 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 87 è dato dalla somma degli interessi attivi e assimilati ( rigo IQ15) e delle commissioni attive (rigo IQ17), come dichiarati nel quadro IQ ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive; 2) per i soggetti esercenti imprese di assicurazione tenuti alla redazione del conto economico a norma dell articolo 9 del decreto legislativo 26 maggio 1997, n. 173, è dato dalla somma dei premi (rigo IQ33) e degli altri proventi tecnici (rigo IQ34), come dichiarati ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive; 3) per le società e gli enti che esercitano in via esclusiva o prevalente l attività di assunzione di partecipazioni in enti diversi da quelli creditizi e finanziari, è dato dalla somma dei ricavi delle vendite e delle prestazioni (rigo IQ1), e degli interessi attivi e proventi assimilati (rigo IQ15), come dichiarati nel quadro IQ ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive;

3 4) per gli altri soggetti ( imprese individuali, società di persone, società di capitali, enti commerciali ed equiparati, ecc.), è la somma dei ricavi delle vendite e delle prestazioni (rigo IQ1) e degli altri ricavi e proventi ordinari (rigo IQ5), come dichiarati ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive. Le imprese già iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle Imprese che non abbiano formalizzato le scritture contabili al momento del pagamento del diritto, individuano il fatturato ed il relativo importo da versare sulla base delle scritture contabili comunque disponibili relative all esercizio precedente. L ammontare del diritto è il risultato della somma degli importi dovuti per ciascuna fascia calcolati applicando la misura fissa e le aliquote per le fasce di fatturato successive fino a quella nella quale rientra il fatturato complessivo dell impresa. c) Unità locali E dovuto il diritto, per ciascuna unità locale, commisurato a quello stabilito per la sede principale con un importo minimo ed un tetto massimo stabiliti con decreto del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato di concerto con il Ministero del tesoro, del Bilancio e della programmazione. 2) SOGGETTI ISCRITTI IN CORSO D ANNO Versano il diritto in misura fissa sia per la sede principale e per le unità locali secondo le indicazioni fornite dal Ministero delle Attività Produttive e successivamente nelle misure stabiliteannualmente con Decreto Interministeriale del MAP e del Ministero dell Economia e delle Finanze. Si consiglia di consultare sempre il sito della Camera di Commercio o di contattare l ufficio diritto annuale per ricevere informazioni in merito alla misura del diritti da versare in caso di nuove iscrizioni. Informazioni sono, altresì, disponibili presso gli sportelli del Registro delle imprese. TERMINI DI VERSAMENTO Il termine per il pagamento del diritto coincide con quello per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, generalmente il 16/06 di ogni anno; le imprese che hanno l esercizio a cavallo di due anni e che approvano il bilancio dopo il 30 giugno devono pagare il diritto annuale entro il loro termine di scadenza del 1^ acconto delle imposte sui redditi. Normalmente viene consentito il versamento entro 30 giorni dalla scadenza ordinaria con una maggiorazione dello 0,40%. A partire dalla annualità 2001 le imprese iscritte o annotate al Registro delle Imprese tenute al pagamento del diritto annuale non ricevono più il bollettino di conto corrente postale prestampato, bensì una comunicazione contenente i dati dell impresa, la sua posizione come risultante dagli archivi della Camera di Commercio, l ammontare complessivo del diritto dovuto, nel caso di impresa iscritta o annotata nelle sezioni speciali, oppure i dati necessari all autodeterminazione, per i soggetti presenti

4 nella sezione ordinaria. MODALITA DI VERSAMENTO Il versamento del diritto annuale va eseguito per tutti i soggetti, in unica soluzione, esclusivamente con modello di pagamento F24 telematico utilizzato per il versamento delle imposte sui redditi. L utilizzo del modello F24 consente di usufruire della possibilità di compensare, immediatamente, quanto dovuto per il diritto annuale con eventuali crediti vantati per altri versamenti. Va prestata particolare attenzione nella compilazione del modello nelle parti relativa al codice fiscale, necessario per l identificazione del contribuente. Va compilata la Sezione ICI ed altri Tributi locali, secondo le seguenti istruzioni. L impresa deve indicare nello spazio riservato a Codice ente/ Codice Comune la sigla automobilistica della Camera di Commercio, a cui il pagamento è indirizzato. L impresa è tenuta inoltre ad indicare nelle apposite colonne il codice tributo 3850 per il quale si effettua il versamento e l'anno a cui si riferisce il versamento stesso, da riportare con quattro cifre (es. 2008). Infine l impresa deve trascrivere l importo del diritto nello spazio riservato agli Importi a debito versati distintamente per ciascuna Camera di Commercio a cui è dovuto. Le imprese che esercitano l attività in più province devono indicare l importo dovuto per ciascuna provincia. Viceversa gli importi riferiti alla sede principale ed a eventuali sedi secondarie che si trovino nella medesima provincia vanno sommati e riportati in un unico rigo del modello F24. ARROTONDAMENTI I singoli importi vanno arrotondati matematicamente all euro e l eventuale maggiorazione dello 0,40% al centesimo di euro. Esempio di compilazione modello codice ente/codice comune codice tributo rateazione MC 3850 (non compilare) anno di riferimento importi a debito versati importi a credito compensati ,00 (non compilare) SANZIONI In caso di omissione, totale o parziale, del versamento del diritto dovuto ovvero di tardivo pagamento, le imprese incorrono nell applicazione di una sanzione tributaria.

5 E comunque possibile alle condizioni e nei limiti di cui all art. 13 del D.Lgs. n. 472/97 e successive modifiche avvalersi dell istituto del ravvedimento operoso. Per ulteriori informazioni, si rimanda all apposita sezione informativa del sito.

Via Kennedy, Favara (AG) tel fax IL DIRITTO CAMERALE

Via Kennedy, Favara (AG) tel fax IL DIRITTO CAMERALE IL DIRITTO CAMERALE Che cosa è? Il diritto camerale è il tributo che ogni impresa, iscritta o annotata nel Registro delle imprese, è tenuta a versare alla Camera di Commercio di riferimento (art. 18 della

Dettagli

DIRITTO ANNUALE 2016

DIRITTO ANNUALE 2016 DIRITTO ANNUALE 2016 MODALITA DI VERSAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE Si informa che il pagamento del diritto annuale va eseguito, in unica soluzione, esclusivamente con il modello F24 in modalità telematica

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 15 giugno 2011 E-MAIL: segreteria2@studiocastelli.com DIRITTO CCIAA PER L ANNO 2011: termini e modalità di versamento Con D.M. del 21.04.2011 sono state

Dettagli

ESAZIONE DIRITTO CAMERALE ANNUALE 2014

ESAZIONE DIRITTO CAMERALE ANNUALE 2014 Tipologia: FISCO Protocollo: 2006814 Data: 03 giugno 2014 Oggetto: ESAZIONE DIRITTO CAMERALE ANNULAE 2014 Allegati: NO ESAZIONE DIRITTO CAMERALE ANNUALE 2014 Gentile Associato, il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 5 giugno 2009 E-MAIL: segreteria2@studiocastelli.com DIRITTO CCIAA PER L ANNO 2009 : termini e modalità di versamento Con D.M. 30.04.2009 sono state stabilite

Dettagli

OGGETTO: Versamento diritto camerale 2016

OGGETTO: Versamento diritto camerale 2016 Informativa per la clientela di studio N. 102 del 01.06.2016 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Versamento diritto camerale 2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla

Dettagli

Il versamento del diritto annuale dovuto alle CCIAA

Il versamento del diritto annuale dovuto alle CCIAA FOCUS Il versamento del diritto annuale dovuto alle CCIAA di Laura Mazzola dottore commercialista e revisore contabile Il diritto annuale è il tributo che ogni impresa iscritta o annotata nel Registro

Dettagli

Circolare per gli associati del 08/06/2016

Circolare per gli associati del 08/06/2016 Circolare per gli associati del 08/06/2016 OGGETTO: Versamento diritto camerale 2016 Ciao, con questo articolo voglio informarti in merito al versamento del diritto annuale camerale dovuto per l anno 2016

Dettagli

La misura del diritto camerale per le imprese iscritte o che si iscriveranno nel registro imprese nel 2017: attenzione alle maggiorazioni del 20%

La misura del diritto camerale per le imprese iscritte o che si iscriveranno nel registro imprese nel 2017: attenzione alle maggiorazioni del 20% CIRCOLARE A.F. N.82 del 7 Giugno 2017 Ai gentili clienti Loro sedi La misura del diritto camerale per le imprese iscritte o che si iscriveranno nel registro imprese nel 2017: attenzione alle maggiorazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio del 30 Giugno 2015 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Proroga del versamento del diritto camerale 2015, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI D.M. 11 maggio 2001, n. 359: Regolamento per l'attuazione dell'articolo 17 della legge 23 dicembre 1999, n. 488, in materia di accertamento, riscossione e liquidazione del diritto annuale versato dalle

Dettagli

DIRITTO ANNUALE CCIAA 2010

DIRITTO ANNUALE CCIAA 2010 Circolare N. 45 Area: ADEMPIMENTI Periodico plurisettimanale 11 giugno 2010 DIRITTO ANNUALE CCIAA 2010 Entro il prossimo 16 giugno 2010 (6 luglio per i soggetti cui si applicano gli studi di settore),

Dettagli

Studio Luciano Lancellotti

Studio Luciano Lancellotti News per i Clienti dello studio del 21 maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Più leggero il diritto camerale per le imprese che si iscrivono al registro imprese Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Prot. n. F88/RNS Bologna, 5 giugno 2012

Prot. n. F88/RNS Bologna, 5 giugno 2012 Prot. n. F88/RNS Bologna, 5 giugno 2012 DIRITTO ANNUALE CCIAA PER IL 2012 2 I N D I C E SOGGETTI TENUTI AL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE 2012 Pag. 3 SOGGETTI ESONERATI DAL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE

Dettagli

Prot. n. F76/RNS del 10 giugno 2011

Prot. n. F76/RNS del 10 giugno 2011 Prot. n. F76/RNS del 10 giugno 2011 DIRITTO ANNUALE CCIAA PER IL 2011 2 I N D I C E SOGGETTI TENUTI AL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE 2011 Pag. 3 SOGGETTI ESONERATI DAL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE 2011

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8GYCLC27350 Data ultima modifica: 18/05/2011 Prodotto: Dichiarazioni Fiscali Modulo: Unico PF,SP, SC, ENC Oggetto: Diritti Camerali anno 2011 Sono tenute al versamento

Dettagli

Versamento del diritto camerale 2013 con proroga

Versamento del diritto camerale 2013 con proroga CIRCOLARE A.F. N. 111 del 3 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento del diritto camerale 2013 con proroga Gentile cliente, desideriamo informarla che, per effetto del DPCM 13.6.2013, i contribuenti

Dettagli

Diritto annuale CCIAA

Diritto annuale CCIAA Periodico informativo n. 89/2014 Diritto annuale CCIAA Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo Vi informiamo che con il pagamento delle imposte dirette arriva il momento di pagare

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IMPRESE ISCRITTE NELLA SEZIONE ORDINARIA LA DETERMINAZIONE DELL IMPORTO DEL DIRITTO ANNUALE GLI SCAGLIONI DI FATTURATO SCHEDA N. 2 Claudio Venturi Camera

Dettagli

Canone RAI e nuovi termini di presentazione del modello di non detenzione DIRITTO CAMERALE 2016

Canone RAI e nuovi termini di presentazione del modello di non detenzione DIRITTO CAMERALE 2016 STUDIO TOMASSETTI & PARTNERS Circolare Informativa Anno 2016 nr. 10 Canone RAI e nuovi termini di presentazione del modello di non detenzione DIRITTO CAMERALE 2016 Autore: Marco Tomassetti STUDIO COMMERCIALE

Dettagli

OGGETTO: Diritto annuale CCIAA

OGGETTO: Diritto annuale CCIAA Roma, 4/6/214 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Diritto annuale CCIAA Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo Vi informiamo che con il pagamento delle imposte dirette arriva

Dettagli

Diritto camerale: importi, modalità e termini di versamento relativi al 2008

Diritto camerale: importi, modalità e termini di versamento relativi al 2008 Imprese Diritto camerale: importi, modalità e termini di versamento relativi al 2008 di Luca Fornero e Paola Rivetti (*) LA NOVITA Variazione importi del diritto annuale Il D.M. 1 febbraio 2008 (pubblicato

Dettagli

DIRITTO ANNUALE CCIAA 2011: NOVITÀ E CONFERME

DIRITTO ANNUALE CCIAA 2011: NOVITÀ E CONFERME Circolare N. 47 Area: ADEMPIMENTI Periodico plurisettimanale 17 giugno 2011 DIRITTO ANNUALE CCIAA 2011: NOVITÀ E CONFERME Con la riforma dell ordinamento delle CCIAA sono stati modificati i criteri per

Dettagli

SECONDO ACCONTO d'imposta 2012 IRPEF, IRES e IRAP

SECONDO ACCONTO d'imposta 2012 IRPEF, IRES e IRAP Circolare informativa per la clientela n. 32/2012 dell'8 novembre 2012 SECONDO ACCONTO d'imposta 2012 IRPEF, IRES e IRAP In questa Circolare 1. Imposte Acconti 2. Secondo acconto Irpef 3. Secondo acconto

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 19 novembre 2013 108/GD/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Contenuto in sintesi Si illustrano le modalità di determinazione e versamento

Dettagli

Contenuto in sintesi

Contenuto in sintesi DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 105 09.11.2012-105/GD/om TITOLO: Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca Acconti. Contenuto in sintesi Con la presente comunicazione si illustrano

Dettagli

BriaConsulting Commercialisti Associati Consulenza Societaria - Fiscale - del Lavoro

BriaConsulting Commercialisti Associati Consulenza Societaria - Fiscale - del Lavoro A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Monza, 10 Dicembre 2015 ACCONTO IVA 2015 Scade il 28 dicembre il versamento dell acconto IVA per il 2015, atteso che il termine di legge del 27 dicembre cade di domenica. L

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2012 GEOMETRI MODELLO UNICO SEZIONE III DEL QUADRO RR

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2012 GEOMETRI MODELLO UNICO SEZIONE III DEL QUADRO RR ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2012 GEOMETRI MODELLO UNICO 2012 - SEZIONE III DEL QUADRO RR Sommario SOMMARIO 1 Presentazione... 1 2 Contribuzione minima e contributo di maternità... 2 3

Dettagli

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio 2 DICEMBRE 2013 - IMPOSTE DIRETTE - IRPEF - IRES - IRAP - CEDOLARE SECCA - ACCONTI Si ricorda la scadenza del 2 dicembre

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 11 novembre 2016 167/ER/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare secca - Acconti 2016 RN61 Mod. Unico2016PF Inferiore o uguale a 51,65 Superiore a 51,65

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 "Differenza" del mod. Unico 2015 PF.

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 Differenza del mod. Unico 2015 PF. Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare secca Acconti 2015 Si illustrano le modalità di determinazione e versamento della seconda o unica rata dell acconto IRPEF, IRAP ed IRES e della cedolare

Dettagli

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI)

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) STUDIO LEGALE TRIBUTARIO Avv. MAURIZIO VILLANI PATROCINANTE IN CASSAZIONE VIA CAVOUR, 56 TEL. 0832 247510 73100 LECCE LECCE, 10/11/2004 ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) Il 30 novembre p.v. scade

Dettagli

VERSAMENTO delle IMPOSTE a SALDO 2012 e ACCONTI 2013. Circolare n. 11/2013 TORINO 09/05/2013. Studio effemme srl 1

VERSAMENTO delle IMPOSTE a SALDO 2012 e ACCONTI 2013. Circolare n. 11/2013 TORINO 09/05/2013. Studio effemme srl 1 VERSAMENTO delle IMPOSTE a SALDO 2012 e ACCONTI 2013 Circolare n. 11/2013 TORINO 09/05/2013 1 VERSAMENTO delle IMPOSTE a SALDO 2012 e ACCONTI 2013 In questa Circolare 1. Imposte a saldo e in acconto Unico

Dettagli

STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA Pagine da 1 a 5

STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA Pagine da 1 a 5 STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA 2008 Pagine da 1 a 5 1 Acconto IVA 2008 Il 29 dicembre 2008 (primo giorno lavorativo non festivo successivo al 27 dicembre) 1 scade il termine per

Dettagli

Chiarimenti in ordine al pagamento dell imposta comunale sugli immobili (ICI). Art. 10 del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504.

Chiarimenti in ordine al pagamento dell imposta comunale sugli immobili (ICI). Art. 10 del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504. CIRCOLARE N. 4 /DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 30 maggio 2002 DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Area I Reparto V Prot. 18243/2002/DPF/UFF Ai COMUNI LORO

Dettagli

SOMMARIO: 1. Termini e modalità di versamento. 2. Reddito imponibile. 3. Reddito imponibile per i contribuenti minimi. 4.

SOMMARIO: 1. Termini e modalità di versamento. 2. Reddito imponibile. 3. Reddito imponibile per i contribuenti minimi. 4. OGGETTO: Riscossione 2010 dei contributi dovuti dagli iscritti alle gestioni artigiani e commercianti sulla quota di reddito eccedente il minimale e dai liberi professionisti iscritti alla gestione separata

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2014

GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI TARANTO UFFICIO DELLE ENTRATE GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2014 Testo redatto da : Alessandra Lupo - Responsabile Ufficio Entrate Aggiornamento

Dettagli

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2011

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2011 GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2011 1. Le modifiche introdotte dal D. Lgs. n. 23/2010 in materia di diritto annuale Con il D. Lgs. 15 febbraio 2010, n. 23, recante Riforma dell'ordinamento

Dettagli

- ritenute operate e versate sugli emolumenti erogati entro il relativi all anno 2007;

- ritenute operate e versate sugli emolumenti erogati entro il relativi all anno 2007; PROSPETTO ST - ritenute operate e versate sugli emolumenti erogati entro il 12.01.2008 relativi all anno 2007; - versamenti effettuati entro marzo 2008 relativi alle operazioni di conguaglio di fine anno

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE Misura del versamento L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61

Dettagli

L ICI, imposta comunale sugli immobili, istituita con decreto legislativo n.504 del 1992, deve essere pagata:

L ICI, imposta comunale sugli immobili, istituita con decreto legislativo n.504 del 1992, deve essere pagata: CHI DEVE PAGARE L ICI L ICI, imposta comunale sugli immobili, istituita con decreto legislativo n.504 del 1992, deve essere pagata: 1. Dai proprietari di fabbricati, aree edificabili e terreni agricoli

Dettagli

ICI - Le novità e riflessi in Unico

ICI - Le novità e riflessi in Unico ICI - Le novità e riflessi in Unico a cura dello studio Tributario Gigliotti & Associati A partire dal 2007 in materia di imposta comunale sugli immobili sono previste numerose novità, più precisamente:

Dettagli

Modello 770: ST e SX

Modello 770: ST e SX Modello 770: ST e SX Modello Ordinario SI I quadri ST e SX vanno con il Modello Ordinario o con il Modello Semplificato * NO I quadri ST e SX vanno con il Modello Semplificato * Se non sono state effettuate

Dettagli

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Prot. 298/2012 Milano, 12-11-2012 Circolare n. 110/2012 AREA: Circolari, Fiscale Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Con l avvicinarsi della scadenza del 30 novembre, termine

Dettagli

SECONDO ACCONTO d IMPOSTA 2010 IRPEF, IRES e IRAP

SECONDO ACCONTO d IMPOSTA 2010 IRPEF, IRES e IRAP Circolare informativa per la clientela n. 30/2010 del 4 novembre 2010 d IMPOSTA 2010 IRPEF, IRES e IRAP In questa Circolare 1. Acconti Irpef e Ires: soggetti obbligati 2. Persone fisiche 3. Società di

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2012

GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2012 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI TARANTO UFFICIO DELLE ENTRATE GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2012 Testo redatto da : Alessandra Lupo - Responsabile Ufficio Entrate Aggiornamento

Dettagli

Come sanare il mancato versamento della mini-imu

Come sanare il mancato versamento della mini-imu Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 30 28.01.2014 Come sanare il mancato versamento della mini-imu Passata la scadenza del 24 gennaio 2014, è ancora possibile utilizzare il ravvedimento

Dettagli

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Saldo IVA 2014: alla cassa il prossimo 16.03.2015 per chi presenta la dichiarazione in forma autonoma Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che i soggetti

Dettagli

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 4/2015

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 4/2015 Como, 9.2.2015 INFORMATIVA N. 4/2015 Terreni agricoli montani Esenzione da IMU Novità del DL 24.1.2015 n. 4 Versamento entro il 10.2.2015 INDICE 1 PREMESSA... pag. 2 2 CRITERI STABILITI DAL DL 24.1.2015

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu A CURA DI SALVINA MORINA E TONINO MORINA Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

- ritenute operate e versate sugli emolumenti erogati nel 2006 ed entro il ;

- ritenute operate e versate sugli emolumenti erogati nel 2006 ed entro il ; PROSPETTO ST Dati relativi a: - ritenute operate e versate sugli emolumenti erogati nel 2006 ed entro il 12.01.2007; - ritenute operate in sede di conguaglio di fine anno 2006 effettuato entro il 28.02.2007;

Dettagli

COME SI CALCOLA L IMU?

COME SI CALCOLA L IMU? DI OSSI PROVINCIA DI SASSARI Ufficio Tributi GUIDA PRATICA ALL IMU Questa breve guida è stata predisposta dell Ufficio Tributi del Comune di Ossi, occorre comunque precisare che essendo la norma di recente

Dettagli

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER GLI ANNI

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER GLI ANNI GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER GLI ANNI 2015-2016 - 2017 1. Come è cambiato il diritto annuale dal 2015 in poi A) L articolo 28 della L. n. 114/, di conversione del D.L. n. 90/ (recante "Misure urgenti

Dettagli

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2013

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2013 GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2013 1. La misura del diritto annuale per l anno 2013 Per l anno 2013 restano valide le misure del diritto annuale definite per l anno 2012 dal D.I. 21 aprile

Dettagli

Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap

Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap Il 30 novembre è il termine ultimo per versare la seconda o unica rata dell acconto IRPEF da parte delle persone fisiche tenute alla presentazione del Modello Unico

Dettagli

GUIDA AL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE

GUIDA AL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE GUIDA AL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE Aggiornata a gennaio 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 IL DIRITTO ANNUALE: QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO... 4 SOGGETTI OBBLIGATI AL PAGAMENTO... 5 CESSAZIONE DELL

Dettagli

Regolamento comunale per l applicazione della ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE (I.R.P.E.F.)

Regolamento comunale per l applicazione della ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE (I.R.P.E.F.) COMUNE DI CHIANCIANO TERME Provincia di Siena Regolamento comunale per l applicazione della ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE (I.R.P.E.F.) COMUNE DI CHIANCIANO TERME Provincia

Dettagli

Come accennato, sono tenuti al versamento del secondo acconto, con le diverse modalità di cui si dirà in seguito:

Come accennato, sono tenuti al versamento del secondo acconto, con le diverse modalità di cui si dirà in seguito: (fonte Agenzia Entrate) Il 30 novembre è il termine ultimo per versare la seconda o unica rata dell acconto IRPEF da parte delle persone fisiche tenute alla presentazione del Modello Unico e dell acconto

Dettagli

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2014

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2014 GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2014 1. La misura del diritto annuale per l anno 2014 Per l anno 2014 restano valide le misure del diritto annuale definite per l anno 2013, sia nelle misure

Dettagli

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF 19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF ATTENZIONE Il presente quadro non deve essere compilato dalle amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo. Il quadro

Dettagli

Circolare informativa 6/2016. ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE

Circolare informativa 6/2016. ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE Roma, 14 marzo 2016 Circolare informativa 6/2016 ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE L imposta di bollo può essere corrisposta: mediante pagamento ad intermediario convenzionato con l Agenzia delle

Dettagli

Roma, 17 Febraio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi

Roma, 17 Febraio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Roma, 17 Febraio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che, entro il 16 febbraio p.v., gli Artigiani ed Esercenti attività

Dettagli

2. Reddito imponibile 3. Reddito imponibile per i contribuenti minimi 4. Rateizzazione 5. Quadro RR del modello UNICO

2. Reddito imponibile 3. Reddito imponibile per i contribuenti minimi 4. Rateizzazione 5. Quadro RR del modello UNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 14/06/2010 Circolare n. 73 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2016

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2016 GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2016 1. Come è cambiato il diritto annuale dal 2015 in poi L articolo 28 della L. n. 114/2014, di conversione del D.L. n. 90/2014 (recante "Misure urgenti per

Dettagli

Il ravvedimento operoso

Il ravvedimento operoso Il ravvedimento operoso Versamenti I.C.I. Anno 2007 L omesso, tardivo o parziale versamento dell Imposta dovuta alla scadenze previste dalla legge comporta l applicazione della sanzione pecuniaria nella

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

Versamento tassa per i libri sociali

Versamento tassa per i libri sociali Periodico informativo n. 37/2014 Versamento tassa per i libri sociali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che, le società di capitali entro il prossimo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F.

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. INDICE 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Pag. 3 Art. 2 Soggetto attivo Pag. 3 Art. 3 Soggetti passivi Pag. 3 Art. 4 Criteri di calcolo dell addizionale Pag. 3

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 287 27.09.2016 Unico 2016: il recupero dei pagamenti eccedenti Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione Il contribuente che effettua un

Dettagli

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva a cura di Antonio Gigliotti N. 75 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale Saldo Iva 2009 25.02.2010 Categoria Sottocategoria Entro il prossimo 16.3 i soggetti tenuti alla presentazione

Dettagli

BOZZA SPECIFICHE TECNICHE IRAP SP

BOZZA SPECIFICHE TECNICHE IRAP SP BOZZA SPECIFICHE TECNICHE IRAP SP ALLEGATO B Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP Società di Persone Allegato B CONTETO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI DATI DEL MODELLO IRAP SOCIETA

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N.protocollo: 34/2008 Data: 14 luglio 2008 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO AL 15 AGOSTO 2008 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 luglio 15 agosto 2008, con il commento dei

Dettagli

OGGETTO: Artigiani e commercianti. Versamento I rata 2014

OGGETTO: Artigiani e commercianti. Versamento I rata 2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Artigiani e commercianti. Versamento I rata 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che entro il 16

Dettagli

C O M U N E DI P I A N O R O

C O M U N E DI P I A N O R O C O M U N E DI P I A N O R O IMU (Imposta Municipale Propria) Art. 8 e 9 del Decreto legislativo n.23 del 14 marzo 2011 e Art.13 del Decreto Legge n.201 del 6 dicembre 2011 convertito in Legge n.214 del

Dettagli

Oggetto: diritto camerale per il 2016

Oggetto: diritto camerale per il 2016 Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Clementina Mercati Dott.ssa Sara Redeghieri Dott. Fausto Braglia

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 208 12.11.2013 Artigiani e commercianti: versamento della III rata 2013 Doppio appuntamento con l INPS per gli artigiani e

Dettagli

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2017

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2017 GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2017 1. PREMESSA 1.1. Come è cambiato il diritto annuale dal 2015 in poi L articolo 28 della L. n. 114/2014, di conversione del D.L. n. 90/2014 (recante "Misure

Dettagli

COMUNE DI TERNI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI TERNI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI TERNI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ANNO 2014 1 Indice Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Soggetto attivo Art. 3 - Presupposto impositivo Art. 4 - Soggetti

Dettagli

1. Termini e modalità di versamento. 2. Reddito imponibile. 3. Rateizzazione. 4. Quadro RR del modello UNICO Compensazione.

1. Termini e modalità di versamento. 2. Reddito imponibile. 3. Rateizzazione. 4. Quadro RR del modello UNICO Compensazione. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 12 Giugno 2007 Circolare n. 92 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

GUIDA AL DIRITTO ANNUALE Aggiornamento ad aprile 2014

GUIDA AL DIRITTO ANNUALE Aggiornamento ad aprile 2014 AREA ANAGRAFE ECONOMICA SETTORE DIRITTO ANNUALE E SANZIONI GUIDA AL DIRITTO ANNUALE Aggiornamento ad aprile 2014 16 giugno 2014 Camera di commercio di Torino Via S. Francesco da Paola, 24 10123 TORINO

Dettagli

Circolare n. 4/2015 TASSA VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI: VERSAMENTO ENTRO IL

Circolare n. 4/2015 TASSA VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI: VERSAMENTO ENTRO IL Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2015 TASSA VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI: VERSAMENTO ENTRO IL 16.03.2015 Gentile cliente, con la presente desidero informarla che entro lunedì 16 marzo 2015 le società

Dettagli

Guida al versamento del Diritto Annuale 2014

Guida al versamento del Diritto Annuale 2014 Guida al versamento del Diritto Annuale 2014 In evidenza Si ricorda che tutte le imprese sono tenute ad avere una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC), dichiarata al Registro Imprese, che deve

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (I.R.P.E.F.)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (I.R.P.E.F.) COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (I.R.P.E.F.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

SALDO IMPOSTE DIRETTE E ACCONTO 2016

SALDO IMPOSTE DIRETTE E ACCONTO 2016 SALDO IMPOSTE DIRETTE E ACCONTO 2016 1. Importi da versare a saldo e primo acconto dell Irpef 2. Termini di versamento e modalità di versamento 3. Rateazione Il saldo Irpef e relative addizionali risultanti

Dettagli

Via Martiri d Istia, Scarlino (GR) Partita Iva Codice Fiscale

Via Martiri d Istia, Scarlino (GR)  Partita Iva Codice Fiscale IL COMUNE DI SCARLINO - PER L'IMU 2012 - INFORMA: che, l'art. 13 del D.L. n. 201/2011 ha introdotto in via sperimentale l IMU (Imposta municipale propria). In attesa della delibera comunale di approvazione

Dettagli

Artigiani e commercianti. Versamento IV rata 2014

Artigiani e commercianti. Versamento IV rata 2014 Periodico informativo n. 22/2015 Artigiani e commercianti. Versamento IV rata 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che, entro il 16 febbraio p.v.,

Dettagli

COMUNE DI SANGANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI

COMUNE DI SANGANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI COMUNE DI SANGANO Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 20 del 29/11/2013 Il Regolamento è in vigore dal 01/01/2013

Dettagli

IMU - Imposta municipale propria Informativa anno 2014

IMU - Imposta municipale propria Informativa anno 2014 COMUNE DI LEGNAGO UFFICIO TRIBUTI IMU - Imposta municipale propria Informativa anno 2014 Aggiornato al: 12/05/2014 IMU - Imposta municipale propria, è l'imposta a carico dei possessori di immobili. VERSAMENTI

Dettagli

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2012

GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2012 GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUALE PER L ANNO 2012 1. La misura del diritto annuale per l anno 2012 Per l anno 2012 restano valide le misure del diritto annuale definite per l anno 2011 dal D.I. 21 aprile

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2016

GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2016 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI TARANTO UFFICIO DELLE ENTRATE GUIDA AL VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2016 Testo redatto da : Alessandra Lupo - Responsabile Ufficio Entrate Aggiornamento

Dettagli

OGGETTO: IL DIRIGENTE DELLA DIREZIONE II

OGGETTO: IL DIRIGENTE DELLA DIREZIONE II IL DIRIGENTE DELLA DIREZIONE II PREMESSO CHE l art.52 del d.lgs.n.446 del 15.12.1997 disciplina la potestà regolamentare degli enti locali in materia di entrate tributarie e non tributarie; CHE l art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL I.R.P.E.F.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL I.R.P.E.F. COMUNE DI FERNO PROVINCIA DI Varese Via Aldo Moro, n 3 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL I.R.P.E.F. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 INDICE Art. 1 -

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale Prot. n. AOODRFR/11471 Trieste, 20 dicembre 2012 A mezzo posta elettronica Ai Dirigenti degli istituti scolastici statali e paritari della Regione E p. c. Ai Dirigenti degli Uffici V-VI-VII-VIII Al Sito

Dettagli

DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. 2010/19702 Modifiche al modello F24 Versamenti con elementi identificativi ed alle relative avvertenze adottato con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 7 agosto 2009 DIRETTORE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007.

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007. Direzione Centrale Amministrazione Pianificazione e Controllo RISOLUZIONE N. 127/E OGGETTO: Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite modello F24, dell imposta sostitutiva per i contribuenti

Dettagli

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 18 marzo 2013

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 18 marzo 2013 CIRCOLARE A.F. N. 42 del 7 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 18 marzo 2013 Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che il 18 marzo

Dettagli

Prospetto SV TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF

Prospetto SV TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF Prospetto SV TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF ADEMPIMENTO SOGGETTI INTERESSATI COME SI COMPILA CASI PARTICOLARI CASI PRATICI Il prospetto SV riguarda il riepilogo dei dati relativi alle trattenute

Dettagli

L' Imposta Municipale Propria (I.M.U.) deve essere versata alle seguenti scadenze:

L' Imposta Municipale Propria (I.M.U.) deve essere versata alle seguenti scadenze: I.M.U. 2015 Come e quando versare L' Imposta Municipale Propria (I.M.U.) deve essere versata alle seguenti scadenze: ACCONTO 2015 Scadenza 16/06/2015 il versamento della prima rata (acconto) dell IMU deve

Dettagli