Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica. Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica. Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare"

Transcript

1 Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare Rilevazione dal 1 ottobre 2007 al 15 novembre 2007

2 Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Società della Salute Dirigente Riccardo Innocenti Direttore Lucetta Tre Re P. O. Qualità e Gradimento Servizi P.O. Osservatorio Sociosanitario SdS Ciro Annicchiarico Fabiola Ganucci A cura di Ciro Annicchiarico, Fabiola Ganucci Premessa e supervisione a cura di Raffaele Uccello P.O. Anziani e Disabili Hanno collaborato Giacomo Giannelli Silvia Mammini Alberico Pecora Federico Stefanelli Erika Vagaggini Irene Volpi Rilevatori Andrian Anna Carla Bellucci Gianna Betti Linda Bravi Vittoria Calosci Martina Coppini Francesca Degl Innocenti Lorenzo Del Gais Maria Grazia Ferretti Elena Lo Russo Stefano Laise Pasquale Marino Carlo Morini Sonia Moscardi Eleonora Niccheri Francesca Pampaloni Pietro Sainato Antonio Vallifuoco Ilaria Vesce Mariagrazia Si ringraziano per la collaborazione i responsabili S.I.A.S.T. (Servizio Integrato Assistenza Sociale Territoriale) e i responsabili S.A.D. (Servizio Assistenza Domiciliare) dei cinque quartieri. 2

3 Indice Premessa... 4 Unità di analisi... 6 Metodologia... 6 I risultati dell indagine... 7 Caratteristiche degli utenti intervistati... 7 Frequenza e valutazione del servizio Le attività più utilizzate e loro valutazione In quali altre attività vorrebbero ulteriore aiuto Gli operatori Più sicuri se In sintesi APPENDICE Tabelle Questionario

4 Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare sociale Premessa Questa ricerca, effettuata per conto della Società della Salute, si propone di mettere a punto alcuni indicatori qualitativi e quantitativi per misurare la qualità percepita del Servizio di assistenza Domiciliare. L obiettivo da cui muove l indagine mira, infatti, alla costruzione di uno strumento per la rilevazione delle informazioni necessarie alla valutazione del servizio in funzione della qualità erogata. Di fronte alla forte e crescente presenza della popolazione anziana e all incidenza delle disabilità collegate all età, in questi ultimi anni si sono affermate con sempre maggiore forza politiche sociali tese alla realizzazione e allo sviluppo di interventi di prevenzione e cura in favore dei cittadini in condizione di fragilità o di non autosufficienza, mirando al perseguimento di alcuni fondamentali obiettivi assistenziali: - favorire il più a lungo possibile una idonea permanenza della persona fragile o non autosufficiente presso il proprio domicilio, fornendo i mezzi integrativi alle perdite funzionali e intervenendo a sostegno delle famiglie; - uscire dalla genericità degli interventi sul bisogno rappresentato, garantendo risposte più appropriate e flessibili rispetto alle esigenze della persona assistita e della famiglia; - ampliare conseguentemente la gamma delle risposte possibili e potenziare il sistema domiciliare nel suo complesso. Più sinteticamente, quindi, si sta affermando una linea di politica sociale che mette la cosiddetta domiciliarità 1 al primo posto, sia in termini di risorse dedicate che di quantità e qualità dei servizi a ciò finalizzati. Il servizio di assistenza domiciliare (SAD) è ad oggi, per risorse impegnate e per dimensione e complessità organizzativa, il principale servizio per la domiciliarità. Il SAD ha la finalità di assicurare una gamma di prestazioni assistenziali programmate che mirano a sostenere la persona assistita in vari ambiti della sua vita, con l obiettivo primario di offrirle i supporti integrativi necessari per proseguire una vita autonoma e dignitosa nel proprio contesto di vita. Si tratta quindi di un servizio che ha una sostanziale natura integrativa rispetto alle capacità e alle risorse personali e della rete familiare, che si realizza tramite interventi di sostegno alla cura della persona nelle sue funzioni quotidiane; di aiuto nella cura dell ambiente domestico; di supporto per il disbrigo di pratiche, per l acquisto di generi alimentari e per l accompagnamento a visite mediche, centri ambulatoriali, ecc.; di aiuto alla persona nelle pratiche di riattivazione funzionale o riabilitative 1 I servizi offerti dal comune di Firenze per la domiciliarità sono: assistenza domiciliare diretta, pedicure a domicilio, pasti a domicilio, teleassistenza, assistenza extra-scolastica, pronto sociale domiciliare, contrib. per assist. domic. indiretta, contributo servizi assistenza familiare, assegno di assistenza (l.r. 108) 4

5 su indicazione di figure professionali competenti; di risanamento ambientale, con pulizia a fondo e/o piccole riparazioni nei locali dell abitazione. A seconda del bisogno della persona assistita, il servizio può essere programmato, organizzato ed erogato in integrazione con i servizi sanitari domiciliari (Assistenza Domiciliare Integrata). Inoltre, il servizio di assistenza domiciliare non si limita a una mera erogazione di prestazioni, ma, di norma, tramite i suoi operatori e, più in generale, tramite la propria struttura operativa, tende ad assumere un ruolo di facilitatore nel rapporto tra la persona assistita e il sistema dei servizi del territorio. Il servizio di assistenza domiciliare fiorentino è organizzato sulla base di sedi territoriali corrispondenti ai cinque quartieri della città. In ciascun quartiere è presente un presidio del servizio, con un proprio responsabile e un proprio gruppo di operatori domiciliari comunali. L organizzazione territoriale del servizio è coordinata da ciascun presidio con riferimento al quartiere di competenza. La realizzazione degli interventi di assistenza domiciliare che prevedono un attuazione standardizzata e programmata (che costituiscono la parte prevalente del servizio) avviene di norma, salvo limitate eccezioni in un paio di quartieri, utilizzando i servizi offerti da gestori esterni, al momento individuati tramite appalto a Cooperative Sociali (A.T.I. costituita dal Consorzio Zenit e dalla Cooperativa Sociale Di Vittorio). Inoltre, nell ambito del servizio di assistenza domiciliare si è consolidato negli anni anche un servizio di pronto sociale domiciliare, che interviene, tramite l azione diretta degli operatori comunali del SAD, in situazioni di emergenza o urgenza sociali e/o di prima attivazione di interventi in attesa della definizione del progetto assistenziale. I destinatari del servizio di assistenza domiciliare sono individuabili sostanzialmente nelle seguenti categorie: - minori, adulti o anziani che si trovano in condizione di fragilità o di non autosufficienza a causa di disabilità o limitata autonomia, di forme di decadimento cognitivo, di patologie psichiatriche e la cui rete familiare di riferimento è assente o necessità di interventi integrativi al fine di poter assicurare i necessari supporti assistenziali. - nuclei familiari che presentano una condizione di multiproblematicità. All interno di tali categorie risulta assolutamente prevalente quella delle persone anziane, che sono di fatto il target principale del servizio. Infatti, delle persone assistite con tale servizio nel 2007, ben (74,7%) erano anziane. Il numero medio di persone con interventi di tipo programmato in carico al servizio a una determinata data è pari a circa A tale dimensione di utenza si risponde con una dimensione del servizio che si è ormai assestata su circa ore annue e un numero di oltre 200 operatori delle Cooperative appaltatrici, a cui si aggiungono oltre 50 operatori comunali, la gran parte dei quali, però, assicura gli interventi di pronto sociale domiciliare. Dei anziani registrati nell archivio SISA durante tutto il 2007, 878 erano femmine (71%) e 358 maschi (29%); il 17% rientrano in una classe di età compresa tra i 65 e i 74 anni (210 utenti), il 42,5% alla classe anni (525 utenti) ed il 40,5% ha un età superiore agli 85 anni (501 utenti). 5

6 Alla data dell indagine alcuni erano deceduti, altri avevano cessato l attività di assistenza domiciliare ed erano entrati in RSA (residenze sanitarie assistenziali), oppure non godevano più del servizio per altre motivazioni. L importanza, le dimensioni e la complessità del servizio sopra brevemente rappresentate hanno suggerito l opportunità di verificarne la percezione da parte delle persone che ne beneficiano. A tal scopo è stata realizzata l indagine oggetto del rapporto illustrato nelle pagine seguenti, che ha interessato 692 utenti, che costituiscono un numero alquanto elevato e sicuramente idoneo a rappresentare con adeguatezza le dimensioni indagate. Unità di analisi Le informazioni necessarie a cogliere gli aspetti del servizio strettamente legati al concetto di qualità erogata sono state rilevate tramite un questionario strutturato somministrato agli utenti del servizio di assistenza domiciliare sociale, estratti dal SISA (Sistema Informativo socio-assistenziale), che alla data del 30 giugno 2007 era composto da 953 utenti. La rilevazione ha avuto inizio lunedì 1 Ottobre 2007 ed è terminata il 15 novembre Dei 953 utenti contattati, 692 hanno partecipato alla rilevazione. Metodologia La metodologia di lavoro adottata è stata quella del coinvolgimento diretto degli utenti e attraverso un questionario somministrato a domicilio, è stato possibile rilevare la valutazione che l utente ha fornito riguardo ad ogni singolo elemento del servizio. La lettura di questa valutazione può consentire di individuare: 1. le aree critiche su cui concentrare gli sforzi di miglioramento ed allocare le risorse disponibili; 2. le aree prioritarie, alle quali destinare le risorse che l amministrazione ha a disposizione per il miglioramento e sono quelle aree caratterizzate da uno scostamento negativo tra prestazioni e aspettative; 3. i punti di forza del servizio, ovvero le aree dove l elevato impatto sulla soddisfazione dell utente è accompagnato da un elevato livello di prestazioni, in linea con i desideri degli utenti; 4. le aree dove il livello di prestazioni è già buono, costituiscono, invece, una possibile fonte di recupero di risorse da allocare nelle aree individuate come prioritarie. 6

7 I risultati dell indagine Caratteristiche degli utenti intervistati Sesso, età e con chi vive l intervistato Il target di utenti del servizio di Assistenza Domiciliare a cui l indagine è stata indirizzata è composto da 692 anziani di cui il 72,3% sono femmine e il 27,7% maschi (Cfr.Grafico 1). Grafico 1_Intervistati per genere Mas chio 28% Femmina 72% La popolazione di utenti intervistati è rappresentata principalmente da soggetti anagraficamente molto anziani: solo il 19,8% ha un età compresa tra 65 e 74 anni, mentre il 47,5% ha un età compresa 75 e 84 anni e il 32,7% ha 85 anni o più. (Cfr. Grafico 2). L età media risulta essere di 81 anni. Grafico 2_Intervistati per classe di età % % % 7

8 Nel corso del 2007 sono diventati utenti del servizio il 13,2%, mentre l 86,8% degli intervistati è utente del servizio da più di un anno; in particolare è utente del servizio da uno a due anni il 40%, da 3 a 5 anni il 27% e da 6 anni e più il 18% Grafico 3_Da quanto tempo è utente del servizio 6 e + anni 18% non sa 2% meno di 1 anno 13% 3-5 anni 27% 1-2 anni 40% La distribuzione territoriale degli intervistati per quartiere di residenza, mette in risalto che il quartiere 5 rappresenta la categoria modale con il 30,3% sul totale, segue il quartiere 1 con il 25,6%, il quartiere 4 con il 19,7% e per ultimi i quartieri 2 e 3 che rappresentano insieme il 24,4% sul totale degli intervistati (Cfr. Tabella 1). Tabella 1_ Utenti intervistati e popolazione anziana residente per quartiere di residenza Quartiere Frequenze Percentuale Popolazione anziana Tassi per 1000 anziani 1 Centro Storico , ,3 2 Campo di Marte 85 12, ,4 3 Gavinana-Galluzzo 84 12, ,2 4 Isolotto-Legnaia , ,0 5 Rifredi , ,8 Totale , ,3 Nota (*): la popolazione residente è fotografata al settembre 2007 Se rapportiamo gli utenti intervistati alla popolazione residente notiamo che il quartiere con il più alto tasso di assistiti intervistati per anziani residenti risulta essere il Centro Storico cui seguono Isolotto-Legnaia, Rifredi, Gavinana-Galluzzo e per ultimo Campo di Marte, andamento corrispondente alla presenza del servizio sul territorio circoscrizionale. Relativamente alla composizione del nucleo familiare risulta che la maggior parte degli utenti, il 54,0%, vive da sola, il 19,2% con il coniuge/convivente e il 14,0% con i figli (Cfr. Grafico 4). Solo il 6,6% degli intervistati vive con la badante e, tra questi, i tre/quarti provvedono in proprio alla retribuzione della stessa, mentre il restante 25,4% riceve un contributo economico da parte dell Amministrazione Comunale (Cfr. Appendice Tav. 16.a). 8

9 Coniuge/Convi vente 19,2% Grafico 4 _ Con chi vive l anziano Con badante 6,6% Con altri parenti 6,1% Da solo 54,0% Con figlio/i 14,0% Chi ha risposto al questionario e come è venuto a conoscenza del servizio Positivo il fatto che quasi sei assistiti su dieci siano riusciti a gestire in maniera autonoma l intervista, effettuata attraverso la somministrazione di un questionario (Cfr. Grafico 5): infatti il 56,9% degli assistiti ha risposto personalmente al questionario, il 20,7% è stato rappresentato da un familiare e il 17,6% dallo stesso assistito con l aiuto di un familiare. Grafico 5_ Chi ha risposto al questionario L'assistito con Badante altra figura 1,6% 3,2% L'assistito con un familiare 17,6% Un familiare 20,7% L'assistito 56,9% Poco meno della metà degli utenti intervistati è venuto a conoscenza del servizio dall assistente sociale - 46,2% -, il 15,5% da un parente, il 10,4% da amici o vicini di casa, l 8,5% dal medico di famiglia e il 6,2% dal medico dell ospedale. Il fatto che quasi il 50% degli intervistati sia stato informato del servizio dall assistente sociale farebbe pensare che gli stessi fossero, in qualche modo, già utenti del Comune. Da evidenziare che una parte consistente degli utenti è venuta a conoscenza del servizio non dalle campagne informative del comune (6,2%), dove per campagne informative si 9

10 intendono brochure, comunicati stampa e articoli giornalistici, ma tramite canali informali (Figlio/Parente, Amico/Vicino di casa, Parroco, Altro) (29,7%) (Cfr.Tabella 2). E ipotizzabile che i 102 utenti il 14,7% che sono stati indirizzati al servizio dal medico di famiglia o dal medico dell ospedale abbiano qualche problematica sanitaria oltre a quella sociale. Tabella 2_ Da chi si è venuti a conoscenza dell'esistenza del servizio Frequenza Percentuale Campagna informativa del comune 43 6,2 Figlio/parente ,5 Amico/vicino di casa 72 10,4 Medico di famiglia 59 8,5 Medico dell'ospedale 43 6,2 Assistente sociale ,2 Associazioni di volontariato 15 2,2 Parroco 2 0,3 Altro 24 3,5 Non sa 7 1,0 Totale ,0 Analizzando le risposte rilasciate dagli intervistati suddivise per circoscrizione di residenza emerge che: il principale canale di informazione resta l assistente sociale che tocca più della metà degli intervistati del quartiere 3 di Gavinana-Galluzzo e riporta il valore più basso tra gli intervistati del quartiere 5 di Rifredi (41,9%) la conoscenza del servizio tramite mezzi di comunicazione quali conferenze stampe, brochure, depliant, etc, ha raggiunto il 15,4% degli anziani contattati nel quartiere di Isolotto- Legnaia (che rappresentano il 48,8% di tutti coloro che lo hanno indicata come il canale attraverso il quale sono venuti a conoscenza del servizio). i medici di famiglia sembrano comportarsi in maniera uniforme, mentre il medico dell ospedale risulta inviare al servizio maggiormente le persone dei quartieri 1 Centro Storico e 2 Campo di Marte l invio da parte delle associazioni di volontariato è molto importante nel quartiere 5 Rifredi, mentre è quasi nullo nel quartiere 3 - Gavinana-Galluzzo. (Cfr. Grafico 6 ). 10

11 Grafico 6 _ Da chi si è venuti a conoscenza dell'esistenza del servizio per quartiere di assistenza Altro 5,1 3,5 3,6 2,9 2,4 Associazioni di volontariato 1,1 2,4 0,0 1,5 4,3 Assistente sociale 48,0 48,2 51,2 46,3 41,9 Medico dell'ospedale 9,6 8,2 4,8 3,7 4,8 Medico di famiglia 7,9 7,1 10,7 8,1 9,0 Amico vicino di casa 9,0 9,4 13,1 7,4 12,9 Figio/parente 14,7 15,3 14,3 14,0 17,6 Campagna informativa del comune 2,3 5,9 2,4 15,4 5,2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% q1 - Centro Storico q2 - Campo di Marte q3 - Gavinana Galluzzo q4- Isolotto Legnaia q5 - Rifredi * sono state eliminate le modalità con frequenza inferiore a 10 In caso di bisogno improvviso a chi possono rivolgersi Un elemento di interesse è quello relativo alla rete parentale e amicale a cui gli intervistati possono fare riferimento nel caso di un bisogno improvviso nella gestione delle attività quotidiane. A tale proposito, sei intervistati su dieci hanno dichiarato che il loro riferimento principale è costituito dai figli o comunque da un parente e, in alternativa, da un vicino di casa (9,7%); una percentuale, pari al 7,7%, ha indicato l assistente sociale che costituisce un punto di riferimento anche come seconda opportunità (4,0%) (Cfr. Tabella 3). Tabella 3_ In caso di bisogno improvviso nella gestione delle attività quotidiane a chi si rivolge? Percentuale 1 Risp Percentuale 2 Risp Figlio/Parente 59,5 0,6 Amico 5,5 2,4 Vicino di casa 9,7 5,5 Assistente sociale 7,7 4,0 Volontari 2,6 3,0 Altro 12,0 6,7 Non sa 2,0 8,3 Non risponde 1,0 69,4 Totale 100,0 100,0 11

12 Per genere, in caso di bisogno sono più i maschi, rispetto alle femmine, a rivolgersi ai figli o parenti (+3,4%), contrariamente sono le femmine a rivolgersi più dei maschi ai vicini di casa e all assistente sociale (+2,6% e +4,1%) (Cfr. tavola c2 in appendice). Per età, da sottolineare che sono gli appartenenti alla classe i più inclini a rivolgersi ai vicini di casa (14,6%) e sono sempre loro quelli meno portati a rivolgersi ai figli e/o parenti (46,0%) (Cfr. tavola c3 in appendice). Frequenza e valutazione del servizio Sono stati analizzati la frequenza con cui i rispondenti usufruiscono del servizio, il loro livello di soddisfazione nei riguardi degli operatori che li aiutano nelle attività e le eventuali altre attività in cui vorrebbero essere aiutati. Quante volte a settimana e quante volte al giorno Per quanto attiene la frequenza settimanale con cui il servizio viene erogato osserviamo che più della metà ne usufruiscono fra una e due volte a settimana e il 27% circa riceve tale servizio per cinque o più volte la settimana (Cfr.Grafico 7). Grafico 7_Fruizione settimanale del servizio e Servizi utilizzati dagli assistiti 5 e + volte a settimana 27% 1 volta a settimana 28% 3-4 volte a settimana 19% 2 volte a settimana 26% Il 53,8% degli intervistati riceve il servizio di assistenza domiciliare tra 1 e 2 volte a settimana e di questi la quasi totalità, nell arco del giorno in cui riceve il servizio, viene visitato dagli operatori una sola volta. Tra coloro che invece ricevono il servizio 5 o più volte la settimana (27% del totale degli intervistati) per il 76% dei casi il servizio viene erogato una sola volta al giorno, il 19,7% lo riceve due volte al giorno e il 4,3% ne usufruisce per ben tre volte (Cfr. Grafico 8). 12

13 Grafico 8_Fruizione settimanale del servizio per quante volte al giorno volta al giorno 2 volte al giorno 3 volte al giorno volta a settimana 2 volte a settimana 3-4 volte a settimana 5 e più volte a settimana Qualunque sia il numero delle volte che l utente riceve l assistenza a domicilio durante la settimana, il 92,2% degli assistiti dichiara di usufruirne una volta al giorno e per una-due ore (94,3% sul totale) (Cfr. appendice Tabelle 5 e 6) In media gli utenti usufruiscono del servizio 3 volte nell arco di 7 giorni; al giorno ricevono il servizio mediamente una volta e la media oraria del servizio è 1,6 ore. La qualità del servizio Rispetto alla qualità del servizio riscontriamo una valutazione positiva da parte di oltre il 60% degli intervistati (20% valutazione ottima e 45% buona), una valutazione non positiva (valutazione insufficiente o pessima) è data, invece, da poco più di un intervistato su dieci 12% (Cfr. Grafico 9). Considerando insieme chi ha risposto che il servizio è ottimo, buono e discreto la percentuale sale a 88. Volendo verificare se la composizione del nucleo familiare degli anziani intervistati avesse un influenza positiva o negativa sulla percezione della qualità del servizio, possiamo affermare che qualunque sia la natura della famiglia del rispondente, la categoria modale esprimente la percezione della qualità si assesta su Positiva (Cfr. Grafico 10). 13

14 Grafico 9_Percezione della qualità del servizio Insufficiente 10% Pessima 2% Ottima 20% Discreta 23% Buona 45% I più favorevoli nel giudizio sono coloro che vivono con il coniuge/convivente: il 71% di coloro che vivono con il partner ha giudicato positivamente ottimo e buono - il servizio. Se consideriamo unitamente coloro che hanno risposto che il servizio è sia positivo che discreto troveremo che sono sempre coloro che vivono con il coniuge/convivente i più favorevoli, seguiti da coloro che vivono da soli e da quelli che vivono con i figli. I più critici risultano essere coloro che vivono con altri parenti o con la badante: 16,7% dei primi e il 15,2% dei secondi hanno dichiarato di trovare negativo il servizio. Grafico 10 Percezione della qualità del servizio in relazione a con chi vive l assistito 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 11,8 13,4 16, ,2 25,1 26,8 16,7 16,5 23,9 62,6 59,8 66,7 71,4 58,7 Da solo Con figlio/i Con altri parenti Coniuge/Convivente Con badante Negativa Discreta Positiva I risultati dell incrocio della domanda sulla valutazione della qualità del servizio con i quartieri di residenza confermano quanto detto sopra: la visione che gli utenti hanno del servizio è positiva in quanto a prescindere dal quartiere di residenza la categoria modale, cioè quella con la più alta frequenza di risposte, è Positiva. I più soddisfatti sono i residenti nel quartiere 3 Gavinana 14

15 Galluzzo con il 76,2% che hanno reputano positivo il servizio e dove più di un terzo degli anziani intervistati considerano il servizio ottimamente. I meno soddisfatti sono quelli del quartiere 4 di Isolotto-Legnaia e del quartiere 1 Centro Storico che per il 14,7% percepiscono negativamente il servizio. Grafico 11 Percezione della qualità del servizio in relazione al quartiere di residenza 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 14,7 10, ,7 q1 Centro Storico positiva discreta negativa 17,6 70,6 q2 Campo di Marte 4, ,2 q3 Gavinana- Galluzzo 14,7 13,4 25,7 26,2 58,8 60,4 q4 Isolotto Legnaia q5 Rifredi 15

16 Le attività più utilizzate e loro valutazione In tema di fruizione vediamo che le attività più utilizzate dagli assistiti sono, nell ordine, la cura della casa (62,6%), il bagno assistito (41,2%), l igiene personale (35,5%), l aiuto nel fare la spesa (34,5%) la vestizione (24,3%), l accompagnamento (19,5%), le commissioni varie (19,4%), l alzata e posizionamento (18,1%) e il bucato (14,2%). Tra le meno utilizzate abbiamo la preparazione e la somministrazione dei pasti (10,1% e 3,3% rispettivamente) (Cfr. Grafico 12). Grafico 12_ Servizi utilizzati dagli assistiti Somministrazione pasti Preparazione pasti 3,3 10,1 Bucato 14,2 Alzata e posizionamento 18,1 Commissioni varie 19,4 Accompagnamento 19,5 Vestizione 24,3 Fare la spesa Igiene personale Bagno assistito Cura della casa 34,5 35,5 41,2 62,6 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 Per quanto attiene il livello di soddisfazione espresso risulta, in generale, positivamente connotato. Fra le prime quattro attività più utilizzate i risultati più positivi sono relativi all attività del bagno assistito, di cui ne usufruiscono quattro utenti su dieci: tra questi infatti poco più della metà (51,9%) hanno dichiarato di essere molto soddisfatti. La soddisfazione espressa in merito all attività di cura della casa, in assoluto la più utilizzata (sei utenti su dieci ne usufruiscono), riporta la percentuale più bassa di massima soddisfazione (33,7%), il 48,0% degli utenti intervistati si dichiara abbastanza soddisfatto, il 18,2% poco e per nulla soddisfatto. La vestizione è l attività che fa da ponte, da un punto di vista quantitativo, fra le prime quattro e le altre. Vediamo che tre utenti su quattro non ne fanno uso, mentre del 24,3% di coloro che la utilizzano il 48,2% si dichiara prevalentemente abbastanza soddisfatto. E sempre alla luce degli aspetti quantitativi vanno letti i risultati delle altre attività, per le quali può valere la seguente considerazione: la percentuale di fruitori effettivi dell attività di accompagnamento (19,5%), commissioni varie (19,4%), alzata e posizionamento (18,1%), bucato (14,2%), preparazione e somministrazione dei pasti (10,1% e 3,3%) è al di sotto del 20% sul totale del campione. Tra queste, i 16

17 livelli massimi di soddisfazione si registrano nell attività relativa alle commissioni varie (51,5%) e all accompagnamento (51,9%) mentre le restanti si attestano sulla modalità abbastanza soddisfatto. In tabella la modalità insoddisfatti contiene la somma delle modalità originarie poco e per nulla soddisfatto (Cfr. Grafico 13) Grafico 13_ Livello di soddisfazione dei servizi utilizzati Molto soddisfatto Abbastanza soddisfatto Insoddisfatto Somministrazione pasti 39,1 43,5 17,4 Preparazione pasti 38,6 52,9 8,6 Bucato 39,8 50,0 10,2 Alzata e posizionamento 46,4 48,0 5,6 Commissioni varie 51,5 43,3 5,2 Accompagnamento 51,9 43,0 5,2 Vestizione 44,6 48,2 6,5 Fare la spesa 41,8 50,2 7,9 Igiene personale 47,6 45,1 6,9 Bagno assistito 51,9 40,4 7,4 Cura della casa 33,7 48,0 18,2 0% 20% 40% 60% 80% 100% 17

18 In quali altre attività vorrebbero ulteriore aiuto Il dato che più risalta è rappresentato dal 51,0 % degli intervistati che dichiarano di non volere altri aiuti rispetto a quelli che già hanno. Tra quanti invece vorrebbero ulteriori aiuti anche in questo caso le attività più gettonate risultano la cura della casa (10,7%) e l accompagnamento (10,5%). Da registrare, inoltre, che il 16,5% degli intervistati si è posizionato sulla modalità altro (Cfr.Tabella 4). Tabella 4_Servizi ulteriori di cui l assistito vorrebbe usufruire Frequenza Percentuale Vestizione 17 2,5 Igiene personale 17 2,5 Bagno assistito 21 3,0 Alzata e posizionamento 13 1,9 Cura della casa 74 10,7 Preparazione dei pasti 25 3,6 Aiuto nella somministrazione dei pasti 7 1,0 Bucato 22 3,2 Accompagnamento 73 10,5 Fare la spesa 34 4,9 Commissioni varie 46 6,6 Nessun'altra ,0 Altro ,5 non risponde 35 5,1 Esaminando nel dettaglio le risposte contenute in questa modalità vediamo che l uscita per passeggiate (32,5%), ulteriori aiuti per la casa (23,7%) e un aumento delle ore di assistenza (19,3%) sono le richieste maggiori. Da segnalare anche la necessità di compagnia per l 8,8% dei rispondenti (Cfr. Tavola B8bis in appendice). Gli operatori L osservazione del turn over degli operatori del servizio di assistenza domiciliare, ha evidenziato come nell ultimo mese, il 56,6% degli intervistati non abbia subito alcun cambio di operatori oppure se ne siano loro avvicendati da uno a due (turn over Nullo e Limitato ) mentre nel 43,4% dei casi c è stato un avvicendarsi di addetti al servizio di tre o più operatori (turn over Elevato e Alto ) (Cfr. Grafico 14). Se a prima vista questi dati sembrerebbero evidenziare un ricambio di operatori piuttosto frequente, mettendo in relazione il numero di cambi operatori nell arco di un mese ed il numero d interventi giornalieri è risultato che al crescere del fattore turn-over cresca anche l entità del servizio, facendo 18

19 emergere che non c è dispersione di forza lavoro. Mediamente si verifica che fino ad un massimo di 2 cambi operatori al mese il numero medio di interventi giornalieri non cambia significativamente. Grafico 14 Turn over operatori nell ultimo mese Elevato 13,4% Nullo 21,5% Alto 29,9% Limitato 35,1% E stato notato invece che il numero medio di interventi incrementa significativamente passando da un turn-over Limitato ad Alto e questo incremento è stimabile in circa 4 interventi in più al giorno. Se da un turn-over Limitato si passa ad uno Elevato il numero medio di interventi incrementa di circa 10 servizi giornalieri. (Cfr. Analisi della varianza, comparazioni multiple, metodo di Tukey). Chiedendo agli intervistati il proprio livello di accordo su affermazioni relative ad alcune caratteristiche degli operatori si è voluto conoscere la valutazione che gli utenti hanno su di loro. Rilevando il grado di importanza attribuita dagli utenti alle stesse affermazioni riguardanti le caratteristiche degli operatori contenute nella domanda precedente, si è messo in evidenza ciò che questi reputano fondamentale per il buon svolgimento dell assistenza loro prestata (Cfr. Grafici 15 e 16). Se esistono delle discrepanze tra il come percepiscono le caratteristiche degli operatori ed il grado d importanza dichiarata è lì che probabilmente bisogna operare delle modifiche al servizio. Cortesia e disponibilità degli operatori nonché la capacità degli stessi di instaurare una buona comunicazione con gli utenti sono gli aspetti che hanno ricevuto la valutazione più alta e sono anche quelli a cui i rispondenti hanno attribuito un importanza maggiore; anche la preparazione e puntualità degli operatori è soddisfacente. Un po più di attenzione va posta sulla comunicazione in anticipo dei cambi degli operatori, sull essere sempre gli stessi operatori e sulla loro flessibilità. 19

20 Grafico 15_ Valutazione sulle caratteristiche degli operatori Cambi operatori comunicati in anticipo 27,5 31,6 25,0 14,7 Operatori quasi sempre stessi 29,0 41,3 20,5 8,7 Flessibilità operatori 30,2 40,3 21,2 6,6 Preparazione professionale operatori 38,6 47,8 10,8 1,9 Operatori puntuali 49,4 35,7 11,7 2,9 Operatori cortesi e disponibili 58,4 37,0 3,8 0,6 Buona comunicazione con operatori 59,1 34,5 5,2 0,9 0% 20% 40% 60% 80% 100% Molto Abbastanza Poco Per nulla Grafico 16_ Importanza attribuita alle caratteristiche degli operatori Cambi operatori comunicati in anticipo 45,1 42,2 8,7 2,7 Operatori quasi sempre stessi 42,2 49,6 7,1 Flessibilità operatori 46,2 41,6 10,8 Preparazione professionale operatori 61,7 33,8 3,8 Operatori puntuali 68,6 24,3 4,6 1,7 Operatori cortesi e disponibili 75,6 23,4 Buona comunicazione con operatori 70,8 27,3 0% 20% 40% 60% 80% 100% Molto Abbastanza Poco Per nulla La comparazione delle due domande valutazione e importanza permette inoltre di evidenziare alcuni gap, il primo dei quali, anche se lieve, relativo al turnover degli operatori. A tale proposito, circa quattro intervistati su dieci attribuiscono la massima importanza al fatto che gli operatori siano sempre gli stessi mentre solo il 29,0% giudica molto positivamente l aspetto turnover. Dopo gli aspetti relazionali seguono in ordine di importanza attribuita gli aspetti di carattere funzionale quali la professionalità (61,7%) che in sede di valutazione però si collocano prevalentemente sulla modalità abbastanza (47,8%). Sembrerebbe dunque esserci un lieve gap tra le aspettative sul livello di professionalità e la percezione che gli utenti hanno della stessa. 20

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza COMUE DI MOTECCHIO EMILIA PROVICIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza Piazza della Repubblica, 1 Tel. 0522.861811 Fax 0522.864709 www.comune.montecchio-emilia.re.it IDAGIE SUL BEESSERE

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli