P.O. Rho Passirana U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O. Rho Passirana U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale"

Transcript

1 P.O. Rho Passirana U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale dedicato alle donne 1

2 A cura di: Carmen Bonetto (Responsabile del progetto) Fulvia Basilico Cinzia Belingheri Bruno Bescapè Maria Enrica Borsani Annamaria Bosetti Cinzia Capelli Raffaella Carpanese Paolo Martinez Daniela Realdon 2

3 INDICE INTRODUZIONE... 4 LE TECNICHE DI INTERVENTO CHIRURGICO... 5 GLI ESPANSORI... 5 Il POST INTERVENTO... 6 RITORNO ALLA VITA QUOTIDIANA... 7 CONSIGLI PRATICI... 8 PROTESI MAMMARIE ESTERNE ESERCIZI PER UN RAPIDO RITORNO ALL EQUILIBRIO MOTORIO 12 ESERCIZI OPERATORI SANITARI DI RIFERIMENTO APPUNTI PERSONALI

4 INTRODUZIONE Con questo opuscolo ci rivolgiamo alle donne che hanno subito un intervento chirurgico per diagnosi di tumore al seno e che stanno affrontando un percorso terapeutico verso la guarigione. Vogliamo fornire una guida per vivere con serenità e consapevolezza questo particolare momento della vita, dando un aiuto informativo e pratico su cosa conoscere e come gestire il ritorno alla vita quotidiana. Il ruolo attivo e consapevole della donna migliora infatti, in modo ormai unanimemente riconosciuto, le potenzialità del processo di guarigione. Partecipare ad un attività riabilitativa ha un effetto positivo anche sul piano psicologico ed emozionale: poter parlare di ciò che si sta vivendo aiuta a superare meglio i problemi di questo periodo. Ed è per questo che la presenza del Fisioterapista e dello Psicologo, ove opportuno o richiesto, è un punto di riferimento per tutte le informazioni e le risposte alle domande e ai dubbi che naturalmente sorgono. 4

5 LE TECNICHE DI INTERVENTO CHIRURGICO Vediamo innanzitutto quali sono le tecniche di intervento chirurgico oggi più utilizzate: - La MASTECTOMIA RADICALE, che consiste nella asportazione dell intera ghiandola mammaria. - La QUADRANTECTOMIA, che consiste in un intervento più limitato in cui viene asportata solo una parte di ghiandola mammaria (un quadrante) in cui ha sede il nodulo. Nell intervento di mastectomia radicale e nella quadrantectomia, nel caso in cui risulti positivo il riscontro diagnostico sul LINFONODO SENTINELLA, viene effettuato lo svuotamento ascellare (LINFADENECTOMIA) che consiste nell asportazione dei tre livelli dei linfonodi situati nel cavo ascellare. GLI ESPANSORI In concomitanza con l intervento di mastectomia vi può essere l indicazione all impianto di espansore cutaneo (espander) o di espansore protesico permanente. L espansore cutaneo è costituito da un involucro inserito al di sotto del piano muscolare e riempito ad intervalli di 7/15 giorni, con soluzione fisiologica dall esterno attraverso una valvola sottocutanea. L espander viene poi sostituito da una protesi in silicone con un secondo intervento dopo aver ottenuto una buona espansione della cute. L espansore permanente invece viene inserito durante l intervento e non sostituito. 5

6 Il POST INTERVENTO In tutti i casi, per permettere la fuoruscita del siero che si forma nella zona operata,viene posizionato un drenaggio che viene rimosso dopo qualche giorno. La presenza del tubo di drenaggio, associata alla trazione esercitata dai punti di sutura e dalla medicazione può favorire un immobilità temporanea della spalla e del braccio interessati. Anche la respirazione tende ad essere influenzata dalla rigidità del torace, con la conseguenza di una sensazione di respiro corto e affanno. Nel decorso post-operatorio raramente si possono manifestare delle complicanze,tuttavia nei giorni immediatamente seguenti l intervento a volte compaiono sensazioni soggettive di pesantezza del braccio,senso di stiramento, costrizione e dolore riferito alla ferita, all ascella e talvolta al torace. Può comparire anche dolore alla spalla o alla scapola o si può avere l impressione come di un cuscinetto o di un cartone sotto l ascella. Talora si percepiscono formicolii, diminuzione della sensibilità e dolore a fitte a livello del braccio e dell avambraccio. E indispensabile per la paziente sapere che si tratta di sensazioni legate alla prima fase post-operatoria,che variano da persona a persona e che tendono comunque a scomparire gradualmente nel tempo. Nonostante la presenza di questa sintomatologia, la normale motilità del braccio, del collo e del torace della parte operata deve essere mantenuta fin dal primo giorno, compiendo senza apprensione tutte le attività di igiene e cura quotidiana nel rispetto della propria soglia del dolore ed evitando eccessivi e bruschi stiramenti. 6

7 RITORNO ALLA VITA QUOTIDIANA Progressivamente, nelle settimane successive, si incrementeranno sia l attività motoria relativa al braccio sia quella generale, allo scopo di raggiungere la forma fisica e psicologica necessaria ad affrontare con energia e serenità il ritorno alla propria vita familiare, lavorativa e sociale. La ripresa dell attività motoria è fondamentale per evitare limitazioni alle articolazioni, contratture muscolari a livello della spalla e del collo e per facilitare la circolazione linfatica, prevenendo quindi il rischio di linfedema ( gonfiore ) dell arto superiore. Il linfedema del braccio è dovuto all asportazione dei linfonodi del cavo ascellare che hanno il compito di filtrare la linfa del braccio, del torace e della mammella. Sebbene dopo l asportazione la linfa trovi di solito vie secondarie attraverso cui fluire, vi può essere una tendenza al ristagno nei tessuti dell arto superiore, con la comparsa di gonfiore a livello di gomito, mano o avambraccio o nella sua interezza. 7

8 CONSIGLI PRATICI Per prevenire il linfedema del braccio e salvaguardarne la funzionalità è importante mettere in pratica queste semplici regole: evitare attività faticose e movimenti ripetitivi del braccio interessato eseguiti con sforzo non portare pesi eccessivi per lungo tempo ed evitare di portare manici e tracolle di borse sul braccio e sulla spalla durante i lavori di cucina, giardinaggio e pulizia domestica con detergenti o sostanze irritanti indossare guanti protettivi. In caso di tagli, spinate di fiori o ortaggi,graffi, punture d insetto e di ago sul braccio disinfettarsi accuratamente l esposizione al sole deve essere graduale evitando le ore di maggior calura e proteggendo la cute del braccio con una crema ad alta protezione 8

9 non esporre il braccio a shock termici: calore troppo elevato (ferro da stiro, asciuga-capelli, forno) e freddo troppo intenso (gelo, freezer) evitare bagni o docce con acqua molto calda ed usare cautela con saune e bagni turchi per la depilazione del braccio e dell ascella in genere il rasoio elettrico è più consigliabile rispetto a cerette e creme depilatorie evitare l uso di bracciali, anelli e polsini stretti, nonché di indossare indumenti sintetici che tendono ad aumentare la temperatura cutanea del braccio indossare reggiseni con spalline larghe, che non taglino la spalla evitare di praticare iniezioni, prelievi, fleboclisi, misurazioni della pressione arteriosa sul braccio dal lato dell intervento controllare il proprio peso, poiché il grasso si deposita maggiormente nel braccio che ha un deficit circolatorio; inoltre l eccessivo aumento di peso rende più impacciati i movimenti e sottopone a stress osteo-articolare la colonna vertebrale, il bacino e gli arti inferiori; è bene quindi ridurre l assunzione di cibi contenenti grassi animali, di insaccati,di spezie, di zuccheri e di sale, di alcolici e di cibi conservati artificialmente, mentre è raccomandabile una dieta ricca di vitamine e fibre. Se nonostante tutte le precauzioni adottate, si verificasse un arrossamento o un aumento di volume del braccio, anche se di lieve entità, è necessario rivolgersi al Medico Fisiatra presso un Centro di Riabilitazione per la terapia più idonea. Per il trattamento del linfedema sono possibili diverse strategie: 9

10 riposo con il braccio sollevato e appoggiato su cuscini con la mano all altezza della spalla esercizi per favorire il ritorno linfatico-venoso indicati dal Fisioterapista ciclo di linfodrenaggio manuale con bendaggio multistrato eseguito dal Massofisioterapista. Nel trattamento con il metodo LEDUC viene effettuato il linfodrenaggio manuale e successivamente viene applicato un bendaggio multistrato che non limita completamente i movimenti. Con il bendaggio è importantissimo che col braccio vengano eseguiti sia i normali movimenti quotidiani sia quelli insegnati dal massofisioterapista che consiglierà inoltre l utilizzo di creme specifiche per la prevenzione di eventuali arrossamenti della cute alla fine del ciclo di linfodrenaggio si consiglia vivamente di contenere il braccio stesso con un ausilio elastico acquistabile in un negozio di articoli sanitari (guaina elastica) avente una pressione tra i 30 e i 40 millimetri di Mercurio (mm Hg). L uso quotidiano di tale guaina è utile a contrastare la tendenza al gonfiore. ciclo di presso-terapia con apparecchio pneumatico eventuale terapia farmacologica prescritta dal Medico Curante o da altro Medico specialista. L edema del braccio può presentarsi sia nell immediato postoperatorio che a distanza di anni. In ogni caso è importante che il trattamento sia tempestivo per garantirne l efficacia. Anche la cicatrice chirurgica, una volta stabilizzata, se necessario dovrà essere trattata con pomate specifiche per evitare aderenze e rigidità sottocutanee. 10

11 PROTESI MAMMARIE ESTERNE Nel caso di mastectomia radicale o di vasta quadrantectomia, ed in assenza di protesi interna, è importante indossare una protesi esterna, sia per bilanciare il peso della mammella controlaterale che naturalmente per la propria immagine estetica. La protesi mammaria esterna in silicone viene indossata nel reggiseno o nel costume da bagno. Essa può essere scelta ed acquistata presso un negozio di ortopedia o articoli sanitari e, seguendo le opportune pratiche, ottenuta gratuitamente dal SSN dietro prescrizione del medico specialista (oncologo o chirurgo). Sono in commercio protesi in altri materiali più leggeri, di cui però va valutata la reale efficacia nella correzione dell asimmetria del tronco. 11

12 ESERCIZI PER UN RAPIDO RITORNO ALL EQUILIBRIO MOTORIO Il primo fondamentale esercizio è quello di ripristinare una corretta respirazione fin dall immediato post-operatorio. E necessario ampliare progressivamente e lentamente gli atti respiratori in modo tale da vincere la rigidità toracica che tenderebbe a subentrare per il dolore, per la costrizione di ferita e drenaggio e per la tensione muscolare ed emotiva. E soprattutto l emitorace dalla parte operata a subire questo meccanismo: si eseguiranno allora delle lunghe ed ampie inspirazioni e delle lente e complete espirazioni concentrandosi ad aprire e chiudere al massimo la gabbia toracica. Questo permetterà di ritrovare al più presto la simmetria e la mobilità della schiena con immediati vantaggi per la colonna vertebrale e per le spalle. E da considerare, infine, l importanza di una corretta respirazione come aiuto al rilassamento corporeo e mentale e come mezzo fondamentale per il recupero dell energia psico-fisica. Anche il ripristino di una postura armonica ed equilibrata costituisce un valido aiuto per prevenire dolori articolari e contratture muscolari, nonché il punto di partenza per ritrovare una buona immagine di sé ed affrontare con fiducia ogni impegno. 12

13 ESERCIZI n 1 In qualsiasi momento o posizione, aprire e chiudere le mani ripetutamente, tenendo le braccia lungo i fianchi e i gomiti estesi n 2 In posizione seduta, braccia rilassate lungo i fianchi, ruotare le spalle dall avanti, in alto e all indietro prima in un senso poi viceversa. 13

14 n 3 In posizione seduta, braccia rilassate lungo i fianchi, piegare lentamente il collo da un lato e poi dall altro, immaginando di avvicinare l orecchio alla spalla. 14

15 n 4 In posizione seduta, intrecciare le dita sul davanti, portare le mani sopra la testa tenendo i gomiti estesi e cercare di far scivolare le mani dietro la nuca. 15

16 n 5 In piedi, intrecciare le dita dietro la schiena e stendere le braccia all indietro lentamente. n 6 In piedi di fronte ad una parete con il corpo a pochi centimetri da essa, appoggiarvi le mani all altezza delle spalle e far camminare le dita verso l alto estendendo le braccia. Ritornare lentamente all altezza delle spalle. 16

17 n 7 In posizione seduta o in piedi, portare le mani alle spalle piegando i gomiti e far ruotare le braccia con ampi e lenti movimenti circolari, prima in un senso poi nell altro. n 8 In posizione seduta o in piedi, aprire in fuori le braccia e disegnare nell aria piccoli cerchi, prima in un senso poi nell altro. 17

18 n 9 In piedi, aprire in fuori le braccia e portarle in alto, chiudendo i palmi delle mani sopra il capo e ritornare lentamente. n 10 In posizione seduta o in piedi, aprire in fuori le braccia e con il palmo delle mani rivolto in fuori; immaginare di spingere in fuori come per allontanare da se 2 pareti. 18

19 n 11 In piedi, alzare un braccio flettendolo sopra la testa e inclinare il tronco dall altro lato. Ripetere prima da una parte e poi dall altra. N.B. In presenza di impianto di espansione gli esercizi di recupero vanno modulati sulla tensione prodotta dallo stiramento dell espansore stesso. Come negli altri casi, il programma riabilitativo verrà stilato dal Fisioterapista. 19

20 PROGRESSIONE, TIPOLOGIA E TEMPI DEGLI ESERCIZI Ogni paziente seguirà uno schema di mobilizzazione personalizzato, dal momento che sono molteplici i fattori di variabilità, sia per tipo di intervento che per caratteristiche fisiche individuali. Quando cominciare gli esercizi? Quali esercizi e quante ripetizioni per ognuno? Quante volte al giorno?.. Fino a quando continuare? Quando e dove prenotare la prima Visita Fisiatrica? 20

21 OPERATORI SANITARI DI RIFERIMENTO FISIOTERAPISTA tel FISIATRA tel MASSOFISIOTERAPISTA tel OSPEDALE DI PASSIRANA tel (per prenotazioni) SERVIZIO DI PSICOLOGIA tel SITI WEB impaginazione grafica a cura del marketing e comunicazione 21

22 APPUNTI PERSONALI 22

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO Femme à l ombrelle di C. Monet Opuscolo a cura di: Ft. Laura Airoldi Ft. Antonella Manna Fisioterapia U.O. Riabilitazione Specialistica

Dettagli

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia In questo opuscolo sono riportati alcuni semplici esercizi che devono essere ripetuti quotidianamente sino al recupero totale della funzionalità

Dettagli

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Il Servizio di Riabilitazione Oncologica segue la paziente nel momento dell intervento e successivamente, durante le fasi di cura e di follow-up. A

Dettagli

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili 2 Ad oggi il carcinoma alla mammella è il tumore più frequente nelle donne. Il trattamento si avvale di varie strategie, chirurgiche e mediche e

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Gli esercizi descritti in questo opuscolo sono consigliati ai pazienti affetti da patologie delle spalle (periartriti, esiti di intervento, esiti

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

Servizio di Fisioterapia

Servizio di Fisioterapia Servizio di Fisioterapia Esercizi di riabilitazione motoria dopo interventi chirurgici al seno A cura del Servizio di Fisioterapia Una Guida per i pazienti Our Booklets Istituto Europeo di Oncologia Via

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

LA RIABILITAZIONE PER LE DONNE OPERATE AL SENO

LA RIABILITAZIONE PER LE DONNE OPERATE AL SENO Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico LA RIABILITAZIONE PER LE DONNE OPERATE AL SENO Guida per le pazienti Subito dopo l intervento è importante

Dettagli

IL LINFEDEMA CONSIGLI PRATICI

IL LINFEDEMA CONSIGLI PRATICI IL LINFEDEMA CONSIGLI PRATICI 1 I N D I C E pag. 1. Precauzioni nella vita di tutti i giorni 5 2. Sovrappeso.... 7 3. Lavoro... 7 4. Dal medico.... 8 5. Massaggi... 8 6. Sport... 9 7. Vacanze..... 9 8.

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Il ritorno a casa. Come contattarci. Indirizzi utili. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana

Il ritorno a casa. Come contattarci. Indirizzi utili. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana Come contattarci Centro di Senologia della Svizzera Italiana Tel. +41 (0)91 811 65 00 senologia@eoc.ch www.eoc.ch Reparto di Ginecologia - Ospedale San Giovanni, Bellinzona Tel. +41 (0)91 811 90 76 Reparto

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Ritorno a casa informazioni, raccomandazioni e consigli per la prevenzione del linfedema 1 dopo mastectomia

Ritorno a casa informazioni, raccomandazioni e consigli per la prevenzione del linfedema 1 dopo mastectomia REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Servizio Qualità, Formazione e Rischio clinico Direttore Dott. G. Salis Servizio di Riabiltazione Territoriale Direttore Dott.ssa A. Pirari Ritorno a casa informazioni,

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ

PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ Sono definite Sindromi algiche da ipomobilità le condizioni di artrosi con disturbo algofunzionale e di altre artropatie non specificate

Dettagli

Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca

Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca Si consiglia di

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE SINDROME DI SJӦGREN La riabilitazione nella sindrome di Sjӧgren svolge un ruolo fondamentale. Essa agisce direttamente sui distretti interessati dalla malattia e parallelamente sui danni secondari, risposte

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno

Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi.

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi. Gravidanza: maneggiare con cura Molte amiche e colleghe abituate a fare attività fisica e con un idea piuttosto abituale della loro forma fisica, mi chiedono come io abbia affrontato le mie gravidanze

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS www.inrca.it U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace @ I.N.R.C.A. 2008 www.giobbe.net e-mail: info@giobbe.net I brillanti

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

La nostra guida consigli pratici e suggerimenti per la riabilitazione dopo l intervento

La nostra guida consigli pratici e suggerimenti per la riabilitazione dopo l intervento A.N.D.O.S. Onlus La nostra guida consigli pratici e suggerimenti per la riabilitazione dopo l intervento Prima parte: Informazioni socio- sanitarie - L intervento e il movimento - Consigli pratici per

Dettagli

Il tumore della mammella

Il tumore della mammella Il tumore della mammella LA RIABILITAZIONE Deborah Ferro 17 gennaio 2014 DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE ULSS7 Direttore Dott.ssa FRANCESCA GATTINONI Emanue la Farina fisioterapist e IL RUOLO DELLA RIABILITAZIONE

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

Centro di Senologia della Svizzera Italiana. Il ritorno a casa. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana

Centro di Senologia della Svizzera Italiana. Il ritorno a casa. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana Centro di Senologia della Svizzera Italiana Il ritorno a casa Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana A cura del personale infermieristico di: Centro di Senologia della

Dettagli

La nostra guida. Consigli pratici e suggerimenti per la riabilitazione dopo l intervento PERCHÉ INSIEME È MEGLIO. Associazione Donne Operate al Seno 1

La nostra guida. Consigli pratici e suggerimenti per la riabilitazione dopo l intervento PERCHÉ INSIEME È MEGLIO. Associazione Donne Operate al Seno 1 La nostra guida Consigli pratici e suggerimenti per la riabilitazione dopo l intervento PERCHÉ INSIEME È MEGLIO Associazione Donne Operate al Seno 1 Consigli pratici per l'arto che ha subito lo svuotamento

Dettagli

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE Per una corretta riabilitazione della caviglia, è molto importante conoscere il grado di distorsione da parte dell ortopedico sapendo che esiste un grado I, II

Dettagli

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA H H UH Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

Posture, mobilizzazioni e ausili

Posture, mobilizzazioni e ausili Corso per Assistenti familiari Posture, mobilizzazioni e ausili Ft Fabio Sandrin Posture Postura supina Decubito laterale Cambio di postura Va fatto almeno ogni 2 ore Nella posizione supina si piegano

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

Riabilitazione per stupor nervo facciale

Riabilitazione per stupor nervo facciale Riabilitazione per stupor nervo facciale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da

Dettagli

EmIskin. PR2-S1056 Tutore di spalla in emiparesi/emiplegia

EmIskin. PR2-S1056 Tutore di spalla in emiparesi/emiplegia EmIskin MEDICALORTHO PR2-S1056 Tutore di spalla in emiparesi/emiplegia LEGGERE ATTENTAMENTE E PER INTERO LE SEGUENTI ISTRUZIONI È un dispositivo medico assolutamente innovativo. Nato dall esperienza di

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno La perdita del seno comporta per la Donna un grave danno psicologico con le conseguenze che nella sua vita di relazione tutto si sconvolge, e spesso

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto

Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Rev 0 del 01.12.09 Reparto di Chirurgia Plastica Primario: Dr. C. Cristofoli Rif. Norma UNI EN

Dettagli

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO ASL 4 CHIAVARESE DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA A cura di: Mirella DEFILIPPI - Sonia CERETTO CASTIGLIANO - Alice

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA La chirurgia plastica

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

d o p o i n t e r v e n t o Medicina Fisica e Riabilitativa

d o p o i n t e r v e n t o Medicina Fisica e Riabilitativa la riabilitazione d o p o i n t e r v e n t o chirurgico al seno 1 INDICE PRESENTAZIONE Trattamento chirurgico... pag. 4 Subito dopo l intevento... pag. 6 L intento di questo opuscolo è quello di fornire

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna POLIAMBULATORIO Per vincere la paura del tumore al seno Pianeta Donna DIAGNOSTICA FISIOTERAPIA RADIOLOGIA Pianeta Donna Iter senologico preventivo-diagnostico, terapeutico e riabilitativo del tumore al

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

Informazioni e consigli utili per il paziente

Informazioni e consigli utili per il paziente ARTROPROTESI DELL ANCA Informazioni e consigli utili per il paziente INDICE La protesi d anca pag. 3 Intervento 5 Recupero post-operatorio 6 Controlli periodici e sintomi 12 Note 13 3 LA PROTESI D'ANCA

Dettagli

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA LA STRATEGIA CHIRURGICA VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA IMAGING MICROISTOLOGIA TUMORE EREDO FAMILIARE CLINICA

Dettagli

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz IL MASSAGGIO www.fisiokinesiterapia.biz STORIA Cina e India 1800 a. C. nei testi riguardanti i Ching e la medicina Ayurvedica Trattati medici egizi e persiani In grecia e poi a Roma, utilizzato in ambito

Dettagli

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua 50 1964 2014 anni Il Centro di Terapia in Acqua di Villa Maria Il Centro di Fisioterapia Riabilitativa in Acqua (idrochinesiterapia) di Villa Maria è

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento di Dissezione Ascellare

Riabilitazione motoria dopo intervento di Dissezione Ascellare Riabilitazione motoria dopo intervento di Dissezione Ascellare Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte,

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

Centro di Senologia della Svizzera Italiana. Il ritorno a casa. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana

Centro di Senologia della Svizzera Italiana. Il ritorno a casa. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana Centro di Senologia della Svizzera Italiana Il ritorno a casa Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana Gentile Signora, dopo l intervento chirurgico al quale si è sottoposta

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale di Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato La metodica di Ilizarov viene utilizzata

Dettagli

Il percorso riabilitativo della donna operata per patologia mammaria

Il percorso riabilitativo della donna operata per patologia mammaria Il percorso riabilitativo della donna operata per patologia mammaria Associazione ADOCM Crisalide via XX Settembre, 16 47900 Rimini Tel. 0541 787077 email: associazionecrisalide@googlemail.com sito: www.tumorealseno.it

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE. Le lombalgie non chirurgiche

I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE. Le lombalgie non chirurgiche I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE Le lombalgie non chirurgiche Relatrici: Fiorenza Paci- Annalisa Zampini 18 marzo 2015 Feltre - ore 18.00 GLI ATTACCHI DI DOLORE LOMBARE SONO RICORRENTI

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO La finalità dell'intervento chirurgico di mastoplastica riduttiva consiste nella diminuzione del volume del seno e il suo conseguente rimodellamento.

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

Patologia Degenerativa della Spalla

Patologia Degenerativa della Spalla U.O.C. di Medicina Riabilitativa Direttore - Dr. Oriano Mercante M.D. Patologia Degenerativa della Spalla a cura di Loriana Polenta Scheda di lavoro domiciliare Si può considerare il meccanismo dell'articolazione

Dettagli

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI FERITE PULIZIA e DISINFEZIONE Lavare la ferita: lavare con acqua corrente per

Dettagli

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO.

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. V I A G G I A I N O R A R I O, F A I L A D I A G N O S I I N T E M P O IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. LOCAL SPONSORS EUROPEAN SPONSORS: CAMPAIGN PARTNER: WITH SUPPORT

Dettagli

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE!

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE! MAL DI SCHIENA.. MAL NO DI GRAZIE! SCHIENA... NO GRAZIE! COME PREVENIRE E CURARE IL MAL DI SCHIENA E I DOLORI CERVICALI COME PREVENIRE E CURARE I DOLORI CERVICALI E IL MAL DI SCHIENA A.S.D. EFESO MION

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli