RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI"

Transcript

1 RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali, presenta forti legami economici e commerciali con i paesi dell Africa settentrionale. Questi paesi, insieme con altri paesi del bacino del Mediterraneo e l Unione Europea, fanno parte dell Accordo di Barcellona, l accordo Euro-mediterraneo, che punta alla creazione di un area di libero scambio. MAROCCO TUNISIA EGITTO ALGERIA LIBIA Prima dello scoppio dei tumulti socio-politici delle ultime settimane, la regione nordafricana stava sperimentando una robusta ripresa macro-economica, sostenuta, per i paesi produttori di petrolio, dall incremento della produzione petrolifera e delle relative quotazioni internazionali, insieme agli effetti delle politiche fiscali espansive in funzione anticiclica, effetti che si sono propagati anche ai paesi non produttori di petrolio. Questi fattori hanno sospinto i tassi di crescita del PIL reale delle 1

2 principali economie dell area, anche se su di esse ha pesato la lenta ripresa della domanda interna nelle economie avanzate, in particolare quelle europee che rappresentano i principali partner commerciali PIL reale dei paesi del Nord Africa (variazioni percentuali annuali) (*) (*) stime Algeria Egitto Libia Marocco Tunisia Fonte: FMI World Economic Outlook ottobre Italia: interscambio per aree geografiche (migliaia di euro) Esportazioni Importazioni Saldi 2010 Var Pesi % % Var % Pesi % Saldi normalizzati % gennov Unione europea Paesi europei non Ue Africa settentrionale Altri paesi africani America settentrionale America centromeridionale ,3 57, ,0 55, ,5-1, ,9 12, ,9 10, ,5 3, ,1 3, ,1 6, ,7-29, ,5 1, ,2 1, ,8-12, ,6 6, ,2 3, ,5 29, ,9 3, ,8 2, ,5 5,5 Medio Oriente ,0 4, ,8 5, ,0-13,0 Asia centrale ,9 1, ,9 2, ,0-15,3 Asia orientale ,4 7, ,7 12, ,8-28,7 Oceania ,4 0, ,1 0, ,6 43,3 Altri territori ,0 0, ,2 0, ,3 57,9 MONDO ,2 100, ,8 100, ,1-3,8 2

3 Nei confronti dei paesi dell Africa settentrionale, nei primi undici mesi del 2010, l Italia ha registrato il secondo deficit più elevato per area geografica, dopo quello manifestato nei confronti dell Asia orientale. Verso l area, nello stesso periodo, si è diretto il 3,9% delle esportazioni, mentre la stessa ha rappresentato il 6,6% delle importazioni totali. Se si considera l intera area del Nord Africa, l Italia è, dopo la Francia, il secondo fornitore tra i paesi dell Unione Europea con una quota pari al 10,1% (dati relativi al periodo gennaio-settembre 2010), seguita dalla Cina con una quota di mercato del 10%, nel periodo considerato, cresciuta esponenzialmente nel corso dell ultimo decennio, dal momento che era pari soltanto al 2,9% nel La quota dell Italia si è invece mantenuta relativamente stabile negli ultimi anni, mentre il posizionamento relativo della Francia si é eroso sensibilmente. Quote di mercato sulle importazioni dell Africa settentrionale (migliaia di dollari variazioni e composizioni percentuali) Importazioni dal mondo Variazioni 7,5 12,4 21,2 17,7 11,4 30,1 47,8-10,5-14,4 13, Unione europea 54,3 58,8 54,4 49,6 48,9 49,0 47,5 48,4 48,0 47,4 Francia 16,3 19,5 16,1 14,9 14,3 13,2 11,8 11,9 11,9 12,1 Italia 11,0 11,9 11,2 10,1 9,9 10,4 10,8 10,2 10,0 10,1 Germania 7,2 6,8 7,3 6,4 6,1 6,7 6,7 7,6 7,4 6,5 Spagna 5,3 6,2 5,7 5,3 5,3 5,3 6,1 6,2 6,2 5,9 Belgio 2,7 3,0 2,7 2,4 2,8 2,7 1,9 1,9 2,0 2,6 Paesi Bassi 1,9 2,1 1,7 1,6 1,7 2,0 1,7 2,0 2,0 2,1 Regno Unito 3,4 3,2 2,8 2,3 2,1 2,2 2,3 2,0 2,0 2,0 Svezia 1,3 1,3 1,4 1,5 1,2 1,2 1,2 1,1 1,1 1,2 Paesi europei non Ue 7,9 8,7 9,6 10,6 9,2 9,1 10,0 9,9 9,8 9,0 Turchia 2,1 2,6 2,7 2,8 2,8 2,9 3,2 4,7 4,8 4,5 Russia 2,5 2,9 3,3 3,8 3,0 3,2 2,7 1,8 1,6 1,4 Ucraina 1,5 1,5 1,7 2,1 1,8 1,6 1,9 1,4 1,3 1,2 Svizzera 1,1 1,2 1,3 1,1 1,0 0,9 1,1 1,0 1,1 1,1 Africa settentrionale 3,5 3,7 3,6 4,1 4,4 4,0 4,3 4,2 4,2 4,1 Egitto 0,5 0,6 0,6 0,6 0,8 0,7 1,0 1,4 1,4 1,3 Altri paesi africani 1,5 1,2 1,1 1,1 0,9 0,9 1,1 0,9 0,9 0,7 America settentrionale 8,5 5,6 6,1 5,9 6,2 7,4 7,3 7,2 7,4 7,4 Stati Uniti 7,1 4,6 5,2 5,1 5,5 6,3 6,1 6,2 6,4 6,6 America centromeridionale 3,8 3,8 5,0 4,9 4,4 4,5 4,8 3,6 3,6 4,0 Brasile 1,7 1,6 2,2 2,4 2,4 2,1 2,1 1,9 1,9 2,4 Medio Oriente 4,8 3,7 4,5 6,6 7,6 6,9 6,8 5,5 5,4 5,8 Arabia Saudita 2,2 2,0 2,4 3,1 3,6 3,6 3,3 2,5 2,5 2,6 Asia centrale 1,5 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 2,1 3,1 3,1 2,9 India 1,2 0,9 1,1 1,2 1,3 1,3 1,8 1,8 1,7 1,6 Asia orientale 9,6 9,1 10,8 11,3 12,4 12,0 15,1 16,2 16,5 17,5 Cina 2,9 3,7 4,1 4,9 5,9 6,1 7,7 8,8 9,2 10,0 Corea del Sud 1,9 1,4 2,0 1,8 1,8 1,8 2,0 2,6 2,7 2,3 Giappone 2,9 2,2 2,5 2,4 2,3 2,1 2,4 2,1 2,0 1,9 3

4 Oceania 1,6 0,7 0,9 0,8 0,7 0,5 0,5 0,5 0,5 0,6 Altri territori 3,2 3,5 2,7 3,7 3,7 3,9 0,6 0,5 0,5 0,6 MONDO Fonte: elaborazioni ICE su dati FMI-DOTS L Italia si colloca al primo posto, seguita da Stati Uniti e Francia, tra i mercati di sbocco per le esportazioni dell area, registrando un incidenza di circa il 18,5% sul totale delle vendite estere di merci. Principali partner commerciali dell Africa settentrionale (migliaia di dollari e variazioni percentuali) Esportazioni Importazioni Saldi 2010 Var % 2010 Var % Assoluti Normalizzati GRADUATORIA SECONDO LE ESPORTAZIONI Italia , , ,8 Stati Uniti , , ,7 Francia , , ,8 Spagna , , ,9 Germania , , ,3 Cina , , ,1 Paesi Bassi , , ,5 Regno Unito , , ,1 Canada , , ,1 Turchia , , ,8 India , , ,6 Brasile , , ,4 Belgio , , ,5 Altri paesi n.d , , ,3 Libia , , ,6 Corea del Nord , , ,0 Tunisia , , ,8 Portogallo , , ,2 Arabia Saudita , , ,8 Giappone , , ,6 Egitto , , ,6 Svizzera , , ,0 Russia , , ,5 Svezia , , ,8 Corea del Sud , , ,3 Ucraina , , ,9 MONDO , , ,9 Nota: Graduatoria secondo il valore delle esportazioni nell'ultimo periodo 4

5 GRADUATORIA SECONDO LE IMPORTAZIONI Francia , , ,8 Italia , , ,8 Cina , , ,1 Stati Uniti , , ,7 Germania , , ,3 Spagna , , ,9 Turchia , , ,8 Arabia Saudita , , ,8 Belgio , , ,5 Brasile , , ,4 Corea del Sud , , ,3 Paesi Bassi , , ,5 Regno Unito , , ,1 Giappone , , ,6 India , , ,6 Russia , , ,5 Egitto , , ,6 Svezia , , ,8 Ucraina , , ,9 Svizzera , , ,0 Tunisia , , ,8 Canada , , ,1 Libia , , ,6 Portogallo , , ,2 Altri paesi n.d , , ,3 Corea del Nord , , ,0 MONDO , , ,9 Fonte: elaborazioni ICE su dati FMI-DOTS Scambi commerciali dell Italia con il Nord Africa (milioni di euro) gennov 2010 gennov Esportazioni Importazioni Saldo

6 Negli ultimi anni, l Italia ha mantenuto un sistematico disavanzo commerciale nei confronti dei paesi dell Africa settentrionale, deficit che ha raggiunto il suo massimo nel 2008, per circa 18 miliardi di euro, dimezzato nel 2009 ad 8,6 miliardi di euro, per superare 10 miliardi di euro nei primi undici mesi del 2010, pari a poco meno del 30% sul valore totale dell interscambio (saldo normalizzato). Le esportazioni italiane verso i paesi del nord Africa sono state pari a 12 miliardi di euro, con un aumento del 16,1% rispetto al periodo gennaio-novembre Le importazioni italiane dall area sono state pari a 22 miliardi di euro, facendo registrare un incremento del 20,1% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Per oltre un quarto del totale, le esportazioni italiane sono costituite da macchinari e apparecchiature, seguite da prodotti della raffinazione del petrolio, prodotti della metallurgia e prodotti tessili. Molte imprese italiane esportano in alcuni di questi paesi prodotti tessili perché subiscano alcune fasi del processo produttivo per poi re-importarli sotto forma di prodotto finito o semilavorato. Le importazioni di materie prime rappresentano oltre il 75% degli acquisti dell Italia da questi paesi. Esportazioni dell Italia verso il Nord Africa per settore (migliaia di euro, variazioni e variazioni percentuali) Esportazioni Var % AA - Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura ,8 BB - Prodotti delle miniere e delle cave ,2 CA10 - Prodotti alimentari ,6 CA11 - Bevande ,4 CA12 - Tabacco ,5 CB13 - Prodotti tessili ,8 CB14 - Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) ,1 CB15 - Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili ,2 CC16 - Legno e prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio ,9 CC17 - Carta e prodotti di carta ,1 CC18 - Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati ,5 CD19 - Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio ,4 CE20 - Prodotti chimici ,7 CF21 - Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici ,4 CG22 - Articoli in gomma e materie plastiche ,4 CG23 - Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,3 CH24 - Prodotti della metallurgia ,4 CH25 - Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature ,5 CI26 - Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi ,0 CJ27 - Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche ,7 CK28 - Macchinari e apparecchiature nca ,7 CL29 - Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,4 CL30 - Altri mezzi di trasporto ,6 CM31 - Mobili ,6 CM32 - Prodotti delle altre industrie manifatturiere ,2 DD35 - Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata... ZZ - Altri prodotti e attività ,4 Totale: ,0 6

7 Importazioni dell Italia dal Nord Africa per settore (migliaia di euro, variazioni e variazioni percentuali) Importazioni Var % AA - Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura ,6 BB - Prodotti delle miniere e delle cave ,7 CA10 - Prodotti alimentari ,7 CA11 - Bevande ,2 CA12 - Tabacco CB13 - Prodotti tessili ,6 CB14 - Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) ,0 CB15 - Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili ,2 CC16 - Legno e prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio ,6 CC17 - Carta e prodotti di carta ,9 CC18 - Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati ,3 CD19 - Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio ,1 CE20 - Prodotti chimici ,8 CF21 - Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici ,9 CG22 - Articoli in gomma e materie plastiche ,5 CG23 - Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,8 CH24 - Prodotti della metallurgia ,5 CH25 - Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature ,5 CI26 - Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi ,7 CJ27 - Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche ,3 CK28 - Macchinari e apparecchiature nca ,5 CL29 - Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,9 CL30 - Altri mezzi di trasporto ,6 CM31 - Mobili ,7 CM32 - Prodotti delle altre industrie manifatturiere ,5 DD35 - Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata... ZZ - Altri prodotti e attività Totale: ,1 Saldi commerciali dell Italia con il Nord Africa per settore (migliaia di euro e percentuali) Saldi Saldi normalizzati % AA - Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura ,4 2,5 BB - Prodotti delle miniere e delle cave ,1-99,1 CA10 - Prodotti alimentari ,4-28,4 CA11 - Bevande ,8 48,5 CA12 - Tabacco ,5 35,8 CB13 - Prodotti tessili ,3 54,1 CB14 - Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) ,3-64,6 CB15 - Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili ,7-23,9 7

8 CC16 - Legno e prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio ,5 69,3 CC17 - Carta e prodotti di carta ,2 87,8 CC18 - Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati ,9 95,3 CD19 - Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio ,4 9,1 CE20 - Prodotti chimici ,1 35,1 CF21 - Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici ,9 97,6 CG22 - Articoli in gomma e materie plastiche ,4 68,6 CG23 - Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,4 71,1 CH24 - Prodotti della metallurgia ,2 45,1 CH25 - Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature ,1 86,1 CI26 - Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi ,0 78,2 CJ27 - Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche ,0 53,9 CK28 - Macchinari e apparecchiature nca ,6 94,2 CL29 - Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,6 58,5 CL30 - Altri mezzi di trasporto ,6 91,4 CM31 - Mobili ,0 93,2 CM32 - Prodotti delle altre industrie manifatturiere ,8 75,8 DD35 - Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata..... ZZ - Altri prodotti e attività ,2-87,4 Totale: ,7-29, Italia: principali surplus commerciali settoriali con il Nord Africa (migliaia di euro) Macchinari e apparecchiature nca Prodotti della metallurgia Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche Prodotti tessili 8

9 Italia: deficit commerciali settoriali con il Nord Africa (migliaia di euro) Prodotti delle miniere e delle cave Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Altri prodotti e attività Prodotti alimentari Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili Per quanto concerne gli scambi delle ripartizioni territoriali italiane con l area nordafricana, dai dati aggiornati al terzo trimestre 2010, risulta un incidenza di circa il 35% sulle esportazioni totali e di meno del 20% sulle importazioni per le regioni dell Italia nord-occidentale, seguita da una quota del 23% sulle esportazioni e dell 8,5% sulle importazioni per le regioni dell Italia nord-orientale. Le vendite estere delle Regioni insulari hanno pesato per oltre il 19% del totale (con un peso del 22,6% sui valori importati), grazie alla propria specializzazione nel commercio di prodotti petroliferi. Sospinte dall incremento della quotazione del petrolio, infatti, nei primi nove mesi del 2010, le esportazioni di prodotti petroliferi raffinati delle isole sono aumentate di oltre il 60% rispetto ai primi nove mesi dell anno precedente, mentre anche le importazioni sono aumentate di circa il 50%. Le regioni centrali hanno rappresentato il 15% delle esportazioni italiane verso l area, mentre le regioni meridionali hanno registrato una quota del 7,9% sul totale, mostrando anch esse un incremento delle proprie vendite superiore alla media (19,1%). Interscambio delle ripartizioni territoriali italiane con il Nord Africa (migliaia di euro e variazioni percentuali) Esportazioni Importazioni Saldi Var % Pesi % Var % Pesi % Italia nord-occidentale ,4 34, ,5 19, Italia nord-orientale ,8 23, ,1 8, Italia centrale ,2 15, ,3 8, Italia meridionale ,8 7, ,1 3, Italia insulare ,2 19, ,5 22, Province diverse e non specificate ,3 0, ,4 36, TOTALE ,0 100, ,3 100,

10 Con un incidenza del 25,9% del totale è risultata la Lombardia la principale regione italiana esportatrice sul mercato nordafricano. In seconda posizione della graduatoria, si è collocata la Sicilia con un peso aumentato al 13,2% del totale, nei primi nove mesi del 2010, rispetto all 8,5% della fine del 2009, seguita rispettivamente da Emilia Romagna (10,2%), Veneto (9,2%) e Toscana (9,1%). Complessivamente le regioni del Mezzogiorno hanno rappresentato il 27% delle esportazioni italiane verso il Nord Africa, rispetto alla loro incidenza dell 11,5% sul totale delle esportazioni italiane verso il Mondo. Esportazioni delle Regioni italiane verso il Nord Africa (migliaia di euro e pesi percentuali) Valori Pesi % Piemonte ,0 7,9 7,4 7,1 7,1 Valle d'aosta/vallée d'aoste ,1 0, Lombardia ,7 25,8 27,6 27,6 25,9 Liguria ,4 4,0 4,0 4,6 1,6 Italia nord-occidentale ,1 37,7 39,1 39,3 34,6 Trentino Alto Adige ,5 0,4 0,6 0,7 0,7 Veneto ,9 9,0 9,9 10,0 9,2 Friuli-Venezia Giulia ,5 3,2 3,4 3,1 2,9 Emilia-Romagna ,7 10,6 10,7 10,6 10,2 Italia nord-orientale ,5 23,2 24,6 24,4 23,0 Toscana ,7 7,7 8,5 8,7 9,1 Umbria ,5 0,6 0,5 0,5 0,5 Marche ,5 2,0 2,1 1,9 2,4 Lazio ,4 3,1 4,0 4,2 3,1 Italia centrale ,2 13,5 15,1 15,4 15,0 Abruzzo ,0 1,1 1,0 1,1 0,9 Molise ,2 0,1 0,1 0,1 0,1 Campania ,3 2,9 2,7 2,5 3,8 Puglia ,0 2,2 2,5 2,9 2,5 Basilicata ,0 1,9 0,4 0,4 0,4 Calabria ,6 0,6 0,4 0,5 0,2 Italia meridionale ,1 8,7 7,2 7,4 7,9 Sicilia ,5 9,2 8,5 8,6 13,2 Sardegna ,5 7,6 5,3 4,9 5,9 Italia insulare ,9 16,8 13,8 13,5 19,1 Provincie diverse e non specificate ,2 0,1 0,1 0,1 0,4 ITALIA Nord-Centro ,8 74,4 78,9 79,0 72,7 Mezzogiorno ,0 25,5 21,0 20,9 27,0 Per quanto concerne i servizi, nel 2009 l Italia ha registrato un saldo positivo tra crediti e debiti soltanto nei confronti dell Algeria (151 milioni di euro). Il deficit più ampio è stato quello registrato nei confronti dell Egitto, per un valore di 563 milioni di euro, seguito da quello con la Tunisia, per 347 milioni di euro, con il Marocco (251 milioni di euro), mentre 62 milioni di euro è stato il saldo dell interscambio di servizi con la Libia. 10

11 Saldo dell interscambio di servizi dell Italia con i paesi del Nord Africa (milioni di euro) Paese Algeria Egitto Libia Marocco Tunisia Fonte: Eurostat Stock di investimenti diretti esteri in uscita dall Italia verso i paesi del Nord Africa (milioni di euro) Paese Algeria : : : : Egitto Libia : : : : Marocco Tunisia : : : : Fonte: Eurostat Infine, per quanto concerne gli investimenti diretti esteri, lo stock di capitale netto investito in Egitto risulta il più elevato dei paesi dell area, per un valore di 1,7 miliardi di euro nel Il secondo paese per importanza relativa risulta la Libia in cui, con dati aggiornati al 2008, il valore totale è stato pari ad oltre 850 milioni di euro, seguito dalla Tunisia, per 491 milioni di euro. I dati del 2009 riferiti al Marocco mostrano una posizione di investimento per l Italia pari a 300 milioni di euro, mentre per l Algeria il dato, aggiornato al 2008, mostra uno stock di investimenti italiani nel paese pari a 123 milioni di euro. Secondo la banca dati ICE-Politecnico di Milano, nell area sono presenti 535 imprese partecipate da imprese italiane (103 in Egitto, 215 in Tunisia, 112 in Marocco, 93 in Algeria), concentrate soprattutto nel settore dell industria dell abbigliamento e confezioni e in quello del commercio all ingrosso, oltre che nell industria estrattiva. La maggioranza delle imprese italiane presenti proviene dalle regioni del Nord. Le principali imprese presenti in questi mercati Eni ed Edison, Finmeccanica, Italcementi, alcune grosse imprese del settore abbigliamento (Benetton, Miroglio). Tra quelle provenienti dalle regioni del Sud vanno citate la Grimaldi nel settore dei trasporti e logistica in Egitto e Algeria, alcune imprese siciliane attive nel settore della pesca e in quello della produzione di vini in Tunisia. 11

12 MAROCCO Interscambio dell Italia con il Marocco (migliaia di euro) gennov 2010 gennov Esportazioni Importazioni Saldo Nei confronti del Marocco, l Italia negli ultimi anni ha registrato un sistematico avanzo commerciale che ha raggiunto il suo massimo nel 2008, superando un miliardo di euro. Nei primi undici mesi del 2010, il surplus dell Italia è stato pari a circa 825 milioni di euro, sintesi di un incremento delle esportazioni pari al 5% e di un parallelo aumento delle importazioni del 25,3%, rispetto al periodo gennaio-novembre Valori Interscambio dell Italia con il Marocco (migliaia di euro) Esportazioni Importazioni Saldo Saldo normalizzato (%) 17,1 21,8 32,0 33,8 34,2 35,9 39,5 46,9 52,9 52,6 45,9 Variazioni sull'anno precedente Esportazioni 14,5 0,0 8,3 5,9 7,1 13,4 25,4 17,0-18,7-19,9 5,0 Importazioni 4,8-9,3-13,0 1,7 6,1 9,2 15,4-2,5-30,8-32,7 25,3 Saldi (variazioni assolute)

13 Il Marocco è stato il quarantunesimo mercato di sbocco per le esportazioni ed il sessantaquattresimo mercato di provenienza delle importazioni. Nel 2009, gli operatori italiani che hanno effettuato operazioni di esportazione nel paese sono stati per un valore medio di vendite per operatore pari a euro. Marocco: quote di mercato sulle importazioni di merci (percentuali) Francia 24,1 20,0 20,0 18,0 17,7 17,1 15,6 17,1 17,0 17,3 17,5 Spagna 9,2 11,3 12,1 11,9 10,7 11,1 10,3 14,5 14,9 14,9 14,8 Cina 2,4 2,8 3,3 4,1 5,1 5,1 5,7 6,4 7,5 7,8 8,2 Stati Uniti 3,6 4,2 4,0 4,0 3,3 4,4 5,8 4,2 5,7 5,8 6,3 Italia 5,0 5,6 6,9 6,4 6,0 6,1 6,3 6,9 6,8 6,9 6,2 Germania 5,0 5,2 5,1 5,8 4,6 4,5 4,8 6,0 6,4 6,5 5,7 Arabia Saudita 4,5 5,7 4,9 5,2 6,6 6,4 5,4 5,7 5,1 5,1 5,6 Paesi Bassi 1,5 1,6 2,3 1,6 1,9 2,2 3,1 2,8 3,6 3,5 2,9 Belgio 1,4 4,6 4,4 4,2 4,2 5,2 4,3 2,3 2,6 2,7 2,6 Iran, Repubblica islamica dell' 2,5 2,4 0,3 1,5 2,7 3,8 2,5 2,6 2,4 2,3 2,6 Brasile 2,4 2,5 1,8 2,4 2,2 1,9 1,7 1,7 1,8 1,9 2,2 Turchia 1,0 1,2 1,4 2,0 1,9 2,5 2,6 2,6 2,1 2,2 2,1 Regno Unito 5,2 4,8 3,8 3,2 2,2 2,0 2,7 2,5 1,6 1,6 2,1 Algeria 1,7 1,3 1,2 0,9 1,7 1,9 2,5 2,0 1,4 1,5 1,6 Portogallo 0,6 0,8 1,1 1,1 0,9 1,2 1,2 1,1 1,1 1,1 1,3 Svezia 1,2 1,6 1,4 1,0 1,5 1,4 1,5 1,2 1,3 1,2 1,3 Egitto 0,4 0,5 0,8 0,5 0,8 0,8 1,0 0,9 1,3 1,3 1,2 Corea del Sud 1,1 1,0 1,1 1,2 1,3 1,3 1,4 1,1 1,1 1,1 1,0 Svizzera 1,0 1,2 1,5 1,3 1,0 0,9 0,8 1,0 1,0 1,0 1,0 India 0,6 0,7 1,1 0,7 0,7 0,7 1,0 0,7 0,8 0,9 0,9 Mondo Fonte: elaborazioni ICE su dati FMI-DOTS Nei primi nove mesi del 2010, l Italia si è collocata al quinto posto tra i principali paesi di provenienza delle importazioni del Marocco, dopo Francia, Spagna, Cina e Stati Uniti, con una quota di mercato del 6,2%, in lieve diminuzione rispetto al 6,8% del Dal lato delle esportazioni di merci del Marocco, l Italia si è collocata in sesta posizione tra i mercati di sbocco, con un incidenza del 4% del totale. Italia: principali prodotti esportati in Marocco (migliaia di euro e variazioni percentuali) Esportazioni Var % Prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio , Altre macchine per impieghi speciali , Altre macchine di impiego generale , Tessuti , Prodotti chimici di base, fertilizzanti e composti azotati, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie ,5 13

14 gomma sintetica in forme primarie Articoli in materie plastiche , Aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi Macchine di impiego generale , Motori, generatori e trasformatori elettrici; apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell'elettricità , Macchine per l'agricoltura e la silvicoltura , Mobili , Componenti elettronici e schede elettroniche , Altri prodotti tessili , Autoveicoli , Altri prodotti in metallo , Macchine per la formatura dei metalli e altre macchine utensili , Apparecchiature di cablaggio , Apparecchi per uso domestico , Articoli di abbigliamento, escluso l'abbigliamento in pelliccia , Pietre tagliate, modellate e finite ,0 Nei primi undici mesi del 2010, l Italia ha esportato in Marocco principalmente prodotti petroliferi raffinati, le cui vendite, che incidono per circa il 13% sul totale, sono aumentate del 37,4% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, seguite dalle macchine per impieghi speciali (macchine per metallurgia, macchine per cave, macchine industria alimentare, macchine tessili, macchine per l industria delle pelli, macchine per lavanderie, macchine per l industria della carta, macchine per l industria della gomma e della plastica) il cui valore si è contratto per il 13,5%, dalle altre macchine di impiego generale (macchine di sollevamento e movimentazione, forni, attrezzature per ufficio, macchine industriali per la refrigerazione e la ventilazione, macchine per confezioni ed imballaggio, ecc.), le cui vendite sono aumentate di circa il 37%, e dai tessuti. Italia: principali prodotti importati dal Marocco (migliaia di euro e variazioni percentuali) Importazioni Var % Articoli di abbigliamento, escluso l'abbigliamento in pelliccia , Pesce, crostacei e molluschi lavorati e conservati , Parti ed accessori per autoveicoli e loro motori , Prodotti chimici di base, fertilizzanti e composti azotati, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie , Apparecchiature di cablaggio , Minerali metalliferi non ferrosi , Calzature , Frutta e ortaggi lavorati e conservati , Minerali di cave e miniere n.c.a , Cuoio conciato e lavorato; articoli da viaggio, borse, pelletteria e selleria; pellicce preparate e tinte , Prodotti in legno, sughero, paglia e materiali da intreccio , Rifiuti Oli e grassi vegetali e animali , Pasta-carta, carta e cartone , Prodotti di colture permanenti , Pesci ed altri prodotti della pesca; prodotti dell acquacoltura ,3 14

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO Redazione, elaborazioni grafiche e statistiche RICCARDO GIULIETTI Nota Bene: le informazioni statistiche sull Import

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 Dati 2013 estratti e elaborati a Marzo 2014 Fonte dei dati import export : ISTAT COEWEB REGIONE MARCHE Sistema Informativo Statistico e-mail: Funzione.SIStatistico@regione.marche.it

Dettagli

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATISTICHEIMPRESA Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei

Dettagli

Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura dei settori industriali

Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATINDUSTRIA Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI Dicembre 2015 Esportazioni delle regioni italiane gennaio- settembre (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni 2014 2015 2014/2015

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale dei settori industriali

Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATINDUSTRIA Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 26/05/2015 Verso il TTIP. L export lombardo negli Stati Uniti d America Il Made in Lombardia verso gli Usa nei settori di Micro e Piccola Impresa

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 L origine del prodotto è essenziale per gli acquisti di 129 milioni di cittadini europei Il 'made in' influisce sugli acquisti del 31,7% dei

Dettagli

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI A seguito della crisi politico-militare con l Ucraina, le sanzioni economiche introdotte nel 2014 dall Unione europea nei confronti della Russia e le reazioni

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi

DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi Giugno 2012 1 FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi Il principale scopo di questo lavoro è fornire

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

Il mercato degli Stati Uniti

Il mercato degli Stati Uniti Il mercato degli Stati Uniti Introduzione Gli Stati Uniti rappresentano il principale partner commerciale dell Italia al di fuori dei paesi dell Ue e il terzo paese di destinazione delle esportazioni italiane,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2014 II Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento per

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2015 I trimestre 2015 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni

Dettagli

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo Una delle caratteristiche più importanti del processo di integrazione economica degli ultimi anni è il peso

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio UNIONCAMERE LAZIO LUISS GUIDO CARLI Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio RAPPORTO 2007-2008 Competenze d impresa e sviluppo locale: un approccio sistemico per l analisi delle imprese multinazionali

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 1. MATERIALI SPECIALI METALLURGICI 2. MICRO E NANOTECNOLOGIE 3. MECCANICA AVANZATA 4. MECCATRONICA Le tabelle seguenti

Dettagli

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper 2013 1 Dati rilevanti 1 Questo settore vale il 34% dell intero export italiano; Il Nord genera l 8 del valore

Dettagli

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 164 Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 43 del 24 settembre 08 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) Allegato 2 1. MATERIALI

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 201 II Trimestre 201 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 201, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in forte aumento per

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Le informazioni contenute in questo modulo sono ad uso esclusivo di Euler Hermes SIAC e verranno trattate con la massima riservatezza, la sua sottoscrizione non

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA GIUGNO 2014 CONTENUTI E NOTE METODOLOGICHE Lo studio che segue, curato dall Agenzia ICE di Mosca, e di tipo congiunturale e analizza in dettaglio, per tavole

Dettagli

PRODUZIONE INDUSTRIALE

PRODUZIONE INDUSTRIALE 9 maggio 2014 marzo 2014 PRODUZIONE INDUSTRIALE A marzo 2014 l indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dello 0,5% rispetto a febbraio. Nella media del trimestre gennaio-marzo

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane

2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane Internazionalizzazione delle imprese e performance 19 2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane Una nuova base dati integrata realizzata dall Istat permette la costruzione di una tassonomia

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 ITALIA - ESPORTAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI ANNO 2012 A livello nazionale la quantità totale di rifiuti esportata nel 2012 è pari a 4 milioni di tonnellate di cui

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005 3 aprile 2009 I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro di informazione

Dettagli

Export a RE. Rapporto sulle esportazioni reggiane sulla base dei dati ISTAT. 19 aprile 2011

Export a RE. Rapporto sulle esportazioni reggiane sulla base dei dati ISTAT. 19 aprile 2011 Export a RE Rapporto sulle esportazioni reggiane sulla base dei dati ISTAT 19 aprile 2011 A cura di Francesca Mattioli e Matteo Rinaldini Università di Modena e Reggio Emilia Indice 1 Il contesto internazionale

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Fondazione Edison - Symbola I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Intervento di Marco Fortis (vice presidente Fondazione Edison) Assolombarda, 7 ottobre 2009 Bilancia commerciale di alcuni Paesi

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

6. I SETTORI * Capitolo 6 319. Quadro d insieme

6. I SETTORI * Capitolo 6 319. Quadro d insieme Capitolo 6 319 6. I SETTORI * Quadro d insieme Quasi tutti i settori industriali hanno contribuito al recupero fatto registrare nel 2007 dalla bilancia mercantile italiana, il cui disavanzo è sceso da

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione Presentata la seconda edizione al Circolo del Commercio della Confcommercio milanese. Progetto svilluppato in collaborazione con l Università Cattolica di Milano I Paesi dove le imprese italiane possono

Dettagli

Trasporto merci su strada

Trasporto merci su strada istat Settore Servizi Trasporto merci su strada Anno 2001 A cura di: Carlo Putignano, Ivan Cosma Esposito, Donatella Berna, Giovanna Astori. Per chiarimenti sul contenuto della pubblicazione rivolgersi

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Guida all export Novembre 2006 a cura di Angelo Negri Indice

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Anno - Dati aggiornati al Maggio Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Lombardia,9% 6 Emilia Romagna 9,9% Sicilia 9,% 9 Piemonte 9,% 9 Veneto,% Toscana 6,9% Campania 6,% Abruzzo,9%

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

Trasporto merci su strada

Trasporto merci su strada SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settore Servizi Trasporto merci su strada Anno 2003 Contiene CD-Rom Informazioni n. 10-2005 I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

Il settore metalmeccanico nella provincia di Cremona: contabilità macroeconomica, crescita e strategie.

Il settore metalmeccanico nella provincia di Cremona: contabilità macroeconomica, crescita e strategie. S i S E R V I Z I O I N F O R M A T I V O E C O N O M I C O S O C I A L E DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE PER LA PROVINCIA DI CREMONA Il settore metalmeccanico nella provincia di Cremona: contabilità

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 28/02/2011

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 28/02/2011 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 28/02/2011 I territori maggiormente esposti: Milano con l 11% dell export manifatturiero non energetico verso la Libia, Napoli con 8%, Torino con 7%, Vicenza

Dettagli