Legislazione italiana ed europea a confronto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legislazione italiana ed europea a confronto"

Transcript

1 Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione legittima da quella naturale, a seconda che il figlio sia nato o concepito da genitori coniugati o da genitori non coniugati ed in passato una dura discriminazione segnava questa differenza: essa si esprimeva nel divieto di riconoscere i figli adulterini e quelli incestuosi, di effettuare donazioni in loro favore ed in importanti limitazioni dei diritti successori. Il superamento di questa discriminazione è dovuto alla Riforma del diritto di famiglia del 1975 che ha attuato il principio costituzionale fissato nell art.30 comma 3 il quale assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale compatibile con i membri della famiglia legittima. Tuttavia alcune discriminazioni si sono conservate in danno del figlio incestuoso di cui è ancora vietato il riconoscimento ( è ammessa solo la dichiarazione giudiziale della paternità e della maternità ) e nei rapporti ereditari con i parenti dei genitori naturali in cui i figli naturali, ancorché riconosciuti. Essi soffrono di limitazioni dei diritti successori nei confronti di tutti componenti della famiglia paterna e materna, negandosi loro il rapporto di parentela, con la conseguenza che in mancanza di testamento, non possono essere chiamati all eredità, anche se non vi sono altri eredi legittimi ed è loro preferito lo stato, salvo che non si tratti di ascendenti o fratelli. Consigliere di Corte di Cassazione, già presidente del Tribunale per i minorenni di Venezia L articolo rielabora una relazione tenuta al Congresso internazionale Famiglia e Cittadinanza, Padova ottobre 2007, organizzato dalla Regione del Veneto e dal Centro Regionale di Documentazione ed Analisi sulla Famiglia.

2 Costituisce una discriminazione anche la conservata distinzione formale tra la filiazione naturale e la filiazione legittima, mentre in altri paesi europei si è venuto ad affermare un solo statuto unitario della filiazione. Così nella legge tedesca attraverso una riforma che risale al 25 settembre 1997 che ha cancellato la distinzione tra filiazione legittima e filiazione naturale, attribuendo un unico stato a tutti i figli. b. Il riconoscimento del figlio da parte della donna nubile e diritto all anonimato -Il nostro diritto della filiazione ha conservato, anche dopo la riforma del 1975, la regola che attribuisce la maternità, nell ipotesi di donna nubile, alla dichiarazione di riconoscimento da parte della madre o ad un accertamento giudiziale. L assunzione del ruolo di madre è dunque lasciata alla discrezione della donna, la quale può avvalersi della facoltà di non essere nominata nel certificato di attestazione di avvenuta nascita ( termine che ha sostituito quello precedente di assistenza al parto a sensi dell art.30 comma 2 DPR n.396/2000 ), con la conseguenza che l atto di nascita si formerà senza l indicazione dell identità della madre 1. Questa regola da una parte attribuisce alla madre una priorità nella costituzione dello stato di figlio, poichè riconoscendolo per prima essa acquista la potestà sullo stesso ( art 317 bis c.c.), compresa l attribuzione del proprio cognome ( art.261 c.c. ) e può opporsi al riconoscimento da parte del padre ( art.250 c.c. ) e dall altra impedisce l instaurarsi del legame di filiazione nei confronti del nato se la madre non lo vuole. Tuttavia in questo modo il legislatore italiano si è discostato dal sistema instaurato dagli altri paesi europei che, salvo la Francia, si sono conformati al principio del riconoscimento automatico della maternità; principio contenuto nella convenzione di Strasburgo del 15 ottobre 1975, relativo allo status dei figli nati fuori del matrimonio. 1 V. art.70 comma 1 r.d. 9 luglio 1939, n.1238, come sostituito dall art.2 comma 12 legge 15 maggio 1997 n.127 e ora trasfuso nell art.30 comma 1 d.p.r.3 novembre 2000 n.396 il quale dispone che: La dichiarazione di nascita è resa da uno dei genitori, da un procuratore speciale, ovvero dal medico o dall ostetrica o da altra persona che ha assistito al parto, rispettando l eventuale volontà della madre di non essere nominata

3 Questa convenzione è stata firmata anche dall Italia l 11 febbraio del 1981, ma non è stata ratificata. Un accertamento automatico della filiazione materna fondato sul principio della certezza della maternità, in base al quale il solo fatto della nascita determina il sorgere di un vincolo giuridico tra il figlio e la madre, è previsto in Germania, in Austria, in Spagna, in Portogallo, in Svizzera, in Belgio. Ad un principio opposto si ispira il sistema francese che consente, come quello italiano, di mantenere il segreto sul nome della donna che ha partorito, con la conseguenza ( che lo diversifica dal nostro sistema ) di precludere anche una successiva ricerca della maternità attraverso una azione giudiziaria; azione che è, invece, consentita nel nostro ordinamento e che è imprescrittibile, salvo che il bambino non sia stato adottato. In questo caso non solo tale accertamento non avrebbe effetto ai fini dello status di figlio ma sarebbe ostacolato dal divieto di fornire indicazioni a terzi ed al figlio adottato. La scelta del legislatore italiano, al pari di quello francese, può apparire criticabile soprattutto nella tutela dell interesse del figlio al conseguimento dello status e, comunque, alla conoscenza delle proprie origini genetiche; si giustifica, invece, con l intento di dissuadere la madre, in situazione di estremo disagio, dall assumere condotte improprie di abbandono del figlio e di consentire una tempestiva dichiarazione di adottabilità del nato, in vista di un suo sollecito inserimento in una famiglia adottiva. 3 Il diritto all anonimato della donna coniugata Più complessa è la questione che riguarda la condizione di figlio di madre coniugata, posto che anche in questo caso la donna può utilizzare il diritto all anonimato, come

4 prevede attualmente espressamente l art.30 comma del DPR n.396/2000( Nuovo Ordinamento dello Stato civile ). Questa possibilità, unitamente a quella di poter riconoscere il figlio nato da una relazione adulterina, da un lato attribuisce alla madre più che in passato il ruolo di arbitro circa la determinazione dello status del figlio e dall altro solleva qualche problema di coordinamento tra l art.250 c.c., il sistema delle presunzioni e l art.253 c.c che esclude l ammissibilità del riconoscimento in contrasto con lo stato di figlio legittimo in cui la persona si trovi. Nel sistema previgente questa possibilità non era prevista ed alla nascita di un figlio da donna coniugata conseguiva la rigida preclusione di attribuzione della paternità al marito della stessa. Tuttavia la facoltà per la donna coniugata di non essere menzionata nell atto di nascita del figlio, pur non essendo espressamente prevista, si poteva ricavare dall art.73 comma 2 del vecchio Ordinamento dello stato civile che disponeva. Se la nascita è da unione illegittima le indicazioni di cui all art.71, riguardanti il nome, cognome, cittadinanza e residenza del padre e della madre dovranno essere fatte solo per il genitore o per i genitori che personalmente rendono la dichiarazione di nascita, o che hanno fatto constatare per atto pubblico il proprio consenso ad essere nominati La norma pertanto veniva riferita non alla nascita da persone non coniugate, ma ad ogni nascita illegittima, intendendo come tale non la nascita da donna non maritata, ma la nascita da persona il cui stato non risulta nell atto di nascita del bambino. Si veniva così a subordinare lo status di figlio legittimo alla formazione dello stesso titolo di stato, costituito dal predetto atto di nascita. Ne conseguiva che anche la presunzione della paternità in capo al marito della donna coniugata scattava non con la nascita del bambino, ma con il formarsi dell atto. La stessa Corte Costituzionale, investita della questione di legittimità dell art.10 legge 184/83 con riferimento ad una fattispecie di dichiarazione di adottabilità di un

5 bambino denunciato come figlio di donna coniugata che non intendeva essere nominata, affermava qualunque donna partoriente, ancorché da elementi informali risulti trattarsi di coniugata, può dichiarare di non voler essere nominata nell atto di nascita. Ove l ufficiale di stato civile abbia redatto l atto di nascita nei modi di legge prescritti per i casi di bambini denunciati come nati da genitori ignoti manca il titolo essenziale perché si possa considerare legittima la maternità. Non risultando il nome della partoriente non è possibile individuare il marito della stessa, né rendere operativa la presunzione di paternità di cui all art.231 c.c.. La possibilità di usare l anonimato consentiva in tempi passati alla donna coniugata che aveva un figlio da persona diversa dal marito di non riconoscerlo e di farlo riconoscere dal vero padre. In questo modo il bambino acquisiva lo status di figlio naturale del padre, ma non anche della madre, che avrebbe potuto riconoscerlo in un secondo momento, una volta sciolta dal vincolo matrimoniale. Nel sistema riformato il nuovo art.250 c.c. stabiliva che il figlio naturale può essere riconosciuto dal padre e dalla madre, anche se già uniti in matrimonio con altra persona all epoca del concepimento nel segno di un accentuato favore per la verità. Nonostante alcune diverse interpretazioni in dottrina è invalso anche negli uffici dello stato civile l orientamento ormai consolidato che la donna coniugata può procedere direttamente al riconoscimento del figlio naturale nell atto di nascita, affermando che il padre non è il marito. In tale prospettiva si ritiene anche che la donna coniugata debba sempre denunciare il nato come proprio figlio naturale, nel caso in cui sappia con certezza che il figlio è stato generato con un terzo soggetto, poiché ove la stessa dichiari il figlio come legittimo, lasciando quindi operare la presunzione di paternità, potrà essere chiamata a rispondere del reato di alterazione di stato ( art.567 comma 2 c.p. ) il quale sussiste quando vi sia la coscienza e la volontà di rendere una dichiarazione contraria alla

6 realtà, tale da attribuire al neonato uno stato civile diverso da quello che gli spetterebbe secondo natura. 2 Si afferma in tale modo un primato della maternità nell attribuzione dello status di figlio 3 perché affinché operi la presunzione di paternità del marito è necessario che si formi un atto di nascita, che pur non avendo efficacia costitutiva, rappresenta il titolo dello stato di filiazione legittima e cioè il presupposto dello stato di legittimità. Anche se nato da donna coniugata, in mancanza del titolo di stato, il figlio non è in grado di esteriorizzare il proprio status e, d altra parte se non si forma il titolo di status, il marito della madre non avrà interesse all azione di disconoscimento della paternità. 5 Diritti del figlio e della madre alla nascita La Costituzione italiana afferma all art.30 che è dovere dei genitori mantenere, istruire educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio e che la legge provvede che siano assolti i loro compiti in caso di incapacità dei genitori, oltre a proteggere maternità, infanzia e gioventù, favorendo gli istituti necessari ( art. 31 ). Anche la Convenzione ONU firmata a New York il , ratificata in Italia con la legge 176/91, afferma che il fanciullo è registrato immediatamente alla nascita e da allora ha diritto ad un nome, ad acquisire una cittadinanza e, nella misura del possibile, a conoscere i suoi genitori ed a essere allevato da essi. Gli Stati parti vigilano per il rispetto di tali diritti in conformità con la loro legislazione nazionale e con gli impegno assunti con gli strumenti internazionali ( art.7 ). 2 Cass. Pen. 3 luglio 1989 ; Cass. Pen 30 gennaio 1991 ; Cass. Pen. 12 marzo 1993; Cass. Pen. 21 aprile 1994, secondo cui con questa norma ( art. 567 comma 2 c.p. ) il legislatore ha inteso tutelare l interesse del minore alla verità nell attestazione ufficiale della propria ascendenza. 3 La madre come è stato osservato da Paolo Zatti governa in qualche modo le presunzioni, perchè dichiarando la filiazione naturale le esclude e tacendo le lascia operare ( Il diritto della filiazione: dal dominio dei modelli al problema degli interessi in Il diritto di famiglia a vent anni dalla riforma a cura di Granelli Cedam 1996, 84 )

7 Inoltre stabilisce che ogni fanciullo privato del suo ambiente familiare ha diritto ad una protezione e ad aiuti speciali da parte dello stato in conformità della legislazione nazionale ( art.20 ). Per il nostro ordinamento chi nasce è riconosciuto dalla legge come persona, cui è attribuita la capacità giuridica, vale a dire la capacità di essere titolare di diritti, tra i quali i diritti inviolabili della persona, come il diritto all identità, al nome alla cittadinanza, alla certezza di uno status di filiazione, alla stabilità, all educazione e al diritto di crescere all interno della propria famiglia. La madre di ogni nascituro usufruisce del diritto di essere informata sui diritti che le spettano a tutela della sua maternità, di scegliere o meno di riconoscere il figlio, con la consapevolezza che in questo caso si aprirebbe una procedura di adottabilità di competenza del tribunale per i minorenni; di optare per la segretezza del parto; di esser edotta che il termine ordinario per il riconoscimento è di dieci giorni dalla nascita e che può essere chiesta l autorizzazione al tribunale per i minorenni di una proroga sino a 60 giorni, sempre che nel frattempo il bambino sia assistito dal genitore naturale o da parenti entro il quarto grado o in altro modo conveniente in cui permane un rapporto con il genitore naturale. 6 Il mancato riconoscimento -Quando il neonato non è riconosciuto dalla madre entro i 10 giorni dalla nascita gli deve essere assicurata la protezione prevista dalla legge ( art.30 del Nuovo ordinamento dello stato civile ) attraverso la tempestiva dichiarazione di nascita, rispettando la volontà della madre di non essere nominata. L ufficiale dello stato civile provvede alla stesura dell atto di nascita con l indicazione nato da donna che non intende essere nominata ed attribuisce nome e cognome al bambino

8 La dichiarazione di nascita e la segnalazione dello stato di abbandono del bambino inviate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, consentono il ricorso alla procedura di adottabilità che il predetto tribunale dichiarerà immediatamente, senza eseguire ulteriori accertamenti a meno che non vi sia una istanza di sospensione della procedura da parte di chi afferma di essere uno dei genitori e chiede termine per il riconoscimento, sempre che il bambino abbia un rapporto con il genitore naturale. Nel caso in cui entrambi i genitori abbiano età inferiore ai sedici anni, la procedura è invece rinviata d ufficio sino al compimento di tale età, purchè il bambino sia assistito dallo stesso o da membri della sua famiglia. Particolare attenzione deve essere effettuata quando si prospetta la possibilità di un riconoscimento da parte del solo padre, onde evitare che attraverso tale atto si sostanzi un adozione illegale, non essendovi rapporto di genitorialità tra il neonato ed il soggetto che lo riconosce. Quando questi è un uomo sposato con altra donna la legge prevede che l Ufficiale dello Stato Civile trasmetta una comunicazione al competente Tribunale per i Minorenni perché effettui le opportune indagini circa la veridicità del riconoscimento Ove il tribunale sospenda o rinvii la procedura di adottabilità, se necessario nomina al minore un tutore provvisorio. Se entro i termini predetti avviene il riconoscimento la procedura di adottabilità viene chiusa, mentre se esso non viene effettuato si provvede senza ulteriore formalità alla dichiarazione dello stato di adottabilità Intervenuta tale dichiarazione e l affidamento preadottivo l eventuale riconoscimento è privo di efficacia, mentre un eventuale giudizio di dichiarazione giudiziale di paternità o maternità è sospeso di diritto e si estingue quando interviene la pronuncia di adozione definitiva.

9 Anche il nuovo Ordinamento dello stato civile all art.38 regola il ritrovamento di minori abbandonati stabilendo che chiunque trova un bambino in queste condizioni deve affidarlo ad un istituto o ad una casa di cura. Il direttore della struttura che accoglie il bambino ne dà immediata comunicazione all ufficiale di stato civile del comune dove è avvenuto il ritrovamento, che iscrive negli archivi apposito processo verbale nel quale indica l età apparente ed il sesso del bambino, così come risultanti nella comunicazione a lui pervenuta ed impone un cognome ed un nome, informandone immediatamente il giudice tutelare ed il tribunale per i minorenni per l espletamento delle incombenze di rispettiva competenza. 7 - Le buone prassi 7.1 Affinché venga offerto il migliore aiuto alla madre ed al bambino è necessario che si adottino delle buone prassi che hanno come scopo quello di fornire una completa informazione alla gestante sulle sue possibilità di scelta, ma anche sulle possibilità di aiuto concreto nel caso la sua scelta sia dettata da disagio economico o psicologico. Questo consentirà di effettuare una valutazione responsabile della situazione e di decidere nel modo meno angosciante possibile. In particolare le informazioni debbono essere precise rispetto alla condizione della donna straniera extracomunitaria clandestina alla quale deve essere fatto presente che le potrà essere concesso un permesso di soggiorno provvisorio sino al compimento del sesto mese di età del bambino e potrà essere assistita gratuitamente sotto il profilo sanitario.inoltre in alcune situazioni, nel caso in cui il figlio abbia necessità di essere assistito in Italia il tribunale per i minorenni potrà concederle un ulteriore permesso di soggiorno a sensi dell art.31 della legge sull immigrazione. Nel caso in cui al momento del parto permangano dubbi sulle capacità materne della donna, la struttura ospedaliera dovrà garantire un assistenza ed un sostegno alla

10 stessa, sollecitando l intervento dei servizi interni o di strutture territoriali socio sanitarie, vale a dire i consultori familiari o le equipe comunali di protezione dei minori. Sotto questo profilo sarebbe molto opportuno individuare una figura sanitaria di riferimento cui affidare la gestione dei rapporti delle future mamme caratterizzate da incertezze per la loro maternità. 7.2 E importante che l operatore sociale referente abbia con lei un colloquio diretto e riservato per far maturare ed esprimere la scelta che la madre vuole prendere E pertanto necessario che gli operatori con i quali la donna può entrare in contatto abbiano la competenza necessaria per fornire queste informazioni, sia che si tratti del referente sanitario del Punto Nascita, che dell operatore sociale territoriale o ospedaliero, e che costoro sappiano rispettare le sue decisioni e l assoluta riservatezza. 7.3 E necessario anche che la professionalità si accompagni all efficienza organizzativa; che esista collegamento tra gli operatori, un reparto dotato di una zona che garantisca la massima riservatezza. Inoltre particolare attenzione deve essere offerta alla donna che esce dall ospedale non appena partorito, con una precisa informazione sulle norme che regolano il non riconoscimento e le procedure adottive, possibilmente attraverso anche l utilizzo di materiale informativo predisposto ad hoc. E opportuno formare un fascicolo che raccolga durante il ricovero il maggiore numero di informazioni sanitarie sulla madre e sul padre perché queste potranno essere utili per la collocazione del bambino. Anche altro tipo di informazioni sui dati sociali dei genitori ed il contesto della scelta materna può essere rilevante. Questo fascicolo rimarrà riservato e potrà essere consultato in futuro in caso di grave necessità., pur conservando l anonimato della madre.

11 Nel caso in cui la donna intenda lasciare la struttura ospedaliera non riconoscendo il bambino, è opportuno raccogliere formalmente tale sua volontà, previo un colloquio informativo con un operatore competente. L ospedale dovrà provvedere alla dichiarazione di nascita tenendo presente la volontà della madre di non essere citata nell atto e segnalare al tribunale per i minorenni lo stato di abbandono che consente di avviare la procedura di adottabilità. Nel caso in cui la madre chieda la sospensione per effettuare il riconoscimento entro i 60 giorni successivi alla nascita il bambino che non abbia bisogno di cure ospedaliere di regola viene affidato provvisoriamente alla futura coppia adottiva individuata dal tribunale che accetta il rischio giuridico.l incontro con la coppia avverrà in uno spazio che garantisca la assoluta riservatezza Il tribunale, nomina un tutore che rilascia all ospedale una lettera con cui autorizza le dimissioni e firma la cartella sanitaria, nella quale non comparirà il nome della madre. Ai genitori adottivi verrà consegnata una relazione clinica del bambino indipendentemente dalla documentazione sanitaria della madre. Il bambino può essere dotato di bracciale numerato ed essere registrato come qualsiasi altro nato con suo nome, senza essere affiancato da quello della madre nel registro dei parti ed essere spostato a tempo debito nel reparto di pediatria Conoscenza dei propri diritti, professionalità degli operatori, buone prassi operative e collegamenti tra i vari soggetti che affiancano la donna nel corso della gestazione, del parto e delle scelte che riguardano il riconoscimento del neonato rappresentano uno degli aspetti di una vicenda condizionata dalle difficoltà, dal disagio psicologico, dall angoscia che connotano una situazione di abbandono. Ancora oggi, nel mondo occidentale, assistiamo a fatti del genere. Essi sono una dura realtà sulla quale non ci sentiamo di esprimere giudizi, perché ogni caso ha le sue specificità ed ogni caso merita comprensione.

12 Vi sono situazioni in cui l affidare il proprio figlio alla società perché lo assista può costituire un atto di responsabilità, e consapevolezza che le proprie difficoltà genitoriali sono così gravi da non assicurare la cura doverosa al proprio bambino. Vi sono casi in cui l aiuto potrebbe bastare alla donna per renderla capace di svolgere il proprio compito di madre. Vi sono casi in cui il bambino viene abbandonato non attraverso le forme proprie che abbiamo illustrato e che si possono rappresentare come un passaggio, certamente doloroso, ma ritenuto necessario, di un bambino da chi lo ha partorito a chi lo potrà educare e crescere in modo adeguato, ma nelle forme più terribili dell esposizione o della soppressione. E in particolare per evitare che questo avvenga che occorre informare, divulgare, adottare i migliori sistemi di intervento, predisporre aiuti, sostenere, cercando di raggiungere quelle donne che non sanno che il ruolo di madre può essere svolto anche scegliendo con ragionevolezza e facendosi aiutare nel consegnare il proprio figlio ad altri perché se ne prenda cura.

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato "A" al decreto ministeriale 5 aprile 2002

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato A al decreto ministeriale 5 aprile 2002 Decreto Ministeriale 5 aprile 2002 Approvazione delle formule per la redazione degli atti dello stato civile nel periodo antecedente l'informatizzazione degli archivi dello stato civile Articolo 1 Sono

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

I MINORI NON ACCOMPAGNATI

I MINORI NON ACCOMPAGNATI I MINORI NON ACCOMPAGNATI Qualche dato Negli ultimi 7 anni i minori stranieri non accompagnati segnalati in Italia sono stati oltre 50 mila, con una media annuale di circa 7700 minori. La maggior parte

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3)

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3) L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 maggio 1983, n. 133, S.O. (2) Titolo così sostituito dall'art. 1, L. 28 marzo 2001, n. 149. TITOLO

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Adottato ai sensi della Legge 7 agosto 1990, n. 241 e ss.mm.ii. Emissione 01/06/2007_ Rev 00 INDICE: art. 1) Oggetto del Regolamento pag. 4 art.

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli