RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO Gennaio 2013 Ottobre 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO Gennaio 2013 Ottobre 2013"

Transcript

1 RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO Gennaio 2013 Ottobre

2 Nella seguente relazione si riportano i dati riguardanti lo stato della matrice aria registrati nel quartiere Tamburi di Taranto e, per confronto, in altri siti non limitrofi all area industriale. PM10 In tabella 1 sono mostrate le medie mensili di PM10 registrate da gennaio a ottobre PM10 (µg/m 3 ) TARANTO - MACHIAVELLI Tab. 1 medie mensili di PM10 TARANTO - ARCHIMEDE TARANTO - VIA ALTO ADIGE STATTE - SORGENTI TARANTO - TALSANO gen feb mar apr mag giu lug ago set ott Come si nota dalla tabella, le concentrazioni di PM10 tendono ad aumentare nel mesi di marzo e di maggio; tale situazione si verifica in quanto la nostra Regione, proprio in quei mesi, è stata soggetta a fenomeni di avvezione Sahariana, che hanno portato ad un incremento delle concentrazioni in tutti i siti. Tenendo conto dell apporto delle saharan dust alle concentrazioni di particolato, si nota come i livelli di PM10 rimangono sostanzialmente costanti in tutti i siti (Tab. 2). 2

3 PM10 al netto delle dust (µg/m 3 ) TARANTO - MACHIAVELLI TARANTO - ARCHIMEDE TARANTO - VIA ALTO ADIGE Tab. 2 medie mensili di PM10 al netto delle saharan dust STATTE - SORGENTI TARANTO - TALSANO gen feb mar apr mag giu lug ago set ott Machiavelli gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 PM10 (µg/m 3 ) Fig.1 Medie mensili PM10 Machiavelli da gennaio 2012 a ottobre

4 PM10 (µg/m 3 ) Archimede gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 Fig.2 Medie mensili PM10 Archimede da gennaio 2012 a ottobre 2013 PM10 (µg/m 3 ) Statte gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 Fig.3 Medie mensili PM10 Statte da gennaio 2012 a ottobre

5 25 PM10 Tamburi / Tutte 20 ug/m gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10 gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 Fig.4 Differenze delle medie mensili da gennaio 2010 a ottobre 2013 Si nota un certo decremento delle concentrazioni di PM10 nei due siti Archimede e Machiavelli rispetto alle medie del periodo dell anno precedente, mentre le concentrazioni per il sito non influenzato dall area industriale rimangono pressoché costanti, seppure ancora ben inferiori ai siti industriali. Andando a valutare le differenze dei livelli di concentrazione tra le due centraline di Tamburi e le altre si nota, in effetti, un decremento della differenza a partire da settembre Sono stati individuati, a partire da gennaio 2013, i giorni di wind days e per tali giorni è stata calcolata la differenza tra le centraline nel quartiere Tamburi e le altre. In tabella 2b sono mostrate tali differenze fino ad agosto 2013; come prevedibile, esse risultano maggiori rispetto ai restanti giorni. In tabella 2c sono mostrate le differenze tra giorni wind day e non wind day a partire dal 2011 fino ad agosto Si nota, intanto, come nel caso del Quartiere Tamburi, la differenza è positiva, al contrario degli altri siti (nei quali, in caso di vento, la concentrazione diminuisce); si nota, inoltre, un decremento nel 2013 delle concentrazioni di PM10 rilevate nei giorni di wind day e, di conseguenza, una diminuzione della differenza relativa. 5

6 differenza Tamburi/altre 06/01/ /01/ /03/ /03/ /03/ /04/ /04/ /04/ /05/ /06/ /07/ Tab. 2b Differenze nei giorni di wind days machiavelli alto adige talsano wd non wd wd non wd wd non wd Tab. 2c Concentrazioni medie nei giorni di wind days/non wind days 6

7 E stato inoltre calcolato il numero di superamenti di PM10 al netto di quelli derivanti dai fenomeni di avvezione sahariana. Il 12 giugno, giorno caratterizzato come wind day, è stato rilevato un superamenti del valore limite giornaliero pari a 50 µg/m3 nelle stazioni di Via Archimede e Via Machiavelli. n. superamenti al netto delle saharan dust TARANTO - TALSANO TARANTO - TARANTO - TARANTO - VIA STATTE - MACHIAVELLI ARCHIMEDE ALTO ADIGE SORGENTI gen feb mar apr mag giu lug ago set ott Tab. 3 Numero di superamenti di PM10 Di seguito si riporta il grafico del numero di superamenti di PM10 per il sito di Machiavelli, esplicativo del miglioramento della qualità dell aria nel quartiere Tamburi. 7

8 n. superamenti PM Machiavelli gen-10 mar-10 mag-10 lug-10 set-10 nov-10 gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 lug-13 set-13 PM2.5 Fig.5 Numero di superamenti PM10 - Machiavelli Nella tabella seguente è mostrata la media mensile di PM2.5 da gennaio a ottobre PM2.5 (µg/m 3 ) TARANTO - MACHIAVELLI TARANTO - VIA ALTO ADIGE gen feb mar apr mag giu lug ago set ott Tab. 4 medie mensili di PM2.5

9 Come per il PM10, si riporta di seguito il trend di concentrazione dal 2010 ad oggi per le stazioni di Machiavelli ed Alto Adige. 30 Machiavelli 25 PM2.5 µg/m gen-10 mar-10 mag-10 lug-10 set-10 nov-10 gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 lug-13 set-13 Fig.6 Medie mensili di PM2.5 - Machiavelli 25 Alto Adige 20 PM2.5 µg/m gen-10 mar-10 mag-10 lug-10 set-10 nov-10 gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 lug-13 set-13 Fig.7 Medie mensili di PM2.5 Alto Adige 9

10 Benzo (a) Pirene Il Benzo(a)pirene è determinato sui filtri di PM10 campionati giornalmente nelle stazioni di Machiavelli, Alto Adige e Talsano. Per il Benzo(a)pirene il D. Lgs 155/2010 fissa un valore obiettivo annuo i 1 ng/m 3. Di seguito è mostrata una tabella con i dati di Benzo(a)pirene da gennaio 2013 a luglio BaP (ng/m 3 ) Machiavelli Alto Adige Talsano gennaio febbraio marzo aprile maggio / giugno luglio agosto Tab. 5 Medie mensili di BaP Nei grafici sottostanti è invece mostrato il trend a partire dal 2008 per i tre siti considerati. E evidente la diminuzione nella stazione di Machiavelli, mentre per Alto Adige e Talsano i livelli rimangono abbastanza omogenei maggio 2008 luglio 2008 settembre 2008 novembre 2008 gennaio 2009 marzo 2009 maggio 2009 luglio 2009 settembre 2009 novembre 2009 gennaio 2010 marzo 2010 maggio 2010 luglio 2010 settembre 2010 novembre 2010 gennaio 2011 marzo 2011 maggio 2011 luglio 2011 settembre 2011 novembre 2011 gennaio 2012 marzo 2012 maggio 2012 luglio 2012 settembre 2012 novembre 2012 gennaio 2013 marzo 2013 maggio 2013 luglio 2013 ng/m 3 BaP Machiavelli Fig.8 Medie mensili di Bap Machiavelli 10

11 ng/m Bap Alto Adige maggio 2008 luglio 2008 settembre 2008 novembre 2008 gennaio 2009 marzo 2009 maggio 2009 luglio 2009 settembre 2009 novembre 2009 gennaio 2010 marzo 2010 maggio 2010 luglio 2010 settembre 2010 novembre 2010 gennaio 2011 marzo 2011 maggio 2011 luglio 2011 settembre 2011 novembre 2011 gennaio 2012 marzo 2012 maggio 2012 luglio 2012 settembre 2012 novembre 2012 gennaio 2013 marzo 2013 maggio 2013 luglio 2013 Fig.9 Medie mensili di Bap Alto Adige ng/m BaP Talsano maggio 2008 agosto 2008 novembre 2008 febbraio 2009 maggio 2009 agosto 2009 novembre 2009 febbraio 2010 maggio 2010 agosto 2010 novembre 2010 febbraio 2011 maggio 2011 agosto 2011 novembre 2011 febbraio 2012 maggio 2012 agosto 2012 novembre 2012 febbraio 2013 maggio 2013 agosto 2013 Fig.10 Medie mensili di Bap Talsano Metalli I metalli pesanti per i quali la legislazione prescrive il monitoraggio in aria ambiente sono l arsenico, il cadmio, il nichel ed il piombo. La normativa prevede la determinazione dei metalli pesanti contenuti nel PM 10. il D. Lgs 155/2010 fissa i seguenti valori obiettivi, calcolati come valori medi annui: Arsenico: 6,0 ng/m 3 ; Cadmio: 5,0 ng/m 3 ; Nichel 20,0 ng/m 3. Per il piombo è invece in vigore un limite annuo di 0,5 µg/m 3 In tabella 6 sono mostrati i valori medi mensili dei metalli su indicati da gennaio 2011 a febbraio

12 I valori risultano ampiamente al di sotto dei valori obiettivo previsti dalla normativa. Machiavelli Arsenico Cadmio Nichel Piombo gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Tab. 6 Medie mensili metalli Machaivelli 12

13 Alto Adige Arsenico Cadmio Nichel Piombo gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Tab. 7 Medie mensili metalli Alto Adige 13

14 14 Talsano Arsenico Cadmio Nichel Piombo gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Tab. 8 Medie mensili metalli Talsano I valori di arsenico e cadmio rimangono pressoché costanti dal 2011, mentre i livelli di piombo e nichel mostrano andamenti abbastanza disomogenei nel tempo sebbene, almeno per la stazione di Via Machiavelli, si noti un decremento nel tempo dei livelli registrati.

15 ng/m Piombo - Machiavelli gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 Fig.11 Medie mensili di Pb Machiavelli ng/m Nichel- Machiavelli gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag Fig.12 Medie mensili di Ni Machiavelli

16 30.00 Piombo - Alto Adige gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 ng/m 3 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 Fig.13 Medie mensili di Pb Alto Adige ng/m Nichel - Alto Adige gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag Fig.14 Medie mensili di Ni Alto Adige

17 12.00 Piombo - Talsano gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 ng/m 3 Fig.15 Medie mensili di Pb Talsano ng/m Nichel - Talsano gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag Fig.16 Medie mensili di Ni Talsano

18 Deposizioni atmosferiche La ricaduta di polveri di granulometria grossolana, costituenti la cosiddetta frazione sedimentabile del particolato totale sospeso rappresenta uno dei maggiori disagi cui è sottoposta la popolazione; queste polveri possono contenere microinquinanti (metalli pesanti, IPA, diossine, ecc.) che, depositandosi al suolo e nei corsi d acqua, entrano nella catena alimentare. Di seguito sono mostrati i flussi di deposizione di BaP, diossine e PCB in vari siti nella città di Taranto da gennaio 2012 a febbraio Deposizione WHO-TE Totale (PCDD/F + PCB) pg-te x m-2 x die -1 Scuola Media U. Foscolo Talsano Palazzo del Governo Via Anfiteatro Chiesa San Francesco De G. (Tamburi ) Scuola Deledda (Tamburi) 03/01/ /02/ /05/ /06/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /11/ /12/ /01/ /02/ /03/ /04/ Tab. 7 Flussi di Deposizione di PCDD/F e PCB 18

19 Deposizione WHO-TE Totale (BaP) ng-te x m-2 x die -1 Scuola Media U. Foscolo Talsano Palazzo del Governo Via Anfiteatro Chiesa San Francesco De G. (Tamburi) Scuola Deledda (Tamburi) 03/01/ /02/ /05/ /06/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /11/ /12/ /01/ /02/ /03/ /04/ Tab. 8 Flussi di Deposizione di BaP in tossicità equivalente La normativa italiana non prevede valori limite per la deposizione atmosferica di polveri e di microinquinanti; possono essere, tuttavia, utilizzati per confronto i valori rivenienti dalla normativa europea e, in particolare, i due livelli di riferimento su base mensile ed annuale proposti dal Belgio per le diossine: Nel periodo maggio 2012 aprile 2013 (che corrisponde complessivamente ad un anno), nessuno dei valori medi mensili delle deposizioni di diossine ha superato presso la scuola Deledda il corrispondente valore di riferimento su base mensile di 21 pg WHO-TE/m2 die; tuttavia, la media per dodici mesi delle deposizioni di PCDD/F, comprensiva sia delle diossine che dei PCB diossina-simili, è risultata pari a 9,0 pg WHO-TE/m 2 die, maggiore rispetto al valore di riferimento annuo di 8,2 pg WHO-TE/m 2 die proposto dal Belgio. Esso risulta 19

20 inoltre più alto rispetto agli altri siti non industriali della città, confrontabile con l altro sito del quartiere Tamburi (Chiesa), per il quale non sono, ancora, disponibili dati analitici aggiornati al L andamento delle deposizioni di diossine presso la scuola Deledda mostra, nel tempo, un decremento a partire dalla seconda metà del Fig.17 Andamento deposizioni diossine Scuola Deledda Di seguito si riportano, inoltre, i valori delle deposizioni di polveri sedimentabili presso il sito Deledda e, in aggiunta, le serie delle medie annuali di deposizioni di polveri sedimentabili in quattro siti collocati nell area di Taranto: Ospedale Testa, Tamburi (Chiesa di San Francesco de Geronimo), Autorità Portuale e Capitaneria di Porto. 20

21 Scuola Deledda Polveri sedimentabili mg x m-2 x die -1 (Tamburi) 08/10/ /11/ /12/ /01/ /02/ /03/ /04/ Polveri sedimentabili mg/m2/giorno Ospedale Testa Tamburi Chiesa Autorità portuale Capitaneria di porto I valori rilevati presso il sito Deledda risultano confrontabili con quelli del sito Tamburi, nello stesso periodo; anche in questo caso, i valori del sito Tamburi risultino più alti rispetto agli altri, con un trend temporale a diminuire per tutti i siti, tranne l ospedale Testa. 21

22 Ossidi di azoto Per l NO2 il D. Lgs 155/2010 prevede due valori limite: la media oraria di 200 µg/m 3 da non superare più di 18 volte nel corso dell anno solare e la media annua di 40 µg/m 3. Nella tabella seguente sono mostrate le medie mensili da gennaio a ottobre Come si evince, le medie sono al di sotto del limite consentito sia nel quartiere Tamburi sia nelle altre centraline considerate. NO 2 (µg/m 3 ) TARANTO - TARANTO - TARANTO - VIA STATTE - TARANTO - MACHIAVELLI ARCHIMEDE ALTO ADIGE SORGENTI TALSANO gen feb mar apr mag giu lug ago set ott Tab. 6 Medie mensili di NO 2 22

23 Benzene Il D. Lgs 155/2010 fissa un valore limite di concentrazione annuo di 5 µg/m 3. Nella tabella seguente sono mostrate le medie mensili da gennaio a ottobre 2013 nelle stazioni di Machiavelli ed Alto Adige. Anche in questo caso, le medie sono al di sotto del limite consentito. B (µg/m 3 ) TARANTO - MACHIAVELLI Tab. 7 Medie mensili di Benzene TARANTO - VIA ALTO ADIGE gen feb mar apr mag giu lug ago set ott

24 STATO DEGLI IMPIANTI ILVA (cokerie) Il trend dello stato della matrice aria nelle zone limitrofe all area industriale è verosimilmente legato agli adeguamenti impiantistici e organizzativi/gestionali connessi al processo di implementazione dell AIA ed alle attività svolte dalla Magistratura sugli impianti ILVA. In proposito, va registrata attualmente la fermata di alcune delle batterie di forni a coke, come desumibile dai tabulati che seguono, ricavati dal sistema di monitoraggio in continuo (SME) dello stabilimento ILVA. Da tali dati risulta che il gruppo di batterie 3-4 è fermo da febbraio 2013, il gruppo 5-6 da dicembre 2012 e il gruppo 9-10 da aprile È evidente che tale situazione comporta una sostanziale riduzione del carico emissivo degli impianti dell area a caldo, immediatamente nelle vicinanze del Quartiere Tamburi, mentre è verosimile che tale carico possa conoscere un nuovo incremento a valle di tali adeguamenti, dopo il possibile riavvio delle cokerie ora in fermata. Tab. 8 Dati SME 2013 Batterie

25 Tab. 9 Dati SME 2013 Batterie 5-6 Tab. 10 Dati SME 2013 Batterie

26 Tab. 11 Dati SME 2013 Batterie 9-10 Tab. 12 Dati SME 2013 Batteria 11 26

27 Tab. 13 Dati SME 2013 Batteria 12 Tab. 14 Dati SME 2012 Batterie

28 RETE ILVA Di seguito si mostrano i dati prodotti dalla rete di monitoraggio della qualità dell'aria interna allo stabilimento siderurgico ILVA di Taranto, precisando che tali dati non sono soggetti ai limiti del D.lgs. 155/2010 in quanto provenienti da postazioni interne ad un ambiente di lavoro. La dislocazione delle stazioni di monitoraggio è mostrata in figura 1. Fig.1 Dislocazione delle centraline di monitoraggio Nelle tabelle seguenti sono presentate le medie mensili degli inquinanti monitorati a partire da agosto 2013, data di avvio del monitoraggio. TAMBURI H2S PM10 SWAM PM10 ENV PM2.5 SWAM BENZENE IPA Anno Mese µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 ng/m N.D. 34,6 37,5 18,3 1, N.D. 25,1 30,1 11,9 1, ,6 25,8 30,3 13,7 1,

29 PORTINERIA H2S PM10 SWAM PM10 ENV PM2.5 SWAM BENZENE IPA Anno Mese µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 ng/m ,8 27,6 33,9 14,5 0, ,1 19,8 23,7 9,5 N.D ,3 20,9 27,4 10,5 0, COKERIA H2S PM10 SWAM PM10 ENV PM2.5 SWAM BENZENE IPA Anno Mese µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 ng/m ,8 109,1 134,0 55,9 31, ,7 80,6 102,2 41,0 32, ,0 54,7 70,7 21,5 14, RIV1 H2S PM10 ENV PM10 SWAM PM2.5 SWAM BENZENE IPA Anno Mese µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 ng/m ,3 39,3 N.D. N.D. N.D. 11, ,5 30,7 25,0 10,7 0,5 15, ,8 32,6 25,2 11,6 0,4 23,5 29

30 METEO PARCHI SO2 NO2 CO H2S PM10 ENV PM10 SWAM PM2.5 SWAM BENZENE IPA Anno Mese µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µ/m 3 ng/m DIREZIONE H2S PM10 ENV PM10 SWAM PM2.5 SWAM BENZENE IPA Anno Mese µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 ng/m ,3 43,3 36,9 22,4 1,9 14, ,6 43,7 36,1 15,4 2,6 18, ,6 43,5 38,5 15,8 4,5 27,9 In figura 2 sono mostrati gli andamenti di PM10 nelle centraline di Machiavelli e Tamburi (Via Orsini rete ILVA). La centralina Orsini presenta tre superamenti del valore limite giornaliero il 5,6 e 8 agosto, giornate nelle quali anche la stazione di Machiavelli ha registrato valori di PM10 prossimi al valore limite. 30

31 Fig.2 PM10 rilevati nelle stazioni di Machiavelli ed Orsini Il coefficiente di correlazione tra i dati rilevati nelle due centraline è pari a 0.88, come si evince anche dallo scatterplot in figura Tamburi g/m Machiavelli µg/m 3 31 Fig.3 Scatterplot Machiavelli vs Orsini Le medie dei due siti risultano non significativamente differenti, con massimi di concentrazione più alti nella stazione di Via Orsini, probabilmente dovuti alla maggiore vicinanza della centralina allo stabilimento, come si evince dal box plot in figura 4.

32 60 Box & Whisker Plot 50 PM10 g/m Machiavelli Tamburi swam Median 25%-75% Min-Max Fig.4 Box plot PM10 nelle centraline di Machiavelli e Orsini IPA Di seguito sono mostrate le principali statistiche descrittive degli IPA monitorati in tutte le centraline della rete ILVA in forma tabellare e grafica. Media Mediana Minimo Massimo 25 percentile 75 percentile TAMBURI PORTINERIA COKERIA RIV METEO PARCHI DIREZIONE Tab.1 Statistiche descrittive IPA 32

33 600 Box & Whisker Plot IPA ng/m TAMBURI PORTINERIA COKERIA RIV1 METEO PARCHI DIREZIONE Median 25%-75% Min-Max Fig.5 Box plot IPA In tabella 3 si riportano per confronto le concentrazioni di IPA registrate sul piano stradale dell area COKERIA di ILVA durante il monitoraggio diagnostico di Bap condotto da ARPA nel Media Mediana Minimo Massimo 22 giugno giugno giugno COKERIA (AGOSTO-OTTOBRE 2013) Tab.3 Statistiche descrittive IPA monitoraggio diagnostico I dati risultano all interno del range statistico ad oggi registrato nella centralina COKERIA, i cui dati vengono riportati per confronto nell ultima riga della tabella. In ogni caso, al fine di verificare il corretto funzionamento dei monitor di IPA nelle stazioni Cokeria e Tamburi, si è proceduto ad affiancare altri monitor di IPA in continuo, di proprietà di ARPA Puglia, appena calibrati in fabbrica. Di seguito sono mostrati gli andamenti dei monitor in parallelo per le due stazioni. 33

34 Fig.5 Andamento dei monitor di IPA nella centralina di Via Orsini La correlazione tra i due monitor è pari a 0.997, come si evince anche dallo scatterplot in figura 6. IPA2 ng/m IPA1 ng/m 3 Fig.6 Scatterplot IPA1 vs IPA2 stazione di Via Orsini 34

35 Le medie ed i valori massimi risultano essere non significativamente differenti, come si evince dal box plot in figura Box & Whisker Plot IPA 1 IPA 2 Median 25%-75% Min-Max Fig.7 Box plot IPA1 e IPA2 stazione di Via Orsini Discorso analogo può essere fatto per la stazione Cokeria. Fig.8 Andamento dei monitor di IPA nella centralina Cokeria 35

36 La correlazione tra i due monitor è pari a 0.996, come si evince anche dallo scatterplot in figura 9. IPA IPA 1 Fig.9 Scatterplot IPA1 vs IPA2 stazione Cokeria Le medie risultano essere non significativamente differenti, come si evince dal box plot in figura 10. I valori massimi, invece, risultano essere più elevati con il monitor IPA1, quello cioè originariamente installato presso la centralina. 36

37 400 Box & Whisker Plot ng/m IPA 1 IPA 2 Median 25%-75% Min-Max Fig.10 Box plot IPA1 e IPA2 stazione Cokeria Dai dati mostrati non si evidenziano anomalie nel funzionamento dei monitor di IPA installati. Tuttavia, ulteriori verifiche saranno condotte nel prossimo futuro al fine di appurare la possibile esistenza di limiti di funzionamento dell analizzatore installato presso la COKERIA, a causa della peculiarità del sito. 37

38 Considerazioni finali I dati disponibili mostrano, a partire dagli ultimi mesi dell anno 2012, un sensibile miglioramento di alcuni parametri di qualità dell aria (PM10, benzo(a)pirene, deposizioni atmosferiche) nei siti di Taranto limitrofi allo stabilimento siderurgico ILVA, con concentrazioni inferiori ai valori di riferimento, anche se tuttora maggiori, in generale, rispetto agli altri siti. Tale miglioramento può essere messo in relazione con il processo di adeguamento in corso nello stabilimento ILVA che vede, attualmente, spente diverse batterie di forni a coke, con conseguente sostanziale riduzione dell apporto emissivo degli impianti. Tale riscontro rappresenta una indubbia prova controfattuale dell attribuibilità ad ILVA degli alti valori osservati nelle precedenti serie temporali. Sotto questo profilo, si rafforzano le già acclarate evidenze contenute nella Relazione Tecnica Preliminare del e nelle Conclusioni del Monitoraggio diagnostico del Benzo(a)Pirene dell L ancor più chiara correlazione fra le emissioni industriali del complesso siderurgico e la qualità dell aria nel Quartiere Tamburi rende di particolare criticità il possibile riavvio di tali impianti, dopo i lavori programmati da ILVA, in relazione al verosimile, nuovo apporto emissivo ed al conseguente, possibile nuovo decremento dei livelli di qualità dell aria. Il Dirigente Responsabile Centro Regionale Aria Dott. Roberto Giua 38

RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO 2013

RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO 2013 RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO 213 1 Questa relazione riporta i dati di qualità dell aria del 213 registrati nelle stazioni di monitoraggio del quartiere Tamburi di Taranto e, per confronto,

Dettagli

ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari. Rapporto sui livelli di Benzo(a)Pirene e metalli pesanti nel PM 10 in Puglia

ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari. Rapporto sui livelli di Benzo(a)Pirene e metalli pesanti nel PM 10 in Puglia Rapporto sui livelli di Benzo(a)Pirene e metalli pesanti nel PM 10 in Puglia Anno 2014 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari INTRODUZIONE Il Rapporto

Dettagli

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la Prevenzione Tel. 08 e la Protezione dell ambiente. CENTRO REGIONALE ARIA c/o DS ARPA

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la Prevenzione Tel. 08 e la Protezione dell ambiente. CENTRO REGIONALE ARIA c/o DS ARPA Oggetto: Valutazione metalli (As,, e ) e Benzo(a)pirene nel PM0 ex D.Lgs. 55/200 ANNO 203 - Lecce-Via (Rete Comune di Lecce) e S.M. Cerrate (RRQA) Il 29/04/204 e il 06/04/204, sono stati trasmessi da parte

Dettagli

REPORT MENSILE DEI DATI DI QUALITÀ DELL ARIA NOVEMBRE 2009

REPORT MENSILE DEI DATI DI QUALITÀ DELL ARIA NOVEMBRE 2009 REPORT MENSILE DEI DATI DI QUALITÀ DELL ARIA NOVEMBRE 2009 La rete di monitoraggio dell inquinamento atmosferico presente sul territorio provinciale di Bologna è attiva dal 1998 ed è costituita attualmente

Dettagli

Rete di monitoraggio della qualità dell aria della Provincia di Rimini Report 2012

Rete di monitoraggio della qualità dell aria della Provincia di Rimini Report 2012 Rete di monitoraggio della qualità dell aria della Provincia di Rimini Report 2012 NOx - Via Flaminia Valori orari NOx - Parco Marecchia Valori orari 500 500 Valore limite media annuale Media annuale Valore

Dettagli

Oggetto: Nota tecnica sulla qualità dell aria in relazione all incendio avvenuto all interno della Raffineria ENI di Taranto in data 01/04/2017.

Oggetto: Nota tecnica sulla qualità dell aria in relazione all incendio avvenuto all interno della Raffineria ENI di Taranto in data 01/04/2017. Spett.le DAP TARANTO ARPA PUGLIA E p.c. Spett. le DIREZIONE GENERALE ARPA PUGLIA Oggetto: Nota tecnica sulla qualità dell aria in relazione all incendio avvenuto all interno della Raffineria ENI di Taranto

Dettagli

Ufficio Aria Dipartimento Provinciale

Ufficio Aria Dipartimento Provinciale CAMPAGNA DI MONITORAGGIO E METALLI P.zza VITTORIO EMANUELE - POTENZA - ANNO 15 1 Gestione, Manutenzione ed Elaborazione a cura di: Ufficio Aria, Dip. prov. Potenza P.I. Giuseppe Taddonio P.I. Rocco Marino

Dettagli

INQUINANTI MONITORATI DALLA RETE VALUTAZIONE DEI DATI

INQUINANTI MONITORATI DALLA RETE VALUTAZIONE DEI DATI Cap. 4 INQUINANTI MONITORATI DALLA RETE VALUTAZIONE DEI DATI 4.1 Quadro normativo vigente Il D.Lgs. n. 351/99 (recepimento della direttiva 96/62/CE) in materia di valutazione e gestione della qualità dell

Dettagli

ARPA FVG. Monitoraggio della qualità dell aria. Rilievi effettuati a centrale termoelettrica spenta ed accesa nel comune di Monfalcone

ARPA FVG. Monitoraggio della qualità dell aria. Rilievi effettuati a centrale termoelettrica spenta ed accesa nel comune di Monfalcone Monitoraggio della qualità dell aria Rilievi effettuati a centrale termoelettrica spenta ed accesa nel comune di Monfalcone Mercoledì 19 novembre 2014 Comune di Monfalcone Durata del monitoraggio A2A FERMA

Dettagli

Studio Comparativo tra i valori di PM10 di Barletta e Taranto.

Studio Comparativo tra i valori di PM10 di Barletta e Taranto. Studio Comparativo tra i valori di PM10 di Barletta e Taranto. La presente relazione si propone di effettuare una lettura e una elaborazione dei dati prelevati dalle stazioni della Rete Regionale di monitoraggio

Dettagli

Monitoraggio sperimentale effettuato con campionatore ad alto volume. Attività svolta nel 2008

Monitoraggio sperimentale effettuato con campionatore ad alto volume. Attività svolta nel 2008 Monitoraggio sperimentale effettuato con campionatore ad alto volume Attività svolta nel 2008 Obiettivo attività: L attività oggetto della seguente presentazione è stata svolta da questa Agenzia su incarico

Dettagli

Laboratorio Mobile Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Campagna di monitoraggio della QUALITÀ DELL ARIA

Laboratorio Mobile Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Campagna di monitoraggio della QUALITÀ DELL ARIA Sezione Provinciale di Forlì-Cesena Viale Livio Salinatore, 2 47121 - Forlì Tel. 543/4514111 Fax 543/451451 E-mail: sezfo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Area Monitoraggio e Valutazione Aria Amministrazione

Dettagli

RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA ARPA Puglia Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Dipartimento Provinciale di Direttore Dott. Elio Calabrese RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA Aggiornamento dati Qualità dell Aria Valutazione

Dettagli

Dall esperienza pugliese della valutazione del danno sanitario alle proposte del gruppo di lavoro ambiente e salute della rete ISPRA/ARPA/APPA

Dall esperienza pugliese della valutazione del danno sanitario alle proposte del gruppo di lavoro ambiente e salute della rete ISPRA/ARPA/APPA Valutazione di impatto sulla salute: esperienze, progetti e network nazionali Dall esperienza pugliese della valutazione del danno sanitario alle proposte del gruppo di lavoro ambiente e salute della rete

Dettagli

RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA ARPA Puglia Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Dipartimento Provinciale di Taranto Direttore Dott. Elio Calabrese RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA Aggiornamento dati Qualità dell

Dettagli

Trento, 13 maggio 2014

Trento, 13 maggio 2014 L uso di materie prime e combustibili alternativi in cementeria - Controlli e monitoraggi ambientali Cagliero Silvio Trento, 13 maggio 2014 Arpa Piemonte- Dipartimento provinciale di CUNEO Il Piano Provinciale

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 10. ARIA 10.1. Inquadramento L inquinamento atmosferico è un fenomeno assai complesso poiché, oltre ad essere il risultato dell immissione di sostanze prodotte da svariate attività antropiche (produzione

Dettagli

Rete di monitoraggio della qualità dell aria della provincia di Piacenza. Servizio Sistemi Ambientali arpa Sezione Provinciale di Piacenza

Rete di monitoraggio della qualità dell aria della provincia di Piacenza. Servizio Sistemi Ambientali arpa Sezione Provinciale di Piacenza Rete di monitoraggio della qualità dell aria della provincia di Piacenza Servizio Sistemi Ambientali arpa Sezione Provinciale di Piacenza CONFIGURAZIONE DELLA RETE PARAMETRI RILEVATI LIMITI DI QUANTIFICAZIONE

Dettagli

CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE

CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE Il monossido di carbonio è un inquinante da traffico caratteristico delle aree urbane a circolazione congestionata. CLASSIFICAZIONE TEMA SOTTOTEMA

Dettagli

RELAZIONE MONITORAGGIO LOCALITA GHIGIANO, COLOGNOLA E BELVEDERE DI GUBBIO

RELAZIONE MONITORAGGIO LOCALITA GHIGIANO, COLOGNOLA E BELVEDERE DI GUBBIO Dipartimento Provinciale di Perugia Servizio reti monitoraggio aria e agenti fisici RELAZIONE MONITORAGGIO LOCALITA GHIGIANO, COLOGNOLA E BELVEDERE DI GUBBIO Rilevazione dal 13 giugno 2006 al 28 settembre

Dettagli

Concentrazione delle polveri sottili nel 2016 in provincia di Verona

Concentrazione delle polveri sottili nel 2016 in provincia di Verona Concentrazione delle polveri sottili nel 2016 in provincia di Verona Analisi sintetica dei dati misurati nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 20 dicembre 2016, presso le centraline di misura della

Dettagli

la qualità dell Aria in Emilia-Romagna

la qualità dell Aria in Emilia-Romagna la qualità dell Aria in Emilia-Romagna aggiornamento al 2015 0T0TSINTESI 1 2 indice - i messaggi chiave 4 Pag. - la sintesi 5 - i fattori meteo climatici: 7 - giorni favorevoli all accumulo di PM 10 7

Dettagli

La stazione di monitoraggio della qualità dell aria del Parco Aldo Mei a Beinasco. Relazione 2012 e aggiornamento 2013

La stazione di monitoraggio della qualità dell aria del Parco Aldo Mei a Beinasco. Relazione 2012 e aggiornamento 2013 La stazione di monitoraggio della qualità dell aria del Parco Aldo Mei a Beinasco Relazione 2012 e aggiornamento 2013 Come viene monitorata la qualità dell aria nell intorno dell impianto? Complessivamente,

Dettagli

La qualità dell aria nella Città di Torino Serie storiche e situazione attuale

La qualità dell aria nella Città di Torino Serie storiche e situazione attuale La qualità dell aria nella Città di Torino Serie storiche e situazione attuale Audizione IV-VI Commissione Consiliare, Città di Torino, 26 febbraio 2014 Sommario Il ruolo di Arpa Piemonte nel processo

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA QUALITÁ DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI PARMA. COMUNE DI PARMA Strada Burla

VALUTAZIONE DELLA QUALITÁ DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI PARMA. COMUNE DI PARMA Strada Burla Sezione Provinciale di Viale Bottego, 9 43121 Tel. 521/976.111 Fax 521/976.112 Email: sezpr@arpa.emr.it Posta elettronica certificata: aoopr@cert.arpa.emr.it Servizio sistemi ambientali Viale Bottego,

Dettagli

Direttore A.R.P.A.B Ing. Raffaele Vita

Direttore A.R.P.A.B Ing. Raffaele Vita POTENZA P.zza VITTORIO EMANUELE CAMPAGNA MONITORAGGIO PM10 E METALLI IN TRACCIA ANNO 2011 1 Gestione Manutenzione ed Elaborazione a cura di : Ufficio Aria Dip. Prov. Potenza P.I. Giuseppe Taddonio P.I.

Dettagli

I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO DALLE STAZIONI FISSE NELLA CITTA DI VICENZA

I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO DALLE STAZIONI FISSE NELLA CITTA DI VICENZA I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO DALLE STAZIONI FISSE NELLA CITTA DI VICENZA Anno 27 Area Tecnico-Scientifica Dipartimento Provinciale di Vicenza ARPAV Direttore Generale Andrea Drago Direttore

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica sull evento di incendio verificatosi presso lo stabilimento ILVA S.p.A. di Taranto in data 28/02/2012.

Oggetto: Relazione tecnica sull evento di incendio verificatosi presso lo stabilimento ILVA S.p.A. di Taranto in data 28/02/2012. Prot. Taranto, PREFETTURA DI TARANTO Via Anfiteatro, 4 74123 TARANTO MINISTERO DELL AMBIENTE Direzione Salvaguardia Ambientale Via C. Colombo, 44 00144 ROMA ISPRA Via V. Brancati, 48 00185 ROMA REGIONE

Dettagli

TRAFORO AUTOSTRADALE DEL FREJUS - GALLERIA DI SICUREZZA - LOTTO 2 OPERE CIVILI LATO ITALIA

TRAFORO AUTOSTRADALE DEL FREJUS - GALLERIA DI SICUREZZA - LOTTO 2 OPERE CIVILI LATO ITALIA TRAFORO AUTOSTRADALE DEL FREJUS - GALLERIA DI SICUREZZA - LOTTO 2 OPERE CIVILI LATO ITALIA MONITORAGGIO AMBIENTALE - FASE ANTE OPERAM Componente atmosfera Obiettivi specifici Descrizione dell area oggetto

Dettagli

Laboratorio Mobile Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico COMUNE DI SAN FILIPPO DEL MELA Fraz. ARCHI 14/09/ /10/2006

Laboratorio Mobile Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico COMUNE DI SAN FILIPPO DEL MELA Fraz. ARCHI 14/09/ /10/2006 Laboratorio Mobile Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico COMUNE DI SAN FILIPPO DEL MELA Fraz. ARCHI 14/09/2006-19/10/2006 A cura del Servizio Tecnico IV-Atmosfera Dirigente Dott. Capilli Laboratorio

Dettagli

POSTAZIONE SANTA SEVERA

POSTAZIONE SANTA SEVERA CONSORZIO PER LA GESTIONE DELL OSSERVATORIO AMBIENTALE POSTAZIONE SANTA SEVERA BIOSSIDO DI AZOTO NO2 - Biossido di Azoto S.Severa D. Lgs n. 155/10 % dati validi 98% raccolta minima dei dati 90% Linee guida

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE DISTRETTO PROVINCIALE DI PESCARA Cod. Fisc.: P. I.V.A.: QUALITA DELL ARIA

AGENZIA REGIONALE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE DISTRETTO PROVINCIALE DI PESCARA Cod. Fisc.: P. I.V.A.: QUALITA DELL ARIA QUALITA DELL ARIA INCENDIO TERRAVERDE - RELAZIONE DEL PERIODO DI MISURE ESEGUITE CON IL LABORATORIO MOBILE PER IL RILEVAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA NEL COMUNE DI PICCIANO (FRAZ. DI PICCIANELLO) E RISULTATI

Dettagli

L esperienza di monitoraggio integrato di qualità dell aria a supporto del rinnovo dell AIA per l acciaieria di Aosta

L esperienza di monitoraggio integrato di qualità dell aria a supporto del rinnovo dell AIA per l acciaieria di Aosta L esperienza di monitoraggio integrato di qualità dell aria a supporto del rinnovo dell AIA per l acciaieria di Aosta Claudia Tarricone c.tarricone@arpa.vda.it Rete di monitoraggio della qualità dell aria

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto La qualità dell'aria nel Comune di Villa Estense

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto La qualità dell'aria nel Comune di Villa Estense Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto La qualità dell'aria nel Comune di Villa Estense ARPAV - Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Villa

Dettagli

Costa Crociere S.p.A. Genova, Italia

Costa Crociere S.p.A. Genova, Italia Doc. No. 12-343-H37 Rev. 0 APRILE 2013 Costa Crociere S.p.A. Genova, Italia Operazioni di Rimozione del Attività di Monitoraggio della Qualità dell Aria Relitto della Nave Costa Concordia Presso Isola

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Comune di Castelnovo né Monti Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell Emilia-Romagna Sezione di Reggio Emilia Servizio Sistemi

Dettagli

RELAZIONE SU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITA DELL ARIA A SEGUITO DELL INCENDIO DI CASALNUOVO 18-19 LUGLIO 2016

RELAZIONE SU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITA DELL ARIA A SEGUITO DELL INCENDIO DI CASALNUOVO 18-19 LUGLIO 2016 RELAZIONE SU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITA DELL ARIA A SEGUITO DELL INCENDIO DI CASALNUOVO 18-19 LUGLIO 2016 Attività dell ARPAC A seguito dell incendio che si è sviluppato a partire

Dettagli

RELAZIONESU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITA DELL ARIA A SEGUITO DELL INCENDIO DI CASALNUOVO 18-19 LUGLIO 2016

RELAZIONESU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITA DELL ARIA A SEGUITO DELL INCENDIO DI CASALNUOVO 18-19 LUGLIO 2016 RELAZIONESU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITA DELL ARIA A SEGUITO DELL INCENDIO DI CASALNUOVO 18-19 LUGLIO 2016 Attività dell ARPAC A seguito dell incendio che si è sviluppato a partire dalle

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, DEI MATERIALI E DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE TESI DI LAUREA Analisi dei dati di due campagne

Dettagli

Comune di Castelnovo Sotto

Comune di Castelnovo Sotto Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA - - Comune di A cura di: Servizio Sistemi Ambientali Rete di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Dettagli

Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con PERFORM Master

Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con PERFORM Master Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con PERFORM Master Universitario di II livello in Master Universitario di II

Dettagli

LIMITE. giorno Valori limite DPR 203/ semestre freddo (1 ott.-31 mar.) 80 (mediana) 250 (98 percentile) 1

LIMITE. giorno Valori limite DPR 203/ semestre freddo (1 ott.-31 mar.) 80 (mediana) 250 (98 percentile) 1 Tabella A: Limiti alle concentrazioni di inquinanti dell'aria previsti dalla normativa nazionale e attualmente in vigore (dicembre 2002) INQUINANTE ZOLFO PARTICOLATO PST (gravimetrico) PERIODO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto La qualità dell'aria nel Comune di Abano Terme

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto La qualità dell'aria nel Comune di Abano Terme Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto La qualità dell'aria nel Comune di Abano Terme ARPAV - Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Abano

Dettagli

QUALITA DELL ARIA RELAZIONE ANNUALE 2003 ZONA INDUSTRIALE S.CHIODO DI SPOLETO DISTRETTO DI: SPOLETO - VALNERINA

QUALITA DELL ARIA RELAZIONE ANNUALE 2003 ZONA INDUSTRIALE S.CHIODO DI SPOLETO DISTRETTO DI: SPOLETO - VALNERINA DISTRETTO DI: SPOLETO - VALNERINA QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE S.CHIODO DI SPOLETO RELAZIONE ANNUALE 23 Pagina 1 di 18 A cura di: T.d.P. Irene Dominici ARPA Sezione Territoriale Foligno Spoleto Collaborazioni

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli - Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli - Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli - Venezia Giulia Dipartimento Provinciale di Udine CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELLA ZONA INDUSTRIALE UDINESE (Materiale

Dettagli

Area Innovazione Tecnologica - Ufficio Innovazione

Area Innovazione Tecnologica - Ufficio Innovazione Area Innovazione Tecnologica - Ufficio Innovazione Analisi dei dati e grafici dell inquinamento atmosferico riferito alle polveri sottili (PM10) della città di Palermo per l anno 2015. Palermo, gen. 2016

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

Il miglioramento ambientale della PAMP SA di Castel San Pietro

Il miglioramento ambientale della PAMP SA di Castel San Pietro Il miglioramento ambientale della PAMP SA di Castel San Pietro PAMP SA: la storia 1977 Nascita di Pamp SA come produttore di metalli preziosi in piccoli lingotti coniati con l effige della fortuna 1984

Dettagli

Sezione provinciale di Modena viale Fontanelli, Modena tel 059/453960/59/58

Sezione provinciale di Modena viale Fontanelli, Modena tel 059/453960/59/58 Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna via Po,5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione provinciale di Modena viale Fontanelli,

Dettagli

CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ

CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI LUCCA 551 LUCCA Via A. Vallisneri, 6 - Tel. 553261 Fax 5553568 P.I. e C.F.: 468619481 cl. DP_LU.1.35.2/1 CAMPAGNA

Dettagli

Servizio Sistemi Ambientali

Servizio Sistemi Ambientali Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 - Via Triachini, 17 4138 Bologna Tel. 51 396211 Fax 51 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: urpbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Sezione

Dettagli

L esperienza di ARPA Puglia nella valutazione del rischio inalatorio da attività siderurgica R. Giua (ARPA Puglia)

L esperienza di ARPA Puglia nella valutazione del rischio inalatorio da attività siderurgica R. Giua (ARPA Puglia) Convegno Simulare Conviene! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione ARPAL - Genova, 22/05/2013 L esperienza di ARPA Puglia nella valutazione del rischio inalatorio da attività siderurgica

Dettagli

RELAZIONE SU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITÀ DELL ARIA A SEGUITO DEGLI INCENDI SUL M.TE VESUVIO LUGLIO 2017

RELAZIONE SU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITÀ DELL ARIA A SEGUITO DEGLI INCENDI SUL M.TE VESUVIO LUGLIO 2017 RELAZIONE SU CONDIZIONI METEOAMBIENTALI E PRIMI DATI QUALITÀ DELL ARIA A SEGUITO DEGLI INCENDI SUL M.TE VESUVIO 11-12 LUGLIO 2017 Attività dell ARPAC A seguito della sequenza di incendi che si sono sviluppati

Dettagli

12. LA QUALITA DELL ARIA NEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

12. LA QUALITA DELL ARIA NEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO 12. LA QUALITA DELL ARIA NEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO 12.1. Introduzione Il comune di San Martino Buon Albergo è caratterizzato da una direttrice viaria principale, che attraversa l area centrale

Dettagli

Studio e caratterizzazione del particolato atmosferico in Val d Agri

Studio e caratterizzazione del particolato atmosferico in Val d Agri Studio e caratterizzazione del particolato atmosferico in Val d Agri Serena Trippetta REGIONE BASILICATA Marsico Nuovo (PZ), 4 luglio 213 1 Outline Analisi di misure giornaliere di particolato atmosferico

Dettagli

I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO NELLA CITTÀ DI VICENZA

I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO NELLA CITTÀ DI VICENZA I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO NELLA CITTÀ DI VICENZA ARPAV Dipartimento Provinciale di Vicenza Vincenzo Restaino Progetto e realizzazione Servizio Stato dell Ambiente Ugo Pretto (Responsabile

Dettagli

TAV MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL'ARIA NEL COMUNE DI BIELLA - STAZIONI

TAV MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL'ARIA NEL COMUNE DI BIELLA - STAZIONI TAV. 9.1 - MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL'ARIA NEL COMUNE DI BIELLA - STAZIONI Stazioni Altitudine Analizzatori Sensori meteorologici N 1 - Biella 405 m. Ossidi di Azoto (NOX) Pioggia c/o Centro Prevenzione

Dettagli

9 LA QUALITA DELL ARIA NEL COMUNE DI VERONA

9 LA QUALITA DELL ARIA NEL COMUNE DI VERONA 9 LA QUALITA DELL ARIA NEL COMUNE DI VERONA 9.1 Introduzione La rete comunale della qualità dell aria della città di Verona è stata realizzata realizzata in base al D.M. 2/5/91 che stabilisce i criteri

Dettagli

Verso il Piano Provinciale di risanamento della qualità dell aria 21/02/2006. La qualità dell aria nel Territorio Modenese

Verso il Piano Provinciale di risanamento della qualità dell aria 21/02/2006. La qualità dell aria nel Territorio Modenese Verso il Piano Provinciale di risanamento della qualità dell aria 21/2/26 La qualità dell aria nel Territorio Modenese La qualità dell aria nel Territorio Modenese Come mai.? Aria più fredda Aria fredda

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2008

Dettagli

CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA. - Laboratorio Mobile - Comune di Rubiera. Via Gramsci c/o Monumento Caduti

CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA. - Laboratorio Mobile - Comune di Rubiera. Via Gramsci c/o Monumento Caduti Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA - - Comune di c/o Monumento Caduti A cura di: Servizio Sistemi Ambientali Rete di Monitoraggio

Dettagli

AMBROSIA ARTEMISIIFOLIA L. DAI DATI DEL MONITORAGGIO AEROBIOLOGICO DELLA RETE ARPA PIEMONTE

AMBROSIA ARTEMISIIFOLIA L. DAI DATI DEL MONITORAGGIO AEROBIOLOGICO DELLA RETE ARPA PIEMONTE IL SISTEMA VITI-VINICOLO REGIONALE - 24 marzo 24 Dott.ssa Maria Rita Cesare Arpa Piemonte Dipartimento di Torino AMBROSIA ARTEMISIIFOLIA L. DAI DATI DEL MONITORAGGIO AEROBIOLOGICO DELLA RETE ARPA PIEMONTE

Dettagli

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell ambiente

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell ambiente ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell ambiente Sede legale: Corso Trieste, 27 70126 Bari Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli - Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli - Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli - Venezia Giulia Dipartimento Provinciale di Servizio Tematico Analitico CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEL COMUNE DI MOIMACCO

Dettagli

Monossido di Carbonio

Monossido di Carbonio CO Monossido di Carbonio Valore limite per la protezione della salute umana, (DM.4., n. 6): media mobile su 8 ore massima giornaliera nell arco di un anno civile, ovvero massima concentrazione media su

Dettagli

Comune di Castelnovo Monti

Comune di Castelnovo Monti Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Emilia CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA - - Comune di Monti Seconda postazione: S.S. 513 A cura di: Servizio Sistemi Ambientali Rete di Monitoraggio

Dettagli

Campagna di Monitoraggio di PM 10 e metalli a Murano - Venezia

Campagna di Monitoraggio di PM 10 e metalli a Murano - Venezia Campagna di Monitoraggio di PM 10 e metalli a Murano - Venezia Periodo di attuazione: 28 febbraio 1 maggio 2013 1 settembre 4 novembre 2013 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione e obiettivi specifici

Dettagli

Inquinamento da particolatoaerodisperso nella Cittàdi Torino

Inquinamento da particolatoaerodisperso nella Cittàdi Torino Inquinamento da particolatoaerodisperso nella Cittàdi Torino sistema di monitoraggio di qualità dell aria La rete gestita dal Dipartimento di Torino di Arpa Piemonte è inserita nel Sistema Regionale di

Dettagli

RETE REGIONALE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA PROVINCIA DI BOLOGNA REPORT DEI DATI 2011

RETE REGIONALE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA PROVINCIA DI BOLOGNA REPORT DEI DATI 2011 RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA REPORT DATI 2011 RETE REGIONALE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA PROVINCIA DI BOLOGNA REPORT DEI DATI 2011 Situazione meteorologica PM 10 PM 2.5 NO 2

Dettagli

Sintesi della relazione conclusiva (Novembre 2012)

Sintesi della relazione conclusiva (Novembre 2012) Piano di Monitoraggio Ambientale della Qualità dell Aria nei pressi dell impianto di cogenerazione a biomasse naturali per la produzione di energia elettrica, con potenza termica autorizzata di 49.2 MWt,

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile Sito di monitoraggio: comune di Soleto (LE) Periodo di osservazione:

Dettagli

Valutazione della qualità dell'aria nella Provincia di Parma Borgotaro. Laboratorio Mobile - Unità Mobile

Valutazione della qualità dell'aria nella Provincia di Parma Borgotaro. Laboratorio Mobile - Unità Mobile Valutazione della qualità dell'aria nella Provincia di Parma 1-11 1 Località: Coordinate: UTM X: 561644 Inizio campagna: /1 Postazione: P.le Lauro Grossi UTM Y: 9643 Fine campagna: 17/1 Unità Mobile: Località:

Dettagli

PREMESSA MONITORAGGIO QUALITÀ DELL ARIA. Descrizione della rete fissa di monitoraggio della qualità dell aria

PREMESSA MONITORAGGIO QUALITÀ DELL ARIA. Descrizione della rete fissa di monitoraggio della qualità dell aria VAL D AGRI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA REPORT TEMPORALE: 11 15 NOVEMBRE 2015 PREMESSA La presente relazione propone un quadro della qualità dell aria nella zona industriale della Val d Agri nei

Dettagli

SEMINARIO DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE: STATO DELL ARTE SULLE ESPERIENZE NAZIONALI

SEMINARIO DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE: STATO DELL ARTE SULLE ESPERIENZE NAZIONALI SEMINARIO DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE: STATO DELL ARTE SULLE ESPERIENZE NAZIONALI LE DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE DI MICROINQUINANTI ORGANICI: VALUTAZIONE DELL UTILIZZO DEL METODO NELLO STUDIO DELL IMPATTO DELLE

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Noventa Padovana

Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Noventa Padovana Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Noventa Padovana Campagna di monitoraggio: in via Tasso, dal 09/02/12 al 19/03/12 e dal 29/08/12 al 03/10/12 Realizzato da: ARPAV -

Dettagli

Campagna di monitoraggio della Qualità

Campagna di monitoraggio della Qualità Periodo di osservazione: dal 30/11/ al 16/02/2011 dell Aria: Gioia Tauro Il presente lavoro descrive i risultati dell'indagine sulla qualità dell'aria effettuata nel comune di Gioia Tauro nel periodo compreso

Dettagli

La Qualità dell'aria a Vicenza. Anno RELAZIONE TECNICA

La Qualità dell'aria a Vicenza. Anno RELAZIONE TECNICA La Qualità dell'aria a Vicenza Anno 2014 2015 RELAZIONE TECNICA ARPAV Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Dipartimento Provinciale di Vicenza Giancarlo Cunego Progetto e realizzazione Servizio Stato

Dettagli

Servizio Sistemi Ambientali Viale Fontanelli, Modena - Tel Fax

Servizio Sistemi Ambientali Viale Fontanelli, Modena - Tel Fax Sezione Provinciale di Modena Viale Fontanelli, 23 41121 Modena - Tel. 059 433611 - Fax 059 433658 e-mail: urpmo@arpa.emr.it pec: aoomo@cert.arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Viale Fontanelli, 23

Dettagli

ATMOSFERA, CARATTERIZZAZIONE METEOCLIMATICA

ATMOSFERA, CARATTERIZZAZIONE METEOCLIMATICA 1 / 20 ST-001 ALLEGATO I ATMOSFERA, CARATTERIZZAZIONE METEOCLIMATICA 2 / 20 ST-001 DESCRIZIONE DELLE CONDIZIONI METEOCLIMATICHE Gli impianti di trattamento e di compressione gas della Concessione Stoccaggio

Dettagli

I LIVELLI DEL LAGO DI GARDA NEGLI ANNI

I LIVELLI DEL LAGO DI GARDA NEGLI ANNI DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO GARDA NEGLI ANNI 2009-10 ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Servizio Idrologico Regionale Giacomo Renzo

Dettagli

1. Premessa Concentrazioni in aria di particolato fine (PM 10 ) Dati utilizzati Valutazione dei dati... 24

1. Premessa Concentrazioni in aria di particolato fine (PM 10 ) Dati utilizzati Valutazione dei dati... 24 Valutazione dell impatto dell impianto siderurgico sulla qualita dell aria nel comprensorio di Servola nel periodo gennaio 2015 31 marzo 2016. Concentrazione di PM10, C6H6 e B(a)P, deposizione di polveri,

Dettagli

I LIVELLI DEL LAGO DI GARDA NEGLI ANNI

I LIVELLI DEL LAGO DI GARDA NEGLI ANNI DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO GARDA NEGLI ANNI 2007-08 ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Progetto e realizzazione Italo Saccardo Gianmario

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI DI PARTICOLATO ATMOSFERICO E DELLE SUE SORGENTI NELL AREA DI LECCE

CARATTERIZZAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI DI PARTICOLATO ATMOSFERICO E DELLE SUE SORGENTI NELL AREA DI LECCE WORKSHOP REPORT SALUTE E AMBIENTE in Provincia di Lecce CARATTERIZZAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI DI PARTICOLATO ATMOSFERICO E DELLE SUE SORGENTI NELL AREA DI LECCE Daniele Contini Istituto di Scienze dell

Dettagli

Servizio Osservatorio Regionale Aria inquinamento atmosferico anni PASSANTE DI MESTRE

Servizio Osservatorio Regionale Aria inquinamento atmosferico anni PASSANTE DI MESTRE PASSANTE DI MESTRE - COMPONENTE ATMOSFERA - DOCUMENTO DI SINTESI DEL MONITORAGGIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO ANNI 2005-2008 Indice Indice... 1 1 Introduzione... 2 2 Siti e campagne di monitoraggio... 2 3

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Piazzola sul Brenta

Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Piazzola sul Brenta Dipartimento Provinciale di Padova La qualità dell'aria nel Comune di Piazzola sul Brenta Campagna di monitoraggio: in Via Marconi, dal 13/07/06 al 01/08/06 e dal 17/03/07 al 03/04/07 Realizzato da: ARPAV

Dettagli

Rilascio di sostanze odorigene avvenuto a Taranto in data 17/01/2012

Rilascio di sostanze odorigene avvenuto a Taranto in data 17/01/2012 R E L A Z I O N E T E C N I C A Rilascio di sostanze odorigene avvenuto a Taranto in data 17/01/2012 Risultati degli accertamenti tecnici Svolti da ARPA Puglia Pagina n. 1 di 6 In data 17 gennaio 2012,

Dettagli

Andamento meteorologico dell inverno a Bologna - dati aggiornati a febbraio

Andamento meteorologico dell inverno a Bologna - dati aggiornati a febbraio Andamento meteorologico dell inverno a Bologna - dati aggiornati a febbraio 2015 - I dati meteo registrati a febbraio nella stazione di Bologna-Borgo Panigale e comunicati dal Servizio IdroMeteoClima dell'arpa

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 382

Capitolo 6 Risultati pag. 382 Capitolo 6 Risultati pag. 382 generazione del calore per riscaldamento urbano, ed è comunque uniformemente distribuita sui quadranti interessati dal teleriscaldamento, con maggiore effetto su quelli più

Dettagli

Comune di Montecchio Emilia

Comune di Montecchio Emilia Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA - - Comune di Emilia A cura di: Servizio Sistemi Ambientali Rete di Monitoraggio della Qualità

Dettagli

Comune di Reggio Emilia

Comune di Reggio Emilia Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA - - Comune di A cura di: Servizio Sistemi Ambientali Rete di Monitoraggio della Qualità dell'aria di Agenzia

Dettagli

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Indice 1 / A1.1 Particolato fine (PM 10) 7 / A1.2 Particolato fine (PM 2.5) 11 / A1.3 Biossido di azoto (NO 2) 14 / A1.4 Monossido di carbonio (CO) 17

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Jesolo Piazza Torino, Lido di Jesolo Periodo di attuazione: 16 luglio 2014-7 settembre 2014 (1 a campagna) 15 novembre 2014-18 gennaio 2015 (2

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA EFFETTUATA CON MEZZO MOBILE NEL COMUNE DI NONANTOLA. Periodo Dal 29/01/2016 al 23/02/2016

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA EFFETTUATA CON MEZZO MOBILE NEL COMUNE DI NONANTOLA. Periodo Dal 29/01/2016 al 23/02/2016 CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA EFFETTUATA CON MEZZO MOBILE NEL COMUNE DI NONANTOLA Comune Nonantola Periodo Dal 29/01/2016 al 23/02/2016 Zona Monitorata Via Rebecchi c/o civico 72 Coordinate

Dettagli

Andamento meteorologico dell estate a Bologna - dati aggiornati ad agosto

Andamento meteorologico dell estate a Bologna - dati aggiornati ad agosto Andamento meteorologico dell estate a Bologna - dati aggiornati ad agosto 2014 - I dati meteo registrati ad agosto nella stazione di Bologna-Borgo Panigale e comunicati dal Servizio IdroMeteoClima dell'arpa

Dettagli

Il Monitoraggio della Qualità dell'aria effettuato dalle stazioni fisse Provincia di Vicenza. Anno RELAZIONE TECNICA

Il Monitoraggio della Qualità dell'aria effettuato dalle stazioni fisse Provincia di Vicenza. Anno RELAZIONE TECNICA Il Monitoraggio della Qualità dell'aria effettuato dalle stazioni fisse Provincia di Vicenza Anno 2013-2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Dipartimento Provinciale di Vicenza

Dettagli

la qualità dell aria in Provincia di Modena: report sintetico anno 2011

la qualità dell aria in Provincia di Modena: report sintetico anno 2011 la qualità dell aria in Provincia di Modena: report sintetico anno 211 Edizione marzo 212 Modena: Piazzale N.Bruni Foto di Giancarlo Nannini Versione 2 del 6/6/214 pag. 1/51 Indice Tema ambientale: La

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione Qualità dell'aria Dati

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Venezia Isola di Sant Elena Periodo di attuazione: 5 giugno 22 luglio 2013 (semestre caldo) RELAZIONE TECNICA Realizzato a cura di: A.R.P.A.V.

Dettagli

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI COSENZA Servizio Tematico Aria

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI COSENZA Servizio Tematico Aria DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI COSENZA Servizio Tematico Aria RETE EDISON DI ALTOMONTE AGGIORNAMENTO DATI DI QUALITA DELL ARIA ANNO 2010 Realizzato a cura di ARPACal Dipartimento Provinciale di Cosenza Servizio

Dettagli

Andamento meteorologico della primavera a Bologna - dati aggiornati a maggio

Andamento meteorologico della primavera a Bologna - dati aggiornati a maggio Andamento meteorologico della primavera a Bologna - dati aggiornati a maggio 2014 - I dati meteo registrati a maggio nella stazione di Bologna-Borgo Panigale e comunicati dal Servizio IdroMeteoClima dell'arpa

Dettagli