RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato"

Transcript

1 Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 3, COMMA 3, DEL DECRETO LEGISLATIVO 16 MARZO 1999, N. 79 Introduzone L artcolo 3 del decreto legslatvo 16 marzo 1999, n. 79 (d seguto: decreto legslatvo n. 79/99) stablsce che la socetà Gestore della rete d trasmssone nazonale Spa (d seguto: l Gestore della rete) eserct le attvtà d trasmssone e d dspaccamento dell energa elettrca sul terrtoro nazonale, v compresa la gestone unfcata della rete d trasmssone nazonale, n regme d concessone. L artcolo 3, comma 3, del decreto legslatvo n. 79/99 prevede che l Autortà per l energa elettrca e l gas (d seguto: l Autortà) fss le condzon atte a garantre a tutt gl utent della rete la lbertà d accesso a partà d condzon, l mparzaltà e la neutraltà del servzo d trasmssone e d dspaccamento, e che, nell eserczo d tale competenza, l Autortà debba persegure l obettvo della pù effcente utlzzazone dell energa elettrca prodotta o comunque mmessa nel sstema elettrco nazonale, compatblmente con vncol tecnc delle ret L artcolo 5, comma 2, del decreto legslatvo n. 79/99 prevede che entro l 1 gennao 2001 l ordne d entrata n funzone delle untà d produzone d energa elettrca, nonché la selezone degl mpant d rserva e d tutt servz auslar offert sa determnato secondo l ordne d merto economco, fatte salve le prevson relatve all energa elettrca prodotta da font rnnovabl e da cogenerazone, e che, dalla data n cu l dspaccamento d merto economco vene applcato, la socetà Gestore del mercato elettrco Spa (d seguto: l Gestore del mercato) assuma la gestone delle offerte d vendta e d acqusto dell energa elettrca e d tutt servz conness. La necesstà che l Autortà eman condzon n matera d dspaccamento secondo una tempstca compatble con l processo d defnzone della dscplna del mercato, d cu all artcolo 5, comma 1, del decreto legslatvo n. 79/99, dscende dalle nterdpendenze tra le attvtà d dspaccamento, l sstema delle offerte d cu all artcolo 5, comma 1, del decreto legslatvo n. 79/99 ed contratt blateral. L attvtà d dspaccamento s esplca, nfatt, attraverso l mposzone d vncol al comportamento degl operator sul mercato e medante la gestone d apposte rsorse l cu approvvgonamento, a sens dell artcolo 5, comma 2, del decreto legslatvo n. 79/99, deve essere gestto dal Gestore del mercato. 1 Fnaltà e requst delle attvtà d dspaccamento nel mercato elettrco lberalzzato

2 Nel modello organzzatvo del settore elettrco ntrodotto dal decreto legslatvo n. 79/99 programm d mmssone e d prelevo d energa elettrca (d seguto: programm), che corrspondono a mpegn lberamente assunt da partecpant al mercato, sono defnt: a) nel sstema delle offerte d cu all artcolo 5 del decreto legslatvo n. 79/99; b) attraverso contratt blateral, stpulat a sens dell artcolo 6 dello stesso decreto legslatvo. Nel contesto sopra delneato l attvtà d dspaccamento ha come fnaltà quella d rendere compatble l esecuzone de programm con vncol che dervano dalle caratterstche tecnche dell erogazone del servzo elettrco. Gl element crtc che rendono necessaro l coordnamento delle azon poste n essere da partecpant al mercato elettrco n esecuzone de programm, da parte del Gestore della rete n quanto esercente l attvtà d dspaccamento, possono essere rcondott a seguent: a) programm non sono specfcat n modo suffcentemente dettaglato da asscurare che l loro rspetto sa suffcente a garantre la scurezza del sstema; a ttolo esemplfcatvo, s consder che n pressoché tutt mercat elettrc programm sono specfcat n termn d potenza meda orara, mentre la scurezza del sstema elettrco mpone la smultanetà d mmsson e prelev su un orzzonte temporale assa pù breve; b) l completo rspetto de programm è generalmente mpossble a causa della solo parzale controllabltà del prelevo d energa elettrca e della lmtata flessbltà delle caratterstche d funzonamento degl mpant d generazone; devazon delle mmsson e de prelev effettv da quell specfcat ne programm sono fsologche e relatvamente pù rlevant quanto pù dettaglata è la specfcazone de comportament ne programm stess; c) le caratterstche tecnche del trasporto d energa elettrca sulla ret sono tal da creare nterdpendenze, tra prelev e le mmsson de partecpant al mercato, che non possono essere gestte effcacemente attraverso un meccansmo decentralzzato; d) n assenza d coordnamento, le azon de partecpant al mercato anche nel rspetto de programm - possono causare dsservz; anche assumendo che programm sano caratterzzat da un lvello d specfcazone adeguato a garantre la scurezza del sstema, non è possble surrogare l coordnamento centralzzato, per far fronte a devazon rspetto a programm, con meccansm sanzonator fnalzzat a prevenre che tal devazon abbano luogo. Gl strument per l dspaccamento possono essere rcondott a due categore general. In prmo luogo, l esercente dell attvtà d dspaccamento può mporre vncol a programm determnat n base alla lbera nterazone tra partecpant al mercato. A tale categora d strument è rconducble l assegnazone zonale de drtt d utlzzo delle capactà d trasporto. In secondo luogo, l Gestore della rete può approvvgonare ed attvare apposte rsorse per rendere compatble l eserczo de drtt e de dover che dervano da programm con la scurezza del sstema. A tale categora sono rconducbl: ) l adozone d msure d redspaccamento ovvero counter-tradng per la gestone d congeston d rete o per l utlzzo della capactà d trasporto dsponble n cascun momento secondo modaltà tal da garantre la mnmzzazone del costo complessvo d produzone e d trasporto dell energa elettrca; ) l approvvgonamento della capactà d rserva e l utlzzo delle mmsson e de prelev d energa elettrca per l mantenmento dell equlbro contnuo de prelev e delle mmsson d energa elettrca nella rete (blancamento). Le modaltà utlzzate dal Gestore della rete per l dspaccamento devono soddsfare requst d effcenza, non dscrmnazone, trasparenza e semplctà per gl operator del mercato. Affnché una soluzone sa effcente è necessaro che garantsca la mnmzzazone del costo complessvo d produzone e d trasporto dell energa elettrca, tenendo conto del costo d approvvgonamento delle rsorse eventualmente utlzzate dal Gestore della rete. La non dscrmnazone rchede che la medesma dscplna per l dspaccamento sa applcata a programm formulat nel sstema delle offerte d cu all artcolo 5 del decreto legslatvo n. 79/99 ed a quell de contratt blateral d cu 2

3 all artcolo 6 del medesmo decreto. La trasparenza è necessara al controllo, anche da parte delle sttuzon responsabl del corretto funzonamento del settore elettrco, dell eserczo dell attvtà d dspaccamento, che avvene n regme monopolstco. La semplctà e comprensbltà da parte de partecpant al mercato degl strument utlzzat nell attvtà d dspaccamento sono condzone necessara affnché tal strument possano dar luogo agl est effcent. 2 Element fondamental della dscplna del mercato d cu all artcolo 5, comma 1, del decreto legslatvo n. 79/99 rlevant per la formulazone delle condzon per l eserczo dell attvtà d dspaccamento Le modaltà organzzatve del sstema delle offerte d cu all artcolo 5 del decreto legslatvo n. 79/99 condzonano sa le fnaltà sa gl strument a dsposzone del dspaccamento. Pertanto, le prevson contenute nello schema d condzon proposto sono formulate tenendo n consderazone l assetto generale del sstema dello stesso sstema delle offerte, come rsultante dallo schema d dscplna del mercato elettrco trasmesso dal Gestore del mercato al Mnstro dell ndustra, del commerco e dell artganato per l approvazone, sentta l Autortà, a sens dell artcolo 5 comma 1, del decreto legslatvo n. 79/99, rcevuto dall Autortà n data 28 marzo Gl element del dsegno generale del sstema delle offerte che sono stat assunt nella formulazone dello schema d condzon proposto sono: - un mercato del gorno prma dell energa elettrca; - almeno una sessone d mercato dell energa elettrca d aggustamento avente luogo prma delle ora del gorno a cu gl mpegn assunt su tale mercato s rferscono; - almeno una sessone d mercato dell energa elettrca d aggustamento avente luogo nel corso del gorno a cu gl mpegn assunt su tale mercato s rferscono; - mercat d cu a tre alnea precedent operano secondo un sstema d asta non dscrmnatora; - l Gestore del mercato gestsce appost mercat per l approvvgonamento de servz d rserva e dell energa elettrca d blancamento. Nel seguto d questo documento e nello schema d condzon proposto con l espressone mercato gornalero s fa rfermento all nseme del mercato dell energa elettrca del gorno prma e delle sesson del mercato d aggustamento che s concludono anterormente alle ore del gorno a cu gl mpegn assunt n tal sesson s rferscono. Con l espressone mercat nfragornaler dell energa elettrca s fa rfermento all nseme delle sesson del mercato d aggustamento che hanno luogo durante la gornata a cu gl mpegn assunt n tal sesson s rferscono. Poché confn della rete rlevante a fn delle attvtà d dspaccamento non concdono con quell della rete d trasmssone nazonale, come defnta dal decreto del Mnstro dell ndustra 25 gugno 1999, vene ntrodotta la nozone d rete rlevante, che comprende la rete d trasmssone nazonale e le porzon n alta tensone delle ret d dstrbuzone drettamente connesse alla medesma rete. Coerentemente con l dsposto dell artcolo 5, comma 2 del decreto legslatvo n. 79/99 che prevede che socetà Gestore del mercato elettrco S.p.A. (d seguto: Gestore del mercato) assuma la gestone delle offerte d vendta e d acqusto dell energa elettrca e d tutt servz conness lo schema d condzon proposto prevede che l Gestore della rete e l Gestore del mercato stpulno convenzon, approvate dall Autortà, per l coordnamento tra d ess nell eserczo delle attvtà relatve al dspaccamento. 3

4 3 Aggregazone d punt d mmssone e d prelevo In una rete deale con capactà s trasporto sempre superor a quelle massme utlzzate ed n condzon d assenza d perdte, devazon de prelev o delle mmsson effettv rspetto a quell specfcat ne programm (d seguto: sblancament) smultanee, d stessa enttà e d segno opposto n dvers punt della rete s compenserebbero, non comporterebbero alcun ntervento e qund alcun onere per l esercente l attvtà d dspaccamento. In tale potes, la grandezza che determna l costo d blancamento è costtuta dal valore netto d tutt gl sblancament che hanno avuto luogo nello stesso momento nel sstema elettrco. In pratca, tuttava, è possble che sblancament smultane ugual e d segno opposto n dfferent punt del sstema d trasporto rchedano l ntervento correttvo del Gestore della rete a causa della specfca stuazone della rete rlevante. Al fne d attrbure a soggett n modo aderente a relatv cost da quest provocat gl oner conness a suddett ntervent, è rchesto al Gestore della rete d ndvduare nod o raggruppament d nod della rete, defnt punt d scambo rlevant, caratterzzat dal fatto che sblancament smultane, d segno opposto e d stessa enttà (una volta rportat, corrett per le relatve perdte, al corrspondente punto d scambo rlevante) che avvengano n punt d mmssone sottes a cascun punto d scambo rlevante non rchedono alcun ntervento da parte del Gestore della rete e non sono, qund, causa d alcun onere nell ambto della rete rlevante. L Autortà determnerà, con successvo provvedmento, coeffcent per l rporto da utlzzare per rcondurre mmsson (prelev) effettuat n cascun punto della rete elettrca ad mmsson (prelev) nel punto d scambo rlevante corrspondente. Tal coeffcent rfletteranno perdte d trasporto convenzonal dell energa elettrca sulle ret che collegano l punto d mmssone (prelevo) e l corrspondente punto d scambo rlevante. 4 Gestone delle congeston d rete 4.1 Attrbuzone zonale del drtto all utlzzo delle capactà d trasporto S verfca una congestone d rete ogn volta che la rete non consente l esecuzone de programm, rsultant dall nterazone tra gl operator n assenza d alcun vncolo, nel rspetto della scurezza d funzonamento del sstema elettrco nazonale. Lo schema d condzon proposto prevede l assegnazone zonale de drtt d utlzzazone delle capactà d trasporto. Al Gestore della rete è rchesto d: - defnre confn d zone geografche tal che, sulla base delle nformazon dsponbl al momento della defnzone: a) la capactà d trasporto tra le zone rsult sstematcamente nadeguata all esecuzone de programm d mmssone e prelevo; b) la capactà d trasporto all nterno d cascuna zona sa generalmente adeguata all esecuzone de programm d mmssone e prelevo; c) la dslocazone delle mmsson e de prelev ne punt d scambo rlevant all nterno d cascuna zona non abba un sensble mpatto sulla capactà d trasporto tra zone. - dcharare la capactà d trasporto tra le zone d cu all alnea precedente. 4

5 Al fne d garantre certezza agl operator del mercato è necessaro che l terrtoro nazonale sa suddvso n un numero lmtato d zone e che confn tra le zone sano stabl nel tempo. Tuttava, al fne d consentre la mglore defnzone delle zone è consentto al Gestore della rete, lmtatamente al prmo benno d operatvtà del sstema delle offerte d cu all artcolo 5 del decreto legslatvo n. 79/99, d varare confn tra le zone. Successvamente confn tra le zone sono fssat per un perodo almeno trennale. Al Gestore della rete è rchesto d pubblcare tutte le nformazon e le potes utlzzate per la defnzone delle zone e delle capactà d trasporto nterzonal. A ttolar d contratt blateral è rchesto d comuncare, entro l termne per la presentazone delle offerte nel mercato del gorno prma, programm d mmssone e d prelevo defnt n esecuzone de contratt blateral stess. Il Gestore della rete, al fne d rendere programm d mmssone e d prelevo compatbl con la capactà d trasporto dcharata tra le zone, trasmette al Gestore del mercato programm d mmssone e d prelevo defnt n esecuzone d contratt blateral, affnché quest sano consderat come offerte, rspettvamente, a prezzo nullo e senza specfcazone d prezzo nel mercato del gorno prma. Qualora programm non vncolat determnat nel mercato del gorno prma rsultno ncompatbl con la capactà d trasporto dcharata dal Gestore della rete, l Gestore del mercato determna programm d mmssone e d prelevo consderando come mercat ndpendent le zone tra cu programm non vncolat danno luogo a congestone, n modo che la capactà d trasporto utlzzata n base a programm sa nferore o uguale a quella dcharata come dsponble dal Gestore della rete. La procedura sopra delneata vene applcata, con rfermento alla capactà d trasporto nterzonale dcharata dal Gestore della rete che resdua dopo la defnzone de programm su mercat precedent, n cascun mercato dell energa elettrca che ha luogo anterormente alle ore 00:00 del gorno a cu gl mpegn v negozat s rferscono (d seguto: sessone d mercato gornalero). Cascun ttolare del contratto blaterale è tenuto al versamento al Gestore della rete d un corrspettvo determnato n msura par alla dfferenza tra prezz d mercato determnat nelle zone n cu avvene l prelevo e l mmssone dell energa elettrca e rferto alla quanttà d energa elettrca oggetto de programm presentat n esecuzone del contratto blaterale. Analogamente, l Gestore del mercato trasfersce al Gestore della rete la rendta ottenuta per effetto del dfferenzale d prezz tra zone. Lmtatamente al prmo benno d operatvtà del sstema delle offerte d cu all artcolo 5 del decreto legslatvo n. 79/99 sono trasferte agl utlzzator delle capactà d trasporto secondo modaltà che saranno determnate dall Autortà con successvo provvedmento, le rendte che rsultano dall applcazone del metodo d assegnazone zonale de drtt d utlzzo d dette capactà d trasporto. Successvamente, al fne d rendere dsponbl agl operator del mercato done strument d copertura contro l rscho della volatltà del dfferenzale tra prezz zonal, l Autortà ntende ntrodurre una procedura d assegnazone attraverso procedura concorrenzale (asta) de drtt fnanzar d trasporto, che attrbuscono al ttolare l drtto a rcevere, per quanttà prefssate d energa elettrca, la rendta che s produce per effetto della congestone tra predetermnate zone geografche. L Autortà fsserà, sulla base della proposta del Gestore della rete, l contenuto e l ammontare de drtt fnanzar d trasporto post all asta. Il Gestore della rete coprrà cost relatv alle obblgazon assunte ne confront de ttolar d drtt fnanzar d trasporto utlzzando le rendte che s producono n caso d congestone. I provent delle aste per l assegnazone de drtt fnanzar d trasmssone sono trasfert agl utlzzator delle capactà d trasporto. 5

6 La soluzone per l attrbuzone de drtt all utlzzo delle capactà d trasporto adottata nello schema d condzon proposto deve essere confrontata con una alternatva, smle a quella utlzzata ad esempo n Calforna, n cu tal drtt sarebbero assegnat dall esercente l attvtà d dspaccamento a partecpant al sstema delle offerte e a ttolar d contratt blateral sulla base d: a) programm d mmssone e d prelevo determnat dall operatore del mercato e da cascun ttolare d contratto blaterale senza tenere conto de vncol della rete e b) offerte per la varazone n aumento o dmnuzone d tal programm n cascuna zona. Quest ultma soluzone, n prncpo, fornrebbe seguent vantagg rspetto a quella prescelta: a) assegnerebbe le attvtà d gestone del meccansmo d assegnazone de drtt d trasporto al soggetto che ne è responsable, ove la soluzone prescelta prevede che l Gestore del mercato oper l assegnazone de drtt d trasporto nell ambto de mercat dell energa elettrca da esso gestt; e b) realzzerebbe una completa partà d trattamento, nell assegnazone de drtt d utlzzo delle capactà d trasporto, tra soggett che operano attraverso l sstema delle offerte e quell che operano attraverso transazon blateral, ove la soluzone proposta prevede che solo l drtto d utlzzo delle capactà d trasporto assegnato a ttolar d contratt blateral sa d natura fsca, essendo la non dscrmnazone tra tal soggett e quell operant nel sstema delle offerte ottenuta attraverso l corrspettvo applcato a prm per l utlzzo delle capactà d trasporto n presenza d congestone d rete. D altra parte la medesma soluzone presenta seguent svantagg rspetto a quella prescelta: a) una notevole complesstà organzzatva e gestonale; b) la necesstà d mettere n atto meccansm fnalzzat a rendere l meccansmo utlzzato per l assegnazone de drtt d trasporto robusto sa rspetto a carenze nel coordnamento tra gl operator del mercato nella formazone de programm d mmssone e d prelevo, sa rspetto a comportament strategc da parte degl operator domnant. Tal consderazon hanno condotto a rtenere preferble, nelle fase d avvo del sstema, l adozone della soluzone proposta. Cò ha comportato l nsermento nello schema d condzon proposto de comm 8.7 e 8.8, contenent ndcazon che convolgono l Gestore del mercato n quanto esercente una attvtà d dspaccamento quale è l assegnazone de drtt d utlzzo delle capactà d trasporto n caso d congestone. 4.2 Modaltà d soluzone delle congeston Il Gestore della rete rsolve eventual congeston d rete che rsultno da programm determnat nel mercato gornalero, attraverso acqust d varazon ne programm d mmssone e d prelevo dell energa elettrca determnats nel mercato gornalero (d seguto: counter-tradng). La gestone delle congeston attraverso azon d counter-tradng consente d garantre a partecpant al mercato elettrco la certezza de benefc dervant da drtt d utlzzo delle capactà d trasporto acqust su tale mercato. Tale certezza non s sostanza nella garanza d mmettere (o prelevare) l energa elettrca oggetto del programma rsultante dal mercato gornalero o dall attuazone d un contratto blaterale, bensì dalla garanza, qualora tale mmssone (o prelevo) sa mpossble a causa d vncol d rete, d un ndennzzo economco. D altra parte l Gestore della rete deve operare le azon d counter-tradng necessare a garantre l utlzzo effcente della capactà d trasporto n modo da mnmzzare l costo dervante dal pagamento d tale ndennzz ovvero, pù n generale, da mnmzzare l costo complessvo d produzone e d trasporto. 6

7 Il valore de drtt d utlzzo delle capactà d trasporto assegnat nel mercato gornalero, oggetto delle azon d counter-tradng del Gestore della rete, è determnato n un apposto mercato, n cu tutt gl operator a cu sono stat assegnat drtt d utlzzo delle capactà d trasporto, v compres quell che hanno defnto programm d mmssone e prelevo n attuazone d contratt blateral, devono presentare offerte. Attraverso l counter-tradng l Gestore della rete deve garantre l utlzzo effcente della capactà d trasporto, come rsultante sulla base delle nformazon dsponbl al termne dell ultma sessone d mercato gornalero. Per questa ragone la rappresentazone della rete rlevante utlzzata per la selezone delle azon d counter-tradng deve essere l pù possble aderente alla realtà. Nello schema d condzon proposto sono ndvduate le caratterstche mnme del modello d rete che l Gestore della rete deve utlzzare per la defnzone delle azon d counter-tradng successve all assegnazone de drtt d trasporto nel mercato gornalero dell energa elettrca. Per quanto concerne le congeston d rete che s manfestno successvamente alle predette azon d counter-tradng, lo schema d condzon proposto prevede che l Gestore della rete revoch offerte selezonate d varazone de programm presentate e accettate n uno de mercat dell energa elettrca che s svolgono durante l gorno a cu gl mpegn negozat s rferscono (d seguto: mercat nfragornaler), nel caso n cu l esto d tale mercato da luogo a congeston d rete, n modo da mnmzzare la rduzone dell energa elettrca complessvamente scambata n tale mercato per effetto delle revoche. I programm d mmssone e d prelevo determnat ne mercat nfragornaler, qund, non garantscono l drtto all utlzzo delle capactà d trasporto. Tale soluzone per la gestone delle congeston, la cu adozone è prevsta, per motv d semplctà operatva, nella fase d avvo del sstema delle offerte d cu all artcolo 5 del decreto legslatvo n. 79/99, può essere sosttuta dal Gestore della rete, preva approvazone dell Autortà, con un meccansmo che garantsca una maggore effcenza, purché sa tale da porre l onere della gestone delle congeston che s generano per effetto d mpegn assunt su mercat nfragornaler, su soggett che operano n tal mercat. 5 Mantenmento dell equlbro tra mmsson e prelev d energa elettrca 5.1 Approvvgonamento de servz d rserva Il mantenmento dell equlbro contnuo tra mmsson e prelev d energa elettrca (d seguto: blancamento) è asscurato dal Gestore della rete attraverso l utlzzo d capactà d generazone, o d varazone del carco, approvvgonat come servz d rserva fornt dalla utenze della rete. Utlzzando tal servz d rserva, a sua volta, l Gestore della rete asscura la gestbltà del sstema elettrco nazonale nel rspetto della scurezza d funzonamento ed eroga alla generaltà dell utenza l servzo d rete fnalzzato alla regolazone d alcun standard del servzo. S dentfcano tre lvell d regolazone dfferenzat n funzone de temp d rsposta e della durata dell ntervento delle rsorse che ess mpegano. La regolazone prmara (frequency contanment) è effettuata automatcamente a lvello locale, coè medante dspostv post su cascun generatore ed ndpendent tra d loro, ed agsce n temp dell ordne de second. Il servzo fornto da generator per la regolazone prmara è defnto rserva rotante prmara. Lo schema d condzon proposto prevede che l Gestore della rete defnsca, n manera non dscrmnatora, gl obblgh d forntura d rserva prmara gravant per 7

8 gl mpant d generazone. S prevede noltre che l Gestore della rete present all Autortà una proposto per la defnzone dell ammontare d un contrbuto sosttuvo alla fo0rntura del servzo d rserva prmara, a carco degl mpant d generazone che, a causa d vncol tecnc, non possono fornre le prestazon d rserva prmara La regolazone secondara (frequency restoraton) ha lo scopo d sostture le rsorse d generazone utlzzate dalla regolazone prmara, rprstnandone la dsponbltà, e d rportare fluss d potenza da e verso sstem elettrc nterconness a valor programmat. Come nel caso della regolazone prmara, la regolazone secondara è effettuata n manera automatzzata e temp d rsposta necessar lmtano la possbltà d offrre l servzo a sol generator gà funzonant n parallelo con la rete. A dfferenza della rserva prmara, tuttava, gl ntervent d regolazone secondara sono coordnat a lvello centralzzato e sono attuat attraverso un nseme predefnto d mpant, e non attraverso la totaltà de generator. La regolazone secondara è caratterzzata da temp d avvo dell ntervento dell ordne delle decne d second e durata dell ordne delle ore. Il servzo fornto da generator per la regolazone secondara è defnta rserva rotante secondara. Lo schema d condzon proposto prevede che l Gestore della rete defnsca, n manera non dscrmnatora, requst tecnc che devono essere soddsfatt dagl mpant d generazone che ntendono fornre servz d rserva secondara e che la selezona le offerte d capactà d rserva secondara avvenga attraverso un apposto mercato, eventualmente artcolato geografcamente. L energa elettrca mmessa o prelevata dalla rete nell ambto della forntura del servzo d rserva deve essere valorzzata ad un prezzo determnato anterormente all apertura del mercato della capactà d rserva secondara, ad esempo par al prezzo che s è determnato nel mercato del gorno prma dell energa elettrca. La regolazone terzara è realzzata attraverso un ntervento manuale ed è caratterzzato da temp d avvo dell ntervento che vanno da alcun mnut ad alcune ore. Essa ha come obettvo la sosttuzone delle rsorse d generazone utlzzate dalla regolazone secondara, rprstnandone la dsponbltà e rportando così l sstema n condzon d scurezza. Lo schema d condzon proposto stablsce che l Gestore della rete defnsca, n manera non dscrmnatora, requst tecnc che devono essere soddsfatt dagl mpant d generazone che ntendono fornre servz d rserva terzara, se opportuno ndvduando tpologe che s dfferenzano n base a tal requst tecnc. La capactà d rserva terzara è approvvgonata attraverso un apposto mercato, anche artcolato geografcamente e per tpologa d rserva terzara. Su tale mercato sono offert mpegn a rendere dsponble capactà d generazone, n funzone d rserva, n cascuna ora del gorno successvo. Lo schema d condzon proposto prevede che la selezone della rserva terzara avvenga sulla base d offerte relatve alla sola dsponbltà d capactà, ovvero sulla base d un ndce d economctà, determnato n base al prezzo rchesto per l mmssone o l prelevo d energa e al prezzo per la dsponbltà della capactà d rserva terzara, sulla base d fattor d utlzzazone prevst per quanttà ncremental d capactà d rserva terzara. Il ttolare d una offerta selezonata sul mercato della rserva contrae l mpegno a presentare una offerta, per quanttà d energa elettrca e con caratterstche tecnche coerent con l contenuto dell offerta selezonata, sul mercato dell energa elettrca d blancamento. Qualora la selezone delle offerte avvenga sulla base d un ndce d economctà, determnato n base al prezzo rchesto per l mmssone o l prelevo d energa e al prezzo per la dsponbltà della capactà, l prezzo dell energa elettrca rlevante per la selezone sul mercato della rserva terzara costtusce anche prezzo d offerta sul mercato dell energa elettrca d blancamento. 8

9 5.2 Approvvgonamento dell energa elettrca d blancamento Il Gestore della rete approvvgona l energa elettrca necessara al mantenmento dell equlbro contnuo d mmsson e prelev su un apposto mercato organzzato nella forma d un asta dscrmnatora. Al Gestore della rete è rchesto d defnre le modaltà d utlzzo de servz acqustat. 5.3 Copertura de cost del servzo d blancamento Lo schema d condzon proposto prevede la copertura de cost d capactà ed energa sostenut per la forntura del servzo d regolazone secondara n attraverso un corrspettvo applcato a tutt soggett che prelevano l energa elettrca, n base al prelevo effettvo. La stessa modaltà d copertura è prevsta per cost d acqusto della capactà d rserva terzara. I cost ncors per l acqusto d energa elettrca d blancamento, v nclusa quella fornta da mpant selezonat nel mercato della rserva terzara, sono copert attraverso gl oner per sblancamento post n capo a soggett che mmettono e prelevano l energa elettrca. A fn dell ntervento d blancamento da parte dell esercente l attvtà d dspaccamento assumono rlevanza gl sblancament de prelev nett (o, equvalentemente, delle mmsson nette) rspetto a quell programmat, che s regstrano n cascun punto d scambo rlevante. In un punto d scambo rlevante s regstra uno sblancamento netto postvo (negatvo) de prelev se, al netto delle perdte, nell ntervallo temporale rlevante, prelev effettuat da tutt punt d prelevo sottes a tale punto d scambo rlevante, al netto delle mmsson effettuate n tutt punt d mmssone sottes allo stesso punto d scambo rlevante, sono superor (nferor) al corrspondente valore determnato con rfermento a programm d prelevo e d mmssone. Il punto d scambo rlevante costtusce pertanto l rfermento per la determnazone degl oner causat al sstema dallo sblancamento complessvamente rsultante dalle azon d tutt gl utent allaccat n punt d mmssone o prelevo sottes allo stesso punto d scambo rlevante. Lo schema d condzon proposto prevede che l valore dello sblancamento regstrato n punto s scambo rlevante sa valorzzato ad un prezzo par a: a) se nel punto d scambo rlevante s è verfcato uno sblancamento netto postvo de prelev: P + = max MKT _ GP BIL { p ; p' } dove: - è l ndce che ndvdua l punto d scambo rlevante. + - P è l prezzo untaro dello sblancamento al punto d scambo rlevante ; - max{} ; ndca l maggor valore tra quell rportat tra parentes; MKT _ GP - p è l prezzo dell energa elettrca determnatos nel mercato del gorno prma nella zona a cu appartene l punto d scambo rlevante ; BIL - p' è l costo margnale delle azon d blancamento a salre ordnate nel perodo d rfermento, eventualmente rdotto nel caso n cu l Gestore della rete rtenga che, a causa d condzon anomale, l costo della pù costosa azone d blancamento a salre rchesta nel perodo rlevante non sa rappresentatvo del costo margnale che s produrrebbe n stuazon normal; (1) b) se nel punto d scambo rlevante s è verfcato uno sblancamento netto negatvo: P = mn MKT _ GP BIL { p ; p' } (2) 9

10 dove: - è l ndce che ndvdua l punto d scambo rlevante. - P è l prezzo untaro dello sblancamento relatvo al punto d scambo rlevante ; - mn{} ; ndca l mnor valore tra quell rportat tra parentes; MKT _ GP - p è l prezzo dell energa elettrca determnatos nel mercato del gorno prma nella zona a cu appartene l punto d scambo rlevante ; BIL - p' è l costo margnale delle azon d blancamento a scendere ordnate dal Gestore della rete nel perodo d rfermento, eventualmente aumentato nel caso n cu l Gestore della rete rtenga che, a causa d condzon anomale, l costo della meno costosa azone d blancamento a scendere rchesta nel perodo rlevante non sa rappresentatvo del costo margnale che s produrrebbe n stuazon normal; La rpartzone dell onere dello sblancamento tra soggett che mmettono e prelevano energa elettrca ne punt della rete elettrca sottes allo stesso punto d scambo rlevante deve avvenre n modo che, con rfermento esemplfcatvamente al caso d sblancamento netto postvo: - l costo dello sblancamento netto sa posto a carco de soggett che effettuano sblancament d segno postvo; - sa operata una compensazon n favore a soggett che effettuano sblancament negatv e a carco d quell che effettuano sblancament postv. Cò è ottenuto rpartendo cascuno degl sblancament, relatv a punt d mmssone o d prelevo sottes allo stesso punto d scambo rlevante, d stesso segno dello sblancamento regstrato nel nodo qualfcato, n due part: a) una parte la cu compensazone ha rchesto azon d blancamento da parte del Gestore della rete; la somma d tal part è par allo sblancamento netto regstrato nel nodo qualfcato; tale parte è valorzzata al prezzo untaro d sblancamento; b) una parte la cu compensazone è avvenuta attraverso sblancament d segno opposto effettuat n punt d mmssone o d prelevo sottes allo stesso nodo qualfcato; tale parte è valorzzata al prezzo dell energa elettrca determnatos nel mercato del gorno prma dell energa elettrca. S consder con fnaltà llustratva, l seguente esempo. In un punto d scambo rlevante, al quale sono sottes 5 punt d mmssone e prelevo, s regstra n un perodo rlevante uno sblancamento netto postvo d +20 MW. Gl sblancament ne punt della rete sottes punto d scambo rlevante sono par a: punto 1: - 40 MW punto 2: + 60 MW punto 3: - 40 MW punto 4: + 40 MW punto 5: 0 MW L onere dello sblancamento netto vene posto a carco de punt n cu s sono regstrat sblancament dello stesso segno d quello regstrato nel nodo qualfcato, proporzonalmente all enttà degl sblancament regstrat n cascun punto. Qund l punto 2 versa: max MKT _ GP BIL 60 MKT _ GP BIL { p ; p' }* 20* = max{ p ; p' }*

11 dove smbol sono stat defnt nella precedente formula (1), 20 rappresenta lo sblancamento 60 netto nel nodo qualfcato; è la quota dello sblancamento postvo attrbuta al punto 2; è la parte dello sblancamento del punto 2 che s assume sa stata compensata con gl ntervent d blancamento del Gestore della rete. Analogamente l punto 4 versa: max MKT _ GP BIL 40 MKT _ GP BIL { p ; p' }* 20* = max{ p ; p' }* Inoltre l punto 2 e l punto 4 compensano punt 1 e 3 n quanto le loro devazon hanno blancato devazon d segno opposto de punt 2 e 4. Tal varazon smmetrche vengono valorzzate al prezzo d equlbro del mercato del gorno prma; qund l punto 2 versa: MKT _ GP ( 60 12) p * (3) dove smbol sono stat defnt nella precedente formula (1) e (60-12) rappresenta la parte dello sblancamento effettuato nel punto 2 che s assume sa stato compensato dagl sblancament d segno opposto verfcats ne punt 1 e 3. Analogamente l punto 4 versa: MKT _ GP ( 40 8) p * (4) S not che la somma de versament delle formule (3) e (4) è par a quanto è necessaro corrspondere a nod 1 e 3 a fronte delle loro devazon negatve; tale somma è par, n entramb MKT _ GP cas a p * 40. La modaltà d quantfcazone e rpartzone del valore d sblancamento llustrata è tale da nvare a soggett che prelevano o mmettono energa elettrca segnal crca l valore delle devazon rspetto a programm, nonché stmolare l aderenza degl mpegn e delle mmsson effettve a corrspondent lvell programmat. L ammontare d rcav n eccesso a cost d blancamento - dervante dalla valorzzazone al costo margnale degl sblancament, a fronte dell applcazone d un metodo pay-as-bd per l approvvgonamento dell energa elettrca d blancamento nonché dall applcazone della penaltà per sblancamento è relatvamente contenuto, n quanto l enttà degl sblancament è determnata con rfermento a punt d scambo rlevant, consentendo così la compensazone degl sblancament d segno opposto regstrat n tutt punt d mmssone e prelevo sottes allo punto d scambo rlevante. L ntervallo temporale rlevante per la defnzone degl mpegn oggetto del mercato dell energa elettrca d blancamento è generalmente pù breve d quello rlevante per gl mpegn oggetto de mercat dell energa elettrca del gorno prma e dell aggustamento; la defnzone della durata degl ntervall rlevant per l blancamento è demandata al Gestore della rete. Coerentemente gl sblancament de soggett che fornscono servz d blancamento devono essere determnat con rfermento all ntervallo temporale rlevante per l blancamento. Lo schema d condzon proposto prevede che, per predett soggett, prezz untar d blancamento, determnat attraverso le precedent formule (1) e (2), sano applcat agl sblancament calcolat con rfermento agl ntervall temporal rlevant per l blancamento. Comunque, tutte le mmsson e prelev orar (qund anche quell de soggett che fornscono servz d blancamento) concorrono alla defnzone dell onere d sblancamento posto a carco de soggett che non partecpano al mercato del blancamento. Inoltre l Gestore della rete può fssare penaltà per l mancato rspetto degl ordn d blancamento; cò rchede la prelmnare determnazone d un crtero per la suddvsone dello sblancamento complessvo regstrato n un punto d mmssone o prelevo che partecpa al 11

12 mercato d blancamento n una parte convenzonalmente rferta ad mpegn assunt su mercat dell energa elettrca ed n una rferta agl mpegn dervant dalla partecpazone al mercato del blancamento. Lo schema d condzon proposto prevede che l ammontare d rcav ottenut dalla valorzzazone degl sblancament, n eccesso rspetto a cost sostenut dal Gestore della rete sul mercato d blancamento, è portato n deduzone degl oner d rserva post a carco de soggett che prelevano l energa elettrca. 6 Impant necessar alla scurezza del sstema Nella fase d avvo del sstema delle offerte d cu all artcolo 5, comma 1, del decreto legslatvo n. 79/99, e comunque per un perodo d durata non superore a 12 mes, è consentto al Gestore della rete d assumere la dsponbltà de servz fornt da alcun mpant d generazone necessar alla scurezza del sstema elettrco. Lo schema d condzon proposto prevede che l Gestore della rete predsponga, entro 90 gorn una rchesta d assunzone d detta dsponbltà relatvamente ad mpant d generazone rtenut necessar alla scurezza del sstema elettrco. La rchesta deve essere adeguatamente motvata e specfcare, per cascuna untà d produzone d cu è rchesta l assunzone del controllo dretto: - le ragon per cu tale untà è necessara alla scurezza; - le prevson d utlzzo d tale untà da parte del Gestore della rete. Contestualmente all approvazone della rchesta del Gestore della rete, l Autortà defnrà crter d utlzzo degl mpant d generazone necessar alla scurezza del sstema elettrco e le modaltà d copertura de cost sostenut dal Gestore della rete per l acquszone della loro dsponbltà. 7 Adeguatezza della capactà d generazone nel lungo perodo e rserva d ultma stanza I segnal d prezzo che s determnano su mercat gornaler dell energa elettrca potrebbero non essere suffcent ad ndurre la costruzone d nuova capactà d generazone o anche la trasformazone della capactà d generazone esstente n msura e secondo modaltà adeguate al soddsfacmento della domanda. Nel caso della Calforna la mancata evoluzone del parco d generazone secondo modaltà coerent con l evoluzone della domanda è stata consderata, da alcun osservator come una delle cause de recent cas d razonamento del mercato attraverso la dsalmentazone, anche parzale o temporanea, d carch che pure sarebbero dspost a pagare per l energa elettrca prelevata l prezzo che s determna sul mercato. Al presente non è possble formulare valutazon conclusve crca: a) la necesstà dell ntroduzone d apposte prevson fnalzzate ad asscurare l adeguatezza della capactà d generazone nel lungo perodo, al d là degl stmol fornt dall evoluzone de prezz ne mercat dell energa elettrca d breve perodo; tale valutazone rchede una anals dell evoluzone prospettca del parco d generazone, n relazone n partcolare, da un lato, alle prospettve d fermata per perod prolungat degl mpant d generazone per ntervent d rpotenzamento e, dall altro lato, delle rcheste d accesso alle nfrastrutture d rete d nuova capactà d generazone; b) l merto relatvo d alternatv strument concepbl per asscurare l adeguatezza della capactà d generazone nel lungo perodo. 12

13 La stuazone d ncertezza è aggravata dalla lmtata esperenza nternazonale dsponble e dal lmtato svluppo del dbattto, anche teorco, sulla matera. Qualora rsultasse comprovata la necesstà d ntrodurre appost sttut per asscurare l adeguatezza della capactà d generazone nel lungo perodo, l Autortà rtene che tal sttut debbano avere caratterstche tal da nterferre l meno possble con l funzonamento de mercat gornaler dell energa elettrca e esso stesso operare secondo una logca d mercato. Ad una prma e non conclusva anals appare che l predetto requsto d neutraltà rspetto al funzonamento de mercat dell energa elettrca possa essere pù effcacemente soddsfatto da un meccansmo d natura decentralzzata, quale dall mposzone su soggett che acqustano energa elettrca d acqustare certfcat d capactà n quanttà corrspondente, vendut su un apposto mercato da ttolar degl mpant d generazone, che s mpegnano a rendere dsponble capactà d generazone ne mercat gornaler. Tale soluzone, che rcalca l mpostazone adottata n alcun stat del nord-est degl Stat Unt, consentrebbe d garantre al mnmo costo l adeguatezza della capactà d generazone e d quantfcare n modo trasparente cost dell ntervento d regolazone fnalzzato a garantre l adeguatezza della capactà d generazone, mnmzzando allo stesso tempo le dstorson da esso provocate. Deve per altro essere sottolneato che l ntroduzone d una soluzone come quella sopra delneata rchede che sano soddsfatte condzon mnme d concorrenzaltà e d certezza delle condzon per l entrata nell attvtà d generazone dell energa elettrca, n mancanza delle qual l adozone d una soluzone decentralzzata potrebbe fornre a soggett dotat d potere d mercato spaz ulteror per abusarne, a danno de clent fnal. A parere dell Autortà tal condzon mnme d concorrenzaltà e certezza non possono rteners soddsfatte al presente. Per le predette ragon l Autortà ha prevsto l adozone d un meccansmo, nteso come transtoro e denomnato rserva d ultma stanza, per asscurare la capactà d produzone necessara alla copertura della domanda. Tale meccansmo, ancorché centralzzato, è basato sulla logca d mercato, n quanto prevede la selezone d capactà d generazone n funzone d rserva d ultma stanza attraverso procedure concorsual. La soluzone proposta prevede la fssazone del lvello del valore dell energa elettrca non fornta (VENF), che ndca l valore attrbuto dall utenza alla mancata almentazone ovvero l prezzo massmo che l utenza sarebbe dsposta a pagare pur d non subre dsalmentazon, nel caso n cu non sa possble equlbrare attraverso l prezzo domanda e offerta d energa elettrca sul mercato e s debba rcorrere al razonamento, coè alla dsalmentazone d alcun carch. Il VENF è l prezzo che vene pagato a tutt soggett che mmettono energa elettrca, e da tutt soggett che prelevano l energa elettrca, nelle stuazon n cu rsult mpossble equlbrare domanda e offerta d energa elettrca attraverso l prezzo d mercato. Sulla base delle prevson d domanda l Gestore della rete elabora una valutazone del lvello complessvo d capactà d generazone adeguato; sulla base del VENF e d potes crca le condzon d costo e la propensone al rscho degl operator, l Gestore della rete determna noltre l valore della capactà d generazone d cu le aspettatve d rcav da vendta dell energa elettrca su mercat gornaler ndurranno spontaneamente la messa dsposzone. La dfferenza tra l lvello d capactà d generazone rtenuto adeguato e quello che s prevede essere reso dsponble dagl operator del mercato costtusce l requsto d rserva d ultma stanza del Gestore della rete. 13

14 Il Gestore della rete utlzza la rserva d ultma stanza per garantre l equlbro d mmsson e prelev d energa elettrca solo qualora non rsult possble determnare, su mercat dell energa elettrca, un prezzo tale da equlbrare domanda ed offerta. La rserva d ultma stanza è selezonata annualmente attraverso procedure concorsual. La soluzone proposta, stante n partcolare l eccesso d capactà d generazone (parte della quale caratterzzata da cost varabl d generazone tanto elevat da prefgurarne la dsmssone n assenza d ntervent) che caratterzza al presente l settore elettrco talano, consente d garantre l adeguatezza della capactà d generazone a costo relatvamente contenuto (par n prncpo a sol rsparm d costo che la chusura d mpant neffcent consentrebbe rspetto al loro mantenmento n operatvtà esclusvamente a fn d rserva) per un orzzonte d alcun ann, e comunque per un perodo suffcente ad accertare la necesstà d ntervent d natura strutturale e permanente per asscurare l adeguatezza della capactà d generazone nel lungo perodo. Il Drettore dell Area Elettrctà Dott. Pergorgo Berra 14

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui:

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui: I IDACATI E LA COTRATTAZIOE COLLETTIVA Il ruolo economco del sndacato n concorrenza mperfetta, n cu: a) le mprese fssano prezz de ben n contest d concorrenza monopolstca (con extra-proftt); b) lavorator

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Sanna-Randacco Lezone n. 14 Econome d scala, concorrenza mperfetta e commerco nternazonale Non v è vantaggo comparato (e qund non v è commerco nter-ndustrale). S vuole dmostrare che la struttura d mercato

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

Analisi dei flussi 182

Analisi dei flussi 182 Programmazone e Controllo Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Anals de fluss 82 Programmazone e Controllo Teora delle

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano Statstca & Socetà/Anno 2, N. 1/Lavoro, Economa, Fnanza 11 Il valore monetaro del volontarato. Un eserczo sul caso napoletano Marco Musella Drettore del Dpartmento d Scenze Poltche Unverstà degl Stud Federco

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Marcella Mulno Modell d base per la poltca economca Corso d Poltca economca a.a. 22-23 Captolo 2 Modello - e poltche scal e monetare In questo captolo rchamamo brevemente l modello macroeconomco a prezz

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

Ottimizzare il contact center bilanciando costi e qualità del servizio

Ottimizzare il contact center bilanciando costi e qualità del servizio Ottmzzare l contact center blancando cost e qualtà del servzo Contact Center - Le attvtà E l punto centralzzato d ncontro tra l clente ed l busness Utlzza var canal d comuncazone (Telefono, Telesales,

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Statstca Applcata Vol. 17, n. 3, 2005 377 SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Gan Pero Cervellera Poste Italane, Dvsone Rete Terrtorale, Drezone Operazon, Svluppo Process Ducco

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO Ottmzzazone nella gtone de progett Captolo 6 Project Schedulng con vncol sulle rsorse CARLO MANNINO Unverstà d Roma La Sapenza Dpartmento d Informatca e Sstemstca 1 Rsorse Ogn attvtà rchede rsorse per

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo Element d teora de goch Govann D Bartolomeo Unverstà degl Stud d Teramo 1. Descrzone d un goco Un generco goco, Γ, che s svolge n un unco perodo, può essere descrtto da una Γ= NSP,,. Ess sono: trpla d

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII Prof. Guseppe F. Ross E-mal: guseppe.ross@unpv.t Homepage: http://www.unpv.t/retcal/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà d Ingegnera A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucd

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER ACQUA Premessa II funzonamento degl mpant chmc rchede generalmente gross quanttatv d acqua: questa, oltre ad essere utlzzata drettamente n alcune lavorazon, come lavagg, dssoluzon,

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Crter per la determnazone delle condzon economche d forntura del gas naturale a clent fnal e dsposzon n matera d tarffe per l attvtà d dstrbuzone - Delberazone 4 dcembre 2003, n. 138/03 dell Autortà per

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Indici di misurazione del potere di mercato

Indici di misurazione del potere di mercato Indc d msurazone del potere d mercato Metod tradzonal: tass d rendmento, margn e q d Tobn Indc d concentrazone Metod presuntv d Ganmara Martn Introduzone Le teore de mercat concorrenzal e non concorrenzal

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO 1 Ettore Peyron P.A.S. 2014 Ddattca della MACROECONOMIA Lezone N 4 A Testo tratto dalle Dspense del Corso d Economa pubblca Unverstà degl stud d Torno Anno accademco 2010/2011 Facoltà d Economa Lezone

Dettagli