5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto"

Transcript

1 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli operatori di vendita. Conseguentemente, mutando il proprio orientamento, il Ministero del lavoro (circ. 17 aprile 1997, n. 59) ha ritenuto che l attività dei viaggiatori e piazzisti possa essere espletata con contratto a tempo parziale, ma esclusivamente mediante una riduzione delle giornate lavorative intere (part-time verticale) e cioè con una prestazione lavorativa limitata ad alcuni giorni della settimana. L INPS, di conseguenza, si è adeguata con la circ. 30 dicembre 1998, n La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto L art. 2, comma 1, D.Lgs. n. 61/2000, conferma la previsione della vecchia normativa circa la necessità della forma scritta del contratto di lavoro a tempo parziale. Tuttavia, contraddicendo quanto stabilito dalla giurisprudenza sotto la vigenza dell art. 5, legge n. 863/1984, la quale riteneva che la forma scritta fosse richiesta ad substantiam, viene ora specificato espressamente che essa è richiesta ai fini della prova (forma scritta ad probationem) e non ai fini della validità del contratto (art. 8, comma 1, primo periodo, D.Lgs. cit.). A tal proposito, l art. 8, comma 1, D.Lgs. n. 61/2000 (dedicato alle sanzioni) precisa altresì che qualora la scrittura risulti mancante è ammessa la prova per testimoni nei limiti di cui all art c.c., ossia solo nel caso in cui la parte abbia smarrito incolpevolmente il documento che gli forniva la prova. Gli unici mezzi di prova ammessi in mancanza del documento scritto saranno pertanto: un documento scritto (anche posteriore) dal quale risulti che una volontà si è manifestata in qualsiasi modo; la confessione (art c.c.); il giuramento decisorio (art. 2736, n. 1, c.c.). Si ribadisce che, in ogni caso, il contratto anche in assenza di forma scritta è valido e quindi, se non dovessero sorgere contestazioni,

2 La normativa vigente: il D.Lgs. n. 61/ esso svolgerà interamente la sua funzione e sarà assoggettato alla disciplina prevista dal D.Lgs. n. 61/2000, essendo la forma scritta ora richiesta al solo fine di accertare eventuali utilizzazioni non corrette dell istituto. A conferma che la prova scritta è richiesta nell interesse esclusivo del lavoratore, l art. 8, comma 1, D.Lgs. n. 61/2000 precisa che in difetto di prova in ordine alla stipulazione a tempo parziale del contratto di lavoro, su richiesta del lavoratore (e quindi non d ufficio), il giudice del lavoro potrà dichiarare la sussistenza fra le parti di un rapporto di lavoro a tempo pieno a partire dalla data in cui la mancanza della scrittura sia stata giudizialmente accertata (con efficacia non retroattiva, ex nunc). Si tratta di una vera e propria sanzione civile per il datore di lavoro che omette la stipulazione per iscritto del contratto di lavoro part-time. Resta comunque fermo il diritto alle retribuzioni dovute per le prestazioni effettivamente rese antecedentemente alla data suddetta. Tale precisazione appare pleonastica alla luce della disposizione generale che garantisce la retribuzione spettante al lavoratore per le prestazioni di fatto rese con violazione di norme poste a tutela del prestatore di lavoro (art. 2126, comma 2, c.c.). Il contenuto essenziale del contratto di lavoro part-time è precisato dall art. 2, comma 2, D.Lgs. n. 61/2000. Il contratto dovrà contenere: la puntuale indicazione della durata della prestazione lavorativa; la collocazione temporale dell orario con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all anno; le eventuali clausole flessibili, relative alla variazione della collocazione temporale della prestazione lavorativa, e le eventuali clausole elastiche, relative alla variazione in aumento della durata della prestazione lavorativa (ai sensi dell art. 3, comma 7, D.Lgs. n. 61/2000). La norma che impone di indicare con precisione la collocazione temporale dell orario con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all anno risulta essere quella che più facilmente viene violata all atto della stipulazione del contratto di lavoro. Il Tribunale di Milano ha ritenuto di dover dichiarare la nullità di una clausola che stabiliva in modo estremamente vago la distribuzione (collocazione) dell orario di lavoro. Si trattava di un caso in cui nella lettera di assunzione di un lavoratore part-time orizzontale

3 414 si stabiliva che la prestazione «avrà una distribuzione settimanale su 6 giorni lavorativi» e «si articolerà con turni avvicendati a rotazione» nell ambito di tutte le fasce orarie comprese in ognuno dei 3 turni di lavoro. Il Giudice di merito ha osservato nella fattispecie che: «L indicazione (puntuale) della collocazione temporale dell orario di lavoro, oltre che della durata della prestazione lavorativa, mira a far sì che il lavoratore possa organizzare il proprio tempo di vita ed eventualmente il tempo da destinare ad altra occupazione lavorativa, sottraendolo ad una disponibilità di fatto, che altrimenti rischierebbe di prolungarsi per l intera durata del ciclo produttivo aziendale. Ben vero che clausole difformi sono ammissibili, peraltro solo nei termini di cui all art. 3, comma 7 [D.Lgs. n. 61/2000; la sentenza si riferisce alla possibilità di stipulare clausole flessibili, su cui v. par. 9, n.d.a.]. La previsione, tuttavia, presuppone che l essenziale clausola di collocazione temporale dell orario sia già inserita nel contratto individuale di lavoro, conformemente alla lettera e alla ratio della legge, perché solo rispetto ad una clausola del genere possono eventualmente darsi meccanismi correttivi nel segno di una maggiore flessibilità. La clausola, così come espressa nel contratto individuale di lavoro, è, pertanto, da ritenersi viziata da nullità» Trib. Milano, sez. lav., 19 dicembre 2005, n Conforme alla precedente è un altra recente decisione del Tribunale di Milano (sent. 6 maggio 2006, n. 1374) che si riferisce ad un caso in cui il contratto di lavoro prevedeva un elevato numero di turni nei quali il datore di lavoro poteva collocare, di tempo in tempo e con limitato e breve preavviso, la prestazione lavorativa, con conseguente violazione della norma che impone invece una precisa collocazione temporale della prestazione lavorativa: «La ratio della norma, poi, è con tutta evidenza quella di consentire, da un lato, la soddisfazione dell esigenza aziendale di avere una prestazione limitata nel tempo; dall altro, quella di garantire al lavoratore di circoscrivere l impegno lavorativo in alcuni precisi limiti temporali, in modo da fare salvi gli altri spazi e da consentirgli di dedicarli ad altre attività (familiari, personali, di lavoro, ecc.) e, comunque, ad attività liberamente determinabili. Detta finalità è frustrata dalla incertezza sulla collocazione oraria della prestazione, determinata nel caso di specie da una previsione ampia di fasce orarie, che non consente al dipendente di programmare il tempo libero dal lavoro; né pare sufficiente a elidere tale inconveniente la previsione quindicinale dei turni di lavoro,

4 La normativa vigente: il D.Lgs. n. 61/ poiché si tratta di una modalità anch essa inidonea a consentire al lavoratore una adeguata programmazione dei suoi tempi extra-lavorativi. Del pari, non può essere utilmente invocata la circ. del Ministero del lavoro 18 marzo 2004, n. 9, poiché la possibilità di una previsione di turni articolati è pur sempre condizionata sia all inserimento nel contratto di lavoro, sia alla compatibilità con le rilevate esigenze personali del lavoratore [v. par. 9, n.d.a.]. Le considerazioni che precedono determinano la dichiarazione di nullità della pattuizione del tempo parziale così come contenuta nel contratto individuale; e, poiché si tratta di una clausola che vitiatur sed non vitiat ai sensi dell art. 1419, comma 2, c.c., il contratto di lavoro deve essere mantenuto come valido e sorge la potestà del Giudice di provvedere alla sostituzione della clausola nulla con altra di contenuto conforme alla legge» Trib. Milano, sez. lav., 6 maggio 2006, n In un altra sentenza (2 gennaio 2006, n. 8) il Tribunale di Milano ha precisato che la normativa relativa alla puntuale indicazione della collocazione temporale dell orario con riferimento al giorno, al mese, alla settimana ed all anno deve considerarsi inderogabile non solo da parte dei privati, ma anche delle parti sociali. Pertanto, anche laddove i contratti collettivi regolino la materia del contratto a tempo parziale, il datore di lavoro dovrà sempre indicare in maniera preventiva (una volta per tutte, salvo modifica concordata con il lavoratore) al lavoratore part-time le fasce orarie nelle quali svolgere la sua attività lavorativa. Ed allora, il solo fatto che il CCNL del settore, ed i successivi accordi integrativi, abbiano previsto la possibilità di inserire i lavoratori part-time in turni avvicendati non legittima il datore di lavoro a operare una continua variazione di detti turni per ciascun lavoratore in tutto l arco della giornata lavorativa, anche se comunicata con anticipo. Le suddette previsioni delle parti collettive si pongono, infatti, in evidente contrasto con la ratio del contratto di lavoro a tempo parziale e devono pertanto ritenersi nulle. La sentenza conferma anche che: «non pare in contrasto rispetto a tale impostazione la circ. 18 marzo 2004, n. 9 del Ministero del lavoro [ ] secondo la quale non integrano un ipotesi di clausola flessibile le previsioni dei contratti collettivi, stipulati dai soggetti individuati dall art. 1, comma 3, D.Lgs. n. 61/2000 come modificato dall art. 46, comma 1, D.Lgs. n. 276/2003 che, nel determinare le modalità della prestazione lavorativa a tempo parziale, prevedano che la stessa possa essere programmata con riferimento a turni articolati su fasce orarie prestabilite in modo che ove tale indicazione sia recepita nel contratto individuale (per relationem) deve essere considerato soddisfatto il requisito della

5 416 puntuale indicazione della collocazione temporale della prestazione con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all anno [v. par. 9, n.d.a.]. Anche tenuto conto di questa circolare, che non a caso parla di programmazione della prestazione lavorativa a tempo parziale in turni di fasce orarie prestabilite, appare necessario che nel contratto di lavoro sia recepita una turnazione tale da consentire al lavoratore (che l abbia accettata con la sottoscrizione del contratto) di conoscere preventivamente la collocazione oraria della sua prestazione anche in un futuro non prossimo. Orbene, il comportamento della convenuta [datore di lavoro, n.d.a.] non soddisfa il necessario requisito della predeterminazione, non essendo sufficiente, a fronte di continui cambiamenti della fascia oraria di collocazione della prestazione lavorativa, il mero preavviso di 15 giorni. Non solo nulla è detto nei vari contratti modificativi dell estensione del part-time, ma altresì il continuo cambiamento dei turni all interno dell intera giornata lavorativa determina l impossibilità per il lavoratore di programmare le attività da svolgere al di fuori dell orario di lavoro. In base all art. 8, comma 2, D.Lgs. n. 61/2000, la mancanza o l indeterminatezza della collocazione dell orario di lavoro con riferimento al giorno, alla settimana, al mese o all anno, non determina la nullità del contratto, ma impone al giudice di determinare le modalità temporali dello svolgimento della prestazione lavorativa» Trib. Milano, sez. lav., 2 gennaio 2006, n. 8. Anche il Tribunale di Lecce (ord. collegiale del aprile 2006, emessa a seguito di reclamo avverso l ordinanza con la quale il giudice del lavoro aveva rigettato la richiesta presentata in via d urgenza da alcuni lavoratori part-time al fine di ottenere la determinazione in unico turno della loro prestazione lavorativa) conferma la nullità, per contrarietà a norma imperativa, delle clausole contrattuali che prevedono, in astratto, la variabilità della collocazione temporale della prestazione lavorativa: «In sostanza, deve escludersi, perché in contrasto con l art. 36 Cost. sulla condizione del lavoratore e con le disposizioni di legge sopra richiamate [artt. 2, 3, comma 7 e 8, D.Lgs. n. 61/2000, n.d.a.] la possibilità per il datore di lavoro di modificare unilateralmente la distribuzione giornaliera dell orario di lavoro, soprattutto quando la modifica non sia fondata preventivamente su esplicite ed imprescindibili necessità organizzative. L invocata clausola contrattuale che prevede in astratto la variabilità di detta articolazione è certamente contraria alla legge e, quindi, nulla, sia perché rimette alla sola volontà del datore di lavoro la facoltà di adeguare l orario del dipendente ad una turnazione non preventivamente precisata, sia perché, a causa di tale oggettiva indeterminazione e delle modalità con cui le variazioni dell orario di lavoro vengono comunicate, comportano un aggravamento della penosità ed un aumento dell onerosità della prestazione lavorativa del tutto insopportabili. Ci troviamo in presenza di una situazione assimilabile al lavoro con prestazione a

6 La normativa vigente: il D.Lgs. n. 61/ chiamata in cui viene garantito soltanto il numero delle ore lavorative settimanali, che il datore di lavoro può unilateralmente distribuire nell arco dell intera giornata, assoggettando il lavoratore ad una disponibilità che eccede la normale onerosità e penosità della prestazione ed incidendo gravemente sui suoi tempi di vita e sulla possibilità di svolgere un ulteriore attività lavorativa» Trib. Lecce, sez. lav., ord. collegiale aprile Da ciò deriva che il datore di lavoro, al quale in genere spetta il potere di variare la collocazione dell orario di lavoro, in caso di lavoro part-time lo potrà fare solo in presenza di clausole flessibili, essendo preminente in questa forma contrattuale la libertà di programmare il proprio tempo libero da parte del lavoratore. In mancanza di esse, la recente giurisprudenza di merito ha chiarito che: «In tema di variazione dell orario di lavoro il datore di lavoro incontra limiti solo in ipotesi di contratto part-time, poiché è solo in questo caso che la programmabilità del tempo libero assume carattere essenziale che giustifica l immodificabilità dell orario da parte del datore di lavoro» Trib. Milano, sez. lav., ord. 8 marzo Anche la giurisprudenza di legittimità ritiene necessario (con riferimento a fattispecie ricadenti sotto la disciplina dell art. 5, legge n. 863/1984) il mutuo consenso delle parti per potersi attuare una variazione dell orario di lavoro (Cass. n /1991) in ragione delle esigenze di vita e di libera organizzazione e programmabilità del tempo libero del lavoratore (Cass. n. 2382/1990; Cass. n /1991). L art. 8, comma 2, D.Lgs. n. 61/2000 (come sostituito dall art. 46, comma 1, lett. r), D.Lgs. n. 276/2003) precisa che l eventuale mancanza o indeterminatezza nel contratto scritto delle indicazioni sopra citate, non comporta la nullità del contratto di lavoro a tempo parziale (anche questa precisazione appare davvero superflua atteso che, se la forma scritta è richiesta ai fini della prova, a maggior ragione in presenza di un contratto scritto, pur mancando in esso talune indicazioni, non si può ritenere che esso sia nullo a causa di tali carenze). Le conseguenze, tuttavia, sono diverse a seconda degli elementi omessi nel contratto scritto: 1. se l omissione riguarda la durata della prestazione lavorativa, su richiesta del lavoratore, anche in questa circostanza, il giudice del

7 418 lavoro può dichiarare la sussistenza fra le parti di un rapporto di lavoro a tempo pieno a partire dalla data del relativo accertamento (con efficacia quindi non retroattiva, ex nunc); 2. se invece l omissione riguarda la sola collocazione temporale dell orario, non si verificherà la conversione in contratto di lavoro a tempo pieno (essendo certa la durata ridotta della prestazione lavorativa), ma il giudice si limiterà a determinare le modalità temporali di svolgimento della prestazione lavorativa a tempo parziale facendo riferimento alle previsioni dei contratti collettivi in materia di clausole flessibili. In assenza di tali previsioni nella contrattazione collettiva, il giudice dovrà provvedere a determinare le modalità temporali di svolgimento della prestazione lavorativa con valutazione equitativa, tenendo conto in particolare delle responsabilità familiari del lavoratore interessato, della sua necessità di integrazione del reddito derivante dal rapporto a tempo parziale mediante lo svolgimento di altra attività lavorativa, nonché delle esigenze del datore di lavoro. In altre parole, il giudice dovrà supplire e colmare la lacuna contrattuale. Nel corso del successivo svolgimento del rapporto è fatta salva la possibilità che le parti concordino per iscritto clausole elastiche o flessibili. In entrambe le ipotesi sopra esaminate, il lavoratore ha diritto per il periodo antecedente alla data della pronuncia della sentenza, in aggiunta alla retribuzione dovuta, alla corresponsione di un ulteriore emolumento a titolo di risarcimento del danno (così espressamente qualificato dall art. 8, comma 2, D.Lgs. n. 61/2000) da liquidarsi con valutazione equitativa. Ad esempio, il Tribunale di Milano (sent. 19 dicembre 2005, n. 4498), in un caso che riguardava la mancata collocazione temporale dell orario di lavoro, ha ritenuto equo liquidare una somma pari al 40% delle retribuzioni effettivamente erogate al dipendente nel corso del rapporto di lavoro; in altra circostanza, lo stesso Tribunale di Milano (sent. 6 maggio 2006, n. 1374) ha invece ritenuto equo liquidare il danno in misura pari al 20% della retribuzione corrisposta dal momento dell assunzione fino a quello dell assegnazione al lavoratore del turno indicato nello stesso dispositivo della sentenza. Più articolata, sempre in merito alla liquidazione del risarcimento del danno in caso di non puntuale indicazione della collocazione temporale della prestazione lavorativa, è la sentenza del Tribunale di Milano (2 gennaio 2006, n. 8) la quale precisa preliminarmente che, pur in mancanza di specifiche allegazioni, non si può non ritenere

8 La normativa vigente: il D.Lgs. n. 61/ certa la sua sussistenza essendo il risarcimento intrinsecamente collegato all impossibilità di organizzare il proprio tempo anche a breve termine, atteso che l orario settimanale nella fattispecie concreta sottoposta a giudizio veniva comunicato con solo 15 giorni di anticipo. Dallo stesso tenore letterale si evince continua il giudice milanese che il legislatore ha ritenuto che alla compromissione del diritto del lavoratore a organizzare il proprio tempo, consegua inevitabilmente un danno da ritenersi pertanto certo nell an. La discrezionalità del giudice deduce il Tribunale di Milano deve rivolgersi alla determinazione del quantum. La soluzione concreta accolta dalla sentenza è la seguente: «In proposito occorre premettere che, [ ] trattandosi di somme da riconoscersi a titolo risarcitorio per fatto illecito, deve trovare applicazione il comma 1 dell art c.c. che fissa in cinque anni il termine prescrizionale che, nel caso di specie, decorre a ritroso dalla data del primo atto interruttivo della prescrizione rappresentato dalla notifica del tentativo obbligatorio di conciliazione. Poiché non di rado la ricorrente ha svolto la propria attività lavorativa proprio nella fascia oraria oggi richiesta; tenuto conto che l orario della ricorrente è passato dalle 18 ore settimanali alle 28 ore settimanali e quindi, da ultimo, occupava parte considerevole della giornata, ed infine che la ricorrente sino al deposito del ricorso non risulta essersi mai lamentata della mancata predeterminazione dell orario di lavoro, si ritiene pertanto equo determinarlo nel 15% della retribuzione percepita per le ore effettivamente lavorate dal 2 agosto 1999 al 31 ottobre 1999, periodo in cui la ricorrente aveva un orario di lavoro di 18 ore settimanali, al 10% da tal data al , periodo in cui lavorava per 24 ore settimanali, e nel 5% da tale data sino al dicembre 2004 (data di deposito del ricorso) [ ]. È evidente, infatti, che maggiore è l impegno lavorativo, minore è il tempo a disposizione del lavoratore con minori necessità di organizzazione. Si precisa inoltre che tali percentuali debbono essere calcolate sulle ore effettivamente lavorate e non sulla retribuzione percepita, essendo pertanto da escludersi gli emolumenti a titolo di 13 a e 14 a mensilità, indennità di malattia, ferie, permessi, ecc. Le somme così determinate andranno maggiorate degli interessi e della rivalutazione dalla data della presente pronuncia al saldo» Trib. Milano, sez. lav., 2 gennaio 2006, n. 8. È infine prevista la possibilità che le parti possano risolvere le controversie insorte per la mancanza del contratto scritto (art. 8, comma 1, D.Lgs. n. 61/2000), o per la mancanza o indeterminatezza delle indicazioni richieste (art. 8, comma 2, D.Lgs. n. 61/2000) promuovendo, in luogo del ricorso all autorità giudiziaria, le procedure di conciliazione ed eventualmente di arbitrato previste dai contratti

9 420 collettivi nazionali di lavoro ai quali (ai sensi dell art. 1, comma 3, D.Lgs. n. 61/2000) è demandata la determinazione delle condizioni e delle modalità della prestazione lavorativa. 6. L abolizione dell obbligo di invio della copia del contratto alla D.P.L. Gli altri obblighi informativi L art. 2, comma 1, secondo periodo, D.Lgs. n. 61/2000 obbligava il datore di lavoro a dare comunicazione dell assunzione a tempo parziale alla Direzione provinciale del lavoro competente per territorio mediante invio di copia del contratto entro 30 giorni dalla stipulazione dello stesso. Peraltro, la giurisprudenza di legittimità aveva escluso (sin dalla vigenza della precedente disciplina che prevedeva identica disposizione) che l invio della copia del contratto costituisse condizione di validità del contratto stesso (così Cass., sez. lav., 24 giugno 1998, n. 6265). Conformemente al suggerimento contenuto nel Libro bianco di eliminare inutili incombenze burocratiche, quest obbligo è stato soppresso dall art. 85, comma 2, D.Lgs. 10 settembre 2003, n La mancata comunicazione alla D.P.L. era punita dall art. 8, comma 4, con una sanzione amministrativa pecuniaria di 15 per ciascun lavoratore interessato ed ogni giorno di ritardo. I corrispondenti importi venivano versati a favore della gestione contro la disoccupazione dell INPS. Anche la sanzione, precisa la circ. n. 9/2004 del Ministero del lavoro, si deve ritenere che sia stata implicitamente abrogata per il venir meno dell obbligo di comunicazione. Pertanto, per le violazioni antecedenti al 24 ottobre 2003 (data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 276/2003), trova applicazione il principio di irretroattività delle leggi che prevedono sanzioni amministrative (art. 1, legge n. 689/1981). Ne consegue che, anche nel caso di emissione di ordinanza ingiunzione, avente ad oggetto violazioni anteriori all entrata in vigore della nuova disciplina, troveranno applicazione le sanzioni riferite alla violazione dell obbligo di comunicazione alla D.P.L. Sulle sanzioni amministrative in generale, cfr. par. 10 dell Introduzione. Permane, invece, l obbligo generale (per i datori di lavoro privati, ivi compresi quelli agricoli, gli enti pubblici economici e le pubbliche amministrazioni) di comunicare l assunzione (ossia l instaurazione di

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

11 Part-time. Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO

11 Part-time. Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO 11 Part-time Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO 1. Definizione e specifica disciplina... 446 2. Tipologie di contratto part-time... 447 2.1. Compatibilità con le diverse tipologie di rapporto di lavoro...

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

Paghe. Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro Nozione Tutele La malattia si annovera tra i casi più comuni di fattispecie sospensive del rapporto di lavoro poiché,

Dettagli

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma La nozione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo è

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Il lavoro straordinario

Il lavoro straordinario Il lavoro straordinario Il titolo XVI (artt. 77-78) del Ccnl degli studi professionali regolamenta il lavoro straordinario. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. c del d.lgs. n. 66/2003, il lavoro straordinario

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 COLLEGATO LAVORO: LIMITI AGLI INDENNIZZI RETROATTIVI Limitata l applicazione retroattiva

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro. CIRCOLARE N. 46/2001 30 aprile 2001 PROT. 5/26335/70/SUB/PT

MINISTERO DEL LAVORO Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro. CIRCOLARE N. 46/2001 30 aprile 2001 PROT. 5/26335/70/SUB/PT MINISTERO DEL LAVORO Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro CIRCOLARE N. 46/2001 30 aprile 2001 PROT. 5/26335/70/SUB/PT Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Generale Rapporti di

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro: tipologie contrattuali, flessibilità in uscita e tutela del lavoratore prof. Francesco Basenghi Università di

La riforma del mercato del lavoro: tipologie contrattuali, flessibilità in uscita e tutela del lavoratore prof. Francesco Basenghi Università di La riforma del mercato del lavoro: tipologie contrattuali, flessibilità in uscita e tutela del lavoratore prof. Francesco Basenghi Università di Modena e Reggio Emilia francesco.basenghi@unimore.it Roma,

Dettagli

OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo

OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo 1. LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO Il licenziamento individuale è l atto con il quale il datore

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n.

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. La riforma del mercato del lavoro Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. 3249/S Disciplina in tema di licenziamenti individuali Tipologia di licenziamento

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015 Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza Bergamo, 11 giugno 2015 Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Confronto tra Riforma Fornero e Jobs Act IL JOBS

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Principali novità introdotte dal Jobs Act

Principali novità introdotte dal Jobs Act Principali novità introdotte dal Jobs Act Nel 2014 con il Jobs Act (Legge Delega 184/2014) il legislatore ha stabilito le linee guida e i principi posti alla base di una ampia e complessa riforma che ha

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE DEL DIRIGENTE Dimissioni e gestione del rapporto

LA CONTRATTAZIONE DEL DIRIGENTE Dimissioni e gestione del rapporto CORSO INTEGRATIVO DI DIRITTO DELLE RELAZIONI INDUSTRIALI E SINDACALI Anno Accademico 2011-2012 Prof. Avv. Pasquale Dui LA CONTRATTAZIONE DEL DIRIGENTE Dimissioni e gestione del rapporto 1 LE DIMISSIONI

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione

3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione 3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione Il contratto di somministrazione, stipulato in forma scritta, deve contenere una serie di elementi tra cui gli estremi dell autorizzazione dell agenzia,

Dettagli

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile INAIL circolare 24 agosto 2004, n. 57 Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile Quadro di riferimento - D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965: "Testo unico

Dettagli

Guida al Lavoro IL SOLE 24 ORE. CONTRIBUTI E IRPEF Articoli

Guida al Lavoro IL SOLE 24 ORE. CONTRIBUTI E IRPEF Articoli Previdenza complementare: il contributo datoriale entra nel calcolo del Tfr Temistocle Bussino Funzionario Ispettivo Inps - Componente Centro studi attività ispettiva del Ministero del lavoro Il Ministero

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis... Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Prof. Avv. Andrea Gemma... Prof. Avv. Raffaele Lener... Membro designato dalla Banca d Italia, che

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE.

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. DIPARTIMENTO DIRITTO DEL LAVORO APRILE 2015 JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. Il 20 febbraio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva

Dettagli

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 1 Ancona, 9 marzo 2011 A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 Maxisanzione per il lavoro nero La prima novità introdotta dal Collegato Lavoro, in tema

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012.

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012. Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI - DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI Documento: Circolare n. 13 del 19 febbraio 2013 Oggetto: Collaborazione coordinata e continuativa a progetto a lla

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Svolgimento del processo Con ricorso depositato in data 19 giugno

Dettagli

Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno

Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno Nel caso di lavoro prestato oltre il sesto giorno consecutivo, occorre distinguere il danno da "usura psico-fisica", conseguente alla mancata fruizione

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro

FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro *** Accordi di produttività: la detassazione dei salari 1. Le micro imprese, in cui non sono presenti rappresentanze sindacati, possono

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d Italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d Italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d Italia - Avv. Maria Elisabetta Contino

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia - Avv. Maria Elisabetta Contino

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Soci lavoratori di cooperativa: recesso ed esclusione Dario Vedani

Soci lavoratori di cooperativa: recesso ed esclusione Dario Vedani Soci lavoratori di cooperativa: recesso ed esclusione Dario Vedani Come si risolve il rapporto di lavoro per i soci lavoratori di cooperativa? Quali effetti produce il recesso dalla società? Quali sono

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 Svolgimento del processo Con sentenza 12 luglio 2007, la Corte d appello di Messina rigettava l appello di G.C.L. ex dipendente di società del cd.

Dettagli

a cura di Celeste Vivenzi

a cura di Celeste Vivenzi IL PATTO DI PROVA NEL LAVORO SUBORDINATO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale In un periodo di profonda crisi economica come quello attuale, il mercato del lavoro richiede la massima flessibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Sentenza 16 luglio 5 novembre 2015, n. 22627 Svolgimento del processo 1. La Corte d Appello di Milano, con la sentenza n. 1018/14, depositata il 6 novembre 2014,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO nella persona del Giudice del lavoro dott.ssa Maria Gabriella MENNUNI ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Contratto part-time e le modifiche del Jobs Act: la nuova disciplina del rapporto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali Il punto di pratica professionale Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali a cura di Antonio Saccone Avvocato - Funzionario della

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore in pra ca LAVORO Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore I edizione Definizione e classificazione giuridica Elemen cos tu vi Determinazione, contabilizzazione e pagamento Prescrizione del diri o

Dettagli

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in www.petraccimarin.it Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in entrata. La riforma in questione

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Clausole. Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia. parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio. parere legale

Clausole. Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia. parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio. parere legale parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia questo mese esaminiamo alcune tipologie di clausole, rinvenibili correntemente nei contratti di agenzia,

Dettagli

DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

annue lorde, confermando il finanziamento dei maggiori oneri con le risorse di cui all art. 15 del CCNL 1/04/199 e successivi incrementi.

annue lorde, confermando il finanziamento dei maggiori oneri con le risorse di cui all art. 15 del CCNL 1/04/199 e successivi incrementi. Il Comune di XXX pone quesito inerente l indennità spettante al personale educativo degli asili nido di cui all art. 31 comma 7 del CCNL 14/09/2000, in particolare se la medesima sia o meno erogabile in

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

DELIBERA N. 29/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA DITTA XXXX / FASTWEB XXXX

DELIBERA N. 29/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA DITTA XXXX / FASTWEB XXXX DELIBERA N. 29/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA DITTA XXXX / FASTWEB XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile Sentenza n. 285 Del 27 settembre 2004 10 gennaio 2005 Svolgimento del processo M. M. convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Latina G. I., lo Scau e l

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - prof. avv. Enrico Quadri..Presidente - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia - prof. avv. Giuseppe Conte...membro designato

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli

2.9. Il periodo di prova

2.9. Il periodo di prova Capitolo 2 Il contratto di lavoro e l inquadramento dei lavoratori 2.9. Il periodo di prova La possibilità di concordare un periodo di prova è prevista dall'art. 2096 cod. civ. e si configura giuridicamente

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che lo svolgimento del processo viene riferito

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015 CIRCOLARE N. 1/2015 del 9 gennaio 2015 OGGETTO: SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

La disciplina del rapporto di lavoro

La disciplina del rapporto di lavoro La disciplina del rapporto di lavoro Linee guida alla lettura al testo consolidato del D.Lgs. 25 febbraio 2000, n. 61 con le modifiche apportate dagli articoli 46, comma 1 e 85, comma 2, del D.Lgs. 10

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Alessandro Leproux Prof. Avv. Gustavo Olivieri Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 del 12 marzo 2001. Sono pervenute da parte di Amministrazioni ed Enti iscritti all Istituto richieste di

CIRCOLARE N. 11 del 12 marzo 2001. Sono pervenute da parte di Amministrazioni ed Enti iscritti all Istituto richieste di Agli Uffici Provinciali INPDAP Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Ai Coordinatori delle consulenze professionali A tutte le

Dettagli