CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012"

Transcript

1 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA

2 IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia di Cn occupa circa 700 persone Per la tipologia produttiva, componenti elettroniche per l auto motive e per l elettrodomestico, l occupazione femminile è sempre stata importante in queste aziende. Questo ha portato il sindacato ad avere un attenzione particolarmente forte ai temi degli orari, dei problemi delle donne, delle pari opportunità, anche grazie alla presenza costante di donne all interno delle rappresentanze sindacali aziendali.

3 UN PERCORSO NEGOZIALE PER LA CONCILIAZIONE Part time volontario Part time d emergenza Flessibilità organizzative e family friendly Occupazione femminile Formazione continua Aspettative Servizi

4 IL PART TIME PER DIFENDERE IL LAVORO La prima esperienza di riduzione massiccia dell orario di lavoro si realizza negli anni 80 in occasione di un calo degli ordinativi che viene fronteggiato col ricorso al part time volontario Con gli accordi degli anni 90 e successivi e il part time, da strumento per evitare i licenziamenti, diventa obiettivo contrattuale per le esigenze di conciliazione delle responsabilità e per la qualità della vita. Accordi 29 luglio 1997, 4 luglio 2001,10 marzo 2005,30 giugno 2009

5 IL PART TIME AMICO DELLE PERSONE E DELLE FAMIGLIE Il part-time diventa, sulla base degli accordi: temporaneo e volontario, applicabile anche ai turnisti, agli indiretti e agli impiegati; viene poi introdotto in forma di part time verticale e di part time notturno anche temporaneo e reversibile viene anche previsto il cosiddetto part time di emergenza ovvero il diritto a ricorrere immediatamente al part time per un periodo di sei mesi per soddisfare esigenze contingenti legate a gravi problematiche famigliari (malattia di un famigliare o altre gravi necessità).

6 IL PART TIME OGGI IN BITRON Attualmente hanno contratto di lavoro part-time il 13 % dei dipendenti degli stabilimenti cuneesi della Bitron SpA e il 18% delle donne occupate. Ma la contrattazione con la Bitron riguardo all orario di lavoro non si esaurisce con la pur ricca ed innovativa esperienza fatta sul part time

7 FLESSIBILITA E RECIPROCITA Nel 1997, di fronte a crescenti esigenze aziendali di ricorso al lavoro supplementare, invece di concedere il ricorso al lavoro straordinario viene introdotta con accordo aziendale la banca ore, anticipando quanto verrà poi fatto anche in sede di rinnovo del CCNL, ma con due caratteristiche migliorative: viene abolita la quota contrattuale di 40 ore di straordinario obbligatorio sostituendola con il ricorso generalizzato alla banca ore e contemporaneamente viene fissata per le ore così lavorate in flessibilità una maggiorazione identica a quella del lavoro straordinario. Anche questa norma, nata per rispondere alle esigenze produttive e di flessibilità dell azienda coniugandole con quelle delle lavoratrici di non vedere aumentato il loro orario annuale, risulta molto gradita e da norma sperimentale diventa poi intesa strutturale e permanentemente vigente.

8 ASPETTATIVE E consentito in base al successivo accordo integrativo il frazionamento dei congedi parentali Sono previste per esigenze famigliari aspettative, anche brevi, agevolate con la concessione di anticipi del Trattamento di fine rapporto.

9 IMPRESA E TERRITORIO L accordo del 30 giugno 2009 ha previsto una ulteriore misura a sostegno del lavoro e contemporaneamente della famiglia là dove, confermando il ruolo sociale dell impresa nel territorio per favorire lavoratrici e lavoratori genitori di bambini molto piccoli, mette a disposizione un contributo aziendale per il funzionamento di un asilo nido nel territorio la cui attività ha avuto inizio nel 2011 anche grazie a questa iniziativa.

10 Lavoro e conciliazione Nell ambito degli accordi Bitron, viene ripetutamente concordato tra le parti di incrementare il lavoro femminile, anche promuovendo iniziative formative, qualora fosse necessario.

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE LE GUIDE DELLA FABI 1 IL JOBS ACT IN PILLOLE Il Consiglio dei Ministri venerdì 20 febbraio, ha approvato i Decreti attuativi del Jobs Act, la Riforma del lavoro. In sintesi riassumiamo i punti più salienti

Dettagli

Buone Prassi nella Contrattazione Collettiva. FISTel Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni

Buone Prassi nella Contrattazione Collettiva. FISTel Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni Buone Prassi nella Contrattazione Collettiva Carichi di lavoro e ritmi troppo pesanti, il capo che non dà un attimo di tregua, l'ansia di fare tutto in poco tempo e, magari, come se non bastasse, anche

Dettagli

Etica ed Economia 2011/2012

Etica ed Economia 2011/2012 Etica ed Economia 2011/2012 L impresa family friendly. Prassi e modelli per la piena realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna. Anna Zilli anna.zilli@uniud.it Family friendly???? Orientamento

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE Nel campo delle pari opportunità, della solidarietà e della conciliazione tempi di lavoro e di vita (Allegato e parte integrante al Contratto di 2 livello

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE Attività di supporto ed informazione in tema di parità di genere e conciliazione LE TEMATICHE

Dettagli

Segreterie Nazionali

Segreterie Nazionali Segreterie Nazionali Roma 8 luglio 2015 Spett.le Europcar Italia SpA Spett.le Aniasa Prot. n. 193/SU/NOL/df Oggetto: Piattaforma contrattazione di 2 livello 2015-2017 Vi inviamo la Piattaforma per la contrattazione

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani Come cambia la tutela della maternità e paternità Barbara Maiani I principi della legge delega Allo scopo di garantire adeguato sostegno alle alla genitorialità cure parentali, attraverso misure volte

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto 15 Ottobre 2007 Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto Intervento di Anna Gradino al convegno La conciliazione e la flessibilità nelle aziende di trasporto pubblico:

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE E FLESSIBILITA IN EUROPA Approcci ed esperienze

POLITICHE DI CONCILIAZIONE E FLESSIBILITA IN EUROPA Approcci ed esperienze POLITICHE DI CONCILIAZIONE E FLESSIBILITA IN EUROPA Approcci ed esperienze Il progetto In Pratica Idee alla pari Bari, 7 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Slides aggiornate al 4 marzo 2015 Schema di Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 20.2.2015 e attualmente in attesa

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Le prassi della contrattazione collettiva integrativa in materia di conciliazione vita lavoro

Le prassi della contrattazione collettiva integrativa in materia di conciliazione vita lavoro www.adapt.it, 8 marzo 2011 Le prassi della contrattazione collettiva integrativa in materia di conciliazione vita lavoro a cura di Roberta Caragnano CONTRATTO DISPOSIZIONI INTERESSANTI E/O NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA TRIENNIO 2010-2012 L attuale crisi finanziaria ed economica mondiale trae origine dalla bolla immobiliare che ha maggiormente coinvolto paesi

Dettagli

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI A cura della Commissione Provinciale Pari Opportunità 17 maggio 2012 Le politiche di Le politiche per la rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli

Dettagli

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA RINNOVO CCNL GAS-ACQUA INTRODUZIONE Il prossimo 31 dicembre 2009 scade il contratto di lavoro per gli addetti al settore gasacqua. Gli scenari in cui ci si appresta a rinnovare il contratto vedono, sempre

Dettagli

TESTO della PETIZIONE al GOVERNO e al PARLAMENTO e FOGLI FIRMA

TESTO della PETIZIONE al GOVERNO e al PARLAMENTO e FOGLI FIRMA TESTO della PETIZIONE al GOVERNO e al PARLAMENTO e FOGLI FIRMA Il lavoro è un bene di ogni persona su cui è necessario costruire più tutela, più partecipazione e cittadinanza. Per le Acli è quindi fondamentale

Dettagli

IL NUOVO CIA DI REALE MUTUA E REALE IMMOBILI

IL NUOVO CIA DI REALE MUTUA E REALE IMMOBILI IL NUOVO CIA DI REALE MUTUA E REALE IMMOBILI Nelle assemblee svoltesi ieri a Torino, i numerosi colleghi presenti hanno calorosamente ed all unanimità approvato l ipotesi di rinnovo dei CIA di Reale Mutua

Dettagli

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE LETTERA DI ADESIONE AL BANDO CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA COMUNE DI BIBBIENA Al Comune di Bibbiena Commissione Pari Opportunità Il/la sottoscritto/a in qualità di rappresentante

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE 1 OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE QUESITO (in data 20 maggio 2009) Sono un medico anestesista che nel 2001 é stato operato di trapianto di cornea all occhio sinistro e nel

Dettagli

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A Dopo una lunga ed complessa trattativa, durata parecchi mesi, è stato siglato l accordo fra le OO.SS. e l azienda che aggiorna il vigente contratto

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

Analisi degli accordi sul welfare 5

Analisi degli accordi sul welfare 5 Analisi degli accordi sul welfare 5 Con il 2014 abbiamo modificato la classificazione degli accordi. La nuova classificazione prevede 9 sottoclassificazioni. Quindi dal 2014 in poi non sarà possibile fare

Dettagli

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro CONTRIBUTO DEL SISTEMA CONFINDUSTRIA AL DOCUMENTO ELABORATO IN SENO AL GRUPPO DI LAVORO SULLE PARI OPPORTUNITA DELL UNI (COMMISSIONE RESPONSABILITA SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI) Esempi di buone prassi

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

Verbale di incontro. Tra UniCredit Banca di Roma e le Segreterie dell Organo di Coordinamento, del 26/06/2009. premesso che :

Verbale di incontro. Tra UniCredit Banca di Roma e le Segreterie dell Organo di Coordinamento, del 26/06/2009. premesso che : Verbale di incontro Tra UniCredit Banca di Roma e le Segreterie dell Organo di Coordinamento, del 26/06/2009 premesso che : - Il presente verbale avviene dopo una serie di riunioni nelle quali UniCredit

Dettagli

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA Gillian Whitehouse School of Political Science and International Studies University of Queensland Australia Temi e punti centrali

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

Caregiver & conciliazione

Caregiver & conciliazione Caregiver & conciliazione Esperienze europee Licia Boccaletti Progetto realizzato con il contributo di I caregiver lavoratori in Europa La maggioranza dei caregiver in età lavorativa in Europa è occupata.

Dettagli

I casi del progetto La.Fem.Me. Elementi per impostare una politica di supporto alle imprese ed al territorio

I casi del progetto La.Fem.Me. Elementi per impostare una politica di supporto alle imprese ed al territorio Work life balance ed innovazione organizzativa per aumentare la produttivita delle imprese Roma, 24 ottobre 2013 I casi del progetto La.Fem.Me. Elementi per impostare una politica di supporto alle imprese

Dettagli

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme.

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme. A seguito della riunione del 18 Giugno 2008 delle segreterie dei Circoli di lavoro del PD era in fase di predisposizione il modulo per la raccolta delle firme. Prendendo atto con grande soddisfazione della

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 Nella mensilità di maggio, come noto, è stato attivato on line un questionario sull orario di lavoro al fine di raccogliere elementi informativi utili

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

Seminario sulla attuazione della Direttiva sul Congedo Parentale emendata (2010/18/EU)

Seminario sulla attuazione della Direttiva sul Congedo Parentale emendata (2010/18/EU) Seminario sulla attuazione della Direttiva sul Congedo Parentale emendata (2010/18/EU) Brussels, 29 giugno 2011 Justice Justice 29 June 2011 1 Schema Lunghezza del congedo / non-transferabilità Ambito

Dettagli

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena Ufficio Pensioni. Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena Ufficio Pensioni. Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014 Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Della Provincia Loro Sedi p.c. alle OO.SS. della Scuola Loro Sedi OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2015

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche della famiglia Roma, 1 ottobre 2009 Piano In risposta alla pronuncia della Corte di giustizia delle comunità europee del 13 novembre

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

Piattaforma Feneal - Filca - Fillea

Piattaforma Feneal - Filca - Fillea Piattaforma Feneal - Filca - Fillea CCNL LEGNO-ARREDO INDUSTRIA Vigenza contrattuale 01/04/2016 31/03/2019 Roma 23 settembre 2015 Premessa Il rinnovo del CCNL, si colloca all interno di un quadro macro

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria 14-11-2015 Numero 15-14 NOTA DAL CSC Indagine Confindustria sul lavoro nel 2014 1 Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria Jobs Act e sgravi contributivi

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

SCHEDA MONITORAGGIO PROGETTI PROVINCE. INDICATORI DI REALIZZAZIONE Fase approvazione atti amministrativi [ ] Fase di realizzazione iniziale [ ]

SCHEDA MONITORAGGIO PROGETTI PROVINCE. INDICATORI DI REALIZZAZIONE Fase approvazione atti amministrativi [ ] Fase di realizzazione iniziale [ ] SCHEDA MONITORAGGIO PROGETTI PROVINCE PROVINCIA: Arezzo PROGETTO N.: 01 TITOLO: Vivere alla pari DATA di rilevamento: 31/08/2011 INDICATORI DI REALIZZAZIONE Fase approvazione atti amministrativi [ ] Fase

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA L'anno duemilasette, addì 6 del mese di luglio TRA la Regione Puglia, di seguito indicata come Regione, con sede in Bari, Via Caduti di Tutte le Guerre 15 (C.F. ), rappresentata dagli

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Intervento Dottor Domenico MASSARO Direttore Risorse Umane Parmalat Italia

Intervento Dottor Domenico MASSARO Direttore Risorse Umane Parmalat Italia in collaborazione con Business School of Management della Luiss Guido Carli di Roma e AIDP - Associazione Italiana per la Direzione del Personale Documentazione della Tavola Rotonda Perché la flessibilità

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

Linee Guida sulla Contrattazione di Genere e per la Famiglia nei Trasporti a cura del Coordinamento Nazionale Donne Fit

Linee Guida sulla Contrattazione di Genere e per la Famiglia nei Trasporti a cura del Coordinamento Nazionale Donne Fit Linee Guida sulla Contrattazione di Genere e per la Famiglia nei Trasporti a cura del Coordinamento Nazionale Donne Fit Premessa La crisi economica che stiamo vivendo, e gli effetti che sta producendo

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

Aspettativa (aggiornamento ottobre 09) Edizione ottobre 09. Pagina 1

Aspettativa (aggiornamento ottobre 09) Edizione ottobre 09. Pagina 1 Aspettativa Edizione ottobre 09 Pagina 1 INDICE 1 ASPETTATIVA NON RETRIBUITA pag. 3 1.1 Congedo per gravi motivi di famiglia pag. 3 1.2 Modalità di richiesta pag. 3 1.3 Trattamento economico 2 ALTRE ASPETTATIVE

Dettagli

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV.

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV. Arpa Toscana Arpa Veneto Arpa Piemonte LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ Arpa Emilia-Romagna Comitato Pari Opportunità Arpa Campania Arpa Lombardia Comitato

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Lubiam moda per l uomo e il progetto Condividere e diversificare per meglio conciliare di Sara Annoni

Lubiam moda per l uomo e il progetto Condividere e diversificare per meglio conciliare di Sara Annoni 010Lubiam:Altis_Opuscolo_3 15/05/2009 17.45 Pagina 73 Lubiam moda per l uomo e il progetto Condividere e diversificare per meglio conciliare di Sara Annoni Il progetto Condividere e diversificare per meglio

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali)

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) In Regione Lombardia il tasso di attività delle donne tra i 15 e 64 anni si attesta al 62,8 %contro

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con accordo sindacale sottoscritto

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center RACCOLTA DATI PRESSO CENTRI PER L IMPEGO, STUDIO DI UN CASO: I CALL CENTER (Stefania Doglioli, Elena Ottolenghi, Gabriella Rossi, Michele Fortunato)

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine Circolare Informativa n 3/2013 Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) CCNL Turismo: Accordi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Contratto part-time e le modifiche del Jobs Act: la nuova disciplina del rapporto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

PENSIONI ED ESODI - Istruzioni per l uso PENSIONI ED ESODI: ISTRUZIONI PER L USO

PENSIONI ED ESODI - Istruzioni per l uso PENSIONI ED ESODI: ISTRUZIONI PER L USO COMITATO REGIONALE FABI EMILIA ROMAGNA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO BOLOGNA 4/7 marzo 2016 -------------------------- Relatore VINCENZO SAPORITO Coordinatore Dipartimento Welfare PENSIONI ED ESODI: ISTRUZIONI

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Gent.le Dipendente. Cordiali saluti,

Gent.le Dipendente. Cordiali saluti, Gent.le Dipendente La cooperativa Tempo Libero aderisce al Progetto 8/18: progetto di assegnazione di un contributo a favore dei lavoratori delle imprese dell alleanza locale degli ambiti distrettuali

Dettagli

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Non c è dubbio che il tema della centralità della persona e della famiglia

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori addetti al settore elettrico

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori addetti al settore elettrico Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori addetti al settore elettrico Rinnovo CCNL 5 marzo 2010 Articoli modificati e documenti aggiunti Roma, 18 febbraio 201 3 In Roma, addì 18febbraio

Dettagli

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE 1. Finalità Principali finalità degli Enti Bilaterali sono l'agevolazione e l'assistenza delle aziende

Dettagli