Prot.n Brescia, DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE."

Transcript

1 Prot.n Brescia, DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato datore di lavoro, che gli sono riconosciuti in virtù dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n.165/2001; premesso che i rapporti di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono disciplinati dalle disposizioni del Codice Civile, dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell impresa nonché dai contratti collettivi nazionali di lavoro, mentre i rapporti individuali sono regolati da contratti individuali, come disposto dall art. 2, commi 2 e 3, del citato D.Lgs. n.165/2001; considerato che le pubbliche amministrazioni, come previsto dall art.36 del D.Lgs. n. 165/2001, si avvalgono delle forme contrattuali flessibili di assunzione e di impiego del personale; richiamato il D.Lgs. n. 61 del , come modificato dal D.Lgs. n. 100/2001, e la disciplina preesistente, contenuta nella legge n. 662/96 e nella legge n. 449/97; visto il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro sottoscritto il , che ha sostanzialmente riprodotto, negli artt. 4 e ss., la normativa in materia; ritenuto necessario, nell esercizio del potere di organizzazione, tradurre tale disciplina in uno strumento concreto e funzionale; considerato che le modalità, i criteri, l articolazione dell orario ed i limiti di trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale sono oggetto di informazione e concertazione; verificato che, in merito alla definizione dei criteri generali per la disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale di cui in premessa, è stata data informazione ai soggetti sindacali in data , sia a scopo di informazione preventiva che per l avvio della concertazione; preso atto che il confronto tra le parti si è concluso in data con la sottoscrizione del relativo verbale di concertazione;

2 richiamata la deliberazione n.569 del 21 dicembre 1994 con la quale la Giunta camerale ha approvato il nuovo assetto organizzativo della Camera di Commercio in tema di ripartizione dei compiti e funzioni tra la stessa Giunta e la direzione dell Ente, in conformità a quanto disposto dal decreto legislativo n. 29/93, ora sostituito dal decreto legislativo n. 165/2001; vista la scheda istruttoria predisposta in osservanza dell ordine di servizio n.10 del ; d e t e r m i n a di approvare i criteri generali per la disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale, che si riportano in allegato al presente provvedimento costituendone parte integrante. f.to IL SEGRETARIO GENERALE (dr Carmelo Antonuccio)

3 Allegato alla determinazione n. 273/SG del CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE INDICE: ART. 1 OGGETTO ART. 2 CRITERIO GENERALE ART. 3 DEFINIZIONI ART. 4 TIPOLOGIA ART. 5 DETERMINAZIONE DEL CONTINGENTE ART, 6 RICHIESTA DI TRASFORMAZIONE ART. 7 PROCEDIMENTO ART. 8 CASI DI ESCLUSIONE E LIMITI ALLA TRASFORMAZIONE ART. 9 ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE DI LAVORO A TEMPO PARZIALE ART. 10 ESITO DELLA RICHIESTA ART. 11 ATTIVITÀ EXTRA ISTITUZIONALI ART. 12 PRIORITÀ NELLE RICHIESTE DI TRASFORMAZIONE ART. 13 COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE ART. 14 LAVORO AGGIUNTIVO E STRAORDINARIO ART. 15 RICHIESTE DI VARIAZIONE DELL ORARIO PART TIME ART. 16 RICHIESTE DI RIENTRO A TEMPO PIENO ART. 17 NORME TRANSITORIE E FINALI ART. 18 ENTRATA IN VIGORE CLAUSOLA MORATORIA PRELIMINARE Le parti convengono che, dalla data di comunicazione, da parte dell'amministrazione alla R.S.U., della bozza dei "Criteri generali per la disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale", le domande di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale o di trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale, già autorizzato con provvedimento dell'ente, verranno esaminate solo al termine delle procedure previste per le relazioni sindacali e secondo la disciplina contenuta nei predetti "Criteri generali". Art. 1 OGGETTO I presenti Criteri Generali disciplinano le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti della Camera di Commercio di Brescia relativamente a tutti i profili professionali appartenenti alle categorie, ad eccezione di quelli espressamente individuati all art. 8 dei presenti Criteri Generali. Art. 2 CRITERIO GENERALE Al personale con rapporto di lavoro a tempo parziale si applicano gli istituti formulati per il personale a tempo pieno, disciplinati dalle leggi, dai C.C.N.L. e dalla C.C.D.I., tenendo conto della ridotta durata della prestazione e della peculiarità del suo svolgimento.

4 Art. 3 DEFINIZIONI Per Ente si intende la Camera di Commercio di Brescia. Per tempo pieno si intende l orario normale di lavoro fissato dalla normativa vigente. Per tempo parziale l orario di lavoro, fissato dal contratto individuale, sottoscritto dal dipendente, che risulti comunque inferiore all orario di lavoro a tempo pieno. I termini tempo parziale e part time sono da considerarsi sinonimi. Art. 4 TIPOLOGIA Il rapporto di lavoro a tempo parziale può essere: a) orizzontale, laddove la riduzione di orario rispetto al tempo pieno è prevista in relazione all orario normale giornaliero di lavoro; b) verticale, qualora l attività lavorativa sia svolta a tempo pieno, ma limitatamente a periodi predeterminati nel corso della settimana, del mese o dell anno; c) misto, con combinazione delle due modalità previste alle lettere a) e b). Il tipo di articolazione della prestazione e la sua distribuzione sono concordati con il dipendente, nel rispetto delle condizioni riportate all'art. 9. Art. 5 DETERMINAZIONE DEL CONTINGENTE Il contingente di personale a tempo parziale non può superare il 25% della dotazione organica complessiva di personale a tempo pieno di ciascuna categoria. Il numero dei posti di ciascun contingente sarà calcolato con arrotondamento all unità superiore. Art. 6 RICHIESTA DI TRASFORMAZIONE La richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale viene effettuata per iscritto dal dipendente sull apposito modulo, predisposto a cura dell Ufficio Organizzazione e Metodo. Nella domanda devono essere indicati i dati anagrafici, i dati professionali, la modalità proposta di svolgimento della prestazione lavorativa presso l Ente, l articolazione dell orario secondo le modalità indicate all art. 4, nonché l eventuale possesso di titoli di precedenza. Il dipendente che voglia trasformare il proprio rapporto di lavoro a tempo parziale, con prestazione lavorativa non superiore al 50% di quella a tempo pieno, deve specificare nella domanda l eventuale attività lavorativa, subordinata od autonoma, che intenda esercitare, affinché possa essere verificato il rispetto delle vigenti norme sull incompatibilità. ** è attribuita valenza a tempo determinato, di durata triennale, ai contratti di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, stipulati a decorrere dal , con conseguente rientro a tempo pieno alla scadenza del triennio e con la possibilità di presentare, nella sessione prevista prima della scadenza del contratto individuale, una nuova domanda di trasformazione nei limiti e con le modalità stabilite dai criteri generali, in concorso con eventuali dipendenti interessati, nell'ambito del contingente di posti disponibili (v. determinazione n.110/sg del )

5 Art. 7 PROCEDIMENTO La domanda, completa delle indicazioni di cui all articolo precedente e indirizzata al Segretario Generale, va presentata all Ufficio Archivio-Protocollo entro i periodi di seguito indicati: - sessione a) dal 1 al 30 aprile, per le trasformazioni con decorrenza 1 luglio 31 dicembre; - sessione b) dal 1 al 31 ottobre, per le trasformazioni con decorrenza 1 gennaio 30 giugno. La domanda presentata è valida esclusivamente per la sessione di riferimento; pertanto, in caso di esito negativo della stessa, il dipendente ancora interessato alla trasformazione del proprio rapporto di lavoro, da tempo pieno a tempo parziale, dovrà produrre, nei termini previsti per la sessione successiva, una nuova domanda. Decorsi 60 giorni dalla data di protocollazione della domanda, senza che l Ente abbia, con provvedimento motivato, accolto o respinto la domanda o differitane la decorrenza, il rapporto di lavoro sarà automaticamente trasformato da tempo pieno a tempo parziale, secondo le modalità indicate nella richiesta. In ogni caso, la trasformazione del rapporto di lavoro deve risultare da atto scritto. L Ente può richiedere chiarimenti e/o integrazioni al dipendente. La richiesta dell Ente sospende il termine suddetto. Tale termine riprende a decorrere dalla data di protocollazione delle eventuali integrazioni, da presentare all Ufficio Archivio- Protocollo dell Ente. La richiesta di chiarimenti e/o integrazioni può essere effettuata solo per una volta. L Ufficio Organizzazione e Metodo richiede quindi il parere del Dirigente dell Area cui è assegnato il dipendente; in caso di parere negativo, lo stesso dovrà essere motivato. Il decorrere infruttuoso di 15 giorni effettivi dalla richiesta al Dirigente dell Area competente di esprimere il proprio parere viene considerato come parere positivo alla trasformazione. Il Dirigente dell Area competente può impiegare, con motivazione scritta e nel rispetto dei principi di non discriminazione, il dipendente, con rapporto di lavoro trasformato da tempo pieno a tempo parziale, in altri uffici e servizi della propria Area, compatibilmente con la qualifica, il profilo e i titoli di studio e professionali posseduti, con possibilità di proporre al Segretario Generale l'assegnazione dello stesso ad altra Area. Art. 8 CASI DI ESCLUSIONE E LIMITI ALLA TRASFORMAZIONE E esclusa la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a part time nei seguenti casi: a) per il personale dirigente; b) per il personale chiamato a ricoprire l area delle posizioni organizzative di cui al C.C.N.L Il dipendente titolare delle stesse può ottenere la trasformazione a tempo parziale del suo rapporto solo a seguito di espressa rinuncia all incarico conferitogli, fermi restando i limiti percentuali di cui all art. 5 dei presenti Criteri Generali; c) per il personale che sta svolgendo il periodo di prova. I dipendenti assunti con rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato hanno diritto di chiedere la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale decorso un triennio dalla data di assunzione in ruolo presso l'ente. La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale può avvenire prima del decorrere di un triennio nei casi di cui ai punti a), b), c) del successivo art. 12, in deroga

6 alle disposizioni del presente articolo. La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale per i dipendenti, inquadrati nella Categoria D, con incarichi di responsabilità di ufficio o di servizio e non appartenenti all Area delle posizioni organizzative di cui al C.C.N.L , può avvenire esclusivamente nell ambito della tipologia di tipo orizzontale, con prestazione oraria di 30 ore settimanali, rispettando le altre condizioni individuate all'art. 9, salvo rinuncia scritta all incarico. Art. 9 ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE DI LAVORO A TEMPO PARZIALE La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, sia esso di tipo orizzontale, verticale o misto, può essere richiesta nel rispetto delle seguenti condizioni: a) l impegnativa oraria settimanale può essere scelta esclusivamente tra le seguenti opzioni: 18 ore 24 ore 30 ore b) in caso di part time di tipo verticale o misto, l'impegnativa oraria media settimanale, calcolata su base annuale, non può essere inferiore al 30% di quella a tempo pieno; c) l impegnativa oraria giornaliera non può essere superiore a quella prevista per il rapporto di lavoro a tempo pieno; d) la prestazione lavorativa giornaliera può iniziare non più tardi di un ora dopo l orario di lavoro da osservare da parte del personale con rapporto di lavoro a tempo pieno; e) in caso di part time verticale o misto, i periodi con prestazione lavorativa e senza prestazione lavorativa devono essere continuativi; in particolare: - settimanalmente, potrà essere richiesta una distribuzione che preveda un solo periodo con prestazione lavorativa ed un solo periodo senza prestazione lavorativa; conseguentemente non potranno essere richieste distribuzioni settimanali a giorni alterni (venerdì-lunedì sono considerati continuativi); - annualmente, potrà essere richiesta una distribuzione che preveda, al massimo, due periodi con prestazione lavorativa, alternati, al massimo, con due periodi senza prestazione lavorativa; f) la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, o l'eventuale rientro da tempo parziale a tempo pieno, potrà decorrere, esclusivamente, dal primo del mese; g) il personale con rapporto di lavoro a tempo parziale: - nelle giornate in cui presta servizio con articolazione oraria uguale al tempo pieno, usufruisce delle stesse forme di flessibilità previste per il personale a tempo pieno; - nelle giornate in cui presta servizio con articolazione oraria diversa dal tempo pieno, usufruisce di una flessibilità di 15 minuti ad inizio servizio e di 30 minuti durante la pausa pranzo, laddove prevista. Art. 10 ESITO DELLA RICHIESTA Il Segretario Generale, con propria determinazione, dispone o nega la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale. La richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro può essere differita se la trasformazione del rapporto di lavoro a part time comporta, in relazione alle mansioni del dipendente ed alle esigenze organizzative, grave pregiudizio alla funzionalità dell'ufficio o servizio di appartenenza. Il differimento è possibile per un periodo non superiore a 6 mesi, decorrente dalla data della

7 comunicazione del differimento stesso, valutando comparativamente l interesse del dipendente medesimo e le necessità organizzative dell Ente, volte ad assicurare la funzionalità dei servizi e l ottimale utilizzazione delle risorse umane. La determinazione del Segretario Generale viene comunicata al dipendente e, per conoscenza, al Dirigente dell Area di assegnazione. Art. 11 ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI Il dipendente che chiede ed ottiene l instaurazione di un rapporto di lavoro con prestazione lavorativa non superiore al 50% di quella a tempo pieno può iscriversi ad albi ed ordini e svolgere attività professionale, subordinata o autonoma, esercitare il commercio e l industria, accettare cariche in società a scopo di lucro e l assunzione di impieghi alle dipendenze di privati o di pubbliche amministrazioni. La richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro viene negata, con determinazione del Segretario Generale, nel caso in cui l attività di lavoro esterna, subordinata od autonoma, che il dipendente intenda svolgere, comporti un conflitto di interessi con la specifica attività di servizio che lo stesso svolge presso l Ente. Il dipendente è tenuto a comunicare, entro quindici giorni, l eventuale successivo inizio o la variazione dell attività lavorativa esterna. Fermo restando l analisi del singolo caso, vi è conflitto di interesse, in via indicativa e non esaustiva, qualora il dipendente: - intenda assumere la qualità di socio, dipendente, consulente di società, associazioni, ditte, enti, studi professionali o compartecipazione in persone giuridiche, la cui attività consista anche nel procurare a terzi iscrizioni, denunce, licenze, autorizzazioni, concessioni, nulla osta di competenza della Camera di Commercio; - intenda svolgere attività libero professionale al fine di procurare a terzi provvedimenti amministrativi di cui sopra; - intenda assumere la qualità di socio, dipendente, consulente di società, associazioni, ditte, enti, studi professionali o comunque persone fisiche o giuridiche, la cui attività si estrinsechi nello stipulare o comunque gestire convenzioni o altri rapporti contrattuali ovvero progetti, studi, consulenze per l'ente; - intenda svolgere attività libero professionali in campo legale o tributario ed intenda operare in rappresentanza di terzi in via giudiziale o extragiudiziale per curare i loro interessi giuridici nei confronti dell'ente, ovvero rendere attività di consulenza agli stessi fini a favore di terzi; - intenda svolgere attività a favore di soggetti nei confronti dei quali la Camera di Commercio svolga funzioni di controllo o vigilanza; - intenda assumere la qualità di socio, dipendente, consulente di società, associazioni, ditte, enti, studi professionali o compartecipazione in persone giuridiche, la cui attività consista anche nella fornitura, di beni o servizi, all'ente. In tali casi il rapporto di lavoro part time potrà essere rifiutato e, se già in essere, l Ente potrà intimare all interessato di sospendere immediatamente l attività esterna, a pena della revoca. Al dipendente ammesso al part time al fine di svolgere altra attività, suscettibile di conflitti potenziali di interesse, la concessione del part time può essere subordinata a specifiche condizioni. La determinazione di autorizzazione ovvero di diniego viene comunicata al dipendente e, per conoscenza, al Dirigente dell Area di assegnazione. Per ogni altro istituto normativo si fa riferimento alla disciplina vigente in tema di incompatibilità. Il personale dipendente titolare di un rapporto di lavoro a tempo parziale, con prestazione

8 lavorativa superiore al 50% di quella a tempo pieno, soggiace alla normativa vigente in tema di incompatibilità, cumulo di impieghi ed incarichi per il personale dipendente a tempo pieno. Art. 12 PRIORITA NELLE RICHIESTE DI TRASFORMAZIONE In presenza di domande di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno e tempo parziale in numero eccedente i posti disponibili, determinati secondo il criterio di cui all'art. 5, costituiscono, nell ordine, titoli di precedenza quelli di seguito elencati: a) essere dipendenti portatori di handicap; b) essere dipendenti in particolari condizioni psicofisiche; c) essere familiari che assistono persone portatrici di handicap non inferiore al 70% o persone in particolari condizioni psico-fisiche o affette da gravi patologie o anziani non autosufficienti; d) essere genitori con figli minori, in relazione al loro numero ed all età degli stessi, privilegiando, in caso di parità di numero, l età media più bassa; e) aver superato i 55 anni di età ovvero compiuto i 25 anni di servizio; f) ricorrere di motivate esigenze di studio. Il possesso dei suddetti titoli di precedenza deve essere debitamente documentato, limitatamente ai fatti ed agli stati che non possano essere oggetto di dichiarazioni sostitutive di certificazioni o di atti di notorietà, ai sensi e per gli effetti di cui al D.P.R. n. 445/2000. A parità di condizioni e di titoli di precedenza, l'ordine di priorità sarà determinato dalla maggiore anzianità di servizio e, a parità di anzianità di servizio, dalla maggiore età. Art. 13 COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Il rapporto di lavoro a tempo parziale viene costituito mediante sottoscrizione di apposito contratto individuale di lavoro, contenente l indicazione della durata della prestazione lavorativa nonché della collocazione temporale dell orario, con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all anno e con la determinazione del relativo trattamento economico. Art. 14 LAVORO AGGIUNTIVO E STRAORDINARIO Il dipendente titolare di un rapporto di lavoro a tempo parziale orizzontale, previo suo espresso consenso, può effettuare prestazioni di lavoro aggiuntivo, nella misura massima del 10% della durata dell orario di lavoro a tempo parziale, riferita a periodi non superiori ad un mese e da utilizzare nell arco di più di una settimana. Per lavoro aggiuntivo si intendono le prestazioni lavorative svolte oltre l orario di lavoro concordato fra le parti. Il ricorso al lavoro aggiuntivo è ammesso per eccezionali, specifiche e comprovate esigenze organizzative o in presenza di particolari situazioni di gravi difficoltà organizzative, derivanti da concomitanti assenze di personale non prevedibili ed improvvise. Il personale con rapporto di lavoro a tempo parziale verticale può effettuare prestazioni di lavoro straordinario in relazione alle giornate di attività lavorativa, nella misura massima del 10% di cui al comma 1 del presente articolo e sempre che sussistano le condizioni di cui al comma precedente. Il compenso previsto per l effettuazione del lavoro supplementare, aggiuntivo o straordinario,

9 è quello determinato dalla normativa contrattuale vigente. Art. 15 RICHIESTE DI VARIAZIONE DELL ORARIO PART TIME Le richieste di variazione dell articolazione dell orario del rapporto di lavoro a part time, che in ogni caso devono essere conformi alle condizioni riportate agli artt. 8 e 9, non sono ammesse prima del decorso di un biennio dall'ultima trasformazione, fatta salva la facoltà dell Ente, per obiettive esigenze di servizio, di acconsentirvi, in deroga al limite temporale di cui sopra, con determinazione del Segretario Generale, su parere del Dirigente dell Area ove risulta assegnato il dipendente interessato alla modifica. La determinazione del Segretario Generale di accoglimento della richiesta di variazione dell articolazione dell orario, che ne fissa la data di decorrenza, viene comunicata al dipendente e, per conoscenza, al Dirigente dell Area competente. Art. 16 RICHIESTE DI RIENTRO A TEMPO PIENO I dipendenti che trasformano il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale hanno diritto di ottenere il ritorno al tempo pieno alla scadenza di un biennio dalla trasformazione, anche in soprannumero. E in facoltà dell Ente acconsentire alla richiesta di rientro a tempo pieno fatta dal dipendente prima del decorso del biennio, a condizione che vi sia la disponibilità del posto in organico. I dipendenti assunti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e parziale hanno diritto di chiedere la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno decorso un triennio dalla data di assunzione, a condizione che vi sia disponibilità del posto in organico. Art. 17 NORME TRANSITORIE E FINALI Le tipologie e le articolazioni d'orario dei rapporti di lavoro a tempo parziale formalmente autorizzate, con provvedimento dell'ente, alla data di entrata in vigore dei presenti Criteri Generali, rimangono valide, anche se difformi da quelle qui previste. Per tutto quanto non espressamente disciplinato dai presenti Criteri Generali trova applicazione quanto stabilito dal D.Lgs. n. 61/2000, dal C.C.N.L. del Comparto Regioni Autonomie Locali, dal codice civile (libro V, titolo II, capo I), dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell'impresa, nonché, ove applicabili, dalle altre leggi in materia. Art. 18 ENTRATA IN VIGORE I presenti Criteri Generali entrano in vigore il giorno stesso della loro pubblicazione all Albo Camerale.

10 Domanda di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale Al Segretario Generale della Camera di Commercio di Brescia Il/La sottoscritto/a.. nato/a a. il. e residente a.... in Via/Piazza.... in servizio presso la Camera di Commercio di Brescia a decorrere dal. Categoria Profilo Professionale... CHIEDE di poter trasformare il proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale: orizzontale verticale misto secondo l articolazione e la distribuzione seguente: con decorrenza:.... PRECISA che attualmente non intende intraprendere altra attività lavorativa; (oppure) che vuole espletare la seguente attività di lavoro subordinato/autonomo (indicare gli elementi caratterizzanti l attività, quali tempi, luogo di svolgimento, soggetto nei cui confronti l attività, se subordinata, viene svolta, compensi etc.).... DICHIARA sotto la propria personale responsabilità, a conoscenza delle sanzioni previste dall art. 76 del D.P.R. n. 445 del nel caso di dichiarazioni mendaci e di formazione o uso di atti falsi, di non essere in possesso di titoli di precedenza: (oppure) di essere in possesso, in conformità a quanto previsto dall art. 12 dei Criteri Generali per la disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale, dei seguenti titoli di precedenza: a) portatore di handicap b) in particolari condizioni psico-fisiche; c) familiare che assiste persone portatrici di handicap non inferiore al 70% o persone in particolari condizioni psico-fisiche o affette da gravi patologie o anziani non autosufficienti; d) genitore di n... figli minori, della seguente età ; e) maggiore di 55 anni di età ovvero dipendente con oltre 25 anni di servizio presso l Ente; f) dipendente con esigenze di studio motivate in allegato. N.B. Il possesso dei suddetti titoli di precedenza deve essere debitamente documentato, limitatamente ai fatti ed agli stati che non possano essere oggetto di dichiarazioni sostitutive di certificazioni o di atti di notorietà, ai sensi e per gli effetti di cui al D.P.R. n. 445/2000. Data. Firma

11 PARERE DEL DIRIGENTE DELL AREA DI ASSEGNAZIONE Con riferimento alla nota in data presentata dal/la dipendente sig. ai fini della: concessione dell aspettativa per motivi di famiglia: trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a part-time variazione articolazione orario di lavoro part-time altro il Dirigente dr responsabile dell'area presso cui presta servizio il dipendente in oggetto, esaminata l istanza, esprime: parere favorevole, con decorrenza dal Note parere contrario, per le seguenti motivazioni: Brescia, Firma f.to IL SEGRETARIO GENERALE (dr Carmelo Antonuccio)

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS PIAZZA PADRE G. VIALE 4 18012 BORDIGHERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME 1. OGGETTO Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME (approvato con delibera della Giunta comunale nr 66 del 14.05.2001 con le modifiche apportate con delibere della Giunta comunale nr 123 del 13.10.2008 e nr 101

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

COMUNE DI OSTUNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME COMUNE DI OSTUNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME approvato con deliberazione di G.C. n. 347 del 20.l 0.2003 come modificato con le deliberazioni di G.C. n. 61del28.10.2004

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA G. CHIABA SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ INDICE CAPO I - Disposizioni generali 2 CAPO II - Articolazione della prestazione lavorativa 2 CAPO III - Procedure

Dettagli

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Pagina 1 di 15 REGOLAMENTO DEI RAPPORTI DI LAVORO PART-TIME Art. 1 Definizione 1. Per rapporto di lavoro a tempo parziale

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO DI LAVORO CON IMPEGNO RIDOTTO. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO DI LAVORO CON IMPEGNO RIDOTTO. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTEGRATIVO DEL CCNL DELL'8 GIUGNO 2000 DELL'AREA DELLA DIRIGENZA DEI RUOLI SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DEL SSN A seguito del parere favorevole

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Comunicato n. 253 Montecchio Maggiore, 20.02.2015 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E ATA A TEMPO INDETERMINATO

Comunicato n. 253 Montecchio Maggiore, 20.02.2015 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E ATA A TEMPO INDETERMINATO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO MONTECCHIO MAGGIORE - VICENZA Tel. 0444/694721 - Fax 0444/1830935 C.F. 90009240244 Cod. Mecc. VIIS007002 www.iismontecchio.it - e-mail info@iismontecchio.it

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE Scadenza: 23 dicembre 2013

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO Approvato con deliberazione G.C. n. 174 del 14/10/2010 Art. 1 Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG QUESITO (posto in data 9 luglio 2013) Sono medico ospedaliero, assunta a tempo indeterminato dal 2004 presso una ASL toscana.. Sarei interessata

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

CITTA DI GARLASCO Provincia di Pavia

CITTA DI GARLASCO Provincia di Pavia CITTA DI GARLASCO Provincia di Pavia AVVISO DI MOBILITÀ PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO PART-TIME 30 ORE SETTIMANALI DI N. 1 ISTRUTTORE DIRETTIVO - ASSISTENTE SOCIALE Cat. Giuridica D1 (ai sensi

Dettagli

MOD. 03C - VARIAZIONE RAPPORTO DI LAVORO A PART TIME

MOD. 03C - VARIAZIONE RAPPORTO DI LAVORO A PART TIME MOD. 03C - VARIAZIONE RAPPORTO DI LAVORO A PART TIME AL RESPONSABILE DEL SETTORE PERSONALE AL RESPONSABILE DEL SETTORE/SERVIZIO (per il parere di competenza) LORO SEDI OGGETTO: Domanda di variazione del

Dettagli

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA Approvato con Deliberazione G. C. n. 219 del 16/12/2013 INDICE CAPO I Principi generali Art. 1 Principi generali...pag.

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

REGIONE MARCHE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI MARCHE NORD - PESARO - AVVISO DI MOBILITA PER LA COPERTURA DI:

REGIONE MARCHE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI MARCHE NORD - PESARO - AVVISO DI MOBILITA PER LA COPERTURA DI: REGIONE MARCHE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI MARCHE NORD - PESARO - AVVISO DI MOBILITA PER LA COPERTURA DI: n. 2 posti di Operatore Socio-Sanitario cat. Bs - fascia retributiva 0(zero) In esecuzione

Dettagli

Articolo 1 Oggetto. Articolo 2 - Requisiti per l ammissione

Articolo 1 Oggetto. Articolo 2 - Requisiti per l ammissione Avviso di mobilità volontaria esterna riservato a dipendenti di amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del D.Lgs. 165/2001 e soggette a vincoli diretti e specifici in materia di assunzione,

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce REGOLAMENTO IN MATERIA DI INCOMPATIBILITA E CRITERI PER LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI A FAVORE DI ALTRI SOGGETTI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino Servizio Personale

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino Servizio Personale AVVISO DI MOBILITA ESTERNA AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. 165/2001 E S.M.I. PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO E PIENO DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE TECNICO GEOMETRA CATEGORIA C IL RESPONSABILE DEL

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE

COMUNE DI PISOGNE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE COMUNE DI PISOGNE AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA PER COPERTURA DI N. 2 POSTI A TEMPO INDERTERMINATO CON PRECEDENZA AL PERSONALE DI RUOLO DEGLI ENTI DI AREA VASTA (PROVINCE O CITTA METROPOLITANE)

Dettagli

Scadenza ore 12,00 del 05.05.2014

Scadenza ore 12,00 del 05.05.2014 Data di inizio affissione 14.04.2014 Scadenza ore 12,00 del 05.05.2014 AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA In esecuzione della deliberazione del Commissario Straordinario n. 290 del 10.04.2014, è indetto avviso

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO

POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO Art. 1 - Finalità 1. Il Politecnico di Milano si avvale di nuove opportunità di impegno e di conciliazione della

Dettagli

Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio

Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio Ai sensi dell art. 3 del D.P.R. 23/8/88 n. 395 e dell art. 22 del CCNL integrativo del 20 settembre 2001, al fine di garantire

Dettagli

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A

ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A VALENZA DIPARTIMENTALE DI ONCOLOGIA DESTINATARI: Conferimento dell incarico

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI DIRITTO ALLO STUDIO A.S.P. FIRENZE MONTEDOMINI Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. del Azienda Pubblica di servizi alla persona Montedomini Sant

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico 5 SCADENZA: 09 giugno 2014 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico BANDO DI SELEZIONE INTERNA PER ATTRIBUZIONE FUNZIONI DI COORDINAMENTO Si rende

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE 1 OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE QUESITO (in data 20 maggio 2009) Sono un medico anestesista che nel 2001 é stato operato di trapianto di cornea all occhio sinistro e nel

Dettagli

\ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO AZIENDALE

\ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO AZIENDALE \ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA Programma Speciale Organizzazione e Sviluppo Risorsa Umana U.O. Relazioni Sindacali AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA E PER L'UTILIZZO DI GRADUATORIE DI CONCORSI PUBBLICI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA E PER L'UTILIZZO DI GRADUATORIE DI CONCORSI PUBBLICI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 34 DEL 20 febbraio 2014 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA E PER L'UTILIZZO DI GRADUATORIE DI CONCORSI PUBBLICI 1 Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

PROCEDURA DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA

PROCEDURA DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA PROCEDURA DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA ai sensi dell art. 30 del D.Lgs. 30.3.2001 n. 165 per la copertura di n. 12 posti nella categoria C e di n. 1 posto nella categoria D accesso D.1, a tempo pieno,

Dettagli

REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO

REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO Regolamento part-time personale Comparto AUSL VT/2012 1/7 INDICE PREMESSA ART. 1 DEFINIZIONI ART. 2 TIPOLOGIE DI RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Contratto part-time e le modifiche del Jobs Act: la nuova disciplina del rapporto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO

IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA EX ART. 30 COMMA 2 BIS DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 165/2001, PER LA COPERTURA DEL POSTO DI PROFESSIONISTA TECNICO, CATEGORIA GIURIDICA D3, A TEMPO INDETERMINATO E PARZIALE

Dettagli

modifiche e integrazioni soggette alle limitazioni di cui al comma precedente;

modifiche e integrazioni soggette alle limitazioni di cui al comma precedente; Allegato determinazione dirigenziale n. del Avviso di mobilità volontaria ai sensi dell art.30 del decreto legislativo 30.03.2001, n.165 per la copertura di n.4 posti nella categoria C, profilo professionale

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

C O M U N E D I P E L L A Provincia di Novara

C O M U N E D I P E L L A Provincia di Novara C O M U N E D I P E L L A Provincia di Novara Via Verdi n. 1-28010 Pella Tel. 0322/918004 - Fax 0322/918005 - e-mail municipio@comune.pella.no.it UFFICIO SEGRETERIA Il presente avviso di mobilita sarà

Dettagli

BANDO DI MOBILITA DA ALTRA AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO CONTABILE, CAT. D1 IL SEGRETARIO COMUNALE

BANDO DI MOBILITA DA ALTRA AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO CONTABILE, CAT. D1 IL SEGRETARIO COMUNALE BANDO DI MOBILITA DA ALTRA AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO CONTABILE, CAT. D1 IL SEGRETARIO COMUNALE Visto il decreto legislativo del 30 marzo 2001 n. 165 recante

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Per la copertura di un posto di categoria C, a tempo pieno e indeterminato, profilo professionale Assistente servizi amministrativi e di supporto riservato esclusivamente ai

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma SETTORE 4 SERVIZI GENERALI SERVIZIO RISORSE UMANE. ALLEGATO alla determinazione N.87/SSGG/2015 Mentana, 02/10/2015

Comune di Mentana Provincia di Roma SETTORE 4 SERVIZI GENERALI SERVIZIO RISORSE UMANE. ALLEGATO alla determinazione N.87/SSGG/2015 Mentana, 02/10/2015 SETTORE 4 SERVIZI GENERALI SERVIZIO RISORSE UMANE ALLEGATO alla determinazione N.87/SSGG/2015 Mentana, 02/10/2015 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE (MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA),AI

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA (art. 30 d.lgs. n. 165/2001)

AVVISO DI MOBILITA (art. 30 d.lgs. n. 165/2001) AZIENDA SANITARIA LOCALE DI MATERA AVVISO DI MOBILITA (art. 30 d.lgs. n. 165/2001) PUBBLICATO SU - BUR BASILICATA N. 38 DEL 16.11.2011 - PARTE II - GURI N. 96 DEL 06.12.2011 - IV SERIE SPECIALE - CONCORSI

Dettagli

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 20 del mese di novembre 2012

Dettagli

A V V I S O PART-TIME TEMPORANEO Anno 2015 PERSONALE SANITARIO

A V V I S O PART-TIME TEMPORANEO Anno 2015 PERSONALE SANITARIO S.C. Giuridico/Concorsi Responsabile: Dr.ssa Ilaria Terzi Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Prot.n.14891/15 del 08/04/2015 Tel. 0341.489030 Fax. 0341.489005 e-mail. i.terzi @ospedale.lecco.it A V V I S

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

SCADENZA BANDO 2 MAGGIO 2013

SCADENZA BANDO 2 MAGGIO 2013 SCADENZA BANDO 2 MAGGIO 2013 AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RIETI BANDO DI SELEZIONI INTERNE PER ATTRIBUZIONE di n. 12 FUNZIONI DI COORDINAMENTO per il periodo di anni uno Profili interessati: COLLABORATORE

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 Allegato alla deliberazione n. 1217 del 22 ottobre 2015 REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) COMPARTO SANITÀ Rev.

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi NORME DISCIPLINANTI LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (Emanato con D.R. n. 198/Uff. Pers. del 27.02.1999, pubblicato nel Bollettino Ufficiale

Dettagli

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 93 del 17.10.2012 PARTE PRIMA - Passaggio diretto di personale Art. 1

Dettagli

Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO IL DIRIGENTE DEL 2 SETTORE

Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO IL DIRIGENTE DEL 2 SETTORE Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO AVVISO DI MOBILITÀ ESTERNA, AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. N. 165/2001 E SS. MM. E II., PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI ISTRUTTORE

Dettagli

SCADENZA DEL BANDO: 28 Gennaio 2013

SCADENZA DEL BANDO: 28 Gennaio 2013 REGIONE VENETO AZIENDA "UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA" BANDO DI CONCORSO PUBBLICO N. 208 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.101 del 28.12.2012 SCADENZA DEL BANDO: 28 Gennaio 2013 In esecuzione

Dettagli

REGIONE MARCHE - PESARO - AVVISO

REGIONE MARCHE - PESARO - AVVISO REGIONE MARCHE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE" DAL 01/01/2011 AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI MARCHE NORD, - ISTITUITA CON L.R. MARCHE N. 21 DEL 22/09/2009 - - PESARO - AVVISO DI MOBILITA

Dettagli

COMUNE DI SAN NICOLA BARONIA Provincia di Avellino

COMUNE DI SAN NICOLA BARONIA Provincia di Avellino COMUNE DI SAN NICOLA BARONIA Provincia di Avellino Codice Fiscale 81002530640 P. I.V.A. 00722650645 Telefax 0827 92034 IL RESPONSABILE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO Vista la programmazione triennale del fabbisogno

Dettagli

IL RESPONSABILE AREA AFFARI GENERALI

IL RESPONSABILE AREA AFFARI GENERALI Prot. 16149 del 21.11.2014 COMUNE DI ROSSANO VENETO Piazza Marconi 4-36028 ROSSANO VENETO (Vicenza) tel. 0424-547125-110- C.F. 00261630248 e-mail: personale@comune.rossano.vi.it * * * * * * * * * * * UFFICIO

Dettagli

AVVISO DI MOBILITÁ POSTI DA RICOPRIRE 1. TRATTAMENTO GIURIDICO ECONOMICO

AVVISO DI MOBILITÁ POSTI DA RICOPRIRE 1. TRATTAMENTO GIURIDICO ECONOMICO PUBBLICATO ALBO AZIENDALE: 02/04/2012 SCADENZA: 12/04/2012 AVVISO DI MOBILITÁ REGIONALE ED INTERREGIONALE, COMPARTIMENTALE ED INTERCOMPARTIMENTALE, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER L ASSUNZIONE A TEMPO PIENO

Dettagli

IL DIRIGENTE SETTORE POLITICHE FINANZIARIE RENDE NOTO

IL DIRIGENTE SETTORE POLITICHE FINANZIARIE RENDE NOTO AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N. DUE POSTI DI AGENTE DI POLIZIA MUNICIPALE CATEGORIA C, - MEDIANTE PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE APPARTENENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 42/536 del 22.12.2010-1 - Art. 1 OGGETTO

Dettagli

Comune di Campo San Martino PROVINCIA DI PADOVA

Comune di Campo San Martino PROVINCIA DI PADOVA Prot. n. 8041 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE TECNICO, CATEGORIA GIURIDICA C A TEMPO PIENO E INDETERMINATO PRESSO L AREA SERVIZI TECNICI URBANISTICA,

Dettagli

Città di Tortolì Provincia dell Ogliastra

Città di Tortolì Provincia dell Ogliastra Città di Tortolì Provincia dell Ogliastra 08048 Via G. Garibaldi n. 1 0782600700 0782623049 e mail: segreteria.personale@comuneditortoli.it Servizio Segreteria, Affari Generali e Personale Ufficio Personale

Dettagli

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA CITTA DI POGGIARDO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 276 del 30.12.2013 ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE 2008 2009

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE 2008 2009 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE 2008 2009 Premesso che: a) in data 9 giugno 2009 è stata sottoscritta la ipotesi

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Settore Politiche Culturali Sociali e del Lavoro Servizio Politiche Sociali, Di Parità E Giovanili

PROVINCIA DI LECCE Settore Politiche Culturali Sociali e del Lavoro Servizio Politiche Sociali, Di Parità E Giovanili PROVINCIA DI LECCE Settore Politiche Culturali Sociali e del Lavoro Servizio Politiche Sociali, Di Parità E Giovanili AVVISO pubblico per la creazione di un elenco di figure professionali da cui attingere

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda U.S.L. N. 5 - "Spezzino" Via XXIV Maggio 139 19124LA SPEZIA

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda U.S.L. N. 5 - Spezzino Via XXIV Maggio 139 19124LA SPEZIA Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda U.S.L. N. 5 - "Spezzino" Via XXIV Maggio 139 19124LA SPEZIA REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA n 519 dell'1.7.2010 DISCIPINANTE L ISTITUTO DELLA MOBILITA

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO CON CONTRATTO DI LAVORO PART-TIME O FULL TIME DI PERSONALE CON QUALIFICA DI IMPIEGATO

Dettagli

ART. 1 - DESCRIZIONE DEL POSTO VACANTE

ART. 1 - DESCRIZIONE DEL POSTO VACANTE AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI N. 2 POSTI DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE, CATEGORIA C, DI CUI UNO RISERVATO AI SOGGETTI APPARTENENTI ALLE CATEGORIE PROTETTE DI CUI ALL ART. 18, COMMA 2,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA MOBILITÀ ESTERNA. Art. 1 - Principi Generali -

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA MOBILITÀ ESTERNA. Art. 1 - Principi Generali - Art. 1 - Principi Generali - La mobilità è uno strumento gestionale che l Azienda utilizza per ricoprire posti vacanti nella propria dotazione organica, sia per l area del comparto che per la dirigenza.

Dettagli

A Z I E N D A U. L. S. S. N. 16 P A D O V A

A Z I E N D A U. L. S. S. N. 16 P A D O V A REGIONE DEL VENETO SCADENZA del BANDO: 10 dicembre 2014 A Z I E N D A U. L. S. S. N. 16 P A D O V A AVVISO DI MOBILITA ESTERNA Avviso di mobilità per l assunzione a tempo indeterminato di: n. 1 posto di

Dettagli

1. La disciplina del lavoro straordinario nella normativa e nella contrattazione nazionale

1. La disciplina del lavoro straordinario nella normativa e nella contrattazione nazionale A.O.O. Provincia di Roma Ufficio SG/0 Anno 2007..Classificazione LEN 5.. Fascicolo 14/15... N. 52669 Data 3 maggio 2007 Ai Direttori di Dipartimento ed Uffici equiparati Ai Dirigenti dei Servizi E, p.c.

Dettagli