Esercizi su Autovalori e Autovettori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi su Autovalori e Autovettori"

Transcript

1 Esercizi su Autovalori e Autovettori Esercizio n.1 5 A = 5, Esercizio n.6 A =, Esercizio n A = 2 1 8, Esercizio n A = 6 3 6, Esercizio n.3 A = , Esercizio n.8 A = , 4 2 Esercizio n.4 1 A = 1, 1 Esercizio n A = 4 3 8, 5 Esercizio n A = 2, 2 2 Esercizio n A = 5, 2 4 1

2 Esercizio n A = 8 9 8, 5 Esercizio n.16 A = 7 2 5, Esercizio n A = 2, 4 4 Esercizio n.17 4 A = 5 1 5, 4 Esercizio n.13 1 A = 1, Esercizio n A = 6 2 5, Esercizio n A = 5 8, 9 7 Esercizio n A = 3, 3 Esercizio n.15 2 A = 4 6, 2 Esercizio n A = 9 1 1,

3 Esercizio n.21 A = 3 3, 3 Esercizio n A = 2 4 6, Esercizio n A = 2, Esercizio n A = 4 5 2, 4 7 Esercizio n A = 6 6 4, Esercizio n A = 4 8, 4 Esercizio n.24 4 A = 4, 8 4 Esercizio n A = 1 1, 1 Esercizio n A = 3 1 3, Esercizio n A = 4,

4 Esercizio n.31 A = 4 2, 4 6 Esercizio n A = 2 7 3, Esercizio n A = 9 7 5, Esercizio n A = 7 4 7, 2 Esercizio n A = 5 2 8, Esercizio n A = 8 6 8, 2 Esercizio n A = 4 7 2, Esercizio n A = 4, 6 8 Esercizio n A = 4 7 8, Esercizio n A = 1 2 4,

5 Esercizio n.41 A = , Esercizio n.46 A = , 6 3 Esercizio n A = 1 5 1, 5 Esercizio n A = 1 5, 6 3 Esercizio n.43 5 A = 5, 5 Esercizio n A = 5, 4 9 Esercizio n A = 1 1, Esercizio n A = 1 4, 3 Esercizio n A = 4, 5 Esercizio n.5 3 A = 2,

6 Esercizio n.51 A = , 2 2 Esercizio n.56 A = , Esercizio n A = 2 2, Esercizio n A = 3 1 3, 3 2 Esercizio n A = 1 1, 1 3 Esercizio n A = 3 4 1, 1 1 Esercizio n A = 4 7, 8 7 Esercizio n.59 2 A = 6 4 3, Esercizio n A = 5, 8 1 Esercizio n A = 1 3 6, 4 6

7 Esercizio n.61 A = , 7 3 Esercizio n.66 A = , 5 Esercizio n.62 2 A = 6 1 6, Esercizio n A = 2 1 8, Esercizio n A = 3, 6 3 Esercizio n A = 4 3, 1 Esercizio n A = 6 3 6, Esercizio n.69 4 A = 3 4, Esercizio n A = 3, 3 Esercizio n A = 2 3,

8 Esercizio n.71 A = 2 1 3, Esercizio n.76 A = 5 2 5, 5 Esercizio n A = 5 3, 2 Esercizio n A = 4 1 4, Esercizio n A = 2 4 2, 2 2 Esercizio n.78 4 A = 5 9, 4 Esercizio n.74 4 A = 4, 4 Esercizio n A = 4 1 3, Esercizio n A = 4, 5 1 Esercizio n.8 1 A = 1 3 1, 1 2 8

9 Esercizio n.81 A = 5 5 8, 3 Esercizio n.86 A = , 1 6 Esercizio n A = 3 6 3, 2 2 Esercizio n A = 3 3 6, Esercizio n A = 2 5 4, Esercizio n.88 2 A = 4 2, 4 2 Esercizio n A = 4, Esercizio n A = 4 9, 1 4 Esercizio n A = 2, 2 Esercizio n A = 2 3 1, 2 2 9

10 Esercizio n A = 1 2 1, Esercizio n A = 3 4, 8 9 Esercizio n A = 3, 8 5 Esercizio n A = 6 7 5, 4 Esercizio n.93 4 A = 1 3, 6 2 Esercizio n A = 2 5 5, Esercizio n A = 3 8 2, Esercizio n.99 A = 3 3, Esercizio n A = 8 3 4, 5 Esercizio n.1 A = ,

11 Soluzioni Soluzione Esercizio n.1 λ 1 =, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, 1 ) λ 2 = 5, m a = 2, m g = 2 u 2 = (,, 1 ) u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.2 λ 1 =, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 2, ) Soluzione Esercizio n.7 λ 1 = 3, m a = 3, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.8 u 1 = (, 1, ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 1 u 2 = (, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.3 λ 1 = 4, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.4 λ 1 = 1, m a = 3, m g = 3 u 1 = (,, 1 ) u 2 = (, 1, ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.5 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 1 u 2 = ( 1,, 1 ) Soluzione Esercizio n.6 λ 1 =, m a = 3, m g = 3 u 1 = (,, 1 ) u 2 = (, 1, ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.9 u 1 = ( 1, 2, 1 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 2, ) λ 3 = 1, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.1 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, ) λ 2 = 4, m a = 1, m g = 1 u 2 = (,, 1 ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, 2 ) Soluzione Esercizio n.11 u 1 = ( 1,, 1 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 2, ) 11

12 Soluzione Esercizio n.12 Soluzione Esercizio n.17 u 1 = ( 2,, 1 ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 2 u 2 = (, 1, 2 ) u 3 = ( 1,, ) λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, ) λ 2 = 4, m a = 2, m g = 2 u 2 = ( 1,, 1 ) u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.13 u 1 = (,, 1 ) λ 2 =, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1,, 1 ) λ 3 = 1, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, 2 ) Soluzione Esercizio n.18 u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, 1 ) λ 3 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 2, 2 ) Soluzione Esercizio n.14 u 1 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.15 u 1 = (, 1, ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 2 u 2 = (, 1, 1 ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.16 Soluzione Esercizio n.19 λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, ) λ 2 =, m a = 1, m g = 1 u 2 = (, 1, ) λ 3 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.2 λ 1 =, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, 1 ) u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 2,, 1 ) λ 3 = 2, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, 1 ) Soluzione Esercizio n.21 λ 1 = 3, m a = 3, m g = 3 u 1 = (,, 1 ) u 2 = (, 1, ) u 3 = ( 1,, ) 12

13 Soluzione Esercizio n.22 λ 1 = 2, m a = 2, m g = 2 u 1 = (,, 1 ) u 2 = ( 1, 1, ) λ 2 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, 1 ) Soluzione Esercizio n.27 λ 1 = 3, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 5, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, 2 ) Soluzione Esercizio n.23 u 1 = ( 1, 2, 1 ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 2, 2, 1 ) λ 3 =, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.28 u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 = 4, m a = 2, m g = 2 u 2 = (, 1, 1 ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.24 λ 1 = 4, m a = 2, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = (, 1, ) λ 2 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = (,, 1 ) Soluzione Esercizio n.29 λ 1 = 1, m a = 3, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.25 Soluzione Esercizio n.3 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 1, 1 ) λ 2 = 1, m a = 2, m g = 1 u 2 = ( 1,, 1 ) λ 1 = 4, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.26 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 =, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 2, 1 ) λ 3 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 2, 2 ) Soluzione Esercizio n.31 u 1 = ( 1,, ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = (, 1, 1 ) λ 3 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 1, 2 ) 13

14 Soluzione Esercizio n.32 u 1 = ( 1, 2, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, 1 ) λ 3 = 2, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.37 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1,, 1 ) λ 3 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 1, ) Soluzione Esercizio n.33 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.38 λ 1 = 2, m a = 3, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = ( 1, 2, ) Soluzione Esercizio n.34 λ 1 = 3, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1,, 2 ) Soluzione Esercizio n.35 u 1 = ( 2,, 1 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 2, 2 ) λ 3 = 1, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.39 u 1 = (, 1, ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1,, 1 ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, 2 ) Soluzione Esercizio n.4 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, 1 ) λ 2 = 3, m a = 2, m g = 1 u 2 = ( 2, 2, 1 ) Soluzione Esercizio n.36 λ 1 =, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 1, 1 ) λ 2 = 5, m a = 2, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.41 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) 14

15 Soluzione Esercizio n.42 λ 1 = 5, m a = 2, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = (, 1, ) λ 2 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.43 λ 1 = 5, m a = 3, m g = 3 u 1 = (,, 1 ) u 2 = (, 1, ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.44 λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 1, ) λ 2 =, m a = 2, m g = 2 u 2 = (,, 1 ) u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.47 λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 2, ) Soluzione Esercizio n.48 λ 1 = 5, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1,, 1 ) λ 2 = 5, m a = 1, m g = 1 u 2 = (, 1, ) Soluzione Esercizio n.49 λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 2, 1, 1 ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.45 λ 1 = 5, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1,, ) λ 2 = 4, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.46 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = (,, 1 ) Soluzione Esercizio n.5 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, 2 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = (,, 1 ) λ 3 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, 1 ) Soluzione Esercizio n.51 λ 1 =, m a = 3, m g = 2 u 1 = (,, 1 ) u 2 = ( 1, 1, ) 15

16 Soluzione Esercizio n.52 u 1 = ( 2, 2, 1 ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = (, 1, 1 ) λ 3 =, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.57 λ 1 = 1, m a = 3, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = (, 1, ) Soluzione Esercizio n.53 λ 1 = 2, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = (, 2, 1 ) Soluzione Esercizio n.54 u 1 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.58 u 1 = (, 1, ) Soluzione Esercizio n.59 λ 1 = 2, m a = 2, m g = 2 u 1 = ( 1,, 2 ) u 2 = ( 1, 1, ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.55 λ 1 = 1, m a = 2, m g = 2 u 1 = (,, 1 ) u 2 = ( 1,, ) λ 2 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 2, 1, 2 ) Soluzione Esercizio n.56 λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 1, 2 ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 2 u 2 = ( 1,, 1 ) u 3 = ( 1, 2, ) Soluzione Esercizio n.6 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.61 λ 1 = 4, m a = 2, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = (, 1, ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 1, 1 ) 16

17 Soluzione Esercizio n.62 Soluzione Esercizio n.66 u 1 = (, 1, 1 ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 2 u 2 = ( 1,, 1 ) u 3 = ( 1, 2, ) λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 1, ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1,, ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 2,, 1 ) Soluzione Esercizio n.63 Soluzione Esercizio n.67 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 3, m a = 2, m g = 1 u 2 = ( 1,, ) λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 2, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 2, 1, 1 ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.64 λ 1 = 3, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1,, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.68 u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 = 1, m a = 2, m g = 2 u 2 = (, 1, 1 ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.65 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.69 λ 1 = 4, m a = 2, m g = 1 u 1 = (, 1, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = (,, 1 ) 17

18 Soluzione Esercizio n.7 λ 1 = 4, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 2, 1 ) λ 2 = 5, m a = 2, m g = 2 u 2 = (,, 1 ) u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.75 λ 1 = 4, m a = 2, m g = 2 u 1 = (, 1, 1 ) u 2 = ( 1,, ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, 1 ) Soluzione Esercizio n.71 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, 2 ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 2 u 2 = (,, 1 ) u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.76 λ 1 = 5, m a = 3, m g = 2 u 1 = (, 1, ) u 2 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.72 λ 1 = 2, m a = 2, m g = 2 u 1 = (, 1, 1 ) u 2 = ( 1,, ) λ 2 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.77 λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 2, 1 ) λ 2 = 3, m a = 2, m g = 2 u 2 = ( 1,, 1 ) u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.73 λ 1 = 4, m a = 2, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = (, 1, ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 2, 2 ) Soluzione Esercizio n.78 u 1 = (, 1, ) λ 2 = 4, m a = 2, m g = 2 u 2 = (, 1, 1 ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.74 λ 1 = 4, m a = 3, m g = 3 u 1 = (,, 1 ) u 2 = (, 1, ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.79 λ 1 = 2, m a = 3, m g = 1 u 1 = (, 1, 1 ) 18

19 Soluzione Esercizio n.8 λ 1 = 1, m a = 2, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = ( 2, 1, ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.84 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, 2 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = (,, 1 ) λ 3 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.81 λ 1 = 3, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, 1 ) λ 2 = 5, m a = 2, m g = 2 u 2 = (, 1, ) u 3 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.82 u 1 = ( 1,, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, 2 ) λ 3 =, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.85 λ 1 = 2, m a = 3, m g = 2 u 1 = (, 1, 1 ) u 2 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.86 λ 1 = 5, m a = 1, m g = 1 u 1 = (, 1, ) Soluzione Esercizio n.87 λ 1 =, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 2,, 1 ) λ 3 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.83 λ 1 = 1, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 2, 2, 1 ) λ 2 = 4, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 2, ) Soluzione Esercizio n.88 λ 1 = 2, m a = 3, m g = 2 u 1 = (,, 1 ) u 2 = (, 1, ) 19

20 Soluzione Esercizio n.89 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, ) Soluzione Esercizio n.9 λ 1 =, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, 2 ) Soluzione Esercizio n.94 λ 1 = 5, m a = 2, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 =, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 2, 1, 1 ) Soluzione Esercizio n.95 Soluzione Esercizio n.91 λ 1 = 2, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1,, 1 ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, 1 ) λ 3 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 2, 1, 1 ) u 1 = ( 1, 1, ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 2, ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = (, 2, 1 ) Soluzione Esercizio n.96 Soluzione Esercizio n.92 λ 1 = 3, m a = 2, m g = 2 u 1 = (, 1, 1 ) u 2 = ( 1,, ) λ 2 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1,, 1 ) λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 2, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1,, ) λ 3 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, 2 ) Soluzione Esercizio n.93 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 3, m a = 1, m g = 1 u 2 = (, 1, ) λ 3 = 2, m a = 1, m g = 1 u 3 = (,, 1 ) Soluzione Esercizio n.97 u 1 = ( 1, 1, 1 ) λ 2 = 1, m a = 1, m g = 1 u 2 = ( 1, 1, ) λ 3 = 4, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 2, ) 2

21 Soluzione Esercizio n.98 λ 1 = 1, m a = 1, m g = 1 u 1 = ( 2, 1, 2 ) λ 2 =, m a = 1, m g = 1 u 2 = (, 1, 1 ) λ 3 = 3, m a = 1, m g = 1 u 3 = ( 1, 1, ) Soluzione Esercizio n.99 λ 1 = 3, m a = 2, m g = 2 u 1 = ( 1,, 1 ) u 2 = ( 1, 1, ) λ 2 = 5, m a = 1, m g = 1 u 3 = (,, 1 ) Soluzione Esercizio n.1 u 1 = (, 1, 1 ) λ 2 = 2, m a = 2, m g = 2 u 2 = ( 2,, 3 ) u 3 = ( 1, 3, ) 21

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail. L offerta economicamente più vantaggiosa Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.com 1 Quadro Legislativo D.P.R. n.544/99 D.Lgs n.163/06 e s.m.i. D. Lgs

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy: Informazioni di Base Libreria di algoritmi e strumenti matematici Fornisce: moduli per l'ottimizzazione, per l'algebra lineare,

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione

Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione Consideriamo il nostro dataset formato da 468 individui e 1 variabili nominali costituite dalle seguenti modalità : colonna D: Age of client

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture QUADERNO

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture QUADERNO Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture QUADERNO IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Dicembre 2011 IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE

Dettagli

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo) Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

PROBLEMI AGLI AUTOVALORI...1

PROBLEMI AGLI AUTOVALORI...1 Indice PBEMI AGI AUVAI... Generalità... Proprietà... Significato fisico dei problemi agli autovalori... 3 ) Sforzi principali e loro orientazione.... 3 ) Caratteristiche modali di un sistema dinamico...

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA

FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA Appunti raccolti nel Dipartimento di Fisica dell Università La Sapienza di Roma a cura di Stefano Patrì. Indirizzo e-mail dell autore: seriegeo@yahoo.it 5 ottobre 008

Dettagli

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DEI MOLTI MONDI DELLA MECCANICA QUANTISTICA

L INTERPRETAZIONE DEI MOLTI MONDI DELLA MECCANICA QUANTISTICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA L INTERPRETAZIONE DEI MOLTI MONDI E DELLE MOLTE MENTI DELLA MECCANICA QUANTISTICA Candidato Leonardo Maria

Dettagli

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 3 SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 31 Prodotti scalari Definizione 311 Sia V SV(R) Un prodotto scalare su V è un applicazione, : V V R (v 1,v 2 ) v 1,v 2 tale che: i) v,v = v,v per ogni v,v V ; ii)

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1 Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione ) Funzioni d onda di un sistema composto Sistema costituito da due particelle (eventualmente identiche) H φ q H φ H ψ φ φ stato

Dettagli

GRUPPI TOPOLOGICI. 1 Gruppi Un gruppo è un insieme G, che contiene un elemento distinto e e su cui è definita un operazione binaria

GRUPPI TOPOLOGICI. 1 Gruppi Un gruppo è un insieme G, che contiene un elemento distinto e e su cui è definita un operazione binaria CAPITOLO I GRUPPI TOPOLOGICI 1 Gruppi Un gruppo è un insieme G, che contiene un elemento distinto e e su cui è definita un operazione binaria (1.1) G G (a, b) a b G con le proprietà: (i) a e = e a = a

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Il sistema di Rossler

Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler è considerato il più semplice sistema di terzo ordine a tempo continuo capace di manifestare comportamenti di tipo caotico. = = + (1) = + Questo sistema presenta

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

Tecniche di valutazione ambientale di piani e progetti

Tecniche di valutazione ambientale di piani e progetti Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Architettura corso Tecniche di valutazione ambientale di piani e progetti a.a. 2008/2009 Prof. Alessandro Giangrande AHP (ANALYTIC HIERARCHY PROCESS) Teoria ed

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. TEXAS INSTRUMENTS TI-NSPIRE CAS http://it.yourpdfguides.com/dref/4680732

Il tuo manuale d'uso. TEXAS INSTRUMENTS TI-NSPIRE CAS http://it.yourpdfguides.com/dref/4680732 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di TEXAS INSTRUMENTS TI-NSPIRE CAS. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale

Dettagli

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Realizzazione di un sistema timesharing Materiale didattico a cura di: Prof. A. Mazzeo Ing. L. Romano Ing. L. Coppolino Ing. A. Cilardo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Appunti di Statistica

Appunti di Statistica Appunti di Statistica Riccardo Ricci Università di Firenze, Facoltà di Psicologia Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Anno Accademico 2002-2003 1 maggio

Dettagli

Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 1950-2000

Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 1950-2000 Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 195-2 A cura di Dott.ssa Romina Spina Dott.ssa Silvia Stortini Prof. Redo Fusari Prof. Carlo Scuterini Dott. Maurizio

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

MANUALE MATLAB. A cura di Giuseppe Ciaburro. http://www.ciaburro.it. info@ciaburro.it

MANUALE MATLAB. A cura di Giuseppe Ciaburro. http://www.ciaburro.it. info@ciaburro.it MANUALE MATLAB A cura di Giuseppe Ciaburro http://www.ciaburro.it info@ciaburro.it Indice 1 Introduzione 4 1.1 Matlab.............................................. 4 1.2 Per iniziare...........................................

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Equazioni non lineari Metodi iterativi per l approssimazione di radici Corso di calcolo numerico 2 01/11/2010 Manuela Carta INDICE Introduzione Metodo

Dettagli

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0 Punti Critici, classificazione e studio: equazione autonoma del prim'ordine: y' = f(y) con f C1 in I. studiamo il PC: y' = f(y) && y(0) = y0. y0 in I quindi PC ha una sola soluzione locale se f(y0) = 0

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN2. Parte 3: metodi alle differenze. per Equazioni Differenziali Ordinarie. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN2. Parte 3: metodi alle differenze. per Equazioni Differenziali Ordinarie. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN2 Parte 3: metodi alle differenze per Equazioni Differenziali Ordinarie Roberto Ferretti Qualche richiamo analitico Filosofia generale dei metodi alle differenze: i metodi

Dettagli

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare I Professor Carlo Dionisi A.A. 2004-2005 1 Simmetrie Invarianza Leggi di Conservazione 1) Principi di Invarianza e leggi di

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Appunti al corso di Algebra Anno accademico 23-24 1 Prodotti diretti. Siano M e N due moduli sullo stesso anello A, non necessariamente

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 3 Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali Scopo di questo capitolo è studiare le principali caratteristiche dei grafici di funzioni di più variabili, con particolare attenzione

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

ANALISI DEI DATI CON SPSS

ANALISI DEI DATI CON SPSS STRUMENTI E METODI PER LE SCIENZE SOCIALI Claudio Barbaranelli ANALISI DEI DATI CON SPSS II. LE ANALISI MULTIVARIATE ISBN 978-88-7916-315-9 Copyright 2006 Via Cervignano 4-20137 Milano Catalogo: www.lededizioni.com

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali

Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali Metodi alle differenze finite Prof. LAURA GORI Anno Accademico 1998-99 1. Generalità sulle equazioni alle derivate parziali Un equazione differenziale

Dettagli

IX. LO SPIN. 1 Yu. Aharonov e D. Bohm: Significance of Electromagnetic Potentials in the Quantum Theory [Significato

IX. LO SPIN. 1 Yu. Aharonov e D. Bohm: Significance of Electromagnetic Potentials in the Quantum Theory [Significato IX. LO PIN Lo studio quantistico di una particella carica sottoposta all azione di un campo magnetico pone interessanti problemi da un punto di vista sia concettuale, sia formale. L equazione di chrödinger

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A Documentazione Sito web di Mathworks: www.mathworks.com seguendo i link alla voce support e possibile trovare i manuali di Matlab in formato pdf. (http://www.mathworks.com/access/helpdesk/help/techd

Dettagli

L ANALYTIC NETWORK PROCESS (ANP) COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE: IL CASO DEL GRATTACIELO DELLA REGIONE PIEMONTE A TORINO

L ANALYTIC NETWORK PROCESS (ANP) COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE: IL CASO DEL GRATTACIELO DELLA REGIONE PIEMONTE A TORINO XXIX CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L ANALYTIC NETWORK PROCESS (ANP) COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE: IL CASO DEL GRATTACIELO DELLA REGIONE PIEMONTE A TORINO Valentina FERRETTI 1, Giulio

Dettagli

Sistemi ed equazioni ellittiche totalmente non lineari del second ordine

Sistemi ed equazioni ellittiche totalmente non lineari del second ordine Università di Pisa Dipartimento di Matematica Leonida Tonelli Sistemi ed equazioni ellittiche totalmente non lineari del second ordine Dispense per il Corso di Elementi di Analisi Superiore 2 Antonio Tarsia

Dettagli

SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE

SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE Fabio Del Frate (delfrate@disp.uniroma2.it) Università Tor Vergata, Roma ESA-ESRIN ESRIN 10-2-2011 2011 RADAR Radar PPI (Plan Position Indicator) display circolare con sweep

Dettagli

XI. PERTURBAZIONI DIPENDENTI DAL TEMPO

XI. PERTURBAZIONI DIPENDENTI DAL TEMPO XI. PERTURBAZIONI DIPENDENTI DAL TEMPO Per conoscere un sistema fisico l informazione fondamentale è la sua risposta a una sollecitazione esterna che si sappia controllare. Dall esame di questa risposta

Dettagli

DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA. Francesco Rania 1

DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA. Francesco Rania 1 DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA A.A. 20/2 Francesco Rania Indice. Introduzione all Ottimizzazione.. Massimi e minimi di una funzione scalare reale 2.2. Definizione del Problema 2.3.

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB Introduzione a MATLAB Enzo TONTI 19 aprile 2003 Questa dispensa si può scaricare dal sito http://www.dic.units.it/perspage/tonti oppure prelevare via FTP dal sito ftp.dic.units.it/pub/science ed ha il

Dettagli

Introduzione ad R Versione 6

Introduzione ad R Versione 6 Introduzione ad R Versione 6 Roberto Boggiani 24 ottobre 2004 1 Introduzione 1.1 Introduzione ad R R è un ambiente statistico per la manipolazione, l analisi e la rappresentazione grafica dei dati. E un

Dettagli

POLITECNICO DI BARI DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E GESTIONALE XXVIII CICLO

POLITECNICO DI BARI DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E GESTIONALE XXVIII CICLO POLITECNICO DI BARI DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E GESTIONALE XXVIII CICLO RELAZIONE SULLE ATTIVITA' DI DOTTORATO RELATIVE ALL'ANNO 2013

Dettagli

I. Introduzione alla teoria ergodica

I. Introduzione alla teoria ergodica G. Benettin I. Introduzione alla teoria ergodica (2001/2002) 1. Prologo: il problema ergodico in Boltzmann e Gibbs 1.1. Motivazioni La teoria ergodica è un ramo della matematica, oggi molto sviluppato

Dettagli

Calcoli perturbativi in QED e in QCD

Calcoli perturbativi in QED e in QCD Calcoli perturbativi in QED e in QCD Stefano Sinigardi 4 novembre 29 Introduzione La maggior parte degli esperimenti in fisica subnucleare coinvolge lo scattering. Le teorie di campo che cercano di giustificare

Dettagli