Teoria del SéS. Giancarlo Dimaggio e Antonino Carcione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria del SéS. Giancarlo Dimaggio e Antonino Carcione"

Transcript

1 Teoria del SéS Dialogico: Stato dell arte e direzioni future Giancarlo Dimaggio e Antonino Carcione Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva Training school in cognitive psychotherapy Associazione di Psicologia Cognitiva (APC) Rome

2 TEORIA DEL SE DIALOGICO Il Sé dialogico è concepito come una molteplicità dinamica di voci, caratteri, o posizioni del Io relativamente autonomome e con qualità di agentività che si trovano in storie inscritte nello spazio immaginale del sè. Le persone attribuiscono significati alle relazioni e prendono decisioni sulla base di un dialogo in corso tra le parti del sé, ognuno dotato di un suo proprio punto di vista del mondo e di una particolare tendenza di azione.

3 Le voci sono costantemente indirizzate l una verso l altra e coinvolte in processi di interscambio e di dominanza relativa. Sul piano sociale il dialogo tra persone agevola la reciproca conoscenza e il raggiungimento di obiettivi e scopi. Le voci, insieme, formano una società della mente e sono, al contempo, immerse in una relazione interpersonale come parte della società in generale. (Hermans, 2002; Vygotsky, 1930/1975).

4 TSD non è stato fin ora sufficientemente reso formale e questo ha impedito la sua convalida empirica. TSD ha una base solida teorica ed empirica? C è una prova sufficiente di ricerca che sua presupposizione? supporti la Se sufficientemente fondato (una valida teoria e un forte supporto empirico) TSD è utile per gli psicoterapeuti?

5 TSD: nuclei principali from Dimaggio, G. & Hermans, H.J.M. (2008). Dialogical Self Theory: Operationalization and implications for psychotherapy. Manuscript submitted for publication

6 1) MOLTEPLICITA : ilséèmultiploe composto di un set caratteri differenti. ) AUTONOMIA E AGENTIVITA AUTONOMIA E AGENTIVITA Ogni carattere è Un agente parzialmente indipendente ( memorie specifiche, pensieri, e storie). un centro di pensiero autonomo ha qualità di agent-like è emotivamente carico prende temporaneamente il controllo dell azione. non centralizzato. I caratteri si alternano gli uni con gli altri, Quello dominante: identificato come Io

7 3) IL SE COME DIALOGICO (nucleo( principale) interazione tra i personaggi ha forma dialogica, sia verbale che non-verbale. Il dialogo ha luogo sia dentro la persona che tra le persone. Le voci prendono parte nel processo di domanda/risposta e accordo/disaccordo (Hermans, 1996; 2004; Hermans et al., 1992). 4) SPAZIO IMMAGINALE 4) SPAZIO IMMAGINALE Eesiste uno spazio immaginale, nel quale i caratteri interagiscono

8 5) TRAMA NARRATIVA dialoghi sono inseriti in trame narrative Impalcature narrative del dialogo Quando il dialogo si sviluppa, una storia è riscritta 6) VOCI PERMANENTI E MODELLI DIALOGICI in ogni individuo dimorano più o meno permanenti cast di voci alcune voci occupano facilmente il centro della scena altre invece si trovano nello sfondo ma possono diventare protagoniste tra alcuni caratteri ci sono legami più forti e questo genera pattern di relazioni dialogiche.

9 IL SE (SANO) FLESSIBILE Una varietà sufficiente di caratteri (o posizioni dell Io) Il dialogo tra caratteri funziona come una fonte di innovazione e lacera l apertura del sè e lo sottomette a continue riorganizzazioni (Greenberg, 2002; Hermans et al., 1992; Varela, Thompson & Rosch, 1991). Alcuni schemi di base sottolineano i dialoghi che emergono nella consapevolezza Ma

10 C è sempre la possibilità che il dialogo venga riscritto ogni volta che si ri-attiva o nell imaginazione privata della persona o in relazioni interpersonali. Psicoterapia potrebbe aiutare I pazienti riscrivendo le storie e riconquistando la flessibilità e il dialogo.

11 PATOLOGIA NELLA PROSPETTIVA TSD La sofferenza dei pazienti può derivare da una mancanza di dialogo tra le voci perchè alcune di queste sono Soffocate Assoggettate da una voce dominante Le voci possono parlare in modo caotico, senza ordine o gerarchie tra loro Disorganizzate/Dissociate: Assenza di dialogo tra le voci

12 Diverse teorie e tecniche di psicoterapia basate sul concetto di un sé dialogico multivocale MODELLO ANALITICO COGNITIVO E ASSIMILAZIONE (PIAGETIAN COGNITIVA): Leiman & Stiles, 2001; Ryle & Kerr, 2002; Stiles, 1999; Stiles et al., 2004; 2005 COGNITIVO-COSTRUTTIVISTA: Dimaggio et al., 2003; 2004; 2007; Salvatore et al., 2005 COSTRUTTIVISTA: Neimeyer, 2000; Neimeyer & Arvay, 2004; Neimeyer, Botella & Herrero, 2006 DIALOGICO: Hermans & Dimaggio, 2004 UMANISTICO: Cooper, 2003; 2004 INTEGRATIVO: Lysaker & Lysaker, 2002; 2004; 2006 INTERPERSONALE: Benjamin, 1997 NARRATIVO: Angus & MacLeod, 2004 PROCESSO-ESPERIENZIALE: Greenberg, 2002 PSICOANALISI: Bromberg, 1998; 2004

13 CAMBIAMENTO TERAPEUTICO ATTRAVERSO IL DIALOGO a) dialoghi interiori, tra differenti voci del sè b) dialoghi interpersonali che hanno luogo durante le sedute e rievocati tra una seduta e l altra

14 ASSUNTI TSD PRINCIPIO 1 MOLTEPLICITA Un dialogo tra parti del sé è possibile solo se quest ultimo è diviso in parti. Dietro la facciata di una singola identità coerente (apparentemente)

15 un individuo è costituito di una molteplicità di aspetti. Aron, 1996; Baars, 1988; Tooby & Cosmides, 1992; Dalgleish & Power, 2004; Dimaggio & Stiles, in press; Gergen, 1994; Higgins, 1987; Kazko, 2003; Kurzban & Aktipis, in press; Linville, 1985; McAdams, 1996; Markus & Nurius, 1986; Mitchell, 1988; Muran, 2001; Neimeyer, 2000; Westen, 1997; Rosenberg, 1997; Sedikides & Brewer, 2001 Pirandello, Pessoa, Dostoyesky, Paul Auster e via dicendo

16 SUPPORTO TEORIA DELLA PSICOTERAPIA E RICERCA Teoria degli stati mentali (Horowitz, 1987): quando le persone narrano una storia, esperienza soggettiva compie dei salti, segnalando con ogni salto che loro sono entrati in un area differente, dove nuovi processi interpersonali operano. I pazienti nella psicoterapia spesso cambiano tra gli stati mentali e ogni stato di questo rappresenta un proprio aspettto. Voci problematiche durante la psicoterapia (Stiles, 1999). Analsi di files di sessioni audio di psicoterapia : cambiamenti tracciati nelle voci dei pazienti (letteralmente) - cambiamenti nell intonazione o nella prosodia (Osatuke et al., 2004, 2005). Alcune voci soffocate. La psicoterapia rende possibile per loro emergere ed esprimere loro stessi (Glick et al., in press).

17 PSICOPATOLOGIA Disturbo Dissociativo di Identità (DID) (Personalità Multipla) le persone parlano, si vestono e si comportano in un modo che cambia radicalmente quando passano da una personalità - alter - ad un altra L interazione dialogica tra gli alter gravemente forzata la personalità principale normalmente non è conscia della secondaria l assenza del dialogo è differente tra la molteplicità normale e quella patologica.

18 PSICOLOGIA SOCIALE Le persone si uniscono ai propri simili e questo fonda gruppi ed indentità collettive Il sé è descritto come l intersezione di tutti I gruppi sociali ai quali un individuo appartiene (Turner & Onorato, 1999). La società moderna intrappola l individuo in contesti multipli specifici e sociali, nei quali ognuno impone un ruolo che conferisce un caratteristico senso del sè (Hermans & Dimaggio, 2007). I teoristi sociali del sè mettono in questione il presupposto che il sè sia una struttura psicologica centralizzata e un unica caratteristica di chi percepisce (McGuire, McGuire, & Cheever, 1986).

19 LA MOLTEPLICITA E SANA? Un gradito paracolpi contro gli eventi stressanti Promuove l adattamento. Individui sono flessibili e considerano fallimenti come localizzati e specifici contesti. non mettere tutte le tue uova in un solo cestino cognitivo. Linville (1985)

20 Una rassegna di letteratura empirica: risultati contrastanti. (Koch & Shepperd, 2004). Studi che mettono a fuoco la complessità del sè.(linville, 1985): Il numero dei propri aspetti non-overlapping, come ad esempio I tratti, I ruoli, e I comportamenti

21 COLLEGAMENTI NEGATIVI TRA COMPLESSITA DEL SE COPING! Gara, Woolfolk, Cohen & Goldston, 1993; Woolfolk, Novalany, Gara, Allen & Polino, Una più grande compattezza del sè attraverso I ruoli sociali (e.g., con gli amici, al lavoro, a scuola, con I genitori) era associata con una migliore correzione psicologica. Donahue, Robins, Roberts, and John 1993

22 RELATIONE POSITIVA TRA COMPLESSITA DEL SE E COPING Campbell, Chew & Scratchley, 1991; Dixon & Baumeister, 1991 Una più grande complessità del sé è collegata ad un miglior coping con lo stress ed eventi negativi. NO RELAZIONI Hershberger, 1990; Rafaeli-Mor, Gotlib & Revelle, 1999 Koch and Shepperd s (2004) revisione: La letteratura della complesità del sé propone una relazione positiva tra complessità del sé e coping

23 RELAZIONE POSITIVA TRA COMPLESSITA DEL SE E COPING Campbell, Chew & Scratchley, 1991; Dixon & Baumeister, 1991 Una più grande auto-complessità è collegata ad un miglior coping con lo stress ed eventi negativi. NO RELAZIONI Hershberger, 1990; Rafaeli-Mor, Gotlib & Revelle, 1999 Koch and Shepperd s (2004) revisione: La letteratura dell auto-complesità propone una positiva e moderante relazione di auto-complessità e coping

24 IPOTESI DI UNO PSICOTERAPEUTA l problema non è molto il numero di voci imporante assumere un atteggiamento autoriflessivo, na auto-rapperesentazione che resti coerente anche se esperienza di aspetti e di esibizione cambiano. METACOGNITION emerari, A, Carcione, A., Dimaggio, G., Falcone, M., Nicolò, G., Procacci, M., Alleva,. (2003). How to evaluate metacognitive funtioning in psychotherapy? The etacognition Assessment Scale and its applications. Clinical Psychology and sychotherapy, 10, Semerari, A., Dimaggio, G., Nicolò, G., Procacci, M. & Carcione, A. (in press) nderstanding minds, different functions and different disorders? The contribution f psychotherapeutic research. Psychotherapy Research ermans, 2001 METAPOSITION

25 DIREZIONI FUTURE quanto ogni voce differente Corrisponde a differenti stati corporei (Stiles et al., 2004) E collegata all attivazione di connessioni neurali differenti (Lewis, 2002) E Cosa conduce verso una voce emergente piuttosto che verso un altra: i.e. le posizione nella società; l oscillazione dell umore; la tendenza a transazioni interpersonali

26 PRINCIPIO 2 AUTONOMIA E AGENTIVITA Ogni carattere nella auto-narrazione è autore di ogni sua propria storia e quindi un pensiero autonmo- e centro di costruzione di significato Hermans, Kempen & van Loon, 1992 Quando la voce in controllo cambia, la propria visione del mondo cambia altrettanto, insieme a emozioni, azioni, e processi di ragionamento. Ogni voce corrisponde ad uno specifico punto di vista, esprime differenti temi e con specifiche motivazioni per l azione Stiles, 1999

27 Tutte queste caratteristiche sono anche componenti essenziali delle emozioni quindi Il prinicio dell autonomia e agentività DEVE ESSERE coerente con le TEORIE delle EMOZIONI

28 EMOZIONI Emozioni diverse hanno influenze differenziate sull elaborazione delle informazioni, configurazioni degli eventi, riesamina, ragionamenti e scelte. Sotto l influenza di differenti emozioni le persone: elaborano informazione un modo attivo e scopo-orientato uso differente di ragionamenti influenzati ed euristici (Gigerenzer & Goldstein, 1996; Tversky & Kahneman, 1974). tendono ad azioni coerenti con lo scopo attivato (Frijda, 1993; Smith & Lazarus, 1993) VOCI ogni voce elabora l esperienza in modo particolare e attivo (Hermans, 2001; Stiles, 1999)

29 Esattamente Cosa ci aspettteremo da UN SE IN CUI LE PARTI SONO AUTONOME e AGENTICHE

30 RICERCA DI CASO SINGOLO IN PSICOTERAPIA Le voci differenti racchiudono attività motoria, reazioni corporali, motivi e inclinazioni, come pure le vedute, suoni, e pensieri. Le voci suonano in modo diverso Osatuke et al., 2004; Osatuke, Humphreys, Glick, Graff-Reed, Mack, & Stiles, 2005 Quando coloro che parlano cambiano argomento, anche le loro posizioni e stati corporei cambiano, come segnalato dai cambiamenti nella prosodia, accento e tono di voce.

31 PSICOPATOLOGIA DISTURBO DISSOCIATIVO DI IDENTITA La presenza di due o più identità o personalità distinte (ognuno con I suoi propri modelli permanenti di percezione, concernenti a, e pensanti all ambiente e al Sè ) (DSM IV TR p.487). Una ragazza equilibrata aveva un alter che è stata la prima persona nello stato dello Iowa a vestire una mini-gonna. (Hacking, 1995) UN FAN CLUB DELL ALTER E E STATO SCOPERTO RECENTEMENTE IN KANSAS

32 PRINCIPIO 3 IL SE COME DIALOGICO

33 Le voci sono in continuo dialogo tra di loro, negoziando il significato degli eventi e tessendo le storie che formano il sé Barresi & Moore, 2004 Caughey, 1984 Hermans, 1996 Hermans et al., 1992; Tappan, 1999 Watkins,

34 qualche altro supporto per queste idee intorno al mondo? qualche altro supporto per l idea che se un sè dialogico esiste è utile? I, SE SI SCAVA ABBASTANZA: PSICOLOGIA DELL ETA ETA EVOLUTIVA MEMORIA AUTOBIOGRAFICA, TEORIA DELLA PERCEZIONE PRIMING E PROCESSO NEUROBIOLOGICO E CONVERSAZIONALE ARCHITETTURA DEL CERVELLO PROCESSO PSICOTERAPEUTICO

35 PSICOLOGIA DELL ETA EVOLUTIVA Il Sé e costruito attraverso il dialogo (Vygotsky 1934/1987) La memoria e il discorso interno auto-regolatore sono creati attraverso l interiorizzazione e la transformazione di scambi scambi interpersonali mediati da segni (Fernyhough, 2004).

36 ESPERIMENTI Il tipo di interazione verbale che avviene tra madre e figlio influenza le capacità di quest ultimo per formare le memorie. Il ricordo autobiografico nei primi anni dipende profondamente dall incoraggiamento degli adulti e dal mantenimento del focus topico. La somma e la complessità dei ricordi dei bambini dipende dalla qualità del supporto dei genitori (Haden, Haine & Fivush, 1997; Peterson & McCabe, 1994; Tessler & Nelson, 1994). Gli adulti trasmettono la capacità di formare una storia di vita e di organizzare memorie in una forma di testo (Habermas & Bluck, 2000)

37 MADRE E FIGLIO GIOCANO Quest ultimo impara a vedere se stesso dalla prospettiva della prima. (Tomasello, 1999). Condividere una prospettiva comune sugli oggetti significa che un bambino è cosciente dell attenzione di chi si prende cura di lui verso questi oggetti. (Bertau, 2004). Un bambino arriva a concettualizzare un interazione simultaneamente sia dalla prospettiva di una prima persona e sia da una terza, includendo la prospettiva degli altri nel suo proprio stato mentale (Barresi & Moore 1996; Fonagy, et al., 2002) vista panoramica di attività congiunta

38 Sviluppo infantile in termini di TSD dalla prima infanzia gli umani formano RAPPRESENTAZIONI COGNITIVE DIALOGICHE (Fernyhough, 1996). Tomasello, Carpenter, Call, Behne and Moll (2005): La cognizione umana richiede: Scopi condivisi Intenzioni comuni. Costruzione di intenzionalità condivisa (al principio nel secondo anno di vita) (Tomasello et al., 2005). Rappresentazioni di: a) Se stesso che svolge un azione b) La mente dell altro che progetta la sua parte c) I pensieri e l azione di entrambi mentre cooperano per svolgere l azione.

39 Entro 6 mesi: le azioni umane come scopo-dirette (Woodward, 1999). Entro 10 mesi: I bambini guardano le facce degli adulti quando loro li stimolano con un giocattolo o impediscono di giocare con un giocattolo (Phillips, Baron- Cohen & Rutter, 1992). Entro mesi: I bambini scelgono di imitare intenzionalmente ma non azioni accidentali (Carpenter, Akhtar & Tomasello, 1998).

40 PROTOCONVERSAZIONI Gli adulti e I bambini si guardano, toccano, sorridono, e cantano l uno con l altro in sequenze turntaking Scambi reciproci di espressioni emotive facciali (Hobson, 2002; Trevarthen, 1979), posture, tono di voce, cambi fisiologici, ritmo di movimento e il guardarsi fisso reciproco(stern, 1985). Il primo ruolo attivo nel generare precursori dialogici : I segnali pre-verbali coerenti con le espressioni facciali degli adulti (Bertau, 2004; Tomasello, 1999).

L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI

L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI SITCC 2014 DIARIO DI BORDO NOVE Sabato, 17 maggio 2014 L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI PSICOTERAPIA COGNITIVA IN LIGURIA Seminari

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

Dott.ssa Caterina Fucili Psicologo Psicoterapeuta Fano e Pesaro LA MIA PSICOTERAPIA

Dott.ssa Caterina Fucili Psicologo Psicoterapeuta Fano e Pesaro LA MIA PSICOTERAPIA La psicoterapia può nascere da diversi indirizzi teorici: esiste la psicoterapia psicoanalitica, cognitivo-comportamentale, sistemico-relazionale, umanistica, della gestalt, ed altre ancora. Il mio metodo

Dettagli

Prof.Antonio Semerari

Prof.Antonio Semerari Prof.Antonio Semerari Antonio Semerari è nato a Martina Franca nel 1950. Vive a Roma da molti anni. Ha studiato medicina e psichiatria all Università La Sapienza di Roma. Subito dopo la laurea ha cominciato

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

LE ORIGINI RELAZIONALI DELLA MENTE

LE ORIGINI RELAZIONALI DELLA MENTE LE ORIGINI RELAZIONALI DELLA MENTE Barbara Ongari Corso di formazione per Educatrici Asili Nido 31 marzo, 2 aprile e 9 aprile 2015 LA MENTE SI COSTRUISCE NELLE RELAZIONI Le interazioni continue e reciproche,

Dettagli

Continuità del comportamento pre- e post- natale

Continuità del comportamento pre- e post- natale Continuità del comportamento pre- e post- natale 1 il feto mostra Movimenti e capacità di coordinazione senso-motoria: riflessi (12-14 sett.); risposte motorie a stimoli tattili (8 sett.), odori, sapori,

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

principali teorie sul funzionamento della mente autistica corso per insegnanti! S.Ravera! psicologa-psicoterapeuta! Coop Cascina Bianca

principali teorie sul funzionamento della mente autistica corso per insegnanti! S.Ravera! psicologa-psicoterapeuta! Coop Cascina Bianca principali teorie sul funzionamento della mente autistica corso per insegnanti! S.Ravera! psicologa-psicoterapeuta! Coop Cascina Bianca la mente autistica ? ? blutornado pensare per immagini che cos e

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

Il ruolo del trauma nella psicopatologia

Il ruolo del trauma nella psicopatologia Il ruolo del trauma nella psicopatologia Come psicoterapeuti lavoriamo spesso nel campo del trauma e notiamo sempre che le cicatrici degli avvenimenti più dolorosi non scompaiono facilmente dal cervello,

Dettagli

Vipassana dipendenze e salute

Vipassana dipendenze e salute Vipassana dipendenze e salute Seminario promosso dal Vipassana Research Institute Dhamma Giri, Igatpuri, India, dicembre 1989 Vipassana e psicoterapia * di Jyoti Doshi medico e psicoterapeuta La funzionalità

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

LA PSICOTERAPIA PSICODINAMICA FRA TRATTAMENTI INDIVIDUALI E GRUPPO DI LAVORO. Dr. Marco Monari 10, 29 e 31 0ttobre 2013

LA PSICOTERAPIA PSICODINAMICA FRA TRATTAMENTI INDIVIDUALI E GRUPPO DI LAVORO. Dr. Marco Monari 10, 29 e 31 0ttobre 2013 LA PSICOTERAPIA PSICODINAMICA FRA TRATTAMENTI INDIVIDUALI E GRUPPO DI LAVORO Dr. Marco Monari 10, 29 e 31 0ttobre 2013 ALCUNI PREGIUDIZI NEI CONFRONTI DEI PAZIENTI CON DBP E DELLA LORO CURA Il DBP come

Dettagli

PSICOTERAPIA COGNITIVA QUALE INTEGRAZIONE

PSICOTERAPIA COGNITIVA QUALE INTEGRAZIONE PSICOTERAPIA COGNITIVA QUALE INTEGRAZIONE POSSIBILE? IL CAMPO DELLE TERAPIE COGNITIVE -Terapia Razionale - Emotiva -Terapia Cognitiva (classica) -Terapia Cognitivo-Comportamentale -Terapia Cognitivo-Sociale

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Insegnamento: Il costruttivismo I presupposti epistemologici dell'approccio costruttivista alla clinica. Docenti Giorgio Rezzonico

Insegnamento: Il costruttivismo I presupposti epistemologici dell'approccio costruttivista alla clinica. Docenti Giorgio Rezzonico Psicologia Generale Gli Insegnamenti di Psicologia Generale consistono complessivamente di 92 ore di attività di aula nel corso del percorso formativo, si svolgono durante le prime due annualità per consentire

Dettagli

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO Gruppo di lavoro Dott. Piergiorgio Miottello, Neuropsichiatra infantile - Direttore Sanitario Dott. Michela Bontorin, Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Renzo

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Convegno nazionale su Attaccamento e psicoterapia. Napoli, 23 marzo 2015. Rassegna stampa e comunicati

Convegno nazionale su Attaccamento e psicoterapia. Napoli, 23 marzo 2015. Rassegna stampa e comunicati Convegno nazionale su Attaccamento e psicoterapia Napoli, 23 marzo 2015 Rassegna stampa e comunicati INDICE AGENZIE 1. ASKANEWS 2. OMNINAPOLI QUOTIDIANI 3. ROMA ARTICOLI WEB 4. OMNINAPOLI ASKANEWS (Agenzie

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA a cura della Dott.ssa LAURA MESSINA DEFINIZIONE Il colloquio clinico è una tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano che ha lo scopo di comprendere

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

Le interazioni precoci madre-bambino: alcune considerazioni cliniche e di ricerca

Le interazioni precoci madre-bambino: alcune considerazioni cliniche e di ricerca Progetto HOME VISITING Consultori in rete e percorsi di sostegno alla genitorialità Firenze, 14 dicembre 2012 Le interazioni precoci madre-bambino: alcune considerazioni cliniche e di ricerca Silvia Cimino

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Aspetti psicologici della vulvodinia. Dott.ssa Chiara Micheletti Consulente per la psicoterapia H San Raffaele - Resnati Milano. obiettivi Quando deve intervenire lo psicoterapeuta. Cosa deve fare. Cosa

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO SPOKE REGGIO EMILIA HUB AREA VASTA EMILIA NORD Diettore: Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Segreteria: Tel. 0522/339038 Reggio

Dettagli

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Dott.ssa Martina Valente Psicologa master II livello in Psicopatologia dell Apprendimento s.a Psicoterapia cognitivo comportamentale per l infanzia e l adolescenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Ospedale Senza dolore

Ospedale Senza dolore Ospedale Senza dolore La multifattorialità del dolore Aspetti Psicologici, etici e culturali Ospedale Senza Dolore - Psicologo 1 1 Concetto di cultura La cultura è il mezzo con cui l infinita complessità

Dettagli

LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. Dr.ssa Claudia Boni

LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. Dr.ssa Claudia Boni LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Dr.ssa Claudia Boni Psicologa -Terapista neuropsicomotricità età evolutiva Spoke Autismo Casa del Giardiniere AUSL di BOLOGNA CONVEGNO AUTISMO:

Dettagli

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS PROPOSTA DI ATTIVAZIONE SPORTELLO DI ASCOLTO/SOSTEGNO GENITORI Soggetto proponente: Associazione Nardone - Watzlawick Problem versus Solution

Dettagli

Psicotraumatologia e Mentalizzazione: Questioni poste dalla comorbilità tra Disturbi di Personalità Borderline con dipendenza da sostanze

Psicotraumatologia e Mentalizzazione: Questioni poste dalla comorbilità tra Disturbi di Personalità Borderline con dipendenza da sostanze Psicotraumatologia e Mentalizzazione: Questioni poste dalla comorbilità tra Disturbi di Personalità Borderline con dipendenza da sostanze Carmela MENTO PSICOTRAUMATOLOGIA E MENTALIZZAZIONE: QUESTIONI

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS

I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS Paola VISCONTI 19 marzo 2011 Clinica Neurologica-Università di Bologna Ambulatorio Autismo e DPS Ospedale Maggiore AUSL BOLOGNA Dipartimento Neuroscienze

Dettagli

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Tra il dire e il fare Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Cominciamo con un esempio: prevenire l Obesità è un obiettivo strategico di molte istituzioni e

Dettagli

Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano

Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano Conducono l incontro: la dott.ssa Monica Tessarolo (psicologa psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo comportamentale, criminologa,

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo PRAGMATICA COMUNICAZIONE UMANA 1 Pragmatica della comunicazione umana Semiologia: Pragmatica (effetti

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO DALL INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELL ALUNNO CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALLA COSTRUZIONE EFFICACE DELL ALLEANZA EDUCATIVA E DELLA CONTINUITÀ

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

Story Task) nella valutazione dei

Story Task) nella valutazione dei L utilizzo del MCAST (Manchester Child Attachment Story Task) nella valutazione dei bambini con ADHD Dott.ssa Antonella Marianecci - antonellamarianecci@yahoo.it Dott.ssa Francesca Manaresi - francesca.manaresi@fastwebnet.it

Dettagli

PSICOTERAPIA COGNITIVA DEL PAZIENTE GRAVE. Parte I: il quadro teorico di riferimento.

PSICOTERAPIA COGNITIVA DEL PAZIENTE GRAVE. Parte I: il quadro teorico di riferimento. PSICOTERAPIA COGNITIVA DEL PAZIENTE GRAVE Parte I: il quadro teorico di riferimento. [ INTRODUZIONE E CAPITOLO I ] Il concetto di metacognizione come costrutto clinico fondamentale per la psicoterapia.

Dettagli

Schizofrenia e metacognizione

Schizofrenia e metacognizione Dott.ssa Sibilla Giangreco Psicologa Centro Clinico ALETEIA sibillagiangreco@gmail.com Schizofrenia e metacognizione IL TRATTAMENTO IN GRUPPO DELLE ALLUCINAZIONI ACUSTICHE SECONDO IL PROTOCOLO ENTROPIA

Dettagli

Firera & Liuzzo Publishing è un marchio di Firera & Liuzzo Group. 2004 by Brunner-Routledge 27 Church Road, Hove, East SUSSEX BN3 2FA

Firera & Liuzzo Publishing è un marchio di Firera & Liuzzo Group. 2004 by Brunner-Routledge 27 Church Road, Hove, East SUSSEX BN3 2FA Firera & Liuzzo Publishing è un marchio di Firera & Liuzzo Group 2010 - Firera & Liuzzo Group Via Boezio, 6-00193 Roma www.fireraliuzzo.com ISBN: 978-88-6538-012-3 Titolo dell opera originale: The Dialogical

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli SEDE DI VARESE LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo Dott.ssa Cristina Morelli Il termine comunicare, deriva dal latino e significava letteralmente mettere in comune,

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

DR.SSA LAURA MARIA CONTI

DR.SSA LAURA MARIA CONTI CURRICULUM DR.SSA LAURA MARIA CONTI Psicologa Psicoterapeuta III Centro di Psicoterapia Cognitiva Roma Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva, Associazione di Psicoterapia Cognitiva (SPC

Dettagli

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping Scienze Umane II - Infermieristica CHE COS È UN EMOZIONE? Stato affettivo di piacere o dispiacere (EMOZIONI POSITIVE O NEGATIVE) Risposta psicologica

Dettagli

Fred R. Volkmar e James C. McPartland. Edizione italiana a cura di Giacomo Vivanti

Fred R. Volkmar e James C. McPartland. Edizione italiana a cura di Giacomo Vivanti Fred R. Volkmar e James C. McPartland La diagnosi di autismo da Kanner al DSM-5 Edizione italiana a cura di Giacomo Vivanti indice Presentazione all edizione italiana (G. Vivanti e E. Salomone) 7 Problemi

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

IL PROTOCOLLO TERAPEUTICO ENTROPIA NEGATIVA

IL PROTOCOLLO TERAPEUTICO ENTROPIA NEGATIVA Tullio Scrimali e Damiana Tomasello IL PROTOCOLLO TERAPEUTICO E RIABILITATIVO ENTROPIA NEGATIVA 1 Nella schizofrenia (ancora più che in ogni altra patologia) la relazione terapeuticati di base sicura costituisce

Dettagli

Metodologie del lavoro di gruppo

Metodologie del lavoro di gruppo Metodologie del lavoro di gruppo Dal lavoro in gruppo al lavoro di gruppo Federica Zanetti Facoltà di Scienze della Formazione Università di Bologna f.zanetti@unibo.it Per iniziare Metodologie del lavoro

Dettagli

Emozioni e stress in contesti di emergenza: vittime e volontari in campo

Emozioni e stress in contesti di emergenza: vittime e volontari in campo Emozioni e stress in contesti di emergenza: vittime e volontari in campo Psicologi per i Popoli-Milano Emergenza È una situazione caratterizzata Dalla presenza di una minaccia avvertita; Da una percezione

Dettagli

Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR

Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR Convegno: Non doveva succedere Busto Arsizio, 4 ottobre 2014 Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR Dr.ssa Elisa Faretta Psicologa, Psicoterapeuta, Supervisore e Facilitator EMDR Direttore

Dettagli

Corso sul LINGUAGGIO DEL CORPO

Corso sul LINGUAGGIO DEL CORPO Sabato 17 e Domenica 18 Maggio, dalle 10:00 alle 19:30 Corso sul LINGUAGGIO DEL CORPO Impara a leggere con precisione carattere ed emozioni grazie alla forma del corpo, ai gesti, ai segnali e alle sue

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

I bambini raccontano e interpretano le storie familiari

I bambini raccontano e interpretano le storie familiari Rivista Italiana di Educazione Familiare, n. 2-2008, pp. 87-94 I bambini raccontano e interpretano le storie familiari Enrica Ciucci e Andrea Smorti 1 La maggior parte delle interazioni che avvengono in

Dettagli

SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA DIRETTORE: FRANCESCO MANCINI. SEDE DI GROSSETO Responsabile Sede: Andrea Gragnani IL TRATTAMENTO

SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA DIRETTORE: FRANCESCO MANCINI. SEDE DI GROSSETO Responsabile Sede: Andrea Gragnani IL TRATTAMENTO SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA DIRETTORE: FRANCESCO MANCINI SEDE DI GROSSETO Responsabile Sede: Andrea Gragnani IL TRATTAMENTO DEL DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ GROSSETO 2013 Il Master intende formare

Dettagli

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Caterina D Ardia Neuropsichiatria Infantile Università Sapienza, Roma Disturbi dello Sviluppo Sono Disturbi che accompagnano la persona

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e salute nelle Carceri Bologna 8 gennaio 2013 1 Obiettivi della riunione Progetto

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE ANALISI DELLO SVILUPPO PSICOMOTORIO ED EMOTIVO/AFFETTIVO PROF. JOSE ALBERTO FREDA ATTO

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Digital Storytelling:

Digital Storytelling: Digital Storytelling: una pluralità di approcci Seminari 2015 Michele Capalbo Progetto: POF 2015\2016 L.S. E. Fermi (CS) Percorso: Orientiamoci sulle TIC nella didattica curriculare Facciamo innovativamente

Dettagli

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale PROGRAMMA Storia della PNL I presupposti della comunicazione I sistemi rappresentazionali Il sistema rappresentazionale preferenziale Individuazione del sistema rappresentazionale primario I LEM (Lateral

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA ALIMENTAZIONE E COUNSELING LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA PAOLA DELLA ROVERE Psicologa Metodologia fondata sul concedo di: COUNSELING ASCOLTO ATTIVO e ATTENZIONE

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELLE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Questa Disciplina fonda la sa azione sui saperi motori, i quali rappresentano beni irrinunciabili nel processo formativo dell alunno, in quanto finalizzati

Dettagli

Attaccamento e relazioni di coppia Terzo Incontro. Dott.ssa Marta ZIGHETTI Psicologa e Psicoterapeuta sistemica Terapeuta EMDR

Attaccamento e relazioni di coppia Terzo Incontro. Dott.ssa Marta ZIGHETTI Psicologa e Psicoterapeuta sistemica Terapeuta EMDR Attaccamento e relazioni di coppia Terzo Incontro Dott.ssa Marta ZIGHETTI Psicologa e Psicoterapeuta sistemica Terapeuta EMDR L Attaccamento Il legame di attaccamento definisce il rapporto tra il bambino

Dettagli

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla CIAO... E POI? di Eric Berne Recensione a cura di Cristiano Brambilla Questo libro parte da un semplice saluto per interrogarsi su tutto ciò che avviene dopo. Salutare significa per Berne "vedere l'altra

Dettagli

CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI

CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI 0 DALLA FAME DI CAREZZE ALLA STRUTTURAZIONE DEL TEMPO BERNE HA MESSO A FUOCO LA FAME DI CAREZZE DELL ESSERE UMANO. ALL INIZIO DELLA VITA E IL BISOGNO DI CONTATTO E DI

Dettagli

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI Educare per l autonomia 20 maggio 2013 Elena Giudice l assistente sociale deve parlare con i bambini? Non si tratta di fare un buon lavoro, ma di fare un lavoro

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

Orientamento di Vita e strategie di Empowerment

Orientamento di Vita e strategie di Empowerment Orientamento di Vita e strategie di Empowerment Articolo Pubblicato in Quaderni di Orientamento n. 16 I Semestre-Giugno 2000 L orientamento di vita, inteso come promozione della conoscenza di sè, consapevolezza

Dettagli