Il per sé in Hegel (für sich)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il per sé in Hegel (für sich)"

Transcript

1 Enrico Grassi Il per sé in Hegel (für sich) [Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro di infinite costitutive relazioni con i propri infiniti negativi, ovvero che è ideale, vivendo in essi e di essi. In sostanza, l esserci, ogni cosa finita, è in fondo ai suoi rapporti, essendo niente altro che un crocevia di infiniti rinvii ad altro]. Il tema dell identità ha avuto notevole fortuna nella teologia e nella filosofia di tutti i tempi, seppure con le ovvie differenze. In questo scritto mi limiterò ad una breve trattazione del concetto di identità nella Logica di Hegel, attraverso l analisi della nozione del per sé. Il concetto del per sé è reso complesso e complicato dal fatto che Hegel lo utilizza in due modi esattamente opposti. Il primo è quello del per sé stante (Selbständig, indipendente), di ciò che se ne sta per proprio conto, senza relazioni ( 1 ). Il secondo è quello del per sé come infinita negazione, o, che è lo stesso, come infinita relazione, carattere essenziale del movimento dialettico in generale. Noi lo analizzeremo solo in questa variante, tenendo conto che si presenta in forme diverse nelle diverse sfere del concetto. Nella Logica compare per la prima volta nella forma dell essere per sé (fürsichsein) ( 2 ), ove il qualcosa, in quanto si nega sempre in qualcos altro, è infinita relazione, ma, al tempo stesso, in quanto si distingue dall altro, è anche sempre in sé. L essere per sé è quindi la relazione che l essere finito, o determinato, istituisce perennemente con gli altri esseri determinati, pur ritrovandosi sempre in sé ( 3 ). Questo andamento dialettico è operante in generale là dove un positivo si nega in infiniti negativi, come il qualcosa negli infiniti altri, la coscienza nelle sue realizzazioni, la sostanza nei suoi modi, ma non in quei processi in cui il negativo è unico, come in interno-esterno, essenza-apparenza. Il per sé è la specifica correlazione sia dell essere per altri nella sfera dell essere (Dottrina dell essere), come si verifica nei processi logici della qualità e della quantità ( 4 ), ove rappresenta il ritorno dall essere per altro, sia dell infinita riflessione in sé, da intendersi come ritorno a sé dai continui sdoppiamenti nella sfera dell essenza, ove è assente l esser per altro, e il termine essere per sé compare forse solo due volte a proposito della sostanza e della causa (La dottrina dell essenza) ( 5 ); sia dell assoluta mediazione in loro dell universale, dell individuale e del particolare (La dottrina del concetto), che, senza trapassare in altro, si pongono in relazione reciproca (Verhältnisbestimmung), essendo l universale per sé nell individuale, in quanto ritorno dal proprio distinto. Lo stesso movimento 1 - I numeri delle pagine senza altre indicazioni si riferiscono alla Scienza della logica (1816), Laterza, Bari 1968; tra parentesi sarà indicata la pagina dalla Wissenschaft der Logik delle Werke nella edizione della Suhrkamp, I titoli senza autore si riferiscono ad altre opere di Hegel; per gli altri autori saranno date le opportune indicazioni. Nell accezione di astrattamente separato si può trovare anche Für sich genommen = preso per sé; einerseit für sich = dal canto suo per sé; das Selbständige selbst = il per sé stante stesso; selbständige Materie = materia per sé stante; Selbständiges, seiner Selbständigkeit =stare per sé. Segnalo una serie di pagine ove è possibile ritrovare una di queste formule (43 (I, 57), 147 (I, 158), 158 (I, 170), 550 (II, 139), 560 (II, 149), 561 (II, 150), 573 (II, 164), 583 (II, 175), 792 (II, 393), 816 (II, 417), 817 (II, 419)). 2 - P. 154 (I, 166). 3 - Pp. 162 (I, 173), 168 (I, 182), 629 (II, 222), 630 (II, 222), (II, 427). Lo stesso concetto è ben rappresentato anche nelle prime pagine della Prefazione (Vorrede) alla Fenomenologia dello spirito o nella parte finale del capitolo La percezione o la cosa e l illusione (Die Wahrnehmung, das Ding und die Täuschung). 4 - Pp. 113 e segg. (I, 125 f.), e (I, ). 5 - Pp (II, 222). 1

2 vale per il particolare e per l individuale, ma anche per il rapporto soggetto e predicato nel giudizio ( 6 ). Più in generale, il per sé è il momento in cui le entità spariscono nelle loro correlazioni, o, al contrario, il modulo attraverso cui le cose della natura si riferiscono a se stesse per mezzo di altro, ponendo con ciò se stesse ( 7 ). Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro di infinite costitutive relazioni con i propri infiniti negativi, ovvero che è ideale, vivendo in essi e di essi. In sostanza, l esserci, ogni cosa finita, è in fondo ai suoi rapporti, essendo niente altro che un crocevia di infiniti rinvii ad altro ( 8 ). Niel riconosce che La notion d être-pour-soi (für sich sein) est intimement liée à l idée d infini. L êtrepour-soi caractérise en effet l être qui se retire de sa relation a l autre pour rentrer en soi; l autre devenant quelque chose de nié. Toutefois, malgré ce processus de négation, l autre ne disparaît pas entièrement, car il lui est conservé une existence idéale ( 9 ). L essere per sé non è più quindi un semplice essere per altro, ma l infinito trascendimento del finito verso altro da sé, come sostiene Hegel in questo passo citato dal Niel: L infini en tant que cette contradiction absolue est par là l unique réalité du déterminé, et non un au-delà, mais simple rapport, le pur mouvement absolu, l être-àl extérieur-de-soi (Aussersichsein) dans l être-en-soi (Insichsein) ( 10 ). Il per sé è il ritorno dal proprio altro (o dal proprio riflesso o dal proprio distinto), in cui i due lati sono in relazione, ma ancora separati (opposizione, ragione negativa). Non si riesce tuttavia a chiarire fino in fondo il concetto di per sé, se al tempo stesso non si chiarisce il concetto di in sé e per sé. Per poter affrontare il discorso, dobbiamo prima distinguere tra opposizione e contraddizione. Hegel dedica due paragrafi della Logica alle differenze tra opposizione e contraddizione, non riuscendo a distinguere nettamente i due concetti. Proviamo a ripercorrere alcuni passi del testo hegeliano. Il primo sull opposizione: L opposizione è l unità della identità e della diversità; i suoi momenti sono diversi in una sola identità; così sono opposti ( 11 ). 6 - Pp. 701 (II, 297), 703 (II, 300), 710 (II, 307), 792 (II, 393): (701, Das Allgemeine ist für sich; p. 703, es ist Fürsichseiendes = è un esser per sé; für sich seienden = che è per sé). E. Fleischmann, in La logica di Hegel (1968), Einaudi, Torino p. 71, si limita a definire il per sé come prodotto della ragione negativa. Hibben nel glossario del suo Commentario alla Logica distingue l in sé dal per sé come l implicito dall esplicito, distinguendo con questo ultimo aggettivo anche l in sé e per sé. L unificazione di per sé e di in sé e per sé si ritrova anche nel manuale di D. Antiseri - G. Reale, ma in modo più consapevole. Nello Hegel-Lexikon di H. Glockner non compare la voce für sich, essendovi solo quella relativa al Fürsichsein; si trova però la voce Selbständigkeit. 7 - Pp (I, 155). 8 - P. 167 (I, 179). 9 - H. Niel, De la médiation dans la philosophie de Hegel, Aubier, 1945, p Ivi, p. 81. Il passo, che riporto di seguito in lingua originale, è ripreso dalla Jensener Logik, Metaphysik und Naturphilosophie delle Hegels Sämtlichen Werke, , F. Meiner, Band 18, S. 31. Die Unendlichkeit als dieser absolute Widerspruch ist hiemit die einzige Realität des bestimmten, und nicht ein Jenseit, sondern einfache Beziehung, die reine Bewegung, das Aussersichsein in dem Insichsein P. 473 (II, 55). 2

3 I passi che seguono vorrebbero descrivere la contraddizione, pur essendo uguali al precedente sull opposizione: La coscienza è perciò, - come la relazione in generale, - la contraddizione della indipendenza dei due lati e della loro identità, nella quale i due lati sono soppressi ( 12 ). Il positivo è quel diverso, che dev esser per sé, e insieme non essere indifferente, rispetto alla sua relazione col suo altro ( 13 ). Come abbiamo detto, opposizione e contraddizione vengono definite nello stesso modo, tanto è vero che nell Enciclopedia non esistono due paragrafi distinti per le due nozioni, venendo trattate insieme nel paragrafo 119, proprio in quanto sono considerate sinonime. Per capire la sottile differenza, l analisi va ulteriormente dettagliata. Dal momento che per Hegel tutto diviene, è inevitabile che i concetti finiscano per avere una connotazione diversa all inizio e alla fine del processo. L opposizione e la contraddizione sono la stessa cosa, anche se all inizio dell esposizione di una correlazione predomina il momento dell indipendenza dei termini, ovvero l opposizione, e alla fine la loro identità, ovvero la contraddizione. La via migliore per cercare di cogliere la differenza tra i due concetti è quella della schematizzazione dei tre momenti del pensiero che lo stesso Hegel a più riprese ci fornisce: intellettivo, razionale negativo e razionale positivo. Ad essi corrispondono l identità, l opposizione e la contraddizione, ma anche l in sé, il per sé e l in sé e per sé, nonché la tesi, l antitesi e la sintesi, o la posizione, la negazione e la negazione della negazione. L intelletto astraente autonomizza gli opposti interni ed esterni, rendendoli per sé stanti. La ragione negativa o dialettica, in quanto è scettica, scopre il movimento per cui un concetto passa nel suo opposto, autonegandosi. La ragione positiva o speculativa sembra invece possedere due funzioni: con la prima porta a termine l opera della ragione negativa, mostrando come gli opposti, oltre ad essere tali, sono anche identici; con la seconda, attraverso cui la contraddizione viene posta o superata, annulla l indipendenza dei lati, a vantaggio dell identità, facendo con ciò transitare il concetto nel successivo. Per rendere comprensibile quello che vado dicendo, seguirò il movimento del rapporto tra tutto e parti ( 14 ). Hegel parte dalla critica della tradizione che distingueva i due concetti, considerando il tutto come mondo essente in sé e per sé e le parti come mondo fenomenico, ossia come due semplici diversi. In effetti i due termini sono sia per sé stanti, indipendenti, che relativi, sebbene all inizio i due aspetti siano legati solo da un anche. Sono quindi sia indipendenti che momenti l uno dell altro. In questa configurazione sia il tutto che le parti possono presentarsi ora come il per sé stante, come la base reale che pone, ora come momento posto. In un caso, il tutto viene respinto verso le parti, diventando l unità delle parti, entro cui trova la sua sussistenza: il tutto come un semplice relativo, un nulla senza il suo altro. Le parti hanno il tutto in loro come loro momento, sono l intero rapporto, il per sé stare di fronte al loro riflesso, al tutto. In pari tempo il loro per sé stare può darsi solo nel tutto, non essendo possibile la semplice molteplicità. Il tutto risulta essere un lato che in primo luogo è una riflessione delle parti, ma separato da esse, standosene per sé, in un per sé stare riflesso e quindi ad esse relativo. Le parti invece, non dipendendo immediatamente da nessuna relazione, sono un per sé stare immediato. Da questa unità negativa dei due poli (negativa in quanto i termini sono reciproci, ma anche astrattamente separati, ovvero si escludono l un l altro pur nel 12 - Enciclopedia, Ivi, Si vedano le pagine della Logica (II, ). 3

4 reciproco riferirsi), si passa alla loro progressiva integrazione o reciproco condizionamento e mediazione. Si passa cioè dalla opposizione alla contraddizione, o, che è uguale, dalla contraddizione immediata alla contraddizione mediata, la cui differenza non è sempre chiara, giocandosi sulla maggiore o minore indipendenza dei due lati. Parti e tutto sono quindi dei relativi che si condizionano reciprocamente, pur essendo ancora separati e indipendenti. Ciascuno è un immediato per sé stare, ma in pari tempo è un mediato, ossia è posto dall altro. In questo modo il per sé stare di ciascuno non è più in lui stesso, essendo passato nel suo altro. Si ha un unica identità di cui sia il tutto che le parti sono momenti, pur conservando ancora una loro autonomia. Sono identici e diversi al tempo stesso. Infatti il tutto è nelle parti come le parti sono nel tutto, ma il tutto non è una parte come le parti non sono un tutto, e quindi sono ancora separati e indifferenti. La verità di ciascun lato è solo nell altro, nella loro mediazione, essendo l uno la condizione dell altro. Con questa loro reciprocità formano un nuovo tutto, che è composto di tutto e di parti, in cui ricomincia la dialettica tutto-parti, in un processo all infinito, e quindi di un cattivo infinito, in cui tutto e parti tornano ad avvicendarsi, non potendosi mai dare come dei per sé stanti separati. Il movimento ha visto i due concetti sempre più mediati, la loro relazione sempre più interna, in un processo in cui ora l uno ora l altro si sono presentati come essenziali, scambiandosi di posto. Ad un certo punto del divenire, con un passaggio logico incomprensibile, si interrompe l alternanza della cattiva infinità tra tutto e parti, diventando abusivamente momenti di un identità in cui si annullano reciprocamente, perdendo la loro originaria connotazione. In questo reciproco übergehen (trapassare) il rapporto non è più quello del tutto e delle parti, giacché entrambi hanno perso l indipendenza che avevano all inizio ( 15 ). Ormai si presentano come forza e sue estrinsecazioni (sic). Insomma, nel momento in cui i relati sono compiutamente reciproci, perdono la loro connotazione. La forza è l unità negativa, nella quale si è risoluta (aufgelöst) la contraddizione del tutto e delle parti, la verità di quel primo rapporto ( 16 ). Il rapporto tutto-parti è estrinseco e formale; quando l autoapprofondimento dialettico lo rende pienamente reciproco, si dà un contenuto nuovo, diventando la forza che è interna alla molteplicità. A questo punto non è difficile accorgersi che l intuizione empirica ha preso il posto dell analisi logica. Non si capisce infatti, se non a fini espositivi, perché mai il concetto di tutto sia prima diverso dal concetto di parte, se poi può convergere in esso. I due concetti sono da sempre e per sempre quello che sono, e non è possibile far passare la storia della riflessione umana su di loro per storia dei concetti stessi. Tutto e parte sono o non sono correlativi e solo il punto di vista arbitrario può autorizzare a trattare in successione ciò che è logicamente simultaneo, come lo sono diversità, opposizione e contraddizione. Non è il concetto che si muove, siamo noi che gli giriamo intorno, analizzando il rapporto tutto-parte attraverso la successione dei parziali e provvisori punti di osservazione, intesi surrettiziamente come divenire del concetto stesso. Per ottenere questo passaggio il nostro filosofo utilizza il sofisma della contraddizione posta ( 17 ), tale per cui non solo il termine positivo è posto e pone il negativo, ma nel reciproco trapassare la stessa loro contraddizione si 15 - P. 579 (II, 170) P. 581 (II, 172) P. 485 (II, 68), Enciclopedia,

5 pone, poiché la mediazione continua a lavorare sui due lati, fino a cancellarne l indipendenza, rendendoli astrattamente identici, senza altra connotazione. La contraddizione quindi eredita e conserva in prima istanza i caratteri dell opposizione, ma procede subito verso una correlazione di lati ormai privi di autonomia, trasformandosi per tale via in una nuova forma logica, in una diversità ( 18 ). La catastrofe logica avviene quando i due termini hanno perso qualsiasi residuo di diversità indipendente, estinguendosi o dileguando l uno nell altro ( 19 ). L eccessiva reciprocità, quando vi domina ormai l identità, pone fine alla reciprocità stessa. La categoria successiva è ciò in cui si è risolta la contraddizione precedente, la verità di quel rapporto ( 20 ). La stessa nozione di contraddizione, al culmine della sua contraddittorietà, quando i termini sono ormai intrinseci, diventa fondamento. Non si riesce tuttavia a capire il motivo per cui il tutto debba metamorfosare, e debba metamorfosare in forza e non invece in interno, in causa o in innumerevoli altri concetti ancora ( 21 ). La potenza di Hegel nella individuazione delle mediazioni concettuali si trasforma all evidenza in capacità retorica occultatrice. L in sé e per sé dovrebbe quindi rappresentare il superamento dell opposizione nella contraddizione, del pensiero dialettico nel pensiero speculativo, vera sede del pensiero assoluto, dove i due poli trapassano l uno nell altro, annullandosi reciprocamente. Nel per sé l indipendenza dei lati è ancora operante, sebbene all interno della correlazione. Il per sé quindi, prima che i due termini diventino identici, scomparendo l uno nell altro, ovvero prima che la contraddizione sia posta, azzerandosi le diversità, appartiene tanto alla ragione negativa che a quella speculativa. Bisogna quindi tenere presente che ogni concetto hegeliano presenta due facce, una rivolta al concetto che precede, da cui proviene, e una a quello che segue, in cui tramonta. Opposizione e contraddizione, per sé e in sé e per sé, sono la stessa cosa per le facce contigue, là dove finisce la prima e inizia la seconda, sono invece diverse per le facce estreme, ove nella contraddizione (che in realtà non è più contraddizione, in quanto ormai è posta) si perde l indipendenza dei poli, giacché entrambi confluiscono nel concetto successivo, che, a sua volta, si scinderà in poli indipendenti, per dare inizio ad un processo del tutto simile. Se, al contrario, le nozioni logiche fossero rappresentabili kantianamente come una mappa originaria e simultanea, allora la seconda funzione della ragione, quella speculativa, relativa all übergehen (al trapassare), assumerebbe un rango diverso, non essendo ammissibile che la qualità trapassi in quantità, e viceversa, giacché tale movimento vale solo per i concetti empirici e storici (sostanza organica e inorganica, famiglia e società). Ma se non è proponibile una catena concettuale genetica, allora non ha senso l impianto generale della Logica, che rappresenta appunto questo tentativo, avendo scambiato la storia della scienza con la genesi delle forme logiche. Nella natura, fin dai suoi primi momenti e indipendentemente dalla sua storia evolutiva, è già presente l intera struttura logica quantità e qualità, essenza ed apparenza, causa ed effetto, interno ed esterno, universale e particolare - che per essere attiva non ha dovuto aspettare il pensiero dell uomo, come sembra supporre l idealismo hegeliano, con la parificazione di razionalità e pensabilità, ovvero di realtà e coscienza Pp. 579 e 580 (II, 171 e 172) Si veda, come esempio tipico, il modo di trasformare e di risolvere la contraddizione tra causa ed effetto in quella tra azione e reazione (p. 639 (II, 233)) P. 581 (II, 172) C. Tuozzolo ha ripercorso nel suo libro Schelling e il cominciamento hegeliano, La città del sole, Napoli 1995, le critiche di Trendelenburg ad Hegel, trovandone la matrice nel tardo Schelling. Esse sono essenzialmente tre: 1) il pensiero dialettico può produrre solo negazioni logiche, il non-a di A, ma non può far sorgere nuovi concetti; 2) Hegel pretende di procedere rigorosamente sul filo del pensiero puro, quando invece utilizza surrettiziamente le intuizioni empiriche; 3) il pensiero puro non può produrre l essere, sostituendosi a Dio. 5

6 Marx non parla mai di classe in sé e per sé, utilizzando al suo posto, ma in senso diverso, la nozione hegeliana di negazione della negazione, per intendere la negazione proletaria della borghesia, che era stata precedentemente negatrice della feudalità. Si limita a definire classe per sé il proletariato nel momento in cui, divenuto consapevole del proprio ruolo entro le leggi del modo di produzione, si organizza come forza autonoma e polemica, così come era capitato ad altre classi in altri modi di produzione. In questo caso quindi il per sé indica il ritorno in sé della coscienza operaia, dopo un periodo di alienazione sotto il dominio del capitale. Il lavoro ormai si contrappone consapevolmente all altro da sé, di cui pure è correlativo. Nella nozione hegeliana del per sé non è implicito il concetto pratico del superamento rivoluzionario, che nasce entro la prima visione marxiana della storia, né tanto meno le relative modalità. Le successive teorie del divenire storico hanno complicato il quadro concettuale dell autore del Capitale, rendendo sempre più difficile rovesciare la filosofia della storia di Hegel. Le oscillazioni hegeliane sui concetti di per sé e di in sé e per sé si ritrovano comunque in Marx, anche se non sono sempre sovrapponibili. Se infatti è possibile trovare la mediazione degli opposti, la correlazione positiva tra borghesia e proletariato, sebbene limitata nel tempo, fino a quando cioè la prima classe conserva l universalità ( 22 ), non è possibile rintracciare in Hegel l accezione antagonistica dell opposizione, in base alla quale un termine (il proletariato) elimina l altro (la borghesia). Nei Lineamenti di Marx si può reperire invece una sorta di concetto di in sé e per sé, come quello zero in cui soccombono i due poli, quando la contraddizione è posta, con cui il lavoro e il valore (il capitale) perdono entrambi ogni ruolo con l automazione dei processi produttivi ( 23 ) Nel mondo reale tali metafisiche opposizioni reali si danno solo nei momenti di crisi, mentre tutto il gran corso dello sviluppo avviene nella forma dell azione reciproca, come saggiamente scriveva Engels nella lettera a C. Schmidt del 27 ottobre del 1890 (Opere, XLVIII, p. 524; 37, S. 494) Si veda il frammento sulle macchine in Lineamenti fondamentali della critica dell economia politica ( ), La Nuova Italia, Firenze 1968, pp ; (Ökonomische Manuscripte , Dietz Verlag, Berlin, 1976, Teil I, S. 580). 6

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Francesco Campana, Università degli Studi di Padova In Hegel, the End of

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale Capitolo VII Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale 33. Il processo lavorativo. Abbiamo visto che il lavoro produce così valori d uso. Quindi può essere rappresentato in merci

Dettagli

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872)

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Feuerbach fu forse il più famoso rappresentante della corrente anti-hegeliana. Che appartenesse oppure no ad essa è una questione che qui possiamo tralasciare,

Dettagli

Prospettive del Neocriticismo / 2 La Scuola del Baden

Prospettive del Neocriticismo / 2 La Scuola del Baden gianluca miligi Prospettive del Neocriticismo / 2 La Scuola del Baden Il testo è pubblicato da, rivista on-line registrata; codice internazionale issn 1722-9782. Il copyright degli articoli è libero. Unica

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

TEMI DEL CORSO: STORIA DELLE IDEE MODERNE E CONTEMPORANEE (FO1120)

TEMI DEL CORSO: STORIA DELLE IDEE MODERNE E CONTEMPORANEE (FO1120) TEMI DEL CORSO: STORIA DELLE IDEE MODERNE E CONTEMPORANEE (FO1120) N.B.: Per ogni voce del programma, che costituirà anche tema specifico d'esame, si indicheranno anche i paragrafi dei due testi di riferimento

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

Tre momenti nel passaggio dal discorso filosofico al discorso sociologico della modernità: Kant, Hegel e Marx

Tre momenti nel passaggio dal discorso filosofico al discorso sociologico della modernità: Kant, Hegel e Marx Tre momenti nel passaggio dal discorso filosofico al discorso sociologico della modernità: Kant, Hegel e Marx Kant (1724-1804), nella Risposta alla domanda Che cos è l Illuminismo rivoltagli nel 1784)

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Marx 2: coscienza, materialismo storico, comunismo, rapporti di produzione (Ideologia Tedesca parte I)

Marx 2: coscienza, materialismo storico, comunismo, rapporti di produzione (Ideologia Tedesca parte I) Marx 2: coscienza, materialismo storico, comunismo, rapporti di produzione (Ideologia Tedesca parte I) I presupposti da cui moviamo non sono arbitrari, non sono dogmi: sono presupposti reali, dai quali

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Marco Maltoni. Trasformazione, fusione e scissione delle nuove srl

Marco Maltoni. Trasformazione, fusione e scissione delle nuove srl Marco Maltoni Trasformazione, fusione e scissione delle nuove srl 1. Impostazione della questione. La natura giuridica delle nuove s.r.l. Il tema presuppone di chiarire preventivamente se i nuovi modelli

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

Lo sguardo fenomenologico e la distanza che "fa" relazione

Lo sguardo fenomenologico e la distanza che fa relazione Lo sguardo fenomenologico e la distanza che "fa" relazione Francesca Cantaro Psicoterapeuta direttore del Giardino dei Pensieri, Milano "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30

Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30 S&F_n. 8_2012 Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30 Rintracciare l essenza del nichilismo significa compiere una precisa operazione filosofica: comprendere il senso

Dettagli

1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata

1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata La programmazione didattica delle discipline Berta Martini 1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata Formulare un ipotesi metodologica di programmazione didattica

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione di Massimo Buongiorno docente di Finanza Aziendale, Università Bocconi, Milano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html

Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html GIAMBATTISTA VICO Glossari e Dizionari Amore e sesso Borsa Internet Lavoro Scuola Ricerca argomenti Scienziati & filosofi Teorie della mente VITA

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management ASCOLTARE LA VOCE DEL PROCESSO di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management LA VARIABILITÀ ESISTE La comprensione della variabilità da cui sono affetti i processi costitutivi di un sistema

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

Convinzioni e Convenzioni

Convinzioni e Convenzioni Convinzioni e Convenzioni Il mio background accademico è l Antropologia Culturale, la scienza sociale che si occupa dello studio dell uomo dal punto di vista delle sue manifestazioni culturali, ossia quegli

Dettagli

Hegel * 1 Scritti teologici giovanili. 1.1 Necessità sociale della religione

Hegel * 1 Scritti teologici giovanili. 1.1 Necessità sociale della religione Hegel * 1 Scritti teologici giovanili 1.1 Necessità sociale della religione Questo passo è tratto dal primo frammento di Religione popolare e Cristianesimo. Si tratta di un testo verosimilmente composto

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Errori più comuni. nelle prove scritte

Errori più comuni. nelle prove scritte Errori più comuni nelle prove scritte Gli errori più frequenti, e reiterati da chi sostiene diverse prove, sono innanzi tutto meta-errori, cioè errori che non riguardano tanto l applicazione delle tecniche,

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI.

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. Caro Gianni, KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. rispondo al tuo e-mail con l attach su Kim. Sono contento che il tuo giusto orgoglio di fisico abbia prevalso sugli spleen taglia-gambe. Non credo

Dettagli

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Queste parole non sono parole. O non sono soltanto parole. O non sono inevitabilmente parole. Il lettore le considera

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

della funzione obiettivo. Questo punto dovrebbe risultare chiaro se consideriamo una generica funzione:

della funzione obiettivo. Questo punto dovrebbe risultare chiaro se consideriamo una generica funzione: Corso di laurea in Economia e finanza CLEF) Economia pubblica ************************************************************************************ Una nota elementare sulla ottimizzazione in presenza di

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

Introduzione a David Hume

Introduzione a David Hume Be a philosopher, but amidst all your philosophy be still a man. Introduzione a David Hume D. Hume, An Enquiry concerning Human Understanding Introduzione In queste lezioni intendo fornire un introduzione

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Quaderni del DAE. Rivista di Diritto Amministrativo Elettronico ...

Quaderni del DAE. Rivista di Diritto Amministrativo Elettronico ... ......... Gli atti amministrativi ad elaborazione elettronica: la compilazione di un pre-software in lingua italiana. Daniele Morongiu... 2003 Daniele Morongiu Gli atti amministrativi ad elaborazione elettronica:

Dettagli

I risultati di Einstein del 1907( )

I risultati di Einstein del 1907( ) I risultati di Einstein del 1907( ) Nel 1905 Einstein pubblica una serie di articoli che aprono la strada ad innovative ricerche fisiche e propongono una rivoluzionaria visione della realtà tuttora attuale;

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management Giornata di presentazione IV edizione Master universitario in Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management www.masterhomelandsecurity.eu Etica, Legalità e Sicurezza:

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Max Weber (1864-1920)

Max Weber (1864-1920) Max Weber (1864-1920) Nato a Erfurt, Turingia Famiglia alto-borghese Studia a Heidelberg legge, storia,teologia, economia, filosofia Membro del Verein fur Sozialpolitik, circolo fondato da Gustav Schmoller

Dettagli

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO APPROSSIMAZIONI DIDATTICHE ALLA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO DI HEGEL Liceo Scientifico Statale Gaspare Aselli Cremona Anno scolastico 2010/2011 Classe 5H Storia e Filosofia Insegnante: Prof. Marco Paolo

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Osservazioni sulla opinione pubblica

Osservazioni sulla opinione pubblica Forum Esiste l opinione pubblica Tre saggi 2 Osservazioni sulla opinione pubblica di Francesco Saverio Trincia ()... @ & @... () ; & ()... &... @ ()..... Il testo è pubblicato da, rivista on-line registrata;

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere;

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere; Algoritmi 3 3.5 Capacità di calcolo Il matematico inglese Alan Turing (1912-1954) descrisse nel 1936 un tipo di automi, oggi detti macchine di Turing, e fornì una della prime definizioni rigorose di esecuzione

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010

Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010 Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010 Per chi avesse trovato appassionante o anche solo interessante, il testo di Guala e Motterlini (Mente Mercati Decisioni,

Dettagli

Sandro Palazzo, Trascendentale e temporalità. Gilles Deleuze e l eredità kantiana, a cura di Carla de Pascale, Pisa, ETS, 2013, 480 pp.

Sandro Palazzo, Trascendentale e temporalità. Gilles Deleuze e l eredità kantiana, a cura di Carla de Pascale, Pisa, ETS, 2013, 480 pp. 398 Recensioni Sandro Palazzo, Trascendentale e temporalità. Gilles Deleuze e l eredità kantiana, a cura di Carla de Pascale, Pisa, ETS, 2013, 480 pp. di Alment Muho Nella ormai vasta bibliografia su Deleuze,

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Il processo di consolidamento (elaborazioni di consolidamento)

Il processo di consolidamento (elaborazioni di consolidamento) Il processo di consolidamento (elaborazioni di consolidamento) Il processo di consolidamento, si caratterizza per una serie di operazioni complesse e spesso contestuali, che idealmente posso essere così

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Modellazione delle preferenze

Modellazione delle preferenze Modellazione delle preferenze Roberto Cordone 1 1 Sono debitore delle dispense di B. Simeone e F. Patrone Sistemazione assiomatica Dato un insieme non vuoto di impatti F, esprimere una preferenza fra due

Dettagli