Il per sé in Hegel (für sich)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il per sé in Hegel (für sich)"

Transcript

1 Enrico Grassi Il per sé in Hegel (für sich) [Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro di infinite costitutive relazioni con i propri infiniti negativi, ovvero che è ideale, vivendo in essi e di essi. In sostanza, l esserci, ogni cosa finita, è in fondo ai suoi rapporti, essendo niente altro che un crocevia di infiniti rinvii ad altro]. Il tema dell identità ha avuto notevole fortuna nella teologia e nella filosofia di tutti i tempi, seppure con le ovvie differenze. In questo scritto mi limiterò ad una breve trattazione del concetto di identità nella Logica di Hegel, attraverso l analisi della nozione del per sé. Il concetto del per sé è reso complesso e complicato dal fatto che Hegel lo utilizza in due modi esattamente opposti. Il primo è quello del per sé stante (Selbständig, indipendente), di ciò che se ne sta per proprio conto, senza relazioni ( 1 ). Il secondo è quello del per sé come infinita negazione, o, che è lo stesso, come infinita relazione, carattere essenziale del movimento dialettico in generale. Noi lo analizzeremo solo in questa variante, tenendo conto che si presenta in forme diverse nelle diverse sfere del concetto. Nella Logica compare per la prima volta nella forma dell essere per sé (fürsichsein) ( 2 ), ove il qualcosa, in quanto si nega sempre in qualcos altro, è infinita relazione, ma, al tempo stesso, in quanto si distingue dall altro, è anche sempre in sé. L essere per sé è quindi la relazione che l essere finito, o determinato, istituisce perennemente con gli altri esseri determinati, pur ritrovandosi sempre in sé ( 3 ). Questo andamento dialettico è operante in generale là dove un positivo si nega in infiniti negativi, come il qualcosa negli infiniti altri, la coscienza nelle sue realizzazioni, la sostanza nei suoi modi, ma non in quei processi in cui il negativo è unico, come in interno-esterno, essenza-apparenza. Il per sé è la specifica correlazione sia dell essere per altri nella sfera dell essere (Dottrina dell essere), come si verifica nei processi logici della qualità e della quantità ( 4 ), ove rappresenta il ritorno dall essere per altro, sia dell infinita riflessione in sé, da intendersi come ritorno a sé dai continui sdoppiamenti nella sfera dell essenza, ove è assente l esser per altro, e il termine essere per sé compare forse solo due volte a proposito della sostanza e della causa (La dottrina dell essenza) ( 5 ); sia dell assoluta mediazione in loro dell universale, dell individuale e del particolare (La dottrina del concetto), che, senza trapassare in altro, si pongono in relazione reciproca (Verhältnisbestimmung), essendo l universale per sé nell individuale, in quanto ritorno dal proprio distinto. Lo stesso movimento 1 - I numeri delle pagine senza altre indicazioni si riferiscono alla Scienza della logica (1816), Laterza, Bari 1968; tra parentesi sarà indicata la pagina dalla Wissenschaft der Logik delle Werke nella edizione della Suhrkamp, I titoli senza autore si riferiscono ad altre opere di Hegel; per gli altri autori saranno date le opportune indicazioni. Nell accezione di astrattamente separato si può trovare anche Für sich genommen = preso per sé; einerseit für sich = dal canto suo per sé; das Selbständige selbst = il per sé stante stesso; selbständige Materie = materia per sé stante; Selbständiges, seiner Selbständigkeit =stare per sé. Segnalo una serie di pagine ove è possibile ritrovare una di queste formule (43 (I, 57), 147 (I, 158), 158 (I, 170), 550 (II, 139), 560 (II, 149), 561 (II, 150), 573 (II, 164), 583 (II, 175), 792 (II, 393), 816 (II, 417), 817 (II, 419)). 2 - P. 154 (I, 166). 3 - Pp. 162 (I, 173), 168 (I, 182), 629 (II, 222), 630 (II, 222), (II, 427). Lo stesso concetto è ben rappresentato anche nelle prime pagine della Prefazione (Vorrede) alla Fenomenologia dello spirito o nella parte finale del capitolo La percezione o la cosa e l illusione (Die Wahrnehmung, das Ding und die Täuschung). 4 - Pp. 113 e segg. (I, 125 f.), e (I, ). 5 - Pp (II, 222). 1

2 vale per il particolare e per l individuale, ma anche per il rapporto soggetto e predicato nel giudizio ( 6 ). Più in generale, il per sé è il momento in cui le entità spariscono nelle loro correlazioni, o, al contrario, il modulo attraverso cui le cose della natura si riferiscono a se stesse per mezzo di altro, ponendo con ciò se stesse ( 7 ). Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro di infinite costitutive relazioni con i propri infiniti negativi, ovvero che è ideale, vivendo in essi e di essi. In sostanza, l esserci, ogni cosa finita, è in fondo ai suoi rapporti, essendo niente altro che un crocevia di infiniti rinvii ad altro ( 8 ). Niel riconosce che La notion d être-pour-soi (für sich sein) est intimement liée à l idée d infini. L êtrepour-soi caractérise en effet l être qui se retire de sa relation a l autre pour rentrer en soi; l autre devenant quelque chose de nié. Toutefois, malgré ce processus de négation, l autre ne disparaît pas entièrement, car il lui est conservé une existence idéale ( 9 ). L essere per sé non è più quindi un semplice essere per altro, ma l infinito trascendimento del finito verso altro da sé, come sostiene Hegel in questo passo citato dal Niel: L infini en tant que cette contradiction absolue est par là l unique réalité du déterminé, et non un au-delà, mais simple rapport, le pur mouvement absolu, l être-àl extérieur-de-soi (Aussersichsein) dans l être-en-soi (Insichsein) ( 10 ). Il per sé è il ritorno dal proprio altro (o dal proprio riflesso o dal proprio distinto), in cui i due lati sono in relazione, ma ancora separati (opposizione, ragione negativa). Non si riesce tuttavia a chiarire fino in fondo il concetto di per sé, se al tempo stesso non si chiarisce il concetto di in sé e per sé. Per poter affrontare il discorso, dobbiamo prima distinguere tra opposizione e contraddizione. Hegel dedica due paragrafi della Logica alle differenze tra opposizione e contraddizione, non riuscendo a distinguere nettamente i due concetti. Proviamo a ripercorrere alcuni passi del testo hegeliano. Il primo sull opposizione: L opposizione è l unità della identità e della diversità; i suoi momenti sono diversi in una sola identità; così sono opposti ( 11 ). 6 - Pp. 701 (II, 297), 703 (II, 300), 710 (II, 307), 792 (II, 393): (701, Das Allgemeine ist für sich; p. 703, es ist Fürsichseiendes = è un esser per sé; für sich seienden = che è per sé). E. Fleischmann, in La logica di Hegel (1968), Einaudi, Torino p. 71, si limita a definire il per sé come prodotto della ragione negativa. Hibben nel glossario del suo Commentario alla Logica distingue l in sé dal per sé come l implicito dall esplicito, distinguendo con questo ultimo aggettivo anche l in sé e per sé. L unificazione di per sé e di in sé e per sé si ritrova anche nel manuale di D. Antiseri - G. Reale, ma in modo più consapevole. Nello Hegel-Lexikon di H. Glockner non compare la voce für sich, essendovi solo quella relativa al Fürsichsein; si trova però la voce Selbständigkeit. 7 - Pp (I, 155). 8 - P. 167 (I, 179). 9 - H. Niel, De la médiation dans la philosophie de Hegel, Aubier, 1945, p Ivi, p. 81. Il passo, che riporto di seguito in lingua originale, è ripreso dalla Jensener Logik, Metaphysik und Naturphilosophie delle Hegels Sämtlichen Werke, , F. Meiner, Band 18, S. 31. Die Unendlichkeit als dieser absolute Widerspruch ist hiemit die einzige Realität des bestimmten, und nicht ein Jenseit, sondern einfache Beziehung, die reine Bewegung, das Aussersichsein in dem Insichsein P. 473 (II, 55). 2

3 I passi che seguono vorrebbero descrivere la contraddizione, pur essendo uguali al precedente sull opposizione: La coscienza è perciò, - come la relazione in generale, - la contraddizione della indipendenza dei due lati e della loro identità, nella quale i due lati sono soppressi ( 12 ). Il positivo è quel diverso, che dev esser per sé, e insieme non essere indifferente, rispetto alla sua relazione col suo altro ( 13 ). Come abbiamo detto, opposizione e contraddizione vengono definite nello stesso modo, tanto è vero che nell Enciclopedia non esistono due paragrafi distinti per le due nozioni, venendo trattate insieme nel paragrafo 119, proprio in quanto sono considerate sinonime. Per capire la sottile differenza, l analisi va ulteriormente dettagliata. Dal momento che per Hegel tutto diviene, è inevitabile che i concetti finiscano per avere una connotazione diversa all inizio e alla fine del processo. L opposizione e la contraddizione sono la stessa cosa, anche se all inizio dell esposizione di una correlazione predomina il momento dell indipendenza dei termini, ovvero l opposizione, e alla fine la loro identità, ovvero la contraddizione. La via migliore per cercare di cogliere la differenza tra i due concetti è quella della schematizzazione dei tre momenti del pensiero che lo stesso Hegel a più riprese ci fornisce: intellettivo, razionale negativo e razionale positivo. Ad essi corrispondono l identità, l opposizione e la contraddizione, ma anche l in sé, il per sé e l in sé e per sé, nonché la tesi, l antitesi e la sintesi, o la posizione, la negazione e la negazione della negazione. L intelletto astraente autonomizza gli opposti interni ed esterni, rendendoli per sé stanti. La ragione negativa o dialettica, in quanto è scettica, scopre il movimento per cui un concetto passa nel suo opposto, autonegandosi. La ragione positiva o speculativa sembra invece possedere due funzioni: con la prima porta a termine l opera della ragione negativa, mostrando come gli opposti, oltre ad essere tali, sono anche identici; con la seconda, attraverso cui la contraddizione viene posta o superata, annulla l indipendenza dei lati, a vantaggio dell identità, facendo con ciò transitare il concetto nel successivo. Per rendere comprensibile quello che vado dicendo, seguirò il movimento del rapporto tra tutto e parti ( 14 ). Hegel parte dalla critica della tradizione che distingueva i due concetti, considerando il tutto come mondo essente in sé e per sé e le parti come mondo fenomenico, ossia come due semplici diversi. In effetti i due termini sono sia per sé stanti, indipendenti, che relativi, sebbene all inizio i due aspetti siano legati solo da un anche. Sono quindi sia indipendenti che momenti l uno dell altro. In questa configurazione sia il tutto che le parti possono presentarsi ora come il per sé stante, come la base reale che pone, ora come momento posto. In un caso, il tutto viene respinto verso le parti, diventando l unità delle parti, entro cui trova la sua sussistenza: il tutto come un semplice relativo, un nulla senza il suo altro. Le parti hanno il tutto in loro come loro momento, sono l intero rapporto, il per sé stare di fronte al loro riflesso, al tutto. In pari tempo il loro per sé stare può darsi solo nel tutto, non essendo possibile la semplice molteplicità. Il tutto risulta essere un lato che in primo luogo è una riflessione delle parti, ma separato da esse, standosene per sé, in un per sé stare riflesso e quindi ad esse relativo. Le parti invece, non dipendendo immediatamente da nessuna relazione, sono un per sé stare immediato. Da questa unità negativa dei due poli (negativa in quanto i termini sono reciproci, ma anche astrattamente separati, ovvero si escludono l un l altro pur nel 12 - Enciclopedia, Ivi, Si vedano le pagine della Logica (II, ). 3

4 reciproco riferirsi), si passa alla loro progressiva integrazione o reciproco condizionamento e mediazione. Si passa cioè dalla opposizione alla contraddizione, o, che è uguale, dalla contraddizione immediata alla contraddizione mediata, la cui differenza non è sempre chiara, giocandosi sulla maggiore o minore indipendenza dei due lati. Parti e tutto sono quindi dei relativi che si condizionano reciprocamente, pur essendo ancora separati e indipendenti. Ciascuno è un immediato per sé stare, ma in pari tempo è un mediato, ossia è posto dall altro. In questo modo il per sé stare di ciascuno non è più in lui stesso, essendo passato nel suo altro. Si ha un unica identità di cui sia il tutto che le parti sono momenti, pur conservando ancora una loro autonomia. Sono identici e diversi al tempo stesso. Infatti il tutto è nelle parti come le parti sono nel tutto, ma il tutto non è una parte come le parti non sono un tutto, e quindi sono ancora separati e indifferenti. La verità di ciascun lato è solo nell altro, nella loro mediazione, essendo l uno la condizione dell altro. Con questa loro reciprocità formano un nuovo tutto, che è composto di tutto e di parti, in cui ricomincia la dialettica tutto-parti, in un processo all infinito, e quindi di un cattivo infinito, in cui tutto e parti tornano ad avvicendarsi, non potendosi mai dare come dei per sé stanti separati. Il movimento ha visto i due concetti sempre più mediati, la loro relazione sempre più interna, in un processo in cui ora l uno ora l altro si sono presentati come essenziali, scambiandosi di posto. Ad un certo punto del divenire, con un passaggio logico incomprensibile, si interrompe l alternanza della cattiva infinità tra tutto e parti, diventando abusivamente momenti di un identità in cui si annullano reciprocamente, perdendo la loro originaria connotazione. In questo reciproco übergehen (trapassare) il rapporto non è più quello del tutto e delle parti, giacché entrambi hanno perso l indipendenza che avevano all inizio ( 15 ). Ormai si presentano come forza e sue estrinsecazioni (sic). Insomma, nel momento in cui i relati sono compiutamente reciproci, perdono la loro connotazione. La forza è l unità negativa, nella quale si è risoluta (aufgelöst) la contraddizione del tutto e delle parti, la verità di quel primo rapporto ( 16 ). Il rapporto tutto-parti è estrinseco e formale; quando l autoapprofondimento dialettico lo rende pienamente reciproco, si dà un contenuto nuovo, diventando la forza che è interna alla molteplicità. A questo punto non è difficile accorgersi che l intuizione empirica ha preso il posto dell analisi logica. Non si capisce infatti, se non a fini espositivi, perché mai il concetto di tutto sia prima diverso dal concetto di parte, se poi può convergere in esso. I due concetti sono da sempre e per sempre quello che sono, e non è possibile far passare la storia della riflessione umana su di loro per storia dei concetti stessi. Tutto e parte sono o non sono correlativi e solo il punto di vista arbitrario può autorizzare a trattare in successione ciò che è logicamente simultaneo, come lo sono diversità, opposizione e contraddizione. Non è il concetto che si muove, siamo noi che gli giriamo intorno, analizzando il rapporto tutto-parte attraverso la successione dei parziali e provvisori punti di osservazione, intesi surrettiziamente come divenire del concetto stesso. Per ottenere questo passaggio il nostro filosofo utilizza il sofisma della contraddizione posta ( 17 ), tale per cui non solo il termine positivo è posto e pone il negativo, ma nel reciproco trapassare la stessa loro contraddizione si 15 - P. 579 (II, 170) P. 581 (II, 172) P. 485 (II, 68), Enciclopedia,

5 pone, poiché la mediazione continua a lavorare sui due lati, fino a cancellarne l indipendenza, rendendoli astrattamente identici, senza altra connotazione. La contraddizione quindi eredita e conserva in prima istanza i caratteri dell opposizione, ma procede subito verso una correlazione di lati ormai privi di autonomia, trasformandosi per tale via in una nuova forma logica, in una diversità ( 18 ). La catastrofe logica avviene quando i due termini hanno perso qualsiasi residuo di diversità indipendente, estinguendosi o dileguando l uno nell altro ( 19 ). L eccessiva reciprocità, quando vi domina ormai l identità, pone fine alla reciprocità stessa. La categoria successiva è ciò in cui si è risolta la contraddizione precedente, la verità di quel rapporto ( 20 ). La stessa nozione di contraddizione, al culmine della sua contraddittorietà, quando i termini sono ormai intrinseci, diventa fondamento. Non si riesce tuttavia a capire il motivo per cui il tutto debba metamorfosare, e debba metamorfosare in forza e non invece in interno, in causa o in innumerevoli altri concetti ancora ( 21 ). La potenza di Hegel nella individuazione delle mediazioni concettuali si trasforma all evidenza in capacità retorica occultatrice. L in sé e per sé dovrebbe quindi rappresentare il superamento dell opposizione nella contraddizione, del pensiero dialettico nel pensiero speculativo, vera sede del pensiero assoluto, dove i due poli trapassano l uno nell altro, annullandosi reciprocamente. Nel per sé l indipendenza dei lati è ancora operante, sebbene all interno della correlazione. Il per sé quindi, prima che i due termini diventino identici, scomparendo l uno nell altro, ovvero prima che la contraddizione sia posta, azzerandosi le diversità, appartiene tanto alla ragione negativa che a quella speculativa. Bisogna quindi tenere presente che ogni concetto hegeliano presenta due facce, una rivolta al concetto che precede, da cui proviene, e una a quello che segue, in cui tramonta. Opposizione e contraddizione, per sé e in sé e per sé, sono la stessa cosa per le facce contigue, là dove finisce la prima e inizia la seconda, sono invece diverse per le facce estreme, ove nella contraddizione (che in realtà non è più contraddizione, in quanto ormai è posta) si perde l indipendenza dei poli, giacché entrambi confluiscono nel concetto successivo, che, a sua volta, si scinderà in poli indipendenti, per dare inizio ad un processo del tutto simile. Se, al contrario, le nozioni logiche fossero rappresentabili kantianamente come una mappa originaria e simultanea, allora la seconda funzione della ragione, quella speculativa, relativa all übergehen (al trapassare), assumerebbe un rango diverso, non essendo ammissibile che la qualità trapassi in quantità, e viceversa, giacché tale movimento vale solo per i concetti empirici e storici (sostanza organica e inorganica, famiglia e società). Ma se non è proponibile una catena concettuale genetica, allora non ha senso l impianto generale della Logica, che rappresenta appunto questo tentativo, avendo scambiato la storia della scienza con la genesi delle forme logiche. Nella natura, fin dai suoi primi momenti e indipendentemente dalla sua storia evolutiva, è già presente l intera struttura logica quantità e qualità, essenza ed apparenza, causa ed effetto, interno ed esterno, universale e particolare - che per essere attiva non ha dovuto aspettare il pensiero dell uomo, come sembra supporre l idealismo hegeliano, con la parificazione di razionalità e pensabilità, ovvero di realtà e coscienza Pp. 579 e 580 (II, 171 e 172) Si veda, come esempio tipico, il modo di trasformare e di risolvere la contraddizione tra causa ed effetto in quella tra azione e reazione (p. 639 (II, 233)) P. 581 (II, 172) C. Tuozzolo ha ripercorso nel suo libro Schelling e il cominciamento hegeliano, La città del sole, Napoli 1995, le critiche di Trendelenburg ad Hegel, trovandone la matrice nel tardo Schelling. Esse sono essenzialmente tre: 1) il pensiero dialettico può produrre solo negazioni logiche, il non-a di A, ma non può far sorgere nuovi concetti; 2) Hegel pretende di procedere rigorosamente sul filo del pensiero puro, quando invece utilizza surrettiziamente le intuizioni empiriche; 3) il pensiero puro non può produrre l essere, sostituendosi a Dio. 5

6 Marx non parla mai di classe in sé e per sé, utilizzando al suo posto, ma in senso diverso, la nozione hegeliana di negazione della negazione, per intendere la negazione proletaria della borghesia, che era stata precedentemente negatrice della feudalità. Si limita a definire classe per sé il proletariato nel momento in cui, divenuto consapevole del proprio ruolo entro le leggi del modo di produzione, si organizza come forza autonoma e polemica, così come era capitato ad altre classi in altri modi di produzione. In questo caso quindi il per sé indica il ritorno in sé della coscienza operaia, dopo un periodo di alienazione sotto il dominio del capitale. Il lavoro ormai si contrappone consapevolmente all altro da sé, di cui pure è correlativo. Nella nozione hegeliana del per sé non è implicito il concetto pratico del superamento rivoluzionario, che nasce entro la prima visione marxiana della storia, né tanto meno le relative modalità. Le successive teorie del divenire storico hanno complicato il quadro concettuale dell autore del Capitale, rendendo sempre più difficile rovesciare la filosofia della storia di Hegel. Le oscillazioni hegeliane sui concetti di per sé e di in sé e per sé si ritrovano comunque in Marx, anche se non sono sempre sovrapponibili. Se infatti è possibile trovare la mediazione degli opposti, la correlazione positiva tra borghesia e proletariato, sebbene limitata nel tempo, fino a quando cioè la prima classe conserva l universalità ( 22 ), non è possibile rintracciare in Hegel l accezione antagonistica dell opposizione, in base alla quale un termine (il proletariato) elimina l altro (la borghesia). Nei Lineamenti di Marx si può reperire invece una sorta di concetto di in sé e per sé, come quello zero in cui soccombono i due poli, quando la contraddizione è posta, con cui il lavoro e il valore (il capitale) perdono entrambi ogni ruolo con l automazione dei processi produttivi ( 23 ) Nel mondo reale tali metafisiche opposizioni reali si danno solo nei momenti di crisi, mentre tutto il gran corso dello sviluppo avviene nella forma dell azione reciproca, come saggiamente scriveva Engels nella lettera a C. Schmidt del 27 ottobre del 1890 (Opere, XLVIII, p. 524; 37, S. 494) Si veda il frammento sulle macchine in Lineamenti fondamentali della critica dell economia politica ( ), La Nuova Italia, Firenze 1968, pp ; (Ökonomische Manuscripte , Dietz Verlag, Berlin, 1976, Teil I, S. 580). 6

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Errori più comuni. nelle prove scritte

Errori più comuni. nelle prove scritte Errori più comuni nelle prove scritte Gli errori più frequenti, e reiterati da chi sostiene diverse prove, sono innanzi tutto meta-errori, cioè errori che non riguardano tanto l applicazione delle tecniche,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

TEMI DEL CORSO: STORIA DELLE IDEE MODERNE E CONTEMPORANEE (FO1120)

TEMI DEL CORSO: STORIA DELLE IDEE MODERNE E CONTEMPORANEE (FO1120) TEMI DEL CORSO: STORIA DELLE IDEE MODERNE E CONTEMPORANEE (FO1120) N.B.: Per ogni voce del programma, che costituirà anche tema specifico d'esame, si indicheranno anche i paragrafi dei due testi di riferimento

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO

IL SISTEMA INFORMATIVO LEZIONE 15 DAL MODELLO DELLE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO AL MODELLO CONTABILE RIPRESA DEL CONCETTO DI SISTEMA AZIENDALE = COMPLESSO DI ELEMENTI MATERIALI E NO CHE DIPENDONO RECIPROCAMENTE GLI UNI DAGLI ALTRI

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing Macchina di Turing Una macchina di Turing è costituita dai seguenti elementi (vedi fig. 1): a) una unità di memoria, detta memoria esterna, consistente in un nastro illimitato in entrambi i sensi e suddiviso

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali Equazioni irrazionali Definizione: si definisce equazione irrazionale un equazione in cui compaiono uno o più radicali contenenti l incognita. Esempio 7 Ricordiamo quanto visto sulle condizioni di esistenza

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

una freddezza emotiva che non giova sicuramente al rapporto.

una freddezza emotiva che non giova sicuramente al rapporto. Ipotesi del lavoro Il presente scritto non vuole trattare l'argomento dell'amore in maniera esaustiva, ma porre l accento su un solo punto essenziale: ovvero il riconoscimento dei propri meccanismi di

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

L effetto osservatore costellatore

L effetto osservatore costellatore L effetto osservatore costellatore Uno degli elementi costituenti il campo collettivo di una Costellazione, è il campoologramma del costellatore. Il suo campo morfogenetico contiene in-formazioni multidimensionali

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere;

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere; Algoritmi 3 3.5 Capacità di calcolo Il matematico inglese Alan Turing (1912-1954) descrisse nel 1936 un tipo di automi, oggi detti macchine di Turing, e fornì una della prime definizioni rigorose di esecuzione

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore.

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. Capitolo II La forma del valore 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. I beni nascono come valori d uso: nel loro divenire merci acquisiscono anche un valore (di scambio).

Dettagli

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI.

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. Caro Gianni, KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. rispondo al tuo e-mail con l attach su Kim. Sono contento che il tuo giusto orgoglio di fisico abbia prevalso sugli spleen taglia-gambe. Non credo

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Computabilità e Macchine di Turing Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED DYNAMIC DATABASE PROBLEM FORMALIZATION CONTROL STRATEGY IL DATABASE DESCRIVE LA SITUAZIONE CORRENTE NELLA DETERMINAZIONE DELLA SOLUZIONE AL PROBLEMA. LA FORMALIZZAZIONE

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli LA PAROLA SCRITTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Francesco Nota Capita con una certa frequenza di incontrare bambini che sanno leggere e scrivere già alla scuola dell infanzia, scuola che finora si è per

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

Ogni scuola un grande Laboratorio dei Valori Programma nazionale La mia scuola per la pace 2010-2011 Costruiamo insieme una nuova cultura!

Ogni scuola un grande Laboratorio dei Valori Programma nazionale La mia scuola per la pace 2010-2011 Costruiamo insieme una nuova cultura! Ogni scuola un grande Laboratorio dei Valori Programma nazionale La mia scuola per la pace 2010-2011 Costruiamo insieme una nuova cultura! Guida per la realizzazione dei laboratori Introduzione 7 operazioni

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli