Il per sé in Hegel (für sich)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il per sé in Hegel (für sich)"

Transcript

1 Enrico Grassi Il per sé in Hegel (für sich) [Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro di infinite costitutive relazioni con i propri infiniti negativi, ovvero che è ideale, vivendo in essi e di essi. In sostanza, l esserci, ogni cosa finita, è in fondo ai suoi rapporti, essendo niente altro che un crocevia di infiniti rinvii ad altro]. Il tema dell identità ha avuto notevole fortuna nella teologia e nella filosofia di tutti i tempi, seppure con le ovvie differenze. In questo scritto mi limiterò ad una breve trattazione del concetto di identità nella Logica di Hegel, attraverso l analisi della nozione del per sé. Il concetto del per sé è reso complesso e complicato dal fatto che Hegel lo utilizza in due modi esattamente opposti. Il primo è quello del per sé stante (Selbständig, indipendente), di ciò che se ne sta per proprio conto, senza relazioni ( 1 ). Il secondo è quello del per sé come infinita negazione, o, che è lo stesso, come infinita relazione, carattere essenziale del movimento dialettico in generale. Noi lo analizzeremo solo in questa variante, tenendo conto che si presenta in forme diverse nelle diverse sfere del concetto. Nella Logica compare per la prima volta nella forma dell essere per sé (fürsichsein) ( 2 ), ove il qualcosa, in quanto si nega sempre in qualcos altro, è infinita relazione, ma, al tempo stesso, in quanto si distingue dall altro, è anche sempre in sé. L essere per sé è quindi la relazione che l essere finito, o determinato, istituisce perennemente con gli altri esseri determinati, pur ritrovandosi sempre in sé ( 3 ). Questo andamento dialettico è operante in generale là dove un positivo si nega in infiniti negativi, come il qualcosa negli infiniti altri, la coscienza nelle sue realizzazioni, la sostanza nei suoi modi, ma non in quei processi in cui il negativo è unico, come in interno-esterno, essenza-apparenza. Il per sé è la specifica correlazione sia dell essere per altri nella sfera dell essere (Dottrina dell essere), come si verifica nei processi logici della qualità e della quantità ( 4 ), ove rappresenta il ritorno dall essere per altro, sia dell infinita riflessione in sé, da intendersi come ritorno a sé dai continui sdoppiamenti nella sfera dell essenza, ove è assente l esser per altro, e il termine essere per sé compare forse solo due volte a proposito della sostanza e della causa (La dottrina dell essenza) ( 5 ); sia dell assoluta mediazione in loro dell universale, dell individuale e del particolare (La dottrina del concetto), che, senza trapassare in altro, si pongono in relazione reciproca (Verhältnisbestimmung), essendo l universale per sé nell individuale, in quanto ritorno dal proprio distinto. Lo stesso movimento 1 - I numeri delle pagine senza altre indicazioni si riferiscono alla Scienza della logica (1816), Laterza, Bari 1968; tra parentesi sarà indicata la pagina dalla Wissenschaft der Logik delle Werke nella edizione della Suhrkamp, I titoli senza autore si riferiscono ad altre opere di Hegel; per gli altri autori saranno date le opportune indicazioni. Nell accezione di astrattamente separato si può trovare anche Für sich genommen = preso per sé; einerseit für sich = dal canto suo per sé; das Selbständige selbst = il per sé stante stesso; selbständige Materie = materia per sé stante; Selbständiges, seiner Selbständigkeit =stare per sé. Segnalo una serie di pagine ove è possibile ritrovare una di queste formule (43 (I, 57), 147 (I, 158), 158 (I, 170), 550 (II, 139), 560 (II, 149), 561 (II, 150), 573 (II, 164), 583 (II, 175), 792 (II, 393), 816 (II, 417), 817 (II, 419)). 2 - P. 154 (I, 166). 3 - Pp. 162 (I, 173), 168 (I, 182), 629 (II, 222), 630 (II, 222), (II, 427). Lo stesso concetto è ben rappresentato anche nelle prime pagine della Prefazione (Vorrede) alla Fenomenologia dello spirito o nella parte finale del capitolo La percezione o la cosa e l illusione (Die Wahrnehmung, das Ding und die Täuschung). 4 - Pp. 113 e segg. (I, 125 f.), e (I, ). 5 - Pp (II, 222). 1

2 vale per il particolare e per l individuale, ma anche per il rapporto soggetto e predicato nel giudizio ( 6 ). Più in generale, il per sé è il momento in cui le entità spariscono nelle loro correlazioni, o, al contrario, il modulo attraverso cui le cose della natura si riferiscono a se stesse per mezzo di altro, ponendo con ciò se stesse ( 7 ). Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro di infinite costitutive relazioni con i propri infiniti negativi, ovvero che è ideale, vivendo in essi e di essi. In sostanza, l esserci, ogni cosa finita, è in fondo ai suoi rapporti, essendo niente altro che un crocevia di infiniti rinvii ad altro ( 8 ). Niel riconosce che La notion d être-pour-soi (für sich sein) est intimement liée à l idée d infini. L êtrepour-soi caractérise en effet l être qui se retire de sa relation a l autre pour rentrer en soi; l autre devenant quelque chose de nié. Toutefois, malgré ce processus de négation, l autre ne disparaît pas entièrement, car il lui est conservé une existence idéale ( 9 ). L essere per sé non è più quindi un semplice essere per altro, ma l infinito trascendimento del finito verso altro da sé, come sostiene Hegel in questo passo citato dal Niel: L infini en tant que cette contradiction absolue est par là l unique réalité du déterminé, et non un au-delà, mais simple rapport, le pur mouvement absolu, l être-àl extérieur-de-soi (Aussersichsein) dans l être-en-soi (Insichsein) ( 10 ). Il per sé è il ritorno dal proprio altro (o dal proprio riflesso o dal proprio distinto), in cui i due lati sono in relazione, ma ancora separati (opposizione, ragione negativa). Non si riesce tuttavia a chiarire fino in fondo il concetto di per sé, se al tempo stesso non si chiarisce il concetto di in sé e per sé. Per poter affrontare il discorso, dobbiamo prima distinguere tra opposizione e contraddizione. Hegel dedica due paragrafi della Logica alle differenze tra opposizione e contraddizione, non riuscendo a distinguere nettamente i due concetti. Proviamo a ripercorrere alcuni passi del testo hegeliano. Il primo sull opposizione: L opposizione è l unità della identità e della diversità; i suoi momenti sono diversi in una sola identità; così sono opposti ( 11 ). 6 - Pp. 701 (II, 297), 703 (II, 300), 710 (II, 307), 792 (II, 393): (701, Das Allgemeine ist für sich; p. 703, es ist Fürsichseiendes = è un esser per sé; für sich seienden = che è per sé). E. Fleischmann, in La logica di Hegel (1968), Einaudi, Torino p. 71, si limita a definire il per sé come prodotto della ragione negativa. Hibben nel glossario del suo Commentario alla Logica distingue l in sé dal per sé come l implicito dall esplicito, distinguendo con questo ultimo aggettivo anche l in sé e per sé. L unificazione di per sé e di in sé e per sé si ritrova anche nel manuale di D. Antiseri - G. Reale, ma in modo più consapevole. Nello Hegel-Lexikon di H. Glockner non compare la voce für sich, essendovi solo quella relativa al Fürsichsein; si trova però la voce Selbständigkeit. 7 - Pp (I, 155). 8 - P. 167 (I, 179). 9 - H. Niel, De la médiation dans la philosophie de Hegel, Aubier, 1945, p Ivi, p. 81. Il passo, che riporto di seguito in lingua originale, è ripreso dalla Jensener Logik, Metaphysik und Naturphilosophie delle Hegels Sämtlichen Werke, , F. Meiner, Band 18, S. 31. Die Unendlichkeit als dieser absolute Widerspruch ist hiemit die einzige Realität des bestimmten, und nicht ein Jenseit, sondern einfache Beziehung, die reine Bewegung, das Aussersichsein in dem Insichsein P. 473 (II, 55). 2

3 I passi che seguono vorrebbero descrivere la contraddizione, pur essendo uguali al precedente sull opposizione: La coscienza è perciò, - come la relazione in generale, - la contraddizione della indipendenza dei due lati e della loro identità, nella quale i due lati sono soppressi ( 12 ). Il positivo è quel diverso, che dev esser per sé, e insieme non essere indifferente, rispetto alla sua relazione col suo altro ( 13 ). Come abbiamo detto, opposizione e contraddizione vengono definite nello stesso modo, tanto è vero che nell Enciclopedia non esistono due paragrafi distinti per le due nozioni, venendo trattate insieme nel paragrafo 119, proprio in quanto sono considerate sinonime. Per capire la sottile differenza, l analisi va ulteriormente dettagliata. Dal momento che per Hegel tutto diviene, è inevitabile che i concetti finiscano per avere una connotazione diversa all inizio e alla fine del processo. L opposizione e la contraddizione sono la stessa cosa, anche se all inizio dell esposizione di una correlazione predomina il momento dell indipendenza dei termini, ovvero l opposizione, e alla fine la loro identità, ovvero la contraddizione. La via migliore per cercare di cogliere la differenza tra i due concetti è quella della schematizzazione dei tre momenti del pensiero che lo stesso Hegel a più riprese ci fornisce: intellettivo, razionale negativo e razionale positivo. Ad essi corrispondono l identità, l opposizione e la contraddizione, ma anche l in sé, il per sé e l in sé e per sé, nonché la tesi, l antitesi e la sintesi, o la posizione, la negazione e la negazione della negazione. L intelletto astraente autonomizza gli opposti interni ed esterni, rendendoli per sé stanti. La ragione negativa o dialettica, in quanto è scettica, scopre il movimento per cui un concetto passa nel suo opposto, autonegandosi. La ragione positiva o speculativa sembra invece possedere due funzioni: con la prima porta a termine l opera della ragione negativa, mostrando come gli opposti, oltre ad essere tali, sono anche identici; con la seconda, attraverso cui la contraddizione viene posta o superata, annulla l indipendenza dei lati, a vantaggio dell identità, facendo con ciò transitare il concetto nel successivo. Per rendere comprensibile quello che vado dicendo, seguirò il movimento del rapporto tra tutto e parti ( 14 ). Hegel parte dalla critica della tradizione che distingueva i due concetti, considerando il tutto come mondo essente in sé e per sé e le parti come mondo fenomenico, ossia come due semplici diversi. In effetti i due termini sono sia per sé stanti, indipendenti, che relativi, sebbene all inizio i due aspetti siano legati solo da un anche. Sono quindi sia indipendenti che momenti l uno dell altro. In questa configurazione sia il tutto che le parti possono presentarsi ora come il per sé stante, come la base reale che pone, ora come momento posto. In un caso, il tutto viene respinto verso le parti, diventando l unità delle parti, entro cui trova la sua sussistenza: il tutto come un semplice relativo, un nulla senza il suo altro. Le parti hanno il tutto in loro come loro momento, sono l intero rapporto, il per sé stare di fronte al loro riflesso, al tutto. In pari tempo il loro per sé stare può darsi solo nel tutto, non essendo possibile la semplice molteplicità. Il tutto risulta essere un lato che in primo luogo è una riflessione delle parti, ma separato da esse, standosene per sé, in un per sé stare riflesso e quindi ad esse relativo. Le parti invece, non dipendendo immediatamente da nessuna relazione, sono un per sé stare immediato. Da questa unità negativa dei due poli (negativa in quanto i termini sono reciproci, ma anche astrattamente separati, ovvero si escludono l un l altro pur nel 12 - Enciclopedia, Ivi, Si vedano le pagine della Logica (II, ). 3

4 reciproco riferirsi), si passa alla loro progressiva integrazione o reciproco condizionamento e mediazione. Si passa cioè dalla opposizione alla contraddizione, o, che è uguale, dalla contraddizione immediata alla contraddizione mediata, la cui differenza non è sempre chiara, giocandosi sulla maggiore o minore indipendenza dei due lati. Parti e tutto sono quindi dei relativi che si condizionano reciprocamente, pur essendo ancora separati e indipendenti. Ciascuno è un immediato per sé stare, ma in pari tempo è un mediato, ossia è posto dall altro. In questo modo il per sé stare di ciascuno non è più in lui stesso, essendo passato nel suo altro. Si ha un unica identità di cui sia il tutto che le parti sono momenti, pur conservando ancora una loro autonomia. Sono identici e diversi al tempo stesso. Infatti il tutto è nelle parti come le parti sono nel tutto, ma il tutto non è una parte come le parti non sono un tutto, e quindi sono ancora separati e indifferenti. La verità di ciascun lato è solo nell altro, nella loro mediazione, essendo l uno la condizione dell altro. Con questa loro reciprocità formano un nuovo tutto, che è composto di tutto e di parti, in cui ricomincia la dialettica tutto-parti, in un processo all infinito, e quindi di un cattivo infinito, in cui tutto e parti tornano ad avvicendarsi, non potendosi mai dare come dei per sé stanti separati. Il movimento ha visto i due concetti sempre più mediati, la loro relazione sempre più interna, in un processo in cui ora l uno ora l altro si sono presentati come essenziali, scambiandosi di posto. Ad un certo punto del divenire, con un passaggio logico incomprensibile, si interrompe l alternanza della cattiva infinità tra tutto e parti, diventando abusivamente momenti di un identità in cui si annullano reciprocamente, perdendo la loro originaria connotazione. In questo reciproco übergehen (trapassare) il rapporto non è più quello del tutto e delle parti, giacché entrambi hanno perso l indipendenza che avevano all inizio ( 15 ). Ormai si presentano come forza e sue estrinsecazioni (sic). Insomma, nel momento in cui i relati sono compiutamente reciproci, perdono la loro connotazione. La forza è l unità negativa, nella quale si è risoluta (aufgelöst) la contraddizione del tutto e delle parti, la verità di quel primo rapporto ( 16 ). Il rapporto tutto-parti è estrinseco e formale; quando l autoapprofondimento dialettico lo rende pienamente reciproco, si dà un contenuto nuovo, diventando la forza che è interna alla molteplicità. A questo punto non è difficile accorgersi che l intuizione empirica ha preso il posto dell analisi logica. Non si capisce infatti, se non a fini espositivi, perché mai il concetto di tutto sia prima diverso dal concetto di parte, se poi può convergere in esso. I due concetti sono da sempre e per sempre quello che sono, e non è possibile far passare la storia della riflessione umana su di loro per storia dei concetti stessi. Tutto e parte sono o non sono correlativi e solo il punto di vista arbitrario può autorizzare a trattare in successione ciò che è logicamente simultaneo, come lo sono diversità, opposizione e contraddizione. Non è il concetto che si muove, siamo noi che gli giriamo intorno, analizzando il rapporto tutto-parte attraverso la successione dei parziali e provvisori punti di osservazione, intesi surrettiziamente come divenire del concetto stesso. Per ottenere questo passaggio il nostro filosofo utilizza il sofisma della contraddizione posta ( 17 ), tale per cui non solo il termine positivo è posto e pone il negativo, ma nel reciproco trapassare la stessa loro contraddizione si 15 - P. 579 (II, 170) P. 581 (II, 172) P. 485 (II, 68), Enciclopedia,

5 pone, poiché la mediazione continua a lavorare sui due lati, fino a cancellarne l indipendenza, rendendoli astrattamente identici, senza altra connotazione. La contraddizione quindi eredita e conserva in prima istanza i caratteri dell opposizione, ma procede subito verso una correlazione di lati ormai privi di autonomia, trasformandosi per tale via in una nuova forma logica, in una diversità ( 18 ). La catastrofe logica avviene quando i due termini hanno perso qualsiasi residuo di diversità indipendente, estinguendosi o dileguando l uno nell altro ( 19 ). L eccessiva reciprocità, quando vi domina ormai l identità, pone fine alla reciprocità stessa. La categoria successiva è ciò in cui si è risolta la contraddizione precedente, la verità di quel rapporto ( 20 ). La stessa nozione di contraddizione, al culmine della sua contraddittorietà, quando i termini sono ormai intrinseci, diventa fondamento. Non si riesce tuttavia a capire il motivo per cui il tutto debba metamorfosare, e debba metamorfosare in forza e non invece in interno, in causa o in innumerevoli altri concetti ancora ( 21 ). La potenza di Hegel nella individuazione delle mediazioni concettuali si trasforma all evidenza in capacità retorica occultatrice. L in sé e per sé dovrebbe quindi rappresentare il superamento dell opposizione nella contraddizione, del pensiero dialettico nel pensiero speculativo, vera sede del pensiero assoluto, dove i due poli trapassano l uno nell altro, annullandosi reciprocamente. Nel per sé l indipendenza dei lati è ancora operante, sebbene all interno della correlazione. Il per sé quindi, prima che i due termini diventino identici, scomparendo l uno nell altro, ovvero prima che la contraddizione sia posta, azzerandosi le diversità, appartiene tanto alla ragione negativa che a quella speculativa. Bisogna quindi tenere presente che ogni concetto hegeliano presenta due facce, una rivolta al concetto che precede, da cui proviene, e una a quello che segue, in cui tramonta. Opposizione e contraddizione, per sé e in sé e per sé, sono la stessa cosa per le facce contigue, là dove finisce la prima e inizia la seconda, sono invece diverse per le facce estreme, ove nella contraddizione (che in realtà non è più contraddizione, in quanto ormai è posta) si perde l indipendenza dei poli, giacché entrambi confluiscono nel concetto successivo, che, a sua volta, si scinderà in poli indipendenti, per dare inizio ad un processo del tutto simile. Se, al contrario, le nozioni logiche fossero rappresentabili kantianamente come una mappa originaria e simultanea, allora la seconda funzione della ragione, quella speculativa, relativa all übergehen (al trapassare), assumerebbe un rango diverso, non essendo ammissibile che la qualità trapassi in quantità, e viceversa, giacché tale movimento vale solo per i concetti empirici e storici (sostanza organica e inorganica, famiglia e società). Ma se non è proponibile una catena concettuale genetica, allora non ha senso l impianto generale della Logica, che rappresenta appunto questo tentativo, avendo scambiato la storia della scienza con la genesi delle forme logiche. Nella natura, fin dai suoi primi momenti e indipendentemente dalla sua storia evolutiva, è già presente l intera struttura logica quantità e qualità, essenza ed apparenza, causa ed effetto, interno ed esterno, universale e particolare - che per essere attiva non ha dovuto aspettare il pensiero dell uomo, come sembra supporre l idealismo hegeliano, con la parificazione di razionalità e pensabilità, ovvero di realtà e coscienza Pp. 579 e 580 (II, 171 e 172) Si veda, come esempio tipico, il modo di trasformare e di risolvere la contraddizione tra causa ed effetto in quella tra azione e reazione (p. 639 (II, 233)) P. 581 (II, 172) C. Tuozzolo ha ripercorso nel suo libro Schelling e il cominciamento hegeliano, La città del sole, Napoli 1995, le critiche di Trendelenburg ad Hegel, trovandone la matrice nel tardo Schelling. Esse sono essenzialmente tre: 1) il pensiero dialettico può produrre solo negazioni logiche, il non-a di A, ma non può far sorgere nuovi concetti; 2) Hegel pretende di procedere rigorosamente sul filo del pensiero puro, quando invece utilizza surrettiziamente le intuizioni empiriche; 3) il pensiero puro non può produrre l essere, sostituendosi a Dio. 5

6 Marx non parla mai di classe in sé e per sé, utilizzando al suo posto, ma in senso diverso, la nozione hegeliana di negazione della negazione, per intendere la negazione proletaria della borghesia, che era stata precedentemente negatrice della feudalità. Si limita a definire classe per sé il proletariato nel momento in cui, divenuto consapevole del proprio ruolo entro le leggi del modo di produzione, si organizza come forza autonoma e polemica, così come era capitato ad altre classi in altri modi di produzione. In questo caso quindi il per sé indica il ritorno in sé della coscienza operaia, dopo un periodo di alienazione sotto il dominio del capitale. Il lavoro ormai si contrappone consapevolmente all altro da sé, di cui pure è correlativo. Nella nozione hegeliana del per sé non è implicito il concetto pratico del superamento rivoluzionario, che nasce entro la prima visione marxiana della storia, né tanto meno le relative modalità. Le successive teorie del divenire storico hanno complicato il quadro concettuale dell autore del Capitale, rendendo sempre più difficile rovesciare la filosofia della storia di Hegel. Le oscillazioni hegeliane sui concetti di per sé e di in sé e per sé si ritrovano comunque in Marx, anche se non sono sempre sovrapponibili. Se infatti è possibile trovare la mediazione degli opposti, la correlazione positiva tra borghesia e proletariato, sebbene limitata nel tempo, fino a quando cioè la prima classe conserva l universalità ( 22 ), non è possibile rintracciare in Hegel l accezione antagonistica dell opposizione, in base alla quale un termine (il proletariato) elimina l altro (la borghesia). Nei Lineamenti di Marx si può reperire invece una sorta di concetto di in sé e per sé, come quello zero in cui soccombono i due poli, quando la contraddizione è posta, con cui il lavoro e il valore (il capitale) perdono entrambi ogni ruolo con l automazione dei processi produttivi ( 23 ) Nel mondo reale tali metafisiche opposizioni reali si danno solo nei momenti di crisi, mentre tutto il gran corso dello sviluppo avviene nella forma dell azione reciproca, come saggiamente scriveva Engels nella lettera a C. Schmidt del 27 ottobre del 1890 (Opere, XLVIII, p. 524; 37, S. 494) Si veda il frammento sulle macchine in Lineamenti fondamentali della critica dell economia politica ( ), La Nuova Italia, Firenze 1968, pp ; (Ökonomische Manuscripte , Dietz Verlag, Berlin, 1976, Teil I, S. 580). 6

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO APPROSSIMAZIONI DIDATTICHE ALLA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO DI HEGEL Liceo Scientifico Statale Gaspare Aselli Cremona Anno scolastico 2010/2011 Classe 5H Storia e Filosofia Insegnante: Prof. Marco Paolo

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Elèuthera promuove la libera circolazione della conoscenza

Elèuthera promuove la libera circolazione della conoscenza Elèuthera promuove la libera circolazione della conoscenza Ti invitiamo a sostenerci acquistando anche copia cartacea di questo o di altri libri Elèuthera http://www. Questo testo è distribuito sotto licenza

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Il lavoro e il suo mondo

Il lavoro e il suo mondo www.dialetticaefilosofia.it 2010 ISSN 1974-417X (on line) Il lavoro e il suo mondo Di Michele Vecchietti - Sterpico@libero.it Work is the key concept of Marxism; it is used both to define the economical

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista di Paolo Vanin Settembre 1999 Versione provvisoria Sommario Sommario... II RIPENSARE UN FALLIMENTO FILOSOFICO... 1 Il problema del senso

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

Sulla questione dell Uno

Sulla questione dell Uno Sulla questione dell Uno Impostazione del problema Può avere interesse riflettere su di un tema così apparentemente arido e astratto come quello dell uno, dell essenza dell uno o dell unità? Intanto, per

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

www.lacan-con-freud.it

www.lacan-con-freud.it JACQUES LACAN NOTE SUL BAMBINO Storia delle Note sul bambino e delle loro vicissitudini Le "Notes de Jacques Lacan sur l'enfant", come precisa Anne-Lise Stern in La France hospitaliere Drancy Avenir 1,

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX. 1. Il paradosso dell estetica

DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX. 1. Il paradosso dell estetica S&F_n. 6_2011 DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX 1. Il paradosso dell estetica 2. Quando cominciarono gli uomini. Per una genealogia del fenomeno

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit

Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit Danielle Zwarthoed Come possono coesistere nella sfera pubblica identità differenti, in particolare religiose? Per rispondere

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato

Dettagli

Il 1923 di Gentile: dal liberalismo al fascismo*

Il 1923 di Gentile: dal liberalismo al fascismo* Il 1923 di Gentile: dal liberalismo al fascismo* GIOVANNI DESSÌ La questione che si intende affrontare in questo scritto è quella dell adesione dell intellettuale Gentile al fascismo: tra il 1919 e il

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

DIRITTO NATURALE SENZA FONDAMENTO

DIRITTO NATURALE SENZA FONDAMENTO 116 DIRITTO NATURALE SENZA FONDAMENTO Da Aristotele a Tommaso d Aquino a Kant, qualsiasi tentativo di fondare il diritto naturale comporta un inevitabile ricaduta nella metafisica e nella teologia. Il

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione (Giuseppe Duso) Dal momento che l incontro di oggi vuol essere innanzitutto un omaggio alla costituzione e al ruolo che essa ha avuto nell uscire

Dettagli

LE VOCI DELL ETICA. Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov )

LE VOCI DELL ETICA. Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov ) Letture filosofiche 2010 LE VOCI DELL ETICA Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov ) PERCHÉ L ETICA? Perché, quest anno, un percorso di etica? Cosa è l etica? Quali valori

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli