ALLEGATO A - RELAZIONE ARS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A - RELAZIONE ARS"

Transcript

1 ALLEGATO A - RELAZIONE ARS Profilo Demografico-Epidemiologico - Area Vasta Centro Contenuto Demografia e caratteristiche socio-economiche La mortalità generale, prematura e per cause Malattie croniche La salute degli anziani Gli accessi al Pronto Soccorso I ricoveri in Ospedale Posti Letto in Ospedale e in Residenze Sanitarie Assistite Dicembre

2 Demografia e caratteristiche socio-economiche Ad inizio 2015, nell Area Vasta Centro erano residenti cittadini, di cui d età superiore ai 64 anni. La distribuzione per età e sesso della popolazione differisce leggermente da quella media regionale, a leggero vantaggio della popolazione giovanile, con qualche differenza per attuale Azienda USL di residenza, dalla popolazione più giovane della USL di Prato a quella più anziana nella USL di Firenze (Tabelle 1 e 2). Tabella 1. Popolazione residente al 1 Gennaio 2015 Area Vasta CENTRO Totale Età 65+ Totale Maschi Femmine Fonte Elaborazione ARS su dati ISTAT Tabella 2. Popolazione residente al 1 Gennaio 2015, per classe d età e genere (%) MASCHI AUSL 3 Pistoia 14,7 34,3 29,1 19,3 2,5 AUSL 4 Prato 16,3 36,1 28,1 17,2 2,3 AUSL 10 Firenze 15,0 34,0 28,7 19,5 2,8 AUSL 11 Empoli 15,9 35,4 28,3 17,9 2,5 Area Vasta CENTRO 15,3 34,6 28,6 18,9 2,6 Area Vasta NORD- OVEST 14,1 34,1 29,4 19,9 2,5 Area Vasta SUD-EST 14,2 34,1 28,9 19,9 2,8 REGIONE TOSCANA 14,6 34,3 29,0 19,5 2,6 FEMMINE AUSL 3 Pistoia 13,9 34,9 30,7 23,5 5,5 AUSL 4 Prato 15,2 35,6 29,6 20,7 4,6 AUSL 10 Firenze 14,0 34,6 30,8 24,4 6,1 AUSL 11 Empoli 14,5 34,9 29,2 21,7 5,0 Area Vasta CENTRO 14,2 34,8 30,4 23,2 5,6 Area Vasta NORD- OVEST 13,4 33,6 30,9 24,4 5,6 Area Vasta SUD-EST 13,4 33,9 30,6 23,8 5,9 REGIONE TOSCANA 13,8 34,2 30,6 23,8 5,7 Fonte Elaborazione ARS su dati ISTAT Il tasso di natalità, cioè il numero di nati vivi sulla popolazione di residenti, è superiore al valore medio regionale, con un minimo di 7,9 nati ogni 100 residenti a Firenze ed un massimo di 8,7 a Prato. Il numero di anziani oltre i 64 anni ogni 100 giovani tra 0 e 14 anni (Indice di Vecchiaia) ed il numero di anziani oltre i 64 anni ogni 100 adulti in età lavorativa (15-64 anni di età Indice di Dipendenza) sono entrambi leggermente più bassi dei rispettivi valori medi regionali, anche questi minimi a Prato (decisamente inferiori alla media regionale) e massimi (di poco superiori alla media regionale) a Firenze (Tabella 3). Tabella 3. Indice di vecchiaia % (> 64 anni/ 0-14 anni); Indice di dipendenza % (> 64 anni/15-64 anni); Tasso di natalità (nati vivi/residenti x100) Indice di vecchiaia 2015 Indice di dipendenza 2015 Natalità

3 AUSL 3 Pistoia 189,2 38,9 7,8 AUSL 4 Prato 150,9 34,1 8,7 AUSL 10 Firenze 193,5 40,6 7,9 AUSL 11 Empoli 165,1 36,4 8,6 Area Vasta CENTRO 181,2 38,6 8,1 Area Vasta NORD-OVEST 202,5 40,4 7,5 Area Vasta SUD-EST 202,6 40,6 7,5 REGIONE TOSCANA 192,9 39,7 7,8 Fonte Elaborazione ARS su dati ISTAT Nell Area Vasta Centro si osservano una densità abitativa ed una percentuale di residenti in comuni urbani più alte rispetto ai valori medi regionali con valori particolarmente elevati nella USL di Prato (Tabelle 4 e 5). Tabella 4. Densità abitativa (abitanti per km 2 ) 2014 Densità AUSL 3 Pistoia 303,4 AUSL 4 Prato 691,8 AUSL 10 Firenze 279,8 AUSL 11 Empoli 259,5 Area Vasta CENTRO 309,2 Area Vasta NORD-OVEST 193,8 Area Vasta SUD-EST 71,6 REGIONE TOSCANA 158,7 Fonte Elaborazione ARS su dati ISTAT Tabella 5. Prevalenza di popolazione in comuni urbani 2014 % in comuni urbani AUSL 3 Pistoia 78,9 AUSL 4 Prato 92,5 AUSL 10 Firenze 72,3 AUSL 11 Empoli 49,2 Area Vasta CENTRO 73,2 Area Vasta NORD-OVEST 66,5 Area Vasta SUD-EST 17,4 REGIONE TOSCANA 58,4 Fonte Elaborazione ARS su dati ISTAT Relativamente alle caratteristiche socio-economiche, nell Area Vasta Centro si registra un reddito imponibile medio lievemente più alto del valore medio regionale (Tabella 6) e un tasso di disoccupazione, cioè la prevalenza dei soggetti in cerca di lavoro sulla popolazione in età da lavoro (15-64 anni), lievemente inferiore al valore medio regionale (Tabella 7). All interno dell Area Vasta, entrambi gli indicatori presentano una discreta variabilità tra attuale USL di residenza, con i valori migliori registrati per i residenti nella USL di Firenze ed i peggiori per i residenti nella USL di Pistoia. 3

4 Tabella 6. Reddito imponibile medio pro capite 2013 Reddito imponibile medio AUSL 3 Pistoia ,5 AUSL 4 Prato ,5 AUSL 10 Firenze ,1 AUSL 11 Empoli ,1 Area Vasta CENTRO ,5 Area Vasta NORD-OVEST ,9 Area Vasta SUD-EST ,9 REGIONE TOSCANA ,5 Fonte: IRPET Tabella 7. Tasso grezzo di disoccupazione - Numero, indicatore (x1.000) 2014 Numero dei disponibili rilevati ai Tasso Centri per l Impiego AUSL 3 Pistoia ,9 AUSL 4 Prato ,9 AUSL 10 Firenze ,6 AUSL 11 Empoli ,9 Area Vasta CENTRO ,4 Area Vasta NORD-OVEST ,6 Area Vasta SUD-EST ,3 REGIONE TOSCANA ,0 Fonte: IRPET 4

5 La mortalità generale, prematura e per cause Il tasso di mortalità generale standardizzato per età dell Area Vasta Centro è significativamente inferiore al valore medio regionale, grazie soprattutto al valore particolarmente basso per i residenti nella USL di Firenze (Tabella 8). Tabella 8. Mortalità per tutte le cause, decessi, tasso x Triennio N Decessi Tasso Grezzo Tasso Standardizzato per età Intervallo di confidenza 95% Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,6 943,8 924,5 963,1 AUSL 4 Prato ,6 940,1 917,8 962,3 AUSL 10 Firenze ,0 911,1 900,1 922,1 AUSL 11 Empoli ,7 966,9 944,9 989,0 Area Vasta CENTRO ,0 928,7 920,5 936,8 Area Vasta NORD-OVEST , ,1 996, ,5 Area Vasta SUD-EST ,0 946,9 935,9 958,0 REGIONE TOSCANA ,9 959,7 954,3 965,1 Fonte elaborazione ARS su dati Registro Regionale Mortalità (RRM) I valori sono inferiori alla media regionale sia per i maschi che per le femmine, con una differenza statisticamente significativa 1 per entrambi i sessi (Tabelle 9-10). Tabella 9. Mortalità maschile per tutte le cause, decessi, tasso x Triennio Intervallo di N Tasso Tasso confidenza 95% Decessi Grezzo Standardizzato Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia , , , ,1 AUSL 4 Prato , , , ,0 AUSL 10 Firenze , , , ,7 AUSL 11 Empoli , , , ,9 Area Vasta CENTRO , , , ,9 Area Vasta NORD-OVEST , , , ,5 Area Vasta SUD-EST , , , ,7 REGIONE TOSCANA , , , ,4 Fonte elaborazione ARS su dati Registro Regionale Mortalità (RRM) Tabella 10. Mortalità femminile per tutte le cause, decessi, tasso x Triennio Intervallo di N Tasso Tasso confidenza Decessi Grezzo Standardizzato 95% 1 La differenza tra due valori non è statisticamente significativa quando gli intervalli di confidenza, riportati in tabella, si sovrappongono. 5

6 Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,5 767,5 745,3 789,6 AUSL 4 Prato ,0 769,7 744,0 795,4 AUSL 10 Firenze ,0 751,2 738,5 763,9 AUSL 11 Empoli ,6 803,3 777,6 829,1 Area Vasta CENTRO ,2 763,6 754,2 773,0 Area Vasta NORD-OVEST ,3 823,0 812,2 833,8 Area Vasta SUD-EST ,7 781,3 768,4 794,2 REGIONE TOSCANA ,4 788,4 782,1 794,6 Fonte elaborazione ARS su dati Registro Regionale Mortalità (RRM) Anche l indice di mortalità prematura, ovvero la mortalità generale prima dei 65 anni di età, importante indice di mortalità evitabile, è più basso di quello medio regionale, anche se non in maniera statisticamente significativa (Tabella 11). Tabella 11. Mortalità prematura, decessi, tasso x Triennio N Decessi Tasso Grezzo Intervallo di Tasso confidenza 95& Standardizzato Limite Limite inf. sup. AUSL 3 Pistoia ,4 141,9 132,9 150,8 AUSL 4 Prato ,8 139,5 129,8 149,1 AUSL 10 Firenze ,3 141,2 135,9 146,5 AUSL 11 Empoli ,4 141,5 131,4 151,5 Area Vasta CENTRO ,7 141,0 137,2 144,9 Area Vasta NORD-OVEST ,1 157,3 152,8 161,8 Area Vasta SUD-EST ,5 143,2 137,9 148,4 REGIONE TOSCANA ,8 147,2 144,6 149,7 Fonte elaborazione ARS su dati Registro Regionale Mortalità (RRM) Le figure 1 e 2 riportano la proporzione delle principali cause di morte nel triennio della popolazione generale residente nell Area Vasta Centro e in Regione Toscana. Le prime tre cause dei decessi in ordine decrescente in entrambe le popolazioni sono imputabili alle malattie circolatorie, ai tumori ed alle malattie dell apparato respiratorio. Nell Area Vasta Centro, è leggermente più bassa la proporzione di decessi per malattie circolatorie (36,9% vs 37,9%) e sono un po più alte le proporzioni di decessi per tumori (29,7% vs 28,9%) e per malattie dell apparato respiratorio (8,3% vs 7,6%) (Figure 1 e 2). Figura 1. Principali cause di morte, residenti Area Vasta Triennio

7 Principali cause di morte - Area Vasta CENTRO - Triennio Sist. circolatorio 36,9% App. digerente Sist. nervoso 2,2% 4,4% App. respiratorio 8,3% Altro 18,4% Tumori 29,7% Fonte Registro Regionale Mortalità (RRM) Figura 2. Principali cause di morte, residenti in Toscana Triennio Principali cause di morte - REGIONE TOSCANA - Triennio Sist. circolatorio 37,9% Endocrine, metaboliche, immunitarie 4,3% Sist. nervoso 4,4% App. respiratorio 7,6% Altro 16,9% Tumori 28,9% Fonte Registro Regionale Mortalità (RRM) 7

8 Malattie croniche Nell Area Vasta Centro, la prevalenza delle principali condizioni croniche, come risulta dai dati del sistema informativo sanitario, è più bassa, in modo statisticamente significativo, rispetto ai valori della Regione (Tabelle 12-17). Tabella 12. Ipertensione arteriosa, malati e casi x1.000 residenti 16+ in Toscana Intervallo di confidenza Rapporto Rapp. Malati 95% grezzo Standardizzato Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,7 281,2 279,2 283,2 AUSL 4 Prato ,5 277,6 275,3 279,8 AUSL 10 Firenze ,8 272,2 271,0 273,4 AUSL 11 Empoli ,2 271,1 268,9 273,4 Area Vasta CENTRO ,2 274,5 273,6 275,3 Area Vasta NORD-OVEST ,6 277,3 276,4 278,3 Area Vasta SUD-EST ,7 285,9 284,8 287,1 REGIONE TOSCANA ,8 278,1 277,5 278,6 Fonte banca dati MaCro di ARS Tabella 13. Diabete mellito, malati e casi x1.000 residenti 16+ in Toscana Malati Rapporto grezzo Rapp. Standardizzato Intervallo di confidenza 95% Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,2 67,2 66,2 68,2 AUSL 4 Prato ,0 69,6 68,5 70,8 AUSL 10 Firenze ,5 69,6 69,0 70,2 AUSL 11 Empoli ,0 72,5 71,4 73,7 Area Vasta CENTRO ,1 69,5 69,1 70,0 Area Vasta NORD-OVEST ,9 74,2 73,7 74,7 Area Vasta SUD-EST ,9 72,0 71,4 72,6 REGIONE TOSCANA ,0 71,7 71,4 72,0 Fonte banca dati MaCro di ARS Tabella 14. Pregresso ictus, malati e casi x1.000 residenti 16+ in Toscana Malati Rapporto grezzo Rapp. Standardizzato Intervallo di confidenza 95% Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,1 12,8 12,3 13,2 AUSL 4 Prato ,9 15,5 14,9 16,0 AUSL 10 Firenze ,3 13,1 12,8 13,3 AUSL 11 Empoli ,7 15,8 15,2 16,3 Area Vasta CENTRO ,4 13,7 13,5 13,9 Area Vasta NORD-OVEST ,4 13,7 13,5 13,9 Area Vasta SUD-EST ,0 14,8 14,5 15,0 8

9 REGIONE TOSCANA ,8 14,0 13,8 14,1 Fonte banca dati MaCro di ARS Tabella 15. Cardiopatia ischemica, malati e casi x1.000 residenti 16+ in Toscana Intervallo di confidenza Rapporto Rapp. Malati 95% grezzo Standardizzato Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,8 48,4 47,6 49,2 AUSL 4 Prato ,6 48,5 47,5 49,4 AUSL 10 Firenze ,3 43,9 43,4 44,3 AUSL 11 Empoli ,0 43,1 42,2 44,0 Area Vasta CENTRO ,6 45,2 44,9 45,6 Area Vasta NORD-OVEST ,8 48,7 48,3 49,1 Area Vasta SUD-EST ,2 49,3 48,8 49,7 REGIONE TOSCANA ,3 47,4 47,1 47,6 Fonte banca dati MaCro di ARS Tabella 16. Scompenso cardiaco, malati e casi x1.000 residenti 16+ in Toscana Intervallo di confidenza Rapporto Rapp. Malati 95% grezzo Standardizzato Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,3 14,4 13,9 14,8 AUSL 4 Prato ,2 26,3 25,6 27,0 AUSL 10 Firenze ,6 19,6 19,3 19,9 AUSL 11 Empoli ,8 16,7 16,2 17,3 Area Vasta CENTRO ,9 19,1 18,9 19,4 Area Vasta NORD-OVEST ,9 20,0 19,8 20,3 Area Vasta SUD-EST ,8 21,0 20,7 21,3 REGIONE TOSCANA ,9 19,9 19,7 20,0 Fonte banca dati MaCro di ARS Tabella 17. BPCO, malati e casi x1.000 residenti 16+ in Toscana Malati Rapporto grezzo Rapp. Standardizzato Intervallo di confidenza 95% Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,5 57,6 56,7 58,6 AUSL 4 Prato ,8 58,5 57,4 59,5 AUSL 10 Firenze ,0 54,6 54,0 55,1 AUSL 11 Empoli ,2 56,0 54,9 57,0 Area Vasta CENTRO ,0 55,9 55,5 56,3 Area Vasta NORD-OVEST ,9 60,7 60,2 61,1 Area Vasta SUD-EST ,1 57,1 56,6 57,7 REGIONE TOSCANA ,2 57,9 57,6 58,1 Fonte banca dati MaCro di ARS 9

10 La salute degli anziani Si stima che nell Area Vasta Centro siano residenti circa 38mila anziani affetti da demenza, dei quali circa la metà d età superiore agli 84 anni (tabella 18), pari al 9,8 % della popolazione anziana, e circa 32mila anziani non autosufficienti nelle Attività di Base della Vita Quotidiana (BADL: lavarsi, mangiare, vestirsi, camminare, andare in bagno, essere continenti), dei quali circa la metà in modo grave (dipendenti dall aiuto di altri per tutte le BADL) (tabella 19), pari al 8,1 % della popolazione anziana. Le differenze numeriche per ambiti geografici di residenza dipendono unicamente dalla dimensione e dalla composizione per sesso ed età delle popolazioni essendo le stime effettuate utilizzando stime di prevalenza per sesso ed età disponibili soltanto a livello regionale. Tabella 18. Stima degli anziani affetti da demenza 2014 Classe d'età Totale 65+ AUSL 3 Pistoia AUSL 4 Prato AUSL 10 Firenze AUSL 11 Empoli Area Vasta CENTRO Area Vasta NORD-OVEST Area Vasta SUD-EST REGIONE TOSCANA Fonti: Studi epidemiologici di popolazione condotti in Toscana, Dati demografici Istat Tabella 19. Stima degli anziani non autosufficienti nelle attività di base della vita quotidiana, per livello di gravità 2014 Livello di disabilità Totale Lieve Moderato Grave AUSL 3 Pistoia AUSL 4 Prato AUSL 10 Firenze AUSL 11 Empoli Area Vasta CENTRO Area Vasta NORD-OVEST Area Vasta SUD-EST REGIONE TOSCANA ATTENZIONE: Le cifre per Azienda USL e Area Vasta sono da considerare esclusivamente come indicazione di un ordine di grandezza, utile alla pianificazione dei servizi Fonti Studio Bi.S.S

11 Gli accessi al Pronto Soccorso Nell Area Vasta Centro, il tasso di accesso al Pronto Soccorso è più basso rispetto al valore medio regionale, pur con una discreta variabilità per USL di residenza (Tabella 20) con un case-mix peraltro anch esso lievemente più leggero (Tabella 21). Tabella 20. Tassi di accesso al PS per ab Numero accessi Tasso grezzo AUSL 3 Pistoia ,9 AUSL 4 Prato ,2 AUSL 10 Firenze ,9 AUSL 11 Empoli ,5 Area Vasta CENTRO ,9 Area Vasta NORD-OVEST ,6 Area Vasta SUD-EST ,7 REGIONE TOSCANA ,9 Fonte Elaborazioni ARS su dati flussi amministrativi Tabella 21. Percentuale di accessi dei cittadini residenti ai PS toscani per codice colore assegnato al triage 2014 Colore Triage Rosso Giallo Verde Bianco Azzurro Nero Errato AUSL 3 Pistoia 1,5 22,5 58,6 3,2 14,2 0,0 0,1 AUSL 4 Prato 2,4 23,2 53,7 15,8 4,7 0,0 0,2 AUSL 10 Firenze 1,5 19,7 49,2 10,5 18,7 0,0 0,4 AUSL 11 Empoli 1,5 15,3 57,1 5,6 20,2 0,0 0,4 Area Vasta CENTRO 1,6 20,1 52,6 9,4 15,9 0,0 0,3 Area Vasta NORD-OVEST 1,8 21,0 51,5 3,3 18,3 0,0 4,0 Area Vasta SUD-EST 1,6 20,3 54,9 5,4 17,1 0,0 0,7 REGIONE TOSCANA 1,7 20,5 52,8 6,3 17,0 0,0 1,7 Fonte Elaborazioni ARS su dati flussi amministrativi 11

12 I ricoveri in Ospedale Il tasso di ricovero ospedaliero per i residenti nella Area Vasta Centro è più elevato di quello medio regionale, sia complessivamente (Tabella 22), sia per i maschi (Tabella 23) che per le femmine (Tabella 24). Si rileva peraltro una notevole variabilità per USL di residenza, con i valori più bassi tra i residenti nella USL di Empoli (inferiori al valore medio regionale) e più alti tra i residenti nella USL di Firenze. Tabella 22. Ospedalizzazione per tutte le cause - numero totale ricoveri, tasso grezzo, tasso standardizzato e intervallo di confidenza al 95% (x 1.000) 2014 Totale Intervallo di Numero casi Tasso grezzo Tasso Standardizzato confidenza 95% Limite Limite inf. sup. AUSL 3 Pistoia ,8 137,5 136,2 138,9 AUSL 4 Prato ,5 142,1 140,6 143,6 AUSL 10 Firenze ,6 145,8 145,0 146,6 AUSL 11 Empoli ,4 132,7 131,2 134,2 Area Vasta CENTRO ,9 141,7 141,1 142,3 Area Vasta NORD-OVEST ,7 131,9 131,3 132,5 Area Vasta SUD-EST ,2 132,4 131,7 133,2 REGIONE TOSCANA ,0 136,2 135,9 136,6 Fonte Elaborazioni ARS su dati flussi amministrativi Tabella 23. Ospedalizzazione per tutte le cause numero ricoveri maschi, tasso grezzo, tasso standardizzato e intervallo di confidenza al 95% (x 1.000) 2014 Maschi Intervallo di Numero casi Tasso grezzo Tasso Standardizzato confidenza 95% Limite Limite inf. sup. AUSL 3 Pistoia ,3 136,9 134,9 138,9 AUSL 4 Prato ,8 138,0 135,8 140,1 AUSL 10 Firenze ,3 144,4 143,2 145,5 AUSL 11 Empoli ,5 130,2 128,1 132,3 Area Vasta CENTRO ,9 139,8 139,0 140,7 Area Vasta NORD-OVEST ,2 133,0 132,1 133,9 Area Vasta SUD-EST ,3 133,0 131,8 134,1 REGIONE TOSCANA ,1 135,9 135,4 136,5 Fonte Elaborazioni ARS su dati flussi amministrativi Tabella 24. Ospedalizzazione per tutte le cause - numero ricoveri femmine, tasso grezzo, tasso standardizzato e intervallo di confidenza al 95% (x 1.000) 2014 Femmine Numero casi Tasso grezzo Tasso Standardizzato Intervallo di confidenza 95% 12

13 Limite inf. Limite sup. AUSL 3 Pistoia ,8 140,7 138,8 142,6 AUSL 4 Prato ,6 148,9 146,7 151,0 AUSL 10 Firenze ,3 150,3 149,2 151,5 AUSL 11 Empoli ,1 137,8 135,7 140,0 Area Vasta CENTRO ,3 146,5 145,6 147,3 Area Vasta NORD-OVEST ,9 134,0 133,2 134,9 Area Vasta SUD-EST ,8 134,7 133,6 135,8 REGIONE TOSCANA ,5 139,5 139,0 140,1 Fonte Elaborazioni ARS su dati flussi amministrativi Le distribuzioni di frequenza delle cause più frequenti di ricovero in reparti per acuti in regime ordinario (Disease Related Group DRG) sia di tipo chirurgico che di tipo medico dei residenti nell Area Vasta Centro sono praticamente sovrapponibili a quelle regionali (Tabelle 25 e 26). Tabella 25. Primi 10 DRG chirurgici per ricoveri in regime ordinario, reparto per acuti, esclusi neonati sani. Descrizione dei DRG, Numero di ricoveri, % del DRG sul totale dei ricoveri di residenti per DRG chirurgici 2014 DRG Descrizione N % Area Vasta Centro 544 Sostituzione di articolazioni maggiori o reimpianto degli arti inferiori ,4 55 Miscellanea di interventi su orecchio, naso, bocca e gola ,0 371 Parto cesareo senza CC ,0 494 Colecistectomia laparoscopica senza esplorazione del dotto biliare comune senza CC ,6 359 Interventi su utero e annessi non per neoplasie maligne senza CC ,3 311 Interventi per via transuretrale senza CC ,3 557 Interventi sul sistema cardiovascolare per via percutanea con stent medicato con diagnosi cardiovascolare maggiore ,3 211 Interventi su anca e femore, eccetto articolazioni maggiori, età >17 anni senza CC ,8 162 Interventi per ernia inguinale e femorale, età >17 anni senza CC ,8 219 Interventi su arto inferiore e omero eccetto anca, piede e femore, età >17 anni senza CC ,8 -- Altro ,5 Totale Area Vasta Centro ,0 13

14 Regione Toscana 544 Sostituzione di articolazioni maggiori o reimpianto degli arti inferiori ,5 55 Miscellanea di interventi su orecchio, naso, bocca e gola ,6 371 Parto cesareo senza CC ,9 494 Colecistectomia laparoscopica senza esplorazione del dotto biliare comune senza CC ,4 359 Interventi su utero e annessi non per neoplasie maligne senza CC , Interventi sul sistema cardiovascolare per via percutanea con stent medicato con diagnosi cardiovascolare maggiore Interventi su arto inferiore e omero eccetto anca, piede e femore, età >17 anni senza CC , ,0 311 Interventi per via transuretrale senza CC ,0 211 Interventi su anca e femore, eccetto articolazioni maggiori, età >17 anni senza CC ,9 162 Interventi per ernia inguinale e femorale, età >17 anni senza CC ,8 -- Altro ,8 Totale Regione Toscana ,0 Fonte Elaborazioni ARS su dati informativi amministrativi Tabella 26. Primi 10 DRG medici per ricoveri in regime ordinario, reparto per acuti, esclusi neonati sani. Descrizione dei DRG, Numero di ricoveri, % del DRG sul totale dei ricoveri di residenti per DRG medici 2014 DRG Descrizione N % Area Vasta Centro 373 Parto vaginale senza diagnosi complicanti ,5 87 Edema polmonare e insufficienza respiratoria ,2 127 Insufficienza cardiaca e shock ,3 14 Emorragia intracranica o infarto cerebrale ,6 89 Polmonite semplice e pleurite, età >17 anni con CC ,3 576 Setticemia senza ventilazione meccanica >96 ore, età >17 anni ,8 430 Psicosi ,4 14

15 316 Insufficienza renale ,1 125 Malattie cardiovascolari eccetto infarto miocardico acuto, con cateterismo cardiaco e diagnosi non complicata ,5 82 Neoplasie dell'apparato respiratorio ,5 -- Altro ,8 Totale Area Vasta Centro ,0 Regione Toscana 373 Parto vaginale senza diagnosi complicanti ,9 87 Edema polmonare e insufficienza respiratoria ,8 127 Insufficienza cardiaca e shock ,8 14 Emorragia intracranica o infarto cerebrale ,7 89 Polmonite semplice e pleurite, età >17 anni con CC ,9 576 Setticemia senza ventilazione meccanica >96 ore, età >17 anni ,6 316 Insufficienza renale ,6 430 Psicosi ,4 82 Neoplasie dell'apparato respiratorio ,4 125 Malattie cardiovascolari eccetto infarto miocardico acuto, con cateterismo cardiaco e diagnosi non complicata ,4 -- Altro ,5 Totale Regione Toscana ,0 Fonte Elaborazioni ARS su dati informativi amministrativi Oltre il 90% dei 225mila ricoveri in Ospedali della Regione 2 effettuati dai residenti nell Area Vasta Centro nel 2014 sono stati effettuali in Ospedali situati all interno della stessa Area Vasta. Si rileva peraltro una discreta variabilità per USL di residenza nelle percentuali di ricoveri effettuate all interno dell Area Vasta e, all interno dell Area Vasta, nelle percentuali di ricoveri effettuati nei presidi aziendali o nelle Aziende Ospedaliero - universitarie (Tabella 27). 2 Esclusi neonati sani e ricoveri extra-regionali, ad oggi non disponibili 15

16 Tabella 27. Matrice mobilità dei cittadini residenti in Area Vasta Centro. Escluso i neonati sati e mobilità extra regionale Percentuale ricoveri 2014 AUSL di Azienda di Erogazione AUSL 3 Pistoia AUSL 4 Prato AUSL 10 Firenze AUSL 11 Empoli Totale Area Vasta Centro AUSL 3 Pistoia 66,1 1,0 0,3 1,2 12,0 AUSL 4 Prato 4,3 71,8 1,8 0,6 12,5 AUSL 10 Firenze 3,7 4,1 45,9 4,4 26,6 AUSL 11 Empoli 2,6 0,5 0,7 58,9 9,0 AOU Careggi 8,9 12,4 38,6 8,3 25,3 Meyer 6,0 7,0 8,4 6,6 7,5 Don Gnocchi 0,1 0,1 0,7 0,1 0,4 Sub-Totale Area Vasta Centro 91,7 96,9 96,3 80,0 93,3 AUSL 1 Massa 0,2 0,1 0,1 0,1 0,1 AUSL 2 Lucca 1,3 0,2 0,1 1,0 0,5 AUSL 5 Pisa 0,4 0,1 0,1 3,3 0,6 AUSL 6 Livorno 0,3 0,2 0,3 0,3 0,3 AUSL 12 Viareggio 0,5 0,3 0,2 0,4 0,3 AOU Pisana 4,4 1,2 0,8 7,8 2,5 Fond. Stella Maris 0,2 0,1 0,1 0,2 0,2 Fond. Monasterio 0,3 0,1 0,1 0,8 0,2 Sub-Totale Area Vasta Nord-Ovest 7,7 2,5 1,7 13,8 4,5 AUSL 7 Siena 0,0 0,0 0,4 3,0 0,7 AUSL 8 Arezzo 0,2 0,2 0,9 0,4 0,6 AUSL 9 Grosseto 0,0 0,1 0,1 0,1 0,1 AOU Senese 0,4 0,4 0,6 2,8 0,8 Sub-Totale Area Vasta Sud-Est 0,6 0,6 2,0 6,1 2,1 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte Elaborazioni ARS su dati informativi amministrativi 16

17 Posti Letto in Ospedale e in Residenze Sanitarie Assistite Ad inizio 2014, in Area Vasta Centro c erano 3,4 posti letto ospedalieri ogni residenti (pari alla media regionale), di cui 2,9 in reparti per acuti (lievemente inferiore alla media regionale). Di questi posti letto, il 29% (in linea con la media regionale) erano in Aziende Ospedaliero Universitarie (Tabella 28). Tabella 28 Posti letto Ospedalieri (pubblici e privati accreditati) Azienda Totale Ordinari Day Hospital Day Surgery di cui a Acuti Pag. Tot Med Chi Med/Chi AUSL 3 Pistoia AUSL 4 Prato AUSL 10 Firenze AUSL 11 Empoli AOU Careggi Meyer Area Vasta CENTRO pl x ab 3,4 2,9 0,3 0,1 0,0 2,9 1,6 1,1 0,3 % pl in AOU 29,3 28,1 45,2 20,2 37,7 33,6 34,9 33,9 23,9 Area Vasta NORD- OVEST pl x ab 3,4 2,9 0,3 0,1 0,0 3,2 1,9 1,1 0,2 % pl in AOU 28,7 28,8 30,0 15,7 53,6 30,0 30,6 31,1 20,0 Area Vasta SUD-EST pl x ab 3,2 2,7 0,3 0,1 0,1 3,0 1,7 1,1 0,2 % pl in AOU 28,0 29,3 24,2 19,6 0,0 29,1 30,3 28,8 20,7 REGIONE TOSCANA pl x ab 3,4 2,9 0,3 0,1 0,1 3,0 1,7 1,1 0,2 % pl in AOU 28,8 28,6 35,0 18,4 30,1 31,3 32,2 31,8 22,0 Fonte Elaborazioni ARS su dati informativi amministrativi Ad inizio 2014, in Area Vasta Centro c erano 4 posti letto in RSA ogni residenti (lievemente superiore alla media regionale) (Tabella 29). Tabella 29 Posti letto in RSA. Fonte Mappatura RSA, Laboratorio MeS. Posti letto autorizzati al 31/12/2014 Azienda Posti letto Posti letto x 1,000 ab AUSL 3 Pistoia 682 2,3 AUSL 4 Prato 654 2,6 AUSL 10 Firenze ,1 AUSL 11 Empoli 821 3,4 Area Vasta CENTRO ,0 Area Vasta NORD-OVEST ,0 Area Vasta SUD-EST ,2 REGIONE TOSCANA ,7 17

18 18

Dimissioni Ospedaliere A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, R. Di Lorenzo

Dimissioni Ospedaliere A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, R. Di Lorenzo Introduzione Dimissioni Ospedaliere A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, R. Di Lorenzo Servizio Epidemiologia e Statistica Sanitaria Il flusso informativo delle schede di dimissione ospedaliera,

Dettagli

Indicatori di qualità dell Ospedale di San Gavino Anno 2013 L.R. n. 21/2012

Indicatori di qualità dell Ospedale di San Gavino Anno 2013 L.R. n. 21/2012 Incatori qualità dell Ospedale San Gavino Anno 2013 L.R. n. 21/2012 Casistica operatoria per reparto e per patologia: primi 5 DRG per Reparto Elenco dei primi 5 DRG per reparto chirurgico Reparto Cod.DRG

Dettagli

STATO DI SALUTE Zona Valtiberina. A cura di S. Arniani, F.Nisticò, P. Piacentini

STATO DI SALUTE Zona Valtiberina. A cura di S. Arniani, F.Nisticò, P. Piacentini STATO DI SALUTE Zona Valtiberina A cura di S. Arniani, F.Nisticò, P. Piacentini INDICE Demografia; Indicatori socio-economici; Mortalità generale e prematura; Patologie di particolare rilievo; Patologie

Dettagli

STATO DI SALUTE Zona Val di Chiana Aretina

STATO DI SALUTE Zona Val di Chiana Aretina STATO DI SALUTE Zona Val di Chiana Aretina A cura di S. Arniani, F.Nisticò, A Serafini, P. Piacentini UOC Sistema demografico ed epidemiologico 21 aprile 2017 INDICE Demografia; Indicatori socio-economici;

Dettagli

Sezione L. 1 Prospetto generale su indici di "fuga" dalla prov. di CT. 2 Primi 50 DRGs di "fuga" dalla prov. di CT

Sezione L. 1 Prospetto generale su indici di fuga dalla prov. di CT. 2 Primi 50 DRGs di fuga dalla prov. di CT La spedalità siciliana nell anno 2004 Sezione L Mobilità intraregionale (s di fuga e di attrazione) 1 Prospetto generale su indici di "fuga" dalla prov. di CT 2 Primi 50 s di "fuga" dalla prov. di CT 3

Dettagli

STATO DI SALUTE Zona Valdarno aretino

STATO DI SALUTE Zona Valdarno aretino STATO DI SALUTE Zona Valdarno aretino A cura di S. Arniani, F. Nisticò, A. Serafini, P. Piacentini UOC Sistema demografico ed epidemiologico 31 MARZO 2017 INDICE Demografia; Indicatori socio-economici;

Dettagli

La popolazione immigrata

La popolazione immigrata La popolazione immigrata PFPM: paesi a forte pressione migratoria (America Centrale, America del Sud, Africa, Europa Orientale, Asia ad eccezione di Giappone e Israele) PSA: paesi a sviluppo avanzato (America

Dettagli

Riabilitazione dopo frattura femore

Riabilitazione dopo frattura femore ARS Dipartimento di Sanità Pubblica Università di Firenze Firenze 4 Novembre 2011 Convegno La gestione delle cronicità sul territorio in Toscana: evidenze dalla banca dati MaCro Approfondimenti descrittivi

Dettagli

Stato di Salute della Popolazione Bresciana: FOCUS su MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO. UO Epidemiologia

Stato di Salute della Popolazione Bresciana: FOCUS su MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO. UO Epidemiologia Stato di Salute della Popolazione Bresciana: FOCUS su MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO UO Epidemiologia Nel 2016 =1.176.312 assistiti DEMOGRAFIA 9.875 nati 9.999 deceduti 3,1% 85 anni. Femmine n. doppio

Dettagli

Incidenze e letalità: Ictus

Incidenze e letalità: Ictus ARS Dipartimento di Sanità Pubblica Università di Firenze Firenze 4 Novembre 2011 Convegno La gestione delle cronicità sul territorio in Toscana: evidenze dalla banca dati MaCro Incidenze e letalità: Ictus

Dettagli

LE MALATTIE RESPIRATORIE, NEUROLOGICHE E GASTROINTESTINALI NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE.

LE MALATTIE RESPIRATORIE, NEUROLOGICHE E GASTROINTESTINALI NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE. LE MALATTIE RESPIRATORIE, NEUROLOGICHE E GASTROINTESTINALI NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE. A cura di Unità Operativa Complessa Osservatorio Epidemiologico In base agli anni potenziali di vita persi

Dettagli

Strutture ospedaliere pubbliche e private in funzione e posti letto disponibili - Anno Strutture per residenti.

Strutture ospedaliere pubbliche e private in funzione e posti letto disponibili - Anno Strutture per residenti. 4 Sanità 4.1 L offerta di servizi sanitari Tabella 4.1: Strutture ospedaliere pubbliche e private in funzione e posti letto disponibili - Anno 2004 Province Pubbliche Strutture presenti Private accreditate

Dettagli

STATO DI SALUTE Amiata grossetana

STATO DI SALUTE Amiata grossetana STATO DI SALUTE Amiata grossetana A cura di S. Arniani, F.Nisticò, A. Serafini, P. Piacentini UOC Sistema demografico ed epidemiologico 12 maggio 2017 INDICE Demografia; Indicatori socio-economici; Indicatori

Dettagli

PROGETTO ARS COMUNICATO STAMPA

PROGETTO ARS COMUNICATO STAMPA PROGETTO ARS COMUNICATO STAMPA Il progetto ARS- Arzignano Salute, finanziato dalla Fondazione Città di Arzignano, vede la collaborazione tra Comune di Arzignano, ULSS 5 e SER (Sistema Epidemiologico della

Dettagli

LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ATS DELL INSUBRIA ANNO 2015

LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ATS DELL INSUBRIA ANNO 2015 LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ATS DELL INSUBRIA ANNO 2015 A cura di: Direzione Generale - U.O.C. Osservatorio Epidemiologico Sede territoriale di Varese Direzione Generale - U.O.C. Osservatorio Epidemiologico

Dettagli

a livello mondiale: seconda causa di morte nei paesi del G8: terza causa di morte è causa del 10%-12% di tutti i decessi per anno IN ITALIA

a livello mondiale: seconda causa di morte nei paesi del G8: terza causa di morte è causa del 10%-12% di tutti i decessi per anno IN ITALIA REQUISITI, CARATTERISTICHE, NECESSITA DEI PRESIDI CHE RICOVERANO PER ICTUS Dott. Emilio Duca Direttore Generale ASL1 dell Umbria L ICTUS CEREBRALE: a livello mondiale: seconda causa di morte nei paesi

Dettagli

DIMISSIONI OSPEDALIERE A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, B. Ferraro

DIMISSIONI OSPEDALIERE A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, B. Ferraro DIMISSIONI OSPEDALIERE A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, B. Ferraro 1. Fonti informative L archivio utilizzato per il presente lavoro è relativo alle dimissioni ospedaliere, dai presidi

Dettagli

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi ottobre-dicembre 2015

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi ottobre-dicembre 2015 Tabella 4.1 - Ricoveri ordinari attribuiti a (omologhi) ma come - Mesi % Bolzano 001 - CRANIOTOMIA, ETÀ > 17 ANNI 6,7-4 - 010 - NEOPLASIE DEL SISTEMA NERVOSO 5,9 1 4 25,0 016 - MALATTIE CEREBROVASCOLARI

Dettagli

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi aprile-giugno 2013

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi aprile-giugno 2013 Tabella 4.1 - Ricoveri ordinari attribuiti a (omologhi) ma come - Mesi del % Bolzano 001 - CRANIOTOMIA, ETÀ > 17 ANNI 8,8-5 - 007 - INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI INTERVENTI SU SISTEMA

Dettagli

Indicatori per la costruzione del Profilo di salute Area Grossetana

Indicatori per la costruzione del Profilo di salute Area Grossetana Indicatori per la costruzione del Profilo di salute Area Grossetana Primo report statistico (Aprile 2014) Simurg Ricerche Set minimo 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 Profilo demografico Determinanti di salute Stato

Dettagli

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi luglio-settembre 2011

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi luglio-settembre 2011 Tabella 4.1 - Ricoveri ordinari attribuiti a (omologhi) ma come - Mesi % Bolzano 001 - CRANIOTOMIA, ETÀ > 17 ANNI CON 7,1-5 - 007 - INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI INTERVENTI SU SISTEMA

Dettagli

DISTRETTO 3 Media Valle

DISTRETTO 3 Media Valle DISTRETTO 3 Media Valle Il territorio e la popolazione DISTRETTO 3 Al distretto 3 afferiscono 12 comuni e una comunità montana, per un ammontare di popolazione così ripartita per sesso: COMUNI M F Tot

Dettagli

FERRARA, 7 FEBBRAIO 2017 REV 1

FERRARA, 7 FEBBRAIO 2017 REV 1 FERRARA, 7 FEBBRAIO 2017 REV 1 1 2 3 Area clinica Nome dell indicatore N % GREZZA % ADJ % ITALIA RR ADJ P-VALUE Area Cardiovascolare / Sistema Cardiocircolatorio 1 Infarto Miocardico Acuto: mortalità a

Dettagli

Approfondimenti descrittivi

Approfondimenti descrittivi ARS Dipartimento di Sanità Pubblica Università di Firenze Firenze 4 Novembre 2011 Convegno La gestione delle cronicità sul territorio in Toscana: evidenze dalla banca dati MaCro Approfondimenti descrittivi

Dettagli

La popolazione disabile

La popolazione disabile La popolazione disabile 4 Tasso di disabilità (numero soggetti portatori handicap -64/pop. res. -64, per 1). Anno 21 3 2 1 Alta Val d'elsa Valdichiana Amiata Senese e Val d'orcia Senese AUSL 7 REGIONE

Dettagli

Indicatori di salute nell area estrattiva del comune di Arezzo

Indicatori di salute nell area estrattiva del comune di Arezzo Progetto Regione Toscana Studio di popolazione nei Comuni di Civitella della Chiana ed Arezzo in relazione all esposizione a fattori di inquinamento ambientale Indicatori di salute nell area estrattiva

Dettagli

Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia

Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia Elena Clagnan Servizio di Epidemiologia Direzione Centrale di Salute, Integrazione Socio Sanitaria e Politiche Sociali 1 MORTALITA IN FVG MORTALITA EVITABILE

Dettagli

Codice_DRG Descrizione DRG Media_Tempo_Attesa N Casi 006 Decompressione del tunnel carpale Interventi su nervi periferici e cranici e altri

Codice_DRG Descrizione DRG Media_Tempo_Attesa N Casi 006 Decompressione del tunnel carpale Interventi su nervi periferici e cranici e altri Codice_DRG Descrizione DRG Media_Tempo_Attesa N Casi 006 Decompressione del tunnel carpale 49 1 008 Interventi su nervi periferici e cranici e altri interventi su sistema nervoso senza CC 13,5 2 012 Malattie

Dettagli

Indicatori predisposti ai sensi del c.522 della legge di stabilità Pubblicazione prevista entro il 30/6/2017.

Indicatori predisposti ai sensi del c.522 della legge di stabilità Pubblicazione prevista entro il 30/6/2017. UTENTE Area Indicatore Accesso e Domanda Tasso std di ospedalizzazione (ordinario e diurno) x 1.000 residenti - GRIGLIA LEA Tempi di attesa ex ante primi accessi: n. visite prospettate in sede di prenotazione

Dettagli

La qualità dell'assistenza nelle cure di fine vita i dati della Toscana

La qualità dell'assistenza nelle cure di fine vita i dati della Toscana La qualità dell'assistenza nelle cure di fine vita i dati della Toscana Francesca Collini, Sara D Arienzo, Vieri Lastrucci (UNIFI), Silvia Forni, Alfredo Zuppiroli, Andrea Vannucci Agenzia regionale di

Dettagli

LA MORTALITÀ PER CAUSA NELLE AZIENDE ULSS DEL VENETO,

LA MORTALITÀ PER CAUSA NELLE AZIENDE ULSS DEL VENETO, LA MORTALITÀ PER CAUSA ELLE AZIEDE ULSS DEL VEETO, PERIODO 2007-2009 A cura del Sistema Epidemiologico Regionale-SER Direzione Controlli e Governo SSR LA MORTALITA PER CAUSA ELLE AZIEDE ULSS DEL VEETO,

Dettagli

Obiettivo ESITI. 0,83% OSP.SS.GIACOMO E CRISTOFORO DI MASSA IMA: proporzione di ricoveri successivi entro 2 giorni 0,83% OSPEDALE SANTA CROCE

Obiettivo ESITI. 0,83% OSP.SS.GIACOMO E CRISTOFORO DI MASSA IMA: proporzione di ricoveri successivi entro 2 giorni 0,83% OSPEDALE SANTA CROCE Allegato n.5 Obiettivo ESITI Sottosettore Gestione delle criticità mediante analisi delle problematiche di esito e raggiungimento dei risultati statisticamente rappresentativi non al di sotto della media

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA AZIENDALE 2016 (dati 2015) ex Azienda USL 6 di Livorno

RELAZIONE SANITARIA AZIENDALE 2016 (dati 2015) ex Azienda USL 6 di Livorno RELAZIONE SANITARIA AZIENDALE 2016 (dati 2015) ex Azienda USL 6 di Livorno 1 Capitolo 1- DEMOGRAFIA, CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO ED ASPETTI SOCIO-ECONOMICI... 3 Capitolo 2- STILI DI VITA... 12 Capitolo

Dettagli

Indicatori di processo MaCro nel Diabete

Indicatori di processo MaCro nel Diabete ARS Dipartimento di Sanità Pubblica Università di Firenze Firenze 4 novembre 2011 Convegno La gestione delle cronicità sul territorio in Toscana: evidenze dalla banca dati MaCro Indicatori di processo

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------- AL Sig. Sindaco Comune di Corato Bari, 6.12.2012 Oggetto: STATO DI SALUTE NEL COMUNE DI CORATO. Analisi

Dettagli

Indicatori predisposti ai sensi del c.522 della legge di stabilità Pubblicazione prevista entro il 30/6/2017. Azienda: PARMA

Indicatori predisposti ai sensi del c.522 della legge di stabilità Pubblicazione prevista entro il 30/6/2017. Azienda: PARMA UTENTE Area Indicatore Accesso e Domanda Tasso std di ospedalizzazione (ordinario e diurno) x 1.000 residenti - GRIGLIA LEA Tempi di attesa ex ante primi accessi: n. visite prospettate in sede di prenotazione

Dettagli

Azienda: AOSPU MODENA

Azienda: AOSPU MODENA UTENTE Area Indicatore Accesso e Domanda Tasso std di ospedalizzazione (ordinario e diurno) x 1.000 residenti - GRIGLIA LEA Tempi di attesa ex ante primi accessi: n. visite prospettate in sede di prenotazione

Dettagli

Il sistema di valutazione della performance del sistema sanitario toscano

Il sistema di valutazione della performance del sistema sanitario toscano Atelier ALASS Balanced Scorecard Lugano 2 giugno 2006 Il sistema di valutazione della performance del sistema sanitario toscano Prof. Sabina Nuti Dott.ssa Anna Bonini Laboratorio Management e Sanità Scuola

Dettagli

Indicatori predisposti ai sensi del c.522 della legge di stabilità Pubblicazione prevista entro il 30/6/2016.

Indicatori predisposti ai sensi del c.522 della legge di stabilità Pubblicazione prevista entro il 30/6/2016. UTENTE Area Indicatore Accesso e Domanda Tasso std di ospedalizzazione (ordinario e diurno) per 1.000 residenti - GRIGLIA LEA Tempi di attesa ex ante primi accessi: n. visite prospettate in sede di prenotazione

Dettagli

Valutazione dello stato di salute dei residenti nell area Fraschetta del Comune di Alessandria: studio di mortalità locale ( )

Valutazione dello stato di salute dei residenti nell area Fraschetta del Comune di Alessandria: studio di mortalità locale ( ) Alessandria (AL), 23 Marzo 2017 Presentazione esiti studi epidemiologici in Fraschetta Valutazione dello stato di salute dei residenti nell area Fraschetta del Comune di Alessandria: studio di mortalità

Dettagli

Verso il futuro. La nuova cultura della rete ospedaliera e della medicina del territorio. Rete Ospedaliera

Verso il futuro. La nuova cultura della rete ospedaliera e della medicina del territorio. Rete Ospedaliera Verso il futuro. La nuova cultura della rete ospedaliera e della medicina del territorio. Rete Ospedaliera Valter Giovannini Firenze 3 ottobre 2014 Direzione Generale Ospedali in Toscana Enti Ospedalieri

Dettagli

Costruzione di un indicatore prognostico di ospedalizzazioni ripetute nella Regione Lazio

Costruzione di un indicatore prognostico di ospedalizzazioni ripetute nella Regione Lazio Costruzione di un indicatore prognostico di ospedalizzazioni ripetute nella Regione Lazio A. Lallo, P. Schifano, A. Bargagli, N. Agabiti, P. Michelozzi Dipartimento Epidemiologia del SSR Regione Lazio

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

CAPITOLO 2 LA SANITÀ

CAPITOLO 2 LA SANITÀ CAPITOLO 2 LA SANITÀ 2.1 FLUSSI DI ATTIVITÀ DELL OSPEDALE DI MACERATA L Ospedale di Macerata ha una disponibilità complessiva di 316 posti letto per degenza ordinaria, variamente ripartiti tra i 20 reparti

Dettagli

VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NELLE ZONE INDUSTRIALI DI OTTANA E MACOMER E NELLE ZONE DI NUORO, SINISCOLA E SORGONO.

VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NELLE ZONE INDUSTRIALI DI OTTANA E MACOMER E NELLE ZONE DI NUORO, SINISCOLA E SORGONO. VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NELLE ZONE INDUSTRIALI DI OTTANA E MACOMER E NELLE ZONE DI NUORO, SINISCOLA E SORGONO. Analisi delle principali cause di morte nella ASL di

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Roma, 24 marzo 2009 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Introduzione L obiettivo di questo rapporto è la valutazione delle condizioni

Dettagli

LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE

LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE A cura di Veronica Casotto Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di Epidemiologia ARS Toscana e Franca Rusconi Estratto dalla Relazione sanitaria

Dettagli

Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino

Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino Progetto Regione Toscana Studio di popolazione nei Comuni di Civitella della Chiana ed Arezzo in relazione all esposizione a fattori di inquinamento ambientale ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni

Dettagli

Mortalità e Incidenza patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Rodengo Saiano, Gussago, Castegnato e Ospitaletto - Settembre

Mortalità e Incidenza patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Rodengo Saiano, Gussago, Castegnato e Ospitaletto - Settembre Mortalità e Incidenza patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Rodengo Saiano, Gussago, Castegnato e Ospitaletto - Settembre 2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico, ASL di Brescia

Dettagli

Impatto sugli accessi al pronto soccorso e sulle ospedalizzazioni.

Impatto sugli accessi al pronto soccorso e sulle ospedalizzazioni. Impatto sugli accessi al pronto soccorso e sulle ospedalizzazioni paolo.francesconi@ars.toscana.it L Ospedalizzazione in regime ordinario in reparti per acuti Le conferme Diabete: tra gli assistiti di

Dettagli

Linee di indirizzo per il ridisegno della rete ospedaliera

Linee di indirizzo per il ridisegno della rete ospedaliera Linee di indirizzo per il ridisegno della rete ospedaliera Analisi Attività Chirurgica a Bassa Complessità Area Vasta Centro Versione 26 Aprile 216 Criteri metodologici analisi SDO: FLUSSI SDO 214, extra

Dettagli

La Salute raggiungibile per...

La Salute raggiungibile per... La Salute raggiungibile per... 79 Nota introduttiva per la lettura delle patologie La scelta di descrivere le patologie più frequenti attraverso l analisi dell andamento dei ricoveri ospedalieri è stata

Dettagli

5. L Atlante: le schede regionali e per unità sanitaria territoriale

5. L Atlante: le schede regionali e per unità sanitaria territoriale 5. L Atlante: le schede regionali e per unità sanitaria territoriale Premessa In questo capitolo viene riportata una sintesi regionale e le schede di dettaglio territoriali delle principali evidenze ottenute

Dettagli

tab. 1 - Indice di invecchiamento demografico per Azienda sanitaria ed anno*. Toscana, anni

tab. 1 - Indice di invecchiamento demografico per Azienda sanitaria ed anno*. Toscana, anni tab. 1 - Indice di invecchiamento demografico per Azienda sanitaria ed anno*. Toscana, anni 1997-27. 1997 1998 1999 2 21 22 23 24 25 26 27 USL 1 - Massa Carrara 21,15 21,71 22,1 22,38 22,6 22,91 23,25

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nella popolazione nata in Italia, residente a S. Polo e nel resto del comune di Brescia.

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nella popolazione nata in Italia, residente a S. Polo e nel resto del comune di Brescia. OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nella popolazione nata in Italia, residente a S. Polo e nel resto del comune di Brescia. Introduzione I risultati ottenuti dall indagine precedente

Dettagli

Lo stato di salute della popolazione spezzina un quadro d insieme

Lo stato di salute della popolazione spezzina un quadro d insieme Lo stato di salute della popolazione spezzina un quadro d insieme Roberto Carloni Agenzia Regionale Sanitaria Salute e Ambiente nel territorio spezzino La Spezia 29 Maggio 2013 Un profilo di salute regionale

Dettagli

TASSO DI MORTALITA TASSO DI NATALITA

TASSO DI MORTALITA TASSO DI NATALITA Tassi grezzi 1! Tassi sono calcolati per il totale della popolazione. Esempi di tassi grezzi sono: TASSO DI MORTALITA TASSO DI NATALITA I tassi grezzi rappresentano l ESPERIENZA REALE della popolazione.

Dettagli

Sanità. Ospedale Misericordia e Dolce di Prato - Andamento degenze dal 1995 al Posti letto medi Ammessi Trasferiti Tot. Dimessi Trasferiti Tot.

Sanità. Ospedale Misericordia e Dolce di Prato - Andamento degenze dal 1995 al Posti letto medi Ammessi Trasferiti Tot. Dimessi Trasferiti Tot. Sanità Degenze Ospedale Nelle tavole seguenti presentiamo l andamento delle degenze presso l ospedale Misericordia e Dolce di Prato. Nel corso del 2003 i ricoveri sono stati quasi 34mila, con un numero

Dettagli

Le malattie respiratorie e BPCO nell ambito del PSR 2008/2010 : il Cronic Care Model

Le malattie respiratorie e BPCO nell ambito del PSR 2008/2010 : il Cronic Care Model Le malattie respiratorie e BPCO nell ambito del PSR 2008/2010 : il Cronic Care Model Valter Giovannini 1 80 79 78 77 76 75 74 73 72 71 Speranza di vita alla nascita - Maschi Trend temporale in alcune Az.

Dettagli

I ricoveri nei Presidi Ospedalieri di AUSL

I ricoveri nei Presidi Ospedalieri di AUSL In Toscana dai dati alle scelte Ospedalizzazione pediatrica e neonatale Firenze, 22 gennaio 2008 I ricoveri nei Presidi Ospedalieri di AUSL Simone Bartolacci 1, Franca Rusconi 2, Rachele Capocchi 1, Monia

Dettagli

VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DEI RESIDENTI NELL AREA FRASCHETTA DEL COMUNE DI ALESSANDRIA: STUDIO DI MORTALITÀ LOCALE ( )

VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DEI RESIDENTI NELL AREA FRASCHETTA DEL COMUNE DI ALESSANDRIA: STUDIO DI MORTALITÀ LOCALE ( ) VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DEI RESIDENTI NELL AREA FRASCHETTA DEL COMUNE DI ALESSANDRIA: STUDIO DI MORTALITÀ LOCALE (1996-2014) A cura del Coordinamento del Piano Locale di Prevenzione - Funzioni

Dettagli

Programma Nazionale Esiti - PNE

Programma Nazionale Esiti - PNE Programma Nazionale Esiti - PNE Edizione 2016 ANALISI PER STRUTTURA OSPEDALIERA AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA 29 giugno 2016 AZ. OSP. DI PADOVA 29 giugno 2016 PRESENTAZIONE La misura e la valutazione comparativa

Dettagli

EVENTI MAGGIORI CARDIOVASCOLARI E CEREBROVASCOLARI (MACCE) A 12 ME SI DE I SOPR AVVISUTI DOPO UN RICOVERO PER ICTUS ISCHEMICO PROTOCOLLO OPERATIVO

EVENTI MAGGIORI CARDIOVASCOLARI E CEREBROVASCOLARI (MACCE) A 12 ME SI DE I SOPR AVVISUTI DOPO UN RICOVERO PER ICTUS ISCHEMICO PROTOCOLLO OPERATIVO EVENTI MAGGIORI CARDIOVASCOLARI E CEREBROVASCOLARI (MACCE) A 12 ME SI DE I SOPR AVVISUTI DOPO UN RICOVERO PER ICTUS ISCHEMICO PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per area di residenza: proporzione di eventi

Dettagli

METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT

METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT SOMMARIO Indicatori... 2 Residenti, indici demografici... 2 Ricoveri Ordinari... 2 Cronicità... 3 Tumori maligni... 3 Mortalità... 3 Tempi e distanze

Dettagli

TARIFFE OSPEDALIERE ANNO REGIONE EMILIA -ROMAGNA

TARIFFE OSPEDALIERE ANNO REGIONE EMILIA -ROMAGNA TARIFFE OSPEDALIERE ANNO 2013- REGIONE EILIA -ROAGNA D Descrizione 1 1 001 1 002 1 007 1 008 raniotomia, età > 17 anni con raniotomia, età > 17 anni senza 1 003 raniotomia, età < 18 anni 1 006 Decompressione

Dettagli

4. I PRINCIPALI GRUPPI DI PATOLOGIE

4. I PRINCIPALI GRUPPI DI PATOLOGIE 4. I PRINCIPALI GRUPPI DI PATOLOGIE 4.1 LE MALATTIE CARDIO E CEREBROVASCOLARI (Papa R) Le malattie cardiovascolari, essendo responsabili del 44% di tutti i decessi, rappresentano ancora oggi la principale

Dettagli

Mortalità. Tab.1 Tasso standardizzato* (x ) di mortalità generale, per Regioni. Anno 1994

Mortalità. Tab.1 Tasso standardizzato* (x ) di mortalità generale, per Regioni. Anno 1994 Mortalità La riduzione della mortalità è un fenomeno ampiamente generalizzato su tutto il territorio regionale e nazionale. Il tasso standardizzato (sulla popolazione mondiale) di mortalità generale in

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Relazione sullo stato sanitario del Paese 2003-2004 2004 Carlo Donati Direzione Generale del Sistema Informativo Ministero della Salute Roma Basi normative della Relazione La Relazione

Dettagli

Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino

Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino Progetto Regione Toscana Studio di popolazione nei Comuni di Civitella della Chiana ed Arezzo in relazione all esposizione a fattori di inquinamento ambientale ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni

Dettagli

I Ricoveri ospedalieri da Incidente stradale

I Ricoveri ospedalieri da Incidente stradale Aspetti significativi dello studio Incidenti stradali in Emilia-Romagna anni 1995-2007 Nicoletta Bertozzi Patrizia Vitali Dipartimento Sanità Pubblica Ausl Cesena Bologna, 9 luglio 2010 I Ricoveri ospedalieri

Dettagli

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nel comune di Lumezzane - Gennaio

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nel comune di Lumezzane - Gennaio Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nel comune di Lumezzane - Gennaio 2013 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico, ASL di Brescia SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2. METODI

Dettagli

La presa in carico della persona con demenza in Toscana

La presa in carico della persona con demenza in Toscana Progetto Ministeriale Il ChronicCare Care Model, il Punto Unico di Accesso e il Team Aziendale degli specialisti (attuali UVA) per la presa in carico della persona con demenza Giornata di studio sulle

Dettagli

LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ASL DI VARESE - ANNO 2013

LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ASL DI VARESE - ANNO 2013 LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ASL DI VARESE - ANNO 2013 A cura di: D. Bonarrigo, S. Speziali, S. Pisani Direzione Generale - U.O.C. Osservatorio Epidemiologico Premessa Con questo report viene eseguito

Dettagli

Salute di genere Proposta indicatori

Salute di genere Proposta indicatori Salute di genere Proposta indicatori Fabio Voller, Monica Da Frè Osservatorio di Epidemiologia monica.dafre@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della Toscana Firenze, 14 maggio 2014 Incontro Commissione

Dettagli

Prevalenza di DIABETE MELLITO

Prevalenza di DIABETE MELLITO ARS Dipartimento di Sanità Pubblica Università di Firenze Firenze 4 novembre 2011 Convegno La gestione delle cronicità sul territorio in Toscana: evidenze dalla banca dati MaCro Prevalenza di DIABETE MELLITO

Dettagli

Stato di salute dei residenti nel comune di Castelnuovo Berardenga

Stato di salute dei residenti nel comune di Castelnuovo Berardenga Stato di salute dei residenti nel comune di Castelnuovo Berardenga Daniela Nuvolone, Francesco Cipriani Agenzia regionale di sanità della Toscana ARS Castelnuovo Berardenga, Consiglio Comunale 17 Febbraio

Dettagli

L ARS per la Demenza. Firenze 21 settembre Paolo Francesconi Matilde Razzanelli

L ARS per la Demenza. Firenze 21 settembre Paolo Francesconi Matilde Razzanelli L ARS per la Demenza Firenze 21 settembre 2012 Paolo Francesconi Matilde Razzanelli Cosa facciamo 1. produzione di informazioni epidemiologiche 2. supporto allo sviluppo dei percorsi assistenziali 3. supporto

Dettagli

La fotografia dell Asl TO5

La fotografia dell Asl TO5 Università di Torino Scuola S. Sant Anna - Pisa La fotografia dell Asl TO5 Nerina Dirindin e Giovanni Perucca Chieri, 7 Aprile 2010 Asl TO5: il quadro d insieme Asl TO5 Abitanti: 306.000 Posti letto: 782

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER IL POSTO DI DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA DI PEDIATRIA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO RIUNITO DI CIRIÈ - LANZO

LINEE DI INDIRIZZO PER IL POSTO DI DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA DI PEDIATRIA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO RIUNITO DI CIRIÈ - LANZO LINEE DI INDIRIZZO PER IL POSTO DI DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA DI PEDIATRIA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO RIUNITO DI CIRIÈ - LANZO La D.G.R. 55-8865 del 26.05.2008 definisce le linee di indirizzo per il

Dettagli

La malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson Seminario La neurologia delle cronicità nell Area Vasta Toscana Centro: dai dati alle decisioni Firenze, 23 novembre 2016 AUDITORIUM Ente Cassa Risparmio di Firenze (CRF) - via Folco Portinari 5, Firenze

Dettagli

ARPA PUGLIA - Unica AOO Protocollo del 24/02/ SRFI

ARPA PUGLIA - Unica AOO Protocollo del 24/02/ SRFI ARPA PUGLIA - Unica AOO - 0032 - Protocollo 0009832 del 24/02/2011 - SRFI ARPA PUGLIA - Unica AOO - 0032 - Protocollo 0009832 del 24/02/2011 - SRFI ARPA PUGLIA - Unica AOO - 0032 - Protocollo 0009832 del

Dettagli

I dati sanitari nel progetto EPIAIR

I dati sanitari nel progetto EPIAIR I dati sanitari nel progetto EPIAIR Claudia Galassi AOU S Giovanni Battista di Torino, Servizio Epidemiologia dei Tumori e CPO Piemonte Roma 25 novembre 2009 Outline I dati di mortalità I dati dei ricoveri

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI ANAGNI

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI ANAGNI Roma, 20 aprile 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI ANAGNI Obiettivo Valutare le condizioni di salute della popolazione residente nel comune

Dettagli

COMPLICANZE MATERNE SEVERE DURANTE IL PARTO ED IL PUERPERIO (PARTO NATURALE) PROTOCOLLO OPERATIVO

COMPLICANZE MATERNE SEVERE DURANTE IL PARTO ED IL PUERPERIO (PARTO NATURALE) PROTOCOLLO OPERATIVO COMPLICANZE MATERNE SEVERE DURANTE IL PARTO ED IL PUERPERIO (PARTO NATURALE) PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per struttura di ricovero: Proporzione di complicanze materne gravi entro i 42 giorni successivi

Dettagli

Accessi al pronto soccorso in etàpediatrica in Toscana: i dati del flusso regionale

Accessi al pronto soccorso in etàpediatrica in Toscana: i dati del flusso regionale Accessi al pronto soccorso in etàpediatrica in Toscana: i dati del flusso regionale Fabio Voller Agenzia regionale di sanità della Toscana Rete Pediatrica Regionale 21 giugno 2016 Meyer Accessi in PS totali

Dettagli

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: ECOGRAFIA ADDOME e ECOCOLOR DOPPLER

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: ECOGRAFIA ADDOME e ECOCOLOR DOPPLER TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: ECOGRAFIA ADDOME e ECOCOLOR DOPPLER Anno 2014 Gennaio - Dicembre La Delibera G.R.T. n.867 del 20.11.2006 ha stabilito che le Aziende sanitarie sono tenute a garantire entro

Dettagli

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P.

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P. Ottobre 2012 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO - IRCCS Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Rovigo: periodo 2004-2006. Baracco M, Bovo E, Dal Cin

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI INDICATORI DI ESITO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA DERIVATI DAL PROGRAMMA NAZIONALE ESITI ED.

MONITORAGGIO DEGLI INDICATORI DI ESITO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA DERIVATI DAL PROGRAMMA NAZIONALE ESITI ED. MONITORAGGIO DEGLI INDICATORI DI ESITO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA DERIVATI DAL PROGRAMMA NAZIONALE ESITI ED. 2015 (riferiti ai ricoveri anno 2014) SOMMARIO Introduzione... 3 Indicatori

Dettagli

Natalia Buzzi. ERA 2008: le schede di dimissione ospedaliera per USL come strumento di posizionamento comparativo. ISS - Roma, 17-11-2008

Natalia Buzzi. ERA 2008: le schede di dimissione ospedaliera per USL come strumento di posizionamento comparativo. ISS - Roma, 17-11-2008 ERA Epidemiologia e Ricerca Applicata Presentazione dell Atlante 2008 Giornata di Studio Roma, 17.11.08 ERA 2008: le schede di dimissione ospedaliera per USL come strumento di posizionamento comparativo

Dettagli

Schede indicatori socio-sanitari territoriali Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna

Schede indicatori socio-sanitari territoriali Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna Schede indicatori socio-sanitari Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna Valutazione dell efficacia sanitaria delle attività Percentuale di ricoveri con degenza superiore

Dettagli

I ricoveri in Veneto dal 2000 al Ospedalizzazione generale e mobilità

I ricoveri in Veneto dal 2000 al Ospedalizzazione generale e mobilità I ricoveri in Veneto dal 2000 al 2011 Ospedalizzazione generale e mobilità Gennaio 2013 I ricoveri in Veneto dal 2000 al 2011 Ospedalizzazione generale e mobilità Gennaio 2013 I ricoveri in Veneto dal

Dettagli

Incidenza dei tumori a Prato e nella Circoscrizione Sud nel decennio

Incidenza dei tumori a Prato e nella Circoscrizione Sud nel decennio Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica Registro Tumori Toscano Incidenza dei tumori a Prato e nella Circoscrizione Sud nel decennio 2000-09 A cura di: Alessandro Barchielli, G. Manneschi a.barchielli@ispo.toscana.it

Dettagli

Capitolo 10 La mortalità per suicidi

Capitolo 10 La mortalità per suicidi Capitolo 1 La mortalità per suicidi Introduzione Ogni anno tra i residenti in Veneto si verificano oltre 3 decessi per suicidio; di questi il 75% avviene nei maschi. el 27 il tasso di mortalità per suicidio

Dettagli

EVENTI MAGGIORI CARDIOVASCOLARI E CEREBROVASCOLARI (MACCE) A 12 MESI NEI SOPRAVVISSUTI AD INFARTO ACUTO DEL MIOCARDIO. PROTOCOLLO OPERATIVO

EVENTI MAGGIORI CARDIOVASCOLARI E CEREBROVASCOLARI (MACCE) A 12 MESI NEI SOPRAVVISSUTI AD INFARTO ACUTO DEL MIOCARDIO. PROTOCOLLO OPERATIVO EVENTI MAGGIORI CARDIOVASCOLARI E CEREBROVASCOLARI (MACCE) A 12 MESI NEI SOPRAVVISSUTI AD INFARTO ACUTO DEL MIOCARDIO. PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per ASL di residenza: proporzione di pazienti sopravvissuti

Dettagli

Baracco M, Baracco S, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S, Zorzi M e Dei Tos AP

Baracco M, Baracco S, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S, Zorzi M e Dei Tos AP agosto 2014 Registro Tumori del Veneto, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto Analisi dell'incidenza

Dettagli

Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio

Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio Introduzione Le malattie del sistema circolatorio sono le principali cause di morte nei paesi occidentali come l Italia: quasi il 4% dei decessi

Dettagli

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P.

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P. Novembre 2012 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO - IRCCS Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Adria: periodo 2004-2006. Baracco M, Bovo E, Dal Cin

Dettagli

2.MAD: DISTRIBUZIONI RICOVERI PER SPECIALITÀ DI DIMISSIONE, REGIME DI RICOVERO e tipo di DRG.

2.MAD: DISTRIBUZIONI RICOVERI PER SPECIALITÀ DI DIMISSIONE, REGIME DI RICOVERO e tipo di DRG. EMBARGO ALLE ORE 15 DEL 18 FEBBRAIO 2016 I dati di seguito descritti sono stati ottenuti dalla elaborazione di 4.823.569 schede di dimissione di strutture ospedaliere pubbliche o private delle regioni

Dettagli

PSICHIATRIA ANALISI DELLE DIMISSIONI OSPEDALIERE NELLE U.O.C. DI PSICHIATRIA (DISCIPLINA 40) DELLE STRUTTURE OSPEDALIERE DELLA REGIONE ABRUZZO.

PSICHIATRIA ANALISI DELLE DIMISSIONI OSPEDALIERE NELLE U.O.C. DI PSICHIATRIA (DISCIPLINA 40) DELLE STRUTTURE OSPEDALIERE DELLA REGIONE ABRUZZO. PSICHIATRIA ANALISI DELLE DIMISSIONI OSPEDALIERE NELLE U.O.C. DI PSICHIATRIA (DISCIPLINA 40) DELLE STRUTTURE OSPEDALIERE DELLA REGIONE ABRUZZO. Schede di dimissione ospedaliera Anno 2009 ANALISI DELLE

Dettagli

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: RMN, TAC

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: RMN, TAC TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: RMN, TAC Anno 2014 Gennaio - Dicembre La Delibera G.R.T. n.867 del 20.11.2006 ha stabilito che le Aziende sanitarie sono tenute a garantire entro un tempo massimo di attesa

Dettagli