Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida pratica ai Servizi per l Impiego"

Transcript

1 Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata con il F.S.E Asse II Occupabilità - Rafforzamento dei servizi per il lavoro D.G.R. n del D.D.R N del provincialavoroeformazione Padova - Piazza Bardella, 12 (Centro Direzionale La Cittadella Zona Stanga) T 049/ F 049/

2 I contenuti della Guida sono stati curati dal Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova. A cura di Giorgio Santarello e Livio Bordignon.

3 ai Servizi per l Impiego La Guida Pratica ai Servizi vuole essere uno strumento di orientamento pratico e sintetico destinato a coloro che operano sul mercato del lavoro, ai cittadini e alle aziende con i quali l Amministrazione Provinciale desidera instaurare o rafforzare un proficuo rapporto di fiducia e collaborazione. provincialavoroeformazione La nostra Guida Pratica ai Servizi mira a creare una rete di contatti consolidati che rendano i Centri per l Impiego e i Servizi al Lavoro della Provincia di Padova gli interlocutori principali e più affidabili per gli Utenti / Clienti, unendo competenze, professionalità e tecnologia alla migliore accoglienza e a un approccio mirato. L obiettivo principale dei Centri per l Impiego è quello di supportare l inserimento nel mondo del lavoro degli individui e la ricerca di personale delle aziende per favorire l incontro tra domanda e offerta di lavoro. Tale obiettivo si è tradotto concretamente con la proposta di nuovi ed innovativi servizi oltre ai tradizionali adempimenti di tipo amministrativo. I servizi attivati dalla Provincia sono rivolti sia alle Persone che alle Imprese, e sono articolati sulla base di un percorso centrato sull utenza e le sue molteplici esigenze. Massimiliano Barison Assessore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova Barbara Degani Presidente della Provincia di Padova 1

4 ai Servizi per l Impiego LA GUIDA PRATICA AI SERVIZI PER L IMPIEGO La Guida Pratica ai Servizi nasce dalla volontà di offrire il maggior numero di risposte alle tante domande che si pone l Utente / Cliente al suo primo approccio con il Centro per l Impiego. Nell ottica del fruitore si è cercato di sanare dubbi e quesiti possibili anticipando uno strumento per orientarsi al migliore utilizzo del servizio. Rispondere a domande in maniera chiara ed esauriente, fornire informazioni pratiche e puntuali e porre con evidenza l Utente / Cliente sempre al centro della missione sono i fini principali del servizio offerto. In un momento così delicato come la ricerca di un nuovo lavoro e in una congiuntura economica tanto peculiare è fondamentale esporre con chiarezza e trasparenza l offerta dei CPI e quindi le finalità di ogni singolo sportello, i servizi offerti e i loro standard di erogazione, le competenze delle risorse impegnate e le strutture messe a disposizione. Seguono i principi ispiratori della Guida: Eguaglianza e imparzialità 2 I servizi dei Centri per l Impiego sono accessibili a tutti, senza distinzione di nazionalità, sesso, razza, lingua e opinioni. Gli operatori garantiscono un comportamento libero da ogni forma di discriminazione e nello svolgimento dei loro compiti vige il principio di pari trattamento tra le diverse aree geografiche di utenza e tra le diverse categorie o fasce di Utenti, con particolare attenzione alle fasce deboli e svantaggiate.

5 provincialavoroeformazione Continuità Il Centro per l Impiego garantisce, nell ambito delle modalità organizzative e logistiche stabilite, la continuità e la regolarità dei servizi erogati. Pertanto i cittadini e le aziende che intendono usufruire dei servizi sono informati relativamente alle sedi di erogazione e agli orari degli sportelli. Partecipazione Per migliorare e avvicinare il servizio alle esigenze concrete dell Utente / Cliente in un ottica di totale trasparenza, è garantita la partecipazione reale dello stesso, attraverso spazi in cui proporre soluzioni migliorative, esprimere il proprio livello di soddisfazione e segnalare disservizi. 3

6 ai Servizi per l Impiego COSA SONO I CENTRI PER L IMPIEGO La Riforma del 1999 che ha condotto al decentramento di competenze dal Ministero del Lavoro alle Province, ha dato vita a un radicale processo di innovazione del Collocamento Pubblico. I nuovi Centri per l Impiego (CPI) hanno abbandonato l impostazione prevalentemente burocratica per orientarsi a nuovi criteri finalizzati al servizio e orientati alle esigenze del Cliente dall analisi del suo bisogno al soddisfacimento dello stesso. I Centri per l Impiego della Provincia sono le strutture qualificate che forniscono informazioni e servizi gratuiti alle persone e alle imprese con l obiettivo di favorire l occupazione e lo sviluppo economico nel nostro territorio. Si offrono come un punto di riferimento per l incontro fra chi cerca e chi offre lavoro o stage, curando altresì chi ha più difficoltà di inserimento al lavoro. Chi cerca lavoro e le imprese che cercano personale sono posti al centro dell attenzione di tutti i servizi erogati, trovando nei CPI un interlocutore affidabile e competente. L intento è quello di andare incontro alle molteplici e varie esigenze di chi si rivolge al Centro per l Impiego con le seguenti missioni: Presa in carico delle persone che cercano lavoro con il patto di servizio offrendo a livello di gruppo o singolarmente il necessario orientamento e gli strumenti per la ricerca attiva nel mercato del lavoro ovvero per adeguare le competenze alle necessità del mercato; Presa in carico delle aziende che intendono assumere fornendo consulenza sia nella predisposizione della vacancy che sulla preselezione dei candidati e sugli eventuali incentivi previsti dai contratti di lavoro e dalla legislazione sociale; Favorire con appropriati servizi di selezione e di promozione l incontro tra domanda e offerta di lavoro sia a livello provinciale che nazionale ed europeo; Supportare le imprese in obbligo per l inserimento lavorativo dei disabili e delle categorie protette. 4

7 provincialavoroeformazione LOCALIZZAZIONE DEI CPI NELLA PROVINCIA DI PADOVA CPI PADOVA Sottopassaggio Saggin, Padova Tel: 049/ Fax: 049/ / CPI ABANO TERME Viale delle Terme, Abano Terme Tel: 049/ Fax: 049/ CPI CAMPOSAMPIERO Piazza Castello, Camposampiero Tel: 049/ Fax: 049/ CPI CITTADELLA Via Galilei, 1 Ang. Borgo Bassano Cittadella Tel: 049/ Fax: 049/ CPI ESTE Ca Pesaro, Este Tel: 0429/2322 Fax: 0429/

8 ai Servizi per l Impiego CPI MONTAGNANA Via S. Benedetto, Montagnana Tel: 0429/81303 Fax: 0429/ CPI PIOVE DI SACCO Vic. Enzo Ferrari, Piove di Sacco Tel: 049/ Fax: 049/ CPI MONSELICE Via Squero, 6/A Monselice Tel: 0429/72171 Fax: 0429/ CPI CONSELVE Via XX Settembre, Conselve Tel: 049/ Fax: 049/

9 provincialavoroeformazione Sportelli Informalavoro comunali convenzionati con la Provincia di Padova INFORMALAVORO - ALBIGNASEGO Via Milano, Albignasego Tel Fax INFORMALAVORO - CADONEGHE Piazza Insurrezione, 4 - Cadoneghe Tel Fax INFORMALAVORO - CARMIGNANO DI BRENTA Piazza Marconi, 1 - Carmignano di Brenta Tel Fax INFORMALAVORO - CASALSERUGO Piazza A. Moro, 1 - Casalserugo Tel Fax INFORMALAVORO - CORREZZOLA Via Garibaldi, 41 - Correzzola Tel Fax INFORMALAVORO - LIMENA Via Roma, 44 - Limena Tel Fax

10 ai Servizi per l Impiego INFORMALAVORO - RUBANO Via Rossi, 11 - Rubano Tel Fax INFORMALAVORO - SELVAZZANO DENTRO Piazza G. Puchetti, 1 - Selvazzano Dentro Tel Fax INFORMALAVORO - TRIBANO Piazza M. della Libertà, 6 - Tribano Tel Fax INFORMALAVORO - PERAGA DI VIGONZA Via Arrigoni, 1 - Peraga di Vigonza Tel Fax INFORMALAVORO - VILLAFRANCA PADOVANA Piazza Marconi, 6 - Villafranca Padovana Tel Fax

11 provincialavoroeformazione SPORTELLI SPECIALI EURES c/o CPI di Padova - Sottopassaggio Saggin, Padova Tel Fax CATEGORIE PROTETTE Sottopassaggio Saggin, Padova Tel Fax UFFICIO APPRENDISTATO Piazza Virgilio Bardella, Padova Tel / / Fax UFFICIO MOBILITÀ E VERTENZE COLLETTIVE Piazza Virgilio Bardella Padova Tel / / Fax IL CENTRO PER L IMPIEGO ON LINE Il nuovo portale del Lavoro e formazione della Provincia di Padova 9

12 ai Servizi per l Impiego I PRINCIPALI SERVIZI PER l IMPIEGO Accoglienza e informazione per l accesso ai servizi A chi è rivolto/soggetti interessati Soggetti in età lavorativa che siano in cerca di prima occupazione (inoccupati) Disoccupati in cerca di occupazione Datori di lavoro che siano alla ricerca di personale Persone che desiderano cambiare lavoro o migliorare la propria posizione lavorativa, valutare l opportunità di aggiornamento Soggetti che chiedono attestazioni o certificazioni Pubbliche Amministrazioni Disabili e categorie protette Descrizione Il servizio di accoglienza costituisce il primo momento di contatto con i cittadini, persone o aziende, interessati ai servizi del Centro per l Impiego. Si concretizza nel fornire informazioni sui servizi erogati in funzione dei bisogni espressi per indirizzare gli utenti ai servizi specialistici più idonei al tipo di richiesta formulata. Viene consegnata la modulistica certificata per l accesso ai servizi e fornite le istruzioni per la compilazione. I servizi disponibili sono: 10 Per Persone e Lavoratori Servizio di iscrizione in elenco anagrafico, rilascio dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro e formulazione patto di servizio

13 provincialavoroeformazione Servizio di orientamento al lavoro Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa e relativa preselezione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa a livello nazionale e dei Paesi U.E. (EURES) e relativa preselezione Servizio di incontro domanda e offerta di stage anche da Paesi dell Unione Europea e relativa preselezione Servizio di iscrizione nelle liste di mobilità Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per iscritti in liste di mobilità e relativa preselezione Servizio di accesso alle selezioni della Pubblica Amministrazione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per Lavori socialmente utili per le P.A. e relativa preselezione, Servizio di iscrizione e inserimento lavorativo per disabili, convenzioni di programma, incontro domanda e offerta di lavoro, stage e relative preselezioni, progetti mirati in collaborazione con i SIL della ULSS della provincia Servizio (badanti e lavoratori domestici) occupazione e servizi alla persona Servizio di rilascio documentazione, attestazioni e certificazioni Per Aziende e Datori di Lavoro Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa e di stage a livello, territoriale, nazionale e dei Paesi U.E. (EURES) e relativa preselezione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per iscritti in liste di mobilità e relativa preselezione Servizio di inserimento lavorativo per disabili, concessione degli incentivi per la loro assunzione, convenzioni di programma e misure alternative Servizio informativo sugli incentivi e sulla nuova contrattualistica previsti dalla normativa in vigore 11

14 ai Servizi per l Impiego Servizio per la ricerca di personale domestico e consulenza contrattuale Per Pubbliche Amministrazioni Servizio per l assunzione di personale in profili che non richiedono il concorso Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per Lavori socialmente utili per le P.A. e relativa preselezione Servizio di inserimento lavorativo per disabili Accesso al servizio Via Web dal nuovo Portale del Lavoro della Provincia di Padova Telefonicamente Presso il Centro per l Impiego di domicilio del lavoratore o dell Azienda Presso gli Sportelli Informalavoro comunali convenzionati con la Provincia 12

15 provincialavoroeformazione Servizio di iscrizione/inserimento in elenco anagrafico con lo stato di disoccupazione e sottoscrizione patto di servizio A chi è rivolto/soggetti interessati Soggetti in età lavorativa che siano in cerca di prima occupazione (inoccupati) Disoccupati in cerca di occupazione Descrizione Il servizio rivolgendosi alle persone in stato di inoccupazione o disoccupazione, previo rilascio della Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID), prevede l iscrizione nell elenco anagrafico gestito dal SILV (Sistema Informativo Lavoro della Regione Veneto); viene stipulato il Patto di Servizio tra utente e CPI (documento riportante, oltre allo status di disoccupazione, gli impegni reciproci del lavoratore e del Centro per l Impiego e informativa sulle regole del mercato del lavoro ai sensi delle DGR n.3721/0 e DGR n.1837/04,). Il servizio prevede anche l erogazione, su richiesta, di attestazioni, di certificazioni e altra documentazione in merito alla posizione occupazionale dell utente. In particolare vengono rilasciati i seguenti documenti: Dichiarazione d iscrizione in lista di mobilità; Dichiarazione dello stato di disoccupazione; Copia della scheda professionale; Accesso agli atti per i quali il lavoratore dichiara di avere un interesse legittimo ovvero un diritto soggettivo da tutelare ai sensi del DPR 445/2000. Documentazione da presentare Documento di identità Codice Fiscale Permesso di soggiorno valido per lavoro (per cittadini extracomunitari) 13

16 ai Servizi per l Impiego 14 Accesso al servizio Presso il Centro per l Impiego di domicilio Presso gli Sportelli Informalavoro comunali convenzionati Via Web sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova SCHEDA INFORMATIVA: LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Definizione dello stato di disoccupazione Lo stato di disoccupazione identifica la condizione di soggetto privo di lavoro, che sia immediatamente disponibile allo svolgimento ed alla ricerca di una attività lavorativa secondo le modalità definite con i servizi competenti. La condizione di disoccupato o inoccupato deve essere comprovata dall interessato mediante presentazione presso il servizio competente da formalizzare con la contestuale dichiarazione di immediata disponibilità. La dichiarazione è resa e sottoscritta dall interessato in presenza dell addetto del CPI o presso gli sportelli Informalavoro convenzionati con la Provincia, o trasmessa a mezzo fax unitamente alla fotocopia del documento d identità dell interessato. In alternativa può essere la procedura on line accedendo al portale del Lavoro della Provincia di Padova. Da questo momento si concretizza l immediata disponibilità, riferita sia allo svolgimento sia alla ricerca di un attività lavorativa secondo modalità definite con i servizi. L immediata disponibilità ad un occupazione è dedotta dalla disponibilità ad accettare una congrua proposta di lavoro. La condizione di ricerca attiva di lavoro è determinata dalla presentazione dell interessato alle convocazioni del CPI. I dati del lavoratore vengono inseriti nell anagrafe generale attraverso la redazione di una scheda anagrafica. All atto dell inserimento, al lavoratore viene attribuita una qualifica professionale che egli stesso dichiara quale qualifica principale. Inoltre per ciascun lavoratore viene redatta a cura dei CPI una scheda professionale nella quale, oltre ai dati contenuti nell elenco anagrafico, vanno trascritte le informazioni relative alle esperienze formative e pro-

17 provincialavoroeformazione fessionali ed alle disponibilità dell interessato. Successivamente si procede al rilascio e alla sottoscrizione del patto di servizio che certifica l inserimento in elenco anagrafico con lo stato di disoccupazione e riporta le regole in vigore. Infine per i lavoratori in mobilità, per coloro che partecipano alle cosiddette politiche attive e per tutti i richiedenti, i servizi sottopongono al lavoratore la sottoscrizione di un Piano di azione individuale (PAI), mediante il quale il lavoratore si impegna a svolgere le attività di ricerca concordate. La regola generale, secondo cui lo stato di disoccupazione si perde in virtù dello svolgimento di una attività lavorativa, tuttavia trova alcune eccezioni fondate sul principio della conservazione dello status di disoccupato quando, pur lavorando, ci ritrova in una delle seguenti fattispecie. A) Il reddito annuale non supera il reddito minimo personale escluso da imposizione ai sensi di legge. Gli importi, ad oggi, sono così determinati: a ) per i redditi da lavoro dipendente o fiscalmente assimilati (ad esempio i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa) la soglia massima è fissata in 8.000,00; b ) per i redditi da impresa o derivanti dall esercizio di professioni, la soglia massima è fissata in 4.800,00; c ) in caso di concorso di più tipologie lavorative il cumulo dei redditi non potrà superare l importo di 8.000,00. Il reddito da considerare è quello acquisito successivamente alla dichiarazione di immediata disponibilità resa al servizio competente e riferito all anno solare in corso ed è desunto da elementi oggettivi (ad es. buste paga o dichiarazioni dei datori di lavoro, autocertificazioni nel caso di lavoro autonomo e di libera professione). Il mancato superamento del reddito minimo personale escluso da imposizione deve essere confermato ogni anno. B) Lo stato di disoccupazione si conserva altresì nel caso di impegno del lavoratore in attività formative o di riqualificazione professionale, di tirocinio, di piano di inserimento professionale, o di altra esperienza professionale, che non comportano l instaurazione di un rapporto di lavoro in forma subordinata, autonoma o associativa. 15

18 ai Servizi per l Impiego Misure a sostegno del lavoratore Per tutelare coloro che vengono a trovarsi senza lavoro per licenziamento o fine lavoro a temine (e in caso di dimissioni solo per giusta causa) la legge prevede una serie di prestazioni a carico dell INPS (indennità ordinaria di disoccupazione, indennità di mobilità, indennità per rimpatriati, indennità per frontalieri/stagionali, indennità in convenzione per attività svolta in altri paesi dell Unione Europea, trattamento speciale edile, indennità una tantum per i somministrati e per i lavoratori a progetto, per gli apprendisti ecc.). Le indennità spettano ai lavoratori dipendenti che vengono a trovarsi involontariamente senza occupazione e possiedono i requisiti di anzianità assicurativa, contributiva o aziendale che la legge stabilisce per ciascuna prestazione. Tutte le indennità si ottengono presentando richiesta anche telematica all INPS (entro i primi sette giorni di disoccupazione e comunque entro il 68 giorni dalla fine del rapporto di lavoro per l indennità di disoccupazione e di mobilità, con scadenze diverse per gli altri trattamenti). Per chi non ha i requisiti per l indennità di disoccupazione ordinaria è prevista una indennità di disoccupazione con i requisiti ridotti da richiedere all INPS entro fine marzo dell anno successivo alla fine del rapporto di lavoro. Per maggiori informazioni, per scaricare la modulistica per trasmettere le domande on line, si veda il sito dell INPS al seguente indirizzo internet: 16

19 provincialavoroeformazione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa A chi è rivolto/soggetti interessati Soggetti in età lavorativa che siano in cerca di prima occupazione (inoccupati) Disoccupati in cerca di occupazione Persone che desiderano cambiare lavoro o migliorare la propria posizione lavorativa, valutare l opportunità di aggiornamento Datori di lavoro che richiedono personale Descrizione Il servizio ha la funzione di favorire l incontro tra chi offre e chi cerca lavoro attraverso un attività di intermediazione tra aziende in cerca di personale e persone in cerca di occupazione. Le aziende che hanno la necessità di nuovo personale o le agenzie per il lavoro convenzionate con la Provincia che cercano nuove risorse umane per i loro clienti, possono avvalersi del servizio inviando una apposita richiesta (mediante il form predisposto) al Centro per l Impiego del proprio territorio (anche via Fax ) o direttamente tramite il nuovo portale lavoro della Provincia di Padova. Per ciascuna richiesta sono previsti i requisiti professionali, le competenze e i titoli richiesti e le condizioni contrattuali proposte. Alle persone in cerca di occupazione sono segnalate opportunità di lavoro adeguate e attinenti al proprio percorso professionale e rispondenti alle proprie aspettative e motivazioni (compatibilmente con le ricerche di personale pervenute). Le richieste di personale delle aziende vengono pubblicate quotidianamente sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova, e settimanalmente presso i Centri per l Impiego, gli Sportelli Informalavoro e nei quotidiani locali. Il Centro per l Impiego accompagna il lavoratore nella ricerca di un occupazione attraverso un colloquio informativo ed eventualmente attraverso colloqui di orientamento lavorativo individuali o di gruppo, per la compilazione del curriculum vitae. Tali informazioni vengo poi inserite 17

20 ai Servizi per l Impiego nel Sistema di Incontro Domanda Offerta regionale IDO e dovranno poi essere aggiornate, o confermate tramite comunicazione formale del lavoratore, ogni 6 mesi, anche on line tramite il nuovo portale del lavoro. Una volta inserito il curriculum nel sistema informativo, l utente può inviare la propria candidatura alle offerte di lavoro pubblicate acquisendo così la priorità nella preselezione. In relazione alle richieste di personale delle aziende e alle candidature ricevute viene svolta la preselezione dei candidati ritenuti più idonei che verranno segnalati all azienda che li contatterà per il colloquio relativo all offerta di lavoro. Le aziende informano mediante l apposito form il Centro per l Impiego circa i risultati dei colloqui svolti e procederà all assunzione dei nominativi scelti o invierà una richiesta di ulteriori candidati. Documentazione da presentare Documento di identità Codice Fiscale Permesso di soggiorno valido (per cittadini extracomunitari) Accesso al servizio Presso il Centro per l Impiego di domicilio Presso gli Sportelli Informalavoro comunali convenzionati con la Provincia Via Web sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova 18

21 provincialavoroeformazione Servizio di incontro domanda e offerta EURES in ambito europeo A chi è rivolto/soggetti interessati Persone interessate ad opportunità di lavoro, formazione, esperienza in aziende e in organismi pubblici e privati, in particolare nei paesi dello Spazio Economico Europeo (SEE) Aziende che cercano profili professionali con particolari competenze (dalle qualifiche più elevate agli operai qualificati) o intendono ospitare stagisti dai Paesi dell U.E.. Il servizio può essere utilizzato anche per il reclutamento a livello nazionale Descrizione EURES è una rete di cooperazione promossa dalla Commissione Europea che mette in contatto i servizi pubblici per l impiego dell Unione Europea e dei paesi appartenenti allo spazio economico europeo per fornire sia vacancies che candidature, utili informazioni su tematiche quali l incontro domandaofferta di lavoro, la diffusione delle offerte in ambito nazionale e comunitario, il reclutamento di figure specializzate e di difficile reperimento, l assistenza personalizzata per l assunzione di personale dall estero e la possibilità di acquisire stagisti dai paesi dell U.E.. Lo scopo è quello di fornire servizi ad imprese e lavoratori ed a qualsiasi cittadino che desideri avvalersi della libera circolazione delle persone. Il servizio EURES ha la finalità di facilitare la libera circolazione dei cittadini dell U.E., pertanto è rivolto a coloro che possiedono la cittadinanza di uno dei Paesi dell U.E.; fornire un servizio di accompagnamento al lavoro per chi è interessato alla mobilità a livello europeo; ampliare le possibilità di reclutamento fornite ai datori di lavoro, assistere le aziende in tema di distacchi dell attività all estero in materia di legislazione sociale e legislazione del lavoro comparato; facilitare esperienze formative. Le principali attività sono: gestione di colloqui conoscitivi del candidato riguardo alla sua formazione, professionalità, competenze linguistiche e motivazione ad andare 19

22 ai Servizi per l Impiego a lavorare all estero e informazioni sulle vacancies, nonché sulle condizioni di vita e di lavoro nei Paesi UE Assistenza alle aziende per preselezione e reclutamento di figure professionali di qualsiasi livello anche con possibilità di stage nonché di rappresentanti e venditori dai Paesi dell U.E. ed anche diffusione delle offerte a livello nazionale; possibilità di reclutare in un altro Paese dell UE il personale necessario all apertura di uffici o unità produttive Pubblicizzazione a livello locale delle offerte di lavoro della rete EURES anche tramite il portale del lavoro della Provincia di Padova Documentazione da presentare Documento di identità che attesti la cittadinanza italiana o di un Paese dell U.E. Accesso al servizio Presso il Centro per l Impiego di Padova Via web sul Portale del lavoro della Provincia di Padova 20

23 provincialavoroeformazione Servizio di promozione di stage o tirocinio A chi è rivolto/soggetti interessati Giovani in cerca di prima occupazione Lavoratori disoccupati, compresi quelli iscritti nelle liste di mobilità Categorie protette, disabili e soggetti svantaggiati Aziende che hanno disponibilità ed interesse ad attivare una esperienza di formazione ed orientamento mirato, a forte valenza professionale, a favore di persone che intendono inserirsi o reinserirsi nel mondo del lavoro Descrizione Il servizio ha la funzione di favorire l incontro tra le persone in cerca di lavoro e interessati a sperimentare una situazione lavorativa in azienda o in enti pubblici, allo scopo sia di permettere al tirocinante di acquisire un esperienza per arricchire il proprio curriculum e di orientarlo nelle scelte lavorative, anche con l obiettivo di favorire una possibile costituzione di un rapporto di lavoro con l azienda ospitante. Il Centro per l Impiego riceve le richieste di tirocinanti delle aziende e le pubblica quotidianamente sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova, e settimanalmente presso i Centri per l Impiego, gli Sportelli Informalavoro convenzionati e nei quotidiani locali. Il Centro per l Impiego accompagna le persone nella ricerca di un tirocinio attraverso un colloquio informativo. Tali informazioni vengono poi inserite nel Sistema di Incontro Domanda Offerta IDO. Gli utenti possono dare la propria disponibilità/candidatura alle offerte di tirocinio Pubblicate le quali saranno segnalate all azienda che li contatterà per il colloquio relativo all offerta di tirocinio. Le aziende informano il Centro per l Impiego dei risultati dei colloqui svolti. Le aziende e il tirocinante stipulano e sottoscrivono presso i Centri per l Impiego di competenza le convenzioni e il progetto individuale di tirocinio. Alla fine del tirocinio vengono verificati i risultati ottenuti in relazione agli obiettivi del tirocinio. 21

24 ai Servizi per l Impiego Documentazione da presentare Documento di identità Codice Fiscale Permesso di soggiorno valido per lavoro (per cittadini extracomunitari) Accesso al servizio: Presso il Centro per l Impiego di domicilio Presso gli Sportelli Informalavoro dei comuni convenzionati con la Provincia Via Web sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova SCHEDA INFORMATIVA: LE REGOLE DELLO STAGE O TIROCINIO Procedure di attivazione L attuazione del tirocinio di formazione ed orientamento è regolata da una convenzione che viene appositamente siglata tra il soggetto promotore (CPI) e l azienda ospitante. In essa vengono stabiliti obblighi e responsabilità che i firmatari si ripartiscono sulla base di un progetto di formazione e orientamento contenente: a ) nominativo e status del tirocinante; b ) obiettivi e modalità di svolgimento del tirocinio; c ) nominativi dei tutor incaricati dal soggetto promotore e dall azienda; d ) estremi posizione INAIL e polizza di responsabilità civile; e ) durata e periodo di svolgimento del tirocinio; f ) area/reparto di inserimento; g ) eventuali facilitazioni offerte al tirocinante. 22 Durata La durata massima del tirocinio è variabile in relazione alla tipologia di tirocinante:

25 provincialavoroeformazione fino a 4 mesi per studenti della scuola media superiore; fino a 6 mesi per allievi di istituti professionali di Stato, formazione professionale, corsi post-diploma e post-laurea; fino a 6 mesi per inoccupati, disoccupati, iscritti in lista di mobilità; fino a 12 mesi per studenti universitari; fino a 12 mesi per soggetti svantaggiati; fino a 24 mesi per disabili. Qualora la durata del tirocinio inizialmente prevista sia stata inferiore a quella massima possibile, al termine del periodo di tirocinio preventivato, l esperienza può essere prolungata, con l accordo di tutte le parti interessate, fino al limite massimo previsto dalla legge per quella categoria di tirocinante. Durante il periodo di proroga continuano a valere le regole generali relative ai tirocini e devono essere pertanto garantiti la copertura assicurativa al tirocinante ed il supporto del tutore esterno e del referente aziendale. Per prolungare l esperienza è necessario che il soggetto promotore ed il datore di lavoro ospitante sottoscrivano una proroga di tirocinio ad integrazione della precedente convenzione e del progetto formativo di orientamento. Numero massimo di tirocinanti che una azienda può ospitare Le Imprese pubbliche e private (comprese associazioni imprenditoriali e organizzazioni sindacali) di tutti i settori possono ospitare contemporaneamente un numero di tirocinanti in relazione al numero di dipendenti (a tempo indeterminato full time e part time) presenti in organico. Al di là delle specificazioni settoriali e territoriali stabilite da circolari e accordi, la regola generale prevede: aziende da 1 a 5 dipendenti a tempo indeterminato possono ospitare 1 tirocinante; aziende da 6 a 19 dipendenti a tempo indeterminato possono ospitare 2 tirocinanti; aziende con oltre 19 dipendenti a tempo indeterminato possono ospitare un numero di tirocinanti pari al 10% dell organico. 23

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli