Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida pratica ai Servizi per l Impiego"

Transcript

1 Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata con il F.S.E Asse II Occupabilità - Rafforzamento dei servizi per il lavoro D.G.R. n del D.D.R N del provincialavoroeformazione Padova - Piazza Bardella, 12 (Centro Direzionale La Cittadella Zona Stanga) T 049/ F 049/

2 I contenuti della Guida sono stati curati dal Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova. A cura di Giorgio Santarello e Livio Bordignon.

3 ai Servizi per l Impiego La Guida Pratica ai Servizi vuole essere uno strumento di orientamento pratico e sintetico destinato a coloro che operano sul mercato del lavoro, ai cittadini e alle aziende con i quali l Amministrazione Provinciale desidera instaurare o rafforzare un proficuo rapporto di fiducia e collaborazione. provincialavoroeformazione La nostra Guida Pratica ai Servizi mira a creare una rete di contatti consolidati che rendano i Centri per l Impiego e i Servizi al Lavoro della Provincia di Padova gli interlocutori principali e più affidabili per gli Utenti / Clienti, unendo competenze, professionalità e tecnologia alla migliore accoglienza e a un approccio mirato. L obiettivo principale dei Centri per l Impiego è quello di supportare l inserimento nel mondo del lavoro degli individui e la ricerca di personale delle aziende per favorire l incontro tra domanda e offerta di lavoro. Tale obiettivo si è tradotto concretamente con la proposta di nuovi ed innovativi servizi oltre ai tradizionali adempimenti di tipo amministrativo. I servizi attivati dalla Provincia sono rivolti sia alle Persone che alle Imprese, e sono articolati sulla base di un percorso centrato sull utenza e le sue molteplici esigenze. Massimiliano Barison Assessore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova Barbara Degani Presidente della Provincia di Padova 1

4 ai Servizi per l Impiego LA GUIDA PRATICA AI SERVIZI PER L IMPIEGO La Guida Pratica ai Servizi nasce dalla volontà di offrire il maggior numero di risposte alle tante domande che si pone l Utente / Cliente al suo primo approccio con il Centro per l Impiego. Nell ottica del fruitore si è cercato di sanare dubbi e quesiti possibili anticipando uno strumento per orientarsi al migliore utilizzo del servizio. Rispondere a domande in maniera chiara ed esauriente, fornire informazioni pratiche e puntuali e porre con evidenza l Utente / Cliente sempre al centro della missione sono i fini principali del servizio offerto. In un momento così delicato come la ricerca di un nuovo lavoro e in una congiuntura economica tanto peculiare è fondamentale esporre con chiarezza e trasparenza l offerta dei CPI e quindi le finalità di ogni singolo sportello, i servizi offerti e i loro standard di erogazione, le competenze delle risorse impegnate e le strutture messe a disposizione. Seguono i principi ispiratori della Guida: Eguaglianza e imparzialità 2 I servizi dei Centri per l Impiego sono accessibili a tutti, senza distinzione di nazionalità, sesso, razza, lingua e opinioni. Gli operatori garantiscono un comportamento libero da ogni forma di discriminazione e nello svolgimento dei loro compiti vige il principio di pari trattamento tra le diverse aree geografiche di utenza e tra le diverse categorie o fasce di Utenti, con particolare attenzione alle fasce deboli e svantaggiate.

5 provincialavoroeformazione Continuità Il Centro per l Impiego garantisce, nell ambito delle modalità organizzative e logistiche stabilite, la continuità e la regolarità dei servizi erogati. Pertanto i cittadini e le aziende che intendono usufruire dei servizi sono informati relativamente alle sedi di erogazione e agli orari degli sportelli. Partecipazione Per migliorare e avvicinare il servizio alle esigenze concrete dell Utente / Cliente in un ottica di totale trasparenza, è garantita la partecipazione reale dello stesso, attraverso spazi in cui proporre soluzioni migliorative, esprimere il proprio livello di soddisfazione e segnalare disservizi. 3

6 ai Servizi per l Impiego COSA SONO I CENTRI PER L IMPIEGO La Riforma del 1999 che ha condotto al decentramento di competenze dal Ministero del Lavoro alle Province, ha dato vita a un radicale processo di innovazione del Collocamento Pubblico. I nuovi Centri per l Impiego (CPI) hanno abbandonato l impostazione prevalentemente burocratica per orientarsi a nuovi criteri finalizzati al servizio e orientati alle esigenze del Cliente dall analisi del suo bisogno al soddisfacimento dello stesso. I Centri per l Impiego della Provincia sono le strutture qualificate che forniscono informazioni e servizi gratuiti alle persone e alle imprese con l obiettivo di favorire l occupazione e lo sviluppo economico nel nostro territorio. Si offrono come un punto di riferimento per l incontro fra chi cerca e chi offre lavoro o stage, curando altresì chi ha più difficoltà di inserimento al lavoro. Chi cerca lavoro e le imprese che cercano personale sono posti al centro dell attenzione di tutti i servizi erogati, trovando nei CPI un interlocutore affidabile e competente. L intento è quello di andare incontro alle molteplici e varie esigenze di chi si rivolge al Centro per l Impiego con le seguenti missioni: Presa in carico delle persone che cercano lavoro con il patto di servizio offrendo a livello di gruppo o singolarmente il necessario orientamento e gli strumenti per la ricerca attiva nel mercato del lavoro ovvero per adeguare le competenze alle necessità del mercato; Presa in carico delle aziende che intendono assumere fornendo consulenza sia nella predisposizione della vacancy che sulla preselezione dei candidati e sugli eventuali incentivi previsti dai contratti di lavoro e dalla legislazione sociale; Favorire con appropriati servizi di selezione e di promozione l incontro tra domanda e offerta di lavoro sia a livello provinciale che nazionale ed europeo; Supportare le imprese in obbligo per l inserimento lavorativo dei disabili e delle categorie protette. 4

7 provincialavoroeformazione LOCALIZZAZIONE DEI CPI NELLA PROVINCIA DI PADOVA CPI PADOVA Sottopassaggio Saggin, Padova Tel: 049/ Fax: 049/ / CPI ABANO TERME Viale delle Terme, Abano Terme Tel: 049/ Fax: 049/ CPI CAMPOSAMPIERO Piazza Castello, Camposampiero Tel: 049/ Fax: 049/ CPI CITTADELLA Via Galilei, 1 Ang. Borgo Bassano Cittadella Tel: 049/ Fax: 049/ CPI ESTE Ca Pesaro, Este Tel: 0429/2322 Fax: 0429/

8 ai Servizi per l Impiego CPI MONTAGNANA Via S. Benedetto, Montagnana Tel: 0429/81303 Fax: 0429/ CPI PIOVE DI SACCO Vic. Enzo Ferrari, Piove di Sacco Tel: 049/ Fax: 049/ CPI MONSELICE Via Squero, 6/A Monselice Tel: 0429/72171 Fax: 0429/ CPI CONSELVE Via XX Settembre, Conselve Tel: 049/ Fax: 049/

9 provincialavoroeformazione Sportelli Informalavoro comunali convenzionati con la Provincia di Padova INFORMALAVORO - ALBIGNASEGO Via Milano, Albignasego Tel Fax INFORMALAVORO - CADONEGHE Piazza Insurrezione, 4 - Cadoneghe Tel Fax INFORMALAVORO - CARMIGNANO DI BRENTA Piazza Marconi, 1 - Carmignano di Brenta Tel Fax INFORMALAVORO - CASALSERUGO Piazza A. Moro, 1 - Casalserugo Tel Fax INFORMALAVORO - CORREZZOLA Via Garibaldi, 41 - Correzzola Tel Fax INFORMALAVORO - LIMENA Via Roma, 44 - Limena Tel Fax

10 ai Servizi per l Impiego INFORMALAVORO - RUBANO Via Rossi, 11 - Rubano Tel Fax INFORMALAVORO - SELVAZZANO DENTRO Piazza G. Puchetti, 1 - Selvazzano Dentro Tel Fax INFORMALAVORO - TRIBANO Piazza M. della Libertà, 6 - Tribano Tel Fax INFORMALAVORO - PERAGA DI VIGONZA Via Arrigoni, 1 - Peraga di Vigonza Tel Fax INFORMALAVORO - VILLAFRANCA PADOVANA Piazza Marconi, 6 - Villafranca Padovana Tel Fax

11 provincialavoroeformazione SPORTELLI SPECIALI EURES c/o CPI di Padova - Sottopassaggio Saggin, Padova Tel Fax CATEGORIE PROTETTE Sottopassaggio Saggin, Padova Tel Fax UFFICIO APPRENDISTATO Piazza Virgilio Bardella, Padova Tel / / Fax UFFICIO MOBILITÀ E VERTENZE COLLETTIVE Piazza Virgilio Bardella Padova Tel / / Fax IL CENTRO PER L IMPIEGO ON LINE Il nuovo portale del Lavoro e formazione della Provincia di Padova 9

12 ai Servizi per l Impiego I PRINCIPALI SERVIZI PER l IMPIEGO Accoglienza e informazione per l accesso ai servizi A chi è rivolto/soggetti interessati Soggetti in età lavorativa che siano in cerca di prima occupazione (inoccupati) Disoccupati in cerca di occupazione Datori di lavoro che siano alla ricerca di personale Persone che desiderano cambiare lavoro o migliorare la propria posizione lavorativa, valutare l opportunità di aggiornamento Soggetti che chiedono attestazioni o certificazioni Pubbliche Amministrazioni Disabili e categorie protette Descrizione Il servizio di accoglienza costituisce il primo momento di contatto con i cittadini, persone o aziende, interessati ai servizi del Centro per l Impiego. Si concretizza nel fornire informazioni sui servizi erogati in funzione dei bisogni espressi per indirizzare gli utenti ai servizi specialistici più idonei al tipo di richiesta formulata. Viene consegnata la modulistica certificata per l accesso ai servizi e fornite le istruzioni per la compilazione. I servizi disponibili sono: 10 Per Persone e Lavoratori Servizio di iscrizione in elenco anagrafico, rilascio dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro e formulazione patto di servizio

13 provincialavoroeformazione Servizio di orientamento al lavoro Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa e relativa preselezione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa a livello nazionale e dei Paesi U.E. (EURES) e relativa preselezione Servizio di incontro domanda e offerta di stage anche da Paesi dell Unione Europea e relativa preselezione Servizio di iscrizione nelle liste di mobilità Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per iscritti in liste di mobilità e relativa preselezione Servizio di accesso alle selezioni della Pubblica Amministrazione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per Lavori socialmente utili per le P.A. e relativa preselezione, Servizio di iscrizione e inserimento lavorativo per disabili, convenzioni di programma, incontro domanda e offerta di lavoro, stage e relative preselezioni, progetti mirati in collaborazione con i SIL della ULSS della provincia Servizio (badanti e lavoratori domestici) occupazione e servizi alla persona Servizio di rilascio documentazione, attestazioni e certificazioni Per Aziende e Datori di Lavoro Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa e di stage a livello, territoriale, nazionale e dei Paesi U.E. (EURES) e relativa preselezione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per iscritti in liste di mobilità e relativa preselezione Servizio di inserimento lavorativo per disabili, concessione degli incentivi per la loro assunzione, convenzioni di programma e misure alternative Servizio informativo sugli incentivi e sulla nuova contrattualistica previsti dalla normativa in vigore 11

14 ai Servizi per l Impiego Servizio per la ricerca di personale domestico e consulenza contrattuale Per Pubbliche Amministrazioni Servizio per l assunzione di personale in profili che non richiedono il concorso Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa per Lavori socialmente utili per le P.A. e relativa preselezione Servizio di inserimento lavorativo per disabili Accesso al servizio Via Web dal nuovo Portale del Lavoro della Provincia di Padova Telefonicamente Presso il Centro per l Impiego di domicilio del lavoratore o dell Azienda Presso gli Sportelli Informalavoro comunali convenzionati con la Provincia 12

15 provincialavoroeformazione Servizio di iscrizione/inserimento in elenco anagrafico con lo stato di disoccupazione e sottoscrizione patto di servizio A chi è rivolto/soggetti interessati Soggetti in età lavorativa che siano in cerca di prima occupazione (inoccupati) Disoccupati in cerca di occupazione Descrizione Il servizio rivolgendosi alle persone in stato di inoccupazione o disoccupazione, previo rilascio della Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID), prevede l iscrizione nell elenco anagrafico gestito dal SILV (Sistema Informativo Lavoro della Regione Veneto); viene stipulato il Patto di Servizio tra utente e CPI (documento riportante, oltre allo status di disoccupazione, gli impegni reciproci del lavoratore e del Centro per l Impiego e informativa sulle regole del mercato del lavoro ai sensi delle DGR n.3721/0 e DGR n.1837/04,). Il servizio prevede anche l erogazione, su richiesta, di attestazioni, di certificazioni e altra documentazione in merito alla posizione occupazionale dell utente. In particolare vengono rilasciati i seguenti documenti: Dichiarazione d iscrizione in lista di mobilità; Dichiarazione dello stato di disoccupazione; Copia della scheda professionale; Accesso agli atti per i quali il lavoratore dichiara di avere un interesse legittimo ovvero un diritto soggettivo da tutelare ai sensi del DPR 445/2000. Documentazione da presentare Documento di identità Codice Fiscale Permesso di soggiorno valido per lavoro (per cittadini extracomunitari) 13

16 ai Servizi per l Impiego 14 Accesso al servizio Presso il Centro per l Impiego di domicilio Presso gli Sportelli Informalavoro comunali convenzionati Via Web sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova SCHEDA INFORMATIVA: LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Definizione dello stato di disoccupazione Lo stato di disoccupazione identifica la condizione di soggetto privo di lavoro, che sia immediatamente disponibile allo svolgimento ed alla ricerca di una attività lavorativa secondo le modalità definite con i servizi competenti. La condizione di disoccupato o inoccupato deve essere comprovata dall interessato mediante presentazione presso il servizio competente da formalizzare con la contestuale dichiarazione di immediata disponibilità. La dichiarazione è resa e sottoscritta dall interessato in presenza dell addetto del CPI o presso gli sportelli Informalavoro convenzionati con la Provincia, o trasmessa a mezzo fax unitamente alla fotocopia del documento d identità dell interessato. In alternativa può essere la procedura on line accedendo al portale del Lavoro della Provincia di Padova. Da questo momento si concretizza l immediata disponibilità, riferita sia allo svolgimento sia alla ricerca di un attività lavorativa secondo modalità definite con i servizi. L immediata disponibilità ad un occupazione è dedotta dalla disponibilità ad accettare una congrua proposta di lavoro. La condizione di ricerca attiva di lavoro è determinata dalla presentazione dell interessato alle convocazioni del CPI. I dati del lavoratore vengono inseriti nell anagrafe generale attraverso la redazione di una scheda anagrafica. All atto dell inserimento, al lavoratore viene attribuita una qualifica professionale che egli stesso dichiara quale qualifica principale. Inoltre per ciascun lavoratore viene redatta a cura dei CPI una scheda professionale nella quale, oltre ai dati contenuti nell elenco anagrafico, vanno trascritte le informazioni relative alle esperienze formative e pro-

17 provincialavoroeformazione fessionali ed alle disponibilità dell interessato. Successivamente si procede al rilascio e alla sottoscrizione del patto di servizio che certifica l inserimento in elenco anagrafico con lo stato di disoccupazione e riporta le regole in vigore. Infine per i lavoratori in mobilità, per coloro che partecipano alle cosiddette politiche attive e per tutti i richiedenti, i servizi sottopongono al lavoratore la sottoscrizione di un Piano di azione individuale (PAI), mediante il quale il lavoratore si impegna a svolgere le attività di ricerca concordate. La regola generale, secondo cui lo stato di disoccupazione si perde in virtù dello svolgimento di una attività lavorativa, tuttavia trova alcune eccezioni fondate sul principio della conservazione dello status di disoccupato quando, pur lavorando, ci ritrova in una delle seguenti fattispecie. A) Il reddito annuale non supera il reddito minimo personale escluso da imposizione ai sensi di legge. Gli importi, ad oggi, sono così determinati: a ) per i redditi da lavoro dipendente o fiscalmente assimilati (ad esempio i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa) la soglia massima è fissata in 8.000,00; b ) per i redditi da impresa o derivanti dall esercizio di professioni, la soglia massima è fissata in 4.800,00; c ) in caso di concorso di più tipologie lavorative il cumulo dei redditi non potrà superare l importo di 8.000,00. Il reddito da considerare è quello acquisito successivamente alla dichiarazione di immediata disponibilità resa al servizio competente e riferito all anno solare in corso ed è desunto da elementi oggettivi (ad es. buste paga o dichiarazioni dei datori di lavoro, autocertificazioni nel caso di lavoro autonomo e di libera professione). Il mancato superamento del reddito minimo personale escluso da imposizione deve essere confermato ogni anno. B) Lo stato di disoccupazione si conserva altresì nel caso di impegno del lavoratore in attività formative o di riqualificazione professionale, di tirocinio, di piano di inserimento professionale, o di altra esperienza professionale, che non comportano l instaurazione di un rapporto di lavoro in forma subordinata, autonoma o associativa. 15

18 ai Servizi per l Impiego Misure a sostegno del lavoratore Per tutelare coloro che vengono a trovarsi senza lavoro per licenziamento o fine lavoro a temine (e in caso di dimissioni solo per giusta causa) la legge prevede una serie di prestazioni a carico dell INPS (indennità ordinaria di disoccupazione, indennità di mobilità, indennità per rimpatriati, indennità per frontalieri/stagionali, indennità in convenzione per attività svolta in altri paesi dell Unione Europea, trattamento speciale edile, indennità una tantum per i somministrati e per i lavoratori a progetto, per gli apprendisti ecc.). Le indennità spettano ai lavoratori dipendenti che vengono a trovarsi involontariamente senza occupazione e possiedono i requisiti di anzianità assicurativa, contributiva o aziendale che la legge stabilisce per ciascuna prestazione. Tutte le indennità si ottengono presentando richiesta anche telematica all INPS (entro i primi sette giorni di disoccupazione e comunque entro il 68 giorni dalla fine del rapporto di lavoro per l indennità di disoccupazione e di mobilità, con scadenze diverse per gli altri trattamenti). Per chi non ha i requisiti per l indennità di disoccupazione ordinaria è prevista una indennità di disoccupazione con i requisiti ridotti da richiedere all INPS entro fine marzo dell anno successivo alla fine del rapporto di lavoro. Per maggiori informazioni, per scaricare la modulistica per trasmettere le domande on line, si veda il sito dell INPS al seguente indirizzo internet: 16

19 provincialavoroeformazione Servizio di incontro domanda e offerta lavorativa A chi è rivolto/soggetti interessati Soggetti in età lavorativa che siano in cerca di prima occupazione (inoccupati) Disoccupati in cerca di occupazione Persone che desiderano cambiare lavoro o migliorare la propria posizione lavorativa, valutare l opportunità di aggiornamento Datori di lavoro che richiedono personale Descrizione Il servizio ha la funzione di favorire l incontro tra chi offre e chi cerca lavoro attraverso un attività di intermediazione tra aziende in cerca di personale e persone in cerca di occupazione. Le aziende che hanno la necessità di nuovo personale o le agenzie per il lavoro convenzionate con la Provincia che cercano nuove risorse umane per i loro clienti, possono avvalersi del servizio inviando una apposita richiesta (mediante il form predisposto) al Centro per l Impiego del proprio territorio (anche via Fax ) o direttamente tramite il nuovo portale lavoro della Provincia di Padova. Per ciascuna richiesta sono previsti i requisiti professionali, le competenze e i titoli richiesti e le condizioni contrattuali proposte. Alle persone in cerca di occupazione sono segnalate opportunità di lavoro adeguate e attinenti al proprio percorso professionale e rispondenti alle proprie aspettative e motivazioni (compatibilmente con le ricerche di personale pervenute). Le richieste di personale delle aziende vengono pubblicate quotidianamente sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova, e settimanalmente presso i Centri per l Impiego, gli Sportelli Informalavoro e nei quotidiani locali. Il Centro per l Impiego accompagna il lavoratore nella ricerca di un occupazione attraverso un colloquio informativo ed eventualmente attraverso colloqui di orientamento lavorativo individuali o di gruppo, per la compilazione del curriculum vitae. Tali informazioni vengo poi inserite 17

20 ai Servizi per l Impiego nel Sistema di Incontro Domanda Offerta regionale IDO e dovranno poi essere aggiornate, o confermate tramite comunicazione formale del lavoratore, ogni 6 mesi, anche on line tramite il nuovo portale del lavoro. Una volta inserito il curriculum nel sistema informativo, l utente può inviare la propria candidatura alle offerte di lavoro pubblicate acquisendo così la priorità nella preselezione. In relazione alle richieste di personale delle aziende e alle candidature ricevute viene svolta la preselezione dei candidati ritenuti più idonei che verranno segnalati all azienda che li contatterà per il colloquio relativo all offerta di lavoro. Le aziende informano mediante l apposito form il Centro per l Impiego circa i risultati dei colloqui svolti e procederà all assunzione dei nominativi scelti o invierà una richiesta di ulteriori candidati. Documentazione da presentare Documento di identità Codice Fiscale Permesso di soggiorno valido (per cittadini extracomunitari) Accesso al servizio Presso il Centro per l Impiego di domicilio Presso gli Sportelli Informalavoro comunali convenzionati con la Provincia Via Web sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova 18

21 provincialavoroeformazione Servizio di incontro domanda e offerta EURES in ambito europeo A chi è rivolto/soggetti interessati Persone interessate ad opportunità di lavoro, formazione, esperienza in aziende e in organismi pubblici e privati, in particolare nei paesi dello Spazio Economico Europeo (SEE) Aziende che cercano profili professionali con particolari competenze (dalle qualifiche più elevate agli operai qualificati) o intendono ospitare stagisti dai Paesi dell U.E.. Il servizio può essere utilizzato anche per il reclutamento a livello nazionale Descrizione EURES è una rete di cooperazione promossa dalla Commissione Europea che mette in contatto i servizi pubblici per l impiego dell Unione Europea e dei paesi appartenenti allo spazio economico europeo per fornire sia vacancies che candidature, utili informazioni su tematiche quali l incontro domandaofferta di lavoro, la diffusione delle offerte in ambito nazionale e comunitario, il reclutamento di figure specializzate e di difficile reperimento, l assistenza personalizzata per l assunzione di personale dall estero e la possibilità di acquisire stagisti dai paesi dell U.E.. Lo scopo è quello di fornire servizi ad imprese e lavoratori ed a qualsiasi cittadino che desideri avvalersi della libera circolazione delle persone. Il servizio EURES ha la finalità di facilitare la libera circolazione dei cittadini dell U.E., pertanto è rivolto a coloro che possiedono la cittadinanza di uno dei Paesi dell U.E.; fornire un servizio di accompagnamento al lavoro per chi è interessato alla mobilità a livello europeo; ampliare le possibilità di reclutamento fornite ai datori di lavoro, assistere le aziende in tema di distacchi dell attività all estero in materia di legislazione sociale e legislazione del lavoro comparato; facilitare esperienze formative. Le principali attività sono: gestione di colloqui conoscitivi del candidato riguardo alla sua formazione, professionalità, competenze linguistiche e motivazione ad andare 19

22 ai Servizi per l Impiego a lavorare all estero e informazioni sulle vacancies, nonché sulle condizioni di vita e di lavoro nei Paesi UE Assistenza alle aziende per preselezione e reclutamento di figure professionali di qualsiasi livello anche con possibilità di stage nonché di rappresentanti e venditori dai Paesi dell U.E. ed anche diffusione delle offerte a livello nazionale; possibilità di reclutare in un altro Paese dell UE il personale necessario all apertura di uffici o unità produttive Pubblicizzazione a livello locale delle offerte di lavoro della rete EURES anche tramite il portale del lavoro della Provincia di Padova Documentazione da presentare Documento di identità che attesti la cittadinanza italiana o di un Paese dell U.E. Accesso al servizio Presso il Centro per l Impiego di Padova Via web sul Portale del lavoro della Provincia di Padova 20

23 provincialavoroeformazione Servizio di promozione di stage o tirocinio A chi è rivolto/soggetti interessati Giovani in cerca di prima occupazione Lavoratori disoccupati, compresi quelli iscritti nelle liste di mobilità Categorie protette, disabili e soggetti svantaggiati Aziende che hanno disponibilità ed interesse ad attivare una esperienza di formazione ed orientamento mirato, a forte valenza professionale, a favore di persone che intendono inserirsi o reinserirsi nel mondo del lavoro Descrizione Il servizio ha la funzione di favorire l incontro tra le persone in cerca di lavoro e interessati a sperimentare una situazione lavorativa in azienda o in enti pubblici, allo scopo sia di permettere al tirocinante di acquisire un esperienza per arricchire il proprio curriculum e di orientarlo nelle scelte lavorative, anche con l obiettivo di favorire una possibile costituzione di un rapporto di lavoro con l azienda ospitante. Il Centro per l Impiego riceve le richieste di tirocinanti delle aziende e le pubblica quotidianamente sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova, e settimanalmente presso i Centri per l Impiego, gli Sportelli Informalavoro convenzionati e nei quotidiani locali. Il Centro per l Impiego accompagna le persone nella ricerca di un tirocinio attraverso un colloquio informativo. Tali informazioni vengono poi inserite nel Sistema di Incontro Domanda Offerta IDO. Gli utenti possono dare la propria disponibilità/candidatura alle offerte di tirocinio Pubblicate le quali saranno segnalate all azienda che li contatterà per il colloquio relativo all offerta di tirocinio. Le aziende informano il Centro per l Impiego dei risultati dei colloqui svolti. Le aziende e il tirocinante stipulano e sottoscrivono presso i Centri per l Impiego di competenza le convenzioni e il progetto individuale di tirocinio. Alla fine del tirocinio vengono verificati i risultati ottenuti in relazione agli obiettivi del tirocinio. 21

24 ai Servizi per l Impiego Documentazione da presentare Documento di identità Codice Fiscale Permesso di soggiorno valido per lavoro (per cittadini extracomunitari) Accesso al servizio: Presso il Centro per l Impiego di domicilio Presso gli Sportelli Informalavoro dei comuni convenzionati con la Provincia Via Web sul Portale del Lavoro della Provincia di Padova SCHEDA INFORMATIVA: LE REGOLE DELLO STAGE O TIROCINIO Procedure di attivazione L attuazione del tirocinio di formazione ed orientamento è regolata da una convenzione che viene appositamente siglata tra il soggetto promotore (CPI) e l azienda ospitante. In essa vengono stabiliti obblighi e responsabilità che i firmatari si ripartiscono sulla base di un progetto di formazione e orientamento contenente: a ) nominativo e status del tirocinante; b ) obiettivi e modalità di svolgimento del tirocinio; c ) nominativi dei tutor incaricati dal soggetto promotore e dall azienda; d ) estremi posizione INAIL e polizza di responsabilità civile; e ) durata e periodo di svolgimento del tirocinio; f ) area/reparto di inserimento; g ) eventuali facilitazioni offerte al tirocinante. 22 Durata La durata massima del tirocinio è variabile in relazione alla tipologia di tirocinante:

25 provincialavoroeformazione fino a 4 mesi per studenti della scuola media superiore; fino a 6 mesi per allievi di istituti professionali di Stato, formazione professionale, corsi post-diploma e post-laurea; fino a 6 mesi per inoccupati, disoccupati, iscritti in lista di mobilità; fino a 12 mesi per studenti universitari; fino a 12 mesi per soggetti svantaggiati; fino a 24 mesi per disabili. Qualora la durata del tirocinio inizialmente prevista sia stata inferiore a quella massima possibile, al termine del periodo di tirocinio preventivato, l esperienza può essere prolungata, con l accordo di tutte le parti interessate, fino al limite massimo previsto dalla legge per quella categoria di tirocinante. Durante il periodo di proroga continuano a valere le regole generali relative ai tirocini e devono essere pertanto garantiti la copertura assicurativa al tirocinante ed il supporto del tutore esterno e del referente aziendale. Per prolungare l esperienza è necessario che il soggetto promotore ed il datore di lavoro ospitante sottoscrivano una proroga di tirocinio ad integrazione della precedente convenzione e del progetto formativo di orientamento. Numero massimo di tirocinanti che una azienda può ospitare Le Imprese pubbliche e private (comprese associazioni imprenditoriali e organizzazioni sindacali) di tutti i settori possono ospitare contemporaneamente un numero di tirocinanti in relazione al numero di dipendenti (a tempo indeterminato full time e part time) presenti in organico. Al di là delle specificazioni settoriali e territoriali stabilite da circolari e accordi, la regola generale prevede: aziende da 1 a 5 dipendenti a tempo indeterminato possono ospitare 1 tirocinante; aziende da 6 a 19 dipendenti a tempo indeterminato possono ospitare 2 tirocinanti; aziende con oltre 19 dipendenti a tempo indeterminato possono ospitare un numero di tirocinanti pari al 10% dell organico. 23

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova Punto di partenza - Crisi economica del Mercato del Lavoro (utenza aumentata

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI AdIM News testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sala Consilina (SA) al R.G. N. 3/05 del 14.12.05 Finalità Destinatari Attuatori/Beneficiari Scadenza 31 dicembre 2015 La Regione Campania

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Prima ancora di entrare nel dettaglio, occupandoci degli aspetti di preselezione e monitoraggio di competenza degli Operatori Centri

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap.

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap. NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP Come sapete, da settembre è attivo lo SPORTELLO HANDICAP (aperto tutte le mattine dal lun. al ven. dalle 9.30 alle 12.30, tel 0415491226) il quale ha come scopo principale

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15 Federico CONTI Genova 07 Aprile 2016 Employers Day Azioni di sostegno per l attuazione sul territorio delle politiche del lavoro

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 DEL 21/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2009, n. 100-12934 LR 34/08 artt.38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE LAVORO SERVIZIO COMMISSIONE PROVINCIALE TRIPARTITA Via S. Anna II Tronco Spirito Santo Tel.

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE LAVORO SERVIZIO COMMISSIONE PROVINCIALE TRIPARTITA Via S. Anna II Tronco Spirito Santo Tel. Reg. / PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE LAVORO SERVIZIO COMMISSIONE PROVINCIALE TRIPARTITA Via S. Anna II Tronco Spirito Santo Tel. 0965-364806 CONVENZIONE con i datori di lavoro privati ai sensi dell

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO 2 sommario Introduzione pag. 4 Centri per l impiego pag. 6 Agenzie per il lavoro pag. 12 Informagiovani pag. 14 Altri operatori pag. 15 Borsa continua nazionale del lavoro pag.

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

FAQ. Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015.

FAQ. Avviso Pubblico Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. FAQ Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. Chiarimenti in merito ai requisiti per presentare l adesione dei disoccupati

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 Centro per l Impiego di M O R L U P O Centro per l Impiego di Morlupo Via San Michele 87-89 telefono : 06/9072763 fax: 06/90192776 e-mail : impiego.morlupo@provincia.roma.it

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER A FRONTE DI PRESTAZIONI LAVORATIVE SVOLTE PER IL COMUNE DI PASSIRANO

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER A FRONTE DI PRESTAZIONI LAVORATIVE SVOLTE PER IL COMUNE DI PASSIRANO BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER A FRONTE DI PRESTAZIONI LAVORATIVE SVOLTE PER IL COMUNE DI PASSIRANO 1) Norme generali e finalità dell intervento Il Comune di Passirano intende ricercare personale disponibile

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER LA RICERCA,SELEZIONE ED. Il C.S.A.- Consorzio Servizi Avanzati S.C.p.a. (di seguito, C.S.A.

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER LA RICERCA,SELEZIONE ED. Il C.S.A.- Consorzio Servizi Avanzati S.C.p.a. (di seguito, C.S.A. ART. 18 L. 133/2008 REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER LA RICERCA,SELEZIONE ED ACQUISIZIONE DEL PERSONALE. Premesso che, Il C.S.A.- Consorzio Servizi Avanzati S.C.p.a. (di seguito, C.S.A. ovvero Società consortile)

Dettagli

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 Rev 1 1 di 14 Indice Presentazione...3 Erogazione servizi essenziali...4 Colloquio di orientamento...4

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE INDICE Premessa art. 1 Ambito di applicazione art. 2 Pari opportunità e protezione dati personali art. 3 Categorie protette art. 4 Tipologie di contratti art. 5

Dettagli

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Timbro aziendale Bollo 16,00 euro ALLA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Avviso per la Concessione di Contributi

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale Indice PAG. 1. Procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale 2 2. Principi generali 2 3. Avvio della procedura 3 4. Pubblicizzazione della procedura 3 5. Selezione del personale a mezzo di

Dettagli

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie Piemonte di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 25/2013 la deliberazione della Giunta regionale n. 74 5911 del 3 giugno

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI - Servizio 1 Lavoro Servizi per l Impiego Viale R. Vignali, 14-00173 Roma CIRCOLARE N 2/C/2004

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI - Servizio 1 Lavoro Servizi per l Impiego Viale R. Vignali, 14-00173 Roma CIRCOLARE N 2/C/2004 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI - Servizio 1 Lavoro Servizi per l Impiego Viale R. Vignali, 14-00173 Roma CIRCOLARE N 2/C/2004 In attesa della emanazione da parte della Regione Lazio degli atti normativi

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario FAQ DID e PSP Ultimo aggiornamento 10.05.2016 NOTA BENE. Le seguenti FAQ sono soggette a continui aggiornamenti. Si invitano pertanto gli operatori a consultare periodicamente Cruscotto Lavoro per verificare

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, legge 68/99 in enti pubblici Il giorno I

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287 REGOLAMENTO per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento di incarichi professionali e collaborazioni (adottato ai sensi della Direttiva C-II DGR n. 258 del 05/03/2013 e successive

Dettagli

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 FAQ FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 D.1 Dopo aver aderito al Piano Alitalia cosa accade in caso di rifiuto a partecipare alle iniziative di politica attiva o a un

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Regione Puglia Provincia di Lecce Assessorato al Lavoro PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale AVVISO PROVINCIALE PROGRAMMA P.A.R.I 2007 Programma d Azione per il Re-Impiego

Dettagli

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO Torino, 29/01/03 STRUTTURA MITTENTE: NA4 Segreteria IR/*of ALLEGATI: Prot. N. Ai Responsabili dei C.P.I. Ai Responsabili

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI

IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI REGIONE CAMPANIA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI IN REGIONE CAMPANIA Regolamento Regionale 2 Aprile 2010, N. 9 modificato

Dettagli

BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO

BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO Art. 1 SCOPI Nell ambito delle politiche di internazionalizzazione dell Ateneo ed al fine di incentivare

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense. Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense. Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino BANDO FONDO SOCIALE PER AFFITTO ANNO 2011 IL RESPONSABILE DEL SETTORE

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, AGENZIA REGIONALE PER L IMPIEGO E PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Ufficio Provinciale del Lavoro e della Massima Occupazione

Dettagli

FORTES Impresa Sociale Srl is based on the principles of Corporate Social Responsibility (CSR)

FORTES Impresa Sociale Srl is based on the principles of Corporate Social Responsibility (CSR) Regione del Veneto Direzione Regionale Lavoro POR FSE 2007-2013 Ob. Competitività Regionale e Occupazione Asse V INTERREGIONALITA E TRANSNAZIONALITA Categoria di Intervento 80 DGR n. 875 del 04/06/2013

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA ALLEGATO 2 CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA (Inserire denominazione/ragione sociale del soggetto promotore)...... di seguito denominato «soggetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro INCENTIVI OCCUPAZIONALI - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro JOBS ACT Nuove assunzioni a tempo indeterminato con CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: - sgravio contributivo

Dettagli

2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno. 3. Lavoratori all estero: stabilite le retribuzioni convenzionali 2007

2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno. 3. Lavoratori all estero: stabilite le retribuzioni convenzionali 2007 Notiziario n. 2/2007 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI 8 marzo 2007 1. Ingresso stranieri: nuove procedure 2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno 3. Lavoratori all estero: stabilite

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE

REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE Approvato con delibera dell Amministratore Unico n. 40 del 17 ottobre 2013 INDICE Articolo 1 Criteri Generali Pag. 2 Articolo 2 Individuazione delle

Dettagli

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo 6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE:

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli