IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini"

Transcript

1 IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1

2 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA MOLTO IMPORTANTE CHE PUO CREARE VALORE PER GLI AZIONISTI E CONTRIBUIRE AL CONSOLIDAMENTO DI UNA STORIA DI SUCCESSO AZIENDALE. QUOTARSI IN BORSA NON SIGNIFICA SOLO ACCEDERE AD UN NUOVO CANALE DI FINANZIAMENTO: CON LA QUOTAZIONE PRENDE AVVIO UN PROCESSO CHE MODIFICA SIA IL SISTEMA PROPRIETARIO E MANAGERIALE, SIA I RAPPORTI CON CLIENTI, FORNITORI, DIPENDENTI E CON L AMBIENTE FINANZIARIO IN GENERE. 2

3 VANTAGGI DELLA QUOTAZIONE ANCHE SE I BENEFICI POSSONO ESSERE DIVERSI PER OGNI REALTA IMPRENDITORIALE, E POSSIBILE IDENTIFICARE UNA SERIE DI VANTAGGI DI CARATTERE GENERALE RICONDUCIBILI ALLA DECISIONE DI QUOTARSI 1. PIU SOLIDITA ALLA STRUTTURA FINANZIARIA; 2. NUOVI CAPITALI PER FINANZIARE I PROGETTI DI CRESCITA; 3. UNA MIGLIORE IMMAGINE AZIENDALE; 4. MANAGER PIU QUALIFICATI; 5. TRASFORMAZIONE DELLA PROPRIETA DELL IMPRESA; 6. VANTAGGI FISCALI 3

4 ONERI DELLA QUOTAZIONE LA QUOTAZIONE DI BORSA COMPORTA ANCHE UNA SERIE DI ONERI CHE VANNO ATTENTAMENTE VALUTATI PRIMA DI COMPIERE LA SCELTA 1. SIGNIFICATIVO CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO, OPERATIVO E MANAGERIALE; 2. DILUIZIONE DELLA PROPRIETA (PERDITA DEL CARATTERE FAMIGLIARE DELL AZIENDA); 3. COSTI DELLA SCELTA; 4. ACCURATEZZA DELLE PREVISIONI; 5. E IL MERCATO CHE FA IL PREZZO 4

5 COSTI DEL CONSORZIO SPESE LEGALI SOCIETA DI COMUNICAZIONE SOCIETA DI REVISIONE ROAD SHOW ALTRI COSTI (STAMPA, ECC.) COSTO DELLA QUOTAZIONE 2%-4% DEL CONTROVALORE COLLOCATO EURO EURO EURO EURO EURO CIRCA BORSA ITALAINA 75 EURO OGNI EURO DI CAP. (MIN EURO) CONSOB 2 per mille DELL OFFERTA PUBBLICA 5

6 MERCATI BORSISTICI BORSA ITALIANA S.P.A. COVERED WARRANTS AZIONARIO REDDITO FISSO DERIVATI BORSA/STAR NUOVO MERCATO 6

7 BORSA E NUOVO MERCATO LA SCELTA TRA BORSA E NUOVO MERCATO DIPENDE DA VARI FATTORI, I PRINCIPALI DEI QUALI SONO: BORSA NUOVO MERCATO - SETTORI TRADIZIONALI - SETTORI TECNOLOGICI (INTERNET, E-COMMERCE) - TRACK RECORD DI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI POSITIVO - NUOVA COSTITUZIONE, CON FORTI PROSPETTIVE DI CRESCITA - MARGINI ELEVATI E SOSTENIBILI - START UP IN MERCATI NUOVI E INNOVATIVI - POSIZIONE DI MERCATO CONSOLIDATA - QUALITA E CONTINUITA DEL MANAGEMENT - MANAGER-FONDATORI CHE CERCANO PARTNER PER PIANI DI SVILUPPO 7

8 REQUISITI PER L ACCESSO AL MERCATO BORSA NUOVO MERCATO - STORIA OPERATIVA 3 ANNI 1 ANNO - CAPITALIZZAZIONE DI MERCATO 5 MILIONI DI EURO - - FLOTTANTE 25% 20% - BILANCI PUBBLICATI 3 1 -BILANCI REVISIONATI OFFERTA MINIMA - 5 MILIONI DI EURO - CLAUSOLA DI LOCK- IN - SI - SPECIALIST NO SI - SPONSOR SI SI 8

9 REQUISITI PER L ACCESSO AL SEGMENTO STAR - FLOTTANTE 35% PER LE NUOVE EMITTENTI - SPECIALIST OBBLIGATORIO - INVESTOR RELATOR OBBLIGATORIO - BILANCI PUBBLICAZIONE ANCHE IN INGLESE E SUL SITO INTERNET, PUBBLICAZIONE DELLE TRIMESTRALI ENTRO 45 GG - RICERCHE E ROAD SHOW ALMENO DUE RICERCHE PUBBLICATE ALL ANNO; ALMENO DUE PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI ALL ANNO - CORPORATE GOVERNANCE ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA 9

10 GLI ATTORI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE: BORSA ITALIANA S.P.A. UNA SOCIETA INTENZIONATA A QUOTARSI PUO INCONTRARE I RAPPRESENTANTI DI BORSA ITALIANA INFORMALMENTE E IN VIA ESPLORATIVA AL FINE DI RICEVERE DELUCIDAZIONI IN MERITO ALLA PROCEDURA DA SEGUIRE. QUESTI INCONTRI RIMANGONO DEL TUTTO RISERVATI E NON COSTITUISCONO ALCUN VINCOLO PER L IMPRENDITORE. 10

11 GLI ATTORI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE: L ADVISOR SI TRATTA DEL CONSULENTE FINANZIARIO SPECIALIZZATO CHE SI OCCUPA DELLA FASE PREPARATORIA DELLA QUOTAZIONE. SI OCCUPA DI: - CARATTERISTICHE TITOLI DA EMETTERE; - RAPPORTI CON GLI ORGANISMI DI MERCATO; -REALIZZAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO; - PROMOZIONE DELL IMMAGINE AZIENDALE PRESSO ANALISTI, INTERMEDIARI FINANZIARI, ORGANI DI STAMPA; - VALUTARE ATTRAVERSO APPROPRIATI METODI DI VALUTAZIONE IL VALORE DI RIFERIMENTO DELL AZIENDA CHE RAPPRESENTA UN PRIMO ORIENTAMENTO DELLA FISSAZIONE DEL PREZZO DI VENDITA E DEL VALORE DI BASE PER LA NEGOZIAZIONE DEL PREZZO DI COLLOCAMENTO. 11

12 GLI ATTORI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE: LO SPONSOR SI TRATTA DI UN INTERMEDIARIO FINANZIARIO CHE ACCOMPAGNA L IMPRESA SIA NELLA FASE DI PREPARAZIONE ALLA QUOTAZIONE CHE DURANTE IL PRIMO PERIODO DI PERMANENZA SUL MERCATO. DURANTE LA PREPARAZIONE ALLA QUOTAZIONE - FUNZIONE INFORMATIVA VERSO BORSA ITALIANA; - ATTESTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLE PROCEDURE CONTABILI ED AMMINISTRATIVE DELL EMITTENTE; - FUNZIONE INFORMATIVA VERSO IL MANAGEMENT CIRCA GLI OBBLIGHI CHE DERIVANO DALLA QUOTAZIONE DI BORSA. DOPO LA QUOTAZIONE - PUBBLICAZIONE ANALISI FINANZIARIE DELL EMITTENTE; - ORGANIZZAZIONE PERIODICA INCONTRI TRA LA SOCIETA E LA COMUNITA 12 FINANZIARIA

13 GLI ATTORI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE: IL GLOBAL COORDINATOR SI TRATTA DI UN ISTITUTO DI CREDITO O DI UN ALTRO INTERMEDIARIO FINANZIARIO DI RILIEVO AL QUALE LA SOCIETA AFFIDA L INCARICO DI COSTITUIRE IL CONSORZIO CHE DOVRA REALIZZARE IL COLLOCAMENTO DEI TITOLI PRESSO IL PUBBLICO. SOLITAMENTE LA SCELTA DEI COMPONENTI DEL CONSORZIO RIENTRA NELL AUTONOMIA DEL GLOBAL COORDINATOR ED AVVIENE SULLA BASE DI RAPPORTI GIA ESISTENTI E CONSOLIDATI. 13

14 GLI ATTORI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE: LA SOCIETA DI COMUNICAZIONE SI TRATTA DI UNA SOCIETA SPECIALIZZATA NELLA GESTIONE DEI RAPPORTI CON LA COMUNITA FINANZIARIA E PIU IN GENERALE CON TUTTI GLI ATTORI CHE PRENDONO PARTE AL PROCESSO DI QUOTAZIONE. SVOLGE UN RUOLO IMPORTANTE NEL DIFFONDERE L IMMAGINE AZIENDALE E NEL VEICOLARE IN MODO COSTANTE E PROFESSIONALE TUTTE LE INFORMAZIONI ATTINENTI LA SOCIETA EMITTENTE. ADEGUATA COMUNICAZIONE, VARIABILE STRATEGICA 14 DI UN PROCESSO DI QUOTAZIONE

15 GLI ATTORI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE: LO SPECIALIST SI TRATTA DI UN OPERATORE (INTERMEDIARIO FINANZIARIO) CHE SVOLGE LA FUNZIONE DI SOSTEGNO DELLA LIQUIDITA DEL TITOLO. E UNA ATTIVITA CHE FAVORISCE SIA LA COMPRAVENDITA DEL TITOLO DA PARTE DEGLI INVESTITORI ISTITUZIONALI CHE UN EFFICIENTE MECCANISMO DI FORMAZIONE DEI PREZZI. - ESPONE SUL MERCATO CONTINUATIVAMENTE PROPRIE PROPOSTE DI ACQUISTO E DI VENDITA A PREZZI CHE NON SI DISCOSTANO DA UNA % STABILITA DAI REGOLAMENTI DI BORSA E PER UN DETERMINATO QUANTITATIVO GIORNALIERO; - PUBBLICA ANALISI FINANZIARIE ED ORGANIZZA INCONTRI CON LA COMUNITA FINANZIARIA (COME LO SPONSOR; SPESSO SPECIALIST E SPONSOR COINCIDONO). 15

16 DUE DILIGENCE E PROSPETTO INFORMATIVO - PER DUE DILIGENCE SI INTENDE IL COMPLESSO DI ATTIVITA E VERIFICHE SVOLTE DAI SOGGETTI CHE PREPARANO E SOTTOSCRIVONO IL PROSPETTO INFORMATIVO AL FINE DI ACCERTARE CHE LE INFORMAZIONI CONTENUTE SIANO VERE E CHE NON VENGANO OMESSI DATI RILEVANTI SULL OPERAZIONE. UN RUOLO DI RILIEVO E SVOLTO DALLA SOCIETA DI REVISIONE, AFFIANCATA DA ESPERTI LEGALI, CONTABILI E DEL SETTORE DI BUSINESS DELL AZIENDA QUOTANDA. - IL PROSPETTO INFORMATIVO DEVE ESSERE PUBBLICATO PRIMA DELL ATTIVITA DI OFFERTA ED EMISSIONE DEL TITOLO E DEVE CONTENERE LA DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICO, PATRIMONIALE E FINANZIARIA ALLA DATA PIU RECENTE, OLTRE CHE LE CARATTERISTICHE DELL OFFERTA E LE ALTRE INFORMAZIONI ESSENZIALI SULLA SOCIETA EMITTENTE. 16

17 FORMAZIONE DEL PREZZO DI COLLOCAMENTO PARTICOLARE ATTENZIONE DEVE ESSERE RIVOLTA ALLA DEFINIZIONE DEL PREZZO DI COLLOCAMENTO: LA SUA CORRETTA INDIVIDUAZIONE E UN PREUSUPPOSTO FONDAMENTALE PER IL BUUON ESITO DELL OPERAZIONE. FASI DELLA DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI COLLOCAMENTO: 1) DETERMINAZIONE DI UN INTERVALLO PRELIMINARE DI VALORI; 2) PROCESSO DI DUE DILIGENCE; 3) DETERMINAZIONE DI UN INTERVALLO DEFINITIVO DI PREZZI; 4) BOOKBUILDING E FISSAZIONE DEL PREZZO (FISSO O 17 MASSIMO) DI QUOTAZIONE

18 OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DUE TECNICHE SONO UTILIZZABILI PER COLLOCARE TITOLI SUL MERCATO DI BORSA: 1) OPV: IL COLLOCAMENTO E COSTITUITO DA TITOLI AZIONARI GIA IN MANO AGLI AZIONISTI ESISTENTI; 2) OPS: SI COLLOCANO TITOLI DI NUOVA EMISSIONE (RINUNCIA TOTALE O PARZIALE DEL DIRITTO DI OPZIONE DA PARTE DEI VECCHI SOCI) SPESSO VIENE UTILIZZATA UNA FORMA MISTA, OPVS (PARTE TITOLI DI NUOVA EMISSIONE E PARTE TITOLI CEDUTI DAI VECCHI AZIONISTI) 18 PREZZI;

19 TIMING DELLA QUOTAZIONE PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO 6 18 MESI 2 3 MESI 2 MESI 7 15 GG -ADVISOR; - BORSA; -SOCIETA REVISIONE -SPONSOR; -GLOBAL COORDINATOR; -CONSORZIO COLLOCAMENTO; -BORSA; -CONSOB -CONSORZIO PUBBLICO; -CONSORZIO ISTITUZIONALE -SOCIETA REVISIONE 19

20 LA COMUNICAZIONE POST-QUOTAZIONE FONDAMENTALE E UN CORRETTO PROCESSO DI COMUNICAZIONE NEL POST-QUOTAZIONE. OBIETTIVI: 1) AMPLIARE LA VISIBILITA PRESSO GLI INVESTITORI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI; 2) AGEVOLARE GLI SCAMBI SUL TITOLO ED IL RAGGIUNGIMENTO DI UN LIVELLO DI CONTRATTAZIONE CHE CONIUGHI BASSA VOLATILITA CON UNA ELEVATA LIQUIDITA ; 3) STABILIRE UN RAPPORTO DI FIDUCIA TRA IL MANAGEMENT E GLI INVESTITORI CHE CONSENTA DI TRASMETTERE LE INFORMAZIONI SOCIETARIE IN MODO TRASPARENTE E COSTANTE E CHE RIDUCA IL RISCHIO DI FALSE ASPETTATIVE O VALUTAZIONI NON CORRETTE. 20

21 TIPOLOGIA DI INFORMAZIONE E DOCUMENTAZIONE RISULTATI FINANZIARI: - BILANCIO ANNUALE, SEMESTRALE, TRIMESTRALE; - BUDGET ED ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI; - DATI DI SINTESI DELLE DIVERSE STRATEGIE AZIENDALI SCENARIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI/NORMATIVI: - MUTAMENTI DELLO SCENARIO OPERATIVO; - EVOLUZIONE DELLO SCENARIO COMPETITIVO; - CAMBIAMENTI NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA; - CAMBIAMENTI NORMATIVI EVENTI IMPORTANTI: - DICHIARAZIONI DEL MANAGEMENT; - LANCIO DI NUOVI PRODOTTI; - ACQUISIZIONI/DISINVESTIMENTI 21

22 INVESTOR RELATOR MANAGER: RUOLO E FUNZIONI - INTERFACCIA TRA L AZIENDA ED IL MERCATO, RACCOGLIENDO E DIVULGANDO INFORMAZIONI DA E VERSO IL MERCATO; - CONTRIBUISCE A MANTENERE E AD INCENTIVARE IL RISPETTO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI INFORMATIVA SOCIETARIA; - OPERA TRASVERSALMENTE CON LE ALTRE STRUTTURE AZIENDALI; - ADEGUATE CARATTERISTICHE PROFESSIONALI; - SUPPORTO DEL MANAGEMENT CHE DEVE ATTENERSI AL PIANO DI COMUNICAZIONE PREDISPOSTO DALL IR. 22

23 COME OPERA L INVESTOR RELATOR MANAGER - PREDISPOSIZIONE E DISTRIBUZIONE DI DOCUMENTAZIONE LEGALE E CONTABILE; - ORGANIZZAZIONE DI INCONTRI PERIODICI CON LA BUSINESS COMUNITY; - VISITE GUIDATE PRESSO L AZIENDA; - COMUNICAZIONE CONTINUA E COERENTE VERSO IL MERCATO; - COLLABORAZIONE ALLA REDAZIONE DI RICERCHE DA PARTE DI ISTITUZIONI FINANZIARIE SULLA SOCIETA E LE SUE PROSPETTIVE; - PREDISPOSIZIONE DI INFORMATIVA AGGIUNTIVA RISPETTO A QUELLA OBBLIGATORIA. 23

24 GRAZIE PER L ATTENZIONE giovanni pelonghini 24

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La scelta di quotarsi in Borsa e l impatto sull azienda La scelta di quotarsi rappresenta una delle iniziative più importanti per la vita di un azienda, producendo una

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Mercato azionario. Il processo di quotazione sul mercato Expandi

Mercato azionario. Il processo di quotazione sul mercato Expandi Mercato azionario Tecniche Il processo di quotazione sul mercato Expandi di Lorenzo Parrini (*) e Debora Megna (**) Proseguono gli interventi volti ad esaminare il mercato azionario delle piccole e medie

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

La pianificazione dell offerta

La pianificazione dell offerta La pianificazione dell offerta Una volta individuato il global coordinator (e le altre eventuali figure), ha inizio la procedura per l offerta al pubblico delle azioni. I tempi di realizzazione sono di

Dettagli

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI Barbara Lunghi Perché quotarsi? RISORSE FINANZIARIE Raccogliere importanti risorse finanziare Diversificare le fonti di finanziamento,

Dettagli

Guida alla quotazione

Guida alla quotazione Guida alla quotazione In un quadro di scuola fiamminga, l'interno della prima borsa al mondo, quella di Anversa,che portava sull'ingresso la scritta "Van der Borse" e la data "1531". BORSA ITALIANA ITALIAN

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi Presidente, Borsa Italiana S.p.A. Fiera del Levante Bari, 14 settembre 2000 La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Contenuti

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitaliana.it

Quotarsi in Borsa. La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitaliana.it Quotarsi in Borsa La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitaliana.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti per

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

VERONA. IV edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana

VERONA. IV edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana VERONA IV edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana La quarta edizione del corso di specializzazione sui mercati borsistici è organizzata nell ambito dell Accordo tra il Consiglio Nazionale

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Lo smobilizzo delle partecipazioni tramite quotazione: le proposte in tema di revisione dei mercati per le PMI. Roma, 21 giugno 2011

Lo smobilizzo delle partecipazioni tramite quotazione: le proposte in tema di revisione dei mercati per le PMI. Roma, 21 giugno 2011 Lo smobilizzo delle partecipazioni tramite quotazione: le proposte in tema di revisione dei mercati per le PMI Roma, 21 giugno 2011 I driver che influenzano la scelta della way out Generalmente la scelta

Dettagli

NAPOLI. III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana

NAPOLI. III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana NAPOLI III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana La terza edizione del corso di specializzazione sui mercati borsistici è organizzata nell ambito dell Accordo tra il Consiglio Nazionale

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI

Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI Fiorenzo Tagliabue SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali Bari, 16 novembre 2001 Perché occuparsi di comunicazione? Perché la comunicazione

Dettagli

APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE

APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE A. Q&A Questions and Answers: le 30 domande più frequenti sulla quotazione Q&A - Questions and Answear Su quale mercato

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L attività di disinvestimento Principi fondamentali del disinvestimento Individuazione del momento più opportuno per disinvestire Definizione del canale di disinvestimento

Dettagli

Un grande patrimonio immobiliare: una base solida e sicura da far evolvere nel tempo.

Un grande patrimonio immobiliare: una base solida e sicura da far evolvere nel tempo. Un grande patrimonio immobiliare: una base solida e sicura da far evolvere nel tempo. Guida all aumento di Capitale Pirelli RE 15 giugno 3 luglio 2009 Prima dell adesione leggere il prospetto informativo

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

Road show imprese per crescere

Road show imprese per crescere Road show imprese per crescere Il nuovo rapporto tra banca e cliente per evolvere Napoli, 27 aprile 2016 Finanza d Impresa e M&A Indice 1 Finanza d Impresa e cliente corporate: una collaborazione win-win

Dettagli

ALLEGATO 1A Attuazione dell art. 30 del d.l. n. 179/2012 Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione

ALLEGATO 1A Attuazione dell art. 30 del d.l. n. 179/2012 Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione ALLEGATO 1A Attuazione dell art. 30 del d.l. n. 179/2012 Analisi delle risposte al questionario per l indagine conoscitiva pubblicato dalla Consob il 21 gennaio 2013 Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie

Dettagli

Investment opportunity

Investment opportunity INVESTOR NEWS N.1-13 Aprile 27 Benvenuto del Presidente Investment opportunity Il modello di business IQ 27: Performance economico-finanziarie 4 maggio: accordo con Barclays FY 26: Risultati a parità di

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI 1 Sommario Introduzione 1.1 La valorizzazione del patrimonio immobiliare

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Il processo di quotazione: profili giuridici, fiscali ed organizzativi Camozzi & Bonissoni

Dettagli

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima.

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima. RACCOLTA DI CAPITALI DI RISCHIO TRAMITE PORTALI ON-LINE: QUESTIONARIO PER L INDAGINE CONOSCITIVA 21 gennaio 2013 Le risposte al questionario dovranno pervenire entro il giorno 8 febbraio 2013: on line

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi Azimut Global Counseling Iacopo Corradi IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva da oltre 20 anni nel mercato del risparmio gestito in Italia e quotata alla Borsa

Dettagli

La comunicazione economico-finanziaria

La comunicazione economico-finanziaria La comunicazione economico-finanziaria Università di Urbino La comunicazione economico-finanziaria E il complesso delle comunicazioni effettuate attraverso qualsiasi canale di diffusione dalla direzione

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA www.mercatoalternativocapitale.it Milano, 29 Gennaio 2008 0 MAC: UNA NUOVA SOLUZIONE COSTRUITA SU MISURA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Il MAC : Legame con

Dettagli

Presentazione di Intermonte

Presentazione di Intermonte Presentazione di Intermonte Offerta di servizi dedicati alle medie imprese nazionali per favorire l accesso al mercato borsistico Novembre 2013 Sommario 1. Descrizione dell intermediario: Presentazione

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Utile consolidato ante imposte di 20,3 milioni di euro Patrimonio netto consolidato a 476,6 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi

Dettagli

Guida dell azionista privato

Guida dell azionista privato Guida dell azionista privato 1 Il Gruppo Pirelli Pirelli è un gruppo con una grande tradizione industriale, fra i leader a livello mondiale in tutti i segmenti in cui opera. La nostra forza competitiva

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.**

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.** GO INTERNET S.P.A. **.***.** PARERE DEL COLLEGIO SINDACALE EMESSO AI SENSI DELL ART. 2441, COMMA 6, C.C., IN ORDINE ALLA CONGRUITÀ DEL PREZZO DI EMISSIONE DELLE AZIONI DI COMPENDIO RELATIVAMENTE ALL OPERAZIONE

Dettagli

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul MAC

Dettagli

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte Collocamento delle Azioni Tercas 21 e domande risposte Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto informativo Il 21.08.2006 ha inizio il collocamento del 15% delle Azioni Tercas. 21 e domande

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

BORSA E MERCATI FINANZIARI LA COMUNICAZIONE CON GLI INVESTITORI TRA OPPORTUNITA E VINCOLI

BORSA E MERCATI FINANZIARI LA COMUNICAZIONE CON GLI INVESTITORI TRA OPPORTUNITA E VINCOLI BORSA E MERCATI FINANZIARI LA COMUNICAZIONE CON GLI INVESTITORI TRA OPPORTUNITA E VINCOLI 1 Indice La presentazione è declinata alla politica di comunicazione adottatta da AMGA. Tale politica potrebbe

Dettagli

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con Vademecum per l emissione di minibond In collaborazione con Perchè un crescente numero di PMI sceglie il minibond? Accedere ad un canale di finanziamento extra bancario totalmente nuovo Nessuna diluizione

Dettagli

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1.

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1. In Italia, nel settembre 2007, è nato un nuovo mercato dedicato alla piccola e media impresa: il MAC, Mercato Alternativo del Capitale.Come è noto il sistema economico italiano è composto da un numero

Dettagli

1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati. 2004 Marco FUMAGALLI

1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati. 2004 Marco FUMAGALLI 1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati Perché quotarsi? Differenti possono essere gli obiettivi che la società e i suoi azionisti

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana MEMORANDUM D INTESA tra Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ABI - Associazione Bancaria Italiana AIFI - Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital ASSIREVI - Associazione

Dettagli

Comunicato Stampa. Be: i risultati al 31 marzo confermano il trend di crescita Ricavi operativi + 20%, EBIT +28%, Utile ante imposte +66%

Comunicato Stampa. Be: i risultati al 31 marzo confermano il trend di crescita Ricavi operativi + 20%, EBIT +28%, Utile ante imposte +66% Be: i risultati al 31 marzo confermano il trend di crescita Ricavi operativi + 20%, EBIT +28%, Utile ante imposte +66% RICAVI OPERATIVI pari a Euro 24,7 milioni, +20,4% (Euro 20,5 milioni al 31.03.2014)

Dettagli

Gestire l after market Operazioni sul capitale e collocamenti pubblici e privati

Gestire l after market Operazioni sul capitale e collocamenti pubblici e privati www.mediobanca.it Gestire l after market Operazioni sul capitale e Incontro presso Borsa Italiana S.p.A. 17 aprile 22 Indice Gestire l aftermarket Premessa Sezione I Le operazioni di aumento di capitale

Dettagli

Il Mercato Alternativo del Capitale: piccole imprese per grandi investitori.

Il Mercato Alternativo del Capitale: piccole imprese per grandi investitori. Il Mercato Alternativo del Capitale: piccole imprese per grandi investitori. Investire sul MAC: il ruolo dello Specialist Giuseppe Bonini Responsabile Equity Sales MAC Banca Imi Pistoia, 4 Luglio 2007

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato

Dettagli

I veicoli di investimento immobiliare professionale: I fondi immobiliari ad apporto

I veicoli di investimento immobiliare professionale: I fondi immobiliari ad apporto I veicoli di investimento immobiliare professionale: I fondi immobiliari ad apporto Le problematiche operative e le soluzioni possibili Roma 28 ottobre 2005 SORGENTE Società di Gestione del Risparmio S.p.A.

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Head of Mid&Small Caps Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Più Borsa - MDI Il 25 Marzo 2013 è stato siglato un Memorandum

Dettagli

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche Concetti Generali Borsa Italiana S.p.a. è una società per azioni che si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento della Borsa

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

2 aprile 2015: unica convocazione

2 aprile 2015: unica convocazione SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 2 aprile 2015: unica convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia? (1/2) AIM ITALIA è stato concepito per diventare il crocevia ideale per l incontro tra PMI italiane con forte potenziale

Dettagli

settembre 13 14 novembre 2013

settembre 13 14 novembre 2013 settembre 13 14 novembre 2013 risultati appendici Semestrale 2013 2 sintesi Margine d'intermediazione (mln) Costi operativi (mln) 710,1 737,2 +3,8% 358,4 392,2 +9,4% 449,8 459,4 +2,1% 141,8 143,6 +1,3%

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

AIM Italia. Il mercato per fare impresa

AIM Italia. Il mercato per fare impresa AIM Italia Il mercato per fare impresa AIM Italia L accesso al capitale è un elemento fondamentale per lo sviluppo di ogni impresa. Dedicato alle PMI che vogliono investire nella propria crescita Un mercato

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Il fondo Ingenium investe in nuove imprese innovative che basano il loro modello di business sulla valorizzazione della

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015 BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile Ottobre 2015 2 L impegno di BNP Paribas Investment Partners In un mondo in transizione, essere una Società di gestione leader comporta

Dettagli

Aspetti finanziari del passaggio generazionale

Aspetti finanziari del passaggio generazionale Seminario Il passaggio generazionale delle PMI. Come facilitare il passaggio delle imprese alle nuove generazioni Bari, dicembre 2002 Aspetti finanziari del passaggio generazionale A cura di Massimo Leone

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli