Smart Working Barilla

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Smart Working Barilla"

Transcript

1 Smart Working Barilla 1 GIANNI ALVITI SEGRETARIO TERRITORIALE FAI CISL PARMA-PIACENZA SMART WORK LAVORO AGILE SI PUO CISL LOMBARDIA MILANO 24 SETTEMBRE 2015 Lavoro Agile Milano 24 Settembre 2015

2 Prodotti, Marchi, Servizi PASTA DI SEMOLA PASTA ALL UOVO SUGHI PRONTI CEREALI 2 SOSTITUTI DEL PANE BISCOTTI FROLLINI E FARCITI, SNACK MERENDE, TORTE GASTRONOMIA ITALIANA SERVIZI COMMERCIALI E LOGISTICI

3 I POLI PRODUTTIVI 3 STABILIMENTI BAKERY ASCOLI PICENO CASTIGLIONE STIVIERE CREMONA Merende e brioches, Pani morbidi Biscotti, Snack, Pasticceria, Pani croccanti Merende e brioches, Torte e Pani Morbidi MELFI Merende, Biscotti, Pani morbidi e Fette Bisc. NOVARA Biscotti, Pasticceria, Snack e Pani Croccanti RUBBIANO Fette biscottate e Pani croccanti WASA Pani croccanti (Svezia, Germania, Norvegia)

4 I POLI PRODUTTIVI 4 PARMA CASERTA FOGGIA STABILIMENTI PASTA AMES, Iowa USA AVON, NY - USA BOLU, Turchia SAN LUIS POTOSI, Messico TEBE, Grecia RUBBIANO STABILIMENTO SUGHI MULINI ALTAMURA CASTELPLANIO FERRARA GALLIATE CELLE, Germania FILIPSTAD, Svezia VOLOS, Grecia BOLU, Turchia AMES, Iowa - USA

5 Smart Work 5 Domanda: Cosa è lo Smart Working? Una moda? Oggi è tutto smart. Smartphone, smartwatch, comuni smart, smartbox, smart tv Si lavora da casa? Una sorta di lavoro a distanza? Definizi0ni: sveglio, intelligente, abile, furbo, brillante, spiritoso Lo Smart Working non è TELELAVORO.

6 Accordo Barilla 6 modalità di articolazione della prestazione lavorativa capace di contribuire ad un miglior bilanciamento vita lavoro e alla realizzazione di impatti positivi su fattori ambientali, in un quadro di maggior responsabilizzazione, autonomia ed orientamento ai risultati da parte delle persone coinvolte

7 Cosa è lo Smart Work 7 Non è solo un tema tecnico(prestazione lavorativa) Tempi di vita e tempi di lavoro(miglior bilanciamento vita lavoro) Riduzione mobilità, vicinanza alla famiglia, miglior gestione del tempo, possibilità di conciliare necessità personali /famigliari(impatti positivi su fattori ambientali) Fiducia e senso di appartenenza (maggior responsabilizzazione) Valorizzazione della qualità del lavoro e delle performance (autonomia ed orientamento ai risultati)

8 Il Progetto: i presupposti 8 Lo SMART WORKING è prima di tutto un modello culturale ed una filosofia aziendale Raggiungimento di migliori performance aziendali attraverso l introduzione di modelli organizzativi più efficienti ed evoluti anche attraverso l utilizzo di nuove tecnologie Valorizzazione del contributo professionale del singolo che viene coinvolto e responsabilizzato E necessario che entrambi i soggetti (azienda e sindacato) ci credano

9 Dove sta la fregatura? Le reazioni Il percorso 9 Ci vogliono allontanare dall azienda, lo daranno solo ai lavoratori scomodi, perdo il legame con i colleghi... Prima sperimentazione con alcune figure Problemi organizzativi / legislativi Apprezzamento dello strumento

10 I contenuti Riguarda tutti i lavoratori Headquarter (T.ind. T det. P.T. vert/orizz) Non presenti incompatibilità organizzativa /soggettiva Abbia manifestato volontà Abbia accettato i contenuti del Regolamento Assetto e modalità 32 ore mensili (a gruppi di 4 ore esclusione di sab/dom/festivi) Postazione liberamente scelta Rispetto dei criteri di sicurezza e riservatezza Strutture o spazi riparati e protetti (domicilio-albergo-ufficio esterno) Ampliamento orario (64 ore) Fino ad un anno di età del bimbo Invalidità sup all 80% o terapie salvavita per sé o figli minorenni Vale anche in caso di adozione 10

11 I contenuti Variazione del luogo di adempimento dell attività Non incide in nessun modo sull inserimento del lavoratore nella azienda Stessi doveri e stessi referenti aziendali Nessuna ricaduta su inquadramento e percorsi di carriera Mantenimento dell impegno professionale Possibilità di distribuire l orario in modo differente Corretto utilizzo degli strumenti aziendali 11

12 Le criticità Quadro normativo insufficiente/inadeguato Differenze con il telelavoro Non deve essere definito un posto di lavoro Copertura infortuni Non esiste un posto fisico attrezzato secondo i DPI e certificato Deve essere mantenuta la flessibilità dello strumento 12 Necessità di fare cultura sullo strumento Coinvolgimento delle maestranze e delle R.S.U.

13 13 Grazie per l attenzione.

14 Gianni Alviti Corso di Formazione Politiche Attive 14

Tre fasi e tre livelli

Tre fasi e tre livelli 4 Il Marketing management Tre fasi e tre livelli Ma potrebbero essere anche di più. (cfr. cap.5) Il Marketing management Alcuni concetti di fondo n Come si gestisce nell azienda il processo di marketing?

Dettagli

La Qualità per Barilla. Qualità dei prodotti alimentari: evoluzione e significato nell Industria Alimentare

La Qualità per Barilla. Qualità dei prodotti alimentari: evoluzione e significato nell Industria Alimentare La Qualità per Barilla Qualità dei prodotti alimentari: evoluzione e significato nell Industria Alimentare Prevenzione Alimentazione Nutrizione 19 Settembre 2008 - Roma Roberto Ciati Barilla G&R F.lli

Dettagli

DIRETTIVA n. 3/2017 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

DIRETTIVA n. 3/2017 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I Reparto Personale DIRETTIVA n. 3/2017 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE SCOPO Descrizione delle linee guida per

Dettagli

GLI STABILIMENTI. La produzione Barilla si svolge in 30 siti produttivi, distribuiti in nove diversi Paesi:

GLI STABILIMENTI. La produzione Barilla si svolge in 30 siti produttivi, distribuiti in nove diversi Paesi: La produzione si svolge in 30 siti produttivi, distribuiti in nove diversi Paesi: gli stabilimenti: 9 in Italia e 12 all estero i mulini: 4 in Italia e 1 all estero gli stabilimenti con mulino integrato:

Dettagli

ACCORDI SINDACALI IN TEMA DI LAVORO AGILE SINTESI

ACCORDI SINDACALI IN TEMA DI LAVORO AGILE SINTESI ACCORDI SINDACALI IN TEMA DI LAVORO AGILE SINTESI UNICREDIT, accordo 28 giugno 2014 e relativi accordi individuali. - Definizione: l accordo usa la definizione di smart working, intendendo come tale una

Dettagli

Cecilia Storti. Consorzio Sistema Imprese Sociali

Cecilia Storti. Consorzio Sistema Imprese Sociali OCCUPAZIONE FEMMINILE E SMART WORKING Cecilia Storti Milano, 20 Giugno 2016 - ore10.00 1. Formazione ATTIVITA ISTITUZIONALI E GESTIONALI Scuola di Impresa Sociale: 3252 ore erogate, 87 realtà destinatarie,

Dettagli

Smart working Il lavoro agile giovedì 11 Febbraio 2016 ore Città metropolitana di Milano Sala ex Caccia - Viale Piceno, 60

Smart working Il lavoro agile giovedì 11 Febbraio 2016 ore Città metropolitana di Milano Sala ex Caccia - Viale Piceno, 60 Smart working Il lavoro agile giovedì 11 Febbraio 2016 ore 14.30-17.00 Città metropolitana di Milano Sala ex Caccia - Viale Piceno, 60 Titolo II DDL «Disciplina del lavoro agile» 28 Gennaio 2016 Una definizione

Dettagli

SMART WORKING PER SMART CITIES

SMART WORKING PER SMART CITIES MASTER DI II LIVELLO IN ECONOMIA PUBBLICA Percorso A: Economia Del Welfare E Delle Pubbliche Amministrazioni Anno Accademico 2013-2014 SMART WORKING PER SMART CITIES Analisi di contesto e presentazione

Dettagli

LABORATORIO SUL LAVORO AGILE

LABORATORIO SUL LAVORO AGILE LABORATORIO SUL LAVORO AGILE Cecilia Storti Milano, 11 novembre 2016 ATTIVITA ISTITUZIONALI E GESTIONALI 1. Formazione Scuola di Impresa Sociale: 3252 ore erogate, 87 realtà destinatarie, attività gestite

Dettagli

WELFARE AZIENDALE, Lavoro

WELFARE AZIENDALE, Lavoro Solar Impulse Revillard Rezo.ch Photomontage WELFARE AZIENDALE, 12.10.2016 Lavoro Agile @ABB Slide 1 Il viaggio Il punto di partenza: work-life balance nella filosofia ABB La prima sperimentazione nel

Dettagli

Annual review 2006. Barilla G. e R. Fratelli S.p.A.

Annual review 2006. Barilla G. e R. Fratelli S.p.A. Barilla G. e R. Fratelli S.p.A. Barilla G. e R. Fratelli S.p.A. Indice Lettera del Presidente Intervista con l Amministratore delegato Profilo di Gruppo Storia del Gruppo Barilla Marchi e prodotti Mercati

Dettagli

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da rarità sperimentale a modello prevalente per il futuro?

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da rarità sperimentale a modello prevalente per il futuro? La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da rarità sperimentale a modello prevalente per il futuro? Servizio per il personale Ufficio sviluppo risorse umane Paola Borz Roma 2 dicembre

Dettagli

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione (art.9, comma 7 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito in Legge 17 dicembre 2012,

Dettagli

Osservatorio Smart Working 17 Febbraio

Osservatorio Smart Working 17 Febbraio L evoluzione della normativa Osservatorio Smart Working 2002 2011 2014 2015 Riforma PA Madia Proposta di legge sullo Smart Working 2016 Disegno di legge sul Lavoro Agile Accordo-quadro europeo sul Telelavoro

Dettagli

TELEPAT 2.0 L esperienza di lavoro a distanza della Provincia Autonoma di Trento. Aprile 2017

TELEPAT 2.0 L esperienza di lavoro a distanza della Provincia Autonoma di Trento. Aprile 2017 TELEPAT 2.0 L esperienza di lavoro a distanza della Provincia Autonoma di Trento Aprile 2017 L ente Provincia Autonoma di Trento 4196 unità personale Presso strutture Maschi PAT 49% 3929,16 Femmine 51%

Dettagli

Stato e prospettiva del telelavoro e delle altre forme di lavoro da remoto in Italia. Antonella Marsala

Stato e prospettiva del telelavoro e delle altre forme di lavoro da remoto in Italia. Antonella Marsala Stato e prospettiva del telelavoro e delle altre forme di lavoro da remoto in Italia Antonella Marsala Il telelavoro in Europa Nella media EU27, il 10,1 % degli occupati alle dipendenze* svolgono almeno

Dettagli

SMART WORKING LE NUOVE REGOLE

SMART WORKING LE NUOVE REGOLE SMART WORKING LE NUOVE REGOLE Avv. Giampiero Falasca 15 giugno 2017 www.dlapiper.com 15 giugno 2017 0 Definizione di Smart Working Il lavoro agile (o smart working) è una modalità flessibile di esecuzione

Dettagli

Il Comitato Unico di Garanzia

Il Comitato Unico di Garanzia Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Sensibilizzazione e prevenzione per il benessere lavorativo: IL PIANO TRIENNALE

Dettagli

COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI MIGLIORIAMO INSIEME Benessere organizzativo iniziative realizzate e prospettive future COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Dettagli

Lo Smart Working in Italia: la diffusione del fenomeno

Lo Smart Working in Italia: la diffusione del fenomeno Osservatorio Smart Working Lo Smart Working in Italia: la diffusione del fenomeno Fiorella Crespi Direttore Osservatorio Smart Working Osservatori Digital Innovation Politecnico di Milano fiorella.crespi@polimi.it

Dettagli

SMART WORKING & HR INNOVATION: opportunità e benefici per le persone, le aziende e la società

SMART WORKING & HR INNOVATION: opportunità e benefici per le persone, le aziende e la società SMART WORKING & HR INNOVATION: opportunità e benefici per le persone, le aziende e la società Mariano Corso (mariano.corso@polimi.it) 28/04/2015 Politecnico di Milano Organizzazione del lavoro e flessibilità

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

CONCILIAZIONE VITA-LAVORO CONCILIAZIONE VITA-LAVORO 1. Possedere un lavoro adeguatamente remunerato e ragionevolmente sicuro è un'aspirazione universale delle persone e contribuisce al loro benessere e alla loro dignità. 2. Una

Dettagli

Dr. Villata Responsabile Relazioni Industriali Granmilano. Convegno. La gestione flessibile come sistema: organizzazioni, mestieri, qualità

Dr. Villata Responsabile Relazioni Industriali Granmilano. Convegno. La gestione flessibile come sistema: organizzazioni, mestieri, qualità Il caso Dr. Villata Responsabile Relazioni Industriali Granmilano Convegno La gestione flessibile come sistema: organizzazioni, mestieri, qualità Verona 12 Giugno 2003 La storia 1997 Nascita della GranMilano

Dettagli

Milano 6 Marzo

Milano 6 Marzo Milano 6 Marzo 207 CARATTERISTICHE DELLE 20 FONDAZIONI LOMBARDE Formazione Tecnica Superiore la maggior parte delle fondazioni ITS ha attivato 2 o piu corsi ITS Indirizzi strategici e innovativi rispondenti

Dettagli

Parma 3 DICEMBRE 2015

Parma 3 DICEMBRE 2015 . LA DIMENSIONE DELLA CONCILIAZIONE VITA LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE Parma 3 DICEMBRE 2015 Mariantonietta Calasso Consigliera di Parità Provincia di Parma 1 Costruire una società democratica,

Dettagli

Tre fasi e tre livelli

Tre fasi e tre livelli 5 Il Marketing management Tre fasi e tre livelli Ma potrebbero essere anche di più. (cfr. cap.5) Il Marketing management Alcuni concetti di fondo Dove si sviluppa? All interno dell impresa Quali competenze

Dettagli

Reti territoriali e Alleanze locali di conciliazione

Reti territoriali e Alleanze locali di conciliazione Reti territoriali e Alleanze locali di conciliazione FRANCESCA BRIANZA Assessore Reddito di Autonomia e Inclusione Sociale Milano 14 luglio 2016 Riservato e confidenziale Alcuni dati Ultimo aggiornamento

Dettagli

Un esempio di strategia (di marketing?) Il Mulino Bianco

Un esempio di strategia (di marketing?) Il Mulino Bianco Un esempio di strategia (di marketing?) Il Mulino Bianco 1 La Barilla fino al 1976 era stata monobussines (pasta e fette biscottate rotonde) Anni 70: inflazione alta e crescente Nonostante le esportazioni

Dettagli

SMART WORKING E MOBILITY MANAGEMENT: PROSPETTIVE E SINERGIE. Il Convivio, 31 Marzo 2017

SMART WORKING E MOBILITY MANAGEMENT: PROSPETTIVE E SINERGIE. Il Convivio, 31 Marzo 2017 SMART WORKING E MOBILITY MANAGEMENT: PROSPETTIVE E SINERGIE Il Convivio, 31 Marzo 2017 FONDAMENTI NORMATIVI: IL DECRETO RONCHI (1998) 300 >800

Dettagli

Direzione Organizzazione /004 GG CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 15 novembre 2016

Direzione Organizzazione /004 GG CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 15 novembre 2016 Direzione Organizzazione 2016 05018/004 GG 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 15 novembre 2016 Convocata la Giunta presieduta dalla Sindaca Chiara APPENDINO, sono presenti, oltre al

Dettagli

SMART WORKING Overview e consulenza. Milano, Marzo 2016

SMART WORKING Overview e consulenza. Milano, Marzo 2016 SMART WORKING Overview e consulenza Milano, Marzo 2016 AGENDA 2 INTRODUZIONE p.3 IL DDL LAVORO AGILE p.11 SMART WORKING IN EASY WELFARE p.15 LA NOSTRA CONSULENZA p.24 3 INTRODUZIONE INTRODUZIONE 4 La presenza

Dettagli

TELELAVORO in INAIL Esperienze e prospettive dal 2003 ad oggi

TELELAVORO in INAIL Esperienze e prospettive dal 2003 ad oggi TELELAVORO in INAIL Esperienze e prospettive dal 2003 ad oggi ANTONELLA NINCI - Firenze, 13 maggio 2016 1 Il primo progetto di telelavoro Il telelavoro nasce, su iniziativa del Comitato Pari Opportunità

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE Premessa a) Il contesto europeo PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016/2018 Nel giugno 2000, la Commissione Europea con la direttiva 2000/43/CE adotta una innovativa strategia quadro comunitaria in materia

Dettagli

si provvede senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente

si provvede senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente A LLEGATO 1. INTRODUZIONE A. Contesto normativo Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato

Dettagli

Art c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103)

Art c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103) Art. 2103 c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103) L. delega 10 dicembre 2014, n. 183 Art. 1 7. Allo scopo di rafforzare le opportunità di ingresso nel mondo

Dettagli

OPERATORI SOCIALI E TELELAVORO

OPERATORI SOCIALI E TELELAVORO OPERATORI SOCIALI E TELELAVORO IL CONTESTO: L IMPRESA La cooperativa sociale P.G. Frassati scs onlus è una cooperativa sociale di tipo A che progetta e gestisce servizi sociali, assistenziali, educativi,

Dettagli

IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO. Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia

IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO. Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia OBIETTIVI PRIMARI DELL AZIONE REGIONALE DOTE UNICA LAVORO: UN SISTEMA DI POLITICHE ATTIVE Attiva da ottobre

Dettagli

Smartworking: applicazioni pratiche. Roma, 18 Novembre 2016

Smartworking: applicazioni pratiche. Roma, 18 Novembre 2016 Smartworking: applicazioni pratiche Roma, 18 Novembre 2016 Accordo scritto (non assistito) tra datore di lavoro e lavoratore e definite le modalità della prestazione lavorativa: luogo esterno rispetto

Dettagli

$ ()*+, $1 ' (*2+ -.*+/ & % $ % 3 % % $ 4$ % % $

$ ()*+, $1 ' (*2+ -.*+/ & % $ % 3 % % $ 4$ % % $ !"# $ & ' $ ()*+, -.*+/$ *-/ 0 $1 ' *$ (*2+ -.*+/ & $ 3 $ 4$ $ + -(0+/ -(0+/ -(2+/ $-(0+/ 5 (6+ (+ -.*0+/78-.0+/ -.0+/ *!"# 9 -/ 0 & Tabella 1 - L'andamento dei prezzi dei principali prodotti bio nel I

Dettagli

L esperienza del telelavoro presso l Università degli Studi di Milano- Bicocca

L esperienza del telelavoro presso l Università degli Studi di Milano- Bicocca L esperienza del telelavoro presso l Università degli Studi di Milano- Bicocca DoD. Stefano Cui Capo sedore PTA UNIVERSITÀ DI MILANO- BICOCCA Il Direttore Generale ogni biennio, considerando le esigenze

Dettagli

CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE E MARKETING A. A

CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE E MARKETING A. A Prof.ssa Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola Lezione 9bis L orientamento strategico della gestione. I percorsi di sviluppo aziendale CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE

Dettagli

A.C Disegno di legge

A.C Disegno di legge A.C. 4135 Disegno di legge Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato AUDIZIONE ANIA

Dettagli

La qualità dei prodotti per celiaci: risultati preliminari studio AIC

La qualità dei prodotti per celiaci: risultati preliminari studio AIC LA CELIACHIA ALLA LUCE DELLA CARTA DI MILANO: LA SOSTENIBILITÁ DELLA DIETA SENZA GLUTINE Milano, sabato 10 ottobre 2015 Cascina Triulza Milano Expo La qualità dei prodotti per celiaci: risultati preliminari

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con deliberazione G.C. n. 36 del 12/03/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

Dettagli

Servizio relazioni con i media Tel. 02/ Tel Comunicati

Servizio relazioni con i media Tel. 02/ Tel Comunicati Servizio relazioni con i media Tel. 02/8515.5224-5298 Tel. 0392807511 0392807521 3356413321. Comunicati www.mi.camcom.it Per i dolci di Pasqua 4mila imprese in Lombardia Più richiesta la colomba di qualità

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE ED ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO,

NUOVE TECNOLOGIE ED ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, NUOVE TECNOLOGIE ED ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, TRA TUTELE ED ESIGENZE PRODUTTIVE Milano, 14 ottobre 2016 Stefano Bottino Direzione Sindacale e del Lavoro IL FUTURO E OGGI? 2 LE NUOVE TECNOLOGIE ED IL "DIGITALE"

Dettagli

SMART WORK CONVEGNO VERONA 26 MAGGIO 2017 SMART WORK in UNICREDIT GROUP

SMART WORK CONVEGNO VERONA 26 MAGGIO 2017 SMART WORK in UNICREDIT GROUP SMART WORK CONVEGNO VERONA 26 MAGGIO 2017 SMART WORK in UNICREDIT GROUP Doverosa premessa, è che in UniCredit parliamo spesso di Smart work e di Smart Working Smart Work è proprio quello di cui stiamo

Dettagli

MERENDE MERENDE LIEVITATE FARCITE

MERENDE MERENDE LIEVITATE FARCITE MERENDE MERENDE LIEVITATE FARCITE CROISSANT CIOCCOLATO x5 FAGOTTINO CACAO bar x5 pz. per cartone: 23 pz. per cartone: 8 cartoni per pallet: 24 cartoni per pallet: 60 CROISSANT ALbICOCCA x5 pz. per cartone:

Dettagli

Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità

Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità Firenze, 8 febbraio 2017 mariachiara.montomoli@regione.toscana.it Formazione strategica ITS IFTS Alternanza scuola lavoro

Dettagli

ANDARE A TEMPO: L ESPERIENZA DI NEGOZIAZIONE A SUPPORTO DELLA CONCILIAZIONE E DEL WELFARE NEL SETTORE BANCARIO. Centro Studi Cisl 7 aprile 2016

ANDARE A TEMPO: L ESPERIENZA DI NEGOZIAZIONE A SUPPORTO DELLA CONCILIAZIONE E DEL WELFARE NEL SETTORE BANCARIO. Centro Studi Cisl 7 aprile 2016 ANDARE A TEMPO: L ESPERIENZA DI NEGOZIAZIONE A SUPPORTO DELLA CONCILIAZIONE E DEL WELFARE NEL SETTORE BANCARIO Centro Studi Cisl 7 aprile 2016 QUALI ESIGENZE colleghi/e Conciliazione tempi di vita e tempi

Dettagli

REGIONE TOSCANA SCHEDA TECNICA DEL PROGETTO

REGIONE TOSCANA SCHEDA TECNICA DEL PROGETTO Pag.1/5 I nomi, i cognomi e tutti gli altri dati contenuti in questo facsimile di domanda sono puramente di fantasia, servono unicamente a far comprendere la compilazione e non si intende in alcun modo

Dettagli

PERCHE SERVE UN RINNOVAMENTO

PERCHE SERVE UN RINNOVAMENTO PROPOSTA DI RINNOVAMENTO CONTRATTUALE PERCHE SERVE UN RINNOVAMENTO Periodo 2007 2014: Produzione metalmeccanica è diminuita di circa il 30%, il capitale fisso del 25%; Occupazione è diminuita di 252.000

Dettagli

GIORNATA DEL LAVORO AGILE

GIORNATA DEL LAVORO AGILE GIORNATA DEL LAVORO AGILE Gli esiti di un indagine qualitativa Milano, 28.04.2016 Agenda 1 Premessa 2 I Significati del Lavoro Agile 3 La Sperimentazione 4 L implementazione della pratica 5 Oltre gli impatti

Dettagli

L esperienza di Smart Working della Provincia autonoma di Trento

L esperienza di Smart Working della Provincia autonoma di Trento LA DIGITALIZZAZIONE NEL SISTEMA PRODUTTIVO FERRARESE: PIANI, REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE DALL EUROPA A FERRARA L esperienza di Smart Working della Provincia autonoma di Trento A cura: dott. Luca Comper

Dettagli

Smart Working: opportunità e benefici per persone, aziende e società

Smart Working: opportunità e benefici per persone, aziende e società : opportunità e benefici per persone, aziende e società Fiorella Crespi Responsabile della Ricerca Osservatorio Politecnico di Milano fiorella.crespi@polimi.it @FioreCre L Osservatorio MISSION Porsi come

Dettagli

naturalmente buoni Catalogo Prodotti

naturalmente buoni Catalogo Prodotti naturalmente buoni Catalogo Prodotti Indice Cereali pag 3 Merendine Torte Dessert pag 7 Biscotti Pasticceria pag 21 Panificati Farine Pasta Tortellini pag 39 pag 53 scopri le novità su www.cerealitalia.it

Dettagli

Tre fasi e tre livelli

Tre fasi e tre livelli 5 Il Marketig maagemet Tre fasi e tre livelli Ma potrebbero essere ache di più. (cfr. cap.5) Il Marketig maagemet Alcui cocetti di fodo Dove si sviluppa? All itero dell impresa Quali competeze coivolge?

Dettagli

Conciliazione e flessibilità d'orario. Soluzioni per i genitori e per le imprese: l'art. 9 della l.53/00

Conciliazione e flessibilità d'orario. Soluzioni per i genitori e per le imprese: l'art. 9 della l.53/00 con il cofinanziamento della in collaborazione con Il Comune di Pordenone - Assessorato alle Pari Opportunità Lara La Rete Rosa Delle Pari Opportunita Consigliera di Parità Provincia di Pordenone Conciliazione

Dettagli

Legge 22 maggio 2017, n. 81

Legge 22 maggio 2017, n. 81 A cura di Renzo La Costa Il lavoro agile è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato, stabilita mediante accordo tra le parti, anche con forme di organizzazione per fasi, cicli e obiettivi

Dettagli

Unione europea DOMANDA PENSIONE DI VECCHIAIA

Unione europea DOMANDA PENSIONE DI VECCHIAIA Unione europea DOMANDA PENSIONE DI VECCHIAIA Mod. VO1 Domanda di pensione di vecchiaia a carico di uno o più Stati dell Unione europea, della SEE, della Svizzera CI330 Mod. VO/I0 1 bis UE Questionario

Dettagli

Smart Working per la pubblica amministrazione: uno sguardo sulla normativa.

Smart Working per la pubblica amministrazione: uno sguardo sulla normativa. UNA VOLTA ERA SOLO IL TELELAVORO Seguendo l esigenza di estendere l impiego delle tecnologie informatiche e telematiche nell ambito lavorativo, già dalla metà degli anni 90 si assiste all apertura di un

Dettagli

Workshop Femca Cisl 13 dicembre 2016

Workshop Femca Cisl 13 dicembre 2016 Workshop Femca Cisl 13 dicembre 2016 dr. Fabrizio Proietti Vice President Relazioni Industriali Nazionali CCNL Energia e Petrolio e Relazioni Industriali Internazionali Profilo di Eni Eni è presente in

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÁ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÁ AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Landesmobilitätsagentur PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per la mobilità PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÁ (P.T.T.I.)

Dettagli

LAVORO AGILE. Ruolo e limiti della contrattazione nazionale e aziendale. Milano, 16 marzo 2015 Palazzo Reale

LAVORO AGILE. Ruolo e limiti della contrattazione nazionale e aziendale. Milano, 16 marzo 2015 Palazzo Reale LAVORO AGILE Ruolo e limiti della contrattazione nazionale e aziendale Milano, 16 marzo 2015 Palazzo Reale Avv. Luca Failla Founding Partner LABLAW Studio Legale Università Jean Monnet LUM Bari 1 1. SMART

Dettagli

Modelli di organizzazione e gestione e responsabilità dei datori di lavoro Dialogo interdisciplinare sull art. 30 del testo unico salute e sicurezza

Modelli di organizzazione e gestione e responsabilità dei datori di lavoro Dialogo interdisciplinare sull art. 30 del testo unico salute e sicurezza Università degli Studi di Verona Dipartimento di Scienze giuridiche Modelli di organizzazione e gestione e responsabilità dei datori di lavoro Dialogo interdisciplinare sull art. 30 del testo unico salute

Dettagli

Referenti Territoriali Filatelia

Referenti Territoriali Filatelia Consegnato OO.SS. 15/11/16 1 Referenti Territoriali Filatelia Rafforzamento Presidio Novembre 2016 Razionali d intervento 2 RAZIONALI DI INTERVENTO A seguito dell'incontro dello scorso 8/3/2016 è stata

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova Il C.U.G. della Provincia di Mantova: azioni positive in corso Ing. Sandro Bellini Presidente CUG Provincia di Mantova 31 marzo 2014 Palazzo del Plenipotenziario 1 Il CUG sostituisce, unificando le competenze

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 4 ANALISI PER LA VERIFICA DEGLI STANDARD MICROBIOLOGICI DEGLI ALIMENTI E DEGLI AMBIENTI

ALLEGATO TECNICO N. 4 ANALISI PER LA VERIFICA DEGLI STANDARD MICROBIOLOGICI DEGLI ALIMENTI E DEGLI AMBIENTI ALLEGATO TECNICO N. 4 ANALISI PER LA VERIFICA DEGLI STANDARD MICROBIOLOGICI DEGLI ALIMENTI E DEGLI AMBIENTI CATEGORIA MERCEOLOGICA PARAMETRI DA RICERCARE FRUTTA E VERDURA (fresca e lavata) CARNI FRESCHE

Dettagli

Benefici dell efficienza energetica nel settore alimentare: l efficientamento della produzione di aria compressa in Barilla

Benefici dell efficienza energetica nel settore alimentare: l efficientamento della produzione di aria compressa in Barilla Benefici dell efficienza energetica nel settore alimentare: l efficientamento della produzione di aria compressa in Barilla Angelo Patander (Barilla) Luca Bicchierini (Atlas Copco) Maurizio Riva (Solgen)

Dettagli

VERBALE DI RIESAME DELLA DIREZIONE --- STRALCIO

VERBALE DI RIESAME DELLA DIREZIONE --- STRALCIO VERBALE DI RIESAME DELLA DIREZIONE --- STRALCIO Il giorno 19 ottobre 2015, la Direzione della MERCK SERONO S.p.A. ha completato il Riesame del Sistema di Gestione per la Responsabilità Sociale adottato

Dettagli

Indagine conoscitiva sull interesse al TELELAVORO IN ENEA -DIPENDENTI

Indagine conoscitiva sull interesse al TELELAVORO IN ENEA -DIPENDENTI Il Comitato Unico di Garanzia ha proposto ai colleghi 2 questionari sul telelavoro. Uno rivolto ai dipendenti ed uno rivolto ai capi struttura Con il questionario rivolto ai dipendenti si intende evidenziare

Dettagli

SMART BANK NEW WAYS OF WORKING. Roma, 23 giugno 2017

SMART BANK NEW WAYS OF WORKING. Roma, 23 giugno 2017 SMART BANK NEW WAYS OF WORKING Roma, 23 giugno 2017 Smart Bank è cambiare spazi, cambiare tecnologia, cambiare regole di presenza in ufficio, ma è soprattutto un importante cambiamento culturale, abilitante

Dettagli

SMART WORKING. Peter Drucker

SMART WORKING. Peter Drucker SMART WORKING SMART WORKING «Ogni organizzazione deve essere pronta ad abbandonare tutto quello che fa e cominciare da capo. Tra 15 anni ogni business di oggi, se sopravviverà, sarà diverso: i processi,

Dettagli

Asilo nido La Coccinella (n schede 26)

Asilo nido La Coccinella (n schede 26) Alo nido La Coccinella (n schede ) Età dei bambini/e (espressa in me) 11 13 1 19 7 9 3 31 3 1 Tuo/a figlio/a consuma la prima colazione a casa ineme agli altri membri della famiglia? 1 1 1a 1 1 1 1 Se

Dettagli

Alcuni esempi di Buone Pratiche segnalate dai nostri Referenti

Alcuni esempi di Buone Pratiche segnalate dai nostri Referenti 1 Rapporto sulla Contrattazione di Secondo Livello OCSEL 5 Novembre 2012 Alcuni esempi di Buone Pratiche segnalate dai nostri Referenti 1 Accordo Settore Gli elementi innovativi e caratterizzanti l accordo

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento dell attività di telelavoro

Regolamento per lo svolgimento dell attività di telelavoro Regolamento per lo svolgimento dell attività di telelavoro Visto l art. 4 della legge 16 giugno 1998 n. 191 il quale ha esplicitamente legittimato il telelavoro, quale forma di lavoro a distanza di cui

Dettagli

STUDIO CASTELLO BORGIA. CONSULENZA & FORMAZIONE per l Azienda e la Persona

STUDIO CASTELLO BORGIA. CONSULENZA & FORMAZIONE per l Azienda e la Persona Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c'è altra via. Questa non è Filosofia,

Dettagli

I N D I C E. Art.1 Ambito di applicazione pag. 3. Art.2 Principi pag. 3. Art.3 Procedure generali pag. 3. Art.4 Finalità pag. 3

I N D I C E. Art.1 Ambito di applicazione pag. 3. Art.2 Principi pag. 3. Art.3 Procedure generali pag. 3. Art.4 Finalità pag. 3 C.S.A. CENTRO SERVIZI ANZIANI ADRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ INTERNA DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL C.S.A. Approvato con Deliberazione del C.d.A. n. 30 del 24/11/2011 I N D I C E Art.1

Dettagli

A MONZA E A MILANO PER RISPARMIARE RISCOPRONO LA SCHISCETTA E SCELGONO IL TAKE AWAY

A MONZA E A MILANO PER RISPARMIARE RISCOPRONO LA SCHISCETTA E SCELGONO IL TAKE AWAY 0392807521-0392807511 In Lombardia la spesa per il carrello è diminuita ad aprile del -1,7% su base annua e i lombardi si ritrovano con 34 euro in più nel portafoglio, i monzesi ne risparmiano 27 A MONZA

Dettagli

Accordo relativo ai criteri di mobilità regionale negli uffici delle Marche. Procedura 2015

Accordo relativo ai criteri di mobilità regionale negli uffici delle Marche. Procedura 2015 Direzione Regionale Marche Accordo relativo ai criteri di mobilità regionale negli uffici delle Marche Procedura 2015 Al fine di migliorare il bilanciamento vita-lavoro, col presente accordo si regolamenta

Dettagli

Allegato A. Indagini sul personale dipendente

Allegato A. Indagini sul personale dipendente Allegato A Indice Questionario sul benessere organizzativo ------------------------------------------------------------------- 2 A - Sicurezza e salute sul luogo di lavoro e stress lavoro correlato ---------------------------------------

Dettagli

EGUAGLIANZA vs DISCRIMINAZIONI DI GENERE NEL LAVORO CUG UNIMORE 7 Marzo 2017

EGUAGLIANZA vs DISCRIMINAZIONI DI GENERE NEL LAVORO CUG UNIMORE 7 Marzo 2017 EGUAGLIANZA vs DISCRIMINAZIONI DI GENERE NEL LAVORO CUG UNIMORE 7 Marzo 2017 Conciliazione Tempi di Vita e Tempi di Lavoro: Lavoro Flessibile in Azienda USL di Modena Francesca Isola Direttore Amministrativo

Dettagli

Indice. Controlli tecnologici e tutele del lavoratore nel nuovo art. 4 St. lav.

Indice. Controlli tecnologici e tutele del lavoratore nel nuovo art. 4 St. lav. Gli Autori XI Capitolo Primo Controlli tecnologici e tutele del lavoratore nel nuovo art. 4 St. lav. di Arturo Maresca 1. Il (mal)funzionamento dell art. 4 e le ipocrisie della tutela statutaria 1 2. Il

Dettagli

DIRITTO DEL LAVORO. DIRITTO DEI RAPPORTI INDIVIDUALI DI LAVORO (Diritto del lavoro in senso stretto)

DIRITTO DEL LAVORO. DIRITTO DEI RAPPORTI INDIVIDUALI DI LAVORO (Diritto del lavoro in senso stretto) DIRITTO DEL LAVORO DIRITTO DEI RAPPORTI INDIVIDUALI DI LAVORO (Diritto del lavoro in senso stretto) DIRITTO DEI RAPPORTI COLLETTIVI (Diritto sindacale) Le fonti Costituzione Legge Contratto collettivo

Dettagli

LA STORIA, IL CONTESTO, LE ATTIVITA E LA PROSPETTIVA DELLA RETE CUG AMBIENTE

LA STORIA, IL CONTESTO, LE ATTIVITA E LA PROSPETTIVA DELLA RETE CUG AMBIENTE un opportunità di crescita nel Sistema Nazionale Protezione dell Ambiente LA STORIA, IL CONTESTO, LE ATTIVITA E LA PROSPETTIVA DELLA RETE CUG AMBIENTE MARIAROSA CAPORALI Presidente RETE CUG AMBIENTE IL

Dettagli

La rilevanza scientifica del Questionario Multidimensionale sul Benessere Organizzativo

La rilevanza scientifica del Questionario Multidimensionale sul Benessere Organizzativo La rilevanza scientifica del Questionario Multidimensionale sul Benessere Organizzativo Responsabile scientifico: Prof. Valeria Biasci Commissione Scientifica Progetto Benessere Personale TAB Università

Dettagli

CONCILIAZIONE E PRODUTTIVITA : ESEMPI DI BUONE PRATICHE. Relatrice: SABINA GUANCIA

CONCILIAZIONE E PRODUTTIVITA : ESEMPI DI BUONE PRATICHE. Relatrice: SABINA GUANCIA Conciliazione In Pratica (C.I.P.) - La piccola impresa si innova Azione realizzata nell ambito della DGR n. X/1081/2013 Valorizzazione delle politiche territoriali di conciliazione, dei tempi lavorativi

Dettagli

del 08/05/2017

del 08/05/2017 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE SC INTERAZIENDALE ACQUISTI BENI E SERVIZI (Con AO S.CROCE) 0000776 del 08/05/2017 OGGETTO: FORNITURA DI ALIMENTI APROTEICI PER NEFROPATICI PER 36 MESI DAL 01/05/2017 AL 30/04/2020

Dettagli

A BETTER PLACE TO WORK. Bologna, 08 febbraio 2010

A BETTER PLACE TO WORK. Bologna, 08 febbraio 2010 A BETTER PLACE TO WORK Bologna, 08 febbraio 2010 INTRODUZIONE COMPATIBILITA Ipotesi di lavoro: verificare se in concreto sussistano i presupposti culturali (Dire, Fare, Volare) ed i supporti metodologici

Dettagli

Presentazione Risultati

Presentazione Risultati Presentazione Risultati della Ricerca Motivazione e Diversità: un contributo alla Leadership del Futuro? Aziende Sponsor: Aziende Sponsor: Obiettivi e domande di ricerca:? Esistono differenze nella motivation

Dettagli

FORUM HR ABI 10 maggio (ore 14,30) Laboratorio tematico B RISORSE UMANE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE COME FATTORI DI CRESCITA

FORUM HR ABI 10 maggio (ore 14,30) Laboratorio tematico B RISORSE UMANE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE COME FATTORI DI CRESCITA FORUM HR ABI 10 maggio (ore 14,30) Laboratorio tematico B RISORSE UMANE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE COME FATTORI DI CRESCITA Premessa - Durante la giornata odierna molti dei presenti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E PARI OPPORTUNITÀ

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E PARI OPPORTUNITÀ Quando la Donna è imprenditore C E I UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E PARI OPPORTUNITÀ SEMINARIO DI STUDIO ROMA, 15 MAGGIO 2007 Programma ore 9.30-17.00

Dettagli

CUG PROGETTO NIDO AZIENDALE

CUG PROGETTO NIDO AZIENDALE CUG PROGETTO NIDO AZIENDALE PREMESSA 1. La riorganizzazione dei luoghi e dei tempi di lavoro va di pari passo con l evoluzione del modello tradizionale di famiglia, che vede la donna impegnata nel proprio

Dettagli

Modello di classificazione Uffici Postali 2007

Modello di classificazione Uffici Postali 2007 Modello di classificazione Uffici Postali 2007 Roma, novembre 2006 SCHEMA DI SINTESI TECNICO CLASSIFICAZIONE UFFICI POSTALI 2007 Nello schema di seguito allegato e nelle slide seguenti in relazione alla

Dettagli

Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» La gerarchia delle fonti...» Il Titolo V della Costituzione...

Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» La gerarchia delle fonti...» Il Titolo V della Costituzione... Parte I Nozioni Introduttive. Il rapporto di lavoro Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» 17 2. La gerarchia delle fonti...» 18 3. Il Titolo V della Costituzione...» 30 Capitolo

Dettagli

GenerAzioni al lavoro. Prospettive di benessere e conciliazione per la donna che è madre e figlia

GenerAzioni al lavoro. Prospettive di benessere e conciliazione per la donna che è madre e figlia GenerAzioni al lavoro. Prospettive di benessere e conciliazione per la donna che è madre e figlia Il progetto, che la Fondazione Franco Demarchi ha gestito con il contributo dell Agenzia per la famiglia,

Dettagli

Modulo 00 Introduzione alla formazione

Modulo 00 Introduzione alla formazione e-mail:info@studioingsardo.com Generale insegnanti e personale ATA Modulo 00 Introduzione alla Materiale tratto dai pacchetti di del SiRVeSS (Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole)

Dettagli

FLESSIBILITA, TUTELE E DIRITTI

FLESSIBILITA, TUTELE E DIRITTI FLESSIBILITA, TUTELE E DIRITTI Fiorenzo Colombo Segretario Generale Femca Cisl Lombardia Convegno La gestione flessibile come sistema: organizzazioni, mestieri, qualità Verona 12 Giugno 2003 12 giugno

Dettagli

Imprese attive nella produzione di cibi pronti, precotti, take away in Italia

Imprese attive nella produzione di cibi pronti, precotti, take away in Italia . Imprese attive nella produzione di cibi pronti, precotti, take away in Italia 2011 2010 Var. % 11/10 Peso su tot. settore alimentare 2011 Produzione di pasti e piatti preparati 300 222 35,1% 0,3% Produzione

Dettagli