Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati"

Transcript

1 Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere delle caratteristiche comuni a quelle tipiche del reato di maltrattamenti in famiglia e degli elementi invece differenziali. Esse sono quelle previste nei seguenti articoli del codice penale: Art. 571 c.p.: abuso dei mezzi di correzione o di disciplina; Art. 609 bis e seguenti c.p.: violenza sessuale ( in tutte le sue forme, per esempio violenza di gruppo, atti sessuali con minorenni); Art. 612 bis c.p.: atti persecutori; Art. 582 e seguenti c.p.: lesioni personali lievi e lievissime; Art. 572 u.c. c.p.: lesioni gravi, gravissime o morte come conseguenza degli atti di maltrattamento; Art. 610 c.p.: violenza privata; Art. 581 c.p.: percosse; Art. 612 c.p.: minaccia; Art. 594 c.p. ingiuria. Si tratta di reati generalmente caratterizzati dalla prevaricazione di una parte (soggetto agente) sull altra (vittima), molto spesso anche nella sfera sessuale. Proprio perché si tratta di reati molto vicini fra loro, sia nella descrizione normativa che nel fatto naturale che sta alla base di essi, ci si deve chiedere, e ci si è chiesto, sia in dottrina che in giurisprudenza, quale rapporto debba esistere fra queste norme e cioè, quindi, se esse debbano concorrere o se, al contrario, l una possa ritenersi assorbita nell altra. In alcuni casi, ci viene in soccorso la stessa legge che formula una vera e propria clausola di riserva espressa. 1

2 E questo il caso del reato di maltrattamenti rispetto a quello di cui all articolo 571 c.p. La norma di cui all articolo 572 c.p., infatti, stabilisce che si risponde di questo reato fuori dai casi indicati nell articolo precedente, ovvero nell articolo 571 c.p. Il legislatore si è cioè preoccupato di precisare che il reato di maltrattamenti si configura solo se i fatti non rientrano nell ambito di operatività dell articolo 571 c.p. che disciplina, appunto, il reato di abuso dei mezzi di correzione. Anche se questo reato solitamente non riguarda le ipotesi di violenza domestica fra partner oggetto specifico del presente lavoro (generalmente si concretizza, infatti, nell ambito delle relazioni fra genitori e figli oppure in quelle precisamente indicate nella norma), può essere ugualmente interessante sapere che, per lungo tempo, la dottrina ha interpretato questa clausola ritenendo rilevante, l animus corrigendi, cioè l intenzione del soggetto agente. Pertanto, nel caso di una condotta di maltrattamenti perpetrata con il fine di correggere, si sarebbe dovuto applicare, secondo questo orientamento, l art. 571 c.p. Oggi questa interpretazione sembra davvero minoritaria oltre che superata dagli Autori più recenti, i quali affermano che occorre avere riguardo al mezzo utilizzato dal soggetto agente, ovvero valutare se esso sia idoneo e/o lecito per fini correttivi. Per l applicazione della norma di cui all articolo 571 c.p. ha rilevanza, quindi, secondo questa interpretazione, la condotta e non l intenzione dell agente. Si applicherà pertanto la norma di cui all articolo 571 c.p. solo se sarà provato un abuso di quei mezzi che sono leciti, consentiti e compatibili con lo scopo educativo (un lieve schiaffo, una tirata di capelli). Conseguentemente, saranno maltrattamenti -e non abuso di mezzi di correzione- l uso del battipanni o della cinghia che procurino lesioni al figlio 2

3 oppure la privazione del cibo o l esposizione in giardino alle intemperie (naturalmente se caratterizzati dalla abitualità e dalla ripetizione nel tempo). Così la Cassazione ha deciso in un caso recente (Cass. Pen., sezione VI, , n , in Guida al diritto, 7 maggio 2011): la Corte ha condannato per il reato di abuso dei mezzi di correzione o di disciplina il genitore che, a causa del rifiuto di tagliarsi i capelli della la figlia minore, l aveva sottoposta al taglio forzoso, lasciandole segni di percosse alle gambe e ferite sul cuoio capelluto, provocate verosimilmente dal taglio indiscriminato di capelli con forbici da cucina. Secondo la medesima sentenza, restano estranei alla fattispecie di cui all articolo 571 c.p. quegli atti di minima valenza fisica o morale che semplicemente rafforzano una proibizione, non arbitraria né ingiusta. La legge ci soccorre anche per comprendere il rapporto fra l articolo 572 c.p. e le lesioni personali gravi o gravissime- e l omicidio. Il codice penale, infatti, all ultimo comma della norma citata, disciplina proprio queste ipotesi, prevedendo un aggravamento della pena nel caso delle lesioni gravi o gravissime (o della morte), come conseguenza del reato di maltrattamenti. Occorre innanzitutto premettere che esiste un dibattito sulla natura del capoverso dell articolo 572 c.p. La maggior parte degli Autori ritiene trattarsi di vere e proprie circostanze aggravanti; la dottrina minoritaria, invece, li considera delitti aggravati dall evento (ovvero delitti che subiscono un aumento di pena per il verificarsi di un evento ulteriore rispetto al fatto base che già costituisce reato). La distinzione è rilevante in quanto, teoricamente, dovrebbe determinare una modifica nel regime di imputazione di questi eventi, a seconda appunto della natura che si voglia loro attribuire; in particolare, se li consideriamo circostanze aggravanti, dopo l introduzione del regime di imputazione 3

4 soggettiva delle stesse, tali eventi non possono essere addebitati se non siano quantomeno prevedibili (art. 59 c.p., così come riformato dalla legge del 1990). Se li consideriamo, invece, delitti aggravati dall evento, il regime di imputazione sarebbe di tipo oggettivo (si tratterebbe di una sorta di responsabilità oggettiva). Tuttavia, poichè la Corte Costituzionale ha bandito le ipotesi di responsabilità oggettiva penale dal nostro ordinamento, anche a voler considerare queste ipotesi come reati aggravati dall evento, esse andranno sempre imputate al soggetto agente alla luce del principio di colpevolezza, di cui all articolo 27 della Costituzione, ovvero secondo un criterio quantomeno di prevedibilità. Tanto premesso, è evidente che qualunque sia la tesi che si vuole seguire, attualmente le lesioni personali gravi, gravissime o la morte come conseguenza non voluta del reato di maltrattamenti possono essere imputate al soggetto attivo (ai sensi del capoverso dell articolo 572 c.p.), solo se prevedibili. E altrettanto evidente, però, che se il soggetto attivo le avesse volute o avesse accettato il rischio della loro verificazione (dolo eventuale) allora egli risponderebbe di omicidio o di lesioni volontarie in concorso con il reato di maltrattamenti (cfr. Cass. Pen., sezione VI, , n ). Approfondendo il tema delle lesioni personali, se si tratta di lesioni lievi (c.d. semplici, ovvero lesioni che determinano una malattia della durata fra 21 e 40 giorni, primo comma art. 582 c.p.) e lievissime (che determinano cioè una malattia della durata di meno di 20 giorni, secondo comma art. 582 c.p.), il discorso è in parte differente. 4

5 La dottrina ritiene che quelle lievi e lievissime involontarie restino assorbite nei maltrattamenti in quanto conseguenza normale degli atti di maltrattamento. Quelle volontarie, invece, concorrerebbero con il reato di maltrattamenti tutte le volte che si riesca a dimostrare che l agente, oltre alla volontà di maltrattare abbia anche avuto l intenzione di ledere l integrità psicofisica del soggetto in maniera predefinita e orientata (cfr. Cass. Pen., sezione VI, , n , in Guida al diritto, n. 8, settembre 2011). Si discute (sembra soprattutto in dottrina, in quanto in giurisprudenza non si sono reperiti casi recenti ma si è dovuti risalire a prassi giudiziarie degli anni novanta) se come conseguenza non voluta del reato di maltrattamenti si possa far rientrare anche il suicidio della persona offesa; in altre parole, poiché la norma parla genericamente di morte come conseguenza dei maltrattamenti, ci si chiede se il suicidio della vittima possa rientrare in questa definizione. Molti autori ritengono che si possa addebitare solo ove si riesca a dimostrare che nel momento del suicidio la volontà del soggetto passivo fosse totalmente annullata e questi abbia agito soltanto sotto la spinta dei maltrattamenti per porre fine alla continue sofferenze e all insostenibile regime di vita. Anche in questo caso, secondo noi, la tesi più corretta sarebbe quella di interpretare l ipotesi che stiamo analizzando alla luce dei principi di colpevolezza stabiliti dalla Corte Costituzionale, ovvero quelli di quantomeno- prevedibilità dell evento addebitato al soggetto agente. Per quanto concerne gli altri reati elencati all inizio del presente lavoro e il rapporto con quello di maltrattamenti in famiglia, poiché la legge non dice 5

6 nulla, ci soccorrono le norme generali sul concorso di reati, sul principio di specialità e l interpretazione giurisprudenziale. Se iniziamo la disamina dai reati di percosse, minacce e ingiurie appare tutto piuttosto pacifico. Secondo dottrina e giurisprudenza, infatti, questi reati sono assorbiti nel reato di maltrattamenti, con conseguente applicazione della sola pena prevista dalla norma di cui all articolo 572 c.p. Per il reato di percosse, in realtà, l articolo 581 c.p. statuisce che questa disposizione non si applica quando la legge considera la violenza come elemento costitutivo o circostanza aggravante di un altro reato. E poiché il reato di maltrattamenti si può concretizzare, appunto, attraverso l uso della violenza fisica (che diventa quindi elemento costitutivo del reato) è evidente che non potrà trovare applicazione la norma di cui all articolo 581 c.p. per il principio anzidetto. Nel rapporto fra il reato di maltrattamenti e quelli di minaccia e di ingiuria, gli autori ritengono che se le percosse, che implicano una forma seppur lieve di violenza fisica, si considerano assorbite nella condotta di cui all articolo 572 c.p., a maggior ragione si deve seguire lo stesso ragionamento quando la condotta si manifesta con una violenza solo verbale, ovvero quella che caratterizza appunto la minaccia o l ingiuria; inoltre la pena prevista dalle singole norme citate (612 c.p. e 594 c.p.) sarebbe molto lieve e, come tale, assorbibile in quella ben più grave prevista per i maltrattamenti. Si segnala, tuttavia, sul punto una sentenza della Cassazione (Cass. Pen, sezione VI, , n ) che, in tema di minaccia, sembra aderire a un interpretazione differente: in particolare, la Corte ha ritenuto insussistente il presupposto per l assorbimento della minaccia in quello di maltrattamenti in forza dell autonoma enucleazione indicata nel capo di imputazione. 6

7 Rapporto fra il reato di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. Una delle questioni particolarmente discusse e trattate dalla Suprema Corte nell ambito del reato di maltrattamenti è quella che attiene alla possibilità che tale reato possa concorrere (o debba ritenersi invece assorbito) con quello di violenza sessuale qualora, appunto, nell ambito della condotta di maltrattamenti si sia verificata anche una o più condotte di violenza sessuale. Si segnala una pronuncia piuttosto importante sul punto, nella quale viene anche riassunto il precedente orientamento costante- della Corte stessa e nella quale si ritrovano numerosi riferimenti giurisprudenziali (cfr. Cass. Pen , sezione III, n ). La Cassazione, in questa sentenza, afferma che il reato di violenza sessuale e quello di maltrattamenti in famiglia possono concorrere tra loro, salvo che nel caso in cui ci sia la piena coincidenza tra le due condotte, nel senso che il delitto di maltrattamenti sia consistito nella mera reiterazione degli atti di violenza sessuale. In particolare si è precisato che il delitto di violenza sessuale concorre con quello di maltrattamenti quando la condotta violenta, ispirata da prevalenti motivazioni di carattere sessuale non si esaurisca nel mero uso della violenza necessaria a vincere la resistenza della vittima per abusarne sessualmente ma si inserisca in un contesto di sopraffazioni, ingiurie, minacce e violenze di vario genere, tipiche della condotta di maltrattamenti. Dunque perché si possa parlare di violenza sessuale in concorso con il reato di cui all articolo 572 c.p., occorre che vi siano altri comportamenti integranti il reato di maltrattamenti (cioè, per esempio, stato di sottomissione, di afflizione, di paura, di prevaricazione). La ragione di tale conclusione, costantemente riaffermata negli anni dalla Corte, risiederebbe nell articolo 15 c.p. (principio di specialità), secondo il 7

8 quale due reati non possono concorrere quando le due norme che apparentemente disciplinano quel fatto sono speciali l una rispetto all altra. Partendo da questo presupposto si afferma- non si può non riconoscere che la violenza sessuale è speciale rispetto al reato di maltrattamenti e concludere in maniera difforme significherebbe violare il principio del ne bis idem sostanziale, che vieta che diverse sanzioni penali siano applicate all agente per lo stesso fatto materiale (stesso principio per cui chi commette violenza sessuale non viene condannato per 610 c.p. o 612 c.p.). Ecco perché la Cassazione afferma che per far concorrere i due reati occorrono anche altri atti che integrino il reato di maltrattamenti. Diversamente, e cioè in assenza di tali ulteriori condotte, troverà applicazione la sola norma di cui all articolo 609 bis c.p., speciale rispetto a quella di cui all articolo 572 c.p. In passato, per giungere alla medesima conclusione, e cioè per poter affermare il concorso fra l articolo 609 bis c.p. e l articolo 572 c.p., erano stati fatti valere due argomenti, oggi però superati dalla tesi sopra illustrata che fa riferimento al principio di specialità. In particolare, una remota giurisprudenza sosteneva l ammissibilità del concorso dei reati poiché le due fattispecie sarebbero differenti: nella condotta riconducibile all articolo 572 c.p. vi sarebbe, infatti, secondo tale interpretazione, un dolo unitario e programmatico che mancherebbe in quella di cui all art. 609 bis c.p. L obiezione mossa a tale interpretazione ha fatto leva sul fatto che anche nella reiterazione della condotta di cui all articolo 609 bis c.p. (e cioè nella fattispecie di 609 bis c.p. continuata) vi è un dolo programmatico e unitario. Quello fondato sulla distinzione del dolo nelle due fattispecie è stato pertanto ritenuto argomento infondato. Il secondo orientamento, ancora più risalente, sosteneva invece che i due reati dovessero concorrere perché diversa è l obiettività giuridica: 8

9 l assistenza familiare nella fattispecie di cui all articolo 572 c.p., la libertà personale in quella di cui all articolo 609 bis c.p. Anche questo orientamento non è stato risparmiato da censure. Si è detto, infatti, che l applicazione di questo principio determinerebbe conseguenze assurde (universalmente riconosciute come tali) in quanto porterebbe a ritenere, per esempio, che la violenza o la minaccia possano concorrere con il reato di cui all articolo 609 bis c.p., essendo diversi gli oggetti giuridici delle norme in questione: la libertà personale nell articolo 609 bis c.p., la libertà morale nei reati di violenza o minaccia. Rapporto fra il reato di maltrattamenti in famiglia e stalking (art. 612 bis c.p.) In questa sede non possiamo addentrarci nell analisi della fattispecie di cui all articolo 612 bis c.p. perché scopo della presente trattazione è l approfondimento del rapporto fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e quello, appunto di stalking. Sinteticamente però possiamo premettere alcune considerazioni generali sulla norma che ha introdotto il reato di stalking nel nostro ordinamento (articolo 612 bis c.p.). Essa prevede come elementi costitutivi da un lato la condotta della minaccia o della molestia (almeno due episodi) e dall altro la verificazione di un danno: la norma ne prevede tre in via alternativa (i primi due sono di carattere soggettivo, il terzo di carattere oggettivo). Sarà pertanto sufficiente che se ne realizzi uno perché il delitto sia compiutamente integrato. Il reato non è più considerato un reato di pericolo, come riteneva una superata tendenza che traeva questa conclusione dal fatto che la norma dice in modo da cagionare, invece di usare l espressione cagiona che avrebbe 9

10 consentito di affermare, senza fraintendimenti, la natura di reato di danno del 612 bis c.p. Come compiutamente analizzato da una sentenza del Tribunale di Milano (Tribunale penale di Milano, sezione V, , n ), il primo degli eventi preso in considerazione è il perdurante e grave stato di ansia o di paura che deve avere la connotazione di una forma patologica caratterizzata da stress, non essendo sufficiente una momentanea alterazione ma occorrendo il verificarsi di una situazione di disequilibrio psicologico che assume carattere patologico e, quindi, obiettivo. A provare il verificarsi di questo danno non è necessario disporre una perizia che accerti l esistenza di una vera e propria patologia; può essere sufficiente una certificazione medica nella quale, per esempio, si dia atto della presenza di uno stato di ansia, ovvero una prova testimoniale che dimostri che la persona offesa manifestava palesemente tale stato oppure, ancora, che la vittima per tenere sotto controllo la sua ansia era costretta a ricorrere all assunzione di farmaci. Il secondo evento previsto dalla norma è il fondato timore per l incolumità propria o di un prossimo congiunto (o di una persona ad esso legata da una relazione affettiva). Perché il timore possa ritenersi fondato non occorre che l agente abbia già posto in essere atti di violenza fisica che inducono la vittima ad aver paura della reiterazione delle condotte ben potendo anche le sole minacce, soprattutto se gravi, dirette alla persona offesa concretamente giustificare la seria preoccupazione per la propria incolumità, tenuto conto della sua situazione soggettiva e in particolare delle sue condizioni di vita. L evento di cui parliamo è diverso da quello più sopra descritto (ansia) e quindi a provarne il verificarsi non è richiesta la presenza di una certificazione medica essendo sufficiente, ad esempio, una prova 10

11 dichiarativa dalla quale emerga con chiarezza che la vittima ha manifestato il suo spavento. Il terzo evento (oggettivo) preso in considerazione dalla norma è l alterazione delle abitudini di vita che sussiste tutte le volte in cui la persona offesa modifichi, anche solo in parte, l ordinario svolgimento delle sue giornate; non è necessario un cambiamento radicale attuato, ad esempio, traslocando in un altra città o in un altra abitazione ovvero lasciando il posto di lavoro (per esempio può essere sufficiente cambiare strada per andare al lavoro, cambiare palestra o non uscire più da soli la sera, eccetera). Come si pone questo reato in rapporto a quello di cui all articolo 572 c.p.? Le due norme concorrono oppure una è speciale rispetto all altra e ne viene assorbita? Diverse sono le interpretazioni circa il rapporto fra l articolo 572 c.p. e l articolo 612 bis c.p. Occorre innanzitutto premettere che in questa sede dobbiamo soffermare l attenzione sulla tipologia di stalking che si verifica nell ambito delle relazioni di intimità. Come sappiamo, infatti, questi atti persecutori posso sprigionarsi anche in differenti ambienti e situazioni (per esempio da parte di sconosciuti, sul luogo di lavoro o addirittura in ambito condominiale) che tuttavia esulano dall oggetto del presente lavoro. Venendo ai casi che ci interessano (cioè stalking nelle relazioni di intimità), l esperienza giudiziaria registra molto spesso una sequenza tipica di condotte violente che si consumano inizialmente in ambito familiare e successivamente, dopo l interruzione del rapporto di coabitazione determinato magari da una separazione, attraverso una vera e propria attività di persecuzione nei confronti dell ex partner. Esistono poi anche casi di atti persecutori che iniziano dopo la separazione. 11

12 In generale si ritiene che la norma di cui all articolo 612 bis c.p. sia assorbita in quella di cui all art. 572 c.p. e quindi non sia applicabile il concorso delle norme. Però, nell esprimere questo concetto, la giurisprudenza (Tribunale penale di Napoli, ), ha tuttavia ritenuto corretta la contestazione di entrambi i reati, attribuendo rilevanza, a questo fine, all elemento della coabitazione (cessata) dei due partner. In particolare, il Tribunale ha stabilito che l elemento utile per distinguere i due reati è il requisito della coabitazione fra i soggetti. Laddove questo venga meno, si dovrà applicare l articolo 572 c.p. fino alla cessazione della convivenza e la norma di cui all articolo 612 bis c.p. per i fatti accaduti dopo la cessazione della stessa. Ciò, secondo alcuni, non pare corretto perché è ormai pacifico che il reato di maltrattamenti possa sussistere anche dopo la cessazione della convivenza, qualora gli atti che caratterizzano i maltrattamenti vadano ad incidere sui vincoli che restano tali anche dopo la separazione (ad esempio quello di assistenza morale e materiale e di collaborazione). Quindi si dovrebbe concordare con chi prospetta la contestazione del reato di maltrattamenti nella forma continuata, anche se cessa la convivenza, quando gli atti persecutori e violenti sono iniziati in ambito familiare, durante la convivenza, e la contestazione dell articolo 612 bis c.p. quando gli stessi non abbiano avuto un retroterra recente in ambito familiare o gli attori non abbiano alcun legame giuridicamente rilevante (Anna Costanza Baldry, Fabio Roia, Strategie efficaci per il contrasto ai maltrattamenti e allo stalking, pagina 27). 12

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CHE COS E LO STALKING?

CHE COS E LO STALKING? CHE COS E LO STALKING? Con il termine stalking si intende un insieme di comportamenti tramite i quali una persona affligge un altra con intrusioni e comunicazioni ripetute e indesiderate, a tal punto da

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

LO STALKING TRA CRIMINOLOGIA, GIURISPRUDENZA E RECENTI MODIFICHE NORMATIVE

LO STALKING TRA CRIMINOLOGIA, GIURISPRUDENZA E RECENTI MODIFICHE NORMATIVE LE MISURE DI PREVENZIONE NEL TESTO UNICO 69 LO STALKING TRA CRIMINOLOGIA, GIURISPRUDENZA E RECENTI MODIFICHE NORMATIVE CARMELO MINNELLA* SommArio: 1. il fenomeno stalking e la risposta articolata e flessibile

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Vademecum per le forze di polizia a cura del Gruppo Tecnico previsto dal Protocollo d'intesa tra Ministero dell'interno

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli