Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati"

Transcript

1 Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere delle caratteristiche comuni a quelle tipiche del reato di maltrattamenti in famiglia e degli elementi invece differenziali. Esse sono quelle previste nei seguenti articoli del codice penale: Art. 571 c.p.: abuso dei mezzi di correzione o di disciplina; Art. 609 bis e seguenti c.p.: violenza sessuale ( in tutte le sue forme, per esempio violenza di gruppo, atti sessuali con minorenni); Art. 612 bis c.p.: atti persecutori; Art. 582 e seguenti c.p.: lesioni personali lievi e lievissime; Art. 572 u.c. c.p.: lesioni gravi, gravissime o morte come conseguenza degli atti di maltrattamento; Art. 610 c.p.: violenza privata; Art. 581 c.p.: percosse; Art. 612 c.p.: minaccia; Art. 594 c.p. ingiuria. Si tratta di reati generalmente caratterizzati dalla prevaricazione di una parte (soggetto agente) sull altra (vittima), molto spesso anche nella sfera sessuale. Proprio perché si tratta di reati molto vicini fra loro, sia nella descrizione normativa che nel fatto naturale che sta alla base di essi, ci si deve chiedere, e ci si è chiesto, sia in dottrina che in giurisprudenza, quale rapporto debba esistere fra queste norme e cioè, quindi, se esse debbano concorrere o se, al contrario, l una possa ritenersi assorbita nell altra. In alcuni casi, ci viene in soccorso la stessa legge che formula una vera e propria clausola di riserva espressa. 1

2 E questo il caso del reato di maltrattamenti rispetto a quello di cui all articolo 571 c.p. La norma di cui all articolo 572 c.p., infatti, stabilisce che si risponde di questo reato fuori dai casi indicati nell articolo precedente, ovvero nell articolo 571 c.p. Il legislatore si è cioè preoccupato di precisare che il reato di maltrattamenti si configura solo se i fatti non rientrano nell ambito di operatività dell articolo 571 c.p. che disciplina, appunto, il reato di abuso dei mezzi di correzione. Anche se questo reato solitamente non riguarda le ipotesi di violenza domestica fra partner oggetto specifico del presente lavoro (generalmente si concretizza, infatti, nell ambito delle relazioni fra genitori e figli oppure in quelle precisamente indicate nella norma), può essere ugualmente interessante sapere che, per lungo tempo, la dottrina ha interpretato questa clausola ritenendo rilevante, l animus corrigendi, cioè l intenzione del soggetto agente. Pertanto, nel caso di una condotta di maltrattamenti perpetrata con il fine di correggere, si sarebbe dovuto applicare, secondo questo orientamento, l art. 571 c.p. Oggi questa interpretazione sembra davvero minoritaria oltre che superata dagli Autori più recenti, i quali affermano che occorre avere riguardo al mezzo utilizzato dal soggetto agente, ovvero valutare se esso sia idoneo e/o lecito per fini correttivi. Per l applicazione della norma di cui all articolo 571 c.p. ha rilevanza, quindi, secondo questa interpretazione, la condotta e non l intenzione dell agente. Si applicherà pertanto la norma di cui all articolo 571 c.p. solo se sarà provato un abuso di quei mezzi che sono leciti, consentiti e compatibili con lo scopo educativo (un lieve schiaffo, una tirata di capelli). Conseguentemente, saranno maltrattamenti -e non abuso di mezzi di correzione- l uso del battipanni o della cinghia che procurino lesioni al figlio 2

3 oppure la privazione del cibo o l esposizione in giardino alle intemperie (naturalmente se caratterizzati dalla abitualità e dalla ripetizione nel tempo). Così la Cassazione ha deciso in un caso recente (Cass. Pen., sezione VI, , n , in Guida al diritto, 7 maggio 2011): la Corte ha condannato per il reato di abuso dei mezzi di correzione o di disciplina il genitore che, a causa del rifiuto di tagliarsi i capelli della la figlia minore, l aveva sottoposta al taglio forzoso, lasciandole segni di percosse alle gambe e ferite sul cuoio capelluto, provocate verosimilmente dal taglio indiscriminato di capelli con forbici da cucina. Secondo la medesima sentenza, restano estranei alla fattispecie di cui all articolo 571 c.p. quegli atti di minima valenza fisica o morale che semplicemente rafforzano una proibizione, non arbitraria né ingiusta. La legge ci soccorre anche per comprendere il rapporto fra l articolo 572 c.p. e le lesioni personali gravi o gravissime- e l omicidio. Il codice penale, infatti, all ultimo comma della norma citata, disciplina proprio queste ipotesi, prevedendo un aggravamento della pena nel caso delle lesioni gravi o gravissime (o della morte), come conseguenza del reato di maltrattamenti. Occorre innanzitutto premettere che esiste un dibattito sulla natura del capoverso dell articolo 572 c.p. La maggior parte degli Autori ritiene trattarsi di vere e proprie circostanze aggravanti; la dottrina minoritaria, invece, li considera delitti aggravati dall evento (ovvero delitti che subiscono un aumento di pena per il verificarsi di un evento ulteriore rispetto al fatto base che già costituisce reato). La distinzione è rilevante in quanto, teoricamente, dovrebbe determinare una modifica nel regime di imputazione di questi eventi, a seconda appunto della natura che si voglia loro attribuire; in particolare, se li consideriamo circostanze aggravanti, dopo l introduzione del regime di imputazione 3

4 soggettiva delle stesse, tali eventi non possono essere addebitati se non siano quantomeno prevedibili (art. 59 c.p., così come riformato dalla legge del 1990). Se li consideriamo, invece, delitti aggravati dall evento, il regime di imputazione sarebbe di tipo oggettivo (si tratterebbe di una sorta di responsabilità oggettiva). Tuttavia, poichè la Corte Costituzionale ha bandito le ipotesi di responsabilità oggettiva penale dal nostro ordinamento, anche a voler considerare queste ipotesi come reati aggravati dall evento, esse andranno sempre imputate al soggetto agente alla luce del principio di colpevolezza, di cui all articolo 27 della Costituzione, ovvero secondo un criterio quantomeno di prevedibilità. Tanto premesso, è evidente che qualunque sia la tesi che si vuole seguire, attualmente le lesioni personali gravi, gravissime o la morte come conseguenza non voluta del reato di maltrattamenti possono essere imputate al soggetto attivo (ai sensi del capoverso dell articolo 572 c.p.), solo se prevedibili. E altrettanto evidente, però, che se il soggetto attivo le avesse volute o avesse accettato il rischio della loro verificazione (dolo eventuale) allora egli risponderebbe di omicidio o di lesioni volontarie in concorso con il reato di maltrattamenti (cfr. Cass. Pen., sezione VI, , n ). Approfondendo il tema delle lesioni personali, se si tratta di lesioni lievi (c.d. semplici, ovvero lesioni che determinano una malattia della durata fra 21 e 40 giorni, primo comma art. 582 c.p.) e lievissime (che determinano cioè una malattia della durata di meno di 20 giorni, secondo comma art. 582 c.p.), il discorso è in parte differente. 4

5 La dottrina ritiene che quelle lievi e lievissime involontarie restino assorbite nei maltrattamenti in quanto conseguenza normale degli atti di maltrattamento. Quelle volontarie, invece, concorrerebbero con il reato di maltrattamenti tutte le volte che si riesca a dimostrare che l agente, oltre alla volontà di maltrattare abbia anche avuto l intenzione di ledere l integrità psicofisica del soggetto in maniera predefinita e orientata (cfr. Cass. Pen., sezione VI, , n , in Guida al diritto, n. 8, settembre 2011). Si discute (sembra soprattutto in dottrina, in quanto in giurisprudenza non si sono reperiti casi recenti ma si è dovuti risalire a prassi giudiziarie degli anni novanta) se come conseguenza non voluta del reato di maltrattamenti si possa far rientrare anche il suicidio della persona offesa; in altre parole, poiché la norma parla genericamente di morte come conseguenza dei maltrattamenti, ci si chiede se il suicidio della vittima possa rientrare in questa definizione. Molti autori ritengono che si possa addebitare solo ove si riesca a dimostrare che nel momento del suicidio la volontà del soggetto passivo fosse totalmente annullata e questi abbia agito soltanto sotto la spinta dei maltrattamenti per porre fine alla continue sofferenze e all insostenibile regime di vita. Anche in questo caso, secondo noi, la tesi più corretta sarebbe quella di interpretare l ipotesi che stiamo analizzando alla luce dei principi di colpevolezza stabiliti dalla Corte Costituzionale, ovvero quelli di quantomeno- prevedibilità dell evento addebitato al soggetto agente. Per quanto concerne gli altri reati elencati all inizio del presente lavoro e il rapporto con quello di maltrattamenti in famiglia, poiché la legge non dice 5

6 nulla, ci soccorrono le norme generali sul concorso di reati, sul principio di specialità e l interpretazione giurisprudenziale. Se iniziamo la disamina dai reati di percosse, minacce e ingiurie appare tutto piuttosto pacifico. Secondo dottrina e giurisprudenza, infatti, questi reati sono assorbiti nel reato di maltrattamenti, con conseguente applicazione della sola pena prevista dalla norma di cui all articolo 572 c.p. Per il reato di percosse, in realtà, l articolo 581 c.p. statuisce che questa disposizione non si applica quando la legge considera la violenza come elemento costitutivo o circostanza aggravante di un altro reato. E poiché il reato di maltrattamenti si può concretizzare, appunto, attraverso l uso della violenza fisica (che diventa quindi elemento costitutivo del reato) è evidente che non potrà trovare applicazione la norma di cui all articolo 581 c.p. per il principio anzidetto. Nel rapporto fra il reato di maltrattamenti e quelli di minaccia e di ingiuria, gli autori ritengono che se le percosse, che implicano una forma seppur lieve di violenza fisica, si considerano assorbite nella condotta di cui all articolo 572 c.p., a maggior ragione si deve seguire lo stesso ragionamento quando la condotta si manifesta con una violenza solo verbale, ovvero quella che caratterizza appunto la minaccia o l ingiuria; inoltre la pena prevista dalle singole norme citate (612 c.p. e 594 c.p.) sarebbe molto lieve e, come tale, assorbibile in quella ben più grave prevista per i maltrattamenti. Si segnala, tuttavia, sul punto una sentenza della Cassazione (Cass. Pen, sezione VI, , n ) che, in tema di minaccia, sembra aderire a un interpretazione differente: in particolare, la Corte ha ritenuto insussistente il presupposto per l assorbimento della minaccia in quello di maltrattamenti in forza dell autonoma enucleazione indicata nel capo di imputazione. 6

7 Rapporto fra il reato di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. Una delle questioni particolarmente discusse e trattate dalla Suprema Corte nell ambito del reato di maltrattamenti è quella che attiene alla possibilità che tale reato possa concorrere (o debba ritenersi invece assorbito) con quello di violenza sessuale qualora, appunto, nell ambito della condotta di maltrattamenti si sia verificata anche una o più condotte di violenza sessuale. Si segnala una pronuncia piuttosto importante sul punto, nella quale viene anche riassunto il precedente orientamento costante- della Corte stessa e nella quale si ritrovano numerosi riferimenti giurisprudenziali (cfr. Cass. Pen , sezione III, n ). La Cassazione, in questa sentenza, afferma che il reato di violenza sessuale e quello di maltrattamenti in famiglia possono concorrere tra loro, salvo che nel caso in cui ci sia la piena coincidenza tra le due condotte, nel senso che il delitto di maltrattamenti sia consistito nella mera reiterazione degli atti di violenza sessuale. In particolare si è precisato che il delitto di violenza sessuale concorre con quello di maltrattamenti quando la condotta violenta, ispirata da prevalenti motivazioni di carattere sessuale non si esaurisca nel mero uso della violenza necessaria a vincere la resistenza della vittima per abusarne sessualmente ma si inserisca in un contesto di sopraffazioni, ingiurie, minacce e violenze di vario genere, tipiche della condotta di maltrattamenti. Dunque perché si possa parlare di violenza sessuale in concorso con il reato di cui all articolo 572 c.p., occorre che vi siano altri comportamenti integranti il reato di maltrattamenti (cioè, per esempio, stato di sottomissione, di afflizione, di paura, di prevaricazione). La ragione di tale conclusione, costantemente riaffermata negli anni dalla Corte, risiederebbe nell articolo 15 c.p. (principio di specialità), secondo il 7

8 quale due reati non possono concorrere quando le due norme che apparentemente disciplinano quel fatto sono speciali l una rispetto all altra. Partendo da questo presupposto si afferma- non si può non riconoscere che la violenza sessuale è speciale rispetto al reato di maltrattamenti e concludere in maniera difforme significherebbe violare il principio del ne bis idem sostanziale, che vieta che diverse sanzioni penali siano applicate all agente per lo stesso fatto materiale (stesso principio per cui chi commette violenza sessuale non viene condannato per 610 c.p. o 612 c.p.). Ecco perché la Cassazione afferma che per far concorrere i due reati occorrono anche altri atti che integrino il reato di maltrattamenti. Diversamente, e cioè in assenza di tali ulteriori condotte, troverà applicazione la sola norma di cui all articolo 609 bis c.p., speciale rispetto a quella di cui all articolo 572 c.p. In passato, per giungere alla medesima conclusione, e cioè per poter affermare il concorso fra l articolo 609 bis c.p. e l articolo 572 c.p., erano stati fatti valere due argomenti, oggi però superati dalla tesi sopra illustrata che fa riferimento al principio di specialità. In particolare, una remota giurisprudenza sosteneva l ammissibilità del concorso dei reati poiché le due fattispecie sarebbero differenti: nella condotta riconducibile all articolo 572 c.p. vi sarebbe, infatti, secondo tale interpretazione, un dolo unitario e programmatico che mancherebbe in quella di cui all art. 609 bis c.p. L obiezione mossa a tale interpretazione ha fatto leva sul fatto che anche nella reiterazione della condotta di cui all articolo 609 bis c.p. (e cioè nella fattispecie di 609 bis c.p. continuata) vi è un dolo programmatico e unitario. Quello fondato sulla distinzione del dolo nelle due fattispecie è stato pertanto ritenuto argomento infondato. Il secondo orientamento, ancora più risalente, sosteneva invece che i due reati dovessero concorrere perché diversa è l obiettività giuridica: 8

9 l assistenza familiare nella fattispecie di cui all articolo 572 c.p., la libertà personale in quella di cui all articolo 609 bis c.p. Anche questo orientamento non è stato risparmiato da censure. Si è detto, infatti, che l applicazione di questo principio determinerebbe conseguenze assurde (universalmente riconosciute come tali) in quanto porterebbe a ritenere, per esempio, che la violenza o la minaccia possano concorrere con il reato di cui all articolo 609 bis c.p., essendo diversi gli oggetti giuridici delle norme in questione: la libertà personale nell articolo 609 bis c.p., la libertà morale nei reati di violenza o minaccia. Rapporto fra il reato di maltrattamenti in famiglia e stalking (art. 612 bis c.p.) In questa sede non possiamo addentrarci nell analisi della fattispecie di cui all articolo 612 bis c.p. perché scopo della presente trattazione è l approfondimento del rapporto fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e quello, appunto di stalking. Sinteticamente però possiamo premettere alcune considerazioni generali sulla norma che ha introdotto il reato di stalking nel nostro ordinamento (articolo 612 bis c.p.). Essa prevede come elementi costitutivi da un lato la condotta della minaccia o della molestia (almeno due episodi) e dall altro la verificazione di un danno: la norma ne prevede tre in via alternativa (i primi due sono di carattere soggettivo, il terzo di carattere oggettivo). Sarà pertanto sufficiente che se ne realizzi uno perché il delitto sia compiutamente integrato. Il reato non è più considerato un reato di pericolo, come riteneva una superata tendenza che traeva questa conclusione dal fatto che la norma dice in modo da cagionare, invece di usare l espressione cagiona che avrebbe 9

10 consentito di affermare, senza fraintendimenti, la natura di reato di danno del 612 bis c.p. Come compiutamente analizzato da una sentenza del Tribunale di Milano (Tribunale penale di Milano, sezione V, , n ), il primo degli eventi preso in considerazione è il perdurante e grave stato di ansia o di paura che deve avere la connotazione di una forma patologica caratterizzata da stress, non essendo sufficiente una momentanea alterazione ma occorrendo il verificarsi di una situazione di disequilibrio psicologico che assume carattere patologico e, quindi, obiettivo. A provare il verificarsi di questo danno non è necessario disporre una perizia che accerti l esistenza di una vera e propria patologia; può essere sufficiente una certificazione medica nella quale, per esempio, si dia atto della presenza di uno stato di ansia, ovvero una prova testimoniale che dimostri che la persona offesa manifestava palesemente tale stato oppure, ancora, che la vittima per tenere sotto controllo la sua ansia era costretta a ricorrere all assunzione di farmaci. Il secondo evento previsto dalla norma è il fondato timore per l incolumità propria o di un prossimo congiunto (o di una persona ad esso legata da una relazione affettiva). Perché il timore possa ritenersi fondato non occorre che l agente abbia già posto in essere atti di violenza fisica che inducono la vittima ad aver paura della reiterazione delle condotte ben potendo anche le sole minacce, soprattutto se gravi, dirette alla persona offesa concretamente giustificare la seria preoccupazione per la propria incolumità, tenuto conto della sua situazione soggettiva e in particolare delle sue condizioni di vita. L evento di cui parliamo è diverso da quello più sopra descritto (ansia) e quindi a provarne il verificarsi non è richiesta la presenza di una certificazione medica essendo sufficiente, ad esempio, una prova 10

11 dichiarativa dalla quale emerga con chiarezza che la vittima ha manifestato il suo spavento. Il terzo evento (oggettivo) preso in considerazione dalla norma è l alterazione delle abitudini di vita che sussiste tutte le volte in cui la persona offesa modifichi, anche solo in parte, l ordinario svolgimento delle sue giornate; non è necessario un cambiamento radicale attuato, ad esempio, traslocando in un altra città o in un altra abitazione ovvero lasciando il posto di lavoro (per esempio può essere sufficiente cambiare strada per andare al lavoro, cambiare palestra o non uscire più da soli la sera, eccetera). Come si pone questo reato in rapporto a quello di cui all articolo 572 c.p.? Le due norme concorrono oppure una è speciale rispetto all altra e ne viene assorbita? Diverse sono le interpretazioni circa il rapporto fra l articolo 572 c.p. e l articolo 612 bis c.p. Occorre innanzitutto premettere che in questa sede dobbiamo soffermare l attenzione sulla tipologia di stalking che si verifica nell ambito delle relazioni di intimità. Come sappiamo, infatti, questi atti persecutori posso sprigionarsi anche in differenti ambienti e situazioni (per esempio da parte di sconosciuti, sul luogo di lavoro o addirittura in ambito condominiale) che tuttavia esulano dall oggetto del presente lavoro. Venendo ai casi che ci interessano (cioè stalking nelle relazioni di intimità), l esperienza giudiziaria registra molto spesso una sequenza tipica di condotte violente che si consumano inizialmente in ambito familiare e successivamente, dopo l interruzione del rapporto di coabitazione determinato magari da una separazione, attraverso una vera e propria attività di persecuzione nei confronti dell ex partner. Esistono poi anche casi di atti persecutori che iniziano dopo la separazione. 11

12 In generale si ritiene che la norma di cui all articolo 612 bis c.p. sia assorbita in quella di cui all art. 572 c.p. e quindi non sia applicabile il concorso delle norme. Però, nell esprimere questo concetto, la giurisprudenza (Tribunale penale di Napoli, ), ha tuttavia ritenuto corretta la contestazione di entrambi i reati, attribuendo rilevanza, a questo fine, all elemento della coabitazione (cessata) dei due partner. In particolare, il Tribunale ha stabilito che l elemento utile per distinguere i due reati è il requisito della coabitazione fra i soggetti. Laddove questo venga meno, si dovrà applicare l articolo 572 c.p. fino alla cessazione della convivenza e la norma di cui all articolo 612 bis c.p. per i fatti accaduti dopo la cessazione della stessa. Ciò, secondo alcuni, non pare corretto perché è ormai pacifico che il reato di maltrattamenti possa sussistere anche dopo la cessazione della convivenza, qualora gli atti che caratterizzano i maltrattamenti vadano ad incidere sui vincoli che restano tali anche dopo la separazione (ad esempio quello di assistenza morale e materiale e di collaborazione). Quindi si dovrebbe concordare con chi prospetta la contestazione del reato di maltrattamenti nella forma continuata, anche se cessa la convivenza, quando gli atti persecutori e violenti sono iniziati in ambito familiare, durante la convivenza, e la contestazione dell articolo 612 bis c.p. quando gli stessi non abbiano avuto un retroterra recente in ambito familiare o gli attori non abbiano alcun legame giuridicamente rilevante (Anna Costanza Baldry, Fabio Roia, Strategie efficaci per il contrasto ai maltrattamenti e allo stalking, pagina 27). 12

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia ALCUNI ELEMENTI GIURIDICI La segnalazione: chi la effettua La segnalazione all Autorità

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio NOTE SU obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio 1 È previsto dall art 365 codice penale quale delitto

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI Prefazione... XV CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI 1.1. Stalking:evoluzioneecaratteridefinitori... 1 1.1.1. Una possibile categorizzazione del fenomeno... 4 1.1.2. L opera di neutralizzazione da parte dello

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p.

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. ALDO AREDDU (Avvocato) Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. Tanto per essere chiari, cominciamo dalla fine! La conclusione

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Considerato in diritto

Considerato in diritto Considerato in diritto 1. La Corte di cassazione, terza sezione penale, con ordinanza del 15 ottobre 2013 (r.o. n. 275 del 2013), ha sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 27, terzo comma, della Costituzione,

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MISURACA, AMATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MISURACA, AMATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6230 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MISURACA, AMATO Nuove norme in materia di responsabilità e di risarcimento per i danni derivanti

Dettagli

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV. SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.MAURO DALLA CHIESA TENTATO OMICIDIO A SCOPO DI RAPINA VITTIMA AGGRESSORE direttore punto

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Maggio 2013, n 21262 (Pres. Penale Procedura penale - Difensore Avanzato stato di gravidanza

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Maggio 2013, n 21262 (Pres. Penale Procedura penale - Difensore Avanzato stato di gravidanza MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Maggio 2013, n 21262 (Pres. Zecca, Rel. Vessichelli) Penale Procedura penale - Difensore Avanzato stato di gravidanza Legittimo impedimento Non sussiste

Dettagli

361 Titolo V - Della non punibilità per particolare tenuità del fatto

361 Titolo V - Della non punibilità per particolare tenuità del fatto 361 Titolo V - Della non punibilità per particolare tenuità del fatto 131/2 L opinione dominante ritiene che la norma in esame sia superflua nell ambito del sistema penale, dal momento che la struttura

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Reati penali fiscali: per le fattispecie elusive il contribuente va assolto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Cassazione, con una recente

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

LEGGE SUL FEMMINICIDIO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 375 LEGGE SUL FEMMINICIDIO 11 Ottobre 2013 Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 in materia

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

Progetto LEXOP. Milano, 27 febbraio-5 marzo 2012. Intervento dr. Fabio Roia, Giudice penale Tribunale di Milano Sezione Soggetti Deboli

Progetto LEXOP. Milano, 27 febbraio-5 marzo 2012. Intervento dr. Fabio Roia, Giudice penale Tribunale di Milano Sezione Soggetti Deboli Progetto LEXOP Milano, 27 febbraio-5 marzo 2012 Intervento dr. Fabio Roia, Giudice penale Tribunale di Milano Sezione Soggetti Deboli Tratto da F.Roia, AC Baldry Strategie efficaci per il contrasto ai

Dettagli

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica RAVVISATA LA RESPONSABILITA' DEI DIRIGENTI SCOLASTICI PER UN

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini La violenza e i maltrattamenti contro le donne I maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Direttore Centrale ISTAT Perché un indagine sulla violenza sulle donne? Le denunce sono solo la

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli: fenomeno sociale e risvolto giuridico

Maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli: fenomeno sociale e risvolto giuridico Maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli: fenomeno sociale e risvolto giuridico 1)L impatto socio culturale sotteso alla consumazione del reato di maltrattamenti in famiglia. La figura della donna.

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

La relazione di cura

La relazione di cura La relazione di cura Il valore della corretta informazione al paziente, del consenso e del dissenso informato. Lecco 31-10-09 a cura di S. Fucci - Giurista e Bioeticista sefucci@tiscali.it LA LIBERTÀ DEL

Dettagli

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale di Fabio Petracci, Piergiuseppe Parisi Da Guida al Lavoro del 21.2.2014 - n. 8 Nel caso vagliato e deciso dal giudice pordenonese,

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale Dottrina e Giurisprudenza concordano sulla definizione dell (ormai) istituto del mobbing,

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

La presa di posizione della Suprema Corte sulla della reiterazione delle condotte.

La presa di posizione della Suprema Corte sulla della reiterazione delle condotte. Confini ancora troppo incerti per il delitto di stalking Cassazione penale, sez. V, sentenza 05.07.2010 n 25527. La reiterazione delle condotte persecutorie, se agganciata alla verificazione degli eventi

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna Ai fini dell applicazione della nuova classificazione dei rifiuti, introdotta

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria)

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria) Dalla Costituzione alla tutela civile e penale Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE (Insegnante scuola primaria) La Legge tutela le Vittime e condanna il Bullo Spesso un atto di bullismo viene ignorato

Dettagli

CODICE PENALE (testo in vigore dal 16.10 2013)

CODICE PENALE (testo in vigore dal 16.10 2013) CODICE PENALE (testo in vigore dal 16.10 2013) Art. 612-bis. Atti persecutori. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque, con condotte

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 164 del 31 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Missione e trasferta: quando è infortunio in itinere? Gentile cliente, desideriamo informarla che l INAIL, con la

Dettagli

Stalking: il nuovo reato di atti persecutori gli aspetti normativi e giurisprudenziali in materia di violenza sulle donne

Stalking: il nuovo reato di atti persecutori gli aspetti normativi e giurisprudenziali in materia di violenza sulle donne Stalking: il nuovo reato di atti persecutori gli aspetti normativi e giurisprudenziali in materia di violenza sulle donne Il D.L. 11 del 23/02/2009, poi convertito in L. n. 38 del 23/04/2009, recante misure

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

I primi casi sulla volontà del paziente. Da notare: Paziente = libero cittadino Il diritto a sé stessi la precisazione however skilfull and eminent

I primi casi sulla volontà del paziente. Da notare: Paziente = libero cittadino Il diritto a sé stessi la precisazione however skilfull and eminent I primi casi sulla volontà del paziente Sentenza Mohr, Corte Suprema del Minnesota (1905): il primo e più importante diritto di un libero cittadino, che è alla base di tutti gli altri il diritto a sé stessi

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking e strategie efficaci di contrasto Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking Atti persecutori, (minacce, molestie) caratterizzate da azioni dirette e indirette come telefonate

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Omissione di referto

Omissione di referto Omissione di referto Art. 365 c.p. Chiunque, avendo nell esercizio di una professione sanitaria prestata la propria assistenza o opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick

CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA TOSCANA Evento formativo Grosseto - Lunedì 12 ottobre 2015 ROME MILAN BOLOGNA ISTANBUL* TIRANA* * In association with Una premessa importante

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca Piazza Roma, 1 55031 CAMPORGIANO (Lucca) Telefono (0583) 618888/9 Fax n. (0583) 618433 Questa guida vuole essere d aiuto ai tanti cittadini comunitari che, alle

Dettagli