Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS

2 LA MOLECOLA

3 Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated IL-4, is a Cytokine that stimulates the proliferation of activated B-cells, T-cells, and differentiation of CD4+ Tcells into Th2 cells, among other effects. It is a key regulator in humoral and adaptive immunity. IL-4 induces B-cell class switching to IgE, and up-regulates MHC class II production. It was co-discovered by Maureen Howard and William Paul and by Dr. Ellen Vitetta and her research group in

4 Interleukin 13 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin 13 (IL-13) is a cytokine secreted by many cell types, but especially T helper type 2 (Th2) cells, that is an important mediator of allergic inflammation and disease. In addition to effects on immune cells that are similar to those of the closely related cytokine IL-4, IL13 is more importantly implicated as a central mediator of the physiologic changes induced by allergic inflammation in many tissues...

5 IL-4 La Molecola Famiglia di citochine a 4 domini α-elica Sorgente: Linfociti T CD4+ appartenenti ai TH2 Anche da mastociti e basofili Grotzinger J., Biochim Biophys Acta, 1592: 215, 2002

6 T.D. Mueller et al., Biochim. Biophys. Acta 1592 (2002) 237

7 IL-13 La Molecola Famiglia di citochine a 4 domini α-elica Sorgente: Linfociti T CD4+ appartenenti ai TH2 Anche da cellule epiteliali Grotzinger J., Biochim Biophys Acta, 1592: 215, 2002

8 Classificazione sulla base di Subunità Recettoriali Comuni IL-13 IL-13Rα2 IL-13Rα IL-4Rα Grotzinger J., Biochim Biophys Acta, 1592: 215, 2002

9 IL-4 Sintesi della molecola EARLY EXPRESSION!!! Naive T cells (via TCR) TH2 (via IL-4) NOTCH

10 LA VIA DI NOTCH Ansel K. A., et.al., Annu. Rev. Immunol,

11 IL-13 Sintesi della molecola TH2 CD4+ (after activation) high Naive T cells e CD8+ T cells medium Naive CD45RA+ T cells e TH1 cells low Attivazione lunga nel tempo Si trova anche (low): B-cell lymphomas, keratinocytes, mast cells, and basophils.

12

13 IL-13 vs IL-4 IL-13 IL-4 IL-13 IL-4

14 Charts/IL13_and_IL4_receptor_combinations_and_binding.html

15 IL-4Rα CHR T.D. Mueller et al. / Biochim. Biophy. Acta 1592 (2002) 237

16 Associazione IL-4/IL-4R T.D. Mueller et al. / Biochim. Biophy. Acta 1592 (2002) 237

17 I RECETTORI

18 IL4 e IL 13 Pathway

19 I recettori

20 I recettori: gli eterodimeri Tipo I: complesso tra IL4-Rα e γc (cell. Ematopoietiche). Tipo II: complesso tra IL4-Rα e IL13Rα1, e contatta sia IL4 che IL13 (cell. non ematopoietiche). IL13R Decoy: IL13Rα2 non possiede i box necessari a legare le chinasi.

21 I pathway: Recettore Tipo I Il legame dell IL4 con il recettore di tipo I causa una cascata di attivazione di proteine e chinasi specifiche. Appena legata l IL4 alla catena IL4-Rα, si ha eterodimerizzazione con la catena γc e reclutamento delle tirosin chinasi JAK1 (che si lega al box-1 su IL4-Rα) e JAK3 (che si lega al box-1 su γc). Esse si tranfosforilano e JAK1 fosforila il recettore (catena IL4-Rα) in alcune zone specifiche della parte citoplasmatica, attivando diverse vie: STAT-6 che porta all attivazione della trascrizione, differenziazione Th2 e sopravvivenza cellulare; IRS-1/IRS-2 che porta alla crescita cellulare e all inibizione dell apoptosi(pi3k), alla proliferazione cellulare (Ras); Shc/SHIP (legame al sito ITIM) che porta alla proliferazione cellulare e all inibizione dell apoptosi.

22 I pathway: Recettore di Tipo I

23 I pathway: Recettore di Tipo II Il legame dell IL4 o IL13 a questo tipo di recettore attiva in parte la stessa cascata che abbiamo visto per il recettore di tipo I (IRS-1/IRS2-JAK1PI3K-STAT-6). La presenza del recettore IL13Rα1 attiva invece di JAK3 le tirosin chinasi TYK2 e JAK2.

24 I pathway: Recettore decoy Il legame del IL13 con questo tipo di recettore formato dalla proteina IL13Ra2 non provoca nessun tipo di trasduzione all interno della cellula. Questo è dovuto alla mancanza di box di legame con le chinasi JAK, che non attivano così le vie considerate. Si pensa però che funzioni da modulatore della risposta all IL13. Affinità (Kd) IL4-Rα: 100 pmol/l (alta affinità) IL13Rα1: 2-10 nmol/l (bassa affinità) IL13Rα2: 250 pmol/l (alta affinità)

25 I pathway: Regolazione e Modulazione Le vie finora considerate possono essere regolate negativamente da diverse tipi di proteine: SOCS-1/SOCS-2/SOCS-3: inibizione della via JAK/STAT SHP-1:defosforilazione di STAT-6 in assenza di continua stimolazione BCL-6: soppressione dell espressione cellulare tramite legame con STAT-6 Altre vie ancora poco conosciute sono: PIAS: lega i dimeri di STAT prevenendo la traslocazione nel nucleo; Fes: se overespressa blocca l associazione tra le proteine IRS e la PI3K.

26 I pathway: la famiglia SOCS

27 I pathway: la famiglia SOCS

28 I pathway: Regolazione STAT e JAK Inibizione di JAK da parte di SOCS Inibizione di STAT attivata e assenza del suo legame al DNA. Non sono ancora state trovate proteine della famiglia PIAS specifiche per STAT-6 Inibizione di STAT e JAK da parte di SHP per defosforilazione.

29 L ATTIVITA BIOLOGICA

30 Target dell IL4 e IL13 IL4 in cellule ematopoietiche e non: Differenziazione delle cellule T vergini stimolate dall antigene in cellule producenti IL4, IL5, IL10, IL13 (es. TH2); Soppressione delle cellule T CD4+ nella produzione di IFNγ; Regolazione dell espressione del suo stesso recettore; Controllo della specificità dello switch isotipico delle classi di Ig (es. switch nelle cellule B delle IgE e IgG4); Aumento dell espressione delle molecole MHC di classe II e aumento dell espressione del CD23; Azione co-mitogena nella crescita delle cellule B (proliferazione), azione antiapoptotica; Induzione dell espressione delle VCAM-1, molecole di adesione vascolari; Reclutamento delle cellule T e eosinofili al sito di infiammazione; Stimolazione di chemochine e muco in cellule epiteliali.

31 Target dell IL4 e IL13 IL13 in cellule ematopoietiche e non: Funzione pleiotropica dell IL4: effetti simili a questa citochina sia nelle cellule B (proliferazione, switch) sia nell aumento di CD23 e Molecole MHC di classe II; Funzione fondamentale nell attivazione della sintesi delle IgE e ruolo primario nelle allergie e asma; In monociti e macrofagi aumento dell espressione di integrine importanti nell adesione, come CD11 e CD18 e inibizione della produzione di mediatori proinfiammatori come prostaglandine; Proliferazione in eosinofili; Nelle cellule non ematopoietiche ha effetti simili all IL4 per l induzione di VCAM-1, e per l espressione di chemochine.

32 Target dell IL4 e IL13 IL4 Differenziazione delle cellule T vergini stimolate dall antigene in cellule producenti IL4, IL5, IL10, IL13 (es. TH2) Cellule B (proliferazione, switch isotipico) Cellule T CD4 + MHC di classe II Espressione CD23 VCAM-1 nelle cellule non ematopoietiche Eosinofili (proliferazione) IL13 Funzione fondamentale nell attivazione della sintesi delle IgE e ruolo primario nelle allergie e asma, attiva-zione chemochine e ipersecrezione del muco

33 Target dell IL4 Differenziazione delle cellule T vergini stimolate dall antigene in cellule producenti IL4, IL5, IL10, IL13 (es. TH2) Cellule Th1: stimolazione con IFNγ, secrezione di IFNγ; Cellule Th2: stimolazione con IL4, secrezione di IL4. Non si conosce ancora la provenienza dell IL4 stimolatrice, si pensa che provenga dalla stessa cellula stimolata con l antigene e che la trasformazione avvenga per un delicato equilibrio di produzione e stimolazione autocrina di IFNγ e IL4. Naive T cell Antigen Differentiated Th2 cell Antigen NFAT STAT5 STAT6 NFAT IL2R IFNγ IL4 IL2 IL2 NFAT NFAT GATA3 IL4R IL4 Ansel KM, et al.. Annu Rev Immunol. IL4

34 Target dell IL13 Attivazione della sintesi delle IgE e ruolo primario nelle allergie e asma, attivazione chemochine e ipersecrezione del muco

35 BIOTECH

36 Inibitori delle Citochine LIVELLO LIGANDO-RECETTORE Overdose di citochine Anticorpi inibitori Receptor domain solubili Antagonisti Small molecular mimetics LIVELLO PATHWAY K.O. mirna Inhibitori pathway

37 IL-4 / IL-13 e ASMA

38 IL-4 e ASMA IL-4 è coinvolta nel reclutamento degli eosinofili alle vie respiratorie, e si trova nelle vicinanze dei siti in cui ci sono risposte allergiche. Nel modello murino, anticorpi bloccanti IL-4 inibiscono l iperrisposta delle vie respiratorie, della goblet cell metaplasia e della eosinofilia polmonare. Uso di IL-4R solubile (not valid on milder asthma). Uso di IL-4 mutato anti-il-4rα/il-13α1 (short duration). Uso di inibitori per STAT-6 (delivery problems). Uso di SOCS.

39 IL-13 e ASMA IL-13 è coinvolta in iper-responsitività, iper-secrezione di mucco e fibrosis delle vie respiratorie. L iper-responsitività è osservata solo in assenza di STAT-6. I K.O. di IL-13 (no IL-4) prevengono questi effetti. Uso del IL-13Rα2 solubile (humanized). Uso di anticorpi anti-il-13.

40 GRAZIE

41 Bibliografia Recettori e Attività Biologica Kelly-Welch A, et al, Interleukin-4 (IL-4) pathway. Sci STKE. 293, 2005 Kelly-Welch A, et al, Interleukin-13 (IL-13) pathway. Sci STKE. 293, 2005 Kelly-Welch AE, et al, Interleukin-4 and interleukin-13 signaling connections maps. Science, 300:1527, 2003 G. K. Hershey, IL-13 receptors and signaling pathways: An evolving web. J. Allergy Clin. Immunol. 111:677, 2003 Jiang H., et al, IL-4/IL-13 signaling beyond JAK/STAT. J Allergy Clin Immunol, 105:1063, 2000 Hanada T, et al, Regulation of cytokine signaling and inflammation. Cytokine Growth Factor Rev, 13:413, 2002 Nelms K, et al, The IL-4 receptor: signaling mechanisms and biologic functions. Annu Rev Immunol, 17:701, 1999 Jan E. de Vries, The role of IL-13 and its receptor in allergy and inflammatory. J Allergy Clin Immunol, 102:165, 1998 Ansel KM, et al, Regulation of Th2 differentiation and Il4 locus accessibility. Annu Rev Immunol, 24:607, 2006

42 Bibliografia Molecola e Biotech T.D. Mueller et al., Structure, binding, and antagonists in the IL-4/IL-13 receptor system, Biochim. Biophys. Acta 1592:237, 2002 Grotzinger J. Molecular mechanisms of cytokine receptor activation, Biochim Biophys Acta, 1592:215, 2002 Ansel K. A., et.al., Regulation of Th2 Differentiation and Il4 Locus Accessibility, Annu. Rev. Immunol, 24:607, 2006 O Garra et al., The molecular basis of T helper 1 and T helper 2 cell differentiation. Trends Cell Biol, 10:542, 2000 Yamagata T. et al, Agents against cytokine synthesis or receptors. Eur J Pharmacol, 533:289, 2006 Jan E. de Vries, The role of IL-13 and its receptor in allergy and inflammatory. J Allergy Clin Immunol, 102:165, 1998

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti IL 12R e IL 27R Diego Alberti Caratteristiche generali IL 12R e IL 27R appartengono alla famiglia di citochine/recettori di tipo I La classe I di recettori è caratterizzata da 4 residui di cisteina conservati

Dettagli

Le citochine ed i loro recettori

Le citochine ed i loro recettori Le citochine ed i loro recettori Corso di Immunologia Molecolare a.a. 2004/2005 Carlo Giachello IL-2 15 KDalton Prodotta da: Linfociti CD4+ attivati Linfociti CD8+ vergini Cellule dendritiche Cellule timiche

Dettagli

Citochine e Chemochine aspetti generali

Citochine e Chemochine aspetti generali Citochine e Chemochine aspetti generali per esempi specifici, ruolo in funzione, attivazione e differenziamento Th, cambio di classe, migrazione cellulare, etc., vedi lezioni precedenti Citochine Proteine

Dettagli

I Recettori delle Citochine

I Recettori delle Citochine Università degli studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Presentazione di Immunologia Molecolare I Recettori delle Citochine

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Argomento della lezione. Differenziamento delle cellule Th in. differenti

Argomento della lezione. Differenziamento delle cellule Th in. differenti Argomento della lezione Differenziamento delle cellule Th in sottopopolazioni effettrici con funzioni differenti 1 I linfociti T naive entrano nei tessuti linfoidi attraverso le pareti delle HEV 2 I linfociti

Dettagli

Parte generale. Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare. Francesco Mainini

Parte generale. Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare. Francesco Mainini IL-8 Parte generale Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare Francesco Mainini Struttura dell IL-8 -L IL-8 è una chemochina e viene sintetizzata come peptide di

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione CITOCHINE DELL IMMUNITÀ INNATA II parte 1 Chemochine Le chemochine sono una grande famiglia di circa 50 citochine, omologhe per la struttura, che hanno il compito di: Richiamare

Dettagli

Sviluppo dei linfociti B

Sviluppo dei linfociti B Sviluppo dei linfociti B Checkpoints multipli nella maturazione dei linfociti Durante lo sviluppo i linfociti che esprimono recettori per l antigene funzionali sono selezionati e sopravvivono, gli altri

Dettagli

IL-10 & Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari

IL-10 & Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Presentazione di Immunologia Molecolare IL-10 & IL-9 Marianna Sabetta

Dettagli

cippiskype

cippiskype Corso di Immunologia e Immunopatologia - II anno Lezione 23/04/2012 marco.cippitelli@uniroma1.it 0652662519 cippiskype Linfociti Th1,Th2, Th17, Treg. Il materiale presente in questo documento viene distribuito

Dettagli

Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi

Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi I termini gamma globuline o immunoglobuline e anticorpi NON sono sinonimi In questa frazione delle proteine del siero è contenuta la maggior parte degli anticorpi

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA C.Vilches, P. Parham Natural Killer Cellule di origine linfoide la cui funzione è lisare le cellule infettate da virus

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata

1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata 1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata Alcune malattie umane sono causate da risposte immunitarie ad antigeni ambientali che portano alla differenziazione CD4 + T H 2 e alla produzione di anticorpi IgE

Dettagli

Recettore per l IFNα

Recettore per l IFNα Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Recettore per l IFNα Riccardo Pizzo 1 Complesso ifnar1-ifnar2 2 Organizzazione

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Recettore per l interleuchina 6

Recettore per l interleuchina 6 Recettore per l interleuchina 6 Corso di Immunologia molecolare A.A. 2006-2007 Cinzia Martinengo Caratteristiche generali IL-6Rα (CD126) gp130 sil-6r / sgp130 Boulanger M. J. et al, Hexameric Structure

Dettagli

Interleuchina-3 (IL-3)

Interleuchina-3 (IL-3) Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Presentazione di Immunologia Molecolare Anno 2006-2007 Interleuchina-3

Dettagli

Recettori accoppiati a chinasi

Recettori accoppiati a chinasi Recettori accoppiati a chinasi con attività tirosin chinasica (RTK) singola catena (EGF) tetramero (INS) dimero (HGF) Receptor Tyrosine Kinases (RTK) Diverse sottofamiglie (almeno15) classificate sulla

Dettagli

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb Tipi di immunità acquisita Caratteristiche dell immunità acquisita Espansione clonale Fasi della risposta immunitaria acquisita Specificità, memoria, risoluzione delle risposte immunitarie acquisite Immunità

Dettagli

Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari

Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Presentazione di Immunologia Molecolare Le Citochine Alessandra Ghigo

Dettagli

Argomento della lezione. Differenziazione delle cellule Th in sottopopolazioni effettrici con funzioni diverse

Argomento della lezione. Differenziazione delle cellule Th in sottopopolazioni effettrici con funzioni diverse Argomento della lezione Differenziazione delle cellule Th in sottopopolazioni effettrici con funzioni diverse 1 I linfociti Th naive incontrano l Ag presentato dalle cellule APC negli organi linfatici

Dettagli

FORMAZIONE DELL ESSUDATO

FORMAZIONE DELL ESSUDATO FORMAZIONE DELL ESSUDATO del flusso della permeabilità vascolare P idrostatica intravascolare fuoriuscita di proteine plasmatiche TRASUDAZIONE ESSUDAZIONE TUMOR Effetti della formazione dell essudato

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

Schema delle citochine

Schema delle citochine Schema delle citochine 13 gennaio 2011 1 Risposta innata TNF - Tumor Necrosis Factor Fonti principali: fagociti attivati, NK e mastociti. Struttura e recettore: inizialmente proteina di membrana, poi tagliata

Dettagli

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare Downloaded from www.immunologyhomepage.com Migrazione cellulare Migrazione dei leucociti I leucociti migrano nei diversi tessuti dell organismo l interazione tra le cellule migranti e le cellule dei tessuti

Dettagli

Processi che coinvolgono la chemochine e i loro recettori. Annarita Zeoli

Processi che coinvolgono la chemochine e i loro recettori. Annarita Zeoli Processi che coinvolgono la chemochine e i loro recettori Annarita Zeoli Sviluppo nei tessuti linfoidi primari Migrazione linfocitaria Homing linfocitario Timo /CXCL12 CCR9/ CCL25 CCR4/ CCL17/CCL22 CCR7/

Dettagli

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi.

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi. Diss. ETH N 13375 Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZÜRICH for the degree of Doctor of Natural Science presented by

Dettagli

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 ALESSIA PERINO La leptina è una piccola proteina non glicosilata

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda Prima parte Prof. Leonardo Della Salda Modalità di difesa dell organismo Aspetti essenziali della risposta immunitaria Fattori che influenzano l antigenicità Antigeni Apteni Penicillina-albumina (ipersensibilità

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Recettori di superficie

Recettori di superficie Recettori di superficie Esistono 3 classi principali di recettori di superficie 1. Recettori annessi a canali ionici 2. Recettori accoppiati alle proteine G 3. Recettori associati ad enzimi Recettori

Dettagli

Recettori per gli antigeni

Recettori per gli antigeni Recettori 1 TM U U Recettori della morte Tirosina-chinasi Serina-Treonina-chinasi Con attività chinasica intrinseca Recettori per gli antigeni Recettori per citochine Recettori per gli Senza antigeni attività

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

La presentazione dell antigene e L attivazione dei linfociti T

La presentazione dell antigene e L attivazione dei linfociti T La presentazione dell antigene e L attivazione dei linfociti T 1 Analisi della biologia cellulare e significato dei differenti pathways di presentazione dell antigene Pathway di processazione endogena

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it. Sviluppo linfocitario

Scaricato da www.sunhope.it. Sviluppo linfocitario Sviluppo linfocitario sviluppo linfocita T -Indipendente dall'antigene non-self idiotipo TCR repertorio CD3 coorecettori CD4 CD8 Cellule con TCR verso le MHC autologhe: restrizione per le molecole MHC

Dettagli

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC 1 2 Necessari 2 segnali per attivare i linfociti B Primo segnale: BCR Secondo segnale = - Antigeni timo-dipendenti (TD):. cellule T adiuvanti (T

Dettagli

Integrine 07/04/2013 SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE. 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione. Integrine/actina e trasduzione di segnale (2)

Integrine 07/04/2013 SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE. 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione. Integrine/actina e trasduzione di segnale (2) SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE Integrine 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione L interazione delle integrine con la matrice extracellulare nei punti di contatto o di adesioni focali porta all

Dettagli

La risposta immunitaria di tipo umorale

La risposta immunitaria di tipo umorale La risposta immunitaria di tipo umorale Linfociti B, Plasmacellule ed Anticorpi 1 2 L IMMUNITA UMORALE (mediata da anticorpi) Questo tipo di immunità protegge dagli antigeni circolanti, quali: batteri

Dettagli

Catena B del fattore di crescita PDGF

Catena B del fattore di crescita PDGF FATTORI DI CRESCITA sis Proteina p28 Catena B del fattore di crescita PDGF (platelet derived growth factor) Agisce con meccanismo autocrino Si trova sul cromosoma 22, coinvolto nella traslocazione 9,22

Dettagli

1 Attivazione delle cellule B e produzione di anticorpi

1 Attivazione delle cellule B e produzione di anticorpi 1 Attivazione delle cellule B e produzione di anticorpi 1.1 Caratteristiche generali della risposta umorale Il processo di attivazione delle cellule B è sequenziale. I linfociti B maturi e in grado di

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni Genova 17 MAGGIO 2014 Sabrina Beltramini U.O.S. Gestione e Innovazione Tecnologica del farmaco U.O.C. Farmacia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTA' DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI DOTTORATO DI RICERCA IN IMMUNOLOGIA E BIOTECNOLOGIE APPLICATE CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO XXI Titolo della

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente!

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente! LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI più precisamente! TUMORI EVOLUZIONE E SELEZIONE CLONALE Cambiano: Velocita proliferazione Velocità di mutazione Stabilità genetica Attività telomerasica Vantaggi

Dettagli

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 Dr.ssa Caldara Dr.ssa Frisinghelli DIAGNOSI DONNA 47 aa Luglio 2003 quadrantectomia SE sx + svuotamento ascellare con diagnosi di carcinoma duttale

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione Le molecole d adesione intercellulare: definizione Le famiglie delle molecole d adesione: Selectine Integrine ICAM Espressione e funzione MOLECOLE DI ADESIONE INTERCELLULARE Le

Dettagli

Meccanismi di regolazione dell'attivazione dei basofili nelle malattie allergiche

Meccanismi di regolazione dell'attivazione dei basofili nelle malattie allergiche Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino DIPARTIMENTO AREA MEDICA S.S.D. D.U. IMMUNOLOGIA CLINICA ed ALLERGOLOGIA Dirigente Responsabile: Prof. Giovanni ROLLA Largo Turati, 62 Torino Telefono: 011/508.

Dettagli

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome Lorenzo Emmi Francesca Chiarini Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Autoimmuni Sistemiche

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA. Federica Cioffi. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Laboratorio Universitario di Ricerca Medica (LURM)

PROGETTO DI RICERCA. Federica Cioffi. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Laboratorio Universitario di Ricerca Medica (LURM) ANALISI DEI CIRCUITI DI SIGNALING DEL RECETTORE DELLE CELLULE B NELLA LEUCEMIA LINFATICA CRONICA MEDIANTE ANTICORPI FOSFOSPECIFICI E CITOMETRIA A FLUSSO Federica Cioffi LEUCEMIA LINFATICA CRONICA patogenesi

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

GLICOLIPIDI E TRASDUZIONE DEL SEGNALE

GLICOLIPIDI E TRASDUZIONE DEL SEGNALE LEZIONE Rafts GLICOLIPIDI E TRASDUZIONE DEL SEGNALE Esempi di processi di trasduzione di segnale che coinvolgono i rafts Simons K, Toomre D. Lipid rafts and signal transduction. Nat Rev Mol Cell Biol.

Dettagli

BASI IMMUNOLOGICHE DELL IMMUNOTERAPIA SPECIFICA. Mauro Minelli

BASI IMMUNOLOGICHE DELL IMMUNOTERAPIA SPECIFICA. Mauro Minelli Immunoterapia Specifica Sublinguale. Dalle basi scientifiche alla pratica clinica Ed. 2007, pp: 15-24 (10) Copyright 2007 by Ed. SinergieS.r.l. Milano BASI IMMUNOLOGICHE DELL IMMUNOTERAPIA SPECIFICA Mauro

Dettagli

COME SI DEFINISCE IL FENOTIPO DIFFERENZIATO? Lezioni dallo sviluppo embrionale: con Tre meccanismi fondamentali INDUZIONE, INIBIZIONE LATERALE e

COME SI DEFINISCE IL FENOTIPO DIFFERENZIATO? Lezioni dallo sviluppo embrionale: con Tre meccanismi fondamentali INDUZIONE, INIBIZIONE LATERALE e NOTA BENE!! COME SI DEFINISCE IL FENOTIPO DIFFERENZIATO? Lezioni dallo sviluppo embrionale: con Tre meccanismi fondamentali INDUZIONE, INIBIZIONE LATERALE e DETERMINANTI CITOPLASMATICI. BY CELL-CELL COMUNICATION=INDUCTION

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Interfase comprende le fasi G 1, S, and G 2 Sintesi di macromolecole durante la

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Recettori. Il segnale

Recettori. Il segnale Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale III Citochine Copyright 2001-2014 by Giorgio Sartor. All rights reserved. Versione 1.5 nov2014 v. 1.5 gsartor 2014 M04 - Trasduzione del segnale III 2 Recettori

Dettagli

Ipersensibilità e Autoimmunità

Ipersensibilità e Autoimmunità Ipersensibilità e Autoimmunità Gli effetti delle risposte immunitarie Effetti fisiologici (Benefici) - Attivazione dell immunità specifica per eliminare i patogeni infettanti (batteri, virus e tossine)

Dettagli

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 DIFESA DELL ORGANISMO IMMUNITA INNATA IMMUNITA ACQUISITA Immunità innata IMMUNITA ACQUISITA IMMUNITA CELLULO-MEDIATA IMMUNITA UMORALE

Dettagli

Traduzione della review: Inflammation and metabolic disorder, Hotamisligil Nature vol 444 anno 2006 allegata in versione PDF nella cartella articoli

Traduzione della review: Inflammation and metabolic disorder, Hotamisligil Nature vol 444 anno 2006 allegata in versione PDF nella cartella articoli Traduzione della review: Inflammation and metabolic disorder, Hotamisligil Nature vol 444 anno 2006 allegata in versione PDF nella cartella articoli Negli ultimi dieci anni si è fatta strada l idea che

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE COMUNICAZIONE INTERCELLULARE Recettore Cellula segnalante Cellula target Molecola che segnala Cellula segnalante Recettore Cellula target SEGNALI INTERCELLULARI Recettori di superficie La molecola segnalante

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE Specificità (specificità riconoscimento) Amplificazione e diversificazione della risposta (cascata enzimatica) Integrazione tra segnali Spegnimento del segnale

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario 1 Il sistema immunitario COMPONENTI MOLECOLARI E CELLULARI. Meccanismi e caratteristiche delle risposte immunitarie; Risposte umorali e cellulari; Teoria della selezione clonale; Versatilità, specificità

Dettagli

ANTIVIRALCD8 T CELL RESPONSE: ROLE OF PERSISTENTANTIGEN AND OFT HELP. for the degree of Doctor of Natural Sciences. Presentedby PAOLAAGNELLINI

ANTIVIRALCD8 T CELL RESPONSE: ROLE OF PERSISTENTANTIGEN AND OFT HELP. for the degree of Doctor of Natural Sciences. Presentedby PAOLAAGNELLINI DISS. ETH NO. 17413 ANTIVIRALCD8 T CELL RESPONSE: ROLE OF PERSISTENTANTIGEN AND OFT HELP A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGYZÜRICH for the degree of Doctor of Natural

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

ANALISI DEI GENI ICOSL FOXP3 e ICOS, IN PAZIENTI AFFETTI DA ALOPECIA AREATA

ANALISI DEI GENI ICOSL FOXP3 e ICOS, IN PAZIENTI AFFETTI DA ALOPECIA AREATA ANALISI DEI GENI ICOSL FOXP3 e ICOS, IN PAZIENTI AFFETTI DA ALOPECIA AREATA L alopecia areata (AA) è una comune malattia della pelle che si manifesta con la perdita dei capelli e affligge approssimativamente

Dettagli

Pembrolizumab (Keytruda ) Premio Galeno Italia 2015

Pembrolizumab (Keytruda ) Premio Galeno Italia 2015 Pembrolizumab (Keytruda ) Premio Galeno Italia 2015 Pembrolizumab ( MK3475) è un anticorpo monoclonale IgG4, umanizzato, ad alta affinità, anti PD-1 Exerts dual ligand blockade of the PD-1 pathway Similar

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

L ipersensibilità immediata

L ipersensibilità immediata Laurea di II livello Specialistica in Biotecnologie Molecolari Programma di Immunologia Molecolare 2007-2008 L ipersensibilità immediata Presentazione a cura di : Valentina Fagiano L ipersensibilità immediata

Dettagli

Interleukin 1 (IL-1) Università degli Studi di Torino Corso di Laurea in Biotecnologie Molecolari

Interleukin 1 (IL-1) Università degli Studi di Torino Corso di Laurea in Biotecnologie Molecolari Università degli Studi di Torino Corso di Laurea in Biotecnologie Molecolari Interleukin 1 (IL-1) di Vincenzo Dipierro Corso di Immunologia Molecolare Prof. Forni e Prof.ssa Cavallo Cos'è IL-1? E' la prima

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

Presentazione dell antigene tramite TCR

Presentazione dell antigene tramite TCR Presentazione dell antigene tramite TCR Elena Adinolfi Il recettore della cellula T (TCR) Il TCR è il recettore per l antigene delle cellule T. In maniera analoga a quanto accade per le cellule B ad ogni

Dettagli

Attivazione linfociti B Interazione linfociti T-B Centro germinativo Maturazione affinità Cambio di classe

Attivazione linfociti B Interazione linfociti T-B Centro germinativo Maturazione affinità Cambio di classe Downloaded from www.immunologyhomepage.com Attivazione linfociti B Interazione linfociti T-B Centro germinativo Maturazione affinità Cambio di classe Fasi della risposta umorale Fase di riconoscimento

Dettagli

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company Apoptosi La morte cellulare e la sua regolazione La morte cellulare programmata è un processo fondamentale che controlla lo sviluppo degli organismi pluricellulari; L apoptosi porta all eliminazione di

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara DOTTORATO DI RICERCA IN FARMACOLOGIA E ONCOLOGIA MOLECOLARE CICLO XXVII COORDINATORE Prof. Antonio Cuneo Ruolo della proteina Tat nell infezione da HIV: studi in vitro

Dettagli

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute del respiro

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute del respiro PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO Salute del respiro Salute respiratoria: febbre da fieno e asma L ostruzione delle vie aeree e i sintomi dell asma e della febbre da fieno sono

Dettagli

Integrine. Eterodimeri a + b. Esistono 8 diverse subunità β e 20 α, variamente combinate tra loro

Integrine. Eterodimeri a + b. Esistono 8 diverse subunità β e 20 α, variamente combinate tra loro Integrine Eterodimeri a + b Esistono 8 diverse subunità β e 20 α, variamente combinate tra loro La combinazione di una subunità α con una β conferisce la specificità di ligando. Es.: α4β1 collagene α5β1

Dettagli

Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice

Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice MEMBRANA 1. Legame recettore-ligando 2. oligomerizzazione 3. Attivazione TYR-K -Dominio citosolico dei RTK -Reclutamento TYR-K (src, jak, fak, abl) 4.

Dettagli

Il differenziamento cellulare

Il differenziamento cellulare Liceo Classico M. Pagano Campobasso Docente: prof.ssa Patrizia PARADISO Allieve (cl. II sez. B e C): BARONE Silvia Antonella DI FABIO Angelica DI MARZO Isabella IANIRO Laura LAUDATI Federica PETRILLO Rosanna

Dettagli

Definizione. mediata.

Definizione. mediata. La rinite allergica Definizione La rinite allergica è una patologia infiammatoria a carico delle cavità nasali, caratterizzata da una tipica sintomatologia e da una reazione immunopatologica IgE-mediata

Dettagli

Classi e sottoclassi di anticorpi

Classi e sottoclassi di anticorpi Classi e sottoclassi di anticorpi Anticorpi: classi e sottoclassi In base alla catena pesante gli anticorpi sono divisi in classi e sottoclassi Classi o isotipi IgA, IgD, IgE, IgG, IgM Sottoclassi IgA1

Dettagli

I RECETTORI PER LE CITOCHINE. Alessandra Cuccurullo

I RECETTORI PER LE CITOCHINE. Alessandra Cuccurullo I RECETTORI PER LE CITOCHINE Alessandra Cuccurullo IL-1 È una glicoproteina: g Responsabile dello stimolo della risposta della fase acuta nel fegato Coinvolta nell induzione della febbre Causa dell indebolimento

Dettagli

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants DISS. ETH NO. 19590 Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer Relevance of Periostin Splice Variants A dissertation submitted to the ETH Zurich For the degree of Doctor of Sciences Presented by Laura

Dettagli

APOPTOSI NECROSI: PROCESSO PASSIVO APOPTOSI: PROCESSO ATTIVO HORWITZ E SULSTAN NOBEL 2002 CED = Caenorhabditis Elegans Death genes CASPASI = Cistein-proteasi caratterizzate da un residuo Cys, necessario

Dettagli

Novità di ricerca nella mielofibrosi

Novità di ricerca nella mielofibrosi Novità di ricerca nella mielofibrosi Barosi Giovanni Centro per lo Studio della Mielofibrosi. Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia Terza giornata fiorentina dedicata ai pazienti con malattie mieloproliferative

Dettagli

In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive,

In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive, In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive, definite reazioni di ipersensibilità, sono mediate dagli anticorpi

Dettagli

I SEGNALI DI COSTIMOLAZIONE. Elisa Nano

I SEGNALI DI COSTIMOLAZIONE. Elisa Nano I SEGNALI DI COSTIMOLAZIONE Elisa Nano Per l attivazione dei linfociti T sono necessari due stimoli: il primo consiste nell interazione del linfocita con il peptide associato alle molecole del complesso

Dettagli

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi Ciclo Cellulare M --> G1--> S --> G2 --> M S, G2 e M hanno durata sempre uguale mentre la fase G1 (in media 10 ore) può subire enormi variazioni da tessuto a tessuto (fino a migliaia di ore per i neuroni).

Dettagli