Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione"

Transcript

1

2 Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione

3 La terza edizione del PMBOK Fotografia dello stato dell arte (260 fotografi + 11) La versione italiana diventa un valido riferimento Raddoppiato il numero di pagine: migliorata la leggibilità Glossario molto più completo e comprensibile Uso dei diagrammi di flusso per chiarire i collegamenti tra i processi Testo principale diviso in 3 sezioni: Contesto: capitoli 1 e 2 Standard: capitolo 3 Aree di conoscenza: capitoli 4 12

4 Come svilupperemo la nostra riflessione Seguiremo la struttura del PMBOK stesso, concentrandoci in particolare sui processi di project management (raggruppati in aree di conoscenza) La comparazione farà riferimento a: PMBOK 2000 edizione originale in inglese PMBOK 2004 edizione originale in italiano I relatori si alterneranno in funzione delle diverse aree di conoscenza Domande, commenti e critiche sono i benvenuti e preferibilmente concentrati in coda alle singole presentazioni È prevista una sessione conclusiva in cui vi sarà chiesto di concretizzare le vostre riflessioni lavorando in piccoli gruppi

5 Contesto (capitoli 1 e 2) Apparentemente poco è cambiato sennonché proprio all inizio (obiettivo della Guida al PMBOK, pag. 3): è scomparso l incipit: Project management is an emerging profession si è chiarito che si intende fornire una visione d insieme anziché una descrizione particolareggiata è evidenziato in grassetto che il gruppo di Project Management ha il compito di determinare ciò che è idoneo a un progetto specifico

6 Processi (capitolo 3) Capitolo completamento rivisto e inserito in una nuova sezione I processi passano da 39 a 44 (7 nuovi, 2 eliminati, 13 rinominati) Tutti i processi hanno pari dignità Enfatizzata in grassetto la responsabilità del gruppo di PM Chiarito che i processi si sovrappongono e interagiscono in modi che non sono descritti dettagliatamente in questo standard

7 Di passaggio Inserito un preambolo alle aree di conoscenza in cui si dice, una volta per tutte, che ci sono tre documenti fondamentali in ogni progetto: Project Charter PERCHÉ Descrizione dell ambito del progetto (Scope Statement) CHE COSA Piano di Project Management COME

8 Gestione dell integrazione di progetto Luciano Garagna, PMP

9 Dalla Guida al PMBOK 2000 Edizione 2000 Terza edizione 4.1 Sviluppare il Project Charter 4.2 Sviluppare la descrizione preliminare dell ambito del progetto 4.1 Project Plan Development 4.2 Project Plan Execution 4.3 Sviluppare il piano di Project Management 4.4 Dirigere e gestire l esecuzione del progetto 4.5 Monitorare e controllare il lavoro del progetto 4.3 Integrated Change Control 4.6 Controllo integrato delle modifiche 4.7 Chiudere il progetto

10 Gestione dell integrazione: i cambiamenti Area di conoscenza con il maggior numero di processi (7) 4 nuovi processi Dei 3 principali documenti di progetto: 2 sono output di quest area 1 è prodotto in forma preliminare I progetti e il Project Management sono di natura integrativa I processi si sovrappongono e interagiscono in modi che non possono essere descritti dettagliatamente nella Guida al PMBOK

11 Sviluppare il Project Charter Titolo fuorviante: poteva essere Scegliere il progetto. Ha assorbito il processo Initiation (proveniente dalla gestione dell ambito). Project Charter contiene più informazioni (e.g Business Case). Asset dei processi organizzativi: - processi e procedure - knowledge base progettuale

12 Sviluppare descrizione preliminare ambito Viene ribadita la natura iterativa dell attività di pianificazione. Le informazioni sono fornite dallo sponsor. Rispetto alla descrizione dell ambito (Scope statement) cambia il livello di dettaglio.

13 Sviluppare il piano di Project Management 4.1 Project Plan Development.1 Inputs.1 Other planning outputs.2 Historical information.3 Organizational policies.4 Constraints.5 Assumptions.2 Tools and Techniques.1 Project planning methodology.2 Stakeholder skills and knowledge.3 Project management information system (PMIS).4 Earned value management (EVM).3 Outputs.1 Project plan.2 Supporting detail Input Il punto di partenza è la descrizione dell ambito. Strumenti Gli esperti includono anche gli stakeholder competenti. Earned Value viene trasferito al controllo. Nella descrizione del sistema informativo enfasi su controllo della configurazione e delle modifiche. Output Il piano di progetto è un librone già abbastanza grosso, anche senza aggiungere altri documenti a supporto.

14 Dirigere e gestire l esecuzione del progetto 4.2 Project Plan Execution.1 Inputs.1 Project Plan.2 Supporting detail.3 Organizational policies.4 Preventive action.5 Corrective action.2 Tools and Techniques.1 General management skills.2 Product skills and knowledge.3 Work authorization system.4 Status review meetings.5 Project management information system.6 Organizational procedures.3 Outputs.1 Work results.2 Change requests Input La molteplicità degli input evidenzia come, purtroppo, la fase esecutiva non coincida con una semplice implementazione del piano di progetto. Strumenti La metodologia di project management viene utilizzata con significato omnicomprensivo, onde prevenire dimenticanze. Output Sono stati dettagliati i generici work results. Viene introdotta una sottile distinzione tra modifiche richieste e richieste di modifica.

15 Monitorare e controllare il lavoro del progetto I processi di monitoraggio e controllo continuano ad essere presenti nelle aree di conoscenza (ambito, tempi, costi, qualità, rischi). A questo livello si sottolinea la visione d assieme. La domanda a cui si vuole rispondere è: a che punto siamo?.

16 Controllo integrato delle modifiche 4.3 Integrated Change Control.1 Inputs.1 Project Plan.2 Performance reports.3 Change requests.2 Tools and Techniques.1 Change control system.2 Configuration management.3 Performance measurements.4 Additional planning.5 Project management information system.3 Outputs.1 Project plan updates.2 Corrective action.3 Lessons learned Change control system e Configuration management confluiti nel sistema informativo. Viene evidenziata la necessità di ricorrere ad esperti per valutare le modifiche richieste.

17 Chiudere il progetto Rinasce dalle ceneri di Administrative closure, precedentemente incluso nell area della comunicazione di progetto (sic). I primi due output sono procedure (liste di cose da fare!) che alimentano i processi di pianificazione e approvvigionamento. Per prodotto finale si intende il documento di accettazione. Gli asset organizzativi includono tutta la documentazione e le lesson learned.

18 Gestione dell'ambito del progetto Alessandro Pigna, PMP

19 Dalla Guida al PMBOK 2000 Edizione 2000 Terza edizione 5.1 Initiation 5.2 Scope Planning 5.3 Scope Definition Riscritto e integrato nel capitolo 4 Gestione dell integrazione di progetto 5.1 Pianificazione dell'ambito 5.2 Definizione dell'ambito 5.3 Creare la WBS 5.4 Scope Verification 5.5 Scope Change Control 5.4 Verifica dell'ambito 5.5 Controllo dell'ambito

20 Gestione dell'ambito: i cambiamenti Il capitolo relativo all Initiation è stato riscritto e inglobato nella sezione Gestione dell integrazione di progetto. Introduzione del processo Creare la WBS. Maggiore centralità della descrizione dell ambito di progetto a cui viene dedicato l intero processo di Definizione dell ambito. Ri-distribuzione degli output sui processi. Enfasi sul concetto di continuo aggiornamento dei piani di gestione durante il corso del progetto.

21 Gestione dell'ambito 5.1 Initiation.1 Inputs.1 Product description.2 Strategic plan.3 Project selection criteria.4 Historical information.2 Tools and Techniques.1 Project selection methods.2 Expert judgment.3 Outputs.1 Project charter.2 Project manager identified /assigned.3 Constraints.4 Assumptions? Il capitolo relativo all Initiation è stato riscritto e inglobato nella sezione Gestione dell integrazione di progetto

22 Pianificazione dell'ambito 5.2 Scope Planning.1 Inputs.1 Product description.2 Project charter.3 Constraints.4 Assumptions.2 Tools and Techniques.1 Product analysis.2 Benefit/cost analysis.3 Alternatives identification.4 Expert judgment.3 Outputs.1 Scope statement.2 Supporting detail.3 Scope management plan Il piano di gestione dell ambito diventa l unico output del processo. Introduzione dei fattori ambientali aziendali e degli asset dei processi organizzativi come elementi influenzanti il piano di gestione dell ambito. Migliore definizione dei contenuti del piano di gestione dell ambito. La descrizione dell ambito di progetto (Scope Statement) è diventata output del processo di Definizione dell ambito.

23 Definizione dell'ambito 5.3 Scope Definition.1 Inputs.1 Scope statement.2 Constraints.3 Assumptions.4 Other planning outputs.5 Historical information.2 Tools and Techniques 5.3 Scope Definition.1 Work breakdown structure templates.2 Decomposition.3 Outputs.1 Work breakdown structure.2 Scope statement updates L output principale del processo è la Descrizione dell ambito di progetto. Anche in questo caso ne viene data una trattazione più approfondita. Interazione con il processo di Monitoraggio e controllo (richieste di modifica approvate in input e richieste di modifica in output). L analisi degli stakeholder come elemento per una più precisa definizione dell ambito. La definizione della WBS è demandata ad un processo dedicato.

24 Creare la WBS Maggiore enfasi all importanza della WBS definendo il processo di creazione. Più approfondita trattazione del processo di scomposizione. WBS Dictionary non è più un documento di corredo alla WBS ma un vero e proprio deliverable di progetto a fronte del quale verificare l ambito. Le richieste di modifica alla descrizione dell'ambito del progetto e ai suoi componenti possono essere generate dal processo Creare la WBS.

25 Verifica dell'ambito 5.4 Scope Verification.1 Inputs.1 Work results.2 Product documentation.3 Work breakdown 5.3 structure Scope Verification.4 Scope statement.5 Project plan.2 Tools and Techniques.1 Inspection.3 Outputs.1 Formal acceptance Il processo è sostanzialmente invariato. Interazione con il processo di Monitoraggio e Controllo (Richieste di modifica in output).

26 Controllo dell'ambito 5.5 Scope Change Control.1 Inputs.1 Work breakdown structure.2 Performance reports.3 Change requests.4 Scope management plan 5.3 Scope Change Control.2 Tools and Techniques.1 Scope change control system.2 Performance measurement.3 Additional planning.3 Outputs.1 Scope changes.2 Corrective action.3 Lessons learned.4 Adjusted baseline Specificata più chiaramente negli strumenti e tecniche per il controllo dell ambito l importanza del configuration management. E enfatizzata la modifica dei documenti di progetto come output del processo di controllo.

27 Gestione dei tempi di progetto Enrico Masciadra, PMP

28 Dalla Guida al PMBOK Activity definition Edizione Activity sequencing Terza edizione 6.1 Definizione delle attività 6.2 Sequenzializzazione delle attività 6.3 Stima delle risorse delle attività 6.3 Activity duration estimation 6.4 Schedule development 6.5 Schedule control 6.4 Stima della durata delle attività 6.5 Sviluppo della schedulazione 6.6 Controllo della schedulazione

29 Gestione dei tempi di progetto: i cambiamenti L introduzione al capitolo introduce la necessità di uno schedule management plan come complemento del Project management plan. Sono stati raffinati argomenti quali la stima dei tempi delle attività di progetto, il livellamento delle risorse e lo stato di avanzamento del progetto: l ottica è l influenza sullo scheduling di progetto. Eliminato il PERT, aggiornate figure di PDM/ADM, aggiornate le figure esplicative (Gantt chart, milestone chart, ecc.)

30 Definizione delle attività 6.1 Activity definition.1 Inputs.1 Work Breakdown structure.2 Scope statement.3 Historical information.4 Constraints.5 Assumptions.6 Expert judgment.2 Tools & Techniques.1 Decomposition.2 Templates.3 Outputs.1 Activity list.2 Support detail.3 Work breakdown structure updates Constraints & Assumptions Non è più considerato un input ma è parte integrante dell Ambito di progetto. Fattori ambientali aziendali Si limitano alla disponibilità di strumenti informatici di supporto. Pianificazione a finestra mobile Esistenza di differenti livelli di dettaglio all interno della pianificazione di progetto. Parere di esperti Da Input a Strumento e tecnica. Componente della pianificazione Punto di controllo / Planning package.

31 Sequenzializzazione delle attività 6.2 Activity Sequencing.1 Inputs.1 Activity list.2 Product description.3 Mandatory dependencies.4 Discretionary dependencies.5 External dependencies.6 Milestone.2 Tools & Techniques.1 Precedence diagramming method (PDM).2 Arrow diagramming method (ADM).3 Conditional diagramming method.3 Outputs.1 Project network diagram.2 Activity list update Sono state rese più complesse le figure Descrizione dell ambito di progetto La descrizione del prodotto è all interno della descrizione dell Ambito di progetto così come le dependency. Conditional diagramming method Sparisce il GERT (Graphical evaluation and review technique). Determinazione delle relazioni di dipendenza Non più un Input ma Strumento e tecnica. Applicazione di lead and lag Diventa una voce esplicita tra gli Strumenti e tecniche.

32 Stima delle risorse delle attività 7.1 Resource planning.1 Inputs.1 Work breakdown structure.2 Historical information.3 Scope statement.4 Resource pool description.5 Organizational policies.6 Activity duration estimates.2 Tools & Techniques.1 Expert judgment.2 Alternatives identification.3 Project management software.3 Outputs.1 Resource requirements Fattori ambientali aziendali / Asset dei processi organizzativi Vengono considerate le influenze dell environment aziendale sull allocazione delle risorse. Processo spostato dalla knowledge area Project Cost Management e rinominato Elenco delle attività / Attributi delle attività Sostituisce la WBS. Analisi delle alternative Considera le alternative dal punto di vista delle risorse e non in modo generico come differente approccio al problema. Output Molto più articolati.

33 Stima della durata delle attività 6.3 Activity duration estimating.1 Inputs.1 Activity list.2 Constraints.3 Assumptions.4 Resource requirements.5 Resource capabilities.5 Historical information.6 Identified risks.2 Tools & Techniques.1 Expert judgment.2 Analogue estimating.3 Quantitatively based durations.3 Output.1 Activity duration estimates.2 Basis of estimates.3 Activity list updates Non vengono presi in considerazione gli identified risk Fattori ambientali aziendali / Asset dei processi organizzativi Contiene assumption, constraints e historical information. Descrizione dell ambito di progetto Contiene assumption e constraints. Analisi della riserva Viene valutata la possibilità di accantonare una riserva di effort.

34 Sviluppo della schedulazione 6.4 Schedule development.1 Inputs.1 Project network diagram.2 Activity duration estimates.3 Resource requirements.4 Resource pool description.5 Calendar.6 Constraints.7 Assumptions.8 Lead and lags.9 Risk management plan.10 Activity attributes.2 Tools & Techniques.1 Mathematical analysis.2 Duration compression.3 Simulation.4 Resource leveling heuristics.5 Project management software.3 Output.1 Project schedule.2 Supporting detail.3 Schedule management plan.4 Resource requirement updates Asset dei processi organizzativi Contiene eventuali vincoli per lo sviluppo della schedulazione (periodi non lavorativi, ecc.). Strumenti e tecniche Viene eliminata la tecnica di GERT e il PERT. Metodo del Critical Chain Già presente nella versione 2000 viene scorporato e approfondito nella terza edizione. Output Arricchiti gli output previsti dal processo.

35 Controllo della schedulazione 6.5 Schedule control.1 Inputs.1 Project schedule.2 Performance reports.3 Change requests.4 Schedule management plan. 2 Tools & Techniques.1 Schedule change control system.2 Performance measurement.3 Additional planning.4 Project management software.5 Variance Analysis.3 Output.1 Schedule updates.2 Corrective actions.3 Lesson learned Input Sostanzialmente invariati. Strumenti e tecniche Eliminato Additional planning. Diagrammi a barre del confronto delle schedulazioni Strumento di sintesi per confrontare le ri-pianificazioni.

36 Gestione dei costi di progetto Isabella Nizza, PMP

37 Dalla Guida al PMBOK 2000 Edizione Resource Planning 7.2 Cost Estimating 7.3 Cost Budgeting 7.4 Cost Control Terza edizione Spostato nell area Gestione dei tempi 7.1 Stima dei costi 7.2 Allocazione dei costi 7.3 Controllo dei costi

38 Gestione dei costi: i cambiamenti Indicazione esplicita nella stima della necessità di affinamenti con suggerimenti per le percentuali da adottare (e.g. inizialmente - 50%/+100%, ecc.). Indicazione esplicita della necessità di calcolare e gestire la contingency di budget. Finanziamenti esterni al progetto: una realtà da considerare sia nella creazione del budget che nel controllo dei costi. L earned value è lo standard: la descrizione nella Guida al BOK è più approfondita e il PMI ha annunciato la pubblicazione di uno standard dedicato: PMI Standard for Earned Value Management.

39 Gestione dei costi 7.1 Resource Planning.1 Inputs.1 Work breakdown structure.2 Historical information.3 Scope statement.4 Resource pool description.5 Organizational policies.6 Activity duration estimates?.2 Tools & Techniques.1 Expert judgment.2 Alternatives identification.3 Project management software.3 Output.1 Resource requirements Questo è uno dei due processi eliminati nella nuova Guida al BOK. In parte la sua funzione è ora svolta dal nuovo processo 6.3 Stima delle risorse delle attività dell area Gestione dei tempi di progetto.

40 Stima dei costi 7.2 Cost estimating.1 Inputs.1 Work breakdown structure.2 Resource requirements.3 Resource rates.4 Activity duration estimates.6 Estimating publications.7 Historical information.8 Risks.2 Tools & Techniques.1 Analogous estimating.2 Parametric modeling.3 Bottom-up estimating.4 Computerized tools.5 Other cost estimating methods.3 Output.1 Cost estimates.2 Supporting detail.3 Cost management plan Input Asset dei processi organizzativi, Fattori ambientali aziendali e Piano di Project Management raccolgono molti degli input precedenti (durate, rischi, ecc.). Analisi dell offerta del venditore - nuovo Per i casi in cui si sceglie di acquistare fuori, i costi provengono dal fornitore. Analisi della riserva - nuovo La contingency dovrebbe essere associata ad un attività a durata zero all interno del sottoreticolo di un gruppo di work package, e non distribuita su più attività. Costo della qualità - nuovo Costi sostenuti per valutare la conformità ai requisiti e evitare/rimediare le non conformità.

41 Allocazione dei costi 7.3 Cost budgeting.1 Inputs.1 Cost estimates.2 Work breakdown structure.3 Project schedule.4 Risk Management Plan.2 Tools & Techniques.1 Cost budgeting tools and techniques.3 Output.1 Cost baseline In generale, il processo si è molto raffinato e approfondito. Tra le novità significative, da segnalare: - Riferimento esplicito al contratto, al piano di gestione dei costi e alla necessità di finanziamento: la gestione dei costi del progetto assume una nuova dignità poiché il Project Management Team si fa carico di problematiche manageriali nuove. - Definizione dettagliata degli S&T, a conferma della aumentata responsabilità del Project Management Team nella gestione del denaro per il progetto.

42 Controllo dei costi 7.4 Cost control.1 Inputs.1 Cost baseline.2 Performance reports.3 Change requests.4 Cost management plan.2 Tools & Techniques.1 Cost change control system.2 Performance measurement.3 Earned value management (EVM).4 Additional planning.5 Computerized tools.3 Output.1 Revised cost estimates.2 Budget updates.3 Corrective action.4 Estimate at completion.5 Project closeout.6 Lessons learned Richieste di modifica approvate Solo le modifiche approvate modificano la baseline dei costi. Earned value L earned value non è più UNO strumento, è LO strumento di analisi della misurazione delle prestazioni e di gestione dello scostamento. L argomento è più approfondito e trattato solo in questo capitolo (non più sparpagliato ). Modifiche richieste L analisi dell andamento del progetto può generare nuove richieste di modifica. Project closeout - eliminato Asset dei processi organizzativi Le lesson learned finiscono ad alimentare la base dati informativa aziendale.

43 Gestione della qualità di progetto Antonio Bassi, PMP

44 Dalla Guida al PMBOK 2000 Edizione Quality Planning 8.2 Quality Assurance 8.3 Quality Control Terza edizione 8.1 Pianificazione della qualità 8.2 Assicurazione qualità 8.3 Controllo qualità

45 Gestione della qualità: i cambiamenti Circa il 90% di input, strumenti e tecniche ed output è uguale o riconducibile a quelli dell edizione Maggior controllo sulla qualità dei processi. Maggior controllo sulle modifiche. Rafforzata la differenza tra la qualità di prodotto e la qualità di progetto.

46 Pianificazione della qualità 8.1 Quality Planning.1 Inputs.1 Inputs.1 Scope statement.1 Scope statement.2 Quality policy.2 Quality policy.3 Product description.3 Product description.4 Standards and regulations.4 Standards and regulations.5 Other process outputs.5 Other process outputs.2 Tools and Techniques.2 Tools and Techniques.1 Benefit/cost analysis.1 Benefit/cost analysis.2 Benchmarking.2 Benchmarking.3 Design of experiments.3 Design of experiments.4 Cost of quality.4 Cost of quality.5 Flow charting.5 Flow charting.3 Outputs.3 Outputs.1 Quality management plan.1 Quality management plan.2 Checklists.2 Checklists.3 Operational definitions.3 Operational definitions.4 Inputs to other processes.4 Inputs to other processes Ulteriori strumenti di pianificazione della qualità Vi si trovano brainstorming, diagrammi di affinità, analisi dei campi di forza, tecniche nominal group, diagrammi a matrice, diagrammi di flusso e matrici di priorità. Piano di miglioramento dei processi Aiutano ad identificare gli sprechi e le attività senza valore aggiunto producendo un aumento di valore per il cliente. Baseline della qualità Registra gli obiettivi di qualità del progetto e fa parte della baseline di misurazione delle prestazioni. Costituisce la base per la misurazione e il reporting delle prestazioni di qualità Piano di Project Management (aggiornamenti) Aggiunta dei piani di gestione qualità e di miglioramento dei processi.

47 Effettuare l assicurazione qualità 8.2 Quality Assurance.1 Inputs.1 Inputs.1 Quality management plan.1 Quality management plan.2 Results of quality.2 Results of quality control measurements control measurements.3 Operational definitions.3 Operational definitions.2 Tools and Techniques.2 Tools and Techniques.1 Quality planning tools.1 Quality planning tools and techniques and techniques.2 Quality audits.2 Quality audits.3 Outputs.3 Outputs.1 Quality improvement.1 Quality improvement Richieste di modifica approvate E necessario analizzare gli eventuali effetti delle modifiche approvate sul piano di gestione della qualità, sulle metriche di qualità o sulle liste di controllo di qualità. Analisi dei processi Segue i passi indicati nel piano di miglioramento dei processi per identificare i miglioramenti necessari dal punto di vista organizzativo e tecnico. Asset dei processi organizzativi (aggiornamenti) Aggiornamento degli standard di qualità. Piano di Project Management (aggiornamenti) Viene aggiornato con le modifiche apportate al piano al piano di gestione della qualità.

48 Esecuzione del controllo qualità 8.3 Quality Control.1 Inputs.1 Inputs.1 Quality management plan.1 Quality management plan.2 Checklists.2 Checklists.3 Work results.3 Work results.4 Operational definitions.4 Operational definitions.2 Tools and Techniques.2 Tools and Techniques.1 Control charts.1 Control charts.2 Flow-charting.2 Flow-charting.3 Pareto diagrams.3 Pareto diagrams.4 Statistical sampling.4 Statistical sampling.5 Inspection.5 Inspection.6 Trend analysis.6 Trend analysis.3 Outputs.3 Outputs.1 Quality improvement.1 Quality improvement.2 Acceptance decisions.2 Acceptance decisions.3 Rework.3 Rework.4 Completed checklists.4 Completed checklists.5 Process adjustments.5 Process adjustments Strumenti e tecniche Introduzione dei sette strumenti di base della qualità. Istogramma Identifica la causa dei problemi di un processo in base alla forma e all ampiezza della distribuzione. Esame della correzione dei difetti Azione intrapresa per garantire che i difetti del prodotto siano stati corretti e che il prodotto sia quindi conforme ai requisiti e alle specifiche. Correzione dei difetti consigliata Input derivato da un ente che si occupa di rilevare i difetti e di consigliarne la correzione. Deliverable convalidati Sono i risultati dei processi di controllo qualità della fase di esecuzione.

49 Fine prima parte...

Gestione delle risorse umane di progetto

Gestione delle risorse umane di progetto Gestione delle risorse umane di progetto Alessandro Pigna, PMP Dalla Guida al PMBOK 2000 Edizione 2000 9.1 Organizational Planning 9.2 Staff Acquisition 9.3 Team Development Terza edizione 9.1 Pianificazione

Dettagli

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008)

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance Il controllo di progetto come strumento di IT Governance ing. Giorgio Beghini 20 febbraio 2003 - Vicenza OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax:049-88

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management isedi_indice_cantamessa 27-04-2007 9:25 Pagina V Indice XI Prefazione XIII Premessa XVII Introduzione Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management PARTE I Aspetti

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

Corrispondenza inglese-italiano termini PMBOK 2004

Corrispondenza inglese-italiano termini PMBOK 2004 Acceptance criteria Activity attributes Activity code Activity definition Activity description Activity duration Activity duration estimating Activity identifier Activity list Activity on arrow (AOA) Activity

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Project Management. Cosa, come, quando, quanto, ma soprattutto perché

Project Management. Cosa, come, quando, quanto, ma soprattutto perché Project Management Cosa, come, quando, quanto, ma soprattutto perché Un approccio per niente serio di Enrico Marongiu - enrico.marongiu@gmail.com Versione 1.0-16/05/2011 Sommario (o WBS...) Cos'è un progetto

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional)

Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional) Industrial Management School Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional) - Ripercorrere le tematiche del PMBOK per acquisire le competenze necessarie e prepararsi all esame di

Dettagli

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it L effetto della gestione del rischio Resources Opportunity to Add Value Curve Cost of Modifying Curve Conception Planning Execution

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

Earned Value la ricerca del Graal

Earned Value la ricerca del Graal Earned Value la ricerca del Graal Dott. Paolo La Rocca PMP October 26 th, 2012 Prof. Alberto Bettanti 1 Introduzione Questa presentazione non è un corso introduttivo al Project Management. Ci concentreremo

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT

CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT Definizione di project Progetto Proposta, piano, ideazione di un lavoro o di una serie di lavori. Proposito

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA ID. 11673 CATALOGO INTERREGIONALE ALTAFORMAZIONE V Edizione Anno 2013 Ente di formazione In

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Project(s) Management PMO 3. Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014

Project(s) Management PMO 3. Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014 Project(s) Management PMO 3 Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014 Agenda Progetti complessi Kanban PMO Project Management Office Attività di progetto (traditional) Initiate Project Charter

Dettagli

Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato

Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato Page 2 of 5 1 PMIS con Microsoft Office Project Server - Corso Avanzato 1.1 Obiettivi Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Tailoring e WBS: strumenti o tecniche?

Tailoring e WBS: strumenti o tecniche? Tailoring e WBS: strumenti o tecniche? Patricia Gamberini, PMP Direzione Ingegneria dell'offerta Sanità Engineering Ingegneria Informatica SpA PMI-NIC - Tutti i diritti riservati Gli Standard (1) A Guide

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni aeronautiche

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT L' della in collaborazione con l Associazione Ingegneri della e KWANTIS organizza il seguente CORSO DI AGGIORNAMENTO: PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT MODULO UNICO DI 24 ORE 21-28 Ottobre 2015 e 3 Novembre

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Project Management Project Management

Project Management Project Management Obiettivi Il corso è specificatamente creato per l ottenimento della certificazione PMPc e presuppone delle conoscenze di gestione dei progetti sia teoriche che pratiche. E strutturato per permettere ai

Dettagli

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING MANAGERS DEVELOPMENT ACTIONS Consulman PL On the job training for Managers Personal coaching for managers Focused workshop business game (based on focused scope) Plant assessment business game (based on

Dettagli

Project Management. Project Management

Project Management. Project Management Project Management OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax: 049-88 95 780 e-mail: ost@ost.it web: http://www.ost.it Il contesto Pagina 1 Il contesto

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value)

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value) IT Project Management Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 Il PMO come soluzione di business Linee guida per la realizzazione e il miglioramento continuo di un PMO aziendale REALIZZARE IL PMO Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 PMI-NIC -

Dettagli

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami Echi da Amsterdam Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009 Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile Relatore: Bruna Bergami PMI NIC - Tutti i diritti riservati Milano, 19 Giugno

Dettagli

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto Patricia Gamberini 1 Agenda Presentazione Engineering Business case

Dettagli

Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations

Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations

Dettagli

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca Creating Your Future PROJECT MANAGEMENT IN BANCA La governance dell innovazione in banca 1 Ambito di applicazione 2 Attività formativa 3 Competenze 4 Project Management Framework 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Project Management & Innovazione

Project Management & Innovazione Project Management & Innovazione Milano, 24 ottobre 2006 Antonio Bassi, PMP antonio.bassi@pmi-nic.org www.pmi-nic.org Agenda Il progetto La ricerca L evoluzione Il libro e poi Ambito e missione del progetto

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE Il Project Management è una competenza manageriale di base, trasversale a tutti i settori. Anche in Italia si sta affermando

Dettagli

CAPITOLO 5. Gestione dell'ambito del progetto

CAPITOLO 5. Gestione dell'ambito del progetto CAPITOLO 5 Gestione dell'ambito del progetto 5 La gestione dell ambito di progetto comprende i processi necessari ad assicurare che il progetto includa tutto il lavoro richiesto, e soltanto il lavoro richiesto,

Dettagli

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT Commenti ad alcuni dei Testi di riferimento sul Project Management con indicazioni dei principali contenuti ed il loro collegamento con il Manuale delle

Dettagli

Project Management Template

Project Management Template PROJECT MANAGEMENT Project Management Template Modelli gestionali standard e guida pratica per il project manager e per il PMO aziendale, in linea con il PMBOK Guide In collaborazione con Eureka Service

Dettagli

Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici

Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici Riferimenti Testo di riferimento: NASA Systems Engineering Handbook (NASA-SEH) Utili anche i documenti di

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012

I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012 I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner, ITIL V3 Foundation Indice PMI - A Guide to the Project

Dettagli

Glossario dei termini di project management

Glossario dei termini di project management Premessa Questo glossario contiene i termini di project management che riteniamo di maggior utilizzo pratico. I termini sono in inglese in quanto conformi con la nomenclatura internazionale presente nella

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

Project Management MANAGEMENT

Project Management MANAGEMENT Project Management IL PROCESSO EDILIZIO MANAGEMENT È la progressione di azioni connesse tra di loro, temporalmente e logicamente, per il conseguimento di uno o più obiettivi 1 MANAGEMENT AZIONE DIREZIONALE

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Master in Project Management e Gestione dell'innovazione http://www.rieforum.org/master/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Project Management Base Modulo 3/3 Venerdì/Sabato

Dettagli

certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015

certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015 Corso di Project Management + Corso di preparazione al conseguimento della certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015 Che cos è il PMP PMP (Project Management

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

U.S.R Campania Polo Qualità di Napoli e PMI SIC. insieme. Project Management Skills for Life

U.S.R Campania Polo Qualità di Napoli e PMI SIC. insieme. Project Management Skills for Life U.S.R Campania Polo Qualità di Napoli e PMI SIC insieme Project Management Skills for Life Novembre 2014 www.pmi-sic.org 1 Finalità dell iniziativa fornire agli studenti, meritevoli delle IV e V classi

Dettagli

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto Project Management Dott. Andrea F. Abate e-mail: abate@unisa.it Web: http://www.dmi.unisa.it/people/abate Gestione di Progetti Software: Pianificazione delle attività e rappresentazioni grafiche Obiettivi

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Prato, 25 Settembre 2009 1 Programma 15:00 15:10 Benvenuto e apertura lavori 15:10 15:20 Presentazione del

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Pillole l di Project Management Lunedì 21 febbraio c/o Relais Santa Croce Via Ghibellina, 87 a Firenze Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Dott. Ing. Luigi De Laura

Dettagli

Practice Standard for Earned Value Management. Padova, 27 maggio 2005

Practice Standard for Earned Value Management. Padova, 27 maggio 2005 Practice Standard for Earned Value Management Padova, 27 maggio 2005 Practice Standard for Earned Value Management Earned Value Management Maturiry Model (EVM 3 ) Ing. Stefano Setti - PMP Presentazione

Dettagli

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti»

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti» Università del SALENTO - Facoltà di INGEGNERIA CdL Ingegneria Civile (Lecce) & CdL Ingegneria Industriale (Brindisi) A.A. 2014/2015 Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008

Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Gli standard di PMI Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Maria Cristina Barbero, PMP Vice Presidente Tesoriere PMI Northern Italy Chapter Contenuti

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3 Domanda: 1 In un gruppo di progetto si ha uno stato di crisi allorché Esiste una situazione di conflitto in cui non riescono ad essere utili e durature logiche di win-win Esiste una situazione di conflitto

Dettagli

Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management

Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management ROMA 12-15 Maggio 2008 Master Diffuso sul Project Management Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management KP.Net - SOCIETA E COMPETENZE Kelyan Project.Net

Dettagli

Nuovo Esame PMP dal 2 Novembre 2015. Vito Madaio, PMP, TSPM

Nuovo Esame PMP dal 2 Novembre 2015. Vito Madaio, PMP, TSPM Nuovo Esame PMP dal 2 Novembre 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM Cosa significa L Esame PMP Cambia nel 2015 Uno studio recente introduce un aggiornamento sul ruolo del Project Manager certificato PMP. Dopo una

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald M A N A G E M E N T Project La gestione di progetti e programmi complessi Russell D. Archibald FRANCOANGELI Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è leggibile

Dettagli

Progetto SIEP e-procurement

Progetto SIEP e-procurement Progetto SIEP e-procurement Aspetti di Gestione, Controllo e Comunicazione Ente committente: Provincia di Salerno Attuatore: XCOM wide communication Relatori: Ing. Pietro Carratù - PMP Responsabile di

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli