PROGETTO 2 REPORT STATO DI AVANZAMENTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO 2 REPORT STATO DI AVANZAMENTO"

Transcript

1 (Codice Fiscale - Partita IVA: ) Sede Legale: Alessandria via Venezia, 6 Tel fax: Sede Amm.va: Tortona via G.Galilei, 1 Tel fax: CONSULTORIO DI TORTONA E CASTELNUOVO SCRIVIA PROGETTO 2 REPORT STATO DI AVANZAMENTO TITOLO MAMMA TUTTO? MAMMA SOLA! ASL ASL 20 Consultorio di Tortona e Castelnuovo Responsabile del progetto D.ssa Claudia Deagatone dirigente medico ASL 20 Consultorio Familiare p.zza delle Erbe - Tortona tel fax Partner ASO dipartimento materno infantile Ospedale di Tortona Comune di Tortona Comune di Castelnuovo CISA di Tortona CIF di Tortona Onlus L isola che c è AUSER di Tortona Filone tematico ed azione Premesse Promozione della salute della donna durante il puerperio, individuato come periodo di forte ricettività ai programmi di educazione alla salute che favoriscano l assunzione e il rafforzamento di stili di vita corretti nell ambito del nucleo familiare di appartenenza. Costruzione di un progetto di continuità assistenziale che riqualifichi il ruolo del consultorio familiare come spazio privilegiato per l impostazione di programmi di educazione alla salute e di prevenzione primaria. Potenziamento dell offerta di assistenza consultoriale al puerperio, inserendo anche attività attualmente assenti come l offerta di riabilitazione perineale dopo il parto. Filoni tematici ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA FUMO SALUTE MENTALE Destinatari finali Azioni Azione 3 Azione 5: gruppo target donne nel post parto con eccessivo incremento ponderale in gravidanza Azione 10 Azione 14: sostegno alle donne nel post parto Donne che hanno partorito presso la divisione di Ostetricia del Presidio Ospedaliero di Tortona o che hanno frequentato i corsi di preparazione al parto del Dipartimento materno infantile dello stesso Ospedale; la popolazione target viene coinvolta nel progetto nei nove mesi successivi al parto

2 Destinatari intermedi Operatori sanitari del consultorio e del DMI dell Ospedale di Tortona per il rafforzamento dell azione di continuità assistenziale Gruppi di privato sociale e operatori del territorio del comune e dei servizi per la creazione di una rete di alleanze per la salute Coinvolgimento in attività di formazione delle ostetriche del consultorio per l attivazione di un azione di prevenzione e cura dei danni al pavimento pelvico conseguenti al parto Setting Il progetto è strutturato per incontri tematici che si svolgeranno nelle sedi dei consultori familiari di Tortona e Castelnuovo Integrazione ASO dipartimento materno infantile Ospedale di Tortona Parternariato attivo del Comune di Tortona Parternariato attivo del Comune di Castelnuovo Parternariato attivo del CISA di Tortona Dipartimento di Prevenzione ASL 20 Tipologia di intervento Formativo Educativo Sviluppo di comunità Abstract Nello specifico del territorio afferente al dipartimento materno infantile dell ospedale di Tortona si è evidenziato, sul piano sanitario: 1. un aumento del numero di interruzioni volontarie di gravidanza in donne immigrate, ed in particolare dopo una gravidanza a termine recente 2. una tendenza all abbandono precoce dell allattamento al seno: alla dimissione ospedaliera circa il 95% delle puerpere allatta al seno in modo esclusivo; al controllo a 2 mesi dal parto 1/3 è passata all allattamento artificiale 3. aumento del ricorso alla consulenza pediatrica di Pronto Soccorso nei primi mesi dopo la nascita del bambino Questi comportamenti sono interpretabili come espressione di una solitudine psicologica, a volte quasi fisica della neo mamma unita ad un senso di inadeguatezza del ruolo genitoriale da parte della coppia parentale, la cui causa può essere ricondotta ai cambiamenti dell assetto sociale che hanno portato ad un sempre maggiore sfaldamento dei nuclei familiari. Il progetto ha come obiettivi specifici sostenere e sviluppare le competenze materne al fine di tutelare la salute della donna e della sua famiglia contribuire a creare un modello di continuità nella relazione tra la donna e gli operatori sanitari del consultorio, anche attraverso il potenziamento dell offerta assistenziale (programma di riabilitazione del pavimento pelvico dopo il parto) promuovere la creazione di una rete che coinvolga oltre al consultorio, il dipartimento materno infantile ospedaliero (DMI - ASO) e le realtà territoriali operanti nel comune di Tortona, da quelle istituzionali al cosiddetto privato sociale Le strategie per risolvere queste problematiche passano necessariamente per la costituzione del gruppo dei pari e per la condivisione di messaggi di empowerment. I servizi territoriali/consultori familiari costituiscono il presupposto istituzionale per la funzionalità di tali modelli perché in grado di articolare un azione complessiva di informazione, orientamento e sostegno delle attività relative alla nascita e al ruolo genitoriale rivolte a tutta la popolazione, ed al tempo stesso si presentano come potenziale struttura di collegamento tra ospedali, servizi sociali e sanitari, associazioni del privato sociale e

3 comunità. La durata complessiva del progetto è stimata in 24 mesi, così articolati: I FASE Redazione di un questionario conoscitivo per valutare il grado di competenza e di informazione delle donne riguardo alle problematiche materne, infantili, familiari e sociali che interessano il periodo dei mesi successivi al parto; II FASE Distribuzione dei questionari ed analisi dei risultati in termini di valutazione del grado di informazione delle donne e, secondariamente, in termini di bisogni emergenti III FASE Organizzazione di incontri formativi e di condivisione delle esperienze gestiti in base ai modelli di counseling psicoeducazionale e rivolti alla puerpera e al suo partner. IV FASE Distribuzione del questionario conoscitivo per valutare il grado di competenza e di informazione sviluppato dalle donne dopo la conclusione dei programmi informativi e confronto con le risposte del questionario pre evento Valutazione delle modificazioni delle abitudini alimentari e degli stili di vita a rischio : indicatori tempo di recupero del peso pregravidico; percentuale di ripresa del fumo; percentuale di mantenimento del riferimento ai servizi del consultorio; percentuale di ricorso all interruzione di gravidanza. Valutazione dell empowerment materno e della coppia genitoriale: indicatori mantenimento allattamento al seno; ricorso ai servizi di P.S. pediatrico; percentuale di ricorso al servizio di neurologia e neuropsicatria infantile per depressione post partum; percentuale dei casi presi in carico (investigati o assistiti) dai servizi socio assistenziali; questionario valutativo delle conoscenze sulla fisiologia della riproduzione e sulla procreazione responsabile pre e post corso. Valutazione dell integrazione tra operatori del CF e ospedalieri: redazione di protocolli comuni, occasioni di formazione autogestite; tavoli programmatici. 1. ATTIVITA E RISULTATI NELLA PROSECUZIONE DEL PROGETTO 1.1 ANDAMENTO DEL GRUPPO DI PROGETTO Rispetto alle opportunità già descritte nel 1 report (rafforzamento del grado di coinvolgimento, soprattutto delle ostetriche, previsione di proposta di Progetto Obiettivo per ASL 20 per ), si rileva una conferma di tali aspetti nella prosecuzione del progetto; non sono emerse difficoltà specifiche. 1.2 ALLEANZE TRA GLI ATTORI INTERESSATI AL PROGETTO Si conferma la collaborazione con il Comune di Tortona, fortificata anche dalla partecipazione del Consultorio Familiare all Osservatorio sociale di aiuto al cittadino del Comune di Tortona, presso il quale è stato presentato il progetto stesso alle realtà di privato sociale presenti non coinvolte come partner di

4 progetto, alcune delle quali hanno manifestato particolare interesse e che potrebbero essere coinvolte successivamente Più difficoltoso appare il coinvolgimento diretto di realtà istituzionali quali il CISA (consorzio socioassistenziale), forse per sovraccarico di impegni Collaborazione dell Onlus L isola che c è che gestisce lo spazio di Ludoteca del Comune di Tortona che ha reso disponibile tale spazio per gli incontri con le mamme (spazio con possibilità di portare anche bambini in quanto fornito di spazio giochi con educatore) 1.3 DIAGNOSI EDUCATIVA La raccolta dei questionari (n.103) e successiva analisi dei dati relativi alle problematiche delle partorienti reclutate nel presente studio ha fatto emergere alcuni risultati caratterizzati dall evidenza di criticità peculiari. In particolare, tra le criticità emerse può apparire importante una più approfondita e specifica valutazione inerente: a) le tipologie di lavoro svolto; b) i rischi riferiti ad esse correlate; c) la modalità di decorso della gravidanza; d) i diversi livelli di interruzione dell attività lavorativa; e) l evidenza di richieste di gravidanze a rischio per fattori occupazionali. Altre criticità particolari che sono emerse attraverso la comparazione dei risultati (ricavati dall analisi delle problematiche delle partorienti) sono quelle riferibili alle correlazioni tra: - grado di accettazione della gravidanza; - modalità del parto; - necessità di sostegno psicologico; - valutazione del disagio psicologico. Sulla base delle indicazioni emerse, la definizione dell obiettivo e la selezione dei determinanti tematici utilizzati come argomenti guida per gli incontri con le donne previsti dal progetto (fase 3) sono stati attuati mediante discussione all interno del gruppo di progetto e confronto con osservatori privilegiati : pediatri, assistenti sociali, psicologa. La difficoltà maggiore si è rivelata la stesura del programma degli incontri, data la complessità e il numero elevato di temi sensibili individuati; all interno del gruppo di progetto ed insieme ai partner si è deciso per un numero pari a 16 (come risulta da calendario allegato), suscettibile di modificazioni in corso di attuazione in base alle esigenze dei destinatari finali (mamme in puerperio). 1.4 DIFFUSIONE DEL PROGETTO Oltre alle azioni già elencate nel 1 report si è proceduto alla diffusione del progetto attraversale seguenti modalità:: Le ostetriche del consultorio Familiare di Tortona, intervenendo ai corsi di preparazione al parto del Dipartimento materno infantile dell Ospedale di Tortona, presentano il progetto alle donne della popolazione target Conferenza stampa ed comunicati stampa sui giornali locali (30/3/2007) Comunicato pubblicato sul sito web ASL 20 e del DMI Realizzazione di locandine che sono state affisse nei luoghi sanitari (consultori e DMI; ambulatorio delle vaccinazioni) e negli spazi di informazione dei partner coinvolti ed inviate ai pediatri di base Invio a cura del Comune di Tortona di foglio informativo (locandina formato A4) ai nuovi nati registrati all anagrafe di Tortona

5 2. GERARCHIA DEGLI OBIETTIVI E PROGRAMMA ATTIVITA periodo obiettivi attività opportunità analisi epidemiologica delle criticità nella popolazione target Agosto dicembre 2006 Febbraiomarzo 2007 coinvolgimento del progetto I nostri auguri tra opportunità e diritti della Consigliera di Parità Regione Piemonte completamento dell analisi del questionario conoscitivo (1 fase) riunione con partner di progetto 13/12/2006: restituzione dei risultati ai partner di progetto inserimento della distribuzione degli opuscoli su congedi parentali ed informazione tra i temi degli incontri 30 Marzo 2007 diffusione del progetto realizzazione conferenza stampa comunicato stampa Aprile 2007 impostazione del calendario degli incontri ed avvio della 3 fase Maggio luglio 2007 sostenere e sviluppare le competenze materne (empowerment) riunione gruppo di progetto e partner: calendario degli incontri e determinanti tematici: 3 gruppi di incontri a partenza scaglionata nel tempo III fase Organizzazione di incontri formativi e di condivisione delle esperienze gestiti in base ai modelli di counseling e rivolti alla puerpera e al suo partner: inizio e proseguimento degli incontri con le puerpere (1 gruppo dalla metà di maggio; 2 gruppo dalla metà di luglio) utilizzo delle indicazioni emerse dall analisi da parte dei partner di progetto Costruzione di collegamenti tra progetti che hanno lo stesso target integrazione tra il consultorio familiare e i servizi e il privato sociale del Distretto e della realtà cittadina contribuire a creare un modello di continuità nella relazione tra donna e operatori sanitari del consultorio avviare e rendere costante l offerta di incontri dopo il parto Maggio luglio 2007 proseguimento delle attività di diffusione del progetto predisporre insieme ad enti ed associazioni percorsi di educazione sanitaria e di promozione della salute realizzazione di locandine invio a cura del Comune di Tortona di lettera di invito ai nuovi nati nell ambito della rete dei servizi per la donna nel territorio: partecipazione del Consultorio all Osservatorio sociale giugno 2007 avvio di programmi di prevenzione post partum e di riabilitazione perineale nelle puerpere realizzazione del corso di formazione su riabilitazione del pavimento pelvico finalizzato a programmi di prevenzione post partum e di riabilitazione perineale contribuire a creare un modello di continuità nella relazione tra donna e operatori sanitari del consultorio

6 nelle puerpere: corso residenziale di 20 ore con accreditamento ECM coinvolgimento in programma di prevenzione dell incontinenza urinaria, promosso dalla Regione Piemonte e facente capo al centro di primo livello presso l ospedale di Tortona Il rispetto dei tempi previsti è stato rallentato dal ritardo nella attribuzione dei fondi, tuttavia sono stati rispettati i tempi relativi previsti per ogni attività. Carente e difficoltoso è risultato l avvio di azioni volte alla valutazione dell integrazione tra operatori del CF e ospedalieri, ovvero la redazione di protocolli comuni, tavoli programmatici ed occasioni di formazione autogestite. E mancata la partecipazione delle ostetriche del DMI e delle infermiere del reparto di riabilitazione dell Ospedale di Tortona al corso di formazione sulla riabilitazione del pavimento pelvico. 3.1 VALUTAZIONE DI PROCESSO attività Definizione e costituzione del gruppo di progetto Contatti con partner Produzione di questionario pre corso Distribuzione del questionario e compilazione Conduzione di eventi formativi Partecipazione evento formativo punti critici/indicatori di processo Coinvolgimento membri gruppo Partecipazione/coinvolgimento membri esterni ai tavoli di progetto indicatore: n di riunioni presenza di documento N questionari compilati/ N questionari consegnati (standard 95%) N effettuati/ N programmati (standard 100%) N partecipanti/ N questionari consegnati (standard 75%) Diario di automonitoraggio (standard 75%) risultati partecipazione di 5-7/10 componenti del gruppo di progetto agli incontri (totale di 5 incontri) effettuate n 4 riunioni da giugno /10/2006: aggiornamento sullo stato di avanzamento del progetto e pianificazione attività di presentazione del progetto 13/12/2006: restituzione dei risultati parziali dell analisi dei questionari 16/4/2007: definizione del calendario degli incontri della fase III 25/6/2007: aggiornamento esito primi incontri gruppo 1 1 riunione preliminare + 1 per restituzione dei risultati: 2 riunioni documento: questionario di fase questionari distribuiti/ 103 ritirati in corso in corso 3.2 VALUTAZIONE DI RISULTATO obiettivi indicatori risultati predisponenti offerta attiva di N eventi formativi Programmati n 3 gruppi informazione relativa ai N partecipanti di incontri; attualmente svolto al 50% solo il primo

7 problemi di salute della donna e dei suoi familiari offerta attiva di informazioni relativa ai servizi e alle modalità di accesso incontri personalizzati di counseling in ambito consultoriale, come prosecuzione degli incontri a gruppi abilitanti costituzione di una rete di servizi sociosanitaria che coinvolga anche il privato sociale rafforzamento della continuità assistenziale tra ospedale e territorio rinforzante offerta attiva di occasioni di discussione e confronto su informazioni provenienti dai mass-media problemi di salute della donna e dei suoi familiari comportamentale empowerment materno e della coppia genitoriale Partecipazione delle ostetriche del consultorio ai corsi di preparazione al parto (esogestazione e puerperio) N richieste/ N di partecipanti ai gruppi tavoli programmatici formalizzazione di programmi assistenziali comuni istituzionalizzazione dell offerta di incontri nel puerperio Sostegno e proseguimento dell allattamento materno oltre il 2 mese (3 e 6 mese) Numero di richieste di consulenza al servizio di neurologia per depressione post partum/psicosi puerperale nei 12 mesi successivi al parto Numero di accessi al PS pediatrico e richieste di consulenza pediatrica identificate come incertezze della coppia genitoriale Percentuale dei casi presi in carico (investigati o assistiti) dai servizi socio gruppo nessuna richiesta, essendo i gruppi in fase iniziale di avvio non ancora attivati per difficoltà di coinvolgimento del CISA (consorzio socioassistenziale) di Tortona richiesta di Progetto Obiettivo per ASL 20 per , alla conclusione del progetto valutazione a conclusione del progetto

8 incremento della percentuale di conoscenze sulla contraccezione e procreazione responsabile modificazione delle abitudini alimentari e degli stili di vita a rischio ambientali integrazione con enti e associazioni dei servizi territoriali e ospedalieri rafforzamento della continuità di assistenza alla donna in consultorio assistenziali su segnalazione da parte degli operatori/formatori del progetto per difficoltà relazionali in ambiente familiare successivamente alla nascita del figlio Numero di ricorsi all interruzione di gravidanza nei 18 mesi successivi al parto aderenza alle misure contraccettive Riduzione del tempo di recupero del peso pre gravidico e mantenimento al controllo a 12 mesi Tempo di ripresa dell abitudine al fumo o di abbandono del tabagismo durante l allattamento, valutate a 9 mesi dal parto redazione di protocolli comuni coinvolgimento dei partner indicati percentuale di donne che si riferisce al consultorio per consulenza o visita ginecologica per i programmi di prevenzione sul totale delle partecipanti ai gruppi di formazione valutate a 12 e a 18 mesi dal parto (dopo conclusione dei 9 mesi durante i quali si sono svolti gli incontri) valutazione su libretti di automonitoraggio diario della mamma a termine del ciclo di incontri indagine conoscitiva mediante questionario alla fine degli incontri del 3 ciclo partecipazione del Consultorio all Osservatorio Sociale e a progetti del Comune di Tortona valutazione a conclusione del progetto 4. STRUMENTI E DOCUMENTI PRODOTTI 1. locandine informative e fogli A4 di descrizione del progetto 2. schema e calendario degli incontri 3. verbali delle riunioni 5. VARIAZIONI AL PROGETTO INIZIALE Coinvolgimento degli operatori della Biblioteca di Tortona coinvolti nel progetto nazionale Nati per leggere

9 Coinvolgimento del progetto Congedi Parentali della Consigliera di Parità Regione Piemonte Ufficio della Consigliera di Parità della provincia di Alessandria 6. PROSEGUIMENTO DEL PROGETTO III fase Proseguimento degli incontri formativi e di condivisione delle esperienze gestiti in base ai modelli di counselling e rivolti alla puerpera e al suo partner; 3 cicli previsti (9 mesi per ogni gruppo) secondo schema allegato. IV fase Distribuzione del questionario conoscitivo per valutare il grado di competenza e di informazione sviluppato dalle donne dopo la conclusione dei programmi informativi; analisi dei risultati e confronto con le risposte del questionario pre evento. avvio di programma di riabilitazione perineale e prevenzione delle patologie uroginecologiche, attualmente mancante nell offerta sanitaria del Consultorio e del DMI di Tortona ASL RENDICONTAZIONE ECONOMICA Tipologia di spesa Voci analitiche di spesa previste Personale Docenze personale ASL 20 Docenza psicologa Analisi epidemiologica (100 ore x 30 euro/ora) Sussidi Locandine 30x42 + fogli informativi A4 Etichette libretti diario della mamma Modificazioni voci di spesa Aggiornamento preventivo Aggiornamento preventivo Finanziamento richiesto 2044,56 euro 1530,00 euro 3000,00 euro 1415,44 euro 130,00 euro Spese sostenute (al 31/07/2007) 2044,56 euro 1530,00 euro 3000,00 euro 582,00 euro lettere informative per utenti Attrezzature ausilii fisioterapici per biofeedback perineale Spese di gestione e funzionamento Spese di coordinamento Altro Docenza per corso di formazione (corso residenziale di riabilitazione del pavimento pelvico) invio a cura del Comune di Tortona nn 3000,00 euro nn nn 200,00 euro nn nn 200,00 euro nn Durata del corso 20 ore x 100 euro/ora + diaria pari a 180 euro totali 3000,00 euro 2180,00 euro TOTALE 13700,00 euro 9336,56 euro

10 Progetto ASL 20 Mamma tutto? Mamma sola! Tortona 29/07/2007 d.ssa Claudia Deagatone Dirigente medico ASL 20 Responsabile del progetto d.ssa Marina Massa Saluzzo Dirigente medico ASL 20 RePES Aziendale

Oggetto: PROGETTO : MAMMA TUTTO? MAMMA SOLA! - Verbale riunione 14/6/2006 presso il Consultorio Familiare di Tortona

Oggetto: PROGETTO : MAMMA TUTTO? MAMMA SOLA! - Verbale riunione 14/6/2006 presso il Consultorio Familiare di Tortona (Codice Fiscale - Partita IVA: 01641020068) Sede Legale: Alessandria via Venezia, 6 Tel. 0131-306111 fax: 0131-306879 Sede Amm.va: Tortona via G.Galilei, 1 Tel. 0131-8651 fax: 0131-865348 CONSULTORIO DI

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D.

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) MA PA PERCHE NON PARLIAMO DI SESSO? ASL/ASO Responsabile di progetto Cognome e nome Struttura di appartenenza Indirizzo postale per

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE E SALUTE

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) LE MALATTIE SESSUALMENTE

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014 Incontro di orientamento professionale Bergamo 14 aprile 2014 Chi è l infermiere Profilo professionale dell'infermiere D.M. 14 settembre 1994, n. 739 Art. 1 1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere

Dettagli

NOI più VOI per TUTTI = meno FUMO più SALUTE

NOI più VOI per TUTTI = meno FUMO più SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) NOI più VOI per TUTTI

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona Reggio Emilia, 24-26 settembre 2009 PROGETTO Progetto di prevenzione, informazione e cura su Psicosi e Depressione Post Partum Dipartimento

Dettagli

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Dott.ssa Simona Arletti Assessore alla Salute e Pari Opportunità Comune di Modena Funzione dei consultori familiari

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 Contesto Tutor clinico Contatti e riferimenti Nome ANNALISA Cognome LOMBARDO Telefono O11/4395744 e-mail annalisa.lombardo@unito.it

Dettagli

Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino. Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini

Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino. Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini Territorio di competenza dell Asl di Vallecamonica Sebino Il progetto complessivo: Ponte

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura Un cibo secondo natura ASL TO5 CHIERI Data di avvio e conclusione Avvio il 01/07/2007 conclusione 04/06/2008

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

Consultorio Familiare

Consultorio Familiare Distretto Sanitario di Trebisacce Consultorio Familiare Botero: Famiglia Il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un presidio socio-sanitario pubblico che offre interventi di tutela e di prevenzione

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015)

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) Settore di intervento Area territoriale 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione e formazione 3. Scuola e Istruzione 4. Casa/Alloggio 5. X Salute

Dettagli

PROGETTO CUOCHI NUOVI ASL/ASO TITOLO

PROGETTO CUOCHI NUOVI ASL/ASO TITOLO PROGETTO TITOLO CUOCHI NUOVI ASL/ASO ASL 19 ASTI (proponente, se progetto Aziendale, o capofila, se progetto inter-aziendale) Responsabile di progetto Cognome e nome Vincenzo SOARDO Struttura di appartenenza

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Regione Liguria Collaborazione dei Consultori Familiari con i Centri di PMA Genova 9 febbraio 2010 Angela Lidia Grondona Legge 29 Luglio 1975, n. 405 Istituzione dei consultori familiari Art. 1, il servizio

Dettagli

BOLOGNA, 20 maggio 2011

BOLOGNA, 20 maggio 2011 MODELLI PROFESSIONALI E ORGANIZZATIVI NELLA GESTIONE DELLA SALUTE DI GENERE E NEL PERCORSO NASCITA Presidente: Iolanda Rinaldi (RM) Moderatori: Fabio Facchinetti (Mo), Cristiana Pavesi (PC), Alfredo Patella

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara. Posizione nel sonno. Dove si va. Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste

Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara. Posizione nel sonno. Dove si va. Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara Posizione nel sonno. Dove si va Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste La posizione nel sonno rappresenta il singolo fattore di rischio più forte

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

IL CONSULTORIO dalle donne...per le donne

IL CONSULTORIO dalle donne...per le donne IL CONSULTORIO dalle donne...per le donne Tratto da il Corriere della Sera -66 ottobre 2008 Che compresero, attraverso la sofferenza di molte di loro, che il benessere delle donne poteva venire solo dalla

Dettagli

C E POSTO PER TE Favorire la prevenzione e la diagnosi precoce delle IST

C E POSTO PER TE Favorire la prevenzione e la diagnosi precoce delle IST PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) C E POSTO PER TE Favorire

Dettagli

CONSULTORIO. Area Vasta Centro

CONSULTORIO. Area Vasta Centro CONSULTORIO Area: Consultorio Servizio: Percorso nascita della gravidanza fisiologica Obiettivo: Verificare se il percorso nascita è seguito correttamente dalla struttura pubblica Utente: Donne in stato

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009 Ambulatorio Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Ospedale di Villafranca Monoblocco - Primo piano Direttore: dott. Alberto Ottaviani

Dettagli

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino Home Visiting uno strumento di promozione della salute e di contrasto precoce delle disuguaglianze

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli specializzati L esperienza del Servizio Accoglienza extra

Dettagli

LA SALUTE IN MOVIMENTO

LA SALUTE IN MOVIMENTO PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) LA SALUTE IN MOVIMENTO

Dettagli

AGENDA DELLA GRAVIDANZA

AGENDA DELLA GRAVIDANZA AGENDA DELLA GRAVIDANZA CEFFA M. CARMEN DMI ASL NOVARA- 2012 DGR n. 34-8769 del 12/05/2008 Piano socio-sanitario sanitario regionale 2012-2015. 2015. Area materno-infantile infantile: : definizione obiettivi

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA Torino 22 febbraio 2011 Grace Rabacchi Direttore Sanitario P.O. S. ANNA 1 Direttiva del

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO Il programma di prevenzione cardiovascolare è stato attivato nella Regione Veneto nel corso del 2008, dopo una fase di preparazione durata

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011

Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011 Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011 Premessa Questo progetto ha come obiettivo la promozione della

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale

AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale Strutture aziendali coinvolte: U.O.S Educazione alla Salute AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale Gruppo

Dettagli

Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche

Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche IL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLA GRAVIDANZA A BASSO RISCHIO L integrazione Ospedale-Territorio. L esperienza del Consultorio familiare di Loreto

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

! " # " " & # " % & " ' ) '( &( " " "" ( # " & ' ) +&" # &" % " #" % # "" % #" "(% " ## &

!  #   & #  % &  ' ) '( &(    ( #  & ' ) +& # & %  # % #  % # (%  ## & 1 2 3 ! " # " "$#"""% " & # " % & " ' %"( """" '( &( " " "" ##*"" ( # " & ' +&" # &" % " #" % # "" % #" "(% " ## & %# #",& & ' #" " -. / + 0112% # # " " ( &( #"% " & " ' "3 -.% -.%!# -!.% -.% "" " ##"%("%"

Dettagli

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo STRUTTURA ASL TITOLARE DEL PROGETTO Distretto 3 Dipartimento ISS e TMI RESPONSABILE DEL PROGETTO: Antonella Proietti Direttore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO TITOLO DEL PROGETTO: A ZIGO ZAGO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO E EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE 02 ANIMAZIONE CULTURALE VERSO MINORI 08 - LOTTA ALL'EVASIONE SCOLASTICA E ALL ABBANDONO SCOLASTICO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Marina Latini Data di nascita 13/08/1954 Qualifica Amministrazione. Nome

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Marina Latini Data di nascita 13/08/1954 Qualifica Amministrazione. Nome CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marina Latini Data di nascita 13/08/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente sanitario Psicologo A.S.L. RM C

Dettagli

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE ACCORDO DI COLLABORAZIONE/INTEGRAZIONE ASL DI BRESCIA / STRUTTURE DI RICOVERO E CURA DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE A.O. Spedali Civili di Brescia A.O. Desenzano

Dettagli

proposta di legge n. 210

proposta di legge n. 210 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 210 a iniziativa dei Consiglieri Ciriaci, Eusebi, Trenta, Natali, Marangoni, Bucciarelli, Carloni, Massi, Latini, Sciapichetti, Acquaroli, Pieroni,

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA

Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA I migliori servizi all interno degli ospedali Bollini Rosa Cerimonia di premiazione 10 dicembre 2014 A cura di Francesca Merzagora Riconoscimento ai migliori

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

PANNOLINI LAVABILI L ESPERIENZA FORLIVESE. Dott. sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì

PANNOLINI LAVABILI L ESPERIENZA FORLIVESE. Dott. sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì PANNOLINI LAVABILI L ESPERIENZA FORLIVESE Dott. sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì COME NASCE Nell ottobre 2009 l Associazione di volontariato Nonsolociripà ha contattato

Dettagli

Consultorio Familiare COS È:

Consultorio Familiare COS È: COS È: Il Consultorio Familiare è un servizio socio-sanitario che svolge attività di prevenzione, educazione e promozione della salute, offrendo sostegno, consulenza e assistenza al singolo, alla coppia,

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

CONSULTORI SERVIZI OFFERTI DAI CONSULTORI

CONSULTORI SERVIZI OFFERTI DAI CONSULTORI CONSULTORI Il Consultorio Familiare è un servizio socio-sanitario a tutela della salute della donna, della coppia, della famiglia, dell adolescente. Al proprio interno operano differenti professionalità:

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Assistenza dei casi di violenza: triage e percorso in Pronto Soccorso

Dettagli

CONSULTORI U.O.C. PROCREAZIONE COSCIENTE E RESPONSABILE E TUTELA DELLA DONNA E DEL BAMBINO

CONSULTORI U.O.C. PROCREAZIONE COSCIENTE E RESPONSABILE E TUTELA DELLA DONNA E DEL BAMBINO CONSULTORI U.O.C. PROCREAZIONE COSCIENTE E RESPONSABILE E TUTELA DELLA DONNA E DEL BAMBINO Direttore: Dr. C. Calvano Il cittadino può rivolgersi all ufficio del Direttore per informazioni riguardanti l

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno.

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Beatrice Dalla Barba Formatore Azienda Ospedaliera: Ostetrica E.Righetti PERCHE E COSI IMPORTANTE PROMUOVERE L ALLATTAMENTO AL SENO? L AS nei

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

55 ECMReg/B Rev. 0 del 06.02.2006

55 ECMReg/B Rev. 0 del 06.02.2006 1 Titolo dell evento GENITORIPIU Prendiamoci più cura della loro vita Pagina 1 di 7 1. Presentazione GENITORIPIÙ è una Campagna di Comunicazione sociale della Regione Veneto (2006-2007) che nel luglio

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

U.O. Pediatria di Comunità Via F. Crispi, 98 Catanzaro Resp.le Dr.ssa Rosa Anfosso DONNE IN CAMMINO INTRODUZIONE

U.O. Pediatria di Comunità Via F. Crispi, 98 Catanzaro Resp.le Dr.ssa Rosa Anfosso DONNE IN CAMMINO INTRODUZIONE U.O. Pediatria di Comunità Via F. Crispi, 98 Catanzaro Resp.le Dr.ssa Rosa Anfosso DONNE IN CAMMINO Progetto di integrazione socioculturale Rosa Anfosso, Guerino Mannarino, Rosetta Parentela INTRODUZIONE

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 18 2. TITOLO AZIONE BENVENUTO CITTADINO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

PROPOSTA DI UN MODELLO DI RIFERIMENTO

PROPOSTA DI UN MODELLO DI RIFERIMENTO IPA Adriatic CBC Programme Progetto LOVE YOUR HEART PROPOSTA DI UN MODELLO DI RIFERIMENTO Montona, 10 giugno 2013 Lamberto Pressato - SCF MODELLO DEL DISEASE MANAGEMENT nella PREVENZIONE del RISCHIO CARDIOVASCOLARE

Dettagli

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA PROVINCIA DI ROMA -ASSESSORATO POLITICHE

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Diagnosi precoce della depressione post-partum e. multidimensionale

Diagnosi precoce della depressione post-partum e. multidimensionale Diagnosi precoce della depressione post-partum e trattamento multidimensionale Genova, 25 maggio 2013 Direttore S.C.Assistenza Consultoriale Dr.ssa Angela Lidia Grondona SEDI CONSULTORI Percorso nascita

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA. L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario

L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA. L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA Il Servizio di Integrazione Scolastica

Dettagli

Dott.ssa Carmela Sesti

Dott.ssa Carmela Sesti Allegato C U R R I C U L U M V I T A E Dott.ssa Carmela Sesti INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sesti Carmela Data di nascita 15/12/1957 Qualifica Dirigente Psicologo Amministrazione ASP Cosenza Responsabile

Dettagli

Catalogo ECM. Attività formative e servizi

Catalogo ECM. Attività formative e servizi Catalogo ECM Attività formative e servizi Il sistema di Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) nasce con lo scopo di mantenere elevate le competenze dei professionisti della Sanità che rappresentano

Dettagli

ALIMENTI, MENTI E MOVIMENTI: PERCORSI DI CAMBIAMENTO NEL SETTING FAMIGLIA

ALIMENTI, MENTI E MOVIMENTI: PERCORSI DI CAMBIAMENTO NEL SETTING FAMIGLIA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) ALIMENTI, MENTI E MOVIMENTI:

Dettagli

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Esente da bollo ai sensi art. 8 Legge 266/91 Comune di Russi (Provincia di Ravenna) Prot. n. Rep. n. CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Periodo: dal

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

Conoscere il Consultorio Familiare

Conoscere il Consultorio Familiare Conoscere il Consultorio Familiare Inquadramento Storico I consultori familiari nascono negli anni 70, anche come evoluzione di precedenti strutture esistenti sul territorio Anni di grandi movimenti nella

Dettagli

La mediazione familiare nel contesto dei servizi consultoriali

La mediazione familiare nel contesto dei servizi consultoriali La mediazione familiare nel contesto dei servizi consultoriali I servizi di supporto alla persona, alla famiglia e alla comunità Qualificazione e sviluppo della mediazione familiare a Firenze Firenze,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute

Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute ALLEGATO A Programmazione annuale 2015 Programma 1 Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute Programmazione annuale regionale anno 2015 Azioni previste nel periodo - Sintesi complessiva Per

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli