INDAGINE CONOSCITIVA SULLE ESIGENZE, ASPETTATIVE E PROSPETTIVE DEI QUADRI NEL SETTORE ELETTRICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE CONOSCITIVA SULLE ESIGENZE, ASPETTATIVE E PROSPETTIVE DEI QUADRI NEL SETTORE ELETTRICO"

Transcript

1 Federazione Lavoratr Aziende Elettriche Italiane Università degli Studi dell Aquila INDAGINE CONOSCITIVA SULLE ESIGENZE, ASPETTATIVE E PROSPETTIVE DEI QUADRI NEL SETTORE ELETTRICO F E D E R A Z I O N E L A V O R A T O R I A Z I E N D E E L E T T R I C H E I T A L I A N E tel fax

2 Questionario per Quadri Aziendali settore elettrico Sesso: ( ) Maschio ( ) Femmina Dati personali Età: ( ) da 18 a 25 anni ( ) da 26 a 35 anni ( ) da 36 a 55 anni ( ) oltre 56 anni Cittadinanza: ( ) Italiana ( ) Paesi Unione Europea ( ) Altro Stato civile: ( ) Nubile/celibe ( ) Coniugato/a ( ) Separato/a o Divorziato/a Numero di figli: ( ) nessuno ( ) uno ( ) due ( ) tre ( ) altro Titolo di studio; ( ) Licenzia media inferiore ( ) licenzia media superiore ( ) diploma ( ) laurea triennale ( ) laurea specialistica e/o master Anzianità aziendale: anni. Anzianità nella mansione: anni Struttura di appartenenza: ( ) Direzione generale o uffici centrali (Personale, Sicurezza,ecc) ( ) Area commerciale centrale ( ) Area commerciale periferica ( ) Area operativa Dimensioni Dell Unità di appartenenza: ( ) fino a 5 persone ( ) da 6 a 10 persone ( ) da 11 a 20 persone ( ) oltre venti persone La mia azienda Fotografia aziendale e percezione del ruolo (1) Il Contratto Collettivo Nazionale al quale fa riferimento il suo rapporto di lavoro identifica come quadro aziendale colui che:..svolge un ruolo di supporto al diretto superiore attraverso l esecuzione delle direttive da lui impartite e si occupa prevalentemente di far rispettare tali direttive nei confronti dei suoi subordinati. svolge un ruolo di raccordo tra la struttura dirigenziale ed il restante personale attraverso attribuzioni di funzioni di particolare importanza per l elevato contenuto professionale delle mansioni Svolge un ruolo di esecutore delle direttive a lui impartite dai suoi superiori gerarchici, senza autonomia nella gestione delle risorse a lui affidate.. 1

3 (2)Nell azienda per la quale lavora i quadri aziendali: Sono inquadrati tutti nel medesimo livello retributivo con funzioni di pari importanza Sono inquadrati con diversi livelli retributivi in funzione del differente grado di contenuti manageriali e/o specialistici delle mansioni esercitate Sono inquadrati tutti con il medesimo livello retributivo ma con funzioni differenziate per contenuti manageriali e/o specialistici. (3)Nell azienda in cui lavora le procedure aziendali e i regolamenti in vigore sono: ( max tre risposte): Aggiornati e diffusi in tutte le realtà lavorative Obsoleti e non attinenti alle reali procedure Diffusi solo ad alcuni soggetti aziendali Capillarmente diffusi attraverso bacheche aziendali, sito intranet o altro non conosciuti o inapplicati. (4) Negli ultimi due anni la sua azienda ha avviato/attuato progetti volti alla ridefinizione della figura professionale del quadro aziendale? (5) Se ha risposto affermativamente alla risposta precedente, ritiene che per la ridefinizione del ruolo di quadro l azienda abbia seguito criteri oggettivi e/o trasparenti?, sempre, ma non conosco tali criteri, non sempre (6) Secondo lei l affermazione i Quadri nel contesto organizzativo aziendale sono dinamici promotori di innovazione e sviluppo raffigura in modo realistico l idea che la sua azienda ha dei quadri aziendali?:, del tutto abbastanza n del tutto Per nulla (7) La figura professionale corrispondente alla sua qualifica all interno dell azienda in cui lavora è ritenuta: Molto importante Abbastanza importante Poco importante Per nulla importante 2

4 (8) Indichi quali sono i valori maggiormente premiati dalla sua azienda nella valutazione dei lavoratori (max tre risposte) Correttezza Creatività Efficienza Condiscendenza Onestà Potere Disponibilità Rispetto delle direttive dei superiori (9) Indichi quali sono i valori più importanti, dal suo punto di vista, nella valutazione dei lavoratori (max tre risposte) Correttezza Creatività Efficienza Condiscendenza Onestà Potere Disponibilità Rispetto delle direttive dei superiori (10) Qual è lo stile di comunicazione prevalente nell azienda per cui lavora? Comunicazione diretta e globale: le informazioni vengono veicolate a tutti i dipendenti utilizzando mezzi di comunicazione tradizionali ed informatici Linea gerarchica: le informazioni vengono filtrate dall alto e comunicate ai livelli inferiori Passaparola: alcune informazioni arrivano corrette, altre distorte, altre non arrivano Macchinetta del caffè: mezze notizie e vaghe allusioni da interpretare e confermare... (11) La maggior parte delle riunioni di lavoro sono (max due risposte): Programmate Improvvise Nella mattinata Nel primo pomeriggio Nel tardo pomeriggio no previste riunioni... Percezione del ruolo (12) Dovendo definire il lavoro da lei svolto, lo riassumerebbe come: Più impiegatizio che manageriale Più manageriale che impiegatizio Con componenti sia manageriali che impiegatizie in egual misura.. 3

5 (13) Nel suo lavoro, sa di poter avere un completo supporto : Dal suo superiore Dai suoi collaboratori pari grado Dai suoi collaboratori subordinati Solo da se stesso. (14) Se potesse rappresentare in metafora la figura del quadro aziendale nella sua azienda, quale rappresentazione sceglierebbe fra le seguenti: Cuscinetto Spina dorsale Capro espiatorio Attore protagonista Propulsore Tecnico dietro le quinte.. (15) Potendo cambiare qualcosa del suo lavoro, cambierebbe....: Il capo I colleghi Lo spazio fisico (ufficio, sede, ecc.) Tipo di lavoro Niente.. Cambiamento/ riorganizzazione (16) Negli ultimi due anni si sono verificati cambiamenti significativi che hanno riguardato il suo lavoro?, ho avuto un avanzamento di carriera, sono stato trasferito/a su mia richiesta, sono stato trasferito/a su decisione aziendale, svolgo una nuova attività lavorativa, è cambiato il mio superiore gerarchico, mi sono stati affiancati nuovi colleghi, non ci sono stati cambiamenti di rilievo... (17) Negli ultimi due anni ritiene di aver svolto un ruolo attivo nei cambiamenti organizzativi e/o nelle nuove strategie aziendali?, ho partecipato attivamente, ma sono stato/a coinvolto/a solo marginalmente, ma ne ero a conoscenza, ma ne ho subito le conseguenze (18) Negli ultimi due anni ha cambiato sede lavorativa?... 4

6 (19) In caso di risposta affermativa alla domanda precedente, ritiene tale trasferimento giustificato?, del tutto, abbastanza n del tutto Per nulla. Retribuzione (20) Negli ultimi due anni nella sua unità organizzativa ci sono state assunzioni di personale?:, della mia stessa qualifica, di altra qualifica n ci sono state assunzioni (21) Per il suo inquadramento professionale è prevista una retribuzione (max due risposte) Fissa e invariata In parte fissa e in parte variabile in base all orario effettivamente svolto In parte fissa ed in parte dipendente dalle indennità legate alla presenza in azienda In parte fissa ed in parte dipendente dagli obiettivi raggiunti Totalmente variabile.. (22) Ritiene che la retribuzione percepita, rapportata all attività svolta, sia: Adeguata Sufficiente n del tutto sufficiente Insufficiente.. (23) Ritiene che la sua retribuzione di base, in considerazione al lavoro svolto, sia: Adeguata Sufficiente n del tutto sufficiente Insufficiente (24) L istituto della incentivazione (premi,benefit, MBO, gratifiche, ecc.): Le viene elargito regolarmente Le viene elargito sporadicamente n ne ha mai usufruito.. (25) Qualora alla domanda precedente abbia risposto (1) oppure (2), ritiene che: Il suo lavoro è stato adeguatamente compensato Il suo lavoro è stato sufficientemente compensato Il suo lavoro non è stato adeguatamente compensato.. 5

7 Carico di lavoro Formazione (26) Secondo lei, l attività lavorativa che le viene chiesto di svolgere è: Corrispondente alla qualifica professionale che le è stata riconosciuta Superiore alla qualifica professionale che le è stata riconosciuta Inferiore alla qualifica professionale che le è stata riconosciuta n attinente alla qualifica professionale che le è stata riconosciuta n svolgo alcuna mansione da mesi.. (27) Il lavoro che svolge per l azienda è ritenuto dal suo superiore: Molto utile Abbastanza utile Inutile n viene valutato (28) I suoi superiori la considerano un partner affidabile?, molto, abbastanza si, a volte no, mai (29) Lo svolgimento dell attività lavorativa che le viene assegnata comporta: Un adeguato carico di lavoro Un sovraccarico di lavoro Un sottocarico di lavoro (30) Portare a compimento l attività lavorativa a lei assegnata nei tempi richiesti: n comporta sforamenti eccessivi dell orario di lavoro assegnatole Comporta a volte un lavoro extra orario comporta un lavoro extra orario. (31) Per il ruolo aziendale a lei assegnato, ritiene che le sue competenze siano: Adeguate Abbastanza adeguate n del tutto adeguate Per nulla adeguate (32) Relativamente al lavoro che attualmente svolge: Ha ricevuto una formazione specifica da parte dell Azienda Ha maturato una formazione specifica attraverso le sue esperienze lavorative precedenti Ha una formazione specifica derivante dagli studi precedentemente svolti n ha ricevuto né maturato alcuna formazione specifica. 6

8 (33) Nel caso in cui abbia scelto la risposta (1) alla domanda precedente, ritiene che la formazione ricevuta sia: Idonea n idonea Formale. (34) Negli ultimi due anni lei è stato/a inserito/a in percorsi formativi? (35) Ritiene che i percorsi formativi previsti per i quadri aziendali siano (max due risposte): Utili professionalmente Adeguati ai cambiamenti organizzativi Solo formali ma privi di contenuti no a conoscenza di corsi formativi recenti o in corso (esplicitare se possibile per esteso)... (36) Nella sua azienda la formazione è prevista: Per tutti i lavoratori al momento dell assunzione Per tutti i lavoratori periodicamente in considerazione delle necessità legate alle rispettive mansioni Per i lavoratori che cambiano mansione E prevista solo la formazione obbligatoria per legge (per esmpio, sulla sicurezza ed igiene sul lavoro, antiincendio, ecc.) n è prevista nessuna formazione.. Attività (37) Le attività che le vengono affidate sono confacenti al ruolo a lei assegnato: Completamente Abbastanza n del tutto Per nulla.. (38) All interno della sua unità, ritiene che le sue capacità professionali siano: Pienamente utilizzate Abbastanza utilizzate n sufficientemente utilizzate Sottoutilizzate. (39) In ciascuna giornata lavorativa,dispone del tempo sufficiente per pianificare il lavoro? Sempre n sempre Quasi mai... 7

9 (40) L orario che l azienda le ha assegnato è consono allo svolgimento del suo ruolo? Completamente Abbastanza n del tutto Per nulla.. (41) In merito al suo orario di lavoro, ritiene: Di avere piena autonomia nella gestione delle entrate e delle uscite Di dover rispondere delle entrate ma non delle uscite Di dover rispondere delle uscite ma non delle entrate... (42) In base alla sua esperienza crede che i quadri della sua azienda lavorerebbero con maggiore soddisfazione se avessero (max due risposte): Una retribuzione maggiore Maggiore autonomia decisionale Una valutazione desunta in base a meccanismi più trasparenti Realistiche aspettative di carriera Luoghi di lavoro più adeguati e confortevoli Maggiore tempo libero.. (43) Per ciascuna attività che le viene richiesta, dispone delle risorse e delle informazioni necessarie: Sempre Di rado.. (44) Se fa una proposta riguardante l attività della sua unità al suo superiore gerarchico Viene tenuta in considerazione Viene completamente ignorata Viene ascoltata ma poi non ha un seguito Viene ascoltata e poi messa in pratica (45) Viene coinvolto direttamente nelle decisioni che riguardano le sue mansioni: Sempre Abbastanza Raramente.. (46) Il suo lavoro è organizzato in modo da poterlo eseguire senza continue interruzioni (per es. da visita di clienti, telefonate, ecc.),sempre, abbastanza n sempre 8

10 Obiettivi (47) Gli obiettivi che le vengono assegnati sono: Sfidanti ma raggiungibili Vaghi e non dettagliati Chiari ma praticamente irraggiungibili n mi vengono assegnati obiettivi (48) Nella sua azienda gli obiettivi da raggiungere: Vengono comunicati per iscritto Vengono comunicati a livello verbale (49) Viene valutato dal suo superiore in base ad indicatori trasparenti e oggettivi:. (50) I risultati ottenuti nel lavoro le vengono ampiamente riconosciuti:, sempre. (51) Ritiene che il lavoro da lei attualmente svolto le consentirà una crescita professionale a breve/medio termine: (52) Negli ultimi tre anni ha ricevuto promozioni e/o riconoscimenti :. Indicatori di disagio/stress (53) Se ha risposto affermativamente alla domanda precedente, pensa che sia accaduto per merito: Della sua professionalità Della sua esperienza Del lavoro di squadra con i suoi collaboratori Del suo titolo di studio Della sua capacità di piacere ai superiori. (54) Come definirebbe la qualità ambientale del suo posto di lavoro? Buona Sufficiente Mediocre Scarsa 9

11 (55) Come definirebbe il livello di attenzione sulla sicurezza del lavoro nella sua azienda? Alto Medio Basso Nullo (56) Negli ultimi mesi mentre si trova sul posto di lavoro le capita di sentirsi particolarmente: stanco/a: (57) Negli ultimi tempi le capita di doversi occupare di problemi di lavoro anche al di fuori dell orario di lavoro? Quasi Mai (58) Negli ultimi mesi le capita spesso di sentirsi irritato/a mentre si trova al lavoro? (59) I suoi rapporti con i superiori sono prevalentemente... Basati sulla stima reciproca Formali e distaccati Superficiali Cordiali Ostili.. (60) I suoi rapporti lavorativi con i colleghi potrebbero essere definiti come: Competitivi Collaborativi Formali Ostili (61) Sul posto di lavoro, le capita di sentirsi più a suo agio con: I colleghi pari grado I colleghi subordinati I superiori 10

12 (62) Mentre è presente sul posto di lavoro, le capita di sentirsi isolato dagli altri colleghi Quasi Mai... Conciliazione lavoro/tempi di vita e reti sociali (63) Negli ultimi due anni la sua salute generale è: Migliorata Peggiorata Rimasta sostanzialmente invariata (64) Il luogo fisico nel quale svolge gran parte della sua attività lavorativa è: Piacevole Opprimente Buio Confortevole Inadeguato Luminoso (65) Le capita di sentirsi apprezzato dai suoi colleghi di lavoro: Sempre Quasi Mai (66) Capita che il suo superiore le dia istruzioni vaghe e/o contraddittorie Sempre Quasi mai (67) La sua azienda promuove una modello organizzativo del lavoro che agevola la conciliazione tempi di vita/tempi di lavoro?. (68) Riesce a gestire il suo lavoro in modo da dedicare parte della giornata alla famiglia o al tempo libero? Sempre Raramente 11

13 (69) Nel suo tempo libero riesce ad occuparsi delle incombenze personali (pagamento bollette, tintoria, accompagnamento dei figli a scuola, ecc.)? Sempre Raramente (70) La sua famiglia è soddisfatta del suo lavoro? Molto Abbastanza Poco Per nulla (71) Può criticare apertamente i suoi superiori senza subire conseguenze?: (72) Nell arco della sua vita professionale ha subito delle ingiustizie dai superiori o dai suoi colleghi: Raramente... (73) Se ha risposto spesso, a volte o raramente alla dom. precedente, ha pensato di chiedere un aiuto a... : Ai suoi colleghi Ai suoi superiori Ad una organizzazione sindacale Ad un esperto esterno all azienda Alla sua famiglia/ai suoi amici A nessuno. (74) Ritiene che gli interessi specifici dei quadri aziendali possano essere adeguatamente rappresentati in modo collettivo? (75) Se ha risposto affermativamente al quesito precedente, ritiene che nella sua azienda ci sia già una o più associazioni in grado di svolgere tale ruolo?, e gli interessi specifici dei quadri sono adeguatamente rappresentati, ma gli interessi specifici dei quadri non sono adeguatamente rappresentati, non c è alcuna associazione che svolga tale ruolo no a conoscenza se ci sia/siano associazioni di tale tipologia 12

14 SPAZIO A DISPOSIZIONE PER NOTE, COMMENTI E PRECISAZIONI 13

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA', LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA DATI ANAGRAFICI SESSO

Dettagli

PROGETTO QUADRI AZIENDALI

PROGETTO QUADRI AZIENDALI PRIME ELABORAZIONI DATI QUESTIONARI DI RICERCA PROGETTO QUADRI AZIENDALI Prof. F. Politi Prof.ssa R. Iannone Prof. M. Pisani Report n. 1 5 maggio 2013 1 Distribuzione per genere Maschi Femmine Non id.

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

Conciliazione Famiglia - Lavoro

Conciliazione Famiglia - Lavoro Conciliazione Famiglia - Lavoro Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è quello di analizzare l'attuale

Dettagli

di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti.

di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti. PROVINCIA DI CHIETI Ufficio per le Relazioni con il Pubblico Indagine di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti. Caro collega, oggi ti chiediamo di contribuire al miglioramento

Dettagli

I questionari. Indicazioni generali. SPI CGIL Bergamo l Auser a Bergamo: un idea di volontariato laico

I questionari. Indicazioni generali. SPI CGIL Bergamo l Auser a Bergamo: un idea di volontariato laico I questionari Indicazioni generali 35 Dati sui presidenti Dati personali sui Presidenti delle Ass.ni in provincia ETA 40-50 anni 1 4 51-60 anni 13 45 61-70 anni 12 41 oltre i 70 anni 3 10 SESSO maschi

Dettagli

Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Struttura del questionario Sezione I - Caratteristiche degli RLS - soggettive e professionali - e delle imprese Sezione II Risorse,

Dettagli

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali 1 DOTT. PAOLO PAPPONE PSICHIATRA ASL NAPOLI 1 CENTRO A.S. MOBBING E DISADATTAMENTO LAVORATIVO P.Pappone Call Center: Stress

Dettagli

PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PERIODO DI SVOLGIMENTO FINE MESE DI

PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PERIODO DI SVOLGIMENTO FINE MESE DI QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE MENSILE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PERIODO DI SVOLGIMENTO FINE MESE DI Il questionario è anonimo e ci aiuterà a capire se e in quale misura l attività ha risposto alle

Dettagli

Sondaggio I giovani e il sindacato

Sondaggio I giovani e il sindacato Sondaggio I giovani e il sindacato N. questionario:.(non compilare, a cura dell organizzazione sindacale) Sesso: Maschio Femmina Età: Titolo di studio: Nessun titolo/licenza elementare Scuola media inferiore

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

Indagini sul personale dipendente

Indagini sul personale dipendente AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Indagini sul personale dipendente Gentile Collega, La ringraziamo per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena CONVEGNO INTERNAZIONALE Vivere e crescere nella comunicazione Educazione Permanente nei differenti contesti ed età della vita Bressanone, 16-17 dicembre 2011 Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE VITA&LAVORO E SUI SERVIZI DEL TERRITORIO PER UNA MIGLIORE QUALITA DI VITA Il questionario rientra in una indagine che il Comune di Pavia sta conducendo,

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE A SERVIZIO DEI CITTADINI RIFORMATA DA CHI LA CONOSCE VERAMENTE TU!

UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE A SERVIZIO DEI CITTADINI RIFORMATA DA CHI LA CONOSCE VERAMENTE TU! DA RESTITUIRE COMPILATO AL DELEGATO DI POSTO DI LAVORO O ALLA SEDE DEL COMPRENSORIO DI APPARTENENZA NB. IL QUESTIONARIO È RIVOLTO AL PERSONALE DEI COMPARTI DELLA SANITÀ E DEGLI ENTI LOCALI UNA PUBBLICA

Dettagli

BeLL Questionario. www.bell-project.eu

BeLL Questionario. www.bell-project.eu Q BeLL Questionario www.bell-project.eu Gentile corsista, L obiettivo di questa indagine è raccogliere informazioni sulla sua esperienza di apprendimento in età adulta. Siamo interessati in particolare

Dettagli

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo)

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo) QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO A Sicurezza e salute sul luogo di lavoro e stress lavoro correlato 1) Il mio luogo di lavoro è sicuro (impianti elettrici, misure antincendio e di emergenza, ecc.)

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013 I punti fondamentali

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORGANIZZAZIONE E L AMBIENTE DI LAVORO NEL CNESPS

QUESTIONARIO SULL ORGANIZZAZIONE E L AMBIENTE DI LAVORO NEL CNESPS QUESTIONARIO SULL ORGANIZZAZIONE E L AMBIENTE DI LAVORO NEL CNESPS Il Gruppo Valorizzazione Risorse Umane (GVRU), propone a tutti i colleghi del Centro la realizzazione di un indagine per rilevare la loro

Dettagli

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati Lexis Ricerche per Faschim FASCHIM Indagine Associati 1 Metodo e campione Ricerca quantitativa sul target iscritti Faschim. Disegno campionario: 1000 interviste telefoniche a iscritti al fondo Faschim;

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Università degli Studi di Milano-Bicocca Dipartimento di Psicologia QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Il presente questionario costituisce a) la fase finale del corso, nella forma di ricerca/intervento,

Dettagli

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Anno 2010 Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Il questionario, anonimo, serve a conoscere in modo sistematico le opinioni

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012 Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana Risultati dell indagine di clima interno Anno 2012 Laboratorio MeS Istituto di Management Firenze, 22 Febbraio 2013 Premessa Il presente

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Cognome. Aula/sede. FIRMA DEL PARTECIPANTE FIRMA DEL CONDUTTORE DEL COLLOQUIO DATA...

Cognome. Aula/sede. FIRMA DEL PARTECIPANTE FIRMA DEL CONDUTTORE DEL COLLOQUIO DATA... DOCUMENTAZIONE PERSONALE di Nome Cognome. Aula/sede. FIRMA DEL PARTECIPANTE FIRMA DEL CONDUTTORE DEL COLLOQUIO DATA... 1 1. SCHEDA PERSONALE A. DATI DI STATUS NOME COGNOME B. INDIRIZZO COMUNE/PROVINCIA

Dettagli

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo SCHEDA di 3 II Fattore di Valutazione: Comportamenti professionali e organizzativi e competenze Anno Settore Servizio Dipendente Categoria Profilo professionale Responsabilità assegnate DECLARATORIA DELLA

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Indice Obiettivi della ricerca Caratteristiche socio demografiche del campione I risultati della ricerca Percezione della discriminazione di Esperienze

Dettagli

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione Buongiorno, sono un intervistatore/trice dell Istituto Swg. Stiamo effettuando una ricerca per conto dell Università degli Studi di Torino e di. L azienda Aem Torino Distribuzione sta conducendo un indagine

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI N questionario (non compilare) MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI Con questo questionario le chiediamo di aiutarci a capire i suoi rapporti con il sistema bancario italiano: modalità, livello di soddisfazione,

Dettagli

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale REPORT EX ANTE 2015 Servizio civile nazionale Genere Età Titolo di studio Eventuali studi in corso IL CAMPIONE Genere VA Maschi 17 Femmine 45 TOTALE 62 Età degli intervistati 22 21 20 20 21 20 19 19-22anni

Dettagli

Questionario Professione Giovani Psicologi

Questionario Professione Giovani Psicologi Questionario Professione Giovani Psicologi DATI SOCIO-ANAGRAFICI Genere M F Età Provincia residenza Stato civile: celibe/nubile coniugato/a separato/a divorziato/a vedovo Anno di iscrizione all Ordine

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Questionario per la rilevazione del Rischio Psicosociale

Questionario per la rilevazione del Rischio Psicosociale Questionario per la rilevazione del Rischio Psicosociale presso l Ospedale San Filippo Neri Servizio Prevenzione e Protezione Rischi e Studio di Psicosociologia marzo 2010 1 INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO QUESTIONARIO DI GRADIMENTO Il BRUCO Asilo Nido e Scuola d Infanzia Via Case Basse San Vittore, 24 Pavia www.asiloilbruco.com Tel. 0382.1726.241 Tel. 393.900.6211 Cari Genitori, il questionario è stato

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO a cura di Giuseppe Montante VALUTAZIONE DEL MODELLO VIGENTE DI CARRIERA MOTIVAZIONI Da circa 16 anni è stato introdotto per la

Dettagli

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati 10 settembre 2012 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati Tra il 6 marzo e il 24 aprile 2012, il Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione

Dettagli

Questionario Energie elettrica. 1. Sociodemo. 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino (Proseguire intervista) 2. No (Chiudere intervista)

Questionario Energie elettrica. 1. Sociodemo. 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino (Proseguire intervista) 2. No (Chiudere intervista) 1. Sociodemo 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino (Proseguire intervista) 2. No (Chiudere intervista) 2. È lei che generalmente si occupa di gestire le attività riguardanti l energia elettrica

Dettagli

Prof.ssa Maria Francesca Costabile

Prof.ssa Maria Francesca Costabile Questionario per gli utenti di FAIRWIS Madrid Spain Bari - Italy Bari - Italy London UK Questo questionario è stato preparato dal team del progetto FAIRWIS. Il progetto FAIRWIS (Trade FAIR Web-based Information

Dettagli

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni Indagine condotta per: 12 Novembre 2010 Obiettivi dell indagine L'Italia è un Paese in cui

Dettagli

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Federica Danesi federica.danesi@unife.it Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Com è cominciata Ho due bimbe, una di 6 e l altra di 2 anni, mio marito spesso lavora fuori città e da febbraio 2013 IO

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

INDAGINE SU FARMACIE E PRODOTTI COSMETICI

INDAGINE SU FARMACIE E PRODOTTI COSMETICI Via Alessandro Torlonia, 15/A 00161 Roma Tel. (+39) 06 44292365 Telefax (+39) 06 44260414 06 44240030 e-mail: ermeneia@tin.it UNIPRO Beauty Report/2012 INDAGINE SU FARMACIE E PRODOTTI COSMETICI - Questionario

Dettagli

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009 Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale Roberto Ferrari 8 luglio 2009 2 Indice Il processo di gestione e sviluppo delle Risorse Umane I soggetti coinvolti Gestione integrata delle Risorse Umane:

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2473 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Disposizioni per l inquadramento di soggetti incaricati di funzione dirigenziale

Dettagli

Incentivi e Premi. Incentivo è considerato tutto ciò che serve a motivare il lavoratore e quindi a renderlo più

Incentivi e Premi. Incentivo è considerato tutto ciò che serve a motivare il lavoratore e quindi a renderlo più Incentivi e Premi Incentivo è considerato tutto ciò che serve a motivare il lavoratore e quindi a renderlo più efficiente. Premio è tutto ciò che ne deriva da un obiettivo ben formato raggiunto ed assimilato

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI ROTA D IMAGNA Provincia di Bergamo SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato al regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della performance del Comune di Rota

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE INDENNITA DI RISULTATO TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ANNO 2011

SCHEDA DI VALUTAZIONE INDENNITA DI RISULTATO TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ANNO 2011 SCHEDA DI VALUTAZIONE INDENNITA DI RISULTATO TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ALLEGATO A ANNO 2011 DIPENDENTE: La valutazione delle prestazioni del personale apicale riguarda gli obiettivi assegnati

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

GfK Group Indagine Efpa GfK Eurisko 15 Ottobre 2011. Presentazione della ricerca Efpa Italia - GfK Eurisko Nicola Ronchetti GfK Eurisko

GfK Group Indagine Efpa GfK Eurisko 15 Ottobre 2011. Presentazione della ricerca Efpa Italia - GfK Eurisko Nicola Ronchetti GfK Eurisko Presentazione della ricerca Efpa Italia - GfK Eurisko Nicola Ronchetti GfK Eurisko La ricerca Efpa Italia GfK Eurisko La ricerca Efpa Italia GfK Eurisko è stata condotta su un campione composto da: clienti

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Gruppo Helvetia. La politica di gestione delle risorse umane

Gruppo Helvetia. La politica di gestione delle risorse umane Gruppo Helvetia La politica di gestione delle risorse umane Cari colleghi Anche la nostra politica di gestione delle risorse umane è basata sulla dichiarazione contenuta nella nostra mission «Primi per

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

Questionario sull utilizzo di strumenti "on line" da parte di cittadini con 65 o più anni

Questionario sull utilizzo di strumenti on line da parte di cittadini con 65 o più anni Questionario sull utilizzo di strumenti "on line" da parte di cittadini con 65 o più anni Caratteristiche dell intervistato età tra 65 e 74 anni tra 75 e 84 anni oltre 84 anni genere femmina maschio scolarità

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde

Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde Segnare in ordine crescente il livello di gradimento: 1=poco; 2= abbastanza; 3=molto Per le risposte

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Stress Lavoro-Correlato e Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Obiettivi Rilevare il livello di benessere percepito dai lavoratori attraverso

Dettagli

Relazione finale sul questionario di valutazione della soddisfazione degli utenti delle iniziative estive anno 2012.

Relazione finale sul questionario di valutazione della soddisfazione degli utenti delle iniziative estive anno 2012. SETTORE ISTRUZIONE-INFORMATIVO Servizio Politiche Sociali - Casa - Codice Servizio 06/02 Tel. 0121 361232 - Fax. 0121 361228 albertom@comune.pinerolo.to.it am Relazione finale sul questionario di valutazione

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Frascati, Cari Colleghi,

Frascati, Cari Colleghi, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Frascati, Cari Colleghi, il nuovo Contratto Collettivo Nazionale Integrativo dell INFN, stipulato in data 3 novembre 2003, prevede, alla lett. e) dell articolo 4,

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE La prima indagine in via sperimentale L indagine è stata avviata, su iniziativa del Responsabile della prevenzione della corruzione

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, ASCANI, SALTAMARTINI, TINAGLI, BONAFÈ, MORASSUT

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, ASCANI, SALTAMARTINI, TINAGLI, BONAFÈ, MORASSUT Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2014 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, ASCANI, SALTAMARTINI, TINAGLI, BONAFÈ, MORASSUT Disposizioni per la promozione di

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla comunicazione all interno dell Azienda ASL Latina

Indagine conoscitiva sulla comunicazione all interno dell Azienda ASL Latina Indagine conoscitiva sulla comunicazione all interno dell Azienda ASL Latina La U.O.S.D. Comunicazione Integrata Aziendale, in collaborazione con l Università La Sapienza di Roma (CdL Scienze Magistrali

Dettagli

Progetto Voglia di mutualismo

Progetto Voglia di mutualismo Progetto Voglia di mutualismo Questionario sulla domanda di mutualismo Versione PDF per l inoltro via fax. Se vuoi rispondere tramite mail all indirizzo staff@vita.it, scarica il questionario in formato

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE

REPORT DI VALUTAZIONE Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013 Le opportunità non hanno confini. Oltre la frontiera: occasioni di cooperazione REPORT DI VALUTAZIONE Unione europea Fondo Europeo Sviluppo

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

Gruppo Helvetia. Politica di gestione delle risorse umane

Gruppo Helvetia. Politica di gestione delle risorse umane Gruppo Helvetia Politica di gestione delle risorse umane Cari colleghi Anche la nostra politica di gestione delle risorse umane è basata sulla dichiarazione contenuta nella nostra mission «Primi per crescita,

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

AVO Associazione Volontari Ospedalieri Firenze Onlus. Progetto Tutoring Gestionale In collaborazione con CESVOT e AVO Regionale Toscana

AVO Associazione Volontari Ospedalieri Firenze Onlus. Progetto Tutoring Gestionale In collaborazione con CESVOT e AVO Regionale Toscana AVO Associazione Volontari Ospedalieri Firenze Onlus Progetto Tutoring Gestionale In collaborazione con CESVOT e AVO Regionale Toscana Inizio giugno 2013 Miglioramento gestione associazione e implementazione

Dettagli