Quando è valida la procura alle liti?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando è valida la procura alle liti?"

Transcript

1 PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua nullità nel procedimento civile. Si analizzano dunque i vizi che possono comportarne l invalidità, i casi in cui la nullità è sanabile nel corso del giudizio ed i principi per una corretta redazione della procura speciale Chiara Caramaschi, Avvocato in Roma La procura alle liti, come è noto, è l atto processuale che contiene il mandato conferito dal cliente al difensore per rappresentarlo in giudizio. Il codice di procedura civile non detta in modo specifico i requisiti di validità di tale atto, indicandone solamente i tratti essenziali; da ciò è disceso il postulato giurisprudenziale secondo cui la procura alle liti non richiede una forma solenne o tassativa, potendo desumersi dalla semplice indicazione del difensore posta in essere dalla parte in giudizio, accompagnata dalla volontà, desumibile dal contesto dell atto, di conferire al legale i poteri e le facoltà connesse alla rappresentanza tecnica del difensore. Tuttavia, l elasticità della norma non ha certo semplificato il compito dell avvocato, in quanto, pur potendo il legale teoricamente redigere la procura senza incorrere in rigidi formalismi, la carenza normativa in ordine all indicazione specifica del suo contenuto necessario ha creato una situazione di incertezza sulla validità della procura stessa e sulle conseguenze che derivano dalla mancanza o dal dubbio su taluni requisiti che sono stati considerati essenziali alla finalità pratica dell istituto. 62 IL CIVILISTA OTTOBRE 2007 civilista imprimatur-ok.indb 62 25/09/

2 LA PROCURA ALLE LITI / 1 LE FINALITÀ Il conferimento mediante procura dell incarico al difensore, integrando la manifestazione di volontà espressa da una persona fisica (sia che il soggetto stia in giudizio in proprio, sia che agisca in nome e per conto altrui, come nel caso della rappresentanza organica delle società), deve necessariamente permettere all avversario di conoscere o rendere conoscibile le identità dell autore e del difensore, nonché la volontà del primo di conferire incarico al secondo di rappresentarlo in giudizio per una determinata fase o per più fasi del procedimento. I TIPI DI PROCURA Generale: il difensore ha la rappresentanza in tutte le controversie (giudiziali o arbitrali) nelle quali il soggetto conferente potrà venirsi a trovarsi come parte. Tale tipo di procura è utilizzata quando si vuole conferire ad un avvocato un incarico generale per essere tutelati in più situazioni (anche future ed eventuali) in cui è necessaria un attività processuale o arbitrale complessa, varia e duratura. Speciale: il difensore ha l incarico di rappresentare in giudizio il soggetto conferente in una determinata controversia, giudiziale o arbitrale, che deve essere specificatamente indicata nella procura. LA FORMA La procura generale deve avere la forma dell atto pubblico o della scrittura privata autenticata da un pubblico ufficiale (notaio) (art. 83, comma 2, c.p.c.) La procura speciale può avere la forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata, oppure può essere apposta in calce o a margine dell atto giudiziale. Si considera apposta in calce anche se rilasciata su foglio separato che sia però congiunto materialmente all atto cui si riferisce (art. 83, comma 3, c.p.c.). LA VALIDITÀ Non sono previste ipotesi espresse di nullità della procura, né sono indicati come tassativi i requisiti considerati genericamente dall art. 83 c.p.c., per cui la questione di validità è rimessa all interpretazione della giurisprudenza e della dottrina. LA REDAZIONE DELLA PRO- CURA SPECIALE: I POTERI DEL DIFENSORE Ciò che desta più problematiche per l avvocato è la redazione della procura speciale, la quale deve essere redatta appunto dal difensore cui è stato conferito il mandato sostanziale di difendere il cliente. Anche la procura speciale può essere conferita per atto pubblico o per scrittura privata autenticata: in tal caso, i suddetti documenti devono essere prodotti in giudizio, mentre non è sufficiente la loro mera indicazione nell atto introduttivo. È normale prassi forense, tuttavia, inserire la procura speciale in calce o a margine dell atto giudiziario di introduzione del giudizio; i tipi di atto in cui la procura può essere apposta sono indicati esplicitamente dall art. 83, primo comma, c.p.c., e tale l elencazione è considerata dalla giurisprudenza e dalla dottrina prevalenti tassativa. La redazione della procura assume un importanza rilevante, se consideriamo che la contestazione della sua regolarità rappresenta uno strumento spesso utilizzato (ed abusato) per giungere ad una pronuncia di rigetto della domanda per questioni di rito: infatti, dall invalidità insanabile della procura consegue l invalidità dell atto cui è apposta. Ciò è tanto più grave se si considera il caso in cui l invalidità riguardi la procura apposta all atto di appello: secondo la giurisprudenza prevalente, una pronuncia di inammissibilità dell atto di gravame in tal senso porterebbe al passaggio in giudicato della sentenza di primo grado. 1. La specificazione del grado di giudizio Quando nell atto non sia espressa una diversa volontà delle parti, la procura speciale si presume conferita per un determinato grado del procedimento (art. 83, ultimo comma, c.p.c.): di conseguenza, dato che ogni impugnazione costituisce un grado di giudizio, se il cliente intende conferire OTTOBRE 2007 IL CIVILISTA 63 civilista imprimatur-ok.indb 63 25/09/

3 l incarico all avvocato per ogni fase della controversia, sarà necessario indicare specificatamente tutti i possibili mezzi di gravame che possono eventualmente discendere dal primo grado, oppure utilizzare una formula chiara ed inequivoca quale «in ogni fase e grado del giudizio». Per ricorrere in Cassazione è comunque sempre necessaria una procura speciale che deve essere rilasciata dalla parte interessata. 2. L indicazione dei poteri processuali e sostanziali del difensore I poteri derivanti dalla procura al difensore sono individuati dal successivo art. 84 c.p.c., il quale menziona la possibilità dell avvocato abilitato di eseguire e di ricevere, in nome e per conto del cliente rappresentato, tutti gli atti processuali che egli non può compiere personalmente e che non sono a lui espressamente riservati, sono esplicitamente esclusi da tale generica formulazione gli «atti che importano disposizione del diritto oggetto della controversia», salvo espresso conferimento del relativo potere. Il problema risiede dunque nell individuare quali atti, sostanziali e processuali, possa compiere il difensore nei casi in cui la procura alle liti sia stata formulata in modo eccessivamente generico (per esempio quando indica semplicemente Delego a difendermi ed a rappresentarmi nella presente procedura l Avv. ). La dottrina considera atti inclusi nei poteri del difensore tutti quelli con cui quest ultimo concreta la generica volontà della parte di far valere un diritto (cfr. C. Mandrioli, Diritto processuale civile, I, XVII ed., Torino 2005, 333), proponendo le domande che non eccedono l ambito della lite originaria; mentre ne sono esclusi quelli che incidono sul diritto in contesa. Sulla scorta di tale parametro, la giurisprudenza e la dottrina sono solite considerare atti di disposizione la conciliazione, la composizione amichevole della lite, la rinuncia all azione (in quanto implica rinuncia al diritto), la rinunzia ad una domanda riconvenzionale, la transazione della controversia, la chiamata in causa del terzo (sulla LA PROCURA ALLE LITI / 2 PROCURA ALLE LITI E CONFERIMENTO DEL MANDATO Malgrado l utilizzo terminologico di mandato alle liti o di conferimento dell incarico, la procura è tecnicamente soltanto l atto processuale con cui la legge indica la designazione dell avvocato difensore effettuata da parte del soggetto conferente e con cui viene esteriorizzato il rapporto contrattuale nato tra cliente ed avvocato. Essa non si deve dunque confondere con il sostanziale conferimento dell incarico, il quale riguarda invece il rapporto interno tra il cliente e l avvocato ed è di norma discendente da un rapporto di mandato con rappresentanza. IL CONTENUTO DELLA PROCURA Pur nel silenzio della legge, considerate le finalità dell istituto, si ritiene che la procura debba contenere le seguenti indicazioni: % il nome della persona (fisica, giuridica o ente collettivo) che conferisce l incarico; % se il rappresentato è un ente collettivo (es.: società): l indicazione dell organo o dell ufficio che ha la rappresentanza in giudizio dell ente (es. amministratore unico) ed il nome del titolare di tale carica che conferisce concretamente il mandato; % il nome del difensore cui è conferito l incarico; % la fase del giudizio cui si riferisce ed i poteri conferiti al difensore; % la sottoscrizione leggibile del conferente; % la certificazione dell autografia della firma da parte del difensore, il quale deve accertare l identità tra il soggetto che ha apposto la sottoscrizione ed il nome indicato nella procura (se la procura è apposta in calce o a margine dell atto giudiziario); % la data di conferimento della procura, salvo quando la procura speciale è apposta in calce o a margine all atto processuale, essendo in tal caso desumibile dalla data dell atto stesso. 64 IL CIVILISTA OTTOBRE 2007 civilista imprimatur-ok.indb 64 25/09/

4 impossibilità della chiamata in causa del terzo ad opera del difensore in presenza di procura generica, v. I. Lai, Nota a sentenze del Trib. Genova 20 luglio 2005, n e 15 luglio 2005, n. 3396, «Giur. It.» 2006, 8/9, 1683). Devono inoltre ricomprendersi in tale categoria gli atti strettamente processuali con cui la parte si inserisce nel diritto in modo da escludere ogni valutazione del giudice, quali la richiesta al giudice di decidere secondo equità o di rendere la confessione. La giurisprudenza ha invece incluso nei poteri generali del difensore, non considerandoli atti di disposizione, la rinuncia a far valere la prescrizione dell azione proposta dalla controparte, il disconoscimento della scrittura privata, la riduzione della domanda, la rinuncia ad un motivo di impugnazione. Per evitare possibili contestazioni sulla validità degli atti posti in essere da difensore privo del relativo potere, è preferibile evitare nella procura espressioni troppe generiche e specificare distintamente gli atti più frequentemente utilizzati il cui potere deve essere espressamente conferito dal cliente-parte in giudizio. È quindi consigliabile indicare in essa, qualora il difensore ed il cliente si siano accordati in tal senso, i poteri del difensore che esulano dalla sua competenza generica, quali quello di transigere o conciliare la lite, chiamare in causa un terzo, riscuotere somme, farsi sostituire, ecc. 3. Mancanza della certificazione del difensore L autografia della sottoscrizione del conferente deve essere certificata dal difensore. La giurisprudenza di legittimità ha sempre interpretato questa disposizione nel senso più rigido, prevedendo l obbligo del difensore di accertare l identità del soggetto che conferisce il mandato, del quale deve essere indicato, nel testo della procura, il nome; pur potendo quindi far fede della provenienza dell atto da colui che ne appare l autore, non certifica la sua capacità a stare in giudizio (per esempio nel caso si tratti del legale rappresentante di una società), la quale dovrà essere altrimenti desunta (nell esempio precedente, da una visura camerale della società stessa). L avvocato dovrà quindi meramente identificare la persona che effettua la sottoscrizione, prescindendo da ogni accertamento circa la legittimazione, la capacità e la volontà manifestata dal sottoscrittore. Il difensore, infatti, essendo privo dei poteri di autenticazione previsti a carico del notaio, non ha un potere certificatorio generale, per cui la sua capacità di certificazione si esaurisce all ipotesi in cui la procura sia conferita in calce o a margine degli atti che sono espressamente indicati, oppure di qualsiasi atto processuale necessario ai fini della decisione - sebbene proveniente dall avversario - e anche se apposta su un foglio allegato che faccia corpo con esso. È tuttavia da escludersi la validità di una procura processuale con sottoscrizione autenticata dal difensore se rilasciata con scrittura separata, non collegata all atto in cui è apposta. Il problema attinente la validità della procura riguarda in questo caso la mancanza della firma di autentica del difensore: essa comporta la nullità della procura stessa e conseguentemente dell atto cui accede? La giurisprudenza, con decisioni non sempre concordi, era propensa nel ritenere che la mancanza della certificazione comportasse solo l irregolarità della procura. Per evitare tuttavia anche questa conseguenza, con una recente pronuncia a Sezioni Unite (sentenza n del 28 OTTOBRE 2007 IL CIVILISTA 65 civilista imprimatur-ok.indb 65 25/09/

5 CONSIGLI PRATICI Indichiamo qualche accortezza nella redazione da parte del difensore della procura alle liti, al fine di evitare i problemi che possono sorgere in merito alle possibili eccezioni di invalidità. 1 È preferibile apporre la procura speciale in calce o a margine di uno degli atti elencati nell art. 83 c.p.c.: la giurisprudenza prevalente ritiene infatti tale elencazione tassativa, sebbene in alcune recenti sentenze la Cassazione abbia ritenuta legittima l apposizione della procura anche in calce o a margine di atti processuali non esplicitamene previsti dal suddetto articolo, purché si tratti di atti determinanti l ingresso della parte in giudizio; la procura sia depositata al momento della costituzione in giudizio; la controparte non sollevi con la prima difesa specifiche contestazioni circa la sua esistenza e tempestività (Cass., 27 giugno 2003, n ). La dottrina è favorevole a questa ultima interpretazione (ANDRIOLI, MOCALI). 2 Nel caso in cui sia stata la controparte ad apporre la procura in un atto diverso da quelli elencati nell art. 83 c.p.c., si consiglia di sollevare la relativa eccezione nel primo atto difensivo successivo, qualora si abbia interesse a farlo. La Cassazione ritiene infatti che la nullità della procura apposta in un atto diverso sia relativa, per cui sanabile se non eccepita nella prima difesa successiva alla conoscenza che la controparte ha avuto dell atto. 3 È consigliabile apporre la certificazione del difensore subito dopo la sottoscrizione della parte, con o senza apposite diciture ( per autentica, o vera, o è firma autentica ). Tuttavia essa è valida anche quando la firma del difensore sia apposta in chiusura del testo del documento nel quale il mandato si inserisce. L autografia attestata dal difensore esplicitamente od implicitamente (vale a dire con la firma dell atto recante la procura a margine od in calce), può essere contestata in entrambi i casi soltanto mediante la proposizione di querela di falso (Cass. civ., Sez. Un., 28 novembre 2005, n ). 4 La procura va apposta in un foglio separato all atto giudiziario solo se la pagina finale dell atto sottoscritto continua fino all ultima riga. In questo caso, è necessario accertarsi che il foglio contenente la procura sia spillato all ultimo foglio dell atto (Cass. civ., 26 giugno 2007, n. 5569) e sia collegato ad esso attraverso la numerazione progressiva delle pagine, formando quindi un corpo unico con l atto che lo precede. 5 È consigliabile indicare specificatamente che la procura si riferisce a tutti i gradi del procedimento cui la causa è relativa, compresi cioè i mezzi di impugnazione. Secondo la giurisprudenza, l utilizzo delle espressioni quali nel presente giudizio, nella presente causa, per la presente procedura, in ogni stato e grado del procedimento, e simili, estendono la procura anche ai successivi gradi del giudizio. 6 Se la procura è formata all estero e conferisce l incarico a difensore italiano, l autenticazione della firma del cliente deve essere effettuata da notaio o da altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato dalla legge dello Stato estero ad attribuirle pubblica fede, con forme equivalenti, nella forma e nell efficacia, a quelle previste dalla legge italiana di diritto processuale. Dall autenticazione deve quindi desumersi che la sottoscrizione dei mandanti è stata apposta alla presenza del notaio e che questi ha accertato l identità dei sottoscrittori (Cass. civ., Sez. Un., 5 maggio 2006, n ). Essa, pertanto, non può essere autenticata dal difensore italiano della parte, giacché tale potere di autenticazione non si estende oltre i limiti del territorio nazionale (Cass. civ., 3 giugno 2006, n. 8867). In mancanza di un soggetto che riveste una qualifica equiparabile a quella del notaio, la procura deve essere legalizzata dalla autorità consolare italiana all estero (art. 33 D.P.R. n. 445/2000). 7 Se il difensore intende notificare l atto di costituzione in giudizio per via telematica (ai sensi del D.P.R. n. 123/2001, artt. 6-7) e la procura alle liti sia stata conferita dal cliente su carta, deve trasmettere la copia informatica della procura stessa asseverata come conforme all originale mediante sottoscrizione con firma digitale (art. 10 D.P.R. n. 123/2001). 66 IL CIVILISTA OTTOBRE 2007 civilista imprimatur-ok.indb 66 25/09/

6 FAC-SIMILE DI UNA VALIDA PROCURA ALLE LITI RILA- SCIATA DAL LEGALE RAPPRESENTANTE DI UNA SOCIETÀ In qualità di amministratore unico e legale rappresentante della s.p.a. Omega, con sede in, delego a difendere ed a rappresentare la suddetta società nella presente causa, in ogni fase e grado del procedimento, compreso il processo di esecuzione e le relative opposizioni, l avv., conferendogli tutte le facoltà previste dalla legge ed espressamente quella di transigere e conciliare la lite, farsi sostituire, rinunciare agli atti, riscuotere e rilasciare quietanza, riassumere e proseguire il processo, chiamare terzi in giudizio. Dichiaro di eleggere domicilio presso lo studio del medesimo avvocato in, via., lì (Firma leggibile del legale rappresentante) È firma autentica (Firma dell avvocato) novembre 2005) la Suprema Corte ha ammesso che la mancanza della firma del difensore nella procura possa essere sopperita dalla firma dello stesso alla fine del documento in cui la procura è apposta. Con tale firma, infatti, il difensore assume la paternità dell intero atto processuale in tutte le sue componenti, inclusa la procura; e ciò non solo quando essa è stata collocata a margine dell atto, bensì anche quando è apposta in calce allo stesso, pur essendo successiva alla firma del difensore (cfr. G. Deluca, Procura speciale: continua l infinita historia, «Foro It.» 2006, 4, 1065). I PROBLEMI DI VALIDITÀ: L ILLEGGIBILITÀ DELLA FIRMA Come già detto, l art. 83 c.p.c. non prevede espressamente né il contenuto minimo indispensabile della procura alle liti, né specifiche ipotesi di nullità della stessa. Per sopperire a tale lacuna, la giurisprudenza e la dottrina hanno cercato, nel corso degli anni, di identificare le ipotesi di invalidità della procura nei casi in cui gli elementi reputati necessari non fossero distintamente indicati. Per fare ciò, hanno preso in considerazione la finalità dell istituto, vale a dire l esatta determinazione delle informazioni necessarie alla controparte per individuare le identità del conferente e del difensore ed i poteri di quest ultimo. Da rilevare che le pronunce della Cassazione, nell indicare i requisiti di forma della procura ai fini della sua validità, hanno ancorato per lungo tempo la disciplina ad un rigido formalismo, facendo dell eccezione di nullità della procura uno strumento processuale molto efficace per invalidare l intero procedimento. Questa tendenza sembra ultimamente essere mutata, con la creazione di un orientamento volto a salvaguardare, nella tutela delle parti, il principio dell economia processuale e della giusta durata del procedimento. Ciò è avvenuto di recente con una pronuncia a Sezioni Unite della Suprema Corte (sentenza n. 4810, del 7 marzo 2005), riguardante la validità della procura in cui è illeggibile la firma del conferente, qualora egli agisca in qualità di legale rappresentante della società che è parte in giudizio: fattispecie abbastanza frequente, se si considera l abitudine nei traffici giuridici di firmare con sigle o con segni brevi e frettolosi. La Cassazione è quindi intervenuta per alleggerire le gravi conseguenze dell orientamento più rigoroso che, operando uno spietato formalismo, predicava la nullità insanabile della procura e dell atto cui è apposta. OTTOBRE 2007 IL CIVILISTA 67 civilista imprimatur-ok.indb 67 25/09/

7 1. La funzione della firma del conferente: il nome del legale rappresentante L illeggibilità della firma riguarda la possibilità di conoscere l identità del conferente, qualora il nome del sottoscrittore non risulti né dal testo della procura stessa, né dall atto sul quale essa è apposta. L incertezza sulla persona del sottoscrittore pregiudica l avversario, soprattutto quando il conferente agisce in qualità di rappresentante di una società o di un altro ente collettivo e sia indicata solo la carica conferitagli all interno dell ente stesso (legale rappresentante pro tempore): la mancanza del nome preclude alla controparte e al giudice la possibilità di controllare la sussistenza del potere rappresentativo del soggetto che sta in giudizio in nome e per conto dell ente e, quindi, della sua capacità processuale, con la conseguenza che la mancanza del raggiungimento dello scopo cui l atto è finalizzato porterebbe, secondo le regole generali, ad un ipotesi di invalidità assoluta, con contestuale nullità dell atto e dell intero procedimento, rilevabile anche d ufficio in ogni stato e grado del giudizio. Ed è proprio questo l orientamento più rigoroso, espresso in passato dalla Suprema Corte, che la Cassazione ha cercato di superare, proponendo una soluzione più elastica finalizzata alla salvaguardia degli atti processuali. È infatti evidente che l illeggibilità della sottoscrizione non ha alcun rilievo qualora il nome del conferente sia desumibile in altri modi, agevolmente e soprattutto con un grado sufficiente di certezza: o perché indicato nella procura stessa attraverso timbri e diciture che ne siano parte integrante, o perché inserito nell atto cui la procura è apposta o in altri IL RAGIONAMENTO PROCURA CON LA FIRMA ILLEGGIBILE DEL CONFERENTE % % % La procura è comunque valida se l identità del conferente può essere comunque desunta: da timbri o diciture della procura stessa; dal contesto dell atto; dall indicazione della carica ricoperta nella società: il nome è desumibile dai documenti di causa o, in mancanza, dal Registro delle imprese. Se il nome non è ricavabile in alcun modo, la procura è colpita da nullità relativa: non è rilevabile d ufficio, bensì è sanata se non è eccepita dalla controparte nella prima istanza o atto successivo Se la controparte eccepisce tempestivamente l esistenza del vizio, il difensore può rimediare alla nullità della procura precisando il nome del sottoscrittore nella prima risposta difensiva in replica alla deduzione di nullità 68 IL CIVILISTA OTTOBRE 2007 civilista imprimatur-ok.indb 68 25/09/

8 QUESTIONI E DISCUSSIONI Sintetizziamo nel presente schema alcuni fra i più frequenti problemi pratici relativi alla materia trattata e le soluzioni che sono state prospettate nel corso degli anni dalla giurisprudenza. 1 Procura rilasciata a margine dell atto con sottoscrizione della parte, autenticata dal difensore, apposta su altro foglio, incollato in calce al mandato: la procura è inesistente, perché non vi è alcuna possibilità di individuare la volontà del sottoscrittore di conferire il mandato per quella controversia. 2 Procura rilasciata a margine del precetto: autorizza il difensore, in mancanza di espressa limitazione, a rappresentare la parte anche per tutta la durata del procedimento esecutivo, per cui il difensore è con essa legittimato a difendere il cliente anche negli eventuali giudizi di opposizione al processo di esecuzione. La procura non deve essere trascritta nelle copie del precetto ad uso notifica. 3 Procura conferita a più difensori: se l autore della procura non ha esplicitamente previsto che l incarico è conferito ad essi in modo congiuntivo, la procura si presume conferita disgiuntamente a ciascuno degli avvocati nominati. Di conseguenza, l atto introduttivo del giudizio può essere sottoscritto da uno solo di essi, senza incorrere nella nullità per mancanza di sottoscrizione degli altri difensori. 4 Nomina, nel corso del giudizio, di un nuovo procuratore in sostituzione di quello precedentemente designato: benché la giurisprudenza e la dottrina dominanti considerino l elencazione effettuata dall art. 83 c.p.c. tassativa, la Suprema Corte ammette che la nomina del nuovo difensore possa avvenire anche in calce o a margine di un atto diverso, come la copia notificata di una sentenza, o la copia del ricorso per decreto ingiuntivo notificato. Se però la nomina attiene al giudizio avanti alla Corte di Cassazione, la giurisprudenza ritiene che essa non possa avvenire in un atto diverso da quelli elencati nel suddetto articolo (ricorso o controricorso), per cui nel corso del procedimento il nuovo difensore potrà essere nominato solo con scrittura privata o atto pubblico. documenti prodotti in giudizio. Un ulteriore modo che permette di ricavare il nome del conferente è l indicazione (contenuta nella procura o nell atto) della sua funzione o della carica rivestita all interno della società, ad esempio mediante la menzione di unico rappresentante legale, o unico socio accomandatario, o presidente del consiglio di amministrazione : tale indicazione infatti ne consente di ricavare il nome dagli altri atti o documenti di causa o, in assenza, dal Registro delle imprese. Non è invece sufficiente la generica indicazione di legale rappresentante, in quanto la società può essere dotata di più rappresentanti legali, per cui il dato non sarebbe comunque ricavabile con certezza. 2. Sanatoria della procura invalida Qualora quindi l illeggibilità determini realmente un impossibilità dell avversario di identificare l identità del conferente, e conseguentemente la sua capacità di rappresentare la società, la procura è affetta da un vizio che ne determina la nullità processuale. Né può bastare a sanare la mancanza la certificazione del difensore, in quanto, come abbiamo visto, essa richiede solo l accertamento dell identità del soggetto conferente, ma non presuppone una verifica della sua volontà, della sua capacità e dei suoi poteri. In primis, precisiamo che tale invalidità non determina la nullità dell atto cui è apposta per incertezza della sua provenienza, sia perché la parte potrebbe essere stata in esso correttamente indicata, sia perché la costituzione del convenuto porterebbe la sanatoria retroattiva di tale vizio (G. Monteleone, La S.C. elimina nocivi formalismi in materia di procura alle liti, «Riv. Dir. Proc.» 2005, 3, 1046). Si tratta pertanto di nullità che riguarda la sola procura alle liti: ad essa è applicabile la disciplina prevista dagli artt c.p.c. relativa alla nullità degli atti processuali. OTTOBRE 2007 IL CIVILISTA 69 civilista imprimatur-ok.indb 69 25/09/

9 La Cassazione ha chiarito - ed è questa la portata innovatrice della pronuncia - che la nullità in questione è relativa: essa non potrà mai essere rilevata dal giudice ma solo da lui dichiarata in presenza di una eccezione della controparte in tal senso. La parte che ne ha interesse dovrà quindi sollevare nel corso del giudizio l eccezione di nullità, ma potrà farlo, ai sensi dell art. 157, secondo comma, c.p.c., solo nella prima istanza o difesa successiva all atto o alla notizia su di esso, con la conseguenza che in mancanza dell eccezione o della sua tempestività, la nullità è sanata. Se poi, infine, l avversario eccepisce tempestivamente l invalidità della procura per l illeggibilità della firma e per la conseguente impossibilità di identificare il suo autore, l onere di superare l incertezza passa al difensore dell altra parte, il quale potrà rimediare all incompletezza dell atto precisando il nome del sottoscrittore ed eventualmente provando il potere di rappresentanza processuale, qualora fosse stato posto in dubbio; e dovrà farlo nella prima risposta difensiva in replica alla deduzione di nullità. In questo modo, il vizio sarà definitivamente sanato in radice. In mancanza di una chiarificazione in tal senso, la procura cui è stato eccepito il vizio sarà irrimediabilmente nulla, con la conseguenza di deterdi determinare anche l invalidità dell atto cui accede. GIURISPRUDENZA RILEVANTE PROCURA A MARGINE DELL ATTO Orientamento maggioritario Cass. civ., Sez. I, , n È inesistente la procura rilasciata a margine dell atto introduttivo del giudizio qualora la sottoscrizione della parte, autenticata dal difensore, sia stata apposta su altro foglio, incollato in calce al mandato. Ancorché, infatti (a norma dell art. 83, comma 3, del c.p.c. nel testo risultante per effetto della legge n. 141 del 1997), la procura si consideri apposta in calce anche se rilasciato su foglio separato che sia però congiunto materialmente all atto cui si riferisce, è indispensabile che quello rilasciato su foglio separato integri un atto qualificabile come procura mentre non è tale una firma ritagliata da altro foglio e incollata sotto il timbro contenente il mandato. In tale contesto, infatti, non vi è alcuna possibilità di inferire la volontà del sottoscrittore di conferire il mandato speciale alle liti. PROCURA A MARGINE DEL PRECETTO Orientamento maggioritario Cass. civ., Sez. III, , n La mancata trascrizione della procura sulla copia dell atto di precetto non è causa di nullità dell atto perché la disposizione di cui all art. 125, primo comma, c.p.c. - che impone la sottoscrizione delle parti sia nell originale che nella copia degli atti - non si riferisce alla procura alle liti, la quale, apposta in calce o a margine, si incorpora nell atto stesso ed è valida anche se non sia trascritta nella copia notificata. Cass. civ., Sez. III, , n Dai principi secondo cui, per un verso, l atto di pignoramento immobiliare deve essere sottoscritto (a norma del combinato disposto dell art. 170 disp. att. c.p.c. e art. 125 c.p.c.) dal creditore pignorante (se sta in giudizio personalmente) o dal suo difensore munito di procura, e secondo cui, per altro verso, la procura rilasciata al difensore ha validità per tutto il preannunciato procedimento esecutivo (art. 83 c.p.c.), deriva che è valido l atto di pignoramento immobiliare sottoscritto dal difensore al quale il creditore abbia conferito procura alle liti nell atto di precetto. Cass. civ., Sez. III, , n La procura speciale rilasciata dal creditore procedente, apposta in calce od a margine del precetto, abilita il difensore, in mancanza di esplicita limitazione, a rappresentare la parte fino alla realizzazione della pretesa esecutiva, e, perciò anche nei giudizi di opposizione che vengano via via ad inserirsi nel processo di esecuzione. Pronuncia contraria isolata Pret. Salerno, Nel giudizio di opposizione all esecuzione, la procura dell atto di precetto abilitante alla rappresentanza nel procedimento ed in ogni fase e grado con tutte le facoltà di legge non è idonea a legittimare validamente la sussistenza dell ius postulandi, poiché le opposizioni esecutive concretano dei giudizi autonomi di cognizione. Pertanto, soltanto in caso di specifica e testuale estensione della procura in calce o a margine dell atto di precetto anche alle opposizioni, può derivare l ampliamento della efficacia della procura anche alle eventuali opposizioni successivamente intentate. Ciò considerato, nel caso in cui sia stata rilasciata una rituale procura in giudizio da parte dell opposta al suo difensore, la sua costituzione deve reputarsi viziata, con conseguente dichiarazione di contumacia della stessa. PROCURA A PIÙ DIFENSORI Orientamento maggioritario Cass. civ., Sez. II, , n Dai principi generali dettati in tema di procura alle liti (artt. 83 e IL CIVILISTA OTTOBRE 2007 civilista imprimatur-ok.indb 70 25/09/

10 GIURISPRUDENZA RILEVANTE c.p.c.) e dalla disciplina sostanziale di cui all art c.c., disciplinante l ipotesi di pluralità di mandatari, discende che, ove il mandato alle liti venga conferito a più difensori, ciascuno di essi deve ritenersi legittimato al compimento di atti processuali,ivi compreso il ricorso per cassazione, che è valido, anche se sottoscritto da uno solo dei difensori nominati, a meno che risultino particolari limitazioni o una espressa volontà delle parti circa il carattere congiuntivo del mandato stesso: tale volontà non può peraltro essere desunta dall uso della locuzione in unione, stante la sua genericità. App. Roma, Dai principi generali in tema di procura alle liti (artt. 83 e 365 c.p.c.) e di mandato (art c.c., disciplinante l ipotesi di pluralità di mandatari) discende che, ove il mandato alle liti venga conferito a più difensori, si presume che esso sia conferito disgiuntamente a ciascuno di essi, salvo inequivoca manifestazione di volontà della parte in favore del carattere congiuntivo del mandato, con l ovvio corollario che ciascun difensore è autonomamente legittimato alla sottoscrizione dell atto introduttivo del giudizio in assenza di una espressa volontà delle parti circa il carattere congiuntivo del mandato stesso, con conseguente esclusione di ogni profilo di nullità dell atto dovuto all eventuale mancanza della firma degli altri difensori. NOMINA NUOVO DIFENSORE IN CORSO DI GIUDIZIO Orientamento maggioritario Cass. civ., (Ord.), Sez. Un., , n Nel giudizio di cassazione, la procura speciale non può essere rilasciata a margine o in calce ad atti diversi dal ricorso o dal controricorso, stante il tassativo disposto dell art. 83, terzo comma, c.p.c., che implica la necessaria esclusione dell utilizzabilità di atti diversi da quelli suindicati. Pertanto, se la procura non è rilasciata contestualmente a tali atti, è necessario il suo conferimento nella forma prevista dal secondo comma dello stesso articolo, cioè con atto pubblico o con scrittura privata autenticata, facenti riferimento agli elementi essenziali del giudizio, quali l indicazione delle parti e della sentenza impugnata. Né ad una conclusione diversa può pervenirsi nel caso in cui debba sostituirsi il difensore nominato con il ricorso, deceduto nelle more del giudizio, non rispondendo alla disciplina del giudizio di cassazione il deposito di atti redatti dal nuovo difensore su cui possa essere apposta la procura speciale. Cass. civ., Sez. III, , n Nel giudizio di cassazione la procura ad litem non può essere rilasciata a margine o in calce di atti diversi dal ricorso o dal controricorso, stante il tassativo disposto dell art. 83, comma 3, c.p.c., che implica la necessaria esclusione dell utilizzabilità di atti diversi da quelli suindicati. Pertanto, se la procura non è rilasciata in occasione di tali atti è necessario il suo conferimento nella forma prevista dal comma 2 dell art. 83 c.p.c., cioè con atto pubblico o scrittura privata autenticata, facenti riferimento agli elementi essenziali del giudizio, quali l indicazione delle parti e della sentenza impugnata. Non può pervenirsi a una conclusione diversa neppure nel caso in cui debba sostituirsi il difensore nominato con il ricorso, deceduto o che comunque abbia cessato la propria attività nelle more del giudizio, non rispondendo alla disciplina del giudizi o di cassazione, dominato dall impulso d ufficio a seguito della sua instaurazione con la notifica e il deposito del ricorso, il deposito di un atto redatto dal nuovo difensore su cui possa essere apposta la procura speciale. Cass. civ., Sez. I, , n L elencazione degli atti sui quali può essere conferita, a norma dell articolo 83 del c.p.c., la procura ad litem riguarda l instaurazione del rapporto processuale e non anche il successivo svolgimento del processo, sicché la nomina di un nuovo difensore nel corso del giudizio, in sostituzione di altro, può essere effettuata, in ragione della diversa e più ampia portata dell attività difensiva al momento iniziale del giudizio e delle finalità che in tale fase la procura alla lite deve assolvere, anche su di un atto diverso da quelli indicati in detta norma, determinante l ingresso della parte in giudizio, ossia in un atto lato sensu processuale, purché ne risulti inequivoca la volontà della parte di conferire il mandato e la controparte non abbia tempestivamente sollevato specifiche contestazioni sulla regolarità della procura. OTTOBRE 2007 IL CIVILISTA 71 civilista imprimatur-ok.indb 71 25/09/

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LE NOTIFICAZIONI ESEGUIBILI DAGLI AVVOCATI E DAI PROCURATORI LEGALI

LE NOTIFICAZIONI ESEGUIBILI DAGLI AVVOCATI E DAI PROCURATORI LEGALI LE NOTIFICAZIONI ESEGUIBILI DAGLI AVVOCATI E DAI PROCURATORI LEGALI Relatore: dott. Carmine PUNZI ordinario di diritto processuale civile nell Università La Sapienza di Roma Caratteri generali delle notificazioni

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI Aggiornato alla data del 09/03/2011 VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI (Legge n. 53/1994) Con la legge 53/1994 si è attribuita agli Avvocati la facoltà di notificazione degli atti giudiziari,

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta. Le notificazioni civili: istruzioni per l uso

Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta. Le notificazioni civili: istruzioni per l uso Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta Le notificazioni civili: istruzioni per l uso 175 risposte sulle notificazioni in Italia degli atti giudiziari nel processo civile e 10 cose da sapere prima di chiedere

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 1 INDICE 1. PREMESSA 2. LE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO ED ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 3. CONCLUSIONI PREMESSA 2

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

il quale dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative all'intero procedimento di mediazione ai seguenti recapiti:

il quale dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative all'intero procedimento di mediazione ai seguenti recapiti: PARTE ISTANTE Il/La sottoscritto/a ISTANZA DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE nato/a il cod. fisc. residente in, Via/p.zza n. PERSONE GIURIDICHE nella qualità di rappresentante legale pro tempore

Dettagli

VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI. a cura

VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI. a cura VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI a cura INDICE introduzione.. pag. 3 legge 53/1994 (testo vigente) pag. 4 DM 48/2013.. pag. 8 la notifica in proprio a mezzo posta.. pag. 11 la notifica

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

I N D I C E. 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito.

I N D I C E. 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito. I. IL QUADRO NORMATIVO. 1. La legge fallimentare del 1942. I N D I C E 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito. II. LA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

MATERIALE GIURISPRUDENZIALE IN TEMA DI LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE, LEGITTIMAZIONE AD AGIRE LITISCONSORZIO SUCCESSIONE NEL PROCESSO CIVILE

MATERIALE GIURISPRUDENZIALE IN TEMA DI LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE, LEGITTIMAZIONE AD AGIRE LITISCONSORZIO SUCCESSIONE NEL PROCESSO CIVILE MATERIALE GIURISPRUDENZIALE IN TEMA DI LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE, LEGITTIMAZIONE AD AGIRE LITISCONSORZIO SUCCESSIONE NEL PROCESSO CIVILE 1. Legittimazione processuale Cass. civ. Sez. lavoro 07.06.2003

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli