Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/"

Transcript

1 Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015

2 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo di contribuzione previsto dalla legge 4 Salario assicurato obbligatoriamente 6 Prestazioni della LPP 8 Esempio di certificato della cassa pensione 10 Basi per il finanziamento 12 Diritto all avere della cassa pensione 14 Altri capisaldi della LPP 16 AXA non si assume alcuna responsabilità in merito all esaustività e alla correttezza dei dati del presente documento. A tal riguardo fanno sempre stato le vigenti leggi e ordinanze. Stato gennaio 2015.

3 Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero/ La Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP) è una legge quadro contenente prescrizioni minime per gli istituti di previdenza. In Svizzera l assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità si fonda sul cosiddetto sistema dei tre pilastri previsto dalla Costituzione federale. Il 2 pilastro serve a garantire il mantenimento del tenore di vita dei soggetti attivi e dei loro familiari. È strutturato in una parte obbligatoria e in una sovraobbligatoria (facoltativa). La struttura del sistema previdenziale svizzero Previdenza commisurata alle esigenze 1 pilastro Previdenza statale Obbligatoria 2 pilastro Previdenza professionale Facoltativa 3 pilastro Previdenza privata AVS/AI Prestazioni complementari (PC) Obbligatoria LPP/LAINF Previdenza sovraobbligatoria Previdenza vincolata (pilastro 3a) Previdenza libera (pilastro 3b) Responsabilità dello Stato Contributi AVS/AI Datore di lavoro e dipendenti: 50 % cad. Indipendenti e persone che non svolgono un attività lucrativa: a totale carico dell assicurato Contributi PC Finanziati con le entrate fiscali della Confederazione e dei cantoni Responsabilità del datore di lavoro Contributi LAINF Infortuni professionali: datore di lavoro Infortuni non professionali: dipendenti Contributi LPP Datore di lavoro e dipendenti: il contributo del datore di lavoro deve essere almeno pari a tutti i contributi versati dai suoi dipendenti. Indipendenti: a totale carico dell assicurato Responsabilità personale A totale carico dell assicurato (per colmare eventuali lacune previdenziali individuali) Rendita di vecchiaia Rendita per figli Rendita d invalidità Rendita per figli d invalido Rendita per vedove/vedovi Rendita per orfani Indennità giornaliera Rendita/capitale di vecchiaia Rendita per figli di pensionato Rendita d invalidità Rendita per figli d invalido Rendita per vedove/vedovi Rendita per orfani Soluzione assicurativa o bancaria Risparmi e valori patrimoniali di ogni tipo 3

4 Obbligo di contribuzione previsto dalla legge/ La responsabilità di una corretta copertura assicurativa nella componente obbligatoria della previdenza professionale spetta ai datori di lavoro svizzeri. Datore di lavoro Chi impiega personale soggetto all obbligo dell assicurazione nel 2 pilastro deve versare almeno la metà dei contributi dovuti alla previdenza professionale. Dipendenti Devono essere assicurati obbligatoriamente i dipendenti che percepiscono un salario annuo AVS superiore a CHF ( 6 8 dell importo massimo della rendita di vecchiaia AVS risultante all ). Sono assicurati: i rischi di decesso e d invalidità dal 1 gennaio successivo al compimento del 17 anno d età le prestazioni di vecchiaia dal 1 gennaio successivo al compimento del 24 anno d età Indipendenti I lavoratori indipendenti hanno la possibilità di affiliarsi facoltativamente alla LPP. Disoccupati Dal 1 luglio 1997 la previdenza professionale è obbligatoria anche per quei disoccupati che hanno diritto alle indennità giornaliere dell assicurazione contro la disoccupazione e che hanno un salario giornaliero determinante (indennità giornaliera di disoccupazione, eventualmente sommata al guadagno accessorio oppure al guadagno conseguito seguendo un programma occupazionale) superiore all importo limite di CHF La previdenza comprende la copertura in caso d invalidità e di decesso (senza previdenza per la vecchiaia). Eccezioni: contratti di lavoro a tempo determinato di durata non superiore a 3 mesi attività esclusivamente accessoria (se si è già assicurati obbligatoriamente tramite l attività lucrativa principale o se si esercita un attività lucrativa indipendente a titolo principale) in caso d invalidità di almeno il 70 % Circa una donna su due, ma solo un uomo su sette lavorano a tempo parziale. 4

5 Durata dell assicurazione Inizio L assicurazione obbligatoria decorre dal momento in cui inizia il rapporto di lavoro; per i beneficiari d indennità giornaliere dell assicurazione contro la disoccupazione, invece, l inizio decorre dal primo giorno in cui vengono versate le indennità. Copertura suppletiva Dopo lo scioglimento del rapporto di previdenza la persona rimane assicurata per un mese per i rischi d invalidità e di decesso presso il suo istituto di previdenza (copertura suppletiva). Se essa inizia un nuovo rapporto di lavoro prima che scada questo mese, è competente il nuovo istituto di previdenza. Fine L obbligo di assicurazione termina quando viene raggiunta l età ordinaria di pensionamento, sciolto il rapporto di lavoro o non viene più conseguito il salario minimo. Termina anche quando la persona assicurata non ha più diritto alle indennità giornaliere dell assicurazione contro la disoccupazione perché il relativo termine quadro è scaduto. Status lavorativo Grado di occupazione 5,0 % Donne 41,4 33,2 25,4 13,2% 79,8 % 2,1% Indipendenti Familiari che lavorano nell azienda Dipendenti Apprendisti Uomini Totale 85,7 8,7 65,3 20,0 14,7 0% 20% 40% 60% 80% 100% Tempo pieno % Tempo parziale 50 89% Tempo parziale inferiore a 50% 5,5 Fonte: UST 2014 Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS) 2013 Fonte: UST 2014

6 Salario assicurato obbligatoriamente/ La LPP stabilisce le prescrizioni minime. Tutte le casse pensione devono pertanto versare la componente obbligatoria del 2 pilastro. Inoltre, il cosiddetto regime sovraobbligatorio consente di usufruire di prestazioni supplementari. Salario annuo assicurato Il salario assicurato (detto anche salario coordinato) è quella parte del salario annuo AVS compresa fra i 7 8 e il triplo dell importo massimo della rendita annua di vecchiaia AVS vigente in quel momento (dall compresa fra CHF e CHF , quindi al massimo CHF ). Se il salario coordinato così calcolato è inferiore a 1 8 dell importo massimo della rendita di vecchiaia AVS (dall pari a CHF ) deve essere arrotondato a questa somma. Importi limite Il Consiglio federale può adattare gli importi limite determinanti per la previdenza professionale obbligatoria agli aumenti della rendita minima di vecchiaia AVS. Per stabilire il limite superiore del salario assicurato è possibile tener conto della generale evoluzione dei salari. Il salario assicurabile dei dipendenti o il reddito assicurabile dei lavoratori indipendenti è limitato al decuplo dell importo limite superiore (= CHF ). 6

7 Salario coordinato Le componenti salariali superiori al limite massimo LPP non sono coperte dalla parte obbligatoria del 2 pilastro CHF Salario coordinato = Salario LPP = Salario assicurato CHF * * Salario AVS * Per gli importi compresi tra CHF e CHF , il salario minimo assicurato LPP è costantemente pari a CHF Componente salariale non assicurata obbligatoriamente Salario coordinato (salario LPP assicurato obbligatoriamente) Componente salariale libera senza obbligo di assicurazione 7

8 Prestazioni della LPP/ Tutte le persone impiegate ricevono ogni anno un certificato della cassa pensione. Questo dà informazioni in merito alle prestazioni obbligatorie e a eventuali prestazioni sovraobbligatorie attese. I dati contenuti in questo opuscolo si riferiscono unicamente alla previdenza professionale obbligatoria secondo la legge. Per la vecchiaia Rendita di vecchiaia Il diritto alla rendita di vecchiaia inizia normalmente a 65 anni compiuti per gli uomini e a 64 anni compiuti per le donne. Il regolamento della cassa pensione/ dell istituto di previdenza può prevedere che il diritto alla rendita sorga al termine dell attività lavorativa, al più presto però al compimento del 58 anno di età. L ammontare della rendita di vecchiaia dipende: dall avere di vecchiaia disponibile all età di pensionamento; dall aliquota di conversione in percentuale applicata all avere di vecchiaia. Tasso di interesse minimo per l avere di vecchiaia Aliquota di conversione minima per l età ordinaria di pensionamento L avere di vecchiaia è formato: dalle prestazioni di libero passaggio trasferite; dagli accrediti di vecchiaia; il tasso di conversione minimo all età di 65 anni (uomini) o di 64 anni (donne) ammonta al 6,8%. L ordinanza del Consiglio federale stabilisce che: il tasso d interesse minimo applicato all avere di vecchiaia è dell 1,75 % (2015); l aliquota minima di conversione all età di 65 anni (uomini) o di 64 anni (donne) ammonta al 6,8 %. In caso di pensionamento anticipato o differito il tasso di conversione viene adattato a seconda della circostanza. Donne (64) /Uomini (65) 1,75 % 6,8 % (Stato 2015) Rendita per figli di pensionato Le persone che ricevono una rendita di vecchiaia hanno diritto a una rendita per figli di pensionato per ogni figlio. Le premesse da soddisfare per ottenere la rendita sono identiche a quelle della rendita per orfani. La rendita per figli di pensionato corrisponde per ogni figlio al 20 % della rendita di vecchiaia. 8

9 Per l invalidità Rendita d invalidità Hanno diritto alla rendita d invalidità le persone assicurate diventate invalide prima di raggiungere l età di pensionamento. Base di calcolo: avere di vecchiaia accumulato fino al sorgere del diritto alla rendita d invalidità somma dei futuri accrediti di vecchiaia per gli anni mancanti all età di pensionamento (senza interessi) L avere di vecchiaia determinante è convertito in una rendita d invalidità mediante la stessa aliquota di conversione utilizzata per la rendita di vecchiaia. Rendita per figli d invalido I beneficiari di una rendita d invalidità hanno diritto a una rendita per figli d invalido per ogni figlio. Le premesse da soddisfare sono identiche a quelle della rendita per orfani. La rendita per figli d invalido ammonta per ciascun figlio al 20 % della rendita d invalidità. Valori di riferimento rendite LPP 2015 In caso di decesso Rendita per coniugi La rendita per coniugi ammonta al 60 % della rendita intera d invalidità o della rendita di vecchiaia in corso di versamento. Condizioni per percepire una rendita per coniugi: dover provvedere al sostentamento di uno o più figli, oppure avere almeno 45 anni compiuti e un matrimonio durato almeno 5 anni. In caso contrario viene versata un indennità unica pari a 3 rendite annuali. Nel caso di coppie omosessuali il partner registrato è equiparato al coniuge. Rendita per orfani I figli della persona assicurata defunta hanno diritto alle rendite per orfani. Il diritto è valido fino a che il figlio compie 18 anni. Tale diritto viene prorogato oltre questo limite per tutto il tempo in cui il figlio è in formazione o se è invalido almeno al 70 %, in ogni caso non oltre il 25 anno d età. La rendita per orfani ammonta per ciascun figlio al 20 % della rendita intera d invalidità o dell ultima rendita di vecchiaia corrisposta. Adeguamento delle rendite in corso all evoluzione dei prezzi Dopo una durata di 3 anni le rendite per superstiti e quelle d invalidità vengono adeguate obbligatoriamente all evoluzione dei prezzi. Ulteriori adeguamenti vengono per principio effettuati ogni 2 anni (esattamente come nell assicurazione per la vecchiaia e i superstiti secondo la LAVS), e al massimo fino ai 65 anni compiuti per gli uomini e 64 per le donne. Gli adeguamenti delle rendite di vecchiaia in corso dipendono dalle possibilità finanziarie dell istituto di previdenza. Forma delle prestazioni Normalmente le prestazioni di vecchiaia, d invalidità e per i superstiti vengono versate sotto forma di rendite. Nel caso dell avere LPP (regime obbligatorio) esiste la possibilità di richiedere il versamento sotto forma di capitale di un quarto dell avere di vecchiaia. Il regolamento può prevedere ulteriori versamenti di capitale. Le rendite di piccola entità possono essere versate sotto forma di capitale. Diritto teorico alle prestazioni (all anno) Uomini (età di pensionamento: 65, anno di nascita: 1950) Donne (età di pensionamento: 64, anno di nascita: 1951) Rendita di vecchiaia massima CHF CHF Rendita vedovile massima (60 %) CHF CHF CHF CHF Rendita per orfani massima (20 %) 9 Fonte: UST 2015

10 Esempio di certificato della cassa pensione Personale Esempio Pietro Esempio SA 8401 Winterthur Certificato della cassa pensione Valevole dal Cassa pensione Fondazione Esempio Contratto n. 1/25251/AB Esempio SA 8401 Winterthur Dati personali Cognome / Nome Esempio Pietro Inizio dell assicurazione Data di nascita Raggiungimento dell età di pensionamento Sesso maschile Salario annuo Numero d assicurato Salario assicurato CHF Parte Parte Evoluzione dell avere di vecchiaia nel 2014 obbligatoria sovraobbligatoria Totale Avere di vecchiaia al Interessi (1,75 %) per il Accrediti di vecchiaia per il Avere di vecchiaia al Nel 2014 l avere di vecchiaia obbligatorio 2 e la parte sovraobbligatoria fruttano un interesse del 1,75 %*. *interessi inclusa l eccedenza di interessi Prestazioni di vecchiaia previste oppure* (valori presumibili remunerati con 2,5 % d interesse) Capitale Rendita In caso di pensionamento ordinario in data all età di 65 anni In caso di pensionamento anticipato all età di 64 anni all età di 63 anni all età di 62 anni all età di 61 anni all età di 60 anni * Tasso di conversione attualmente valido per il pensionamento ordinario: parte obbligatoria 2 : 6,8 %; parte sovraobbligatoria 5,604 %. 1 1/2 10

11 Prestazioni in caso d invalidità Rendita annua d invalidità dopo un periodo d attesa di 24 mesi * Rendita annua per figli d invalido dopo un periodo d attesa di 24 mesi * Esonero dal pagamento dei contributi dopo un periodo d attesa di 3 mesi Prestazioni in caso di decesso Rendita annua per il coniuge superstite * Rendita annua per il convivente superstite Capitale di decesso in complemento alla rendita per il coniuge superstite o per conviventi - Capitale di decesso qualora non venisse a scadenza una rendita per il coniuge superstite o per conviventi Rendita annua per orfani * * In caso d infortunio vengono computate le prestazioni dell assicurazione obbligatoria contro gli infortuni. In questi casi sono valevoli le limitazioni previste dal regolamento. Possibile riscatto delle prestazioni regolamentari di previdenza Possibile riscatto per pensionamento anticipato al all età di 64 anni all età di 63 anni all età di 62 anni all età di 61 anni all età di 60 anni Gli importi di riscatto riportati rappresentano valori indicativi per ogni piano di previdenza. Prima del riscatto, prepariamo per lei un conteggio aggiornato. Per questo abbiamo bisogno che lei ci fornisca informazioni dettagliate tramite il modulo «Riscatto di anni di contribuzione/pensionamento anticipato». Trova il modulo sul nostro sito web. In caso di domande non esiti a contattarci. Parte Parte Diritto in caso di uscita prima dell età di pensionamento obbligatoria sovraobbligatoria Totale Prestazione di libero passaggio al Prelievo anticipato per la proprietà abitativa Somma prelevabile per l acquisto di un abitazione al Contributi della previdenza professionale Totale contributi Suo contributo che include il contributo personale alla previdenza per la vecchiaia che include il contributo personale ad assicurazione di rischio, spese di amministrazione e fondo di garanzia Suo contributo mensile personale sulla base di 12 mesi Il presente certificato personale è stato emesso in base al regolamento della sua cassa pensione. Esso sostituisce tutti i precedenti certificati ed è stato emesso in data su incarico della sua cassa pensione. 1 Entrata in servizio 2 Componente salariale assicurata obbligatoriamente ai sensi della LPP (cfr. pag. 6) 2/2 11

12 Basi per il finanziamento/ Il finanziamento della previdenza professionale avviene con il sistema di capitalizzazione. Per ciascuna persona assicurata, nell ambito di un processo di risparmio viene costituito un capitale per il pagamento delle rendite di vecchiaia. I dipendenti si assumono al massimo la metà dei contributi complessivi. Contributi Accrediti di vecchiaia Gli accrediti di vecchiaia sono i contributi che devono essere versati dal dipendente e dal datore di lavoro e servono ad accumulare l avere di vecchiaia. Il processo di risparmio per le prestazioni di vecchiaia comincia, secondo quanto previsto dalla LPP, il 1 gennaio successivo al compimento del 24 anno d età. Gli accrediti di vecchiaia vengono calcolati in percentuale del salario assicurato (= salario coordinato) e sono differenziati secondo l età (differenza risultante dalla sottrazione dell anno di nascita dall anno civile corrente). Accrediti di vecchiaia scaglionati ai sensi della LPP 7 % % Età 15 % % 55-64/65 Accrediti di vecchiaia in percentuale del salario assicurato Il fondamento della stabilità finanziaria di una cassa pensione è un grado di copertura superiore al 100 %. 12

13 Contributi di rischio Comprendono i premi per i rischi di decesso e di invalidità. La loro entità varia in base alla cassa pensione. Contributi per il fondo di garanzia Il contributo per il finanziamento del fondo di garanzia viene stabilito su base annua e approvato dall UFAS (Ufficio federale delle assicurazioni sociali). Redditi da capitale Le casse pensione sono tenute a garantire nel lungo periodo tutti i pagamenti attuali e futuri delle rendite. Per poter espletare questo mandato previdenziale è necessario investire e amministrare i contributi LPP per decenni nel modo più sicuro ma anche redditizio possibile. Dopo il datore di lavoro e il dipendente, il reddito da capitale è considerato il terzo contribuente. Contributi amministrativi In passato le spese amministrative costituivano spesso una parte dei premi di rischio. Oggi le casse pensione devono indicare i costi di amministrazione separatamente. Entrate secondo il genere Entrate previdenza professionale 2012: CHF mio. Uscite secondo il genere Uscite previdenza professionale 2012: CHF mio. 24,3% 43,0% 32,7% Contributi e versamenti d entrata dipendente Contributi e versamenti d entrata datore di lavoro Reddito da capitale e altre entrate * Senza costi di gestione patrimoniale indiretti Rendite Prestazioni in capitale Spese amministrative e d esecuzione* Prestazioni d uscita, versamenti alle assicurazioni, interessi passivi mio mio mio mio (In CHF) Fonte: UFAS 2014 Fonte: UFAS 2014

14 Diritto all avere della cassa pensione/ L avere accumulato nel corso dell attività professionale viene gestito dalla cassa pensione dell attuale datore di lavoro e trasferito alla nuova cassa pensione in caso di cambiamento del posto di lavoro. In casi eccezionali è possibile il pagamento in contanti. Cambiamento del datore di lavoro Libero passaggio Ai sensi della Legge sul libero passaggio (LFLP), in caso di cambiamento del datore di lavoro (e quindi della cassa pensione/dell istituto di previdenza) si ha diritto all intero avere di vecchiaia maturato (pieno libero passaggio). In caso di passaggio da un istituto di previdenza all altro, quello precedente deve versare l avere di libero passaggio al nuovo istituto. Se non è possibile effettuare il trasferimento, la prestazione di libero passaggio viene versata su un conto di libero passaggio oppure viene emessa una polizza di libero passaggio. Ricerca in base all avere Se non si conosce l attuale istituto di previdenza o il luogo di giacenza del proprio capitale di vecchiaia del 2 pilastro, ci si può rivolgere all Ufficio centrale del 2 pilastro: Ufficio centrale del 2 pilastro Fondo di garanzia LPP Direzione Eigerplatz 2 Casella postale Berna Il pagamento in contanti della prestazione di libero passaggio è consentito se si lascia definitivamente la Svizzera (salvo emigrazione verso un paese UE/EFTA); per l avvio di un attività lucrativa indipendente; se la prestazione di uscita è inferiore al contributo annuo della persona assicurata. 14

15 Promozione della proprietà abitativa Fino a 3 anni prima del pensionamento è possibile prelevare anticipatamente o costituire in pegno i fondi della previdenza professionale per finanziare la proprietà di un abitazione ad uso proprio. Prelievo anticipato Fino al 50 anno d età può essere prelevato un importo pari al massimo della prestazione di libero passaggio. Dopo l età di 50 anni può essere prelevato al massimo l importo più elevato fra la prestazione di libero passaggio disponibile a 50 anni e la metà della prestazione di libero passaggio al momento del prelievo. Va inoltre osservato che: un prelievo anticipato può essere rimborsato facoltativamente, ma può essere effettuato solo ogni cinque anni; il prelievo minimo ammonta a CHF ; il prelievo anticipato comporta la riduzione delle prestazioni di previdenza; in caso di alienazione della proprietà abitativa, il prelievo anticipato deve essere rimborsato interamente. Costituzione in pegno È possibile costituire in pegno i diritti alle prestazioni di previdenza, oppure un importo che corrisponde al massimo alla prestazione di libero passaggio. Per la seconda variante valgono, in particolare dopo i 50 anni, le stesse condizioni previste per il prelievo anticipato. Divorzio In caso di divorzio ciascun coniuge, indipendentemente dal regime patrimoniale, ha diritto alla metà dell avere di vecchiaia della previdenza professionale maturato dall altro durante il matrimonio. A tal fine vengono presi in considerazione: l avere della cassa pensione l avere in conti o polizze di libero passaggio eventuali prelievi anticipati per la promozione della proprietà abitativa effettuati nel corso della durata del matrimonio Gli istituti previdenziali coinvolti informano il tribunale di divorzio in merito all acquisizione di prestazioni di libero passaggio o a eventuali prelievi anticipati effettuati durante il matrimonio. Il tribunale calcola i rispettivi importi e nella sentenza di divorzio indica l ammontare dovuto al coniuge e l indirizzo di versamento (istituto di previdenza o conto/polizza di libero passaggio). Se prima della data di divorzio subentra un caso previdenziale (pensionamento, invalidità o decesso) non è più possibile procedere alla ripartizione a metà dell avere. In tal caso il tribunale stabilisce un indennità adeguata per il partner beneficiario. 15

16 Altri capisaldi della LPP/ Dall entrata in vigore della LPP le basi giuridiche hanno subito più volte adeguamenti e integrazioni, ad esempio con le norme di promozione della proprietà abitativa. Anche in futuro la LPP sarà oggetto di continua ottimizzazione sotto forma di revisioni parziali. Obiettivo della LPP Dal 1985 la LPP persegue l obiettivo statuito dalla Costituzione di consentire ai pensionati, ai superstiti e agli invalidi, a complemento delle prestazioni dell AVS/ AI, di mantenere in modo adeguato il tenore di vita abituale. Tuttavia, poiché si assiste a un progressivo invecchiamento della popolazione e quindi a un erogazione delle rendite per un periodo più lungo, si è già dovuta tagliare drasticamente sia la remunerazione minima sia l aliquota di conversione. Questi adeguamenti alimentano sempre più la discussione sugli obiettivi originari della LPP. 16 Istituto di previdenza Con la copertura dei principali rischi sociali (vecchiaia, decesso e invalidità) le casse pensione (fondazioni collettive) appartengono alle assicurazioni sociali. L adempimento del mandato previdenziale richiede una gestione lungimirante delle entrate e delle uscite. Pertanto, gli istituti di previdenza che intendono applicare l assicurazione obbligatoria secondo la LPP, devono soddisfare condizioni severe: iscrizione nel registro della previdenza professionale presso la competente autorità di vigilanza forma giuridica: fondazione o cooperativa, ovvero riconoscimento come istituzione di diritto pubblico trasparenza, lealtà e integrità di tutti i suoi attori I dipendenti e il datore di lavoro sono rappresentati in numero uguale in seno al consiglio di fondazione, l organo decisionale dell istituto di previdenza (amministrazione paritetica). Affiliazione Di norma i datori di lavoro aderiscono a una cassa pensione ai fini della previdenza professionale. In alternativa ciascun datore di lavoro può costituire una propria cassa pensione autonoma. I datori di lavoro senza una cassa pensione vengono affiliati alla Fondazione istituto collettore (cfr. anche pag. 18). In questo modo vengono garantite le prestazioni previste dalla legge. Controllo L ufficio di revisione esamina annualmente la gestione, la contabilità e l investimento patrimoniale. Il perito riconosciuto in ma - teria di previdenza professionale verifica periodicamente se l istituto di previdenza è sempre in grado di adempiere ai suoi obblighi. La tendenza è netta: un numero sempre minore di istituti di previdenza assicura un numero sempre maggiore di lavoratori.

17 Fondo di garanzia Il fondo di garanzia a livello nazionale ha quale scopo di: garantire le prestazioni obbligatorie in caso di istituti o casse di previdenza divenuti insolventi; ripristinare i contatti interrotti tra gli assicurati e l istituto di previdenza professionale (Ufficio centrale del 2 pilastro); versare i sussidi agli istituti di previdenza con struttura d età sfavorevole. Questa evenienza ricorre quando la somma degli accrediti di vecchiaia è superiore al 14 % della somma dei relativi salari assicurati; indennizzare l istituto collettore delle spese sostenute nell ottemperanza del suo dovere. Trattamento fiscale In particolare, la legge prevede le seguenti disposizioni: Gli istituti di previdenza che applicano la previdenza professionale sono esenti dalle imposte dirette federali, cantonali e comunali e dalle imposte sulla successione e sulla donazione. I contributi che i datori di lavoro versano agli istituti di previdenza sono considerati oneri d esercizio ai fini dell imposizione fiscale diretta della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni. I contributi per la previdenza professionale versati dai dipendenti e dalle persone che esercitano un attività indipendente sono deducibili dalle imposte dirette federali, cantonali e comunali. Se la persona assicurata acquista prestazioni regolamentari, può normalmente dedurre l importo destinato all acquisto di anni di contribuzione dal suo reddito imponibile. I prelievi di capitale entro 3 anni dal riscatto vengono considerati dalle autorità tributarie come elusione fiscale. In questo caso si devono prevedere pesanti ripercussioni fiscali. Le prestazioni di rendita versate dagli istituti di previdenza sono imponibili come reddito mentre le prestazioni di capitale vengono tassate separatamente dal restante reddito a una tariffa speciale. I diritti alle prestazioni future degli istituti di previdenza sono esenti da imposta. Il prelievo anticipato per la proprietà d abitazioni ad uso proprio è imponibile. Se si procede al rimborso dell importo prelevato le tasse vengono rimborsate, tuttavia senza interessi. Tendenze nella previdenza professionale 150% 140% Indice 2004 = % 120% 110% 100% 90% 80% 70% Contributi e versamenti Prestazioni 1 Totale di bilancio 2 Beneficiari di prestazioni 1 Assicurati attivi Numero istituti di previdenza 1 Rendite e capitale in caso di vecchiaia, decesso e invalidità 2 Senza attivi/passivi da contratti assicurativi Fonte: UST 2014

18 Istituto collettore Alla Fondazione istituto collettore spettano i seguenti compiti: affiliare d ufficio i datori di lavoro che non hanno costituito un istituto di previdenza né si sono affiliati a uno esistente; affiliare i datori di lavoro che ne fanno richiesta; assicurare a titolo facoltativo: i lavoratori indipendenti e gli svizzeri residenti all estero, i dipendenti al servizio di più datori di lavoro, i dipendenti che escono dalla previdenza professionale obbligatoria ma che desiderano prorogarla; versare le prestazioni obbligatorie a favore del dipendente o dei suoi superstiti nel caso in cui il datore di lavoro, contravvenendo agli obblighi di legge, non si sia affiliato a nessun istituto di previdenza; amministrare le prestazioni di libero passaggio che per varie ragioni non possono essere trasferite ai legittimi proprietari; applicare la previdenza professionale obbligatoria per i disoccupati. Altri importanti testi di legge Codice civile (art. 89 bis, 122 segg. CC) Codice di procedura civile (art. 279 segg. CPC) Codice delle obbligazioni (art. 331 segg. CO) Legge federale sul libero passaggio (LFLP) Diverse ordinanze, in particolare la n. 2 sulla LPP (OPP 2) Interessati ad altre pubblicazioni di questa serie? 1 pilastro: Previdenza statale 2 pilastro: Previdenza professionale 3 pilastro: Previdenza privata Assicurazioni sociali: Sistema previdenziale in Svizzera Attuale legislazione del 2 pilastro Cassa pensione e proprietà abitativa: Promozione della proprietà abitativa (PPA) Tutti gli opuscoli e le informazioni su previdenza e assicurazioni possono essere richiesti gratuitamente in ogni momento o scaricati dal sito 18

19

20 Le questioni di carattere previdenziale e assicurativo vanno trattate individualmente. AXA vi illustra le opzioni possibili e vi propone soluzioni adeguate. Richiedete oggi stesso una consulenza non vincolante. AXA Winterthur General-Guisan-Strasse 40 Casella postale 357, 8401 Winterthur 24 ore su 24: AXA Vita SA (portale clienti)

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Swiss Life Flex Save Uno/Duo Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Approfittate di una moderna assicurazione di risparmio con prestazioni garantite e opportunità di rendimento Swiss Life Flex

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate 1.02 Stato al 1 luglio 2008 Splitting in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate devono essere calcolate tenendo conto di una divisione

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS Nuovo numero AVS Stato del progetto al 1 novembre 2007 Introduzione del nuovo numero AVS 1 L utilizzazione graduale del nuovo numero nell assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS), nell assicurazione

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Vivere e lavorare in Europa

Vivere e lavorare in Europa Italienische Fassung Vivere e lavorare in Europa > Il diritto dell Unione europea > Lavorare in diversi Stati membri > Pagamento delle pensioni Größe: 100 % (bei A5 > 71%) Lavoro senza confini L Europa

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Promemoria 21. Maggiore età

Promemoria 21. Maggiore età Promemoria 21 Molte persone in formazione compiono 18 anni durante la formazione professionale di base, diventando quindi maggiorenni. Questo comporta diversi cambiamenti a livello giuridico, sia per le

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli