TRIAGE E FRONT OFFICE IN PRONTO SOCCORSO Definizione, Riferimenti normativi, Strumenti, Strutturazione Funzionale, Protocolli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIAGE E FRONT OFFICE IN PRONTO SOCCORSO Definizione, Riferimenti normativi, Strumenti, Strutturazione Funzionale, Protocolli"

Transcript

1 U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci TRIAGE E FRONT OFFICE IN PRONTO SOCCORSO Definizione, Riferimenti normativi, Strumenti, Strutturazione Funzionale, Protocolli Premessa Il presente documento è finalizzato a fornire agli Operatori di Pronto Soccorso uno strumento rapido e operativo, che consenta di avviare un percorso di implementazione dei processi di accoglienza e Triage, utilizzando correttamente i principali meccanismi che informano il processo decisionale orientato alla selezione degli accessi, secondo criteri di priorità assistenziale. In realtà l esperienza di ogni giorno ci ha condotto a considerare che il Triage va necessariamente inserito in un processo più ampio di accoglienza (Front Office), finalizzato non solo a stabilire il grado di priorità assistenziale, ma anche a garantire un qualificato livello di accoglienza socio-relazionale, gestione della comunicazione, gestione dell ansia, elementi indispensabili per accogliere ed inserire l Utente nei meccanismi insiti al Pronto Soccorso, senza ingenerare o riducendo al massimo l insorgere di condizioni di stress psicologico, spesso causa di situazioni conflittuali. In questo ambito, in accordo con il modello organizzativo proposto dal CTS Nazionale SIMEU nel 2007, il processo di Front Office in Pronto Soccorso può essere distinto in due ambiti funzionali: 1) Accoglienza Socio-Relazionale e Selezione sulla porta; 2) Triage Strutturale. In Strutture ad elevata complessità, come la nostra, questi due ambiti possono assumere un rilievo strutturale, con locali e personale differenziato, mentre, in strutture caratterizzate da più semplice articolazione funzionale, essi possono essere condensati nel medesimo locale ed esperiti dallo stesso operatore attraverso una graduazione funzionale del suo intervento. Inoltre, nelle Strutture di Pronto Soccorso a più elevata complessità, la struttura di Triage deve essere necessariamente collegata con un articolazione funzionale della struttura assistenziale, basata sul percorso differenziato per codice di accesso. Nella nostra struttura si è individuata una sala d attesa per gli utenti con codice bianco/verde, collegata ad un ambulatorio Fast Track, posto nelle adiacenze del servizio radiologico, che non interagisce con le altre aree assistenziali, una sala d attesa differenziata per gli utenti barellati e codici gialli (come da requisiti specifici contenuti nel Regolamento Regionale 3/5), in rapporto visuale con la postazione di Triage, un area assistenziale ad elevata complessità d intervento, distinta in Area Gialla/Osservazione Temporanea (da non confondersi con l Osservazione Breve Intensiva che costituisce altro ed ulteriore ambito Strutturale)) e Area Rossa con locali di Intensiva ad orientamento chirurgico, Intensiva ad orientamento internistico/cardiologico, progressiva/semintensiva (finalizzata soprattutto alla ventilazione meccanica non invasiva). In questo ambito, l algoritmo di engineering assistenziale del pronto soccorso degli OO. RR. È il seguente:

2 PROGETTAZIONE Attesa verdi ESAMI E CONSULENZE DIMISSIONE ACCOGLIENZA PRETRIAGE TRIAGE PROTOCOLLI DI TRIAGE Attesa gialli AREA VERDE LINEE GUIDA E PROTOCOLLI INFERMIERISTICI DI EMERGENZA OSSERVAZION BREVE OSSERVAZIONE BREVE ORDINARIA INTENSIVA PROTOCOLLI DI OSSERVAZIONE BREVE CODICI ROSSI AREA GIALLA RICOVERO AREA ROSSA PROTOCOLLI INTERFUNZIONALI

3 Pretriage Il Pretriage, previsto come ambito di accoglienza dal CTS Nazionale SIMEU, consiste nell insieme di locali, meccanismi strutturali e documentali di comunicazione esterna, personale dedicato all accoglienza socio relazionale di qualsiasi utente si rivolga al Pronto Soccorso (pazienti, accompagnatori ecc.). Esso è indispensabile per garantire un accesso nei locali operativi riservato ai soli pazienti, preservando allo stesso momento quel senso di accoglienza e gestione dei meccanismi ansiogeni che quasi sempre si pongono alla base del dualismo Utente/Servizio e spesso generano situazioni conflittuali. Nel nostro Servizio il Complesso del Pretriage consiste in una Sala di Accoglienza fornita di TV maxischermo che alterna normali trasmissioni televisive a spot educativi e tesi ad illustrare l Azienda e il Servizio di Pronto Soccorso. Nella Sala di accoglienza viene comunicata la lettera di accoglienza (All. 1) tramite manifesti murali e volantini. All interno di questa opera il Personale appartenente alle Organizzazioni di Volontariato con compiti di sostegno e tramite tra la struttura e l Utente. Nell ambito della Sala di Accoglienza è presente un angolo di compilazione/raccolta del questionario gradimento utenti (All. 2) e la Console di Pretriage, gestita da un infermiere che, in condizioni di garanzia di rispetto delle norme sulla privacy, raccoglie i dati anagrafici dei pazienti, esegue un triage informale sulla porta e crea un registro di afferenza, generando un codice numerico progressivo di identificazione. Tale codice numerico viene segnato su una copia della lettera di accoglienza che viene consegnata al paziente. In tempi brevi, il paziente (accompagnato solo se minorenne, disabile o con particolari necessità assistenziali) viene ammesso in Sala Triage, dove viene valutato dall Infermiere di Triage, alla luce del processo decisionale di seguito riportato, e dotato di un codice colore di priorità d accesso che lo immette in un percorso assistenziale differenziato (vedi Post-Triage).

4 Triage Definizione Processo che permette di definire, sulla base di una valutazione specifica, i bisogni di salute, classificandoli per priorità, e quindi dare risposte in modalità e tempi adeguati. Riferimenti normativi - DPR 92 sistema di emergenza-urgenza sul territorio nazionale - Atto di indirizzo e coordinamento della Conferenza Stato-Regioni DPR 14/01/97 requisiti minimi per l autorizzazione all esercizio - Regolamento Regionale n. 3/05 requisiti di accreditamento regionale Strumenti del Triage Al fine di definire i bisogni di salute in ordine di priorità, l Infermiere di Triage utilizza una serie di strumenti che costituiscono un vero e proprio sistema di valutazione ed identificazione del paziente. Tali strumenti possono essere così classificati: - CODICI - PROCESSO DECISIONALE - SEGNO/SINTOMO GUIDA - INDICATORI - ALGORITMO DECISIONALE - PROTOCOLLI - SCHEDA DI TRIAGE Codici Il codice di priorità è lo strumento che permette di identificare il grado di priorità del paziente e quindi la sua assegnazione costituisce l atto finale del processo di Triage. La classificazione dei codici è la seguente:

5 CODICI ROSSO IMMEDIATO PERICOLO DI VITA - TEMPO ATTESA 0 GIALLO PAZIENTE POTENZIALMENTE INSTABILE - TEMPO ATTESA < 10 MIN. VERDE PAZIENTE STABILE - TEMPO ATTESA 10MIN.-2 ORE BIANCO PAZIENTE AMBULATORIALE Il Processo Decisionale Il processo decisionale è un processo logico che parte dalla valutazione delle condizioni del paziente ed è finalizzato al controllo dei parametri vitali correlati ad eventuale pericolo di vita (A: pervietà delle vie aeree, B: alterazioni del Respiro e/o della Saturazione di O2, C:alterazioni di polso, frequenza Cardiaca, Pressione Arteriosa, Pallore, Sudorazione, Cianosi, D: alterazioni della coscienza), la cui alterazione configura immediatamente un codice rosso, e alla ricerca di si segni e/o sintomi potenzialmente evolutivi che, definiti meglio alla luce di particolari caratteristiche chiamate Indicatori, conducono l Infermiere triagista ad assegnare un codice rosso o giallo. Quando il segno/sintomo non rientra tra quelli evolutivi o non è presente alcun indicatore che confermi la reale evolutività di un segno sintomo guida potenzialmente evolutivo, l Infermiere può assegnare un codice verde o bianco, a seconda che giudichi il caso come urgenza differibile o non urgenza, ed inserire il paziente in una lista di attesa con percorso assistenziale differenziato rispetto ai due codici maggiori. Il Segno/Sintomo Guida E il segno/sintomo principale che conduce il paziente al Pronto Soccorso. Permette all Infermiere di Triage un primo orientamento sulla rilevanza vitale del motivo di presentazione del paziente. Presso la nostra Struttura Complessa è stato individuato un elenco di segni/sintomi guida potenzialmente evolutivi (All. 3) che, caratterizzati meglio alla luce di particolari indicatori, guidano l Infermiere Triagista verso l assegnazione di un codice rosso o giallo. Segni/Sintomi Guida diversi da quelli evidenziati, in assenza di alterazione dei parametri vitali, permettono l assegnazione di un codice minore (verde o bianco). Indicatori Permettono di caratterizzare meglio il segno/sintomo guida, raccogliendo informazioni sulle sue caratteristiche specifiche e sull eventuale carattere evolutivo riguardo alle condizioni vitali. Gli Indicatori si classificano come segue:

6 VITALI ABCD + particolari caratteristiche aggiuntive, legate specificamente al Segno/Sintomo Guida GENERALI CONDIZIONE GLOBALE DEL PAZIENTE SPECIFICI PRIMARI CARATTERISTICHE DEL SEGNO/SINTOMO GUIDA SPECIFICI SECONDARI FATTORI DI RISCHIO Algoritmo Decisionale La presenza di alterazione di parametri vitali alterati indica subito un codice rosso. Se i parametri vitali ABCD non sono alterati, viene cercata la presenza di un segno/sintomo guida potenzialmente evolutivo. Se non vi sono segni/sintomi guida potenzialmente evolutivi si assegna codice verde o bianco, secondo valutazione infermieristica di urgenza differibile o non urgenza; se è presente un segno/sintomo guida potenzialmente evolutivo si passa alla ricerca di indicatori vitali aggiuntivi che guidino verso un codice rosso. In caso di assenza di questi ultimi, si passerà ad una valutazione seriale di indicatori generali, specifici primari e specifici secondari, la cui presenza implica l assegnazione di un codice giallo. In caso di completa negatività di questi, potrà essere assegnato un codice verde anche ad un segno/sintomo guida potenzialmente evolutivo.

7 RILEVA I PARAMETRI VITALI ABCD ALTERATI NON ALTERATI CODICE ROSSO RICERCA UN SEGNO/SINTOMO GUIDA POTENZIALMENTE EVOLUTIVO ASSENTE PRESENTE PRESENTE RICERCA IN ORDINE ALMENO UNO DEGLI INDICATORI VITALI AGGIUNTIVI SPECIFICI DEL SEGNO SINTOMO/GUIDA POTENZIALMENTE EVOLUTIVO CODICE VERDE ASSENTE RICERCA IN ORDINE ALMENO UNO DEGLI INDICATORI GENERALI, SPECIFICI PRIMARI E SPECIFICI SECONDARI DEL SEGNO SINTOMO/GUIDA POTENZIALMENTE EVOLUTIVO ASSENTE PRESENTE CODICE GIALLO

8 Protocolli Norme di comportamento scritte che permettono una corretta omogeneizzazione dei processi di triage. Essi vengono adottati in maniera condivisa da tutti gli operatori ed emanati dal Direttore S.C. Il singolo infermiere e responsabile della corretta applicazione dei protocolli e non del loro contenuto. I Protocolli contengono le informazioni indispensabili per uniformare il processo decisionale (indicatori vitali, elenco dei segni/sintomi guida potenzialmente evolutivi e tabella degli indicatori vitali aggiuntivi specifici, indicatori generali, specifici primari e specifici secondari relativi a ciascun segno/sintomo guida. Essi contengono anche informazioni riguardo a prestazioni specifiche che sono eseguibili in triage in alcuni casi (emostasi temporanea, provvedimenti posturali, stick glicemico ecc., immobilizzazione e stabilizzazione in linea ecc.). L elenco dei segni/sintomi guida potenzialmente evolutivi, degli indicatori vitali generali, vitali aggiuntivi specifici per segno/sintomo guida, generali, specifici primari e specifici secondari adottati nella nostra S.C. è riportato negli allegati n Scheda di Triage E la documentazione scritta dell avvenuto processo di triage. Costituisce atto medico-legale, deve essere compilata in ogni sua parte e firmata dall infermiere di triage. Per i codici rossi e ammessa la compilazione a posteriori. La struttura della scheda adottata dalla nostra S.C. (All. 7) è costituita da un campo identificativo, uno di raccolta dati clinici indispensabili per il processo decisionale, uno riportante le attività esperite sul paziente ed uno di outcome, con l attribuzione del codice colore di priorità: il primo campo riporta, oltre ai dati anagrafici, anche il codice numerico di identificazione generato in pretriage, il secondo riporta in ordine i parametri vitali (indicatori vitali generali), il problema presentato dal paziente (problema attuale campo aperto ad enunciazione descrittiva), l elenco dei Segni/Sintomi Guida potenzialmente evolutivi (campo chiuso da barrare), alcuni elementi sullo stato generale del paziente (indicatori generali - campo chiuso da barrare) ed infine elementi anamnestici relativi ad indicatori specifici secondari (campo chiuso da barrare). E in corso un processo di informatizzazione della scheda che, mediante l apertura di sottomenu contenente l elenco degli indicatori specifici primari per ogni segno/sintomo guida, consentirà la visualizzazione diretta di questi, la possibilità di barrare gli indicatori presenti e quindi l instaurarsi di un algoritmo decisionale informatizzato di counseling per il processo di attribuzione del codice colore di priorità. I due campi finali riguardano le prestazioni di triage, il codice colore di priorità attribuito e la firma dell infermiere triagista. La scheda viene condotta, rispettando le norme di privacy, nell ambulatorio di destinazione e consegnata al Medico o all Infermiere titolare dell ambulatorio suddetto. Al paziente viene rilasciata una scheda d istruzioni (All. 8) contenente il codice attribuito e spiegazioni sul processo di post-triage. I percorsi vengono facilitati da guide colorate sul pavimento.

9 Post-Triage La fase del post-triage è caratterizzata dall innesco di un percorso assistenziale differenziato in relazione al codice colore assegnato: i pazienti con codice rosso all arrivo accedono immediatamente all area rossa; in questi casi la scheda di Triage viene compilata a posteriori, poiché l applicazione di codice rosso interrompe immediatamente qualsiasi atto precedente l accesso in Sala Rossa, che deve avvenire immediatamente. Ne consegue logicamente che i pazienti condotti dal 118 con codice di rientro 3 bypassano completamente il Triage e vengono condotti in detta Sala. I pazienti con codice giallo vengono fatti accedere nell Area Gialla, quando sia disponibile almeno un box. In caso contrario attendono in Sala Attesa Codici Gialli, controllata da Personale di Sala, per un periodo che non deve superare i 10 minuti. I pazienti con codice verde o bianco attendono in Sala Attesa Verde e vengono chiamati secondo il codice numerico progressivo assegnato in pretriage per essere visitati nell ambulatorio fast track, attraverso un percorso non interconnesso con quello dei codici maggiori. La chiamata da parte del Medico di ambulatorio avviene tramite interfono e segnale visivo su monitor in Sala Attesa. I percorsi sono segnati su pavimento da guide colorate.

10 S.C. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci Gentile Concittadino, nel darle il benvenuto presso la nostra Struttura, Le vogliamo spiegare qual è il funzionamento di essa, invitandola a collaborare con noi perché il servizio offerto a Lei, ad un suo Vicino e ad altri Utenti sia il migliore possibile. Ogni giorno lavoriamo per risolvere i problemi di salute di un gran numero di persone e spesso ci troviamo nelle condizioni di dover profondere un grande impegno per salvare vite umane. Data la grande affluenza di Utenti, siamo costretti a disciplinare l afflusso, dando la precedenza alle Persone affette da condizioni più gravi ed urgenti. Al suo arrivo Lei può rivolgersi al personale presente al banco di accoglienza, che è a sua disposizione per qualsiasi bisogno, fornendo le proprie generalità. Appena possibile (normalmente in tempi brevi) sarà ammesso all interno della Sala Triage dove un Infermiere specificamente addestrato valuterà il Suo caso, Le assegnerà un codice colore di urgenza (rosso = emergenza e accesso immediato, giallo urgenza non differibile e accesso nell arco di 10 minuti, verde e bianco urgenza differibile e non urgenza con entrata in ordine di arrivo) e le consegnerà una scheda con un numero di identificazione per garantire la protezione dei Suoi dati personali. Per rendere più efficiente il servizio, gli Utenti con codice verde o bianco saranno visitati in ambienti diversi dai locali destinati ai pazienti più gravi. Per evitare di intasare inutilmente il servizio, i parenti e accompagnatori, cui l accesso in Pronto Soccorso non è consentito se non in casi particolari (minori, portatori di disabilità, particolari necessità assistenziali), potranno attendere in Sala Attesa, rivolgendosi per qualsiasi necessità al personale del banco di accoglienza o al Personale di Volontariato, presente all ingresso. Se sarà costretto ad aspettare del tempo è solo perché il personale è impegnato per risolvere problemi più gravi ed urgenti di altre Persone, per cui le chiediamo gentilmente di offrire la propria disponibilità perché il servizio offerto in questo Reparto, di importanza vitale per la Cittadinanza, sia sempre più qualificato e sicuro. Al banco di accoglienza troverà un questionario di gradimento che, se riterrà opportuno, potrà compilare e depositare nell apposito raccoglitore; ci aiuterà così a migliorare continuamente la qualità del Servizio e il Rapporto con i Cittadini/Utenti. Il personale tutto è a sua completa disposizione. Le auguriamo il miglior soggiorno possibile presso di noi. GLI OPERATORI DEL PRONTO SOCCORSO All. 1 Lettera di Accoglienza

11 U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci al fine di rendere un servizio sempre più rispondente alle esigenze della popolazione, La preghiamo di compilare il seguente questionario, del tutto anonimo, e di depositarlo nell apposita cassetta situata nel corridoio del Pronto Soccorso. I pochi minuti da Lei spesi nel compilare il seguente questionario sicuramente ci aiuteranno a migliorare la qualità del servizio prestato. 1) Paziente Familiare 2) Sesso: M F 3) Età: meno di 18 tra tra più di 60 4) E stato: Ricoverato Rinviato a domicilio 5) Se è stato rinviato a domicilio, ha ricevuto la copia della relazione clinica? SI NO 6) E stato applicato il servizio di Triage infermieristico? SI NO 7) Quale codice le è stato assegnato? Rosso Giallo Verde 8) Tempo di attesa min. 9) cosa ne pensa rispetto a: - informazioni sanitarie - disponibilità dei medici - numero dei medici - disponibilità degli infermieri - numero degli infermieri - segnaletica interna - pulizia dei locali - pulizia dei servizi igienici - comfort sala d attesa SODDISFATTO INSODDISFATTO Molto poco poco molto 10) Ha qualche proposta o reclamo utile al fine di migliorare la qualità delle prestazioni? All. 2 Questionario di Gradimento Utenti

12 SEGNO SINTOMO GUIDA POTENZIALMENTE EVOLUTIVO DOLORE TORACICO/CARDIOPALMO DISPNEA EPIGASTRALGIA DOLORE ADDOMINALE EMATEMESI/MELENA LIPOTIMIA-SINCOPE CEFALEA COMA OBNUBILAMENTO DISTURBI DELLA MOTILITA POLITRAUMA TRAUMA CRANICO/CERVICALE TRAUMA TORACO-ADDOMINALE TRAUMI DEGLI ARTI USTIONI STATO FEBBRILE Allegato 3 - Elenco dei Segni/Sintomi Guida Potenzialmente evolutivi

13 Allegato 4 INDICATORI VITALI GENERALI A) PERVIETA VIE AEREE o Respiro Stertoroso o Stridore Laringeo o Rientro Inspiratorio della fossa giugulare e sovraclaveare (Tirage) o Sospetto o certezza di corpo estraneo nelle vie aeree o aspirazione di secreti o ingesti B) ALTERAZIONI DEL RESPIRO o Arresto Respiratorio/Gasping o Dispnea Grave (non riesce a parlare) o Frequenza Respiratoria > 30 bpm o Frequenza Respiratoria < 10 bpm o SaO2 < 85% o Cianosi C) ALTERAZIONI DELLA CIRCOLAZIONE - Arresto Cardiaco / Assenza di polso - Cianosi/Pallore/Sudorazione Fredda - PA Sistolica >220 o < 90 mmhg - Frequenza Cardiaca > 140 o < 50 bpm D) ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA - Stato di Coma (Stadio P/U della scala AVPU Vedi sotto) E) ALTRE CONDIZIONI GENERALE CHE CONFIGURANO CODICE ROSSO - Glicemia < 50 mg/dl - Codice 3 di rientro da parte del 118

14 Allegato 5 Tabella degli Indicatori Vitali Aggiuntivi Specifici, Generali, Specifici Primari, Specifici Secondari Segno-Sintomo Guida Pot. Evolutivo Indicatori Vitali Aggiuntivi Specifici (Codice Rosso) Indicatori Generali (Codice Giallo) Indicatori Specifici Primari (Codice Giallo) Indicatori Specifici Secondari (Codice Giallo) DOLORE TORACICO E/O CARDIOPALMO DISPNEA - Paziente Molto Sofferente - Paziente Agitato - Non riesce a stare in piedi - Paziente barellato dal Dolore Costrittivo sul precordio - Irradiadiazione al braccio sx o ad entranmbe le braccia - Irradiazione al dorso e alla spalla sx - Irradiazione al collo e mandibola - Ritmo Anomalo all auscultazione della frequenza centrale - Anisosfigmia - Annegamento Idem - Torace Iperespanso - Accessi di tosse frequenti e parossistici - Età > 35 aa - Cardiopatia ischemica - Ipertensione - Diabete - Dislipidemia - Familiarità - Pregressi Interventi Chirurgici sul Cuore - Altre Cardiopatie - Recente Trauma Maggiore o Intervento Chirurgico - Recente Trombosi Venosa Profonda - Recente Trauma Toracico - Terapia Anticoagulante - Trattamento con Contraccettivi Orali - Storia di Asma Bronchiale - Storia di BPCO - Stato Febbrile anche nei giorni EPIGASTRALGIA - Ematemesi e/o Melena in atto - Vomito Incoercibile - Evidente Stato di disidratazione (Lingua asciutta e patinosa) - Ematemesi e/o melena riferite (Vedi Soprattutto Dolore Toracico) - Storia di Ulcera peptica complicata - Interventi

15 \DOLORE ADDOMINALE EMATEMESI E/O MELENA - Grave Rettorragia in atto - Evidente massa pulsante addominale - In atto - Riferita (Vedi Epigastralgia) - Localizzazione e caratteri suggestivi per occlusione intestinale, peritonite, pancreatite, appendicite, patologia ginecologica acuta/amenorrea/ Meno metrorragie, Colica renale, colica biliare. - Coesistente dirrea grave ed incoercibile, specie se sanguinolenta - Alvo chiuso a feci e gas - Ittero chirurgici su stomacopancreas-vie biliari - Terapia con Antiinfiammatori - Sospetto o certezza di intossicazione - Etilismo (Vedi Epigastralgia) - Terapia anticoagulante neoplasia chirurgia addominale (anche laparoscopica), specie se recente - Recente Trauma addominale aneurisma dell Aorta Addominale LIPOTIMIA/SINCOPE /VERTIGINI - Presenza di Coma (stadio p/u della scala specifica avpu in allegato) - Paziente Obnubilato (stadio v della scala avpu) (Vedi dolore Toracico) - Effettiva pregressa perdita di coscienza - amnesia dell evento - Disorientamento Temporo-spaziale - Certezza o sospetto di trauma cranico - Certezza o sospetto di trauma chiuso toraco-addominale - Certezza o sospetto di intossicazione - Certezza o sospetto di disturbo di circolo cerebrale (Cincinnati Prehospital Stroke Scale positiva vedi allegato) (vedi soprattutto dolore toracico) pregresso trauma cranico (nei 6 mesi ) pregresso disturbo di circolo cerebrale epilessia o altra patologia neurologica degenerativa (Sclerosi Multipla, SLA, Parkinson ecc.)

16 CEFALEA - Coesistenza di chiari segni focali (Cincinnati Prehospital Stroke Scale Positiva) - Convulsione in atto o episodio convulsivo riferito nell arco dei 60 minuti COMA/ OBNUBILAMENTO DISTURBI DELLA MOTILITA - P/U (Scala AVPU) - V con glicemia < 50 mg /dl - Coesistenza di cefalea ingravescente - Difficoltà nell eloquio (afasia motoria) - Intensità del dolore ingravescente Precedenti (vedi soprattutto dolore toracico e sincope) - Cefalea acuta di recente insorgenza (il paziente non riferisce episodi di cefalea precedentemente) - Cefalea a carattere ingravescente nel corso di breve periodo - Episodio particolarmente grave in soggetto affetto da cefalea cronica intermittente - Certezza o sospetto di trauma cranico - Certezza o sospetto di intossicazione (anche etilica) - Coesistenzza di iperpiressia - Riferita crisi convulsiva (da un intervallo maggiore di 60 min) - uno dei - V con glicemia > terapia anticoagulante e/o terapia antiaggregante terapia con contraccettivi orali terapia antipsicotica e/o antidepressiva terapia antipertensiva e/o antiaritmica (vedi soprattutto dolore toracico e sincope) - anamnesi terapia con contraccettivi orali terapia anticoagulante e/o terapia antiaggregante 50 mg/dl

17 POLITRAUMA TRAUMA CRANICO E CERVICALE (NB IN CASO DI TRAUMA CERVICALE SEVERO BARELLARE SUBITO IL PAZIENTE CON TAVOLA SPINALE, APPLICARE SEMPRE IL COLLARE CERVICALE E LO STABILIZZATORE DEL CAPO) TRAUMA TORACO- ADDOMINALE - - SEMPRE CODICE ROSSO - Stato di coma o grave obnubilamento (PU della scala della scala AVPU) - Gravi ferite, specie se affondate o penetranti - Cefalea pulsante e vomito incoercibile - Cincinnati Prehospital Stroke Scale positiva - Anisocoria (alterazione dei parametri vitali paragonabili a quelle riportate nel dolore toracico, dispnea, dolore addominale e trauma cranico) - Ferite penetranti e gravi ferite della superficie cutanea (non rimuovere mai un corpo estraneo penetrante, ev. fissarlo strettamente alla superficie con un cerotto) - Ferite da arma da fuoco - - Riferita perdita di coscienza posttraumatica - Riferita Amnesia post-traumatica - V alla scala AVPU - Trauma cranico di qualsiasi natura sotto i 14 anni - Presenza di dolore specificamente localizzato in corrispondenza di organi di rilevanza vitale (precordio, emitorace, ipocondri dx e sx, logge lombari, bacino e pelvi) - Dolore ed impotenza funzionale del rachide e/o disturbi della sensibilità degli arti (parestesie, ipoestesia, anestesia) (distendere immediatamente il paziente su una tavola spinale ed immobilizzare il - Riferita caduta da più di un metro - Riferito sbalzamento all esterno del veicolo - Paziente estricato - Terapia anticoagulante e/o antiaggregante epilessia o malattie neurologiche (specie pregressa emorragia o intervento neurochirurgico) - Certezza o sospetto di intossicazione, anche etilica - Certezza o sospetto di violenza, specie domestica (specie terapia anticoagulante e/o antiaggregante o emocoagulopatie )

18 TRAUMI DEGLI ARTI - Amputazione di arto parziale o totale (legare eventuali monconi con cintura emostatica) - Grave Emorragia, specie se arteriosa (cinghia emostatica) - Grave pallore ischemico del segmento a valle del trauma USTIONI - Grande Ustionato - Ustioni > 9% della superficie corporea - Ustioni del volto e collo indipendentemente dalla estensione - Soggetti di età inferiore a 10 aa - Sospetto o certezza di inalazione di Fumo - Dinamiche maggiori (scoppio, incendio, grave folgorazione ecc) FEBBRE - Convulsione in atto o riferita nell arco di 60 min. - Grave stato di disidratazione - Paziente comatoso od obnubilato (vedi coma/obnubilamento) - Cefalea intensa e/o Cincinnati Prehospital Stroke Scale positiva - Temperatura Corporea > a 39 sotto i 10 aa - Temperatura Corporea > a 40 sopra i 10 anni - Brividi Scuotenti ed orripilazione - Vomito incoercibile rachide cervicale con collare e poggiatesta) - Evidente dislocazione di segmenti - Sospetto fondato di ematoma e versamento articolare - Ustioni II e III grado indipendentemente dalla superficie. - Coesistenza di tosse insistente - Certezza o sospetto di malattia infettiva/diffusiva (attivare immediatamente il protocollo per isolamento modulare di pazienti a rischio infettivologico) - Paziente diabetico - Paziente affetto da patologie croniche invalidanti o geriatriche - Paziente immunocompro messo

19 ALLEGATO N. 6 SCALE NEUROLOGICHE SCALA RAPIDA DEL COMA A (ALERT) PAZIENTE SVEGLIO V (VOCAL) IL PAZIENTE RISPONDE AL RICHIAMO VERBALE P - (PAIN) IL PAZIENTE RISPONDE AL DOLORE U (UNCOUNSCIUSNESS) NON RISPONDE CINCINNATI PREHOSPITAL STROKE SCALE Il Test è positivo quando lo score è almeno 1: A) Le Labbra sono Asimmetriche (Un lato è cadente deficit del VII nervo cranico) 1 B) Il Paziente ha difficoltà nell articolazione della parola (Afasia Disfasia Disartria) 1 C) Il Paziente non riesce a sollevare l arto superiore (Paresi) 1 SCORE = A + B + C

20 ALLEGATO N. 7 SCHEDA DI TRIAGE 13/07 U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci SCHEDA DI TRIAGE INFERMIERISTICO Ora N Operatore Cognome Nome Sesso_M_F Luogo e Data di nascita Problema Attuale Arrivo e presentazione Mezzo Proprio Ambulanza 118 Medicalizzata Ambulanza 118 non Medicalizzata Altra Ambulanza Elisoccorso Trasferito da altro Ospedale Causa Malattia Autolesionismo Incidente Stradale Morso d animale Incidente Domestico Intossicazione Incidente Sportivo Accidentale Infortunio sul Lavoro Violenza Tipo di Mobilizzazione Deambulante Sedia Barella Barella a cucchiaio Tavola Spinale Stabilizzazione in linea Parametri Vitali PA FC /min TC SaO2 Glicemia Polso: ritmico aritmico assente Respiro: frequente (>20) lento (<10) Gasping Assente Cute: Cianosi Pallore Sudorazione Fredda Sensorio: A V P U - CODICE SI NO Stato Generale Pz.Agitato Non sta in piedi Vomito Incoercibile Pz molto sofferente Dolore Ingravescente Barellato 118 Segni/Sintomi Guida Potenzialmente Evolutivi Dolore Toracico/ Cefalea Cardiopalmo Disturbi della Motilità Dispnea Coma Obnubilamento Epigastralgia Politrauma Dolore Addominale Trauma Cranico-Cervicale Ematemesi/Melena/ Trauma Toraco-Addominale Emoftoe Traumi degli Arti Lipotimia-Sincope / Ustioni Vertigini Stato Febbrile Indicatori Specifici Primari Presenti Assenti Elementi Anamnestici (Indicatori Specifici Secondari) Ipertensione Diabete Fumo Dislipidemie Cardiopatia Ischemica Aritmie Altra Cardiopatia BPCO/Asma Ictus Coma Epilessia Altre Malattie Neurologiche Insufficienza Renale Neoplasie Pregr. Trauma Cranico Pregresso Trauma Toraco-addominale Interventi di Chirurgia Maggiore Toraco-Addominale Interventi Neurochirurgici Aneurisma Aortico Etilismo Tossicodipendenza HIV TBC Pat. Psichiatriche Terapia Anticoagulante/Antiaggregante Emocoagulopatie. Terapia Immunosoppressiva Contracettivi.Orali Procedure in Triage Immobilizzazione Collare Cervicale Medicazione Glicemia Accesso Venoso CODICE: - ROSSO # - GIALLO # - VERDE # - BIANCO # ORA DI ENTRATA IN AMBULATORIO FIRMA OPERATORE

21 U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci Gentile Sig. Nell accoglierla presso la nostra struttura Le vogliamo spiegare cosa accadrà da adesso in poi: Il suo caso è stato valutato da un infermiere professionale che l ha inserita nella lista dei pazienti che sono attualmente in attesa. Considerando l imponente afflusso di pazienti, molti dei quali in gravi condizioni, abbiamo deciso di adottare una scala di valutazione dell urgenza stabilendo dei codici di gravità ai quali abbiamo assegnato dei colori. Se quindi dovrà attendere del tempo è solo perché il personale è impegnato a risolvere casi che presentano un codice di rischio più elevato del suo. La preghiamo quindi di collaborare contribuendo così alla diminuzione dei tempi di attesa ed al miglioramento della qualità del Servizio. Le ricordiamo che l accesso al Pronto Soccorso è consentito soltanto al paziente, esclusi i minorenni, sarà il personale a concedere eventuali permessi esclusivamente per motivi assistenziali. Il suo codice di accesso è quello barrato (Il numero segnato è il codice numerico progressivo di identificazione con il quale sarà chiamato, al fine di garantire la riservatezza dei Suoi Dati Personali) ROSSO N GIALLO N VERDE N BIANCO N Situazione di che richiede un intervento immediato per grave pericolo di vita del paziente alla quale si attribuisce massima urgenza. Situazione di, si tratta di pazienti con lesioni gravi per i quali esiste il rischio di un peggioramento delle condizioni tali da comprometterne la vita. Situazione di nel tempo. Il suo caso non presenta pericolo di vita, ma per le caratteristiche cliniche richiede una risposta sollecita. Lei avrà priorità di chiamata rispetto ai codici inferiori e nell attesa della visita medica sarà tenuto in osservazione ricevendo i primi interventi volti a ridurre il disagio. Situazione di. Si tratta di casi meno gravi per i quali non esiste rischio evolutivo. Verrà visitato dopo i codici sopra elencati secondo l ordine di arrivo. Le chiediamo quindi di pazientare se dovrà attendere la disponibilità del nostro personale, che al momento si sta occupando di casi più urgenti. Il personale è a Sua disposizione per il chiarimento di eventuali dubbi. Contiamo sulla sua collaborazione. Allegato n. 8 Scheda di Post-triage GLI OPERATORI DEL PRONTO SOCCORSO

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

I CODICI COLORE DI PRIORITA

I CODICI COLORE DI PRIORITA I CODICI COLORE DI PRIORITA I.T. Andrea Sforzini E IL FINE DI UN PROCESSO DECISIONALE LA VALUTAZIONE DI TRIAGE HA ALLA BASE UN PROCESSO DECISIONALE OBIETTIVI: IDENTIFICARE LE CONDIZIONI POTENZIALMENTE

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato 1 OBIETTIVO DEL CORSO Acquisire conoscenze teoriche e abilità pratiche per trattare l evento traumatico secondo linee Guida della Regione Toscana 2 EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE COMMISSIONE REGIONALE FORMAZIONE V.d.S. ed EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMA DEL CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO C.R.I. Argomenti B1.

Dettagli

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ.

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ. ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 sez. 1 Dati Servizio sez. 2 Tipologia mezzo

Dettagli

Il Sistema FAST TRACK al Pronto Soccorso P.O. di «Villa Sofia»

Il Sistema FAST TRACK al Pronto Soccorso P.O. di «Villa Sofia» relatore: Ignazio Antonio Fici Infermiere Pronto Soccorso A.O. O.R. VILLA SOFIA-CERVELLO, P.O. di Villa Sofia - Palermo Il Sistema FAST TRACK al Pronto Soccorso P.O. di «Villa Sofia» Una possibile soluzione

Dettagli

Valutazione delle condizioni dell infortunato

Valutazione delle condizioni dell infortunato Definizione Definizione di valutazione Valutazione delle condizioni dell infortunato Raccolta delle informazioni e insieme delle manovre atte a stabilire il tipo di assistenza necessaria per non fare aggravare

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane (Si definiscono come: "centrali operative 118 di riferimento" semplificate in C.O. di riferimento quelle centrali sul cui territorio è posta

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

I CODICI COLORE DI PRIORITA

I CODICI COLORE DI PRIORITA I CODICI COLORE DI PRIORITA I.T. Andrea Sforzini E IL FINE DI UN PROCESSO DECISIONALE LA VALUTAZIONE DI TRIAGE HA ALLA BASE UN PROCESSO DECISIONALE OBIETTIVI: IDENTIFICARE LE CONDIZIONI POTENZIALMENTE

Dettagli

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus TRIAGE Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo DEFINIZIONE Parola di origine francese che significa semplicemente "selezionare". Il TRIAGE è la metodica di selezione dei pazienti, cioè il riconoscimento

Dettagli

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO TRATTAMENTO AL Pag. TRATTAMENTO AL Data di applicazione 0//07 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 3 //07 Medico RD Dott. A. Benini Dott.F. Brunelli Dott. A. Cattoli Dottssa.D. Rinnovi

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Regione Basilicata AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Ambito Territoriale Ex A.S.L. 3 LAGONEGRO. 85100 POTENZA Ospedale San Giovanni Lagonegro (PZ) U.O.C. di Medicina Interna, d Urgenza e PSA Direttore

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a:

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: sospetta ipertensione arteriosa secondaria ipertensione resistente ipertensione in gravidanza

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli

CORSO SOCCORRITORE-ESECUTORE N. P.A.CROCE DELL'ADDA Cassano d'adda

CORSO SOCCORRITORE-ESECUTORE N. P.A.CROCE DELL'ADDA Cassano d'adda CORSO SOCCORRITORE-ESECUTORE N Inizio lezioni ore 1 P.A.CROCE DELL'ADDA Cassano d'adda DATA GIORNO ARGOMENTO ORE TEORIA ORE PRATICA ISTRUTTORE 14/01/1 LUNEDI Introduzione e presentazione, ANPAS ANPASLOMBARDIA

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Dr. Antonio Urbino Direttore S.C. Pediatria d Urgenza Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino APPROCCIO AL BAMBINO CRITICO

Dr. Antonio Urbino Direttore S.C. Pediatria d Urgenza Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino APPROCCIO AL BAMBINO CRITICO Dr. Antonio Urbino Direttore S.C. Pediatria d Urgenza Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino APPROCCIO AL BAMBINO CRITICO Gli eventi acuti che mettono in pericolo la vita del bambino sono molto

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

URGENZA-EMERGENZA. Clinical Competence

URGENZA-EMERGENZA. Clinical Competence PREMESSA L accreditamento delle nuove Strutture Sanitarie destinate all attività di: Pronto Soccorso, Osservazione Breve Intensiva, Terapia Semintensiva Terapia Intensiva e Rianimazione prevede il mantenimento

Dettagli

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale Comportamento violento e istituzioni di cura: i rischi del curare venerdì, 28.09.2007 Aula Magna Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano Bicocca Un nuovo modello organizzativo:

Dettagli

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Il Percorso ICTUS nella Regione Lombardia Fase Preospedaliera Il Percorso Ictus nella Regione Lombardia: CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Dott.ssa Carmen Romeo - *Dott. Guido F. Villa

Dettagli

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI)

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI) Lo staff è composto da dirigenti medici : dott. Egidio Barbi, Direttore Dipartimento di Pediatria Direttore: Prof. Alessandro Ventura S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott.

Dettagli

APPROCCIO AL PRIMO SOCCORSO

APPROCCIO AL PRIMO SOCCORSO sapere saper fare saper essere Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI SERVIZIO OSPEDALIERO PROVINCIALE TRENTINO EMERGENZA 118

Dettagli

Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna

Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna 1 - Introduzione I Sistemi di triage in Emilia Romagna sono nati nei primissimi anni Novanta sulla base delle

Dettagli

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Obiettivi Formativi: 1) Decodificare e formulare

Dettagli

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010 L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico Matera 15 giugno 2010 Linee guida 1/1996 (G.U. 17 maggio 1996) Linee Guida Per Il Sistema Di Emergenza Urgenza In Applicazione

Dettagli

DOMANDA DI ACCOGLIMENTO PRESSO HOSPICE RESIDENZA SAN PIETRO SOLO PER PAZIENTI RESIDENTI IN LOMBARDIA

DOMANDA DI ACCOGLIMENTO PRESSO HOSPICE RESIDENZA SAN PIETRO SOLO PER PAZIENTI RESIDENTI IN LOMBARDIA DOMANDA DI ACCOGLIMENTO PRESSO HOSPICE RESIDENZA SAN PIETRO SOLO PER PAZIENTI RESIDENTI IN LOMBARDIA DATI ANAGRAFICI (da compilarsi a cura del richiedente) Si richiede l inserimento presso l Hospice San

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A.

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A. TRIAGE Sistema di suddivisione delle vittime, per stabilirne il livello di priorità sia nel soccorso che nello sgombero. Si utilizza in caso di incidenti o di eventi catastrofici con un alto numero di

Dettagli

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica ANMCO/SIMEU Position Paper Percorso di valutazione del Dolore Toracico Settembre 2007 Dolore toracico: qualsiasi dolore, dalla base del naso all ombelico anteriormente e dalla 12 vertebra posteriormente,

Dettagli

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it.

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it. Reparto: Pronto Soccorso Sede: Melzo Piano: Terra Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it Medici: A rotazione dai reparti di Chirurgia, Medicina, Ostetricia e Pediatria

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Il neonato e il bambino in condizioni critiche

Il neonato e il bambino in condizioni critiche Il neonato e il bambino in condizioni critiche Emergenze pediatriche Le emergenze pediatriche sono eventi clinicamente rari ma ad alto rischio il personale coinvolto può non essere adeguatamente formato

Dettagli

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Organizzazione del POLIAMBULATORIO ALBERTONI e del CSC dell Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola-

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, Asma, intossicazioni, primo soccorso e classificazione COMA sindrome clinica caratterizzata da una mancata risposta

Dettagli

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML Dr.Beniamino Susi Gruppo TML PZ A:45 aa,uomo, intenso dolore fianco dx, irradiato nella regione pelvica con stranguria. Pz agitato, non sudato, polso radiale valido; FC 95 batt/min, FR 16 atti/min, PA

Dettagli

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute Primo soccorso.pronto Soccorso Relatori:dr. F. Diana dr. E. Rossi UOC Pronto Soccorso e Accettazione Data: 12 marzo 2014 Aula Piccolotto- Feltre Quando trovi questo

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

Tecniche e presidi per l immobilizzazione e la mobilizzazione atraumatica

Tecniche e presidi per l immobilizzazione e la mobilizzazione atraumatica Tecniche e presidi per l immobilizzazione e la mobilizzazione atraumatica Obiettivi Immobilizzare il rachide cervicale Immobilizzare la colonna in toto Immobilizzare segmenti osteo-articolari Consentire

Dettagli

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE Gruppo eterogeneo di condizioni, nelle quali i riflessi cardiovascolari, utilizzati normalmente nel controllo della circolazione diventano momentaneamente inappropriati, in risposta ad una causa scatenante

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

Scheda per accertamento - MAP

Scheda per accertamento - MAP SISTEMA NERVOSO 1 responsività responsività responsività COSCIENZA Vigile Soporosa Non responsiva ORIENTAMENTO Orientata Disorientata Confusa Funzione dell'orientamento non valutabile in quanto persona

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Corso M. Abbiate, 21 13100 VERCELLI Tel. +39 0161 5931 fax +39 0161 210284 www.aslvc.piemonte.it P.I. / Cod. Fisc. 01811110020 GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Il Pronto Soccorso è la porta dell ospedale verso

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle Pagina 1 di 9 P.O. Belcolle REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 31/3/2010 Martini Paola Fronteddu Antonietta Schirra Giulietta Direttore U.O.C. P.S. Direttore Sanitario P.O.C Gallina Linda Ginebri

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

ALLEGATO I REQUISITI PSICOFISICI 1. APPARATO CARDIOVASCOLARE:

ALLEGATO I REQUISITI PSICOFISICI 1. APPARATO CARDIOVASCOLARE: ALLEGATO I REQUISITI PSICOFISICI 1. APPARATO CARDIOVASCOLARE: a. Una visita cardiologia è richiesta alla prima visita di rilascio. b. Un elettrocardiogramma è richiesto alla prima visita di rilascio e

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO Centro Accoglienza e Servizi CAS Il CAS è responsabile del percorso di presa in carico del paziente oncologico attraverso figure

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Opere Pie d Onigo - Pederobba (TV) NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Via Roma 65 Per ricoveri tel. 0423 694711-7-8 fax 0423 694710 segreteria@operepiedionigo.it http://www.operepiedionigo.it/ - Medico Nucleo

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

Nozioni di primo soccorso

Nozioni di primo soccorso 1 Nozioni di primo soccorso Primo Soccorso E impensabile dover attendere per prudenza l arrivo di un professionista della sanità in presenza di gravi condizioni di salute Si deve intervenire Si devono

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

Triage e percorsi brevi Fast Track in Pronto Soccorso di Padova

Triage e percorsi brevi Fast Track in Pronto Soccorso di Padova Triage e percorsi brevi Fast Track in Pronto Soccorso di Padova Gruppo di Triage Azienda Ospedaliera Università Padova Direttore: Dott. Franco Tosato Relatore: Infermiere Zaggia Valeria Triage d Accesso

Dettagli

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2 A.S.L. TO 2 Azienda Sanitaria Locale Torino Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Sede TO2 Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina PERCORSO DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 1515 del 29 ottobre 2015 pag. 1/8

ALLEGATOB alla Dgr n. 1515 del 29 ottobre 2015 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1515 del 29 ottobre 2015 pag. 1/8 REQUISITI FORMATIVI E PROFESSIONALI PER IL PERSONALE ADDETTO ALL ATTIVITA DI SOCCORSO E TRASPORTO SANITARIO ALLEGATOB

Dettagli

APPROCCIO AL TRAUMATIZZATO

APPROCCIO AL TRAUMATIZZATO CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) APPROCCIO AL TRAUMATIZZATO Trauma spinale, cranico, toracico, addominale A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI 118 NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE D.P.R. 27 MARZO 1992 ISTITUISCE LE CENTRALI OPERATIVE 118 UNICHE PER L ALLARME SANITARIO Il sistema di allarme sanitario

Dettagli

SCENARI FREQUENTI PAZIENTE TRAUMATICO

SCENARI FREQUENTI PAZIENTE TRAUMATICO SCENARI FREQUENTI PAZIENTE TRAUMATICO OBIETTIVO DELLA SERATA Inquadramento della scena (dinamica) Valutazione A-B-C Critico o non critico? Traumi importanti Politrauma I presidi del trauma Tecniche di

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Regolamento materiali e vestiario dato in consegna

Regolamento materiali e vestiario dato in consegna Regolamento materiali e vestiario dato in consegna. Tutto il materiale assegnato al Volontario/Volontario da parte dell Associazione SEIRS CROCE GIALLA di Parma, consegnato è di proprietà dell associazione.

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 2/11

Dettagli

ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS

ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS 1036/ASS ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS EDIZIONE 01/05/2004 INDICE Servizi per la salute: garanzia base

Dettagli

VALUTAZIONE PAZIENTE MEDICO PAZIENTE MEDICO

VALUTAZIONE PAZIENTE MEDICO PAZIENTE MEDICO VALUTAZIONE PAZIENTE MEDICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PAZIENTE MEDICO OBIETTIVI Saper VALUTARE un soggetto con problemi di origine NON TRAUMATICA Saper riconoscere le CRITICITA del soggetto

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli