Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro"

Transcript

1 Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson

2 INDICE Principali risultati...3 Introduzione...4 Non discriminazione e promozione dell uguaglianza Una responsabilità interamente delle imprese...5 Un principio dinamico...5 Implementazione all interno dell impresa...5 Cos è la discriminazione?...6 Il principio di non discriminazione e la promozione delle pari opportunità come parte del sistema di gestione di un impresa socialmente responsabile...6 Differenti livelli di impegno a seconda del paese o del settore...7 L universo...7 La valutazione dell impegno...7 Discriminazione Un fattore di rischio per l azienda...8 Il metodo Vigeo per la valutazione della performance...8 Quanto è importante l impegno dell azienda?...8 La completezza dei sistemi di gestione...8 I risultati...9 Come interpretare la valutazione...9 L impegno manageriale delle società europee... Impegno aziendale... Il sistema di management... Risultati... Buone pratiche... Impegni manageriali innovativi... Sistemi di implementazione... Risultati positivi ottenuti dalle società europee... Conclusioni

3 Una questione di rischi ed opportunità PRINCIPALI RISULTATI Tutte le società, indipendentemente dal settore economico o dal paese di origine, dovrebbero occuparsi di diversità e pari opportunità nell ambito delle loro attività. Le aziende che non prendono in considerazione questi temi corrono seri rischi in termini di reputazione, capitale umano e sicurezza legale. Un efficiente strategia sulla diversità può inoltre creare nuove opportunità. Le pratiche antidiscriminatorie sono importanti fattori di coesione interna e contribuiscono a creare un ambiente di lavoro motivante. Inoltre, una forza lavoro eterogenea e ben gestita è una risorsa per l innovazione e l efficacia dell organizzazione e contribuisce a migliorarne la performance economica. Un immagine positiva in termini di diversità e parità di trattamento può migliorare il modo in cui viene percepita la società ed accrescerne l attrattività. Ancora una lunga strada da percorrere I progressi e i limiti evidenziati da Vigeo nel comportamento delle grandi società europee descrivono lo stato dell arte delle strategie delle aziende nel prevenire la discriminazione, che riguarda le categorie più tradizionali, come il genere o le origini etniche, così come l età, l orientamento sessuale, la religione o lo stato di salute. La vulnerabilità degli individui legata a queste caratteristiche personali persiste sia a livello globale che europeo. Secondo l ILO, infatti, sulla scena internazionale le donne che ricoprono posizioni manageriali continuano ad essere l eccezione anziché la regola 1. Il report più recente dell ILO, seguito alla Dichiarazione sui Diritti e Principi Fondamentali sul Posto di Lavoro, mostra che, mentre oggi la discriminazione è universalmente condannata ed alcuni progressi relativi alla parità di trattamento sono stati fatti, le imprese hanno ancora un lungo cammino da compiere 2. Mancanze e silenzi Esaminando le principali azioni adottate da un gruppo selezionato di 539 società europee, risulta che effettivamente gli strumenti approntati dall ILO non sono ancora stati completamente implementati in nessun settore. Quattro società su cento hanno ricevuto accuse o condanne per atti di discriminazione durante il periodo considerato. Molte altre rimangono esposte a controversie o procedimenti legali a causa dei deboli sistemi manageriali implementati al fine di prevenire i rischi legati alla discriminazione. Maggiore consapevolezza ma senza risultati tangibili Nonostante ciò, Vigeo ha notato un modesto miglioramento nella gestione della diversità rispetto alla valutazione condotta nel Complessivamente, le aziende europee hanno migliorato la loro performance in tutte e tre le dimensioni considerate dall analisi - Politiche, Implementazione, Risultati. Questi miglioramenti sono comunque incoerenti. Il progresso più sostanziale riguarda l impegno formale assunto verso la non discriminazione. Poche aziende hanno mezzi efficaci che assicurino il rispetto di questi impegni: la maggior parte degli attori ha dedicato solo risorse limitate alla prevenzione della discriminazione, non andando oltre l aumento della consapevolezza riguardo alle pratiche discriminatorie e al training. Infine, le società europee continuano ad utilizzare pochissimi indicatori legati alla diversità, di solito la percentuale di donne che ricoprono posizioni manageriali. I leader Circa 30 società europee (il 6% di quelle considerate) hanno adottato strategie innovative ed efficienti al fine di prevenire la discriminazione. Esse hanno fissato specifiche azioni positive anti-discriminazione finalizzate a supportare i gruppi di popolazione più a rischio all interno della loro sfera di attività o influenza. Diversità: una questione di management Il comportamento di un azienda rispetto ai principi di non discriminazione è influenzato dalla legislazione nazionale e dal settore di appartenenza. Nonostante ciò, lo studio conferma che le strategie individuali delle società e l impegno profuso nel promuovere le pari opportunità sono molto più importanti per la loro perfomance in questo campo rispetto all orientamento nazionale, alle loro dimensioni o al settore in cui sono attive. 1 Women in Labour Markets: Measuring Progress and Identifying Challenges, ILO March Time for Equality at Work - Global Report under the Follow-up to the ILO Declaration on Fundamental Principles and Rights at Work, ILO, 2006, p xiv. 3

4 INTRODUZIONE Vigeo produce regolarmente analisi su diversi aspetti chiave della Responsabilità Sociale d Impresa e ha pubblicato negli ultimi anni, fra gli altri, studi sui diritti dei lavoratori, sul management delle ristrutturazioni, sulla prevenzione della corruzione e, ovviamente, sulla non discriminazione. Nel 2007 Vigeo ha condotto una prima ricerca per l Ufficio Internazionale del Lavoro sulla non discriminazione e le pari opportunità sul posto di lavoro nelle società europee. L attività svolta ha prodotto uno studio, pubblicato nel gennaio 2008, seguito dal presente aggiornamento. L analisi si concentra sulle performance manageriali delle grandi società europee relativamente alle pari opportunità nel mondo del lavoro. I paesi in cui sono situati i soggetti analizzati sono tutti firmatari delle Convenzioni ILO 100 e 111, i due principali trattati sulla non discriminazione. In questo studio, il lettore troverà analisi e valutazioni di dati qualitativi e quantitativi su come le società europee rispettano il principio di non discriminazione e promuovono la diversità. L attenzione è focalizzata sull evoluzione delle perfomance rilevate tra gli anni 2006 e Nella prima parte viene descritto come le pari opportunità nel mondo del lavoro siano parte dei diritti umani fondamentali dell individuo e come il riconoscimento e la promozione di questo diritto necessiti di tutti gli elementi che compongono la società civile, incluse le aziende. La seconda parte dello studio riporta un analisi comparativa dell impegno manageriale e dei processi che le società europee destinano a supporto della non discriminazione. Vengono riportate le performance per settore di attività e per paese di origine. Si analizzano quindi le strategie e le misure per la prevenzione della discriminazione e la promozione dell eguaglianza. Perimetro dello studio Questo studio utilizza dati estratti dalla ricerca Vigeo per investitori socialmente responsabili, condotta dal febbraio 2008 all agosto Il campione analizzato include 539 società europee, quotate nell Euro Stoxx 600, che rappresentano più dell 80% della capitalizzazione di mercato. Esse hanno sede in 18 paesi e sono divise in 34 differenti settori di attività. Le informazioni utilizzate provengono principalmente dalle aziende stesse, dalle organizzazioni sindacali e dalle ONG, oltre che dalla stampa europea ed internazionale. 4

5 NON DISCRIMINAZIONE E PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ UNA RESPONSABILITÀ INTERAMENTE DELLE IMPRESE UN PRINCIPIO DINAMICO La non discriminazione è un fattore chiave nell affermazione dei diritti fondamentali di parità nelle opportunità e nel trattamento. Le leggi umanitarie internazionali e in materia di lavoro assegnano agli Stati il dovere di garantire questo principio. Nonostante ciò, il suo carattere universale lo rende direttamente applicabile agli individui e ai gruppi che compongono la società in senso lato e, per questa ragione, alle imprese, indipendentemente da dove sono situate, dalle loro dimensioni o della loro attività. Il principio di non discriminazione è comparso all interno di strumenti specifici (convenzioni e raccomandazioni) e in dichiarazioni relative a particolari categorie di diritti umani. La conformità di un azienda a questo principio può essere giustificata sia in quanto criterio indipendente sia come un obiettivo trasversale che coinvolge differenti aree direzionali e gestionali. La non discriminazione è un tema attuale, che si evolve sotto la spinta combinata dei cambiamenti politici, sociali, economici e culturali, che si sviluppano spontaneamente o sono resi possibili grazie alla definizione di standard e regolamentazioni da parte degli Stati e delle Organizzazioni Internazionali. Il suo primo riconoscimento ufficiale in una convenzione ILO (n ) riguardava l equità nelle retribuzioni fra uomini e donne. Nel 1958 la Convenzione estese tale diritto alla parità di trattamento e condizioni, facendo riferimento esplicito ai criteri di razza, colore della pelle, genere, religione, credenze politiche, nazionalità e background sociale. Nel 1981, con la Convenzione 156 5, l ILO si è impegnato a promuovere la parità di trattamento per tutti i lavoratori indipendentemente dal sesso e dalle responsabilità familiari, mentre nel 1998, con la Dichiarazione dei Principi e Diritti Fondamentali sul Posto di Lavoro, sono state identificate le Convezioni 100 e 111 come il nucleo fondamentale di tutta la materia, applicabili a tutti gli Stati membri indipendentemente dalla loro ratifica. Garantire pari diritti non significa adottare lo stesso trattamento in tutte le situazioni: l applicazione del principio di uguaglianza può a volte comportare l adozione di misure protettive o promozionali speciali o positive, con lo scopo di ridurre o rimuovere le cause che contribuiscono alla diffusione della discriminazione. Mentre riconosce positivamente le misure adottate dagli Stati per mezzo di provvedimenti legislativi o provvedimenti legali, l ILO insiste regolarmente sulla loro natura imperfetta e sul bisogno di concentrarsi ed attivare misure che mirino all eliminazione della discriminazione. Allo stesso modo dei sistemi legislativi, i codici di condotta delle aziende fanno esplicito riferimento alla non discriminazione come un a principio fondamentale ma adottano definizioni disomogenee. La Dichiarazione Tripartita sulle Imprese Multinazionali e la Politica Sociale, introdotta dall ILO nel 1977 e rivista nel 2000, getta luce sulle responsabilità delle aziende in termini di assunzioni ed impiego nel contesto della globalizzazione. Essa sostiene la promozione di pari opportunità e trattamenti al fine di eliminare le forme di discriminazione basate sulla razza, sul colore della pelle, sul sesso, sulla religione, sulle tendenze politiche e sul contesto sociale o nazionale. Considerandole come entità globali, questa dichiarazione richiede alle imprese multinazionali di adottare qualifiche, competenze ed esperienze come criteri oggettivi per il reclutamento, l investimento, la formazione e il miglioramento dello staff ad ogni livello. Inoltre, la dichiarazione invita le multinazionali ad intraprendere azioni per promuovere il benessere delle comunità locali in cui operano. L Unione Europea è intervenuta a sua volta nel dibattito con la Direttiva 2000/43/EC, implementando il principio di parità di trattamento tra le persone, indipendentemente dalla razza o dalle origini etniche, e la Direttiva 2000/78/EC, che stabilisce una struttura generale per l equità nei trattamenti nell impiego e nelle occupazioni e mira ad uniformare le diverse legislazioni vigenti negli Stati membri. IMPLEMENTAZIONE ALL INTERNO DELL IMPRESA L eliminazione della discriminazione è un principio applicabile a tutti i lavoratori, nazionali e stranieri, sia nel settore pubblico che privato. Inoltre, gli strumenti internazionali elencano esplicitamente misure specifiche per proteggere il lavoro femminile, i lavoratori immigrati, i minori, le persone disabili, i lavoratori part-time e i lavoratori con responsabilità familiari. Anche se non esplicitamente menzionato, altre tematiche vengono identificate come emergenti dagli organi di supervisione dell ILO: sono l orientamento sessuale, l età (il limite superiore), la salute, la gravidanza e le molestie sessuali. In termini di occupazione, l eliminazione della discriminazione e la garanzia di pari opportunità e trattamento si concentra su: 3 Equal Remuneration Convention, Discrimination (Employment and Occupation) Convention, Workers with Family Responsibilities Convention,

6 l impegno a mantenere e promuovere il lavoro sulla base del merito e delle qualifiche; l accesso al training basato sulle conoscenze e inclinazioni lavorative; le condizioni di lavoro, che includono durata contrattuale, ferie pagate, misure di salute e sicurezza, misure di tutela e servizi sociali, benefit legati all impiego; il principio di pari retribuzione per lavori di pari contenuto; gli altri elementi legati alla remunerazione, che includono aumenti di stipendio basati sull anzianità, salari minimi, prestazioni in natura, pagamenti indiretti, indennità; le misure positive che permettano ai lavoratori, senza eccezioni, di combinare le proprie responsabilità familiari con l accesso, la conservazione e la promozione del lavoro, così come l accesso alla formazione professionale. COS E LA DISCRIMINAZIONE? La discriminazione è definita come tutti i tipi di differenziazioni, esclusioni o preferenze che producono disparità nelle opportunità e nei trattamenti sul luogo di lavoro. Questa è una definizione ampia, che comprende tutte le azioni o situazioni che possono avere un impatto negativo sull eguaglianza nelle opportunità e nel trattamento. Sia che sorga dal management, da un incidente isolato o da accordi, formali o informali, presenti nell organizzazione o nel sistema di regolamentazione interna, il comportamento di una società che permette che individui o membri di un gruppo (che dovrebbero beneficiare degli stessi diritti e ottenere gli stessi vantaggi) siano trattati in maniera differente è, in pratica, discriminazione. Anche quando appare neutrale, impersonale o di natura prettamente tecnica, la regolamentazione interna di una società o le pratiche che comportano conseguenze sfavorevoli verso determinati soggetti a causa di caratteristiche personali senza nessuna correlazione diretta con il lavoro in questione, costituiscono discriminazione indiretta. Categorie di discriminazione NB: nel testo originale le seguenti categorie vengono descritte singolarmente nel dettaglio. Origine etnica, o razza, colore Nazione di origine o nazionalità Disabilità Età Stato di salute Genere Orientamento sessuale Gravidanza, maternità Responsabilità familiari Situazione familiare Molestie sessuali Orientamento politico Religione Background sociale Appartenenza a sindacati e attivismo sindacale IL PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ COME PARTI DEL SISTEMA DI GESTIONE DI UN IMPRESA SOCIALMENTE RESPONSABILE Una società socialmente responsabile si assicurerà di prendere decisioni che riconoscano il principio di non discriminazione e promuovano attivamente l eguaglianza. Questo punto di vista non è limitato a mere assunzioni di principio ma può essere incorporato in regole organizzative basate su procedure esplicite, supervisionate e verificate. Accettando di sottoporre il sistema organizzativo e gestionale a valutazioni quantitative e qualitative su questo tema, l azienda ottiene informazioni più dettagliate sulla propria performance, sui rischi che corre e sulla posizione che ricopre rispetto ai suoi peer. 6

7 DIFFERENTI LIVELLI DI IMPEGNO A SECONDA DEL PAESE O DEL SETTORE L UNIVERSO L universo analizzato include 539 società, valutate da Vigeo tra febbraio 2008 e agosto 2009, situate in 18 paesi europei. Più della metà il 54% delle società esaminate è basata nel Regno Unito, in Francia e in Germania. I dati relativi a Danimarca, Belgio, Norvegia, Austria, Irlanda, Portogallo, Grecia, Lussemburgo e Islanda non compaiono nel grafico sottostante poiché non ospitano un numero significativo di aziende incluse nell analisi. Le società prese in considerazione sono presenti in 34 settori di attività: il più grande l assicurativo comprende 34 aziende (che rappresentano il 6% del campione), mentre il settore più piccolo il tabacco conta soltanto 3 imprese. Lo studio precedente, che includeva società analizzate fra marzo 2006 e ottobre 2007, presentava una simile distribuzione geografica ma una differente allocazione settoriale. Ad esempio, il settore bancario era presente con 63 società nel primo studio ma non è incluso in questa analisi. LA VALUTAZIONE DELL IMPEGNO Classificazione per paese Il punteggio medio per paese varia da 29,2/100 (Grecia) a 49,6/100 (Francia). Anche nello studio precedente le società localizzate in Grecia erano più arretrate, mentre quelle francesi erano fra le migliori (la Francia era posizionata al secondo posto, dietro alla Norvegia, ora quinta). Per quanto ci siano differenze tra paesi, nessuno supera il punteggio medio di 50/100. L Italia è quarta con 45,7/100, migliorando il suo precedente punteggio pari a 39,3/100 (nona in graduatoria). L importanza dei sistemi legislativi nazionali Le legislazioni nazionali sulla non discriminazione all interno dell Unione Europea si appoggiano su una base comune: la Direttiva dell Unione Europea 2000/43/EC, che rende effettivo il principio di eguaglianza di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza o dall etnia, e la Direttiva 2000/78/EC, che stabilisce una struttura generale per la parità di trattamento sul lavoro. Entrambe mirano ad unificare le diverse legislazioni in materia presenti nei Paesi membri dell Unione Europea e i differenti trattamenti riservati ai lavoratori. Ad ogni modo, alcune differenze tra paesi permangono. 7

8 DISCRIMINAZIONE UN FATTORE DI RISCHIO PER L AZIENDA La discriminazione, sia provocata da fatti reali sia vista come un generale clima di discriminazione, ha la capacità di influenzare la performance complessiva dell azienda. Può colpire la sicurezza legale della società esponendola ad accuse che possono portare a procedimenti penali e condanne, causare stress tra i lavoratori e minare lo spirito di squadra, danneggiare l immagine del brand, la sua attrattività e, in generale, la sua reputazione e quella del management team. La non discriminazione è invece un importante fattore di coesione interna e di efficienza: una forza lavoro diversificata (persone con differenti background culturali, competenze e generi) può avere influenze positive sul funzionamento dell azienda e sulla sua gestione. Una politica sulla diversità è inoltre un modo per limitare il turnover dei dipendenti e per creare un ambiente di lavoro motivante. Per tutte queste ragioni, la prevenzione della discriminazione necessita di un adeguata strategia, formalizzata, comprensibile e valutabile. IL METODO VIGEO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Nella sua valutazione della performance dei sistemi manageriali, Vigeo ha evidenziato tre elementi chiave: 1. Politiche: con le quali l azienda esprime il suo punto di vista ufficiale in materia, i suoi indirizzi e gli obiettivi. 2. Implementazione: l insieme degli strumenti adottati per rendere efficaci le dichiarazioni di impegno. 3. Risultati: consistenti nei dati quantitativi rilevati per misurare gli effetti conseguiti e le eventuali controversie nelle quali è stata coinvolta la società. QUANTO È IMPORTANTE L IMPEGNO DELL AZIENDA? Il modello di valutazione delle politiche sviluppato da Vigeo comprende tre fattori, che determinano la rilevanza di una politica nella prevenzione della discriminazione e nella promozione delle pari opportunità: La visibilità dei principi organizzativi e degli obiettivi: l approccio di Vigeo ha dato credito alle intenzioni più esplicite ed al modo in cui vengono fatte emergere. Un approccio avanzato consiste nell includere la non discriminazione all interno dei principi che caratterizzano il codice etico della società. La completezza degli obiettivi della società: Vigeo ha osservato quattro modelli di comportamento in questo senso. Il primo consiste nell essere silenti nei documenti che definiscono l etica aziendale; il secondo modello mostra vaghe dichiarazioni a supporto del principio di non discriminazione e riferimenti a limitati gruppi di soggetti a rischio. Si passa poi a dichiarazioni esplicite che assicurano la non discriminazione e riferimenti espliciti alle categorie più sensibili ed infine alla condanna della discriminazione e la promozione dell eguaglianza, accompagnate dal riconoscimento di tutte le categorie a rischio identificate dall ILO. L appropriato sostegno degli obiettivi: dato che l efficacia dell impegno aumenta proporzionalmente al grado e alla ricettività degli organi responsabili, queste strategie devono essere sostenute all interno dell azienda. È nell interesse della società sostenere l efficacia delle sue politiche. Alcune società prevedono figure ed organi incaricati di occuparsi di questo tema, e talvolta vengono stipulati accordi con i sindacati, coinvolgendo quindi soggetti terzi nella supervisione. LA COMPLETEZZA DEI SISTEMI DI GESTIONE L esistenza di procedure La mancanza di un sistema di gestione dell organizzazione diventa via via più problematica con il crescere della sua struttura, del team e delle operazioni che compie; essendo inoltre un principio universale, la non discriminazione e la promozione dell eguaglianza richiedono l abilità dei top manager di pensare all azienda come ad un entità globale. Vigeo promuove l esistenza di procedure scritte che chiariscano, a beneficio di tutti gli stakeholder della società, la definizione di discriminazione, le azioni manageriali e i processi in cui la discriminazione necessita di essere attivamente prevenuta e come dovrebbe essere eliminata. La valutazione presta pari attenzione alle specifiche misure finalizzate a proteggere le categorie a rischio e alle azioni per promuovere i loro diritti nella parità di opportunità e di trattamento. Allocazione di risorse Politiche rilevanti basate su solide procedure ma che mancano delle risorse finanziarie, umane e organizzative necessarie, inevitabilmente avranno minor credibilità e continuità. Il focus dell analisi è concentrato in quest area sulla disponibilità di corsi formativi per i manager e i membri dell organizzazione. Perimetro di applicazione 8

9 Questo aspetto riguarda principalmente le società che operano in più sedi o Stati. Trascurare i principi di non discriminazione presso le proprie filiali può essere estremamente dannoso per la società madre. La valutazione si concentra qui sulla capacità dell organizzazione di assicurare che le sue controllate siano ben informate riguardo alla regolamentazione della capogruppo e di approntare adeguate risorse e procedure di supporto da destinare alle varie controllate. Controlli e reporting La disponibilità di un sistema informativo e la qualità della informazioni raccolte, in termini di fondatezza, natura dei dati e pubblico di riferimento, permettono una valutazione della capacità dell azienda di garantire nella sostanza i principi e gli obiettivi per garantire la non discriminazione e di reagire in un lasso di tempo ragionevole ad eventuali lacuna o irregolarità. I RISULTATI Valutare l efficacia dei risultati comporta l analisi delle statistiche fornite delle società e delle controversie relative a casi di discriminazione. Tenendo presente il settore di attività, Vigeo valuta i risultati ottenuti dalle imprese nel tempo e lungo quattro assi di analisi: 1. il trend della performance aziendale relativamente alla percentuale di impiegati di sesso femminile, e in particolare al numero di donne che ricopre posizioni manageriali; 2. il trend della performance aziendale relativamente alla percentuale di impiegati con disabilità; 3. il trend della performance aziedale relativamente alla percentuale di minoranze etniche sul totale della forza lavoro e nel management; 4. l esistenza e la gravità delle accuse in cui la società è stata coinvolta, la reazione ed il modo in cui queste sono state trattate. COME INTERPRETARE LA VALUTAZIONE Ognuno dei tre elementi chiave (Politiche, Implementazione, Risultati) riceve un punteggio corrispondente alle valutazioni consolidate degli approccia analitici sopra esposti. I punteggi dei tre elementi, a cui viene attribuito lo stesso peso, vengono poi accorpati in un unico valore (da 0 a 100), che indica il livello di impegno della società nel supportare i principi e gli obiettivi sulla non discriminazione e nel promuovere l uguaglianza di trattamento tra i dipendenti. Questo metodo permette la valutazione delle performance individuali della aziende e le comparazioni fra paesi, fra settori, fra elementi gestionali e approcci analitici di base. Per ognuno di questi aspetti, il valore del giudizio dipende dalle pratiche innovative, dalle controversie e, in generale, dal livello di interesse mostrato nel comunicare le proprie iniziative sulla prevenzione della discriminazione e sulla promozione delle pari opportunità. 9

10 CONCLUSIONI La non discriminazione non è una questione che riguarda esclusivamente gli Stati, ma è anche una responsabilità delle aziende. La parità di opportunità è un diritto umano fondamentale, applicabile a tutti i membri della società, comprese le aziende. Da questo punto di vista, la non discriminazione agisce come un mezzo per prevenire il rischio di contravvenire al diritto universale di uguaglianza e come un principio guida permanente per promuovere questo diritto. Nessuno Sato o azienda può affermare in modo definitivo di aver raggiunto e di poter assicurare in modo permanente l uguaglianza. Questo diritto fondamentale implica l esistenza di processi per identificare e prevenire continuamente i rischi della discriminazione, che sono intrinsecamente legati ai mutamenti demografici e alla mobilità, alla modificazione delle strutture e delle condizioni di lavoro, ai cambiamenti nelle condizioni di lavoro, familiari e di consumo, così come agli sviluppi culturali. Questo studio ha mostrato l entità degli sforzi ancora necessari per migliorare il principio di non discriminazione e le misure atte a promuovere l uguaglianza nell ambito degli impegni intrapresi dalle aziende. Alcune aziende hanno intrapreso strategie innovative ed efficienti per prevenire la discriminazione. Le società più all avanguardia fanno riferimento alle Convenzioni dell ILO e prendono ispirazione dalle opinioni pubblicate dal suo Comitato di Esperti per l Applicazione di Convenzioni e Raccomandazioni (CEACR). Lo studio ha inoltre evidenziato come anche il più formale degli impegni possa guadagnare in credibilità ed efficacia quando è fondato su processi strutturati che rendano intellegibili, misurabili e migliorabili le risorse e i punti di riferimento assegnati per raggiungere i target di non discriminazione. Infine, una delle conclusioni principali è che le strategie individuali delle aziende e gli sforzi per promuovere le pari opportunità sono molto più importanti del contesto nazionale in cui l azienda opera, della sua dimensione o del suo settore di attività. 10

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

IL DIVERSITY MANAGEMENT COME GESTIONE INTEGRATA DELLE DIFFERENZE

IL DIVERSITY MANAGEMENT COME GESTIONE INTEGRATA DELLE DIFFERENZE Gestire le differenze generazionali in Azienda IL DIVERSITY MANAGEMENT COME GESTIONE INTEGRATA DELLE DIFFERENZE Attila Bruni Research Unit on Communication, Organizational Learning and Aesthetics (www.unitn.it/rucola)

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 Project Number LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 WP3 Curriculum formatori Partner responsabile: Business and Development Center, ul. Wieniawskiego 56b/5 35-603 Rzeszow - PL Contatto: Magdalena Malinowska tel +48

Dettagli

CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale. Si ringraziano

CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale. Si ringraziano CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale Si ringraziano Obiettivi 1. Nozione di sostenibilità nella gestione delle Risorse Umane (HR) [RQ1]

Dettagli

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Sommario I. INTRODUZIONE 4 II. SCOPO DELLA CARTA 4 III. AMBITO DI APPLICAZIONE 5 IV. IMPEGNI 6 4.1. Diritto alla contrattazione

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e Introduzione alla SA 8000 Nel 2013 Carimali ha deciso di intraprendere l ambizioso cammino di certificazione del proprio Sistema di Responsabilità Sociale seguendo

Dettagli

Lettera di supporto continuo al Global Compact dei vertici aziendali (CEO o prima linea)

Lettera di supporto continuo al Global Compact dei vertici aziendali (CEO o prima linea) Aspetti Generali Periodo coperto dalla tua Comunicazione Annuale (COP) Dal: Al: Lettera di supporto continuo al Global Compact dei vertici aziendali (CEO o prima linea) Inserisci una lettera di supporto

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 1 di 13 Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 2 di 13 QUESTIONARIO PER IL PERSONALE In seno all analisi SWOT, al fine di valutare

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona - C.A.P. 37036 SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI Approvato dalla Giunta Comunale il 31.07.2012 INDICE PREMESSA A) LA VALUTAZIONE

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

Discriminazione Indice

Discriminazione Indice Discriminazione Indice Discriminazione Discriminazione economica Segregazione: verticale ed orizzontale Discriminazione salariale Teorie della discriminazione nei modelli competitivi: discriminazione da

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale

AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale Codice Etico / rev. 11 Maggio 2008 AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale Il Codice Etico e Deontologico del Professionista delle Risorse Umane, di seguito riportato, contiene una serie di

Dettagli

Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE. mlpruna@unica.it. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE. mlpruna@unica.it. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base Business and Human Rights: una introduzione Sessione pilota del Corso di formazione di base Milano, 12 Novembre 2015 I Diritti Umani: una definizione Cosa sono i Diritti Umani? I Diritti Umani: una definizione

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

Vision e Valori. Social Standards

Vision e Valori. Social Standards Vision e Valori Social Standards 2 Social Standards Contenuti Premessa...3 1. Implementazione della procedura... 4 2. Orario di lavoro, Retribuzioni e Diritto alle Ferie... 4 3. Discriminazione...5 4.

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla SAAS Gestioni Aziendali Srl Unipersonale Sede Legale: 80127 Napoli - Via D. Cimarosa, 89 - P.IVA 06744501211 REA (NA) 837375 Uffici Amministrativi:

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Introduzione La politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler illustra il contenuto strategico delle iniziative rivolte al personale Schindler. Si

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1.

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. INTRODUZIONE Nel seguente meta-codice il termine cliente si riferisce

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011 LA PRESENZA DELLE DONNE NEI CDA Misurazioni Qualiquantitative 26 marzo 2015 Torino Consiglio Regionale del Piemonte CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Monitoring the Ethical Code enforcement in the organizations: from values to stakeholder satisfaction. Federico Versace. Politeia

Monitoring the Ethical Code enforcement in the organizations: from values to stakeholder satisfaction. Federico Versace. Politeia CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY RATINGS Politeia Sixth Annual Forum on Business Ethics and Corporate Social Responsibility in a Global Economy Milan 2010 Monitoring the Ethical Code enforcement in the

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

Progetto DiversaMente

Progetto DiversaMente Progetto DiversaMente Pillole formative sul Diversity Management Aprile 2014 1 Cosa si intende per Diversity Management? Il D.M. è una filosofia di gestione delle risorse umane che si concretizza in strumenti,

Dettagli

Indagini sul personale dipendente

Indagini sul personale dipendente AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Indagini sul personale dipendente Gentile Collega, La ringraziamo per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli