In copertina: Bartolomeo Veneto, Ritratto di gentiluomo, circa 1510.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In copertina: Bartolomeo Veneto, Ritratto di gentiluomo, circa 1510."

Transcript

1

2 Sono questi, come tutti i «Saggi», libri di cultura, senza finalità didattiche o tecniche o di espressione letteraria, ma con l unico scopo di presentare, riassumere o proporre idee. Ma i «Saggi Zanichelli», senza porre alcun limite prestabilito al campo dei loro interessi culturali, vogliono distinguersi per una sfumatura, che li avvicina e li aggancia alle altre pubblicazioni caratteristiche della Casa Editrice: si muovono nella zona di confine tra la cultura generale e le materie specifiche, di insegnamento o di interesse professionale, cui sono dedicati i libri tradizionali della Casa Editrice Zanichelli, cioè matematica, fisica, chimica, biologia, storia, linguistica. Qualcosa di questi interessi specifici vorremmo trapelasse sempre anche in questi «Saggi». «Saggi scientifici», dunque? Sì, se questo si intende non come una delimitazione nella tematica ma come un orientamento con cui affrontare qualunque tema, come una tonalità di fondo che può colorare i più svariati quadri. Nei «Saggi Zanichelli»: M. Ceccarelli Una betulla per la Pio P. Valesio Strutture dell allitterazione E. Segrè Enrico Fermi, fisico G. Gamow, M. Yčas Viaggio di Mr. Tompkins all interno di se stesso A. Murri Quattro lezioni e una perizia S. E. Luria La vita: un esperimento non finito H. O. Box L organizzazione sociale degli animali F. Galgano Le istituzioni dell economia capitalistica W. P. D. Wightman La nascita della medicina scientifica B. D Amore, M. L. M. Matteuzzi Dal numero alla struttura H. Ebbinghaus La memoria R. Bonola La geometria non euclidea M. Ceccarelli Viaggio provvisorio R. Melzack L enigma del dolore M. Gardner Carnevale matematico W. C. Dement E c è chi veglia e c è chi può dormire C. Meillasoux Donne, granai e capitali M. Gardner Show di magia matematica J. Walker Il luna park della fisica R. Smullyan Qual è il titolo di questo libro? In copertina: Bartolomeo Veneto, Ritratto di gentiluomo, circa 1510.

3 Saggi Zanichelli 32 Qual è il titolo di questo libro?

4 Titolo originale: What is the Name of this Book? The Riddle of Dracula and Other Logical Puzzles Copyright 1978 Raymond M. Smullyan Pubblicato in America da Prentice-Hall, Inc., Englewood Cliffs, New Jersey Traduzione di Massimo Evangelisti Copyright 1981 Nicola Zanichelli S.p.A., Bologna I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche) sono riservati per tutti i paesi. Redazione di Vanna Rossi Copertina di Raimondo Biscaretti Prima edizione: ottobre 1981 Ristampa Finito di stampare a Bologna Nel mese di giugno 1982 Presso la Tipostampa Bolognese S.r.l. per conto della N. Zanichelli editore S.p.A. via Irnerio, 34 - Bologna

5 SMULLYAN QUAL È IL TITOLO DI QUESTO LIBRO? L enigma di Dracula e altri indovinelli logici ZANICHELLI

6

7 Indice Parte I Giochi logici 3 Capitolo 1 Burlato? 7 Capitolo 2 Rompicapi e tiri mancini 13 Soluzioni 20 Capitolo 3 Cavalieri e furfanti 25 Soluzioni 35 Capitolo 4 Alice nella Foresta dell Oblio 43 Soluzioni Parte II Gli scrigni di Porzia ed altri misteri 51 Capitolo 5 Il mistero degli scrigni di Porzia 57 Soluzioni 62 Capitolo 6 Dagli archivi dell ispettore Craig 68 Soluzioni 75 Capitolo 7 Come evitare i lupi mannari e altri piccoli consigli pratici 82 Soluzioni 89 Capitolo 8 Problemi logici 98 Soluzioni 106 Capitolo 9 Bellini o Cellini? 112 Soluzioni

8 8 Capitolo 1 Parte III Racconti di magia e mistero 121 Capitolo 10 L isola di Baal 127 Soluzioni 133 Capitolo 11 L isola degli zombi 136 Soluzioni 141 Capitolo 12 Dracula è ancora vivo? 151 Soluzioni Parte IV I molti aspetti affascinanti della logica 163 Capitolo 13 Logica e vita 178 Capitolo 14 Come dimostrare qualsiasi cosa 189 Capitolo 15 Dal paradosso alla verità 195 Soluzioni 200 Capitolo 16 La scoperta di Gödel

9 Dedicato a Linda Wetzel e Joseph Bevando I cui saggi consigli sono stati preziosissimi

10

11 Ringraziamenti Desidero ringraziare innanzi tutto gli amici Robert e Ilse Cowen e la loro bambina di dieci anni, Lenore, i quali, tutti insieme, fecero la revisione di questo manoscritto e mi suggerirono una serie di utili consigli. (Per inciso, Lenore, aveva intuito fin dall inizio la risposta giusta alla domanda chiave del Capitolo 4: «Tweedledoo esiste davvero o è semplicemente una invenzione di Humpty Dumpty?»). Sono grato a Greer e Melvin Fitting (autori dell incantevole e utile libro In lode delle cose semplici) per il loro gentile interesse al mio lavoro e per aver richiamato su di esso l attenzione di Oscar Collier della Prentice-Hall. Penso che Melvin debba essere ringraziato per essere apparso effettivamente in questo libro (confutando in tal modo la mia dimostrazione che egli non potesse apparirvi!). È stato un vero piacere lavorare con Oscar Collier ed altri della Prentice-Hall. Ilene McGrath ha curato la redazione del testo e mi ha dato moltissimi suggerimenti che io ho accettato con gratitudine. Ringrazio Dorothy Lachmann per il suo valido aiuto nella produzione del libro. Desidero citare ancora una volta due persone a cui ho dedicato questo libro, Joseph Bevando e Linda Wetzel che sono stati il cuore e l anima di questo lavoro fin dall inizio. La mia cara moglie, Blanche, mi ha aiutato con le sue molte domande. Spero che questo libro la metterà in grado di decidere se ha sposato un cavaliere o un furfante.

12

13 Parte prima Giochi logici

14

15 Capitolo 1 Burlato? 1 Sono stato burlato? Il mio primo contatto con la logica lo ebbi all età di sei anni. Le cose andarono così: il primo aprile 1925, ero a letto col mal di gola o influenza, o qualcosa del genere. Al mattino mio fratello Emile (che aveva dieci anni più di me) venne nella mia camera e disse: «Bene, Raymond oggi è il primo aprile, e io ti farò un pesce d aprile come non ne hai mai avuto in vita tua!». Io aspettai tutto il giorno che venisse a farmi questo pesce d aprile, ma lui non si fece vivo. A tarda notte mia madre mi chiese: «Come mai sei ancora sveglio?» Io risposi: «Aspetto che Emile venga a farmi una burla». Mia madre si rivolse a Emile e disse: «Per favore, Emile, vuoi fare al bambino la burla che gli hai promesso?» Emile allora si rivolse a me e questo è il dialogo che ne seguì: Emile: «Così tu ti aspettavi che io ti facessi una burla, non è vero?» Raymond: «Sì». Emile: «Ma io non te l ho fatta, no?» Raymond: «No». Emile: «Ma tu te l aspettavi, vero?» Raymond: «Sì». Emile: «Così io ti ho burlato, no?» Ricordo che, dopo aver spento la luce, rimasi tanto tempo sveglio a chiedermi se ero stato veramente burlato. Da una parte, non avevo avuto la burla, per cui non avevo avuto ciò che mi aspettavo, quindi ero stato burlato. (Questo era l argomento di Emile.) Ma, con ugual ragione, si poteva sostenere che, se ero stato burlato, allora avevo effettivamente avuto ciò che mi aspettavo; ma allora, in che senso ero stato burlato? Ero stato burlato o no? Non risponderò subito a questo dilemma: ci torneremo sopra in una

16 4 Capitolo 1 forma o in un altra, diverse volte in questo libro. È fondato su un principio molto sottile che diverrà uno dei nostri temi principali. 2 Mentivo? Un fatto analogo mi capitò molti anni dopo, quando ero studente all Università di Chicago. A quel tempo facevo l illusionista di professione, ma i miei affari andavano maluccio, così decisi che per un breve tempo avrei integrato il mio reddito cercandomi un lavoro come commesso viaggiatore. Feci domanda a una ditta di aspirapolvere e dovetti sostenere un esame attitudinale. Una delle domande che mi fecero era: «Ha qualcosa in contrario a dire qualche piccola bugia di quando in quando?» A quel tempo io ero decisamente contrario alle bugie, ed ero particolarmente contrario a quei commessi viaggiatori che mentivano presentando falsamente la loro merce. Ma fra me pensai che, se avessi manifestato francamente la mia contrarietà, non avrei potuto ottenere il lavoro. Quindi mentii e dissi: «No». Mentre tornavo a casa, dopo l intervista, mi chiesi se ero contrario alla bugia che avevo detto all esaminatore. la mia risposta fu: «No». Dunque, poiché non ero contrario a quella particolare bugia, ne segue che non ero contrario a tutte le bugie; di qui la mia risposta «No» all esame non fu una bugia, ma la verità! Ancor oggi non mi è del tutto chiaro se mentivo o no. Penso che la logica richieda che io affermi che dicevo la verità, poiché l ipotesi che io mentissi porta ad una contraddizione. Così, la logica richiede che io creda che dicevo la verità. Ma a quel tempo, io certamente sentivo di mentire! A proposito di bugie, devo raccontarvi l episodio di Bertrand Russell e del filosofo G.E. Moore. Russell descriveva Moore come una delle persone più sincere che avesse mai conosciuto. Una volta egli chiese a Moore: «Hai mai mentito?» Moore rispose: «Sì». Descrivendo questo episodio, Russell scrisse: «Io penso che questa sia l unica bugia che Moore abbia mai detto!». L episodio della mia esperienza con la ditta di aspirapolvere fa nascere la domanda: è possibile che una persona menta senza saperlo? Io risponderei di no. Per me mentire significa fare un affermazione non che è falsa, ma che si crede che sia falsa. Non che è falsa ma di cui si è convinti sia falsa. Anche se uno fa un affermazione che poi risulta vera, ma di cui è convinto che sia falsa, direi che sta mentendo. Io lessi il resoconto del seguente episodio in un testo sulla psicologia degli anormali. I medici di un istituto psichiatrico stavano pensando di dimettere

17 Burlato? 5 un paziente schizofrenico. Decisero di sottoporlo a un test della macchina della verità. Una delle domande che gli fecero fu: «Lei è Napoleone?» Il paziente rispose: «No». la macchina indicò che mentiva. Lessi anche, non ricordo più dove, il resoconto del seguente episodio che dimostra come talvolta gli animali possano dissimulare. Fu fatto un esperimento con uno scimpanzé chiuso in una stanza. Al centro della stanza, appesa al soffitto con una cordicella c era una banana. la banana era troppo alta perché lo scimpanzé la potesse raggiungere. Nella stanza c erano soltanto la scimmia, lo sperimentatore, la banana e la cordicella, e diverse cassette di legno di varie misure. Il fine dell esperimento era determinare se lo scimpanzé era abbastanza intelligente da sovrapporre le cassette in modo da poter raggiungere la banana. Ed ecco quello che realmente accadde: lo sperimentatore stava in un angolo della stanza ad osservare quello che avveniva. Lo scimpanzé si avvicinò all angolo dove stava lo sperimentatore e con grande agitazione cominciò a tirarlo per la manica indicando che desiderava che egli si muovesse. Lentamente lo sperimentatore seguì lo scimpanzé. Quando furono al centro della stanza, lo scimpanzé balzò improvvisamente sulle sue spalle e prese la banana. 3 Questa la fecero a me. Un mio compagno dell Università di Chicago aveva due fratelli, uno di sei e uno di otto anni. Io frequentavo spesso la loro casa, e facevo spesso giochi di prestigio per i bambini. Un giorno dissi loro: «Con un colpo di magia potrei trasformarvi in leoni». Con mia sorpresa, uno di loro disse: «Va bene, trasformaci in leoni». Io risposi: «Beh veramente non dovrei farlo perché non ci sarebbe modo di farvi tornare bambini». Il più piccolo disse: «Non me ne importa, voglio che comunque ci trasformi in leoni». «No, veramente, replicai, non ci sarebbe nessun modo per farvi tornare indietro». Il più grande gridò: «Voglio che ci trasformi in leoni!». Il piccolo chiese: «Come fai a trasformarci in leoni?». «Con le parole magiche» risposi. Uno di loro domandò: «Quali sono queste parole magiche?» Io replicai: «Se vi dicessi le parole magiche, io le pronuncerei, e così sareste trasformati in leoni». Essi ci pensarono un momento, poi uno di loro chiese: «Non ci sono parole magiche per farci tornare indietro?». «Si, ci sono risposi, ma il guaio è questo: se io dicessi le prime parole magiche, non solo voi due, ma tutte le persone del mondo, me compreso, si trasformerebbero in leoni. E i leoni non sanno parlare, così non rimarrebbe nessuno a dire le altre parole magiche per farci tornare indietro». Il più grande allora disse: «Scrivile!». «Ma io non so leggere», esclamò il più piccolo.

18 6 Capitolo 1 Replicai: «No, no, scriverle è fuori discussione; anche se fossero scritte invece che pronunciate, ogni persona al mondo si trasformerebbe e- gualmente in leone». Essi dissero: «Oh». Circa una settimana dopo incontrai il più grande dei bambini che mi disse: «Smullyan, c era qualcosa che volevo chiederti, qualcosa che non sono riuscito a spiegarmi». «Dimmi», dissi io. E lui: «Come hai mai fatto a imparare le parole magiche?».

19 Capitolo 2 Rompicapi e tiri mancini A. Alcuni dei vecchi tempi Cominceremo con alcuni rompicapi dei vecchi tempi che hanno divertito diverse generazioni. Alcuni di questi saranno certamente già conosciuti da molti di voi, ma anche per quelli che li conoscono, io ho qualche nuovo trucco. 4 Di chi è il ritratto che sto guardando? Questo problema era molto popolare ai tempi della mia infanzia, ma oggi sembra che sia meno diffuso. Caratteristica curiosa di questo problema è il fatto che moltissime persone arrivano alla risposta sbagliata, ma insistono (malgrado qualsiasi argomento) nella convinzione che la loro risposta sia giusta. Ricordo un occasione, circa 50 anni fa, quando con un gruppo di amici avemmo una discussione di parecchie ore su questo problema, e quelli che erano arrivati alla soluzione giusta non riuscirono a convincere gli altri di aver ragione. Il problema è questo. Un uomo stava guardando un ritratto. Qualcuno gli chiese: «Di chi è il ritratto che stai guardando?» Egli rispose: «Fratelli e sorelle io non ne ho, ma il padre di quest uomo è figlio di mio padre». («Il padre di quest uomo» significa, ovviamente, il padre dell uomo del ritratto). Di chi era il ritratto che l uomo stava guardando? 5 Supponiamo che, nella stessa situazione, l uomo avesse invece risposto:

20 8 Capitolo 2 «Fratelli e sorelle non ne ho, ma il figlio di quest uomo è figlio dì mio padre». Ora, di chi era il ritratto che l uomo stava guardando? 6 Cosa accade se una irresistibile palla di cannone colpisce un pilastro inamovibile? Questo è un altro problema della mia infanzia che mi piace moltissimo. Con «irresistibile palla di cannone» si intende una palla di cannone che demolisce qualsiasi cosa si trovi sulla sua strada. Con «pilastro inamovibile» si intende un pilastro che non può essere demolito da nessuna cosa. Allora, cosa capita se un irresistibile palla di cannone colpisce un pilastro inamovibile? 7 Passiamo ora ad un problema molto semplice che molti di voi probabilmente conoscono. In una camera buia, dentro a un cassetto, ci sono 24 calze rosse e 24 calze blu. Qual è il numero minimo di calze che debbo prendere dal cassetto per essere sicuro di avere almeno due calze dello stesso colore? 8 Una nuova complicazione del problema precedente. Supponiamo che in un cassetto vi sia un certo numero di calze blu e un ugual numero di calze rosse. Supponiamo che il minimo numero di calze che debbo prendere per essere sicuro di avere almeno un paio di calze dello stesso colore sia uguale al numero minimo di calze che debbo prendere per essere sicuro di avere almeno due calze di colori diversi. Quante calze ci sono nel cassetto? 9 Ecco un gioco logico molto conosciuto: ammesso che il numero di abitanti di New York sia maggiore del numero di capelli sulla testa di qualsiasi abitante, e che nessun abitante sia totalmente calvo, ne segue forse necessariamente che vi debbano essere almeno due abitanti con lo stesso numero di capelli? Ecco una piccola variante di questo problema:

21 Rompicapi e tiri mancini 9 nella città di Podunk si verificano i seguenti fatti: (1) Non esistono due abitanti con lo stesso numero di capelli. (2) Nessun abitante ha esattamente 518 capelli. (3) Il numero degli abitanti è maggiore del numero di capelli sulla testa di qualsiasi abitante. Qual è il maggior numero possibile di abitanti di Podunk? 10 Chi era l assassino? Questa storia riguarda una carovana che attraversava il Deserto del Sahara. Una notte piantarono le tende. I nostri tre personaggi principali sono A, B e C. A odiava C e decise di assassinarlo versando del veleno nell acqua della sua borraccia (questa era la sola riserva d acqua di C). Indipendentemente da questo, anche B decideva di assassinare C, così (senza rendersi conto che l acqua di C era già avvelenata) fece un piccolo foro nella borraccia di C in modo che l acqua ne uscisse lentamente. La conseguenza fu che parecchi giorni dopo C morì di sete. La domanda è, chi fu l assassino, A o B? Da un punto di vista l assassino fu B, poiché C non bevve mai il veleno versato da A, quindi sarebbe morto anche se A non avesse avvelenato l acqua. Dal punto di vista opposto, A fu il vero assassino, poiché le azioni di B non ebbero assolutamente nessun effetto sul risultato finale; una volta che A aveva avvelenato l acqua, la sorte di C era segnata, poiché sarebbe morto anche se B non gli avesse forato la borraccia. Quale dei due ragionamenti è corretto? A questo punto vi racconterò la storiella di un boscaiolo del Medio Oriente che andò a cercare lavoro presso un azienda di legnami. Il caposquadra disse: «Non so se questo è il tipo di lavoro che desideri; noi qui abbattiamo alberi». Il boscaiolo rispose: «Questo è proprio il mio lavoro». Il caposquadra replicò: «Va bene, eccoti un ascia; vediamo quanto ci metti ad abbattere quest albero». Il boscaiolo si avvicinò all albero e lo abbatté con un solo colpo. Il caposquadra, sbalordito, disse: «Bene, prova un po con quello grosso laggiù». Il boscaiolo si avvicinò all albero bum, bam in due colpi l albero era giù. «Fantastico!» gridò il caposquadra. «Naturalmente sei assunto, ma come hai mai fatto a imparare ad abbattere alberi in quel modo?» «Oh», rispose il boscaiolo «ho fatto un sacco di esercizio nella Foresta del Sahara». Il caposquadra ci pensò sopra un momento, poi disse: «Foresta? Vorrai dire deserto». «Oh sì», rispose il boscaiolo, «Adesso lo è!».

22 10 Capitolo 2 11 Un altro problema legale. Due uomini erano processati per un assassinio. la giuria trovò uno di loro colpevole e l altro non colpevole. Il giudice si rivolse al colpevole e disse «Questo è il caso più strano in cui mi sia mai imbattuto! Sebbene la sua colpevolezza sia stata provata al di la di ogni ragionevole dubbio, la legge mi costringe a lasciarla libero». Come spiegate questo fatto? 12 I due eschimesi. Due eschimesi erano seduti su una slitta: erano di diversa statura, grande e piccolo. L eschimese piccolo era figlio dell eschimese grande, ma l eschimese grande non era il padre dell eschimese piccolo. Come spiegate questo fatto? 13 L orologio che si fermò. Ecco un problema dei vecchi tempi semplice e ingegnoso. Un uomo non possedeva nessun orologio portatile, però a casa aveva una pendola molto precisa ma talvolta dimenticava di caricarla. Una volta che ciò accadde, andò a casa di un amico, passò la serata con lui, tornò a casa e rimise a posto l orologio. Come poté farlo senza conoscere prima il tempo impiegato per tornare a casa? 14 Il problema dell orso. Ciò che è interessante in questo problema è il fatto che molti l hanno già sentito e conoscono la risposta, ma le loro spiegazioni sono insufficienti. Così, anche se credete di conoscere la risposta, assicuratevene e consultate la soluzione. Un uomo si trova 100 metri a sud di un orso. Egli percorre 100 metri verso est, quindi si ferma e si rivolge verso nord, imbraccia il fucile, spara esattamente nord e colpisce l orso. Di che colore era l orso?

23 Rompicapi e tiri mancini 11 B. Tiri mancini All inizio ero indeciso su quale titolo dare a questo libro; pensai a «Logica ricreativa», «Giochi e divertimenti logici», e altri titoli, ma non ero troppo soddisfatto. Allora decisi di consultare il Roget s Thesaurus (*): guardai l indice sotto «Giochi» e fui rimandato alla sezione «Divertimento». Qui trovai una serie di vocaboli come: «scherzo», «birichinata», «gioco», «facezia», «baldoria», «burla», «bizzarria», «buffonata», «presa in giro», «baggianata», «canzonatura», «minchionatura», «stravaganza». Nel paragrafo seguente trovai le parole: «gioco», «giocare a», «imbroglio», «sgambetto», «monelleria», «oplà», «buffoneria», «spasso», «tiro mancino» (**). Risi e dissi a mia moglie: «Senti, forse potrei chiamare questo libro Tiri mancini». Per quanto questo titolo mi piacesse, avrebbe potuto essere ambiguo per questo libro nel suo complesso, poiché vari capitoli non possono essere considerati come tiri mancini. Ma questo titolo è adeguato ai giochi di questo capitolo, come si renderà presto conto il lettore. 15 Il problema delle due monete. La somma del valore di due monete americane è 30 cent, tuttavia una di esse non è un nickel (***). Che monete sono? 16 Chi di voi sa qualcosa sul cattolicesimo, per caso sa sé la Chiesa Cattolica permette a un uomo di sposare la sorella della sua vedova? 17 Un uomo viveva al venticinquesimo piano di un palazzo di trenta piani. Ogni mattina (eccetto il sabato e la domenica) entrava nell ascensore, ne usciva al piano terreno, e andava al lavoro. Alla sera, veniva a casa, entrava nell ascensore, ne usciva al ventiquattresimo piano, e faceva una (*) Peter Mark Roget, Thesaurus of English Words and Phrases, 1852: famoso dizionario di sinonimi e frasi inglesi, classificate per argomento (N.d.T.). (**) Corsivo dell autore. L originale inglese è monkey trick (N.d.T.). (***) Nickel, moneta da 5 cent (N.d.T.).

24 12 Capitolo 2 rampa di scale a piedi per arrivare al venticinquesimo. Perché usciva al ventiquattresimo piano anziché al venticinquesimo? 18 Una questione di ortografia. Per coloro che si interessano di questioni di ortografia, è più corretto dire: il tuorlo è bianco, o il torlo è bianco? 19 Un problema di tempo. Un treno parte da Boston per New York. Un ora più tardi un altro treno parte da New York per Boston. I due treni vanno esattamente alla stessa velocità. Quale treno sarà più vicino a Boston quando si incontrano? 20 Una questione di pendenza. Le due falde del tetto di una casa hanno un inclinazione diversa. Una ha una pendenza di 60 gradi, l altra di 70. Supponiamo che un gallo deponga un uovo esattamente sul culmine del tetto. Da quale parte del tetto cadrà l uovo? 21 Quanti 9? In una strada ci sono 100 edifici. L addetto ai numeri civici viene chiamato per numerare le case da 1 a 100. Per fare il lavoro deve ordinare le cifre. Senza usare carta e matita, potete dire di quanti 9 avrà bisogno? 22 La pista. Una lumaca impiega un ora e mezzo per percorrere in senso orario una pista, ma quando la stessa lumaca percorre la stessa pista in senso antiorario, impiega soltanto novanta minuti. Perché questa differenza?

25 Rompicapi e tiri mancini Una questione di legge internazionale. Un aeroplano precipita esattamente sul confine tra Stati Uniti e Canada. Secondo voi, i sopravvissuti in quale paese dovrebbero essere seppelliti? 24 Come spiegate questo? Un certo signor Smith e suo figlio Arturo ebbero un grave incidente automobilistico. Il padre rimase ucciso sul colpo e il figlio fu portato all ospedale gravemente ferito. Il chirurgo lo guardò e disse: «Non posso operarlo, è mio figlio Arturo!». Come spiegate questo? 25 E adesso? E adesso, qual è il titolo di questo libro? Soluzioni 4 Molte persone arrivano alla risposta sbagliata che l uomo sta guardando il proprio ritratto. Esse si mettono al posto dell uomo che guarda il ritratto, e ragionano nel modo seguente: «Poiché io non ho né fratelli né sorelle, il figlio di mio padre debbo essere io. Quindi io sto guardando il mio ritratto». La prima parte di questo ragionamento è assolutamente corretta. Se non ho fratelli o sorelle, allora il figlio di mio padre sono proprio io. Ma non ne segue che «io» sia la risposta al problema. Se la seconda proposizione del problema fosse stata: «Quest uomo è il figlio di mio padre», allora la risposta al problema sarebbe stata «io». Ma il problema non dice questo, esso dice: «Il padre di quest uomo è il figlio di mio padre». Da ciò segue che il padre di quest uomo sono io. Poiché io sono il padre di quest uomo allora quest uomo deve essere mio figlio. Così la risposta corretta a questo problema è che l uomo sta guardando il ritratto di suo figlio. Se il lettore scettico non è ancora convinto (e sono sicuro che molti

26 14 Capitolo 2 di voi non lo sono!) può essere utile analizzare il problema più graficamente, come segue: (1) Il padre di quest uomo è figlio di mio padre. Sostituendo la parola «io» alla frase più ingombrante «figlio di mio padre», avremo (2) Il padre di quest uomo sono io. Ora siete convinti? 5 La risposta al secondo problema: «Fratelli e sorelle non ne ho, ma il figlio di quest uomo è figlio di mio padre», è che l uomo sta guardando un ritratto di suo padre. 6 Le condizioni date nel problema sono logicamente contraddittorie. È logicamente impossibile che possano esistere sia una palla di cannone irresistibile sia un pilastro inamovibile. Se esistesse una palla di cannone irresistibile, allora per definizione abbatterebbe qualsiasi pilastro che si trovasse sulla sua traiettoria, quindi non potrebbe esistere un pilastro inamovibile. Alternativamente se esistesse un pilastro inamovibile, allora, per definizione, nessuna palla di cannone lo potrebbe abbattere, quindi non potrebbe esistere una palla di cannone irresistibile. L esistenza di una palla di cannone irresistibile non è per sé stessa contraddittoria, né lo è l esistenza di un pilastro inamovibile. Ma asserire che entrambi esistano è asserire una contraddizione. La situazione non è in effetti molto differente dalla seguente: «Ci sono due persone, John e Jack. John è più alto di Jack e Jack è più alto di John. Ora, come spiegate questo?» la vostra migliore risposta sarebbe: «O tu stai mentendo o ti sbagli». 7 La risposta sbagliata più comune è «25». Se il problema fosse stato: «qual è il numero minimo che debbo estrarre per essere sicuro di avere almeno due calze di colori diversi», allora la risposta corretta sarebbe stata 25. Ma il problema richiede almeno due calze dello stesso colore, così la risposta corretta è «tre». Se io estraggo tre calze, allora o esse

27 Rompicapi e tiri mancini 15 sono tutte dello stesso colore (nel qual caso ne ho certamente due dello stesso colore) oppure due sono di un colore e la terza dell altro colore, così ne ho due dello stesso colore. 8 La risposta è quattro. 9 Nel primo problema la risposta è «Sì». Per fare un esempio concreto, supponiamo che a New York ci siano esattamente 8 milioni di abitanti. Se ogni abitante avesse un numero diverso di capelli, allora ci sarebbero 8 milioni di numeri interi positivi diversi, ognuno dei quali inferiore a 8 milioni. Questo è impossibile! La risposta al secondo problema è 518! Per verificarlo, supponiamo che ci siano più di 518 abitanti, diciamo 520. Allora dovrebbero esservi 520 numeri diversi tutti inferiori a 520 e nessuno di essi uguale a 518. Ciò è impossibile; ci sono esattamente 520 numeri diversi (includendo lo zero) inferiori a 520, quindi ci sono soltanto 519 numeri diversi da 518 che sono inferiori a 520. Per inciso, uno degli abitanti di Podunk deve essere calvo. Perché? 10 Io dubito che l uno o l altro dei due argomenti possa essere esattamente definito «corretto» o «scorretto». Temo che in un problema di questo tipo un opinione valga l altra. la mia convinzione personale è che se qualcuno deve essere considerato causa della morte di C, questi è A. In effetti, se io fossi l avvocato difensore dì B, farei rilevare alla corte due cose: (1) togliere acqua avvelenata dalla borraccia dì qualcuno non significa in nessun modo ucciderlo; (2) se ha avuto conseguenze, l azione di B probabilmente è servita soltanto ad allungare la vita di C (anche se questa non era la sua intenzione), in quanto la morte per avvelenamento è probabilmente più rapida della morte per sete. Ma allora il difensore di A potrebbe controbattere: «Come si può in buona fede giudicare A colpevole di assassinio per avvelenamento quando in effetti C non bevve mai la minima parte del veleno?». Così questo problema è un vero rompicapo. Esso è complicato dal fatto che

28 16 Capitolo 2 può essere considerato da un punto di vista morale, legale e da un punto di vista puramente scientifico che implichi la nozione di causalità. Da un punto di vista morale sia A che B furono colpevoli di intenzione di assassinio, ma la sentenza di effettivo assassinio è molto più drastica. Per quanto riguarda il punto di vista legale, non so come deciderebbe la legge; forse giurie diverse deciderebbero in modo diverso. Per quanto riguarda gli aspetti scientifici del problema, l intera nozione di causalità presenta molti problemi. Penso che su questo rompicapo si potrebbe scrivere un intero libro. 11 I due imputati erano gemelli siamesi. 12 L eschimese grande era la madre dell eschimese piccolo. 13 Quando l uomo partì da casa sua, mise in moto la pendola e annotò l ora che faceva. Quando fu a casa dell amico egli annotò l ora in cui arrivò e l ora in cui partì. Così egli sapeva quanto tempo aveva passato a casa dell amico. Quando arrivò a casa sua egli guardò la pendola, e in tal modo seppe quanto tempo era stato via da casa. Sottraendo da questo il tempo che egli aveva passato a casa dell amico seppe quanto tempo aveva impiegato a compiere il percorso di andata e ritorno. Aggiungendo la metà di questo tempo all ora in cui partì dalla casa dell amico, conobbe l ora esatta. 14 L orso deve essere bianco, deve essere un orso polare. La spiegazione più frequente che viene data è che l orso doveva stare esattamente al Polo Nord. Bene, questa è effettivamente una possibilità, ma non è l unica. Dal Polo Nord, tutte le direzioni sono verso sud, così se l orso sta al Polo Nord e l uomo è a 100 metri a sud dell orso e percorre 100 metri verso est, allora quando si volge verso nord si troverà di nuovo

29 Rompicapi e tiri mancini 17 rivolto verso il Polo Nord. Ma, come ho detto, questa non è l unica soluzione. In effetti c è un numero infinito di soluzioni. Potrebbe essere, ad esempio, che l uomo sia molto vicino al Polo Sud, in un punto in cui il parallelo passante per quel punto ha una lunghezza di 100 metri esatti, e l orso si trova a cento metri a nord dell uomo. Allora se l uomo percorresse 100 metri verso est, egli camminerebbe lungo il parallelo fino a tornare esattamente al punto di partenza. Così questa è una seconda soluzione. Ma l uomo potrebbe essere ancora più vicino al Polo Sud, in un punto in cui il parallelo ha una lunghezza di 50 metri esatti, così se egli camminasse per 100 metri verso est, percorrerebbe il parallelo due volte e si troverebbe di nuovo al punto di partenza. Oppure l uomo potrebbe trovarsi ancora più vicino al Polo Sud, in un punto in cui il parallelo ha una lunghezza che è esattamente un terzo di 100 metri, e percorrere tre volte il parallelo per ritrovarsi al punto di partenza. E così via per ogni numero n intero positivo. Così sulla terra vi è realmente un numero infinito di punti in cui le condizioni del problema potrebbero essere soddisfatte. Naturalmente, in tutte queste soluzioni l orso è abbastanza vicino al Polo Nord o al Polo Sud per essere considerato un orso polare. C è, naturalmente, la remota possibilità che qualche maligno essere umano trasporti deliberatamente un orso bruno al Polo Nord tanto per far dispetto all autore di questo problema. 15 La risposta è un quarter (*) e un nickel. Uno di loro (vale a dire il quarter) non è un nickel. 16 Come può un morto sposare qualcuno? 17 Era un nano e non riusciva a raggiungere il bottone del 25 piano dell ascensore. (*) Moneta d argento da 25 cent. (N.d.T.).

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

L'orologio. Ricorda. Per capire. 1 giorno = 24 ore 1 ora = 60 minuti 1 minuto = 60 secondi. La lancetta corta indica le ore. I numeri indicano le ore

L'orologio. Ricorda. Per capire. 1 giorno = 24 ore 1 ora = 60 minuti 1 minuto = 60 secondi. La lancetta corta indica le ore. I numeri indicano le ore L'orologio La lancetta corta indica le ore I numeri indicano le ore La lancetta lunga indica i minuti Questa lancetta, che è sempre in movimento, indica i secondi Ricorda Dopo che la lancetta corta ha

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli