Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART"

Transcript

1 Regione Toscana Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Stato del documento Definitiva Versione del documento 1.8 Data 29/05/13 Documento Acronimo del documento Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART TOSCART-TEC-SPEC- INVOCAZIONE-PMC

2 REGISTRAZIONE MODIFICHE AL DOCUMENTO versione PARAGRAFO O PAGINA DESCRIZIONE DELLA VARIAZIONE 1.0 Tutto il documento Versione definitiva 1.1 Tutto il documento Revisione generale 1.2 Codici di errore e notifiche di non accettazione 1.3 Paragrafo campi obbligatori 1.4 Codici di errore e notifiche di non accettazione 1.5 Nuova specifica del wsdl 1.6 Web service monitoraggio per utilizzatori esterni. 1.7 Aggiunta di nuovi codici di non accettazione 1.8 Monitoraggio servizi sincroni Introduzione delle notifiche di non accettazione Introduzione campi obbligatori per l invocazione del servizio pmcnal Esempi di notifiche puntuali / aggregate ed errori infrastrutturali Resi obbligatori i campi dataelaborazione, accordoservizio, servizio, tiposervizio, modalita, stato, componente, proxy Descrizione del web service di monitoraggio per utilizzatori esterni Il proxy applicativo può inviare codici di non accettazione relativi ad errori riscontrati durante la fase di elaborazione del messaggio. Aggiunta specifica relativa alle notifiche di monitoraggio inviate dai proxy applicativi nel caso di servizi sincroni.

3 Indice dei Contenuti 1 - SCOPO INTRODUZIONE INTERFACCIA WS PMCNAL ESEMPI DI UTILIZZO Esempio di notifica N Esempio di notifica N Esempio di notifica N Esempio di notifica N CODICI DI ERRORE E NOTIFICHE DI NON ACCETTAZIONE Esempio di notifica di non accettazione puntuale Esempio di notifica di non accettazione aggregata Esempio di notifica di errore in consegna su erogatore MONITORAGGIO SERVIZI SINCRONI WEB SERVICE MONITORAGGIO PER UTILIZZATORI ESTERNI...18

4 1 - SCOPO Scopo del presente documento è quello di definire l interfaccia per l invocazione del sistema di monitoraggio dei servizi in ambito CART che utilizzano proxy applicativi. 2 - INTRODUZIONE Obiettivo del Sistema di Monitoraggio PMC è quello di consentire di monitorare ciò che si ritenga significativo tenere sotto controllo per il servizio sul quale si voglia attivare tale sistema (ad es. in un servizio il cui compito sia l invio di documenti, si vorrà monitorare l effettiva consegna dei documenti stessi). Il sistema di monitoraggio espone un web service locale al NAL (Ws-PMCNal, di cui definiremo l interfaccia in questo documento) per la ricezione di messaggi di monitoraggio inviati dai proxy. Un modulo applicativo locale al NAL (Agent di monitoraggio) si occuperà di inviare, in modalità asincrona, i messaggi di monitoraggio al servizio centrale. Il servizio centrale di monitoraggio riceverà le notifiche e le memorizzerà nel database di monitoraggio. Sul servizio centrale sarà presente un interfaccia web per le operazioni di reportistica, analisi ed impostazione di regole per l attivazione di meccanismi di alert. Gli attori principali del sistema di monitoraggio sono, come detto, il web service di gestione dei messaggi di monitoraggio locale al NAL (PMCNal), il processo di invio notifiche (Agent), il web service centrale per la memorizzazione delle notifiche (PMCCric), un applicazione web per la reportistica e controllo ed un processo di controllo regole e invio alert. Di seguito un possibile scenario di utilizzo:

5 Il tracciamento della comunicazione fra un SIL mittente ed un SIL destinatario avviene, in uno scenario di tipo asincrono, nel seguente modo: sul NAL mittente il proxy applicativo invocato dal SIL (1) invia al web service di monitoraggio locale Ws PMCNal un messaggio (2), notificando la ricezione di un messaggio applicativo da parte del SIL (Notifica N1). Successivamente il proxy invoca la porta di dominio (3) e, dopo aver ricevuto un ACK positivo di presa in carico, invoca nuovamente il Ws PMCNal notificando l'avvenuta presa in carico (4) (Notifica N2). Sul NAL destinatario avverrà l inverso, ossia il proxy applicativo alla ricezione di un messaggio applicativo dalla porta di dominio (5) invocherà il Ws PMCNal locale notificando la richiesta di servizio applicativo (6) (Notifica N3). Successivamente, il proxy inoltra la richiesta al servizio erogatore locale (7) e, dopo aver ottenuto un ACK positivo di presa in carico, invoca di nuovo il Ws PMCNal notificando il completamento delle operazioni di gestione del messaggio sul CART (8) (Notifica N4) che quindi risulta consegnato. 3 - INTERFACCIA WS PMCNAL Il web service Ws PMCNal è conforme alla seguente definizione (WSDL): <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace="http://cart.rete.toscana.it/pmc" xmlns:apachesoap="http://xml.apache.org/xml-soap" xmlns:tns="http://cart.rete.toscana.it/pmc" xmlns:wsdl="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/" xmlns:wsdlsoap="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/soap/" xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <wsdl:types> <schema targetnamespace="http://cart.rete.toscana.it/pmc" xmlns="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <include schemalocation="notificationmessage.xsd"/> <include schemalocation="notificationresponse.xsd"/> </schema> </wsdl:types> <wsdl:message name="invianotificarequest"> <wsdl:part name="in0" type="tns:notificationmessage"/> </wsdl:message> <wsdl:message name="invianotificaresponse"> <wsdl:part name="invianotificareturn" type="tns:notificationresponse"/> </wsdl:message> <wsdl:porttype name="pmcnal"> <wsdl:operation name="invianotifica" parameterorder="in0"> <wsdl:input message="tns:invianotificarequest" name="invianotificarequest"/> <wsdl:output message="tns:invianotificaresponse" name="invianotificaresponse"/> </wsdl:operation> </wsdl:porttype> <wsdl:binding name="pmcnalsoapbinding" type="tns:pmcnal"> <wsdlsoap:binding style="rpc" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/> <wsdl:operation name="invianotifica"> <wsdlsoap:operation soapaction=""/>

6 <wsdl:input name="invianotificarequest"> <wsdlsoap:body namespace="http://cart.rete.toscana.it/pmc" use="literal"/> </wsdl:input> <wsdl:output name="invianotificaresponse"> <wsdlsoap:body namespace="http://cart.rete.toscana.it/pmc" use="literal"/> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:binding> <wsdl:service name="pmcnalservice"> <wsdl:port binding="tns:pmcnalsoapbinding" name="pmcnal"> <wsdlsoap:address location="http://localhost:8380/pmcnal/services/pmcnal"/> </wsdl:port> </wsdl:service> </wsdl:definitions> Dove NotificationMessage.xsd è la specifica del messaggio di notifica con cui il proxy invoca il web service WsPMCNal attraverso il metodo invianotifica. NotificationMessage.xsd ha la seguente struttura: <?xml version="1.0"?> <xs:schema targetnamespace="http://cart.rete.toscana.it/pmc" xmlns="http://cart.rete.toscana.it/pmc" xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" elementformdefault="qualified"> <xs:complextype name="notificationmessage"> <xs:sequence> <xs:element ref="idcorrelazioneapp" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="idegov" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="mittente" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="tipomittente" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="destinatario" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="tipodestinatario" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="dataelaborazione"/> <xs:element ref="numerorfc" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="accordoservizio"/> <xs:element ref="servizio"/> <xs:element ref="tiposervizio"/> <xs:element ref="azione" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="modalita"/> <xs:element ref="stato"/> <xs:element ref="errore" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="messaggiaggregati" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="componente"/> <xs:element ref="proxy"/> <xs:element ref="idproxy" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="nal" nillable="true" minoccurs="0"/> <xs:element ref="note" nillable="true" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="idcorrelazioneapp" type="xs:string">

7 Identificativo di correlazione applicativa <xs:element name="idegov" type="xs:string"> Identificativo della busta egov <xs:element name="mittente" type="xs:string"> Riferimenti del mittente del messaggio <xs:element name="tipomittente" type="soggtype"> Tipo mittente <xs:element name="destinatario" type="xs:string"> Riferimenti del destinatario del messaggio <xs:element name="tipodestinatario" type="soggtype"> Tipo destinatario <xs:element name="dataelaborazione" type="xs:datetime"> Data di elaborazione del messaggio nel formato (yyyy-mm-ddthh:mm:ss) <xs:element name="numerorfc" type="xs:string"> Numero di RFC

8 <xs:element name="accordoservizio" type="xs:string"> Nome dell'accordo di servizio <xs:element name="servizio" type="xs:string"> Identificativo del servizio applicativo <xs:element name="tiposervizio" type="servicetype"> Tipo servizio <xs:element name="azione" type="xs:string"> Identificativo dell'azione associata al servizio <xs:element name="stato" type="xs:int"> stato del messaggio 0 = OK -102 Errore di validazione del messaggio (associato solo alla prima notifica); -103 Errore di anonimizzazione anagrafe locale (associato solo alla prima notifica); -104 Errore di anonimizzazione anagrafe centrale (associato solo alla prima notifica); -300 Errore generico proxy applicativo; -400 Errore invocazione PdD mittente (associato solo alla seconda notifica); -500 Errore generico in consegna su erogatore (associato solo all'ultima notifica). <xs:element name="messaggiaggregati" type="xs:int"> numero di messaggi che sono risultati in errore in caso di notifica di non accettazione dal SIL fruitore

9 <xs:element name="errore" type="xs:string"> Descrizione estesa dell'errore di elaborazione del messaggio <xs:element name="modalita" type="modtype"> Modalita' che il componente effettua sul messaggio I= Invio R=ricezione Da utilizzare insieme al componente per identificare in quale punto dell'infrastruttura si trova il messaggio applicativo. Si veda descrizione del componente. <xs:element name="componente" type="comptype"> Definizione della tipologia del componente che interagisce con il proxy (CART,SIL) Da utilizzare insieme alla modalita' per specificare in quale punto dell'infrastruttura si trova il messaggio applicativo. Di seguito le possibili combinazioni [modalita,componente]: [R,SIL] = Ricezione da SIL (prima notifica) [I,CART] = Invio alla PDD - CART (seconda notifica) [R,CART] = Ricezione da PDD - CART (terza notifica) [I,SIL] = Invio a SIL (quarta notifica) <xs:element name="proxy" type="xs:string"> nome del proxy <xs:element name="idproxy" type="xs:string"> <xs:element name="nal" type="xs:string"> identifica il nal su cui si trova il proxy <xs:element name="note" type="xs:string">

10 annotazione generica <xs:simpletype name="servicetype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:enumeration value="spc"/> <xs:enumeration value="aoo"/> <xs:enumeration value="test"/> <xs:enumeration value="uddi"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> <xs:simpletype name="comptype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:enumeration value="sil"/> <xs:enumeration value="cart"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> <xs:simpletype name="soggtype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:enumeration value="spc"/> <xs:enumeration value="aoo"/> <xs:enumeration value="test"/> <xs:enumeration value="uddi"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> <xs:simpletype name="modtype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:enumeration value="i"/> <xs:enumeration value="r"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> </xs:schema> IMPORTANTE: Affinché il sistema riesca a collegare le 4 notifiche generate nel percorso del messaggio dal SIL fruitore al SIL erogatore e quindi riesca a calcolare tempi e modalità di invio/ricezione del messaggio, è necessario che nel tag idcorrelazioneapp esista un ugual valore (non nullo) in tutte e quattro le notifiche. Il servizio Ws PMCNal risponde con un xml definito dallo schema NotificationResponse.xsd La definizione di NotificationResponse.xsd è la seguente: <?xml version="1.0"?> <xs:schema targetnamespace="http://cart.rete.toscana.it/pmc" xmlns="http://cart.rete.toscana.it/pmc" xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" elementformdefault="qualified"> <xs:complextype name="notificationresponse"> <xs:sequence> <xs:element ref="codice" minoccurs="1"/> <xs:element ref="description" minoccurs="0"/>

11 <xs:element ref="esito" minoccurs="1"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:element name="codice" type="xs:int"> codice di ritorno 0: ok -101: errore <xs:element name="description" type="xs:string"> descrizione errore <xs:element name="esito" type="xs:boolean"> esito invio notifica: true/false </xs:schema> 4 - ESEMPI DI UTILIZZO Come detto NotificationMessage.xsd definisce il messaggio di notifica con cui il proxy invoca il web service WsPMCNal attraverso il metodo invianotifica. Un esempio di codice per l invocazione del web service è la seguente: public void testpmcnalinvianotifica() throws Exception { it.toscana.regione.cart.pmcnal.pmcnalsoapbindingstub binding; try { binding = (it.toscana.regione.cart.pmcnal.pmcnalsoapbindingstub) new it.toscana.regione.cart.pmcnal.pmcnalservicelocator().getpmcnal(); } catch (javax.xml.rpc.serviceexception jre) { throw new Exception("JAX-RPC ServiceException caught: " + jre); } // Test operation it.toscana.regione.cart.pmcnal.notificationresponse value = null; it.toscana.regione.cart.pmcnal.notificationmessage notificationmessage =

12 } new it.toscana.regione.cart.pmcnal.notificationmessage(); //setting notificationmessage properties //notificationmessage.setidegov( ) value = binding.invianotifica(notificationmessage); //validate results. 4.1 ESEMPIO DI NOTIFICA N1 Un esempio di documento conforme allo schema NotificationMessage.xsd è il seguente: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:monitoraggioproxy xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:idcorrelazioneapp>1000</pmc:idcorrelazioneapp> <pmc:idegov></pmc:idegov> <pmc:mittente>asl11empoli</pmc:mittente> <pmc:tipomittente>spc</pmc:tipomittente> <pmc:destinatario>asl3pistoia</pmc:destinatario> <pmc:tipodestinatario>spc</pmc:tipodestinatario> <pmc:dataelaborazione> t13:10:12.681z</pmc:dataelaborazione> <pmc:numerorfc>98</pmc:numerorfc> <pmc:accordoservizio>notificaeventoclinico</pmc:accordoservizio> <pmc:servizio>notificaeventoclinico</pmc:servizio> <pmc:tiposervizio>spc</pmc:tiposervizio> <pmc:azione></pmc:azione> <pmc:modalita>r</pmc:modalita> <pmc:stato>0</pmc:stato> <pmc:errore></pmc:errore> <pmc:componente>sil</pmc:componente> <pmc:proxy>proxy-asl11empoli</pmc:proxy> <pmc:idproxy></pmc:idproxy> <pmc:nal>nal-asl11empoli</pmc:nal> <pmc:note></pmc:note> </pmc:monitoraggioproxy> Nel caso dell esempio, si tratta di una notifica con cui il proxy Proxy-ASL11empoli che si trova sul nal NAL-ASL11empoli notifica l avvenuta ricezione di un messaggio dal SIL mittente ASL11empoli al SIL destinatario ASL3pistoia riguardante il servizio NotificaEventoClinico.

13 4.2 ESEMPIO DI NOTIFICA N2 Quando il proxy invoca la porta di dominio del CART e riceve un ack può invocare nuovamente il web service WsPMCNal notificando l avvenuta presa in carico da parte della PDD utilizzando il seguente messaggio: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:monitoraggioproxy xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:idcorrelazioneapp>1000</pmc:idcorrelazioneapp> <pmc:idegov>asl8staging_asl8stagingspcoopit_ _ _12:38</pmc:idegov> <pmc:mittente>asl11empoli</pmc:mittente> <pmc:tipomittente>spc</pmc:tipomittente> <pmc:destinatario>asl3pistoia</pmc:destinatario> <pmc:tipodestinatario>spc</pmc:tipodestinatario> <pmc:dataelaborazione> t13:11:12.158z</pmc:dataelaborazione> <pmc:numerorfc>98</pmc:numerorfc> <pmc:accordoservizio>notificaeventoclinico</pmc:accordoservizio> <pmc:servizio>notificaeventoclinico</pmc:servizio> <pmc:tiposervizio>spc</pmc:tiposervizio> <pmc:azione></pmc:azione> <pmc:modalita>i</pmc:modalita> <pmc:stato>0</pmc:stato> <pmc:errore></pmc:errore> <pmc:componente>cart</pmc:componente> <pmc:proxy>proxy-asl11empoli</pmc:proxy> <pmc:idproxy></pmc:idproxy> <pmc:nal>nal-asl11empoli</pmc:nal> <pmc:note></pmc:note> </pmc:monitoraggioproxy> 4.3 ESEMPIO DI NOTIFICA N3 Sul nal destinatario NAL-ASL3pistoia, il proxy Proxy-ASL3pistoia, una volta ricevuto il messaggio dalla PDD invocherà il WsPMCNal utilizzando il seguente messaggio: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:monitoraggioproxy xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:idcorrelazioneapp>1000</pmc:idcorrelazioneapp> <pmc:idegov>asl8staging_asl8stagingspcoopit_ _ _12:38</pmc:idegov> <pmc:mittente>asl11empoli</pmc:mittente> <pmc:tipomittente>spc</pmc:tipomittente> <pmc:destinatario>asl3pistoia</pmc:destinatario> <pmc:tipodestinatario>spc</pmc:tipodestinatario> <pmc:dataelaborazione> t13:12:12.681z</pmc:dataelaborazione> <pmc:numerorfc>98</pmc:numerorfc> <pmc:accordoservizio>notificaeventoclinico</pmc:accordoservizio> <pmc:servizio>notificaeventoclinico</pmc:servizio> <pmc:tiposervizio>spc</pmc:tiposervizio> <pmc:azione></pmc:azione> <pmc:modalita>r</pmc:modalita> <pmc:stato>0</pmc:stato>

14 <pmc:errore></pmc:errore> <pmc:componente>cart</pmc:componente> <pmc:proxy>proxy-asl3pistoia</pmc:proxy> <pmc:idproxy></pmc:idproxy> <pmc:nal>nal- ASL3pistoia</pmc:nal> <pmc:note></pmc:note> </pmc:monitoraggioproxy> 4.4 ESEMPIO DI NOTIFICA N4 Il proxy Proxy-ASL3pistoia ricevuto l ack dal SIL ASL3pistoia invierà a WsPMCNal il seguente messaggio di notifica: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:monitoraggioproxy xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:idcorrelazioneapp>1000</pmc:idcorrelazioneapp> <pmc:idegov>asl8staging_asl8stagingspcoopit_ _ _12:38</pmc:idegov> <pmc:mittente>asl11empoli</pmc:mittente> <pmc:tipomittente>spc</pmc:tipomittente> <pmc:destinatario>asl3pistoia</pmc:destinatario> <pmc:tipodestinatario>spc</pmc:tipodestinatario> <pmc:dataelaborazione> t13:12:25.681z</pmc:dataelaborazione> <pmc:numerorfc>98</pmc:numerorfc> <pmc:accordoservizio>notificaeventoclinico</pmc:accordoservizio> <pmc:servizio>notificaeventoclinico</pmc:servizio> <pmc:tiposervizio>spc</pmc:tiposervizio> <pmc:azione></pmc:azione> <pmc:modalita>i</pmc:modalita> <pmc:stato>0</pmc:stato> <pmc:errore></pmc:errore> <pmc:componente>sil</pmc:componente> <pmc:proxy>proxy-asl3pistoia</pmc:proxy> <pmc:idproxy></pmc:idproxy> <pmc:nal>nal- ASL3pistoia</pmc:nal> <pmc:note></pmc:note> </pmc:monitoraggioproxy> Un esempio di risposta conforme allo schema NotificationResponse.xsd e' la seguente: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:notificationresponse xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:codice>0</pmc:codice> <pmc:description>ok</pmc:description> <pmc:esito>true</pmc:esito> </pmc:notificationresponse> </xs:schema>

15 5 - CODICI DI ERRORE E NOTIFICHE DI NON ACCETTAZIONE I proxy, alla ricezione di un messaggio, hanno la possibilità di notificare al sistema di monitoraggio situazioni di errore, tipicamente errori di validazione e/o anonimizzazione (proxy fruitore) oppure errori in fase di consegna al SIL erogatore (proxy erogatore), impostando un opportuno codice di non accettazione relativo alla tipologia di errore riscontrata durante l'elaborazione del messaggio. Attualmente sono disponibili i seguenti codici di non accettazione: -102 Errore di validazione del messaggio (associato solo alla prima notifica); -103 Errore di anonimizzazione anagrafe locale (associato solo alla prima notifica); -104 Errore di anonimizzazione anagrafe centrale (associato solo alla prima notifica); -300 Errore generico proxy applicativo; -400 Errore invocazione PdD mittente (associato solo alla seconda notifica); -500 Errore generico in consegna su erogatore (associato solo all'ultima notifica). Per ognuno di questi codici è possibile specializzare nel tag errore il tipo di anomalia riscontrata. Le notifiche possono essere puntuali o aggregate. Nel caso di notifiche di non accettazione aggregate, oltre a quanto indicato precedentemente, il proxy deve impostare il tag messaggi Aggregati nel quale inserisce il numero di messaggi per i quali si è riscontrato un errore. L'utilizzo della notifica aggregata, quindi, può essere visto nell'ottica di minimizzare il numero di notifiche relative a messaggi applicativi non validi (quindi nel caso di codici -10X). Ogni altro codice di errore non compreso nella lista sopra descritta verrà gestito come codice non riconosciuto. IMPORTANTE: Le notifiche di non accettazione relative ai codici -10X non saranno prese in considerazione per la generazione di mail di allarme ma solo a fini di reportistica. 5.1 ESEMPIO DI NOTIFICA DI NON ACCETTAZIONE PUNTUALE Di seguito viene mostrato un esempio di notifica di non accettazione puntuale: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:monitoraggioproxy xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:idcorrelazioneapp>1000</pmc:idcorrelazioneapp> <pmc:idegov></pmc:idegov> <pmc:mittente>asl11empoli</pmc:mittente> <pmc:tipomittente>spc</pmc:tipomittente> <pmc:destinatario>asl3pistoia</pmc:destinatario> <pmc:tipodestinatario>spc</pmc:tipodestinatario> <pmc:dataelaborazione> t13:10:12.681z</pmc:dataelaborazione> <pmc:numerorfc>98</pmc:numerorfc> <pmc:accordoservizio>notificaeventoclinico</pmc:accordoservizio> <pmc:servizio>notificaeventoclinico</pmc:servizio> <pmc:tiposervizio>spc</pmc:tiposervizio>

16 <pmc:azione></pmc:azione> <pmc:modalita>r</pmc:modalita> <pmc:stato>-102</pmc:stato> <pmc:messaggiaggregati></pmc:messaggiaggregati> <pmc:errore>errore di validazione del messaggio applicativo</pmc:errore> <pmc:componente>sil</pmc:componente> <pmc:proxy>proxy-asl11empoli</pmc:proxy> <pmc:idproxy></pmc:idproxy> <pmc:nal>nal-asl11empoli</pmc:nal> <pmc:note></pmc:note> </pmc:monitoraggioproxy> La notifica sopra descritta indica al sistema di monitoraggio l'avvenuta ricezione (da parte del proxy fruitore) di un messaggio applicativo che però è stato scartato (e quindi non inviato sull'infrastruttura CART) poiché non ha superato i controlli di validazione. 5.2 ESEMPIO DI NOTIFICA DI NON ACCETTAZIONE AGGREGATA Di seguito viene mostrato un esempio di notifica di non accettazione aggregata: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:monitoraggioproxy xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:idcorrelazioneapp>1000</pmc:idcorrelazioneapp> <pmc:idegov></pmc:idegov> <pmc:mittente>asl11empoli</pmc:mittente> <pmc:tipomittente>spc</pmc:tipomittente> <pmc:destinatario>asl3pistoia</pmc:destinatario> <pmc:tipodestinatario>spc</pmc:tipodestinatario> <pmc:dataelaborazione> t13:10:12.681z</pmc:dataelaborazione> <pmc:numerorfc>98</pmc:numerorfc> <pmc:accordoservizio>notificaeventoclinico</pmc:accordoservizio> <pmc:servizio>notificaeventoclinico</pmc:servizio> <pmc:tiposervizio>spc</pmc:tiposervizio> <pmc:azione></pmc:azione> <pmc:modalita>r</pmc:modalita> <pmc:stato>-102</pmc:stato> <pmc:messaggiaggregati>20</pmc:messaggiaggregati> <pmc:errore>errore di validazione del messaggio applicativo</pmc:errore> <pmc:componente>sil</pmc:componente> <pmc:proxy>proxy-asl11empoli</pmc:proxy> <pmc:idproxy></pmc:idproxy> <pmc:nal>nal-asl11empoli</pmc:nal> <pmc:note></pmc:note> </pmc:monitoraggioproxy>

17 La notifica sopra descritta indica al sistema di monitoraggio l'avvenuta ricezione (da parte del proxy fruitore) di 20 messaggi applicativi scartati (e quindi non inviati sull'infrastruttura CART) poiché non hanno superato i controlli di validazione. In questo caso, i 20 messaggi applicativi che non hanno superato la validazione sono stati aggregati in un' unica notifica di non accettazione (invece di inviare 20 notifiche puntuali di non accettazione). 5.3 ESEMPIO DI NOTIFICA DI ERRORE IN CONSEGNA SU EROGATORE Nel caso in cui il proxy applicativo erogatore voglia notificare una situazione di errore relativa alla consegna di un messaggio sul SIL erogatore, dovrà inserire nel tag stato il valore -500 e nel tag errore una descrizione dell anomalia riscontrata come mostrato nell'esempio seguente: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <pmc:monitoraggioproxy xmlns:pmc="http://cart.rete.toscana.it/pmc"> <pmc:idcorrelazioneapp>1000</pmc:idcorrelazioneapp> <pmc:idegov></pmc:idegov> <pmc:mittente>asl11empoli</pmc:mittente> <pmc:tipomittente>spc</pmc:tipomittente> <pmc:destinatario>asl3pistoia</pmc:destinatario> <pmc:tipodestinatario>spc</pmc:tipodestinatario> <pmc:dataelaborazione> t13:10:12.681z</pmc:dataelaborazione> <pmc:numerorfc>98</pmc:numerorfc> <pmc:accordoservizio>notificaeventoclinico</pmc:accordoservizio> <pmc:servizio>notificaeventoclinico</pmc:servizio> <pmc:tiposervizio>spc</pmc:tiposervizio> <pmc:azione></pmc:azione> <pmc:modalita>i</pmc:modalita> <pmc:stato>-500</pmc:stato> <pmc:messaggiaggregati></pmc:messaggiaggregati> <pmc:errore>errore : Servizio applicativo erogatore non disponibile</pmc:errore> <pmc:componente>sil</pmc:componente> <pmc:proxy>proxy-asl11empoli</pmc:proxy> <pmc:idproxy></pmc:idproxy> <pmc:nal>nal-asl11empoli</pmc:nal> <pmc:note></pmc:note> </pmc:monitoraggioproxy> 6 - MONITORAGGIO SERVIZI SINCRONI Come descritto nell'introduzione di questo documento, il flusso di invio delle notifiche di monitoraggio al sistema PMC, nel caso di scenari di tipo asincrono, avviene nel seguente modo: Proxy fruitore: invia la notifica N1 alla ricezione di un messaggio applicativo da parte del SIL mittente;

18 invia la notifica N2 dopo aver ricevuto l'ack di presa in carico da parte della PdD mittente. Proxy erogatore: invia la notifica N3 alla ricezione di un messaggio applicativo da parte della PdD destinataria; invia la notifica N4 dopo aver invocato correttamente il SIL erogatore. Questa scelta discende dall esigenza di identificare e monitorare i messaggi non consegnati sui servizi asincroni per i quali sono previsti i meccanismi di riconsegna dell'infrastruttura CART. Nel caso di servizi di tipo sincrono, invece, non è prevista la riconsegna dal momento che, l'eventuale errore in fase di consegna, viene restituito direttamente al client che può, quindi, inviare nuovamente un messaggio. Per poter monitorare il tempo necessario affinché il fruitore riceva il messaggio di risposta da parte del soggetto erogatore, è necessario che la notifica N4, solo nel caso di servizi sincroni, venga generata dal proxy fruitore alla ricezione della risposta applicativa dell'erogatore e non più dal proxy erogatore come avviene normalmente per i servizi asincroni. Il flusso di invio delle notifiche di monitoraggio al sistema PMC, nel caso di scenari di tipo sincrono, quindi, viene modificato nel seguente modo: Proxy fruitore: invia la notifica N1 alla ricezione di un messaggio applicativo da parte del SIL mittente; invia la notifica N2 in fase di invocazione della PdD mittente. Proxy erogatore: invia la notifica N3 alla ricezione di un messaggio applicativo da parte della PdD destinataria; Proxy fruitore: invia la notifica N4 dopo aver restituito il messaggio di risposta al SIL fruitore. 7 - WEB SERVICE MONITORAGGIO PER UTILIZZATORI ESTERNI Esiste un servizio rivolto ad utilizzatori esterni ed implementato mediante web service per consentire di ottenere informazioni di monitoraggio. In questo modo sarà possibile ottenere informazioni di monitoraggio sui servizi. Ad esempio un servizio applicativo potrebbe ottenere informazioni di monitoraggio che consentano di monitorare il proprio servizio. Il web service riceve in input i seguenti parametri di ricerca: numero di RFC (obbligatorio) nome accordo di servizio (obbligatorio) tipo e nome del servizio (obbligatorio) data inizio ricerca (obbligatorio) data fine ricerca (obbligatorio) tipo e nome del soggetto fruitore tipo e nome del soggetto erogatore numero di elementi per pagina numero di pagina

19 Il ws restituisce in output per ogni data il numero di messaggi presi in carico e consegnati relativamente al servizio di un certo mittente verso un certo destinatario paginando i risultati ottenuti. Per motivi di sicurezza, è stato previsto un meccanismo di basic authentication. Il WS restituisce il numero di elementi trovati, il numero di pagina, il numero di righe per pagina e una lista di oggetti con le seguenti informazioni: Data Tipo fruitore Nome Fruitore Tipo erogatore Nome Erogatore Numero RFC Nome Accordo Tipo Servizio Servizio Numero messaggi in carico Numero messaggi consegnati Il web service è conforme alla seguente definizione (WSDL): <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <wsdl:definitions targetnamespace="http://pmc.cart.rete.toscana.it/monitorsil" xmlns:apachesoap="http://xml.apache.org/xml-soap" xmlns:impl="http://pmc.cart.rete.toscana.it/monitorsil" xmlns:intf="http://pmc.cart.rete.toscana.it/monitorsil" xmlns:wsdl="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/" xmlns:wsdlsoap="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/soap/" xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <wsdl:types> <schema elementformdefault="qualified" targetnamespace="http://pmc.cart.rete.toscana.it/monitorsil" xmlns="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <complextype name="monitorsilrequest"> <sequence> <element name="datafine" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="datainizio" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="erogatore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="fruitore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="nomeaccordo" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="numerorfc" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="page" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="rowperpage" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="servizio" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="tipoerogatore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="tipofruitore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="tiposervizio" nillable="true" type="xsd:string"/> </sequence> </complextype> <element name="request" type="impl:monitorsilrequest"/> <complextype name="monitorsilvalue"> <sequence> <element name="data" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="erogatore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="fruitore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="nomeaccordo" nillable="true" type="xsd:string"/>

20 <element name="numeromsgconsegnati" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="numeromsgincarico" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="numerorfc" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="servizio" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="tipoerogatore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="tipofruitore" nillable="true" type="xsd:string"/> <element name="tiposervizio" nillable="true" type="xsd:string"/> </sequence> </complextype> <complextype name="arrayofmonitorsilvalue"> <sequence> <element maxoccurs="unbounded" minoccurs="0" name="item" type="impl:monitorsilvalue"/> </sequence> </complextype> <complextype name="monitorsilresponse"> <sequence> <element name="monitorlist" nillable="true" type="impl:arrayofmonitorsilvalue"/> <element name="page" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="rowperpage" nillable="true" type="xsd:int"/> <element name="total" nillable="true" type="xsd:int"/> </sequence> </complextype> <element name="getmonitoraggioserviziapplicativireturn" type="impl:monitorsilresponse"/> </schema> </wsdl:types> <wsdl:message name="getmonitoraggioserviziapplicativirequest"> <wsdl:part element="impl:request" name="request"/> </wsdl:message> <wsdl:message name="getmonitoraggioserviziapplicativiresponse"> <wsdl:part element="impl:getmonitoraggioserviziapplicativireturn" name="getmonitoraggioserviziapplicativireturn"/> </wsdl:message> <wsdl:porttype name="monitorsilservice"> <wsdl:operation name="getmonitoraggioserviziapplicativi" parameterorder="request"> <wsdl:input message="impl:getmonitoraggioserviziapplicativirequest" name="getmonitoraggioserviziapplicativirequest"/> <wsdl:output message="impl:getmonitoraggioserviziapplicativiresponse" name="getmonitoraggioserviziapplicativiresponse"/> </wsdl:operation> </wsdl:porttype> <wsdl:binding name="monitorsilservicesoapbinding" type="impl:monitorsilservice"> <wsdlsoap:binding style="document" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/> <wsdl:operation name="getmonitoraggioserviziapplicativi"> <wsdlsoap:operation soapaction=""/> <wsdl:input name="getmonitoraggioserviziapplicativirequest"> <wsdlsoap:body use="literal"/> </wsdl:input> <wsdl:output name="getmonitoraggioserviziapplicativiresponse"> <wsdlsoap:body use="literal"/> </wsdl:output> </wsdl:operation> </wsdl:binding> <wsdl:service name="monitorsilservice"> <wsdl:port binding="impl:monitorsilservicesoapbinding" name="monitorsilservice"> <wsdlsoap:address location="http://localhost:8180/monitorsil/services/monitorsilservice"/> </wsdl:port>

21 </wsdl:service> </wsdl:definitions>

ZTL Firenze Inserimento Automatico

ZTL Firenze Inserimento Automatico ZTL Firenze Inserimento Automatico Introduzione In seguito alla variazione dell ordinanza del giugno 2011 che regola la modalità di rilascio dei permessi portale per le categorie abilitate, non è più possibile

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA VISUALIZZAZIONE E LO SCARICO DELLE RICEVUTE DI ATTESTAZIONE DELLE OPERAZIONI E DELLE TRANSAZIONI EFFETTUATE SULLE RICETTE DEMATERIALIZZATE (DECRETO 2 NOVEMBRE

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA COMUNICAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE CHE UN MEDICO TITOLARE DEVE FORNIRE AL SISTEMA TS AFFINCHE UN MEDICO SUO SOSTITUTO POSSA PRESCRIVERE RICETTE DEMATERIALIZZATE

Dettagli

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia Versione 1.1 Nome doc.: INF-1 Specifiche Interfaccia v1.0.doc Edizione: 1.0 Data emissione: 12/1/2007 INDICE Modifiche

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- SERVICE

PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- SERVICE 09/03/2011 Pag. 1 di 10 PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- Pag. 2 di 10 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. LISTAESENTIREDDITO.WSDL 5 3. INTERROGAASSESERED.WSDL 7 Pag.

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 13 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS 5 3. SERVIZIO DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE/REVOCA CNS 6 3.1 DESCRIZIONE

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Il presente documento intende fornire la descrizione e le specifiche tecniche necessarie al colloquio fra i sistemi software produttori di prescrizioni

Dettagli

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO 1)d ALLEGATO 14 RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO TRA IL SISTEMA INFORMATICO DEL COMUNE ED IL SISTEMA INFORMATICO DELLA SOCIETA PREPOSTA AL SERVIZIO DI REFEZIONE vers. 2.2 Indice 1. SCOPO

Dettagli

SDK-CART. Versione 1.1

SDK-CART. Versione 1.1 SDK-CART Versione 1.1 20/04/2008 Indice dei Contenuti 1 INTRODUZIONE...2 2 L USO DEL COMPONENTE DI INTEGRAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO... 2 2.1 Modalità d'uso trasparente dei Servizi...3 2.2 Uso del Servizio

Dettagli

A2A Specifiche Web Services

A2A Specifiche Web Services A2A Specifiche Web Services Contenuti 1 CONTENUTI...1 1 INTRODUZIONE...3 2 UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1 RICHIESTA UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1.1 Input del WS...5 2.1.2 Output del WS...6 2.2 UPLOAD SEGMENTATO...7

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino] Allegato Tecnico 1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

Dettagli

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop i Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop AZIONE NOME DATA FIRMA

Dettagli

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica 1/20 1.1 Modifiche Documento Descrizione Modifica Edizione Data Prima emissione 1 28/07/2008 1.2

Dettagli

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop i Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Ambiente di sviluppo 1 3 Presentazione degli scenari di esempio 2 4 Comunicazione

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD Pag. 2 di 14 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE E REVOCA

Dettagli

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1. PAG. 1 DI 39 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.5 DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS PAG. 2 DI 39 INDICE 1. REVISIONI DEL DOCUMENTO

Dettagli

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Versione: 3 Data: 16/10/2014 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Modifiche al documento...

Dettagli

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Web Service SOAP e WSDL Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com SOAP Originariamente: Simple Object Access Protocol E poi evoluto in un Framework per lo scambio di messaggi in XML 2

Dettagli

Consolidamento e sviluppo CART

Consolidamento e sviluppo CART Nome del progetto Consolidamento e sviluppo CART Acronimo del progetto TOSCART Documento Manuale interfaccia monitoraggio Acronimo del documento TOSCART-TEC-INTWEB-PMC Stato del documento Definitivo Versione

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 Pag. 2 di 16 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 Pag. 2 di 11 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

EDIZIONE FEBBRAIO 2012

EDIZIONE FEBBRAIO 2012 MISADWEB SERVICE EDIZIONE FEBBRAIO 2012 Operazioni supportate GetAllVehicle Permette di ricevere la lista integrale delle vetture dell impianto. Accetta come parametro un xml contenente le informazioni

Dettagli

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da:

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: WebCare Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione Progetto: WEBCARE 2 Versione 1.3 Data 05 AGOSTO 2011 Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: CRONOLOGIA DELLE VERSIONI

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 20 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 CANALE DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS (FASE PRIMO IMPIANTO) 4 1.2 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI

Dettagli

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Contenuti CONTENUTI...2 1 INTRODUZIONE...3 2 MODELLO INFORMATIVO...4 3 APPENDICE...7 3.1 APPENDICE A XSD...7 3.1.1 Remark.xsd...7 2 1

Dettagli

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Versione 3.0 Giugno 2015 Sommario 1 I profili di utenza del sistema... 3 2 Accesso al sistema... 3 3 Utente Amministrazione...

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop AZIONE

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica per utente

Dettagli

Programmazione di Web Services

Programmazione di Web Services Luca Cabibbo Architetture Software Programmazione di Web Services Dispensa ASW 860 ottobre 2014 La scelta tra architetture può ben dipendere da quali sono gli svantaggi che il cliente può gestire meglio.

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov build.xml

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

Manuale Utente TebeniService 5.0.0

Manuale Utente TebeniService 5.0.0 Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni Manuale Utente TebeniService 5.0.0 Versione doc: 05.00.00 Data Versione: 03/03/15 Descr. modifiche: Motivazioni : Aggiunto

Dettagli

Allegato tecnico Servizi di Accoglienza Regionale del Friuli Venezia Giulia Prescrizione Ricetta dematerializzata (D.M. 2/11/2011) - BOZZA

Allegato tecnico Servizi di Accoglienza Regionale del Friuli Venezia Giulia Prescrizione Ricetta dematerializzata (D.M. 2/11/2011) - BOZZA 2013_ PRESC_DEM_01 IDAS-SAN-00001-AT-13-001 25 10 2013 Allegato tecnico Servizi di Accoglienza Regionale del Friuli Venezia Giulia Prescrizione Ricetta dematerializzata (D.M. 2/11/2011) - BOZZA Il presente

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014 PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 23 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 3 1. INTRODUZIONE... 4 2. GENERALITA... 5 3. STANDARD TECNICI... 6 4. INVIO DEI DATI DI SPESA... 7 4.1. CARATTERISTICHE... 7 4.2. ACCESSO

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Web Service per importare una pratica SUAP in. attraverso

Web Service per importare una pratica SUAP in. attraverso Web Service per importare una pratica SUAP in attraverso Versione: 1.0 Data: 31/03/2016 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni 1. Introduzione al documento... 3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 DOCUMENTO:. 1.0 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Alessio Sardaro firma Verificato da: Approvato da: LISTA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTI

Dettagli

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Dettagli

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP.

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP. In questo tutorial implementeremo un semplice SOAP web service in PHP che un client Java richiamerà. In questo modo mostreremo l'interoperabilità fra linguaggi diversi che SOAP permette di avere. La struttura

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni Pag. 1 di 15 Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni versione data Modifiche principali Autore/i 0.1 Redazione specifiche tecniche Dario Piermarini 1/15 Pag. 2 di 15 1 INTRODUZIONE Un Comune che

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Manuale di progettazione schemi XML

Manuale di progettazione schemi XML Ministero dell'economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali - Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Sergio Baldelli Manuale di progettazione schemi XML Conformi alle regole del

Dettagli

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI.

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI. OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI Revisione 106 Omnigate srl Bergamo, luglio 2009 1. Introduzione Il servizio

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI

PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30 PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30 Pag. 2 di 30 1 GENERALITÀ...3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI...3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...4

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia

L Iniziativa egovernment.net per l Italia L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 1 Porta di Dominio.NET Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti 1/27 PROGETTO AIRUMBRIA la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti MODULI SW REALIZZATI E FUNZIONANTI DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE - (documento 6.6.1) 2/27 Data: 1/6/2011 Compilato:

Dettagli

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP)

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) Data 06-10-2014 Codice documento Modelli dei pacchetti di archiviazione Versione 1.0 Il presente documento è rilasciato sotto la licenza Attribuzione-Non commerciale

Dettagli

Web Services Servizio Telematico Dogane

Web Services Servizio Telematico Dogane Web Services Servizio Telematico Dogane MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 21 Indice 1 Introduzione... 3 2 Test funzionale dei web services... 6 3 Creazione del client... 10 3.1 Soluzioni Open Source...

Dettagli

Sistema DE.PRO.EM. Istruzioni per il caricamento delle informazioni relative ai prodotti tramite file XML. Versione 1.0

Sistema DE.PRO.EM. Istruzioni per il caricamento delle informazioni relative ai prodotti tramite file XML. Versione 1.0 Sistema DE.PRO.EM. Istruzioni per il caricamento delle informazioni relative ai prodotti tramite file XML Versione 1.0 1 Sommario Sommario... 2 1. Istruzioni operative... 3 2. Struttura del file XML...

Dettagli

COMUNAS Estensione del portale

COMUNAS Estensione del portale COMUNAS Estensione del portale Documento: Data: Maggio 2008 File: Allegato_tecnico.doc Versione: def_2008-05-29 Redazione: Sardegna IT Approvazione: REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Presidenza Direzione

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Modalità d integrazione trasparente 1 3 Modalità d integrazione tramite

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI FLUSSI INFORMATIVI RELATIVI AI MERCATI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS (SII)

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI FLUSSI INFORMATIVI RELATIVI AI MERCATI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS (SII) 1/41 SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI FLUSSI INFORMATIVI RELATIVI AI MERCATI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS ALLEGATO A MESSAGGIO PDC 2/41 Indice 1 Introduzione... 3 2 La comunicazione

Dettagli

Allegato 3 Struttura di Esiti.xml. Schema

Allegato 3 Struttura di Esiti.xml. Schema Allegato 3 Struttura di Esiti.xml Schema Esiti.xsd

Dettagli

Spring WS Sviluppare WebService in Java

Spring WS Sviluppare WebService in Java Spring WS Sviluppare WebService in Java 1.1 Introduzione Nell ambito della programmazione Java è particolarmente utile avere una certa familiarità con i WebService e la tecnologia che li supporta. In particolare

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti 1 DOCUMENTO:. v 1.1 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Luca Menegatti firma Verificato da: Giancarlo Savoia Approvato da: Angelo

Dettagli

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE Allegato_Tecnico Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE NOTA TECNICA:

Dettagli

Interoperabilità SISTRI Descrizione servizi per upload consuntivo percorsi da sistemi ferroviari

Interoperabilità SISTRI Descrizione servizi per upload consuntivo percorsi da sistemi ferroviari Interoperabilità SISTRI servizi per upload consuntivo percorsi da sistemi ferroviari Prot. N.: SISTRI-ICD_SIS-001 SF Data: 15/05/2011 STORIA DEL DOCUMENTO VER. DATA DESCRIZIONE 1.0 01/05/2011 Prima Edizione

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA {

FATTURA ELETTRONICA { FATTURA ELETTRONICA { NORMATIVA La Finanziaria 2008 ha stabilito che la fatturazione nei confronti dell Amministrazione dello stato debba avvenire esclusivamente in maniera elettronica Il DM 5 aprile 2013

Dettagli

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i Il Gestore Eventi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Configurazione di un Servizio SPCoop come Evento gestito dal GE 2 3 Configurazione di un Pubblicatore

Dettagli

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE 12L - SCAMBIO IMMAGINI EQUITALIA 20130729 Pagina 1 di 22 Indice 1 PREFAZIONE... 3 1.1 ACRONIMI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Web Service per richiamare Starcheck. Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere

Web Service per richiamare Starcheck. Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere Web Service per richiamare Starcheck Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente emissione...3 1.2 Scopo e campo di applicazione

Dettagli

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE Allegato_Tecnico Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE NOTA TECNICA:

Dettagli

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni Web Service per importare un adempimento SUAP in Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni 1. Introduzione al documento...3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente emissione...3

Dettagli

GME Sito Internet Files XML e Microsoft Office 2003

GME Sito Internet Files XML e Microsoft Office 2003 GME Sito Internet Files XML e Microsoft Office 2003 Revisione data 3.0 13 Giu 2005 INDICE DEL DOCUMENTO 1. Introduzione.. 3 2. Nuova struttura files XML 4 3. Importazione in Microsoft Excel 2003..... 5

Dettagli

Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/

Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/ Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/ Sommario 1 AGGIORNAMENTI DELLA VERSIONE 3 2 SCOPO 4 3 PROCEDURA 5 3.1 FLUSSO 0050 TRASMISSIONE AL DISTRIBUTORE DELLA RICHIESTA DI SWITCHING 5 3.2 FLUSSO 0100

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket.

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Portale regionale della Salute Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Specifiche di integrazione dei servizi di cooperazione applicativa e dei web services. Versione 1.10 16 Ottobre 2013

Dettagli

DurcOnLine. Specifiche Tecniche. Cooperazione Applicativa

DurcOnLine. Specifiche Tecniche. Cooperazione Applicativa Istituto Nazionale Previdenza Sociale - DC Sistemi Informativi e Tecnologici Area Automazione Aree Professionali, Recupero Crediti e Regolarità Contributiva DurcOnLine Cooperazione Applicativa Specifiche

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti (integrazione documento) 1 DOCUMENTO:. 1.2 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome firma Verificato da: Approvato da: Area ISIC LISTA

Dettagli

MANUALE UTENTE SRTY SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO SRTY MANUALE UTENTE. Contratto:

MANUALE UTENTE SRTY SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO SRTY MANUALE UTENTE. Contratto: Contratto: Contratto del 23/04/2002 (Rep. 6253/Raccolta 1966), per l affidamento dell espletamento dei Servizi Informatici per la progettazione, realizzazione e manutenzione di prodotti software per il

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

ScanDoc presentazione ed uso

ScanDoc presentazione ed uso ScanDoc presentazione ed uso - documentazione ufficiale - Sommario Premessa... 2 Descrizione ScanDoc... 2 Panoramica... 2 Funzioni disponibili... 2 Invio di documenti letti da scanner tramite mail... 2

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3)

Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3) Piattaforma tecnologica di Monitoraggio Qualità Servizi Erogati Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3) Riferimento Data Destinatario Gianluca Vannuccini Comune

Dettagli

Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Piano di Test per applicazioni SIL di InterPro versione 2.0.2 Regione Toscana Centro Tecnico per la e.toscana

Dettagli

Creare client statici

Creare client statici Client statico Creare client statici Un client statico crea, a partire dal WSDL di un servizio, un insieme di classi di supporto client-side (stub) Sono necessari solo 2 passi: 1. parsing del WSDL pubblicato

Dettagli

Specifiche Access Gateway Sistema Informativo Fascicolo Sanitario Elettronico (F.S.E.) della Regione Lazio

Specifiche Access Gateway Sistema Informativo Fascicolo Sanitario Elettronico (F.S.E.) della Regione Lazio Specifiche Access Gateway Sistema Informativo Fascicolo Sanitario Elettronico (F.S.E.) della Regione Lazio Data Ver Descrizione Modifica 08/11/2016 1 Prima emissione 16/01/2017 2 Descrizione e cambio URL

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it 29/05/2010, Area Ricerca CNR, Pisa Web Service Introduzione Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione

Dettagli

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Sistema pubblico di cooperazione: CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Versione 1.1 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1. Scopi del documento... 5 2.2. Note

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Studio di fattibilità Allegato al Deliverable A Monitoraggio della Rete di Assistenza Fase 1 Anagrafica ASL Comuni assistibili () ESTRATTO Indice del documento A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...3 A.20.20

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

Slide Title Web Services su Protocollo SOAP

Slide Title Web Services su Protocollo SOAP Slide Title Web Services su Protocollo SOAP Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com La programmazione su Internet Slide Title http://en.wikipedia.org/wiki/web_service The W3C defines

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2015 Versione 5.0 FAR Specifiche Funzionali_v5.0 Pag. 1 di 55 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

GovPay Porta di Accesso al Nodo dei Pagamenti SPC Manuale Utente

GovPay Porta di Accesso al Nodo dei Pagamenti SPC Manuale Utente GovPay Porta di Accesso al Nodo dei Pagamenti SPC Manuale Utente v1.0b2 Indice 1 Introduzione a GovPay...4 1.1 Glossario...4 1.2 Documentazione...4 2 Il contesto...4 3 Gli scenari di utilizzo...7 3.1 Pagamento

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sistema di Tracciabilità del Farmaco

Sistema di Tracciabilità del Farmaco SPECIFICHE TECNICHE DEI TRACCIATI XML TRACCIATO PER LE VALORIZZAZIONI DELLA FORNITURA A SSN Sistema di Tracciabilità del Farmaco Fase 1 Fase di prima attuazione 1 gennaio 2006 Versione 1.1 Pag. 1 di 16

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1

WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1 WSDL Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1 Cos è WSDL? Web Service Description Language Linguaggio XML per descrivere servizi web (o, meglio, le loro interfacce) Originariamente

Dettagli

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Data Creazione 04/12/2012 Versione 1.0 Autore Alberto Bruno Stato documento Revisioni 1 Sommario 1 - Introduzione... 3 2 - Attivazione

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli