Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra i sottoscrittori:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra i sottoscrittori:"

Transcript

1 VERBALE DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DI MASTER DI 1 LIVELLO IN RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL COMPARTO CREDJTIZIO E FINANZIARIO Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra i sottoscrittori: ABI, Associazione Bancara Italiana, con sede legale in Roma, P.za del Gesù, 49, Codice Fiscale n , in persona del Presidente, Avv. Giuseppe Mussari Abiservizi S.p.A., con sede legale in Roma, P.za del Gesù, 49, Codice Fiscale n , Partita DIA n , iscritta presso il registro delle imprese di Roma al n , in persona dell Amministratore Delegato, Dott. Gianfranco Torriero Università Telematica Universitas Mercatorum, con sede legale in Roma, Piazza Sallustio n. 21, Partita DIA n , in persona del Rettore, Prof. Giorgio Marbach PREMESSO che ABI, per il molo istituzionale e specialistico che svolge a favore delle aziende di credito e finanziarie, intende offrire il proprio contributo alla formazione del personale delle associate e di quello di aziende appartenenti ad altri settori produttivi, impegnato o da impegnare in tutte le attività concernenti il rapporto di lavoro e le relazioni industriali presso le banche e le società finanziarie; che ABlServizi, attraverso la propria Divisione ABlFormazione (di seguito per brevità AF), opera da anni nel mercato della formazione rivolgendo prevalentemente la propria attività ed i propri servizi alle imprese del segmento bancario, assicurativo e finanziario e ha maturato una significativa esperienza e un importante know-/,ow nel ruolo di consulente e fornitore di servizi per l ideazione, progettazione, elaborazione e gestione dei piani formativi per quelle imprese che intendono realizzare, anche avvalendosi di finanziamenti pubblici, piani formativi del proprio personale; che Universitas Mercatortim è l Ateneo Telematjco del Sistema delle Camere di Commercio che persegue l obiettivo di strutturare una offerta formativa indirizzata a un ta/rei principale di persone già occupate che vogliano conseguire un titolo accademico anche frequentando i corsi oti /ine. Universitas Mercatorum nasce dall impegno comune di più soggetti appartenenti alla rete delle Camere di Commercio, da tempo attivi nel campo della formazione, dell orientamento e dell innovazione, e possiede le professionalità e la struttura organizzativa per erogare programmi formativi in aula, oltre che in modalità a distanza (FAD); che le Parti sottoscrittrici intendono realizzare un Master di 1 livello in Relazioni Industriali e Gestione delle Risorse Umane nelle aziende del comparto creditizio e finanziario, volto ad attuare, secondo criteri di eccellenza, liveffi superiori di formazione del personale delle aziende bancarie e finanziarie, già a far tempo dalla sessione autunnale dell anno 2011 e per sessioni successive in relazione alle esigenze formative tempo per tempo emergenti; -~

2 a che le Paiti con il presente Accordo Quadro intendono regolate i nspètuvi ruoli nella I attuazione dell organizzazione e reahzzazione del Master unive ~itarm, nel iispetto delle 41 condizioni e dei teinmu generah di segmto indicati e nel nspet m degli obblighi e diritti / rec1pr0cam~te spettanti; 7 SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ~ i Premesse t. Le premesse fanno parte integrante e sostanziale del presente accordo ~ Àrt. 2 Oggetto dell accordo Con l accordo vengono individuati, condivisi e discipimati. Finalità, criteri, modalità e struttura organizzativa del Master di V livello in Relazioni 7 Industriali e Gestione delle Risorse Umane nelle aziende del compatto creditizio e 2 finanziano; / Impegni, obblighi e diritti facenti capo rispettivamente a ABI, AF ed Universitas Mercatorum nell attuazione dell obiettivo perseguito; Profili economici e relativa regolamentazione della ~ziariva nei iapporti fra le Parti. 7 Art. 3 Organizzazione e gestione dei Servizi Formativi del Master Master, nel quadro delle disposizioni di legge che regolano la materia, è promosso da Umveisitas Mercatorurn ed è organizzato. da ABI, da Umversitas Mercatorum e da AF. 2. Il Consiglio di Indirizzo, che sovraintende alle attività relative all iniziativa, ha sede presso PABI ed è composto da un rappresentante di ABI, dal Rettore dell Umversitas Mercatorum, dal Direttore del Master. 3. Il Consiglio: determina le linee guida e programmatiche dell attività; vigila su criteri e modalità di realizzazione delle iniziative formanve; delibera in mento alle principali problematiche connesse all attività promossa ivi comprese quelle relative al buc~get, nomina i componenti del corpo docente sulla base dei nominativi indicati dal Direttore del Master. j i 4 4. L iniziativa ha la propria sede di riferimento in Roma, presso la sede legale dell Umversitas 47 Mercatoruin, sita in Via Appia Pignatelli, n Direttore del Master sarà nominato dal Consigho di Indirizzo e avrà il compito di coordinare la complessiva attività didattica e fornativa. 6. Le edrnom del Master verramio etogate, in ffinzione delle necessità e delle richieste, in modo prevalente a Roma e a Milano. 7. Le edizioni del Master vengono realizzate in relazione alle esigenze foimative prospettate dalle aziende bancarie e finanziarie. 3~E

3 In attuazione di q1 ~ previsto dalla normativa vigehte (DM 509/1999 e DIVI. 270/2004) l articolazione didattica prevede 1500 ore di attività che conferiranno 60 CFU (crediti formativi univcrsitari). In particolare, la didattica sarà articolata in modo da prevedere un minimo d~e di attività formativa, sotto forma di attività con presenza in aula, di aula virtuale, aula a, e learnmg, esercitazioni e simili. completeranno il percorso ore di studio individuale. Le gior~t~ di--1ezipne hanno durata giornaliera pari 7.30 ore per un equivalente di giornat4j~.~al fine di favorire la conciliazione de cipazioni all attività didattica con l imp egno lavorativo, avranno, di norma, frequenza bisettimanale, nell arco di un periodo complessivo massimo di 18 mesi. 12. Una quota della formazione complessiva, non superiore al 20% del totale, è svolta in modalità e Ieaìrnns attiaverso la piattaforma dell Umversita Telematica Univeisrtas Mercatorum Si pievede, al riguardo, l utilizzo di lezioni erogate da aula remota, queste ultime pottanno essere in modahta sincrona (contemporanea presenza da docente e discenti in locahta diverse), ovvero a~incrona (con la creazione di un archivio elettronico delle lezioni svolte e la messa a disposizione su portale per la fruizione singola). 13 Il Master, salvo quanto disposto al punto 15, si articola in un congruo numero di aree tematiche, oltre ad una sessione mtrodutuva a carattere propedeutico e a una finale relativa alla verifica dei livelli da competenza raggiunti, ai Lui dell attestazione 14 il Master trattera delle seguenti aree tematiche o o o sistema delle fonti legislative, sistema della contiattazione collettiva e regolazione delle relazioni industriali e dei rapporti cli lavoro, mercato del lavoro nel settore privato, in particolare nelle aziende del credito e fhnnziarie, tipologie e discipline delle forme da lavoro, relazioni industriali, contrattazione collettiva, dinamiche retiibutive e sistemi incentivanti nel settore, O piogrannia di cambiamento, processi di riorgamzzazione aziendale e strumenti e O o procedure di intervento; sistemi di ive/fare e contrattazione collettiva, prevenzione e gestione della conflittualità. 15 La complessivq articolazione delle aree tematiche, con l indicazione degli argomenti oggetto di approfondimento nell ambito da ciascuno, e contenuta nel documento di progettazione che il Diiettore del Master porta adeguaie in relazione a esigenze e valutaziom del caso L. L i,» formativo può comprendere anche iniziative seminariali ad hoc, programmate volta per volta e finalizzate a realizzare momenti da confronto, dibattito e approfondimento con lstituziom, operatori, professionisti della materia 17 Pci esigenze direttamente connesse alla funzionalita didattica, ci tscuna edizione del Mastei intelessera un numero di partecipanti valutato come adeguato -3-

4 fini operativi/gestionali il Master in oggetto si avvale di strutture inimobiiiari, strumentali e ~cniche, individuate e messe a disposizione dalle Parti sulla base delle necessità volta per olta emergenti. Fini della composizione del corpo docente, viene acquisita la disponibilità di esperti nelle tematiche della materia, da inserire in apposito elenco (cd. elenco dei docenti ~zabili) e ai quali viene fatto riferimento ai fini della attività didattica. u.nponenti del corpo docente sono selezionati fra professori universitari, esperti e ippresentanti di ABI, soggetti con comprovata esperienza presenti in ambito bancario, c.nzionari delle amministrazioni pubbliche interessate, esponenti del mondo sindacale e del ro e altri soggetti provvisti di professionalità e competenza adeguata. fini della individuazione del corpo docente, il Consiglio di Indirizzo e il Direttore del ter procederanno alla nomina di una parte degli incaricati in ogni caso tra docenti rersitari e soggetti con comprovati requisiti di professionalità e esperienza su proposta OSL nazionali sottoscrittrici dei contratti collettivi di riferimento. npo~ienti del corpo docente incaricati sottoscrivono in via preventiva contratti di incarico F/Universitas Mercatorum in conformità con i contenuti del presente Accordo. auolo delle Parti nell organizzazione e nell erogazione dei Servizi Formativi del Master ri dell organizzazione del Master, le Parti, coordinandosi e con pieno intento tativo, si impegnano sin d ora a svolgere le seguenti attività: i riferimento ad AN: i. compete il ruolo di collegamento e raccordo con la base associativa al fine di garantirne al meglio il soddisfacimento delle esigenze nella materia, nel quadro delle indicazioni tempo per tempo emergenti. i riferimento all Universitas Mercatorum: i. è chiamata, unitamente ad AF, ad attuare i profili dell attività più direttamente caratterizzati in termini promozionali, provvedendo, alla luce del presente accordo, alla predisposizione e all adozione dei relativi atti giuridici e materiali; li. mette a disposizione le aule presso le proprie sedi operative di Roma. ti riferimento ad AF: i. è chiamata, unitamente all Universitas Mercatorum, ad attuare i profili dell attività più direttamente caratterizzati in termini di comunicazione, provvedendo, alla luce del presente accordo, alla predisposizione e all adozione dei relativi atti giuridici e materiali; li. mette a disposizione le proprie aule presso la sede dell ABI di Roma e quelle di Milano dell erogazione dei servizi formativi le Parti, coordinandosi e con pieno intento Lborattvo, si impegnano sin d ora a svolgere le seguenti attività: ori riferimento ad ABI: i. collaborazione alle attività di progettazione da paste di esponenti della struttura dell Associazione;

5 I b) I i ) c) il. docenza nei diversi moduli del percorso formativo da parte di esponenti della struttura; jji. indirizzo, raccordo e coordinamento delle attività per garantirne la piena funzionalità in relazione alle attese della base associativa, nel rispetto delle finalità formative dell iniziativa. con riferimento all Universitas Mercatorum: i. progettazione da parte di esponenti della struttura in qualità di specialisti dell attività e di docenti selezionati; 11. docenza nei diversi moduli del percorso formativo; iii. gestione ed erogazione di una quota delle attività formative a distanza: in particolare, quelle relative all erogazione di lezioni con docenza remota sia in modalità sincrona che in modalità asincrona, mettendo a disposizione le video audio-lezioni sul proprio portale; iv. mtoraggio delle attività didattiche, svolte presso le aule localizzate presso le sedi di Roma; v. coordinamento ai fini della verifica dei contenuti, delle caratteristiche dell erogazione e della partecipazione, funzionale al rilascio dell attestazione ai sensi della normativa di legge in materia di master universitari o di attestazione della ~frequenza nel caso di partecipanti sprovvisti di laurea; vi. rilascio del Diploma Master e altresì degli attestati di frequenza per i partecipanti sprovvisti di laurea. con riferimento ad AF: i. progettazione da parte di esponenti della struttura in qualità di specialisti dell attività; 11. docenza nel modulo introduttivo e nel modulo conclusivo, riguardante la certificazione e l attestazione; iii. iv. v. tutoraggio delle attività didattiche svolte presso le aule localizzate a Roma e nella sede ARI di Milano; predisposizione, coordinamento e gestione del test finale funzionale alla valutazione della proficuità dell apprendimento; coordinamento delle risorse di docenza in tutti i moduli del Master. 5 Comvolgimento di terze parti e/o di professionisti ttta salva la individuazione e nomina dei docenu ai sensi dei punti 3, 21 e ss dell ait 3, il onsigho di Indirizzo, su indicazione delle Parti interessate, potra nominate anche ollaboiaton non rientranti nel corpo docente (ad esempio, professiomsti iscritti in albi, pendenti d azienda o di enti pubblici, consulenti, etc) che, ove necessario o opportuno, &ranno coinvolti, a vario titolo (ad esempio, esperti di contenuto, tecmci, etc), durante la )rogettazione e/o la realizzazione delle attivita relative al Master 1i soggetti saianno chiamati a svolgeie appositi incarichi, previa sottoscrizione dei contratti ~datta da AF/Umversitas Meicatorum in confonmta con i contenuti del presente accordo Obblighi nei confronti dei terzi ~4~cordo produce effetti esclusivamente fra le Parti. Pertanto, sulla base dell accordo Imo non possono essere avanzate pretese o diritti da parte di soggetti terzi. -5-

6 r 2. L Accordo non si configura quale negozio aperto all adesione di altre parti, sa1 - possibilità delle Parti sottoscrittrici, di comune accordo, di ammetterne di nuove. 3. Le Parti si danno reciprocamente atto che, con la stipula del pres vie Accordo, non intendono creare tra le stesse alcun rapporto di natura associativa o societai.~ e che, pertanto, ciascuna rimarrà impegnata nei confronti dei terzi per gli obblighi conseguenti da accordi singolarmente o congiuntamente sottoscritti. Mt. 7 Promozione e commercializzazione dei Servizi Formativi 1. Qualsiasi attività relativa alla promozione dei Servizi Formativi sarà effettuata direttamente a cura di AF e Universitas Mercatorum; la conimercializzazione delle stesse sarà effettuata esclusivamente da AF che gestirà la ricezione dei moduli d ordine dei clienti finali per conto di Universitas Mercatorum. 2. Coerentemente con la logica che ispira il presente accordo, ABI potrà supportare AF ed Universitas Mercatorum nello svolgimento delle attività di promozione, avvalendosi di strumenti, dati e informazioni di sua pertinenza e/o conoscenza idonei allo scopo, eventualmente mettendo a disposizione delle altre Parti i nominativi di coloro che abbiano direttamente manifestato interesse a partecipare alle edizioni del Master. Le Parti si danno, sin d ora, atto che destinatario dei Servizi Formativi di cui al presente Accordo~ il personale delle aziende associate all ABI o di altri settori produttivi affini, che già svolga o che sia chiamato a svolgere compiti afferenti le relazioni industriali e la gestione/valorizzazione delle risorse umane di settore, al fine di implementare o comunque ampliare le competenze in materia. 8 Durata e recesso presente Accordo produrrà effetti a partire dalla sua sottoscrizione sino al 31 ottobre 2013 prima della scadenza, potrà essere rinnovatojdalle Parti. ~;1 i periodi successivi l eventuale recesso dall accordo deve essere accompagnato da un tavviso di 4 mesi e comunque sorretto da giustificato motivo. Proprietà intellettuale e marchi tino restando quanto previsto nel successivo comma 2, la proprietà delle opere l ingegno che saranno eventualmente individuate e realizzate in esecuzione del presente ccordo ai fini dell erogazione dei Servizi Formativi, spetterà alle Parti in egual misura. sta salvo ogni e qualsivoglia diritto su beni materiali, immateriali, metodologie, questionari, poste, ricerche, dati, software ed ogni altro bene e/o utilità già appartenenti alle Parti prima ~ stipulazione del presente accordo, ovvero autonomamente realizzati da ciascuna delle i, anche se utilizzati nell ambito dell erogazione dei Servizi Formativi. ttecipanti al Master dovranno essere opportunamente informati circa: il divieto di rendere disponibili a terzi le opere dell ingegno e qualsiasi altro materiale Fornito nel corso dello svolgimento dei Servizi Formativi, nonché di utilizzarli per fini comjnerdali; il limite generale all utilizzo delle opere dell ingegno e del materiale suddetti esclusivamente nell ambito dei Servizi Formativi. ~rt1, inoltre, dovranno garantire, per quanto di propria competenza, la tutela e la più pia diffusione congiunta di tutti e 3 i marchi e degli altri segni distintivi dell iniziativa. Costie Ricavi dei Servizi Formativi ~onsmgho di Indirizzo provvederà alla determinazione della misura del compenso del Lttore e dei docenti collocandoli, anche sulla base delle indicazioni di AF, in fasce -6- tt..

7 economiche in base all esperienza acquisita e comprovata dal curriculum vitue, anche secondo le procedure in vigore nell ambito della formazione finanziata con fondi pubblici. 2. I ricavi derivanti, a qualsiasi titolo, dai Servizi Formativi che saranno erogati ai partecipanti in esecuzione del presente Accordo, conwresi quelli attinenti alla concessione in uso delle opere dell ingegno eventualmente realizzate, saranno equamente suddivisi tra le Parti, previa deduzione dei costi da ciascuna sostenuti 3. Ai predetti fini, si tiene anche conto dei beni e dei servizi conferiti da ciascuna Parte all iniziativa (es.: messa a disposizione di aule, di personale, etc.). Il valore economico dei singoli apporti è determinato dalle Parti e sottoposto a verifica e validazione del Consiglio di Indirizzo, tenuto conto del valore medio di mercato. h jkj fai di una opportuna valutazione previsionale dei costi ipotizzati, il Consiglio di Indirizzo provvederà ad approvare, di comune accordo, un apposito bu4t annuale che, per la prima edizione, dovrà essere approvato entro il 31 dicembre Per le successive edizioni del Master, il Consiglio di Indirizzo provvederà all approvazione del bilancio di previsione entro e non oltre il 31 ottobre di ogni anno. La rendicontazione dell attività viene attuata su base annuale e sottoposta a verifica da parte id Consiglio di Indirizzo; ai considerati effetti, ciascun anno ha inizio il 1 novembre e ermina al 31 ottobre dell anno successivo. Fermo restando quanto stabilito ai punti 2, 3 e 4 che precedono, la quota di ricavi riferibile ad EI è giuridicamente e contabilmente devoluta ad Abiservizi S.p.a. esta sin d ora inteso che sarà Universitas Mercatorum a curare la fase di incasso dei ricavi ir$ Servizi Formativi e di retrocessione alle altre Parti della quota a queste spettanti, decurtata ~ tnncati ricavi dovuti a fatture non incassate. Dei relativi dati verrà fornita informativa al nsiglio di Indirizzo. iversitas Mercatorum, quale soggetto tenuto all incasso e alla fatturazione ai sensi del nto che precede, retrocede alle altre Parti, la quota parte dei ricavi di loro spettanza ipestivamente e comunque non oltre 3 mesi a far tempo dalla data di incasso dei amenti, salva l ipotesi di una giusta causa che renda impossibile il rispetto della richiamata lenza. di cui ai comrni precedenti, ciascuna Parte comunicherà tempestivamente alle altre il conto dei costi individualmente sostenuti nel semestre precedente. Obbligo di Riservatezza che sia diversamente stabilito, le Parti si impegnano a non rendere noti, divulgare o nicare a terzi, in qualsivoglia forma o maniera, in tutto o in parte il contenuto del ~nte accordo, nonché tutti i dati, le informazioni e i documenti reciprocamente uanicati e/o perfezionati in relazione alla sua esecuzione e qualificati come riservati. :una Paste si obbliga a far rispettare gli obblighi di cui al precedente comina da parte del o personale e dei collaboratori di cui si avvarrà, a qualsiasi titolo, per l esecuzione del te accordo, nonché ad assumere all interno della propria organizzazione tutte le misure Itezza all uopo necessarie e opportune. ~tivacy tu in qualità di autonomi titolari del trattamento, si danno reciprocamente atto che, ai DW all art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 ( Codice della Privacy ), i dati personali di va pertifienza saranno trattati, nel rispetto della predetta legge, esclusivamente per Correlate all esecuzione degli obblighi derivanti dal presente Accordo e/o per Punento di obblighi legali, regolamentari ovvero disposti dalla normativa comunitaria. e 9

8 rt. 13 Foro competente Per qualsiasi controversia relativa all interpretazione ed esecuzione del presente Accordo o da Osso comunque dipendente, collegata o derivata, sarì dompetente esclusivamente il foro di Roma. xabi res elegato Torriero -8-

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

CONVENZIONE TRA E PREMESSO CHE

CONVENZIONE TRA E PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA AIAS Associazione professionale italiana Ambiente e Sicurezza, con Sede Operativa Via del Vecchio Politecnico, 7 20121 - Milano (Mi) Partita IVA 11534520157 rappresentata da Ing. Giancarlo

Dettagli

MASTER IN TECNICHE E PROCEDURE DEL CONTROLLO DI LEGALITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO

MASTER IN TECNICHE E PROCEDURE DEL CONTROLLO DI LEGALITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO MASTER IN TECNICHE E PROCEDURE DEL CONTROLLO DI LEGALITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO INFORMAZIONI GENERALI Le novità introdotte dalla recente riforma del lavoro, nonchè i

Dettagli

BANDO PER LA COPERTURA DELL INSEGNAMENTO DI CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE MEDIANTE LA STIPULA DI UN CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO IL RETTORE

BANDO PER LA COPERTURA DELL INSEGNAMENTO DI CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE MEDIANTE LA STIPULA DI UN CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO IL RETTORE Decreto Rettorale n. 2/2015 BANDO PER LA COPERTURA DELL INSEGNAMENTO DI CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE MEDIANTE LA STIPULA DI UN CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO IL RETTORE Visto il D.P.R. 11.7.1980, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E SHORT MASTER UNIVERSITARI TITOLO I

REGOLAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E SHORT MASTER UNIVERSITARI TITOLO I REGOLAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E SHORT MASTER UNIVERSITARI TITOLO I Master Universitari ai sensi del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270 e s.m.i. Articolo 1. Definizioni L Università promuove

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE Premessa Il Regolamento per l istituzione ed il funzionamento dei corsi master universitari, emanato con D.R. n. 868 del 27.6.2005, è modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

E-STARTER Statistica economica e ricerche di mercato sul territorio BANDO DI SELEZIONE

E-STARTER Statistica economica e ricerche di mercato sul territorio BANDO DI SELEZIONE MASTER UNIVERSITARIO I LIVELLO E-STARTER Statistica economica e ricerche di mercato sul territorio BANDO DI SELEZIONE Anno accademico 2012-2013 Art.1 (Finalità) L Università Telematica Universitas Mercatorum

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA tra Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Liguria, rappresentata dal Direttore Regionale, Alberta De Sensi e Università

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL MASTER DI SECONDO LIVELLO IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA DEGLI EDIFICI PER IL CULTO"

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL MASTER DI SECONDO LIVELLO IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA DEGLI EDIFICI PER IL CULTO CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL MASTER DI SECONDO LIVELLO IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA DEGLI EDIFICI PER IL CULTO" L Università degli studi di Trento cod. fiscale n 00340520220

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione Università degli Studi di Messina Regolamento dei corsi di alta formazione Art. 1. - Ambito di applicazione TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per l'istituzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI MASTER DI I E DI II LIVELLO, DI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI CORSI DI ALTA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (Emanato con DR n. 401, Prot. n. 8186 del

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016

RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016 Master universitario di II livello in RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016 1. Finalità Il Master, promosso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA AL PERSONALE DOCENTE VISTA Il Consiglio di Amministrazione la Legge 21.12.1999, n.508; il DPR 28.02.2003, n.132;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Parte I (ATTIVITÀ FORMATIVA) Art. 1 (Campo

Dettagli

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio Per la valorizzazione della responsabilità educativa e sociale, della capacità e del merito nell università e nella ricerca Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. 1. La missione

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

Master Universitario

Master Universitario Master Universitario "Relazioni industriali e Gestione delle Risorse Umane nelle Aziende del settore creditizio e finanziario" Il Master Universitario di II livello, realizzato in collaborazione con ABI

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Repertorio n. 72/2014 prot n. 1484 del 15/12/2014 (2014-URM3DSC-0001484) BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Visto l art. 23 della

Dettagli

Articolo 5 Progetto Formativo

Articolo 5 Progetto Formativo REGOLAMENTO DI ATENEO SUI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 41 2015, prot. n. 999 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo 1, comma 15, della legge 14

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

Art. 3 Programmazione didattica

Art. 3 Programmazione didattica Regolamento sull'impegno didattico dei professori e ricercatori universitari (l. 240/10, art. 6, c. 2 e 3), sulla verifica dell'effettivo svolgimento dell'attività didattica (l. 240/10, art. 6, c. 7) e

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 7 DEL 24.02.2014 Anno 2014 giorno 24 mese febbraio ore 18.00 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIREZIONE Viterbo, REGIONALE LAZIO CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO PER : TIROCINIO FORMATIVO STUDENTI ; RICONOSCIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

RICERCA ESPERTO MADRELINGUA INGLESE. La Dirigente Scolastica

RICERCA ESPERTO MADRELINGUA INGLESE. La Dirigente Scolastica Prot. 087 Pomigliano d Arco, 07 gennaio 2016 RICERCA ESPERTO MADRELINGUA INGLESE Anno Scolastico 2015/2016 La Dirigente Scolastica Visto il Decreto Interministeriale 44/2001 Regolamento concernente le

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I D A N Z A

A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I D A N Z A Roma, Istituzione di Alta Formazione Coreutica prot.n. CONVENZIONE (ai sensi dell'art. 13 comma 9 del D.P.R. 15 marzo 2010 n. 89) Tra l Accademia Nazionale di Danza con sede in Largo Arrigo VII, 5 00153

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===-----

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===----- REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE -----===ooo===----- 1 UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL BELICE REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE art. 1- Principi generali 1. L Unione dei Comuni Valle del Belice (che d

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena (Emanato con D.R. n. 1529 del 17.10.2012, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.10.2012

Dettagli

Master europeo in Storia dell Architettura

Master europeo in Storia dell Architettura Area Servizi per gli studenti e relazioni con il pubblico. Divisione segreterie studenti Master europeo in Storia dell Architettura Bando 2008-2009 Il Rettore visto l art. 3 del D.m. 509/99, ora integrato

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Agosto 2012 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei Piani

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

D. R. n. 36/14 IL RETTORE

D. R. n. 36/14 IL RETTORE IL RETTORE D. R. n. 36/14 Vista la legge 9 maggio 1989 n. 168; Vista Visti Visti Vista Viste la legge 19 novembre 1990 n. 341 ed in particolare l art.11; l art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE SENATO ACCADEMICO 19/02/2008; 23/09/2008; 19/12/2008; 27/03/2009; CONSIGLIO

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

Appendice al CONTRATTO DI FRANCHISING

Appendice al CONTRATTO DI FRANCHISING Appendice al CONTRATTO DI FRANCHISING TRA la società ACI Informatica S.p.A.- Divisione ACI Rete, con sede in Roma, Via Fiume delle Perle n.24, cap.soc..2.064.000, C.F. 00405030586 e P.I. 00883311003, iscritta

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA CONVENZIONE QUADRO TRA l Università Telematica Pegaso, istituita con Decreto Ministeriale 20 aprile 2006 (GU n. 118 del 23.5.2006 - Suppl. Ordinario n. 125), con sede in Napoli, Piazza Trieste e Trento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARI UNIVERSITAS MERCATORUM. Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARI UNIVERSITAS MERCATORUM. Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e l organizzazione dei Master nell Università Telematica Universitas Mercatorum. L Ateneo

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Salute Circolare regionale 29 luglio 2013 - n. 17 Indicazioni in ordine ai criteri di realizzazione di corsi di formazione a distanza in modalità e-learning e avvio della sperimentazione

Dettagli

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A.A. 2015-2016

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A.A. 2015-2016 Dipartimento di Studi Umanistici Rep. N. 10/2015 Prot. N. 1923 del 22/10/2015 BANDO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A.A. 2015-2016 Visto l art. 23 della Legge n. 240 del 30/12/2010;

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Art. 3 Attività formative Il presente Regolamento,

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Decorata di Medaglia d'oro al V.M. per attività partigiana R E G O L A M E N T O SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE DECRETO RETTORALE REP. N 44/2014 PROT.N 1191

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE ORIGINALE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 40/2010 Reg. Delib. OGGETTO:DECRETO LEGISLATIVO N 150/09. APPROVAZIONE REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO, ENTI PUBBLICI, ORGANIZZAZIONI SINDACALI. per la

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO, ENTI PUBBLICI, ORGANIZZAZIONI SINDACALI. per la ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO, ENTI PUBBLICI, E ORGANIZZAZIONI SINDACALI per la FORMAZIONE CONTINUA DEI PUBBLICI DIPENDENTI L AGENZIA DELLE ENTRATE, Direzione Regionale

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

CONVENZIONE PER REALIZZAZIONE DEL CORSO DI ALTA FORMAZIONE PROJECT MANAGEMENT and INNOVATION tra La Sapienza, Università di Roma, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro, 5 Cod. Fisc. 80209930587 e Part.

Dettagli

Modulo di richiesta del Rapporto Estimativo. Release 1.3

Modulo di richiesta del Rapporto Estimativo. Release 1.3 Modulo di richiesta del Rapporto Estimativo Release 1.3 Gentile Cliente, grazie per aver scelto CRIF Valutazione Immobili! Per richiedere un RAPPORTO ESTIMATIVO segui questi semplici passi: 1. Compila

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01. REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale dirigenti Avviso 1/08 di FONDIR.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale dirigenti Avviso 1/08 di FONDIR. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 4 aprile 2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato 3 Schema di convenzione SCHEMA DI CONVENZIONE ai sensi dell art 9.1 dell Avviso per l individuazione di soggetti interessati ad erogare interventi di di formazione di base e trasversale di cui

Dettagli

DESTINATARI DEL MASTER

DESTINATARI DEL MASTER UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A. 2012/2013 - MASTER DI PRIMO LIVELLO DIRITTO SINDACALE, DEL LAVORO E CONTRATTUALE (approvato dal Comitato Tecnico Ordinatore nella seduta del 11.10.2010) RIFERIMENTI

Dettagli

Informativa ai sensi dell articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. n.196/03)

Informativa ai sensi dell articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. n.196/03) Informativa ai sensi dell articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. n.196/03) H3G S.p.A. ( 3 ) rispetta le disposizioni relative alla riservatezza dei dati personali che

Dettagli

UUniversità San Raffaele

UUniversità San Raffaele UUniversità San Raffaele Roma via di Val Cannuta, 247 00166 Roma Tel. 06 5225 2552 www.unisanraffaele.com TRA Contratto con lo studente L, con sede legale in Roma, Via Val Cannuta 247, codice fiscale 97471900155

Dettagli

Convenzione Quadro Per il potenziamento dell attività formativa e di ricerca nei settori afferenti l ambiente marino TRA

Convenzione Quadro Per il potenziamento dell attività formativa e di ricerca nei settori afferenti l ambiente marino TRA Convenzione Quadro Per il potenziamento dell attività formativa e di ricerca nei settori afferenti l ambiente marino TRA l Università degli Studi di Genova (di seguito anche Unige ), codice fiscale e partita

Dettagli

Discipline a scelta attive in più Corsi di Laurea. 2 25 Dal 12/10/2015 al 30/09/2016

Discipline a scelta attive in più Corsi di Laurea. 2 25 Dal 12/10/2015 al 30/09/2016 Dipartimento di Architettura BANDO N 3 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A.A. 2015/2016 Visto l art. 23 della Legge n.240 del 30/12/2010; Vista la Legge 23 dicembre 1996, n. 662; Visto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso

Dettagli