Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva"

Transcript

1 Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Dr.ssa Marialuigia Foresta Neuropsichiatra Infantile UOC di Neuropsichiatria Infantile ASL Pescara

2 Perché un master sui disturbi del comportamento????? I problemi di condotta e di aggressività in età evolutiva sono in netto aumento. Il fenomeno dovrebbe essere considerato un problema di salute pubblica, al pari del fumo, dell abuso di droga, delle gravidanze precoci e degli stili di vita a rischio (Bloomquist e Schnell, 2002)

3 IMPORTANZA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN PSICOPATOLOGIA DELL ETA EVOLUTIVA Per i problemi di inserimento sociale che causano nell immediato Per le possibili conseguenze che si possono produrre a distanza di tempo: Cognitive Relazionali Emotivo-affettive

4 Il nostro percorso insieme Sintomi comuni denominatori di disturbi differenti Individuazione del significato comunicativo del sintomo Conoscenza dei disturbi di comportamento e di quelli associati Valutazione fattori prognostici 4

5 CARATTERISTICHE COMUNI NEI BAMBINI CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO Aggressività (DOP, DC, Depressione, DOC) Impulsività (ADHD, Ansia, DOC) Mancato rispetto delle regole (DOP, DC, ADHD)

6 DIAGNOSI DIFFERENZIALE O COMORBILITA??????? 6

7 La sua capacità di concentrazione e attenzione sostenuta Il percorso di pianificazione e soluzione dei problemi Il livello di autostima Il bambino non riesce a regolare Icomportamento con gli altri Il comportamento motorio Il livello di motivazione, la fiducia nell impegno e nello sforzo La capacità di rispondere in modo positivo a certe emozioni La tendenza a dare una risposta precipitosa ed impulsiva

8 CONCETTO DI PATOMORFOSI (Levi e coll. 2003) Possibilità che nello stesso bambino un disturbo della sfera psichica compaia prima ad una certa età (o fase di sviluppo), per poi scemare o scomparire e ripresentarsi in un tempo (o fase di sviluppo) successivo sotto altra forma. Ogni forma di disagio psichico produce una predisposizione e vulnerabilità maggiori rispetto a possibili altri problemi psichici in successivi momenti (o fasi) di sviluppo.

9 SEQUENZIALITA DEI DISTURBI PSICHICI IN ETA EVOLUTIVA La comparsa precoce di un disturbo comportamentale può predisporre fortemente alla genesi di altre problematiche psichiche in altre fasi più tardive di sviluppo (Disturbo della condotta, Disturbi dell umore, Disturbi di personalità).

10 Personalita : Modalita strutturata di pensiero, sentimento e comportamento che caratterizza il tipo di adattamento e lo stile di vita di un soggetto e che risulta da fattori temperamentali, dello sviluppo e dell esperienza sociale. La personalita non e fissa e immutabile ma si evolve attraverso le situazioni che formano la storia dell individuo (Lingiardi, 2000) 10

11 Strutturazione della personalità: Fattori di Vulnerabilità Caratteristiche interne del bambino: vulnerabilità biologica, funzioni neurocognitive, temperamento Qualità delle relazioni primarie di attaccamento Stile educativo e strategie di socializzazione Ecologia familiare: eventi vitali critici, stress e traumi della vita familiare, risorse organizzative familiari, rete sociale

12 Il bambino ADHD Eccessiva sensibilità ai rinforzi (Sergeant e Van der Meere, 1988) Deficit delle funzioni esecutive (Pennigton e Ozonoff, 1966; Shallice, Marzocchi, Coser, Del Savio, Meuter e Rumiati, 2002) Deficit motivazionale Deficit nella regolazione degli stati fisiologici (Sergeant e Van der Meere, 1988) 12

13 I bambini con ADHD generalmente non hanno una grande considerazione di sé, non hanno pensieri positivi, il che determina uno scoraggiamento ed una cattiva reazione emotiva e di seguito una cattiva prestazione. Esiste infatti una relazione molto stretta tra Cognizione, Emozione e Comportamento, per cui basta alterare una delle tre e si altera tutto il sistema. 13

14 Le Funzioni di Controllo L attenzione è stata definita una riserva, perché le risorse che sono limitate vengono allocate (cioè utilizzate e/o divise) nei vari compiti selezionati attraverso un processo detto di focalizzazione (ad esempio: leggere senza ascoltare il rumore di sottofondo). I processi attenzionali permettono al sistema cognitivo di avere le caratteristiche di: Resistenza Flessibilità Revisione mantenere attivo il compito resistendo ai possibili distrattori modificare l allocazione in funzione delle variazioni del compito rivedere e correggere il compito in funzione di un progetto

15 COSCIENZA AUTO CONSAPEVOLEZZA VIGILANZA CICLI NATURALI REATTIVITA PERCEZIONE STATO PSICOFISICO RETE ATTENTIVA MOTIVAZIONE MEMORIA COGNIZIONE STATO EMOTIVO AFFETTIVO

16 L Impulsività mpulsività Cognitiva: Spesso quando il bambino si appresta ad effettuare un qualsiasi compito, che gli viene proposto non è in grado di procedere in modo riflessivo e ponderato L Impulsività può manifestarsi a livello: Cognitivo, Comportamentale, Emotivo. Impulsività Emotiva: Questi bambini hanno una bassa tolleranza alla frustrazione; inoltre evidenziano alterazioni della risposta emotiva, con una notevole difficoltà nel gestire i propri sentimenti, le proprie sensazioni Impulsività Comportamentale: Questi bambini interrompono gli altri mentre parlano, non hanno rispetto delle regole imposte dall adulto, e spesso è estremamente difficile relazionarsi con loro, poiché mettendo in atto comportamenti definiti:oppositivi/provocatori

17 Strutturazione della personalità: Resilienza Livello di intelligenza Temperamento tranquillo Competenza e funzione riflessiva genitori Sostegno sociale nell infanzia Esperienza positiva dell istruzione Sicurezza degli affetti

18 L attaccamento L attaccamento tra madre e figlio inizia da prima del concepimento. Bowlby (1969) sostiene che lo scopo dell attaccamento è garantire al piccolo la protezione degli adulti della sua specie; ma il punto cruciale dell attaccamento nella specie umana sta nel fatto che attraverso la relazione con la figura di attaccamento il piccolo IMPARA AD IMPARARE, condizione essenziale e strategica per la sua sopravvivenza (Liotti 1992). Un buon attaccamento è alla base dello sviluppo affettivo, relazionale e cognitivo.

19 Il comportamento di attaccamento è reso attivo da tutte le circostanze esterne (pericoli) o interne (debolezze, malattia, etc) che rendono il piccolo VULNERABILE. Egli ha quindi bisogno di un sistema cognitivo in grado di valutare tali circostanze. 19

20 Tipi di attaccamento Sicuro: Il bambino amato da una madre affidabile, che ha dato cure costanti e lo ha protetto dai pericoli, svilupperà un attaccamento sicuro a basso rischio psicopatologico. Il piccolo può fidarsi della figura di attaccamento e ciò lo spinge ad esplorare attivamente il mondo alla ricerca di novità che rendano sempre più complessa la mappa di sé e dell ambiente che via via va costruendo. Ambivalente: Se la madre è incostante, poco prevedibile, il bambino sarà ambivalente verso di lei, non si fiderà. Da adulto potrà essere insicuro, controllante, intrusivo. Il piccolo tenta di mantenere con la madre una vicinanza strettissima, rinunciando a qualsiasi movimento esplorativo autonomo. Lo stile cognitivo sarà improntato al restringimento del campo d azione nel tentativo di evitare ogni invalidazione.

21 Evitante: Quando le madri sono distanti, delegano a figure varie la cura del figlio, non raccolgono i bisogni e le richieste del figlio; i bambini sembreranno tranquilli perché non abituati a chiedere per non allontanare la madre. Il piccolo si abitua a contare su di sé e anche a livello cognitivo si chiude in un egocentrismo e in un autarchia di significati che lo immunizzano da qualunque invalidazione proveniente dall esterno (rischio di disturbi di personalità, anoressia nervosa, isteria). Disorganizzato: E la madre maltrattante, abusante. E molto imprevedibile e ogni volta reagisce con il figlio in modo diverso. Il bambino pertanto ha una grande difficoltà ad adattarsi ai comportamenti della madre, da cui si difende con la fuga, o attaccando o congelandosi. Alto rischio di psicopatologia(disturbi di personalità, psicosi). 21

22 Corrispondenze tra attaccamento, stile di conoscenza e disturbi di personalità Attaccamento sicuro Stile cognitivo: ricerca attiva Assenza di disturbi di personalità Attaccamento insicuro-evitante Stile cognitivo immunizzazione A rischio di disturbo paranoide, schizotipico e schizoide Attaccamento insicuro-resistente Stile cognitivo: evitamento A rischio di disturbo evitante, dipendente e compulsivo Attaccamento disorganizzato Stile cognitivo: ostilità A rischio di DOP, DC, disturbo istrionico, narcisistico, borderline e antisociale 22

23 Lo sviluppo della Personalita in Eta Evolutiva Temperamento Apprendimento sociale Sviluppo Psicologico Contesto Psico-affettivo Amplificazione Tratti Personalita Fattori di rischio biologici (impulsivita, instabilità affettiva, etc) Fattori di rischio psicologici (perdita, trauma parentale,etc) Fattori di rischio sociali (disgregazione sociale, etc) Disturbi di Personalita

24 I disturbi del comportamento in età evolutiva A. Disturbi da esternalizzazione -ADHD (Disturbo da deficit di attenzione con iperattività) -DOP (Disturbo oppositivo-provocatorio) -DC (Disturbo della condotta ad esordio nella fanciullezza o nell adolescenza)

25 I disturbi esternalizzanti sono diretti verso gli altri e l ambiente esterno, e comprendono scarsa compliance, aggressività, distruttività, difficoltà attentive, impulsività, iperattività, ed azioni di tipo delinquenziale. Tale pattern comportamentale si manifesta in diversi contesti in cui il bambino rappresenta un elemento di disturbo per gli altri. 25

26 Disturbi del comportamento dirompente, del controllo degli impulsi e della condotta DSM 5) Tutti i disturbi di questo cluster comportano problemi nella regolazione emotiva e del comportamento, ma cambia la natura del mancato autocontrollo. 26

27 Disturbi della condotta: il comportamento è teso a violare i diritti di altre persone o le principali norme sociali (prevale componente comportamentale). Disturbo oppositivo-provocatorio: c è sia un problema di gestione della rabbia che un problema comportamentale in termini di polemica e sfida. Disturbo esplosivo intermittente: esplosioni di rabbia sproporzionate rispetto alle provocazioni interpersonali o di altro genere oppure rispetto a fattori stressanti psico- sociali (prevale componente emotiva) 27

28 Il DC rappresenta spesso la normale evoluzione di un disturbo oppositivoprovocatorio. Spettro esternalizzante: disturbi da comportamento dirompente, del controllo degli impulsi e della condotta. Si associano a caratteristiche di personalità di disinibizione ed emotività negativa. 28

29 Disturbo oppositivo-provocatorio La diagnosi si applica a bambini che esibiscono pattern frequente e persistente di umore collerico/irritabile, di comportamento polemico/provocatorio o vendicativo (criterio A, DMS 5). Si possono quindi identificare. Forma collerica/irritabile (evoluzione in disturbo internalizzante, spesso comorbilità ADHD) Forma polemica/provocatoria (evoluzione in DC) Forma vendicativa (evoluzione in disturbo di personalità antisociale)

30 Quadro clinico del DOP (DSM 5) Spesso va in collera E spesso permaloso E spesso adirato o risentito Spesso litiga con gli adulti Spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare le richieste o regole degli adulti Spesso irrita deliberatamente le persone Spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio cattivo comportamento È spesso dispettoso e vendicativo, almeno due volte negli ultimi sei mesi

31 Altri criteri diagnostici del DOP (DSM 5 ) Il comportamento è associato a disagio dell individuo o di altre persone nel suo immediato contesto sociale oppure ha un impatto negativo sul funzionamento in ambito sociale, educativo, lavorativo o in altre aree importanti. I comportamenti non si manifestano durante il decorso di un disturbo psicotico o di un disturbo dell umore; Specificare la gravità attuale: Lieve: sono limitati ad un unico ambiente (casa, scuola, coetanei) Moderata: alcuni sintomi sono presenti in almeno due ambienti Gravi: alcuni sintomi sono presenti in tre o più ambienti

32 Disturbo oppositivoprovocatorio La componente provocatoria del comportamento di questi bambini si avverte prevalentemente quando essi vivono un contesto relazionale. Provocare qualcuno è intenzionale e indica un tentativo di dialogo, una ricerca (disfunzionale) di comunicazione. Il comportamento si verifica, infatti, tanto più frequentemente in presenza di persone significative affettivamente. 32

33 Disturbo della condotta Pattern di comportamento ripetitivo e persistente in cui vengono violati i diritti fondamentali degli altri oppure le principali norme o regole sociali appropriate all età, che si manifesta con la presenza nei 12 mesi precedenti di almeno tre dei 15 criteri previsti, con almeno 1 criterio presente negli ultimi sei mesi Criterio A, DSM 5) Aggressione a persone e animali Distruzione della proprietà Frode o furto Gravi violazioni di regole

34 Nella forma ad esordio infantile i bambini sono più aggressivi, manifestano maggiori menomazioni nel funzionamento, hanno maggiori problemi temperamentali, cognitivi e neuropsicologici, hanno spesso una storia familiare per tali disturbi, provengono da ambienti più deprivati e hanno problemi sociali più seri (Moffit, Caspi, 2001). L associazione con il DC anche in età adulta è maggiore che nelle forme ad esordio in adolescenza

35 Nelle forme ad esordio in età adolescenziale, hanno meno probabilità di manifestare comportamenti aggressivi e tendono ad avere un maggior numero di relazioni considerate normali con i coetanei. E meno frequente il persistere del DC in età adulta. 35

36 Disturbo della condotta: fattori prognostici sfavorevoli La gravità della trasgressione è destinata ad aumentare con l età e con le potenzialità del soggetto. Le caratteristiche specifiche sono l assoluta mancanza di scrupoli, l insensibilità-mancanza di empatia, l indifferenza per i risultati, l affettività superficiale o anaffettività. Il DC spesso evolve in un disturbo di personalità antisociale (prognosi infausta) 36

37 Prognosi Gli individui con DC sono a rischio di sviluppare: Comportamento criminale; Disturbi dell umore e disturbi d ansia; Disturbo da stress post-traumatico; Disturbo del controllo degli impulsi; Disturbi psicotici; Disturbi da sintomi somatici; Disturbi correlati a sostanze. 37

38 Disturbi di personalità quando? Quando i tratti di personalità sono rigidi e non adattivi; Quando i tratti di personalità causano una significativa compromissione del funzionamento sociale e lavorativo; Quando i tratti di personalità causano una sofferenza soggettiva (DSM III-DSM IV) 38

39 Disturbo antisociale di personalità Vivono la vita come la partecipazione a un gioco nel quale gli altri esistono come pedine di una scacchiera da muovere per i propri scopi ed obiettivi (Cassano et al. 1992, Trattato italiano di psichiatria) 39

40 Disturbo antisociale di personalità: quadro clinico Il loro atteggiamento è mutevole, passa dall aggressività alla gentilezza, dal distacco assoluto al coinvolgimento intenso, ma tende sempre e comunque alla manipolazione degli altri. Privi di qualsiasi regola morale non sperimentano nessun senso di colpa e attribuiscono sempre agli altri l origine dei problemi in cui vengono a trovarsi, senza mai assumersi alcuna responsabilità 40

41 Disturbo antisociale di personalità (DSM 5) Pattern pervasivo di inosservanza e di violazione dei diritti degli altri, che inizia nell infanzia o nell adolescenza e continua nell età adulta. Incapacità di conformarsi alle regole sociali; Disonestà (mentire, usare falsi nomi o truffare gli altri); Impulsività o incapacità di pianificare; Irritabilità e aggressività; Noncuranza sconsiderata della sicurezza propria e altrui; Irresponsabilità abituale; Mancanza di rimorso.

42 Caratteristiche psicopatologiche Autostima ipertrofica; Fascino superficiale (brillanti e disinvolti); Mancanza di empatia; Irresponsabili e profittatori nelle relazioni sessuali; Disforia, lamentele di nervosismo, incapacità a tollerare la noia e umore depresso. 42

43 Prodromi Assenze da scuola; Fughe da casa; Violenze fisiche; Crudeltà su animali e persone; Furti, incendi, guai con la legge; Incapacità a lavorare; Menzogne ripetute; Rifiuto di ogni impegno e ogni ruolo; Incapacità nel mantenere relazioni durature 43

44 Elemento patognomonico Mancanza di rimorso!!! La prospettiva, da cui il soggetto guarda il mondo, non prevede la presenza di altri oltre se stesso. E come se ci dovessimo preoccupare per le ustioni che l acqua bollente produce sulle tagliatelle!!!! 44

45 B. Disturbi da internalizzazione Disturbi d ansia e dell umore Sono rivolti verso l interno e sono connessi ad ansia, paura vergogna, bassa autostima, tristezza e depressione. 45

46 Disturbi d ansia L ansia può considerarsi un esperienza comune del genere umano. Si tratta di uno stato emozionale sollecitato da situazioni nuove e/o potenzialmente pericolose. L ansia fisiologica non è anacronistica, cioè non è collegata ad esperienze passate ma ad esperienze presenti; È collegata a situazioni reali e non a situazioni immaginarie; Non è ricorrente e non fa parte delle modalità abituali di comportamento. 46

47 L ansia patologica Essa si manifesta con modalità diverse in rapporto al livello di sviluppo. Quanto più è piccolo il bambino tanto più l ansia si esprime con manifestazioni che coinvolgono l intero organismo, comportando eccitazione motoria o disagio fisico. Via via che si va strutturando l apparato psichico l ansia viene vissuta come esperienza interiore ed è sperimentata come stato spiacevole. 47

48 Nelle forme patologiche l ansia si caratterizza come uno stato d animo abituale che si manifesta con: sentimenti di inadeguatezza e di indecisione; irritabilità e instabilità; con uno stato di allarme al quale corrisponde spesso una sintomatologia vegetativa (dilatazione pupillare, secchezza delle fauci, nausea, tachicardia, sudorazione, etc.) 48

49 I disturbi d ansia più frequenti in età evolutiva sono: Disturbo d ansia da separazione; Disturbo d ansia generalizzata; Disturbo fobico; Disturbo ossessivo-compulsivo. 49

50 Disturbo d ansia da separazione Paura o ansia eccessiva riguardante la separazione da casa o dalle figure di attaccamento. L ansia va oltre quella che ci si può aspettare in base allo stadio di sviluppo dell individuo (Criterio A, DSM 5) 50

51 Il bambino sperimenta il prototipo dell ansia di separazione intorno all VIII mese di vita (angoscia abbandonica). Una dimensione affettivo-relazionale stabile e rassicurante di solito permette al bambino di elaborare questa esperienza, padroneggiandola o mettendo in atto modalità di risposte sempre aderenti alla situazione. 51

52 Sintomi del disturbo d ansia di separazione Ricorrente ed eccessivo disagio quando si prevede o si sperimenta la separazione da casa o dalle principali figure di accudimento; Persistente ed eccessiva preoccupazione riguardo alla perdita delle figure di attaccamento o alla possibilità che accada loro qualcosa di dannoso; Persistente ed eccessiva preoccupazione riguardo al fatto che un evento imprevisto comporti separazione dalla principale figura di accudimento; Persistente rifiuto o riluttanza ad uscire di casa per andare a scuola; 52

53 Altri sintomi Persistente ed eccessiva paura o riluttanza a stare da soli o senza le principali figure di attaccamento a casa o in altri ambienti; Persistente rifiuto o riluttanza di dormire fuori casa o di andare a dormire senza avere vicino una delle principali figure di attaccamento; Ripetuti incubi che implicano il tema della separazione; Ripetute lamentele di sintomi somatici ( mal di testa, dolori di stomaco, nausea, vomito) quando si verifica o si prevede la separazione dalle principali figure di accudimento. 53

54 Sviluppo e decorso L esordio del disturbo d ansia da separazione può verificarsi anche in età prescolare, in qualsiasi momento durante l infanzia e più raramente in adolescenza. Vi sono tipicamente periodi di peggioramento e remissione. La maggior parte dei bambini con disturbo d ansia da separazione non sviluppa disturbi d ansia nel corso della vita; Negli adulti in cui il disturbo persiste, può limitare la loro capacità di affrontare dei cambiamenti (sposarsi, traslocare). Gli adulti con questo disturbo sono tipicamente preoccupatissimi per i coniugi e per i figli quando sono separati da loro. 54

55 Una particolare forma di ansia da separazione è la fobia scolare, che si manifesta in bambini tra 5 e 10 anni di normale intelligenza. Questi bambini al momento di andare a scuola manifestano cefalea, dolori addominali, stanchezza, sonnolenza, dolori muscolari, vomito, nausea e diarrea. 55

56 In questi disturbi non è la scuola il reale motivo della sintomatologia ansiosa ma il distacco dalle figure di accudimento. In altri casi invece la fobia scolastica sottende un ansia prestazionale e la relativa paura dell insuccesso. In questi casi pertanto la fobia scolare rappresenta l espressione di una fobia sociale. 56

57 Disturbo d ansia generalizzato (DSM 5) E caratterizzato dalla presenza di ansia e preoccupazioni eccessive. Il bambino ha difficoltà a controllare la preoccupazione. L ansia e la preoccupazione sono associate ad almeno tre dei seguenti sintomi Irrequietezza o sentirsi tesi, con i nervi a fior di pelle Facile affaticamento; Difficoltà a concentrarsi o vuoti di memoria; Irritabilità Tensione muscolare Alterazione del sonno 57

58 I bambini con disturbo d ansia generalizzato hanno paura di tutto : Quando vengono lasciati da soli; Quando devono fare nuove esperienze; Quando sono chiamati a svolgere un compito; Hanno paura di eventi catastrofici (terremoti, guerre) e di eventi naturali (temporali). 58

59 Le ansie e le preoccupazioni spesso riguardano la qualità delle prestazioni, anche quando queste non devono essere valutate da altri. Questo aspetto rappresenta un importante elemento per la diagnosi differenziale rispetto alla fobia sociale, in cui invece l ansia è legata alla paura del giudizio dell altro. 59

60 Nei bambini più piccoli il disturbo d ansia generalizzata si manifesta con sintomi somatici quali mimica tesa, irrequietezza manifestazioni vegetative. Nei bambini più grandi, invece, vi è la verbalizzazione di preoccupazione eccessiva. 60

61 L insorgenza del disturbo si verifica raramente prima dell adolescenza. I sintomi del disturbo d ansia generalizzata tendono a essere cronici e hanno un andamento altalenante durante l arco di vita fluttuando tra forme sindromiche e subsindromiche del disturbo. I tassi di remissione completa del disturbo sono molto bassi. 61

62 Le fobie Paure ingiustificate di un oggetto o di un evento, il contatto con il quale determina nel bambino reazioni intense di angoscia. 62

63 Nei confronti della fobia il bambino tende ad utilizzare strategie difensive rappresentate tipicamente dall evitamento. Fobia sociale: paure persistenti e irrazionali nei confronti di specifici oggetti o situazioni che possono comportare sentimenti di umiliazione derivanti dal giudizio degli altri. 63

64 L ansia anticipatoria e l evitamento fanno sì che il bambino tenda ad apparire eccessivamente timido negli ambienti non familiari, a sfuggire al contatto con gli altri, a rifiutare di partecipare ai giochi di gruppo. 64

65 Fobia specifica: è caratterizzata a paure persistenti e irrazionali nei confronti di specifici oggetti o di specifiche situazioni Stimolo Animali Ambiente Sangue-iniezioni ferite Particolari situazioni Esempi Gatti, cani, serpenti, cavalli,etc Temporali, altezza, acqua Prelievi ematici, ferite,etc Trasporti pubblici, tunnel, ponti, ascensori, luoghi chiusi 65

66 La presenza dell evento fobogeno scatena nel bambino intense reazioni di angoscia che si traducono sul piano comportamentale in pianto, scoppi ira, irrigidimento e manifestazioni neurovegetative. Il livello di ansia o paura varia in funzione sia del grado di vicinanza allo stimolo fobico che del grado di limitazione della possibilità di allontanarsi a esso. 66

67 Diagnosi differenziale Disturbi generalizzati dello sviluppo: in alcune fasi del loro decorso si possono avere crisi di panico, angoscia e manifestazioni fobiche, che sono tuttavia sempre conseguenti alla compromissione dell interazione sociale. Depressione infantile: sono presenti oltre alla manifestazione ansiosa, una riduzione del tono dell umore, problematiche che investono l immagine di sé e l autostima; alterazioni che viceversa nei disturbi d ansia non rappresentano un elemento caratterizzante. 67

68 Il disturbo ossessivo-compulsivo Quadro clinico caratterizzato dalla presenza di ossessioni e/o compulsioni che interferiscono in maniera marcata sulla vita del soggetto che ne è affetto (DSM IV). Le ossessioni sono caratterizzate dalla presenza persistente o ricorrente di idee, pensieri, impulsi o immagini mentali che la volontà non riesce ad eliminare dal campo della coscienza e che costituiscono motivo di turbamento e di disagio. 68

69 Per definizione il soggetto è consapevole del carattere morboso del disturbo riconoscendo le ossessioni come intrusive, inappropriate e senza senso (egodistoniche) 69

70 Ossessioni più frequenti Pensieri ripetitivi di contaminazione Dubbi ripetitivi; Bisogno di ordine; Impulsi aggressivi o terrifici; Fantasie sessuali. 70

71 Le compulsioni sono comportamenti ripetuti (come il lavarsi le mani, il riordinare o il controllare) o azioni mentali (come pregare, contare o ripetere mentalmente delle parole) che hanno lo scopo di prevenire o ridurre il senso di malessere che accompagna un ossessione. 71

72 Il DOC è abitualmente ritenuto un disturbo dell età adulta con frequenza stimata intorno al 2,5%. Recenti ricerche hanno messo in evidenza che esso si presenta i età evolutiva con una prevalenza dello 0,5%. In relazione all età evolutiva sembra esistere una distribuzione bimodale con un primo picco di incidenza intorno ai 7 anni e con maggiore frequenza nel sesso maschile ed un secondo picco intorno agli 11 anni con prevalenza nel sesso femminile. 72

73 Manifestazioni di tipo ossessivo si possono riscontrare fisiologicamente in età evolutiva con modalità variabile a seconda dell età. Le ossessioni sono da considerarsi patologiche quando: Sono anacronistiche (inadeguate per caratteristiche e contenuto a livello di sviluppo) Diventano insistenti Presentano carattere angosciante Sono caratterizzate da contenuti insoliti Si sviluppano su una personalità di fondo peculiare 73

74 Caratteristiche di una personalità insolita: Spiccata tendenza agli scrupoli ed al dubbio Facilità a manifestare crisi di coscienza Perfezionismo Eccesso di controllo dell affettività con conseguente inibizione dei contatti sociali o marcata timidezza. 74

75 Disturbi depressivi (DSM 5) Disregolazione dell umore dirompente; Disturbo depressivo maggiore; Disturbo depressivo persistente (distimia); Disturbo disforico pre-mestruale; Disturbo depressivo indotto da sostanze/farmaci; Disturbo depressivo da condizione medica Disturbo depressivo con altra specificazione e disturbo depressivo NAS 75

76 La caratteristica comune di tutti questi disturbi è la presenza dell umore triste, vuoto o irritabile, accompagnato a modificazioni somatiche e cognitive che incidono in modo significativo sul funzionamento dell individuo. Le differenze tra essi consistono nella durata, nella distribuzione temporale o nella presunta etiologia. 76

77 Novità del DSM 5 Ai disturbi depressivi nei bambini di età inferiore ai 12 anni è stato aggiunto il disturbo da disregolazione dell umore dirompente che si caratterizza per irritabilità ricorrente e frequenti episodi di discontrollo del comportamento estremo. Questi bambini sviluppano frequentemente in età adulta disturbi dell umore unipolari o disturbi d ansia. 77

78 Criteri diagnostici del disturbo da disregolazione dell umore dirompente Frequenti scoppi di collera che avvengono tipicamente in risposta alla frustrazione e possono essere verbali o comportamentali; Devono verificarsi frequentemente in almeno due contesti e devono essere inappropriati allo stadio di sviluppo; Nel periodo che intercorre tra i gravi scoppi di collera, l umore deve essere persistentemente o cronicamente arrabbiato.78

79 Conseguenze funzionali Difficoltà nel rendimento scolastico; Incapacità a partecipare ad attività solitamente divertenti per i bambini sani; La loro vita familiare è gravemente disturbata dai loro scoppi di collera ed irritabilità; Hanno difficoltà nell iniziare le amicizie; Sono presenti comportamenti pericolosi di tipo suicidario, grave aggressività e ricovero psichiatrico. 79

80 Diagnosi differenziale Disturbi bipolari; Disturbo oppositivo-provocatorio; ADHD; Disturbi depressivi maggiori; Disturbi d ansia; Disturbi dello spettro autistico. 80

81 DISTURBI DEPRESSIVI Nei soggetti in grado di verbalizzare il loro stato vengono fornite descrizioni del tipo mi sento depresso, mi sento triste, mi sento scoraggiato, mi sento senza speranza, etc. Nelle situazioni in cui il soggetto non è in grado di verbalizzare il suo stato o non è disponibile a farlo, il tono dell umore si manifesta con un esperienza di tristezza, caratterizzata da povertà della mimica, sguardo inespressivo, rarità del sorriso, pianto per motivi futili. 81

82 Sono frequenti anche perdita di interessi riduzione dei livelli di attività (scarsa iniziativa, inibizione e rallentamento motorio); comportamenti ipercinetici e condotte aggressive; 82

83 I disturbi depressivi compromettono la qualità dell interazione sociale, in quanto questi bambini tendono ad evitare le occasioni di incontro con gli altri e quando inseriti nell ambito del gruppo tendono ad assumere atteggiamenti passivi o ad isolarsi. La depressione compromette il rendimento scolastico, che risente delle difficoltà di memoria e di concentrazione e dell eccessiva preoccupazione per l insuccesso presentato dal bambino depresso. 83

84 In tale contesto emozionale sono abituali i disturbi somatici: Eccessiva faticabilità; Alterazioni del ritmo sonno-veglia; Disturbi del comportamento alimentare; Dolori vaghi, riferiti allo stomaco, alla testa o alle gambe. 84

85 I sintomi depressivi descritti possono associarsi in maniera differente dando luogo a quadri clinici diversi per modalità, esordio e durata: Disturbo distimico: quadro clinico caratterizzato da umore cronicamente depresso per un periodo di almeno un anno (in età adulta due anni). Nei bambini tuttavia è più frequente una condizione di umore irritabile più che depresso. 85

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Disturbi dell Umore. Storia

Disturbi dell Umore. Storia Disturbi dell Umore Storia Classificazioni in base alla sintomatologia e alla gravità Depressione psicotica e Depressione nevrotica In origine connotavano due meccanismi patogenetici diversi (endogeno

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Salute mentale Che cos è?

Salute mentale Che cos è? Salute mentale Che cos è? 01 Burnout 02 Depressione 03 Sindromi ansiose 04 Sindrome da deficit di attenzione e iperattività 05 Maniacalità 06 Disturbo ossessivo compulsivo 07 Sindromi schizofreniche 08

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL A cura di: Paolo PAPPONE Alberto CITRO Ornella NATULLO Emanuele DEL CASTELLO ISBN-13:

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO

IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO 1 Indice Introduzione 5 Capitolo 1 8 Il Disturbo Oppositivo Provocatorio: caratteristiche e percorsi di sviluppo 8 1.1 - I bambini provocatori 9 1.1.1 - L ingresso a

Dettagli

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività: caratteristiche principali del problema

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività: caratteristiche principali del problema Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività: caratteristiche principali del problema Storia Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI) è la più recente etichetta diagnostica utilizzata

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

COS'É il BULLISMO. Dott. Oliviero FACCHINETTI - www.facchinetti.net

COS'É il BULLISMO. Dott. Oliviero FACCHINETTI - www.facchinetti.net COS'É il BULLISMO Copyright - Documenti e testi non possono essere duplicati se non previo consenso scritto da parte dell' Autore. Il termine bullismo è la traduzione italiana dell'inglese " bullying "

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia

LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia di BRUCE D. PERRY (dal sito www.childtraumaacademy.org) traduzione a cura di L. Botta e M. Ronconi INTRODUZIONE

Dettagli

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia?

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Certamente è una cosa che ci infastidisce, ma a meno che non stiamo vivendo una situazione di emergenza,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

6. L'aggressività nell'adolescenza di Patricia Grimaldi Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola media, no. 17, marzo 1999, pag.

6. L'aggressività nell'adolescenza di Patricia Grimaldi Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola media, no. 17, marzo 1999, pag. 6. L'aggressività nell'adolescenza di Patricia Grimaldi Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola media, no. 17, marzo 1999, pag. 43-52 Quando si pensa all'aggressività dell'adolescente

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

Come far accettare che il problema c è.

Come far accettare che il problema c è. Tredimensioni 2(2005) 81-92 Come far accettare che il problema c è. Vincenzo Percassi * I l cammino formativo, dato che mira a formare la persona nella sua motivazione profonda e interiore, deve tenere

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli