Capitolo 7. Integrali doppi. 7.1 Motivazioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7. Integrali doppi. 7.1 Motivazioni"

Transcript

1 Cpitolo 7 Integrli doppi In questo cpitolo studieremo gli integrli per funzioni di più vribili: più precismente ci occuperemo degli integrli di funzioni di due vribili (dunque integrli doppi), m piccole vrinti dei concetti che verrnno introdotti permettono di studire gli integrli di funzioni di tre e più vribili. 7.1 Motivzioni Come per il cso degli integrli di funzioni di un vribile, il procedimento di integrzione per funzioni di due vribili nsce in modo nturle nelle ppliczioni. 1. Il clcolo di un volume Considerimo un funzione f(, ) continu, positiv e definit su un dominio rettngolre D = [, b] [c, d]. Per clcolre il volume dell zon determint dl grfico di f e dl pino e con bse D, si procede in mnier nlog qunto visto per il problem dell re per funzioni di un vribile: si suddividono [, b] e [c, d] trmite due suddivisione T e S T = { = t < t 1 < < t n+1 = b} e S = {c = s < s 1 < < s m+1 = d}, 167

2 168 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI d s 3 s s 1 c t 1 t b si sceglie un vlore ξ i,j nel rettngolo [t i, t i+1 ] [s j, s j+1 ] e si ottiene V Ṽ = i,j f(ξ i,j )(t i+1 t i )(s j+1 s j ). Rffinndo le suddivisioni T e S, Ṽ srà un pprossimzione sempre migliore di V.. Clcolo dell mss di un lstr Supponimo di vere un lstr rettngolre D = [, b] [c, d], e supponimo che ρ(, ) si l densità di mss per unità di superficie nel punto (, ): ciò signific che un piccolo rettngolo di lti ε e η vicino (, ) h un mss m ε,η ρ(, )εη. L funzione ρ(, ) non è suppost continu: in questo modo possimo tenere in conto il cso interessnte dei corpi compositi, cioè composti di diversi mterili. Anlogmente qunto visto nel cso di un vribile, dte due suddivisioni T e S di [, b] e [c, d], l mss m dell lstr è pprossimt d M M = i,j ρ(ξ i,j )(t i+1 t i )(s j+1 s j ) dove ξ i,j pprtiene l rettngolo [t i, t i+i ] [s j, s j+1 ]. Rffinndo T e S, bbimo che M è un pprossimzione sempre migliore di M. 3. Clcolo dell superficie di un regione pin Il procedimento precedente può essere utilizzto nche per clcolre l superficie di regioni curve. L ide è quest: se è un regione pin limitt con bordo curvilineo, e D è un rettngolo che l contiene, possimo considerre l funzione 1 (, ) definit d { 1 se (, ) 1 (, ) = se (, ) D \. L regione determint dl grfico di 1 ed il pino è un cilindro di bse ed ltezz costnte pri 1: dunque il suo volume è pri numericmente ll re di.

3 7.. DFINIZION DI INTGRAL 169 z Potendosi clcolre il volume trmite il procedimento di pprossimzione visto prim, concludimo che nche l re di può pprossimrsi in modo simile. 7. Definizione di integrle Motivti di discorsi precedenti, possimo formlizzre, in perfett nlogi con il cso monodimensionle, il concetto di integrle doppio per funzioni limitte definite su rettngoli. 1. Si D = [, b] [c, d], e si f : D R un funzione limitt. Dte due suddivisioni T = { = t < t 1 < < t n+1 = b} e S = {c = s < s 1 < < s m+1 = d} di [, b]e [c, d] rispettivmente, si dicono somm inferiore e somm superiore di f rispetto ll grigli T S le quntità Σ (f, T S) := i,j ( ) inf [t i,t i+1 ] [s j,s j+1 ] f (t i+1 t i )(s j+1 s j ) e ( ) Σ (f, T S) := i,j sup f [t i,t i+1 ] [s j,s j+1 ] (t i+1 t i )(s j+1 s j ). Dicimo integrle inferiore ed integrle superiore di f i vlori I (f) = sup Σ (f, T S) T,S e I (f) = inf T,S Σ (f, T S). 3. L definizione di integrbilità e di integrle doppio è l seguente.

4 17 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI Definizione 7.1 (Funzioni integrbili e integrle doppio). Si D = [, b] [c, d]. Dicimo che un funzione limitt f : D R è integrbile secondo Riemnn se I (f) = I (f). Tle vlore si indic con D f(, ) dd o b d c f(, ) dd, e si dice l integrle doppio di f su D. Come nel cso unidimensionle si h l seguente condizione d integrbilità. Proposizione 7. (C.n.s. per l integrbilità ). Condizione necessri e sufficiente ffinché un funzione limitt f : [, b] [c, d] R si integrbile secondo Riemnn è che per ogni ε > esistno un suddivisione T di [, b] ed un suddivisione S di [c, d] tli che Σ (f, T S) Σ (f, T S) < ε. Il significto geometrico dell condizione precedente è il seguente: è possibile ricoprire l superficie z = f(, ) con (, ) D trmite un fmigli di prllelepipedi ssociti d un grigli di suddivisione di D l somm dei cui volumi è piccol picere. 4. L clsse delle funzioni integrbili è molto mpi. Rgionndo come nel cso unidimensionle, si vede che risultno certmente integrbili le funzioni continue. Abbimo visto che sono interessnti nche le funzioni discontinue. Un clsse che ricorre nelle ppliczioni è quell delle funzioni continue trtti. L definizione di funzione continu trtti in un dominio bidimensionle imit quell già vist in un vribile. Sino A 1, A,...,A n insiemi perti disgiunti contenuti in D e tli che (7.1) n Ā j = D j=1 Un funzione f : D R si dice continu trtti in D se esistono un fmigli di perti A 1, A,...,A n che soffisf (7.1) e delle funzioni continue f 1, f,...,f n : D R tli che f = f j su ogni A j.

5 7.3. I DOMINI NORMALI RISPTTO AGLI ASSI 171 A j Per un condizione di integrbilità per funzioni continue trtti, rinvimo ll sezione L integrle doppio gode delle proprietà di linerità (f + bg) dd = f dd + b g dd, D D D e di confronto, cioè se f g D f dd D g dd. In prticolre, si h D f dd D f dd. 7.3 I domini normli rispetto gli ssi In quest sezione introducimo un clsse di insiemi essenzili nello studio degli integrli doppi e nelle loro ppliczioni. 1. Supponimo che α, β : [, b] R sino due funzioni tli che [, b] : α() β(). L regione di pino determint d α e β può essere descritt dll formul = {(, ) R : b, α() β()}. Si dice che è un dominio normle rispetto ll sse delle.

6 17 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI = β() = α() b. Similmente, se γ, δ : [c, d] R sono due funzioni tli che dicimo che l insieme [c, d] : γ() δ(), F = {(, ) R : c d, γ() δ()} è un dominio normle rispetto ll sse delle. d = γ() = δ() c 3. Un insieme nel pino può tlvolt essere visto come un dominio normle si rispetto ll sse delle che ll sse delle. Ad esempio il tringolo T determinto d (, ), (1, ) e (1, 1) = (1, 1) (1, )

7 7.4. INTGRAL DI UNA FUNZION SU UN INSIM 173 può essere descritto si nell form che nell form T = {(, ) R : 1, } T = {(, ) R : 1, 1}. Altri domini invece non sono normli né rispetto d un sse, né rispetto ll ltro: d esempio questo è il cso di un coron circolre. 7.4 Integrle di un funzione f su un insieme Nelle ppliczioni è utile poter integrre funzioni non solo su rettngoli, m nche su insiemi più generli (cerchi, ellissi...). È pertnto opportuno estendere il procedimento di integrzione su insiemi con bordi curvilinei. 1. Come bbimo visto nell sezione delle motivzioni (prlndo di re di regioni pine), dt un funzione integrbile f : D R con D = [, b] [c, d], un modo rgionevole per definire il suo integrle su un insieme D è quello di porre f dd = f1 dd. D z z = f(, ) D

8 174 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI In questo modo, ponendo f ugule zero fuori di, ci si concentr solo su qunto ccde nell insieme. L definizione risult ben post se f1 è un funzione integrbile: ciò è grntito se 1 risult integrbile, perché il prodotto di funzioni integrbili risult integrbile.. Gli insiemi tli che 1 si integrbile si dicono insiemi misurbili secondo Riemnn. Pertnto è ben definit l integrzione su insiemi di questo tipo. Dll interpretzione geometric dell integrbilità, e dll form prticolre del grfico di 1, si vede che l integrbilità secondo Riemnn è equivlente l ftto che il bordo di poss essere ricoperto medinte un fmigli finit di rettngoli l somm delle cui ree è piccol picere. Ciò viene sintetizzto dicendo che h re null. Dunque possimo concludere che l integrbilità secondo Riemnn di un insieme è equivlente l ftto che il suo bordo bbi re null. Sono sicurmente misurbili secondo Riemnn gli insiemi normli rispetto gli ssi determinti d funzioni integrbili di un vribile. Questo discende immeditmente dl ftto che i bordi di tli insiemi sono costituiti d due segmenti e d due curve: i segmenti hnno chirmente re null; le curve pure hnno re null perché ciò discende dll integrbilità delle due funzioni. 3. Tornimo ll integrbilità delle funzioni continue trtti f : D R cui bbimo ccennto nell Sezione 7.: se A 1,...,A n e f 1,..., f n sono gli insiemi perti in D e le funzioni continue ssocite f secondo l definizione di funzione continu trtti, si h n f = f j 1 Aj + g j=1

9 7.4. INTGRAL DI UNA FUNZION SU UN INSIM 175 dove g è non null solo su n j=1 A j. Supponimo che A 1,...,A n sino integrbili secondo Riemnn. Allor ogni funzione f j 1 Aj è integrbile secondo Riemnn, ed essendo n j=1 A j di re null, un verific dirett mostr che nche g lo è. Dunque f risult integrbile in qunto somm di funzioni integrbili. ssendo n j=1 A j di re null, gli insiemi perti A 1,...,A n formno essenzilmente un prtizione di D (rimne escluso solo un insieme di re null). Possimo rissumere l condizione trovt dicendo che un funzione continu trtti è integrbile se i bordi dell prtizione ssocit sono di re null. Ciò ccde d esempio se A j h lunghezz finit. 4. Sino D = [, b] [c, d], 1, D insiemi misurbili secondo Riemnn, e sino f, g : D R funzioni integrbili. Vlgono le seguenti proprietà : () se 1 = f dd = 1 f dd + 1 f dd; (b) se 1 f dd = f dd f dd; \ 1 1 (c) se f(, ) g(, ) per ogni (, ), f dd (d) se h re null (e) si h f dd = ; f dd g dd; f dd; (f) se 1 = e f(, ) se (, ) 1 h(, ) = g(, ) se (, ) se (, ) D \ ( 1 ), h è integrbile e h dd = 1 f dd + 1 g dd.

10 176 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI 5. Come nel cso di funzioni di un vribile, l simmetri dell funzione f(, ) può gevolre il clcolo di un integrle doppio. Per esempio se f(, ) è un funzione pri in f(, ) = f(, ), ed è un insieme misurbile simmetrico rispetto ll sse delle, cioè (, ) = (, ) si h dove f(, ) dd = f(, ) dd, + + := {(, ) : > }. Geometricmente, il risultto dice semplicemente che l regione dello spzio di cui dobbimo clcolre il volume è simmetric rispetto l pino =, per cui tle volume è semplicemente il doppio del volume dell regione nel semispzio. z z = f(, ) Similmente si h che se f(, ) è un funzione dispri in, cioè f(, ) = f(, ) ed è un insieme misurbile simmetrico rispetto ll sse delle, llor si h f(, ) dd =. Geometricmente, il risultto dice semplicemente che le due regioni pprtenenti i semispzi e hnno lo stesso volume m con segno differente.

11 7.5. FORMUL DI RIDUZION 177 z z = f(, ) Anloghe considerzioni si possono fre se f h un prticolre simmetri in ed il dominio è simmetrico rispetto ll sse dell. 7.5 Formule di riduzione Fino questo momento non bbimo un metodo prtico per clcolre un integrle doppio che non si quello di pplicre l definizione. Le formule di riduzione di cui ci occupimo in quest sezione, permettono di ridurre il clcolo di un integrle doppio l clcolo di due integrli per funzioni di un vribile. 1. Le formule di riduzione consistono nell integrre prim rispetto d un vribile e poi rispetto d un ltr. Proposizione 7.3 (Formule di riduzione). Si D = [, b] [c, d], e si f : D R un funzione integrbile. Supponimo che per ogni [, b] l ppliczione f(, ) si integrbile su [c, d]. Allor l ppliczione è integrbile sull intervllo [, b] e si h b d c d f(, ) dd = c f(, ) d b ( d c ) f(, ) d d. Similmente se per ogni [c, d] l ppliczione f(, ) è integrbile su [, b], llor l ppliczione è integrbile sull intervllo [c, d] e si h b d c b f(, ) dd = f(, ) d d c ( b ) f(, ) d d.

12 178 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI L interpretzione geometric dell prim formul di riduzione è l seguente (in mnier nlog si rgion per l second): si sezion l regione tridimensionle A sottes dll superficie z = f(, ) con pini del tipo = k, ottendo un regione pin A di cui si clcol l re. Il volume di A si ottiene integrndo rispetto le ree di A l vrire di in [, b]. z z = f(, ) A Dimostrzione. Vedimo l dimostrzione dell prim formul di riduzione (per l second il rgionmento è nlogo). Poiché per ogni [, b] l ppliczione f(, ) è integrbile su [c, d], è ben definit l funzione g() = d c f(, ) d. L tesi è dimostrt se vedimo che g è integrbile e che b g() d = b d c f(, ) dd. Sino T e S due suddivisioni di [, b] e [c, d] T = { = t < t 1 < < t n+1 = b} e S = {c = s < s 1 < < s m+1 = d}. Notimo che per definizione di integrle si h g() = d c f(, ) d Σ (f(, ), S) = m ( ) inf f(, ) (s j+1 s j ) [s j,s j+1 ] j=

13 7.5. FORMUL DI RIDUZION 179 e dunque Concludimo che Σ (g, T) = n i= inf g() m ( [t i,t i+1 ] j= n ( i= m ( j= inf g() [t i,t i+1 ] inf f [t i,t i+1 ] [s j,s j+1 ] inf f [t i,t i+1 ] [s j,s j+1 ] ) (t i+1 t i ) ) (s j+1 s j ). ) (t i+1 t i )(s j+1 s j ) = Σ (f, T S) cioè che Σ (g, T) Σ (f, T S). Similmente si dimostr che Σ (f, T S) Σ (g, T). Pssndo l sup e ll inf sulle possibili suddivisioni T e S ottenimo le disuguglinze Poiché f è integrbile su D, si h I (f) I (g) e I (g) I (f). per cui deducimo I (f) = I (f) = b d c f(, ) dd b d f(, ) dd I (g) I (g) b d c c Abbimo dunque che g è integrbile e che f(, ) dd. che è l tesi. b g() d = b d c f(, ) dd Vedimo un esempio di ppliczione delle formul di riduzione. sempio 7.4. Se D = [, 1] [, ], si h 1 dd = dd = D = 1 [ ] d = 1 1 ( ) d d d = [ ] 1 = 1.

14 18 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI. Le formule di riduzione su un rettngolo forniscono le formule di riduzione per domini normli rispetto gli ssi. Se d esempio è un dominio normle rispetto ll sse delle determinto d due funzioni integrbili α() e β() con b, si h che l integrle di un funzione integrbile f su è dto d ( b ) β() f(, ) dd = f(, ) d d. Similmente se F D è un dominio normle rispetto ll sse delle individuto dlle funzioni integrbili γ, δ : [c, d] R, si h ( d δ() ) f(, ) dd = f(, ) d d. F c α() γ() = β() d = γ() = δ() = α() c b Tli formule si deducono immeditmente dlle formule di riduzione nel rettngolo. Ad esempio, per qunto rigurd i domini normli rispetto ll sse, bst notre che l sezione A dell zon determint d f con bse è semplicemente l zon sotto il grfico di f(, ) sull intervllo [α(), β()]: dunque l re di A è semplicemente β() α() f(, ) d e quindi l integrle doppio si ottiene integrndo tle quntità rispetto [, b]. z z = f(, ) α() = A = b β()

15 7.5. FORMUL DI RIDUZION 181 sempio 7.5. Clcolimo l integrle doppio ( + ) dd dove = {(, ) R : 1, }. = 1 Si h ( + ) dd = = 1 1 ( ) ( + ) d d = ( ) [ 4 d = [ + ] 1 ] d = = Notimo che trmite le formule di riduzione possimo riottenere un risultto già visto studindo gli integrli di un vribile: precismente l re del dominio normle rispetto ll sse dto d = {(, ) R : b, g() f()} = f() = g() b

16 18 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI è dt chirmente dll differenz delle ree determinte di grfici di f e g, cioè b [f() g()] d. Trmite gli integrli doppi e le formule di riduzione si h ( b ) f() Are() = dd = d = b e si ottiene precismente l stess formul. [f() g()] d 7.6 Formul del cmbimento di vribili In quest sezione ci occupimo dell nlogo per gli integrli doppi dell formul d integrzione per sostituzione per funzioni di un vribile. 1. Inizimo con il definire cos intendimo per cmbimento di coordinte. Si U un perto di R, e dicimo (, ) il suo generico punto. Cmbire le coordinte in U signific pssre nuove coordinte u, v legte lle vecchie d un relzione del tipo { = Φ 1 (u, v) = Φ (u, v). Al vrire di (, ) in U, le coordinte (u, v) descrivono un insieme V. Si dice che Φ è un cmbimento di coordinte di clsse C 1 se Φ : V U è un ppliczione di clsse C 1, invertibile e tle che l invers Φ 1 : U V si di clsse C 1. Il cmbimento di coordinte può nche essere pensto come un trsformzione tr V e U l cui legge è dt d Φ, e che mmette invers Φ 1. Φ g() (u, v) V Φ 1 (, ) U sempio 7.6. Ad esempio { = u + v = u + v è un cmbimento di coordinte di clsse C 1 in R il cui inverso è dto d { u = v =.

17 7.6. FORMULA DL CAMBIAMNTO DI VARIABILI 183 sempio 7.7 (Le coordinte polri). Sono molto utili nelle ppliczioni le coordinte polri pine: si descrive (, ) trmite (r, ϑ) dove r è l lunghezz del vettore determinto d (, ), e ϑ è l ngolo che esso determin con l sse delle scisse come in figur. (, ) r ϑ Se descrivimo d esempio l insieme U = {(, ) R : 1 + 4, } trmite le coordinte polri, ottenimo che (r, ϑ) vrino nel rettngolo V 1 r e π ϑ π.. Dicimo jcobino del cmbimento di coordinte Φ l ppliczione J Φ : V R definit d ( Φ1 Φ 1 ) J Φ (u, v) = det u v. Possimo dre un significto geometrico J Φ (u, v) nel seguente modo. Φ u Φ v

18 184 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI v γ (t) u Φ γ 1 (t) Se prendimo un qudrto Q ε di lto ε molto piccolo con un vertice in (u, v ), trmite Φ esso viene trsformto in un poligono A ε lti curvilinei: in prticolre il segmento (u + t, v ) con t ε viene modificto nell curv γ 1 (t) = (Φ 1 (u + t, v ), Φ (u + t, v )) mentre il segmento (u, v + t) con t ε viene modificto nell curv γ (t) = (Φ 1 (u, v + t), Φ (u, v + t)). Per ε piccolo, queste due curve sono ben pprossimte dll rette tngenti in (, ) = Φ(u, v ) le cui direzioni sono dte d ( γ 1() Φ1 = (u, v ), Φ ) (u, v ) e γ () = ( Φ1 (u, v ), Φ ) (u, v ). γ () (, ) γ 1 () Dunque si h per ε piccolo e per t ε γ 1 (t) γ 1 () + tγ 1() = (, ) + tγ 1() e γ (t) γ () + tγ () = (, ) + tγ ()

19 7.6. FORMULA DL CAMBIAMNTO DI VARIABILI 185 Quindi l re di A ε è pprossimt dll re del prllelogrmm con un vertice in (, ) e con lti dti d εγ 1() e εγ (): ricordndo il significto del prodotto vettorile tr due vettori, quest re è dt d M εγ 1 () εγ () = ε γ 1 () γ (). γ 1 () γ () = J Φ(u, v ). Dunque J Φ (u, v ) può essere interpetrto come il rpporto J Φ (u, v ) = lim ε Are(A ε ) Are(Q ε ). 3. Possimo or enuncire l nlogo dell integrzione per sostituzione per gli integrli doppi. Proposizione 7.8 (Cmbimento di vribili). Sino U, V due perti di R, e si Φ : V U un cmbimento di coordinte di clsse C 1. Si f : U R un funzione continu. Allor per ogni insieme misurbile secondo Riemnn U tle che U, si h che Φ 1 () è misurbile e f(, ) dd = f(φ 1 (u, v), Φ (u, v)) J Φ (u, v) dudv. Φ 1 () In prticolre, scegliendo f = 1 si h Are() = Φ 1 () J Φ (u, v) dudv. L dimostrzione rigoros dell formul del cmbimento di vribili è compless, m l ide che ne st ll bse è tutt contenut nel significto geometrico del termine J Φ (u, v) che bbimo visto l punto precedente. Inftti un somm di Riemnn dell integrle secondo membro rispetto d un qudretttur nel pino (u, v) con qudrti Q ij ε di lto ε e con il vertice in bsso sinistr dto d (u ij, v ij ) è dt d S ε = i,j f(φ(u ij, v ij )) J Φ (u ij, v ij ) Are(Q ij ε ). M se Φ(u ij, v ij ) = ( ij, ij ), e A ij ε è il trsformto trmite Φ di Q ij ε, llor grzie l significto geometrico di J Φ, per ε piccolo tle somm è prossim S ε i,j f( ij, ij )Are(A ij ε ). Il secondo membro è un somm di Riemnn per l integrle primo membro reltivo d un qudretttur curviline nel pino dt di qudrilteri curvilinei A ij ε e pertnto S ε pprossim l integrle doppio inizile.

20 186 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI v Q ij ε A ij ε u sempio 7.9. Clcolimo dove Fccimo il cmbimento di vribili { = u cioè Φ(u, v) = (u, u v). Si h L insieme T divent l insieme per cui I = T Φ ( ) 1 + ( ) dd T = {(, ) R :, }. = v J Φ (u, v) = det = { = u ( = u v ) = 1. u, v v du dv = 1 + v = [v rctn v] = ( rctn). v 1 + v dv = v dv 4. Nel cso delle coordinte polri pine si h che J Φ (r, ϑ) = r così che si h f(, ) dd = f(r cos ϑ, r sin ϑ)rdrdϑ. sempio 7.1. Considerimo I = Φ 1 () T dd dove T = {(, ) R : + 4,, }.

21 7.6. FORMULA DL CAMBIAMNTO DI VARIABILI = 4 Allor con il cmbimento di coordinte polri, bbimo che T divent l insieme S = [, ] [, π/] e dunque I = (r cos ϑ)r dr dϑ = = = π 4 S π r 31 + cos ϑ r 3 dr = π 4 [ r 4 4 drdϑ = ] = π. π r 3 cos ϑdr dϑ r 3 [ ϑ ] π/ sin ϑ + 4 dr sempio Vedimo or come gli integrli doppi e l sostituzione con le coordinte polri ci permettno di clcolre il seguente integrle I = + e d che risult fondmentle in teori dell probbilità. Tle integrle è d intendersi come I = lim + I = lim + e d. Innnzitutto si può vedere che I è finito dl momento che (us lo sviluppo di Tlor) e lim e d + lim + e d lim [ + rctn] = π.

22 188 CAPITOLO 7. INTGRALI DOPPI Considerimo l integrle doppio e T dd dove > e Trmite le coordinte polri si h Deducimo che e T D ltro cnto, si h che lim + T = { (, ) R : + }. dd = π = π e r rdrdϑ re r dr = π lim e dd = π. + T e T [ ] 1 e. dd = lim e dd + Q dove Q indic il qudrto [, ] [, ], dl momento che entrmbi gli integrli stnno tendendo ll integrle di e su tutto il pino. Dlle formule di riduzione si h che dd = e d e d = I. Dunque ottenimo d cui e Q I = I = lim + I = π + sercizi e d = π. 1. Si R un insieme limitto. Dimostrre che è misurbile secondo Riemnn se e solo se h re null.. Si γ : [,b] R un curv di clsse C 1 e di lunghezz finit: dimostrre che γ([,b]) h re null. 3. Si = [,1] Q. Dimostrre che non è misurbile secondo Riemnn. 4. Trovre un funzione f : [,1] R non integrbile secondo Riemnn.

23 7.6. FORMULA DL CAMBIAMNTO DI VARIABILI Sino f : [,1] [,] R e g : [1,] [,] R due funzioni integrbili secondo Riemnn, e si h : [,] R un funzione qulsisi. Dimostrre che l funzione u : [,] R è integrbile secondo Riemnn. f(,) se [,1[ u(,) = g(,) se ]1,] h() se = 1 6. Si f : [,1] R integrbile secondo Riemnn. È vero che per ogni [,1] l funzione g() = f(,) è integrbile secondo Riemnn? 7. Si un insieme simmetrico rispetto ll sse, e si f : R un funzione integrbile secondo Riemnn pri rispetto. Sino = { < } e + = { > }. Trmite l formul del cmbimento di vribili dimostrre che f(,)dd = f(,)dd + così che (Suggerimento: consider Φ(u, v) = ( u, v).) f(,)dd = f(,)dd Si un insieme simmetrico rispetto ll sse, e si f : R un funzione integrbile secondo Riemnn dispri rispetto. Sino = { < } e + = { > }. Trmite l formul del cmbimento di vribili dimostrre che f(,)dd = f(,)dd così che (Suggerimento: consider Φ(u, v) = ( u, v).) f(,)dd =.

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata Cpitolo 5 Integrli 5.1 Integrli di funzioni grdint Un concetto molto semplice m di fondmentle importnz per l trttzione dell integrle di Riemnn è quello di divisione di un intervllo [, b]. In sostnz si

Dettagli

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale.

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale. Cpitolo 1 Integrle di Riemnn In questo cpitolo svilupperemo l teori dell integrzione secondo Riemnn per funzioni di un vribile rele. 1.1 Motivzioni Considerimo i seguenti problemi. 1. Clcolo di un re.

Dettagli

1 Integrali doppi di funzioni a scala su rettangoli

1 Integrali doppi di funzioni a scala su rettangoli INEGRALI DOPPI L prim motivzione per lo studio degli integrli di funzioni di due vribili è il lolo di volumi, in nlogi on l pplizione degli integrli di funzioni di un vribile l lolo di ree. L proedur di

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milno orso di Anlisi e Geometri 1 Federico Lstri federico.lstri@polimi.it Integrli curvilinei di prim specie (integrli di densità) 15 Dicembre 215 Indice 1 Integrli di line di prim specie

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura.

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura. 7.5. BAICENTI 99 P J Q Gli ssi HJ e PQ (che isecno i lti opposti del rettngolo) sono ssi di simmetri mterile. il ricentro dell lmin coincide con l intersezione dei due ssi: G, G H Esempio 7.18 (Bricentro

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler Determinnti e crtteristic di un mtrice (M.S. Bernbei & H. Thler Determinnte Il determinnte può essere definito solmente nel cso di mtrici qudrte Per un mtrice qudrt 11 (del primo ordine) il determinnte

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Appunti di calcolo integrale

Appunti di calcolo integrale prte II Integrle definito Liceo Scientifico A. Volt - Milno 23 mrzo 2017 Integrle definito Si y = f (x) un funzione continu in I = [, b]. Si chim trpezoide l figur curviline pin delimitt: dl grfico dell

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Matematica I, Funzione integrale

Matematica I, Funzione integrale Mtemtic I, 24.0.2. Funzione integrle Definizione Sino f : A R, funzione continu su A intervllo, e c in A. L funzione che ssoci d ogni in A l integrle di f sull intervllo [c, ], viene dett funzione integrle

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n.

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n. Cmpi Ultimo ggiornmento: 18 febbrio 217 Un funzione F di n vribili reli e vlori in R n è dett cmpo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A perto di R n. 1. Integrli curvilinei di second specie

Dettagli

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo Lure triennle in Scienze dell Ntur.. 2009/200 Regole di Clcolo In queste note esminimo lcune conseguenze degli ssiomi reltivi lle operzioni e ll ordinmento nell insieme R dei numeri reli. L obiettivo principle

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto

Dettagli

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito Cpitolo 9 Clcolo integrle 9.1 Primitive ed integrle inde nito De nizione 9.1 Assegnt un funzione f : A! R, si de nisce primitiv di f un qulunque funzione F : A! R derivbile, tle che F 0 (x) = f(x), per

Dettagli

Integrale definito (p.204)

Integrale definito (p.204) Integrle definito (p.4) Trttimo dei cenni sull teori dell integrzione nel cso di funzioni continue (integrle di Cuchy). Gli integrli si estendono l cso di funzioni limitte (integrle di Riemnn). Nel clcolo

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Analisi e Geometria 1

Analisi e Geometria 1 Anlisi e Geometri Esercizi sugli integrli Integrli propri. Clcolre i seguenti integrli immediti: I = I = I 5 = ln e e d I = e + e + 6e + e d I = rtg ln ( + ln ) d I 6 = e e + d d rtg + ( + ) ( + ( + )

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei.

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei. 8. Prodotto sclre, Spzi Euclidei. Ricordimo l definizione di prodotto sclre di due vettori del pino VO 2 (vle in modo del tutto nlogo nche in VO 3 ). Definizione: Sino v, w VO 2 e si θ l ngolo convesso

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

II-8 Integrale di Riemann

II-8 Integrale di Riemann II-8 INTEGRALE DI RIEMANN DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN II-8 Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

x = x(t) y = y(t) t [a, b]

x = x(t) y = y(t) t [a, b] Dt un curv continu. Curve ed integrli di line : t [, b] i punti () = (x(), y()) e (b) = (x(b), y(b)) si chimno primo e secondo estremo dell curv, rispettivmente. L curv si dice chius se () = (b). L curv

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α Trigonometri I In quest prim prte dell trigonometri denimo le funzioni trigonometriche seno, coseno e tngente e le loro funzioni inverse. Vedremo nche come utilizzrle nell risoluzione dei tringoli. Comincimo

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 6/7 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica 54 Unità Didttic N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic U.D. N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic ) Le coordinte crtesine ) L distnz tr due punti 3) Coordinte del punto medio di un segmento 4) Le

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica IV M.K.Venkatesha Murthy e Maria Stella Gelli Il Teorema di Gauss-Green

Appunti di Analisi Matematica IV M.K.Venkatesha Murthy e Maria Stella Gelli Il Teorema di Gauss-Green Appunti di Anlisi Mtemtic IV M.K.Venktesh Murthy e Mri Stell Gelli Il Teorem di Guss-Green L nozione di integrle di un form differenzile è di importnz fondmentle in Anlisi ed in Fisic per le sue ppliczioni.

Dettagli

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - Fcoltà di Frmci e Medicin - Corso di Lure in CTF 1 Equzioni e disequzioni di secondo grdo Sino 0, b e c tre numeri reli noti, risolvere un equzione di secondo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

lungo la curva. 2 x 2 + y 2 (4p)v- Si calcoli il raggio di curvatura nei vari istanti e in funzione della posizione. =: L.

lungo la curva. 2 x 2 + y 2 (4p)v- Si calcoli il raggio di curvatura nei vari istanti e in funzione della posizione. =: L. Anlisi Mtemtic II, Anno Accdemico 7-8. Ingegneri Edile e Architettur Vincenzo M. Tortorelli 5 Settembre 7: prim prov in itinere. N. mtr./nno iscr. Cognome docente/ crediti Nome Istruzioni l fine dell vlutzione:

Dettagli

Ellisse riferita al centro degli assi

Ellisse riferita al centro degli assi Appunti delle lezioni tenute in clsse: ellisse e iperole Ellisse riferit l centro degli ssi Dti due punti F ed F detti fuochi, l ellisse è il luogo geometrico dei punti P del pino per cui è costnte l somm

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA a ( ) { } f con, è la parabola di equazione y = ax + bx + c. Vogliamo disegnarla. 2

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA a ( ) { } f con, è la parabola di equazione y = ax + bx + c. Vogliamo disegnarla. 2 APPENDICE 1 AL CAPITOLO 3: RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA Per 0 l insieme,y / y = + + c, grfico dell funzione f = + + c { } f con, è l prol di equzione y = + + c Voglimo disegnrl non è difficile

Dettagli

Moto in due dimensioni

Moto in due dimensioni INGEGNERIA GESTIONALE corso di Fisic Generle Prof. E. Puddu LEZIONE DEL 24 SETTEMBRE 2008 Moto in due dimensioni Spostmento e velocità Posizione e spostmento L posizione di un punto mterile nel pino è

Dettagli

Un polinomio trigonometrico di grado N nell intervallo [ π, π] è una funzione g(x), periodica di periodo 2π, della forma. c n e inx.

Un polinomio trigonometrico di grado N nell intervallo [ π, π] è una funzione g(x), periodica di periodo 2π, della forma. c n e inx. Cpitolo 6 Serie di Fourier 6.1. Introduzione Un polinomio trigonometrico di grdo N nell intervllo [, π] è un funzione g(x), periodic di periodo, dell form g(x) = N n= N c n e inx per un qulche scelt delle

Dettagli

a monometriche Oxy, l equazione cartesiana di Γ è: y =

a monometriche Oxy, l equazione cartesiana di Γ è: y = Y557 - ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Tem di: MATEMATICA Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ

Dettagli

4.7 RETICOLO RECIPROCO

4.7 RETICOLO RECIPROCO 4.7 RETICOLO RECIPROCO L teori clssic dell elettromgnetismo mostr che qundo un ond elettromgnetic (e.m.) di un dt lunghezz d ond λ incontr un ostcolo di dimensioni confrontbili con λ si verific il fenomeno

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 7/8 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4 DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle di Riemnn 4 4 Clcolo dell integrle

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

Esercizi su spazi ed operatori lineari

Esercizi su spazi ed operatori lineari Esercizi su spzi ed opertori lineri Corso di Fisic Mtemtic 2,.. 2013-2014 Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno 23 Ottobre 2013 1 Spzio L 2 Esercizio 1. Per = 0, b = 1, dire quli delle seguenti funzioni

Dettagli

Calcolo Vettoriale. Fisica I - Lezione 01. Cristiano Guidorzi Dipartimento di Fisica Universitá di Ferrara

Calcolo Vettoriale. Fisica I - Lezione 01. Cristiano Guidorzi Dipartimento di Fisica Universitá di Ferrara Fisic I - Leione 01 Cristino Guidori Diprtimento di Fisic Universitá di Ferrr guidori@fe.infn.it http://www.fe.infn.it/ guidori/ 21 Novembre 2002 Fisic I - A.A. 2002-2003 Leione 01 Definiioni e Notioni

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Calcolo integrale per funzioni di una variabile Cpitolo 10 Clcolo integrle per funzioni di un vribile 10.1 Funzioni primitive Abbimo studito il problem di dedurre d un dt funzione l su derivt. Voglimo or occuprci del problem inverso: dt un funzione

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

Ingegneria dei Sistemi Elettrici_2 a (ultima modifica 08/03/2010)

Ingegneria dei Sistemi Elettrici_2 a (ultima modifica 08/03/2010) Ingegneri dei Sistemi Elettrici_2 (ultim modific 08/03/2010) Prim di definire le grndee di bse e le costnti universli del modello elettromgnetico per poter sviluppre i vri temi dell elettromgnetismo, si

Dettagli

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva.

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva. Approssimzione numeric di: Motivzioni. Integrzione numeric I(f) = f(x)dx. Non sempre si riesce trovre l form esplicit dell primitiv. Vlutzione costos dell primitiv. L funzione d integrre può essere dt

Dettagli

Risoluzione verifica di matematica 3C del 17/12/2013

Risoluzione verifica di matematica 3C del 17/12/2013 Problem 1 Risoluzione verific di mtemtic C del 17/1/01 Si clcolno le intersezioni tr le rette generiche del fscio proprio y x y 1, risolvendo il sistem: x y 1 y mx Si ottengono i punti di coordinte espresse

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLASSI 3 S.M. DA CONSEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI SPORTELLO

LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLASSI 3 S.M. DA CONSEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI SPORTELLO LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLAI.M. DA CONEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI PORTELLO DEVI RIOLVERE PRIMA DI TUTTO I PROBLEMI E GLI EERCIZI QUI ELENCATI. TERMINATI QUETI, RIOLVI ALCUNI

Dettagli

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/000 rispettivmente, hnno entrmbe come sostegno l circonferenz unitri di centro l'origine, m sono due curve distin

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/000 rispettivmente, hnno entrmbe come sostegno l circonferenz unitri di centro l'origine, m sono due curve distin CURVE IN IR N. Denizione e prime propriet. Si I un intervllo contenuto in IR. Dt un N-pl di funzioni f i : I! IR, i =;:::;N, indicheremo con f : I! IR N l funzione che d ogni punto x I ssoci l N-pl fx)

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO SCIENZE UMANE MARCONI DELPINO

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO SCIENZE UMANE MARCONI DELPINO LICEO SCIENTIFICO CLASSICO SCIENZE UMANE MARCONI DELPINO RECUPERO ESTIVO PER LE CLASSI ^D- E SCIENTIFICO Argomenti d rivedere: I QUADRIMESTRE: ) Equzioni di secondo grdo e relzioni tr coefficienti e rdici

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 2 Anno accademico

ANALISI MATEMATICA 2 Anno accademico ANALISI MATEMATICA 2 Anno ccdemico 27-8 ELENCO delle DEFINIZIONI e TEOREMI del CORSO DISPENSE Principio di sostituzione pg. 5 Integrli impropri pg. Serie numeriche pg. 27 Integrli Doppi pg. 43 SINTESI

Dettagli

Considerazioni sulla costante di normalizzazione della distribuzione normale ridotta.

Considerazioni sulla costante di normalizzazione della distribuzione normale ridotta. Considerzioni sull costnte di normlizzzione dell distribuzione normle ridott + () e d π Autore : Antonio Irlori, docente di Mt e Fis presso il Liceo Scientifico G Glilei di Lncino Abstrct Si present un

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Integrale di Riemann su R n

Integrale di Riemann su R n CAPITOLO 5 Integrle di iemnn su n 1. Funzioni integrbili secondo iemnn In questo cpitolo dremo l definizione di funzione integrbile secondo iemnn su n. Come già ftto nel cso delle funzioni integrbili su,

Dettagli