LA DISTRIBUZIONE DEI COSTI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DISTRIBUZIONE DEI COSTI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE)"

Transcript

1

2 LA DISTRIBUZIONE DEI COSTI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) HARDWARE SOFTWARE PERSON SERVIZI COSTI DIVERSI TOTALE COSTI EAD di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio costo esercizio costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio freq. anno classe DV001 Tav. 24

3

4

5 LA GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO DISTRIBUZIONE DEI COSTI EAD 1998 PER NATURA ECONOMICA (Prime sette classi dimensionali) 100% 5,9 1,0 2,4 4,2 3,1 19,1 80% 45,4 39,8 50,3 60% 22,0 75,7 DIVERSI SERVIZI 40% 25,7 13,8 16,2 12,0 PERS.+ADD. SOFTWARE HARDWARE 20% 27,3 23,0 3,6 3,9 15,9 15,4 19,3 14,8 20,6 19,9 0% IN OUT F.MAN ALTRO INTERO CAMPIONE DZ005 Tav. 27

6 I COSTI HARDWARE VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) SOTTOSISTEMA CENTRALE SOTTOSISTEMA TRASMISSIVO SOTTOSISTEMA PERIFERICO SOTTOSISTEMA SPECIALIZZATO TOTALE HARDWARE di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio freq. anno classe DV003 Tav. 28

7

8

9

10

11

12

13 I COSTI DEL SOFTWARE ACQUISITO DALL'ESTERNO VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) SOTTOSISTEMI CENTRALI SOTTOSISTEMI TRASMISSIVI SOTTOSISTEMI PERIFERICI SOTTOSISTEMI SPECIALIZZATI TOTALE SOFTWARE di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio freq. anno classe DV004 Tav. 35

14 I COSTI DEL SOFTWARE ACQUISITO DALL'ESTERNO VALORI MEDI (MILIONIDI LIRE) SOFTWARE DI BASE PACCHETTI APPLICATIVI APPLICAZ. CHIAVI IN MANO SERV. ANALISI E PROGRAMM. classe anno freq. costo esercizio di cui costo della manutenzione di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo degli ammortamenti costo esercizio di cui costo della manutenzione di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo degli ammortamenti SOTTOSISTEMI CENTRALI SOTTOSISTEMI PERIFERICI SOTTOSISTEMI SPECIALIZZATI costo esercizio di cui costo della manutenzione di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo degli ammortamenti costo esercizio di cui costo della manutenzione di cui costo del noleggio e altre spese di cui costo degli ammortamenti DV005 Tav. 36

15

16

17

18 I COSTI DEL PERSONALE EAD E DELL'ADDESTRAMENTO VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) PERSONALE EAD INTERNO AL SERVIZIO PERSONALE EAD ESTERNO AL SERVIZIO TOTALE PERSONALE EAD ADDESTR. TOTALE classe anno freq. Addetti funzioni di sistema Addetti funzioni applicative Addetti funzioni di esercizio Addetti funzioni di staff Totale personale EAD interno Addetti funzioni di sistema Addetti funzioni applicative Addetti funzioni di esercizio Addetti funzioni di staff Totale personale EAD esterno Addetti funzioni di sistema Addetti funzioni applicative Addetti funzioni di esercizio Addetti funzioni di staff Totale personale EAD Addestramento del personale Totale personale e addestramento DV007 Tav. 40

19

20

21

22 I COSTI DEI SERVIZI RICEVUTI DA TERZI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) SERVIZI DA TERZI Totale costi RNI SWIFT Installazione apparecchiature Banche dati Reti a valore aggiunto Marcatura magnetica doc Registrazione dati Consulenza Assistenza sistemistica Gest esterna servizi vari Gest esterna reti TD Disaster Recovery Outsourcing Facility Management freq. anno classe DV008 Tav. 44

23

24 I COSTI DIVERSI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) PERS APP AUS APPARECCHIATURE AUSILIARIE MAT. AUSIL IMPIANTI TECNOLOGICI ENERG IMMOBILI ASSICUR PERS D ENTRY PERS SUPP TOTALE DIVERSI di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio costo esercizio costo esercizio costo esercizio di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio costo esercizio di cui costo degli ammortamenti di cui costo del noleggio, leasing e altre spese di cui costo della manutenzione costo esercizio costo esercizio freq. anno classe DV009 Tav. 46

25 ANALISI DEI COSTI EAD 1998 PER ATTIVITA' DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER VOCE DI COSTO TOTALE COSTI PER ATTIVITA' COSTI DIVERSI COSTI DEI SERVIZI RICEVUTI DA TERZI COSTI DEL PERSONALE COSTI DEL SOFTWARE COSTI DELL'HARDWARE Attività Centro EAD A B C D E F Elaborazione centrale e 1.00 memorizzazione magnetica 17,70 13,96 14,85 46,98 6,51 100, Stampa e imbustazione centralizzata 14,95 4,62 14,09 24,59 41,75 100, Trasmissione dati 75,98 1,08 7,72 10,09 5,13 100,00 Acquisto, Sviluppo e Manutenzione 4.00 procedure applicative Sott.Centrale 3,26 61,10 28,46 5,09 2,09 100, Elaborazione periferica 66,31 9,86 7,39 15,38 1,06 100,00 Acquisto, Sviluppo e Manutenzione 6.00 procedure applicative Sott.Periferico 48,82 43,85 7,33 100, Sottosistemi specializzati 21,72 43,71 22,58 11,20 0,79 100, Altre attività 7,43 89,11 3,46 100, TOTALE COSTI CENTRO EAD 24,22 23,86 16,79 30,62 4,51 100,00 DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER ATTIVITA' TOTALE COSTI PER ATTIVITA' COSTI DIVERSI COSTI DEI SERVIZI RICEVUTI DA TERZI COSTI DEL PERSONALE COSTI DEL SOFTWARE COSTI DELL'HARDWARE Attività Centro EAD A B C D E F Elaborazione centrale e 1.00 memorizzazione magnetica 18,30 14,65 22,13 38,39 36,14 25, Stampa e imbustazione centralizzata 1,88 0,59 2,56 2,45 28,29 3, Trasmissione dati 25,19 0,36 3,69 2,65 9,14 8,03 Acquisto, Sviluppo e Manutenzione 4.00 procedure applicative Sott.Centrale 3,10 58,97 39,02 3,83 10,67 23, Elaborazione periferica 47,39 7,15 7,62 8,69 4,07 17,31 Acquisto, Sviluppo e Manutenzione 6.00 procedure applicative Sott.Periferico 9,81 12,51 1,15 4, Sottosistemi specializzati 4,14 8,47 6,22 1,69 0,81 4, Altre attività 6,25 41,15 10,88 14, TOTALE COSTI CENTRO EAD 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 DU004-DU005 Tav. 47

26 ANALISI DEI COSTI EAD 1998 PER ATTIVITA' DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER ATTIVITA' COSTI DELL'HARDWARE COSTI DEL SOFTWARE COSTI DEL PERSONALE COSTI DEI SERVIZI RICEVUTI DA TERZI COSTI DIVERSI TOTALE COSTI PER ATTIVITA' BANCHE IN INSOURCING (35) % % % % % % 1.00 Elab. centrale e mem. magnetica 23,29 16,42 24,02 9,42 37,75 19, Stampa centralizzata 2,35 0,72 2,99 1,07 30,68 3, Trasmissione dati 25,34 0,42 3,86 2,41 6,76 8,88 Acquisto,Sviluppo e Manutenzione 4.00 procedure applicative Sott.Centrale 3,04 59,27 38,03 1,25 10,74 25, Elaborazione periferica 42,34 5,92 6,89 14,04 3,78 17,78 Acquisto,Sviluppo e Manutenzione procedure applicative Sott.Periferico 9,19 11,97 1,86 5, Sottosistemi specializzati 3,64 8,06 6,12 1,68 0,61 4, Altre attività 6,12 68,25 9,69 14, TOTALE COSTI CENTRO EAD 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 BANCHE IN OUTSORCING (54) % % % % % % 1.00 Elab. centrale e mem. magnetica 1,59 5,37 17,92 62,38 42,38 42, Stampa centralizzata 0,07 0,21 2,87 3,09 28,88 2, Trasmissione dati 28,06 0,11 3,43 2,18 1,96 6, Acquisto,Sviluppo e Manutenzione procedure applicative Sott.Centrale 1,41 32,97 42,85 4,07 0,12 9, Elaborazione periferica 63,21 6,55 9,64 3,52 5,20 15, Acquisto,Sviluppo e Manutenzione procedure applicative Sott.Periferico 21,80 15,40 0,27 3, Sottosistemi specializzati 5,66 32,99 6,33 1,72 1,71 5, Altre attività 1,57 22,77 19,76 14, TOTALE COSTI CENTRO EAD 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 BANCHE IN FAC. MANAG. (14) % % % % % % 1.00 Elab. centrale e mem. magnetica 4,24 8,87 15,32 45,76 19,61 24, Stampa centralizzata 1,51 0,35 0,68 2,16 12,25 1, Trasmissione dati 18,33 0,21 3,25 4,45 33,60 6, Acquisto,Sviluppo e Manutenzione procedure applicative Sott.Centrale 6,43 61,87 38,63 6,72 16,17 24, Elaborazione periferica 63,65 14,01 9,38 8,28 4,02 19, Acquisto,Sviluppo e Manutenzione procedure applicative Sott.Periferico 9,58 15,95 1,57 5, Sottosistemi specializzati 5,84 5,11 7,19 1,65 1,86 4, Altre attività 9,60 29,40 12,47 13, TOTALE COSTI CENTRO EAD 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 BANCHE ALTRO (14) % % % % % % 1.00 Elab. centrale e mem. magnetica 19,23 16,48 25,33 25,33 37,43 33, Stampa centralizzata 0,41 0,04 1,62 1,62 19,54 3, Trasmissione dati 32,49 0,31 3,20 3,20 4,78 7, Acquisto,Sviluppo e Manutenzione procedure applicative Sott.Centrale 0,07 69,11 47,22 47,22 8,57 25, Elaborazione periferica 44,04 4,04 8,41 8,41 8,76 13, Acquisto,Sviluppo e Manutenzione procedure applicative Sott.Periferico 7,85 2,77 2,77 2, Sottosistemi specializzati 3,76 2,16 4,11 4,11 1,05 2, Altre attività 7,34 7,34 19,87 12, TOTALE COSTI CENTRO EAD 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 DU006 Tav. 48

27

28 GLI INVESTIMENTI EAD VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) HARDWARE SOFTWARE SERVIZI DIVERSI INVESTIMENTI TOTALI totale investimenti investimenti totalmente spesati nell'esercizio investimenti in leasing investimenti in ammortamento investimenti in ammortamento investimenti in ammortamento totale investimenti investimenti totalmente spesati nell'esercizio investimenti in ammortamento totale investimenti investimenti totalmente spesati nell'esercizio investimenti in leasing investimenti in ammortamento freq. anno classe DV002 Tav. 50

29

30

31

32

33 GLI INVESTIMENTI DEL SOFTWARE ACQUISITO DALL'ESTERNO CAMPIONE DELLE SOLE BANCHE CHE HANNO DICHIARATO INVESTIMENTI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) SOFTWARE DI BASE PACCHETTI APPLICATIVI APPLICAZ. CHIAVI IN MANO SERV. ANALISI E PROGRAMM. classe anno numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio SOTTOSISTEMI CENTRALI SOTTOSISTEMI PERIFERICI numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio DV006 (continua sulla pagina successiva) Tav. 55

34 GLI INVESTIMENTI DEL SOFTWARE ACQUISITO DALL'ESTERNO CAMPIONE DELLE SOLE BANCHE CHE HANNO DICHIARATO INVESTIMENTI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) SOFTWARE DI BASE PACCHETTI APPLICATIVI APPLICAZ. CHIAVI IN MANO SERV. ANALISI E PROGRAMM. classe anno numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio SOTTOSISTEMI SPECIALIZZATI SOTTOSISTEMI TRASMISSIVI numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio numero banche totale investimenti investimenti in ammortamento investimenti totalmente spesati nell'esercizio DV006 (continua dalla pagina precedente) Tav. 56

35

36 I RICAVI DA SERVIZI EAD BANCHE CHE HANNO DICHIARATO RICAVI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) RICAVI PER SERVIZI A TERZI classe anno freq. Facility Management Outsourcing Disaster Recovery Gest esterna reti TD Gest esterna servizi vari Plusvalenze per alienazione hardware Vendita/noleggio software Altri ricavi Totale ricavi EAD DV010 Tav. 58

37

38

39

40

41

42

43

44

45 $33(1',&(

46

47 0HWRGRORJLDGHOO LQGDJLQH 7DY Il questionario relativo all esercizio 1998, unitamente a una procedura automatizzata per l acquisizione dei dati, è stato trasmesso a tutte le banche italiane aventi la forma giuridica di società per azioni e di popolari cooperative (291 banche), che da diversi anni costituiscono la porzione del sistema creditizio presa a riferimento dalla Rilevazione. All iniziativa hanno risposto 141 banche 1 che rappresentano, in termini di fondi intermediati, poco più dell 88% del campione e oltre il 71% dell intero sistema creditizio. La rilevante mole di dati trattati e l'elevata differenziazione sul piano organizzativo e operativo delle banche partecipanti all indagine hanno reso necessario, come nel passato, un ampio ricorso ad appropriate tecniche statistiche, sia nella fase di acquisizione e controllo dei dati, sia nella fase di elaborazione degli stessi. Nella prima fase, sono state utilizzate l'analisi di regressione e delle componenti principali per la rilevazione di possibili anomalie nelle segnalazioni ( outliers ) 2 ; nella seconda, si è fatto ricorso a tecniche di cluster analysis per l individuazione dei diversi schemi di comportamento e per il raggruppamento delle banche in base alla modalità di gestione del sistema informatico. La stima della spesa informatica complessiva delle banche prese a riferimento dall indagine è stata effettuata con tecniche di imputazione dei dati mancanti fondate sull analisi di regressione lineare, stante la stretta correlazione individuata tra spesa EAD e costi operativi 3. Il procedimento è impostato sulla creazione di un modello che rappresenta la spesa delle aziende in relazione a parametri disponibili da altre fonti (Matrice dei conti). Al termine della costruzione e della verifica di diversi modelli, è stato scelto un modello lineare 4 con una singola variabile esplicativa, rappresentata dai costi operativi sostenuti nell'anno, che ha fornito un ottimo adattamento ai dati disponibili; ciò ha permesso di evitare le problematiche inerenti all utilizzo di modelli più complessi (difficoltà computazionale, multicollinearità, ecc.). L'imputazione dei dati mancanti è stata quindi eseguita, in base alla relazione stimata tramite una regressione dei minimi quadrati, per il triennio in esame e per le previsioni 1999, utilizzando, per queste ultime, i costi operativi del Come di consueto, tutti i valori monetari riferiti agli esercizi precedenti al 1998 sono stati rivalutati sulla base dell indice dei prezzi al consumo per la collettività nazionale 5. Tale impostazione è stata seguita anche per i valori degli aggregati desunti 1 Nelle passate rilevazioni, le banche rispondenti sono state 117 nel 1997 e 130 nel Le correzioni apportate alla base dati, in modo da ovviare agli errori causati da errate interpretazioni delle domande o da inesatti inserimenti dei dati, sono state concordate con le banche interessate. 3 I dati utilizzati hanno evidenziato un ottimo adattamento al modello costruito, nonché una sostanziale aderenza alle ipotesi di regressione lineare. 4 In realtà, per ricondursi a un modello lineare e per meglio soddisfare le ipotesi sottostanti all'analisi di regressione, è stato necessario applicare una preventiva trasformazione dei valori originari, che presentavano invece una relazione "doppio-logaritmica". 5 Tale indice ha assunto i seguenti valori: 1996=104; 1997=106,1; 1998=108,2.

48 dalle segnalazioni di Vigilanza. Inoltre, per assicurare la piena comparabilità delle informazioni riferite al triennio osservato ( ), sono stati accorpati i dati riferiti agli esercizi 1996 e 1997, relativi alle banche coinvolte nei processi di concentrazione realizzatisi entro l'anno Nell analisi dei vari fenomeni, i valori medi riferiti all intero campione sono stati riportati solo per le grandezze (prevalentemente rappresentate attraverso rapporti tra indici) per le quali detti valori assumono significatività sul piano statistico. Nelle rappresentazioni grafiche, accanto ai valori medi dei profili indagati è indicato il numero delle banche i cui valori sono confluiti nelle medie (frequenza delle osservazioni); per facilitare la comprensione dei fenomeni osservati, ciascuna tavola riporta altresì il riferimento alla relativa domanda del questionario. Per alcuni particolari aspetti si è reso necessario riferire le elaborazioni a specifici sottoinsiemi del campione: tale circostanza si evince dalla frequenza delle osservazioni indicata nelle relative tavole. Le prime risultanze della presente rilevazione sono state diffuse alle banche partecipanti lo scorso mese di settembre. Nell occasione, oltre al consueto documento di sintesi e al supporto magnetico contenente i valori della spesa informatica del 1998 con i principali indicatori statistici (minimo, massimo, media, deviazione standard di ciascuna voce di costo), sono stati trasmessi, sullo stesso supporto magnetico, anche i valori medi di ciascuna classe organizzati nel medesimo formato grafico con il quale i dati sono stati forniti dalle banche; ciò allo scopo di agevolare ciascuna banca nel confronto con il profilo medio della classe di appartenenza.

49

50 'LVWULEX]LRQHGHOOHEDQFKHQHOOHFODVVLGLPHQVLRQDOL La Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio prende a riferimento la classificazione dimensionale stabilita dalla Banca d Italia dal (v. Supplemento al Bollettino Statistico della Banca d Italia, Anno V, n. 32 del ) 6. Anche in questa indagine le banche di nuova costituzione e quelle interessate da processi di concentrazione sono state collocate nei gruppi espressi dall esame di specifici parametri riferiti alla data del : valore medio degli impieghi e dei depositi, quale indice dell'operatività aziendale; numero degli sportelli, come indicatore dell'articolazione territoriale; numero dei dipendenti, quale ulteriore indice dell operatività aziendale, anche se indiretto. Per consentire alle banche puntuali verifiche e confronti del livello e dell'andamento del proprio processo di automazione con i risultati dell indagine, le classi "piccole" e "minori" sono suddivise ciascuna in due livelli (A e B), analogamente a quanto fatto nelle più recenti rilevazioni. In relazione, poi, ai mutamenti che stanno modificando l operatività degli ex istituti a medio e lungo termine e delle "casse centrali" e lo sviluppo di banche che concentrano l offerta di prodotti e servizi sul canale telematico, sono state individuate due specifiche aggregazioni: particolare operatività, telematiche 7. In definitiva, l indagine ha analizzato le banche appartenenti alle seguenti classi dimensionali: maggiori, grandi, medie, piccole A, piccole B, minori A, minori B, particolare operatività, telematiche. La distribuzione delle banche nelle classi utilizzate dall indagine è riportata nell'apposita sezione. Va evidenziato che, nell ambito delle nove classi in cui è ripartito il campione, le banche delle prime tre classi dimensionali ( maggiori, grandi e medie ) e la quasi totalità di quelle della quarta classe ( piccole A ) presentano una costante partecipazione all indagine nel triennio ; ciò rende particolarmente attendibili e significativi i relativi confronti temporali. Per contro, le informazioni riferite alle rimanenti classi ( piccole B, minori A e minori B, particolare operatività e telematiche ) risentono della variabilità che ha caratterizzato la partecipazione di tali 6 La classificazione è sviluppata secondo i seguenti criteri: considera tutte le banche (ex aziende di credito, ex istituti di credito speciale, filiali di banche estere) e attribuisce le operazioni delle ex sezioni di credito speciale agli enti incorporanti; divide le banche in classi sulla base del credito complessivo concedibile a residenti e non residenti, variabile questa che esprime la dimensione della banca; raggruppa le banche nelle classi dimensionali "maggiori", "grandi", "medie", "piccole" e "minori" (per quest'ultimo gruppo sono possibili ulteriori suddivisioni). Non viene esclusa la possibilità di prevedere altri criteri di classificazione tesi a soddisfare specifiche esigenze conoscitive. 7 La classe "telematiche" comprende le banche "monosportello" che presentano un rapporto tra costi EAD e fondi intermediati, entrambi desunti dalla Matrice dei conti al 31/12/1998, superiore all'1%.

51 banche negli ultimi anni: tale situazione può riflettersi, in alcune circostanze, sulla significatività dei raffronti temporali riferiti a tali classi. Occorre inoltre tenere conto del fatto che le singole classi di riferimento comprendono banche con caratteristiche organizzative, gestionali e di mercato alquanto differenziate, determinando la presenza di valori di singole banche che si discostano, anche notevolmente, dai valori medi della classe di appartenenza, soprattutto negli ultimi raggruppamenti.

52 &ODVVLGLPHQVLRQDOLHOHQFRGHOOHEDQFKH Di seguito è riportata la distribuzione delle banche nelle classi dimensionali utilizzate dall'indagine; all'interno di ogni gruppo esse sono inserite in ordine di codice ABI. L asterisco contraddistingue le banche che hanno partecipato alla Rilevazione. Classe "0DJJLRUL": Banca Nazionale del Lavoro spa (*) Banco di Napoli spa (*) Istituto Bancario San Paolo Torino - I.M.I. spa (*) Banca Monte dei Paschi di Siena spa (*) Banca Commerciale Italiana spa (*) Unicredito Italiano spa (*) Banca di Roma spa (*) Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde spa (*) Classe "*UDQGL": Banco di Sicilia spa (*) Banco Ambrosiano Veneto spa - Ambroveneto (*) Deutsche Bank spa (*) Banca Nazionale dell Agricoltura spa (*) Banca Toscana spa (*) Rolo Banca 1473 spa (*) Banca Antoniana - Popolare Veneta scrl (*) Banca Popolare di Verona - Banco S. Geminiano e S. Prospero scrl (*) Banca Popolare di Bergamo-Credito Varesino scrl (*) Banca Popolare di Milano scrl (*) Banca Popolare di Novara scrl Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza spa (*) Banca Cassa di Risparmio di Torino spa (*) Cariverona Banca spa (*) Cassa di Risparmio in Bologna spa (*) Classe "0HGLH": Banco di Sardegna spa (*) Credito Emiliano spa (*) Banca Carime spa (*) Banca Intesa spa Credito Bergamasco spa (*) Banca San Paolo di Brescia spa (*) Banco di Brescia San Paolo CAB spa (*) Banca Agricola Mantovana spa (*) Banca Popolare Commercio e Industria scrl (*) Banca Popolare di Lodi scrl (*) Banca Popolare dell Emilia Romagna scrl (*) Banca Popolare dell Etruria e del Lazio scrl (*) Banca Popolare di Brescia scrl (*) Banca delle Marche spa (*) Cassa Risparmio di Firenze spa (*) Banca Carige spa (*) Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo spa (*) Cassa Risparmio di Venezia spa (*) Banca Regionale Europea spa (*) Classe "3LFFROH$": Banca del Salento - Credito Popolare Salentino spa (*) Banca di Legnano spa (*) Banca Sella spa (*) Banca Fideuram spa (*) Banco Chiavari e della Riviera Ligure spa (*) Banco di Desio e della Brianza spa (*) Credito Artigiano spa (*) Banca Piccolo Credito Valtellinese scrl (*) Banca Popolare Pugliese scrl Banca Popolare di Ancona spa (*) Banca Mediterranea spa Banca Popolare Friuladria spa (*) Banca Popolare di Sondrio scrl (*) Banca Popolare Vicentina scrl (*)

I COSTI DIVERSI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE)

I COSTI DIVERSI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) I COSTI DIVERSI VALORI MEDI (MILIONI DI LIRE) PERS APP AUS APPARECCHIATURE AUSILIARIE MAT. AUSIL IMPIANTI TECNOLOGICI ENERG IMMOBILI ASSICUR PERS D ENTRY PERS SUPP TOTALE DIVERSI di cui costo degli ammortamenti

Dettagli

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U ALLEGATO 7 Nota Tecnica e Metodologica SK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative Il confidi nazionale della cooperazione italiana Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative chi siamo Cooperfidi Italia è il confidi nazionale della cooperazione italiana ed è sostenuto da Agci,

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI P R E M E S S A Il FEI è un istituzione finanziaria creata dalla BEI (Banca Europea degli Investimenti), dall Unione Europea e dalle istituzioni finanziarie pubbliche

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK16U

STUDIO DI SETTORE TK16U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine

Dettagli

Pratici e orientati all applicazione: sono concepiti per migliorare le prestazioni delle persone rispetto a una specifica competenza

Pratici e orientati all applicazione: sono concepiti per migliorare le prestazioni delle persone rispetto a una specifica competenza PRESENTAZIONE Eduxia è una società di consulenza e formazione che ha sviluppato competenze nel settore bancario e finanziario. Le attività della società sono concentrate sulla formazione manageriale, tecnico-professionale

Dettagli

Sysdat Turismo S.p.A - Via Ferrari 21-21047 Saronno (VA) Tel. 02.96718.1 - Fax 02.96718.523 info@sigesgroup.it

Sysdat Turismo S.p.A - Via Ferrari 21-21047 Saronno (VA) Tel. 02.96718.1 - Fax 02.96718.523 info@sigesgroup.it Argomenti : > Sistema di prenotazione collegato al sito dell agenzia charter Il Cliente cerca la Barca Gestione Multicanale La Società armatrice può aprire più canali possibili affinchè possa essere raggiunto

Dettagli

(Elenco aggiornato al 14 agosto 2009) Abaxbank 5 agosto 2009. Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare 10 agosto 2009. Banca 24-7 12 agosto 2009

(Elenco aggiornato al 14 agosto 2009) Abaxbank 5 agosto 2009. Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare 10 agosto 2009. Banca 24-7 12 agosto 2009 Elenco delle Banche e degli Intermediari finanziari aderenti all Avviso comune per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio sottoscritto il 3 agosto 2009 dal

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE (C. Sappino)

IL DIRETTORE GENERALE (C. Sappino) CIRCOLARE N. 900519 DEL 13 DICEMBRE 2000 D.G.C.I.I. Agevolazioni di cui alla legge n. 488/1992. Aggiornamento dell elenco delle banche concessionarie e degli istituti collaboratori convenzionati riportato

Dettagli

Finanza on line in Italia: il rapporto KPMG. L e-banking PIACE SEMPRE DI PIU AGLI ITALIANI. 7,8 milioni di conti on line di cui 2,5 attivi;

Finanza on line in Italia: il rapporto KPMG. L e-banking PIACE SEMPRE DI PIU AGLI ITALIANI. 7,8 milioni di conti on line di cui 2,5 attivi; News Finanza on line in Italia: il rapporto KPMG L e-banking PIACE SEMPRE DI PIU AGLI ITALIANI. 7,8 milioni di conti on line di cui 2,5 attivi; La clientela usa sempre di più l e-banking sia per operazioni

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

CHI SIAMO LA DIREZIONE DI IMPRESA

CHI SIAMO LA DIREZIONE DI IMPRESA CHI SIAMO Eurocrea da circa vent anni affianca gli imprenditori nelle scelte legate ai loro investimenti, analizzandone la fattibilità, individuando le migliori fonti di finanziamento e supportandoli nella

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

5LOHYD]LRQH GHOORVWDWRGHOO DXWRPD]LRQH GHOVLVWHPDFUHGLWL]LR

5LOHYD]LRQH GHOORVWDWRGHOO DXWRPD]LRQH GHOVLVWHPDFUHGLWL]LR &219(1=,21(,17(5%$1&$5,$ 3(5,352%/(0,'(// $8720$=,21( $662&,$=,21(%$1&$5,$,7$/,$1$ 5LOHYD]LRQH GHOORVWDWRGHOO DXWRPD]LRQH GHOVLVWHPDFUHGLWL]LR 6LWXD]LRQHDOGLFHPEUH $OJUXSSRGLODYRUR&,3$FRRUGLQDWRGD$QWRQLR$YHOOD%DQFD

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Ufficio Studi Bachelor Valori e percezioni associati al settore bancario

Ufficio Studi Bachelor Valori e percezioni associati al settore bancario Ufficio Studi Bachelor Valori e percezioni associati al settore bancario Aprile 2012 1 Indice 1. Obiettivi 2. Popolazione di riferimento e campione 3. Metodologia e tempistiche 4. Sintesi dei risultati

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

AVVISO 02/06 COMPARTO CREDITIZIO FINANZIARIO ELENCO PIANI FINANZIATI

AVVISO 02/06 COMPARTO CREDITIZIO FINANZIARIO ELENCO PIANI FINANZIATI AVVISO 02/06 COMPARTO CREDITIZIO FINANZIARIO ELENCO PIANI FINANZIATI N. 1 pr107_pf190_av0206 UniCredit S.p.A. 850,5 2 pr59_pf241_av0206 Banca Agricola Mantovana 850 3 pr104_pf135_av0206 UniCredit S.p.A.

Dettagli

= Solvibilità massima = Solvibilità media = Solvibilità minima = Dafault

= Solvibilità massima = Solvibilità media = Solvibilità minima = Dafault A.R.S. Absolute Rating Scale Sulla base dei bilanci e dei comportamenti dell'impresa nei rapporti col sistema bancario e con i fornitori, ogni banca e ogni credit rating agency attribuisce un rating, che

Dettagli

HYPO ALPE ADRIA BANK S.p.A. Udine ETRURIA LEASING S.p.A. Firenze INTESA LEASING S.p.A. Milano MEDIOLEASING S.p.A. Jesi (Ancona)

HYPO ALPE ADRIA BANK S.p.A. Udine ETRURIA LEASING S.p.A. Firenze INTESA LEASING S.p.A. Milano MEDIOLEASING S.p.A. Jesi (Ancona) Elenco completo delle banche concessionarie convenzionate con il Ministero delle Attività Produttive e degli istituti collaboratori convenzionati con le medesime banche concessionarie per gli adempimenti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 28/06/2013 Circolare n. 103 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK16U ATTIVITÀ 68.32.00 ATTIVITÀ 81.10.00 AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI E GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI

STUDIO DI SETTORE UK16U ATTIVITÀ 68.32.00 ATTIVITÀ 81.10.00 AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI E GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI STUDIO DI SETTORE UK16U ATTIVITÀ 68.32.00 AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI E GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI ATTIVITÀ 81.10.00 SERVIZI INTEGRATI DI GESTIONE AGLI EDIFICI Maggio 2008 PREMESSA L evoluzione

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI COMPUTER, APPARECCHIATURE INFORMATICHE PERIFERICHE E DI SOFTWARE COMMERCIO ALL INGROSSO DI MOBILI PER UFFICIO E NEGOZI

COMMERCIO ALL INGROSSO DI COMPUTER, APPARECCHIATURE INFORMATICHE PERIFERICHE E DI SOFTWARE COMMERCIO ALL INGROSSO DI MOBILI PER UFFICIO E NEGOZI STUDIO DI SETTORE UM41U ATTIVITÀ 46.51.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI COMPUTER, APPARECCHIATURE INFORMATICHE PERIFERICHE E DI SOFTWARE ATTIVITÀ 46.65.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI MOBILI PER UFFICIO E NEGOZI

Dettagli

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ABI benchmarking Costing Benchmark Estratto del Rapporto Generale Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ESTRATTO RAPPORTO INDIVIDUALE [ ] Il cost/income, risulta, in media ponderata, pari al 67,3%

Dettagli

Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio

Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio CONVENZIONE INTERBANCARIA PER I PROBLEMI DELL AUTOMAZIONE ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Rilevazione dello stato dell automazione del sistema creditizio Profili organizzativi ed economici F.A.Q. Frequently

Dettagli

Circolare Finanza Impresa

Circolare Finanza Impresa Circolare Finanza Impresa 30 Marzo 2016 Nuova Sabatini TER Semplificazione e contributi in relazione a finanziamenti bancari per l acquisto di beni strumentali da parte delle PMI Al via nuove norme in

Dettagli

BANCHE ADERENTI ALLA DATA DEL 19 GENNAIO 2010 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA (CIGS), ANCHE IN DEROGA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO

BANCHE ADERENTI ALLA DATA DEL 19 GENNAIO 2010 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA (CIGS), ANCHE IN DEROGA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO BANCHE ADERENTI ALLA DATA DEL 19 GENNAIO 2010 ALLA CONVENZIONE NAZIONALE O AD ACCORDI LOCALI IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA (CIGS), ANCHE IN

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG87U

STUDIO DI SETTORE SG87U ALLEGATO 9 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG87U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG66U ATTIVITÀ 72.22.0 ATTIVITÀ 72.60.0 CONSULENZA PER INSTALLAZIONE DI SISTEMI HARDWARE EDIZIONE DI SOFTWARE

STUDIO DI SETTORE UG66U ATTIVITÀ 72.22.0 ATTIVITÀ 72.60.0 CONSULENZA PER INSTALLAZIONE DI SISTEMI HARDWARE EDIZIONE DI SOFTWARE STUDIO DI SETTORE UG66U ATTIVITÀ 72.10.0 CONSULENZA PER INSTALLAZIONE DI SISTEMI HARDWARE ATTIVITÀ 72.21.0 EDIZIONE DI SOFTWARE ATTIVITÀ 72.22.0 ALTRE REALIZZAZIONI DI SOFTWARE E CONSULENZA SOFTWARE ATTIVITÀ

Dettagli

B A N C A C O L L O C A T R I C E Abi Cab Denominazione serie numero serie numero

B A N C A C O L L O C A T R I C E Abi Cab Denominazione serie numero serie numero 1030 32380 Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. 00 9501048 00 9501368 1030 57690 Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. 00 1155856 00 1155856 3336 32910 Credito Bergamasco S.p.A. 00 1296979 00 1591597

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM44U ATTIVITÀ 52.48.1 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER UFFICIO

STUDIO DI SETTORE TM44U ATTIVITÀ 52.48.1 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER UFFICIO STUDIO DI SETTORE TM44U ATTIVITÀ 52.48.1 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER UFFICIO Maggio 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM44U Commercio al dettaglio di macchine

Dettagli

Metodologia dell indagine

Metodologia dell indagine Appendice II Metodologia dell indagine (Tavv. 111-115) Il questionario riferito all esercizio 1997 - assistito da una procedura automatizzata per l acquisizione dei dati - è stato trasmesso al consueto

Dettagli

Attivi. Totale attivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Passivi. Totale passivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Operazioni fuori bilancio

Attivi. Totale attivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Passivi. Totale passivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Operazioni fuori bilancio Bilancio al 30 giugno 2015 Conti di gruppo 30.06.2015 31.12.2014 Variazione Attivi Liquidità 1'198'970 948'681 250'289 Crediti nei confronti di banche 257'802 443'253-185'451 Crediti nei confronti della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM44U

STUDIO DI SETTORE SM44U ALLEGATO 4 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM44U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Torino, 3 luglio 2014 Agenda 1 L identikit delle imprese

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

I costi operativi 1998

I costi operativi 1998 Rif.: 95001-062 I costi operativi 1998 - Estratto - Benchmarking Banche Italiane Luglio 1999 Questo documento è un estratto dei risultati del Benchmarking Costi Operativi 1998 di KPMG Consulting, che già

Dettagli

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Visto lo Statuto dell Agenzia delle dogane deliberato dal Comitato direttivo in data 5 dicembre 2000, modificato e integrato con delibere n. 5 del 14 dicembre 2000 e n. 10

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG40U

STUDIO DI SETTORE SG40U ALLEGATO 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG40U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali la tua tesoreria Le banche Gli standard CBI (Corporate Banking Interbancario) del 1997 hanno uniformato i Lo Swift è lo strumento usato dalle banche di tutto il mondo per trasferire e standard SWIFT risale

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

NOI POSSIAMO FARE MOLTO

NOI POSSIAMO FARE MOLTO federazione delle chiese evangeliche in italia commissione globalizzazione e ambiente newsletter glam NOI POSSIAMO FARE MOLTO Dal settimanale Carta ho tratto queste notizie che vi trasmetto Hai affidato

Dettagli

ABCD. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.U.L.2 2014-2033 per l esercizio dal 7 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014

ABCD. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.U.L.2 2014-2033 per l esercizio dal 7 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014 ABCD FIDEURAM Vita S.p.A. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.U.L.2 2014-2033 per l esercizio dal 7 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014 (con relativa relazione della società

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

ABCD. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.A.P. 2002-2014 per l esercizio dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014

ABCD. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.A.P. 2002-2014 per l esercizio dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014 ABCD FIDEURAM Vita S.p.A. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.A.P. 2002-2014 per l esercizio dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014 (con relativa relazione della società

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DI SPAZI PUBBLICITARI

STUDIO DI SETTORE SG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DI SPAZI PUBBLICITARI STUDIO DI SETTORE SG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DI SPAZI PUBBLICITARI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG42U % sugli invii Invii 1.351 Ritorni 709 52,5 Distribuzione dei questionari non

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG66U

STUDIO DI SETTORE SG66U ALLEGATO 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG66U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG82U Numero % sugli invii Invii 8.416 Ritorni 4.988

Dettagli

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI I DIVERSI CONTRIBUTI I dati per questo 11 Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione sono stati raccolti dall Osservatorio sui bisogni formativi nella PA istituito presso la SSPA, con il

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE BUDGET Il budget è un documento amministrativo in cui vengono stabiliti in via preventiva gli atti di gestione che l'azienda intende effettuare in un periodo futuro, al fine di conseguire un determinato

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK27U ATTIVITÀ 58.21.00 EDIZIONE DI GIOCHI PER COMPUTER ATTIVITÀ 58.29.00 EDIZIONE DI ALTRI SOFTWARE A

STUDIO DI SETTORE UK27U ATTIVITÀ 58.21.00 EDIZIONE DI GIOCHI PER COMPUTER ATTIVITÀ 58.29.00 EDIZIONE DI ALTRI SOFTWARE A STUDIO DI SETTORE UK27U ATTIVITÀ 58.21.00 EDIZIONE DI GIOCHI PER COMPUTER ATTIVITÀ 58.29.00 EDIZIONE DI ALTRI SOFTWARE A PACCHETTO (ESCLUSI I GIOCHI PER COMPUTER) ATTIVITÀ 62.01.00 PRODUZIONE DI SOFTWARE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM44U ATTIVITÀ 47.41.00 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COMPUTER, UNITÀ ATTIVITÀ 47.78.10 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MOBILI PER

STUDIO DI SETTORE UM44U ATTIVITÀ 47.41.00 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COMPUTER, UNITÀ ATTIVITÀ 47.78.10 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MOBILI PER STUDIO DI SETTORE UM44U ATTIVITÀ 47.41.00 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COMPUTER, UNITÀ PERIFERICHE, SOFTWARE E ATTREZZATURE PER UFFICIO IN ESERCIZI SPECIALIZZATI ATTIVITÀ 47.78.10 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale per il Coordinamento degli Incentivi alle Imprese CIRCOLARE n. 937820 dell 11 novembre 2002 OGGETTO: Aggiornamento dell elenco delle banche concessionarie

Dettagli

Convenzione Comunita Montana Istituto Sviluppo Economico Appennino per piccolo credito turistico (estratto) Art. 1

Convenzione Comunita Montana Istituto Sviluppo Economico Appennino per piccolo credito turistico (estratto) Art. 1 INTERVENTI CREDITIZI A TASSO DI INTERESSE AGEVOLATO AL FINE DI PROMUOVERE L'ECONOMIA LOCALE COMUNITA' MONTANA ALTA E MEDIA VALLE DEL RENO Piazza della Pace, 4 40038 Vergato Bologna Tel. 051/911056 Fax.

Dettagli

IL FINAZIAMENTO LEASING DEGLI IMPIANTI A BIOMASSE/ BIOGAS. Cremona, 23 maggio 2011

IL FINAZIAMENTO LEASING DEGLI IMPIANTI A BIOMASSE/ BIOGAS. Cremona, 23 maggio 2011 IL FINAZIAMENTO LEASING DEGLI IMPIANTI A BIOMASSE/ BIOGAS Cremona, 23 maggio 2011 Chi siamo Alba Leasing è la società specializzata nella locazione finanziaria nata il 1 gennaio 2010 a seguito della riorganizzazione

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Gennaio 2012 Da inizio anno RACCOLTA NETTA 1.013,2 791,3 1.804,5 Risparmio

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI,

STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI, STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI, ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, GIOIELLERIA, MOBILI E ALTRI BENI PERSONALI O PER LA CASA Luglio 2007 PREMESSA L evoluzione dello

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Economie regionali. Bologna aprile 2010

Economie regionali. Bologna aprile 2010 Economie regionali Bologna aprile 21 L'andamento del credito in Emilia-Romagna nel quarto trimestre del 29 2 1 3 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM41U ATTIVITÀ 51.84.0 ATTIVITÀ 51.85.0 COMMERCIO ALL INGROSSO DI ALTRE COMMERCIO ALL INGROSSO DI COMPUTER,

STUDIO DI SETTORE TM41U ATTIVITÀ 51.84.0 ATTIVITÀ 51.85.0 COMMERCIO ALL INGROSSO DI ALTRE COMMERCIO ALL INGROSSO DI COMPUTER, STUDIO DI SETTORE TM41U ATTIVITÀ 51.84.0 COMMERCIO ALL INGROSSO DI COMPUTER, APPARECCHIATURE INFORMATICHE, PERIFERICHE E DI SOFTWARE ATTIVITÀ 51.85.0 COMMERCIO ALL INGROSSO DI ALTRE MACCHINE E DI ATTREZZATURE

Dettagli

Convenzione MiSE-ABI-CDP 14 febbraio 2014 PLAFOND BENI STRUMENTALI

Convenzione MiSE-ABI-CDP 14 febbraio 2014 PLAFOND BENI STRUMENTALI Convenzione MiSE--CDP 14 febbraio 2014 PLAFOND BENI STRUMENTALI ELENCO ADERENTI Contraente il 5034 14/03/2014 BANCO POPOLARE S.C. nuova.sabatini@pec.bancopopolare.it 3336 CREDITO BERGAMASCO S.P.A. nuova.sabatini@pec.creberg.it

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG85U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG85U ALLEGATO 20 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG85U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 ATTIVITÀ 52.73.0 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA

STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 ATTIVITÀ 52.73.0 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA ATTIVITÀ 52.73.0 RIPARAZIONE DI OROLOGI E GIOIELLI Settembre 2007 PREMESSA L evoluzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM44U ATTIVITÀ 52.48.1 - COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER UFFICIO

STUDIO DI SETTORE SM44U ATTIVITÀ 52.48.1 - COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER UFFICIO STUDIO DI SETTORE SM44U ATTIVITÀ 52.48.1 - COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER UFFICIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM44U Numero % sugli invii Invii 3.047 Ritorni 1.808 59,3 Distribuzione

Dettagli

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI 7 maggio 2014 GR Centro Studi Acen Il tema dei mutui alle famiglie è essenziale nel sistema delle costruzioni

Dettagli

ISTITUTI BANCARI. Banca Credito Cooperativo di Monte Pruno di Roscigno e Laurino (SA) Banca Popolare S. Angelo. Banca Popolare Lajatico

ISTITUTI BANCARI. Banca Credito Cooperativo di Monte Pruno di Roscigno e Laurino (SA) Banca Popolare S. Angelo. Banca Popolare Lajatico ISTITUTI BANCARI Banca Credito Cooperativo di Monte Pruno di Roscigno e Laurino (SA) Banca Popolare S. Angelo Banca Popolare Lajatico UNICREDIT S.p.A. BANCA SELLA BANCA SELLA NORD EST BANCA CARIGE BANCO

Dettagli

Convenzione MiSE-ABI-CDP 14 febbraio 2014 PLAFOND BENI STRUMENTALI

Convenzione MiSE-ABI-CDP 14 febbraio 2014 PLAFOND BENI STRUMENTALI Convenzione MiSE--CDP 14 febbraio 2014 PLAFOND BENI STRUMENTALI ELENCO ADERENTI 5034 14/03/2014 BANCO POPOLARE S.C. nuova.sabatini@pec.bancopopolare.it 3268 24/03/2014 BANCA SELLA S.P.A. nuovasabatini@pec.sella.it

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia Rapporto Economia Provinciale 2011 129 Edilizia Edilizia 131 Dati di stock Al 31 dicembre 2011 le imprese attive iscritte al Registro Imprese alla Sezione Ateco 2007 F- Costruzioni sono 3.498, con un

Dettagli

TASSI ATTIVI SUI FINANZIAMENTI PER CASSA ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI

TASSI ATTIVI SUI FINANZIAMENTI PER CASSA ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI Servizio Credito e Risparmio -U.O.B. 6.2 Gestione ordinamento aziende di credito regionali. Elaborazione dati e rappresentazioni grafiche a cura del Servizio Credito e Risparmio - U.O.B. 6.2 e del Servizio

Dettagli

CREDITO VALTELLINESE

CREDITO VALTELLINESE Il ruolo dell Internal Auditing nel Gruppo Bancario CREDITO VALTELLINESE Enrico Rossi Direzione Auditing di Gruppo - DELTAS S.p.A. La presentazione è stata realizzata da Credito Valtellinese ed è riservata

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

COD ABI DENOMINAZIONE 14 lug 14 1 01005 BNL GRUPPO BNP PARIBAS 2 01010 BANCO DI NAPOLI 3 01015 BANCO DI SARDEGNA 4 01030 BANCA MONTE DEI PASCHI DI

COD ABI DENOMINAZIONE 14 lug 14 1 01005 BNL GRUPPO BNP PARIBAS 2 01010 BANCO DI NAPOLI 3 01015 BANCO DI SARDEGNA 4 01030 BANCA MONTE DEI PASCHI DI COD ABI DENOMINAZIONE 14 lug 14 1 01005 BNL GRUPPO BNP PARIBAS 2 01010 BANCO DI NAPOLI 3 01015 BANCO DI SARDEGNA 4 01030 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA 5 02008 UNICREDIT BANCA 6 03019 CREDITO SICILIANO

Dettagli

Avvertenze. 7.4. Questionario

Avvertenze. 7.4. Questionario 7.4. Questionario Avvertenze gli asterischi evidenziano nuove domande (*) ovvero domande parzialmente modificate rispetto alle precedenti indagini (**); cercare di rispondere sempre alle domande, ove non

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014 Fase di Progetto B. Gli indicatori

Dettagli

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza Giampiero Censi - Controllo di Gestione, Cassa di Risparmio di Fermo spa ABI: COSTI COSTI & BUSINESS & 2012

Dettagli

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA L anno 2002, il giorno 01 del mese di ottobre ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA il Comitato per la Promozione dell Imprenditorialità Femminile costituita presso la Camera di Commercio,

Dettagli

ABCD. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.U.L.2 2004-2021 per l esercizio dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014

ABCD. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.U.L.2 2004-2021 per l esercizio dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014 ABCD FIDEURAM Vita S.p.A. Rendiconto annuale della gestione del Fondo interno assicurativo F.U.L.2 2004-2021 per l esercizio dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014 (con relativa relazione della società

Dettagli

IL CREDITO SPECIALIZZATO Profilo delle decisioni di spesa della famiglia

IL CREDITO SPECIALIZZATO Profilo delle decisioni di spesa della famiglia AGENDA 1. Il credito specializzato 2. Mutamenti nel mercato del credito al consumo 3. Cambiano le regole del mercato della cessione del quinto 4. I trend di mercato 5. Il concetto di centralità del cliente

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 2.028,3 2.823,8 15.231,9 Risparmio gestito 1.733,3 2.341,4

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli