18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI"

Transcript

1 CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

2 C. Scritture relative alla vendita di beni e servizi Nella contabilità generale, nell ambito delle scritture di gestione, le operazioni di vendita sono fatti amministrativi che generano ricavi Ciclo operativo ed economico dell impresa Costi d esercizio Produzione di beni o servizi Acquisto di merci Vendita di beni o servizi Ricavi d esercizio 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 2

3 Scritture relative alle vendite Regola. Dal punto di vista contabile, l operazione di vendita, documentata da fattura, si scompone in due momenti diversi (contabilizzazione separata): emissione della fattura e relativa contabilizzazione (liquidazione). Nel primo stadio si rileva: una Variazione Numeraria Attiva rappresentata in da un aumento di crediti nei confronti del cliente; una Variazione Economica Positiva che riporta in un ricavo; una Variazione Numeraria Passiva che riporta in un debito IVA (nel caso di operazione imponibile IVA); incasso (regolamento del credito). In questo secondo momento la registrazione contabile prevede: una Variazione Numeraria Attiva (entrata di denaro in ) relativa all incasso del credito; una Variazione Numeraria Passiva (in ) relativa alla riduzione o all annullamento del credito nei confronti del cliente. La contabilizzazione separata è opportuna anche quando la vendita di un bene e il relativo incasso avvengono nello stesso momento temporale 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 3

4 Scritture relative alle vendite Presentiamo ora le scritture contabili, distinguendo i seguenti gruppi di operazioni di vendita: 1. vendite di beni e servizi nel mercato nazionale (ricavi d esercizio); 2. operazioni di rettifica su vendite (rettifica dei ricavi); - vendita di beni e sevizi nel mercato internazionale (escluso dal programma). 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 4

5 1. Vendite di beni e servizi nel mercato nazionale Piano dei conti utilizzato nelle operazioni di vendita di beni e servizi Conti Economici di reddito, accesi ai ricavi d esercizio, per identificare, in, il ricavo di vendita di beni e servizi o ricavi accessori (Variazione Economica Positiva) Ricavi delle vendite e delle prestazioni (conto sintetico) Prodotti finiti c/vendite Merci c/vendite Ricavi per prestazioni di servizi Rimborso spese imballaggio (ricavo accessorio) Rimborso spese di trasporto (ricavo accessorio) Conti Numerari assimilati, per identificare, in, i crediti di funzionamento (Variazione Numeraria Attiva) - crediti v/cliente x - crediti v/cliente y -ecc. Crediti v/imprese controllate Crediti v/imprese collegate Crediti v/imprese controllanti Conti Numerari assimilati, per rilevare, in, l IVA a debito (Variazione Numeraria Passiva) IVA ns/debito 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 5

6 1) Vendite di beni e servizi nel mercato nazionale Tratteremo distintamente le seguenti tipologie di scritture: a) ricavi delle vendite di beni materiali (prodotti finiti, merci, ecc.); b) ricavi accessori inseriti in fattura (collegati alle attività di vendita); c) spese relative ai ricavi accessori anticipate per conto del cliente; d) ricavi delle prestazioni di servizi (beni economici immateriali); e) ricavi atipici (relativi alle operazioni non caratteristiche dell impresa). a) Le scritture relative alla vendita di beni materiali possono essere distinte in base all applicazione della normativa IVA in (D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 artt e successive modificazioni): i. vendite di beni soggetti ad IVA (operazioni imponibili); ii. vendite di beni non imponibili IVA ed esenti; iii. vendite di beni esclusi dalla disciplina IVA. Riguardo all IVA, per le operazioni imponibili, le aliquote si distinguono in: aliquota ordinaria 20%; aliquota ridotta 10% o 4%. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 6

7 a) Ricavi delle vendite Esempio. In data 30/06/x, si vendono prodotti ad un cliente, documentati da fattura n. 896, per euro, esclusa l Iva. i) Vendita di beni soggetti ad IVA (operazioni imponibili) Importo Prodotti finiti c/vendite IVA ns/ debito 200,00 La scrittura presenta un fatto misto di gestione: una Variazione Numeraria Attiva, rappresentata dall aumento dei crediti verso i clienti, che si iscrive in del conto ; una Variazione Economica Positiva, iscritta in del conto Economico di Reddito Prodotti finiti c/vendite; una Variazione Numeraria Passiva, rappresentata dal debito verso lo Stato (Erario), che si iscrive in del conto IVA ns/debito. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 7

8 Ricavi delle vendite ii) Vendita di beni non imponibili ed esenti IVA Importo Prodotti finiti c/vendite non sono imponibili ai fini IVA le cessioni all esportazione e le operazioni ad esse assimilate; le operazioni esenti sono indicate nel Decreto IVA (operazioni di credito, finanziamento, interessi, assicurazione, ecc. Sono esenti per ragioni sociali stabiliti dal legislatore); per le operazioni non imponibili ed esenti IVA, esiste l obbligo di fatturazione, ma senza rilevamento dell imposta. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 8

9 Ricavi delle vendite iii) Vendite escluse dalla disciplina IVA Importo Prodotti finiti c/vendite La vendita (o l acquisto) è esclusa dalla disciplina dell IVA quando mancano i presupposti per l applicabilità: presupposti oggettivi. Operazioni relative alla cessione di beni, alla prestazione di servizi e alle importazioni (da chiunque importate); presupposti soggettivi. Cessioni di beni effettuate da imprenditori nell esercizio della propria attività e da esercenti arte e professioni; presupposti territoriali. Operazioni eseguite nel territorio italiano. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 9

10 b) Ricavi accessori inseriti in fattura I ricavi accessori: riguardano il rimborso delle spese di imballaggio, delle spese di trasporto, ecc. collegati alla vendita dei beni o dei servizi; possono essere inclusi nel prezzo di vendita o indicati separatamente in fattura; se inseriti in fattura di vendita concorrono a formare la base imponibile ai fini IVA. Esempio. In data 25/07/x, si vendono prodotti ad un cliente, documentati da fattura n. 912, per 2.000,00 euro, più spese di imballaggio 80,00 euro e spese di trasporto per 220,00 euro. Gli importi sono al netto dell IVA. Presentiamo il caso di ricavi accessori inseriti in fattura di vendita Importo Prodotti finiti c/vendite Rimborso spese imballaggio Rimborso spese trasporto IVA ns/ debito 2.760, ,00 80,00 220,00 460, , ,00 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 10

11 c) Spese relative ai ricavi accessori anticipate per conto del cliente Ricavi accessori indicati separatamente in fattura di vendita Clienti c/spese anticipate Cassa Importo 360,00 360,00 Clienti c/spese anticipate descrive il credito nei confronti dei clienti per l anticipo pagato, compreso IVA. Nell esempio precedente, riguarda le spese di imballaggio e di trasporto a carico del cliente ma anticipate dall impresa venditrice dei beni. All emissione della fattura di vendita saranno contabilizzati i ricavi di vendita e le spese anticipate per conto del cliente Importo Prodotti finiti c/vendite Clienti c/spese anticipate IVA ns/ debito 2.760, ,00 360,00 400, , ,00 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 11

12 d) Ricavi delle prestazioni di servizi Le scritture relative alla vendita di servizi possono essere distinte in base all applicazione della normativa IVA in: i) prestazioni di servizi soggetti ad IVA (operazioni imponibili) Importo Ricavi per prestazioni di servizi IVA ns/ debito 200,00 ii) prestazioni di servizi non imponibili, esenti ed esclusi IVA Importo Ricavi per prestazioni di servizi 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 12

13 e) Ricavi atipici I ricavi atipici derivano da vendite effettuate dall azienda al di fuori dell attività propria. Per attività propria (caratteristica) deve intendersi quella compresa nell ordinaria o normale sfera d azione dell impresa. Esempio. Si ipotizzi la locazione di un immobile commerciale, per un importo di euro + IVA, per una azienda che trasforma merci in prodotti finiti. Importo Locazioni attive IVA ns/debito 200,00 Locazioni attive è un conto Economico di Reddito acceso ai ricavi d esercizio, che rientra, quando si tratta di un ricavo atipico, nel conto sintetico Altri ricavi e proventi. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 13

14 2) Rettifiche su vendite Le rettifiche su vendite (o scritture di rettifica dei ricavi) si riferiscono a fatti aziendali, successivi a quelli di vendita dei beni, volti alla modificazione e alla correzione di un ricavo di vendita. Regola. Le rettifiche su vendite si iscrivono in specifici conti Economici di Reddito accesi alle variazioni d esercizio (conti unilaterali). Accolgono nella sezione del una Variazione Economica Negativa (rettifica di ricavi). Contabilmente è preferibile che le rettificazioni non diminuiscano direttamente i ricavi di vendita a cui si riferiscono. In base alla normativa IVA, essi possono essere contabilizzati con o senza variazione dell IVA. Tratteremo dei seguenti fatti di rettifica: a) resi su vendite; b) abbuoni e sconti su vendite; c) premi su vendite. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 14

15 a) Resi su vendite I resi su vendite si riferiscono a fattori produttivi materiali a fecondità semplice (prodotti finiti o merci) che il cliente rispedisce all azienda, perché non corrispondenti a quanto stabilito: merce eccedente (non corrispondente nella quantità); merce non conforme all ordine (diversa da quella richiesta); merce difettosa o avariata (non corrispondente nella qualità); merce spedita fuori dai tempi di consegna. Dopo la restituzione delle merci, si emette al cliente una nota di accredito per prodotti resi. La nota costituisce il fatto originario per la rilevazione del fatto amministrativo. L azienda emittente ha facoltà di evidenziare nella nota la variazione IVA. Esempio: Importo Resi su vendite IVA ns/credito 280,00 56,00 336,00 336,00 336,00 Resi su vendite è un conto Economico di Reddito acceso alle rettifiche dei ricavi 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 15

16 b) Abbuoni e sconti su vendite L azienda venditrice può concedere degli abbuoni o sconti sul prezzo di vendita quando si presentano i seguenti casi: per pagamenti pronta cassa; per vendite che superano una certa quantità; in alternativa alla restituzione della merce acquistata, il cliente chiede degli abbuoni sul costo di acquisto; per vendite legati a campagne promozionali speciali. Si possono presentare due casi: i) abbuoni e sconti inseriti in fattura; ii) abbuoni e sconti concessi successivamente all emissione della fattura. Esempio. In data 16/11 si vendono merci per 600,00 euro + IVA ordinaria. Si concede uno sconto o un abbuono del 25% sul costo di acquisto. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 16

17 Abbuoni e sconti su vendite i) Abbuoni e sconti inseriti in fattura di vendita dei prodotti Importo Sconti su vendite Prodotti finiti c/vendite IVA ns/debito 540,00 150,00 600,00 90,00 690,00 690,00 ii) Abbuoni e sconti concessi successivamente all emissione della fattura, mediante nota di accredito Importo Abbuoni su vendite IVA ns/credito 150,00 30,00 180,00 180,00 180,00 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 17

18 c) Premi su vendite I premi sono generalmente liquidati dal venditore a fine anno, attraverso emissione di nota di accredito a favore del cliente, in base al raggiungimento di un determinato volume di acquisti. Esempio. Si concede al cliente un premio di fine anno, mediante l emissione di una nota di accredito, per 360,00 euro. i) Premi su vendite con variazione IVA Premi su vendite IVA ns/credito i) Premi su vendite senza variazione IVA Premi su vendite Importo 360,00 72,00 432,00 Importo 360,00 360,00 432,00 432,00 360,00 360,00 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 18

19 D. Regolamento dei crediti Il regolamento del credito è la fase conclusiva dell operazione di vendita. Con la riscossione dei crediti si conclude il ciclo monetario. ACQUISTI COSTO CICLO ECONOMICO VENDITE RICAVO DEBITI USCITA DI DENARO CICLO MONETARIO CREDITI ENTRATA DI DENARO Nella fase del regolamento del credito, la registrazione contabile da luogo ad una permutazione tra variazioni numerarie di segno opposto: Variazione Numeraria Attiva (), connessa all entrata di denaro per l incasso del credito; Variazione Numeraria Passiva (), relativa alla riduzione o all annullamento del credito nei confronti del cliente. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 19

20 Regolamento dei crediti. Classificazione Rispetto al momento, l incasso può essere: anticipato (incasso effettuato in anticipo rispetto all emissione della fattura); immediato (riscossione pronta cassa); differito (concessione di una dilazione di pagamento). Rispetto alle modalità, il regolamento del credito può manifestarsi: in contanti; con assegno; tramite ordine di bonifico bancario, giroconto, carta di credito, su c/c bancario; mediante ricevuta bancaria; per mezzo di versamento su c/c postale (bollettino), postagiro e vaglia postale; attraverso cambiali o altri titoli di credito (BOT, obbligazioni, ecc.); in natura (permuta, cessione di beni, prestazioni di servizi). Rispetto al piano dei conti, la riscossione può aver luogo tramite: Cassa; Banca x c/c; C/c postale; Cambiali attive. Conti Numerari certi Conto Numerario assimilato 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 20

21 Regolamento dei crediti. Riscossioni anticipate La riscossione è anticipata quando effettuata prima dell emissione della fattura di vendita. L ipotesi di incasso anticipato si presenta sovente se il cliente richiede un prodotto su commessa o personalizzato. Al momento della riscossione dell anticipo bisogna tenere conto, ai fini contabili, delle seguenti fasi: 1ª fase) rilevazione del credito nei confronti del fornitore; 2ª fase) riscossione dell anticipo; 3ª fase) liquidazione della fattura di vendita; 4ª fase) riscossione del saldo finale. Esempio. Si incassa tramite c/c bancario un anticipo ad un cliente pari a 2.400,00 euro compreso IVA. Successivamente si emette fattura di vendita per 6.000,00 euro + IVA 20%. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 21

22 Regolamento dei crediti. Riscossioni anticipate Fasi della contabilizzazione della riscossione degli anticipi dai clienti: 1ª fase) Liquidazione anticipi da clienti Anticipi da clienti IVA ns/debito per anticipi Importo 2.400, ,00 Anticipi da clienti è un conto Numerario che misura un debito verso i clienti. L IVA a debito per anticipi (conto Numerario) è calcolata sull incasso anticipato. L anticipo è soggetto ad IVA in quanto è relativo al ricavo di vendita dei prodotti ,00 400, ,00 2ª fase) Riscossione degli anticipi Banca x c/c Importo 2.400, , , ,00 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 22

23 Regolamento dei crediti. Riscossioni anticipate 3ª fase) Liquidazione della fattura Anticipi da clienti Prodotti finiti c/vendite IVA ns/debito Importo 4.800, , , ,00 800, ,00 4ª fase) Riscossione degli anticipi Banca x c/c Importo 4.800, , , ,00 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 23

24 Modalità di riscossione 1) Riscossione tramite Cassa (contanti, vaglia postale, bollettino postale, ricevuta bancaria) Importo Cassa 2) Riscossione tramite c/c bancario (assegni, bonifico, giroconto, carta di credito, carta di debito o bancomat, ricevuta bancaria) Banca x c/c Importo 3) Riscossione tramite c/c postale (postagiro, carta di credito postale) Importo C/c postale 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 24

25 Modalità di riscossione. Cambiali attive 4) Riscossione tramite effetti (cambiali attive) L incasso tramite cambiali può avvenire secondo due modalità: emissione di nuove cambiali passive a carico del debitore (pagherò o tratta); girata di cambiali attive (pagherò, tratta o cambiale finanziaria). In entrambi i casi, nella contabilità generale del creditore si registra l accettazione di una cambiale attiva. Importo Cambiali attive Alla scadenza, se il creditore non effettua nessuna operazione sulla cambiale attiva (effetti all incasso, sconto, girata) e nel caso il cliente provveda a saldare il debito, si effettua la seguente registrazione: Importo Cassa Cambiali attive 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 25

26 Ribassi e arrotondamenti passivi Ribassi e arrotondamenti passivi è un conto economico di reddito acceso alle rettifiche di ricavi. Si tratta di ribassi o arrotondamenti di modesta entità che l azienda concede al proprio cliente al momento dell incasso, specialmente quando questo avviene in contanti o tramite assegno. Generalmente, trattandosi di importi contenuti, l azienda non emette una nota di accredito per il recupero dell IVA. Esempio. In data 21/08 si incassa in contanti da un cliente euro, relativi ad una fattura di vendita n. 922, dell importo totale di 1.205,38 euro. La scrittura è la seguente: Importo Arrotondamenti passivi Banca x c/c 5, , , ,38 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 26

27 Esercitazione La ditta Coca Jeans riceve in data 11/11 la fattura n. 89 di acquisto semilavorati in pelle dalla ditta Piter Pan, per l importo di 7.800,00 euro + IVA ordinaria. In data 17/11 si effettua il pagamento mediante assegno bancario. La ditta costruzioni S.r.l. emette in data 11/11 fattura di vendita n. 340 di per la vendita di un fabbricato per ufficio in Italia, alla ditta Sfinge, per l importo di ,00 euro + IVA al 10%. In data 17/11 il cliente effettua il pagamento mediante assegno bancario. Si redigano le scritture in partita doppia, indicando la data e la descrizione dell operazione, i movimenti dei conti nei rispettivi mastri, il piano dei conti e la natura di ogni conto. 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 27

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011 Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali La società D Alessio S.p.a. ha un Capitale sociale di 120.000, interamente versati in un conto corrente bancario. Nel corso

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

MANIFESTAZIONE NUMERARIA

MANIFESTAZIONE NUMERARIA LA PARTITA DOPPIA Oggetto del corso di contabilità sono le rilevazioni contabili effettuate con il metodo della Partita Doppia applicata al sistema del reddito. I principi su cui si fonda la Partita Doppia

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA 1 IL SISTEMA DEL CAPITALE E DEL RISULTATO ECONOMICO I FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE SONO RAPPRESENTATI

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

LA CONTABILITÀ GENERALE

LA CONTABILITÀ GENERALE LA CONTABILITÀ GENERALE OGGETTO: IL SISTEMA DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCOPO: 1) DETERMINAZIONE PERIODICA CAPITALE DI FUNZIONAMENTO E REDDITO 2) CONTROLLO CONTINUO MOVIMENTI FINANZIARI ED ECONOMICI STRUMENTO:

Dettagli

http://127.0.0.1:51235/temp_print_dirs/exetempprintdir_4a8dzj/prog...

http://127.0.0.1:51235/temp_print_dirs/exetempprintdir_4a8dzj/prog... 1 of 15 06/03/2012 18.47 Le vendite e il loro regolamento In questo modulo analizzeremo i principali aspetti giuridici, tecnici e fiscali relativi alla vendita di beni e servizi. Esamineremo le scritture

Dettagli

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE 1 CORSO BASE DI CONTABILITA' BILANCIO e DIRITTO TRIBUTARIO 2011 1 MODULO REGOLE BASE DI CONTABILITA DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE PROGRAMMA La rilevazione

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

IL CONTO (1 ) + cassa - cassa. Motivi: Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti

IL CONTO (1 ) + cassa - cassa. Motivi: Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti IL CONTO (1 ) Dare CASSA Avere + cassa - cassa Motivi: ❿ ❿ ❿ Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti Motivi: ❿ ❿ ❿ Rimborso finanziamento Acquisti per contanti Pagamento debiti 1

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Le rilevazioni contabili

Le rilevazioni contabili Le rilevazioni contabili Una rilevazione contabile consiste nella raccolta e nella elaborazione dei dati relativi alla gestione, al fine di rappresentarli e interpretarli. Le rilevazioni contabili si concretano

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

LA NON CONFORMITÀ DEI BENI E LO SCONTO

LA NON CONFORMITÀ DEI BENI E LO SCONTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Economia Corso di Ragioneria Generale ed Applicata LA NON CONFORMITÀ DEI BENI E LO SCONTO Dott.ssa Irene Gnani LA NON CONFORMITÀ DEI BENI: RESI E ABBUONI La

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA L azienda può finanziare lo svolgimento della propria attività produttiva mediante: a) CAPITALE PROPRIO: si tratta di mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci;

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali Le rimanenze finali Durante l esercizio le imprese sostengono costi relativi a: l acquisto di materie prime e merci; la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti; la gestione e l immagazzinamento

Dettagli

La contabilità generale

La contabilità generale La contabilità generale III classe ITC Prof. Luigi Trojano 1 Struttura SIA integrato SIA integrato Sottosistema Contabile raccoglie e coordina le informazioni riguardanti le operazione di gestione interna

Dettagli

Libri contabili e scritture. Prof. Luigi Trojano 1

Libri contabili e scritture. Prof. Luigi Trojano 1 Libri contabili e scritture Prof. Luigi Trojano 1 Agenda 1 I libri e le rilevazioni in partita doppia 2 Imposta sul valore aggiunto 3 Esercizi: acquisti, vendite, liquidazione IVA Prof. Luigi Trojano 2

Dettagli

INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA CAPITOLO II IL CAPITALE O PATRIMONIO

INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA CAPITOLO II IL CAPITALE O PATRIMONIO INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA 1.1. Analisi del concetto di azienda.... pag. 3 1.2. Azienda e ambiente....» 11 1.3. Tipologie di aziende....» 14 1.4.

Dettagli

Prof. D. Nicolò Univ. Mediterranea di Reggio Calabria

Prof. D. Nicolò Univ. Mediterranea di Reggio Calabria INCASSO CREDITI Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. Cassa (Banca c/c) a Crediti v/clienti Interessi di mora Valore nominale del credito = var.

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali.

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. INCASSO CREDITI Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. Cassa (Banca c/c) a Crediti v/clienti Interessi di mora Valore nominale del credito = var.

Dettagli

Operazioni di gestione

Operazioni di gestione DISPENSA XXXXXXXXXXXXX MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Dispensa Operazioni di gestione ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE Le liquidazioni

Dettagli

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero + =? r i =??? 1/11/n 9 20% 1? a 5 4 fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea % Marina Ciaudano Maria Sobrero fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia

Dettagli

!!!!! Le spese di trasporto nel commercio interno! Consegnare la merce con un proprio mezzo. Il venditore può: Fare consegnare la merce ad un vettore

!!!!! Le spese di trasporto nel commercio interno! Consegnare la merce con un proprio mezzo. Il venditore può: Fare consegnare la merce ad un vettore Le spese di trasporto nel commercio interno Il venditore può: Consegnare la merce con un proprio mezzo Fare consegnare la merce ad un vettore Consegnare con un proprio mezzo significa offrire al compratore

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000.

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000. OPERAZIONE 1 Acquisto di attrezzature per 15.000, IVA 20%, regolamento con assegno bancario; ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2014-2015 CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI MODULO 1. L azienda e la sua organizzazione Unità 1 L azienda, il contesto

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale

Dettagli

ANTICIPI E CAPARRE. Tali somme possono avere natura di: 1. ANTICIPO 2. CAPARRA

ANTICIPI E CAPARRE. Tali somme possono avere natura di: 1. ANTICIPO 2. CAPARRA ANTICIPI E CAPARRE Contestualmente alla stipula di un contratto di compravendita, può accadere che l acquirente versi al venditore una determinata somma di denaro. Tali somme possono avere natura di: 1.

Dettagli

Le operazioni accessorie

Le operazioni accessorie Albez edutainment production Le operazioni accessorie III Classe ITC 1 I servizi di riscossione Sono servizi svolti dalla banca per conto dell impresa e riguardano principalmente le disposizioni elettroniche

Dettagli

Corso di RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA. Prof.ssa Elena CRISTIANO. Corso di laurea in Economia ESERCITAZIONE 1

Corso di RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA. Prof.ssa Elena CRISTIANO. Corso di laurea in Economia ESERCITAZIONE 1 Corso di RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA Prof.ssa Elena CRISTIANO Corso di laurea in Economia ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 1: ACQUISTI VENDITE RESI I.V.A. RETRIBUZIONI Si rilevino sul libro giornale

Dettagli

Conoscere due modalità di finanziamento dell impresa. Facoltà di Economia. oggetto della lezione. obiettivo della lezione

Conoscere due modalità di finanziamento dell impresa. Facoltà di Economia. oggetto della lezione. obiettivo della lezione Università degli studi di L Aquila RAGIONERIA GENERALE E APPLICATA I FINANZIAMENTI: IL RIPORTO PASSIVO E LO SMOBILIZZO DI CREDITI FABIO CIAPONI Facoltà di Economia oggetto della lezione I FINANZIAMENTI:

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE CONTABILITA GENERALE 15 REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI E SCRITTURE DI COSTITUZIONE 3 novembre 2006 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 Contabilità Generale

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

Economia Aziendale. Lezione 1

Economia Aziendale. Lezione 1 Economia Aziendale Pagina 2 Contenuto didattico Le operazioni di gestione Il sistema delle rilevazioni contabili Lo strumento principale per le rilevazioni contabili: il conto La rilevazione tra sistema

Dettagli

L acquisizione delle materie. Lezione 5

L acquisizione delle materie. Lezione 5 L acquisizione delle materie Lezione 5 Acquisti di beni materiali Materie prime Materiali di consumo Semilavorati Merci Il conto da utilizzare relativo al bene acquisito sarà c/acquisti. Acquisti e iva

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità Esercitazioni di Ragioneria Generale ed Applicata Modulo 1 a cura della Dott.ssa S. Basta Materiale didattico riservato esclusivamente a circolazione interna SETTIMANA 3 ARGOMENTI: SCRITTURE CONTINUATIVE:

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: LE RILEVAZIONI. Prof. Giovanni Frattini

CONTABILITA E BILANCIO: LE RILEVAZIONI. Prof. Giovanni Frattini CONTABILITA E BILANCIO: LE RILEVAZIONI Prof. Giovanni Frattini 1 Dal capitolo 3 - Le rilevazioni. La rilevazione delle variazioni di esercizio e dei connessi valori numerari. Il ciclo acquisti; Il ciclo

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Iva

Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Iva Il sistema informativo e le contabilità aziendali Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Tutorial ESERCIZIO Nel corso del mese di maggio dell anno n la ditta Giuliano Lenti

Dettagli

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili nazionali OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti CLAUDIA MEZZABOTTA 1 dicembre 2014 Sala Conferenze Biblioteca Comunale Cernusco

Dettagli

delle caratteristiche e della struttura proprie del quadro dei conti di un'azienda mercantile.

delle caratteristiche e della struttura proprie del quadro dei conti di un'azienda mercantile. Modulo La rilevazione 55 I destinatari del modulo sono gli studenti che hanno dimostrato, attraverso il superamento della verifica sommativa del modulo precedente, di aver acquisito le necessarie conoscenze

Dettagli

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download Download Impresa individuale esercente attività mercantile 1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo Nome del conto Natura 10 P Banche c.c Fondi liquidi 11 P c.c. postali Fondi liquidi 12 P

Dettagli

Le contabilità sezionali. Prof. Sartirana

Le contabilità sezionali. Prof. Sartirana Le contabilità sezionali Prof. Sartirana Le contabilità delle disponibilità liquide Contabilità della cassa Contabilità dei conti correnti bancari Contabilità dei conti correnti postali Per gestire la

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

COMPENDIO RIASSUNTIVO DELLE SCRITTURE RELATIVE ALLE OPERAZIONI CON LE BANCHE

COMPENDIO RIASSUNTIVO DELLE SCRITTURE RELATIVE ALLE OPERAZIONI CON LE BANCHE COMPENDIO RIASSUNTIVO DELLE SCRITTURE RELATIVE ALLE OPERAZIONI CON LE BANCHE a) rilevare interessi passivi Es. Rilevatiinteressi passivi su c/c bancario per 300 INTERESSI PASSIVI BANCARI interessi passivi

Dettagli

Modalità di acquisizione

Modalità di acquisizione Modalità di acquisizione 1.La provvista 2.La cessione 3.Il ricevimento 1 La provvista L azienda acquista, presso i fornitori degli stessi, gli imballaggi che poi userà come contenitori quando venderà le

Dettagli

Esercizio sulla contabilità: la gestione. Fasi di rilevazione

Esercizio sulla contabilità: la gestione. Fasi di rilevazione Fasi di rilevazione 1 Stato patrimoniale iniziale 2 Operazioni di gestione durante l esercizio 3 Primo bilancio di verifica ante rettifiche 4 Rettifiche di fine esercizio 5 Secondo bilancio di verifica

Dettagli

I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto **

I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto ** Corso di Analisi di bilancio. A. A. 2012/2012 Ricerca personale I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto ** Salvatore Marcianò **Il Docente non interviene nell elaborazione delle

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE

IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE IL SISTEMA DI VALORI ESPRESSIVI E QUANTIFICATIVI DEI FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE TROVANO UN APPROPRIATA RAPPRESENTAZIONE ATTRAVERSO

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO A.S. 2012/2013 Pagina 1 di 6 Conoscenze Abilità Competenze professionali MODULO 1 L azienda e la sua organizzazione 1. 1. L azienda, il contesto in cui opera, delocalizzazione e globalizzazione dei mercati

Dettagli

Modulo 3 :La gestione dell impresa :patrimonio e reddito

Modulo 3 :La gestione dell impresa :patrimonio e reddito Istituto Salesiano Sacro Cuore (Napoli Vomero) I.T. Amministrazione Finanza e Marketing Classe III Prof Enzo Sorvino PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE svolto nell anno scolastico 2013/2014 Testo adottato:

Dettagli