Provincia Autonoma di Trento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia Autonoma di Trento"

Transcript

1 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 26 ottobre 2012, n Approvazione dei criteri e modalità per dare attuazione alle disposizioni di cui all'articolo 8- sexies, del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208 convertito con legge 27 febbraio 2009, n. 13 nonché per il rimborso ai Comuni delle somme corrisposte agli utenti della quota di tariffa relativa al servizio di depurazione non dovuta. Il Relatore comunica: con sentenza n. 335 del 8 ottobre 2008 la Corte costituzionale ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 4, comma 1, della legge 5 gennaio 1994, n. 36, sia nel testo originario, sia nel testo modificato dall art. 28 della Legge 179/2002, nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti anche nel caso in cui la fognatura sia sprovvista impianti centralizzati di depurazione, o questi siano temporaneamente inattivi. La Corte ha altresì dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 155, comma 1, primo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi. La tariffa di depurazione in Provincia è disciplinata dall art. 35 della legge provinciale 27 agosto 1999, n. 3 nonché dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 6868, di data 8 ottobre La sopra citata deliberazione n. 6868/1999, pur definendo un sistema tariffario parzialmente diverso rispetto a quello statale, in quanto esclude che la tariffa sia dovuta nei comuni che non siano collegati ad alcun impianto di depurazione, prevede che, qualora sul territorio comunale sia in funzione un impianto di depurazione centralizzato, tutti gli utenti del servizio di fognatura siano tenuti al pagamento della quota di tariffa relativa alla depurazione, anche se l impianto non provvede alla depurazione di tutte le acque provenienti da insediamenti civili. In questo caso, quindi, la disciplina provinciale è in contrasto con quanto affermato dalla Corte costituzionale in quanto impone a taluni utenti il pagamento della tariffa anche ove il servizio di depurazione non sia fruito. A seguito della sentenza della Corte costituzionale, a livello statale, è stato emanato l'art. 8-sexies, del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13, recante misure straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione dell'ambiente. Tale decreto ha demandato a successivi decreti ministeriali la definizione dei criteri e dei parametri per l attuazione della sentenza; La Provincia è intervenuta in via legislativa con l art. 56 della legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2, il quale prevede che La Giunta provinciale determina con propria deliberazione i criteri e le modalità per dare attuazione alle finalità dell art. l'art.8-sexies, del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208, ( ) disciplinando anche le modalità di rimborso ai comuni delle somme corrisposte agli utenti ( ). Tale articolo è stato oggetto di impugnazione davanti alla Corte costituzionale da parte del Consiglio dei Ministri. Con sentenza n. 357 di data 15 dicembre 2010 la Corte costituzionale ha dichiarato non fondate le questioni di illegittimità promosse dal Consiglio dei Ministri.

2 140 Con il presente provvedimento, quindi, si intende dare attuazione a quanto stabilito dal sopra citato art. 56 della legge provinciale 2/2009, definendo i criteri per il rimborso delle somme indebitamente versate dagli utenti ai sensi della sopra citata sentenza della Corte costituzionale n. 335/2008. Il rimborso deve avvenire su istanza dell utente interessato come precisato con deliberazione n. 25 del 10 febbraio 2009 della Corte dei Conti sezione Lombardia di cui si riporta uno stralcio: Quanto al quesito relativo alla modalità della domanda di rimborso va ricordato che chi richiede la restituzione delle somme pagate deve dare la prova dell avvenuto pagamento, ma che tale prova non è costituita esclusivamente dalla ricevuta di pagamento ma anche attraverso altre forme recentemente in uso che comunque attestino il pagamento del corrispettivo. LA GIUNTA PROVINCIALE VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e s.m.i.; VISTA la sentenza della Corte costituzionale n. 335, dd. 8 ottobre 2008; VISTO l'art.8-sexies, del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13, recante misure straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione dell'ambiente; VISTO l art. 56 della L.P. 28 marzo 2009, n. 2; VISTA la sentenza della Corte costituzionale n. 357, di data 15 dicembre 2010; CONSIDERATO che, ai sensi degli artt. 14, della legge 5 gennaio 1994, n. 36, e 155, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, i soggetti non allacciati, in quanto non allacciabili, alla pubblica fognatura, che provvedono autonomamente alla depurazione dei propri scarichi non sono tenuti al pagamento della quota di tariffa riferita al servizio di fognatura e depurazione; CONSIDERATO che i soggetti allacciati alla pubblica fognatura non afferente ad un impianto di depurazione biologica sono tenuti al pagamento del servizio di fognatura ma non anche al pagamento della quota di tariffa relativa alla depurazione; CONSIDERATO che i soggetti allacciati alla pubblica fognatura afferente al solo trattamento tipo imhoff sono tenuti al pagamento del servizio di fognatura ma non anche al pagamento della quota di tariffa relativa alla depurazione; CONSIDERATO che la giurisprudenza della Corte dei conti ha costantemente evidenziato la necessità di una documentata istanza da parte dell'utente per ottenere la restituzione delle somme di cui all'art. 8- sexies del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13; CONSIDERATO che, essendo la tariffa di depurazione introitata dai Comuni contestualmente alla tariffa relativa all acqua potabile e al servizio di fognatura, e considerato che la situazione degli allacciamenti privati alla pubblica fognatura, nonché il recapito della medesima ad eventuali impianti di depurazione è situazione nota alle Amministrazioni comunali; CONSIDERATO che la giurisprudenza della Corte dei conti ha in prevalenza indicato per il diritto al rimborso delle somme di cui all'art. 8-sexies del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13, il termine di prescrizione quinquennale ex art del codice civile; VISTO il parere favorevole del Consiglio delle Autonomie Locali di data 6 settembre 2012; a voti unanimi, espressi nelle forme di legge, delibera 1. di approvare, ai sensi dell art. 56 della legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 i criteri per dare attuazione al disposto dell'art. 8 sexies del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13, di cui all allegato A, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

3 di dare atto che la quota di tariffa relativa al servizio di depurazione non dovuto ai sensi della sentenza della Corte costituzionale n. 335/2008 sarà rimborsata agli utenti dai Comuni interessati; 3. di dare atto che la Provincia, tramite l Agenzia per la depurazione, provvederà, con le modalità indicate al capo II dei criteri allegati al presente provvedimento, al rimborso ai Comuni degli importi restituiti agli utenti; 4. di dare atto che, ai sensi del comma 2 del medesimo art. 56 della L.P. 2/2009, alle spese derivanti dal presente provvedimento vi farà fronte l Agenzia per la depurazione con i fondi del proprio bilancio; 5. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige. IL VICE PRESIDENTE DELLA PROVINCIA ALBERTO PACHER LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI PATRIZIA GENTILE

4 142 Allegato parte integrante All. A - CRITERI CRITERI E MODALITÀ PER DARE ATTUAZIONE ALLE FINALITÀ DELL ART.8-SEXIES, DEL DECRETO LEGGE 30 DICEMBRE 2008, N. 208, NONCHÉ PER IL RIMBORSO AI COMUNI DELLE SOMME CORRISPOSTE AGLI UTENTI DELLA QUOTA DI TARIFFA RELATIVA AL SERVIZIO DI DEPURAZIONE NON DOVUTA Capo I Criteri e modalità per la restituzione agli utenti Art. 1 Ambito di applicazione 1. In attuazione dell'art.8-sexies, del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13, il presente capo individua i criteri ed i parametri per la restituzione agli utenti della quota di tariffa non dovuta riferita al servizio di depurazione. 2. Il presente atto si applica ai soggetti che hanno versato la quota di tariffa relativa alla depurazione, che rientrino nelle sotto elencate categorie: a) soggetti non allacciati alla pubblica fognatura, che provvedano autonomamente alla depurazione dei propri scarichi ovvero siano autorizzati ai sensi del D.P.G.P. 26 gennaio 1987, n. 1-41/Leg. e s.m.; b) soggetti allacciati alla pubblica fognatura non afferente ad un impianto di trattamento secondario; c) soggetti allacciati alla pubblica fognatura afferente al solo trattamento primario. 3. decorrenza: le richieste di rimborso dovranno riferirsi ai versamenti effettuati entro i 5 anni precedenti la pubblicazione della sentenza della corte costituzionale 8 ottobre 2008, n Art. 2 Definizioni 1. Ai fini dei presenti criteri, si intende per: "trattamento primario": il trattamento delle acque reflue urbane mediante un processo fisico e/o chimico che comporti la sedimentazione dei solidi sospesi, ovvero mediante altri processi a seguito dei quali il BOD5 delle acque reflue in arrivo sia ridotto almeno del 20% prima dello scarico e i solidi sospesi totali delle acque reflue in arrivo siano ridotti almeno del 50% (impianto tipo imhoff o equivalente); "trattamento secondario": trattamento delle acque reflue urbane mediante un processo che in genere comporta il trattamento biologico con sedimentazioni Pag. 1 di 2 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-D

5 143 secondarie, o un altro processo in cui vengano rispettati i requisiti stabiliti nella tabella 1 dell'allegato 5 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (impianto di depurazione biologica o equivalente). Art. 3 Procedura per le restituzioni Gli utenti interessati dovranno presentare idonea istanza di rimborso al Comune di appartenenza o all ente gestore del servizio, dimostrando di rientrare in uno dei criteri di cui al precedente art. 1. Il Comune, nel termine di 90 giorni dal ricevimento dell istanza, dovrà verificare la regolarità della domanda e l effettivo possesso dei requisiti per la restituzione, determinando l importo, con i relativi interessi, che dovrà essere restituito. Il Comune provvederà alla restituzione anche in forma rateizzata o mediante compensazione. CAPO II Criteri e modalità per il rimborso ai comuni delle somme corrisposte agli utenti Art. 4 Rimborso ai comuni La Provincia provvederà, attraverso l Agenzia per la depurazione, al rimborso ai Comuni delle somme restituite agli utenti, entro 60 giorni dalla presentazione di appositi rendiconti indicanti le somme effettivamente erogate e compatibilmente con la disponibilità di cassa della medesima Agenzia. Pag. 2 di 2 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-D

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE 8-2-2010 DECRETO 30 settembre 2009. MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Individuazione dei criteri e dei parametri per la restituzione agli utenti della quota di tariffa non

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 30 settembre 2009. MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Individuazione dei criteri e dei parametri per la restituzione agli utenti della quota di tariffa non dovuta

Dettagli

Le criticità dell emanando decreto

Le criticità dell emanando decreto Le criticità dell emanando decreto Il Decreto Ministeriale sui rimborsi della tariffa di depurazione: Criticità, soluzioni e prospettive per il futuro Roma, 11 dicembre 2009 Sommario Le disposizioni della

Dettagli

TARIFFA SERVIZIO IDRICO: QUOTA VINCOLATA DEPURAZIONE PREMESSO CHE

TARIFFA SERVIZIO IDRICO: QUOTA VINCOLATA DEPURAZIONE PREMESSO CHE INTERPELLANZA 13 Ioselito Arcioni e Sergio Romagnoli Consiglieri Comunali Fabriano Fabriano 03 Gennaio 2013 Ill.mi Presidente Consiglio Comunale Comune di Fabriano Sig. Giuseppe Luciano Pariano Sindaco

Dettagli

Sen e t n e t n e z n a a C or o t r e t e C os o ti t tu t z u ion o a n l a e e n. 335/2008 1

Sen e t n e t n e z n a a C or o t r e t e C os o ti t tu t z u ion o a n l a e e n. 335/2008 1 Sentenza Corte Costituzionale n. 335/2008 1 La sentenza della Corte Costituzionale n. 335/2008 ha riconosciuto l illegittimità costituzionale parziale: dell art. 14, c. 1, della L. 36/1994: La quota di

Dettagli

La sentenza 335/2008 e i suoi impatti sugli utenti.

La sentenza 335/2008 e i suoi impatti sugli utenti. La sentenza 335/2008 e i suoi impatti sugli utenti RIFERIMENTI La sentenza della Corte Costituzionale n. 335/2008 pubblicata sulla GU del 15 ottobre 2008 Art. 8 sexies della Legge 27 febbraio 2009, n.

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Decreto n. 13 dell 11 aprile 2013

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Decreto n. 13 dell 11 aprile 2013 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO Decreto n. 13 dell 11 aprile 2013 Oggetto: Restituzione agli utenti del servizio idrico integrato dell AATO Veronese della quota di tariffa non dovuta riferita al servizio

Dettagli

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA Delibera Consiglio di Amministrazione ATTO n. 7 OGGETTO: Decreto M.A.T.T. 30 settembre 2009 Individuazione dei criteri e dei parametri

Dettagli

N. 9 data

N. 9 data DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 9 data 20-11-2014 Oggetto: Regolarizzazione posizione utenti inseriti negli elenchi dei potenziali aventi diritto al rimborso della tariffa di depurazione

Dettagli

CITTÀ DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO)

CITTÀ DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) CITTÀ DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE n 180 del 6 LUGLIO 2011 O G G E T T O : SENTENZA CORTE COSTITUZIONALE N 335/2008 - DETERMINAZIONI L'ANNO DUEMILAUNDICI il giorno

Dettagli

Deliberazione n. 5/pareri/2005

Deliberazione n. 5/pareri/2005 Deliberazione n. 5/pareri/2005 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Enrico Gustapane dott. Mario Donno dott. Donato Maria

Dettagli

Parere n. 29/ Rimborso canoni già riscossi

Parere n. 29/ Rimborso canoni già riscossi Parere n. 29/2009 - Rimborso canoni già riscossi Il Comune (omissis), con nota telematica del 3 marzo 2009, ha proposto un quesito in merito alla dibattuta applicazione dei canoni di depurazione delle

Dettagli

COMUNE DI MEZZANO Provincia di Trento

COMUNE DI MEZZANO Provincia di Trento COPIA COMUNE DI MEZZANO Provincia di Trento Verbale di deliberazione N. 124 del 16-12-2015 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Tariffa per il servizio di FOGNATURA: approvazione del piano finanziario e determinazione

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 16/I-II del 20/04/2010 / Amtsblatt Nr. 16/I-II vom 20/04/2010 39 56950 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Decreto n. 20 del 15 maggio 2013

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Decreto n. 20 del 15 maggio 2013 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO Decreto n. 20 del 15 maggio 2013 Oggetto: Restituzione agli utenti del servizio idrico integrato dell AATO Veronese della quota di tariffa non dovuta riferita al servizio di

Dettagli

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA Delibera del Consiglio di Amministrazione ATTO n. 22 OGGETTO: Approvazione degli elenchi di cui all art. 4, Decreto MATT 30.09.2009 (rimborso

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 162 del 18/12/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 162 del 18/12/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 162 del 18/12/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 novembre 2015, n. 2139 Regolarizzazione Contabile e Variazione amministrativa al Bilancio di previsione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 998 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 e ss.mm.ii. sul

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 29/12/2015 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 29/12/

Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 29/12/2015 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 29/12/ Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 29/12/2015 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 29/12/2015 0078 103979 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1690 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione dei "Criteri e modalità per l'attuazione del Programma Operativo Ob.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1554 Prot. n. 216/13cdz VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 4 marzo 2010, n. 1 (Pianificazione urbanistica e governo

Dettagli

così come modificato con Decreto del Presidente della Giunta regionale del 2 febbraio 2015, n. 11/R in materia di apprendistato;

così come modificato con Decreto del Presidente della Giunta regionale del 2 febbraio 2015, n. 11/R in materia di apprendistato; 9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis della l.r. 23/2007 e sulla banca dati degli atti

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 95 Prot. n. D330-2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Attuazione di quanto previsto dal comma 1 dell'art. 35 della l.p. 27 agosto

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL RIMBORSO DELLA TARIFFA DI DEPURAZIONE A SEGUITO DELLA SENTENZA N. 335/2008 DELLA CORTE COSTITUZIONALE

LINEE GUIDA PER IL RIMBORSO DELLA TARIFFA DI DEPURAZIONE A SEGUITO DELLA SENTENZA N. 335/2008 DELLA CORTE COSTITUZIONALE LINEE GUIDA PER IL RIMBORSO DELLA TARIFFA DI DEPURAZIONE A SEGUITO DELLA SENTENZA N. 335/2008 DELLA CORTE COSTITUZIONALE Premessa Il presente documento precisa e chiarisce i criteri e le modalità operative

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2015, n. 805

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2015, n. 805 DELIBERAZIONE 4 agosto 2015, n. 805 Approvazione degli impegni relativi ai Criteri di Gestione Obbligatoria (GCO), Buone Condizioni Agronomiche Ambientali (BCAA) ai sensi del DM 23 gennaio 2015 Disciplina

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 461 Prot. n. 30/2016-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione programma periodico di spesa per le attività concorsuali dell'ufficio

Dettagli

Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria

Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria Deliberazione n. 49/2009 Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria NELL ADUNANZA DEL 12 Febbraio 2009 composta dai magistrati: - Pres. Sez. Martino COLELLA Presidente - Cons. Giuseppe

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 15 Prot. n. S110/af VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Determinazione del fabbisogno convenzionale di cassa mensile per il 2012 con

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2792 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: EDILIZIA ABITATIVA: concessione di contributi in conto capitale per interventi di

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA. Unità di Direzione Istruzione e Cultura. DELIBERA GIUNTA COMUNALE n. 197 del 22/9/2015

CITTÀ DI POTENZA. Unità di Direzione Istruzione e Cultura. DELIBERA GIUNTA COMUNALE n. 197 del 22/9/2015 CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione e Cultura DELIBERA GIUNTA COMUNALE n. 197 del 22/9/2015 OGGETTO: Tariffe Servizio Ristorazione Scolastica Anno scolastico 2015/2016 RELAZIONE ISTRUTTORIA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROV.LE INCENTIVAZIONE ATTIVITÀ ECONOMICHE Prot. n. PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE DELL AGENZIA N. 943 DI DATA 22 Dicembre 2015 O G G E T T O: Adozione del Piano di attività

Dettagli

COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO P r o v i n c i a d i C u n e o. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO P r o v i n c i a d i C u n e o. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO P r o v i n c i a d i C u n e o C O P I A DELIBERAZIONE Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 02 O G G E T T O : A n t i c i p a z i o n e t e s o r e r

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1933 Prot. n. S110/lv VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Punto A.8) Protocollo d'intesa in materia di finanza locale per il 2010:

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE DIREZIONE AMBIENTE SERVIZIO TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO E GESTIONE DEI RIFIUTI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : RINNOVO

Dettagli

Servizi di depurazione, individuati i parametri per restituire agli utenti la tariffa non dovuta

Servizi di depurazione, individuati i parametri per restituire agli utenti la tariffa non dovuta Servizi di depurazione, individuati i parametri per restituire agli utenti la tariffa non dovuta Decreto del ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare 30 settembre 2009 Gazzetta

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del 18/07/2017 / Amtsblatt Nr. 29/I-II vom 18/07/

Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del 18/07/2017 / Amtsblatt Nr. 29/I-II vom 18/07/ Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del 18/07/2017 / Amtsblatt Nr. 29/I-II vom 18/07/2017 0160 181781 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2017 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

Dettagli

Il Responsabile di Area

Il Responsabile di Area COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino DETERMINAZIONE N. 36 / FIN DEL 20/03/2015 OGGETTO: PRESA D'ATTO SOMME INTROITATE. IMPEGNO E LIQUIDAZIONE DIRITTI DI ROGITO SUI CONTRATTI AL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI CERVA. (Provincia di Catanzaro) F I N A N Z I A R I A D E T E R M I N A Z I O N E N. 26

COMUNE DI CERVA. (Provincia di Catanzaro) F I N A N Z I A R I A D E T E R M I N A Z I O N E N. 26 COMUNE DI CERVA (Provincia di Catanzaro) A R E A F I N A N Z I A R I A D E T E R M I N A Z I O N E N. 26 OGGETTO: PAGAMENTO DEBITI CON ANTICIPAZIONE DÌ CUI AL D.L. 78/ EROGAZIONE L anno DUEMILAQUINDICI,

Dettagli

L. 30-12-2004 n. 311 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005). Pubblicata nella Gazz. Uff. 31 dicembre 2004, n. 306, S.O. ----------------------

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 670 Prot. n. S110/af VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Definizione delle nuove modalità di erogazione dei trasferimenti a favore

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 102 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 102 della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI TERRAGNOLO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 102 della Giunta Comunale OGGETTO: Affidamento incarico a Poste Italiane S.p.A. per fornitura servizi aggiuntivi per il periodo

Dettagli

COMUNE DI MALÉ Provincia di Trento

COMUNE DI MALÉ Provincia di Trento COMUNE DI MALÉ Provincia di Trento COPIA Verbale di Deliberazione nr. 8 del Consiglio Comunale Oggetto: L anno duemilaquindici addì tredici mese di marzo alle ore 20.00 nella sala delle riunioni della

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2016, n. 1261

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2016, n. 1261 90 21.12.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2016, n. 1261 Modalità organizzative nonché indirizzi operativi volti ad individuare forme di snellimento e raccordo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 292 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione dei nuovi criteri generali di intervento per la realizzazione delle

Dettagli

Contributo dei gruppi consiliari di cui all articolo 3 della lr 56/84. Aggiornamento con decorrenza marzo e aprile 2015.

Contributo dei gruppi consiliari di cui all articolo 3 della lr 56/84. Aggiornamento con decorrenza marzo e aprile 2015. Contributo dei gruppi consiliari di cui all articolo 3 della lr 56/84. Aggiornamento con decorrenza marzo e aprile 2015. Art. 3 - Contributi 1. Ai gruppi consiliari, costituiti ai sensi dell articolo 42,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO EMIGRAZIONE E SOLIDARIETA' INTERNAZIONALE Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 18 DI DATA 01 Febbraio 2016 O G G E T T O: L.P. 10/88 "Sostegno alla cooperazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3947 Seduta del 31/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3947 Seduta del 31/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3947 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 259 DELLA GIUNTA MUNICIPALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 259 DELLA GIUNTA MUNICIPALE copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 259 DELLA GIUNTA MUNICIPALE PROT. N. 2016-0013912 / BILPEVA2016 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2016-2018: PRELEVAMENTO DAL FONDO DI RISERVA E STORNI DALLO STESSO INTERVENTO

Dettagli

ATO CENTRALE FRIULI LINEE GUIDA SULLA APPLICAZIONE DEL DM

ATO CENTRALE FRIULI LINEE GUIDA SULLA APPLICAZIONE DEL DM ATO CENTRALE FRIULI LINEE GUIDA SULLA APPLICAZIONE DEL DM 30.09.2009 IN APPLICAZIONE DELL ART.8 SEXIES DELLA LEGGE N. 13/2009 E DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 335/2008 (allegato alla Delibera

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 191 del 27/10/2015

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 191 del 27/10/2015 COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 191 del 27/10/2015 OGGETTO: ANTICIPAZIONE TESORERIA ANNO 2016 L anno duemilaquindici addì ventisette del mese di ottobre

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 33 del 26/02/2016

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 33 del 26/02/2016 COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 33 del 26/02/2016 OGGETTO: RUOLO SUPPLETIVO TARI 2015, TARI 2014 E TARES 2013: FISSAZIONE NUMERO RATE E SCADENZA DEL

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 3 dd

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 3 dd Deliberazione n. 3 dd. 09.06.2015 Pagina 1 di 5 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO Provinci a di T r en to Verbale di Deliberazione della Giunta comunale n. 3 dd. 09.06.2015 OGGETTO: Adesione alla convenzione

Dettagli

PARTE SECONDA. le procedure di gestione del Programma;

PARTE SECONDA. le procedure di gestione del Programma; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 104 del 21 07 2015 31267 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 12 giugno 2015, n. 1393 Restituzione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA Prot. n. 29-08-D332 PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 29 DI DATA 28 Novembre 2008 O G G E T T O: Adozione dell'assestamento del bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS Tel. (0161) C.A.P Fax (0161)

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS Tel. (0161) C.A.P Fax (0161) Copia Albo REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI COMUNE DI LIVORNO FERRARIS Tel. (0161) 47.72.95 47.75.03 C.A.P. 13046 Fax (0161) 47.77.70 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 OGGETTO:

Dettagli

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 64 / 2017 del 09/03/2017

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 64 / 2017 del 09/03/2017 DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE 64 / 2017 del 09/03/2017 Oggetto: COLLABORAZIONE PER INCARICO DI CONSULENZA E STUDIO A TITOLO OGGETTO: COLLABORAZIONE PER INCARICO DI CONSULENZA E STUDIO A TITOLO vista

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento Ordinario n. 1 al B.U.R.M. del 1 dicembre 2009, n. 29 ANNO XL NUMERO 29 REGIONE MOLISE R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE Parte I CAMPOBASSO, 1 DICEMBRE

Dettagli

COMUNE DI GRIGNO Provincia di Trento

COMUNE DI GRIGNO Provincia di Trento Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del 21/02/2017 / Amtsblatt Nr. 8/I-II vom 21/02/2017 0152 180536 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2017 Comuni in provincia di Trento Comune di Grigno DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 DELIBERAZIONE 31 marzo 2014, n. 252

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 DELIBERAZIONE 31 marzo 2014, n. 252 22 9.4.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 DELIBERAZIONE 31 marzo 2014, n. 252 Indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnico del restauro di beni culturali,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROV.LE INCENTIVAZIONE ATTIVITÀ ECONOMICHE Prot. n. PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE DELL AGENZIA N. 983 DI DATA 17 Dicembre 2014 O G G E T T O: Adozione del programma di

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2185 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Modifiche ed integrazioni dei criteri e modalità per la concessione dei contributi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n. 32/2009/Par REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza dell 8 aprile 2009 composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Francesco

Dettagli

COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno

COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Articolo 1 - Oggetto (approvato con delibera C.C. n. 13 del 21.04.2008 ) Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Deliberazione n. 036/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

Deliberazione n. 036/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n. 036/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 22-23 marzo 2010 composta da: Bruno PROTA Diana CALACIURA TRAINA Aldo CARLESCHI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 2175 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Anno accademico 2016-2017. Applicazione dell'articolo 23 della legge provinciale 24

Dettagli

Sanità. dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle ed il martedì e giovedì pomeriggio dalle alle 17.30

Sanità. dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle ed il martedì e giovedì pomeriggio dalle alle 17.30 Anno XLIV - N.41 Speciale (12.04.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Direzione, Redazione e Amministrazione: Ufficio BURA Speciale n. 34 del 21 Marzo 2014 Sanità UFFICIO BURA L'AQUILA

Dettagli

PROVINCIA SUD SARDEGNA

PROVINCIA SUD SARDEGNA Regolamento per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico delle acque reflue fuori dalla pubblica fognatura, approvato con delibera del Consiglio provinciale del 23 novembre 2016, n. 20 PREMESSA La

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA REGIONE LIGURIA RENDICONTI GRUPPI CONSILIARI: FORZA ITALIA, CONSIGLIERE SEGRETARIO CLAUDIO MUZIO (GRUPPO FORZA ITALIA), LEGA NORD LIGURIA - SALVINI, PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona DETERMINA DI IMPEGNO DIPARTIMENTO DELLE FINANZE SETTORE TRIBUTI n. 02/282 del 31/10/2017 OGGETTO: RIMBORSI MAGGIORI VERSAMENTI TASSA RIFIUTI (TIA, TARES E TARI) L'anno Duemiladiciassette il giorno Trentuno

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 07 del 03.03.2016 OGGETTO: Approvazione Bilancio annuale 2016 e Bilancio pluriennale 2016/2018 con funzione autorizzatoria Relazione previsionale e programmatica

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU12S1 24/03/2016 Codice A1402A D.D. 10 dicembre 2015, n. 810 Indennizzi ai sensi delle LL. 210/92 e 362/99 e primo acconto arretrati indennita' integrativa speciale - Accertamento, impegno

Dettagli

COMUNE DI ASSAGO Provincia di Milano

COMUNE DI ASSAGO Provincia di Milano COMUNE DI ASSAGO Provincia di Milano PROPOSTA di deliberazione del CONSIGLIO COMUNALE N 27 del 26/06/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2015. IL

Dettagli

Speciale N. 37 del 24 Marzo 2017

Speciale N. 37 del 24 Marzo 2017 Anno XLVII Anno XLVII N. 37 Speciali (24.03.2017) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Speciale N. 37 del 24 Marzo 2017 DIPARTIMENTO PER LA SALUTE E IL WELFARE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO,

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 10/I-II del 06/03/2012 / Amtsblatt Nr. 10/I-II vom 06/03/2012 240

Bollettino Ufficiale n. 10/I-II del 06/03/2012 / Amtsblatt Nr. 10/I-II vom 06/03/2012 240 Bollettino Ufficiale n. 10/I-II del 06/03/2012 / Amtsblatt Nr. 10/I-II vom 06/03/2012 240 78993 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 829 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: EDILIZIA AGEVOLATA: Legge provinciale del 22 aprile 2014, n. 1, articolo 54, commi

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1717 Prot. n. 241/17cdz VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15 - COMUNE DI PERGINE VALSUGANA - variante

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 259

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 259 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 259 OGGETTO: Interventi di accoglienza, tutela e integrazione in favore dei richiedenti asilo e rifugiati

Dettagli

DECRETO N. 412 Del 26/01/2016

DECRETO N. 412 Del 26/01/2016 DECRETO N. 412 Del 26/01/2016 Identificativo Atto n. 61 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto APPROVAZIONE DEL BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AD ASPIRANTI FRANCHISEE PER L'APERTURA DI ATTIVITA'

Dettagli

Provvedimento del 02/03/ Agenzia del Territorio

Provvedimento del 02/03/ Agenzia del Territorio Provvedimento del 02/03/2007 - Agenzia del Territorio Pagamento di servizi telematici erogati dall'agenzia del territorio tramite utilizzo di somme versate su conto corrente unico a livello nazionale.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO: - l art. 1, comma 639 e ss., della Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014), che ha istituito l Imposta unica comunale (IUC) che si compone dell Imposta municipale

Dettagli

AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE

AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Oggetto: DPR N. 59/2013 - AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE. DITTA TRIO SRL (C.F. 03490830266),

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 683 del 08/10/2010

Delibera della Giunta Regionale n. 683 del 08/10/2010 Delibera della Giunta Regionale n. 683 del 08/10/2010 A.G.C.5 Ecologia, tutela dell'ambiente, disinquinamento, protezione civile Settore 2 Tutela dell'ambiente Oggetto dell'atto: REVOCA DELLA DELIBERA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1247 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Approvazione dell'avviso per la presentazione di proposte formative finalizzate all'inclusione

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE FINANZIARIO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO n. 430 di data 8 agosto 2014

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE FINANZIARIO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO n. 430 di data 8 agosto 2014 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO n. 430 di data 8 agosto 2014 OGGETTO: Imposta Municipale Propria: rimborso ai contribuenti

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11. Disposizioni in materia di enti locali 1

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11. Disposizioni in materia di enti locali 1 LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11 Disposizioni in materia di enti locali 1 TITOLO I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ELEZIONI DEGLI ORGANI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI Art. 1 (Modifiche alla legge regionale

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 14/01/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 14/01/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 14/01/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 10 dicembre 2013, n. 2380 Riorganizzazione Comitati Etici ai sensi del Decreto-legge n. 158 del 13.09.2012

Dettagli

CITTA' DI LADISPOLI Città Metropolitana di Roma Capitale

CITTA' DI LADISPOLI Città Metropolitana di Roma Capitale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1405 DEL 21/08/2015 AREA II - SETTORE 2 - POLITICHE DELLE ENTRATE - SERVIZI INFORMATICI- PARTECIPATE Responsabile dell'istruttoria: MANUELA COLACCHI OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

decorrenza diversa rispetto al periodo di ammortamento del mutuo. Di conseguenza il costo a carico dell ente risulta inferiore a quello inizialmente

decorrenza diversa rispetto al periodo di ammortamento del mutuo. Di conseguenza il costo a carico dell ente risulta inferiore a quello inizialmente Il Presidente della Regione, Sig. Luciano Caveri, richiama la legge 24 dicembre 1993, n. 537 Interventi correttivi di finanza pubblica che all art. 12, comma 6, dispone che a partire dal 1 gennaio 1994

Dettagli

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE n. 69 / 2014

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE n. 69 / 2014 Copia VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE n. 69 / 2014 30/10/2014 OGGETTO: Richiesta anticipazione di tesoreria per l'anno 2015. Riapprovazione. L anno 2014 addì trenta del mese di ottobre alle

Dettagli

VISTA la legge 23 luglio 1991, n.223, e successive modificazioni ed integrazioni;

VISTA la legge 23 luglio 1991, n.223, e successive modificazioni ed integrazioni; DECRETO N. 35302 DEL 15/12/2004 Registrato dalla Corte dei Conti il 21/01/2005, reg.1, foglio 28 (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 84 del 12/04/2005) IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

Deliberazione n. 17/2009/Par REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

Deliberazione n. 17/2009/Par REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n. 17/2009/Par REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza dell 11 febbraio 2009 composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Francesco

Dettagli

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 81

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 81 COPIA COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 81 OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE FRA PROVINCIA E AGENZIA DELLE ENTRATE FINALIZZATA ALLA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO ISTRUZIONE E FORMAZIONE DEL SECONDO GRADO, UNIV. E RICERCA Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 235 DI DATA 13 Novembre 2017 OGGETTO: Integrazione del programma

Dettagli

DELIBERA. per le motivazioni di cui in narrativa, che si intendono qui integralmente trascritte e approvate

DELIBERA. per le motivazioni di cui in narrativa, che si intendono qui integralmente trascritte e approvate Pag. 100 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XLIII - N. 32 (8.06.2012) della richiamata D.G.R. n. 954/2011, ciascuno dei Comuni ricadenti nell ex I. C. Valle del Sagittario e il Comune di Sulmona,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1950 Prot. n. 29/2017-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Programma annuale della scuola dell'infanzia per l'anno scolastico 2017/18

Dettagli

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi Copia Reg. Gen. n. 371 del 15/09/2015 Reg. n.186 del 15/09/2015 COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZIO RISORSE

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 201 della Giunta Comunale OGGETTO: UTILIZZO E SPECIFICA DESTINAZIONE ED ANTICIPAZIONE DI TESORERIA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2016. L anno

Dettagli

Normativa di riferimento. ICI Istanze/ informazioni generiche 30gg Dal ricevimento dell istanza

Normativa di riferimento. ICI Istanze/ informazioni generiche 30gg Dal ricevimento dell istanza Unita organizzativa responsabile servizio finanziario/tributi Responsabile: Mornico dott. Patrizio telefono:0322-89565 - 89164 e mail: ragioneria@comune.fontaneto.no.it Settore Oggetto del procedimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI ALLEGATO B ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 IN DATA 25.07.2013 COMUNE DI CODEVILLA PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI INDICE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA Prot. n. 26-11-D332 PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE DELL AGENZIA N. 28 DI DATA 24 Novembre O G G E T T O: Adozione dell'assestamento del bilancio

Dettagli