GEORG WILHELM FRIEDRICH HEGEL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GEORG WILHELM FRIEDRICH HEGEL"

Transcript

1 GEORG WILHELM FRIEDRICH HEGEL Con Hegel si ha il massimo sviluppo dell idealismo, la via più razionale possibile per arrivare all assoluto: esso si coglie con il CONCETTO. Tuttavia ci vorrà molto tempo perché Hegel possa elaborare la sua teoria filosofica nella sua forma definitiva. VITA E TAPPE PRINCIPALI DEL PENSIERO HEGELIANO PERIODO DI TUBINGA Hegel studia all Università di Tubinga dal 1788 al 1793, in un ambiente dove la religione e la teologia erano molto studiate. Alla base del suo pensiero vi è quindi la RELIGIONE, ma da un punto di vista storico, come UNIONE DELLA CIVILTA. Hegel legge inoltre lo scritto kantiano La religione nei limiti della pura ragione e approva la lotta di quest ultima contro il dogmatismo. Per Hegel tale lotta è la libertà della ragione. Essa non può escludere una RIGENERAZIONE MORALE e POLITICA. Compito della filosofia hegeliana è quindi la LIBERTA DELLA RAGIONE, che comporta la nascita di nuove istituzioni e una nuova religione. I cittadini potranno quindi, con questa nuova religione, identificarsi nella ragione, la quale si realizza nella storia. PERIODO DI BERNA Al periodo di Tubinga succede quella di Berna ( ), durante il quale Hegel svolge attività di precettore ed esamina la civiltà e la religione greca, che hanno in comune la LIBERTA. La religione greca era infatti nata dalla creatività di tutto un popolo e riguardava la vita comune, la collettività. Essa è perciò sintesi di RAGIONE, SENSIBILITA ed IMMAGINAZIONE VERSO L ASSOLUTO DI UN POPOLO. Oltre a questa religione e a quella rivelata, ne esiste poi anche una terza: la RELIGIONE KANTIANA. Essa è espressione della razionalità, e Gesù non ne è che la rivelazione. E in questo periodo che Hegel scrive l opera POSITIVITA DELLA RELIGIONE CRISTIANA. In questo scritto egli esamina attentamente i fondamenti del cristianesimo. Esso trae il suo fondamento da quanto riportato nei testi sacri, e si contrappone perciò alla religione naturale, la quale si basa sulla ragione per giungere all Assoluto. Hegel analizza anche l evoluzione del cristianesimo, che è passato dall essere una sorta di MORALE ad essere una ISTITUZIONE STATUTARIA e con un assetto DOGMATICO. La religione cristiana, dunque, bada alla forma e rispecchia le caratteristiche della religione ebraica, nella quale gli uomini hanno perso per la prima volta la libertà e hanno cominciato a vedersi subordinati a Dio. Secondo Hegel il sentimento religioso può essere vissuto solo INTERIORMENTE. Gli ebrei hanno invece rotto l unità tra popolo e natura, si sono ritenuti superiori agli altri ed hanno estraniato Dio dalla natura, subordinando quest ultima.

2 Vivendo in ostilità con gli altri popoli, essi si sono creati questo DESTINO (che secondo Hegel è la forza con cui la natura e la storia si oppongono a coloro che cercano di andare contro di esse). Ma andando contro gli altri gli ebrei sono andati anche CONTRO LA VITA, condannandosi così ad un destino infelice. Cristo cercò dunque di riportare l unione perduta con l AMORE. Gesù muore perciò affermando la propria divinità, ma viene comunque sconfitto, perché i suoi seguaci hanno tradito il suo messaggio, istituendo la Chiesa. PERIODO DI FRANCOFORTE Tra il 1797 e il 1800 Hegel si reca a Francoforte. Il suo scopo è adesso arrivare alla comprensione di ogni forma di CIVILTA UMANA. Non è più dunque solo la religione ad interessarlo, ma ogni forma espressiva dell uomo. Studiandole è possibile, secondo Hegel, arrivare ad una matrice comune: l ASSOLUTO (in cui si trovano riuniti soggetto ed oggetto). Tale unità si ha nell AMORE, il quale non attua una fusione, ma piuttosto REALIZZA UN IDENTITA IDEALE PUR UNENDO. Il vero amore è quindi basato sul permettere l esistenza dell altro. Durante il periodo di Francoforte, dunque, Hegel tende ad una comprensione TOTALE delle espressioni spirituali, identificandole con l ASSOLUTO. Nell assoluto vi è identità tra SOGGETTO e OGGETTO. Il cristianesimo aveva promesso questa unione, ma poi era venuto meno: la resurrezione crea infatti differenza tra umano e divino, così come lo Spirito Santo sceso sugli Apostoli li differenzia dagli altri, sebbene elevi l uomo dal FINITO all ASSOLUTO. L Assoluto è per Hegel la VIVENTE UNITA DEL VARIO, e la vita è sia UNIONE che NON UNIONE: il molteplice che rappresenta un unione. Questo è ciò che egli afferma nel suo scritto FRAMMENTO DI SISTEMA, datato Si nota che in questo periodo, dunque, la filosofia di Hegel si fa sempre più LOGICA. PERIODO DI JENA Tra il 1800 e il 1807 Hegel elabora l Assoluto sul piano logico. Nel 1801 pubblica Differenze tra il sistema filosofico di Fichte e quello di Schelling, in cui afferma che il divario fra soggetto e oggetto non può essere la via per arrivare all assoluto. Compito della ragione è infatti sopprimere questa differenza. La ragione di Hegel, pertanto, mira a cogliere il denominatore comune del molteplice, ad unire mantenendo la diversità. Occorre dunque introdurre il concetto di DIVERSITA NELL ASSOLUTO (che è come una strada sia in salita che in discesa). Secondo Hegel definire vuol dire NEGARE, dunque l Assoluto non può essere definito, perché farlo significa negare il molteplice e quindi limitarlo. Secondo Hegel, poi, Schelling coglie l Assoluto solo intuitivamente, senza distinguere tra natura e spirito. Toglie dunque la dialetticità della vita. LAassoluto, invece, non è né opposizione né identità, ma un divenire in cui hanno pari valore AFFERMAZIONE e NEGAZIONE. Allo stesso modo l attività del pensiero è quella di un unico soggetto storico: la CIVILTA UMANA.

3 La LOGICA è dunque la vita dello spirito, e l intelletto, che tende a dividere, è assorbito dalla ragione. La logica di Hegel è ONTOLOGICA, è lo spirito immanente che diviene, e nel divenire si annullano le opposizioni. In essa lo spirito deve ancora svolgersi, è solo un ideale. Si realizza come spirito e ritorna ad essere NATURA. E nel 1807 che Hegel pubblica quello che sarà forse il suo scritto più famoso: la Fenomenologia dello spirito, in cui vi si afferma che VERITA e ASSOLUTO creano l INTERO. Il vero, dunque, vive ed è l insieme delle manifestazioni del mondo. PRINCIPALI SCRITTI HEGELIANI E PUNTI CHIAVE DEL SUO PENSIERO: LOGICA METAFISICA E FILOSOFIA DELLA NATURA: Il problema affrontato da Hegel è quale possa essere lo strumento gnoseologico per cogliere l unità tra finito ed infinito: la LOGICA, che individua i limiti della conoscenza e li oltrepassa. La condizione per cui questo avvenga è prendere atto che non possiamo arrivare a definire l ESSERE se non prendiamo in considerazione anche il NON-ESSERE. La LOGICA è la vita dello spirito. L INTELLETTO contrappone e la RAGIONE sintetizza. La VITA DELLO SPIRITO consiste in AFFERMAZIONE (tesi), NEGAZIONE (antitesi) e NEGAZIONE DELLA NEGAZIONE (riaffermazione, sintesi). La totalità, vista prima come AMORE, poi come VITA, è infine la LOGICA. una logica ontologica che rispecchia non solo lo sviluppo gnoseologico, ma anche il divenire naturale. Nella logica lo spirito deve ancora manifestarsi. E l IDEA di esso. Si deve CONCRETIZZARE nella natura (la sua negazione) e tornare a sé, stavolta CONSAPEVOLMENTE. 1807: FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO : L argomento di quest opera è il VERO COME INTERO e la VERITA COME DIVENIRE DELLO SPIRITO. La verità si coglie solo nella sua totalità (dopo la sintesi ), solo nel suo farsi. Si passano dunque in ricognizione i momenti che la ragione percorre per poter affermare IO SONO SOGGETTO DEL MONDO. Il fine è lo spirito, che è consapevolezza. Lo SPIRITO GENERALE opera mediante quello PARTICOLARE, cioè quello presente in ogni uomo, che apprende questo processo grazie alla storia. I momenti ideali dello sviluppo dello spirito sono: 1) IDEA (tesi); 2) NATURA (antitesi); 3) SPIRITO (sintesi). Hegel analizza queste tappe. La via per tornare all idea originaria è la COSCIENZA INDIVIDUALE (che porta allo SPIRITO ASSOLUTO).

4 1817: ENCICLOPEDIA DELLE SCIENZE FILOSOFICHE IN COMPENDIO. In questo scritto Hegel si chiede se esiste qualcosa ancora prima della coscienza individuale. Questo qualcosa è la RAGIONE UMANA (identità culturale). Nella ricerca dell assoluto, poi, le emozioni non contano, perché non sono una via gnoseologica dell assoluto. FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO In questo testo Hegel tratta riguardo allo spirito, dalla coscienza umana all assoluto. Per arrivare all assoluto lo spirito deve percorrere 3 stadi, corrispondenti a TESI, ANTITESI e SINTESI: 1) COSCIENZA (certezza, percezione, intelletto); 2) AUTOCOSCIENZA (antitesi tra coscienza signorile e servile); 3) RAGIONE (sintesi, durante la quale lo spirito capisce che la realtà è l incarnazione dello spirito). Vediamo nel dettaglio. 1) CERTEZZA SENSIBILE: approccio agli oggetti con i nostri sensi, ma ne abbiamo solo una determinazione fisica. E una CONOSCENZA ESTERIORE quella di questo stadio (di questo o quello oggetto). Dopo la certezza sensibile subentra la PERCEZIONE, nella quale percepiamo ciò che sentiamo. L oggetto appare quindi con MOLTE PROPRIETA. Ci vuole dunque una mediazione tra l UNO che esprime molti (oggetto e sue caratteristiche). Questo lo fa l INTELLETTO, che analizza il fenomeno (in senso kantiano), capendo che non è l oggetto quello che vediamo, ma l oggetto come appare a noi, dipendente da noi. Si arriva quindi allo stadio dell autocoscienza. 2) AUTOCOSCIENZA: essa è tale se riesce a farsi riconoscere da un altra autocoscienza. Inizialmente essa esclude l altro: è solo un NON-IO, e tende perciò ad accentrare tutto su di sé. Questo fa sì che essa lotti con le altre autocoscienze. Questa lotta per la vita non porta ad un CONTRATTO (come diceva Hobbes), ma alla VITTORIA DEL PIU FORTE (autocoscienza servile e signorile, padrone-servo). Il più debole si è sottomesso per paura, ed è legato ad un lavoro il cui frutto se lo gode il padrone. Ma questi non sa fare ciò che sa fare il servo, e quindi ne diventa DIPENDENTE, mentre il servo acquista VALORE DI SE. Si supera quindi il dualismo tra le due autocoscienze. Questo avviene in tre momenti: 1) PAURA DELLA MORTE (tesi); 2) SERVIZIO (antitesi); 3) LAVORO (sintesi). La paura della morte fa sì infatti che perda importanza il mondo sensibile (siamo solo noi e la nostra essenza). Col servizio neghiamo parte di noi. Ma per farlo dobbiamo conoscerci. Col lavoro, invece, il servo esprime la propria autonomia. Quindi lo spirito ha a che fare anche con i VALORI SOCIALI. 3) L autocoscienza è ormai indipendente dalle cose: adesso deve scontrasi con la natura. Si deve superare il DUALISMO tra natura e uomo, visto che ormai si è dimostrato che vi è unità DENTRO L UOMO. Le tappe per far questo sono: lo STOCISMO (che si basa sulla razionalità della realtà riconducibile a qualcosa di immanente nella natura), lo SCETTICIMO, e la FILOSOFIA MEDIOEVALE O INFELICE. Nel primo, la ragione crede solo di essere unita alla natura. Di fronte alle cose, occorre, per gli stoici, per non farsi confondere da esse, essere APATICI. Se ci facciamo coinvolgere, infatti, non possiamo capire razionalmente le cose. LA COSCIENZA SI LIBERA DAL COINVOLGIMENTO DELLE COSE. L UOMO PERO SI ISOLA DALLA REALTA (ATARASSIA).

5 Nel secondo, questa atarassia si traduce dunque in NEGAZIONE DEL MONDO, la NEGAZIONE DI CIASCUNA AUTOCOSCIENZA DA CIO CHE LE ALTRE AFFERMANO. C è dunque opposizione tra finito ed infinito, tra uomo e verità. Nel terzo, si ha il culmine di questo. Lo scetticismo pretende infatti di dire qualcosa di vero quando afferma che tutto è vero e non è vero. Si ha quindi il PARADOSSO, scissione tra finito e infinito. Questo contrasto tra coscienza UMANA e DIVINA è tipica del medioevo, in cui la coscienza umana è rivolta verso quella divina, e rispetto a questa si sente un NULLA, perché debitrice di essa. La devozione che ne deriva genera l ASCETISMO MEDIEVALE, che vuole liberarsi dal sensibile MORTIFICANDOLO. Questo annulla qualunque IDENTITA e si identifica nell ASSOLUTO. Ecco che è stata superata ogni divisione. Prima di arrivare al medioevo ci sono però ebraismo e cristianesimo. Nell EBRAISMO l assoluto è inaccessibile, e l uomo è lo schiavo di Dio. Nel CRISTIANESIMO, invece, l uomo cerca di avvicinarsi a Dio, ma poi viene meno quest intento: Dio è trascendente e rappresenta un AL DI LA. Ecco come nasce la filosofia medievale. A questo punto la coscienza, essendosi riconosciuta nell assoluto, deve ora riconoscersi nel mondo (UMANESIMO). L autocoscienza sa adesso di essere il tutto, ma ci vuole la giustificazione di tale certezza. Per far questo deve ricercarsi nel mondo in 3 STATI: 1) RAGIONE OSSERVATIVA (quella che si riscontra nel mondo). Essa si ritrova prima nella filosofia della natura, poi nell empirismo. Vuole cioè trovare leggi ed esperimenti nella natura. Non solo li individua, ma li riporta anche a livello ORGANICO e PSICOLOGICO: in altre parole la ragione osservativa rileva che LA NATURA HA LEGGI RAZIONALI COMPRESE ANCHE ALL INTERNO DELLA COSCIENZA. La prova la forniscono la FISIOGNOMICA (la scienza fondata da Lavater che afferma che è possibile ricostruire il carattere di una persona dal viso) e la FRENOLOGIA (che deduce il carattere di una persona dalla forma del cranio). E una concezione OLISTICA (totalità organica) DELL UOMO riconducibile ad un unico fattore. Per Hegel è lo spirito o la personalità -, cioè una struttura biologica su cui si instaura il vissuto che interagisce con essa. Questo dunque determina il carattere dell individuo, il suo temperamento. (Nell 800, infatti, si riteneva che criminali si nasce, e dunque nella pena non c era alcun potere educativo); 2) Lo spirito si riconosce nel sensibile, ma non lo accetta. Quindi deve cambiare metodo. Parliamo dunque di RAGIONE ATTIVA. La ragione osservativa infatti si sbaglia, perché considera la natura come un dato già posto e si riscontra con essa. Il mondo va invece conquistato come PRODOTTO DELLA RAGIONE. Vediamo come procede la ragione attiva. Anche in questo caso abbiamo diversi stadi. Il primo è la COSCIENZA INDIVIDUALE, in cui abbiamo piacere e necessità insieme. L uomo cerca se stesso cercando di cogliere l attimo ed il piacere dei sensi. Di qui l incessante ricerca di placare la sua insufficienza. Avverte quindi la necessità di lenire i mali del mondo, ma non dura, perché questo stimolo è sentimentale (legge del cuorecome la chiama Hegel) e non razionale. Il secondo è la VIRTU, che va oltre le inclinazioni soggettive. Ma essa ha una concezione astratta del BENE e per questo i sostenitori del bene sono come dei Don Chisciotte. Il terzo stadio è L INDIVIDUALITA IN SE E PER SE, in cui ci si limita all individuo, e per questo non si raggiungerà mai l universalità. Abbiamo in questo stadio tre momenti: REGNO ANIMALE DELLO SPIRITO (in cui ci si cura solo dell individuale), LA RAGIONE LEGISLATRICE, e LA RAGIONE ESAMINATRICE DELLE LEGGI (è la ragione che cerca

6 dentro si sé leggi che valgano per tutti, ma questo non garantisce comunque l UNIVERSALITA ). 3) SPIRITO OGGETTIVO (o ETICITA ): istituzioni storico-politiche che reggono un popolo e nel quale si realizza la ragione. Fare bene significa operare nello stato, essere inseriti. LO STATO RAPPRESENTA IL SENSO DELLA VITA DELL INDIVIDUO. La consapevolezza dello spirito si ottiene quindi solo con la ricognizione della storia, che rappresenta le forme in cui lo spirito si raffigura. La storia è dunque la SCIENZA DELLA COSCIENZA FENOMENICA. Studia cioè le manifestazioni della coscienza. La fenomenologia indica dunque i momenti del divenire dello spirito, che si concretizzano nella STORIA. Si deve quindi elevare l IO EMPIRICO a quello TRASCENDENTALE, per avere una visione universale di essa. Ciò è possibile con la filosofia. Questa è la via verso l assoluto. Trascendentale è ciò che non è empirico. Per Hegel a differenza di Kant- il termine ha anche valore ONTOLOGICO, e non solo FORMALE. SCIENZA DELLA LOGICA La logica è la scienza dell idea pura. Il percorso della coscienza è trattato nella Fenomenologia dello spirito, ma non è il punto di partenza. Manca infatti ciò che è prima ancora della coscienza: L IDEA PURA. Essa sussiste solo quando si realizza nella coscienza, ma ESISTE. E l elemento ASTRATTO del pensiero. E un po come Dio prima ancora della Creazione. La logica si occupa dunque dell organizzazione del mondo nella fase del pensiero, cioè studia le MODALITA IN CUI SI STRUTTURA IL MONDO, CHE SEGUONO QUELLE IN CUI SI STRUTTURA LA RAGIONE. In questa visione i concetti diventano dunque le determinazioni della realtà nella sua essenza necessaria. Essi hanno VALORE ONTOLOGICO, sono dei MODI D ESSERE DELL ESSERE. Quindi REALTA =RAZIONALITA, LOGICA=METAFISICA. L idea comincia con la CATEGORIA DELL ESSERE (E l incipit, l essere nella sua indeterminazione). A questo punto l essere deve realizzarsi nel non-essere. Questo implica il DIVENIRE.. Volendo tirare le somme, in principio per Hegel- abbiamo quindi L ESSERE INDETERMINATO, è sia ESSERE DETERMINATO che un NULLA NELLA DETERMINAZIONE. A causa di questo nulla, esso DIVIENE, divenendo NON ESSERE (che è distinto dall essere) per tornare all ESSERE DETERMINATO. L essere diviene essere determinato tramite 3 categorie: QUALITA, QUANTITA, MISURA. Dopo che è determinato, l essere è ESSENZA. L essenza è la verità dell essere, la sua individuazione. La verità dell essenza è invece la RAGIONE, cioè il soggetto è tutta la realtà. E l Io Penso determinante se stesso e tutte le determinazioni logiche. Il soggetto chiama dunque essenza l essere. Abbiamo quindi ESSERE INDETERMINATO, ESSENZA e CONCETTO (soggettivo, oggettivo, assoluto), che ritorna all assoluto negando la differenza tra essenza ed essere.

7 Dall essenza nasce il concetto di OGGETTIVITA, SOGGETTIVITA, e l IDEA (o concetto assoluto). Il concetto soggettivo è la logica, che fa capo al soggetto. Il concetto oggettivo sono invece le categorie del mondo. Il concetto assoluto è invece la ragione e l idea. In questi stadi il mondo ancora non esiste. Quando esso si è concretizzato, siamo infatti nella fenomenologia. L essenza è dunque la RAGIONE DELL ESISTENZA. Ogni essenza è diversa da tutte le altre, ma è uguale a se stessa.per questo procede nell ESISTERE e può INDIVIDUARE. Nel momento in cui essa passa all esistenza, si deve MANIFESTARE. Diventa quindi FENOMENO. Il fenomeno implica identità tra ESSENZA ED ESISTENZA perché la realtà è fenomeno, ma è manifestazione dell essenza. Dunque, se l essenza è l individuazione dell essere, essa ne diventa ragione d essere, ma essa non può esistere se non vi è l esistenza. Che senso ha infatti parlare dell umanità se non c è l uomo? Quindi REALTA = ESSENZA + ESISTENZA (manifestazione del mondo), RAGIONE DELL ESISTENZA E FENOMENO. LA FILOSOFIA DELLO SPIRITO Nel 1817 Hegel pubblica l opera ENCICLOPEDIA DELLE SCIENZE FILOSOFICHE IN COMPENDIO. Il sistema di Hegel comprende: LOGICA, FILOSOFIA DELLA NATURA, FILOSOFIA DELLO SPIRITO. Sono i 3 momenti di concretizzazione della ragione. La logica tratta dell idea, la filosofia della natura tratta della natura (nella quale l io nega se stesso perché ancora non sa che il mondo l ha creato lui) e la filosofia dello spirito tratta dello spirito (consapevolezza), che torna compiutamente all idea. La logica si occupa dell organizzazione del mondo nella fase del pensiero, cioè studia le MODALITA IN CUI SI STRUTTURA IL MONDO, CHE SEGUONO QUELLE IN CUI SI STRUTTURA LA RAGIONE. Nella filosofia della natura, invece, Hegel vuole determinare concettualmente la natura (L IDEA ESTRANIATA DA SE, LA PURA NEGAZIONE DELL IDEA). Hegel riprende quindi la concezione di Fichte riguardo la natura come un non-io. La natura è: 1) ACCIDENTALE; 2) ESETERIORE; 3) MECCANICISTICA (necessaria). La scienza considera la natura come un puro aggregato di fenomeni. Hegel invece la concepisce in termini organicistici (una realtà vivente). Anche la natura dà luogo ad un divenire di TESI, ANTITESI E SINTESI. Essi sono la meccanica (che definisce i fenomeni in SPAZIO, TEMPO e MATERIA. I corpi seguono leggi di attrazione e repulsione, dunque la natura non è statica. La LEGGE GRAVITAZIONALE UNIVERSALE, per esempio, stabilisce relazione tra i corpi), fisica (che culmina con la fisica organica e ritiene che la vita dell uomo sia l intelligenza) e la fisica attuale in senso hegeliano (lo spirito nella natura). Con la filosofia dello spirito, lo spirito diviene invece AUTOCOSCIENTE, cioè pensa se stesso e in quanto tale diviene SPIRITO ASSOLUTO.

8 Dal punto di vista istituzionale passa così all affermazione assoluta. Si identifica con la civiltà. Attraverso il progredire della civiltà avviene la comprensione della razionalità. Lo stato è dunque l unione dei cittadini, non sommatoria, ma la manifestazione della sostanza etica che comprende quella degli individui. Lo stato fa parte di un insieme di cui è espressione, lo SPIRITO DELL UMANITA. Se lo stato non rappresenta più tale spirito esso tramonta, solitamente mediante la GUERRA. Hegel è quindi favorevole allo STORICISMO, secondo cui tutto si succede necessariamente. Non è contrapposizione (come sosterrà ad esempio Marx) ma solo SUPERAMENTO. Dall enciclopedia è possibile trarre i FONDAMENTI DELLA FILOSOFIA DI HEGEL, che sono i seguenti. La realtà coincide con la totalità. Il molteplice ne è solo l incarnazione. Il finito è la concretizzazione della razionalità. La razionalità è concreta e coincide con le ISTITUZIONI. La realtà è un dispiegarsi di essa: INCONSAPEVOLE nella natura e CONSAPEVOLE nell uomo. Reale è la totalità della natura e della natura storica, costituite da PROCESSI NECESSARI. La SOSTANZA di ciascun momento è la ragion d essere. Realtà è dunque uguale alla razionalità. Nello spirito assoluto la ragione ha piena consapevolezza di sé, e viene a sapere che niente è fuori dallo SPIRITO in 3 momenti: 1) ARTE (tesi), che si innalza con LA RAPPRESENTAZIONE dell assoluto; 2) RELIGIONE (antitesi), che si innalza con L INTUIZIONE all assoluto; 3) FILOSOFIA (sintesi), che ci arriva con il concetto. L arte può essere SIMBOLICA, CLASSICA e ROMANTICA. L arte classica contempla la perfetta armonia tra forma e contenuto. L arte simbolica non riesce a rappresentare il contenuto, ma solo la forma; L arte romantica è tale per cui il contenuto non raggiunge la forma. Di conseguenza l arte è insufficiente a rappresentare l assoluto. La religione è a metà strada tra l intuizione e il concetto. Per esprimere Dio si usano metafore, si pongono immagini che ce lo possano far capire, ma il concetto non è possibile. Nel panteismo Dio appare ingabbiato nella NATURA, allora si passa all individualismo, nel quale Dio è solo SPIRITUALE. Il cristianesimo rappresenta la struttura migliore tra FINITO ed INFINITO. Ma essa non lo esprime dialetticamente. Si passa allora alla FILOSOFIA. Si chiude quindi il ciclo. E la storia della concretizzazione dello spirito. LO SPIRITO OGGETTIVO (ULTIMO PUNTO DELLA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO) 1) DIRITTO: E una concezione astratta dell individuo, separata cioè dal contesto istituzionale. E l individuo con i suoi interessi particolari, senza identificarsi nello stato. Hegel critica quindi il GIUSNATURALISMO, ovvero l individuo, quando entra in società, non perde la libertà, ma si realizza. Il diritto è in fondo qualcosa che si

9 impone all individuo e DIVIDE gli individui anziché unirli. Non solo: divide gli individui non solamente tra loro, ma anche dalla società. Il diritto riguarda solo la LIBERTA ESETERIORE, poiché la persona ha, per esempio, una PROPRIETA se gli altri la riconoscono. Ci vuole dunque un CONTRATTO, che può portare alla sua violazione, cioè il TORTO. Questo porta al concetto di COLPA e PENA, per ripristinare il diritto violato e portare il colpevole a comprendere la sua colpa. Da questo momento si passa allora dall ESTERIORITA all INTERIORITA. 2) MORALITA : L individuo è morale solo in base all intenzione. L uomo agisce per la FELICITA e la morale non può perciò escluderla. L intenzione è quindi il BENE. Ma questo BENE non deve rimanere qualcosa di astratto. La dimensione che ne permette la concretizzazione è l ETICITA. 3) ETICITA : Attraverso la FAMIGLIA, la SOCIETA CIVILE e lo STATO. La famiglia si fonda su amore e fiducia. Si divide in matrimonio, patrimonio, educazione dei figli. Ma i figli rompono l unità della famiglia formandone altre. Esse formano così la SOCIETA CIVILE. La società è il contesto della famiglia. E l insieme dei rapporti economici, politici e sociali che costituiscono i vari rapporti. In essa, però, le VOLONTA PARTICOLARI si scontrano, anche se vi è un rapporto reciproco. L universalità della società è quindi solo FORMALE perché mantiene il contrasto dei particolarismi. Essa si divide in SISTEMA DEI BISOGNI (si produce per i propri bisogni e in base al lavoro ci sono le classi sociali: agricoltori che si deducano al prodotto naturale-, artigiani che lo lavorano-, pubblici funzionari che si occupano degli interessi universali), AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA, POLIZIA E CORPORAZIONE (che rappresenta la sintesi, attraverso cui l individuo pensa alla collettività, anche se agisce sempre per sé). Lo stato riafferma l unità della famiglia, e indirizza tutte le comunità al bene comune. LO STATO E LA SOSTANZA ETICA CONSAPEVOLE DI SE, CIOE LA RIUNIONE TRA FAMIGLIA E SOCIETA CIVILE. Da tutto questo si vede come Hegel sia contro il liberalismo e le teorie secondo cui lo stato deve difendere il cittadino (cosa che rimanda ai particolarismi) e la democrazia, poiché un popolo non può comandare, giacché non è tale se non con uno stato costituito. Con la costituzione si coglie l anima del popolo. Se così non è, nessuno la potrà mai seguire. Vi è poi una particolare costituzione da privilegiare: QUELLA DELLA MONARCHIA COSTITUZIONALE, in cui a differenza della monarchia parlamentare, in cui i poteri sono divisi- i poteri sono UNICAMENTE DIVISI, cioè operano non essendo indipendenti. Hegel non ha fiducia nel popolo, giacché non crede che esso sappia il suo bene. Ecco perché non ammira la monarchia parlamentare. Sono coloro che sanno qual è il bene del popolo a governare. La camera bassa conosce i bisogni del popolo, mentre quella alta segue l élite. Esse rispecchiano quindi le esigenze di democrazia ed oligarchia. Il POTERE LEGISLATIVO deve dunque fare le leggi senza privilegi. Esso è esercitato dalla CAMERA, a sua volta controllata dal potere GOVERNATIVO (o principesco). Il POTERE ESECUTIVO riguarda invece il POTERE GIUDIZIARIO e la POLIZIA. Essi riconducono infatti il particolare all universale. Gli servono però dei funzionari, come i BUROCRATI e prima ancora il MONARCA. A lui spetta l ultima decisione. E nel potere esecutivo che si ha dunque il vero potere. Esso rappresenta l unità dello stato. Lo stato è dunque l incarnazione di Dio e dello Spirito. Se è questo, esso non ha limiti, e quindi non può sottostare ai principi morali dell individuo. Il suo giudice è quindi la STORIA. Solo con la guerra lo stato può sopravvivere agli altri stati. Essa ha quindi un ruolo SALVIFICO, altrimenti una civiltà è destinata a soccombere. E se uno stato muore è bene che accada: quella società non aveva più niente da dire.

10 Se lo stato è l incarnazione dello spirito, la sua autorità è generata dallo stato stesso, non dal popolo. Esso è un unione (non associazione): un organismo in cui tutte le parti trovano concretezza unicamente perché legate ad esso. Lo stato ci libera dalla nostra individualità. E uno stato non dispotico, ma DI DIRITTO, perché fondato sulle leggi. L individuo può entrare a far parte dello stato con la famiglia e le corporazioni. Solo con lo stato lo spirito diventa storia e ogni cittadino trova il senso della propria esistenza. (QUESTO TESTO E' STATO INVIATO E PUBBLICATO ANCHE NELLA SEZIONE APPUNTI DEL SITO "SKUOLA.NET").

L Enciclopedia delle scienze filosofiche

L Enciclopedia delle scienze filosofiche L Enciclopedia delle scienze filosofiche La logica È la scienza dell Idea pura, cioè dell Idea nell elemento astratto del pensiero. Tesi di fondo: essere = pensiero (identità a partire dall Io puro) Hegel

Dettagli

L enciclopedia delle scienze filosofiche V LSPP Marconi

L enciclopedia delle scienze filosofiche V LSPP Marconi Filosofia U. D. IV L enciclopedia delle scienze filosofiche V LSPP Marconi Nell Enciclopedia (1817) è descritto il sistema filosofico di Hegel in possesso del sapere assoluto ovvero di essere già consapevole

Dettagli

HEGEL Fenomenologia dello spirito. Stoccarda Berlino 1831

HEGEL Fenomenologia dello spirito. Stoccarda Berlino 1831 HEGEL Fenomenologia dello spirito Stoccarda 1770- Berlino 1831 L assoluto e le parti Le singole cose sono parti o manifestazioni dell assoluto che è inteso come un organismo unitario. Queste parti non

Dettagli

HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A

HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D A R I A A N T O N I A D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A Fenomenologia??? DERIVA DAL GRECO, SIGNIFICA FENOMENO,

Dettagli

HEGEL (Stoccarda 1770-Berlino 1831) INTRODUZIONE

HEGEL (Stoccarda 1770-Berlino 1831) INTRODUZIONE HEGEL (Stoccarda 1770-Berlino 1831) INTRODUZIONE D aria Dispensa ad uso degli studenti del Liceo Sociale Besta Testi di riferimento: Abbagnano Fornero Itinerari di filosofia Massaro Il pensiero che conta

Dettagli

Di famiglia agiata, viaggiò molto. Visse tra la fine del Settecento e l Ottocento in Germania.

Di famiglia agiata, viaggiò molto. Visse tra la fine del Settecento e l Ottocento in Germania. Di famiglia agiata, viaggiò molto. Visse tra la fine del Settecento e l Ottocento in Germania. Critica a Fichte L Io fichtiano pone se stesso perché pura attività autoponentesi e oppone inconsciamente

Dettagli

Hegel. Il sistema hegeliano in sintesi

Hegel. Il sistema hegeliano in sintesi Hegel I capisaldi del pensiero hegeliano 2 Il pensiero di Hegel rappresenta una delle più poderose sintesi filosofiche di tutti i tempi e grande è l influsso che ha esercitato sulla cultura europea dell

Dettagli

Johann Gottlieb Fichte (Rammenau, 19 maggio 1762 Berlino, 27 gennaio 1814)

Johann Gottlieb Fichte (Rammenau, 19 maggio 1762 Berlino, 27 gennaio 1814) Johann Gottlieb Fichte (Rammenau, 19 maggio 1762 Berlino, 27 gennaio 1814) a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Kant aveva voluto costruire una filosofia del finito. Fichte vuol costruire una filosofia

Dettagli

Percorso su LIM da Kant all idealismo

Percorso su LIM da Kant all idealismo Percorso su LIM da Kant all idealismo CRITICA DELLA RAGION (PURA) PRATICA NON EMPIRICA VOLONTA Massime «SE.. Devi> Imperativi Imperativi ipotetici Imperativo categorico «Tu devi» Formulazioni dell imperativo

Dettagli

Critica del Giudizio

Critica del Giudizio Critica del Giudizio Dalle due Critiche ( Critica della Ragion pura e Critica della Ragion pratica) emerge l opposizione tra il mondo naturale, dominato dalla necessità ed estraneo alla morale e allo spirito,

Dettagli

I.S. M.PAGANO G.L.BERNINI LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA DI FILOSOFIA Anno scolastico Classe V AL. Docente Prof.

I.S. M.PAGANO G.L.BERNINI LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA DI FILOSOFIA Anno scolastico Classe V AL. Docente Prof. I.S. M.PAGANO G.L.BERNINI LICEO LINGUISTICO PROGRAMMA DI FILOSOFIA Anno scolastico 2015 2016 Classe V AL Docente Prof.ssa Nunzia Picardi Libro di testo Le avventure della ragione di C. Esposito - P. Porro,

Dettagli

Kant, Hegel e noi. Introduzione

Kant, Hegel e noi. Introduzione Kant, Hegel e noi Introduzione 1. Il livello esistenziale del discorso speculativo filosofico: la filosofia è scienza, sapere oggettivo, ma anche molto di più, è testimonianza personale, è la vita stessa

Dettagli

istituto italiano per gli Studi Filosofici

istituto italiano per gli Studi Filosofici Saggi e RiceRche 2 istituto italiano per gli Studi Filosofici Vittorio hösle il SiSTeMa Di hegel A cura di giovanni Stelli La ScUOLa Di PiTagORa editrice NaPOLi MMXii copyright 2012 istituto italiano

Dettagli

D ARIA Dispensa ad uso degli studenti del Liceo Sociale Besta di Milano E del Liceo linguistico Natta di Milano

D ARIA Dispensa ad uso degli studenti del Liceo Sociale Besta di Milano E del Liceo linguistico Natta di Milano D ARIA Dispensa ad uso degli studenti del Liceo Sociale Besta di Milano E del Liceo linguistico Natta di Milano RESTAURAZIONE 1814-1830 INSURREZIONI E MOTI RIVOLUZIONARI 1830-1848 EUROPA AMERICA SETTENTRIONALE

Dettagli

Kierkegaard l esistenza come possibilità e fede

Kierkegaard l esistenza come possibilità e fede l esistenza come possibilità e fede Antitesi all idealismo: Singolo contro lo spirito universale Esistenza concreta contro ragione astratta Libertà come possibilità contro libertà come necessità Alternative

Dettagli

Lo spiritualismo, la filosofia dell azione e Bergson

Lo spiritualismo, la filosofia dell azione e Bergson Lo spiritualismo, la filosofia dell azione e Bergson 1.Lo spiritualismo:caratteri generali Lo spiritualismo è la corrente filosofica che privilegia, i dati immediati della coscienza e che insiste sul primato

Dettagli

GIOVANNI FEDERICO HERBART

GIOVANNI FEDERICO HERBART MISCELLANEA POST-HEGELIANA I GIOVANNI FEDERICO HERBART http://biografieonline.it/img/bio/j/johann_friedrich_herbart.jpg Herbart inizia in nome del realismo la reazion contro l idealismo romantico. Di vita

Dettagli

LICEO SCIETIFICO STATALE LABRIOLA MATERIA: FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO: CLASSE: 5 H INSEGNANTE : FRANCESCO PAOLA PROGRAMMA SVOLTO

LICEO SCIETIFICO STATALE LABRIOLA MATERIA: FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO: CLASSE: 5 H INSEGNANTE : FRANCESCO PAOLA PROGRAMMA SVOLTO LICEO SCIETIFICO STATALE LABRIOLA MATERIA: FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 CLASSE: 5 H INSEGNANTE : FRANCESCO PAOLA PROGRAMMA SVOLTO Testo adottato: Abbagnano, Fornero, La filosofia vol.2b, 3A, 3B,3C

Dettagli

Indice. 1 Pedagogia di Giovanni Gentile

Indice. 1 Pedagogia di Giovanni Gentile INSEGNAMENTO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA LEZIONE III GIOVANNI GENTILE PROF. CARMINE PISCOPO Indice 1 Pedagogia di Giovanni Gentile-------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

IMMANUEL KANT CRITICA DELLA RAGION PURA LOGICA TRASCENDENTALE

IMMANUEL KANT CRITICA DELLA RAGION PURA LOGICA TRASCENDENTALE IMMANUEL KANT CRITICA DELLA RAGION PURA LOGICA TRASCENDENTALE Senza sensibilità nessun oggetto ci sarebbe dato, e senza intelletto nessun oggetto verrebbe pensato. I pensieri senza contenuto sono vuoti,

Dettagli

Hegel. Hegele il movimento idealista di cui fa parte sostengono l idea per

Hegel. Hegele il movimento idealista di cui fa parte sostengono l idea per Hegel Hegelriprende la doppia accezione del termine dialettica sia come metodo della filosofia, sia come suo contenuto: l idea è che la realtà stessa sia un sistema razionale di opposizioni, laddove è

Dettagli

S I S T E M A IL SISTEMA HEGELIANO

S I S T E M A IL SISTEMA HEGELIANO IL SISTEMA HEGELIANO REALTA Concezione monistica, tipica dell idealismo Si sviluppa in un processo diviso in tre momenti E razionale (è proprio di Hegel e non degli altri idealisti). «Tuiio cio che è reale

Dettagli

Karl Marx. La critica all Ideologia. La critica alla religione

Karl Marx. La critica all Ideologia. La critica alla religione Karl Marx La critica all Ideologia. La critica alla religione Marx e Hegel Anche se il suo pensiero si forma nell ambito dell hegelismo, Marx, sin dal 1843 (Per la critica della filosofia del diritto di

Dettagli

La realtà non è una sostanza statica: la categoria fondante della realtà hegeliana è proprio il divenire.

La realtà non è una sostanza statica: la categoria fondante della realtà hegeliana è proprio il divenire. 5. Il concetto hegeliano di Assoluto e la dialettica La realtà, per Hegel, è l Assoluto che si manifesta. L Assoluto è lo Spirito o la Ragione così come li abbiamo intesi finora, ossia: un soggetto spirituale

Dettagli

HEGEL: IL SISTEMA FILOSOFICO

HEGEL: IL SISTEMA FILOSOFICO 1. La filosofia come scienza HEGEL: IL SISTEMA FILOSOFICO Hegel aveva concepito la Fenomenologia come un introduzione al suo sistema filosofico. Il compito della Fenomenologia era di descrivere la progressione

Dettagli

Anno scolastico PROGRAMMA SVOLTO E CONTENUTI MINIMI. Docente: Enzo Citarella. Materia: Filosofia

Anno scolastico PROGRAMMA SVOLTO E CONTENUTI MINIMI. Docente: Enzo Citarella. Materia: Filosofia Anno scolastico 2015-16 PROGRAMMA SVOLTO E CONTENUTI MINIMI Docente: Enzo Citarella Materia: Filosofia Classe : 4 F Indirizzo Linguistico ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI E DEGLI OBIETTIVI SECONDO UNITA FORMATIVE

Dettagli

CONOSCENZA ED ESPERIENZA

CONOSCENZA ED ESPERIENZA CONOSCENZA ED ESPERIENZA È il FONDAMENTO della conoscenza le idee nascono dall esperienza È il MECCANISMO DI CONTROLLO della conoscenza è il criterio di verità: un idea è vera se corrisponde all esperienza

Dettagli

Fichte Lo scopo non è più spiegare cos è il mondo ma come il mondo venga prodotto dall Io

Fichte Lo scopo non è più spiegare cos è il mondo ma come il mondo venga prodotto dall Io Fichte 1762-1814 Il punto di partenza di Fichte è quello della critica alla ragion pratica nella quale si afferma la capacità del singolo individuo a determinare la propria moralità. Non accetta l esistenza

Dettagli

FILOSOFIA a.s V^A L

FILOSOFIA a.s V^A L ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: http://scuolaworld.provincia.padova.it/alberti/

Dettagli

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e scoprire nel mondo i segni di una presenza divina. Riconoscere l importanza delle ricorrenze religiose nella vita degli

Dettagli

IL RACCONTO DELLA FILOSOFIA

IL RACCONTO DELLA FILOSOFIA UGO PERONE IL RACCONTO DELLA FILOSOFIA Breve storia della filosofia Queriniana Indice generale Racconto e storia.... 5 La filosofia si definisce.... 9 1. I primordi 9 2. La filosofia nello spazio della

Dettagli

Orizzonti della bioetica, diverse prospettive a confronto

Orizzonti della bioetica, diverse prospettive a confronto Orizzonti della bioetica, diverse prospettive a confronto 1 PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e

Dettagli

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE RELIGIONE: TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Riconoscere che il rapporto con Dio è esperienza fondamentale nella vita di molte persone, individuare

Dettagli

Filosofia e acquisizione di competenze

Filosofia e acquisizione di competenze Filosofia e acquisizione di competenze Pensiero filosofico per le competenze educative A.A. 2014/15 lezione 20.10.14 2 È possibile individuare un ontologia dell umano? Quali conseguenze determina la rinuncia

Dettagli

Schopenhauer Tra razionale e irrazionale

Schopenhauer Tra razionale e irrazionale Schopenhauer Tra razionale e irrazionale Le domande fondamentali poste da Arthur Schopenhauer : Che cosa coglie la ragione discorsiva? La ragione discorsiva può essere superata per cogliere la realtà?

Dettagli

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali.

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali. CLASSI PRIME Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre -Conoscere e farsi conoscere per

Dettagli

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza:

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: LOCKE L empirismo inglese e il suo fondatore Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: - Fonte del processo conoscitivo - Strumento di certificazione delle tesi

Dettagli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli Quali sono natura ruolo e scopo della filosofia? cerchiamo una risposta a questi interrogativi nelle parole degli

Dettagli

Fichte Deduzione trascendentale dell Io e immaginazione produttiva

Fichte Deduzione trascendentale dell Io e immaginazione produttiva Fondamenti di Storia della Filosofia - Lezione di giovedì 14 aprile 2016 1 Fichte Deduzione trascendentale dell Io e immaginazione produttiva SCHEMA Stabilito che la cosa in sé di Kant è un falso problema,

Dettagli

CLASSE 4^B PROGRAMMA DI FILOSOFIA (a.s ) Caratteristiche e correnti fondamentali del Rinascimento filosofico

CLASSE 4^B PROGRAMMA DI FILOSOFIA (a.s ) Caratteristiche e correnti fondamentali del Rinascimento filosofico CLASSE 4^B PROGRAMMA DI FILOSOFIA (a.s. 2014-15) UNITA 1 - DAL RINASCIMENTO ALLA RIVOLUZIONE SCIENTIFICA Autori e problemi Caratteristiche e correnti fondamentali del Rinascimento filosofico La Rivoluzione

Dettagli

RELAZIONE FINALE - A. S PROGRAMMA SVOLTO

RELAZIONE FINALE - A. S PROGRAMMA SVOLTO SCIENTIFICO - LINGUISTICO SCIENZE UMANE - ECONOMICO SOCIALE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli tel. 0119586756 fax 0119589270 sede di SANGANO 10090 Via S. Giorgio Tel. e fax 0119087184 email: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

Polisemia della Coscienza. A cura di Alfredo Nazareno d Ecclesia

Polisemia della Coscienza. A cura di Alfredo Nazareno d Ecclesia Polisemia della Coscienza A cura di Alfredo Nazareno d Ecclesia *La coscienza è un tipo di relazione dell uomo con se stesso, con il mondo e con gli altri. *Coscienza: non è una semplice funzione dell

Dettagli

Testo adottato: N.Abbagnano, G.Fornero La ricerca del pensiero vol. 2 A, 2B, Paravia

Testo adottato: N.Abbagnano, G.Fornero La ricerca del pensiero vol. 2 A, 2B, Paravia PROGRAMMA SVOLTO DI FILOSOFIA Classe: 4 G Anno Scolastico: 2015-2016 Docente: Bianca Maria Poggiali Testo adottato: N.Abbagnano, G.Fornero La ricerca del pensiero vol. 2 A, 2B, Paravia - Umanesimo e Rinascimento.

Dettagli

Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla

Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla vita politica e culturale. Questo processo si avvia

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica VISTO Il Presidente della Repubblica l articolo 87 della Costituzione; la legge 25 marzo 1985, n. 121, recante ratifica ed esecuzione dell Accordo, con Protocollo addizionale, firmato a Roma il 18 febbraio

Dettagli

RELIGIONE Classe I sez. B Programma effettivamente svolto dal docente Maurizio Ormas

RELIGIONE Classe I sez. B Programma effettivamente svolto dal docente Maurizio Ormas RELIGIONE Classe I sez. B OBIETTIVI DEL BIENNIO 1. Saper individuare lo specifico della religione e dell esperienza religiosa, distinguendo tra domanda di senso, risposta religiosa e fede. 2. Saper individuare

Dettagli

RELAZIONE FINALE. Istituto di Istruzione Superiore telefono: ITALO CALVINO fax: via Guido Rossa ROZZANO MI

RELAZIONE FINALE. Istituto di Istruzione Superiore telefono: ITALO CALVINO fax: via Guido Rossa ROZZANO MI Allegato al documento di classe no. 1.5 Docente Materia Classe Acciavatti Luciana Filosofia 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha partecipato in modo costruttivo al dialogo educativo,

Dettagli

Schopenhauer Le radici del sistema

Schopenhauer Le radici del sistema Le radici del sistema Sintesi di esperienze eterogenee: Platone Kant Illuminismo Voltaire Romanticismo Idealismo Spiritualità indiana (Vecchiotti Abbagnano) il velo di Maya Potere divino mediante il quale

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLE SCIENZE FILOSOFICHE in compendio, 1817,1827,1830

ENCICLOPEDIA DELLE SCIENZE FILOSOFICHE in compendio, 1817,1827,1830 ENCICLOPEDIA DELLE SCIENZE FILOSOFICHE in compendio, 1817,1827,1830 Dalla Fenomenologia al Sistema Per Hegel La Verità si consegue solo con la conoscenza della totalità. Il processo di costruzione dell'intero

Dettagli

IMMANUEL KANT. (1724 Germania-1804) INTRODUZIONE

IMMANUEL KANT. (1724 Germania-1804) INTRODUZIONE IMMANUEL KANT (1724 Germania-1804) INTRODUZIONE ILLUMINISMO ROMANTICISMO SAPERE AUDE (Ultimo periodo della sua vita) USCIRE DALLO STATO DI MINORITA Nella CRITICA DEL GIUDIZIO CONDIZIONE DELL UOMO CHE NON

Dettagli

I filosofi post-hegeliani, Schopenhauer, Kiekegaard

I filosofi post-hegeliani, Schopenhauer, Kiekegaard I filosofi post-hegeliani, Schopenhauer, Kiekegaard La linea del tempo 1835-1836 Vita di Gesù di Strauss 1839 Per la critica della filosofia hegeliana di Feuerbach 1841 L essenza del Cristianesimo di Feuerbach

Dettagli

HEGEL IL FINITO È L ESPRESSIONE PARZIALE E TRANSITORIA DELL INFINITO

HEGEL IL FINITO È L ESPRESSIONE PARZIALE E TRANSITORIA DELL INFINITO HEGEL 1. VITA Georg Wilhelm Friedrich Hegel nacque il 27 agosto 1770 a Stoccarda. Seguì i corsi di filosofia e teologia all Università di Tubinga dove strinse amicizia con Schelling e Holderlin. Terminati

Dettagli

RELATIVISMO. OPINIONE Doxa. Sensi. Conoscenza. relativa. Molteplice varia nello Spazio RELATIVISMO. Impossibilità verità Universale e Immutabile

RELATIVISMO. OPINIONE Doxa. Sensi. Conoscenza. relativa. Molteplice varia nello Spazio RELATIVISMO. Impossibilità verità Universale e Immutabile RELATIVISMO OPINIONE Doxa Sensi Conoscenza relativa Mutevole varia nel Tempo Molteplice varia nello Spazio Soggettiva varia nei diversi soggetti RELATIVISMO Impossibilità verità Universale e Immutabile

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI A.S. 2015/2016 CLASSE IV D PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROF.SSA ANTONIETTA PISTONE

LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI A.S. 2015/2016 CLASSE IV D PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROF.SSA ANTONIETTA PISTONE LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI A.S. 2015/2016 CLASSE IV D PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROF.SSA ANTONIETTA PISTONE Filosofia cultura cittadinanza 2 Dall Umanesimo a Hegel, A. La Vergata, F. Trabattoni Unità 1:

Dettagli

FILOSOFIA DALLE INDICAZIONI NAZIONALI: LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO DELLE SCIENZE - UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE, LICEO LINGUISTICO LINEE

FILOSOFIA DALLE INDICAZIONI NAZIONALI: LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO DELLE SCIENZE - UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE, LICEO LINGUISTICO LINEE FILOSOFIA DALLE INDICAZIONI NAZIONALI: LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO DELLE SCIENZE - UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE, LICEO LINGUISTICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo

Dettagli

BENEDETTO SPINOZA a cura di Pietro Gavagnin con il contributo degli alunni di 4AOL as

BENEDETTO SPINOZA a cura di Pietro Gavagnin  con il contributo degli alunni di 4AOL as BENEDETTO SPINOZA 1632-1677 a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net con il contributo degli alunni di 4AOL as 2014-2015 OPERE: TRATTATO TEOLOGICO - POLITICO (1670) Scopo fondamentale del trattato è la

Dettagli

CAPITOLO 5 CHI SEI VERAMENTE

CAPITOLO 5 CHI SEI VERAMENTE CAPITOLO 5 CHI SEI VERAMENTE è inscindibile da chi sei al livello più profondo. L Adesso Ci sono molte cose importanti nella tua vita, ma solo una conta in modo assoluto. Conta se hai successo o se fallisci

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Programmazione annuale a.s. 2013/2014 Docente: Chiara Bertollo Materia: Filosofia Classe: V C 1. Nel primo consiglio di classe (3 ottobre 2013) sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali

Dettagli

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA I DESTINATARI DELLA CATECHESI L arco dell esistenza umana è normalmente suddiviso in tratti specifici: infanzia, fanciullezza, adolescenza, giovinezza, età adulta

Dettagli

LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO

LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO Argomenti Una definizione di FILOSOFIA Dal mito al logos Le peculiarità della società greca UNA DEFINIZIONE FILOSOFIA: RICERCA RAZIONALE SUI FONDAMENTI DELL ESSERE, DEL

Dettagli

Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015

Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015 Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015 INTRODUZIONE Metafisica «Metafisica» di Aristotele: ricerca delle proposizioni implicite in ogni nostro discorso, delle verità «prime», verità presupposte da ogni ricerca

Dettagli

Senso e limite della dialettica

Senso e limite della dialettica Senso e limite della dialettica 0. Premessa: ripensare Hegel, rivivere dentro di noi il suo pensiero, nel nostro tempo, com egli stesso ha insegnato (punto di vista di un idealismo assoluto odierno, attuale)

Dettagli

Sia la religione ebraica sia quella cristiana sono religioni rivelate, cioè religioni che trovano il loro fondamento nel fatto che Dio si è

Sia la religione ebraica sia quella cristiana sono religioni rivelate, cioè religioni che trovano il loro fondamento nel fatto che Dio si è Sia la religione ebraica sia quella cristiana sono religioni rivelate, cioè religioni che trovano il loro fondamento nel fatto che Dio si è manifestato direttamente all uomo. Sia per gli ebrei sia per

Dettagli

La Sinistra hegeliana e KARL MARX. Giovanni Gullotta

La Sinistra hegeliana e KARL MARX. Giovanni Gullotta La Sinistra hegeliana e KARL MARX L eredità di Hegel Era opinione diffusa tra i discepoli di Hegel che la sua filosofia rappresentasse una sintesi conclusiva che si poteva consolidare, chiarire, applicare

Dettagli

Èmile Durkheim ( ) Abbiamo una società di individui liberi: come è possibile l ordine sociale

Èmile Durkheim ( ) Abbiamo una società di individui liberi: come è possibile l ordine sociale 1 Èmile Durkheim (1858-1917) Abbiamo una società di individui liberi: come è possibile l ordine sociale La società è superiore all individuo Fonte: www.newgenevacenter.org Reazione conservatrice GIULIANA

Dettagli

CONSIGLIO. consigliare ed ascoltare col cuore

CONSIGLIO. consigliare ed ascoltare col cuore CONSIGLIO consigliare ed ascoltare col cuore IL DONO DEL CONSIGLIO Il dono del CONSIGLIO è la luce e la guida spirituale che ci orienta lungo il cammino della vita, che ci fa fare le scelte giuste per

Dettagli

Liceo G. Galilei Trento

Liceo G. Galilei Trento Liceo G. Galilei Trento PIANI DI STUDIO IRC - INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Unità orarie settimanali 1^biennio 2^biennio 5^anno Classi 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Indirizzo Doppia lingua 1 1 1 1 1 Indirizzo

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Al termine della scuola primaria L alunno: 1.1 Scoprire che la vita, la natura, il. di Gesù: far conoscere il Padre

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Al termine della scuola primaria L alunno: 1.1 Scoprire che la vita, la natura, il. di Gesù: far conoscere il Padre CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Religione Cattolica - Classe Prima COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Profilo

Dettagli

Georg Wilhelm Friedrich Hegel ( )

Georg Wilhelm Friedrich Hegel ( ) Georg Wilhelm Friedrich Hegel (1770 1831) PARTE 3 10. FILOSOFIA DELLO SPIRITO - La terza e ultima parte del sistema tratteggiato nell Enciclopedia delle scienze filosofiche che corrisponde alla fase più

Dettagli

Plotino. Ne risulta una sintesi che influenzerà il pensiero cristiano e moderno.

Plotino. Ne risulta una sintesi che influenzerà il pensiero cristiano e moderno. Plotino Il neoplatonismo nasce e si sviluppa ad Alessandria e - risente della confluenza tra cultura greca ed orientale; - mette insieme istanze religiose e platonismo con elementi stoici, pitagorici e

Dettagli

Lezione del 4/2 Stato, potere, diritto. Forme di governo

Lezione del 4/2 Stato, potere, diritto. Forme di governo Analisi delle istituzioni politiche Lezione del 4/2 Stato, potere, diritto. Forme di governo Dott. L. Marchettoni Università di Parma Teorie del potere Il nesso tra Stato/politica e potere. Teoria sostanzialistica:

Dettagli

Guido Alliney Trento, 4 dicembre Libera volontà. Il fondamento metafisico della libertà del volere in Giovanni Duns Scoto

Guido Alliney Trento, 4 dicembre Libera volontà. Il fondamento metafisico della libertà del volere in Giovanni Duns Scoto Guido Alliney Trento, 4 dicembre 2013 Libera volontà Il fondamento metafisico della libertà del volere in Giovanni Duns Scoto Concezioni tardo antiche della libertà La libertà implica adesione all ordine

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Curricolo di base per la classe prima del Primo Ciclo di istruzione

RELIGIONE CATTOLICA. Curricolo di base per la classe prima del Primo Ciclo di istruzione Curricolo di base per la classe prima del Primo Ciclo di istruzione Individuare differenze di caratteristiche esteriori, atteggiamenti, pensieri tra compagni di scuola. Dimostrare disponibilità all accoglienza

Dettagli

VIII. Insegnamento religioso

VIII. Insegnamento religioso VIII. Insegnamento religioso VIII. Insegnamento religioso 281 1. Insegnamento religioso cattolico L insegnamento religioso cattolico fa proprie le finalità e le modalità degli studi liceali così come sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA elaborato dai docenti di scuola primaria Coordinatore Ins. Laura Montecchiani Classe I creatore e Padre Scoprire che per la religione

Dettagli

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai Matteo 6, 24 Nessuno può servire due padroni; perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o avrà riguardo per l'uno e disprezzo per l'altro. Voi non potete servire Dio e Mammona. Ci sono delle immagini che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Rflette su Dio Creatore e Padre. Conosce Gesù di Nazaret, L'Emmanuele "Dio con noi". Coglie l'importanza della propria crescita e del vivere insieme nell'accoglienza e

Dettagli

COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL PRIMO BIENNIO (primo anno)

COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL PRIMO BIENNIO (primo anno) COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL PRIMO BIENNIO (primo anno) 1) Riconoscere i contenuti culturali della disciplina in riferimento all esperienza dell alunno e alle sue domande di senso. 2) Saper riconoscere

Dettagli

RIASSUNTO e RILANCIO Prof. Monti a.s

RIASSUNTO e RILANCIO Prof. Monti a.s RIASSUNTO e RILANCIO Abbiamo notato che la ricerca dell arché, cioè di qualcosa che possa fornire una spiegazione razionale del mondo e delle cose che lo compongono, procede lungo un percorso che conduce

Dettagli

6 Fiducia uno perde la fiducia, con che cosa potrà ancora salvarsi?» e ancora: «La fiducia è comunque sempre necessaria, anche quando essa ti ha abban

6 Fiducia uno perde la fiducia, con che cosa potrà ancora salvarsi?» e ancora: «La fiducia è comunque sempre necessaria, anche quando essa ti ha abban Prefazione Nel i secolo a.c. viveva a Roma un liberto di nome Publilio Siro. Era originario della Siria ed era stato deportato a Roma come schiavo. Grazie alla sua intelligenza e alla sua arguzia fu dichiarato

Dettagli

il commento di p. Maggi al vangelo della domenica

il commento di p. Maggi al vangelo della domenica il commento di p. Maggi al vangelo della domenica LA MIA CARNE E VERO CIBO E IL MIO SANGUE VERA BEVANDA commento al vangelo della domenica del corpus domini 18 giugno 2017) di p. Alberto Maggi : Gv 6,51-58

Dettagli

Immanuel Kant. Corso di Riallineamento di Filosofia A.A. 2015/2016 Prof.ssa Laura Stochino

Immanuel Kant. Corso di Riallineamento di Filosofia A.A. 2015/2016 Prof.ssa Laura Stochino Immanuel Kant Corso di Riallineamento di Filosofia A.A. 2015/2016 Prof.ssa Laura Stochino Come e cosa conosciamo? https://www.youtube.com/watch?v=oux2mylkiby Le opere precritiche Dal razionalismo tedesco

Dettagli

Da E. Severino, La filosofia moderna, Rizzoli, pag

Da E. Severino, La filosofia moderna, Rizzoli, pag Da E. Severino, La filosofia moderna, Rizzoli, pag. 176-178 Sulla superficie di un lago galleggiano dei fiori con le radici attaccate sul fondo - delle ninfee. Il fondo del lago è invisibile dalla superficie.

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SOCIALITÀ NEL PENSIERO DI GIOVANNI AMBROSETTI CAPITOLO I

SOMMARIO PRESENTAZIONE INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SOCIALITÀ NEL PENSIERO DI GIOVANNI AMBROSETTI CAPITOLO I SOMMARIO PRESENTAZIONE.1. Oggetto della trattazione 1.2. Le questioni di fondo 2.3. Le tesi sottostanti al presente lavoro 3.4. La struttura argomentativa 5.5. Indicazioni sullo stile espositivo 7 CAPITOLO

Dettagli

La filosofia. Storia della filosofia contemporanea

La filosofia. Storia della filosofia contemporanea La filosofia Storia della filosofia contemporanea Che cos è la filosofia? Concezione tradizionale della filosofia La filosofia è una disciplina scolastica o accademica, che ha per oggetto la storia del

Dettagli

Libertà individuale e valori sociali 1. Platone. Istruzione e formazione secondo la paideia classica. Lezioni d'autore

Libertà individuale e valori sociali 1. Platone. Istruzione e formazione secondo la paideia classica. Lezioni d'autore Libertà individuale e valori sociali 1. Platone. Istruzione e formazione secondo la paideia classica Lezioni d'autore Dibattito sul tema dell educazione (Atene, V-IV sec. a.c. Quale valore ha la formazione

Dettagli

Liberamente tratto da: Luigi Giussani, Il senso religioso! !!!

Liberamente tratto da: Luigi Giussani, Il senso religioso! !!! !!! Liberamente tratto da: Luigi Giussani, Il senso religioso! Le immagini sono riproduzioni di quadri di Paul Cezanne,! che riprodusse numerose volte la montagna Saint Victoire! e di Claude Monet, que

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE COMPETENZE SOCIALI

Dettagli

Sacra Scrittura e Simbolo

Sacra Scrittura e Simbolo Sacra Scrittura e Simbolo La pagina biblica è un «grande codice» La Bibbia è costituita da tre lingue: 1. ebraico; 2. Aramaico; 3. Greco. Due mondi: 1. Semitico; 2. Greco. La Bibbia è CONTEMPORANEAMENTE

Dettagli

AGOSTINO. Vita. Opere. La lotta alle eresie. - Il male non è un essere sostanziale autonomo. - Il male è privazione di bene, accidenti del bene.

AGOSTINO. Vita. Opere. La lotta alle eresie. - Il male non è un essere sostanziale autonomo. - Il male è privazione di bene, accidenti del bene. AGOSTINO Vita Opere La lotta alle eresie Il manicheismo (cf. pp.382-383) La risposta di Agostino - Il male non è un essere sostanziale autonomo. - Il male è privazione di bene, accidenti del bene. Il donatismo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016

RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Gli Obiettivi di Apprendimento per ogni fascia di età sono articolati in quattro ambiti tematici : Dio e l uomo, con i principali riferimenti

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI FILOSOFIA MORALE (6 crediti) (Università degli Studi di Ferrara)

APPROFONDIMENTI DI FILOSOFIA MORALE (6 crediti) (Università degli Studi di Ferrara) APPROFONDIMENTI DI FILOSOFIA MORALE (6 crediti) (Università degli Studi di Ferrara) Docente: Dr.ssa Federica Basaglia (bsgfrc@unife.it) Titolo del corso: LA CRITICA DELLA RAGION PRATICA DI KANT Periodo:

Dettagli

Allegretto Martina, Andrigo Federico, Bassetto Elena, Cigagna Mirko, De Luca Daniele, Novello Monica

Allegretto Martina, Andrigo Federico, Bassetto Elena, Cigagna Mirko, De Luca Daniele, Novello Monica Allegretto Martina, Andrigo Federico, Bassetto Elena, Cigagna Mirko, De Luca Daniele, Novello Monica Nel 600 si afferma in Europa l assolutismo, che si fonda sulla subordinazione di tutte le sfere della

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visto Vista l articolo 87 della Costituzione; la legge 25 marzo 1985, n. 121, recante ratifica ed esecuzione dell accordo, con protocollo addizionale, firmato a Roma il 18

Dettagli

PASSI BIBLICI DIFFICILI

PASSI BIBLICI DIFFICILI Anselm Grün PASSI BIBLICI DIFFICILI Interpretati in chiave spirituale Queriniana Introduzione La Bibbia è la base essenziale del cristianesimo. E a volte non è per niente facile. Nel l Antico Testamento,

Dettagli

3.11. Religione Scuola Primaria

3.11. Religione Scuola Primaria 3.11. Religione. 3.11.1 Scuola Primaria NUCLEO FONDANTE: Dio e l uomo al termine della classe terza al termine della classe quinta L alunno: riconosce Dio come Padre, riflette su Dio Creatore e si approccia

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI-BRENTONICO Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I CLASSE I Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi. La Chiesa, comunità dei cristiani aperta a tutti i popoli. 1) Scoprire nell ambiente i segni che richiamano

Dettagli

4. La Filosofia dello spirito Lo Spirito costituisce il momento culminante del divenire dell'idea l' Idea che ha preso coscienza di sé

4. La Filosofia dello spirito Lo Spirito costituisce il momento culminante del divenire dell'idea l' Idea che ha preso coscienza di sé 4. La Filosofia dello spirito Lo Spirito costituisce il momento culminante del divenire dell'idea. Esso, infatti, è l'idea pienamente attuata, l' Idea che ha preso coscienza di sé. Per Hegel, come si è

Dettagli

Idee e linguaggi della politica MODULO I

Idee e linguaggi della politica MODULO I Idee e linguaggi della politica MODULO I FABIO DI GIANNATALE A.A. 2015/16 LEZIONE 9 Slide 1 di 12 Profilo biografico di Kant [Konigsberg 1724 - Konigsberg 1804] Tra i suoi scritti 1781 Critica della ragion

Dettagli