Limiti e forme indeterminate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Limiti e forme indeterminate"

Transcript

1 Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI

2 c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto , ) e ingrandito 58 volte. Titolo: Schizzo frattale.

3 INDICE Limiti di funzioni razionali fratte ) ) ) p q ) 5 +7 ) ) ) ) ± Limiti di funzioni irrazionali ) ) ) ) + + ) 7) + + 9) ) ) + ) ) 3 4) ) ) ) 0 )

4 Limiti indeterminati coinvolgenti funzioni goniometriche ) 0 sen3 5) 0 sen5 sen 7) a sen sen a a sen 4 9) 0 cos) cos 3) 0 sen 3 cos 33) ) 0 tg sen 37) tg sen) π 4) 0 cos 6) ± sen 8) 0 cos+sen cos sen sen 4 30) 0 cos) 3 3+tg 3) 0 sen+tg 34) π± +sen sen sen 36) 0+ ln lnsen 38) tg)tg π 4 Limiti di funzioni esponenziali e logaritmiche ) 39) ln + + 4) 0 lg a +) 43) 0 e sen 45) 47) 0 e e e e 40) 0+ ep ln ln 4) 0 a 44) 0 cos e ) 46) ln ) 0 e a e b ) 49) 50) + 0 cos)/ Limiti fondamentali e importanti

5 Esercizi risolti Requisiti necessari per affrontare gli esercizi presentati di seguito: conoscenza dei teoremi sulle operazioni tra iti e sul ite di una funzione composta, continuità delle funzioni, in particolare delle funzioni elementari. conoscenza dei iti fondamentali. Queste brevi note riguardano le tecniche di risoluzione di quei iti che ad un primo approccio conducono a forme di indeterminazione e che si possono trattare senza la conoscenza del teorema di De L Hôpital. Le diverse tipologie che si presentano si possono ricondurre a 4 forme principali che solo per comodità di scrittura e senza alcun significato operativo, verranno individuate nel seguito come 0 0,, 0, +. Ad ogni modo tutte le volte che il calcolo del ite conduce a delle forme indeterminate, si dovrà cercare di trasformare identicamente la funzione in modo adeguato senza ovviamente modificare il ite e allo scopo di rimuovere, nella nuova forma, l indeterminazione. Per esempio il ite 3 + dà luogo alla forma 0/0. Difatti ricordando la continuità delle funzioni polinomiali, 3 + = f0) = 0 e = = 0. Se tuttavia riduciamo la frazione ai minimi termini, si ottiene 3 + = ) ) = ) ) =. Ne segue che l ultima espressione coincide con la funzione di partenza solo se, condizione questa che permette di scrivere e quindi risolvere l indeterminazione. 3 + = = 3

6 Esercizi risolti sulle forme indeterminate. Limiti di funzioni razionali fratte Una funzione di questo tipo si indica con f) = A) B) con A) e B) polinomi. I iti di queste funzioni o sono immediati per la continuità della funzione f), o in genere danno luogo alle forme 0/0, /. Caso 0/0 Limiti di questo tipo si hanno quando tende ad un valore finito. L indeterminazione viene einata riducendo la frazione ai minimi termini. A tale scopo si scompone in prodotto di fattori sia il numeratore che il denominatore e si semplificano i fattori comuni. Ad esempio si voglia calcolare il A) B) = Poiché A) = B) = 0 la forma è indeterminata ma per lo stesso motivo, i due polinomi risultano divisibili per, cioè = è uno zero dei polinomi A) e B). Scomponendo allora con il metodo di Ruffini si ottiene = ) ) )+3) = +3 = 5, rimuovendo in tal modo l indeterminazione. A) Più in generale, quando il α B) = 0 0, vuol dire che = α è uno zero sia di A) che di B). In tal caso scomposti i due polinomi nei fattori il ite originario diviene A) = α)q ) B) = α)q ) A) α B) = α)q ) α α)q ) = α α α Q) Q ) α e poiché il termine è tale che α α = il ite si riduce a A) α B) = Q ) α Q ). Nell eventualità che il ite precedente sia ancora indeterminato si può iterare il procedimento: in tal caso la radice = α possiede un ordine di molteplicità maggiore di. Per esempio nel polinomio A) = = ) 3 ++5) la soluzione = possiede una molteplicità pari a 3. 6 Esercizio Il ite rientra nella forma 0/0 per cui scomponendo numeratore e denominatore si +8+4 trova ± = ± +) 3) +) +) = ± 3 +)+) = ±.

7 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 3 Infatti risulta ± + = ± e 3 + = f ) = Esercizio 3. Poiché risulta = f) = 0 e = f) = 0 il ite è indeterminato. Scomponendo numeratore e denominatore si trova ) +) 3 = 8 ) ++4) = 0 in quanto ) = 0 e +) ++4 = f) = 4/ Esercizio 3 3. Scomponendo ancora il numeratore e il denominatore si giunge 4+8 a = ) +) ) +) = 3 4 in quanto ) ) = e + + = f) = 3 4. Esercizio 4 3. Ricordando le scomposizioni elementari di binomi in fattori, il ite si riscrive 3 = )+) ) ++) = + ++ = 3. p Esercizio 5 q. Questo ite è la generalizzazione del precedente. Quindi, per le formule della scomposizione in fattori di un binomio, si può scrivere Va quindi risolto il ite p q = ) p + p + ++) ) q + q + ++). p + p + ++ q + q + ++ che, data la continuità in = della funzione a suo argomento, si calcola sfruttando tale proprietà ossia p + p p + ++ q + q + ++ = f) = q = p q. Caso / Per funzioni razionali fratte questo caso si verifica quando tende all infinito. L indetermi nazione viene einata mettendo in evidenza, sia al numeratore che al denominatore, la potenza di con esponente massimo. Per esempio si voglia calcolare il ite seguente:

8 4 Esercizi risolti sulle forme indeterminate A) B) = a 0 n +a n + +a n +a n b 0 m +b m + +b m +b m = con n, m interi positivi. Il numeratore è di grado n ed il denominatore di grado m. Si proceda nel modo seguente: a. si metta in evidenza al numeratore e al denominatore rispettivamente n ed m. Si ottiene così il n a 0 + a m b 0 + b + + an n + an n ) ) bm bm m m b. a questo punto si tenga presente che i iti di funzioni del tipo p/ q con q > 0 p valgono = 0. Quindi tutti gli addendi con una potenza positiva di q al denominatore q, passando al ite, si annullano. Rimane da considerare, al ite, il termine a0n b 0. I casi che possono presentarsi sono 3 e dipendono dai valori m di n e m.. se n < m: A) B) = a 0 n b 0 m = a 0 = 0; b 0 m n A). se n = m: B) = a 0 uguale al rapporto dei coefficienti di grado massimo; b 0 3. se n > m: Esercizio Raccogliendo la potenza 3 al numeratore discende A) B) = a 0 n m =. b = + ) = in quanto = = = Esercizio 7 5. In modo analogo, fattorizzando 5 sia al numeratore +7 che al denominatore si giunge a = + ) ) + 7 = 5 in quanto i termini del tipo 7, 7, 5 hanno ite nullo e 5 5 / 5 =. 3 + Esercizio 8. Con le medesime modalità dei precedenti esercizi raccogliamo 3 al numeratore e al denominatore: ± 3 + ± = 3 ) + 3 ± ) + ) = ) 3 ± = + avendo ± = +. = 0

9 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 5. Limiti di funzioni irrazionali In base al tipo di funzione irrazionale, il ite può essere immediato o dare luogo alle forme di indeterminazione del tipo 0/0, /, +, 0. Difatti gli esempi seguenti successivamente risolti) risultano tutti indeterminati. I primi due riportano al caso 0/0, il terzo e il quinto a + /+, il quarto a +, mentre l ultimo a 0. Si tenga presente che tanto le funzioni razionali, quanto le irrazionali che, al ite, danno luogo a forme indeterminate diverse dalle 0/0, /, +, si possono manipolare per ricondurle alle precedenti tre forme di indeterminazione. L ultimo esempio infatti si può scrivere per > 0 come +) 3 6 +, forma che ci riconduce all indeterminazione /. Fissiamo quindi l attenzione, nel caso di iti di funzioni irrazionali, sulle 3 forme 0/0, /, +. Caso 0/0 Si tratta sempre di einare l indeterminazione cambiando la funzione in un altra avente lo stesso ite. Tale scopo si può raggiungere in tre modi:. mediante razionalizzazione del numeratore, o del denominatore, o di entrambi,. mediante opportune scomposizioni, 3. mediante particolari artifici.. Tale ite verrà risolto in due modi diversi: Esercizio 9 a. razionalizziamo il numeratore della funzione: Ne segue che = + + = ) +). ) +) = = + + =. b. si può pure scomporre il denominatore considerandolo una differenza di quadrati. Cosicché = ) +) = = + + =.

10 6 Esercizi risolti sulle forme indeterminate + Esercizio 0. Razionalizzando sia il numeratore che il denominatore discende ne segue pertanto + ++ = + ) ++ ) ++ ) + = = ) ) ++ ) = ) ) ++ ); ++ = 0 + = Esercizio. Pure tale ite verrà risolto in due modi diversi: + a. ricordando che a 3 +b 3 = a+b)a ab+b ) razionalizziamo il numeratore: = = ) = ) = = 3. b. scomponendo in fattori il denominatore, considerato come una somma di cubi si ha + = 3 +) 3 3 +) per cui = ) 3 3 +) = = 3. + Esercizio ). Si tratta di cercare di fattorizzare un termine che si annulli per =. Allora a. razionalizzando il numeratore considerato come la differenza di due termini + = +) + ) +)+ +)+ = +) 4 ) ++ ) ) = ) ++ ) = ++ = 4

11 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 7 b. scomponendo invece in fattori nel modo seguente + = ) e ) = [ +) )] = +) ), si ha + ) = Caso / ) +) ) = +) = +) = 4. Anche in questo caso si procede come per le funzioni razionali fratte, cioè l indeterminazione viene einata, in generale, mettendo in evidenza sia al numeratore che al denominatore la potenza di con esponente massimo. Occorre però porre attenzione sul fatto che: a. gli esponenti sono frazionari: si ricordi infatti che n m = m/n ; b. portando fuori dalla radice di indice n pari una potenza di, compare il valore assoluto. Per esempio =, 4 4 =, 6 = 4. c. Nel radicando che è un polinomio razionale) per può talvolta presentarsi la forma indeterminata +. In tal caso questo ite è sempre infinito e va trattato con i metodi già visti. Infatti se A) = a 0 n +a n + +a n +a n = n a 0 + a + + a n n + a ) n n = e il segno di questo ite infinito dipende dalla ± ) e dal coefficiente a. Per concludere: il ite per di un polinomio razionale dà luogo ad una somma algebrica di termini ciascuno con ite infinito. Fra essi prevale quello di ordine massimo potenza di con esponente massimo). Pertanto nel calcolo si possono trascurare le potenze di inferiori al grado del polinomio ossia, come si suol dire, gli infiniti di ordine inferiore. Esercizio Raccogliendo la potenza massima = + + ) = + + ) + + = =. Il ite, come si può notare, è ancora dato dal rapporto dei coefficienti di grado massimo. In alternativa, posto = t il ite assegnato si riscrive come = t + t +t t+t in modo da poter applicare la teoria dei iti di funzioni razionali fratte al tendere ad infinito della variabile indipendente. In tal caso, avendo il medesimo grado i polinomi a numeratore e denominatore, il ite è pari al rapporto dei coefficienti di grado massimo ossia / =.

12 8 Esercizi risolti sulle forme indeterminate Esercizio Si osservi che il ite dovrebbe essere infinito perché, per +, ilnumeratoreèuninfinitodiordineeildenominatoreèuninfinito di ordine /. Infatti 3 ) 3 = ) 4 + ) + ) 3 = + ) ) 3 = = in quanto + = + e i iti degli altri 3 termini sono tutti finiti e positivi. 3 Esercizio Riscritto il ite sotto forma di quoziente si ha + 6 +) 3 = = + 6 = ) 6 = = e dove nell ultimo passaggio si è fattorizzata la potenza massima del radicando, responsabile del ite trovato. Caso + Questo caso si riconduce, con trasformazioni della funzione che non mutano il suo ite, al precedente /. Tali trasformazioni dipendono dal tipo di funzione ma, in genere per le funzioni irrazionali coinvolgono una razionalizzazione. Esercizio Razionalizzando +5+6 ) = + = Il ite è finito perché sia il numeratore che il denominatore sono degli infiniti di ordine per +. Infatti, ricordando che la condizione + permette di porre = in quando > 0 discende ) ) = ) = = 5.

13 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 9 ) Esercizio 7 +. Il ite si presenta nella forma indeterminata + +. Conviene pertanto trasformare la funzione tramite una razionalizzazione del tipo = + ) = = Pertanto ) + = = che risulta ancora indeterminato ma della forma /. Poiché però il grado del numeratore e del denominatore sono uguali ad / ci si aspetta un ite finito. Difatti + + ) = = + =. Esercizio Il numeratore e il denominatore sono infiniti +3. ma del medesimo ordine = ) per cui il ite è finito. Infatti poiché +, = e perciò = + ) ) = =. 3 Esercizio Il numeratore è un infinito di ordine / inferiore a quello del denominatore ). Il ite pertanto dovrebbe essere nullo. Infatti + ) + = + = + + ) + ) = 0 in quanto + 3 = + e i rimanenti termini possiedono iti finiti e positivi. +4 Esercizio 0. Razionalizzando il numeratore = ) = =

14 0 Esercizi risolti sulle forme indeterminate + Esercizio. Il ite porta ad una forma indeterminata di 0/0. +3 Per risolverlo razionalizziamo sia il numeratore che il denominatore in modo da fattorizzare un termine del tipo responsabile della indeterminazione. Allora = + ) +3+ ) = +3 4) ++ ) ) +3+ ) = +) ) ++ ) +3+ = +) ++ ) 4+ = + ) = 3 4 Esercizio 8 9. In questo caso, dato che 4 ) =, conviene porre t = 4 e quindi, notato che 8 t = 3, ricondurre il ite della funzione irrazionale a quello di una funzione razionale = t 3 3 t 9 t = t 3 3+t = Limiti indeterminati coinvolgenti funzioni goniometriche I casi di forme indeterminate per iti coinvolgenti le funzioni goniometriche si affrontano generalmente trasformando la funzione f) di cui si vuole il ite mediante le identità goniometriche soddisfatte dalle funzioni elementari coinvolte, in modo tale da giungere, sen in genere, al ite fondamentale 0 = o a iti da questo dedotti. Il tipo di trasformazione da effettuare viene, volta per volta, suggerito dal particolare ite ma la vastissima gamma dei iti non permette di indicare un metodo per associare una particolare trasformazione ad un particolare ite. Va tenuto ben presente inoltre che il ite fondamentale ha valore π/80 nel caso che la variabile sia espressa in gradi ossia sen = π sen3 Esercizio 3. Il ite si risolve facilmente riscrivendo la funzione tramite 0 la nuova variabile 3 = y sen3 seny = 0 y 0 y = 3 3) seny = 3 = 3, y 0 y

15 Esercizi risolti sulle forme indeterminate incuisidevenotareche 0 y = 0. Taleitepuòessereesteso, potendosidimostrare in tutta generalità che senm = m. 0 cos Esercizio 4 0. Questo ite si presenta nella forma 0/0, risulta particolarmente importante, e verrà risolto in due modi diversi: a. moltiplicando numeratore e denominatore per il fattore + cos, cos 0 +cos +cos = cos 0 = 0 sen = + = +cos +cos = 0 sen ) +cos e dove si è considerato il ite fondamentale. b. il ite proposto si può ricondurre più direttamente al ite fondamentale utilizzando la formula di bisezione cos = sen. Sostituendo questa identità si ha cos 0 = sen 0 = 0 sen sen 0 4 ) = ) = y 0 seny y ) = =, e dove, analogamente al precedente esempio, si è considerato che y =. sen5 Esercizio 5. Limiti di questo genere si riconducono facilmente al ite 0 sen fondamentale con l accorgimento di moltiplicare sia il numeratore che il denominatore per la variabile. Difatti sen5 0 sen = sen5 0 sen = sen sen = 5 = 5. Generalizzando si ha senp 0 senq = p q. Esercizio 6 sen. Questo ite si riconduce facilmente a quello fondamentale se si riscrive la funzione ± come ± sen = ± sen/). / Introdotto il cambio di variabile t = / tale che ± / = 0± il ite diventa

16 Esercizi risolti sulle forme indeterminate sen ± = sent =. t 0± t sen sen a Esercizio 7. Il ite è nella forma 0/0. Per ricondurlo al ite fondamentale trasformiamo in prodotto, con le formule di prostaferesi, la differenza a a sen sen a responsabile dell annullarsi del numeratore. Allora sen sena)sen+sena) sen sena = sen+sena) a a a a sen a ) cos +a ) = sen+sena) a a sen a ) = a a ) cos +a sen+sena); posto a = y e notato che a y = 0, il ite diventa seny cosy +a) [seny +a)+sena] = cosa sena = sena. y 0 y Dagli esempi finora presentati emerge come sia importante acquisire dimestichezza con le molteplici forme che possono assumere i iti onde riconoscere, su tale base, la trasformazione più opportuna. cos+sen Esercizio 8. Il ite proposto rientra nella forma indeterminata 0/0 e per la sua soluzione si possono seguire strade diverse. Ci si deve però rendere 0 cos sen conto che per 0 è il seno o la tangente) a diventare zero e non il coseno. Quindi bisogna trasformare in modo da ottenere come fattore, sia al numeratore che al denominatore, un seno o una tangente). { cos = sen bisezione) Ricordando allora che sen = sen cos si ha duplicazione) cos+sen 0 cos sen = sen +sen cos 0 sen sen cos sen sen = +cos ) 0 sen sen cos ) = 0 sen +cos sen cos = 0+ 0 =. Se si vuole la tangente come fattore al numeratore e al denominatore, si usino le formule che esprimono il seno e il coseno in termini di tg = t ossia ) t t +t )+ +t +t ) t 0 t t +t ) +t +t = t 0 +t +t t +t tt+) = t 0 tt ) = t+ t 0 t =

17 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 3 dove si deve notare che 0 t = 0. sen 4 Esercizio 9 0 cos). Per evidenziare il ite fondamentale è immediato riscrivere tale ite come sen cos) = sen per cui, in base anche all importante ite 0 cos cos sen 4 ) 0 4 = 4 = 4. cos ) =, si ottiene sen 4 Esercizio 30 0 cos) 3. Inmodoanalogoalprecedenteitesipuòtrasformare la funzione nella 4 sen 4 cos) 3 = sen4 4 cos) 3 = sen4 4 cos) 3 = sen4 6 4 cos ) 3 per cui il ite diviene sen cos ) 3 = + in quanto 0 = + mentre i restanti due iti e 8) sono finiti e positivi. cos Esercizio 3 0 sen. A seguito della presenza del termine ad argomento 3 del coseno dovremo introdurre al denominatore un termine pari a ) per risolvere l indeterminazione originata dal numeratore ossia ) cos cos 0 sen 3 = sen 3. Per lo stesso motivo, notata la presenza di sen 3 converrà riportarci al ite fondamentale riscrivendo identicamente 4 = 4 9 3) cioè ) cos 4 ) cos 0 4 sen 3 = ) sen 3 [ ] cos = 0 ) 4 ) 3 9 sen3 Posto t = e z = 3 valgono i iti 0 [ ] cos ) = t 0 cost t = ) 3 z ) = = 0 sen3 z 0 senz

18 4 Esercizi risolti sulle forme indeterminate dai quali e per il teorema del prodotto tra iti, discende cos 0 sen 3 = 4 9 = 9. 3+tg Esercizio 3 0 sen+tg. Trasformando la funzione come ) 0 3+ tg sen + sen cos ) = 0 sen 3+ tg + sen cos tg emergono, oltre a quello fondamentale, i due iti 0 e 0 sen cos. Quest ultimo risulta banale essendo g) = sen cos una funzione continua in = 0 mentre per l altro tg 0 = sen 0 = =. cos Ne segue che 0 sen 3+ tg + sen cos = = 4. cos Esercizio 33. Utilizzando la formula di bisezione cos = sen 0+ è possibile trasformare il ite in 0+ sen = 0+ sen = = avendo considerato sen > 0 in quanto 0+ : un metodo alternativo razionalizza invece il numeratore cos +cos cos = 0+ +cos 0+ +cos sen = 0+ +cos = =, e dove sen = sen = sen avendosi sen sen Esercizio 34 π± sen. Il ite rientra nella forma 0/0. Razionalizzando il numeratore riscriviamo identicamente π± +sen sen sen = π± +sen sen) +sen+ sen) sen +sen+ sen) sen = π± sen +sen+ sen)

19 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 5 Poiché π± /sen = mentre π± +sen+ sen = fπ) = si ottiene +sen sen π± sen =. 3 Esercizio 35. Il fattore che annulla il denominatore è certamente 0 tg sen sen per cui conviene fattorizzarlo. A tal fine il ite si riscrive 0 3 sen = cos ) 0 3 cos sen cos) : per giungere a dei iti noti basta trasportare opportunamente 3 al denominatore 0 cos [ sen cos) 3 ] = 0 cos sen cos ) = =. Esercizio 36 ln lnsen. Iliteconduceallaformaindeterminata+ 0+ che, in base alle proprietà dei logaritmi, facilmente si può ricondurre alla 0/0. Difatti ) ln 0+ sen = ln 0+ sen : La funzione si può interpretare come composta da y = sen e dalla funzione logaritmo. Ne segue che, notato come sia 0+ y =, il ite assume la forma ln y y ) = lny = ln ) = ln. y Esercizio 37 tg sen). La forma indeterminata coinvolta è la 0. Riportata quindi la funzione nella forma in cui l indeterminazione sia la 0/0 o / ) π riscrivendo la tg, π sen sen), cos e ricordando che il coseno si annulla a π/, l obiettivo da perseguire sarà quello di fattorizzare sia al numeratore che al denominatore un tale termine. A tale scopo moltiplichiamo e dividiamo per +sen, π sen sen)+sen) cos+sen) = π = π sencos cos+sen) sencos +sen = 0 + = 0.

20 6 Esercizi risolti sulle forme indeterminate Esercizio 38 tg)tg. La forma cui si giunge è ancora la 0. Utilizzando π 4 la formula di duplicazione per la tangente, riportiamo tutto alla tg : tg) π 4 tg tg = tg) pi 4 = π 4 tg tg)+tg) tg +tg = + =. Come si può constatare si è fattorizzato al denominatore il termine tg ) responsabile del suo annullamento per π 4, rimuovendo in tal modo l indeterminazione. 4. Limiti di funzioni esponenziali e logaritmiche Nel caso delle funzioni derivanti da quella esponenziale i metodi presentati finora rimangono validi in particolare, in tutti quei casi in cui ci si può riportare a funzioni composte dove una delle funzioni componenti risulta un esponenziale o un logaritmo. È d altra parte necessario conoscere il ite fondamentale + + ) = e, al quale spesso ci si dovrà riportare per rimuovere le indeterminazioni. ) Esercizio 39 ln +. La funzione si può considerare come una funzione composta f[g)] con l argomento g) = +. Quest ultimo per + presenta una indeterminazione del tipo +, per cui il ite richiesto si potrà determinare solo se si risolve questa indeterminazione. Con i metodi già visti, conviene procedere ad una razionalizzazione + = + Pertanto ++ + ) ++ = + ++ = 0. ) ln + = lny =. + y 0+ Esercizio 40 ep ln. Anche questo ite può essere affrontato considerando la funzione ad argomento come una funzione composta 0+ ln dalle f) = e t e t = ln ln. Vaperciòcalcolatoperprimoilitedellatcheconduceadunaformadeltipo+ /. Raccogliendo a numeratore e denominatore la potenza massima di ln si ha ln 0+ ln = ln ) ln 0+ ln ) ln ln ) ln = 0+ ln =

21 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 7 in quanto 0+ ln =, 0+ ln = 0. Ne segue che ep ln 0+ ln = t et = 0. Esercizio 4. Il ite si presenta nella forma 0/0. Per poter ottenere 0 lg a +) il ite fondamentale si porta la al denominatore 0 lg a+) = 0 posto y = +) / si tratta di risolvere il ite +). 0 lg a +) /. Questo rientra nell elenco dei iti importanti essendo riconducibile immediatamente al ite fondamentale con la sostituzione t =. Poiché 0t = vale pertanto +) = + t = e, 0 t t) per cui 0 = lg a +) / y e lg a y = lg a e. a Esercizio 4. L indeterminazione 0/0 si risolve ponendo y = a da cui 0 discende = lg a +y). Inoltre 0 y = 0 per cui sostituendo si ottiene y 0 y lg a +y) che in base alle considerazioni viste nell esercizio precedente implica y 0 y lg a +y) = lg a e = lna. Interessante ed importante risulta il caso particolare per a = e di questo ite che assume la forma e =. 0 e Esercizio 43. È facile ricondurre questo ite a due iti conosciuti. 0 sen Moltiplicando e dividendo per numeratore e denominatore si giunge a e 0 sen = e = =. 0 sen

22 8 Esercizi risolti sulle forme indeterminate cos Esercizio 44 0 e ). In modo analogo a quanto fatto nel precedente esercizio, si ottiene cos 0 e ) = cos ) 0 e ) = cos 0 e = =. Esercizio 45. Ricordando che un espressione del tipo [f)] g) si può riscrivere come il ite diviene [f)] g) = e ln[f)]g) = e g)lnf) e ln = e, ln per cui è conveniente affrontare il ite dell esponente ln. Posto quindi = y è y = 0 per cui ln+y) = ln+y) y. y 0 y y 0 Con un ulteriore sostituzione di variabile z = y e notato che y 0z =, il ite si riscrive ln + z = lne =. z z) Il ite originario è pertanto e ln = t et = e = e. Esercizio 46 ln 3. Riscritto, in base alle note espresse nell esercizio precedente, 0+ il ite come e ln3 ln 0+ si dovrà cercare il 0+ ln ln3 = 0+ Fattorizzato a denominatore il ln si giunge a 0+ ln ln = ln3 ln +) 0+ ln ln3+ln. ln3 ln +) = 0+ =

23 Esercizi risolti sulle forme indeterminate 9 ln3 in quanto 0+ ln = 0. Ne discende perciò ln3 = e y = e = e. 0+ y Esercizio 47 0 e e e e. Raccogliendo a fattore a numeratore il termine e e a denominatore e il ite assume la forma 0 e e ) e e 4 ) = 0 e e e 4. Il secondo fattore si può riportare a iti noti riscrivendolo come 0 e e e 4 = 0 e e dove si è utilizzato il noto ite 0 e =. 4 4 e 4 = 0 e e 4 e 4 = =, e a e b Esercizio 48. Esplicitiamo un fattore pari a e b riscrivendo il ite 0 nella forma e a e b e a = 0 0 e b ) e b e b. Raccogliendo quindi a fattor comune il termine e b discende ebea b = e b 0 0 [ e a b) Posto t = a b) il ite del termine tra parentesi quadrate diviene ]. e a b) = a b) et = a b 0 t 0 t dove si è fatto uso dell importante ite 0 e )/ =. Poiché 0 e b =, si ha in definitiva e a e b = a b) = a b. 0 ) Esercizio 49 = + e. Sommando e sottraendo a numeratore o, in alternativa, eseguendo la divisione tra e +, l argomento del ite si riscrive come + + ) = + ). +

24 0 Esercizi risolti sulle forme indeterminate Se ora poniamo t = + ) per cui = t e osserviamo che t =, il precedente si riscrive come + ) t t t ma, sfruttando le proprietà dell esponenziale, abbiamo pure Ora il ite del primo fattore è + + t t) ) t. ) t + = +0) t t) =, mentre il secondo fattore possiamo riscriverlo come [ + t = + t t) )] t t t per cui, tenuto conto del ite fondamentale, discende t [ + )] t = e. t Ripreso infine il ite originario con la sua riscrittura ), il teorema del prodotto fornisce il risultato ) = t t) ) t = e = t e. Esercizio 50 cos) / = e. Per risolvere questo ite riscriviamo il suo argomento come un esponenziale a base costante riprendendo quanto detto nell esercizio 0 45 ) = ep 0 cos)/ 0 lncos. Ad argomento del logaritmo sommiamo e sottraiamo [ ] ep 0 ln +cos) e quindi modifichiamo, identicamente, il primo fattore ad esponente come [ ] cos ep 0 cos ln +cos). )

25 Esercizi risolti sulle forme indeterminate Riconosciamo nel primo fattore dell esponente un termine noto e il cui ite è cos 0 =. Si può risalire al ite dei restanti due fattori se lo riscriviamo nella forma 0 ln[+ +cos)] = cos 0 ln[+ +cos)]/ cos). ) Posto e notato che il ite ) diviene e, per il ite fondamentale, fornisce t = cos ) =, 0 cos [ ln + ] t t t [ ln + t [ = t t] ln + t = lne =. t t] Ripreso il ite iniziale nella forma ) abbiamo in definitiva [ ] [ ] cos ep 0 cos ln +cos) = ep ) = e / =. e

26 Limiti fondamentali e importanti Limiti fondamentali: sen = + = e 0 ) Limiti importanti collegati: cos 0 = 0 +) = e senm ln+) = m = 0 0 senp 0 senq = p q a = 0 lg a e = lna tg 0 = e = 0 a p 0 a q = p q + α ) = e α

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Funzioni inverse e disequazioni

Funzioni inverse e disequazioni Funzioni inverse e disequazioni Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Febbraio 006. H Il disegno di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato in (.897006, 0.43530057)

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 0/0 FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO. Data la funzione f () = determinare l insieme f (( +)). Svolgimento. Poiché f (( +)) = { dom f : f () ( +)} = { dom f : f () > } si

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Funzioni trascendenti

Funzioni trascendenti Funzioni trascendenti Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 17 novembre 007 Sommario Esponiamo la teoria fondamentale delle funzioni

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Anno 3. Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza

Anno 3. Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza Anno 3 Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza 1 Introduzione In questa lezione parleremo delle funzioni. Ne daremo una definizione e impareremo a studiarne il dominio in relazione alle diverse

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche Disciplina MATEMATICA Secondo biennio e anno conclusivo Liceo Economico sociale Classe terza Finalità Conoscenze Obiettivi minimi Finalità della matematica nel corso del secondo biennio è di proseguire

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

Programma di MATEMATICA

Programma di MATEMATICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Via Silvestri, 301 00164 ROMA - Via Silvestri, 301 Tel. 06/121127660 Fax

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

Derivate Limiti e funzioni continue

Derivate Limiti e funzioni continue Derivate Limiti e funzioni continue Se il valore di una funzione f() si avvicina al valore l quando si avvicina ad 0 diciamo che f() ha come ite l per tendente ad 0. Noi per rappresentare questo fatto

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Roberto Boggiani Versione 4.0 9 dicembre 2003 1 Esempi che inducono al concetto di ite Per introdurre il concetto di ite consideriamo i seguenti

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

matematica per le quinte

matematica per le quinte istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le quinte Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica agli alun-

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA BANCARIA FINANZIARIA ED ASSICURATIVA (Classe 7) Corso di Matematica per l Economia (Prof. F. Eugeni) TEST DI INGRESSO Teramo, ottobre 00 SEZIONE

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Maurizio Verri Marco Bramanti

il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Maurizio Verri Marco Bramanti il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Maurizio Verri Marco Bramanti Maurizio Verri Marco Bramanti POLItest il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Quesiti svolti di Logica, Matematica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Soluzione verifica del 16/12/2014

Soluzione verifica del 16/12/2014 Soluzione verifica del 6/2/204. Determinare dominio e codominio della funzione y = f(x) il cui grafico è rappresentato nella figura seguente; successivamente valutare i seguenti iti: x x 2 + x x 2 x 2

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

TEMATICA 1 - FUNZIONI ED EQUAZIONI

TEMATICA 1 - FUNZIONI ED EQUAZIONI Docente Materia Classe Cristina Frescura Matematica 4B Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012-2013 Data 28 novembre 2012 Obiettivi Cognitivi Nota bene: gli obiettivi minimi sono sottolineati U.D.

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte.

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. Tutorial di Barberis Paola - 2009 Definizioni: FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE. Classi prime: Operatore grafico

PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE. Classi prime: Operatore grafico PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE - classi accreditate alla formazione professionale regionale: Classi prime: Operatore grafico Modulo 1: I numeri con particolare riferimento alle

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi 1 I numeri Naturali, Interi e Razionali Addizione,

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO DOCENTE: Laura Marchetto CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 RIPASSO ARGOMENTI PROPEDEUTICI L insieme dei numeri razionali. Equazioni di primo e di secondo grado Sistemi di disequazioni di primo grado Equazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte La presente dispensa riporta la risoluzione di alcuni esercizi inerenti equazioni e disequazioni logaritmiche. N.B. In questa dispensa,

Dettagli

Continuità e derivabilità

Continuità e derivabilità Continuità e derivabilità Indicazioni operative Versione del 17 febbraio 2007 In questa nota propongo alcune indicazioni operative per controllare la continuità e derivabilità di funzioni elementari, o

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

Anno 5 4. Funzioni reali: il dominio

Anno 5 4. Funzioni reali: il dominio Anno 5 4 Funzioni reali: il dominio 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire cos è una funzione reale di variabile reale e a ricercarne il dominio. Al termine di questa lezione sarai in grado

Dettagli

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Ercole Suppa Liceo Scientifico A. Einstein, Teramo e-mail: ercolesuppa@gmail.com Teramo, 3 dicembre 2014 USR Abruzzo - PLS 2014-2015,

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x)

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x) Cos è una funzione? Dati gli insiemi X e Y non vuoti, si chiama funzione da in una relazione f tale che per ogni x Є X esiste uno ed un solo elemento y Є Y tale che (x,y) Є f. Data la funzione f:x->r,

Dettagli

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE PIANO DI LAVORO DOCENTE Carmela Calò MATERIA Matematica DESTINATARI 4Cl ANNO SCOLASTICO 2013-14 COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE Si veda la programmazione comune del CdC COMPETENZE CONCORDATE

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte.

DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte. Tutorial di Barberis Paola agg 2015 FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli