Premessa Nuove dipendenze: nuova prevenzione per nuovi utenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa Nuove dipendenze: nuova prevenzione per nuovi utenti"

Transcript

1

2

3

4

5 Premessa Nuove dipendenze: nuova prevenzione per nuovi utenti di Patrizia Meringolo Negli studi sul tema delle dipendenze compare spesso il termine nuovo. Si è parlato di nuove droghe alla fi ne degli anni Novanta, intendendo le anfetamine che venivano immesse sul mercato, dopo i decenni caratterizzati dalla problematica diffusione dell eroina; si parla adesso di nuove dipendenze, per indicare comportamenti problematici, talvolta anche con caratteristiche di addiction, nei quali però non è presente una sostanza psicotropa a fare da catalizzatore di un comportamento. Vediamo allora di svolgere alcune considerazioni sia sulla dizione nuove dipendenze che su quella, ugualmente utilizzata, di dipendenze sociali. 1. La teoria: perché nuove dipendenze? Le dipendenze senza sostanze, dipendenze e comportamenti, dipendenze e stili di vita I presupposti teorici alla base dell indagine presentata nel testo saranno trattati con maggiore compiutezza nelle parti successive. Va tuttavia preliminarmente sottolineato che la novità delle situazioni che oggi si presentano, per chi lavora con un target giovanile ma anche per chi ha rapporti professionali con persone o gruppi di età adulta, non sta prevalentemente nel carattere di disagio che le cosiddette nuove dipendenze implicano, quanto piuttosto nella loro diversità rispetto a quelle che hanno caratterizzato i decenni passati, in primo luogo il consumo di eroina, diventata per molti anni il paradigma di tutte le dipendenze, con il suo carico di esclusione dal contesto sociale, di comportamenti sanciti con pesanti misure penali, di interventi caratterizzati spesso dal ricollocamento degli individui in luoghi separati che solo in alcuni casi garantivano il reinserimento relazionale e lavorativo. 5

6 6 Molti comportamenti problematici attuali invece si rifanno a consumi (di sostanze e/o di eventi) che non presentano caratteristiche di trasgressione o di illegalità, ma risiedono in stili di vita e aspetti di vissuto quotidiano: il modo di trascorrere il tempo libero, alcune modalità ludiche come i giochi di azzardo che hanno origini lontane nel tempo e spesso non distinguibili da abitudini tradizionali; lo shopping, indotto e auspicato dal contesto sociale, e infi ne, l utilizzo di strumenti utili e spesso indispensabili come la navigazione sul web. In questo ultimo caso abbiamo assistito, in un lasso di tempo relativamente breve, al dispiegamento di tutte le ambiguità possibili di un mezzo di comunicazione di massa: l emarginazione di individui che non possono accedervi, la maggiore facilità della vita quotidiana prodotta dal suo uso (accessibilità di notizie, documenti, semplifi cazione nei rapporti informali e formali-burocratici, possibilità di conoscenza in tempo reale dei cambiamenti, possibilità di diffondere movimenti e azioni collettive...) ma anche la pericolosità di un uso distorto e/o non consapevole. Ci riferiamo ad esempio a tutte le situazioni in cui si diffonde una visione distorta della realtà, rendendo plausibile ogni commento ai fatti. Pensiamo inoltre che la navigazione può assumere aspetti che non seguono una rotta che va dal richiedente al richiesto, ma possono procedere con modalità ossessive e con perdita del contatto con la realtà, e al fatto che possono, per esempio, incrementare altri tipi di comportamento facilitati dal presunto anonimato del web come il gioco d azzardo. Molti di questi comportamenti possono anche confi gurarsi come dipendenze sociali, per la loro contiguità con abitudini perfettamente inserite nelle norme accettate, a fi anco di altri consumi problematici in cui però la sostanza di elezione è legale, come l alcol. Diventano di interesse, pertanto, proprio gli aspetti sociali del consumo, e la ricerca si sposta all analisi di come la situazione in cui si inserisce il setting possa modularne frequenza e intensità. La sostanza in quanto tale sembra quindi aver perso la centralità, sia nei suoi aspetti chimici che negli effetti indotti sull organismo, mentre aumenta la rilevanza del signifi cato individuale e sociale del consumo, del giudizio che gli viene attribuito e dei contesti di vita in cui si

7 situa. E assumono una maggiore importanza gli attori sociali, le fonti di infl uenzamento, i pari che condividono le esperienze, gli atteggiamenti e i comportamenti del gruppo di riferimento. Non si tratta, ovviamente, di negare l esistenza di antecedenti di problematicità individuale, quanto di sottolineare gli aspetti di scelta negli stili di vita. Questo approccio diventa basilare in molte ricerche svolte con un ottica di psicologia di comunità, con una doppia valenza: la valutazione del modo di condurre la vita quotidiana e la valorizzazione delle scelte possibili e attuate da ogni individuo sono importanti sia come variabile in grado di spiegare un fenomeno ma anche come mezzo per incrementare una possibilitazione, una tappa del processo di empowerment, in defi nitiva quindi un possibile incentivo alla sperimentazione di comportamenti nuovi e orientati alla promozione della salute. 2. Metodi di ricerca per rilevare gli stili di vita Le ricerche su stili di vita e tempo libero in età giovanile (Meringolo, Bertoletti, Chiodini, 2009) offrono elementi per illustrare le attività di tempo libero di molti giovani. Non emerge una quotidianità particolarmente stimolante: la maggior parte del tempo viene trascorsa da soli e in casa, ascoltando musica, guardando la televisione, navigando su internet, sebbene si dichiari che il divertimento potrebbe essere maggiore in altri contesti, caratterizzati da ricchezza di relazioni e attività condivise. La capacità progettuale nel tempo libero non è elevata: si parla spesso di uscite senza un idea precisa e di luoghi-contenitori come il bar. E decisamente minoritaria, infatti, la scelta di luoghi in cui si svolgono attività maggiormente strutturate o la frequenza ad associazioni e a organizzazioni di volontariato. Anche l interesse per la musica, che appare elevato, non si concretizza in attività che vedono i giovani come promotori e protagonisti. In questo quadro assume importanza il consumo di sostanze, sia legali come l alcool (che presenta indici elevati di consumo e anche di abuso) sia illegali. Non solo, ma più alto è il rischio sperimentato, meno le motivazioni che i partecipanti attribuiscono all uso di sostanze si riferiscono a problemi personali, mentre si parla più di frequente 7

8 8 di comportamenti di tipo esplorativo, in cui è emblematico in questo senso il rimando fatto da molti intervistati alla curiosità di provare. Contrariamente a quanto avveniva nei decenni passati, su questo terreno le differenze di genere vanno appiattendosi, anche se le ragazze si collocano ancora in modalità d uso circoscritte al fi ne settimana o a momenti particolari dell anno, con meno presenza nel gruppo dei consumatori abituali e quotidiani. Da questa e da altre indagini recenti emergono tipi diversi di comportamenti potenzialmente dannosi, come la guida pericolosa, il gioco d azzardo e più in generale una diffusa sottostima delle conseguenze delle proprie azioni. A fronte di tutto ciò non appare molto elevato l interesse e la conoscenza degli interventi di prevenzione, soprattutto da parte di coloro che presentano un maggiore livello di rischio sperimentato. I dati quantitativi su questi temi illustrano però solo in parte le sfaccettature del problema: nella ricerca citata è stata l analisi qualitativa del materiale emerso nei focus group, condotti con gruppi giovanili di varia estrazione, che ha offerto la maggior ricchezza di motivi di rifl essione, dimostrando ad esempio come molti giovani non siano orientati solo dal mettersi alla prova per confermare una immagine di sé, ma siano anche potenzialmente disponibili a sperimentarsi nel costruire qualcosa e nella gestione dei loro momenti di vita. E un aspirazione che potrebbe diventare centrale non solo come momento di crescita ma come modo salutogeno di prendersi cura di sé e del gruppo. 3. L intervento: ricerca azione e peer education, ovvero l intervento sugli stili di vita I dati che abbiamo illustrato offrono elementi per delineare gli scenari in cui si svolgono le attività di tempo libero per molti giovani. Appare importante progettare interventi basati in primo luogo sulla conoscenza delle diverse culture giovanili, sulla diffusione di informazioni preventive in tutti i contesti di vita, e soprattutto sul coinvolgimento diretto dei giovani in modo da promuovere il loro protagonismo nell uso del tempo libero e nella promozione della salute. Un approccio che si è rivelato di interesse e di effi cacia è quello di di-

9 minuire i problemi lavorando sulle risorse (Chiodini, Meringolo, 2009), usando una logica resource oriented che rende centrali le competenze dei giovani, spostando il focus dell attenzione dal problema (sostanze, comportamenti problematici, condotte a rischio ) ai saperi e alle possibilità che i singoli e i gruppi possiedono di operare un cambiamento. Introducendo una visione sistemica del contesto, in cui la logica sia circolare e non lineare, non basata cioè su una rigida punteggiatura di causa e effetto, in cui tutti gli attori sociali abbiano dignità di parola, si può dare inizio a un circolo virtuoso in cui le risorse vengono potenziate agendo in direzione del cambiamento voluto. Pur non potendo immediatamente eliminare i comportamenti a rischio se ne diminuisce tuttavia la portata, potenziando i comportamenti positivi e propositivi. In quest ottica qualsiasi ricerca diventa anche una ricerca azione, fi - nalizzata non solo alla conoscenza ma soprattutto, al cambiamento, in cui i partecipanti non sono solo i soggetti indagati ma i promotori delle azioni positive intraprese con loro. Il ripensamento delle politiche tradizionali di prevenzione è iniziato proprio con l evidenziarsi dell ineffi cacia dei messaggi e degli interventi fondati ed espressi secondo codici, linguaggi e tipologie comunicative proprie del mondo adulto (servizi, esperti del settore ), assolutamente diverse da quelle dei gruppi giovanili a cui i messaggi e interventi erano diretti (Meringolo, Chiodini, 2005). In tal senso la peer education ha rappresentato un importante svolta metodologica e culturale poiché, attingendo forza dal gruppo dei pari, può consentire ai giovani di divenire protagonisti ed agenti attivi del processo di prevenzione, piuttosto che semplici destinatari di messaggi ed informazioni. Facendo leva e ottimizzando i processi naturali che si sviluppano all interno del gruppo, la peer education utilizza una sorta di processo a cascata per cui l informazione e il messaggio può diffondersi in maniera capillare, per divenire conoscenza condivisa e fatta propria dall intero gruppo. L intervento colloca i pari in un ruolo di protagonisti ed agenti attivi del cambiamento piuttosto che semplici destinatari 9

10 10 di messaggi e informazioni. 4. Proposte di buone prassi: come predisporre azioni per addicts normali? Reti e territorio per il lavoro di prevenzione Si usa dire la rete ammala, la rete cura (Croce, Merlo, 1991), per indicare che il complesso intreccio delle relazioni interpersonali può essere l antecedente di condizioni di disagio, ma può essere anche lo strumento prioritario per la soluzione del problema e l inclusione dell individuo in diffi coltà (Amerio, Croce, 2000). A lungo si è discusso sulle caratteristiche del supporto offerto dalla rete e sulle sue funzioni: se esista cioè un suo effetto diretto sul benessere e la possibilità di rispondere positivamente a situazioni stressanti, o se non si debba piuttosto parlare di effetto tampone, di moderazione cioè degli effetti provocati dagli eventi stressogeni. Sebbene non siano stati trovati risultati univoci, è indubbia l importanza che il sostegno assume nella vita degli individui e dei gruppi, sia da parte della cerchia intima sia da parte di soggetti che nella rete svolgono uno specifi co ruolo relazionale e professionale nei confronti dei destinatari del sostegno, come insegnanti o operatori dei servizi (Orford, 2008). Da un punto di vista psicologico è stato Speck (1973) che ha analizzato in profondità questo tema, dandogli al concetto di rete uno spessore in ambito psicosociale e clinico. Egli ha svolto, in collaborazione con Atteneave, un lavoro con i nativi americani, che risultavano non utilizzare i servizi di salute mentale presenti sul territorio. Il loro intervento, caratterizzato dal signifi cato attribuito alle relazioni di rete, si svolgeva attraverso una sequenza di fasi di questo tipo: il gruppo come agente del proprio cambiamento; l attenzione rivolta ai processi di gruppo piuttosto che ai contenuti; il ruolo dello psicologo e dell équipe come tecnici partecipanti. Nel loro lavoro, quindi, erano il paziente e la comunità di appartenenza a diventare protagonisti, e l intervento veniva forgiato a partire dai loro bisogni e dalla loro realtà. Nelle analisi delle reti, si parla di densità per indicare la dispersione

11 nello spazio delle persone che un individuo indica come vicine a sé. A questo proposito alcuni autori, come Wellman (1979), hanno parlato di legami poco solidaristici e poco localizzati per indicare il fenomeno di scarsa vicinanza spaziale tra l individuo e il proprio gruppo di riferimento. Si tratta di una eventualità abbastanza comune anche oggi, data la virtualità di tante comunicazioni, che può portare alla rarefazione del supporto e in defi nitiva ad un maggior rischio di esclusione e di solitudine rispetto ai rapporti fi sici, concreti, giocati in uno spazio reale. Con range si defi nisce l ampiezza numerica dell insieme dei soggetti che un individuo può raggiungere con la sua rete, sia direttamente sia attraverso altri contatti: una persona che frequenta individui di estrazione e di età diverse disporrà quindi di un range più ampio di chi frequenta magari lo stesso numero di persone, ma più omogenee socialmente. Oggi i range tendono ad essere molto vasti, mentre è poco frequente il caso di una persona che faccia riferimento ad un insieme di altri signifi cativi stabile nelle caratteristiche individuali e nello spazio. All interno di una rete si indica con cluster un gruppo particolarmente denso e ricco di reciproche connessioni. Ogni individuo può frequentare più cluster, che possono anche rimanere separati gli uni dagli altri, senza reali intersezioni che consentano il diffondersi delle esperienze. Non ci si riferisce soltanto alle chiusure tra gruppi culturali o etnici diversi: anche le generazioni possono elevare steccati (i giovani, gli adulti, gli anziani...), e anche i servizi possono presentare zone scarsamente permeabili per le stesse persone a cui sono diretti. I diversi cluster però possono avere elementi di contatto, persone cioè che possono fare da ponte tra mondi diversi. Granovetter (1973) ha parlato di legami forti e legami deboli nelle relazioni interpersonali. Dalla sua analisi dei processi di diffusione (di informazione, di conoscenze, ma anche di atteggiamenti e opinioni) nei gruppi e nelle comunità territoriali, emerge chiaramente come la forza dei legami renda integrata e coesa la rete, ma anche come spesso conduca ad una progressiva frammentazione e chiusura. I legami deboli, al contrario, 11

12 12 possono garantire, per la loro possibilità di fare da ponte tra gruppi diversi, l apertura delle relazioni e possono perciò rivelarsi indispensabili per il cambiamento e per una maggiore integrazione nella comunità locale. Nel caso di interventi di inclusione sociale rappresentano quindi quelle relazioni che rendono possibile l appartenenza alla comunità territoriale anche di individui trasgressivi senza creare né assimilazione forzata né ghetti contrapposti. E proprio su relazioni di questo tipo che si basano per esempio gli interventi di strada, volti a raggiungere anche l utenza sommersa che non dichiara il problema, e gli interventi di peer education che possono mediare la comunicazione e il passaggio di conoscenze tra il gruppo di professionisti e il target di utenti. Il fattore indubbiamente nuovo con cui hanno a che fare oggi le fi gure di aiuto (psicologi, operatori, educatori, volontari) è quello di trovarsi di fronte ad un apparente ossimoro: giovani (e non solo) che si confi gurano come addicts normali. Addicts, perché comportamenti come il consumo di alcol, o il gioco d azzardo o la dipendenza da internet assumono rilevanza problematica e causano disagi forse non inferiori alla tradizionale dipendenza da eroina degli anni Normali perché non condividono con le dipendenze passate le caratteristiche di subcultura, separazione dal contesto, illegalità e talvolta neppure di stigmatizzazione. Se per le tradizionali dipendenze l utilizzo di specifi ci luoghi (le comunità, i servizi a bassa soglia...) o del sistema della salute pubblica (in primo luogo strutture come i Sert) hanno avuto un importante ruolo nella prevenzione, nel trattamento e laddove la comunità locale si è dimostrata sensibile nel reinserimento, quali interventi potranno essere utili oggi per persone e gruppi che non chiedono aiuto, o che neppure percepiscono il bisogno di aiuto? Il dibattito in sede teorica e di intervento è aperto. Le buone prassi tuttavia stanno producendo molti contributi interessanti, sebbene poco conosciuti e diffusi solo attraverso la letteratura grigia, gli inediti risultati di progetti ed interventi locali. Lo spostare il tema dalla dipendenza alla promozione della salute per tutti i cittadini, in particolare i cittadini giovani, il ridefi nire il focus sul

13 protagonismo e sulla valorizzazione delle competenze di gruppo, e infi ne il lavoro di rete come elemento strutturale e non episodico (tra professionisti diversi, tra istituzioni, tra agenzie di socializzazione territoriali) si stanno dimostrando come punti di forza degli interventi sul benessere, ricchi di capacità euristiche e trasformative considerevoli, che probabilmente saranno apprezzate maggiormente in futuro. A condizione che il contesto sociale sappia riconoscerne la portata e garantirne lo sviluppo. 13

14 14 Bibliografia AMERIO PIERO, CROCE MAURO 2000 Le reti sociali, in P. Amerio, Psicologia di comunità, Bologna, Il Mulino, pp CHIODINI MOIRA, MERINGOLO PATRIZIA 2009 Gli eventi di loisir: un approccio sistemico strategico, in Meringolo, P., Bertoletti, S., Chiodini, M. (a cura di) 2009, Giovani, creatività, città, Milano, Unicopli, pp CROCE MAURO, MERLO ROBERTO 1991 Reti che ammalano reti che curano, in Dei delitti e delle pene, n. 3. Torino, Ega GRANOVETTER MARK 1973 The Strenght of Weak Ties, in American Journal of Sociology, n. 78 (trad. it. La forza dei legami deboli, Napoli, Liguori, 1998) MERINGOLO PATRIZIA, BERTOLETTI STEFANO, CHIODINI MOIRA (a cura di) 2009 Giovani, creatività, città, Milano, Unicopli MERINGOLO PATRIZIA, CHIODINI MOIRA 2005 Giovani protagonisti degli eventi del tempo libero. Esperienze di peer education, in Il Seme e l Albero, n. 1, pp ORFORD JIM 2008 Community psychology: challenges, controversies and emerging consensus, Chichester West Sussex, John Wiley and Sons SPECK ROSS V., ATTNEAVE CAROLYN 1973 Family Networks, Pantheon Books, New York (trad. it. La terapia di Rete, Roma, Astrolabio, 1976)

15 WELLMAN BARRY (1979 The Community Question, in American Journal of Sociology, n. 84, pp

16 16 Introduzione Valentina Albertini, Francesca Gori Perché scrivere un volume dedicato al tema delle nuove dipendenze? Che se ne fa il volontariato di un libro su questo tema? Queste sono due fra le domande che ci siamo poste quando abbiamo cominciato a lavorare al Quaderno che state sfogliando. La Regione Toscana aveva fi nanziato sul bando Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica (L.R. 11/99 ) Anno 2009 il progetto Scommetti che t impegni? sul tema delle nuove dipendenze svolto da una rete di associazioni e scuole dell area fi orentina sud-est. Avendo una di noi partecipato direttamente alla progettazione e all esecuzione del progetto ed essendoci interessate alle nuove dipendenze perché, come psicologhe, ci siamo trovate a volte di fronte a queste problematiche, avevamo a disposizione dati, ricerche, esperienze su un tema innovativo e emergente in ambito sociale e sanitario. Però ci siamo chieste - perché veicolarlo fra le associazioni e i volontari? La risposta è stata semplice e immediata: perché spesso sono proprio le associazioni e i volontari ad occuparsi di dipendenze e delle persone che ne soffrono, con attività preventive ed educative nelle scuole e nelle comunità, ma anche nei servizi offrendo un supporto prezioso a medici, infermieri, psicologi, operatori, familiari. Ed è così che è nata l idea di un Quaderno composito, che si preoccupasse di fotografare il problema a livello locale, regionale e nazionale e fornisse anche spunti pratici e operativi per progettare interventi di prevenzione e presa in carico. Per prima cosa abbiamo pensato di inserire una rifl essione teorica sulle defi nizioni e ricerche attuali nell ambito delle nuove dipendenze, con la speranza di orientare i volontari e gli operatori e condividere una prima piattaforma teorica. Successivamente, presentiamo una ricerca su nuove dipendenze e stili di vita, svolta all interno del progetto Scommetti che t impegni? che ha coinvolto 12 insegnanti e 511 studenti di alcune scuole dell area fi orentina sud-est. Ci è sembrato opportuno dedicare uno spazio dove rifl ettere su di un

17 possibile strumento di sostegno sulle vecchie e nuove dipendenze: l auto aiuto. Nell uomo vi è un intrinseca necessità di supporto nelle diffi coltà della vita quotidiana: proprio in quest ottica si situa l auto aiuto che pone l accento sull importanza della responsabilità individuale rispetto al proprio cambiamento. Oggi in Italia assistiamo ad una crescita esponenziale di questo strumento, soprattutto quando si parla di dipendenze, poiché ci si rende sempre più conto che, accanto ai modelli di cura tradizionali, la possibilità di confrontarsi e sostenersi nel diffi cile percorso di presa di consapevolezza di sé rispetto alla propria dipendenza, risulta di fondamentale importanza. L integrazione dei servizi socio-assistenziali con gli altri servizi operanti nell area sociale è una condizione essenziale per la realizzazione di una rete di opportunità per chi si trova in situazioni di bisogno e svantaggio personale. Ciò nonostante queste forme di collaborazione risultano ancora poco strutturate e formalizzate. Proprio per questo ci è sembrato interessante stimolare la rifl essione partendo dall associazione Auto mutuo aiuto di Trento che negli anni ha cercato di formalizzare un protocollo d intesa con i servizi territoriali proprio nell ambito delle dipendenze. Un modello di intervento ed una prospettiva di azione estremamente interessanti che rappresentano un importante esempio di buone prassi, perché il mondo dell aiuto formale e quello spontaneo si intrecciano in un ottica di complementarietà tra le diverse modalità di intervento. La rifl essione teorica condotta sull auto aiuto non ci deve però far dimenticare che i gruppi sono formati da persone che si prendono un impegno personale rispetto al proprio stato di salute e quindi nei confronti del proprio disagio. Partendo da ciò, abbiamo pensato di concludere questa parte del libro con la testimonianza di un partecipante ai gruppi dei giocatori d azzardo (Ga-Giocatori Anonimi). La sua storia, narrata con semplicità, porta inevitabilmente a rifl ettere su cosa signifi chi partecipare ad un gruppo di auto aiuto e su quanto l aspetto della condivisione e del sostegno siano un ingrediente importante per l esperienza di gruppo. 17

18 18 Nel sesto capitolo abbiamo voluto presentare, attraverso la voce diretta dei tutor e degli educatori, alcuni laboratori di peer education che sono stati organizzati all interno del progetto Scommetti che t impegni con lo scopo di veicolare messaggi di prevenzione fra gli adolescenti coinvolti. In generale, la rifl essione che percorre tutto il Quaderno riguarda il tema vecchio-nuovo : quanto queste dipendenze sono realmente diverse da quelle che in passato tutti gli operatori si sono trovati ad affrontare quando si parlava di dipendenze da sostanze? Parlare di nuove può essere fuorviante, può far pensare che non ci siano strumenti capaci di fronteggiare il fenomeno, che dobbiamo iniziare tutto daccapo. Abbiamo quindi lavorato a questo volume pensando non soltanto alle differenze tra vecchie e nuove dipendenze ma anche e soprattutto alle somiglianze, perché gli strumenti d intervento che conosciamo possano essere adattati.

19

20

21 21 Capitolo 1 Fra vecchie e nuove dipendenze: definizioni teoriche e ambiti della ricerca di Elisa Ferrini, Lisa Rontini 1. Una breve introduzione Nel nostro quotidiano, siamo abituati a parlare di dipendenze riferendosi alle sostanze illegali. Negli ultimi anni invece si osserva un ampliamento del campo di utilizzo del termine dipendenza in riferimento a comportamenti, abitudini, situazioni legali delle quali non possiamo fare e meno e che non hanno alcuna connessione con l assunzione di sostanze. Si tratta di una dipendenza di tipo psicologico, che si ritiene essere più sfuggente rispetto alla dipendenza fi sica, in quanto fa riferimento a meccanismi diffi cilmente evidenziabili, per cui il desiderio irrefrenabile di assumere una sostanza, come anche di trovarsi in una determinata situazione, di consumare qualcosa di non poter fare a meno di qualcuno, non è in relazione con le caratteristiche della sostanza stessa e con le conseguenze biochimiche dell assunzione (Coletti 2004). Già nel 1969 un comitato di esperti dell Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) propone la seguente nozione di dipendenza: stato psichico, e alcune volte anche fi sico, che risulti dall interazione tra un organismo vivente e un farmaco e che si caratterizza con delle modifi cazioni del comportamento e con altre reazioni le quali contemplano sempre una pulsione a prendere una sostanza in modo continuo o periodico, al fi ne di ritrovare i suoi effetti psichici e a volte per evitare il malessere della privazione. Questo stato può accompagnare o no una tolleranza. Lo stesso individuo può essere dipendente da più sostanze (Margaron, 2000). Secondo questa defi nizione il processo della dipendenza è un prodotto dell interazione fra persona, sostanza e contesto: si aprono le porte ad un tentativo di spiegare la dipendenza come conseguenza di un processo estremamente complesso nel quale intervengono

22 22 più fattori. I primi presupposti sistemici (ai quali facciamo riferimento) propongono una visione dell individuo come un essere sociale il cui comportamento è comprensibile alla luce delle relazioni all interno delle quali è inserito; in questa defi nizione viene sottolineato l aspetto comunicazionale di ogni evento e azione, compreso il comportamento sintomatico. Rigliano formula una defi nizione della dipendenza molto densa di signifi cato: la dipendenza è ciò che risulta dall incrocio tra il potere che la sostanza ha e il potere che quella persona è disposta ad attribuire alla sostanza (Rigliano, 1998). Nonostante questo, esiste ancora un forte dibattito tra i sostenitori dell origine organica delle dipendenze, sia psicologiche che non, e coloro che invece leggono il coinvolgimento organico come conseguenza del consumo e abuso che proviene piuttosto da fattori psicologici e sociali. Alcuni neuropsichiatri (Inversen, 1999) si concentrano sul ruolo della dopamina (un neurotrasmettitore prodotto dal cervello) nello scatenare bisogni di assunzione di sostanze; altri ricercatori suggeriscono come alcuni individui posseggano una specifi ca condizione cerebrale che li rende vulnerabili alla dipendenza. In particolare sembra oramai accertato (Coletti, 2004) che nell apparato cerebrale si possano identifi care strutture neuronali deputate alla ricompensa ed alla punizione e che le modalità per ricercare la ricompensa ed il piacere possano essere considerate alla base di quei meccanismi per cui un essere umano cerca proprio quella sostanza, quegli effetti. Queste strutture neuronali sono considerate in relazione con l ambiente sociale, che ne plasma i limiti e le caratteristiche. Gli approcci organici però non sono più utilizzabili qualora si prenda in considerazione il ricorso ripetuto, angoscioso e totalizzante che alcuni individui hanno verso situazioni, piuttosto che sostanze. Sempre Coletti sostiene che l eliminazione dall orizzonte degli studi delle sostanze e dei loro effetti ricercati, rende non plausibili (o, almeno non del tutto utilizzabili) tutti gli apporti delle scienze neurobiologiche (Coletti, 2004). L autore ritiene inoltre che un passo in avanti sia stato fatto col mag-

23 gior utilizzo del termine anglosassone addiction piuttosto di dipendenza, in quanto il primo fa riferimento ad una condizione generale in cui una dipendenza essenzialmente psicologica spinge il soggetto alla ricerca di un consumo, di un abuso, di un emozione in mancanza dei quali la vita stessa appare deprivata. Il termine dipendenza invece può non essere del tutto esaustivo, soprattutto perché rischia di essere confuso con la dipendenza fi sica e chimica, cioè la condizione per cui l organismo necessita di una determinata sostanza per funzionare. Parlando di addiction ci si sposta su un piano più virtuale, che prescinde da una vera e propria sostanza, ma si lega invece a un comportamento, entrando così a pieno titolo nel vasto campo delle nuove dipendenze. Secondo Croce (2001) è stato fi nora eccessivo l interesse per i modelli medici o biologici di spiegazione del fenomeno del gioco d azzardo patologico, anche perché questi non hanno offerto alcuna conclusione condivisa nè alcuna evidenza scientifi ca delle ipotesi eziopatogenetiche. Secondo il punto di vista sistemico i comportamenti di addiction sembrano rispondere a meccanismi relazionali: le abitudini a comportamenti rischiosi si inseriscono perfettamente nei confronti delle esigenze non solo di un individuo e delle sue spinte interne, ma anche riguardo al bisogno di introdurre nel funzionamento di un sistema determinati elementi che sono legati a doppio fi lo alla organizzazione del sistema stesso in tutta la sua autoreferenzialità. In questa veste, ad esempio, la dipendenza da internet, che per sua natura attrae molto le persone giovani, potrebbe far pensare ad una risposta legata a problemi inerenti alla fase del giovane adulto che nello spazio virtuale trova una risposta distorta a problemi tipici di questo momento del ciclo vitale. 2. La dipendenza: chi riguarda e perchè La dipendenza, per essere tale, deve essere capace di soddisfare tre bisogni fondamentali (Cancrini, 2004): il primo è quello che si gioca sul piano del piacere o sulla caduta di una tensione; il secondo si basa sul contrasto al disegno consapevole di una persona e dell ambiente che lo circonda che magari lo vorrebbe, a parole, capace di lavorare, 23

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI DISAGIO ED EDUCAZIONE Educazione come elemento fondamentale della risposta al disagio coniugando il concetto di cura con quello di promozione della persona.

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Piano d azione: Garantire e tutelare il diritto all infanzia Area SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Procedura per la

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI

IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI FAMIGLIE : QUALI INTERVENTI VERSO UN MODELLO OPERATIVO INTEGRATO Architettura della scheda. Nelle famiglie multiproblematiche

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia Comune di VOGHERA Provincia di Titolo del progetto (o, in alternativa, descrizione) Obiettivi PAVIA Progetto di Educazione alla legalità nelle scuole medie cittadine per l anno scolastico 2011-2012 Vedi

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

L importanza delle emozioni in psicoterapia

L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in terapia è condivisa da molti approcci Alexander parlava della terapia come di un esperienza emotiva correttiva,, che non ripetesse

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E.

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. 1 DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. TITOLO DEL PROGETTO PREMESSA Grandi e piccoli per crescere insieme ( programma di educazione affettivarelazionale e sessuale

Dettagli

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO Riccardo Lancellotti I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO SONO, TRA LE VARIE CATEGORIE DIAGNOSTICHE, QUELLI CHE GENERANO MAGGIORE ALLARME TRA GLI INSEGNANTI E I GENITORI DEGLI

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA Preside Prof PAOLA CARRETTA Coordinatrice dei progetti di rete di EIP CAMPANIA Membro del Gruppo di Direzione e Coordinamento PON F3 PROGETTO INSIEME E POSSIBILE

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli