IL SISTEMA PREVENZIONISTICO AZIENDALE NELLE AZIENDE DELLA ASL della PROVINCIA di MONZA E BRIANZA ANNO 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA PREVENZIONISTICO AZIENDALE NELLE AZIENDE DELLA ASL della PROVINCIA di MONZA E BRIANZA ANNO 2009"

Transcript

1 IL SISTEMA PREVENZIONISTICO AZIENDALE NELLE AZIENDE DELLA ASL della PROVINCIA di MONZA E BRIANZA ANNO 2009

2 DESCRIZIONE DEL CAMPIONE

3 SONO STATE 131 LE AZIENDE CAMPIONATE NEL CORSO DEL 2009 NELL AMBITO DEL TERRITORIO DELLA ASL della PROVINCIA di MONZA E BRIANZA

4 AZIENDE CAMPIONATE distinte per SETTORE ECONOMICO 18% 16% 15% 14% 11% 8% 7% 7% 4% Edilizia Industria meccanica Industria legno Industria gomma e plastica Industria metalli Trasporti Industria carta Industria chimica Altre industrie manifatturiere

5 INDUSTRIA LEGNO 20 AZIENDE INDUSTRIA CARTA INDUSTRIA CHIMICA 9 AZIENDE 9 AZIENDE INDUSTRIA METALLI 15 AZIENDE INDUSTRIA MECCANICA 21 AZIENDE INDUSTRIA GOMMA E PLASTICA 18 AZIENDE ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE 5 AZIENDE EDILIZIA 24 AZIENDE TRASPORTI 10 AZIENDE

6 DESCRIZIONE della POPOLAZIONE LAVORATIVA che opera nelle AZIENDE CAMPIONATE N. TOTALE N. MEDIO N. MAX N. MINIMO ADDETTI ADDETTI ADDETTI ADDETTI AZIENDE TOTALI

7 DESCRIZIONE della POPOLAZIONE LAVORATIVA che opera nelle AZIENDE CAMPIONATE N. TOTALE ADDETTI N. MEDIO ADDETTI N. MAX ADDETTI N. MINIMO ADDETTI INDUSTRIA LEGNO INDUSTRIA CARTA INDUSTRIA CHIMICA INDUSTRIA METALLI INDUSTRIA MECCANICA INDUSTRIA GOMMA E PLASTICA ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE EDILIZIA TRASPORTI

8 AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSE DI ADDETTI 60% 22% 18% DA 1 A 10 DA 11 A 50 OLTRE 51

9 AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSE DI ADDETTI 1 10 ADDETTI ADDETTI 51 ADDETTI AZIENDE TOTALI

10 AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSE DI ADDETTI e SETTORE ECONOMICO 1 10 ADDETTI ADDETTI 51 ADDETTI INDUSTRIA LEGNO INDUSTRIA CARTA INDUSTRIA CHIMICA INDUSTRIA METALLI INDUSTRIA MECCANICA INDUSTRIA GOMMA E PLASTICA ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE EDILIZIA TRASPORTI

11 L utilizzo di tale scheda permette di indagare su: Assetto e struttura Organizzazione Documento di valutazione del rischio Informazione e formazione Gestione degli appalti

12 ASSETTO E STRUTTURA

13 ASSETTO E STRUTTURA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

14 1. ASSETTO E STRUTTURE 1.1 SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Nominato SI NO (art. 17 comma 1 lettera b) Datore di lavoro (art allegato 2) Se nominato il RSPP è interno a tempo pieno a tempo parziale (altra funzione ) ore/mese esterno società di consulenza libero professionista ore/anno n accessi/anno Requisiti formativi soddisfatti SI NO (art. 32) (art. 34 c. 2 se RSPP è il DDL)

15 PRESENZA RSPP nelle AZIENDE CAMPIONATE NOMINATO REQUISITI FORMATIVI SI NO AZIENDE TOTALI % % 2 2%

16 TIPOLOGIA NOMINA RSPP nelle AZIENDE CAMPIONATE 38% DATORE DI LAVORO RSPP DIPENDENTE - TEMPO PIENO 3% RSPP DIPENDENTE - TEMPO PARZIALE RSPP ESTERNO 21% 38%

17 TIPOLOGIA NOMINA RSPP nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI DIMENSIONALI CLASSI ADDETTI N.RO AZIENDE INTERNO TITOLARE DIPENDENTE ESTERNO TEMPO PIENO TEMPO PARZIALE TOTALE % 4 3% 27 21% 50 38%

18 TEMPO DEDICATO RSPP nelle AZIENDE CAMPIONATE * distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI RSPP INTERNO A TEMPO PARZIALE RSPP ESTERNO N. RO ATTIVITÀ MEDIA MENSILE N. RO ATTIVITÀ MEDIA MENSILE AZIENDE (ORE) AZIENDE (ORE) TOTALE * Sono escluse le aziende del settore EDILIZIA

19 TEMPO DEDICATO RSPP nelle IMPRESE EDILI distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI RSPP INTERNO A TEMPO PARZIALE RSPP ESTERNO N. RO ATTIVITÀ MEDIA MENSILE N. RO ATTIVITÀ MEDIA MENSILE AZIENDE (ORE) AZIENDE (ORE) TOTALE

20 ASSETTO E STRUTTURA MEDICO COMPETENTE

21 1. ASSETTO E STRUTTURE 1.2 MEDICO COMPETENTE Nominato SI NO (art. 18 comma 1 lettera a) NON NECESSARIO interno esterno società di consulenza libero professionista se esterno ore/anno n accessi/anno

22 NOMINA MEDICO COMPETENTE nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI N. RO AZIENDE NOMINATO SI NO NON NECESSARIO TOTALE % 3 2% 1 1%

23 TIPOLOGIA MEDICO COMPETENTE nominato nelle AZIENDE CAMPIONATE 50% LIBERO PROFESSIONISTA SOCIETA' CONSULENZA 50%

24 TEMPO DEDICATO MEDICO COMPETENTE nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI SOCIETÀ CONSULENZA LIBERO PROFESSIONISTA N. RO ATTIVITÀ MEDIA MENSILE N. RO ATTIVITÀ MEDIA MENSILE AZIENDE (ORE) AZIENDE (ORE) TOTALE 63 49% % 2

25 ASSETTO E STRUTTURA RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

26 1. ASSETTO E STRUTTURE 1.3 RLS Designato/i SI NO Se designato/i: Interno/i n RLS -T RLSS sito Corso di formazione SI NO (art. 18 comma 1 lettera l) Il datore di lavoro ha consegnato il documento di valutazione qualora RLS lo abbia formalmente richiesto: SI NO (art. 18 comma 1 lettera o) AUTOCERTIFICAZIONE Se non designato/i il datore di lavoro ha informato i dipendenti sulla facoltà di designarlo: SI NO

27 ELEZIONE RLS nelle AZIENDE CAMPIONATE 14% 86% RLS ELETTO RLS NON ELETTO

28 ELEZIONE RLS nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI N. RO AZIENDE ELETTO N DITTE CON RLS ELETTI SI NO 1 RLS 2 RLS % 31% % 9% % 9% 16 5 TOTALE % 18 14% 108 5

29 DATI RELATIVI all RLS ELETTO nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI DISPONIBILITÀ DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI CORSO DI FORMAZIONE SI NO SI NO TOTALE % 3 3% % 9 8%

30 ASSETTO E STRUTTURA ADDETTI COMPITI SPECIALI

31 1. ASSETTO E STRUTTURE 1.4 ADDETTI AI COMPITI SPECIALI Designati SI NO (articolo 18 comma 1 lettera b) DATORE DI LAVORO Se designati addetti antincendio/emergenza n addetti P.S. n E prevista la loro presenza in ogni turno SI NO NON PERTINENTE Corso di formazione SI NO (articolo 18 comma 1 lettera l) Anno dell ultimo corso di aggiornamento per addetti compiti speciali

32 ADDETTI COMPITI SPECIALI nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI N. RO AZIENDE CORSO DI NOMINATI FORMAZIONE SI NO SI NO TOTALE % 4 3% % 2 2%

33 ADDETTI COMPITI SPECIALI nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI PRIMO N. RO ANTINCENDIO/EMERGENZA SOCCORSO AZIENDE NUMERO MEDIO NUMERO MEDIO TOTALE

34 ORGANIZZAZIONE

35 ORGANIZZAZIONE SOGGETTI PARTECIPANTI ALL AUDIT AUDIT

36 SI NO DATORE DI LAVORO 73% 27% PARTECIPAZIONE all'audit delle varie FIGURE del SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE RSPP 81% 19% MEDICO COMPETENTE 36% 64% RLS 72% 28% RLS 72% 28% MEDICO COMPETENTE 36% 64% RSPP 81% 19% DATORE DI LAVORO 73% 27% SI NO

37 FIGURE AZIENDALI che hanno partecipato all AUDIT nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI N. RO AZIENDE MEDICO TITOLARE RSPP RLS COMPETENTE SI NO SI NO SI NO SI NO TOTALE % 35 27% % 19% 72% 28% 36% 81 64% LA % E STATA CALCOLATA SUL NUMERO TOTALE DI AZIENDE IN CUI L RSPP, IL MEDICO COMPETENTE E L RLS SONO STATI NOMINATI OD ELETTI.

38 2. ORGANIZZAZIONE L azienda è certificata SI NO IN CORSO (tipo certificazione OHSAS (ente certificatore ) UNI INAIL (SGSL) ALTRE CERTIFICAZIONI E stata identificata la figura del dirigente SI NO E stata identificata la figura del preposto SI NO E stata effettuata la formazione dei preposti SI NO (art. 18 c. 1 lettera l) Il SPP, i dirigenti e preposti sono coinvolti nella scelta di DPI, attrezzature, impianti e sostanze SI NO IN PARTE (se in parte indicare per quali aspetti )

39 ORGANIZZAZIONE CERTIFICAZIONI AZIENDALI

40 CERTIFICAZIONI AZIENDALI relative alle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI N. RO CERTIFICAZIONE AZIENDE SI NO OHSAH TIPO CERTIFICAZIONE UNI INAIL (SGSL) ISO ISO ALTRE % 22 35% 15 65% 18 86% 41 65% 8 35% TOTALE % 67 63%

41 ORGANIZZAZIONE DIRIGENTI E PREPOSTI

42 DIRIGENTI E PREPOSTI nelle AZIENDE CAMPIONATE DIRIGENTI E/O PREPOSTI IDENTIFICATI 74% DIRIGENTI E/O PREPOSTI NON IDENTIFICATI 26%

43 DIRIGENTI E PREPOSTI nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI N. RO IDENTIFICATA FIGURA DEL CORSO FORMAZIONE ADDETTI AZIENDE DIRIGENTE E/O PREPOSTO DIRIGENTE E/OPREPOSTO TOTALE % 56 71% % 97 74% 7 39% 35 63% 16 70% 58 60%

44 ORGANIZZAZIONE SOPRALLUOGO DEL MEDICO COMPETENTE

45 2. ORGANIZZAZIONE E documentato il/i sopralluogo/i del medico competente (art. 25 comma 1 lettera l) SI NO Il sopralluogo del medico competente è effettuato in presenza di: RSPP SI NO datore di lavoro o suo delegato SI NO RLS SI NO RLS NON NOMINATO E documentata la comunicazione scritta da parte del medico competente dei risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria (art. 25 comma 1 lettera i) SI NO

46 SOPRALLUOGO del MEDICO COMPETENTE nelle AZIENDE CAMPIONATE N. RO AZIENDE SOPRALLUOGO EFFETTUATO IN PRESENZA DI DOCUMENTATO DATORE DI SI NO RSPP RLS LAVORO AZIENDE TOTALI % 4 3% % 98 80% 88 78% LA % E CALCOLATA SULLE AZIENDE IN CUI E STATO NOMINATO L RSPP ED ELETTO L RLS

47 COMUNICAZIONE SCRITTA RISULTATI SORVEGLIANZA SANITARIA nelle AZIENDE CAMPIONATE COMUNICAZIONE SCRITTA RISULTATI SORVEGLIANZA SANITARIA SI NO AZIENDE TOTALI % 13 10%

48 ORGANIZZAZIONE RIUNIONE PERIODICA

49 2. ORGANIZZAZIONE E stata indetta la riunione annuale di prevenzione (articolo 18 comma 1 lettera v) SI NO NON OBBLIGATORIA La riunione è stata verbalizzata SI NO (art. 35 c. 5) Nel corso della riunione sono stati esaminati: (art. 35 c. 2) o o o o o o o il documento di valutazione dei rischi verifica delle misure di prevenzione adottate nell ultimo anno il programma delle misure di miglioramento l andamento degli infortuni e delle malattie professionali l idoneità dei mezzi di protezione individuale i programmi di informazione e formazione i risultati della sorveglianza sanitaria Giudizio complessivo sulla riunione periodica (articolo 35 comma 2) adeguata non adeguata

50 RIUNIONE PERIODICA AZIENDALE nelle AZIENDE CAMPIONATE RIUNIONE PERIODICA INDETTA RIUNIONE PERIODICA VERBALIZZATA SI NO NON OBBLIGATORIA SI NO AZIENDE TOTALI 96 97% 3 3% % 2 2% LA % E STATA CALCOLATA SUL NUMERO TOTALE DI AZIENDE IN CUI LA RIUNIONE PERIODICA ERA OBBLIGATORIA.

51 ARGOMENTI DISCUSSI nell ambito della RIUNIONE PERIODICA AZIENDALE Documento di valutazione dei rischi 89% Informazione e formazione 82% Programmi di miglioramento 82% Idoneità DPI 78% Sorveglianza sanitaria 76% Misure di prevenzione 76% Infortuni e malattie professionali 69% la % e calcolata sul numero totale di aziende in cui la riunione periodica aziendale e obbligatoria

52 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

53 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ASPETTI GENERALI NELLA REDAZIONE DEL D.V.R.

54 3. VALUTAZIONE DEL RISCHIO Esiste il documento di valutazione dei rischi (Art. 17 c. 1 lett. a) SI NO AUTOCERTIFICAZIONE Data ultimo aggiornamento Sono stati coinvolti nel processo valutativo: RSPP Medico competente RLS Giudizio sul coinvolgimento: adeguato non adeguato (Art. 29 comma 1) Sono stati coinvolti anche altri soggetti oltre a quelli specificamente previsti dalla legge: Dirigenti Preposti Lavoratori Con quali modalità Giudizio complessivo sul coinvolgimento: adeguato non adeguato

55 REDAZIONE del DVR nelle AZIENDE CAMPIONATE 2% 98% REDATTO AUTOCERTIFICAZIONE

56 REDAZIONE DVR nelle AZIENDE CAMPIONATE REDAZIONE DVR SI NO AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDE TOTALI % - 3 2%

57 3. VALUTAZIONE DEL RISCHIO Documenti di valutazione dei rischi (art. 17 c. 1 lett. a + art. 28 c. 2 lettera a) 1. Rischi per cui sono state effettuate le valutazioni: o MovimentazIone manuale dei carichi SI NO NON NECESSARIO o Attrezzature con VDT SI NO NON NECESSARIO o Rumore SI NO NON NECESSARIO o Vibrazioni SI NO NON NECESSARIO o Campi elettromagnetici SI NO NON NECESSARIO o Radiazioni ottiche e artificiali SI NO NON NECESSARIO o Microclima SI NO NON NECESSARIO o Ultrasuoni, infrasuoni S I NO NON NECESSARIO o Agenti chimici SI NO NON NECESSARIO o Cancerogeni e mutageni SI NO NON NECESSARIO o Amianto SI NO NON NECESSARIO o Agenti biologici SI NO NON NECESSARIO o Atmosfere esplosive SI NO NON NECESSARIO o Gestione delle emergenze SI NO NON NECESSARIO o Lavoratrici madri SI NO NON NECESSARIO o Rischi collegati allo stress lavoro-correlato (dal 16/05/09) SI NO NON NECESSARIO o Rischi connessi alle differenze di genere, età, nazionalità SI NO NON NECESSARIO

58 COINVOLGIMENTO delle VARIE FIGURE AZIENDALI nella REDAZIONE del DVR 98% 80% 85% 35% 47% 35% RSPP MEDICO COMPETENTE RLS DIRIGENTI LAVORATORI PREPOSTI

59 FIGURE COINVOLTE nella REDAZIONE DVR delle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSE ADDETTI CLASSE ADDETTI N. RO AZIENDE RSPP FIGURE COINVOLTE NELLA REDAZIONE DEL DVR MEDICO RLS DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI COMPETENTE TOTALE %* %* 94 85%* 47 37% 58 45% 47 37%

60 VALUTAZIONE dei PRINCIPALI RISCHI SPECIFICI nel DVR VALUTAZIONE dei PRINCIPALI RISCHI SPECIFICI nel DVR 94% 98% 98% 91% 80% 64% 62% 17% Rumore VDT MMC Radiazioni Campi elettromagnetici Vibrazioni Ultrasuoni ed infrasuoni Microclima

61 VALUTAZIONE dei PRINCIPALI RISCHI SPECIFICI nel DVR VALUTAZIONE dei PRINCIPALI RISCHI SPECIFICI nel DVR 93% 94% 90% 73% 53% 69% 71% 79% 78% Agenti biologici Amianto Cancerogeni e mutageni Agenti chimici Rischio differenze nazi... Rischio stress correlato Lavoratrici madri Gestione emergenze Atmosfere esplosive

62 VALUTAZIONE DEI RISCHI nei DVR REDATTI nell ambito delle AZIENDE CAMPIONATE TIPOLOGIA RISCHIO TUTTI SETTORI (N.RO AZIENDE 128) SI NO NON NECESSARIO MMC VDT RUMORE VIBRAZIONI CAMPI ELETTROMAGNETICI RADIAZIONI OTTICHE ED ARTIFICIALI % % % % 36 64% 26 62% 7 6% 2 2% 3 2% 10 9% 20 36% 16 38%

63 VALUTAZIONE DEI RISCHI nei DVR REDATTI nell ambito delle AZIENDE CAMPIONATE TIPOLOGIA RISCHIO TUTTI SETTORI (N.RO AZIENDE 128) SI NO NON NECESSARIO MICROCLIMA ULTRASUONI ED INFRASUONI AGENTI CHIMICI CANCEROGENI E MUTAGENI AMIANTO AGENTI BIOLOGICI 61 80% 2 17% % 38 73% 20 53% 22 69% 15 20% 10 83% 9 7% 14 27% 18 47% 10 31%

64 VALUTAZIONE DEI RISCHI nei DVR REDATTI nell ambito delle AZIENDE CAMPIONATE TIPOLOGIA RISCHIO TUTTI SETTORI (N.RO AZIENDE 128) SI NO NON NECESSARIO ATMOSFERE ESPLOSIVE GESTIONE EMERGENZE LAVORATRICI MADRI RISCHIO STRESS RISCHIO DIFFERENZE GENERE, ETÀ, NAZIONALITÀ 46 71% % % 78 79% 65 78% 19 29% 7 6% 12 10% 21 21% 18 22%

65 3. VALUTAZIONE DEL RISCHIO 2. E stato valutato il rischio infortunistico: Esiste un elenco di macchine e/o impianti SI NO Esiste una scheda per ogni macchina e/o impianto SI NO Esistono macchine pericolose ai sensi dell allegato IV della Direttiva Macchine SI NO Analisi dei dati del registro infortuni SI NO Giudizio complessivo: adeguato parzialmente adeguato non adeguato non pertinente

66 GIUDIZIO COMPLESSIVO sulla VALUTAZIONE del RISCHIO INFORTUNISTICO nelle AZIENDE CAMPIONATE ( ) 63% 12% 25% ADEGUATO PARZIALMENTE ADEGUATO NON ADEGUATO

67 GIUDIZIO sulla VALUTAZIONE del RISCHIO INFORTUNISTICO nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per ANNO INTERVENTO GIUDIZIO ANNO INTERVENTO N. RO AZIENDE ADEGUATO PARZIALMENTEADEGUATO NON ADEGUATO % 38 21% 24 13% % 33 32% 12 11% TOTALE % 25% 12%

68 GIUDIZIO sulla VALUTAZIONE del RISCHIO INFORTUNISTICO nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI GIUDIZIO CLASSI ADDETTI N. RO AZIENDE ADEGUATO PARZIALMENTE ADEGUATO NON ADEGUATO % 34 55% 13 56% 7 35% 21 34% 5 22% % 5 22% TOTALE % 32% 11%

69 ELEMENTI UTILIZZATI PER LA VERIFICA del RISCHIO INFORTUNISTICO nelle AZIENDE CAMPIONATE ELENCO MACCHINE E/O IMPIANTI SCHEDA SINGOLA MACCHINA E/O IMPIANTO ANALISI REGISTRO INFORTUNI SI NO SI NO SI NO AZIENDE TOTALI % 16 15% 51 49% 54 51% 72 69% 33 31%

70 3. VALUTAZIONE DEL RISCHIO Misure di prevenzione e protezione (art. 17 c. 1 lett. a + art. 28 c. 2 lettera b) Sono indicate le misure di prevenzione e protezione relative: alle sostanze pericolose etichettate T/T+ e F/F+ SI NO NON PERTINENTE alle macchine pericolose SI NO NON PERTINENTE ai principali rischi rilevati durante il sopralluogo SI NO Giudizio complessivo: adeguate parzialmente adeguate non adeguate

71 INDICAZIONI MISURE relative a PRODOTTI ETICHETTATI T/T + E F/F + nelle AZIENDE CAMPIONATE PRODOTTI ETICHETTATI T/T + E F/F + SI NO NON PERTINENTE AZIENDE TOTALI % 12 22% 61

72 INDICAZIONI MISURE relative a MACCHINE PERICOLOSE nelle AZIENDE CAMPIONATE MACCHINE PERICOLOSE SI NO NON PERTINENTE AZIENDE TOTALI % 15 27% 49

73 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROGRAMMI DI MIGLIORAMENTO

74 3. VALUTAZIONE DEL RISCHIO Programma di miglioramento (art art. 28 c. 2 lettera c) Esiste un programma formalizzato degli interventi migliorativi da attuare interventi con individuazione dei tempi per la realizzazione delle misure individuate SI NO NON NECESSARIO Esistono procedure di controllo dell efficienza dei dispositivi di sicurezza sulle macchine pericolose SI NO NON PERTINENTE Esiste un programma di manutenzioni periodiche sulle macchine pericolose SI NO NON PERTINENTE Esiste un programma di controllo e manutenzione dei sistemi di protezione collettiva per il rischio da agenti chimici pericolosi (T/T+ e F/F+) Esiste il registro delle manutenzioni SI NO SI NO NON PERTINENTE Giudizio complessivo: adeguato parzialmente adeguato non adeguato Sono state individuate le procedure ed i ruoli dell organizzazione aziendale che devono provvedere all attuazione delle misure da realizzare (art. 28 c. 2 lett. d) SI NO NON PERTINENTE

75 PRESENZA dei PROGRAMMI di MIGLIORAMENTO nel DVR delle AZIENDE CAMPIONATE 14% 86% PRESENTI ASSENTI

76 PRESENZA dei PROGRAMMI di MIGLIORAMENTO nel DVR delle AZIENDE CAMPIONATE PRESENZA DI PROGRAMMI DI MIGLIORAMENTO SI NO NON NECESSARIO AZIENDE TOTALI % 17 14% 7

77 GIUDIZIO sui PROGRAMMI di MIGLIORAMENTO PRESENTI nel DVR delle AZIENDE CAMPIONATE 52% 7% 41% ADEGUATO PARZIALMENTE ADEGUATO NON ADEGUATO

78 GIUDIZIO sui PROGRAMMI di MIGLIORAMENTO PRESENTI nel DVR delle AZIENDE CAMPIONATE GIUDIZIO ADEGUATO PARZIALMENTE ADEGUATO NON ADEGUATO AZIENDE TOTALI % 53 41% 9 7%

79 GESTIONE dei PROGRAMMI di MIGLIORAMENTO PRESENTI nel DVR delle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI N. RO AZIENDE INDIVIDUAZIONE PROCEDURE E RUOLI DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE DA REALIZZARE SI NO NON PERTINENTE TOTALE % 25 26% 33

80 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OPERAZIONI DI MANUTENZIONE

81 3. VALUTAZIONE DEL RISCHIO Valutazione del rischio per le operazioni di manutenzione Sono valutati i rischi connessi con gli interventi di manutenzione delle macchine/impianti SI NO NON NECESSARIO Sono state elaborate procedure scritte per le operazioni di manutenzione di macchine e impianti SI NO NON NECESSARIO

82 VALUTAZIONE DEL RISCHIO per le OPERAZIONI di MANUTENZIONE nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSI ADDETTI CLASSI ADDETTI N. RO AZIENDE VALUTAZIONE RISCHI PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE SI NO NON NECESSARIO SI ELABORAZIONE PROCEDURE SCRITTE PER MANUTENZIONE MACCHINE/IMPIANTI NO NON NECESSARIO TOTALE % 36 42% % 44 53% 45

83 INFORMAZIONE E FORMAZIONE

84 INFORMAZIONE E FORMAZIONE INFORMAZIONE

85 4. INFORMAZIONE E stata data a tutti i lavoratori un adeguata informazione: sulle procedure da seguire in caso di emergenza SI NO sui nominativi addetti al primo soccorso e prevenz. incendi SI NO sui nominativi del RSPP e MC SI NO Giudizio complessivo: adeguato parzialmente adeguato non adeguato (articolo 18 comma 1 lettera l)

86 LIVELLO di INFORMAZIONE su SPECIFICI ASPETTI del SISTEMA di GESTIONE AZIENDALE nelle AZIENDE CAMPIONATE 92% 91% 90% PROCEDURE DI EMERGENZA NOMINATIVI ADDETTI COMPITI SPECIALI NOMINATIVI RSPP E MC

87 LIVELLO di INFORMAZIONE su SPECIFICI ASPETTI del SISTEMA di GESTIONE AZIENDALE nelle AZIENDE CAMPIONATE NOMINATIVI PROCEDURE DI NOMINATIVI ADDETTI RSPP E MEDICO EMERGENZA COMPITI SPECIALI COMPETENTE SI NO SI NO SI NO AZIENDE TOTALI % 12 9% % 10 8% % 13 10%

88 INFORMAZIONE E FORMAZIONE FORMAZIONE

89 5. FORMAZIONE Esiste un programma delle attività di formazione SI NO E stata data a tutti i lavoratori un adeguata formazione SI NO PARZIALE (con particolare riferimento all utilizzo di macchine, alla manipolazione di sostanze chimiche pericolose e ai principali rischi rilevati durante il sopralluogo) L attività di formazione è stata prevista anche per assunzione, cambio mansione, nuove tecnologie/sostanze SI NO (articolo 18 comma 1 lettera l) L attività di informazione e formazione è stata svolta dal datore di lavoro utilizzatore anche nei confronti dei lavoratori atipici (a progetto, somministrati ecc.) (articolo18 comma 1 lettera l) SI NO LA DITTA NON IMPIEGA LAVORATORI ATIPICI Quali strumenti formativi sono stati utilizzati Corsi strutturati SI NO Addestramento SI NO Altro SI NO Gli stessi prevedevano una verifica di apprendimento SI NO In particolare per: apparecchi a pressione SI NO NON PERTINENTE carrelli elevatori SI NO NON PERTINENTE apparecchi di sollevamento SI NO NON PERTINENTE lavoratori a rischio specifico SI NO NON PERTINENTE altro (indicare) SI NO NON PERTINENTE Chi ha fatto la formazione: RSPP struttura esterna MC Anno dell ultimo intervento formativo

90 LIVELLO di FORMAZIONE su SPECIFICI ASPETTI del SISTEMA di GESTIONE AZIENDALE delle AZIENDE CAMPIONATE 96% 92% Assunzione, cambio mansione, nuove tecnologie e sostanze Assunzione di lavoratori atipici

91 LIVELLO di FORMAZIONE su SPECIFICI ASPETTI del SISTEMA di GESTIONE AZIENDALE nelle AZIENDE CAMPIONATE PROGRAMMA ATTIVITÀ FORMAZIONE ASSUNZIONE, CAMBIO MANSIONE, NUOVE TECNOLOGIE/SOSTANZE SI NO SI NO SI TUTTI LAVORATORI IN PARTE LAVORATORI ATIPICI NO SI NO AZIENDE TOTALI % 34% 92% 8% 69% 25% 6% 96%* * LA % E STATA CALCOLATA SUL NUMERO TOTALE DI AZIENDE IN ERANO PRESENTI LAVORATORI ATIPICI. 2 4%*

92 PRESENZA della VERIFICA di APPRENDIMENTO nelle AZIENDE CAMPIONATE 18% 82% PRESENTE ASSENTE

93 PRESENZA della VERIFICA di APPRENDIMENTO nelle AZIENDE CAMPIONATE VERIFICA APPRENDIMENTO SI NO AZIENDE TOTALI % 23 18%

94 ARGOMENTI sottoposti a VERIFICA DI APPRENDIMENTO nell ambito dell attivit attività di FORMAZIONE svolta nelle AZIENDE CAMPIONATE * 88% 14% 31% 36% 26% APPARECCHI A PRESSIONE CARRELLI ELEVATORI LAVORATORI A RISCHIO SPECIFICO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO ALTRO * Sono escluse le AZIENDE del SETTORE EDILIZIA

95 ARGOMENTI sottoposti a VERIFICA DI APPRENDIMENTO nell ambito dell attivit attività di FORMAZIONE svolta nelle AZIENDE CAMPIONATE del SETTORE EDILIZIA 80% 70% 55% 75% 55% FORMAZIONE BASE USO DPI 3 CATEGORIA CONDUZIONE GRU IMBRACATURA CARICHI MACCHINE MOVIMENTO TERRA

96 FIGURE AZIENDALI e/o ESTERNE che effettuano la FORMAZIONE nelle AZIENDE CAMPIONATE 66% 66% 28% RSPP STRUTTURA ESTERNA MEDICO COMPETENTE

97 GESTIONE DEGLI APPALTI

98 6. GESTIONE DEGLI APPALTI Esistono lavori in appalto o contratto d opera SI NO Se sì: Esiste una procedura che regola l affidamento degli appalti SI NO La stessa coinvolge anche il RSPP SI NO E prevista la verifica dell idoneità tecnico-professionale dell appaltatore (art. 26 c.1 lettera a) SI NO E prevista per l appaltatore l informazione sui rischi specifici dell impresa (art. 26 c.1 lettera b) SI NO Nel caso di interferenze tra le imprese è stato elaborato il documento unico di valutazione (DUVRI) da allegare al contratto d appalto o d ope SI NO (art. 26 comma 2) NON PERTINENTE Il personale occupato dall impresa appaltatrice è munito di apposita tessera di riconoscimento (art. 26 comma 8) SI NO Esiste un registro d entrata/uscita del personale delle ditte esterne incaricate dei lavori di manutenzione SI NO NON NECESSARIO Giudizio complessivo: adeguato parzialmente adeguato non adeguato

99 PRESENZA di LAVORI IN APPALTO nelle AZIENDE CAMPIONATE LAVORI IN APPALTO SI NO PRODUZIONE MANUTENZIONE AZIENDE TOTALI % 62 58% 23 52

100 ASPETTI GESTIONALI dei LAVORI IN APPALTO nelle AZIENDE CAMPIONATE PROCEDURA AFFIDAMENTO APPALTI IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE APPALTATORE INFORMAZIONE APPALTATORE SU RISCHI SPECIFICI SI NO SI NO SI NO AZIENDE TOTALI % 17 38% 38 84% 7 16% 39 87% 6 13%

101 ASPETTI GESTIONALI dei LAVORI IN APPALTO nelle AZIENDE CAMPIONATE TESSERINO DI ELABORAZIONE RICONOSCIMENTO DUVRI PER IL PERSONALE NON SI NO SI NO PERTINENTE REGISTRO DEL PERSONALE DITTE ESTERNE NON SI NO NECESSARIO AZIENDE TOTALI % 5 11% 33 92% 3 8% % 17 53% 13

102 GIUDIZIO sulla GESTIONE degli APPALTI PRESENTI nelle AZIENDE CAMPIONATE 71% 5% 24% ADEGUATO PARZIALMENTE ADEGUATO NON ADEGUATO

103 CONCLUSIONI

104 CONCLUSIONI CONCLUSIONE DELLA VERIFICA

105 ESITO delle VERIFICHE effettuate nell ambito delle AZIENDE CAMPIONATE 56% 44% RISPETTO NORMATIVO REDAZIONE VERBALE DI PRESCRIZIONE

106 ESITO delle VERIFICHE effettuate nell ambito delle AZIENDE CAMPIONATE RISPETTO NORMATIVO MANCATO RISPETTO NORMATIVO (VERBALE DI PRESCRIZIONE) AZIENDE TOTALI % 58 44%

107 ESITO delle VERIFICHE effettuate nell ambito delle AZIENDE CAMPIONATE distinte per CLASSE ADDETTI CLASSI ADDETTI N.RO AZIENDE RISPETTO NORMATIVO 20 69% 41 52% 12 52% MANCATO RISPETTO NORMATIVO (VERBALE DI PRESCRIZIONE) 9 31% 38 48% 11 48%

108 ESITO delle VERIFICHE in relazione alla TIPOLOGIA di RSPP NOMINATO 100% RISPETTO NORMATIVO VERBALE DI PRESCRIZIONE 56% 58% 56% 44% 44% 42% DATORE DI LAVORO DIPENDENTE - T. PIENO DIPENDENTE - T. PARZIALE RSPP ESTERNO

109 ESITO delle VERIFICHE in relazione alla TIPOLOGIA di RSPP NOMINATO TIPOLOGIA RSPP N.RO AZIENDE RISPETTO NORMATIVO MANCATO RISPETTO NORMATIVO (VERBALE DI PRESCRIZIONE) RSPP DATORE DI LAVORO 50 RSPP DIPENDENTE A TEMPO PIENO RSPP DIPENDENTE A TEMPO PARZIALE 4 27 RSPP ESTERNO 50 TOTALE % 4 100% 12 44% 29 58% 73 56% 22 44% % 21 42% 58 44%

110 ESITO delle VERIFICHE in relazione alla TIPOLOGIA di MEDICO COMPETENTE 59% 55% RISPETTO NORMATIVO VERBALE DI PRESCRIZIONE 41% 45% SOCIETA' DI CONSULENZA LIBERO PROFESSIONISTA

111 ESITO delle VERIFICHE in relazione alla TIPOLOGIA di MEDICO COMPETENTE TIPOLOGIA RSPP N.RO AZIENDE RISPETTO NORMATIVO MANCATO RISPETTO NORMATIVO (VERBALE DI PRESCRIZIONE) LIBERO PROFESSIONISTA SOCIETÀ DI CONSULENZA % 37 59% 29 45% 26 41% TOTALE % 58 44%

112 ESITO delle VERIFICHE in relazione alla PRESENZA dell RLS 50% 50% 57% 43% RISPETTO NORMATIVO VERBALE DI PRESCRIZIONE RLS NON ELETTO RLS ELETTO

113 ESITO delle VERIFICHE in relazione alla PRESENZA dell RLS TIPOLOGIA RSPP N.RO AZIENDE RISPETTO NORMATIVO MANCATO RISPETTO NORMATIVO (VERBALE DI PRESCRIZIONE) RLS NON ELETTO 18 RLS ELETTO 113 TOTALE % 64 57% 73 56% 9 50% 49 43% 58 44%

114 VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nelle AZIENDE CAMPIONATE distinte per SETTORE ECONOMICO INDUSTRIA GOMMA E PLASTICA INDUSTRIA MECCANICA 20% 22% INDUSTRIA LEGNO EDILIZIA INDUSTRIA METALLI 12% 15% 14% ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE 7% TRASPORTI 4% INDUSTRIA CARTA INDUSTRIA CHIMICA 1% 2%

115 VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nelle AZIENDE CAMPIONATE N. RO VERBALI AZIENDE TOTALI 58 N. RO PRESCRIZIONI %

116 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nelle AZIENDE CAMPIONATE VALUTAZIONE DEL RISCHIO 22% 27% 27% 13% 4% 6% 1% DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL...

117 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nell INDUSTRIA DEL LEGNO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 26% 26% 21% 16% 11% DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO

118 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nell INDUSTRIA DELLA CARTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO 67% 33% DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO

119 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nell INDUSTRIA CHIMICA VALUTAZIONE DEL RISCHIO 100% GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE

120 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nell INDUSTRIA METALLI VALUTAZIONE DEL RISCHIO 33% 33% 27% 7% DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO

121 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nell INDUSTRIA MECCANICA VALUTAZIONE DEL RISCHIO 32% 32% 12% 4% 8% 12% ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO DVR

122 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nell INDUSTRIA GOMMA E PLASTICA VALUTAZIONE DEL RISCHIO 30% 33% 22% 7% 7% LUOGHI DI LAVORO DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE

123 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nelle ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE VALUTAZIONE DEL RISCHIO 33% 33% 22% 11% DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO

124 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nell EDILIZIA VALUTAZIONE DEL RISCHIO 28% 33% 28% 11% GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE

125 ASPETTI del SISTEMA PREVENZIONISTICO oggetto delle VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nei TRASPORTI VALUTAZIONE DEL RISCHIO 40% 40% 20% DVR ORGANIZZAZIONE ASSETTO E STRUTTURE GESTIONE APPALTI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DPI E MISURE DI PROTEZIONE COL... MACCHINE E/O ATTREZZATURE LUOGHI DI LAVORO

126 MACCHINE ED ATTREZZATURE oggetto di VIOLAZIONI NORMATIVE rilevate nelle AZIENDE CAMPIONATE TORNIO 20% FRESATRICE PRESSA TRAPANO A COLONNA SEGA A NASTRO TRONCATRICE PUNZONATRICE MANUALE AVVOLGITORI PIEGATRICE FERRO 7% 7% 7% 6% 4% 4% 4% 4% ALTRO 38%

127 ARTICOLI del D. LGS. 81/08 violati nelle AZIENDE CAMPIONATE ART. 64 ART. 70 ART 'ART. 28 ART. 18 ART. 37 ART. 71 ART. 80 ART. 43 ART. 29 ART. 97 ART. 65 ART Altri articoli 16

SISTEMA PREVENZIONISTICO

SISTEMA PREVENZIONISTICO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA - SERVIZIO PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI LAVORO Direzione Servizio: via Novara,3 20033 Desio (MB) Tel. 0362 304872-3-4-6-7 - fax 0362 304836 Sede operativa: via Foscolo,

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO AZIENDA C.F./P.IVA INDIRIZZO COMUNE Tel. e-mail SETTORE ATTIVITA ASSETTO ORGANIZZATIVO NOMINATIVO E-MAIL TELEFONO DATORE DI LAVORO come da D.Lgs 81/08

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE: STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE: STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE: STRESS LAVORO-CORRELATO AZIENDA Codice Fiscale INDIRIZZO COMUNE Tel. e-mail SETTORE ATTIVITA ASSETTO ORGANIZZATIVO NOMINATIVO EMAIL TELEFONO DATORE DI LAVORO R.S.P.P. R.L.S.

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SGSL) NELLE STRUTTURE SANITARIE

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SGSL) NELLE STRUTTURE SANITARIE REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SGSL) NELLE STRUTTURE SANITARIE Ai sensi del DECRETO REGIONE LOMBARDIA n 12831 de l 30/11/2009 Azienda:..

Dettagli

QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Ufficio Sicurezza ed Ambiente Ottobre 2008-1 - Domanda 1: E stato nominato il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione

Dettagli

I PRIMI DATI DI MONITORAGGIO - GDO. Claudia Toso, Medico del Lavoro Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASL - LECCO

I PRIMI DATI DI MONITORAGGIO - GDO. Claudia Toso, Medico del Lavoro Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASL - LECCO I PRIMI DATI DI MONITORAGGIO - GDO Claudia Toso, Medico del Lavoro Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASL - LECCO Sono state somministrate schede conoscitive dell assetto del

Dettagli

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO ORE ARGOMENTO La filosofia del D.lgs 66/94 in riferimento METODI MATERIALI DIDATTICI DOCENTI L approccio alla prevenzione attraverso il

Dettagli

Piano Mirato di Prevenzione: Controlli sull uso di sostanze stupefacenti da parte di specifiche categorie di lavoratori

Piano Mirato di Prevenzione: Controlli sull uso di sostanze stupefacenti da parte di specifiche categorie di lavoratori Da restituire entro il 31 gennaio 2015 a: ASL di Monza e Brianza Dipartimento di Prevenzione Medica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro Unità Operativa di Desio via Foscolo, 24 20832 Desio (MB)

Dettagli

Catalogo corsi sicurezza 2016 sede di Cesena

Catalogo corsi sicurezza 2016 sede di Cesena Catalogo corsi sicurezza 2016 sede di Cesena A tutte le applichiamo lo sconto del 10% dal secondo iscritto in poi IVA R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo A 28

Dettagli

FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A

FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A Comparto: Sicurezza aziendale Codice: 1911023 Descrizione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI - GENERALE E SPECIFICA

CORSO DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI - GENERALE E SPECIFICA CORSO DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI - GENERALE E SPECIFICA L art. 37 del D. Lgs. 81/08 prevede che il Datore di lavoro provveda alla formazione di tutti i lavoratori, secondo i contenuti e la durata previsti

Dettagli

Piano Mirato di Prevenzione

Piano Mirato di Prevenzione Da restituire entro il. per posta, fax o mail a: ATS Monza e Brianza - Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro Via Novara, 3 20832 Desio (MB) fax 0362 304836 e-mail

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE DATI GENERALI Anagrafica azienda Ditta:... Comune:.... Indirizzo:.. Telefono: @mail:. Nominativo RSPP Nominativo:.. titolare dipendente consulente esterno Telefono:.. @mail:.

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE. Sistema della prevenzione ed organizzazione della sicurezza sul lavoro

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE. Sistema della prevenzione ed organizzazione della sicurezza sul lavoro SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE Sistema della prevenzione ed organizzazione della sicurezza sul lavoro INDICE 1. ASSETTO E STRUTTURE...pag 1 1.1 DATORE DI LAVORO......pag 1 1.2 SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE......pag

Dettagli

Piano Mirato di Prevenzione: indirizzo della Regione Lombardia SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE

Piano Mirato di Prevenzione: indirizzo della Regione Lombardia SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE Da restituire entro il 28 febbraio 2015 a: ASL di Monza e Brianza Dipartimento di Prevenzione Medica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro Unità Operativa di Desio via Foscolo, 24 20832 Desio

Dettagli

Modulo B6. PROGRAMMA CORSO MODULO A Il sistema legislativo: D. Lgs. 81/2008 e modifiche (D. Lgs. 106/09)

Modulo B6. PROGRAMMA CORSO MODULO A Il sistema legislativo: D. Lgs. 81/2008 e modifiche (D. Lgs. 106/09) Corso RSPP Modulo A+B+C+ per consulenti Titolo corsosettore Costo (IVA Durata ore esclusa) Modulo A 28 600 Modulo B1 Agricoltura 36 800 Modulo B2 Pesca 36 800 Modulo B3 Estrazioni Minerali e Costruzioni

Dettagli

RLS - D.Lgs.81/ ore Online

RLS - D.Lgs.81/ ore Online RLS - D.Lgs.81/08 32 ore Online Descrizione del corso Obbiettivi Il corso per RLS costituisce corso di base per lo svolgimento del ruolo di R.L.S. in applicazione all art. 37 del D.Lgs. 9 Aprile 2008,

Dettagli

Applicazione del vademecum per il miglioramento della SICUREZZA e della SALUTE con le POLVERI di LEGNO nel territorio della ASL MONZA e BRIANZA

Applicazione del vademecum per il miglioramento della SICUREZZA e della SALUTE con le POLVERI di LEGNO nel territorio della ASL MONZA e BRIANZA Applicazione del vademecum per il miglioramento della SICUREZZA e della SALUTE con le POLVERI di LEGNO nel territorio della ASL MONZA e BRIANZA ANNO 2012 I DATI ELABORATI E QUI PRESENTATI SONO AGGIORNATI

Dettagli

S T U D I O T E C N I C O C M

S T U D I O T E C N I C O C M RICHIESTA DOCUMENTAZIONE ALLE IMPRESE AGGIUDICATRICI Impresa Appalto Ai fini della tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, con la presente si richiedono i documenti necessari per l inizio

Dettagli

PROGRAMMA CORSO PER RSPP

PROGRAMMA CORSO PER RSPP PROGRAMMA CORSO PER RSPP MODULO A Titolo Argomenti Tempi Presentazione del corso L approccio alla prevenzione attraverso il D. Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute

Dettagli

FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE BASE PER RLS Corso rivolto ai lavoratori eletti o designati RLS Date Orari Durata del corso Sede CFA Obiettivi e Finalità del

Dettagli

MI16B Milano 2016 Autunno (23ª ediz.) IL NUOVO RSPP ASPP RLS DL CS DIR PRE FORM

MI16B Milano 2016 Autunno (23ª ediz.) IL NUOVO RSPP ASPP RLS DL CS DIR PRE FORM MI16B Milano 2016 Autunno (23ª ediz.) IL NUOVO RSPP ASPP RLS DL CS DIR PRE FORM CORSI TEORICO PRATICI PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI: * RSPP RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DA STRESS OCCUPAZIONALE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. 7 dicembre 2013

LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DA STRESS OCCUPAZIONALE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. 7 dicembre 2013 LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DA STRESS OCCUPAZIONALE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO 7 dicembre 2013 Via Giberti 11 - Sala Convegni Ordine dei Medici di Verona Aggiornamenti per i medici competenti

Dettagli

CORSI SICUREZZA D.Lgs. 81/08 PE15A (marzo aprile 2015)

CORSI SICUREZZA D.Lgs. 81/08 PE15A (marzo aprile 2015) CORSI PER ASPP - RSPP...2 Modulo A per ASPP/RSPP (28 ore)...2 Modulo B / Aggiornamento per ASPP,RSPP, RLS...3 Modulo B / Aggiornamento per RSPP, ASPP, RLS...4 Aggiornamento completo per CSE/CSP (40 ore)...5

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore. 05 aprile :00-13:00

FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore. 05 aprile :00-13:00 Pagina 1 di 9 Calendario degli incontri di formazione aggiornato al 17 marzo 2017 FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore 05 aprile 2017 9:00-13:00 FORMAZIONE SPECIFICA LAVORATORI IN ATTIVITA

Dettagli

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DURATA: 08 10 1/09 Qualora il lavoratore risulti INIDONEO ad una mansione specifica il datore di lavoro adibisce il lavoraotre, ove possibile ad altra mansione

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore. 05 aprile :00-13:00

FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore. 05 aprile :00-13:00 Pagina 1 di 9 Calendario degli incontri di formazione aggiornato al 26 aprile 2017 FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore 05 aprile 2017 9:00-13:00 FORMAZIONE SPECIFICA LAVORATORI IN ATTIVITA

Dettagli

I concetti di rischio e pericolo

I concetti di rischio e pericolo I concetti di rischio e pericolo Durata: 12 26 La valutazione del rischio D.Lgs. 81/2008 Articolo 15 - Misure generali di tutela Nelle misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Dettagli

Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro

Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro 1 Obiettivi dell incontro formativo Obiettivo preliminare: delineare per punti il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza (D.Lgs. 9 Aprile 2008) Obiettivo specifico:

Dettagli

Elenco generale dei files contenuti nel pacchetto PROCEDURE SGSL v2.0 Edizione WINPLE ITALIA

Elenco generale dei files contenuti nel pacchetto PROCEDURE SGSL v2.0 Edizione WINPLE ITALIA Pacchetto completo con manuale, procedure e modelli necessari alla realizzazione di un sistema per la gestione della sicurezza in azienda SGSL conforme alla norma BS OHSAS 18001:2007 - Linee guida UNI

Dettagli

CATALOGO CORSI FORMATIVI

CATALOGO CORSI FORMATIVI Aggiornamento Rspp/Aspp - Csp/Cse valutazione rischio spazi confinati Valutazione dell esposizione a vibrazioni meccaniche Valutazione dell esposizione a rumore in ambiente lavorativo Responsabile della

Dettagli

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE:

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: (industria, commercio, edilizia, artigianato, servizi etc.) CODICE ATECO PRINCIPALE: CODICE FISCALE/P.IVA:

Dettagli

Piano Mirato di Prevenzione

Piano Mirato di Prevenzione Da restituire entro il. per posta, fax o mail a: ASL..- Dipartimento di Prevenzione Medica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro via. FAx.. e-mail Piano Mirato di Prevenzione CONTRIBUTO DEL SISTEMA

Dettagli

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008 XI Presentazione... Profili Autori... V VII PARTE I - T.U. N. 81/2008 CAPITOLO 1 TITOLO I T.U. - PRINCIPI COMUNI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 1 Il lavoratore... 6 Il datore di lavoro... 8 Il dirigente...

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore. 28 giugno :00-13:00

FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore. 28 giugno :00-13:00 Pagina 1 di 8 Calendario degli incontri di formazione aggiornato al 21 giugno 2016 FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore 28 giugno 2016 9:00-13:00 FORMAZIONE SPECIFICA LAVORATORI IN ATTIVITA

Dettagli

SAN LORENZO SERVIZI Sicurezza del lavoro Igiene degli Alimenti Ambiente Formazione

SAN LORENZO SERVIZI Sicurezza del lavoro Igiene degli Alimenti Ambiente Formazione CORSI DI FORMAZIONE PER AGGIORNAMENTO RSPP DATORE DI LAVORO SEDE: Via Arrigo da Settimello, 7/5 50135 Firenze (FI) - Martedì 15 novembre 2016 orario 14.00-18.00 Dott. Paolo Deidda Principi generali e basi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. g Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. g Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. g Antonio Giorgi g RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile

Dettagli

Prevenzione del rischio cancerogeno

Prevenzione del rischio cancerogeno DIPARTIMENTO DI IGIENE E PREVENZIONE SANITARIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Corso Matteotti, 21-25122 BRESCIA Tel. 030 3838661 - fax 030 3838540 E-mail: ServizioPSAL@ats-brescia.it

Dettagli

Corso di formazione per ASPP - RSPP (MOD. A) - Corso abilitante alla funzione -

Corso di formazione per ASPP - RSPP (MOD. A) - Corso abilitante alla funzione - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell.393.943.81.57 Centro di formazione Certificazione per erogazione a marchio Aifos Riferimenti legislativi

Dettagli

Formazione dei Lavoratori

Formazione dei Lavoratori pagina 1 di 8 Formazione dei Lavoratori articolo 37 D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato Regioni del 21/12/2011 Rep. Atti n. 221/CSR Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012 pagina 2 di 8 paragrafo

Dettagli

SULL ORLO DI UNA CRISI DI NERVI.

SULL ORLO DI UNA CRISI DI NERVI. Scuola e Società. Associazione culturale e professionale SULL ORLO DI UNA CRISI DI NERVI. BURNOUT E DISAGIO AMBIENTALE A SCUOLA Natale Alfonso Garantire la sicurezza nelle scuole. Un compito difficile

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania Ufficio del Datore di Lavoro Corso modulare per la formazione di Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione ASPP 1. Organizzazione Soggetto organizzatore del corso:

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37 CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA ex D.Lgs. 81/2008 art.37 1 L organizzazione della prevenzione aziendale 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 I modelli

Dettagli

ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1 Nomina del Responsabile servizio prevenzione e protezione In tutte le imprese deve essere nominato il RSPP che può essere: Datore di lavoro

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania Ufficio del Datore di Lavoro Corso modulare per la formazione di Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione ASPP 1. Organizzazione Soggetto organizzatore del corso:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) Allegato 6 (PARTE 5 ) Direzione Regionale del Lazio Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse Materiali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL

Dettagli

Corso RLS 32 ore. Docente: 123 Formazione iltuocorso Ermes srl Via E. De Amicis, Milano

Corso RLS 32 ore. Docente: 123 Formazione  iltuocorso Ermes srl Via E. De Amicis, Milano Corso RLS 32 ore Docente: 123 Formazione www.123formazione.it iltuocorso Ermes srl Via E. De Amicis, 57 20123 Milano Il corso Corso online R.L.S. - Rappresentante sicurezza dei lavoratori 32 Ore (Ai sensi

Dettagli

IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi

IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi 1 Struttura Il DLgs 81/08 è composto da 305 articoli, 51 allegati + di 20 decreti o linee guida o regolamenti delegati Abroga: Il DPR 547/55 Il DPR 164/56 Il DPR

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA E AMBIENTE

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA E AMBIENTE SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA E AMBIENTE LOGO AZIENDA D444 ELENCO DOCUMENTI SGSA OHSAS 18001 UNI EN ISO 14001 Argomento Linee Guida UNI INAIL Numerazione manuale EASYGEST Procedure Moduli Documenti

Dettagli

MODULO PRATICO (ORE) RSPP 16/32/48 // // Provana Quality Center. Aggiornamento RSPP 6/10/14 // // Provana Quality Center

MODULO PRATICO (ORE) RSPP 16/32/48 // // Provana Quality Center. Aggiornamento RSPP 6/10/14 // // Provana Quality Center CATALOGO CORSI ANNO 2016 1. RIEPILOGO CORSI Area SICUREZZA SUL LAVORO ATTREZZATURA MODULO TEORICO (ORE) MODULO PRATICO (ORE) SEDE DEL CORSO Piattaforma di Lavoro mobili elevabili (PLE) 4 4 per PLE con

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Progettazione e Manutenzione Fabbricati Ufficio Servizio Prevenzione e Protezione PROGRAMMA DELLA FORMAZIONE ANNUALE Provincia di Forlì-Cesena 2012 sito web: www.provincia.fc.it

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PRELIMINARE ALL'AFFIDAMENTO DEI LAVORI IN APPALTO RISCHI (ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PRELIMINARE ALL'AFFIDAMENTO DEI LAVORI IN APPALTO RISCHI (ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PRELIMINARE ALL'AFFIDAMENTO DEI LAVORI IN APPALTO RISCHI (ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs 81/08). Il data / / tra la ditta con sede in via a di seguito denominata "committente" e

Dettagli

I contenuti minimi del DVR e del POS e la complementarietà del POS al PSC. Corrado Bernardi CPTLucca Inverno 2014

I contenuti minimi del DVR e del POS e la complementarietà del POS al PSC. Corrado Bernardi CPTLucca Inverno 2014 I contenuti minimi del DVR e del POS e la complementarietà del POS al PSC Corrado Bernardi CPTLucca Inverno 2014 Documento di Valutazione Rischi Elemento di Idoneità tecnicoprofessionale Nuove aziende:

Dettagli

-PROGRAMMA DEL CORSO-

-PROGRAMMA DEL CORSO- -PROGRAMMA DEL CORSO- RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO B 7 (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009-STATO-REGIONI 26.01.06 ) SANITA - SERVIZI SOCIALI Corso di 60 ore

Dettagli

PROCEDURA PER L APPLICAZIONE. DELL ART. 26 DEL D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

PROCEDURA PER L APPLICAZIONE. DELL ART. 26 DEL D. Lgs. 81/08 e s.m.i. U.O.C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE RESPONSABILE: ING. ALESSANDRO SELBMANN Tel. 0746/279748 FAX 0746/279774 PROCEDURA PER L APPLICAZIONE DELL ART. 26 DEL D. Lgs. 81/08 e s.m.i. 1 PROCEDURA PER LA

Dettagli

S E T T O R E A M B I E N T E SERVIZIO DI GESTIONE DEL CANILE COMUNALE DI OSTAGLIO

S E T T O R E A M B I E N T E SERVIZIO DI GESTIONE DEL CANILE COMUNALE DI OSTAGLIO ALLEGATO AL CONTRATTO DI APPALTO COMUNE DI SALERNO S E T T O R E A M B I E N T E SERVIZIO DI GESTIONE DEL CANILE COMUNALE DI OSTAGLIO (Da completarsi a cura dell aggiudicatario e da consegnare, sottoscritto

Dettagli

D.Lgs 81/08 *** *** *** *** SICUREZZA E IGIENE DEI LUOGHI DI LAVORO LOGO AZIENDALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI

D.Lgs 81/08 *** *** *** *** SICUREZZA E IGIENE DEI LUOGHI DI LAVORO LOGO AZIENDALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI 1 D.Lgs 81/08 SICUREZZA E IGIENE DEI LUOGHI DI LAVORO DOCUMENTO: Documento di Valutazione dei Rischi ATTIVITA : Studio Dentistico Ragione Sociale Sede principale Cap Città P.IVA / C.F. Revisioni: Documento

Dettagli

CORSO PER LAVORATORI RISCHIO AZIENDALE BASSO Parte generale + Parte specifica durata: 4 ore + 4 ore = 8 ore

CORSO PER LAVORATORI RISCHIO AZIENDALE BASSO Parte generale + Parte specifica durata: 4 ore + 4 ore = 8 ore FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO PER LAVORATORI, DIRIGENTI E PREPOSTI Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 e Linee Guida Formazione del 25.07.2012 Alla luce

Dettagli

Ai sensi dell art 32 D.lgs 81/2008 e dell'accordo Stato Regioni del 26/01/2006 e s.m.i.

Ai sensi dell art 32 D.lgs 81/2008 e dell'accordo Stato Regioni del 26/01/2006 e s.m.i. Sede Legale: Via Guido De Ruggiero, 26-00142 Roma Cod. Fisc. : 97612060588 Emanazione CCNL cod. 1062 Ministero del Lavoro E delle Politiche Sociali e della salute CORSO RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO

Dettagli

CATALOGO CORSI PREVENZIONE AMBIENTE s.r.l.

CATALOGO CORSI PREVENZIONE AMBIENTE s.r.l. CATALOGO CORSI PREVENZIONE AMBIENTE s.r.l. Corsi di formazione sicurezza nei luoghi di lavoro D. Lgs. 81/08, art. 37, D.M. 10/03/98 e Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 Corso di formazione per

Dettagli

CALENDARIO EDIZIONE : RM15A. SEDE DEI CORSI 00189 Roma Via San Godenzo 24. Associazione per la Cultura e le Tecnologie dell Ambiente e della Sicurezza

CALENDARIO EDIZIONE : RM15A. SEDE DEI CORSI 00189 Roma Via San Godenzo 24. Associazione per la Cultura e le Tecnologie dell Ambiente e della Sicurezza CALENDARIO EDIZIONE : RM15A IL NUOVO RSPP- ASPP CORSI TEORICO- PRATICI PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI: RSPP - RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ASPP - ADDETTI AL SERVIZIO DI

Dettagli

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265)

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Decreto legislativo 19.09.1994, n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE,

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO AREA SICUREZZA EDIZIONE 01/2015

CATALOGO FORMATIVO AREA SICUREZZA EDIZIONE 01/2015 CATALOGO FORMATIVO AREA SICUREZZA EDIZIONE 01/2015 Studio Crosta & Associati S.r.l. Viale di Casabianca, 19-63900Fermo (FM) Tel. 0734_641928 Fax 0734_278007 REGOLAMENTO GENERALE PER LA PARTECIPAZIONE AI

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER LA VIGILANZA SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI APPALTI DI SERVIZI

LISTA DI CONTROLLO PER LA VIGILANZA SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI APPALTI DI SERVIZI LISTA DI CONTROLLO PER LA VIGILANZA SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI APPALTI DI SERVIZI Ragione sociale della Ditta COMMITTENTE: sede legale: unità locale oggetto del sopralluogo: Attività svolta

Dettagli

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B5 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B5 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROGRAMMA DEL CORSO R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B5 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO DI SPECIALIZZAZIONE) MACROSETTORE N. 5 INDUSTRIA CHIMICA, GOMMA RAFFINERIE (Decreto Legislativo

Dettagli

AREA SALUTE E SICUREZZA

AREA SALUTE E SICUREZZA Tel. 0321.39464 Corso di formazione ASPP/RSPP (ateco 3, 4, 6 e 9) Baveno, 12, 14, 19, 21, 26, 2 aprile e 3 e 5 maggio 2011 Si informano le aziende interessate che, concluso il modulo A (che prenderà avvio

Dettagli

chi siamo cosa facciamo

chi siamo cosa facciamo Corsi di Formazione chi siamo La FISMIC è un organizzazione sindacale autonoma che rappresenta i lavoratori dipendenti dell industria e dei servizi. Nel corso degli anni la FISMIC ha mantenuto la caratteristica

Dettagli

Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici

Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici Università di Asti 11 maggio 2013 Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici D.Lgs 81/2008 DVR RSPP - RLS Collaboratori di studio medico e odontoiatrico Relatore: Dott. Ing. Francesco Carbone

Dettagli

IL COINVOLGIMENTO DELL RLS NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. Dott. Maria Grazia Roselli Dipartimento Prevenzione Az USL 2 Lucca

IL COINVOLGIMENTO DELL RLS NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. Dott. Maria Grazia Roselli Dipartimento Prevenzione Az USL 2 Lucca IL COINVOLGIMENTO DELL RLS NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Maria Grazia Roselli Dipartimento Prevenzione Az USL 2 Lucca QUALE RLS? Di azienda Territoriale: nelle aziende prive di RLS del territorio

Dettagli

TIPOLOGIA DI PRATICHE

TIPOLOGIA DI PRATICHE SGSICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Assistenza per l applicazione della normativa di tutela degli ambienti di lavoro

Dettagli

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL Sede di Treviso Dott. Antonio Salvati Gli attori della prevenzione Il modello di sicurezza in forma partecipativa del D Lgs n.

Dettagli

Calendario degli incontri di formazione aggiornato al 05 Ottobre FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore 21 OTTOBRE :00-13:00

Calendario degli incontri di formazione aggiornato al 05 Ottobre FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore 21 OTTOBRE :00-13:00 Pagina 1 di 12 Calendario degli incontri di formazione aggiornato al 05 Ottobre 2015 FORMAZIONE GENERALE PER TUTTI I LAVORATORI - 4 ore 21 OTTOBRE 2015 9:00-13:00 FORMAZIONE SPECIFICA LAVORATORI IN ATTIVITA

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

Durata 32 ore. Il corso è destinato a coloro che assumono la funzione di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) aziendale.

Durata 32 ore. Il corso è destinato a coloro che assumono la funzione di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) aziendale. Corsi di formazione e informazione in materia di sicurezza destinati alle varie figure aziendali C005 Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Art. 37 comma 11 del D.Lgs 81/2008

Dettagli

TEST 626. 1. All interno dell attività lavorativa è stato designato il RSPP previa consultazione dell RLS?

TEST 626. 1. All interno dell attività lavorativa è stato designato il RSPP previa consultazione dell RLS? TEST 626 1. All interno dell attività lavorativa è stato designato il RSPP previa consultazione dell RLS?! identificare responsabile interno o estero all azienda (art. 10, D. Lgs. 626/94) - Il datore di

Dettagli

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da 8 a 68 ore a seconda del macrosettore di appartenenza

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da 8 a 68 ore a seconda del macrosettore di appartenenza Modulo B Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da a 6 ore a seconda del macrosettore di appartenenza Questo modulo si articola in macrosettori costruiti tenendo conto dell

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA Ecomondo 2016 - Rimini, 10 novembre 2016 Angelica Schneider Graziosi INAIL Contarp Centrale I SISTEMI DI GESTIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA Perché parlare di SGSL per

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO

CORSO DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO CORSO DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ASL AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI BERGAMO Dott. Sergio Piazzolla Medico del Lavoro S.P.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

In particolare, l Accordo prevede un percorso formativo composto da diversi moduli, denominati:

In particolare, l Accordo prevede un percorso formativo composto da diversi moduli, denominati: MODULI A, B, SP1, SP2, SP3, SP4 E C: FORMAZIONE RSPP E ASPP L Accordo Stato Regioni del 7/7/16 ha modificato le caratteristiche dei percorsi formativi necessari per assumere il ruolo di Responsabile del

Dettagli

8 edizioni di ore 16,00 ciascuna di cui n.7 edizioni per i lavoratori del comparto e n. 1 edizione per i dirigenti

8 edizioni di ore 16,00 ciascuna di cui n.7 edizioni per i lavoratori del comparto e n. 1 edizione per i dirigenti PROGETTO Formazione obbligatoria per Lavoratori in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ai sensi del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. e Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Oristano dal 25/05/2012

Dettagli

AL VIA L AUMENTO DELLE SANZIONI CON IL DECRETO LEGGE N.76/2013

AL VIA L AUMENTO DELLE SANZIONI CON IL DECRETO LEGGE N.76/2013 AL VIA L AUMENTO DELLE SANZIONI CON IL DECRETO LEGGE N.76/2013 Le principali sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente previste dall art.55, D.Lgs. n.81/08 in vigore dal 1 luglio 2013: ILLECITO

Dettagli

I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE RAAM SRL

I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE RAAM SRL I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE 1 I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE RISCHIO Probabilità di raggiungere il livello potenziale di danno nelle

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA CANTIERE DEI LAVORI DI MIRANO (VE) PRESSO I.P.A.B. LUIGI MARIUTTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell art. 26 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 come modificato

Dettagli

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV.

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV. Corso di Formazione per Responsabili ed Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP ASPP Modulo A) (RSPP Dat. Lavoro) edizione Titolo I Capo III Sez. III D.Lgs. 81/2008 (agg. D.Lgs. 106/09)

Dettagli

TRASMISSIONE DEI DATI SANITARI AI SENSI DELL ART. 40 DEL D. LGS 81/ MARZO 2009

TRASMISSIONE DEI DATI SANITARI AI SENSI DELL ART. 40 DEL D. LGS 81/ MARZO 2009 TRASMISSIONE DEI DATI SANITARI AI SENSI DELL ART. 40 DEL D. LGS 81/2008 26 MARZO 2009 dr.ssa MANUELA PERUZZI SPISAL ULSS 20 Verona www.ulss20.verona.it CONSIDERAZIONI PRELIMINARI Art. 40 D.Lgs. 81/08:

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE Agenzia Tutela Salute (ATS) Brianza Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro Direzione Servizio via Novara, 3 20832 Desio (MB) Piano Mirato di Prevenzione

Dettagli

INFORMAZIONE, AGGIORNAMENTO

INFORMAZIONE, AGGIORNAMENTO RSPP Corso di aggiornamento 14 ore LAVORATORI E RSPP: FORMAZIONE, INFORMAZIONE, AGGIORNAMENTO Contenuti della formazione e informazione ai lavoratori, della formazione RSPP e relative scadenze 4.1 RSPP

Dettagli

Addetto e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Modulo B3 - Costruzioni

Addetto e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Modulo B3 - Costruzioni PROGRAMMA Addetto e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Modulo B3 - Costruzioni (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) Durata 60 ore Date e orari

Dettagli

CORSO ECM 626 RSPP per Medici e Responsabili Addetti Servizi Prevenzione Protezione modulo base

CORSO ECM 626 RSPP per Medici e Responsabili Addetti Servizi Prevenzione Protezione modulo base CORSO ECM 626 RSPP per Medici e Responsabili Addetti Servizi Prevenzione Protezione modulo base Questo Corso rappresenta un Modulo Base per la formazione di Medici, RSPP e addetti SPP (Responsabili e Addetti

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti minimi,

Dettagli

Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n 81

Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n 81 Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n 81 come cambia la VALUTAZIONE DEI RISCHI Crescenzo Tiso Servizio Igiene e Sicurezza sul Lavoro ASL della Provincia di Varese D.Lgs. 81/08 Titolo I - PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Sorveglianza sanitaria obbligatoria

Sorveglianza sanitaria obbligatoria Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Sorveglianza sanitaria a scuola 5.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Sorveglianza

Dettagli

ART. 26 D.LGS 81/2008 OBBLIGHI CONNESSI ALLA SICUREZZA NEI CONTRATTI D APPALTO / D OPERA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DI INTERFERENZA (DUVRI)

ART. 26 D.LGS 81/2008 OBBLIGHI CONNESSI ALLA SICUREZZA NEI CONTRATTI D APPALTO / D OPERA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DI INTERFERENZA (DUVRI) Spett.le c.a. Mantova, 1 luglio 2010 Oggetto: ART. 26 D.LGS 81/2008 OBBLIGHI CONNESSI ALLA SICUREZZA NEI CONTRATTI D APPALTO / D OPERA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DI INTERFERENZA (DUVRI) Egr.

Dettagli

Lavori in appalto in azienda DVR - DUVRI e PSC Costi per la sicurezza Lavori edili: fra art.26 e Titolo IV del D. Lgs. 81/08"

Lavori in appalto in azienda DVR - DUVRI e PSC Costi per la sicurezza Lavori edili: fra art.26 e Titolo IV del D. Lgs. 81/08 Lavori in appalto in azienda DVR - DUVRI e PSC Costi per la sicurezza Lavori edili: fra art.26 e Titolo IV del D. Lgs. 81/08" RES Edili Reggio Emilia Scuola Via del Chioso 22/A Lunedì 21 marzo 2016 ore

Dettagli

Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione MODULO B5 Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009-STATO-REGIONI 26.01.06 RAFFINERIE-TRATTAMENTO COMBUSTIBILI NUCLEARI- INDUSTRIA

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 21 MAGGIO 2012

LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 21 MAGGIO 2012 LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 21 MAGGIO 2012 LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 1) DOCUMENTAZIONE SULLA REGOLARITA DEI RAPPORTI DI LAVORO 2) DOCUMENTAZIONE DI ATTUAZIONE DEL D. LGS 81/08 3) DOCUMENTAZIONE INERENTE

Dettagli

AMIANTO Criteri per una corretta valutazione del rischio professionale

AMIANTO Criteri per una corretta valutazione del rischio professionale AMIANTO Criteri per una corretta valutazione del rischio professionale D.Lgs. 81/08 -Titolo I: Procedure standardizzate per la redazione del DVR Silvia Goldoni Modena, 29.11.2016 Procedure standardizzate

Dettagli

TABELLA RIASSUNTIVA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

TABELLA RIASSUNTIVA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO TABELLA RIASSUNTIVA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Ricordiamo che la formazione dei lavoratori deve essere periodicamente ripetuta in relazione a: evoluzione

Dettagli

CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B

CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B Il modulo B di specializzazione è relativo al corso di formazione che tratta la natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative.

Dettagli