LA COMUNICAZIONE DI MASSA. D ARIA ANTONIA DISPENSA AD USO DEGLI STUDENTI DEL LICEO SOCIALE BESTA di MILANO 2009/2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COMUNICAZIONE DI MASSA. D ARIA ANTONIA DISPENSA AD USO DEGLI STUDENTI DEL LICEO SOCIALE BESTA di MILANO 2009/2010"

Transcript

1 LA COMUNICAZIONE DI MASSA D ARIA ANTONIA DISPENSA AD USO DEGLI STUDENTI DEL LICEO SOCIALE BESTA di MILANO 2009/2010 1

2 BREVE STORIA DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA LA SCRITTURA SISTEMA CODIFICATO DI MARCATORI VISIVI CON CUI LO SCRIVENTE PUÒ DETERMINARE LE PAROLE ESATTE LA SCRITTURA È LA PRIMA GRANDE RIVOLUZIONE COMUNICATIVA UMANA. RENDE POSSIBILI OPERAZIONI COME L ARCHIVIAZIONE DELLE INFORMAZIONI LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E LA COMUNICAZIONE A DISTANZA 2

3 L ALFABETO INTRODOTTO DAI FENICI, PREVEDE L USO DI SEGNI ASSOCIATI A SUONI RICOMBINABILI L ALFABETO È DUTTILE E SEMPLICE DA APPRENDERE 3

4 L ALFABETO DI RECENTE È DIVENTATO STRUMENTO DI CONOSCENZA ED EMANCIPAZIONE. Prima È STATO SOPRATTUTTO STRUMENTO DI COSTRIZIONE NEI CONFRONTI DI MASSE ILLETTERATE 4

5 LA STAMPA IL PRIMO TIPO DI STAMPA E QUELLA CON BLOCCHI DI LEGNO UTILIZZATA IN CINA INTORNO ALL ANNO 1000 VENNE INTRODOTTA ANCHE IN EUROPA, E DAL 1300 FU DI USO COMUNE PER STAMPARE FANTASIE SUGLI ABITI QUANDO LA CARTA DIVENNE RELATIVAMENTE FACILMENTE REPERIBILE, INTORNO AL 1400, IL MEDIUM DELLA STAMPA INIZIÒ AD ESSERE IMPIEGATO ANCHE SU CARTE DA GIOCO. 5

6 LA STAMPA NEL 1456, GUTENBERG INTRODUCE LA STAMPA A CARATTERI MOBILI. Gutenberg Museum Fribourg - Letter Case 6

7 COSA PERMETTE DI FARE LA STAMPA A CARATTERI MOBILI? SUPERAMENTO DELLA DIMENSIONE ARTIGIANALE RAPIDA DIFFUSIONE DEL NUOVO MEDIUM (NELL EUROPA DEL CINQUECENTO CIRCOLANO TRA I 13 E I 20 MILIONI DI LIBRI) 7

8 *L avvento della comunicazione di massa* MASS MEDIA: INSIEME AMPIO DI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE, CHE SI SOVRAPPONGONO CENTRALITÀ DEI MASS MEDIA NELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA 8

9 LA RIVOLUZIONE COMUNICATIVA E INIZIATA NELL 800 CON LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE I GRANDI AGGLOMERATI URBANI E L ESIGENZA FORTE DI UNA COMUNICAZIONE IPERMEDIALE IPERCOMUNICATIVA GLOBALE PLANETARIA GLOBALE 9

10 QUALI I CONTENUTI DELLA COMUNICAZIONE GLOBALE? I CONTENUTI SONO: MODE STILI DI VITA CULTURA INFLUENZA????? 1 0

11 LE FUNZIONI DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA INFORMARE INFLUENZARE INTRATTENERE VENDERE 1 1

12 CARATTERISTICHE LA COMUNICAZIONE DI MASSA E UNA COMUNICAZIONE UNIDIREZIONALE ASIMMETRICA DA UN EMITTENTE A MOLTI RICEVENTI 1 2

13 LE CARATTERISTICHE MASSA GRUPPO MASSA COMUNITA MASSA INTERAZIONE SOCIETA DI MASSA CULTURA DI MASSA CONSUMO DI MASSA FENOMENO DI MASSA OPINIONE DI MASSA 1 3

14 VARIABILI A FAVORE DEI MEDIA EDUCATIVA ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA INFORMATIVA DIFFUSIONE DELLA CULTURA CONOSCENZA INTEGRAZIONE FRA CULTURE TOLLERANZA SVAGO TEMPO LIBERO 1 4

15 VARIABILI CONTRO I MEDIA SUPERFICIALITA CULTURA DI SERIE B PASSIVITA DELL UTENTE CONSUMISMO BISOGNI ARTIFICIALI CONFORMISMO DISTRUZIONE DIFFERENZE CULTURALI CONTROLLO SOCIALE CONDIZIONAMENTO DELLE OPINIONI 1 5

16 MEDIA E NEW MEDIA OGNI TECNOLOGIA PORTA CON SÉ LA TENDENZA VERSO UNA FORMA SPECIFICA DI TRASMISSIONE DEL SAPERE I MEDIA COME ESTENSIONI DELL UOMO. POTENTI PROTESI DICEVA MCLUHAN DISTINZIONE TRA MEDIA CALDI E MEDIA FREDDI 1 6

17 Le telecomunicazioni TELEGRAFO CODIFICAZIONE DI LETTERE E NUMERI IN IMPULSI ELETTRICI (CODICE MORSE) TELEFONO EVOLUZIONE DEL TELEGRAFO RADIO IL PRIMO MASS MEDIUM. RENDE POSSIBILE LA COMUNICAZIONE UNO-A-MOLTI (BROADCAST) TELEVISIONE MASS MEDIUM PER ECCELLENZA. SFRUTTA L ETERE PER VEICOLARE SEQUENZE DI IMMAGINI INTERNET 1 7

18 McLuhan Media "caldi" non esigono da parte di chi li utilizza una grande partecipazione, IMPEGNANO UN SOLO CANALE SENSORIALE FOTOGRAFIA RADIO SCRITTURA Media "freddi" invece richiedono al fruitore maggiore partecipazione e coinvolgimento. COINVOLGONO PIU CANALI SENSORIALI TV 1 8

19 IL POTERE DEI MEDIA AI MEDIA È ATTRIBUITO UN POTERE SOTTILE E PERVASIVO SU VALORI, IDEOLOGIE, MORALE E COSTRUZIONE DI SENSO 1 9

20 L AGENDA SETTING ASSUNTO DI BASE: CONOSCENZA ED ESPERIENZA VENGONO COSTRUITE IN MODO CRESCENTE ATTRAVERSO I MEDIA IPOTESI FONDAMENTALI I MEDIA DICONO QUALI SONO I TEMI E PROBLEMI IMPORTANTI E DI QUALI VALE LA PENA OCCUPARSI I MEDIA STABILISCONO L ORDINE DI PRIORITÀ TRA GLI ARGOMENTI IN AGENDA I MEDIA NON DICONO ALL INDIVIDUO CHE COSA PENSARE MA DEFINISCONO GLI AMBITI RISPETTO AI QUALI PENSARE QUALCOSA L AVVENTO DEI NUOVI MEDIA POTREBBE RESTITUIRE AGLI INDIVIDUI PARTE DEL POTERE D AGENDA 2 0

21 ESERCIZI 1. Traccia una breve storia della scrittura anche con ricerche personali 2. Perchè si parla di RIVOLUZIONE COMUNICATIVA? 1. Sai collocare storicamente l'inizio di questo fenomeno? 2. Cosa propone e diffonde la comunicazione di massa? 3. Cerca il significato delle seguenti espressioni: 1. Media 2. Ipermediale 3. Ipercomunicativo 4. Globalizzazione 5. Sviluppo sostenibile 6. Diritti umani 7. Villaggio globale 4. Quali sono le funzioni della comunicazione di massa? 5. Quali sono le caratteristiche della comunicazione di massa? 6. Spiega la differenza fra MASSA e GRUPPO 7. Cosa si intende per FENOMENO DI MASSA? 2 1

22 ESERCIZI PAG Analizza gli argomeni a favore della comunicazione di massa anche con commenti personali 9. Analizza gli argomenti contro la comunicazione di massa anche con commenti personali 10. Cosa si intende per new media? 11. Come ha suddiviso i media McLuhan? 12. Qual è il potere dei media? 13. Fra le nuove teorie sulla c. d. massa sicuramente quella definita AGENDA SETTING ha un fondo di verità, quale? 2 2

COMUNICAZIONE POLITICA

COMUNICAZIONE POLITICA COMUNICAZIONE POLITICA 1 Comunicazione/comunicazione politica Comunicazione politica: specifico ambito/processo comunicativo, che condivide alcune caratteristiche e presupposti con la comunicazione in

Dettagli

ELEMENTI di sociologia della comunicazione

ELEMENTI di sociologia della comunicazione ELEMENTI di sociologia della comunicazione 1 La comunicazione: informare è diverso da comunicare Una informazione può essere comunicata in modi diversi per fini diversi. Una informazione opportunamente

Dettagli

I termini della ME: medium, media, media education, comunicazione, educomunicazione, educomunicatore,, media educator

I termini della ME: medium, media, media education, comunicazione, educomunicazione, educomunicatore,, media educator I termini della ME: medium, media, media education, comunicazione, educomunicazione, educomunicatore,, media educator Medium Termine latino: il mezzo, il punto di mezzo, mezzo che si interpone, canale

Dettagli

Giovanna Colli, Tecniche di comunicazione dei servizi commerciali Clitt

Giovanna Colli, Tecniche di comunicazione dei servizi commerciali Clitt PIANO LAVORO TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE 2015/2016 CLASSE TERZA SEZ A Prof.re Sciotto Giuseppe LIBRI DI TESTO Giovanna Colli, Tecniche di comunicazione dei servizi commerciali Clitt MODULO 1 LA DINAMICA

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: professionale grafico DISCIPLINA: TECNICHE DI COMUNICAZIONE (Servizi Commerciali indirizzo grafico) TERZE RESPONSABILE: PARRUCCI ALESSANDRA Competenze:saper

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) STAMPA 800 d. C. - Sutra del diamante (Cina) XV secolo Bibbia (J. Gutenberg) LIBRO prodotto manoscritto testo

Dettagli

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA. FONTI: Giovanna Colli «Punto com»

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA. FONTI: Giovanna Colli «Punto com» LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA FONTI: Giovanna Colli «Punto com» L AGENZIA PUBBLICITARIA FIGURE PROFESSIONALI ACCOUNT TIENE I CONTATTI CON I CLIENTI ART DIRECTOR PROGETTA FOTO E DISEGNI, INVENTA LE IMMAGINI

Dettagli

Teoria e tecniche dell informazione

Teoria e tecniche dell informazione 2008-2009 Programma Il corso analizza il tema dell informazione da una prospettiva socio-culturale integrando approccio teorico e studi di caso attraverso la presentazione di ricerche empiriche Articolazione

Dettagli

IL SAGGIO BREVE ARGOMENTATIVO

IL SAGGIO BREVE ARGOMENTATIVO IL SAGGIO BREVE ARGOMENTATIVO IL NUOVO ESAME DI STATO, ENTRATO IN VIGORE NEL 1999, HA INTRODOTTO VARIE TIPOLOGIE DI TESTO, FRA LE QUALI IL SAGGIO BREVE (TIPOLOGIA B1). QUI SI FORNISCE LA SCHEDA DEL SAGGIO

Dettagli

TECNOLOGIA E INFORMATICA

TECNOLOGIA E INFORMATICA TECNOLOGIA E INFORMATICA INDICATORE DISCIPLINARE Avviare alla conoscenza e alla comprensione graduale della realtà tecnologica ed informatica e dei suoi linguaggi per acquisire una mentalità operativa

Dettagli

Il comportamento comunicativo

Il comportamento comunicativo Il comportamento comunicativo Quarta lezione Teoria della coltivazione Contenuti televisivi messi in relazione con la funzione di socializzazione La televisione coltiva rappresentazioni del mondo sociale

Dettagli

Verso la biblioteca digitale

Verso la biblioteca digitale Lez. 18 Verso la biblioteca digitale 25/11/09 OPAC On-line Public Access Catalogue L'OPAC è il catalogo informatizzato delle biblioteche che ha sostituito i vecchi cataloghi cartacei ICCU (1975) Istituto

Dettagli

Capire i media. QUINTA lezione. prof. Peppino Ortoleva.

Capire i media. QUINTA lezione. prof. Peppino Ortoleva. QUINTA lezione prof. Peppino Ortoleva peppino.ortoleva@gmail.com Capire i media, Understanding Media, il titolo di questo corso è ispirato all opera di un altro autore classico, il canadese Marshall McLuhan.

Dettagli

Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa (2009/2010)

Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa (2009/2010) Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa (2009/2010) I nuovi media. Contesti teorici e prospettive di mediazione. Prima parte - Tra cultura moderna e postmoderna. Determinismi tecnologici e sociali.

Dettagli

DAI GRAFFITI DI MAGURA A FACEBOOK STORIA DELLA COMUNICAZIONE UMANA

DAI GRAFFITI DI MAGURA A FACEBOOK STORIA DELLA COMUNICAZIONE UMANA DAI GRAFFITI DI MAGURA A FACEBOOK STORIA DELLA COMUNICAZIONE UMANA Da sempre l essere umano ha mostrato il bisogno di comunicare con i propri simili sia per stabilire una relazione che per trasmettere

Dettagli

Tesina. Erika Piccirillo. Erika Piccirillo

Tesina. Erika Piccirillo. Erika Piccirillo Tesina Erika Piccirillo Erika Piccirillo IL POTERE DELLA COMUNICAZIONE Liceo Statale G. Carducci di Pisa Erika Piccirillo Esame di Stato 2016 NELLA MIA TESINA TRATTERO : 1.LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Teoria dei pubblici Comunicazione ed effetti sull audience. Par. I Il pubblico dei media

Teoria dei pubblici Comunicazione ed effetti sull audience. Par. I Il pubblico dei media Teoria dei pubblici Comunicazione ed effetti sull audience Par. I Il pubblico dei media Teoria dei pubblici Comunicazione ed effetti sull audience Il pubblico dei media 25/10/2004 Il pubblico dei media

Dettagli

Sfera pubblica, gruppi e movimenti sociali

Sfera pubblica, gruppi e movimenti sociali Sfera pubblica, gruppi e movimenti sociali I due canali della partecipazione a) il processo elettorale-rappresentativo b) la sfera pubblica Problemi: - Forme di interazione e condizionamento fra i due

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE I mass media LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE la comunicazione mediata dal computer (CMC) la comunicazione pubblica 1 Comunicazione interpersonale Non mediata (corporeità) Compresenza Comunicazione mediata

Dettagli

Fuori Collana. (Collana diretta da Dino Paris)

Fuori Collana. (Collana diretta da Dino Paris) Fuori Collana 17 (Collana diretta da Dino Paris) 2005 Oreste Sagramola ISBN: 88-7853-041-7 Iª edizione settembre 2005 Edizioni SETTE CITTÀ Via Mazzini 87 01100 Viterbo tel 0761354620 fax 0761270939 info@settecitta.it

Dettagli

Analisi dei media Anno accademico 2009/2010

Analisi dei media Anno accademico 2009/2010 Analisi dei media Anno accademico 2009/2010 Argomenti principali e struttura del corso. In linea di massima, il corso si svolgerà secondo il seguente calendario: Parte prima Cultura, comunicazione e informazione

Dettagli

BREVESTORIA SOCIALE DELLA COMUNICAZIONE

BREVESTORIA SOCIALE DELLA COMUNICAZIONE BREVESTORIA SOCIALE DELLA COMUNICAZIONE Zeffiro Ciuffoletti Edoardo Tabasso larocc1 W.E I ' Università IUAV di Venezia S.B.D. G 9280 BIBLIOTECA CENTRALE I cr Zeffiro Ciuffoletti Edoardo T ab asso Breve

Dettagli

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi AA Sorice 2009, cap.5. Davide Bennato

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi AA Sorice 2009, cap.5. Davide Bennato Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi AA.2009-10 Sorice 2009, cap.5 Davide Bennato dbennato@unict.it Da Simmel alla svolta semiotica Il problema del contesto Il potere dei media: tratto caratterizzante

Dettagli

OLTRE IL SENSO DEL LUOGO

OLTRE IL SENSO DEL LUOGO OLTRE IL SENSO DEL LUOGO. COMUNICAZIONE: PERCEZIONE DEL TEMPO E DELLA DISTANZA PROF. MICHELE INFANTE Indice 1 OLTRE IL SENSO DEL LUOGO ------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Paolo Raviolo Comunicazione digitale, espressione artistica e apprendimento

Paolo Raviolo Comunicazione digitale, espressione artistica e apprendimento A11 Paolo Raviolo Comunicazione digitale, espressione artistica e apprendimento Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

McLuhan: il medium è il messaggio

McLuhan: il medium è il messaggio McLuhan: il medium è il messaggio L espressione sta ad indicare che il vero messaggio che ogni medium trasmette è costituito anche dalla natura del medium stesso. Ogni medium va quindi studiato in base

Dettagli

Informatica applicata al testo letterario. Professor Daniele Silvi A.A. 2012/2013

Informatica applicata al testo letterario. Professor Daniele Silvi A.A. 2012/2013 Informatica applicata al testo letterario Professor Daniele Silvi A.A. 2012/2013 Di cosa parliamo? Spazio acus:co vs. Spazio Visivo. Una definizione neurologica dalle molteplici applicazioni. L evoluzione

Dettagli

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. I) (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. I) (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. I) (Selezione di diapositive) Mezzi tecnici Aspetti dei mezzi tecnici (cap. I.2 - pp. 33-41) 1) consentono di fissare

Dettagli

Educazione e istruzione. Roberto Pedersini

Educazione e istruzione. Roberto Pedersini Educazione e istruzione Roberto Pedersini L educazione L educazione è l azione esercitata dalle generazioni adulte su quelle che non sono ancora mature per la vita sociale. Essa ha lo scopo di suscitare

Dettagli

4. Configurazioni del territorio: paesaggio e ambiente

4. Configurazioni del territorio: paesaggio e ambiente 4. Configurazioni del territorio: paesaggio e ambiente Risulta dalla percezione Paesaggio Semiologia della visione Risulta dal bagaglio culturale della società 1 Paesaggio Forma visiva del territorio CONCETTO

Dettagli

Educazione e istruzione. Roberto Pedersini

Educazione e istruzione. Roberto Pedersini Educazione e istruzione Roberto Pedersini L educazione L educazione è l azione esercitata dalle generazioni adulte su quelle che non sono ancora mature per la vita sociale. Essa ha lo scopo di suscitare

Dettagli

TRACCIA PER LA BIOGRAFIA SCOLASTICA E LINGUISTICA DEGLI ALUNNI STRANIERI IN USCITA

TRACCIA PER LA BIOGRAFIA SCOLASTICA E LINGUISTICA DEGLI ALUNNI STRANIERI IN USCITA TRACCIA PER LA BIOGRAFIA SCOLASTICA E LINGUISTICA DEGLI ALUNNI STRANIERI IN USCITA Anno scolastico ( Classe quinta Scuola Primaria e Classe terza Scuola Secondaria di primo grado) Dati personali - Cognome:..

Dettagli

Le teorie dell agenda setting

Le teorie dell agenda setting Le teorie dell agenda setting Le teorie dell agenda setting Le teorie dell agenda setting un ipotesi sugli effetti dei media sulla relazione media-opinione pubblica: la sfera pubblica mediatizzata e sulla

Dettagli

Corso base per Volontari. Comunicare

Corso base per Volontari. Comunicare Corso base per Volontari Comunicare Comunicazione = mettere in comune ORALITA Compresenza Simultaneità Gerarchia Indissolubilità realtà / mito SCRITTURA Mancata compresenza Dissociazione spazio temporale

Dettagli

La comunicazione. Letizia Bellemo e Francesca De Gobbi 4 ASPP

La comunicazione. Letizia Bellemo e Francesca De Gobbi 4 ASPP La comunicazione Letizia Bellemo e Francesca De Gobbi 4 ASPP Che cos è la comunicazione? Studio scientifico sui fenomeni di trasmissione di segnali tra sistemi di uguale o diversa natura Le caratteristiche

Dettagli

La città sotto una nuova luce

La città sotto una nuova luce La città sotto progetto di collaborazione urbana promosso da Sperimentazione e laboratori di strada nell area di intervento di Enel Sole 2016 Piazza di Porta Ravegnana Iniziativa di sensibilizzazione per

Dettagli

Nota introduttiva La comunicazione orale La comunicazione chirografica

Nota introduttiva La comunicazione orale La comunicazione chirografica Unità 3 I mezzi di comunicazione: cenni storici Contenuti 1 2 3 4 5 Nota introduttiva La comunicazione orale La comunicazione chirografica La comunicazione tipografica La comunicazione elettronica 1. Nota

Dettagli

Società e comunicazione

Società e comunicazione Società e comunicazione Testo di riferimento: J. B. Thompson, Mezzi di comunicazione e modernità. Una teoria sociale dei media Cap. III La nascita dell interazione mediata: i tipi di interazione e l organizzazione

Dettagli

*La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells

*La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells *La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells 1 Paccagnella, Sociologia della comunicazione, Il Mulino, 2004 3. La comunicazione di massa *La

Dettagli

Marketing & Storia: La comunicazione pubblicitaria e l evoluzione storica

Marketing & Storia: La comunicazione pubblicitaria e l evoluzione storica Marketing & Storia: La comunicazione pubblicitaria e l evoluzione storica Giorgia Castriota Facoltà di Economia «Federico Caffè» Corso di Laurea Magistrale in Economia e management Donatella Montemurno

Dettagli

Viene. utilizzato riferimento alla comunicazione. con

Viene. utilizzato riferimento alla comunicazione. con Che cosa è la multimedialità Multimedialità è un termine composto da multi (più di uno) e media (dal latino medium che significa mezzo) Viene solitamente utilizzato riferimento alla comunicazione con Il

Dettagli

FESTIVAL DELL AMBIENTE DI BERGAMO 1-3 GIUGNO 2012 BERGAMO. Programma di intrattenimento

FESTIVAL DELL AMBIENTE DI BERGAMO 1-3 GIUGNO 2012 BERGAMO. Programma di intrattenimento FESTIVAL DELL AMBIENTE DI BERGAMO 1-3 GIUGNO 2012 BERGAMO Programma di intrattenimento Venerdì 1 giugno Ore 10,00 12,30 Laboratori nel Parco a cura della Cooperativa della Comunità presso il Parco di Ore

Dettagli

Il comportamento comunicativo

Il comportamento comunicativo Il comportamento comunicativo Seconda lezione Scienza della comunicazione Il tentativo di capire la produzione, il consumo e gli effetti dei sistemi di simboli e segnali sulla base di teorie verificabili

Dettagli

Audiovisivi accessibili e attenzione ai contenuti: il progetto

Audiovisivi accessibili e attenzione ai contenuti: il progetto Audiovisivi accessibili e attenzione ai contenuti: il progetto www.webmultimediale.org Roberto Ellero Webmultimediale.org L'evoluzione dell'accessibilità informatica 14 dicembre 2007 - Venezia, Palazzo

Dettagli

Comunicazione d'impresa

Comunicazione d'impresa Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere (LIN-AZ) Comunicazione d'impresa Anno Accademico 2011-2012 Prof. Fabio Forlani Per contatti: fabio.forlani@uniurb.it

Dettagli

EDUCAZIONE alla COMUNICAZIONE

EDUCAZIONE alla COMUNICAZIONE EDUCAZIONE alla COMUNICAZIONE progetto 2015-2016 L uomo è ciò che comunica Comunicare per vivere, comunicare per essere: se, come dice Paul Watzlawick, It is impossible not to communicate, la comunicazione

Dettagli

II PARTE Inventare il mondo

II PARTE Inventare il mondo II PARTE Inventare il mondo www.inventareilmondo.net MONDIALIZZAZIONE: NASCITA DI UN CONCETTO E FASI EVOLUTIVE DEL SISTEMA-MONDO 1 Nascita di un concetto 1 - fine anni 60 GLOBALISATION/MONDIALISATION dei

Dettagli

Premessa. Istituto Internazionale di Scienza della Bellezza presso Fondazione Collegio delle Università Milanesi. a cura di Stefano Zecchi

Premessa. Istituto Internazionale di Scienza della Bellezza presso Fondazione Collegio delle Università Milanesi. a cura di Stefano Zecchi Istituto Internazionale di Scienza della Bellezza presso Fondazione Collegio delle Università Milanesi a cura di Stefano Zecchi Didattica a cura di: Elena Salem Coordinamento organizzativo: Simone Sferrazza

Dettagli

Dialogo, scrittura e nuove literacies

Dialogo, scrittura e nuove literacies Dialogo, scrittura e nuove literacies Pietro Boscolo Università di Padova - pietro.boscolo@unipd.it Montegrotto, 16.07.2014 Alcune definizioni di literacy Insieme di pratiche organizzate socialmente che

Dettagli

Etica della comunicazione. Maria Giovanna Ruberto Università degli Studi -Pavia Bette Anton University of Berkeley - USA Seminario 3

Etica della comunicazione. Maria Giovanna Ruberto Università degli Studi -Pavia Bette Anton University of Berkeley - USA Seminario 3 Etica della comunicazione Maria Giovanna Ruberto Università degli Studi -Pavia Bette Anton University of Berkeley - USA Seminario 3 Qualche definizione Etico: assumere una condotta in accordo a principi

Dettagli

CORSO FASE 2012: Formazione Animatori Sportivi Educatori

CORSO FASE 2012: Formazione Animatori Sportivi Educatori CORSO FASE 2012: Formazione Animatori Sportivi Educatori DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA Si intende realizzare un percorso formativo per animatori sportivi con le seguenti peculiarità: - una prima fase comune

Dettagli

Educazione e istruzione

Educazione e istruzione Educazione e istruzione Ogni società ha un patrimonio di idee, di valori e di conoscenze che cerca di trasmettere a tutti coloro che vi entrano a far parte, qualunque sia la casta, il ceto o la classe

Dettagli

PEDAGOGIA GENERALE. L educatore, l educando e la relazione educativa

PEDAGOGIA GENERALE. L educatore, l educando e la relazione educativa PEDAGOGIA GENERALE L educatore, l educando e la relazione educativa Giuditta ALESSANDRINI Dipartimento di Scienze della Formazione R3 giuditta.alessandrini@uniroma3.it Argomenti L educatore, l educando

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO G. E M. MONTANI

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO G. E M. MONTANI ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO G. E M. MONTANI PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO PER COMPETENZE ED ABILITÀ DOCENTE: ALFREDO VITELLOZZI MATERIA: GEOGRAFIA GENERALE ED ECONOMICA CLASSE: 1ME A Anno scolastico:

Dettagli

Gli elementi della comunicazione

Gli elementi della comunicazione Laboratorio di Scrittura creativa Il Testo narrativo Gli elementi della comunicazione App Generation Writers I. C. San Francesco Nicola Napolitano Anguillara Sabazia - RM Il processo di comunicazione La

Dettagli

Il comportamento comunicativo

Il comportamento comunicativo Il comportamento comunicativo Terza lezione Funzioni, usi e gratificazioni Approccio struttural-funzionalista (conservazione del modello e controllo delle tensioni; adattamento all ambiente; perseguimento

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Società dell informazione espressione che rinvia: ad una precisa MORFOLOGIA SOCIALE; ad un PARADIGMA di analisi

Dettagli

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi Università di Catania dbennato@unict.it La teoria dell agenda setting Media e costruzione sociale della realtà Ciò che sappiamo della nostra società, ed

Dettagli

Un sistema integrato di buone pratiche comunicative per chiarire il rapporto tra Ambiente e Salute

Un sistema integrato di buone pratiche comunicative per chiarire il rapporto tra Ambiente e Salute Un sistema integrato di buone pratiche comunicative per chiarire il rapporto tra Ambiente e Salute IIIe Giornate Italiane Mediche per l Ambiente Inquinamento delle Catene Alimentari e Salute Globale Albergo

Dettagli

Capire i media. UNDICESimA lezione. prof. Peppino Ortoleva.

Capire i media. UNDICESimA lezione. prof. Peppino Ortoleva. UNDICESimA lezione prof. Peppino Ortoleva peppino.ortoleva@gmail.com LE PAROLE SONO IMPORTANTI è essenziale imparare a usarle criticamente: cioè da un lato distinguendo bene i diversi significati, dall

Dettagli

Sistema dei saperi di una società che si sviluppa e si trasforma

Sistema dei saperi di una società che si sviluppa e si trasforma Modelli e sistemi di formazione: evoluzione storica, teoria della formazione planetaria e reti di apprendimento locali Dimensione storica: tutte le società si reggono sulla dinamica di quattro variabili

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA COMPETENZA CHIAVE EUROPE : COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZA E TECNOLOGIA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA COMPETENZA CHIAVE EUROPE : COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZA E TECNOLOGIA CURRICOLO DI GEOGRAFIA COMPETENZA CHIAVE EUROPE : COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZA E TECNOLOGIA LIVELLO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA : GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:

Dettagli

Laboratorio Multimediale di Ateneo. uninsubria TV. Primi passi verso una WEB TV di Ateneo. Nome Cognome Occasione, Luogo, gg.mm.

Laboratorio Multimediale di Ateneo. uninsubria TV. Primi passi verso una WEB TV di Ateneo. Nome Cognome Occasione, Luogo, gg.mm. uninsubria TV Primi passi verso una WEB TV di Ateneo Storia Innovazione tecnologica di un Ateneo a rete di sedi 1998 Nascita Università degli Studi dell'insubria 2002 Infrastruttura di RAN in gigabit e

Dettagli

Harold Innis. Marshall McLuhan. Determinismo tecnologico. The Gutenberg Galaxy (1962) La sposa meccanica (1951) 30/03/2012.

Harold Innis. Marshall McLuhan. Determinismo tecnologico. The Gutenberg Galaxy (1962) La sposa meccanica (1951) 30/03/2012. Lez. 16 Harold Innis Marshall McLuhan You Know Nothing of My Work! 1894-1952, canadese Storico dell economia e sociologo della comunicazione Il medium al centro dei suoi interessi Studia le conseguenze

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE

EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE QUANTE EDUCAZIONI NELLA SCUOLA ITALIANA? Alla legalità Alle pari opportunità Alla differenza di genere Alla pace Alla salute (droghe, fumo ) Alla mondialità Alla cooperazione

Dettagli

Nuove misure per una nuova realtà

Nuove misure per una nuova realtà Nuove misure per una nuova realtà Milano, 29 Novembre 1999 1 Un nuovo osservatorio per una nuova realtà IERI Realtà Evoluzione Tecnologica Oggi Realtà Un nuovo Osservatorio Modello interpretativo Osservazione

Dettagli

Giornalismo e social media

Giornalismo e social media Giornalismo e social media Innovazione e analisi dei modelli di giornalismo Laboratorio di tecniche e linguaggi del giornalismo Prof. ssa Elena Valentini Roma, 31 ottobre 2014 Obiettivi formativi e competenze

Dettagli

Organizzazione Aziendale

Organizzazione Aziendale Organizzazione Aziendale Capitolo 9, Comunicazione, di Luigi Proserpio Definizione Si definisce «comunicazione» un processo di scambio intenzionale e razionale di informazioni tra due o più soggetti, per

Dettagli

Teoria e metodi della formazione

Teoria e metodi della formazione Teoria e metodi della formazione Pina Marselli Dipartimento Storia Società e Studi sull Uomo giuseppina.marselli@unisalento.it Software e computer Robert Taylor, in un volume diventato ormai storico: The

Dettagli

PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE. Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo

PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE. Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo I. IL MISTERO DELL ESISTENZA 1. Chi sono io? A. Sempre uguale, sempre diverso B. Un solo io o tanti io? C. Un solo

Dettagli

ORIENTAMENTO ISTITUTI TECNICI - Quale scuola fare dopo le medie?

ORIENTAMENTO ISTITUTI TECNICI - Quale scuola fare dopo le medie? ORIENTAMENTO ISTITUTI TECNICI - Quale scuola fare dopo le medie? Meglio un liceo, un istituto tecnico o un professionale? E se state pensando di iscrivervi ad un istituto tecnico, quale indirizzo è quello

Dettagli

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III - La nascita dell interazione mediata).

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III - La nascita dell interazione mediata). Analisi dei media Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III - La nascita dell interazione mediata). (Selezione di diapositive) Cap. III. La nascita dell interazione mediata MEDIA

Dettagli

MONITORAGGIO DEL CAMPO ELETTRICO CON CENTRALINE RF SUL TERRITORIO DELLA VALLE D AOSTA: 10 ANNI DI MISURE

MONITORAGGIO DEL CAMPO ELETTRICO CON CENTRALINE RF SUL TERRITORIO DELLA VALLE D AOSTA: 10 ANNI DI MISURE MONITORAGGIO DEL CAMPO ELETTRICO CON CENTRALINE RF SUL TERRITORIO DELLA VALLE D AOSTA: 10 ANNI DI MISURE E. Imperial, C. Desandré, Leo Cerise, Valeria Bottura ARPA Valle d Aosta, Loc. Grande Charrière

Dettagli

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi La teoria della dipendenza

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi La teoria della dipendenza La teoria della dipendenza Università di Catania dbennato@unict.it La teoria della dipendenza Una teoria ecologica Formulata da Melvin de Fleur e Sandra Ball-Rokeach (1976, 1989) Interessata allo studio

Dettagli

Lez Marshall McLuhan. You Know Nothing of My Work! 15-18/04/13

Lez Marshall McLuhan. You Know Nothing of My Work! 15-18/04/13 Lez. 15-16 Marshall McLuhan You Know Nothing of My Work! 15-18/04/13 Harold Innis 1894-1952, canadese Storico dell economia e sociologo della comunicazione Il medium al centro dei suoi interessi Studia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Arte & C U R R I C O L O Immagine SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Istituto Comprensivo M.Buonarroti - Ponte a Egola (Pisa) Istituto Comprensivo L. da Vinci Castelfranco (Pisa) Istituto

Dettagli

IL GIOCO COME MEDIA: STRUMENTO

IL GIOCO COME MEDIA: STRUMENTO IL GIOCO COME MEDIA: STRUMENTO CULTURALE E EDUCATIVO ROMINA NESTI Il gioco è universale Attraversa tempi, spazi, generazioni e età della vita. Perché? Il gioco è un fedele compagno della società che lo

Dettagli

Le reti rete La telematica telematica tele matica Aspetti evolutivi delle reti Modello con mainframe terminali Definizione di rete di computer rete

Le reti rete La telematica telematica tele matica Aspetti evolutivi delle reti Modello con mainframe terminali Definizione di rete di computer rete Reti e comunicazione Le reti Con il termine rete si fa riferimento, in generale ai servizi che si ottengono dall integrazione tra tecnologie delle telecomunicazioni e le tecnologie dell informatica. La

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014-2015 SCUOLA: Liceo Linguistico A. Manzoni DOCENTE: G. Legato MATERIA: Francese conversazione Classe 1 Sezione H FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento

Dettagli

Parte Prima Il diritto come messaggio normativo nella prospettiva sociologica

Parte Prima Il diritto come messaggio normativo nella prospettiva sociologica INDICE SOMMARIO XI Introduzione Amedeo Cottino Parte Prima Il diritto come messaggio normativo nella prospettiva sociologica 3 Capitolo I L approccio sociologico al diritto 3 1. I fondamenti della sociologia

Dettagli

La libertà nella complessità biologica

La libertà nella complessità biologica La libertà nella complessità biologica Autore: Sabetta Sergio In: Cultura generale L uomo è un mix fra costituzione individuale innata e fattori di esperienza, si che l apprendimento non è altro che uno

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POLITICA IN ITALIA: LO STATO DELL ARTE TRA PROSPETTIVE E LUOGHI COMUNI. Rosanna De Rosa

LA COMUNICAZIONE POLITICA IN ITALIA: LO STATO DELL ARTE TRA PROSPETTIVE E LUOGHI COMUNI. Rosanna De Rosa LA COMUNICAZIONE POLITICA IN ITALIA: LO STATO DELL ARTE TRA PROSPETTIVE E LUOGHI COMUNI Rosanna De Rosa La mediatizzazione della politica In Italia i sistemi di comunicazione politica sono in stato di

Dettagli

Organizzazione per la Preparazione Professionale degli Insegnanti DESCRIZIONE: Conoscenza di sé e degli altri

Organizzazione per la Preparazione Professionale degli Insegnanti DESCRIZIONE: Conoscenza di sé e degli altri Organizzazione per la Preparazione Professionale degli Insegnanti? DESCRIZIONE: Conoscenza di sé e degli altri IV POMERIGGIO DI FORMAZIONE 20 GENNAIO 2017 CONOSCERE SE STESSI, CONOSCERE L ALTRO Vera Bondi

Dettagli

- PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A039 - GEOGRAFIA CLASSI PRIME PROFESSIONALE

- PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A039 - GEOGRAFIA CLASSI PRIME PROFESSIONALE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA - PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014

Dettagli

Indice. Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?...

Indice. Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?... Indice V Indice Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?.... XII XV XVI CAPITOLO 1 CHE COS È LA GEOGRAFIA UMANA?...

Dettagli

A.A Università di Messina Facoltà di Scienze della Formazione. Disciplina. Docente. CDL e CFU. Sede di. Descrizione

A.A Università di Messina Facoltà di Scienze della Formazione. Disciplina. Docente. CDL e CFU. Sede di. Descrizione A.A. 2008-9 Università di Messina Facoltà di Scienze della Formazione Disciplina Docente CDL e CFU Sede di Informatica Alessio Plebe L-20 Scienze della comunicazione 10 CFU Messina Descrizione da 10 CFU

Dettagli

Comunicazione istituzionale

Comunicazione istituzionale Comunicazione istituzionale Cosa si intende per comunicazione istituzionale Attività informativa, promozionale e divulgativa che le istituzioni e le strutture amministrative svolgono sia in prima persona,

Dettagli

L infermiere e la prevenzione primaria dello scompenso cardiaco

L infermiere e la prevenzione primaria dello scompenso cardiaco 4 TH TURIN CARDIOVASCULAR NURSING CONVENTION L infermiere e la prevenzione primaria dello scompenso cardiaco GRAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY TORINO 20-21 NOVEMBRE 2008 Lucia Sabbadin Come cambia.. 2004

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA COMPETENZA CHIAVE EUROPE : COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZA E TECNOLOGIA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA COMPETENZA CHIAVE EUROPE : COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZA E TECNOLOGIA CURRICOLO DI GEOGRAFIA COMPETENZA CHIAVE EUROPE : COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZA E TECNOLOGIA LIVELLO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA : GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:

Dettagli

Il valore educativo del paesaggio. Gianluca Cepollaro FEM - 9 marzo 2017

Il valore educativo del paesaggio. Gianluca Cepollaro FEM - 9 marzo 2017 Il valore educativo del paesaggio Gianluca Cepollaro FEM - 9 marzo 2017 Il paesaggio non è Il paesaggio non è quello che vediamo nelle cartoline Il paesaggio non è solo un posto di eccezionale bellezza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA ATTIVITA COMPETENZE ETA. - Saper localizzare e collocare se stessi, oggetti, luoghi, persone in situazioni spaziali

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA ATTIVITA COMPETENZE ETA. - Saper localizzare e collocare se stessi, oggetti, luoghi, persone in situazioni spaziali CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA INDICATORI 1) Conoscere l ambiente fisico e umano anche attraverso l osservazione. 2) Comprendere ed utilizzare strumenti e linguaggi specifici. 3) Comprendere le relazioni

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo della competenza

Traguardi per lo sviluppo della competenza ISTITUTO COMPRENSIVO G.CAL0' CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA CAMPI DI ESPERIENZA SCUOLA DELL'INFANZIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE V SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo della

Dettagli

interventi di rinaturalizzazione degli argini. Riduzione inquinamento acustico e elettromagnetico (fino ad un massimo di punti 9).

interventi di rinaturalizzazione degli argini. Riduzione inquinamento acustico e elettromagnetico (fino ad un massimo di punti 9). DECRETO 16 gennaio 2003 Sostituzione dell'allegato tecnico del decreto 30 luglio 2002 "Migliore progetto per una citta' sostenibile delle bambine e dei bambini 2002" e "Iniziativa piu' significativa per

Dettagli

1.2b: Il processo di Convergenza al Digitale

1.2b: Il processo di Convergenza al Digitale 1.2b: Il processo di Convergenza al Digitale 2 10 ott 2011 Bibliografia CR pag. 27-29 Questi lucidi 3 10 ott 2011 Le ICT Quasi tutto ciò con cui siamo a contatto, sia nel mondo della comunicazione Internet

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: I.R.C. CLASSI TERZE Obiettivi disciplinari * Contenuti o abilità Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Tempi Sapersi confrontare con i

Dettagli

Capire i media. Sedicesima lezione. prof. Peppino Ortoleva.

Capire i media. Sedicesima lezione. prof. Peppino Ortoleva. Sedicesima lezione prof. Peppino Ortoleva peppino.ortoleva@gmail.com ci sono diversi altri motivi per cui i sistemi di comunicazione continuano a potenziarsi e il consumo di comunicazione continua ad aumentare:

Dettagli

L informazione e la sua codifica (cap. 2, Intr. ai Sist.. Informatici) Corso di Architetture dell Informazione e della Comunicazione

L informazione e la sua codifica (cap. 2, Intr. ai Sist.. Informatici) Corso di Architetture dell Informazione e della Comunicazione L informazione e la sua codifica (cap. 2, Intr. ai Sist.. Informatici) Corso di Architetture dell Informazione e della Comunicazione Informazione e Informatica Informatica e telecomunicazione Cos è l informatica?

Dettagli

Comunicazione della PA e decreti attuativi della legge 4/2004: una valutazione sulla competizione nel mercato turistico

Comunicazione della PA e decreti attuativi della legge 4/2004: una valutazione sulla competizione nel mercato turistico Comunicazione della PA e decreti attuativi della legge 4/2004: una valutazione sulla competizione nel mercato turistico Venezia, 14 dicembre 2007 Marco Bertoni/Nicola Palmarini 2007 IBM Corporation La

Dettagli

INDICE. 1. Una Scuola di ispirazione cristiana nella storia e nell oggi. 2. La nostra Scuola: la sua Mappa Valoriale: la Costituzione.

INDICE. 1. Una Scuola di ispirazione cristiana nella storia e nell oggi. 2. La nostra Scuola: la sua Mappa Valoriale: la Costituzione. 1 INDICE PROGETTO EDUCATIVO 1. Una Scuola di ispirazione cristiana nella storia e nell oggi. 2. La nostra Scuola: la sua Mappa Valoriale: la Costituzione. 3. La Scuola e i Diritti del Bambino. 4. La Scuola

Dettagli

Imperativi sociali. Informatica a scuola. Imperativi sociali. La scuola sarà sempre così? 01/12/2014

Imperativi sociali. Informatica a scuola. Imperativi sociali. La scuola sarà sempre così? 01/12/2014 Università degli Studi di Bergamo Dipartimento di Scienze umane e sociali Corso di Tecnologie didattiche Anno accademico 2014-20152015 La scuola sarà sempre così? ruolo dell insegnante (trasmissione facilitazione)

Dettagli