SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO"

Transcript

1 SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SI TRATTA DI RINVIARE AL FUTURO O AI FUTURI ESERCIZI COSTI E RICAVI CHE HANNO GIA AVUTO NEL PRESENTE O NEI PASSATI ESERCIZI LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA, MA LA CUI COMPETENZA ECONOMICA RIGUARDA ANCHE IL FUTURO O I FUTURI ESERCIZI MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA COSTI E RICAVI RILEVATI CONTABILMENTE COMPETENZA ECONOMICA NON ESCLUSIVAMENTE DELL ESERCIZIO PRESENTE M.F. 31/12

2 1. RINVIO AL FUTURO DI COSTI E RICAVI CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA, MA LA CUI COMPETENZA ECONOMICA INVESTE ANCHE L ESERCIZIO SUCCESSIVO. COSTI SOSPESI = RIMANENZE DI MAGAZZINO RIMANENZE DI MAGAZZINO = FATTORI PRODUTTIVI A VELOCE CICLO DI UTILIZZO O COMBINAZIONE DI FATTORI PRODUTTIVI CHE NON ESSENDO STATI UTILIZZATI NEI PROCESSI PRODUTTIVI SONO DISPONIBILI PER LE GESTIONI FUTURE. Nel corso dell esercizio sulla base della manifestazione finanziaria (=fatture fornitori) sono stati rilevati i costi di acquisto dei fattori produttivi o di merci A FORNITORI MATERIE PRIME C/ACQ. (MERCI C/ACQUISTI) IVA A CREDITO Alla fine dell esercizio è necessario abbandonare il principio della manifestazione finanziaria e adottare il criterio della competenza economica IN TAL MODO SI INDIVIDUA IN CONTABILITA' LA CATEGORIA DEI COSTI SOSTENUTI FINANZIARIAMENTE PER L'ACQUISIZIONE DI FATTORI PRODUTTIVI NON UTILIZZATI/CONSUMATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO. QUESTA CATEGORIA DI COSTI PRENDE IL NOME DI RIMANENZE ATTIVE, IN QUANTO SI TRATTA DI COSTI SOSPESI DALLA FORMAZIONE DEL REDDITO DELL ESERCIZIO IN CUI SI E' VERIFICATA LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA E RINVIATI AL FUTURO ESERCIZIO NEL QUALE I CORRISPONDENTI FATTORI PRODUTTIVI AL QUALE SI COLLEGANO I SUDDETTI COSTI SARANNO UTILIZZATI.

3 RIMANENZE DI MAGAZZINO FATTORI PRODUTTIVI DISPONIBILI PER GESTIONE FUTURA COSTI SOTTRATTI COMPETENZA ECONOMICA PRESENTE ESERCIZIO ELEMENTI ATTIVI CAPITALE FUNZION. RETTIFICHE DI COSTO DETERM. REDDITO EQUAZIONE IMPIEGHI/FONTI EQUAZIONE ECONOMICA STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO RILEVAZIONE CONTABILE 31/12 MATERIE PRIME A MATERIE PRIME C/RIM. FINALI S.P C.E.

4 COSTI SOSPESI = RIMANENZE ATTIVE CONTABILI RIMANENZE ATTIVE CONTABILI = VALORI DI SERVIZI E UTILITA ACQUISTATI NELL ESERCIZIO, CHE HANNO AVUTO PERTANTO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA, MA CHE NON SONO STATI COMPLETAMENTE UTILIZZATI NEL PRESENTE ESERCIZIO E RISULTANO DI CONSEGUENZA DI COMPETENZA ANCHE DEL FUTURO AL QUALE VANNO RINVIATI. Nel corso dell esercizio sono stati rilevati costi che riguardano tali servizi/utilita (= affitti, interessi, premi di assicurazione) sulla base di manifestazioni finanziarie anticipate. Esempio: in data 1/11 e stato pagato a mezzo banca l affitto semestrale anticipato di 600 euro. 1/11 FITTI PASSIVI A BANCA C/C Alla fine dell esercizio, in sede di determinazione del reddito abbandoniamo la manifestazione finanziaria per adottare il criterio della competenza economica. PERTANTO RICONOSCIAMO CHE IL VALORE ACCOLTO NEL CONTO FITTI PASSIVI NON E TUTTO DI COMPETENZA ECONOMICA DELL ESERCIZIO IN CHIUSURA, PERCHE UNA QUOTA RIGUARDA IL SERVIZIO AFFITTO DI CUI USUFRUIREMO NEL PROSSIMO ESERCIZIO 2mesi 4 mesi i 1/11 1/5 31/12 Quando il costo è stato sostenuto finanziariamente, e stato rilevato in dare del conto fitti passivi. POICHE VADO A SOSPENDERE DALLA FORMAZIONE DEL REDDITO LA QUOTA DI COSTO CORRISPONDENTE AL PERIODO DI TEMPO DI COMPETENZA DEL FUTURO ESERCIZIO, IL VALORE DEL MIO COSTO SUBIRA UNA RETTIFICA. LA RETTIFICA AGISCE COME NEL CASO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO, SOLTANTO CHE IN QUESTO CASO SI TRATTA DI UNA RETTIFICA DIRETTA DEL CONTO INTERESSATO ATTRAVERSO L UTILIZZO DI UN CONTO CHE CHIAMO RISCONTO ATTIVO

5 RIMANENZE ATTIVE CONTABILI FATTORI PRODUTTIVI DISPONIBILI PER GESTIONE FUTURA COSTI SOTTRATTI COMPETENZA ECONOMICA PRESENTE ESERCIZIO ELEMENTI ATTIVI CAPITALE FUNZION. RETTIFICHE DI COSTO DETERM. REDDITO EQUAZIONE IMPIEGHI/FONTI EQUAZIONE ECONOMICA STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO RILEVAZIONE CONTABILE 31/12 RISCONTI ATTIVI A FITTI PASSIVI S.P C.E. SALDO 200

6 RICAVI SOSPESI = RIMANENZE PASSIVE CONTABILI Cosi come ci sono fattori produttivi/servizi acquistati ma non completamente utilizzati nel corso di un esercizio, ci possono essere servizi/utilita riscossi in via anticipata per i quali al termine dell esercizio sussiste ancora l impegno di fornirli. LE RIMANENZE PASSIVE SONO SOLO CONTABILI E RIGUARDANO RICAVI CHE HANNO AVUTO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA MA CHE IN PARTE SONO DI COMPETENZA ECONOMICA DELL ESERCIZIO SUCCESSIVO, AL QUALE VANNO RINVIATI. In data 1/9 e stato riscosso il canone semestrale anticipato pari a 600 relativo ad un locale. 1/9 BANCA C/C A FITTI ATTIVI ALLA FINE DELL ESERCIZIO, IN SEDE DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO ABBANDONIAMO LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA PER ADOTTARE IL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA. PERTANTO RICONOSCIAMO CHE IL VALORE ACCOLTO NEL CONTO FITTI ATTIVI NON E TUTTO DI COMPETENZA ECONOMICA DELL ESERCIZIO IN CHIUSURA, PERCHE UNA QUOTA RIGUARDA L AFFITTO CHE DEVE ANCORA MATURARE, IN QUANTO IL SERVIZIO DA ME CEDUTO DEVE ESSERE GODUTO DAL CLIENTE NEL PROSSIMO ESERCIZIO 4 mesi 2 mesi 1/9 1/3 31/12 LA QUOTA DA RINVIARE AL FUTURO ESERCIZIO, IN QUANTO ANCORA NON MATURATA ECONOMICAMENTE, E PARI A 400 EURO E VIENE ACCOLTA IN UN CONTO CHIAMATO RISCONTI PASSIVI.

7 RIMANENZE PASSIVE CONTABILI RICAVI SOTTRATTI COMPETENZA ECONOMICA PRESENTE ESERCIZIO SERVIZI DA CORRISP. FUTURO ESERCIZIO RETTIFICHE DI RICAVI DETERM. REDDITO ELEMENTI PASSIVI CAPITALE FUNZIONAM. EQUAZIONE ECONOMICA EQUAZION IMPIEGHI/FONTI CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE RILEVAZIONE CONTABILE 31/12 FITTI ATTIVI A RISCONTI PASSIVI C.E. SALDO 200 S.P. FONTI

8 RISCONTI ATTIVI QUOTE DI COSTI A MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA, MA CON COMPETENZA ECONOMICA ANCHE NELL ESERCIZIO FUTURO AL QUALE VANNO RINVIATI IN PROPORZIONE AL TEMPO CHE ANCORA DEVE DECORRERE QUOTE DI COSTI = CONTI ECONOMICI ACCESI ALLE RIMANENZE ESPRIMONO UN COLLEGAMENTO TRA UN ESERCIZIO E IL SUO SUCCESSIVO STATO PATRIMONIALE / IMPIEGHI RISCONTI PASSIVI QUOTE DI RICAVI A MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA, MA CON COMPETENZA ECONOMICA ANCHE NELL ESERCIZIO FUTURO AL QUALE VANNO RINVIATI IN PROPORZIONE AL TEMPO CHE ANCORA DEVE DECORRERE QUOTE DI RICAVI = CONTI ECONOMICI ACCESI ALLE RIMAN. CONT. ESPRIMONO UN COLLEGAMENTO TRA UN ESERCIZIO E IL SUO SUCCESSIVO STATO PATRIMONIALE / FONTI

9 2. RINVIO AL FUTURO DI COSTI CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA, MA DI COMPETENZA ECONOMICA DI PIU ESERCIZI ESEMPIO: COSTI PLURIENNALI DURANTE L ESERCIZIO SONO RILEVATI ATTRAVERSO LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA I COSTI PLURIENNALI, OVVERO I COSTI SOSTENUTI PER I FATTORI PRODUTTIVI DUREVOLI... A FORNITORI IMPIANTI IVA A CREDITO AL TERMINE DELL ESERCIZIO IN SEDE DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO SI ABBANDONA IL PRINCIPIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA E SI ADOTTA IL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA. L AMMORTAMENTO E LA PROCEDURA TECNICO-CONTABILE CON LA QUALE SI PROCEDE ALLA RIPARTIZIONE DI UN COSTO PLURIENNALE SU PIU ESERCIZI CONTABILI. ALLA FINE DELL ANNO SI DETERMINA LA QUOTA DI AMMORTAMENTO (fxp ) CHE RAPPRESENTA LA QUOTA DEL COSTO PLURIENNALE CHE PARTECIPA ALLA FORMAZIONE DEL REDDITO DI QUELL ESERCIZIO = VALORE DEL FATTORE PRODUTTIVO CONSUMATO/UTILIZZATO NELL ESERCIZIO. CONTESTUALMENTE SI RIDUCE IL VALORE DEL FATTORE PRODUTTIVO, CON UNA PROCEDURA INDIRETTA: 31/12 AMMORTAMENTO FONDO AMMORT IMPIANTI IMPIANTI C.E. S.P. IL FONDO AMMORTAMENTO ACCOGLIE LE QUOTE DI AMMORTAMENTO CALCOLATE OGNI ESERCIZIO, COME RETTIFICA DEL VALORE CONTABILE DELL IMPIANTO.

10 FONDO AMMORTAMENTO = POSTA RETTIFICATIVA DEL COSTO PLURIENNALE IMPIANTO FONDO AMMORT IL VALORE NETTO CONTABILE DELL IMPIANTO = 9.000

11 SCRITTURE DI INTEGRAZIONE IL FUTURO AL PRESENTE SI TRATTA DI RILEVARE COSTI E RICAVI CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NEL FUTURO O FUTURI ESERCIZI, MA CHE SONO IN TUTTO O IN PARTE DI COMPETENZA ECONOMICA DELL ESERCIZIO CHE SI STA CONCLUDENDO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA POSTICIPATA COSTI E RICAVI NON RILEVATI CONTABILMENTE COMPETENZA ECONOMICA DELL ESERCIZIO PRESENTE O DEGLI ESERCIZI SUCCESSIVI VALORI FINANZIARI PRESUNTI RATEI ATTIVI E PASSIVI FONDI SPESE FUTURE FONDI RISCHI

12 All interno della categoria delle scritture di integrazione esistono 4 casi di imputazione di costi e ricavi presunti, che si differenziano in base al grado di incertezza alla base della presunzione. 1. COSTI E RICAVI PRESUNTI, CERTI NELL AMMONTARE E NEL VERIFICARSI, INTERAMENTE DI COMPETENZA DELL ESERCIZIO PRESENTE E CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NELL ESERCIZIO FUTURO Esempio: Premi da liquidare ai clienti M.F. 31/12 2. COSTI E RICAVI PRESUNTI, CERTI NELL AMMONTARE E NEL VERIFICARSI, DI COMPETENZA ECONOMICA DI DUE ESERCIZI E CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NEL SECONDO ESERCIZIO 31/12 M.F. ESEMPIO: RATEI ATTIVI, RATEI PASSIVI 3. COSTI PRESUNTI, INCERTI NELL AMMONTARE MA CERTI NEL VERIFICARSI, CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NEL FUTURO O NEI FUTURI ESERCIZI. ESEMPIO: FONDI SPESE FUTURE 4. COSTI PRESUNTI, INCERTI NELL AMMONTARE E NEL VERIFICARSI, CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NELL ESERCIZIO FUTURO O NEGLI ESERCIZI FUTURI ESEMPIO: FONDI RISCHI

13 1. COSTI E RICAVI PRESUNTI, CERTI NELL AMMONTARE E NEL VERIFICARSI, INTERAMENTE DI COMPETENZA DELL ESERCIZIO PRESENTE E CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NELL ESERCIZIO FUTURO Esempio: Premi da liquidare ai clienti M.F. 31/12 In relazione agli acquisti e alle vendite, si possono prevedere particolari premi in rapporto al volume annuo di negoziazioni compiute: pertanto ai fini della determinazione del reddito si dovranno rilevare i premi da ricevere dai fornitori, o da liquidare ai clienti intermante di competenza dell esercizio in chiusura, ma con manifestazione finanziaria assimilata nel prossimo esercizio 31/12 REDITI DA LIQUIDARE A PREMI SU ACQUISTI Per premi su acquisti 31/12 PREMI SU VENDITE A DEBITI DA LIQUIDARE CREDITI DA LIQUIDARE, DEBITI DA LIQUIDARE SONO CONTI FINANZIARI PRESUNTI In modo analogo si rilevano le provvigioni da liquidare ad agenti e rappresentanti: 31/12 PROVVIGIONI PASSIVE A DEBITI DA LIQUIDARE Per provvigioni maturare a favore di agenti

14 2. COSTI E RICAVI PRESUNTI, CERTI NELL AMMONTARE E NEL VERIFICARSI, DI COMPETENZA ECONOMICA DI DUE ESERCIZI E CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NEL SECONDO ESERCIZIO 31/12 M.F. ESEMPIO: In data 1/11 l azienda Pallino ha preso in affitto un locale stipulando un contratto di affitto che prevede un canone semestrale di 600 euro, da pagarsi in via posticipata. Durante l esercizio le scritture si compongono a partire dal principio di manifestazione finanziaria; nel caso presentato in data 1/11 non ci sarà alcuna rilevazione in quanto non c è manifestazione finanziaria. Al 31/12 si deve calcolare il reddito di competenza dell esercizio: ciò significa valutare se i costi e i ricavi che rilevati mediante le scritture di esercizio siano tutti costi e ricavi di competenza (costo di competenza = consumo di fattori produttivi; ricavo di competenza = reintegro del valore consumato ). Nel nostro caso vi è un costo che avrà la sua manifestazione finanziaria nel futuro esercizio (cioè in data 1/5), ma per una parte, cioè per la parte di affitto maturato dall 1/11 al 31/12 si deve rilevare il costo di competenza dell esercizio in chiusura Fitto passivo = 600/6 = 100 x 2 mesi = 200 da rilevare con le scritture di assest. 1/11 NESSUNA RILEVAZIONE PERCHE NON C E MANIF. FINANZ. 31/12 FITTI PASSIVI A?

15 Per imputare la parte di costo di competenza dell esercizio in chiusura, occorre rilevare anche una parte o quota della manifestazione finanziaria che si verificherà nel futuro esercizio, perché la rilevazione di un componente economico richiede sempre una variazione finanziaria. In tal modo si rileva un componente di reddito attraverso un valore finanziario presunto accolto in un conto chiamato RATEO ATTIVO se rileva un ricavo, RATEO PASSIVO se rileva un costo: 31/12 FITTI PASSIVI A RATEI PASSIVI CONTO ECONOMICO CONTO FINANZIARIO PRES. C.E. S.P. RATEO ATTIVO = QUOTA DI ENTRATA FUTURA CHE MISURA UN RICAVO GIA MATURATO, MA ANCORA DA LIQUIDARE (MANIFESTAZIONE FINANZIARIA POSTICIPATA) E DETERMINARE IN BASE AL TEMPO GIA TRASCORSO RATEO PASSIVO = QUOTA DI USCITA FUTURA, RELATIVA AD UN COSTO GIA MATURATO, MA ANCORA DA LIQUIDARE E DETERMINARE IN PROPORZIONE AL TEMPO GIA TRASCORSO.

16 3. COSTI PRESUNTI, INCERTI NELL AMMONTARE MA CERTI NEL VERIFICARSI, CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NEL FUTURO O NEI FUTURI ESERCIZI. FONDI SPESE FUTURE Vi sono componenti negativi di reddito la cui determinazione presenta caratteri di incertezza nell importo in quanto sono calcolati in base a previsioni più o meno attendibili, mentre vi è certezza sul fatto che si verificheranno NELLA DETERMINAZIONE DEL REDDITO SI INTRODUCONO ELEMENTI DI INCERTEZZA. In questo caso, i componenti di reddito che si rilevano sono misurati attraverso variazioni finanziarie presunte accolte In CONTI FINANZIARI PRESUNTI = FONDO SPESE FUTURE ESEMPIO: Manutenzioni cicliche. Esistono beni che richiedono delle manutenzioni periodiche, il cui costo non può gravare solo sull esercizio in cui si avrà la manifestazioni finanziarie, ma va imputato negli esercizi a cui la manutenzione di riferisce. Si ipotizza che l impianto produttivo necessiti di manutenzioni triennali stimate in euro; alla fine di ogni esercizio si imputa la quota che si ritiene di competenza dell esercizio: 31/12 ACC.TO A FONDO A FONDO MANUT MANUT. CICLICHE CICLICHE CONTO ECONOMICO CONTO FINANZ. PRESUNTO C.E S.P.

17 4. COSTI PRESUNTI, INCERTI NELL AMMONTARE E NEL VERIFICARSI, CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NELL ESERCIZIO FUTURO O NEGLI ESERCIZI FUTURI FONDI RISCHI In questo caso l incertezza è ancora più evidente che nel caso precedente, in quanto si tratta di costi che vengono contabilizzati sulla base di rilevazioni statistiche attinenti agli andamenti passati di determinati fenomeni. Questi componenti negativi di reddito sono imputati all esercizio in base al principio di prudenza, in quanto si ritiene che nell esercizio abbiano la loro causa generatrice. ESEMPIO: Perdite su crediti I crediti sorti nel corso dell esercizio hanno misurato ricavi nei conti Merci c/vendite, Imballaggi c/vendite che partecipano per il loro importo totale alla formazione del reddito. Se si prevede che nel futuro o nei futuri esercizi una parte di tali crediti risulti inesigibile, nel rispetto del criterio della competenza economica è necessario rilevare subito questa perdita, anche se solo presunta, in quanto, qualora si verificasse realmente, la sua causa generatrice è da ricercarsi nell esercizio nel quale è stata compiuta la vendita che ha dato luogo al credito poi non riscosso. In questo caso il Fondo rischi è un Fondo Svalutazione Crediti Al 31/12 i crediti commerciali ammontano a euro; in sede di determinazione del reddito si stima una svalutazione del 4%. 31/12 SVALUTAZIONE CREDITI A F.DO SVALUT. CREDITI CONTO ECONOMICO CONTO FINANZ. PRESUNTO C.E. S.P.

SCRITTURE DI INTEGRAZIONE IL FUTURO AL PRESENTE

SCRITTURE DI INTEGRAZIONE IL FUTURO AL PRESENTE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE IL FUTURO AL PRESENTE SI TRATTA DI RILEVARE COSTI E RICAVI CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA NEL FUTURO O FUTURI ESERCIZI, MA CHE SONO IN TUTTO O IN PARTE DI COMPETENZA ECONOMICA

Dettagli

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE D ESERCIZIO, MEDIANTE LE QUALI SI RILEVANO I FATTI DI GESTIONE COMPIUTI NEL CORSO DI UN PERIODO AMMINISTRATIVO, SONO CARATTERIZZATE DAL PRINCIPIO DELLA MANIFESTAZIONE

Dettagli

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ESERCIZIO, OSSIA LE SCRITTURE MEDIANTE LE QUALI SI RILEVANO I FATTI DI GESTIONE COMPIUTI NEL CORSO DI UN PERIODO AMMINISTRATIVO, SONO COMPOSTE A PARTIRE DAL PRINCIPIO

Dettagli

LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO

LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO OBIETTIVI DELLA LEZIONE Successione scritture contabili Scritture di assestamento Scritture di integrazione 2 SUCCESSIONE SCRITTURE CONTABILI Scritture di COSTITUZIONE Scritture

Dettagli

LE SCRITTURE DI STORNO: RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE SCRITTURE DI STORNO: RIMANENZE DI MAGAZZINO RIMANENZE DI MAGAZZINO RIMANENZE MAGAZZINO FATTORI PRODUTTIVI A VELOCE CICLO DI UTILIZZO O COMBINAZIONE DI FATTORI PRODUTTIVI CHE, NON ESSENDO STATI UTILIZZATI NEI PROCESSI PRODUTTIVI SONO DISPONIBILI

Dettagli

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO, CHIUSURA E RIAPERTURA

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO, CHIUSURA E RIAPERTURA SCRITTURE DI ASSESTAMENTO, CHIUSURA E RIAPERTURA o Scritture di integrazione o Scritture di rettifica o di storno o Epilogo al conto del risultato economico e determinazione del reddito o Chiusura generale

Dettagli

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SI TRATTA DI RINVIARE AL FUTURO O AI FUTURI ESERCIZI COSTI E RICAVI CHE HANNO GIA AVUTO NEL PRESENTE O NEI PASSATI ESERCIZI LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA, MA

Dettagli

SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA

SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA Reddito d esercizio = Ricavi - Costi Le scritture di esercizio contabili rilevano fenomeni con manifestazione numeraria nel periodo amministrativo: costi/ricavi

Dettagli

SCRITTURE DI CHIUSURA DELLA CONTABILITA GENERALE

SCRITTURE DI CHIUSURA DELLA CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI CHIUSURA DELLA CONTABILITA GENERALE Sono redatte a fine periodo (31/12/n) e si pongono l obiettivo di determinare il reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento. Si tratta delle:

Dettagli

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SI TRATTA DI RINVIARE AL FUTURO O AI FUTURI ESERCIZI COSTI E RICAVI CHE HANNO GIA AVUTO NEL PRESENTE O NEI PASSATI ESERCIZI LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA, MA

Dettagli

RISCONTI: APPLICAZIONI IN CONTABILITÀ

RISCONTI: APPLICAZIONI IN CONTABILITÀ RATEI E RISCONTI PROF. GIANLUCA GINESTI Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 RISCONTI: APPLICAZIONI IN

Dettagli

RILEVAZIONE CONTABILE DELLE SCRITTURE DI STORNO N D A COSTO SOSPESO a STORNO DI COSTO VE - VE +

RILEVAZIONE CONTABILE DELLE SCRITTURE DI STORNO N D A COSTO SOSPESO a STORNO DI COSTO VE - VE + RILEVAZIONE CONTABILE DELLE SCRITTURE DI STORNO 31.12.200N D A COSTO SOSPESO a STORNO DI COSTO VE - VE + 31.12.200N D A STORNO DI RICAVO a RICAVO SOSPESO VE - VE + 1 RISCONTI ATTIVI Esercizio: 01/10/200N

Dettagli

Corso di Contabilità e Bilancio

Corso di Contabilità e Bilancio 1 Corso di Contabilità e Bilancio Appendice Le Operazioni di Chiusura 2 LE OPERAZIONI DI CHIUSURA Giunti alla fine dell esercizio occorre procedere a tutte quelle rettifiche ed integrazioni della contabilità

Dettagli

Il principio della competenza economica. L assestamento dei valori

Il principio della competenza economica. L assestamento dei valori Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali Dumas Il principio della competenza economica. L assestamento dei valori Dott. Federico Rotondo frotondo@uniss.it Economia aziendale: lezione n. 21 A fine

Dettagli

RATEI E RISCONTI SOMMARIO 14/09/2016. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi

RATEI E RISCONTI SOMMARIO 14/09/2016. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi RATEI E RISCONTI A.A. 2016/2017 1 SOMMARIO Considerazioni generali Ratei Risconti Esempi A.A. 2016/2017 2 1 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI

Dettagli

A. RETTIFICHE RELATIVE AI COSTI DI ACQUISTO

A. RETTIFICHE RELATIVE AI COSTI DI ACQUISTO A. RETTIFICHE RELATIVE AI COSTI DI ACQUISTO 1. FATTURE DA RICEVERE 2. PARTITE (PASSIVE) VARIE DA LIQUIDARE 3. RIMANENZE DI MAGAZZINO 4. RATEI PASSIVI 5. RISCONTI ATTIVI 6. COSTI ANTICIPATI 7. COSTI CAPITALIZZATI

Dettagli

Esercizio sulla contabilità: rettifiche finali. Fasi di rilevazione

Esercizio sulla contabilità: rettifiche finali. Fasi di rilevazione Fasi di rilevazione 1 Stato patrimoniale iniziale 2 Operazioni di gestione durante l esercizio 3 Primo bilancio di verifica ante rettifiche 4 Rettifiche di fine esercizio 5 Secondo bilancio di verifica

Dettagli

L assestamento dei conti

L assestamento dei conti L assestamento dei conti Percorso di recupero di economia aziendale per le classi quinte ITE e IPSC di Giuliana Airaghi Masina Nel corso dell esercizio le operazioni di gestione sono rilevate in coincidenza

Dettagli

RATEI E RISCONTI 19/11/2014 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi. Schema di sintesi

RATEI E RISCONTI 19/11/2014 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi. Schema di sintesi RATEI E RISCONTI 1 SOMMARIO Considerazioni generali Ratei Risconti Esempi 2 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B)

Dettagli

I COSTI DELL ESERCIZIO. Economia aziendale e contabilità

I COSTI DELL ESERCIZIO. Economia aziendale e contabilità I COSTI DELL ESERCIZIO Il Conto Economico Nome del bene a lento ciclo di utilizzo preceduto da quota di ammortamento Nome del bene a veloce ciclo di utilizzo aggettivato c/acquisti Nome del servizio, eventiualmente

Dettagli

10/09/2014 RATEI E RISCONTI. Ragioneria A.A. 2014/2015 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi

10/09/2014 RATEI E RISCONTI. Ragioneria A.A. 2014/2015 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi RATEI E RISCONTI 1 SOMMARIO Considerazioni generali Ratei Risconti Esempi 2 1 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO

Dettagli

Manuale di sopravvivenza in caso di: Scritture di assestamento. Tecnica ed economia aziendale

Manuale di sopravvivenza in caso di: Scritture di assestamento. Tecnica ed economia aziendale Manuale di sopravvivenza in caso di: Scritture di assestamento Tecnica ed economia aziendale Anno Formativo 2010 / 2011 CASO 1: Stralci di crediti insoluti 1) Di solito i crediti insoluti (o verso clienti)

Dettagli

Operazioni di assestamento. Prof. Luigi Trojano

Operazioni di assestamento. Prof. Luigi Trojano Operazioni di assestamento 1 Le operazioni di fine esercizio La correlazione ricavi-costi (competenza economica) si realizza mediante le scritture di assestamento: scritture di storno: costi/ricavi che

Dettagli

29/12/2015. Corso di economia aziendale A.A. 2015/2016 CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE

29/12/2015. Corso di economia aziendale A.A. 2015/2016 CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE Corso di economia aziendale A.A. 2015/2016 CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE CONTO SALDO DARE AVERE Dall estratto conto bancario del Banco di Sardegna risultano maturati

Dettagli

Vendita di prodotti finiti al cliente Bianchi per , IVA 20%, regolamento in contanti;

Vendita di prodotti finiti al cliente Bianchi per , IVA 20%, regolamento in contanti; OPERAZIONE 1 Vendita di prodotti finiti al cliente Bianchi per. 30.000, IVA 20%, regolamento in contanti; FATTO AMMINISTRATIVO D'ESERCIZIO ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA CERTA POSITIVA COSTITUITA

Dettagli

Le rettifiche di storno

Le rettifiche di storno Corso di Laurea Triennale in: Scienze Turistiche Corso di: Economia Aziendale www.fargroup.eu Ratei e risconti Fatturazione da emettere e da ricevere Le rettifiche di storno Stornano costi e ricavi che

Dettagli

Le scritture di chiusura dei conti

Le scritture di chiusura dei conti Albez edutainment production Le scritture di chiusura dei conti III classe ITC 1 La fase di chiusura dei conti Durante l esercizio la contabilizzazione delle operazioni di gestione aziendale si ha nel

Dettagli

Lezione N.6. Argomenti della lezione. Giacomo Manetti 1. PROCESSO DI ASSESTAMENTO: concetti introduttivi e rimanenze di magazzino

Lezione N.6. Argomenti della lezione. Giacomo Manetti 1. PROCESSO DI ASSESTAMENTO: concetti introduttivi e rimanenze di magazzino Lezione N.6 PROCESSO DI ASSESTAMENTO: concetti introduttivi e rimanenze di magazzino Argomenti della lezione La situazione dei conti al Il processo di assestamento rettifiche di storno rettifiche di imputazione

Dettagli

Le operazioni di fine periodo per rilevare costi e ricavi di competenza

Le operazioni di fine periodo per rilevare costi e ricavi di competenza Le operazioni di fine periodo per rilevare costi e ricavi di competenza Spese del periodo che diventeranno costi di competenza in periodi futuri (costi anticipati e risconti attivi) Incassi che diverranno

Dettagli

IL MODELLO DI CO.GE. Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Dipartimento di Studi sull Impresa

IL MODELLO DI CO.GE. Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Dipartimento di Studi sull Impresa IL MODELLO DI CO.GE. MODELLO CO.GE. Scritture di apertura si compongono all inizio di ogni periodo amministrativo ed hanno lo scopo di iscrivere nei relativi conti i valori dei processi produttivi in corso

Dettagli

LE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE

LE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE LE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE RATEI PASSIVI Il canone di affitto annuale relativo all uso di un capannone viene pagato posticipatamente ogni 31/10. Il canone ammonta a 12.000 euro l anno. COSTO= 12.000

Dettagli

Lezione n. 2 - Le scritture di integrazione

Lezione n. 2 - Le scritture di integrazione Lezione n. 2 - Le scritture di integrazione Dopo avere analizzato le scritture di completamento, concentriamo ora la nostra attenzione su quelle di integrazione. Le scritture di integrazione rilevano costi

Dettagli

1.14 calcolo di ratei ( )

1.14 calcolo di ratei ( ) Situazione economica dell esercizio 20.. Perdite su crediti 5 200, 00 Interessi attivi su mutui 3 000, 00 Svalutazione crediti 5 850, 00 Interessi passivi su mutui 450, 00 Oneri fiscali diversi 730, 00

Dettagli

Lezione n. 3. ancora sulle scritture di integrazione.

Lezione n. 3. ancora sulle scritture di integrazione. Lezione n. 3 ancora sulle scritture di integrazione. Fondi oneri futuri I fondi oneri futuri sono valori finanziari presunti che misurano componenti negativi di reddito considerati di competenza dell esercizio,

Dettagli

2. La prassi contabile: a. sostituisce la norma civile; b. integra la norma civile; c. in Italia è rappresentata dall O.I.C..

2. La prassi contabile: a. sostituisce la norma civile; b. integra la norma civile; c. in Italia è rappresentata dall O.I.C.. F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE QUESITI DI AUTOVALUTAZIONE CAPITOLO XIV 1. Lo Stato Patrimoniale finale accoglie: a. investimenti e finanziamenti; b. costi e ricavi; c. informazioni utili sul mercato in cui

Dettagli

I ratei.. Lezione N.8. ..i ratei passivi.. ..un esempio di rateo passivo.. RETTIFICHE DI IMPUTAZIONE. 1/8-31/12/n 5 mesi 10 euro

I ratei.. Lezione N.8. ..i ratei passivi.. ..un esempio di rateo passivo.. RETTIFICHE DI IMPUTAZIONE. 1/8-31/12/n 5 mesi 10 euro Lezione N.8 RETTIFICHE DI IMPUTAZIONE i ratei attivi e passivi fondi spese e fondi rischi utilizzo dei fondi le imposte sul reddito I ratei.. poste contabili che misurano quote di costo e di ricavo che

Dettagli

Applicazione n. 1 Scritture di assestamento, di epilogo, di determinazione del risultato economico, di chiusura e di riapertura

Applicazione n. 1 Scritture di assestamento, di epilogo, di determinazione del risultato economico, di chiusura e di riapertura Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici Insegnamento di Ragioneria Applicata (a.a. 2015-2016) Corso di Laurea in Economia e Commercio Applicazione

Dettagli

DARE AVERE 31.12... DENARO IN CASSA

DARE AVERE 31.12... DENARO IN CASSA RIAPERTURA DEI CONTI Siamo al primo gennaio, inizio del nuovo esercizio. Tutti i conti sono chiusi. Se guardiamo al passato notiamo che: - i conti accesi ai costi e ricavi dell esercizio precedente hanno

Dettagli

Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici Corso di Laurea in Economia e Commercio

Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici Corso di Laurea in Economia e Commercio Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici Corso di Laurea in Economia e Commercio Insegnamento di Ragioneria Applicata (a.a. 2016-2017) Applicazione

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI CONTI

LA RIAPERTURA DEI CONTI LA RIAPERTURA DEI CONTI 1 SOMMARIO La riapertura dei conti fasi La riapertura generale dei conti L epilogo delle rimanenze iniziali di magazzino L epilogo dei risconti attivi e passivi La chiusura dei

Dettagli

Le scritture di chiusura dei conti

Le scritture di chiusura dei conti Albez edutainment production Le scritture di chiusura dei conti III classe ITC 1 La fase di chiusura dei conti Durante l esercizio la contabilizzazione delle operazioni di gestione aziendale si ha nel

Dettagli

Lezione N.7. RETTIFICHE DI STORNO: ammortamenti risconti costruzioni in economia. L ammortamento è. I tre momenti del processo

Lezione N.7. RETTIFICHE DI STORNO: ammortamenti risconti costruzioni in economia. L ammortamento è. I tre momenti del processo L ammortamento è Lezione N.7 RETTIFICHE DI STORNO: ammortamenti risconti costruzioni in economia il Processo Tecnico Contabile attraverso il quale il costo di un fattore produttivo ad utilità pluriennale

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità F

TELEPASS+ 3 - Unità F TELEPASS+ 3 - Unità F Chiusura e riapertura dei conti. Bilancio d esercizio Scritture d esercizio Rilevano i fatti di gestione che danno luogo a scambi monetari tra impresa e terzi SITUAZIONE CONTABILE

Dettagli

INTRODUZIONE FATTORI DUREVOLI. Il loro utilizzo dura nel tempo DUREVOLI CONCETTUALIZZAZIONE. Utilità ripetuta nel tempo in più cicli produttivi

INTRODUZIONE FATTORI DUREVOLI. Il loro utilizzo dura nel tempo DUREVOLI CONCETTUALIZZAZIONE. Utilità ripetuta nel tempo in più cicli produttivi INTRODUZIONE FATTORI DUREVOLI I fattori produttivi durevoli o a lento ciclo di utilizzo sono quei fattori che hanno utilità prolungata e che vengono utilizzati in più cicli produttivi. Esempi sono costituiti

Dettagli

Esercitazioni di contabilità

Esercitazioni di contabilità Esercitazioni di contabilità esercitazione n. 2.5 23-05-2016 capitoli 6 e 7 Dott. Francesco Badia Facoltà di Economia Corso di Economia Aziendale A.A. 2015-16 1 La determinazione del consumo delle materie

Dettagli

IL CONCETTO DI COMPETENZA ECONOMICA ( approfondimento )

IL CONCETTO DI COMPETENZA ECONOMICA ( approfondimento ) IL CONCETTO DI COMPETENZA ECONOMICA ( approfondimento ) Innanzi tutto, va sottolineato che in materia di costi e di ricavi d impresa bisogna distinguere tra manifestazione e competenza. Sia pure con qualche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Economia Dipartimento di Studi sull Impresa I Ratei e i Risconti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Economia Dipartimento di Studi sull Impresa  I Ratei e i Risconti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Economia Dipartimento di Studi sull Impresa www.economia.uniroma2.it I Ratei e i Risconti 1. I Ratei e i Riscon. Scritture di chiusura Scritture di

Dettagli

Lezione n. 19. Economia Aziendale. Risconti, ratei, fatture da emettere e da. ricevere. FARGroup

Lezione n. 19. Economia Aziendale. Risconti, ratei, fatture da emettere e da. ricevere. FARGroup Lezione n. 19 Economia Aziendale Risconti, ratei, fatture da emettere e da ricevere Costi e ricavi di competenza COSTI DI ESERCIZIO RICAVI DI ESERCIZIO 1. valore delle sole risorse consumate per produrre

Dettagli

VALORI FINANZIARI. certi. presunti VALORI ECONOMICI. Costi di acquisto fattori produttivi. Ricavi di vendita beni e servizi allestiti.

VALORI FINANZIARI. certi. presunti VALORI ECONOMICI. Costi di acquisto fattori produttivi. Ricavi di vendita beni e servizi allestiti. VALORI FINANZIARI Valori numerari certi assimilati presunti Crediti e debiti di finanziamento VALORI ECONOMICI Costi di acquisto fattori produttivi Ricavi di vendita beni e servizi allestiti Capitale proprio

Dettagli

DEBITI SOMMARIO 14/09/2016

DEBITI SOMMARIO 14/09/2016 DEBITI 1 SOMMARIO Stato patrimoniale Passivo D) Debiti Criteri di iscrizione Partite da liquidare Fatture da ricevere Stato patrimoniale Passivo D.12) Debiti tributari 2 1 STATO PATRIMONIALE PASSIVO D)

Dettagli

Le scritture di integrazione e rettifica

Le scritture di integrazione e rettifica Le scritture di integrazione e rettifica.. CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI. ATTIVITÀ PASSIVITÀ APPLICAZIONE PRINCIPIO DI COMPETENZA ECONOMICA Ratei e risconti attivi Ratei e risconti passivi Le scritture

Dettagli

Prof. Salvatore Loprevite Messina

Prof. Salvatore Loprevite Messina LE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE E ASSESTAMENTO I ratei e risconti attivi e passivi. Le fatture da emettere e da ricevere. Gli interessi sui conti correnti. La rilevazione delle rimanenze di magazzino. Prof.

Dettagli

LE OPERAZIONI DI ASSESTAMENTO: 2 LE SCRITTURE DI RETTIFICA

LE OPERAZIONI DI ASSESTAMENTO: 2 LE SCRITTURE DI RETTIFICA LE OPERAZIONI DI ASSESTAMENTO: 2 LE SCRITTURE DI RETTIFICA 1 Le scritture di rettifica Definizione: sono scritture di assestamento che comportano la rettifica di componenti di reddito già rilevati dall

Dettagli

Chiusura e riapertura dei conti

Chiusura e riapertura dei conti F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI Chiusura e riapertura dei conti Lo svolgimento dell esercizio richiede le seguenti conoscenze: vita utile; ammortamento a quote costanti; valore residuo del bene;

Dettagli

Le rettifiche di storno

Le rettifiche di storno ARgroup 2010 ARgroup 2010 ARgroup 2010 www.fargroup.eu Corso di Laurea Triennale in: Economia Aziendale Corso di: Economia Aziendale (A-L) Costi per servizi capitalizzati e risconti atturazione da ricevere

Dettagli

Relazione di complementarità fra i valori contabili

Relazione di complementarità fra i valori contabili Relazione di complementarità fra i valori contabili Esercizio 1 Alla fine del primo esercizio di vita dell impresa Alfa il Conto economico a struttura logica della stessa presenta i valori di seguito indicati:

Dettagli

LEZIONE 12 IL BILANCIO DIESERCIZIO: FUNZIONAMENTO DEI CONTI. LE RIMANENZE E GLI AMMORTAMENTI

LEZIONE 12 IL BILANCIO DIESERCIZIO: FUNZIONAMENTO DEI CONTI. LE RIMANENZE E GLI AMMORTAMENTI LEZIONE 12 IL BILANCIO DIESERCIZIO: FUNZIONAMENTO DEI CONTI. LE RIMANENZE E GLI AMMORTAMENTI LA CONTABILITA AZIENDALE LA COSTITUZIONE LE SCRITTURE D ESERCIZIO LA CHIUSURA DEI CONTI: LE DETERMINAZIONE DEL

Dettagli

Le scritture di assestamento a chiusura dell esercizio

Le scritture di assestamento a chiusura dell esercizio Si dicono scritture di assestamento quelle che si compongono al termine dell'esercizio per trasformare i valori di conto in valori di bilancio, cioè in valori idonei a rappresentare il reddito d'esercizio

Dettagli

Fisco & Contabilità La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Fisco & Contabilità La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fisco & Contabilità La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 45 09.12.2015 1 Bilancio: le scritture di assestamento Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Chiusura

Dettagli

Contabilità e bilancio 14 L apertura dei conti

Contabilità e bilancio 14 L apertura dei conti Lezione-online Contabilità e bilancio 14 L apertura dei conti Dott. Riccardo Russo L APERTURA DEI CONTI LA RIAPERTURA DELLO STATO PATRIMONIALE La contabilità, all inizio del nuovo esercizio, riprende da

Dettagli

Situazione contabile finale, assestamenti e chiusura dei conti

Situazione contabile finale, assestamenti e chiusura dei conti 164 Scuola Duemila Esercitazioni per il 2007 Situazione operativa n. 3 Situazione contabile finale, assestamenti e chiusura dei conti Obiettivi Saper fare: redigere le scritture di assestamento ed effettuare

Dettagli

DEBITI 19/11/2014 SOMMARIO. Suddivisione della lettera D) Debiti. Criteri di iscrizione. Analisi Debiti v/fornitori. Analisi Debiti tributari

DEBITI 19/11/2014 SOMMARIO. Suddivisione della lettera D) Debiti. Criteri di iscrizione. Analisi Debiti v/fornitori. Analisi Debiti tributari DEBITI 1 SOMMARIO Suddivisione della lettera D) Debiti Criteri di iscrizione Analisi Debiti v/fornitori Analisi Debiti tributari 2 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER

Dettagli

OBIETTIVI DELLA LEZIONE. Situazione contabile e scritture di assestamento

OBIETTIVI DELLA LEZIONE. Situazione contabile e scritture di assestamento ESERCITAZIONE 1 OBIETTIVI DELLA LEZIONE Situazione contabile e scritture di assestamento 2 ASSESTAMENTO La società Reflex SpA presenta la seguente situazione contabile prima delle scritture di assestamento

Dettagli

La riapertura dei conti e l utilizzo dei fondi spese e dei fondi rischi

La riapertura dei conti e l utilizzo dei fondi spese e dei fondi rischi La riapertura dei conti e l utilizzo dei fondi spese e dei fondi rischi La riapertura dei conti e l utilizzo dei fondi spese e dei fondi rischi... 1 La riapertura dei conti e l utilizzo dei fondi spese

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti di Cosenza ESERCIZIO E LE SCRITTURE DI CHIUSURA

Unione Giovani Dottori Commercialisti di Cosenza ESERCIZIO E LE SCRITTURE DI CHIUSURA LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO LE SCRITTURE D ASSESTAMENTO LE SCRITTURE D ASSESTAMENTO E LE SCRITTURE DI CHIUSURA L ASSESTAMENTO DEI CONTI Le scritture di assestamento consentono di determinare contemporaneamente

Dettagli

Data Descrizione Dare Avere. 01/01 Apertura del conto , 00 31/12 Prelevamenti extragestione , 00 31/12 Ritenute subite 270, 00

Data Descrizione Dare Avere. 01/01 Apertura del conto , 00 31/12 Prelevamenti extragestione , 00 31/12 Ritenute subite 270, 00 2. LE SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA DEI CONTI 2.1 completamento di conti di mastro ( ) 90.01 Conto di risultato economico Data Descrizione Dare Avere 31/12 Totale componenti positivi 900 000, 00 31/12

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO. 1. Le scritture di rettifica 2. Le scritture di completamento o integrazione

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO. 1. Le scritture di rettifica 2. Le scritture di completamento o integrazione LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 1. Le scritture di rettifica 2. Le scritture di completamento o integrazione La chiusura dei conti 1 CONSISTE NELLA RILEVAZIONE CONTABILE DEI VALORI NON ANNOTATI DURANTE L'ESERCIZIO

Dettagli

ESERCIZIO 1 Vers Si ringrazia Rosalba che ha svolto questo esercizio in modo ordinato e preciso

ESERCIZIO 1 Vers Si ringrazia Rosalba che ha svolto questo esercizio in modo ordinato e preciso ESERCIZIO 1 Vers. 25 03 2009 1 Si ringrazia Rosalba che ha svolto questo esercizio in modo ordinato e preciso Il giorno 1/1/2002 l'azienda RICAMO azienda individuale presenta la seguente situazione contabile:

Dettagli

Contabilità e bilancio 2/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Soluzioni esercizi parte terza

Contabilità e bilancio 2/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Soluzioni esercizi parte terza Capitolo 16 Macchinari D 800,00 del lavoro A 800,00 Ammortamento impianti D 500,00 Fondo ammortamento impianti A 500,00 Il costo da ammortizzare è di 1000. Considerando una vita utile di 8 anni la quota

Dettagli

Reddito d impresa: risultato della gestione (operazioni aziendali) in cui confluiscono forze personali, mezzi ed organizzazione.

Reddito d impresa: risultato della gestione (operazioni aziendali) in cui confluiscono forze personali, mezzi ed organizzazione. Reddito d impresa: risultato della gestione (operazioni aziendali) in cui confluiscono forze personali, mezzi ed organizzazione. I processi tecnici e amministrativi (funzionamento) Acquisizione dei fattori

Dettagli

Scritture di assestamento con perdita d esercizio

Scritture di assestamento con perdita d esercizio Scritture di assestamento con perdita d esercizio di Teresa Tardia Esercitazione per la classe terza ITC e IPSC Al 31/12/n la ditta De Vito & F.lli s.n.c. presenta la seguente situazione contabile per

Dettagli

ADEMPIMENTI di CHIUSURA per la REDAZIONE del BILANCIO d ESERCIZIO

ADEMPIMENTI di CHIUSURA per la REDAZIONE del BILANCIO d ESERCIZIO Circolare informativa per la clientela n. 32/2010 del 18 novembre 2010 ADEMPIMENTI di CHIUSURA per la REDAZIONE del BILANCIO d ESERCIZIO In questa Circolare 1. Scritture di integrazione 2. Scritture di

Dettagli

Possono essere iscritte nelle voci "ratei e risconti" soltanto quote di costi e

Possono essere iscritte nelle voci ratei e risconti soltanto quote di costi e Le scritture di fine esercizio I ratei e i risconti (integrazione) (rettifica) 1 I ratei e i risconti Con l'iscrizione in bilancio di un rateo o di un risconto si vuole scindere un costo o un ricavo comune

Dettagli

Assestamento II F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI

Assestamento II F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI Assestamento II Lo svolgimento dell esercizio richiede le seguenti conoscenze: risconti attivi e passivi; fatture da ricevere; ratei passivi e attivi. Di seguito viene

Dettagli

UNITA DIDATTICA: IL BILANCIO D ESERCIZIO

UNITA DIDATTICA: IL BILANCIO D ESERCIZIO UNITA DIDATTICA: IL BILANCIO D ESERCIZIO PREREQUISITI: CONOSCENZA ASPETTO ECONOMICO E FINANZIARIO DELLE OPERAZIONI AZIENDALI CONOSCENZA FINALITA DELLE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONOSCENZA MODALITA DI CHIUSURA

Dettagli

AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI acquisto di una macchina del costo di 800, ammortizzata in 4 anni in quote costanti; all acquisto viene registrato il conto immobilizzazioni materiali in dare

Dettagli

Corso di studi in Economia e Commercio ESERCITAZIONE N 4 RAGIONERIA

Corso di studi in Economia e Commercio ESERCITAZIONE N 4 RAGIONERIA Corso di studi in Economia e Commercio ESERCITAZIONE N 4 RAGIONERIA 1. Ottenuta apertura di credito in c/c per 70.000 euro. Prelevate dal c/c bancario 1.600 euro per esigenze di cassa. La banca successivamente

Dettagli

CREDITI SOMMARIO 14/09/2016

CREDITI SOMMARIO 14/09/2016 CREDITI 1 SOMMARIO I crediti di natura commerciale Le partite da liquidare I crediti dubbi e in contenzioso i crediti tributari I crediti verso altri 2 1 I CREDITI COLLOCAZIONE NELLO STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Caso di manifestazione finanziaria posticipata rispetto alla competenza economica: i ratei.

Caso di manifestazione finanziaria posticipata rispetto alla competenza economica: i ratei. Caso di manifestazione finanziaria posticipata rispetto alla competenza economica: i ratei. Premessa: cosa sono i ratei. RATEO ATTIVO = CREDITO in corso di maturazione I ratei attivi sono quote di crediti

Dettagli

Esempi di operazioni rilevate alla fine del periodo

Esempi di operazioni rilevate alla fine del periodo nel mese di febbraio (n+1) arriva la bolletta dei consumi energetici relativi al mesi di dicembre/gennaio per complessivi 500 ( 250 per mese) 1/1 1/12 31/1 esercizio (n) al il costo relativo al mese di

Dettagli

LA CHIUSURA DEI CONTI

LA CHIUSURA DEI CONTI LA CHIUSURA DEI CONTI Allo scopo di determinare il risultato economico occorre computare tutti i componenti POSITIVI e NEGATIVI di reddito di competenza dell esercizio, riepilogandoli in un apposito conto

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE INDIVIDUALE

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE INDIVIDUALE QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE INDIVIDUALE 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi d impianto 01.06 Software 01.08 Avviamento 01.11 Fondo ammort. costi d impianto 01.16 Fondo ammort.

Dettagli

Corso di Tecnica e analisi dei bilanci Le scritture di assetamento

Corso di Tecnica e analisi dei bilanci Le scritture di assetamento Corso di Tecnica e analisi dei bilanci Le scritture di assetamento 1 Corso di Tecnica e analisi dei bilanci Le scritture di assetamento 2 Corso di Tecnica e analisi dei bilanci Le scritture di assestamento

Dettagli

OBIETTIVI DELLA LEZIONE. Dalla costituzione alle scritture di chiusura

OBIETTIVI DELLA LEZIONE. Dalla costituzione alle scritture di chiusura ESERCITAZIONE 2 OBIETTIVI DELLA LEZIONE Dalla costituzione alle scritture di chiusura 2 DI CHIUSURA In data 1/01 Marco Caviglia costituisce un impresa mercantile individuale apportando un fabbricato di

Dettagli

MISURAZIONE DEL REDDITO D IMPRESA

MISURAZIONE DEL REDDITO D IMPRESA MISURAZIONE DEL REDDITO D IMPRESA R T C F C I QUANTITA ECONOMICA Condizioni Stabilità valore moneta Assenza di operazioni dirette sul capitale Ricerca dei fattori determinanti Gestione Caratteristica Gestione

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio 1 con tale termine, si intende quel documento composto da CONTO ECONOMICO Espone i RICAVI ed i COSTI attribuiti, per competenza, ad un determinato periodo amministrativo STATO PATRIMONIALE Espone gli ELEMENTI

Dettagli

La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale

La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale Bologna, 29 aprile 2009 La contabilità economico-patrimoniale nelle Asp dell Emilia-Romagna: approfondimenti tecnico-contabili Moderatore:

Dettagli

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A A. A. 2 0 1 6-2017 D O T T. S S A L A U R A M U L A S Imposta sul reddito delle società (IRES) riferimenti

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 28 giugno 2011

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 28 giugno 2011 Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 28 giugno 2011 COGNOME: NOME: MATRICOLA: ooooooooo Al /2010, dopo le scritture di assestamento, la

Dettagli

Inventario iniziale, prospetti del redditor e del patrimonio

Inventario iniziale, prospetti del redditor e del patrimonio Esercitazioni svolte 2006 Scuola Duemila 43 Esercitazione n. 8 Inventario iniziale, prospetti del redditor e del patrimonio Obiettivi, conoscenze e competenze Sapere: le relazioni esistenti tra reddito

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 15 MAGGIO NUMERO 1 La situazione contabile della Prisma S.p.A. al 31 dicembre 2011 è la seguente: STATO PATRIMONIALE

ESERCITAZIONE DEL 15 MAGGIO NUMERO 1 La situazione contabile della Prisma S.p.A. al 31 dicembre 2011 è la seguente: STATO PATRIMONIALE ESERCITAZIONE DEL 15 MAGGIO 212 NUMERO 1 La situazione contabile della Prisma S.p.A. al 31 dicembre 211 è la seguente: Attività Cassa Banca Crediti v/ clienti Effetti attivi Impianti Fabbricati Partecipazioni

Dettagli

IL REDDITO D ESERCIZIO E IL PATRIMONIO DI FUNZIONAMENTO

IL REDDITO D ESERCIZIO E IL PATRIMONIO DI FUNZIONAMENTO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica IL REDDITO D ESERCIZIO E IL PATRIMONIO DI FUNZIONAMENTO di Marina GORIA MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe terza IT Indirizzo AFM-SIA-RIM; Classe terza IP Servizi

Dettagli

La chiusura e la riapertura dei conti

La chiusura e la riapertura dei conti ECONOMIA AZIENDALE (D-L) Esercizio n.8 La chiusura e la riapertura dei conti La soluzione TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO VE- Costo d'esercizio T.F.R. 3.500 VF- Debito di regolamento Fondo T.F.R. 3.500 T.F.R.

Dettagli

Le scritture di assestamento 2. Rettifica

Le scritture di assestamento 2. Rettifica Le scritture di assestamento 2 Rettifica 2. Le rimanenze 3. I risconti 4. I rischi 5. Le costruzioni in economia 6. La capitalizzazione di spese I conti accesi ai costi pluriennali vengono rettificati

Dettagli

Dal bilancio contabile al Bilancio d esercizio destinato a pubblicazione. Il caso TECNIC S.p.a.

Dal bilancio contabile al Bilancio d esercizio destinato a pubblicazione. Il caso TECNIC S.p.a. Dal bilancio contabile al Bilancio d esercizio destinato a pubblicazione Il caso TECNIC S.p.a. Bilancio d esercizio contabile o Situazione contabile (patrimoniale ed economica) finale della SpA Tecnic

Dettagli

Aspetto finanziario e aspetto economico della gestione

Aspetto finanziario e aspetto economico della gestione Aspetto finanziario e aspetto economico della gestione di Lidia Sorrentino Prova semistrutturata di economia aziendale per le classi 3ª IGEA e 2ª IPSC 1 Segna con una crocetta la risposta esatta (alcuni

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 1 SOMMARIO Stato patrimoniale Attivo B) Immobilizzazioni B) II. Immobilizzazioni materiali Criteri di valutazione B) II. Immobilizzazioni materiali Criteri di valutazione

Dettagli

Contabilità e bilancio 13 La chiusura dei conti

Contabilità e bilancio 13 La chiusura dei conti Lezione-online Contabilità e bilancio 13 La chiusura dei conti Dott. Riccardo Russo LA CHIUSURA DEI CONTI Conclusa la redazione di tutte le scritture di assestamento viste nella lezione precedente, si

Dettagli

Movimenti finanziari e competenza economica

Movimenti finanziari e competenza economica Movimenti finanziari e competenza economica Movimenti finanziari: Variazione debiti, crediti o liquidità Competenza economica: Realizzazione ricavi processo produttivo è stato completato lo scambio è già

Dettagli

La società Beta S.r.l. all'01/01/n, dopo le operazioni di riapertura dei conti, presenta le seguenti poste di bilancio:

La società Beta S.r.l. all'01/01/n, dopo le operazioni di riapertura dei conti, presenta le seguenti poste di bilancio: Esercitazione di contabilità generale Esercizio n. 1 La società Beta S.r.l. all'01/01/n, dopo le operazioni di riapertura dei conti, presenta le seguenti poste di bilancio: Impianti 160.000 Capitale Sociale

Dettagli