APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90."

Transcript

1 APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. Definire l efficienza non è compito semplice perché non esiste una sua definizione che, in poche parole, possa darci l idea del suo significato e questo vale a maggior ragione se si parla di efficienza della pubblica amministrazione. Se proviamo a cercare il termine efficienza nel vocabolario della lingua italiana troveremo scritto capacità di produrre un dato effetto, di raggiungere certi risultati. Se, poi, cerchiamo lo stesso termine in altri dizionari probabilmente la definizione può variare quanto alle parole utilizzate ma una, molto probabilmente, non mancherà: risultato. Pertanto, da tale definizione di efficienza, è certo che quest ultima si collega sia al risultato in sé che alla capacità di produrlo. Inoltre, la maggior parte di noi quando pensa all efficienza si riferisce subito ad un concetto esclusivamente economico, ad una nozione utilizzata nelle scienze economiche. Tuttavia è proprio questo limite che bisogna superare ed oggi, alla luce anche della legislazione emanata e pensando al processo di riforma della pubblica amministrazione, dobbiamo associare al principio di efficienza un significato ben più ampio. La parola efficienza è facilmente abbinabile anche ad altri termini: possiamo dunque parlare di efficienza amministrativa, di efficienza organizzativa, di efficienza informatica e di efficienza della comunicazione o meglio di 1

2 comunicazione efficiente. E interessante, però, ricordare che gli economisti classici (a partire da A. Smith) si riferivano specificamente all efficienza quale criterio di razionalità organizzativa, e cioè quella razionalità che permette agli individui di operare nel modo migliore possibile utilizzando le risorse in maniera, appunto, efficiente. A proposito del principio del buon andamento abbiamo affermato che, attraverso una sua rivisitazione, si sono recuperate efficienza, efficacia ed economicità dell azione pubblica e che la necessità del buon andamento si traduce essenzialmente nel perseguimento di queste tre condizioni. In particolare il principio di buon andamento, come afferma Allegretti, è stato identificato con quello di efficienza. L analisi dell efficienza non può trascurare un analisi anche dell efficacia; si può parlare di efficienza senza efficacia e viceversa ma, in quest ultimo caso, non si può parlare anche di buon andamento, o, meglio, di buona amministrazione 1. Per capire e definire l efficienza è necessario dare contestualmente anche una definizione di efficacia e di economicità. L efficienza si riferisce al raggiungimento del risultato con l utilizzo di minori risorse possibile, il raggiungimento dell efficacia è rappresentato dall effettivo raggiungimento del risultato prestabilito e l economicità si 1 LUPÒ AVAGLIANO M.V. (a cura di), L'efficienza della pubblica amministrazione. Misure e parametri, Milano, Franco Angeli,

3 raggiunge minimizzando i costi sostenuti per realizzare i risultati prefissati. La realizzazione e la combinazione di queste tre condizioni è la situazione che potremo definire ideale. E necessario, però, chiarire un punto importante: nella definizione di efficienza viene utilizzata la parola risorse e il primo errore da non compiere è quello di pensare solo alle risorse economiche, in questo caso invece dobbiamo pensare a risorse anche organizzative, umane, ecc. Altro aspetto importante riguarda il risultato. E importante stabilire quali sono gli obiettivi da raggiungere, i fini da realizzare e soprattutto le motivazioni. Nel caso dell amministrazione pubblica dobbiamo fare riferimento, oltre agli elementi sopra indicati, anche al contesto in cui essa opera, alle sue caratteristiche, ma anche alle sue strategie. Oggetto della misurazione sarà l attività svolta dall organizzazione pubblica in esame in relazione anche agli altri fattori appena esposti (contesto di azione, caratteristiche organizzative e strutturali, strategie). Misurare l efficienza nella pubblica amministrazione è molto più complesso rispetto alla misurazione dell efficienza in un organizzazione privata che opera in condizioni di mercato, che vende prodotti o servizi. Risulta più difficile perché si può affermare, ancora oggi, che nelle pubbliche amministrazioni sono assenti la logica di mercato, la concorrenza, la vendita ed il profitto. In un impresa privata l analisi dei costi e dei ricavi permette già di stabilire il raggiungimento o meno di una certa efficienza ed efficacia. Oltretutto, in molti casi, vi sono ancora situazioni di arretratezza e ritardo 3

4 nell apprendimento dei nuovi strumenti di organizzazione e svolgimento dell attività; si pensi, solo per fare un esempio, all utilizzo dell informatica e di tutti quegli strumenti ad essa connessi. che, nella maggior parte delle imprese private, sono presenti già da molto tempo. D Antona evidenzia che, anche dopo la privatizzazione dei rapporti di lavoro, la pubblica amministrazione continua a distinguersi dall impresa perché, a differenza di questa, ha una missione che trova nella legge il suo fondamento. L impresa privata è espressione della libertà economica dell imprenditore, la quale per definizione non è vincolata a scopi predeterminati dallo Stato, che può essere solo indirizzata o conformata, mai funzionalizzata ed incontra i limiti solo esterni nei diritti dei terzi 2. Inoltre, la pubblica amministrazione richiama subito alla mente il concetto di burocrazia nella sua accezione negativa in quanto la burocrazia è spesso inefficiente e irrazionale, pertanto potrebbe sembrare inutile o paradossale misurare l efficienza in un organizzazione pubblica. Prima di proseguire è necessario dare una definizione della pubblica amministrazione e dell attività amministrativa. Se vogliamo definire una pubblica amministrazione la prima affermazione da fare è che, in senso soggettivo, non è una sola, ma operano tante 2 D ANTONA M., Lavoro pubblico e diritto del lavoro: la seconda privatizzazione del pubblico impiego nelle «leggi Bassanini», in Il lavoro nelle pubbliche amministrazioni, 1998, I, p. 57. Sulla funzionalizzazione dell iniziativa economica privata si veda anche COCOZZA F., Profili di diritto costituzionale applicato all economia, II, I diritti di cittadinanza tra libertà economiche ed integrazione sociale, Torino, 2001, p. 15 ss. 4

5 pubbliche amministrazioni. Infatti, è una complessa organizzazione o, meglio, un insieme di organizzazioni alle quali è affidato lo svolgimento dell attività amministrativa e che devono perseguire il fine al quale sono rispettivamente preposte e nel fare questo devono sempre ottenere il miglior soddisfacimento possibile degli interessi pubblici. Casetta definisce l attività amministrativa una locuzione etimologicamente significante una continuità di azione rivolta alla cura di affari o di interessi pubblici e privati. Ma quando si parla di attività amministrativa tout court in genere si sottintende un riferimento alle persone giuridiche pubbliche 3 Essa può essere divisa in due categorie: amministrazione per atti, quando viene richiesto all amministrazione pubblica, in nome degli interessi pubblici ad essa affidati, di manifestare una certa volontà o di decidere quali comportamenti debbano essere tenuti, e amministrazione per servizi, quando, più che atti, si richiede la predisposizione e la gestione di servizi o il compimento di opere. In precedenza la verifica dell azione amministrativa era basata, tradizionalmente, sull analisi del rispetto del principio di legalità e, cioè, veniva effettuata una verifica del rispetto delle norme attribuendo, invece, scarso interesse al conseguimento dell efficienza per il perseguimento dei fini pubblici. 3 MARRAMA R., Principi regolatori della funzione di organizzazione, in AA.VV., Diritto Amministrativo, Bologna, 1998, I, p. 383 ss., 5

6 Oggi, invece, la legislazione stessa pone in primo piano il rispetto dei principi di economicità, efficienza ed efficacia, come si evince nella norma forse più importante dell era delle riforme della pubblica amministrazione, la già citata legge n. 241/1990 e successive modifiche. Si può escludere che la valutazione dell efficienza dell azione amministrativa possa oggi risolversi in un giudizio formale di legittimità, dovendosi, al contrario, pervenire alla verifica della adeguatezza alla realtà storico-sociale dell azione amministrativa nel suo tendere, articolarsi e strumentarsi rispetto al fine stabilito. Parlando dell efficienza nella pubblica amministrazione è quasi d obbligo un riferimento anche al principio d imparzialità che si è scelto di non trattare parallelamente al buon andamento. La vera efficienza si raggiunge attraverso l imparzialità e la vera imparzialità implica l efficienza. Difatti, il principio di imparzialità, come evidenziato da Giannini, comporta che l amministrazione debba, nell emanare i suoi atti, ponderare tutti gli interessi legislativamente tutelati, ispirando le sue scelte o ai criteri sanciti dalle norme democratiche diretta espressione dei principi costituzionali. L imparzialità richiede valutazione e ponderazione dei vari interessi coinvolti nel perseguimento dell interesse pubblico, che è il fine primario dell amministrazione. L efficienza comporta una valutazione dell attività amministrativa e una verifica del risultato raggiunto rapportando la quantità di risorse utilizzate 6

7 allo stesso risultato e verificando, nel contempo, che sia stato raggiunto il migliore soddisfacimento dell interesse della collettività per il quale la pubblica amministrazione in esame ha svolto un determinato complesso di azioni. Tutto ciò, nel rispetto del principio di legalità, contemperato dallo stesso interesse pubblico, in nome non solo dei principi di buon andamento, efficacia ed economicità, ma anche in nome di una democrazia imparziale e efficiente. Con riferimento all efficienza è opportuno sottolineare come sia indispensabile l uso di tecniche di misurazione adeguate. Utili, a tale scopo, sono le tecniche sviluppate ed elaborate nelle discipline aziendalistiche. Esse, tuttavia, non possono interamente adattarsi all attività delle pubbliche amministrazioni perché queste, come già scritto, si differenziano dai soggetti privati per diverse ragioni 4. Pertanto, risultano necessarie operazioni di adeguamento e adattamento. La difficoltà maggiore, a parere di chi scrive, consiste, però, non tanto nella misurazione dell efficienza in sé ma nell accettazione, da parte delle amministrazioni pubbliche, dell esigenza di effettuare tale misurazione. La misurazione dell efficienza potrebbe risultare meno difficoltosa se non ci si limitasse ai soli aspetti economici o non si tenesse conto solo dei metodi statistici e, dunque, non si considerasse tale operazione una mera attività economica o statistica (o chissà cos altro) ma, al contrario, si vedesse in 4 CERNIGLIARO D., (analista di Organizzazione del Ministero della Giustizia), Il cambiamento organizzativo della pubblica amministrazione nell ottica della qualità totale su Hhttp://www.diritto.itH,

8 questa funzione anche una possibilità di miglioramento della pubblica amministrazione, analizzando nel contempo eventuali inefficienze e studiando il modo per superarle. Il termine efficienza non può essere considerato come sinonimo di economia o riduzione dei costi; non implica in alcun modo che una spesa piccola o grande sia «di per sé» auspicabile, ma se con la stessa spesa possono ottenersi due risultati, va preferito il maggiore; ed ancora, la ricerca dei parametri atti a misurare l efficienza dell azione amministrativa non può unicamente finalizzarsi ad una valutazione prettamente economica E di fondamentale importanza che, nel misurare l efficienza, si abbia la totale consapevolezza che ciò deve portare ad un miglioramento reale, accompagnato dall opportunità di apportare eventuali aggiustamenti e correttivi all azione svolta, per elevare la qualità e la soddisfazione, non solo degli utenti esterni e dei cittadini, ai quali è rivolta l azione delle pubbliche amministrazioni, ma anche di tutto il personale coinvolto, dal livello più basso a quello più elevato. La misurazione dell efficienza deve condurre pertanto alla valorizzazione, nel suo complesso, della pubblica amministrazione interessata, deve costituire un esperienza quasi irrinunciabile, se fatta nei modi dovuti. Non dobbiamo dimenticare che tale operazione comporta costi in termini di tempo e di risorse umane ed è pertanto indispensabile che la sua realizzazione venga fatta con cognizione, con metodo ed organizzazione; la nozione di efficienza a cui far di volta in volta riferimento non può che essere 8

9 ordinata ad un azione gestionale che si adatti agli specifici contesti amministrativi in cui la valutazione deve essere applicata e alle politiche gestionali che i vertici delle amministrazioni intendono perseguire. La misurazione dell efficienza, dunque, avrà realizzazioni differenti a seconda del contesto di riferimento e delle valutazioni che verranno fatte per una sua corretta applicazione. Malgrado alcune delle difficoltà evidenziate, possiamo fare una prima importante considerazione e, cioè, che le pubbliche amministrazioni stanno prendendo atto, in misura sempre maggiore, che misurare l efficienza è non solo previsto dalle norme di legge (si pensi alla legge sui controlli ed in particolare al controllo di gestione e alla valutazione della dirigenza) ma, anche e soprattutto, possibile ed utile. Parlando di misurazione dell efficienza 5 viene subito in mente un sistema basato su parametri o indici o, meglio ancora, su standard di riferimento. La misurazione deve passare attraverso la definizione degli output, nel senso di ciò che si deve produrre o meglio dei risultati di una determinata attività amministrativa che si intendono conseguire, e l analisi degli input, nel senso del complesso di elementi iniziali o risorse necessarie per realizzare un determinato risultato. In generale, l efficienza di un processo produttivo è 5 Utile è la definizione di valutazione proposta da SUCHMAN E.A., Evaluative Research: principles and practice in public service and social action programs, Russel Sage Foundation, New York, 1967) intesa come determinazione (basata su opinioni, documenti, dati soggettivi od oggettivi) dei risultati (desiderabili o indesiderabili, temporanei o permanenti, immediati o a lungo termine) raggiunti da un attività (un programma, una parte di un programma, una terapia, un trattamento [ ]) intesa a raggiungere un fine od un obiettivo (immediato, intermedio, a breve o a lungo termine) 9

10 costituita dalla misura di uno scostamento che si rileva tra una situazione osservata in termini di output o di input o di costo totale ed un altra situazione, considerata ottimale, che rispetto alla precedente massimizza l output, oppure minimizza l input o il costo totale. Nella determinazione e individuazione degli output e, cioè, dei risultati, si hanno meno difficoltà nel caso in cui oggetto dell analisi è l esercizio di un determinato servizio pubblico, facilmente quantificabile e qualificabile (si pensi all istruzione, all assistenza agli anziani e ai disabili o alla raccolta dei rifiuti) mentre, invece, l operazione è un po più complessa nel caso di attività amministrativa autoritativa (che ha per oggetto imposizioni patrimoniali, autorizzazioni, ordini, ecc.). Nel primo caso una possibilità in questo senso si realizza procedendo ad una divisione dell attività tra differenti unità amministrative, in ciascuna delle quali viene svolta una parte di attività. Si ottengono così diversi livelli o linee di attività ciascuna delle quali verrà analizzata ed eventualmente potrà aver luogo anche un confronto tra i vari risultati. Questa analisi dell efficienza per settori è anche molto utile nel caso di una pubblica amministrazione che svolga più servizi o intenda misurare l efficienza di diverse attività. Nel secondo caso un possibile criterio di misurazione può essere rappresentato dal tempo, cioè un criterio che si basa sulla tempestività della risposta da parte dell amministrazione pubblica. Tali indicazioni sono solo alcune possibilità. Di particolare aiuto, in ogni 10

11 caso, sono le analisi comparative che raffrontano la situazione di diverse amministrazioni simili o della stessa amministrazione in tempi diversi. Altro strumento molto utile, da utilizzarsi nel processo verso l efficienza, è rappresentato dal sistema degli indicatori che consente, in termini economici, di verificare l eventuale non corretta utilizzazione delle risorse o la effettiva realizzazione di economicità. Gli indicatori di efficienza misurano il rapporto tra quantità di input (risorse) necessari per ottenere un unità di output (risultato) o, più semplicemente, fra input immessi nel processo produttivo ed output ottenuto 6. Nel caso non vi sia una combinazione ottimale tra fattori produttivi impiegati o si verifichi un impiego non corretto dei mezzi a disposizione, costituiti sia dalle risorse umane che materiali, può verificarsi inefficienza e cioè mancato conseguimento del massimo risultato raggiungibile. Il sistema degli indicatori, si riferisce, dunque, non solo alla misurazione dell efficienza, ma alla misurazione e valutazione dei risultati nella loro complessità. Si tornerà sull argomento quando si discuterà della valutazione dei risultati. Di aiuto è, inoltre, la corretta definizione degli obiettivi, che permette peraltro di rispondere alle domande: cosa si vuole misurare e quale efficienza si deve verificare, in modo da mettere in relazione tra loro output ed input, con particolare attenzione per le risorse a disposizione. Successivamente, è importante l individuazione di parametri di riferimento o meglio standard quantitativi ma anche qualitativi che varieranno a seconda 6 LADU G., Gli indicatori di efficienza, in Rassegna di diritto parlamentare,

12 dell attività svolta e del contesto in cui opera la pubblica amministrazione di riferimento. Seguirà la scomposizione, ove possibile, del servizio o attività, da misurare in più livelli di dettaglio per facilitare l operazione e per consentire di raccogliere quanti più dati e informazioni possibili, attuali ma anche storici, che possono servire per accrescere la conoscenza e dunque la possibilità di adattare al meglio il processo al contesto da misurare. Infine, si potrà realizzare un sistema di misurazione che riunisca tutti gli elementi e tutte le fasi svolte sino a quel momento e attraverso il quale verrà attuato il confronto fra obiettivi, standard di riferimento e risultati. Non esistono norme che aiutino nel definire i cosiddetti input ed output o che stabiliscano quale sia il loro miglior rapporto; ma, soprattutto, non esiste una norma che spieghi come, nella realizzazione di tali verifiche, si possano conciliare gli strumenti adottati con le caratteristiche proprie di una pubblica amministrazione che non ha gli stessi requisiti di un impresa. Ciò rende la valutazione dell efficienza più complessa, posto che non si deve correre il rischio che si richieda all amministrazione di operare secondo criteri organizzativi e produttivi di mera matrice aziendalistica, senza tenere in debito conto le enormi specificità (ontologiche e teleologiche) dell esercizio della funzione pubblica. Tuttavia, malgrado possa non risultare semplice adattare un sistema di misurazione dell efficienza come quello, ad esempio, degli indicatori a una pubblica amministrazione, l insieme degli strumenti e dei meccanismi esistenti e applicati nella realtà delle aziende private risultano, comunque, un 12

13 valido contributo. Quest ultimo si traduce in incentivo a misurare l efficienza e l efficacia dell azione amministrativa, a orientare i comportamenti dell organizzazione pubblica e realizzare un coordinamento tra le diverse amministrazioni, a sostenere processi di apprendimento della cultura del risultato ed infine a fornire uno strumento per garantire maggiore responsabilità della pubblica amministrazione nei confronti sia dei cittadini utenti che degli stessi dipendenti. 13

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Forum P.A. 6 maggio 2002 Convegno:"Controlli interni e Pubblica Amministrazione orientata ai risultati - Relatore: Dott.ssa Diana Agosti (Dirigente

Forum P.A. 6 maggio 2002 Convegno:Controlli interni e Pubblica Amministrazione orientata ai risultati - Relatore: Dott.ssa Diana Agosti (Dirigente Introduzione Gli anni passati sono stati caratterizzati da interventi normativi e da una serie di azioni che hanno evidenziato la volontà del legislatore di diffondere capillarmente la cultura della misurazione

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 E-mail: servizio.segreteria@comuneazzanosanpaolo.gov.it P.E.C: comuneazzanosanpaolo@pec.it

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

studio della gestione

studio della gestione studio della gestione individuazione ed analisi delle cause che agiscono sulla economicità aziendale l economicità aziendale può essere scomposta: - in un livello di efficienza interna (Q/f) e in un livello

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO \\\\\\\\\\\\\\\\ CITTÀ DI MOGLIANO VENETO P.zza Caduti, 8 C.A.P. 31021 PROVINCIA DI TREVISO tel. 041/59.30.111 - fax 041/59.30.299 Codice fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Efficienza, efficacia, economicità

Efficienza, efficacia, economicità Efficienza, efficacia, economicità L economia aziendale èuna scienza che propone leggi e modelli per amministrare in modo economico le aziende Tali leggi e modelli si riferiscono ai concetti di: efficienza

Dettagli

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano.

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano. 1 Definizioni 1.1 Premessa Il COeSO è un'azienda speciale di tipo consortile: un consorzio di comuni cioè, quelli della zona socio sanitaria Grossetana, 1 nato per gestire in modo associato i servizi socio

Dettagli

Efficienza, efficacia, economicità. Alessandro Scaletti

Efficienza, efficacia, economicità. Alessandro Scaletti Efficienza, efficacia, economicità Alessandro Scaletti Lezione III: obiettivi cosa significa gestire bene le risorse scarse? quali criteri si devono seguire per la corretta gestione delle risorse scarse?

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

Il Controllo di gestione

Il Controllo di gestione I controlli interni negli enti locali Il Controllo di gestione Relazione del seminario tenuto presso la Sala Caversazzi di Bergamo per la UNSCP (Unione Segretari Comunali e Provinciali) di Bergamo. 1.

Dettagli

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche Paola Dubini Di che cosa parleremo Alcune premesse L individuazione delle funzioni obiettivo La configurazione dei processi e le scelte di presidio

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo 21 Capitolo II Il budget 1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo Il budget - e' un programma delle operazioni di gestione da compiere in un anno, finalizzato

Dettagli

COMUNE DI MONTE COLOMBO

COMUNE DI MONTE COLOMBO COMUNE DI MONTE COLOMBO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE MANUALE PER LA VALUTAZIONE INDICE Finalità della valutazione Pag. 3 Oggetto della valutazione Pag.

Dettagli

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000)

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) INTRODUZIONE Il 15 dicembre 2000, come atteso, è entrata puntualmente in vigore la nuova norma relativa ai Sistemi di Gestione della Qualità ISO 9001:2000 (altrimenti

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego

La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego a cura di Franco Liso Università La Sapienza ? Perché il decreto legislativo 29/1993 e la privatizzazione

Dettagli

Performance management nelle Università

Performance management nelle Università Performance management nelle Università! Performance management! Gli ambiti di valutazione! La costruzione dell albero della performance! Gestione degli indicatori! Il ciclo della performance I La performance

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

- RCec/CL [(Reddito operativo corretto + risultato della gestione extracaratteristica)/capitale lordo a inizio anno].

- RCec/CL [(Reddito operativo corretto + risultato della gestione extracaratteristica)/capitale lordo a inizio anno]. ALLEGATO A) 1. Relazioni con gli obiettivi delle politiche di sviluppo rurale Con determinazione n.1867 (8.8.2008) sono stati individuati gli indici con i quali valutare il miglioramento del rendimento

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro.

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. Il settore della Vigilanza Privata italiana, in tempi recenti, ha conosciuto delle innovazioni di matrice normativa

Dettagli

Guida agli investimenti

Guida agli investimenti 19 Ottobre 2012 Guida agli investimenti Cos è l ESMA? L ESMA è l Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. È un autorità di regolamentazione indipendente dell Unione europea, con sede

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

Come leggere un bando

Come leggere un bando Come leggere un bando Prof. Dario A.Colombo Organizzazione dei servizi sociali Progettare il sociale B Materiali tratti da CiesseVi - Milano dalla Formazione per volontari a cura di G. Sordelli 1. Come

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin VSM 18-11-2009 10:40 Pagina 1 Sintesi Scopo di questo articolo è quello di approfondire il tema del Value Stream Costing, ossia di esporre come possano evolvere i sistemi di determinazione e controllo

Dettagli

GESTIONE STRATEGICA PER L INNOVAZIONE - CORSO B

GESTIONE STRATEGICA PER L INNOVAZIONE - CORSO B GESTIONE STRATEGICA PER L INNOVAZIONE - CORSO B Dispensa delle lezioni svolte dal Prof. Giacomo Maurini ai fini della preparazione dell esame LE SCELTE STRATEGICHE NELL AMBITO DELLE AZIENDE PUBBLICHE:

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

Performance management

Performance management Performance management Valutare i risultati e valorizzare le competenze Una forte leva di sviluppo organizzativo e di gestione dei grandi processi di cambiamento che caratterizzano molte aziende Nicola

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Programma (121 pagine tra dispense e slides) IL MARKETING IL MARKETING IN AZIENDA - AZIENDE MARKETING ORIENTED

Dettagli

Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1

Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1 Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1 Introduzione al processo di Marketing Management 1) La filosofia del marketing, ovvero il marketing concept 2) Che cos è il marketing 3) La funzione

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

Le nuove frontiere dell e-government. Il Controllo. Gestione. di nella. Pubblica. Amministrazione

Le nuove frontiere dell e-government. Il Controllo. Gestione. di nella. Pubblica. Amministrazione Le nuove frontiere dell e-government Il Controllo Gestione di nella Pubblica Amministrazione Il controllo di gestione è la procedura diretta a verificare lo stato di attuazione degli obiettivi programmati

Dettagli

BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE. RELAZIONE Diffusione

BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE. RELAZIONE Diffusione Corso BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE Asse I Adattabilità RELAZIONE Diffusione Introduzione 1. Attività specifiche 1.1 Corrispondenza e pertinenza dell analisi dei fabbisogni formativi 1.2 Qualità progettuale

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

L organizzazione aziendale

L organizzazione aziendale Università degli studi di Teramo Facoltà di Agraria Lezioni di Economia e gestione delle imprese vitivinicole aziendale Emilio Chiodo Anno Accademico 2014-2015 Le operazioni aziendali Il sistema delle

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa Un buon servizio di trasporto locale aumenta la fiducia dei cittadini

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Aureli Selena 1_Sistema di controllo e contabilità analitica Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione,

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE Comune di Lavello CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Riferimenti Normativi 1. Il presente Regolamento è redatto nel rispetto di quanto disposto dagli articoli 147,

Dettagli