Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE + 2007)"

Transcript

1 IV CONVEGNO NAZIONALE DI IDRAULICA URBANA ACQUA E CITTA Giugno 2011, Venezia Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE ) M. Ferri, M. Monego, D. Norbiato, F. Baruffi Autorità di Bacino dell Alto Adriatico (Venezia) (http://www.publ ywebitalia.com) Venezia,

2 Sommario 1. Introduzione 2. Modello idrologico 3. Applicazione all area di studio 4. Conclusioni e sviluppi

3 Tool for Regional scale assessment of groundwater Storage improvement in adaptation to climate change Finanziato da: Commissione Europea (Programma Life ) Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ENTE BENEFICIARIO E COORDINATORE: Autorità di Bacino dell Alto Adriatico PARTNERS: European-Mediterranean Centre for Climate Change (CMCC) SGI Studio Galli Ingegneria S.p.A.. (SGI)

4 Progetto TRUST Problematiche L Alta Pianura Veneta e Friulana èsededi un importante sistema acquifero sfruttato da decenni a scopi acquedottistici, agricoli, industriali Negli ultimi anni gli acquiferi hanno evidenziato un cospicuo abbassamento dei livelli freatici e una depressurizzazione delle falde artesiane Art.4 (WFD) Dir. Acque 2000/60: gli Stati membri proteggono, migliorano e ripristinano i corpi idrici sotterranei, e assicurano un equilibrio tra l'estrazione e il ravvenamento delle acque sotterranee al fine di conseguire un buono stato delle acque sotterranee Obiettivi Mettere a punto degli strumenti atti a valutare i possibili impatti negativi sugli acquiferi connessi agli scenari di cambiamento climatico Considerare nella pianificazione a scala di bacino possibili scenari di cambiamento climatico e identificare obiettivi/misure di risposta adattative

5 Progetto TRUST Area di studio BRENTA PIAVE TAGLIAMENTO MODELLO IDROLOGICO LIVENZA TORRE MODELLO DI BILANCIO SOTTERRANEO BACCHIGLIONE Dati raccolti: 250 stazioni meteorologiche, 21 nivometriche, 60 idrometriche Periodo monitoraggio: 1/1/ /12/2008

6 Strumento per il bilancio idrico sotterraneo a scala regionale Geo-Database strutturato atto a caratterizzare i corpi idrici sotterranei (ed i relativi termini di bilancio) alla scala regionale Modello idrologico geomorfoclimatico Modello GIS per valutare il deficit idrico in base alla coltura (Remote sensing land use mapping) Modello di bilancio degli acquiferi sotterranei SCENARI DI CAMBIAMENTO CLIMATICO Valutazione di diverse strategie di adattamento in funzione delle modificazioni attese nel bilancio idrico MAR (Managed Aquifer Recharge) TAVOLO TECNICO (stakeholders)

7 2 1. Introduzione 2. Modello idrologico 3. Applicazione all area di studio 4. Conclusioni e sviluppi

8 Moduli di calcolo del modello idrologico Estrazione reticolo idrografico da DEM Interpolazione spaziale di variabili climatiche (kriging) Modulo accumulo e scioglimento nivale Modulo trasformazione afflussi - deflussi Modulo di TARATURA automatica Modulo gestione serbatoi - derivazioni Modulo di propagazione dei deflussi (geomorfoclimatico)

9 Modulo di accumulo e scioglimento nivale SNOW MELT MODEL: Utah Energy Balance Snow Model (Tarboton et al.1996) (http://forum.ilmeteo.it) Separazione Precipitazione piovosa e nevosa (P p, P n ) Bilancio di energia Bilancio di massa 31/01/ /03/ /05/2001 Distribuzione spaziale dell accumulo nivale

10 Modulo di trasformazione afflussi-deflussi j EQUAZIONE DI BILANCIO: I E R S(t+ t)= S(t)+I(t)- Rsub(t)-L(t)-ET(t) L R sub I(t)= j(t)-r(t) S max volume massimo d acqua immagazzinabile nel terreno -> parametro ricavabile dall informazione relativa all uso e al tipo di suolo (metodo CN) R(t)= C(S(t)/S max ) j(t) se j(t) f=s max (S max -S(t))/(S max -CS(t)) j(t)-(s max -S(t)) se j(t)>f (De Smedt et al., 2000) (Liu et al., 2004) Rsub(t)= c(s(t)-s c ) L(t) = Ks [(e ß (S(t)-S c )/S max -1] / [(e ß (1-S c /S max ) -1] (Laio et al., 2001) ET(t) = ETP(t) w se S(t)>S pwp w=s(t)/s max ETP (Hargreaves&Samami)

11 Q( t) MODELLO GEOMORFOLOGICO DELLA RISPOSTA IDROLOGICA = t dt j ( t ) f ( t t ) 0 0 Ai 0 γ i 0 [Rinaldo et al., 2006] γ Γ i stato versante Distribuzione dei tempi di residenza nel singolo percorso: stato canale f ( γ t) = f ( t) f ( t) f ( t) f ( t) 1 v 1 c 1 c 3 c 5 f c (t) STATO CANALE Formulazione convettiva-diffusiva del trasporto L cella per cella f v ( t) = k v e k v t STATO VERSANTE k v [1/t] costante di tempo L media sottobacino Calcolo di k (=v/l) differenziato per le diverse tipologie di deflusso (superficiale, subsuperficiale) R(t) V(t) Q(t) Deflusso profondo Serbatoio lineare: Q(t)=kpV(t)

12 MODELLO GEOMORFOLOGICO DELLA RISPOSTA IDROLOGICA Calcolo della costante di tempo k per il deflusso superficiale Formulazione geomorfoclimatica Ipotesi di dipendenza della velocità (o tempo di residenza) superficiale dall entità dell evento, e quindi dall intensità della precipitazione efficace nelle precedenti trattazioni (Rodriguez-Iturbe et al., 1982, Hall et al., 2001, Verri et al., 2006): risposta idrologica del bacino ad un impulso unitario (IUH) dipendente da da: macrocaratteristiche del bacino (leggi di Horton, ordini di Strahler) intensità media della precipitazione efficace durante l evento Si vuole applicare l approccio climatico alla moderna trattazione geomorfologica (basata su una dettagliata descrizione della geometria del bacino) tempi di residenza dei percorsi fuori rete legati all intensità della precipitazione variabile nel corso del singolo evento, per descrivere in continuo l andamento della risposta idrologica

13 MODELLO GEOMORFOLOGICO DELLA RISPOSTA IDROLOGICA Calcolo della costante di tempo k per il deflusso superficiale Formulazione geomorfoclimatica Tempo di residenza nello stato versante Per ogni cella u v ( t) = k S y( t) s 2/3 funzione dell altezza d acqua y, della pendenza S e della scabrezza k s della cella direzioni di drenaggio celle canalizzate Per il calcolo di y si pone: u v ( t) = q( t) / y( t) dove q( t) = R( t) A B drenata è funzione dell intensità della precipitazione efficace R(t), dell area drenata (n celle drenanti x Area cella), della larghezza B della cella velocità variabile temporalmente in funzione dell intensità della precipitazione efficace

14 MODELLO GEOMORFOLOGICO DELLA RISPOSTA IDROLOGICA Calcolo della costante di tempo k per il deflusso superficiale tempo di residenza nello stato versante = somma dei tempi di permanenza nelle celle incontrate lungo il percorso γ dalla cella versante alla prima cella canalizzata T γ = γ L u cella v cella R(t) f1 f2 R(t) f1 f2 costante di tempo k variabile nel tempo e funzione di R(t) Q(t) f3 Q(t) f3 Formulazione tradizionale t Formulazione geomorfoclimatica t

15 3 1. Introduzione 2. Modello idrologico 3. Applicazione all area di studio 4. Conclusioni e sviluppi

16 APPLICAZIONE AI BACINI DI STUDIO Bacino del Brenta a Borgo (BRENTA) 201 km m s.l.m mm/anno Bacino dell Astico a Pedescala (BACCHIGLIONE) 137 km m s.l.m mm/anno CORDEVOLE FIORENTINA Saviner PIAVE BRENTA BRENTA Borgo Nervesa Pedescala Bassano ASTICO BACCHIGLIONE Bacino del Cordevole a Saviner (PIAVE) 109 km m s.l.m mm/anno Bacino del Fiorentina a Sottorovei (PIAVE) 57 km m s.l.m mm/anno Vicenza

17 APPLICAZIONE AI BACINI DI STUDIO Periodo di calibrazione: 1/12/2002-1/10/2005 Periodo di validazione: 1/10/2005-1/10/2008 CORDEVOLE FIORENTINA Saviner Astico a Pedescala simulata calibrazione simulata validazione osservata BRENTA Borgo Pedescala ASTICO Bassano PIAVE Nervesa Portata m 3 /s Vicenza Periodo di calibrazione: E NS =0.78 Periodo di validazione: E NS =0.7 (Nash-Sutcliffe, 1970)

18 APPLICAZIONE AI BACINI DI STUDIO CORDEVOLE FIORENTINA Saviner Precipitazione Portata misurata Portata simulata Cordevole a Saviner E NS =0.75 BRENTA Borgo 70 0 Pedescala ASTICO m 3 /s Vicenza Bassano PIAVE Nervesa Brenta a Borgo precipitation measured runoff simulated runoff mm/h portata (m 3 /s) Q simulata geomorfoclimatico Q misurata precipitazione /2/02 4/4/02 24/5/02 13/7/02 1/9/02 21/10/02 10/12/ 02 Fiorentina a Sottorovei E NS =0.71 E NS =0.8 (Nash-Sutcliffe, 1970) precipitazione (mm/ora)

19 ACCUMULO E SCIOGLIMENTO NIVALE Stazione Monte Ornella (2250 m s.l.m.) Bacino del Cordevole (PIAVE) 109 km m s.l.m mm/anno Monte Saviner Ornella (idrometria) (neve) Nervesa della Battaglia

20 MODELLO GEOMORFOCLIMATICO Q misurata Qsimulata geomorfoclimatico precip itazione M. Ornella (2250 m) Arabba Saviner /4/02 13/6/02 2/8/02 21/9/02 10/11/ Bacino del Cordevole (PIAVE) Q simulata geomorfologico Q simulata geomorfoclimatico 40 Q simulata Q geomorfologico geomorfoclimatico Q simulata geomorfologico Q simulata geomorfoclimatico NSE = 0.6 NSE = NSE = 0.79 NSE = 0.88 Efficacia nel riprodurre le fasi al colmo 0 24/4/02 29/4/02 4/5/02 9/5/02 14/5/02 19/5/02 24/5/ /10/02 31/10/02 10/11/02 20/11/02 30/11/02 10/12/02

21 PROIEZIONE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI NELL AREA TRUST ( ) vs ( ) (A1B) scenario I cambiamenti nell evapotraspirazione e nella temperatura mostrano lo stesso segno L incremento della temperatura superficiale è circa uniforme in tutte le stagioni (+ 4 C) La precipitazione areale aumenta di circa il 20% durante l inverno e diminuisce nelle altre stagioni

22 IMPATTO DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUL BILANCIO IDROLOGICO DEI BACINI MONTANI Present-day mean monthly runoff ( ) Future mean monthly runoff ( ) + 65% - 45% - 15% -8% Winter Spring Summer Autumn (A1B) scenario Introduzione Introduction Modello idrologico Applicazioni Conclusioni e sviluppi

23 Strategie di adattamento al cambiamento climatico Misure per interventi di ricarica artificiale e analisi costi benefici Valutazioni a scala regionale: individuazione di possibili obiettivi di ricarica, analisi economica di confronto tra l opzione zero e le opzioni di ricarica degli acquiferi Sviluppo di strumenti e metodi per introdurre soluzioni MAR (Managed Acquifer Recharge) per la reintegrazione dello stock idrico sotterraneo dell Alta Pianura Veneto-Friulana a scala di bacino fluviale

24 AREE DI INFILTRAZIONE FORESTALE Introduzione Modello idrologico Applicazioni Conclusioni e sviluppi

25 Workshop finale 22 settembre 2011 VENEZIA Isola di San Giorgio - Murano

26 4 1. Introduzione 2. Modello idrologico 3. Applicazione all area di studio 4. Conclusioni e sviluppi

27 Conclusioni Modello geomorfoclimatico strumento affidabile per la determinazione degli apporti idrici superficiali Validazione a scala regionale grazie alla sinergia promossa tra Enti e Istituzioni coinvolte nel governo dell acqua (decisioni condivise) Inserimento del cambiamento climatico tra gli scenari di gestione dei bacini idrografici in accordo con la Direttiva 2000/60 (WFD)

28 28 Thank you for your attention!

29 Bibliografia. Dingman,S.L. Physical Hydrology,2nd Edition,Prentice Hall,p.646, Gupta, V.K., Waymire E. & Wang C.T., A representation of an istantaneous unit hydrograph from geomorphology, Water Resources Research,16(5), ,1980. Hall, M.J., Zaki A.F. & Shahin M.M.A. Regional analysis using Geomorphoclimatic Instantaneous Unit Hydrograph, Hydrology and Earth System Sciences,5(1), ,2001. Hargreaves, G.H. & Samani Z.A., Reference crop evapotranspiration from temperature, Applied Engrg. in Agric., 1, 96-99, Laio, F., Porporato A., Ridolfi L. & Rodriguez-Iturbe I. Plants in water-controlled ecosystems: active role in hydrologic processes and response to water stress II: Probabilistic soil moisture dynamics, Advances in Water Resources, 24, , Manfreda, S., Fiorentino M. & Iacobellis V., DREAM: a distributed model for runoff, evapotranspiration, and antecedent soil moisture simulation,adv.geosci.,2, 31-39,2005. Rinaldo,A.,Marani A. & Rigon R., Geomorphological dispersion,water Resources Research,28(4), ,1991. Rodriguez-Iturbe, I. & Valdes J.B. The geomorphologic structure of hydrologic response, Water Resources Research, 15(6), ,1979. Rodriguez-Iturbe, I., Sanabria M.G. & Bras R.L. A Geomorphoclimatic Theory of the Instantaneous Unit Hydrograph, Water Resources Research,18(4), ,1982. Rodriguez-Iturbe,I.& Rinaldo A., Fractal river basin,cambridge University Press, ,1997. Tarboton, D.G. & Luce C.H., Utah energy balance snow accumulation and melt model (UEB), computer model technical description and users guide, Utah Water Research Laboratory, Utah State University and USDA Forest Service, Intermountain Research Station,41, Tarboton, D.G.& Ames D.P. Advances in the mapping of flow networks from digital elevation data, in World Water and Environmental Resources Congress,Orlando,Florida,May 20-24,ASCE, Verri, G., Sato M. & De Prato F., Applicazione integrata di metodologie avanzate per la modellazione idrologica dell onda di piena del Torrente Cormor, 31 Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche, Perugia, 2008.

WATERFORLIFE LIFEFORWATER

WATERFORLIFE LIFEFORWATER IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA PARTECIPATA DI RISPARMIO IDRICO E RICARICA ARTIFICIALE PER IL RIEQUILIBRIO QUANTITATIVO DELLLA FALDA DELL ALTA PIANURA VICENTINA WORKSHOP NAZIONALE Martina Monego Autorità

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI PER PICCOLI BACINI IDROGRAFICI NON STRUMENTATI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI PER PICCOLI BACINI IDROGRAFICI NON STRUMENTATI XXXII Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Palermo, 14-17 settembre 1 MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI PER PICCOLI BACINI IDROGRAFICI NON STRUMENTATI Andrea Petroselli 1, Salvatore Grimaldi

Dettagli

Rapporto del gruppo WKP2 Ricerca effettuata nell ambito del progetto RICLIC WARM

Rapporto del gruppo WKP2 Ricerca effettuata nell ambito del progetto RICLIC WARM Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale dell Università di Pavia Rapporto del gruppo WKP2 Ricerca effettuata nell ambito del progetto RICLIC WARM Workpackage 2: Prof.Ing.Luigi Natale Prof.Ing.Mario

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

SULLA MODELLISTICA IDROLOGICA PER LA PREVISIONE DELLE PIENE DA MODELLI METEOROLOGICI

SULLA MODELLISTICA IDROLOGICA PER LA PREVISIONE DELLE PIENE DA MODELLI METEOROLOGICI XXXII Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Palermo, 14-17 settembre 2010 SULLA MODELLISTICA IDROLOGICA PER LA PREVISIONE DELLE PIENE DA MODELLI METEOROLOGICI E. Caroni 1, F. Navarra

Dettagli

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile 1 Corso di Laurea Specialistica in N.O. Giuseppe Aronica Corso di Idrologia Tecnica PARTE I Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) 2 La trasformazione afflussi-deflussi Problema: determinare i deflussi

Dettagli

Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1

Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI CHIMICA, FISICA E AMBIENTE Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1 Prof. Ing. Daniele Goi Ing.

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA Convegno: La geologia: Università ed Enti Pubblici Firenze, 14 settembre 2009 Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M.

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE

Dettagli

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia C E N T R O T E M AT I C O l Siccità, Acqua e Coste Studio Pilota L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia Il Centro Tematico Siccità, Acqua e Coste del progetto

Dettagli

Modelli afflussi-deflussi

Modelli afflussi-deflussi Corso di Idrologia Modelli afflussi-deflussi per la valutazione delle portate di piena Prof. Ing. A. Cancelliere Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania Modelli che consentono

Dettagli

BETA Studio s.r.l. La gestione del Piano di Laminazione Preventivo della diga di Ravedis mediante il Sistema di previsione delle piene in tempo reale

BETA Studio s.r.l. La gestione del Piano di Laminazione Preventivo della diga di Ravedis mediante il Sistema di previsione delle piene in tempo reale La gestione del Piano di Laminazione Preventivo della diga di Ravedis mediante il Sistema di previsione delle piene in tempo reale Palmanova, 14 aprile 2015 Ing. Alberto Boccato BETA Studio s.r.l. via

Dettagli

Università della Calabria

Università della Calabria Università della Calabria FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Civile CORSO DI IDROLOGIA N.O. rof. asquale Versace SCHEDA DIDATTICA N 21 IL MODELLO RISE A.A. 2010-11 1 Il modello RISE (Runoff

Dettagli

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G.

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G. Previsione meteo idrologica per la gestione irrigua Pre.G.I. Politecnico di Milano Alessandro Ceppi MOPI-Centro Epson Meteo Raffaele Salerno M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani,

Dettagli

Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress

Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress Ufficio Previsioni idrologiche in collaborazione con DHI e CIMA Foundation: presentazione a cura di Francesca Giannoni

Dettagli

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA A cura di D. Rigamonti & M. Consonni dario.rigamonti@tethys geco.it, mauro.consonni@tethys geco.it 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Infiltrazione - Generalità

Infiltrazione - Generalità Infiltrazione - Generalità Quando la precipitazione arriva al suolo: in parte bagna le superfici (intercezione, detenzione superficiale), in parte riempie le depressioni superficiali, in parte si infiltra

Dettagli

COMUNE DI GRAVELLONA TOCE. Provincia del Verbano Cusio ossola. P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F.

COMUNE DI GRAVELLONA TOCE. Provincia del Verbano Cusio ossola. P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F. COMUNE DI GRAVELLONA TOCE Provincia del Verbano Cusio ossola P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F. 00332450030 e-mail: protocollo@comune.gravellonatoce.vb.it - gravellonatoce@pec.it

Dettagli

Nota informativa 06 Aprile 2007 1

Nota informativa 06 Aprile 2007 1 Nota informativa 06 Aprile 2007 1 Situazione della disponibilità idrica nel bacino del Fiume Adige. 1) Invasi artificiali regolati 2 Tabella 1 Confronto fra i volumi invasati 3 Figura 1 Confronto fra i

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

Seminario di studi. Gorizia 5 novembre 2011. Motivazioni dell introduzione del principio di invarianza idraulica

Seminario di studi. Gorizia 5 novembre 2011. Motivazioni dell introduzione del principio di invarianza idraulica MASTER AVAMIRI Seminario di studi Gorizia 5 novembre 2011 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof. Ing. Giorgio Verri Università degli Studi di Udine Motivazioni

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Lecce (dal 04 al 07 Febbraio 2014) e Foggia (dal 18 al 21 Febbraio 2014) I Semestre

Dettagli

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN)

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN) Il metodo Numero di Curva (CN), sviluppato dal Soil Conservation Service (SCS) del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti 1, viene considerato come uno dei più importanti modelli non deterministici

Dettagli

L acqua in più e l acqua in meno: alluvioni e siccità in Calabria

L acqua in più e l acqua in meno: alluvioni e siccità in Calabria L acqua in più e l acqua in meno: alluvioni e siccità in Calabria Coordinatori: Giuseppe MENDICINO & Maria Luisa RONCONI Lotta contro la siccità: Definizione e programmazione degli interventi Giuseppe

Dettagli

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Università di Trento Alcune domande Che effetto avranno le variazioni climatiche sulla disponibilita futura

Dettagli

Ruwa acqua territorio energia. Programma di formazione in Modellistica Idrologica e Idraulica. Corso sul software HEC-HMS

Ruwa acqua territorio energia. Programma di formazione in Modellistica Idrologica e Idraulica. Corso sul software HEC-HMS Ruwa acqua territorio energia Programma di formazione in Modellistica Idrologica e Idraulica Corso sul software HEC-HMS marzo 2006 Ing. Dario Tricoli Ruwa srl sede a Catanzaro via G. Bruno 4 A www.ruwa.it

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO PER L ANALISI DEI RISULTATI DEL BILANCIO IDRICO PROVINCIALE E RELATIVI ALLEGATI CARTOGRAFICI alla data 30 marzo 2012

DOCUMENTO TECNICO PER L ANALISI DEI RISULTATI DEL BILANCIO IDRICO PROVINCIALE E RELATIVI ALLEGATI CARTOGRAFICI alla data 30 marzo 2012 AGENZIA PROVINCIALE PER LE RISORSE IDRICHE E L ENERGIA DOCUMENTO TECNICO PER L ANALISI DEI RISULTATI DEL BILANCIO IDRICO PROVINCIALE E RELATIVI ALLEGATI CARTOGRAFICI alla data 30 marzo 2012 Trento, marzo

Dettagli

Scenari di regimazione idrica nella conversione a verde pensile delle coperture

Scenari di regimazione idrica nella conversione a verde pensile delle coperture II Convegno Nazionale Il Verde Pensile nel Clima Mediterraneo Genova, 6 Marzo 9 Scenari di regimazione idrica nella conversione a verde pensile delle coperture Anna Palla e Luca G. Lanza DICAT- Università

Dettagli

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Dettagli

LA GESTIONE DELL EMERGENZA IDRAULICA Dagli stati di allarme alle alluvioni

LA GESTIONE DELL EMERGENZA IDRAULICA Dagli stati di allarme alle alluvioni Istituto Veneto SS. LL.AA. Accademia Nazionale dei Lincei LA GESTIONE DELL EMERGENZA IDRAULICA Dagli stati di allarme alle alluvioni Luigi D Alpaos Venezia, 21 marzo 2014 La grande alluvione Il 4-5 Novembre

Dettagli

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l anno accademico 2013/2014 Programma dell insegnamento di IDRAULICA E SISTEMAZIONI IDRAULICO-FORESTALI (italiano) Course title: HYDRAULICS AND FORESTRY SOIL PROTECTION (inglese)

Dettagli

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO B. GRILLO 1, C. BRAITENBERG 1, R. DEVOTI 2, D. ZULIANI 3, P. FABRIS 3, I. NAGY 1 1 Dipartimento di Geoscienze - Università degli Studi

Dettagli

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Ciclo idrogeologico e bilancio Ricarica e recapito delle acque sotterranee Riserve e risorse sfruttabili Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi,

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

3. La soluzione. 3.1 Il caso studio: evento ottobre 2015 nell area di Roma est

3. La soluzione. 3.1 Il caso studio: evento ottobre 2015 nell area di Roma est Sull utilizzo dei dati da sensore remoto e delle Volunteered Geographic Information a supporto della modellazione idraulica delle inondazioni fluviali Antonio Annis. Università per Stranieri di Perugia,

Dettagli

Bollettino mensile di monitoraggio della siccità

Bollettino mensile di monitoraggio della siccità REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS Dipartimento Meteoclimatico Servizio Meteorologico, Agrometeorologico ed Ecosistemi Bollettino mensile di monitoraggio della siccità AGENZIA

Dettagli

PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC

PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC 137 PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC VALENZA TRASNAZIONALE DEL MODELLO DI GOVERNANCE DELLE RISORSE IDRICHE NELL AMBITO DELL ADP TRA LE REGIONI BASILICATA, PUGLIA E LO STATO 139 PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC:

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015.

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015. CAMIS Final Conference Trenta March 19 th 2015 Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority Marco Gamba CAMIS Attivita coordinate per la gestione del fiume Isonzo

Dettagli

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e Controllo dei Rischi Geologici Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Master di II Livello in Analisi e mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Le fognature nere vengono dimensionate per le massime portate di tempo asciutto che si prevede e si stima si verificheranno negli N anni di funzionamento

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

Caratteristiche dei bacini idrografici

Caratteristiche dei bacini idrografici Corso di Idrologia A.A. 20-202 Caratteristiche dei bacini idrografici Prof. Ing. A. Cancelliere Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania Bacino idrografico Con riferimento ad

Dettagli

Bilancio Idrologico GIS BAsed a scala Nazionale su Griglia regolare (BIGBANG)

Bilancio Idrologico GIS BAsed a scala Nazionale su Griglia regolare (BIGBANG) Meeting: Pilot Arno Water Accounts (PAWA) Project Bilancio Idrologico GIS BAsed a scala Nazionale su Griglia regolare (BIGBANG) National wide GIS based gridded hydrologic water budget Ing. Giovanni Braca

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Catanzaro ed in video conferenza II Semestre 2012 HEC-HMS (V.3.5) HEC-RAS (V.4.1)

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

La piattaforma acqua della Convenzione delle Alpi

La piattaforma acqua della Convenzione delle Alpi La piattaforma acqua della Convenzione delle Alpi Idroelettrico, piani di gestione e rischio alluvioni Antonio Ballarin Denti 1, Andrea Bianchini 2 1 National Focal Point Alpine Convention 2 EURAC Research

Dettagli

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Dott. Aldo Guadagnino Dirigente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa

Dettagli

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Risultati preliminari Luino F., Biddoccu M., Cirio C. G. fabio.luino@irpi.cnr.it CNR-IRPI Strada delle Cacce 73-10135 (TO) http://www.irpi.to.cnr.it/

Dettagli

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO POWERED BY EUROPE The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D Novembre 2013, Perugia Corso FLO-2D PRO Date: novembre, 2013 Luogo: Università per Stranieri di

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone

Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone F. Grazzini (1), F.Dottori (2) (1) ARPA-SIMC (2) Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Bologna

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

Ciclo idrologico nel bacino

Ciclo idrologico nel bacino Condensazione Evapotraspirazione Precipitazione Evaporazione Suolo Falda Precipitazione Intercettazione Ruscellamento Infilotrazione Ipodermico Ricarica Traspirazione Flusso di base Portata del fiume Evaporazione

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio. Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05. www.dica.unict.it/users/costruzioni

Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio. Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05. www.dica.unict.it/users/costruzioni Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Introduzione al corso Ing. Antonino Cancelliere Dipartimento

Dettagli

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po ex art. 4 c. 2 Deliberazione di Comitato Istituzionale n. 2/2015 del 5 agosto 2015

Dettagli

ASPETTI IDROGEOLOGICI DEGLI EFFETTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN AMBIENTE URBANO Giuseppe Sappa e Giulia Luciani DICEA Sapienza Università di Roma

ASPETTI IDROGEOLOGICI DEGLI EFFETTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN AMBIENTE URBANO Giuseppe Sappa e Giulia Luciani DICEA Sapienza Università di Roma ASPETTI IDROGEOLOGICI DEGLI EFFETTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN AMBIENTE URBANO Giuseppe Sappa e Giulia Luciani DICEA Sapienza Università di Roma giuseppe.sappa@uniroma1.it Il cambiamento climatico agisce

Dettagli

M. Brugioni, F. Consumi, B. Mazzanti, G. Menduni, G. Montini

M. Brugioni, F. Consumi, B. Mazzanti, G. Menduni, G. Montini Determinazione dell infiltrazione efficace alla scala di bacino finalizzata alla individuazione delle aree a diversa disponibilità di risorse idriche sotterranee M. Brugioni, F. Consumi, B. Mazzanti, G.

Dettagli

Arpa Piemonte Secondo Barbero

Arpa Piemonte Secondo Barbero WORKSHOP NAZIONALE SULL IDROLOGIA OPERATIVA BILANCIO IDROLOGICO E IDRICO ROMA, 9 DICEMBRE 2015 I Servizi: Problematiche del bilancio idrico in ambiente alpino Arpa Piemonte Secondo Barbero Argomenti: -

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica

Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica Con il nome di perdite del bacino si indicano le diverse componenti della frazione della pioggia lorda che viene a mancare rispetto

Dettagli

Dedicated switch 1Gbit

Dedicated switch 1Gbit Internet Fews Clients Gateway/Firewall Dedicated switch 1Gbit Master000 Master controller FEWS Condor Master FSS000 FSS001 FSS002 FSS003 FSS007 FSS008 FSS014 Forecasting Shell Severs Condor Cluster 16

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI ACCEGLIO E CANOSIO COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA LAVORI DI REALIZZAZIONE DI OPERE DI MANUTENZIONE IDRAULICO-FORESTALE E DI TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria. Studio di fattibilità di un invaso idrico sul torrente Pesa ABSTRACT

Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria. Studio di fattibilità di un invaso idrico sul torrente Pesa ABSTRACT Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e del Territorio Tesi di Laurea in collaborazione Studio di fattibilità di

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

Marco Materazzi Università di Camerino Scuola di Scienze Ambientali Tel: 0737-402603 E-mail: marco.materazzi@unicam.it

Marco Materazzi Università di Camerino Scuola di Scienze Ambientali Tel: 0737-402603 E-mail: marco.materazzi@unicam.it Marco Materazzi Università di Camerino Scuola di Scienze Ambientali Tel: 0737-402603 E-mail: marco.materazzi@unicam.it Linea spartiacque definita Linea spartiacque non definita Bacino idrografico: porzione

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 14: Ciclo e bilancio idrologico Anno Accademico 2008-2009

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Progetto: LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Metodologia monitoraggio elementi chimico fisici,

Dettagli

il monitoraggio meteorologico ed idrologico in ambito montano

il monitoraggio meteorologico ed idrologico in ambito montano il monitoraggio meteorologico ed idrologico in ambito montano note relative ai dati misurati e prospettive future Fakultät für Naturwissenschaften Facoltà di Scienze und Technik e Tecnologie Faculty of

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile FACOLTÀ: INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile INSEGNAMENTO: Progettazioni Idrauliche NOME DOCENTE: Prof. Ing. Francesco ARISTODEMO indirizzo e-mail: francesco.aristodemo@uniecampus.it

Dettagli

La ricarica artificiale delle falde

La ricarica artificiale delle falde Gestione integrata delle risorse idriche sotterranee e ricarica artificiale delle falde CORSO di FORMAZIONE Centro Idrico di Novoledo, Via Andrea Palladio 128, Villaverla (VI) La ricarica artificiale delle

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Consiglio Nazionale dei Geologi Fino all ultima goccia Forum Nazionale sull Acqua 18 19 ottobre 2011 Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Metodologie di protezione dei

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

Impatti, mitigazione e adattamento: una scommessa globale sul clima che verrà Sulla gestione adattativa delle risorse idriche ai cambiamenti climatici

Impatti, mitigazione e adattamento: una scommessa globale sul clima che verrà Sulla gestione adattativa delle risorse idriche ai cambiamenti climatici Impatti, mitigazione e adattamento: una scommessa globale sul clima che verrà Sulla gestione adattativa delle risorse idriche ai cambiamenti climatici Michele Vurro, Ivan Portoghese e Emanuela Bruno Istituto

Dettagli

Autorità di Bacino dei Fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione

Autorità di Bacino dei Fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione LA FASCIA DI PERTINENZA FLUVIALE E IL LUOGO DOVE MASSIMAMENTE E QUOTIDIANAMENTE SI INCONTRANO UOMO E FIUME LE FASCE DI PERTINENZA FLUVIALE: STUDI PROPEDEUTICI ALL INDIVIDUAZIONE E ALLA PIANIFICAZIONE DEGLI

Dettagli

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007)

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) SETTORE RISCHIO IDRICO - CENTRO FUNZIONALE CENTRALE Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) Servizio Rischio idro-geologico,

Dettagli

AUTORITA INTERREGIONALE

AUTORITA INTERREGIONALE AUTORITA INTERREGIONALE di BACINO della BASILICATA www.adb.basilicata.it Piano di bacino stralcio del bilancio idrico e del deflusso minimo vitale RELAZIONE Collaborazione Sogesid S.p.A. Consulenza scientifica

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI Ing. Battistello Gianfranco Direttore Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta CONFERENZA ORGANIZZATIVA A.N.B.I. 2013 ALGHERO, 8-10 MAGGIO 2013 Limiti amministrativi

Dettagli

di tesi di laurea Prof. Ing. Fabio Castelli

di tesi di laurea Prof. Ing. Fabio Castelli Fig. 21 - Icnografia della chies Musei sono Civici, verificati D 1053, particolare in quella (ripresa zona. a luce Per trasmessa). questo mosintesi di tesi di laurea Università degli Studi di Firenze -

Dettagli

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione La Carta di Vocazione La Carta di Vocazione alla infiltrazione degli acquiferi costituisce uno strumento di supporto alle decisioni sia per la

Dettagli

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi Contributi ARPA Valle d Aosta - E. Cremonese, G. Filippa, F. Diotri, P. Pogliotti Fondazione CIMA - S. Gabellani e R. Rudari CNR -

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli